SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


BUON NATALE/JOYEUX NOËL/MERRY CHRISTMAS »

Immagine anteprima YouTube

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 177 »

17 DICEMBRE 2014:TODOS SOMOS ISPANO(LES)

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Crolla un altro muro:   è disgelo tra Usa e Cuba Obama:  "Todos somos americanos"  -   video

Crolla un altro muro: è disgelo tra Usa e Cuba

Obama: “Todos somos americanos”video

Barack e Raul Castro: decisiva mediazione Papa video

Riaprono ambasciate. Scambio tra un agente Usa e tre ‘spie’ cubane foto
Immagini All’Avana suonano le campane /Da viaggi a sigari, cosa cambia
Fotostoria Batista, Fidel e i missili: 50 anni di tensione – Le pagine Nyt
Repubblicani pronti a battaglia. Rep Tv Zucconi: “Resta solo la Corea” dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI e KATIA RICCARDI

REPUBBLICA TV

Raul e Obama "Papa, grazie"   

Raul e Obama,”Papa, grazie”

STUDIO OVALE

Obama al telefono con Raul Castro   
Obama al telefono con Raul Castro
LE IMMAGINI
Disgelo Usa-Cuba sui siti stranieri
Disgelo Usa-Cuba sui siti stranieri

REAZIONE:ANCHE FIDEL CASTRO APPARTIENE ALLA COMPAGNIA DI GESU,LO SAPEVATE?CHE SIA APRODATO IN CAMPO COMUNISTA E’ STATO SOLO UN CIRCOSTANZIALE AcCIDENTE DELLA STORIA,NON ERA QUELLA L’INTENZIONE DELLA RIVOLUZIONE CASTRISTA.

IL VECHIO SOGNO MAI ABANDONATO DELLA SPAGNA BORBONICA DI RECUPERARE IN QUALCHE MODO I SUOI TERRITORI DELL’AMERICA E COSI PIU VICINO:I BORBONI ALLA CORONA SPAGNOLA,BERGOGLIO AL VATICANO E FIDEL(GUEVARA)A CUBA UNA SOLA REGGIA.E ADESSO OBAMA ALLA CASA BIANCA CHE HA LEGALIZATO L’IMIGRAZIONE ISPANA E FATTO QUESTA APERTURA FACILITA LE COSE.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

APPENDICE:OBAMA HA DIMENTICATO I DIRITTI UMANI

-SU LE MONDE,Amériques:

Une « rectification historique » qui ne contente pas tout le monde

Le Monde.fr avec AFP | 17.12.2014 à 19h00 ,Mis à jour le 18.12.2014 à 04h49

« C’est une grande satisfaction » a réagi le Vatican dans un commniqué. Saluant une « décision historique », le pape François s’est réjoui de la normalisation des relations entre les Etats-Unis et Cuba, annoncée mercredi 17 décembre par les présidents des deux pays. Comme le souverain pontife, qui a joué un rôle important dans les négociations secrètes entre La Havane et Cuba, les réactions ont été nombreuses à la « suprise de décembre de Barack Obama », comme l’analyse le site américain Politico.

Suivre notre direct sur le rapprochement historique entre les Etats-Unis et Cuba

De son côté, le secrétaire général de l’ONU Ban Ki-moon a « salué chaleureusement » la décision et a offert l’aide de l’ONU aux deux pays pour « aider ces deux pays à développer leurs relations de bon voisinage », lors d’une conférence de presse. Par la voix du président vénézuélien, Nicolas Maduro, les présidents d’Amérique latine faisant partie du Mercosur – marché commun réunissant le Brésil, l’Argentine, le Venezuela, l’Uruguay et le Paraguay – ont salué une « rectification historique » après ces annonces.

A Cuba, la dissidente Yoani Sanchez a salué sur Twitter « la fin d’un ère », mais a souligné espérer que « celle qui s’ouvre sera celle de la société civile ».

En France, le président du groupe d’amitié franco-cubaine à l’Assemblée, François-Michel Lambert, s’est avoué « ému » sur l’antenne d’I-Télé après les discours historiques de Barack Obama et Raul Castro. « Je voulais vivre ça, mais je ne le voyais pas venir », a confié le député français né à Cuba.

Vidéo suggérée sur le même sujet

Rapprochement historique entre les Etats-Unis et Cuba

Le président Barack Obama a annoncé mercredi 17 décembre 2014 l’ouverture d’un “nouveau chapitre” avec Cuba, s’engageant à examiner avec le Congrès américain la levée de l’embargo imposé depuis un demi-siècle par les Etats-Unis. 01:28

VIDEO CANCELLATO

« Aujourd’hui, un nouveau mur commence à tomber », a déclaré pour sa part la chef de la diplomatie de l’Union européenne, Federica Mogherini, pour qui l’accord entre Washington et La Havane représente « une victoire du dialogue sur la confrontation ».

LES RÉPUBLICAINS AMORCENT UN BRAS-DE-FER

Mais si le président américain a conclu son discours d’un « Todos somos americanos » en espagnol, formule reprise en hashtag sur les réseaux sociaux, tous les Américains ne se réjouissent pas de la fin annoncée de l’embargo. Ainsi, le Miami Herald cite une porte-parole d’émigrés cubains ayant fui le régime castriste, laquelle se déclare « outragée » par cette annonce, soulignant que « personne n’a eu la décence de nous prévenir » et que Barack Obama n’avait pas mentionné les droits de l’homme dans son discours.

Et le sénateur Marco Rubio, candidat possible à l’investiture républicaine pour la prochaine élection présidentielle, a prévenu le président Obama que le Congrès « résisterait » à la mise en place d’une nouvelle politique envers Cuba. Estimant que la politique étrangère de M. Obama est « délibéremment ignorante » de la réalité à Cuba, le sénateur – dont les parents ont fui Cuba – a estimé que les accords annoncés étaient « fondés sur une illusion et un mensonge ».

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2014/12/17/reactions-au-nouveau-chapitre-des-relations-entre-cuba-et-les-etats-unis_4542320_3222.html#3AMlcIQlIUPLyF9p.9

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2014/12/17/reactions-au-nouveau-chapitre-des-relations-entre-cuba-et-les-etats-unis_4542320_3222.html#3AMlcIQlIUPLyF9p.99

REAZIONE:
1-SBAGLIO SE DICO CHE QUESTO ARTICOLO CONFERMA QUANTO DETTO SOPRA?QUELLO DEL TITOLO
2-I GESUITI DIVISI SIN DAI TEMPI DELLA COLONIA,DA SEMPRE QUINDI, SI SONO UNITI.
3-L’EMBARGO PERO NON SARA TOLTO.NON E’ POSSIBILE SENZA L’ASSENTIMENTO DEL CONGRESSO E IL CONGRESSO E’ REPUBBLICANO.MANCO ALCUNI DEMOCRTICI CI STANNO.
PERO……..IO CHIAMEREI ALLA PRUDENZA,NON SI SA MAI…..OBAMA AL PARLAMENTO A VOLTE LA SPUNTA.
Immagine anteprima YouTube
-

8 DICEMBRE 2014:ISRAELE CONTRO L’EUROPA
-TITOLARE LA STAMPA.
esteri
Il Parlamento Ue riconosce la Palestina
Ira d’Israele: ipocriti, ignorata la Shoah
ANSA
Votata a Bruxells una risoluzione a favore. E la Corte Ue per «motivi procedurali» toglie Hamas dai gruppi terroristici. la rabbia di Netanyahu
.
8 DICEMBRE 2014:PERO OBAMA E’ CON L’AMBIENTALISMO
-TITOLARE LE MONDE:
Barack Obama a interdit, mardi, les forages pour des installations d'extraction de gaz et de pétrole dans la Baie de Bristol, en Alaska.
Obama interdit les forages dans la baie de Bristol, en Alaska

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#VMibgGbr4oRygDki.

18 DICEMBRE 2014:NKM VS VAUQUIEZ

-TITOLARE LE FIGARO:
NKM / Laurent Wauquiez : qui va gagner la guerre des bureaux ?
FIGAROVOX/HUMEUR-André Bercoff s’étonne que NKM et Laurent Wauquiez s’écharpent sur la taille de leur bureau tandis que le pays s’effondre …
UMP:ce que révèle l’irrésistible ascension de Laurent Wauquiez
Immagine anteprima YouTube

18 DICEMBRE 2014:IL TRENO E LA PRIMA GUERRA

-TITOLARE DALLA FINE DEL MONDO
MercoPress-South Atlantic News Agency

Politics
The railway played a major part in Britain’s war effort one hundred years ago,
Moving Centenary Tribute to Capital’s Heroes of the World War One
TRADUZIONE:Politica
La ferrovia ha svolto un ruolo importante nello sforzo di guerra della Gran Bretagna di cento anni fa,Tributo agli eroi Trasferirsi della Capitale per il Centenario della Prima Guerra Mondiale
-
18 DICEMBRE 2014:INTESA USA-CUBA INIZIA MALE
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
MONTENEGRO

Traffico d’armi, arrestato l’ex deputato Fi Romagnoli Foto

L’indagine dell’agenzia antidroga Usa. L’ex parlamentare forzista accusato di vendere armi ai colombiani delle Farc

LA NOTA:PODGRICA

 Traffico d’armi, arrestato in Montenegro ex deputato Fi
Il fermo di Massimo Romagnoli su mandato di cattura della Dea, l’agenzia antidroga Usa. L’accusa di traffico di armi con le Farc e l’ipotesi estradizione. In manette 2 romeni
di Redazione Online
Le accuse sono pesantissime. Terrorismo e cospirazione finalizzata all’uccisione di cittadini americani. Reati per cui l’ex deputato italiano Massimo Romagnoli è stato arrestato a Podgrica, in Montenegro, insieme a due cittadini romeni (tra cui uno con importanti cariche nel governo di Bucarest) con l’accusa di traffico d’armi a favore delle «Forze armate rivoluzionarie colombiane» (Farc), tra i maggiori produttori ed esportatori mondiali di cocaina. Come riporta l’agenzia rumena Mediafax, ad annunciare il provvedimento giudiziario sono stati il procuratore del distretto di New York Preet Bharara e il direttore della Dea, l’agenzia anti droga statunitense, Michele Leonhart. Un’indagine che ha i contorni della spy-story. Con una iniziale «soffiata» riguardante le attività illegali dei tre. E l’impiego di tre «007» della Dea che si sono finti acquirenti per conto dei colombiani.

La possibile estradizione negli Usa

Stando a fonti giornalistiche degli Stati Uniti, il Montenegro ha avviato la pratica per l’estradizione negli Usa sia per l’ex parlamentare italiano che per i due rumeni.

shadow carousel
Massimo Romagnoli, l’ex deputato arrestatoMassimo Romagnoli, l’ex deputato arrestatoMassimo Romagnoli, l’ex deputato arrestatoMassimo Romagnoli, l’ex deputato arrestatoMassimo Romagnoli, l’ex deputato arrestato
«Armi per uccidere militari americani»

Nel corso dell’inchiesta, lunedì sono stati arrestati, sempre in Montenegro, due cittadini rumeni complici di Romagnoli. Si tratta di Cristian Vintila, 44 anni, e di Virgil Flavius Georgescu, 42 anni. Del primo si sa che ha importanti incarichi in uffici statali della Romania ed è un consigliere comunale del Spd (Partito socialdemocratico, formazione che vede tra le sue file molti ex rappresentanti del regime di Ceaucescu). Insieme a Romagnoli sono accusati di avere organizzato la vendita di un grande quantitativo di armi – tra cui cannoni anti aerei e lanciarazzi – destinato ai guerriglieri colombiani delle Farc. Le armi, si legge nell’accusa della procura newyorchese, avrebbero potuto essere usate dai guerriglieri per uccidere cittadini statunitensi in Colombia. Romagnoli, Vintila e Georgescu sono stati incastrati da una serie di intercettazioni e da tre agenti della Dea sotto copertura che si fingevano intermediari delle Farc. Romagnoli, definito «trafficante di armi con base in Europa», si era anche offerto di fornire falsi certificati europei per far risultare la vendita delle armi. I tre, se giudicati colpevoli, rischiano ora condanne fino al carcere a vita.

La carriera in Forza Italia

Imprenditore siciliano residente ad Atene, Romagnoli era stato nel 2006 capolista di Forza Italia per la ripartizione Europa (Circoscrizione Estero), poi coordinatore dei Circoli della Libertà in Europa. Tra le iniziative portate avanti nella sua esperienza da deputato, nel 2007 ci fu la presentazione di una proposta di legge sull’editoria per favorire la nascita di giornali online che avessero un legame con la comunità italiana nel mondo. Nel febbraio 2008, inoltre, presentò la Confederazione degli imprenditori italiani in Europa, per «valorizzare le attività degli imprenditori italiani residenti in Europa». Fra gli scopi dichiarati allora: «dotare il Paese di uno strumento efficace in grado di offrire alle imprese italiane che si aprono alla concorrenza globale nuove e privilegiate prospettive di partnership, grazie alle esperienze acquisite “sul campo” dai suoi associati» e, al tempo stesso, «offrire un valido sostegno alle attività istituzionali di promozione degli interessi dell’Italia all’estero». Lo scorso aprile, infine, Romagnoli è stato nominato vicepresidente «Club italiani nel mondo» nel Comitato di Presidenza di Forza Italia nella Regione Sicilia, presentato dallo stesso Silvio Berlusconi.

8 dicembre 2014 | 13:01,© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.corriere.it/cronache/14_dicembre_18/montenegro-arrestato-ex-deputato-fi-massimo-romagnoli-e80ab468-86ab-11e4-bef5-43c0549a5a23.shtml

-REAZIONE:L’INTESA USA-CUBA INIZIA MALE E BERLUSCONI PAGA I PIATTI ROTTI,E LE FARC ANNUNCIANO CESSATE IL FUOCO UNILATERALE E INDEFINITO. TUTTO SOMMATO,OCCIDENTE RINGRAZIA.

MAMMA MIA CHE PASTICCIO

-

18 DICEMBRE 2014:TRAGEDIA EUROPEA

-SU THE TELEGRAPH:

France per bloccare piano di modifica del trattato di David Cameron

Francois Hollande bloccherà richiesta di David Cameron per una modifica del trattato UE per includere un nuovo insediamento per la Gran Bretagna in Europa

Il primo ministro David Cameron

Da Bruno Waterfield,e Matthew Holehouse

07:00 GMT 18 Dicembre 2014

Offerta di David Cameron di rinegoziare rapporto della Gran Bretagna con l’Unione europea sarà inferto un duro colpo il Giovedi, quando il presidente francese dice il Primo Ministro è “ossessionato con i suoi problemi”.
Francois Hollande bloccherà richiesta di David Cameron per una modifica del trattato UE per includere un nuovo insediamento per la Gran Bretagna in Europa, The Telegraph ha appreso.

Signor Hollande dirà il primo ministro che si oppone alla modifica del trattato dell’Unione europea sulla base del fatto che il cambiamento non è necessario e potrebbe innescare un referendum in Francia.
Il presidente francese respingere il caso britannico per rinegoziazione come un prodotto di Tory scompiglio politico per l’aumento di Ukip, accusando Cameron di essere “ossessionato con i suoi problemi”.

L’avviso verrà in una riunione del vertice del Consiglio europeo di Bruxelles, dove i leader discuteranno sanzioni contro la Russia e parla di migliorare il funzionamento della zona euro il prossimo giugno.

“Il prezzo per mantenere la Gran Bretagna in Europa, continua sempre più in alto. Spetta ora al Regno Unito di decidere “, ha detto una fonte del governo francese di alto livello.

“Noi non pagheremo un prezzo supplementare per mantenere il Regno Unito in Europa.”

I diplomatici europei si aspettano Cameron per sfruttare l’occasione, se vince le elezioni inglesi il prossimo maggio, alle richieste di tabella per un “nuovo insediamento per la Gran Bretagna in Europa”.

Rinegoziazione del Primo Ministro sarà agganciata a modifiche al trattato dell’Unione europea necessarie per affrontare la crisi dell’Eurozona. Si prevede di includere un opt-out per la Gran Bretagna sul principio fondamentale di “unione sempre più stretta”.

Ma il presidente Hollande ricorderà Cameron che qualsiasi modifica del trattato sarà necessario l’accordo unanime di tutti i paesi dell’UE, tra cui la Francia.

“Non c’è dimostrazione della necessità di nuove regole e nessuna urgenza”, ha detto la fonte.

I conservatori anziani hanno reagito con furia.

Liam Fox, l’ex segretario alla difesa, ha detto che la reazione francese è stata la “altezza della stupidità” e mettendo l’intero progetto europeo a rischio, ignorando la necessità di un cambiamento del trattato di fronte alla crisi della zona euro.

“Il Primo Ministro vuole ottenere le condizioni migliori per la Gran Bretagna. Per minacciare di porre il veto modifiche al trattato, prima di sapere che cosa la modifica proposta sta per essere, è del tutto sintomatico di quanto assolutamente fuori dal mondo degli attuali leader europei sono.

“Essi ignorano la necessità di un cambiamento, e aratro su inesorabilmente verso il loro obiettivo 1950 di un’unione sempre più stretta. Se si rompono, è perché non si piega “.

Essa si presenta come un rapporto del Foreign Office pubblicato ieri ha suggerito che l’UE sia solo “a parole” per il ruolo dei parlamenti nazionali e sta aumentando la sua presa sulla vita quotidiana in Gran Bretagna, e la relazione Foreign Office ha trovato.

Il saldo finale delle competenze revisione suggerisce che l’UE è colpevole di “missione scorrimento” e impone un onere inutile per le imprese britanniche.

Il rapporto suggerisce che la legislazione dell’UE controverse come la direttiva orario di lavoro, le norme d’acqua interne, seggiolini per auto e di lavoro di agenzia deve essere gestita da Gran Bretagna.

Ad un vertice UE di giugno del prossimo anno, il signor Cameron, se nel governo, sarà chiesto di presentare proposte concrete per modifica del trattato entro l’autunno del 2015, ma diplomatici europei avvertono che capitale politica della Gran Bretagna è basso.

“Prestigio politico della Gran Bretagna in Europa è inferiore a quello che abbia mai conosciuto”, ha detto un alto diplomatico dell’UE con 30 anni di esperienza nella diplomazia europea.

“Non è stato aiutato da recente comportamento britannico sul bilancio dell’UE, che è stato ampiamente considerato come infantile.”

Dopo aver tirato indietro da una domanda di clausole di libera circolazione per essere modificato nel trattato europeo, David Cameron si intende essere chiedere un opt-out da impegno giuridicamente vincolante dell’UE di “unione sempre più stretta”.

Fonti del governo britannico hanno ammesso che, a fronte di ostilità al cambiamento del trattato, i conservatori potrebbero accettare un “protocollo” promettendo un opt-out in un momento futuro in cui i trattati dell’UE sono cambiate.

Francia si oppone a qualsiasi nuova clausola trattati permettendo Gran Bretagna, o in altri paesi, di prendere un “à la carte” approccio per l’UE, e invece vuole Bruxelles ad assumere maggiori poteri di regolamentare le tasse di business.

La Francia teme anche che un tentativo riuscito dalla Gran Bretagna di rinegoziare il trattato UE avrebbe aperto la porta a spinta della Germania per i nuovi poteri della zona euro a dettare la politica economica ai membri della moneta unica. Richieste britanniche potrebbero anche alimentare chiede francese per un referendum e diventare un centro politico per l’estrema destra Fronte Nazionale, che si batte socialisti del signor Hollande nei sondaggi presidenziali.

Marine Le Pen, leader popolare del FN, sta conducendo una campagna per un voto popolare sull’euro e all’Eliseo riguarda la Gran Bretagna permettendo di riaprire un dibattito sul trattato UE come “troppo rischioso”.

“E ‘diventato sempre più pericoloso”, ha detto la fonte francese. “Non c’è alcuna garanzia che oggi un governo francese potrebbe convincere il popolo francese.”

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/france/11300291/France-to-block-David-Camerons-treaty-change-plan.html

REAZIONE:UNA TRAGEDIA OCCORRE QUANDO DUE RAGIONE DI UGUALE VALORE MA DI SENSO CONTRARIO SONO RECONCILIABILI.SAREBBE IL CASO DI QUESTO SCONTRO GB-FRANCIA:HA RAGIONE HOLLANDE CHE CAMERON USA L’UE PER RISOVERE I SUOI PROBEMI INTERNI.MA LO STESSO VALE PER HOLLANDE CHE E’ STATO SORPASSATO ELETTORALMENTE DALL’UMP COSI COME CAMERON DALL’UKIP:SE LE INTENZIONI DI CAMERON SI PORTANNO FINO IN FONDO FORSE LA FRANCIA RIMARRA FUORI DELL’UNIONE,LO STESSO CHE SUCCEDERA A CAMERON SE HOLLANDE NON PERMETTE CAMBIAMENTI DEL TRATTATO.

IL TEMPO E’ CRUDELMENTE TIRANNO:SAREBBE UTILE NON IMPICCIARSI IN QUESTI DISCUSSIONI E ASPETTARE L’ANNO PROSSIMO PERCHE NE CAMERON NE HOLLANDE SARANNO RIELETTI.

LA MERCKEL?GIA SE NE AVREBBE DOVUTO ANDARE,ALLO STESSO MODO DI CAMERON. SE ABBIAMO L’UE EUROPEA CHE ABBIAMO E’ PER LA MANCANZA DI SPIRITO DEMOCRATICO NEL SUO SENO E LA MANCANZA DI OBIETTIVI TRASCENDENTI:NON SI PUO CHIAMARE UNIONE EUROPEA AD UNA SEMPLICE UNIONE ECONOMICO-MONETARIA,CI VUOLE BEN ALTRO.

SAREBBE UTILE UN REFERNDUM IN FRANCIA,MA L’UE NON SOPRAVIVERA A NESSUNA NUOVA ISTANZA ELETTORALE DELLA SUA COSTITUZIONE E COMPOSIZIONE NE IN FANCIA NE IN NESSUN ALTRO PAESE.L’UNIONE EUROPEANON E’ POPOLARE IN EUROPA.SONO CON L’UPIK,MEGLIO NON ESSISTA UNIONE EUROPEA.
LE SANZIONI ALLA RUSSIA?LA NUOVA ERA E’ FAVOREVOLE.
IL CONGRESSO REPUBBLICANO USA VUOLE DARE ANCHE SOSTEGNO MILITARE A KIEV,LA NUOVA ERA NON CI STA.SONO NEOLIBERALI GOLPISTI MA….PUTIN E OBAMA SI LO STANNO MERITANDO.STANNO PRESSIONANDO LE REPUBBLICHE LIBERATI DI DONESTK E LUGHANS.SE QUESTI DOVREBBERO ESSERE UNITI A KIEV ANCHE SOTTO LO STATUS DI AUTONOMIE,LA NUOVA ERA PRESCINDERA DELL’UKRANIA.IL SUO MERCATO NON E’ NECESSARIO PER IL PONTE ASIATICO.
-
8 DICEMBRE 2014:VITTORIA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
L’annuncio di Napolitano video
“Imminente la fine del mio mandato”

Sul premier: “Coraggioso il suo sforzo per correggere antichi mali italiani”

Foto Il ricevimento al Quirinaledi MARCO DELOGU

REAZIONE:E METTERCI QUELLI NUOVI?

-

19 DICEMBRE 2014:SENZA FIDUCIA CADDRA

-SU THE HUFFINGTON POST:

Legge Stabilità, maxiemendamento ritarda ancora. Manca la bollinatura della Ragioneria. Protestano le opposizioni

L’Huffington Post
Pubblicato: 19/12/2014 17:35 CET Aggiornato: 41 minuti fa

MATTEO RENZI

Slitta ancora la questione di fiducia sulla legge di stabilità. Il maxiemendamento del Governo era atteso per il tardo di pomeriggio di ieri, poi per le 11, quindi per le 15, infine per le 17 e ora al più presto, forse alle 18.30.

L’impasse del governo diventa palese. Il vice ministro all’Economia, Enrico Morando, con qualche imbarazzo, ha spiegato che c’è il testo ma manca la ‘bollinatura’ della Ragioneria dello Stato. La copertura delle nuove norme non è quindi ancora chiara. Morando, tra le proteste delle opposizioni, ha fatto presente di non essere in grado “a differenza di quello che credevo, di prendere un impegno preciso. So che c’è il testo definito, ma manca la relazione tecnica. Posso chiedere al Governo che venga depositato, per portarlo a conoscenza dei senatori, impegnandosi per una precisa ora alla deposizione della relazione tecnica”. La vice presidente di turno dell’assemblea, Linda Lanzillotta, ha risposto che “non è tecnicamente possibile”. Ha proposto quindi di sospendere l’aula fino alle 18.30. Lega, M5S e Sel stanno sottolineando l’irritualità della situazione.

Renato Brunetta ha commentato dicendo che sulla legge di Stabilità il governo è “nel caos, in stato confusionale, dilettanti allo sbaraglio. Per di più arroganti. Al Senato il maxiemendamento del governo è ancora un fantasma, in attesa del parere della Ragioneria generale dello stato. E la ragione sono le solite mance clientelari. Se va avanti così si rischia l’esercizio provvisorio. Che, visti i testi che girano in queste ore, non sarebbe neanche un male”

“Ci risiamo, il Governo è nel pallone” sottolineano i senatori del Movimento 5 Stelle, evidenziando che il Governo “prima toglie al Parlamento la possibilità di discutere in Commissione la legge fondamentale per i conti dello Stato, poi porta in aula un testo senza il mandato al relatore e ora non riesce nemmeno a farci avere il testo del maxiemendamento. Il motivo – aggiungono in una nota – lo conosciamo: in questi giorni i corridoi del Senato erano affollati da lobbisti intenti a far infilare nella legge di stabilità norme clientelari e a vantaggio di singoli invece che della collettività. Ora il Governo evidentemente non riesce a far quadrare i conti e non sa come uscirne”.

Per Sel, “la legge di Stabilità è un vero mistero: non sappiamo ancora se conterrà o meno il lavoro fatto in commissione Bilancio e intanto continuiamo a perdere tempo prezioso, perché il maxiemendamento tarda ad arrivare”.

http://www.huffingtonpost.it/2014/12/19/legge-stabilita-maxiemendamento_n_6354980.html?1419006936&utm_hp_ref=italy

-APPENDICE:TITOLARE SULLA STESSA PUBBLICAZIONE:

“CARO SILVIO, NON MI ISCRIVO A FORZA MATTEO” Dura lettera di Fitto a Berlusconi

REAZIONE:A “FORZA FARC” VORREBBE DIRE?

Immagine anteprima YouTube

UN ANEDDOTO PERSONALE:COME TUTTI SANNO HO VISSUTO DAI 5 AI 30 ANNI IN SUDAMERICA,URUGUYAY.IN QUEL PAESE E IN ARGENTINA “CHE” E” UN APELLATIVO USATO QUOTIDIANAMENTE PER RIFERIRSI ALLA GENTE:”CHE” DAMMI SCOLTO” AD ESSEMPIO,”CHE” DI CUA “CHE” DI LA TUTTI AD OGNI MOMENTO LO DICONO.IO DA BAMBINO A GIOCO CON I MIEI COMPGNANI DEL POSTO NON POTEVO EVITARE IL CONTAGIO.MA MIO PADRE CHE A CASA NO PERMETTEVA QUESTA “INTIMITA” FORSE IRRIPETUOSA DELLA LINGUA POPOLARE AUTOTTONA LA VOLTA CHE L’HO DETTO A LUI MI SCHIAFEGGIO E MI MISSE IN PENITENZA.NATURALMENTE DA BAMBINO MI ARRABAI MA POI HO CAPITO E RINGRAZIATO  LA SEVERA DISCIPLINA EUROPEA CON QUI  MI HA EDUCATO.E DA GRANDE GLIELA RINGRAZIO. NATURALMENTE.

-

APPENDICE 2:ANCORA,INVESTIMENTI EUROPEI?

-SU THE HUFFINGTON POST:

Angela Mauro Diventa fan angela.mauro@huffingtonpost.it
Consiglio Ue. Matteo Renzi incassa il sì al piano Juncker, ma Merkel lo annacqua ottenendo una modifica al testo…
Pubblicato: 18/12/2014 22:14 CET Aggiornato: 18/12/2014 22:27 CET

RENZI MERKEL

Angela Mauro Diventa fan angela.mauro@huffingtonpost.it

Il Consiglio Europeo di Bruxelles, l’ultimo della presidenza italiana dell’Ue, dice sì al piano Juncker di investimenti per aiutare la crescita. Ma il piano esce dalla riunione a Palazzo Justus Lipsius annacquato. La prima è una notizia positiva per il premier Matteo Renzi, che incassa l’endorsement del Consiglio alla prima operazione di spesa anti-crisi messa in moto dalla Commissione Europea. La seconda non è del tutto positiva. Perché quell’annacquamento del piano è frutto della resistenza di Angela Merkel, ferma nel dire no alla richiesta italiana (e degli altri paesi in difficoltà) che gli investimenti degli Stati siano scorporati dal Patto di Stabilità. Lì, al primo Consiglio Europeo presieduto da Donald Tusk, la Cancelliera ha puntato i piedi: ha chiesto che il testo del piano Juncker fosse cambiato con una semplice ma significativa riga che rimanda alla flessibilità insita nelle regole esistenti. Renzi non avrebbe voluto modifiche di sorta. Ma la lettura italiana è che quello raggiunto oggi a Bruxelles è un compromesso accettabile perché lascia ancora margini di incertezza sul piano Juncker. I nodi verranno al pettine a partire da gennaio.

Per tradurre: la leader tedesca ha di fatto anticipato le prossime mosse del governo italiano interessato a chiedere che tutti gli investimenti pubblici, non solo quelli che andranno a irrorare il piano Juncker, siano scomputati dai calcoli su deficit e debito. Una richiesta che allude alla modifica dei trattati, anche se non viene posta in questi termini, per lo meno non da subito.

Quello della Merkel è un primo stop alla richiesta di ‘neutralità’ degli investimenti pubblici. E per di più arriva prima del tempo. Prima cioè che l’Italia ponga esplicitamente il problema della cosiddetta ‘golden rule’, vale a dire quella ‘regola d’oro’ che consentirebbe a tutte le risorse pubbliche – destinate a infrastrutture e progetti di ricerca in materia di ambiente, trasporti e altro – di essere scorporate dal Patto di stabilità e crescita, a prescindere dal piano Juncker. Si tratta di una richiesta importante, “ce ne rendiamo conto ma la crisi obbliga tutti a viaggiare in questa direzione”, dice all’Huffpost il capogruppo del Pse a Strasburgo, Gianni Pittella, che ha incontrato Renzi a Bruxelles nel pomeriggio, al vertice socialista prima del Consiglio Ue. In effetti, l’ambizione italiana rasenta la richiesta di rivedere la nota regola del 3 per cento del rapporto tra deficit e pil, stabilita dal Trattato di Maastricht. Anche se il governo di Roma non pone la questione in questi termini, insistendo che si possono interpretare i trattati con maglie più larghe che aiutino la ripresa economica.

Oggi i 28 capi di Stato e di governo non sono scesi nel dettaglio della governance del piano Juncker. Tutto è rimandato al vertice straordinario di febbraio, come annuncia il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi. A gennaio, la commissione Ue dovrebbe sfornare la sua proposta in materia di flessibilità e l’Italia vorrebbe che la neutralità dei fondi fosse inserita già in questo testo. Ma la modifica chiesta e ottenuta oggi dalla Merkel sul piano Juncker è destinata a pesare nelle trattative future e a frenare le aspirazioni italiane. Lo stesso presidente Juncker spiega ai microfoni di Sky le intenzioni della sua commissione: “I contributi nazionali al fondo saranno neutri rispetto al Patto di Stabilità”. Chiaro, altrimenti i singoli Stati non avrebbero interesse a metterci i soldi e il fondo, ora fermo a una ventina di miliardi di euro, non potrebbe mai raggiungere l’obiettivo dei 315 miliardi di euro prospettati in partenza. Juncker infatti fa l’esempio: “Se l’Italia contribuirà al fondo, questi contributi non saranno presi in conto quando valuteremo la situazione delle finanze italiane”. Poi però rimarca: “Per i conti pubblici il trattamento è diverso perché il Patto di Stabilità non permette lo stesso trattamento del finanziamento del fondo istituito dalla Commissione Ue”. Dunque, nessuna neutralità per gli investimenti pubblici che non finiscano nel fondo comune.

E magari sarà per questa cornice, non proprio rosea per Roma, che Juncker nella stessa intervista a Sky esprime “fiducia” nella capacità italiana di portare avanti le riforme. “Quello che abbiamo fatto per Francia e Italia, dando più tempo visto le difficoltà a sistemare le cose nelle scadenze previste, è un segno di fiducia e quando un governo mi scrive che farà delle riforme strutturali io gli credo. Quindi sì, ho fiducia nel governo Renzi”, sono le parole di Juncker. Il premier italiano non si dà per vinto. E’ convinto che “la crisi economica ancora in corso spinga tutti in una direzione di maggiore flessibilità”. Ma il semestre italiano di presidenza Ue si conclude con un piano di investimenti europei ancora fumoso e con all’orizzonte le prime avvisaglie di scontro con Merkel e i suoi alleati in Europa. “Non si poteva risolvere tutto in sei mesi…”, lo consola Juncker. Renzi torna a casa con la convinzione che la battaglia è soltanto iniziata ed è ancora prematuro stabilire vinti e vincitori della lotta tra rigore e flessibilità.

http://www.huffingtonpost.it/2014/12/18/matteo-renzi-consiglio-ue_n_6349556.html?1418937265&utm_hp_ref=italy

REAZIONE:PIANO JUNCKER,INVESTIMETI IN ITALIA?ASPETTATE,MA……..VI CONSIGLIO STARE SEDUTI:FORSE A GENNAIO “NON C’E’ NE” E LA COSA E’ GONFIATA.E LA NUOVA ERA NON CI STA IN ITALIA.

.-

19 DICEMBRE 2014:IL FUMO CONTAGIA

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Disgelo Cuba-Usa, Obama
ne approfitta e annusa
un sigaro cubano Video

È accaduto la sera dell’annuncio della svolta nei rapporti tra l’Avana e Washington

-E COSI SU LA STAMPA:

esteri
L’Avana, feste e accuse di tradimento
E New York adesso sogna il sigaro libero
paolo mastrolilli e gianni riotta
L’euforia a metà della capitale cubana dopo l’accordo
archivio la stampa   I 50 anni di tensioni  /  FOTO  Le prime pagine

REAZIONE:ATTENTI A FUMARE,NUOCERA LA RAGAZZA.OGGI LA SCIENZA ACETTA IL CONTAGIO,LE COSE CAMBIANO.

ANCHE IL VETERINARIO DEL MIO GATTINO MI HA RIMPROVERATO DOPO CHE SI HA PRESO L’ALLERGIA AL MIO FUMO:NON FUMO PIU NELLA SUA STANZA.E NE MENO ACCENDO LO SPIRAGILO FUMOSO PER MOSCHE E ZANZARE.ANCHE IL “e-FUMO” DELL’ANTI MOSCHE ELETTRONICO.

Immagine anteprima YouTube

-

20 DICEMBRE 2014:RENZI,NON INCROCIARE IL FIUME PRIMA DI ARRIVARE AL PONTE,NIENTE FUTURISMI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 176 »

15 dicembre 2014
0

15 DICEMBRE 2014:IO,GOOGLE NEWS E LA SPAGNA

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Stampa spagnola sparisce da Google News a livello globale.

In questo 17 aprile 2007, file di foto, espositori lavorano su computer portatili di fronte ad un logo Google illuminato alla fiera industriale di Hannover Messe in Hannover,Germania. Google ha detto Giovedi, Dec. 11 2014, si spegnerà il suo Google..more

Per Alan Clendenning-Associated Press-Giovedi,Decembre 11,2014

MADRID (AP)-In una decisione che si riverbera in tutto il mondo, Google ha annunciato Giovedi che chiuderà Google News Spagna e il blocco comprende gli editori spagnoli  in più di 70 edizioni internazionali di Google News a causa di una nuova legge spagnola che richiede agli aggregatori di pagare i contenuti in collegamento.

Google News Spagna si spegne il 16 dicembre,diverse settimane prima che una nuova legge sulla proprietà intellettuale spagnola  habbia effetto il 1 gennaio, richiedendo di pagare gli  editori di notizie.

Ciò significa che le persone in America Latina in Messico o altrove,dove le organizzazioni di notizie spagnoli hanno cercato di incrementare il loro pubblico, non vedranno notizie dalla Spagna via Google News.

Anche impostati a scomparire sono le segnalazioni in inglese delle case editrici spagnole come El Pais principale quotidiano di Madrid.Le persone che utilizzano il motore di ricerca standard di Google nella Spagna e in qualsiasi altro luogo in tutto il mondo saranno ancora in grado di trovare articoli sulle propre pubblicazioni spagnole, perché la legge si applica solo a aggregatori e non agli individui che fanno le loro ricerche al di fuori di Google News .La decisione da parte di Google Inc. è il primo arresto da quando Google News ha debuttato come un progetto sperimentale nel 2002.Richard Gingras, responsabile di Google News ha detto che la decisione è stata presa “con vera tristezza” perché Google News è “un servizio che centinaia di milioni di utenti amano e hanno fiducia, tra cui molti qui in Spagna . “Associazione AEDE di Spagna, che rappresenta grandi editori di notizie, aveva fatto pressioni perche la legge soprannominata ” Google Tax ” ma si sono rifiutati di commentare Giovedi. Un portavoce di El Pais ha detto che il giornale non ha intenzione di commentare sull’azione degli editori riguardo a  Google,e altri tre grandi gruppi di giornali spagnoli hanno anche rifiutato di commentare o non ha risposto alle richieste di commento.Ma il Minstero di Cultura della Spagna hanno catalogato la mossa come una decisione leggitim di business. Il ministero ha anche detto che la legge non si applica agli individui e protegge la proprietà intellettuale di pubblicazioni che spendono soldi per creare contenuti, senza ostacolare la libertà di informazione.La nuova legge non ha specificato quanto gli editori dovrebbe essere pagati da Google o da altri aggregatori, ma la società ha detto che la legge della Spagna è molto più restrittiva di normative simile emanati altrove, in quanto impone pagamenti, anche se gli editori non li vogliono perché ottengono piu traffico tramite Google News.”Questa nuova legge richiede che ad ogni pubblicazione spagnola si deva  addebitare per parte di servizi come Google News per mostrare anche il più piccolo frammento delle loro pubblicazioni,lo vogliano o no, “Gingras ha scritto in un blog. “Come Google News si fa senza soldi (noi non mostriamo alcuna pubblicità sul sito) questo nuovo approccio semplicemente non e’ sostenibile. “Google News ha infastidito largamente gli editori di giornali e di altri fornitori di contenuti, i quali sostengono che il servizio calpesta i diritti d’autore per la creazione di un chiosco digitale di titoli e frammenti di storia raccolti da altri siti web. La maggior parte critica ha paragonato Google ad un pirataggio, ma ci sono stati tentativi di forzare la società a cambiare i suoi modi attraverso i tribunali.Google mantiene,obbedisce alle leggi sul copyright durante l’invio di più persone a siti evidenziati nei suoi servizi News. L’azienda permette inoltre agli editori di evitare che il materiale venga visualizzato in Google News,una opzione pero che alcuni siti web scelgono perché il servizio è una fonte di traffico importante per vendere annunci.Alejandro Tourino, un avvocato basato a Madrid specializzato in questioni dei media e che ha lavorato per The Associated Press su diversi casi legali, ha detto che gli editori di notizie spagnole che possono “si sono sparati fuori dal mercato. Il tempo lo dirà. “Dopo che la Germania ha rivisto le sue leggi sul copyright lo scorso anno per permettere – ma non forzare – a Google News a effettuare pagamenti di canoni, Google ha  richiesto agli  editori da lì di dare il loro consenso per riassumere i contenuti. La maggior parte lo ha fatto.Google l’anno scorso ha accettato di aiutare le organizzazioni di notizie Francesi DI incrementare gli introiti pubblicitari on-line e finanziare le innovazioni di editoria digitale per risolvere una disputa su se la società dovrebbe pagare per i contenuti di notizie nei suoi risultati di ricerca.
L’agenzia di stampa francese Agence France Presse ha citato in giudizio Google per violazione del copyright, nel 2005, una mossa che culminò con Google accettando un accordo di licenza con AFP per una cifra non specificata. L’Associated Press, un altro critico delle tactiche di Google News , ha raggiunto un accordo di licenza con Google nel 2006.Ora Google non ha più licenze di materiale da AFP, AP o qualsiasi altro servizio di notizie.Google ha dovuto rispondere a una sentenza di quest’anno dalla corte più alta d’Europa, il quale ha deciso che gli europei hanno il diritto di fregare informazioni poco lusinghieri o non aggiornate dal motore di ricerca di Google che si vedono in una ricerca dei loro nomi. Questo caso è iniziato in Spagna .Con la nuova regola di”diritto all’oblio”, la società a settembre aveva ricevuto oltre 120.000 richieste per abbattere 457.000 collegamenti. Google non ha detto al momento di come erano state approvate molte richieste.
Associated Press scrittore Michael Liedtke a San Francisco contribuito a questo rapporto.

http://www.washingtontimes.com/news/2014/dec/11/spanish-news-to-vanish-from-google-news-globally/

REAZIONE:IL BUCO CHE SI HA AUTOINFLITTO LA SPAGNA DOPO QUESTA DECISIONE DI GOOGLE E’ ENORME.VEDI,NELL’ANNO 2005 E 2006 QUANDO PER MOTIVI DI FORZA MAGGIORE HO DOVUTO DECIDERE DI PUBBLICARE LA MIA OPERA SCRITTA SUL WEB ANZI CHE ATTINGERE ALL’EDITORIALI,NON SI CONOSCEVA GOOGLE NEWS(A QUANTO DICE LA NOTA ERA SOLO SPERIMENTALE ANCORA)E INTERNET STESSA ERA IN PANNOLINI.PER FARE ARRIVARE LA MIA OPERA AI GESTORI SCIENTIFICI E CULTURALI DEL MONDO(GIORNALI PRINCIPALMENTE ,MA ANCHE ISTITUTI CULTURALI,UNIVERSITA,MINISTERI DI SCIENZA E CULTURA,ORGANISMI SCIENTIFICI INTERNAZIONALI COME UE,OMS,OPS,E PERFINO L’ONU,HO INIZIATO UN INTENSO,LUNGO E FATICOSISSIMO LAVAORO.SOLO CON LA RICERCA DEL MOTORE HO DOVUTO PROVARE A TROVARE PAESE PER PAESE TUTTI  GLI INDIRIZZI UTILI.E’ STATO UN LAVORO DI FORMICA CHE HO SVOLTO CON PAZIENZA E TRASPIRAZIONE.(QUESTO HA DATO LUOGO ALLA PRIMA RETE.CIO’E’ AL PRIMO SOCIAL NETWORK CHE DOPO HA ISPIRATO TUTTE QUELLI CHE CONOSCETE OGGI COMMINCIANDO PER TWEETER)MA SE AVESSI AVUTO A PORTATA DI MANO UN SERVIZIO COME GOOGLE NEWS TUTTO SREBBE SATO SEMPLICE E FACILE MA ALLORA NON C’ERA E ANCHE IL WEB NON AVEVA LO SVIPUPPO CHE HA OGGI.QUINDI IMMAGINATEVI  LA FATICA CHE DOVRA FARE UN QUALSIASI UTENTI PER ARRIVARE ALLA SPAGNA SENZA GOOGLE NEWS E ALTRI AGREGATORI.CERTAMENTE LA PRESENZA DELLA SPAGNA A LIVELLO GLOBALE SI VERA PROFONDAMENTE AFETTATA E I SUOI EDITORI E AUTORI SENZA DUBBIO SOFRIRANNO UN ARRESTO CONSEDERVOLE.
PENSATE SOLO ALL’AMERICA LATINA:LI LA SPAGNA NON E’ UN PAESE MOLTO GRADITO MALGRADO LA LINGUA,E LA PRESENZA CHE GOOGLE LI PERMETTEVA TRAMITE QUESTO SERVIZZIO LI SARA INSOSTITUIBILE. CERTO OGNI ATTIVITA UMANA HA I SUOI INCONVENIENTI E COSI COME GLI AGGREGATORI LI PERMETTEVANO A EDITORI E AUTORI SPAGNOLI UNA MAGGIORE PRESENZA ANDAVANO OVVIAMENTE ALL’INCONTRO DI SFIDE E CONCORRENZE,PER QUESTO RISULTA OVVIO CHE LA SPAGNA NON HA ANCORA ISTAURATO UN PIENO ESSERCIZZIO DELLA DEMOCRAZIA E ACETTAZIONE DELLE REGOLE DEL LIBERO MERCATO E LA GLOBALITA.NON DUBBITATELO CHE CIO CHE C’E’ DIETRO DI QUESTA LEGGE E’ LIMITARE LA LIBERTA DI ESPRESSIONE,SOPRATUTTO PER QUANTO RIGUARDA ALLA NUOVA ERA E LA DIFUSIONE DEI SUOI CONCETTI E VISIONE DEL MONDO DOVE QUESTO PAESE HA SVOLTO UN SUDICO E INTOLLERABILE ESSERCIZIO DI VERO PIRATAGGIO.INACETTABILE ANCHE BLANDIRE IL DIRITTO DI AUTORE,L’HO GIA SPIEGATO.

PD:NON CONDIVIDO NE ANCHE LA NUOVA REGOLA DEL “DIRITTO ALL’OBLIO”.IL DIRITTO ALL’OBLIO E’ SOLO UNA VARIANTE,UN ALTRO ESSEMPIO DEL BAVAGLIO ALLA LIBERTA DI ESPRESSIONE CHE GLI E’ STATA IMPOSTA A GOOGLE,INDIRIZZATA PIU CHE ALTRO AL MANTENIMENTO PUBBLICO DELLE PAGINE CACHE DEI SITI,BLOG E INTERNAUTI OSCURATI DALL’INTOLERANZA RELIGIOSA E POLITICA GLOBALE,E PORTA NOME E COGNOME:OSCURARE LA NUOVA ERA.VIA QUELLA DECISIONE DEL LEADER DELLE TELECOMUNICAZIONI DELLA NUOVA ERA,CI RIPENSI.

-

16 DICEMBRE 2014:BERLUSCONI NON METTA IL BAVAGLIO ALLA GIUSTIZIA

-LA REPUBBLICA:

Il Csm assolve Esposito per l’intervista sulla condanna a Berlusconi

Il Csm assolve Esposito per l'intervista sulla condanna a Berlusconi

Il giudice Esposito il giorno della lettura della sentenza

Il giudice aveva parlato con un giornalista prima del deposito delle motivazioni della sentenza. Ora la sezione disciplinare lo ha assolto “per essere risultati esclusi gli addebiti”

ROMA-La sezione disciplinare del Csm ha assolto il giudice Antonio Esposito,presidente del collegio che ha condannato in via definitiva Silvio Berlusconi al processo Mediaset, dall’accusa di aver violato il dovere del riserbo per un’intervista concessa prima del deposito delle motivazioni della sentenza. La camera di consiglio è durata oltre tre ore.L’assoluzione è arrivata “per essere risultati esclusi gli addebiti”. Per capire a fondo le ragioni della decisione – che è impugnabile davanti alle Sezioni unite civili della Cassazione – bisognerà attendere il deposito delle motivazioni.Il procedimento era relativo all’intervista rilasciata al quotidiano ‘Il Mattino’ nei giorni successivi alla sentenza di condanna pronunciata il 1* agosto 2013 a carico dell’ex premier Silvio Berlusconi nell’ambito del processo Mediaset. Esposito, che aveva presieduto il collegio della sezione feriale, aveva rilasciato l’intervista qualche giorno dopo la lettura del dispositivo ma prima del deposito delle motivazioni della sentenza.

Il giudice accusò subito il giornale – contro il quale ha intentato una causa civile – di aver manipolato l’intervista. Una tesi che ha ribadito durante il processo disciplinare (e la cui fondatezza è stata riconosciuta dalla stessa Procura generale della Cassazione) spiegando di non aver “mai parlato degli esiti del processo Mediaset”, ma che al testo venne aggiunta una domanda su quel procedimento che in realtà non gli era mai stata formulata.

VIDEO(CANCELLATO)

Nella sua autodifesa Esposito ha spiegato che, se parlò effettivamente con il giornalista delle ragioni per cui il processo sul leader di Forza Italia era stato assegnato alla sezione feriale della Cassazione e fissato per il 30 luglio, fu perché ritenne suo “dovere ristabilire la verità”, dopo aver subito “il più infame linciaggio mediatico della storia”, con l’accusa esplicita di “aver emesso un provvedimento anomalo con lo scopo di colpire Berlusconi”. Esposito ha poi escluso di aver lui stesso sollecitato l’intervista: “Non avevo alcun motivo di farmi pubblicità attraverso un giornale a bassa tiratura, quando il mio nome era apparso su tutti i giornali italiani e stranieri e io avevo rifiutato di dare un’intervista alla Cnn”.
VIDEO/La lettura della sentenza di condanna

Il rappresentante della procura generale della Cassazione, Ignazio Juan Patrone, che aveva chiesto per Esposito la sanzione della censura, aveva invece sostenuto che il magistrato era comunque venuto meno al dovere del riserbo, “sollecitando lui stesso la pubblicità di notizie sulla propria attività e sul processo appena trattato” e non ancora concluso, visto che non erano state depositate le motivazioni. Il comportamento di Esposito, aveva sostenuto nella sua requisitoria, è stato “gravemente scorretto” nei confronti dei colleghi del collegio, anche perché aver scelto un “canale personale privilegiato” per le sue esternazioni, “senza informare nessuno”.

“Nessuno nega che c’erano stati titoli odiosi su alcuni giornali ed erano state fatte considerazioni sgradevoli su Esposito”, aveva ammesso Patrone, ma la strada non può essere in questi casi quella dell’autodifesa. Esposito si sarebbe dovuto comportare come hanno fatto “decine di magistrati che, oggetto di accuse gravi, hanno affidato la loro tutela alle sedi deputate, il Csm e l’Associazione nazionale magistrati”.

-
http://www.repubblica.it/politica/2014/12/15/news/il_csm_assolve_esposito_per_l_intervista_sulla_condanna_a_berlusconi-102987189/?ref=HRER1-1
-
REAZIONE:CI MANCHEREBBE ALTRO
-

6 DICEMBRE 2014.BASTA DI MARO,SONO TRADITORI
-TITOLARE LA STAMPA:
esteri
L’India dice no alle richieste dei marò
L’ira di Napolitano: “Forte contrarietà”
La sorella di Latorre: “Massimiliano sta male”
Intervista – Armellini: “Negoziare nell’ombra”
grazia longo e francesca sforza
La Corte Suprema rigetta le istanze dei due fucilieri
ANSA

la scheda  Dagli spari in mare all’arresto: le tappe della vicenda

LA NOTA COMPLETA CUA:
http://www.lastampa.it/2014/12/16/esteri/mar-no-della-corte-suprema-indiana-al-natale-a-casa-e-al-prolungamento-delle-cure-iRp52Ht3GJGZl60cHSjDPP/pagina.html
-
-E COSI SUL CORRIERE:
-

Marò, nuovo no dell’India |Foto
Napolitano: forte contrarietà
Latorre, la delusione della moglie

Latorre deve lasciare l’Italia, Girone non potrà tornare a casa per le feste di Natale

LA FOTOSTORIA Solidarietà di FI alla Camera VIDEO
Buonanno (Lega) interrompe Juncker ed espone bandiera pro Marò
La delusione della compagna di Latorre: «Per noi sarà un Natale amaro»

REAZIONE:BASTA CON DARE RIALZO STAMPA A QUESTA VICENDA,QUESTI UOMINI NON SONO DELLE VITTIME MA DEI TRADITORI ALLA PATRIA CHE STANNO INFANGANDO GLI ITALIANI:L’ITALIA NON DEVE ESSERE UN PAESE TERRORISTA.E SE COME LORO HANNO FATTO CAPIRE ATTUAVANO CON ORDINE DALL’ALTO FACCIANO I NOMI.
L’INDIA NON E’ UN PAESE ULTRANAZIONALISTA,UNA DONNA ITALIANA FA PARTE DELLE ALTE SFERE DEL POTERE.L’ITALIA NON HA NIENTE DA PERDERE SE GLI INDIANI FANNO GIUSTIZIA,ANZI,NO A FALSI ORGOGLI,NO AI MOLIERE ITALIANI.

16 DICEMBRE 2014:ALTRO CHE BARBONI

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Wall Street Italia

Famiglie italiane:nonostante la crisi,ricchezza tiene

Secondo il bollettino di Bankitalia, il ricchezza reale sarebbe sceso “solo” dell’8% dal 2007. Un crollo di 123 miliardi dovuto alla svalutazione delle case. Nello stesso periodo reddito netto degli americani giù del 40%. Bankitalia: la ricchezza delle famiglie

REAZIONE:C’E’ CHE HA SPARLATO DI AIUTI AI BARBONI………………,IN ITALIA MAI VISTO UNO,QUELLO DEL TITOLO.

-

16 DICEMBRE 2014:AUSTRALIA,TERRORISTA DELLO STATO ISLAMICO NON ESTRADITATO A IRAN

-TITOLARE BBC:News

Sydney gunman was ‘wanted in Iran”

Haron Monis the Sydney siege gunman before his trial in australia on 18 April 2011
Iran says it requested 14 years ago the extradition of Haron Monis, the gunman behind the Sydney siege, but Australia refused to hand him over.

TRADUZIONE:News
Haron Monis l’ssasino delll’assedio di Sydney prima del processo in Australia il 18 aprile 2011
Lo sparatore di Sydney era ‘ricercato in Iran’
Iran dice che ha chiesto 14 anni fa l’estradizione di Haron Monis, il killer dietro l’assedio di Sydney, ma l’Australia ha rifiutato di consegnarlo.

-

16 DICEMBRE 2014.LA SPAGNA OSCURATA

-SU LA REPUBBLICA:

Niente trattativa, Google news chiude in Spagna

E’ calato il sipario sul servizio di link del motore di ricerca di Mountain View. Che reagisce così alla legge che fa pagare i diritti sulla pubblicazione degli articoli. Vano il tentativo degli editori di aprire un negoziato

Niente trattativa, Google news chiude in Spagna

(ap)

ROMA – L’appello degli editori spagnoli al governo non ha avuto effetto. Google News ha chiuso il suo flusso di notizie in Sapagna, come annunciato. “Siamo dispiaciuti di doverti informare che Google News ha chiuso in Spagna e che, in seguito ai recenti cambi nella legislazione spagnola, le pubblicazioni degli editori spagnoli non compaiono piu’ in ‘Google noticias’”.

Gli effetti della guerra tra Google e il mondo dell’editoria spagnola sono da oggi ben visibili nella pagina internet che gli utenti consultavano per conoscere le ultime notizie della rete, in castigliano. Pietra dello scandalo, una legge di recente approvata dal Parlamento spagnolo sul copyright che, tra le altre norme, obbliga i motori di ricerca a pagare ai giornali una quota per la pubblicazione di loro articoli, anche se solo mostrati “in anteprima”.

Niente trattativa, Google news chiude in Spagna

“Dal momento che Google news è un servizio che non produce guadagni (non c’è pubblicità nella pagina web), questa nuova impostazione risulta semplicemente insostenibile”, si legge ancora nella pagina che da oggi campeggia all’indirizzo news.google.es. “Google news – recita la nota – e’ un servizio gratuito usato e apprezzato da milioni di utenti in tutto il mondo e che ad oggi e’ disponibilie in 70 edizioni internazionali e 35 lingue”. I piu’ smaliziati potranno comunque accedere alle notizie di parte della stampa spagnola dalle pagine di Google news allestite in molti i paesi di lingua spagnola.

Un braccio di ferro analogo si era consumato nei mesi scorsi in Germania. Poi Axel Springer (che conta su siti noti come di bild.de, welt.de, computerbild.de, sportbild.de e autobild.de) aveva fatto marcia indietro sulla decisione di non permettere a Google di mostrare anteprime degli articoli dei suoi giornali. Il motivo? Crollo del traffico sui propri siti.

http://www.repubblica.it/tecnologia/2014/12/16/news/google_spegne_le_news_in_spagna-103023295/?ref=HREC1-32

-

17 DICEMBRE 2014:SI BLINDI A SE STESSO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Napolitano blinda il governo video

“Resto fino a metà gennaiovideo

La corsa del premier sull’Italicumdi F. BEI

FotoLe immagini del ricevimentodi M. DELOGU

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 175 »

12 dicembre 2014
0

12 DICEMBRE 2014:PAPATO IPOCRITA E INOLTRE SCADENTE

-TITOLARE LA STAMPA:


società
Effetto low cost del Papa
In crisi le sartorie di lusso
Dai viaggi all’abbigliamento,
il decalogo della sobrietà
GIACOMO GALEAZZI
Dopo l’arrivo di Bergoglio invenduti gli abiti extralusso.
+  @Pontifex compie 2 anni: 17 milioni i follower Domenico agasso Jr.
.
REAZIONE:L’AUSTERITA FRANCESCANA E’ STATA ESSBITA DA SECOLI COME UNA VIRTU CATTOLICA A QUI I DEVOTI HANNO DATO IL BENVENUTO OSSERVANTE BEN VOLONTIERI E ANCHE GIOIA.E’  STATA ASSUNTA DALLA CHIESA CATTOLICA DOPO L’ESPULSIONE DELL’ORDINE GESUITICO POSTERIORMENTE ALLA RIVOLUZIONE FRANCESE E LA CADUTA DEL REGIME BORBONICO CHE CON I SUOI ESSAGERATI FASTI,INSULTANTi ESSIBIZIONE DI RICHEZZA E LUSSO AVEVA PROVOCATO L’ALLONTANAMENTO DELLA GREGGE E LA DECADENZA DELLA FEDE CATTOLICA IN TUTTO IL MONDO.
OGGI DOPO TANTI SECOLI DI QUELLA VERA “RIFORMA” DELLA CHIESA CHE CERCAVA COSI ARGINARE LE RIFORME PROTESTANTI E SALVARE LA FEDE CATTOLICA,L’ORDINE GESUITICO RIPRENDE IL PAPATO AL TEMPO STESSO CHE I BORBONI SI PRENDONO LA SPAGNA.PERO OGGI SIA LA SPAGNA CHE LA CHIESA E LA DIFUSSIONE DELLA FEDE CATTOLICA NEL MONDO NON SONO COME A QUELLI TEMPI DOVE IL DOMINIO BORBONICO SI ESTENDEVA EGEMONICO E CARLO V VANTAVA CHE NEI SUOI DOMINI “NON TRAMONTAVA MAI IL SOLE”.OGGI SIA LA SPAGNA,CHE I BORBONI CHE LA FEDE CATTOLICA SONO IN FRANCO DECLINO E LE SUE ESPRESSIONI POSSIAMO TROVARLI SOLO IN ZONE DISAGGIATI,IMPOVERITI E SENZA ALCUN PROTAGONISMO NELLA SCENA INTERNAZIONALE SIA RELIGIOSA CHE POLITICA.PER DIRLA PIU CHIARA LA SPAGNA E’ UN PAESE NON SVILUPPATO DEI PIU POVERI DI EUROPA,E LA DIFUSSIONE DELLA FEDE CATTOLICA,MALGRADO CERTA RIMONTA NELL’EST A CAVALLO DELL’ANTICOMUNISMO DELLA GUERRA FREDDA (OGGI FINITA)IN POPOLAZIONI DELLUSI E STANCHI DI AUTORITARISMO STALINISTA E POVERTA,TROVA LA SUA MASSIMA ESPRESSIONE IN PAESI PERIFERICHE,IRRELEVANTI E TERZOMONDISTI COME IL BRASILE E L’ARGENTINA NON CHE IL RESTO DELL’AMERICA ISPANA.QUINDI QUESTA PRETESA “SOBRIETA” DI BERGOGLIO NON SA DI VIRTU FRANCESCANA MA SEMPLICEMENTE VIENE IMPOSTA DI CIO CHE LUI E’:UN TIPICO RAPRESENTATE DEL DEGRADO TERZOMONDISTA CHE VUOLE INSEDIARSI IN ITALIA E EUROPA INSIEME AI SUOI ACCOLITI DI SELVAGGIO SINCRETISMO.SONO ESPRESSIONE DI POVERTA,OLTRE CHE MATERIALE,ANCHE SPIRITUALE.IRONIE DEL DESTINO:BENE,”SONO INESCRUTABILI I SENTIERI DI DIO”,QUELLO DEL TITOLO.
Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

12 DICEMBRE 2014:NON A ME

-TITOLARE SU THE TELEGRAPH:

David Cameron con Jean Claude Junckerdd

Juncker accusa Cameron di stare “picchiando” immigrati europei

Il presidente della Commissione europea dice che i piani di immigrazione sono un tentativo di capro espiatorio per migranti poveri

REAZIONE:NON VOGLIO DIRE CHE CAMERON SIA MEGLIO DI UN GRANO DI MOSTARDA E ANCHE SE IO PER IL MOMENTO NON HO INTENZIONI DI IMMIGRARE IN GB,E ANCHE SE FAMIGLIARI ITALIANI MIEI, NON CERTO RICCHI,SONO IN GRAN BRETAGNA DA ANNI CON ORMAI GIOVANI GENERAZIONI DI “INGLESI”,NON MI SENTO COMPRESO NELLA SUA RISOLUZIONE:LA POVERTA CHE A ME PREOCUPA E’ QUELLA  SPIRITUALE.

-

12 DICEMBRE 2014.LA BRECCIA NORD-SUD SI ACCENTUA

-SU LE MONDE,Économie:

Europe sociale : le clivage Nord-Sud s’accentue

LE MONDE ECONOMIE | 11.12.2014 à 11h48 • Mis à jour le 11.12.2014 à 11h49 | Par Claire Gatinois

Abonnez-vous
à partir de 1 € Réagir ClasserPartager facebook twitter google + linkedin pinterest
 Avec un taux de chômage à 5 %, l'Allemagne d'Angela Merkel est l'un des rares Etats membres à afficher un niveau moindre qu'avant la crise de 2008.

Rêvée sous Jacques Delors, l’Europe sociale est aujourd’hui un échec. C’en est fini de la convergence entre les pays membres performants et les moins avancés qui incitait les Etats à se presser à la porte de l’UE. Le processus de rattrapage s’est interrompu. Désormais, les écarts se creusent au point de faire craindre une partition de l’Europe, divisée entre les pays du Nord – autour de l’Allemagne – et ceux du Sud et de la périphérie qui menacent de régresser davantage. Ces divergences de revenus, d’emplois, de niveaux de vie et de pauvreté, sont encore plus frappantes au sein de la zone euro.

« Après les avancées des années 1980 et 1990, l’Europe sociale a été mise en sommeil dans les années 2000 », avant d’être compromise par la crise, attestent Marine Boisson-Cohen et Bruno Palier auteurs d’une étude réalisée pour France Stratégie – organisme de réflexion placé auprès du premier ministre – rendue publique jeudi 11 décembre.

Constat cruel mais peu surprenant : les indicateurs économiques de ces dernières années témoignent d’une relative bonne santé de l’Allemagne, de l’Autriche et des pays nordiques suivis par la Pologne qui continue d’avancer, quand la Grèce, l’Italie, l’Irlande, le Portugal et l’Espagne souffrent d’un chômage de masse, d’une émigration de jeunes diplômés et de main-d’œuvre moins qualifiée ainsi qu’une remise en cause de leur Etat providence par les mesures d’austérité.

L’exemple le plus manifeste de ces écarts est le chômage. Avec un taux…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

Avec un taux de chômage à 5 %, l'Allemagne d'Angela Merkel est l'un des rares Etats membres à afficher un niveau moindre qu'avant la crise de 2008.

Europe sociale : le clivage Nord-Sud s’accentue

Il vous reste 72% de l’article à lire

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/12/11/europe-sociale-le-clivage-nord-sud-s-accentue_4538794_3234.html#IuS8IOTStqrkxEB0.99

-

12 DICEMBRE 2014:LA BRECCIA FRA I PAESI EMRGENTI E SVILUPPATI

-SU LE MODE,Blogs:

0 décembre 2014, par Georges Ugeux

L’économie américaine représente 177% de celle de la Chine

Je sais: les statistiques internationales sont horriblement compliquées à comprendre et à interpréter. Ces derniers jours, certaines déclarations et medias, probablement alertes par des informateurs peu compétents ont annoncé que l’économie chinoise avait dépassé celle des Etats-Unis. Comme tout ce qui diminue les États-Unis alimente l’anti-américanisme primaire gallique, il y avait même une pointe de satisfaction dans certains commentaires. Hélas, les statistiques du PIB sont complexes. Voici donc un tableau qui émane de la Commission Européenne sur le PIB et l’endettement des principaux pays du monde.

D’où vient l’erreur?

Malgré toutes les mises en garde des organismes internationaux qui publient ces statistiques, et au premier chef le FMI et la Banque Mondiale, il arrive que l’on confonde la valeur du PIB et le Pouvoir d’achat du PIB.

La valeur du PIB est la production d’un pays: l’ensemble des biens et services produits ou la valeur ajoutée du pays. Les chiffres ci-dessus reflètent cette mesure communément utilisée.

Si l’on veut savoir ce que ce PIB crée comme pouvoir d’achat dans le pays concerné, on doit introduire les coûts des biens et services. L’exemple classique est le prix d’un hamburger à Londres ou à Shanghai. Vous avez compris: les prix en Chine étant beaucoup plus bas qu’aux Etats-Unis, le pouvoir d’achat est plus élevé en Chine. Ceci suppose que 100% du PIB sert exclusivement à la consommation intérieure, ce qui n’est pas le cas.

Le PIB per capita

L’effet de la population chinoise qui est de quatre fois celle des Etats-Unis se reflète dans les données “per capita” ou “par tête”.

Sur la base des chiffres courants, la Chine a un PIB per capita de 6,959 dollars alors que les Etats-Unis ont un pouvoir d’achat per capita de 53,000 dollars.

Le même calcul appliqué au pouvoir d’achat réduit considérablement l’écart dans la mesure où les chinois disposent d’un pouvoir d’achat de 11,868 dollars alors que les Etats-Unis atteignent 53,000 dollars (et ne sont que dixièmes dans le monde).

C’est tout le défi de deux grandes puissances qui définiront l’avenir de nos civilisations.

http://finance.blog.lemonde.fr/2014/12/10/leconomie-americaine-represente-177-de-celle-de-la-chine/

REAZIONE:MALGRADO COME HO ANNUNCIATO SOPRA LA CINA,PAESE EMRGENTE PROTOTIPICO, E’ LA PRIMA POTENZA IN QUANTO AL POTERE DI AQUISTO REALE DEL SUO PBI,GLI USA RESTANO PER IL VALORE DEL SUO PBI LA PRIMA POTENZA ECONOMICA.SEMPLICE:UN AMBURGHER COSTA MENO IN CINA CHE IN USA,AD ESSEMPIO.PER DIRLO  FACILE USA RESTA IL PAESE PIU RICCO.IO NON SOFFRO DI ANTI-AMERICANISMO,PER LA NUOVA ERA TUTTE DUE SONO IMPORTANTI.

-

13 DICEMBRE 2014:ITALIA,LE VIE DEL SIGNORE

-TITOLARE LA REPUBBLICA.

Weidmann: "Il mio no a Draghi sui bond Bene le riforme, ma l'Italia deve attuarle"

economia

Weidmann: “Il mio no a Draghi sui bond
Bene le riforme, ma l’Italia deve attuarle”
Intervista al presidente della Bundesbank
Padoan: “Ora investimenti”. Juncker: “Non ho soldi freschi”dal nostro corrispondente ANDREA TARQUINIArticoli correlati

REAZIONE:RESTA CHIARO CHE PER LA BUNDESBANK E L’UNIONE EUROPEA LE VIE DEL SIGNORE PER IL RISANAMENTO DEI CONTI E LA CRESCITA NON SONO NE QUELLI DI DRAGHI NE QUELLI DI RENZI.CONDIVIFO QUESTA OPINIONE MA…….RIFORME BENE?NO, SONO CONTRARIE ALLA NUOVA ERA,QUINDI SONO NEOLIBERALI E NON PORTANO AD UNA INDUSTRIALIZAZZIONE NE ALLO SVIPUPPO DELLA CREATIVITA NELLE NUOVE TECNOLOGIE E PER TANTO NON PORTANO ALLA CRESCITA MA ALL’OSCURANTISMO.NON SONO IL FUTURO DELL’ITALIA E GLI ITALIANI MA QUELLO DI UN MUCCHIO SALATO DI IPOCRITA CLANI LOMBARDO-VENETI INSEDIATI NELLE LARGHE INTESE.NO AL MEDIOEVO.

-

13 DICEMBRE 2014:DONNA DI DIPUTATO VENDE SELFY SEXI SU E-BAY

-SU LE MONDE(HUFFINGTON POST):

PHOTOS. Les selfies sexy de Karen Danczuk, conseillère municipale britannique et femme de député, en vente sur eBay

Le HuffPost  | Par Lauren Provost
Publication: 11/12/2014 13h13 CET Mis à jour: 11/12/2014 15h44 CET
KAREN DANCZUK

ROYAUME-UNI – Pour 12 euros, les Britanniques peuvent s’offrir un selfie sexy dédicacé sur eBay. Cette vente en ligne pourrait sembler banale, sauf que, sur les photos c’est une femme politique, épouse d’un député du parti travailliste, qui exhibe son décolleté.

Les autoportraits en question sont ceux de Karen Danczuk, conseillère municipale de la ville de Rochdale et épouse du député du parti travailliste Simon Danczuk. À 31 ans, cette femme politique, mère de deux enfants, publie régulièrement des photos d’elle sur son compte Twitter. Des images prises à la salle de sport, détaillant les transformations de son corps ou ses tenues et mises en beauté lorsque la conseillère se prépare à sortir.

Voir l'image sur Twitter
——————————————
Cllr Karen Danczuk @KarenDanczuk

Suivre

Morning! Took this when I got in from @nutsfood after 12am whilst drinking a nice cup of tea! @T8crl food was fab! KD

9:35 – 7 Déc 2014

22 Retweets 277 favoris

—————————————–

Voir l'image sur Twitter

————————————————————–
Cllr Karen Danczuk @KarenDanczuk

Suivre

Started off with 4 belly rolls I’m now down to 2 Will hopefully be down to zero soon. KD

0:36 – 23 Nov 2014

9 Retweets 153 favoris

—————————————————————

Voir l'image sur Twitter

————————————————————

Cllr Karen Danczuk @KarenDanczuk Suivre

@NicolletteNorth I’m wearing this dress for sure!! KD

2:44 – 28 Nov 2014
16 Retweets 190 favoris
————————————————————–

Les Britanniques connaissent déjà les selfies de la conseillère. Ces dernières années, la jeune femme en a fait sa marque de fabrique sur les réseaux sociaux et compte aujourd’hui 28.000 abonnés sur son compte Twitter.

Mais l’affaire des selfies de Karen Danczuk a pris une nouvelle dimension ce 9 décembre, lorsque la conseillère a décidé de mettre en vente ses photos sur eBay. “Vous voulez une photo de moi signée et parfumée?”, a tweeté la jeune femme avec le lien de son annonce.

La photo en question, vendue pour 10 livres soit un peu plus de 12 euros, montre Karen Danczuk en maillot de bain, des lunettes de soleil sur le nez. “Des photos personnalisées et signées de Karen Danczuk, indique la description du produit. Elles sont aspergées de mon parfum préféré!”, ajoute la vendeuse qui précise expédier elle-même les clichés.

karen danczuk selfies sexy ebay annonce

Comme l’indique le compteur sur cette page eBay, 79 selfies ont déjà été achetés. Karen Danczuk n’a pas précisé ce qu’elle ferait de l’argent. Sa vente lui en tout cas permis de faire à nouveau parler d’elle dans les médias britanniques.

Celle qui réclame l’égalité homme-femme dans la description de son compte Twitter est d’ailleurs régulièrement accusée de ternir l’image des femmes en politique, de ne pas prendre ses responsabilités de conseillère au sérieux ou encore de freiner l’évolution de son mari au sein du parti travailliste (Labour Party).

Karen Danczuk semble se moquer des critiques et répond qu’elle est aussi une “business woman”. Depuis la mise en vente de ses photos, la Britannique se réjouit de voir son nombre de fans gonfler. Elle a d’ailleurs retweeté avec fierté l’apparition d’un compte “fan club” à son nom qui affiche son décolleté en photo de profil.

Son époux, le député Simon Danczuk semble lui aussi très heureux de la création d’un fan club dédié aux seins de sa femme.

“J’ai une question pour vous: quelqu’un a créé un fan club Twitter pour soutenir mon adorable épouse. Est-ce que je devrais m’abonner au compte @KarenDFanClub?”, s’est amusé le parlementaire.

Karen Danczuk

sur 15

Karen Danczuk/Twitter
Karen DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren DanczukKaren Danczuk
http://www.huffingtonpost.fr/2014/12/11/photos-sexy-selfies-karen-danczuk-royaume-uni-twitter-ebay-vente_n_6307182.html?utm_hp_ref=mostpopular
-
REAZIONE:CARA HA ANCHE CLUB DI FANS E IL MARITO DICE OK.
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-

4 DICEMBRE 2014:RENZI E “MINORANZA” DISCUTONO SUL NULLA

.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Assemblea Pd, minoranza attacca
Renzi replica: “Voglio lealtà”
Fassina: “Se vuole il voto lo dica” video
Il leader: “Ulivo? Noi realizziamo quelle idee ma intanto abbiamo perso 20 anni…” video
Duello con Anm: meno interviste e più sentenze vd
Articoli correlati
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 174 »

11 dicembre 2014
0

11 DICEMBRE 2014:TITOLARI DELLA FINE DEL MONDO

Mercopress - South Atlantic News Agency

Dicembre 11 2014 –  UTC

-TITOLARE 1:

Relazione sulle pratiche di tortura della CIA innesca recriminazioni politiche e dibattito sulla sicurezza

Senatori Marco Rubio e Jim Risch, rilasciato una dichiarazione che chiede la pubblicazione della sintesi del rapporto "sconsiderata e irresponsabile."
Senatori Marco Rubio e Jim Risch,hanno rilasciato una dichiarazione che chiede la pubblicazione della sintesi del rapporto “sconsiderato e irresponsabile.”

I dettagli sui brutali metodi della CIA negli interrogatori segreti  descritte in un rapporto appena pubblicato da un comitato del Senato americano il Martedì, legislatori repubblicani innescati e reazione CIA contro le conclusioni del documento, insistendo sul fatto che il programma di detenzioni e consegne ha prodotto risultati chiari che hanno contribuito a contrastare gli attacchi su cittadini statunitensi un …

Pubblicato in: Politica , Stati Uniti .

-TITOLARE 2:

Nazioni Unite esorta “lo smantellamento delle alte mura della corruzione”

Il 2014 Giornata Internazionale tema Rompere la catena corruzione, è orientata ad affrontare in un fenomeno "che colpisce più duramente i poveri"
Il 2014 Giornata Internazionale tema
Rompere la catena della corruzione, è orientata ad affrontare in un fenomeno “che colpisce più duramente i poveri”

La lotta alla corruzione è un problema globale che richiede la più ampia risposta possibile a “smantellare le sue alte mura”, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha detto il Martedì, 9 dicembre in una marcatura Day anticorruzione internazionale (*) il messaggio.

Pubblicato in: Politica , internazionale .

-

11 DICEMBRE 2014:ROBOT CONTATTA UN COMETA

-TITOLLARE BBC:

the genius behind

Comet

How the comet landing really unfolded

It took 20 years of work to get a robot lander onto a comet – the mission’s leader re-lives the tense moment it could have all ended in failure.

TRADUZIONE:il genio di dietro
Come fu lo sbarco in un cometa davvero spiegato
Ci sono voluti 20 anni di lavoro per ottenere un lander robot su una cometa,e il capo della missione rivive il momento di tensione che potrebbe avere tutto concluso con un fallimento.

REAZIONE:CONTATTO  DI QUESTO SCONOSCIUTO PICCOLO ROBOT CHE SA DI CONTAGIO COSI SOTTILE E’ STATO LO “STELLAGIO”

(SCUSATI, QUESTO NON C’ENTRA COL RAPPORTO FRA L’AMORE E LA SCIENZA)

Immagine anteprima YouTube

-

11 DICEMBRE 2014:LE CHIACHERE DI RENZI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Renzi: “Pochi i corrotti in carcere”

Anm: basta retorica, passi ai fatti

Alfano: “Prescrizione? Attenti a giudici lumaca”

Domani misure straordinarie in Cdm

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUTION 173 »

8 dicembre 2014
0

8 DICEMBRE 2014:NE TITOLI NE JOBS ACT

NELLO SCRITTO DEL 27 NOVEMBRE 2014 INTITOLATO “CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES,NO AL BLUFF DI JUNCKER” CHE POTRETE LEGGERE NEL POST 170 O CLICCANDO CUA  http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/faites-internes-1continuation-170.html  ,

HO SCRITTO: “IN QUANTO AI TITOLO DI STATO,RIPETO,NON VALGONO UN BEL NIENTE.”

E NELO SCRITTO DEL 5 DICEMBRE 2014 INTITOLATO “NO AL CAPITALISMO SELVAGIO” CHE POTRETE LEGGERE NEL POST 172 O CLICCANDO CUA:

http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/faites-internes-1continuation-172.html

HO SCITTO:”PURTROPPO NON HO NESUNISSIMA PREOCUPAZIONE PER QUESTO JOB ACT:LA DELEGA NON SARA MAI ATTUATA,TRA L’ALTRO PERCHE RENZI NON DURERA,CADE.”

GIORNI DOPO STANDARD & POOR H PRODOTTO QUESTA NOTIZIA CHE POTRETE LEGGERE SU LA REPUBBLICA:

Italia declassata da S&P “Crescita zero, sale il debito effetti ritardati dal Jobs Act”

ROMA .Il governo dice che non è una bocciatura.Ma il declassamento deciso ieri sera da Standard and Poor’s, a un passo dalla spazzatura, dall’incapacità cioè di ripagare il proprio debito pubblico, ripiomba il Paese nell’incubo di scarsa affidabilità internazionale. Quella che si gioca sui mercati, laddove i nostri titoli vengono acquistati e venduti. L’Italia da ieri passa a BBB — da BBB.Un gradino sotto il giudizio del 6 giugno e uno sopra l’inferno dei reietti, l’area di non investimento, la no-fly zone su Bot e Btp. La credibilità delle agenzie di rating, va detto, è quella che è. Ma certo non consola l’outlook portato a stabile da negativo, per dire che in futuro, forse, il Paese può farcela e magari il rating risalire. Non ora però che tutto va a rotoli, si scende a BBB—, col governo sotto pressione.Troppo bassa la crescita, troppo alto il debito, scarsissima la competitività e mercato del lavoro ingessato con salari ancora elevati, monitano da New York. Il Jobs act è accettabile, ma i decreti delegati potranno annacquarne la portata. E soprattutto «non crediamo che le misure possano accrescere l’occupazione nel breve periodo».Il giudizio di S&P;’s «non è una bocciatura del Jobs act», filtra da Palazzo Chigi. Anzi «dicono che le riforme vanno bene ma bisogna andare più veloce» e che contengono «elementi buoni, ma non tali da compensare il debito e risvegliare a breve l’economia». «Abbiamo notato che il primo ministro italiano, Mr. Matteo Renzi, ha fatto qualche progresso con il suo Jobs act così da contrastare la dualità del mercato del lavoro allentando le limitazioni al licenziamento e riducendo gli incentivi all’assunzione con contratti temporanei», scrivono in effetti gli analisti americani. Ma «vediamo anche il rischio — aggiungono — che la legislazione secondaria possa indebolirlo, vista la crescente opposizione di molti elettori toccati in modo negativo dalla riforma». Insomma, il pericolo che non si arrivi a nulla esiste. Altrettanto quello che «l’alta disoccupazione peggiori fino a quando non si innescherà una ripresa sostenibile».Momento sempre più lontano.«Le riforme annunciate dal governo in molte aree rafforzeranno l’economia, ma non nel breve termine», scrive difatti l’agenzia di rating. Non sino a quando il settore dei servizi non sarà liberalizzato, il sistema giudiziario rimarrà lento e costoso, il lavoro troppo caro al pari delle liquidazioni a fine carriera. E il Pil? Rivisto al ribasso, non ce n’è, sia quello nominale che reale a +0,5% e +1,2% rispettivamente, nel periodo 2014-2017 (anziché +1 e +1,9 della precedente valutazione). Mentre il debito pubblico esploderà a 2.256 miliardi di euro alla fine del 2017, 80 miliardi in più di quanto stimato a giugno.«L’outlook stabile riflette le nostre aspettative che il governo italiano implementi gradualmente le riforme strutturali», conclude Standard and Poor’s nella sua pagellina. Se non lo farà e le rigidità persisteranno, «abbasseremo ancora il rating». Una promessa che sa di minaccia.© RIPRODUZIONE RISERVATARINCORSAS&P; riconosce al governo di Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan le riforme, mancano gli effettiValentina Conte

6 dicembre 2014sez.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/12/06/italia-declassata-da-sep-crescita-zero-sale-il-debito-effetti-ritardati-dal-jobs-act02.html?ref=search

COMMENTO FINALE:E BENE STANDARD & POOR’S’ NON HA FATTO PIU CHE RFLETTERE LA MIA OPINIONE:I TITOLI DI STATO SONO SPAZZATURA,SOPRATUTTO QUELLI ITALIANI E DEI PAESI DEL SUD EUROPEO,CIO’E’ NON VALGONO NIENTE,E LA DELEGA DELLA JOBS ACT PER DETTARE ISUOI DECRETI ATTUATIVI OTTENUTI DA RENZI PER MEZZO DELL’ABUSO DELLA FIDUCIA ORMAI DETTATORIALE NON SARANNO FATTI MAI.

RENZI E PADOAN SI DIFENDONO DICENDO CHE LA LORO MANOVRA E’ STATA APROVATA DALL’UNIONE EUROPEA ANCHE SE SARA MESSA ALLA PROVA DI NUOVO FRA TRE MESI,MA CHE IN QUESTO TEMPO RIUSCIRANNO A CAMBIARE LA SITUAZIONE ACCELERANDO I DECRETI:ORMAI QUALCUNO CI CREDE?

QUESTA E’ IN CONCRETO LA VERITA TUTTO L’ALTRO SONO CHIACHERE.QUALE SONO LE CHIACHERE OLTRE A QUELLE DI RENZI E PADOAN?VEDI DI SEGUITO:

-

1-LA MERCKEL SI SOMMA A S&P,MA ARRIVA IN RITARDO,TROPPO.

-SU LA REPUBBLICA:

Merkel: “Riforme in Italia e Francia sono insufficienti”. Delrio: “La Germania guardi in casa propria”

In un’intervista a Die Welt la cancelliera si dice d’accordo con la Commissione europea nel giudizio sui due Paesi. L’esecutivo Ue “ha stabilito un calendario secondo il quale dovranno presentare ulteriori misure”. Gozi: “Rispetto”
Merkel: "Riforme in Italia e Francia sono insufficienti". Delrio: "La Germania guardi in casa propria"
Angela Merkel (reuters)

BERLINO - Le riforme in Francia e in Italia sono insufficienti. Questo quanto sostiene la Cancelliera tedesca Angela Merkel in un’intervista al Die Welt, a una settimana dalla tregua di Bruxelles ai due Paesi per migliorare le finanze. “La Commissione ha ribadito che quanto presentato non è sufficiente. Cosa che condivido”, ha detto. La replica più pesante, dal governo di Roma, arriva alle 20 ai microfoni del Tg1. A rispondere è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio che accusa:  i problemi arrivano dal “surplus dalle Germania. Berlino guardi in casa propria prima di dare lezioni ad altri”.

Ma già prima erano arrivate altre reazioni italiane. Il sottosegretario con delega alle politiche Ue Sandro Gozi aveva chiesto “rispetto”, denunciando: “La logica dei compiti a casa è finita”. L’invito al leader tedesco, in soldoni, è di pensare ai problemi della Germania. Roberto Speranza del Pd si affida a Twitter: “Cara Merkel non serve impartire lezioni agli altri Paesi. La vera priorità è cambiare la politica economica dell’Europa”. Daniele Capezzone, forzista presidente della Commissione Finanze della Camera, parla di “umiliazione pubblica” e dà la colpa al governo Renzi.

Tornando all’intervista al quotidiano tedesco, la Commissione europea “ha stabilito un calendario secondo il quale Francia ed Italia dovranno presentare ulteriori misure”, spiega la Merkel. “Questo è giustificato perché i due Paesi stanno attraversando effettivamente un processo di riforme – sottolinea nell’intervista al Die Welt – Ma la Commissione ha ribadito anche che quanto presentato sul tavolo fino ad ora non è sufficiente. Parere che io condivido”.

Angela Merkel ha parlato anche della Russia. La politica di Mosca mette in difficoltà molti Paesi vicini dell’Unione Europea, afferma la Cancelliera tedesca. “Moldavia, Georgia ed Ucraina sono tre Paesi nostri vicini che hanno firmato in modo sovrano un accordo con l’Unione Europea – spiega la Merkel -. La Russia crea difficoltà a questi tre Paesi. Vediamo inoltre che la Russia cerca di mantenere sotto la sua dipendenza economica e politica alcuni Paesi ad ovest dei Balcani”.

Interrogata sulle critiche che le sono state rivolte da tre ex cancellieri, Helmut Kohl, Hemult Schimdt e Gerhard Schroeder sostenitori di una linea più flessibile nei confronti di Mosca, la Merkel si è detta “convinta della bontà della risposta comune europea agli atti della Russia. Il fatto che la Russia abbia violato il Trattato di Budapest del 1994 sull’integrità territoriale e la sovranità dell’Ucraina non deve restare senza seguito”.

http://www.repubblica.it/economia/2014/12/07/news/merkel_riforme_in_italia_e_francia_sono_insufficienti-102309336/?ref=HRER2-2

REAZIONE:TOUT CORT,PRESA FRA LA PINZA DEI DECLASSAMENTI DI OCCIDENTE(OLTRE A S & P ) E I RITARDI DI PUTIN AI SUOI APPUNTAMENTI ARRIVA MOLTO PIU TARDE CHE QUANTO NON LA FAREBBE ASPETTARE PUTIN.

-

2-COSI LA PENSANO IN FRANCIA

-SU LE MONDE:

07 décembre 2014
L’agence Standard & Poors (et Angela Merkel) déclasse-t-elle Matteo Renzi ou l’Italie ?

Il y a deux façons de lire la décision prise vendredi 5 décembre par l’agence d’évaluation financière Standard & Poor’s (S&P) d’abaisser d’un nouveau cran, à BBB-, la note de l’Italie, soit le niveau le plus bas de la catégorie « investissement », réservée aux emprunteurs considérés comme fiables.

La lecture économico-financière Comme l’explique l’agence américaine, la dégradation de la note italienne « reflète la faiblesse récurrente des performances du produit intérieur brut [du pays], tant en termes réels que nominaux (…) qui sapent sa capacité à faire face à sa dette publique ». S&P estime que cette dernière devrait atteindre 2,256 milliards d’euros à la fin 2017, ce qui traduit une augmentation de 80 milliards par rapport à sa dernière estimation de juin. Un tel accroissement « conjugué à une croissance régulièrement faible et à une compétitivité érodée » ne permettait plus de maintenir la note BBB du pays.

La lecture politique Même si l’Italie ne risque pas de tomber en « catégorie spéculative » à court ou moyen terme puisque sa perspective reste « stable », l’agence exprime des doutes sur la capacité de Matteo Renzi à réformer l’Italie à la cadence souhaitée. Votée mercredi 3 décembre, la loi de délégation autorisant le gouvernement à réformer le marché du travail attend ses décrets d’application. S&P qualifie de « progrès » cette réforme mais redoute qu’elle ne s’enlise dans les méandres du Parlement et des négociations, alors que le chômage a atteint son niveau record en octobre (13,2% dont 44% chez les jeunes) et qu’une grève générale, à l’appel de deux organisations syndicales, est prévue vendredi. Bref, l’agence américaine, à l’instar d’autres institutions, se demande si l’actuel président du conseil, malgré ses discours volontaristes, fera mieux que ses prédécesseurs…

Evidemment, le gouvernement ne veut voir que les points positifs et met en avant le jugement favorable sur le « Jobs Act ». Matteo Renzi qui, après neuf mois au pouvoir, ne peut plus se défausser sur ses prédécesseurs, se dit prêt à avancer au pas de charge pour publier les décrets d’application. Il a peu de temps devant lui. En mars, la Commission européenne évaluera d’éventuelles sanctions contre l’Italie, confrontée à une récession sans fin et dont le budget est financé pour un tiers grâce à de nouveaux déficits.

Une nouvelle mauvaise n’arrivant jamais seule, Angela Merkel a elle aussi relayé les doutes que nourrissent les milieux financiers et les institutions européennes à l’égard de l’Italie (et de la France). « La Commission a dit de façon claire que ce qui est jusqu’à présent sur la table n’est pas encore suffisant. Ce avec quoi je suis d’accord », lance celle qui il y a quelques mois s’était dite « bluffée » par M. Renzi. « L’Italie est considérée comme un pays qui se contente de faire des annonces. Je ne suis pas d’accord, il y a aussi de grands progrès sur les réformes structurelles », martèle Pier Carlo Padoan, le ministre de l’économie. Un discours qui a du mal à convaincre les Italiens et qui passe, visiblement, mal au-delà des frontières.

Philippe Ridet

http://italie.blog.lemonde.fr/2014/12/07/standard-poors-declasse-renzi-ou-litalie/

REAZIONE:PER QUANTO DETTO SOPRA DECLASSATI TUTTE DUE.

-

3-SOGNI DI UNA NOTTE DI STATE(W.SHAKESPEARE)

-SU LA REPUBBLICA:

La Banca centrale e l’acquisto di bond: i veri obiettivi di Draghi e quelli di Renzi

di EUGENIO SCALFARI

PER mettere davanti agli occhi della gente una situazione, un fatto, una persona, esistono almeno tre strumenti visivi e quindi mentali: la fotografia, il video, il film. Danno risultati molto diversi l’uno dall’altro: la fotografia ritrae in modo istantaneo, il video in modo animato, il film in modo narrativo e interpretativo. Infatti nel film ci sono gli attori ma c’è anche un regista che guida gli attori, le luci, il montaggio. Qualche volta per diventare il vero padrone del film l’attore fa anche il regista.

Quanto a noi giornalisti che abbiamo il compito di informare con spirito critico, noi guardiamo dall’esterno queste rappresentazioni, le interpretiamo e talvolta le giudichiamo; se il giornale dove scriviamo è autorevole possiamo anche condizionarli.

Il mio proposito è quello di raccontare oggi il film d’un personaggio molto spiccato e influente come Mario Draghi e comprendere la sua tattica economica e politica alla luce della sua strategia e poi applicare a Matteo Renzi questo stesso metodo. Credo sia il miglior modo per capire quanto sta accadendo in Italia e in Europa.
* * *
Il tema che più appassiona e coinvolge Draghi non è soltanto la politica monetaria che a stretto rigore è il suo compito istituzionale, ma è la politica economica e l’assetto istituzionale dell’Europa.

Draghi è da tempo convinto che nella società globale i continenti diventati Stati hanno la forza sufficiente per confrontarsi; la loro potenza deriva dall’ammontare della ricchezza, dalle risorse naturali e dalla demografia. Se il continente non diventa uno Stato ma continua ad essere un bazar di tante entità nazionali, queste non sono in grado di aver voce nella società globale, diventano staterelli con un ruolo secondario e quindi subalterno. È il caso dell’Europa che non ha una sua politica estera, una difesa comune e neppure una politica economica e fiscale.

Draghi questo problema lo sente come prioritario su tutti gli altri ed è questa priorità che spinge la sua strategia di fondo; se non si tiene presente e ci si limita a fotografare le sue mosse senza inquadrarle, si capisce ben poco. Lui d’altro canto deve tener conto dei binari dove corre il suo treno, delle stazioni dove transita e dei capi che manovrano gli scambi e i semafori col disco verde che consente il passaggio e quello rosso che lo impedisce.

Il suo obiettivo è di alzare il volume di liquidità della Banca centrale da lui guidata dai duemila miliardi attuali ad almeno tremila e anche di più. Solo con questa massa di risorse monetarie può sbloccare il “credit crunch” che ancora affligge molti Paesi dell’Eurozona.

Ma quell’obiettivo è realizzabile soltanto se, oltre all’acquisto di debiti dalle aziende che sarebbe l’ideale per promuovere investimenti e consumi, potrà adottare la “quantitative easing” cioè l’acquisto massiccio di titoli del debito sovrano dei membri dell’Eurozona.

In realtà chi avrebbe maggior bisogno di trasferire parte del proprio debito da creditori privati alle casse della Bce sono i Paesi economicamente in recessione, ma questo riempirebbe di titoli assai poco appetibili la Banca centrale. Se non sono spazzatura poco ci manca: Grecia, Portogallo, Italia (specie dopo il declassamento dell’agenzia di rating Standard & Poor’s dichiarato tre giorni fa). Di qui la decisione  -  se la “quantitative easing” sarà adottata  -  di applicarla a tutti i paesi dell’Eurozona in proporzione al loro reddito. In quel caso nei forzieri della Bce entrerebbero anche bond di elevata solidità. Per quanto riguarda l’Italia, noi riceveremmo una quota non superiore ai 90 miliardi, pari al 17 per cento del totale previsto per la “quantitative easing”, ma tutta l’Europa tirerebbe un respiro di sollievo per l’irrorazione monetaria ricevuta dall’intera Eurozona. Si farà o non si farà? La decisione dovrebbe essere presa il 22 gennaio ma l’esecuzione non sarà comunque immediata.

Questa è la fotografia della situazione. Il quadro generale, economico e politico, perseguito da Draghi è però un altro: la vigilanza bancaria affidata alla Bce, già in corso di esecuzione, l’unità del sistema bancario, anch’essa già parzialmente avviata, la garanzia europea su tutti i depositi bancari che dovrebbe preludere ad un bilancio unico dell’Unione e infine il trasferimento dei debiti sovrani ad un solo debito europeo con relativa cessione di sovranità fiscale. I singoli Stati insomma avrebbero analogo rilievo nei confronti dell’Ue di quanto l’abbiano il Texas, la Virginia, il Massachusetts, il Mississippi e tutti gli altri verso la Presidenza e il Congresso degli Usa.

Questo è il traguardo a raggiungere il quale Draghi lavora e questo è il vero binario dove il suo treno procede. Non corre purtroppo, ma comunque avanza.

La Germania è naturalmente il Paese leader, senza l’appoggio del quale non è pensabile di realizzare l’obiettivo. Continuerebbe a mantenere la leadership anche in un’Europa non più soltanto confederata ma federata e un continente finalmente diventato uno Stato più ricco di risorse degli stessi Usa?

Personalmente penso di sì e credo che anche Draghi sappia che senza questa certezza sarebbe molto difficile che il treno proceda: disco rosso e non verde. Ma la Germania non è il solo ostacolo. C’è anche la “grandeur” della Francia e c’è anche l’ostacolo non trascurabile dell’Italia.

Noi siamo un Paese in pessime acque economiche e abbiamo sulle spalle il maggior debito pubblico d’Europa e uno dei più elevati del mondo intero. Questa è senza dubbio la nostra debolezza ma paradossalmente anche la nostra forza: un default del debito italiano farebbe saltare in aria tutto il sistema bancario del mondo occidentale, non esclusi molti paesi asiatici; insomma un dissesto di gigantesche proporzioni.

Sicuramente Matteo Renzi utilizzerà questa nostra debolezza-forza nelle trattative che sta per intraprendere con le autorità europee, la Commissione e i governi dell’Eurozona.

Ma Renzi da che parte sta e che cosa veramente vuole? Anche qui bisogna distinguere tra tattica e strategia, tra singole mosse che colgono il presente e finalità proiettate sul prossimo futuro.

Le sue mosse Renzi le ha da tempo dichiarate e le ripete quasi quotidianamente: vuole prestiti europei previsti da Juncker e li vuole al più presto senza dover versare il contributo che Juncker chiede agli Stati membri. Vuole l’autorizzazione ad una politica di “deficit spending” destinata a investimenti da effettuare al di fuori del bilancio ufficiale. Il debito aumenterà, ma quello sul quale mette gli occhi la Commissione europea no e quindi neppure il deficit del 3 per cento stabilito dall’accordo di Maastricht, anche se Renzi chiede l’autorizzazione a superarlo fino al 2017 come la Francia.

Questi sono gli obiettivi immediati. Ma poi c’è l’obiettivo di fondo: rafforzare la struttura confederata dell’Unione e non muovere nessun passo verso quella federale. Esattamente il contrario della strategia di Draghi e la ragione è evidente: in una struttura federale il potere di Renzi, come di tutti i capi di governo dei Paesi membri dell’Ue, diventerebbe simile al potere d’un governatore regionale o del sindaco di un’area metropolitana. Renzi non vuole un declassamento di questo genere perciò si opporrà fino in fondo e farà quanto gli è possibile perché tutti gli altri Paesi  -  a cominciare dalla Germania  -  facciano altrettanto. Ma ha la forza sufficiente per farlo?

In parte la sta perdendo e i sondaggi ne mandano un segnale. È questa una delle ragioni per cui vuole procedere a tempo di record all’approvazione delle riforme, a partire da quella del lavoro, dalla legge elettorale e dall’abolizione di fatto del Senato, dall’elezione del nuovo capo dello Stato (quando tra poche settimane Napolitano darà le dimissioni) che sia di fatto uno strumento nelle sue mani.
Queste sono le sue finalità. È coraggioso, non si vedono nel Pd alternative, anche se il suo “Jobs act” non crea nes- sun posto di lavoro ed è di assai dubbia costituzionalità. L’insoddisfazione degli italiani nei suoi confronti è in costante aumento, la diminuzione delle tasse e la sconfitta dell’evasione fiscale sono favole che hanno molto poco da spartire con la realtà.

Questo è il quadro con cui gli italiani debbono confrontarsi, al quale c’è da aggiungere la forte sofferenza della democrazia parlamentare di fronte ad una legge che abolisce il Senato e trasforma il sistema consentendo al potere esecutivo di spolpare il potere legislativo e dove la corruzione continua a dilagare come prima e più di prima.

Aggiungo due parole (perché l’ho già detto domenica scorsa) sulla fiducia chiesta per la legge delega relativa al “Jobs act”. Salta agli occhi di tutte le persone consapevoli che è del tutto irragionevole porre la fiducia sulle leggi delega. Così facendo si trasforma il libero voto in una situazione di libertà forzosa, si chiude il deputato o il senatore aderenti al partito di maggioranza dentro una gabbia, si reprime la libertà di dissenso sugli obiettivi che la delega si propone e che saranno resi esecutivi e precisati nei loro fondamentali aspetti dai decreti costitutivi che non sono neppure discussi dalle Camere. Sono analizzati da una commissione che emette un parere soltanto consultivo. La delega in sostanza è ottenuta con la gabbia della fiducia e non torna più in Parlamento. L’incostituzionalità è evidente e penso che la Corte la dichiarerebbe se ne fosse investita nei modi appropriati.

Ma c’è anche un’altra osservazione sulla costituzionalità del “Jobs act”: esso contiene una notevole diseguaglianza tra i lavoratori già occupati nelle aziende e quelli che vi accedono con un periodo di prova e stipendi a tutele crescenti.

Questi lavoratori hanno un privilegio rispetto ai già occupati: le aziende che li assumono ed essi stessi sono sgravati dal pagamento dei contributi mentre quelli già occupati non godono di queste facilitazioni. Per converso questi ultimi sono ancora coperti dall’articolo 18 per quanto riguarda i licenziamenti, mentre i nuovi assunti ancora precari non hanno questa protezione.

Al tirar delle somme i lavoratori che fanno il medesimo lavoro si trovano in condizioni molto diverse, il che è palesemente incostituzionale.
Tendere alla produttività, alla competitività e all’aumento dei posti di lavoro fa parte purtroppo del mondo delle favole, mentre il tempo passa, i sacrifici aumentano, l’economia è inceppata, la corruzione aumenta.

Scrive nella poesia “Le Campane” Edgar Allan Poe: “Batte il tempo, il tempo, il tempo, mentre suona a morto, a morto, in un rùnico concerto, al rimbombo di campane, di campane, di campane… “. Campane a festa o campane a morto? ©Riproduzione riservata 07 dicembre 2014

http://www.repubblica.it/politica/2014/12/07/news/la_banca_centrale_e_l_acquisto_di_bond_i_veri_obiettivi_di_draghi_e_quelli_di_renzi-102309017/?ref=HRER2-1

REAZIONE:O.L.S., L’INASSIBILE EDITORIALISTA DI LA REPUBBLICA CHE ORA CON LE LARGHE INTESE SEMBRA SI SIA DIMENTICATO DEL REFERENDUM ANTIFEDERALISTA,ANTI-LEGA DOVE LUI FU UN IMPORTANTE CONVOCATORE,SOGNA UN ROSACEO FUTURO FEDERALISTA PANEUROPEO(GLI STATI UNITI DI EUROPA) NELLE MANI DI DRAGHI E FORSE RENZI.POICHE QUELLO SI APICCICA ALLA COMPRA “COMUNE” DEI BOND DOVE I PIU RICCHI DI EUROPA DOVRANNO FINANZIARE AI PIU POVERI(ITALIA,SPAGNA,GRECIA E PORTOGALLO),PERCHE I PIU SPENDACCIONI,E QUESTI COME DETTO SOPRA IN ALCUNI PAESI SONO SPAZZATURA CHE DIFFICILMENTE C’E’ CHI VOGLIA SOFFRIRLI(E LA GERMANIA HA MESSO LE MANI DAVANTI:NIET A DRAGHI),E POICHE HA RENZI NESSUNO CREDE POSSA PORTARE AVANTI LE REFORME,I SUOI RESTANO SOLO SOGNI DI UNA NOTTE DI STATE(NON DI STATO E’!!!!)

UNIONE BANCARIA?CESSIONE DI SOVRANITA FISCALE?ANCORA  SOGNI.

-

9 DICEMBRE 2014:CINA IL MAGGIOR  MERCATO NUOVA ERA

-TITOLARE SU LE FIGARO:

La Chine devient la première puissance économique mondiale

L’Empire du milieu représente en effet aujourd’hui 16,5% de l’économie mondiale en terme de pouvoir d’achat réel, devant les 16,3% des Etats-Unis.

REAZIONE:E MALGRADO TUTTO RESTA UN PAESE CONVERTITO ALLA NUOVA ERA.

-

9 DICEMBRE 2014:LA PIU GRANDE “INFILTRAZIONE” MAFIOSA DI UN PARTITO

-TITOLARE SU LE FIGARO:

Renzi veut nettoyer Rome de la mafia

Le président du Conseil s’indigne des infiltrations mafieuses qui touchent le Parti démocrate, son propre parti.

REAZIONE:BHE NESUNO E’ LIBERO,E FACCIAMO PIANO,NON E’ ANCORA FINITA

-

10 DICEMBRE 2014:COUNTDOWN,LA FINE DELL’INTEREGNO RENZI

-SU LA REPUBBLICA:

Riforme, governo battuto in commissione

Sì a minoranza Pd e Sel: no senatori di nomina presidenziale

Pd: Italicum in vigore dal 2016, prima c’è il Mattarellum

Articoli correlati

IL CASO Nel nuovo Senato spunta buco normativo BLOG La messa delle riforme di MARCO BRACCONI

7-E CON QUALE ARGOMENTI ORMAI RENZI PRETENDE FARCI CREDERE CHE UN SUO TRIONFO ELETTORALE E INELUTTABILE?

8-PER IL MOMENTO TENGAMOCI QUESTO SENZA SCENARI FUTURISTI,HA INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA E SOLO QUANDO ARRIVEREMO AL PONTE INCROCIEREMO IL FIUME.ED E’  BUONO CHE COSI SI STIA RIVALUTANDO IL VALORE DELL’ULTIMO VOTO,INTERESSA ALLA MINORANZA PD MA ANCHE ALLA DEMOCRAZIA E ALLA NUOVA ERA TUTT’ORA TRIONFANTE.NO AL COLPO NEOLIBERALE.QUELLO DEL TITOLO.

-APPENDICE:E GUARDA COSA ARRIVA DALLA FINE DEL MONDO!!!

Mercopress - South Atlantic News Agency

Martedì, Dicembre 9th 2014 – 23:42 UTC

L’ex sindaco di Roma accusato di riciclaggio ‘bagaglio pieno di soldi’ in Argentina

Un mafioso indagini di corruzione in presunti illeciti per l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, si estendeva tutto il senso attraverso l’Atlantico in Argentina, a seguito di segnalazioni dei media italiani che il politico di destra visitato Patagonia tre anni fa, accompagnato dal figlio, con “valigie piene” di denaro non dichiarato.

Alemanno, un politico di destra, il sindaco di Roma, tra il 2008 e il giugno 2013 è attualmente sotto inchiesta formale per associazione mafiosa e corruzione.

Alemanno, un politico di destra, il sindaco di Roma, tra il 2008 e il giugno 2013 è attualmente sotto inchiesta formale per associazione mafiosa e corruzione.

Presumibilmente Alemanno ha visitato l'Argentina e 'passata la dogana senza dichiarare il denaro', implicando era impegnato nel riciclaggio di denaro o attività illegali.

Presumibilmente Alemanno ha visitato l’Argentina e ‘passata la dogana senza dichiarare il denaro’, implicando era impegnato nel riciclaggio di denaro o attività illegali.

Secondo una registrazione audio ora nelle mani della polizia indagando sul caso, Alemanno riferito trasportato “valigie piene di denaro contante” in Argentina, “evitando i controlli in aeroporto.”Quelli parlando dicono che visitò l’Argentina e passato la dogana senza dichiarare il denaro, il che implica Alemanno era impegnato nel riciclaggio di denaro o attività illegali.

La registrazione audio è stata effettuata il 31 gennaio, all’inizio di quest’anno, quando l’ex vice-capo di Gabinetto di Roma, Luca Odevaine, ha parlato con due presunti complici di Alemanno di una lotta l’allora sindaco aveva con gli uomini di soldi.

Nella conversazione, Odevaine dice Alemanno ha fatto quattro viaggi con “valigie piene di denaro contante” in Argentina. Una persona poi chiede: «E nessuno lo fermò?”

“Passò attraverso una porta riservata,” arriva la risposta. Quelli parlando poi parlare di una strana rapina a casa di Alemanno, che ha coinvolto le persone che “stavano cercando di carta.”

Alemanno, un politico di destra che ha servito come sindaco della capitale italiana tra il 2008 e il giugno dello scorso anno, è attualmente sotto inchiesta formale per associazione mafiosa e corruzione.

La settimana scorsa, la polizia ha perquisito diverse proprietà a Roma, tra cui la casa di Alemanno, sequestrati assests un valore di circa 250 milioni di dollari provenienti da individui e arrestato 37 persone nell’ambito di un’indagine sospetta corruzione, estorsione e pubblici corrotti di lavori. Altri 40 individui si pensa di essere ancora in fase di esame, con il numero di quelli praticati attesi a salire nel corso dei prossimi 12 mesi.

Le autorità hanno detto che l’inchiesta ha rivelato “un ampio e pervasivo struttura mafia” che collega i politici, dirigenti di aziende pubbliche e membri di gruppi di estrema destra a Roma che aveva profondamente infiltrato l’economia della capitale.

Alemanno, ex ministro dell’agricoltura sotto controverso ex premier Silvio Berlusconi, è un leader dei Fratelli di partito Italia-Alleanza Nazionale, una piccola formazione di destra le cui radici risalgono al partito fascista dell’ex dittatore Benito Mussolini.

Alemanno ha ripetutamente negato ogni addebito in quanto l’indagine ha progredito e ieri ha ribadito la sua innocenza, dicendo che le nuove richieste – che sono stati riportati in molti giornali italiani, tra cui il Corriere della Sera e Il Fatto Quotidiano – erano completamente false.

“E ‘una affermazione che è del tutto infondata. Non ho portato i soldi all’estero, né in Argentina “, ha detto.

“Io sono l’unico sindaco di Roma che ha finito per poveri, alla fine del suo mandato di quando ho iniziato, perché ho dovuto vendere una casa e accendere un mutuo per pagare i debiti della campagna elettorale.”, Ha dichiarato in un comunicato rilasciato dal suo staff.

Alemanno ha ammesso alla visita in Argentina, dicendo che il suo viaggio nel paese ha avuto luogo nel corso del nuovo anno del 2011 al 2012, quando ha detto che è venuto al paese con la sua famiglia e un grande gruppo di amici, per andare a visitare i “ghiacciai di Patagonia. ”

http://en.mercopress.com/2014/12/09/former-roma-mayor-accused-of-laundering-suticases-full-of-money-in-argentina

-APPENDICE 2:E CHI DICE N’DRANGHETA DICE LEGA NORD

-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Mafia Capitale, nuovi arresti e sequestri spunta un legame con la ‘ndrangheta
Pignatone: “A Roma operano più mafie”
Il video che prova i rapporti tra Buzzi e i clan
Sardegna,affari coop ’29 giugno’: due fermi
Ombra della ‘cupola’ dietro rivolta Tor Sapienza
di CARLO BONINI
Articoli correlati
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 172 »

5 dicembre 2014
0

5 DICEMBRE 2014:IMU ALL’INGLESA

-SU LE MONDE,Économie:

Le Royaume-Uni veut instituer une « taxe Google »

Le Monde.fr | 04.12.2014 à 08h15 ,Mis à jour le 04.12.2014 à 09h17 | Par Philippe Bernard (Londres, correspondant) et Eric Albert (Londres, correspondance)

.

Abonnez-vous à partir de 1 € Réagir ClasserPartager facebook twitter google + linkedin pinterest
.
Alors que le Royaume-Uni demeure confronté à un déficit public très lourd – il s’élève cette année à 5,3 % du PIB et c’est l’un des plus élevés d’Europe –, le chancelier de l’Échiquier (le ministre des finances), George Osborne a sorti, mercredi 3 décembre, de son chapeau un cadeau préélectoral hautement symbolique dans ce pays obsédé par l’accès à la propriété immobilière : le droit de timbre payé sur les ventes immobilières va devenir plus progressif.

Pour financer ce geste, qui a pour effet de réduire le prix du timbre dans 98 % des transactions, M. Osborne a annoncé au Parlement, lors de son discours d’automne sur la situation économique et budgétaire, que le gouvernement ira chercher de nouvelles rentrées fiscales en visant trois cibles : les banques, les riches étrangers et les multinationales des nouvelles technologies.

En ce qui concerne ces dernières, le gouvernement britannique va introduire une taxe de 25 % sur les profits générés par les multinationales, mais qui sont « artificiellement transférés dans un autre pays ».

M. Osborne vise des entreprises comme Google ou Amazon, très actives au Royaume-Uni mais qui y paient très peu d’impôts en recourant à des mécanismes complexes pour transférer leurs bénéfices hors du pays.

Contours encore flous

« Aujourd’hui, j’institue une taxe de 25 % sur les profits que les multinationales réalisent ici au Royaume-Uni et qu’elles transfèrent ensuite artificiellement hors du pays, a déclaré M. Osborne. Certaines des plus grandes entreprises mondiales, notamment celles du secteur des nouvelles technologies, ont recours à des dispositifs complexes pour se soustraire à l’impôt. Nous allons faire en sorte que les grandes multinationales paient leur part. »

Cette sorte de « taxe Google » devrait, selon le Trésor, rapporter plus de 400 millions d’euros par an. Mais elle a encore, à ce stade, des contours très flous. Comment identifier l’argent transféré « artificiellement » ?

Certains fiscalistes soupçonnent que cette annonce ne soit en fait qu’une façon de préempter les grandes réformes internationales en cours, notamment la future obligation pour les entreprises de publier leurs bénéfices pays par pays.

Propositions européennes

Cette initiative britannique survient alors qu’au niveau européen les choses « bougent ». Dans une lettre datée du 28 novembre, adressée au commissaire européen aux affaires économiques et financières, à la fiscalité et à l’union douanière, Pierre Moscovici, Paris, Berlin et Rome proposent la mise en place d’une directive européenne anti-optimisation fiscale pour 2015.

Lire aussi : Optimisation fiscale : Paris, Berlin et Rome pressent Bruxelles d’agir

Les gouvernements français, allemand et italien proposent de mettre en œuvre rapidement le plan d’action anti-optimisation fiscale préconisé par l’OCDE (Organisation de coopération et de développement économiques).

Mandaté par le G20 (les vingt pays les plus puissants), l’OCDE a élaboré quinze mesures pour lutter contre les pratiques d’évasion fiscale agressives, qui privent les États, chaque année, de dizaines de milliards d’euros de recettes fiscales. La moitié d’entre elles a déjà été adoptée lors du sommet du G20 en Australie, les 15 et 16 novembre. L’autre doit l’être fin 2015.

Lire aussi : « Vite mettre fin aux déficiences des règles de la fiscalité internationale »

 Philippe Bernard (Londres, correspondant)

Correspondant au Royaume-Uni Suivre Aller sur la page de ce journaliste Suivre ce journaliste sur twitter

Eric Albert (Londres, correspondance),Journaliste au Monde

En savoir plus sur

http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/12/04/le-royaume-uni-veut-instituer-une-taxe-google_4533882_3234.html#47qPmylgWqiGPRzB.99

http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/12/04/le-royaume-uni-veut-instituer-une-taxe-google_4533882_3234.html

REAZIONE:ALLORA L’IMU LO PAGHI IL SIGNOR SCHMIT,ERIC

Immagine anteprima YouTube

5 DICEMBRE 2014:NO AL CAPITALISMO SELVAGGIO

SU COURRIER INTERNATIONAL

ITALIE Renzi fait adopter une réforme du travail controversée
Mercredi 3 décembre, le Sénat italien s’est prononcé en faveur du Jobs Act, une réforme du marché du travail orientée vers plus de flexisécurité voulue par le gouvernement de Matteo Renzi.
Courrier international
Lucie Geffroy
4 Décembre 2014
A Rome, des manifestants protestent contre la réforme du marché du travail, adoptée au sénat italien le 3 décembre - AFP / Filippo MONTEFORTE
A Rome, des manifestants protestent contre la réforme du marché du travail, adoptée au sénat italien le 3 décembre – AFP / Filippo MONTEFORTE
“Nous avons enlevé l’article 18, quelque chose d’énorme vient d’arriver, l’Italie change […]. C’est un jour historique”, a déclaré, euphorique, Matteo Renzi après l’adoption par le Sénat du Jobs Act, mercredi 3 décembre.La modification de l’article 18 du Code du travail italien, qui protège les salariés des entreprises de moins de 15 employés en cas de licenciement abusif, était au cœur des débats – même s’il ne concerne en réalité que quelques miliers de salariés. Cet article, que plusieurs présidents du Conseil avaient tenté de supprimer, était devenu le symbole du changement affiché par Matteo Renzi. Dans les faits, la réforme remplace l’obligation de réintégration des salariés licenciés par une indemnisation.

Globalement, le texte introduit un système de flexisécurité. Il prévoit des incitations fiscales pour les employeurs proposant des contrats à durée indéterminée, mais facilite les possibilités de licenciement les trois premières années de l’embauche, les fameux contrats à “protection croissante”. Il simplifie les contrats de travail (particulièrement nombreux et divers en Italie) et permettra une réorganisation profonde des centres pour l’emploi, explique Il Post.

La “pilule amère”, comme l’économiste Andrea Fumagalli qualifie le Jobs Act, a toutefois du mal à passer. Plusieurs économistes de renom ont mis en doute l’impact qu’il pourrait avoir sur la courbe du chômage. Depuis plusieurs mois, la réforme est contestée (des amendements ont d’ailleurs été proposés pour en tenir compte), notamment par l’aile gauche du Parti démocrate et par les principaux syndicats de travailleurs.

Le jour du vote au Sénat, des manifestations étaient organisées à Rome, qui ont été émaillées de heurts avec la police, rapporte Panorama. Renzi devra donc composer avec cette contestation sociale dans les semaines et les mois à venir.

Courrier international
Lucie Geffroy
4 Décembre 2014

http://www.courrierinternational.com/article/2014/12/04/renzi-fait-adopter-une-reforme-du-travail-controversee

REAZIONE:VERGOGNA CHE L’ITALIA ABBIA ADOTTATO LE STESSE REGOLE DEL LAVORO CHE IL TERZO MONDO.

CHIARIMENTO:QUALCUNO CHE MI HA LETTO SU QUESTO ARGOMENTO PENSERA CHE IO SONO UN “LOTTATORE SOCIALE” E STO DALLA PARTE DEI SINDACATI.

NIENTE DEL GENERE,IO SONO UN LIBERO PROFESSIONISTA,OGGI FELICEMENTE RETIRATO,E NON HO MAI LAVORATO SOTTO PPADRONE,NE HO MAI FORMATO PARTE DI NESSUN SINDACATO.E COME LIBERO PROFESSIONISTA NON SOLO HO AVUTO SEMPRE CARICHE DI  RESPONSABILITA (DIRETTORE TECNICO)CON PERSONALE A MIO CARICO MA SONO ANCHE STATO IMPRENDITORE,AD ESSEMPIO QUANDO HO FORMATO UNA ECHIPPE DI PSICOLOGHI IMPIEGATI MIEI,PER CREARE LA TELEMEDICINA.

QUINDI SONO STATO UN PROFESSIONISTA LIBERALE PIU TOSTO DI SUCCESSO PADRONE DI SE STESSO E NON SOLO, E LA MIA OPINIONE RIGUARDO ALLA FLESIBILIZAZIONE HA RAPPORTO CON UNA POSIZIONE DI PRINCIPIO:VORREI RISPARMIARE AGLI ITALIANI ADOTTARE MISURE DI LAVORO SELVAGGI E CADERE NELLA MISERIA MORALE E SOCIALE DEL TERZO MONDO.COSA CHE ORA STA SUCCEDENDO PER CAUSA DI QUESTO GOLPE DELLE LARGHE INTESE ALLA SUDAMERICANA FATTE DA IDEOLOGIE PERDENTI APPARTENIENTI  AL PASSATO LONTANO  COME SONO GLI EX COMUNISTI OGGI CONCENTRATI,AMMUCHIATI NEL PD,E I CONSERVATORI NEOLIBERALI DI BERLUSCONI(POST-MODERNISMO MEDIEVALE),CIO’E’ IL COSIDETTO CATO-COMUNISMO.
PURTROPPO NON HO NESUNISSIMA PREOCUPAZIONE PER QUESTO JOB ACT:LA DELEGA NON SARA MAI ATTUATA,TRA L’ALTRO PERCHE RENZI NON DURERA,CADE.

PD:CHIARISCO ANCORA CHE QUESTA ECHIPPE DI IMPIEGATI COSI COME I MIEI SOCI IMPRESARI CAPITALISTI  DI ALLORA NON HANNO AVUTO NE AVRANNO MAI ALCUN TIPO DI PARTECIPAZIONE NELL’ELAVORAZIONE TEORICA NE NELL’ORGANIZAZZIONE DEL LAVORO TECNICO.

PD:7 DICEMBRE 2014:VOLETE SAPERE DI PIU ORA?

ENTRAMBI LE PARTI,IMPRENDITORI E IMPIEGATI(MIEI) CHE PERSEGUIVANO PIU CHE ALTRO FINE DI LUCRO E CON QUI IO NON AVEVO TRATTO PREVIAMENTE(MI SONO STATI PRESENTATI DA UN CONOSCENTE COMUNE GLI EMPRESARI ED ERANO SUBALTERNI MIEI IN UN SERVIZIO MEDICO DOVE PER CASO COINCIDEVAMO DA POCO TEMPO IN DIETRO,OLO GIORNI,I PSICOLGHI) A UN CERTO PUNTO SUL FINIRE DEL LAVORO MA NON ANCORA CONCLUSO DECISERO DOPO UNA RIUNIONE DOVE IO NON HO PARTECIPATO CHE L’ESPERIENZA ERA ECONOMICAMENTE FALLIMENTARE SECONDO LE LORO ASPETTATIVE E LA DAVANO PER CONCLUSA UNILATERALMENTE CONTINUANDO INSIEME IN ALTRI IMPRENDIMENTI SENZA LA MIA PARTECIPAZIONE.NON SENZA PRIMA SPARTIRE IN MODO OMNIMODO IL MATERIALE SCRITTO GENEARTO AL LUNGO DEL LAVORO E CONSEGNADOME SOLO LA META DEI DATI.DECISE QUERELLARLI E I MIEI AVVOCATI PREVEDENDO UN LUNGO,FATICOSO E ONEROSO LITIGIO MI PROPOSERO PER ACCORCIARE I TEMPI UNA FORMULA DI CONSENSO:ACETTARE IO UN RUOLO DI IMPIEGATO(QUANDO ERO SOCIO IDEOLOGO E PROMOTORE DELL’INIZIATIVA)A CAMBIO DI UA SOMMA DI DENARO A CONVENIRE.HO DETTO CHE SOLO ACETTAVA SE L’ACCORDO INCLUDEVA UNA CLAOSOLA DOVE ENTRABI,IMPRESARI E IMPIEGATI SI COMPROMETTEVANO A NON USARE IL MATERIALE TEORICO-TECNICO O CONTINUARE CON LA MIA INIZIATIVA DA QUI IO ERA OLTRE AL FAC TOTTUM ILPOSSIEDENTE DELLA PROPIETA INTELLETUALE.NON ACETTARONO E NON SE NE FECE PIU NULLA.CERTO STO PARLANDO SOLTANTO DELLA TELEMEDICINA E NON DELLA NUOVA ERA DELLE TECNOLOGIE DELLE TELECOMUNICAZIONI CHE E’ BEN PIU GRANDE DI ESSA E CHE ALLORA NON ESSISTEVA COME NON ESSISTEVANO I MIEI LIBRI,LA PRESENTAZIONE DELLE MIE TEORIE IN TANTI FORI COME MICROSOFT E L’ONU AD ESEMPIO E LA DIFUSSIONE DELLA MIA OPERA IN TANTI IMPORTANTI ISTITUZIONI SCIENTICICHE E CULTURALI,NE LA DIFUSSIONE INTERNET E TANTO ALTRO.TUTTO QUESTO E IL  RESTO E’ STORIA CONOSCIUTA DA VOI E GIA ABBONDANTEMENTE PUBBLICATA E DOCUMENTATA NEL MIO POST MISCELANEA.ORA HO FATTO SOLO UN RIASSUNTO.

DOPO QUEL MOMENTO(DECADE DEL NOVANTA DEL SECOLO SCORSO) NON HO PIU AVUTO CONTATTI CON LORO,E NATURALMENTE,NON ESSISTE LA POSSIBILITA DI NE MENO CONFUSIONE CON ESSI.TUTTO QUESTO ACCADEVA IN UN PESE CHE NON E’ L’ITALIA FUORI DELL’EUROPA E L’UNIONE EUROPEA CHE ALLORA NON ESSISTEVA.

-

5 DICEMBRE 2014:ALFANO DEFFICENTE,OSSEQUENTE E BUGGIARDO

-SU LA STAMPA:

Migranti, l’Onu: “Dall’Europa risposta inadeguata Senza Mare Nostrum avremo migliaia di morti”

Salvate 76 persone che viaggiavano su un gommone a 150 miglia a sud di Lampedusa. Primo caso dall’inizio dell’operazione «Triton». Sul posto una nave della Marina militare
ANSA

Migranti alla deriva su un gommone
05/12/2014
I cadaveri di 18 immigrati sono stati recuperati da motovedette della Guardia costiera che, con l’intervento anche della nave «Etna» della Marina militare, hanno soccorso altri 76 migranti che viaggiavano su un gommone nel Canale di Sicilia, a 40 miglia a Nord di Tripoli e 150 miglia a Sud di Lampedusa.

È il primo naufragio da quando è iniziata l’operazione europea «Triton» ed è finita quella italiana «Mare nostrum». In zona proseguono le ricerche di eventuali dispersi. Le motovedette CP302 e CP309 sbarcheranno le salme a Porto Empedocle (Agrigento). Altre due imbarcazioni cariche di extracomunitari sono state assistite in queste ore da navi della Marina. La «Driade» ha prelevato 100 persone e la «Cigala Fulgosi» altre 102.

L’ONU: “DALL’ITALIA RISPOSTA CORAGGIOSA”

«La risposta del Governo italiano all’emergenza emigrazione, è stata coraggiosa e audace, nonostante il dissenso di chi si è detto reticente a destinare 9 milioni di euro al mese alle operazioni di soccorso in mare in un momento di forte disoccupazione e crisi economica», ha commentato il relatore speciale dell’Onu, Francois Crepeau. «Per quanto necessaria, Frontex – ha aggiunto – è una risposta insufficiente quando sono in gioco così tante vite umane». «L’operazione Triton di Frontex si limiterà a difendere la frontiera marittima italiana. Senza un’operazione come Mare Nostrum c’è il timore che l’estate prossima migliaia di persone continueranno a morire».

http://www.lastampa.it/2014/12/05/italia/cronache/naufragio-nel-canale-di-sicilia-migranti-morti-KD0IfgtRgm8ayvLqAyzegP/pagina.html

REAZIONE:LA STAMPA MENTE:

1-MARE NOSTRUM NON  MAI STATO UNA OPERAZIONE ITALIANA MA ITALO-FRANCESE,DELLA MARINA MILITARE DI ENTRAMBI PAESI.

2-TRITON NON E’ UNA OPERAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA.E’ STATO SOLO UNA SPECIE DI BOZZA,SUGERIMENTO SENZA FONDI CHE L’UNIONE EUROPEA NON HA MAI CHIESTO ALL’ITALIA DI ADOTTARLA.

3-CONDIVIDO L’OPINIONE DELL’ONU E SE SI E’ ARRIVATO A QUESTA OPERAZIONE,QUESTA SI ITALIANA,E’ STATO PER LA TESTARDAGINE E IL SENSO ULTRANAZIONALISTA DEL PARASITA POLITICO(GALLEGIA FRA LISTE E LISTE SENZA VOTI PROPIE)ALFANO.NON POTEVA ESSERE ALTRIMENTI,CONTINUA AD ESSERE UN OSSEQUENTE DI BERLUSCONI:QUESTA DEL COLONIALISMO FRANCESE E’ UN VECCHIO MONITO SUO.RIDICOLO.

-

5 DICEMBRE 2014:ANCHE COLORIMETRO

-TITOLARE LE MONDE.

Lors d'une manifestation à Webster Grove (Missouri) , le 2 décembre, après la décision du grand jury de ne pas poursuivre le policier responsable de la mort de Michael Brown, le 9 août 2014. Sur la pancarte : "La vie des Noirs compte".

Les drames de Ferguson et de New York relancent l’idée d’équiper les policiers de caméras
REAZIONE:NON LI VOGLIO SCHIAVI DELLA TECNOLOGIA,EPPURE HO UNA IDEA MIGLIORE:DOTARE I POLIZZIOTI BIANCHI DI COLORIMETRO.
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#mpk1Qyub6yKAYlPg.99
-
6 DICEMBRE 2014:PILLOLE

1-TITOLARE SU LE FIGARO:
Logements sociaux à Paris : l’UMP en guerre contre Hidalgo

La volonté municipale de préempter des appartements provoque un séisme à droite.

2-TITOLARE SU LE FIGARO:
Le gouvernement renonce à augmenter le prix des cigarettes

Les paquets devaient augmenter de 30 centimes en 2015, mais ce ne sera finalement pas le cas. D’autre part, les hausses ne seront dorénavant plus automatiques.

3-TITOLARE SU LE FIGARO:

Les députés votent l’interdiction de l’achat de tabac par internet

Les acheteurs seront passibles d’une peine de prison pouvant aller jusque cinq ans ferme pour trafic par voie organisée.

4-TITOLARE THE TELEGRAPH:

More news headlines»

President Barack Obama, left, and first lady Michelle Obama, right, meet with Britain's Prince William and the Duchess of Cambridge, second left, at Buckingham Palace in London
Prince William recruits Obama to help fight illegal wildlife trade

Duke of Cambridge will make his first visit to the White House on Monday

*Inside William and Kate’s luxury New York hotel

TRADUZIONE:Altri titoli di notizie »
presidente Barack Obama, a sinistra, e la first lady Michelle Obama, a destra, si incontrano con Il principe William e la Duchessa di Cambridge, seconda a sinistra, a Buckingham Palace a Londra
principe William recluta Obama per aiutare a combattere commercio illegale della fauna selvatica
Duke of Cambridge farà la sua prima visita alla Casa Bianca il Lunedi
*All’interno William e hotel di lusso di New York Kate

5-TITOLARE THE TELEGRAPH:

Recommended»

Exclusive: Ferrari's new Sergio

Exclusive: Ferrari’s new Sergio

Luxury»

 

First glimpse of Ferrari’s Sergio

Meet Ferrari’s newest model, named after the founder’s son and estimated at around €2.5million

TRADUZIONE:Luxury »
primo scorcio di Sergio Ferrari
nuovo modello di raduno Ferrari, dal nome il figlio del fondatore e stimato in circa € 2,5 milioni

6-TITOLARE SU THE WASHINGTON TIMES:

Former President George W. Bush discusses his new book "41: A Portrait of My Father" at his father's George H.W. Bush Presidential Library, Tuesday, Nov. 11, 2014, in College Station, Texas. (AP Photo/Pat Sullivan)
George W. Bush weighs in on Eric Garner death: ‘How sad’
By Cheryl K. Chumley – The Washington Times
Read more: http://www.washingtontimes.com/#ixzz3L5ZUu42d
Follow us: @washtimes on Twitter
TRADUZIONE:GEORGE W BUSH PESA SULLA MORTE DI ERIC GARNER:CHE TRISTEZZA.

-SU THE WASHINGTON TIMES

World
Prince William to visit Obama, White House on Monday
REAZIONE:CONTRO IL CONTRABANDO DI ANIMALI SEVAGGI
-

-SU THE WASHINGTON TIMES:MICCI….CA CHE IMBARAZZO!!!!
.
-SU THE WASHINGTON TIMES:
.
Jenna Bush ammette di avere fatto ‘panky hanky’ sul tetto della Casa Bianca

Jenna Bush Hager scherzosamente  ha ammesso Mercoledì notte che ha preso parte ad alcune “panky hanky” in cima al tetto della Casa Bianca quando era adolescente. (Bravo via Gawker) altro>

By Jessica Chasmar – The Washington Times – Giovedi, December 4, 2014

Jenna Bush Hager scherzosamente ammesso Mercoledì notte che ha preso parte ad alcune “panky hanky” in cima al tetto della Casa Bianca quando era adolescente.

In un’intervista spensierata su Bravo di “Watch What Happens Live”, la signora Hager , ora 33, è stata riservata in un primo momento quando gli viene chiesto se ha mai ingannato intorno alla Casa Bianca, quando suo padre, George W. Bush, è stato presidente.

“Ascolta, una signora non parla mai”, ha detto in un primo momento, alla fine ammette di aver fatto un un po  di ‘panky hanky” quando aveva 19, Gawker ha riferito .”Forse c’e stato un piccolo bacio sul tetto”, ha aggiunto.

Mrs. Hager, che ha una gemello fraterna, Barbara Pierce Bush,ha anche difeso Sasha e Malia Obama da recenti critiche , dicendo che è “ferocemente protettiva” delle prime figlie.

“Sono ferocemente protettiva di loro, ovviamente. Non è facile, e non è un lavoro che volevano. E così è difficile! Voglio dire che, ovviamente, eh,hanno avuto un momento difficile. Ma è anche un privilegio. Quindi voglio dire … che hanno fatto un lavoro incredibile, “ha detto.

http://www.washingtontimes.com/news/2014/dec/4/jenna-bush-admits-to-hanky-panky-on-white-house-ro/
Immagine anteprima YouTube
-
*6 DICEMBRE 2014:VITTORIA SEPARATISTA IN EST UKRANIA
.
-TITOLARE NEWS GOOGLE:
Ucraina, Putin apre a un nuovo cessate il fuoco a est
AGI – Agenzia Giornalistica Italia  - ‎1 ora fa‎
(AGI) – Mosca, 6 dic. – Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di auspicare un nuovo accordo per un cessate il fuoco in Ucraina dell’Est, dopo la visita a Mosca oggi dell’omologo francese Francois Hollande. Il leader del Cremlino ha riferito ai giornalisti di …
Putin esorta a ritirare l’artiglieria dalla linea di contatto nel Donbass
-LA NOTA COMPLETA:
Ucraina, Putin apre a un nuovo cessate il fuoco a est
 9:07 06 DIC 2014
(AGI) – Mosca, 6 dic. – Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di auspicare un nuovo accordo per un cessate il fuoco in Ucraina dell’Est, dopo la visita a Mosca oggi dell’omologo francese Francois Hollande. Il leader del Cremlino ha riferito ai giornalisti di aver discusso “dettagliatamente” della crisi Ucraina nell’incontro a porte chiuse coni Hollande all’aeroporto di Vunukovo-2 e ha assicurato che la Russia sostiene l’integrita’ territoriale dell’Ucraina. Allo stesso tempo, ha accusato sia le autorita’ di Kiev, che i rappresentanti delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk di “non rispettare pienamente” gli accordi di Minsk.

http://www.agi.it/ultime/notizie/articoli/ucraina_putin_apre_a_un_nuovo_cessate_il_fuoco_a_est-201412061907-est-rom0041

.
-REAZIONE:LA NUOVA ERA SI PRENDE DONESTK,LUGHANS.TERRITORIO LIBERATO DALLE FAUCE DEL NEOLIBERALISMO,PUTIN APRE E MINSK RESISTE.CRIMEA L’HA GIA PRESO  IN NOME DELLA NUOVA ERA,DIMITRI MEDVEDIEV.
LE PRESSIONI ECONOMICHE OCCIDENTALI E IL CALO DEL PREZZO DEL PETROLEO HANNO DATO I SUOI FRUTTI.
EVITATA LA GUERRA FREDDA.
ASEM INIZIA A DILAGARSI.
Immagine anteprima YouTube
-
*6 DICEMBRE 2014:VAUQUIEZ SECRETARIO GENERALE DEL PARTITO DI SARKOZY
-TITOLARE LE MONDE:
.
Le nouveau secrétaire général de l'UMP, Laurent Wauquiez, 39 ans, est député de Haute-Loire.
Wauquiez nommé secrétaire général de l’UMP

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#xLltbH0lZzlWZ3Qj.99

-

7 DICEMBRE 2014:FILIPPINE SOTTO AQUE

-TITOLARE BBC:

Sunday, 7 December

Filipino residents wade on floodwater in Borongan city, Samar island, Philippines, 07 December 2014
Typhoon sweeps across PhilippinesClose to a million people take shelter as Typhoon Hagupit sweeps across the Philippines, toppling trees and threatening coastal areas.

TRADUZIONE:Domenica, 7 dicembre

FOTO:residenti filippini guardano in acqua dell’alluvione in città di Borongan, sull’isola Samar, Filippine.

7 dicembre 2014 spazia Typhoon spazia tutta  le Filippine
Vicino a un milione di persone si rifugiano quando il tifone Hagupit spazia attraverso le Filippine, rovesciando alberi e minacciando le zone costiere.

REAZIONE:MAMMA MIA CHE URUAGANO!!!!

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 171 »

28 novembre 2014
0

28 NOVEMBRE 2014:FRAUDE ELETTORALE

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Milano, firme false per la lista Formigoni: 2 anni e 9 mesi a Podestà
La Repubblica  - ‎11 minuti fa‎
Milano, firme false per la lista Formigoni: 2 anni e 9 mesi a Podestà. Sospeso dai pubblici uffici. Nel processo oltre al presidente della Provincia sono imputati altri 4 consiglieri di Palazzo Isimbardi. L’accusa aveva chiesto una pena di 5 anni e 8 mesi.
-
REAZIONE:ROBERTO FORMIGONI,SOCIO DI CARLO DACCO NELLA SUA ISTITUZIONE DI “BENEFICENZA” PER LE TANGENTI E DEVIAZIONE DI DENARO(VACANZE NEI CARAIBI),HA VOTATO MARONI ALLE REGIONALI LOMBARDE ULTIME.ELEZIONI ANTICIPATE VOLUTE E ORGANIZZATI DA LUI STESSO PER PASSARLI LA POSTA A MARONI(ROBERTO ANCHE)DOPO DEI GIOCHETTI POLITICI DI ULTIMA ORA.PERO HA RITENUTO PER SE LE REDINE DELLA EXPO 2015.
PURTROPPO NEI COMUNI DI LECCO, LOMBARDIA NON CI SONO SOLDI PER DARE TETTO E SOSTEGNO MINIMO AGLI ITALIANI IN DIFFICOLTA.
-APPENDICE:
-SU “103 FM RADIO LOMBARDIA”
NEWS

27-11-2014 12:32

Expo, 6 patteggiamenti

Il gup di Milano ha accolto oggi le richieste di patteggiamento avanzate da 6 imputati, e già concordate con i pm, nell’ambito dell’inchiesta sulla ‘Cupola degli appalti’. Tra queste, la pena a 3 anni e 4 mesi per l’ex Dc Gianstefano Frigerio, e a 3 anni, oltre a un risarcimento di 10 mila euro, per l’ex Pci Primo Greganti.

Accolte anche le richieste di patteggiamento avanzate dall’ex senatore del Pdl Luigi Grillo, presente oggi in tribunale, a 2 anni e 8 mesi di carcere e al risarcimento di 50 mila euro, dell’imprenditore Enrico Maltauro a 2 anni e 10 mesi, dall’ex esponente ligure dell’Udc-Ndc Sergio Catozzo a 3 anni e 2 mesi, e dall’ex manager di Expo Angelo Paris a 2 anni, 6 mesi e 20 giorni e al risarcimento alla stessa Expo 2015 di 100 mila euro.

I sei sono accusati di associazione per delinquere, corruzione e turbativa d’asta, in relazione in particolare ad alcuni appalti legati all’esposizione universale come quello di architettura dei servizi.

http://www.radiolombardia.it/rl/news.do?id=56438
REAZIONE:QUESTI HANNO COLLABORATO CON LA GIUSTIZIA.PER DIRE LA VERITA IL PRIMO A TOGLIERLI IL CARCERE DURO(NON GLIELO DESIDERO A NESSUNO,IO SONO PSICHIATRA) E’ STATO ANGELO PARIS, QUINDI E’ STATA CORRETTA LA CARTELLA E CONCESSO I DOMICILIARI.
MI ATTENDO L’ESSITO SUL LAVORO  CHE LA GIUSTIZIA STA FACENDO DISCRETAMENTE SU FINMECCANICA,MOSE, INFRASTRUTTURE LOMBARDE,AUTOSTRADE,SANITA,ECC.
PARTICOLARMENTE MI ATTENDO GIUSTIZIA SULL’AFFAIRE DELLA ISTAURAZIONE DELLA TELEMEDICINA NELLA SANITA LOMBARDA.
.

28 NOVEMBRE 2014:PRETENDONO ESSERE RISPETTATI
-SU LA REPUBBLICA:
“Vogliamo essere rispettati”ecco la Woodstock degli atei
Il raduno a Washington: “Pregiudizi contro di noi”. Per i giornali è stata la più grande manifestazione di non credenti nella storia. Gli organizzatori: “34 milioni di americani non aderiscono ad alcuna religione, il 15% della popolazione” dal nostro inviato FEDERICO RAMPINI
Lo leggo dopo

"Vogliamo essere rispettati" ecco la Woodstock degli atei

La manifestazione a Washington

SAN FRANCISCO – “Vogliamo che siano rispettati i nostri diritti costituzionali, siamo cittadini americani come gli altri”. Lo slogan si alza – compostamente – da una piccola folla che si è radunata nonostante la pioggia, nella vasta spianata del National Mall di Washington, tra il Congresso e la Casa Bianca. Non è una minoranza etnica, non sono gay. E’ il Reason Rally, il Raduno della Ragione. L’hanno battezzato anche la Woodstock degli atei. “La più grande manifestazione di non credenti nella storia” l’ha annunciata pomposamente il Washington Post.

L’America osserva incredula. Va bene i gay, ma ora perfino gli atei osano venire “out of the closet”, fuori dall’armadio, ribellandosi alla clandestinità? Non è certo un raduno oceanico, ma un paio di migliaia di persone hanno davvero osato l’impensabile, indossando impermeabili e galosce, per ascoltare i comizi dei maitres-à-penser dell’ateismo.

C’è Richard Dawkins, scienziato biogenetico autore dei celebri saggi “Il gene egoista” e “L’illusione di Dio”. C’è l’astrofisico Lawrence Krauss rinomato per i suoi studi sull’origine dell’universo. C’è una rockband, Bad Religion, che fa onore al suo nome.

Per David Niose, promotore della manifestazione nonché presidente dell’Associazione americana umanisti, la “questione atea” è cosa seria. “L’American Religious Survey – osserva Niose – che è il più accurato censimento delle credenze religiose, stima a 34 milioni gli americani che non aderiscono ad alcuna religione, cioè il 15% della popolazione. Hanno un orientamento politico prevalente: atei, agnostici e non-credenti hanno votato per il 75% in favore di Barack Obama nel 2008. Poche constituency sono così compatte. Eppure anche i politici di sinistra li ignorano”.

Il grido di dolore è comprensibile. Dal 1980, da quando Ronald Reagan fece della Moral Majority il fulcro della forza conservatrice, la destra si è identificata sempre più strettamente con le correnti religiose integraliste; ma anche i politici democratici hanno cercato di corteggiare i fedeli. Dal predicatore Jimmy Carter, a Bill Clinton e Barack Obama, ogni presidente democratico ha dato prove pubbliche della propria religiosità.

L’America ha già eletto un cattolico di origini irlandesi (John Kennedy), il primo presidente nero della storia, e quest’anno potrebbe anche eleggere un mormone, Mitt Romney, esponente di una chiesa che fino a non molto tempo fa esaltava la poligamia. A livello locale e parlamentare, molti politici gay ormai professano apertamente la propria omosessualità. Solo per un ateo forse sarebbe impossibile candidarsi alla Casa Bianca.

Al Raduno della Ragione un solo parlamentare ha osato farsi vedere: Pete Stark, democratico californiano. Poca cosa rispetto alla schiera di politici repubblicani che si fanno sostenere dai pastori evangelici nei comizi elettorali. Ma anche la sinistra radicale ha le sue alleanze di ferro con la religione: da Martin Luther King ai suoi seguaci odierni Jesse Jackson e Al Sharpton, la politica afroamericana è quasi “in appalto” a pastori protestanti. La marcia degli atei per farsi accettare è tutta in salita.

Alla Woodstock atea è intervenuto Nate Phelps, figlio del famigerato pastore della Westboro Baptist Chrch. Il padre Fred va ai funerali dei militari con striscioni che dicono “Dio li ha voluti morti per castigare l’America dei suoi peccati. Dio odia i froci” (sic). Nate Phelps, ateo, si batte per “vincere il terribile pregiudizio secondo cui chi non crede in Dio non ha una morale”. Se davvero la religione bastasse a renderci migliori, osserva Niose, “perché l’America ha le diseguaglianze sociali più estreme della sua storia?”.

(26 marzo 2012)RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.repubblica.it/esteri/2012/03/26/news/woodstock_atei-32207304/?ref=HREC1-4
REAZIONE:IO NON CONDIVIDO QUESTO RADUNO NE ADERISCO AL TONO DEL RICHIAMO:NON CREDO A QUESTI NUMERI  NE A QUESTO ANALISI DELLE CRESCENTE PREFERENZE RELIGIOSI DELLA CLASE DIRIGENTE, NE ALL’ADESIONE DEGLI ATEI A OBAMA,CHE ATEO NON E’.CREDO CHE LA RAGIONE E L’AGNOSTICISMO SIANO MOLTO PIU DIFUSI E CHE IL SUO PROTAGONISMO TANTO NELLA CONSTRUZIONE DEL PAESE COME NELLE SUE FORZE VIVE SIA MOLTO PIU ESTESA DI QUANTO CI DICE QUESTA NOTA.IL PENSIERO AGNOSTICO E’ IL MAGGIORITARIO NEL MONDO.

E BENE,PERCHE IL PENSIERO MAGGIORITARIO,DOMINANTE,EGEMONICO DEL MONDO MODERNO DEVE CHIEDERE PERMESSO DI FRONTE ALLE PRETESE DEL PENSIERO RELIGIOSO? FANATISMO?INTOLLERANZA DELLE MINORIE?FORSE LA RISPOSTA DEVE CERCARSI ANCHE FRA I PROPI ATEI?
QUELLO DEL TITOLO.NO AL MEDIOEVO EH….NIENTE DEMONIZAZZIONI.
-APPENDICE:IPOCRESIA,SETE DI POTERE
29 NOVEMBRE 2014
1-TITOLARE SU BBC:
Pope Francis in Ankara 28 November 2014

Pope call to combat fanaticism
2.TITOLARE SU LA REPUBBLICA:
Papa Francesco in Turchia: "Stessi diritti per musulmani, ebrei, cristiani"

Papa Francesco in Turchia: “Stessi diritti per musulmani, ebrei, cristiani”
Immagine anteprima YouTube

29 NOVEMBRE 2014:TELECOMUNICAZIONI,NO A FALSE CONTROVERSIE

-SU LA REPUBBLICA:

Caso Google, ora gli Usa temono l’Europa

Caso Google, ora gli Usa temono l'Europa

l “Wall Street Journal” dà voce ai timori della Silicon Valley: l’Antitrust Ue vuol colpire le aziende digitali americane. Coinvolti anche Amazon, Facebook e Apple dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI

18
LinkedIn
0
Pinterest

NEW YORK – Sarà la vecchia Europa a mettere seriamente in difficoltà i Padroni della Rete? Le offensive più temibili contro i nuovi monopolisti dell’economia digitale arrivano dal Vecchio continente. Anche perché l’Europa non ha campioni nazionali da difendere in questo settore, e quindi i suoi governi e le sue istituzioni federali sono più sensibili agli interessi del consumatore.

Il Wall Street Journal dà voce alle preoccupazioni della Silicon Valley, con un titolo in prima pagina: “L’Europa prende di mira le aziende digitali americane”. I terreni di questa offensiva sono molteplici, si va dalle accuse di elusione fiscale alle iniziative per la tutela della privacy (“diritto all’oblìo”) per finire con le procedure antitrust. Su quest’ultimo terreno l’Europa ha dei precedenti illustri. Fu la Commissione Ue ad assestare un colpo al semi-monopolio di Microsoft quando il responsabile della concorrenza era Mario Monti. Anche a quell’epoca, gli americani videro in quell’offensiva una sorta di complotto anti-Usa: sta di fatto che l’Antitrust di Washington era stato fin troppo timido nei confronti del colosso di Bill Gates.

Oggi una procedura analoga dell’Antitrust europea potrebbe colpire il potere semi-monopolistico di Google e forse smantellarlo: se passasse il principio della “neutralità delle piattaforme”, caro soprattutto alla Francia, Google sarebbe costretta a facilitare l’uso di motori di ricerca diversi dal suo. In generale quello che il Wall Street Journal mette in risalto è una convergenza di iniziative tra i due maggiori Stati membri dell’Unione, Germania e Francia, insieme con le azioni promosse dall’Europarlamento: quest’ultimo ha preso in esame una risoluzione che “scioglierebbe” i motori di ricerca dagli altri servizi offerti dai padroni della Rete (o come vengono chiamati a Parigi “les Gafas”, plurale dell’acronimo che sta per Google Apple Facebook Amazon).

La questione dell’elusione fiscale è emblematica delle differenze tra Usa e Ue. In realtà fu il Congresso di Washington ad aprire per primo una indagine sul comportamento fiscale di questi colossi. Memorabile fu l’audizione di Tim Cook, chief executive di Apple, nel corso della quale i parlamentari divulgarono dati scandalosi: l’azienda fondata da Steve Jobs sfrutta ogni possibile cavillo delle legislazioni fiscali per spostare i suoi profitti da un paese all’altro. Alla fine la massima parte dei profitti viene fatta “figurare”, in modo del tutto artificioso, a capo delle filiali irlandesi, con fisco più generoso. La pressione fiscale effettiva che Apple subisce sui propri profitti è dello 0,2% secondo le conclusioni di quell’indagine parlamentare.

Le sedute del Congresso Usa ebbero grande pubblicità e risonanza. Poi però non se ne fece nulla. Perché? I Padroni della Rete qui a casa loro sono quasi inattaccabili. La destra, che ha la maggioranza al Congresso, è per principio contraria ad ogni aumento di pressione fiscale sulle imprese. I democratici a loro volta sono i beneficiari delle generose donazioni elettorali della Silicon Valley, da sempre “liberal” e progressista su temi come l’ambiente e i matrimoni gay. Ecco perché alla fine è più probabile che la lotta all’elusione fiscale dei monopolisti digitali faccia qualche passo avanti nella Ue, dove il loro potere di condizionamento è meno forte. Se ne sono resi conto i vertici di Google: il presidente Eric Schmidt e il chief executive Larry Page di recente hanno moltiplicato i loro viaggi “diplomatici” a Bruxelles, Berlino e Parigi, per intensificare un attività di lobbying fin qui non abbastanza efficace.

http://www.repubblica.it/economia/2014/11/29/news/caso_google_ora_gli_usa_temono_l_europa-101679456/?ref=HRER2-1

REAZIONE.NON DARE ASCOLTO A DRAMATICI VOCI ALLARMISTE NE DIVISIONISTI,NON E’ AFATTO VERO NE L’ALLARMISMO DI WALL STREET NE L’ANALISI DI QUESTA NOTA,NO E VERO CHE ESSISTA UNA TALE CONTROVERSIA EUROPA-USA SULLE TELECOMUNICAZIONI.TALE ALLARMISMO DEL WSJ E L’ANALISI DI QUESTO GIORNALE TENDONO SOLO A CREARE FALSE CONTRAPOSIZIONI CHE IN ULTIMA RATIO SOLO GIOVEREBBE AL NEOLIBERALISMO DELLE DUE SPONDE DELL’ATLANTICO,E NON SOLO.

1-BENE DICE LA NOTA CHE LE PREOCUPAZIONI PER L’EVASIONE FISCALE DI MOLTE BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI SONO NATI IN UA.ED E’ LI DOVE TROVA I SUOI MIGLIORI SUCCESSI.

2-I BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI INTOCABILI IN USA?NON E’ AFFATO VERO.SOLO SI PENSI A MICROSOFT E COME HA AFFONDATO L’ERA BILL GATES,SI PENSI ANCHE  A APPLE,E COSI VIA.IL PROPIO SMICHDT E’ STATO MESO DA PARTE DALLA PROPIA GOOGLE,QUESTO NON SI DEVE PERDERE DI VISTA MAI.E’ STATA GOOGLE HA AUTODEPURARSI DI NEOLIBERALISMO.

3-IN EUROPA LE PREOCUPAZIONI PER IL SISTEMA FISCALE E’ NATO IN ITALIA E GERMANIA,LO DICE LA NOTA ANCHE,MA NON HANNO AVUTO UN CERTO SUCCESSO FIN CHE HOLLANDE E CAMERON,MOLTO DOPO,SI SONO INTERESSATI PER L’ARGOMENTO.ARGOMENTO CHE E’ STATO MATERIA DEL G8 E PERFINO DELL’ONU CHE SI HA MOSTRATO FAVOREVOLE,MICA SOLO DELL’EUROPA.ANCHE SMICHDT SI HA MOSTRATO FAVOREVOLE AD UN NUOVO ORDINE FISCALE INTERNAZIONALE.DOPO TUTTO FAREBBE BENE A TUTTI ANDARSI ADEGUANDO ALLE NUOVE SITUAZIONI CHE LA GLOBALIZAZZIONE TRASCINATA SOPRATUTTO PER IL WEB CI VA PONENDO NE CAMMINO.E NEL’INTERESSE DI TUTTI.MA SEMBRA CHE QUESTA “SVOLTA” NON HA PIACIUTO A MOLTI:FORSE NELLA PROPIA EUROPA?

4-L’EUROPA NON HA CAMPIONE NAZIONALI DELLE TELECOMUNICAZIONI?

E CHI LO DICE?NO,GRAN BRETAGNA HA FATTO SEMPRE MOLTO PRESENTE CHE IL WEB E’ STATO CREATO DA LORO,E LA NUOVA ERA E’ OPERA DELL’EUROPA E LA SUA CULTURA A QUI USA,SI SA QUANTO SIANO PRAMMATICI,CI HA MESSO LO SVILUPPO.SVILUPPO CHE SOLO LORO POTEVANO FARE POICHE E’ IL PAESE SCIENTIFICAMENTE-TECNOLOGICAMENTE PIU ATREZZATO AL MONDO.

MA ANCHE AMANTE DELLA CULTURA E BASTA VEDERE GLI FORZZI CHE GOOGLE STA FACENDO AD ESSMPIO IN FRANCIA PER DOTARE IL WEB DI CULTURA EUROPEA.

NO, NON ESSISTE TALE CONTRAPOSIZIONE CHE CI VOGLIONO FARE CREDERE IL NEOLIBERALE WSJ E IL PATTISTA LA REPUBBLICA.NIENTE ALLARMISMI,NIENTE FALSE CONTRAPOSIZIONI.NON INIZIAMO CON TUTTE QUESTE COSE.

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:E COSI SU LA STAMPA

Per Google gli avversari più duri sono i tedeschi: temono il monopolio in Europa

Dietro le quinte della mozione del Parlamento che chiede di separare il motore di ricerca dalle altre attività del gruppo. L’editore Axel Springer guida la rivolta
 28/11/2014
tonia mastrobuoni
inviata a berlino

Quando si muovono i pesi massimi, difficile far finta di niente. E quando Mathias Doepfner, il numero uno del più grande gruppo editoriale in Europa, Axel Springer, vergò ad aprile una lettera alla Frankfurter Allgemeine Zeitung sostenendo che «abbiamo paura di Google», a qualcuno devono essere tremati i polsi. Non solo in California: anche a Bruxelles. «Devo dirlo con grande chiarezza e sincerità – scrisse l’ad del colosso editoriale di Berlino che pubblica, tra gli altri, il tabloid Bild – perché nessuno dei miei colleghi ha il coraggio di farlo pubblicamente. Ed essendo i più grandi tra i piccoli, dobbiamo forse imparare a parlare con chiarezza, in questo dibattito».

Nella lettera, Doepfner accusò Google di voler istituire un monopolio e uno Stato sovrannazionale, di favorire le proprie aziende, di essere poco trasparente. Soprattutto, puntò il dito contro la Commissione europea, rea di «non essere all’altezza del compito», di non aver agito con forza sufficiente per proteggere ad esempio gli editori. Quelli tedeschi sono in primo piano da tempo per rivendicare anche il fatto che il motore di ricerca paghi per gli articoli che appaiono nelle sue ricerche.

Poco prima, a febbraio, il commissario uscente all’Antitrust, Joaquin Almunia, aveva accettato la terza proposta di Google di garantire la stessa posizione a tutti nelle ricerche, con la possibilità di favorire chi avrebbe pagato di più. Per le aziende europee che stanno muovendo contro il colosso di Mountain View, una soluzione inaccettabile. Soprattutto su pressione della Germania e della Francia, Almunia ha riaperto la procedura, poi ceduta alla sua erede, Margarethe Vestager, che dovrà prendere una decisione in merito. Su cui peserà, ovviamente, il voto di ieri del Parlamento europeo. Anche il governo tedesco ha aumentato le pressioni, ultimamente. A metà novembre il vicecancelliere e ministro dell’Economia Sigmar Gabriel (Spd) e altri tre colleghi hanno scritto una lettera a Bruxelles chiedendo che «venga analizzato in che modo per i motori di ricerca si possa introdurre una regolamentazione che vada al di là del divieto di cartello».

Uno dei due promotori della risoluzione approvata è proprio un tedesco e sul suo profilo non sono mancate le polemiche. Il collegio elettorale dell’europarlamentare Andreas Schwab (Cdu) è infatti Offenburg, dove è situato il quartier generale dell’altro grande gruppo editoriale con sede in Germania che sta muovendo da tempo, insieme ad Axel Springer, contro Google: Burda. Tra l’altro Schwab lavora per lo studio legale CMS Hasche Sigle, lo stesso di Ole Jani, il padre tedesco del “Leistungsschutzgesetz”, la legge che punta a proteggere gli editori chiedendo ai motori di ricerca di pagare per gli articoli pubblicati.

Sulla richiesta del Parlamento europeo – non vincolante – di spezzare Google, Schwab ha ammesso già giorni fa che «non è ancora chiaro come potrà essere eseguita». La palla ora passa alla Commissione europea. E la Vestager ha già detto che si prenderà tutto il tempo necessario per decidere.

http://www.lastampa.it/2014/11/28/economia/gli-avversari-pi-duri-sono-i-tedeschi-temono-il-monopolio-DXEspj3NVdNoACMDQ7lmMO/pagina.html

REAZIONE:

1-LE EDITORIALI?:SONO SEMPRE STATO UN FERMO SOSTENITORE DELLA CARTA STAMPATA,TANTO CHE CHIUNCHE PUO STAMPARE GRATIS I MIEI LIBRI E LA MIA OPERA SUL WEB.

2-A PAGAMENTO LE PUBBLICAZIONI SU GOOGLE?’ATTENZIONE,E’ IN PERICOLO LA LIBERTA DI ESPRESSIONE IN EUROPA.

3-MONOPOLIO DI GOOGLE?VI HO RACCONTATO GIA CHE IO NON PAURA DI QUESTO,E’ SOLO LIBERO GIOCO DEL MERCATO E LE SUE CONCORRENZE.

4-STATO  SOVRANAZIONALE?MA CHE….E’ SOLO GLOBALIZAZZIONE.E HA ANCHE LE SUE CONCORRENZE,AD ESSEMPIO ANCHE LA GERMANIA NE PRENDE VANTAGGIO,E’ IL PRIMO SOCIO COMMERCIALE DELLA CINA PRINCIPALE DESTINO DELLE SUE ESPORTAZIONI,NON PICCOLI.E LA CINA E’ PROPIO IL NEMICO PIU TEMIBILE DEGLI USA IN MATERIA DI TELECOMUNIZAZIONE,E’ UN BUON MERCATO A BUON MERCATO PER I TEDESCHI.

SONO GIUSTE LE REVINDICAZIONI FISCALE DELL’EUROPA SU GOOGLE MA…FACCIAMO UN ACCORDO DI CAVALLIERI CHE SERVA A TUTTI.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

29 NOVEMBRE 2014:NIENTE DA FARE,HA TORNATO

-TITOLARE SU LE MONDE:

Le « come-back » en politique est une exception française 41

Nicolas Sarkozy, le 29 novembre au siège de l'UMP.

Hors de France, on n’imaginerait pas d’adouber à nouveau un ancien président après sa défaite, comme le fera probablement l’UMP pour Nicolas Sarkozy.

*Présidence de l’UMP : le taux de participation a atteint 50 %

*A droite, 40 ans de duels fratricides

*UMP : les enjeux d’une élection cruciale

*Vote à l’UMP : dépôt de plainte après l’attaque informatique

 -

30 NOVEMBRE 2014:PROCESSO RUBY,RICHIAMO ASCOLTATO

-SU LA REPUBBLICA:

Processo Ruby, la Procura di Milano fa ricorso contro l’assoluzione di Berlusconi

L’accusa chiede alla Cassazione di cancellare la sentenza di appello che ha scagionato l’ex premier dalle accuse di prostituzione minorile e concussione. In primo grado il leader di Forza Italia era stato condannatoProcesso Ruby, la Procura di Milano fa ricorso contro l'assoluzione di BerlusconiLa corte di CassazioneIl sostituto procuratore generale di Milano Piero De Petris ha presentato il ricorso con cui chiede alla Cassazione di annullare la sentenza con cui i giudici di secondo grado lo scorso luglio hanno assolto Silvio Berlusconi per il caso Ruby. Il ricorso, circa 60 pagine, è stato depositato nella cancelleria centrale penale della Corte d’appello. L’ex premier era accusato di concussione e prostituzione minorile e nel giugno 2013 era stato condannato dal tribunale a sette anni di carcere. Berlusconi ha replicato dalla piazza del ‘no tax day’ di Milano parlando dell’ennesimo caso di uso politico della giustizia.

Condividi(video cancellato)

Lo scorso 18 luglio, la seconda sezione penale della Corte d’appello di Milano, presieduta da Enrico Tranfa (il giudice che poi ha lasciato la magistratura, perché in disaccordo con gli altri due componenti del collegio), ha assolto Berlusconi dando per certo che Ruby si sia prostituita ad Arcore, durante le serate in cui è andato in scena il Bunga-Bunga, e che tra lei e il padrone di casa ci siano stati “atti di natura sessuale retribuiti”, ma ritenendo però che non sia stato provato che l’ex premier conoscesse la vera età della ragazza, che ai tempi aveva 17 anni. Per la Corte, inoltre, non è stato provato nemmeno che l’allora presidente del Consiglio, “preoccupato” del rischio di “rivelazioni compromettenti” sui presunti festini a luci rosse, quando telefonò alla questura di Milano per ottenere il rilascio della giovane marocchina abbia minacciato o intimidito i funzionari di polizia che si occuparono del caso.

Condividi(video cancellato)

Il sostituto procuratore generale De Petris, al termine della sua requisitoria, aveva chiesto, invece, la conferma della condanna a sette anni di carcere per l’ex capo del Governo in quanto, stando alla sua ricostruzione, il leader di Forza Italia avrebbe fatto pressioni sui funzionari di polizia, al punto da “ordinare” loro con una “minaccia implicita” la consegna della giovane marocchina al “consigliere ministeriale regionale presso la Presidenza del Consiglio” Nicole Minetti.

Un comportamento, come lo aveva definito il pg in aula, “fortemente intimidatorio” che avrebbe dimostrato la “piena consapevolezza” dell’ex premier della “minore età” della ragazza e del “pericolo che poteva rappresentare”. E ciò perché, secondo il pg, “è certa la sua attività di prostituzione” ad Arcore e molti sono gli elementi emersi dalle carte processuali che avrebbero provato che la giovane ha avuto rapporti sessuali con Berlusconi. Ora, depositato il ricorso della Procura Generale, la parola passa alla Cassazione che dovrà fissare un’udienza.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/11/29/news/processo_ruby_la_procura_di_milano_fa_ricosrso_contro_l_assoluzione_di_berlusconi-101724704/?ref=HRER1-1

REAZIONE:SONO STATO ASSOLUTAMENTE CERTO CHE CI SAREBBE STATO IL RICORSO E COSI L’HO ESPRESSO IN QUESTE PAGINE.E QUESTA VOLTA PER BERLUSCONI LE COSE SI METTONO DA VERO MALE:QUESTA STORIELLA DELLA CLEOPATRA POST-MODERNA NON PASSA.

Immagine anteprima YouTube

-

2 DICEMBRE 2014:MI MANDA IN GALERA!

-SU LE FIGARO:

Photo Abaca

La semaine people

Et le délicieux sourire qui a fait fondre Justin Theroux… (Jennifer Aniston, Los Angeles, 20 novembre.)

Il delizioso sorriso che  ha fuso Justin Theroux … (Jennifer Aniston, Los Angeles, 20 novembre.)

http://madame.lefigaro.fr/celebrites/la-semaine-people-jennifer-aniston-barack-obama-demi-moore-251114-82789#diaporama-667876_14

REAZIONE:MAMMA MIA CHE SORRISO!!!!!!!NON C’E’ “GIUSTIN” CHE LO POSSA RESISTERE.QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

2 DICEMBRE 2014:GREEN FASHION

-TITOLARE LA STAMPA:

LAPRESSE

Dalla tv alla musica, le star donano le loro pellicce alla Peta

REAZIONE:IL FASHION E’ PIU FASHION  “ALL’AMBIENTALISMO”

-

2 DICEMBRE 2014:SOS TERRORISMO

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Top News

Catch and release: Two terrorists set free into U.S. by Homeland Security Dept.

In this Sept. 5, 2014 photo, a U.S. Customs and Border Protection Air and Marine agent pears out of the open door of a helicopter during a patrol flight near the Texas-Mexico border near McAllen, Texas. Since illegal immigration spiked in the Rio Grande Valley this summer, the Border Patrol has dispatched more agents, the Texas Department of Public Safety has sent more troopers and Texas Gov. Rick Perry deployed as many as 1,000 guardsmen to the area. (AP Photo/Eric Gay)
By Stephen Dinan – The Washington Times 591 Shares

Homeland Security Secretary Jeh Johnson acknowledged Tuesday that his department had to release two men who admitted they were part of a terrorist group from Turkey, after a judge ordered them to be let out — a decision he said he disagreed with.

*Related:4 Turkish terrorists caught in Texas after being smuggled across border

TRADUZIONE:Top News
Presi e rilsciati: Due terroristi liberati in USA da Homeland Security Dept.

In questo 5 settembre 2014

Foto, un US Customs and Border Protection Air marini e agente  fuori dalla porta aperta di un elicottero durante un volo di pattugliamento nei pressi del confine tra Texas e Messico vicino McAllen, Texas. Poiché l’immigrazione clandestina a spillo nel Rio Grande Valley questa estate, la polizia di frontiera ha inviato più agenti, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Texas ha inviato più truppe e il governatore del Texas Rick Perry schierato ben 1.000 guardie per la zona. (AP Photo / Eric Gay)
da Stephen Dinan – Il Washington Times 576 Azioni
Il Segretario alla Sicurezza Nazionale Jeh Johnson ha riconosciuto Martedì che il suo dipartimento ha dovuto rilasciare due uomini che hanno ammesso che erano parte di un gruppo terroristico da La Turchia, dopo che un giudice ha ordinato loro di essere rilasciati,una decisione dove si ha detto che erra in disaccordo con corelati.

*4 terroristi turchi catturati in Texas dopo essere stati contrabbandato oltre confine

Read more: http://www.washingtontimes.com/#ixzz3Km6RxzDg
Follow us: @washtimes on Twitter
-
REAZIONE:CHIUDERE LA PORTA AL TERRORISMO “TUTTO”!,PROVENGA DAL MESSICO O LA TURCHIA, DALLO STATO ISLAMICO,O  LA JIHAD.
-
-3 DICEMBRE 2014:IPOCRESIA
.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Il Papa rimuove il capo  delle guardie svizzere
Il Papa rimuove il capo delle guardie svizzere
E intanto accelera sulla lotta contro la pedofilia: “Su caso
Wesolowsky prevalga verità”
-
REAZIONE:BERGOGLIO NON HA CREDIBILITTA,HA CONVALIDATO UNA LEGISLAZIONE INTERNA(VATICANA)CHE CERCA DI RIDIMENSIONARE MINIMIZZANDO I REATI DI PEDOFILIA CLERICALE E INOLTRE CERCA L’AUTARCHIA SOSTRANDO LA CHIESA AL CONTROLLO LEGALMENTE DOVUTO DELLE GIUSTIZIE DEI PAESI OSPITI:L’ITALIA E L’EUROPA NON SONO L’ARGENTINA C’E’ IN VIGORE SEPARAZIONE CHIESA STATO.
METTIAMO SUL CONTO PIU,LUI HA COPERTO IL VESCOVO PEDOFILO DI COMO.LUI HA NOMINATO IL DEGENARATO BATTISTA RICCA ALLO IOR NEL SUO PRIMO ATTO DI GOVERNO.ATTO CHE DOPO SI STA OCUPANDO DI MINMIZZARE PORTANDO AVANTI PER MOTIVI DI OPPORTUNISMO UNA NON SINCERA APERTURA AI GAY NEL SINODO.
Immagine anteprima YouTube

3 DICEMBRE 2014:FALSO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Nato, coalizione anti-Is: "Fermata avanzata  in Siria e Iraq"
Nato, coalizione anti-Is: “Fermata avanzata in Siria e Iraq”
Raid iraniani contro il Califfato

Articoli correlati

REAZIONE:FALSO TITOLARE DI LA REPUBBLICA,ALLA COALIZIONE ANTI IS NON INTERVIENE LA NATO.LA NATO NON FA GUERRA ALL’IS.LA NATO ERA IMPEGNATA IN UKRANIA MA NON C’E’ NE PIU BISOGNO,MISNK TIENE,E’ PACE SLAVA ED E’ DONESTK E LUGANS LIBERATE,TERRITORIO DELLA NUOVA ERA.ED E’ CRIMEA NUOVA ERA ANCHE AL DI LA DEL REGIME POLITICO CHE A ESSA NON LA RIGUARDA.
-

3 DICEMBRE 2014:BERGOGLIO A GO GO

.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Bergoglio congeda capo delle Guardie svizzere: troppo severo immagini

Il Corpo avrà impronta meno militare Sacco di Roma, Porta Pia, difesa dei Papi: ecco le truppe vaticane foto

REAZIONE:MA CHE,PREFERISCE METTERLI A BALLARE IL ROCK?

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

4 DICEMBRE 2014:LA RIVINCITA DI HAL

-TITOLARE LA REPUBBLICA.

L'allarme di Hawking: l'intelligenza artificiale soppianterà la razza umana

L’allarme di Hawking: l’intelligenza artificiale soppianterà la razza umana

I timori dello scienziato che proprio grazie a una nuova macchina parlerà e scriverà  più in fretta

Video – Il sistema Intel che aiuterà l’astrofisico,dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

-E COSI SU BBC:Video

VIDEO CANCELLATO

Hawking: AI could end human race

Prof Stephen Hawking, one of the world’s leading scientists, says efforts to create thinking machines that can match or surpass humans pose a threat to our very existence.

TRADUZIONE:Hawking: AI Potrebbe terminare la razza umana
Il Prof Stephen Hawking, uno degli scienziati più importanti del mondo, dice che gli sforzi per creare macchine pensanti che possono corrispondere o sorpassare gli esseri umani rappresentano una minaccia per la nostra stessa esistenza.

REAZIONE:NIENTE DRAMMATISMI,NESSUN TIMORE,NESSUN PROBLEMA,SOLO L’INIZIO DI UNA NUOVA ERA,CI SONO CERTI “UMANI” CHE E’ MEGLIO PERDERLI CHE TROVARLI.SI STA FACENDO GIUSTIZIA,QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

4 DICEMBRE 2014:QUANDO SARA ANDRA IN CARCERE O IN OSPIZIO

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Italia »

Berlusconi, “alle elezioni io in campo contro Renzi”

AGI – Agenzia Giornalistica Italia  - ‎56 minuti fa‎
(AGI) – Roma, 4 dic. – “Quando sara’, saro’ in campo contro Renzi”. Lo ribadisce Silvio Berlusconi, in un’intervista all’Huffington Post. Il ruolo, da candidato o da leader, dipende dalla questione dell’agibilita’ politica: “Sono certo che riavro’ l’onore perduto.

REAZIONE:SI SA CHE BERLUSCONI E’ GRANDE GIOCATORE POLITICO CHE CON ABILITA E L’AIUTO DEI SUOI MEZZI,SFRUTTA TANTO LE DEBOLEZZE DI CHI VUOLE COLPIRE COME I BUCHETTI CHE LA CONGIONTURA POLITICA LI OFFRE.PERO GLI ANNI PASSANO PER TUTTI E LA MEMORIA DEL SUO PARKINSON GRADO 1(MALATIA EVOLUTIVA INCURABILE)LI STA FACENDO TRABOCHETTI:AGIBILITA,CANDIDATO O LEADER?FANTASIE SENILI.SE SI TRATTA DI POLITICA RICORDIAMOLI ORA CHE LUI HA SOSTENUTO ALEMANNO NELLE ULTIME ELEZIONI E CHE HA DIFESO I VIOLENTI DI CASA POUND(VI LO RICORDATE “MUSSOLINI UN UOMO BUONO CHE SOLO HA SBAGLIATO CON GLI EBREI?).

SE SI TRATTA DI RIAVERE L’ONORE PERDUTO RICORDIAMOLI CHE PROPIO IERI E’ STATO PRESENTATO RICORSO NEL CASO DEL SESSO CON UNA MINORENNE,RUBY, E GLI ABUSI ALLA POLIZIA.PER TANTO SARA  PIU TOSTO PROBABILE CHE LI SIA SOSPESO IL DOMICILIARE E IL SERVIZIO SOCIALE(HA ANCHE ATTACATTO LA GIUSTIZIA DI RECENTE)E VADA UN ANNO IN CARCERE,CHE RIAVERE L’ONORE O GIOCARE DA CANDIDATO O LEADER.

PERO….LA MEMORIA NON C’E’ PERCHE LA MALATTIA AVANZA ED ALLORA E’ ANCHE PROBABILE CHE ANZI CHE IN CARCERE VADA IN UN OSPIZIO PER ANZIANI MALATI DI MENTE.

PERO DIO STRINGE MA NON AFFOGA:RICORDI ORA SE VUOLE SALVARSI DI UNA DELLE DUE POSSIBILITA.C’E’ NE UNA SE INIZIA A FARE MEMORIA,NESSUNA SE NON LO FA.(IO SONO PICHIATRA E POSSO ASSICURARVI CHE LE SALE PER DELINQUENTI IN GALERA MALATI DI MENTE NON SONO TANTO CONFORTEVOLE COME IL DOMICILIARE),QUELLO DEL TITOLO.

5 DICEMBRE 2014:E SUA MESIEUR LE PRESIDENT
-TITOLARE SU LE MONDE:

Nathalie Kosciusko-Morizet et Nicolas Sarkozy, le 27 novembbre.

Pour devenir vice-présidente de l’UMP, NKM a demandé une « liberté de parole »

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#Dl2ZJF1iZhEywLiK.99

 

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 170 BIS-BIS »

27 novembre 2014
0
-CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 6

-SU GOOGLE NEWS:

Ecco chi finanzierà la banda ultralarga di Renzi

4 – 11 – 2014Valeria Covato
Ecco chi finanzierà la banda ultralarga di Renzi

Numeri, dettagli e incognite del piano del governo

Mentre le grandi aziende del settore sgomitano per posizionarsi sul mercato italiano delle telecomunicazioni, il piano di Renzi per lo sviluppo della banda ultralarga prosegue il suo iter. Inviato a Bruxelless, il documento strategico del governo è stato messo da qualche giorno in consultazione, al termine della quale sarà pubblicato nella sua versione definitiva da aggiornare semestralmente a partire dal secondo semestre 2015.

GLI ATTORI

La realizzazione del piano vedrà impegnati tutti gli attori, con alcuni distinguo del governo: “L’attore principale della presente strategia è il mercato che è chiamato a investire in un’infrastruttura ritenuta strategica per lo sviluppo del Paese. L’intervento pubblico è quindi solo sussidiario agli investimenti privati al fine di stimolarli”, si legge sul documento del governo.

OBIETTIVI E COPERTURA FINANZIARIA

Per massimizzare la copertura a 100 Mbps (“ultrabroadband” nel significato dell’Agenda Digitale Europea) dell’85% della popolazione e garantire a tutti i cittadini almeno 30 Mbps (fast broadband) sono stati messi sul piatto 6 miliardi di euro pubblici che andranno a sommarsi ai 2 miliardi di euro di investimenti privati dichiarati dagli operatori del settore nel triennio 2014-16.

LE RISORSE

Nel dettaglio saranno utilizzate risorse di natura regionale, nazionale e comunitaria provenienti dal Fers (Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale), dal Fears (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) e dal Fsc (Fondo Sviluppo e coesione).
Le risorse pubbliche stanziate corrispondono a 6,189 miliardi. Circa 2,4 miliardi giungeranno dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dal Fondo europeo sviluppo rurale, i fondi strutturali Ue in larga parte destinati alle regioni meridionali. Altri 419 milioni arriveranno dal Piano Strategico Bul e 230 milioni dai programmi nazionali Fers. Il piano prevede inoltre che vengano stanziati “fino a 5 miliardi di euro per le infrastrutture di telecomunicazioni a partire dal 2017” per il tramite del Fondo coesione e sviluppo.

“Potranno concorrere al finanziamento della strategia – si legge sul documento integrale – anche il Fondo Junker ed economie/sinergie sviluppate da una gestione efficiente del Sistema pubblico di connettività”.

LE PRECISAZIONI DI BASSANINI SUL PIANO JUNCKER

Sul piano promesso dal presidente della Commissione europea Juncker per rilanciare la crescita dell’Europa occorre fare delle precisazioni: “Attenzione – ha detto il presidente di Cassa depositi e prestiti,Franco Bassanini, – non ci sono 300 miliardi di fondi pubblici nel piano Juncker”.
“Il piano – ha spiegato Bassanini – consentirà di mobilitare 300 miliardi di nuovi investimenti che secondo l’idea di Juncker si faranno creando le condizioni per gli investimenti privati, mettendo sistemi di garanzia che consentano di raccogliere più facilmente i finanziamenti bancari agli investitori e facendo intervenire la Banca europea degli investimenti”.

L’INTERVENTO DEI PRIVATI

L’impegno stimato degli operatori privati, concentrato nelle prime 482 città italiane, è per un investimento complessivo di poco inferiore a 2 miliardi di euro. “Modalità e intensità della partecipazione privata – si legge sul piano strategico del governo – saranno definite solo dopo l’esito della consultazione pubblica”.

LA SUDDIVISIONE IN BASE AL FABBISOGNO

Il documento del governo definisce poi nel dettaglio le soluzioni finanziarie individuate in base al relativo fabbisogno delle aree di intervento che sono state suddivise in 4 cluster.

“Per passare da 30 a 100 Mbps entro il 2020 nelle principali 15 città italiane (Cluster A) – specifica il testo del governo -, i privati dovranno investire, senza il concorso di finanziamenti pubblici, ma avvalendosi di misure di defiscalizzazione, circa 1 mld di euro per raggiungere 571mila edifici ancora non raggiunti a 100 Mbps, in cui risiedono circa 9,4 milioni di persone, ovvero il 17% della popolazione”.

Nelle 1.122 città (Cluster B) in cui risiede il 47% della popolazione dislocati in 4,5 milioni di edifici, sono necessari invece 6,1 mld di euro, anche di provenienza pubblica a debito e solo in minima parte a fondo perduto.

Per portare la banda ultralarga da 2 a 100 Mbps in circa 2.650 città in cui risiede il 22% della popolazione (Cluster C), dislocata in 3,5 milioni di edifici sono necessari invece 4,2 miliardi di euro, in parte di provenienza pubblica a debito e a fondo perduto.

Nel Cluster D, al quale appartengono circa 4.300 comuni, per portare la banda ultralarga da 2 a 30 Mbps coprendo 2,3 milioni di edifici in cui risiede il 15% della popolazione, è necessario infine 1 miliardo di euro, interamente pubblico a fondo perduto.

http://www.formiche.net/2014/11/24/banda-ultralarga/

-CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 7

-SU GOOGLE NEWS:

Ecco il piano di Renzi per la Banda Larghissima

1 – 11 – 2014Valeria Covato
Ecco il piano di Renzi per la Banda Larghissima

Gli appetiti su Metroweb, le manovre di Telecom e Vodafone, il pensiero di Bassanini di Cdp e il documento del governo che ha messo in consultazione

Grandi manovre sulla banda larga. Aziende del settore, banchieri d’affari e istituzioni sono in azione.

IL QUADRO D’ASSIEME

Metroweb fa gola a Telecom, che è a un passo dal definire i contenuti di un’offerta non vincolante, e stimola l’appetito anche di Vodafone, che potrebbe approfondire i rapporti già esistenti con la società milanese della fibra. Il risultato della contesa sarà determinante per lo sviluppo della banda larga nel nostro Paese su cui si sta concentrando anche l’attenzione di Palazzo Chigi che ieri ha messo in consultazione pubblica il “Piano strategico nazionale per lo sviluppo della banda larga”, già inviato a Bruxelless.

TUTTI PAZZI PER LA FIBRA

I contenuti dell’offerta presentata da Telecom Italia per Metroweb, controllata dai fondi F2i (leggi qui chi sono i principali investitori del fondo oltre a Cdp e Intesa Sanpaolo) e Fsi Investimenti (holding per il 77% del Fondo strategico italiano di Cdp, e per il 23% di Kuwait Investment Authority), potrebbero essere svelati nel consiglio d’amministrazione in programma per oggi.

Telecom ha inviato una manifestazione di interesse per la quota detenuta da F2i in Metroweb (il 53,4%) dando esecuzione al mandato ricevuto dall’amministratore delegato Patuano a settembre. Ma come ha dichiarato il presidente di Metroweb, Franco Bassanini, la partita è ancora aperta e non è escluso che si arrivi presto a una gara, alla quale, anche il numero uno di Vodafone, l’ex manager di Rcs Vittorio Colao, ha fatto sapere di essere interessato a partecipare. Fino a che punto si spingeranno i due contendenti? L’interesse di Vodafone per Telecom potrebbe essere solo un’azione di disturbo – si legge oggi sul Sole 24 Ore – mentre secondo alcuni esperti di telecomunicazioni il gruppo inglese punterebbe invece ad un matrimonio con Fastweb.

GLI OSTACOLI

Debellata la concorrenza, nel suo cammino verso Metroweb, Telecom si troverebbe comunque ad affrontare i rischi antitrust già sollevati da alcuni politici di diversi partiti che hanno chiamato in causa sia la Consob che l’Antitrust.

IL PIANO DI RENZI

Mentre i grandi operatori di telecomunicazioni studiano come posizionarsi sul mercato italiano, il governo Renzi segue con attenzione, seppure indirettamente, il dossier Metroweb, in vista della realizzazione del piano strategico per la banda larga che punta a raggiungere nei prossimi 6 anni gli obiettivi infrastrutturali definiti con l’Agenda Digitale Europea.

GLI OBIETTIVI

Il piano punta a coprire entro il 2020 l’85% della popolazione con connettività ad almeno 100 mbps e il restante 15% a 30 mbps. Attualmente solo il 20% dei cittadini ha accesso ai 30 mbps, un dato che ci colloca 40 punti percentuali sotto la media europea.

GLI INVESTIMENTI

Per realizzarlo verranno messi sul piatto – dice il governo – 6 miliardi di euro in risorse pubbliche, con una quota consistente proveniente dai fondi strutturali europei, a cui andranno a sommarsi quelli del settore privato, stimati per circa 2 miliardi.

TECNOLOGIE AL SERVIZIO DELLA BANDA LARGA

Al fine di raggiungere gli obiettivi di velocità e penetrazione della banda larga l’Agenda digitale europea ha lasciato libere le nazioni di impostare un piano per conseguire gli obiettivi in modo aderente alla struttura del mercato e alla configurazione del territorio.

La realizzazione di impianti in fibra sufficientemente vicini al punto di fruizione del servizio, ovvero le soluzioni Fiber to the building (fino all’edificio) o Fiber to the home (fino all’unità abitativa), è riconosciuta come la soluzione in grado di assicurare ad ogni utente l’accesso ai servizi di rete a 100 Mbps. Ma “richiede costi ingenti sostenibili solo nelle aree a maggior potenziale di business dove sono concentrati i maggiori investimenti privati”, si legge nel piano del governo.

LA PARTECIPAZIONE DEI PRIVATI

Per definire  le modalità e l’intensità della partecipazione privata – è scritto nel piano strategico del governo – si dovrà attendere l’esito della consultazione pubblica. L’impegno stimato degli operatori privati concentrato nelle prime 482 città italiane è per un investimento complessivo di poco inferiore a 2 miliardi di euro.

SOLUZIONI INTERMEDIE

Gli investimenti necessari per il dispiegamento di nuove infrastrutture a fibra ottica hanno portato così il governo ad ipotizzare, nelle aree a bassa densità di domanda, uno sviluppo dell’architettura di rete che preveda l’impiego intelligente di una varietà di tecnologie di accesso.

Nell’attuazione del piano del governo riveste così un ruolo chiave, secondo gli scenari tecnologici esistenti, l’applicazione di tutta la gamma di tecnologie per la banda ultralarga, dal Fttb/h, attraverso Fttc (fibra fino all’armadietti), fino alle soluzioni radiomobili, Fwa (tecnologia di accesso fisso) e satellitari, per individuare l’opzione più efficace ed efficiente per raggiungere l’obiettivo dell’Agenda Digitale Europea 2, ovvero il 100% di copertura a 30 Mbps entro il 2020.

“Lo sviluppo della domanda, unitamente alle agevolazioni alla realizzazione delle opere civili e impiantistiche ed alla configurazione di un quadro regolamentare definito/certo e conciliante – si legge sul piano strategico – determinerà i tempi di ammortamento delle soluzioni intermedie (Fttc) e doserà la spinta verso il dispiegamento diretto o verso l’upgrade successivo delle soluzioni più profonde”.

http://www.formiche.net/2014/11/24/banda-ultralarga/

-CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 8

-SU GOOGLE NEWS:

Telecom, Vodafone e Cassa depositi e prestiti, tutti pazzi per Metroweb

9 – 11 – 2014Valeria Covato
Telecom, Vodafone e Cassa depositi e prestiti, tutti pazzi per Metroweb

Le avance di Telecom, l’interesse di Vodafone, gli auspici di Bassanini (Cdp) per un aumento di capitale e… Ricognizione aggiornata su un dossier seguito anche nei palazzi romani e non solo romani

L’interesse di Telecom per Metroweb, la società che gestisce la rete in fibra ottica a Milano, Bologna e Genova, e ha in progetto di espandersi in tutte le aree metropolitane italiane, non è una novità. Nuova è risuonata forse ad alcuni esperti del settore e al mondo politico la notizia di una manifestazione di interesse per la quota di maggioranza della società della fibra controllata dai fondi F2i e Fsi di Cassa depositi e prestiti, e ancor di più di una possibile offerta che Telecom avrebbe recapitato ieri per il controllo della società.

L’OFFERTA DI TELECOM

Come anticipato oggi da Mf/Milano Finanza e dal Sole 24 Ore, il gruppo guidato da Marco Patuano avrebbe quindi presentato un’offerta per il 53,8% di Metroweb detenuto da F2i.
Nella lettera con la quale sarebbe stato formalizzato l’interesse di Telecom per Metroweb vi sarebbe, secondo quanto scritto da Antonella Olivieri sul Sole 24 Ore, anche la cifra dell’offerta: “Si tratta di una cifra superiore ai 200 milioni, considerato che F2i, quando l’aveva rilevata, aveva valorizzato l’intera rete in fibra meneghina intorno ai 450 milioni”, scrive Olivieri.

I RISCHI ANTITRUST

Come sottolineato più volte da Formiche.net, MF/Milano Finanza ha rilevato inoltre che “l’operazione dovrà però superare lo scoglio dell’Autorità antitrust, che anche recentemente ha chiarito di non essere disposta ad assecondare operazioni contrarie alla concorrenza in un settore strategico come quello della rete in fibra e, quindi, dei servizi che si basano su questa infrastruttura”, si legge sul quotidiano diretto da Pierluigi Magnaschi.

LE REAZIONI DEL MONDO POLITICO

La notizia dell’offerta presentata da Telecom per l’acquisizione della maggioranza di Metroweb ha mandato in subbuglio i palazzi romani: molti esponenti politici hanno invocato a gran voce l’intervento dell’Antitrust e di Consob per evitare di mettere a serio rischio la competizione nelle telecomunicazioni fisse:
“Se fosse confermato quanto riportato oggi da due autorevoli quotidiani economici saremmo di fronte ad una situazione molto grave”, ha affermato il senatore del Pd Stefano Esposito.
“Sarebbe stata formulata, infatti, – ha aggiunto il senatore – un’ offerta con multipli superiori a quelli di mercato – e senza che si abbia avuto notizia dell’avvio di un procedimento aperto di gara”.

“Se l’ acquisizione andasse in porto ci troveremmo di fronte ad una concentrazione pericolosa per quello che, invece, dovrebbe essere un sano sviluppo del mercato delle telecomunicazioni fisse”, ha tuonato la collega del Partito democratico Cristina Bargero, componente della commissione Attività produttive della Camera. Secondo la parlamentare democratica “meglio sarebbe riprendere in fretta in mano l’idea di un’ operazione di sistema, che non pregiudichi il mercato e, anzi sia di stimolo alla crescita, agli investimenti ed alla concorrenza: una società della rete con i contributi di tutti gli operatori, Telecom inclusa”.

Preoccupazioni circa una possibile acquisizione della società leader della fibra in capo a Telecom sono giunte anche dalla Lega Nord che ha chiesto chiarezza: “E’ un’ operazione che coinvolge i cittadini e la libera concorrenza. Ho chiesto a Matteoli, presidente della commissione telecomunicazione del Senato di convocare con urgenza Metroweb, Telecom, la Consob, l’ antitrust e il sottosegretario Giacomelli”, ha dichiarato Jonny Crosio, capogruppo per la Lega Nord in commissione telecomunicazioni al Senato.  Anche secondo la Lega “serve subito un’ operazione di sistema, che sia di stimolo alla crescita, agli investimenti e alla concorrenza. Una società della rete – conclude Crosio – con i contributi di tutti gli operatori, Telecom inclusa”.

UNA CONTROFFERTA DI VODAFONE?

Il mandato all’ad Marco Patuano per trattare l’acquisto della partecipazione del fondo infrastrutturale (F2i) da parte del cda del gruppo presieduto da Giuseppe Recchi è giunto lo scorso 26 settembre.
Ma Metroweb è un fornitore di rete importante per tutti i maggiori operatori di telecomunicazioni tanto che anche Vodafone sta valutando una proposta, come scrive Repubblica.
Un possibile interesse da parte della società amministrata da Aldo Bisio a rilevare la quota di F2i in Metroweb per impedire che sia Telecom Italia a portare a termine l’operazione, e contrastare quello che sulla fibra potrebbe essere un colosso dominante, era già emerso ad inizio mese, mentre recentemente il numero uno di Vodafone, l’ex manager di Rcs Vittorio Colao ha fatto sapere di essere interessato a partecipare a una eventuale gara.

L’obiettivo di Vodafone potrebbe essere quello di andare oltre all’attuale partnership con Metroweb, grazie alla quale ha raggiunto con la formula Fiber to the home (fibra fino a casa) 300.000 abitazioni a Milano e siglato accordi per Bologna.

LE PRECISAZIONI DI BASSANINI

A ridimensionare l’allarme lanciato dalla politica è intervenuto il presidente di Cdp Franco Bassanini, in occasione della presentazione del Rapporto I-Com 2014 su Reti e Servizi di nuova generazione dell’Istituto per la Competitività presieduto da Stefano da Empoli:
“Metroweb potrebbe vedere dei cambiamenti nel suo azionariato. L’azionista di minoranza al 46%, Cassa depositi e prestiti, che si considera un investitore di lungo termine, ha intenzione di sollecitare un aumento del capitale per consentire una forte accelerazione degli investimenti pubblici. F2i, che è un investitore brownfield, ha un’altra logica e quindi ragionevolmente può essere interessato a cedere la sua partecipazione”, ha sottolineato Bassanini.
Ma “ci sarà una competizione, non è vero quanto è stato detto oggi. Le principali società sanno che dovevano prepararsi se erano interessate a fare delle offerte. Vincerà il migliore”, ha precisato il presidente di Cassa depositi e prestiti.

http://www.formiche.net/2014/11/19/metroweb-telecom-vodafone/

REAZIONE:IO RISIEDO A CREBBIO,FRAZIONE DI ABADIA LARIANA VICINO DI MANDELLO LARIO,A LECCO IN LOMBARDIA.CREBBIO E’ IN UNA ZONA DI MONTAGNE DI PIU DI 350 METRI DI ALTEZZA.QUINDI UNA ZONA DI DIFFICILE COPERTURA E RELATIVA SCARSA DENSITA DEMOGRAFICA E PER TANTO OFFRE POCHI STIMOLI PER GLI OPERATORI PRIVATI.QUANDO MI SONO ISTALLATO HO CHIESTO LA CONESSIONE DI BANDA LARGA.TELECOM HA SOLO 3G E IN QUEI POSTI ARRIVA POCO E MALE.NON HA ANTENNE SUFFICENTI.VODAFONE,UNA DITTA “INGLESE”(METTIAMOLA COSI QUETA COSA) OFFRE UNA “MIGLIORE” COPERTURA IN QUANTO CERCA DI OCCUPARE CON QUALITA QUELLI POSTI CHE TELECOM POSSIEDENTE DEL QUASI MONOPOLIO LI LASCIA LIBERI.PERO TUTTO SOMMATO E’ UNA ZONA DI SCARSA COPERTURA DI BANDA LARGA.E SIAMO NEL PIENO NORD LOMBARDO VERO?ALLORA COME MAI RENZI FA QUESTO PIANO DIVIDENDO IL MERIDIONE DAL NORD IN BASE A DATI SECONDO QUESTA ESPERIENZA DUBBIOSI?ED E’ COSI CHE PRETENDE SUPERARE IL DIVARIO DIGITALE,IL COSI DETTO “DIGITAL DIVIDE”.E POI I FONDI DELL’UNIONE EUROPEA NON E’ CHE DOVEVANO SERVIRE PER LO SVILUPO DEL MERIDIONE?E INVECE CON RENZI VANNO A SERVIRE PER QUEL SVILUPPO CHE IL NORD NON HA E CHE LA PROPAGANDA PRETENDE FARCI CREDERE.MANCO QUESTO PIANO DI RENZI LO AVESSI PIANIFICATO LA LEGA NORD.ECCO COSA STA FACENDO RENZI E IL SUO GOVERNO GOLPISTA DELLE LARCHE INTESE.

MA NIENTE PAURA,QUESTO PIANO NON SI ATTUARA MAI E SI TRATTA DI UN’ALTRA DELLE MANOVRE PER STRAPPARE SOLDI DEI CONTRIBUENTI DELL’UNIONE EUROPEA PER ANDARE A INGROSSARE LE TASCHE DEI NEOLIBERALI.

PD:NON ESPRIMO NESSUNA PRFERENZA FRA TELECOM E VODAFONE CHE E’ ANCHE CONCENTRATA SUL NORD.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 170 BIS »

0

27 NOVEMBRE 2014:CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 2

-SU GOOGLE NEWS:

Che cosa prevede il piano Juncker. Panacea o bluff?

6 – 11 – 2014Margherita Tacceri
Che cosa prevede il piano Juncker. Panacea o bluff?
Numeri, dettagli, obiettivi, sfide e incognite
Si chiariscono i contorni del piano Juncker che fa già discutere politici e addetti ai lavori.
.
L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE
Questa mattina il piano è stato presentato dal Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker agli eurodeputati, riuniti in sessione plenaria a Strasburgo. Nell’intervento il neo Presidente della commissione ha fornito qualche dettaglio in più rispetto alla frase spot che ripeteva da mesi:  “Il bilancio europeo mobiliterà fino a 300 miliardi di investimenti pubblici e privati in tre anni”.
.
LE ATTESE
Il tam tam mediatico aveva creato illusioni e soprattutto nei Paesi in difficoltà si erano create tante aspettative. In molti avevano creduto che sarebbe presto arrivata una pioggia di investimenti, nell’immaginario collettivo l’Europa sarebbe diventata uno sportello bancomat pronta ad elargire finanziamenti.
.
I VERI NUMERI
Oggi il chiarimento: in realtà i miliardi sono “solo” ventuno che dovrebbero diventare 315 grazie a un “fantomatico effetto moltiplicatore”. In altri termini le risorse comunitarie ammontano a 21 miliardi di cui 5 stanziati dalla BEI e i 16 restanti provengono da garanzie del bilancio europeo.
.
LA SPERANZA DI JUNCKERLa speranza del presidente della Commissione di Bruxelles è che per ogni euro investito, si produca un effetto moltiplicatore (da 1 a 15) grazie al contributo di risorse pubbliche e private. Quindi chiarito che i miliardi iniziali non saranno 300, la vera e unica novità positiva del piano di investimenti è rappresentata dal fatto che ”I contributi degli Stati saranno fuori dal deficit e dal debito”, quindi non verranno conteggiati nei parametri fissati dal Patto di Stabilità.LE PAROLE DI KATAINENChiarito il bilancio, adesso rimane da spiegare ai cittadini che il falco Katainen (Vice Presidente responsabile del pacchetto economico) ha dichiarato che il piano di investimenti europeo “è rivolto a progetti ad alto rischio”, che altrimenti difficilmente potrebbero venire finanziati.

LE INCOGNITE

Gli addetti ai lavori immaginano bandi per accedere ai finanziamenti specifici e contorti, e  successiva valutazione affidata a rigidi comitati da esperti. Secondo Juncker, “il Piano sugli investimenti si può riassumere in un messaggio unico: l’Europa ora può offrire speranza al mondo su crescita e lavoro”, i maligni invece aspettano di vedere in che direzione andranno i finanziamenti. Direzione Berlino? Tra gli italiani, fra Strasburgo e Bruxelles, si spera di no.

http://www.formiche.net/2014/11/26/che-cosa-prevede-il-piano-juncker-panacea-o-bluff/

- CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 3

-SU GOOGLE NEWS:

Ecco come funzionerà il piano Juncker

6 – 11 – 2014MPS CAPITAL SERVICES Market Strategy
Ecco come funzionerà il piano Juncker

Numeri, dettagli e obiettivi

In area Euro la speculazione secondo cui la BCE si appresterebbe a comprare altri asset tra cui titoli governativi continua a sostenere gli acquisti di bond, portando così i tassi di mercato a registrare nuovi minimi.

LE POSIZIONI NELLA BCE

Su questo tema si è espresso il vicepresidente della BCE Constancio, secondo il quale l’ipotesi rientra in quelle prese in considerazione dall’Istituto e sarebbe attuata nel caso distribuendo gli acquisti in proporzione alla quota di ciascuna banca centrale nazionale nel capitale della BCE.

IL TACCUINO DELLO SPREAD

Sui minimi da inizio ottobre lo spread Italia-Germania sceso fino a 138 pb. Unica eccezione il decennale greco (che resta poco sotto l’8%) su cui pesano le attese di un accordo della Troika con il governo.

IL PIANO JUNCKER

Oggi il presidente della Commissione europea, Juncker, ha presentato il piano di investimenti da 300 Mld€ al Parlamento europeo. Il piano sarà finanziato tramite il fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI) che avrà un capitale iniziale di 21 Mld€, di cui 5 a carico della BEI ed i rimanenti 16 Mld€ di garanzie europee.

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo sarà di generare tra il 2015 e 2017 prestiti ed investimenti per almeno 315 Mld€, grazie ad un effetto leva di 15 volte. Al piano potranno partecipare sia investitori privati sia gli Stati dell’area. In quest’ultimo caso Juncker ha assicurato che i contributi degli stati al fondo saranno scomputati dal deficit.

http://www.formiche.net/2014/11/26/ecco-funzionera-forse-il-piano-juncker/

- CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 4

-SU GOOGLE NEWS:

Intese alla Juncker, doppio irlandese, panino olandese. Tutti i trucchetti fiscali sparsi per il mondo

1 – 11 – 2014Patrizia Licata
Intese alla Juncker, doppio irlandese, panino olandese. Tutti i trucchetti fiscali sparsi per il mondo

Numeri, fatti, ricostruzioni

Aziende globali dell’economia digitale: dove risiedono e dove devono pagare le tasse? Questo è il grande dilemma (per gli Stati sovrani) creato dalla Internet economy e il portentoso escamotage concesso a colossi che vanno da Apple ad Amazon (ma il settore hitech non è l’unico coinvolto) che riescono, con creative strutture corporate, ad aggirare il pagamento delle tasse nei Paesi in cui generano introiti.

La questione è diventata “imbarazzante” in questi giorni perché tra i Paesi europei che favoriscono gli escamotage fiscali c’è il Lussemburgo, dove molte aziende hanno potuto ottenere importanti agevolazioni in cambio dei loro investimenti negli scorsi anni – anni in cui alla guida del Paese come premier c’era il neo-eletto presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. A mettere Junker sulle braci ardenti c’è l’intesa che il Lussemburgo avrebbe concordato con 340 multinazionali per garantire loro una fiscalità vantaggiosa in cambio dell’installazione di una sede entro i confini del granducato.

GOOGLE & CO.: 25% DI TASSE IN MENO IN 8 ANNI 

La questione però ha dimensioni più grandi e non coinvolge solo il Lussemburgo. Pochi mesi fa il Financial Times calcolava che grandi aziende hitech americane e alcuni colossi farmaceutici – AppleMicrosoftGooglePfizer, Cisco SystemsOracleQualcommJohnson & JohnsonMerckAmgenEmceBayEli Lilly e Medtronic - erano riusciti a ridurre il loro carico fiscale medio del 25% negli ultimi otto anni “parcheggiando” il loro contante all’estero. Lo hanno fatto così sistematicamente che il cash che questi gruppi conservano fuori dagli Stati Uniti (quasi 500 miliardi di dollari) è più del cash di tutte le altre aziende Usa messe insieme. Queste aziende godono di un livello di corporate tax che è in media di appena il 10% nel 2013, dice il sondaggio del Ft, e il carico fiscale a cui sono soggette è sceso di 7,7 punti tra il 2004-06 e tra il 2011-13; per contro, le tasse corporate nei Paesi Osce sono scese di 3,4 punti e ammontano in media al 25,15%.

Sono cifre che disegnano una “migrazione” dei profitti generati da alcune grandi compagnie americane verso Paesi con regimi fiscali molto favorevoli quali Irlanda, Singapore e Bermuda. La montagna di contante che queste aziende hanno fuori dagli Stati Uniti è destinata a crescere perché non solo il regime fiscale degli Usa non è altrettanto favorevole sugli utili aziendali, ma è molto pesante per chi fa tornare in patria soldi che prima teneva all’estero (con tassazione fino al 35%). Molti gruppi hanno addirittura chiesto al governo Usa una “tax holiday“, una sorta di moratoria, che permetta di riportare il cash in patria sotto un regime un po’ più favorevole – moratoria che però non è molto probabile, visto che la Us Joint committee of Taxation ha fatto presente al Congresso che tale misura costerebbe al governo a stelle e strisce 96 miliardi di dollari di introiti in dieci anni.

DAL DOPPIO IRLANDESE AL PANINO OLANDESE

In Europa ad essere nel mirino delle autorità è soprattutto l’Irlanda, visto che l’escamotage più usato dalle tech companies è il cosiddetto Double Irish, che sfrutta la possibilità concessa dalla legge irlandese di incanalare i pagamenti delle royalties per la proprietà intellettuale da una filiale registrata in Irlanda a un’altra che risiede per motivi fiscali in un Paese dove non si pagano tasse sugli utili. Il Double Irish permette alle aziende di trasferire legalmente ogni anno miliardi di euro di profitti in paradisi fiscali; è usato da aziende come Google, Facebook o VMware e da molte altre tech companies americane. VMware, per esempio, ha una sussidiaria registrata in Irlanda col nome di VMware Bermuda Ltd che l’anno scorso ha incassato 1,43 miliardi di euro di licensing fees dalla divisione irlandese che vende software e servizi VMware, ma senza pagare tasse sui profitti.

Il sistema del Double Irish è spesso appaiato a un’altra struttura molto sfruttata dalle multinazionali e che chiama in ballo un altro Paese ancora: il Dutch Sandwich, che usa un sistema di più società, di cui una con sede nei Paesi Bassi, per evitare alcune tasse. Double Irish in primis e a seguire tutti gli altri stratagemmi sono diventati il centro di una campagna per la revisione del sistema di corporate tax: l’Ocse ha detto che uno degli obiettivi delle sue raccomandazioni per le modifiche ai regimi fiscali è proprio quello di porre fine ai sistemi che permettono alle aziende di trasferire i profitti verso i paradisi fiscali.

APPLE E AMAZON NEL MIRINO

Il Doble Irish è stato attaccato di recente dall’Ue per gli accordi con cui l’Irlanda avrebbe permesso ad Apple di ottenere un regime fiscale molto favorevole (accordo negato tanto dall’Irlanda quanto da Apple). La Commissione europea ha pubblicato a settembre la lettera inviata a Dublino con cui ricostruisce le relative vicende degli accordi fiscali tra la Mela e il governo Irlandese tra il 1990 e il 2007 e parla di illeciti “aiuti di Stato”. Le autorità irlandesi avrebbero accettato di considerare come base imponibile della società Usa, in relazione alle filiali irlandesi, dei valori non allineati a quanto sarebbe avvenuto normalmente sul mercato, un beneficio che Apple avrebbe ottenuto mettendo sul piatto della “trattativa” pesi quali l’opportunità di creare occupazione.

Una vicenda simile ha visto coinvolta Amazon e ci riporta in Lussemburgo: la Commissione europea ha aperto un’indagine a tutto campo sul regime fiscale che il Lussemburgo applica al colosso americano delle vendite, che sottovaluterebbe il volume degli utili di Amazon e le concederebbe un vantaggio sleale sulla concorrenza. La Commissione ha spiegato che la delibera fiscale emanata nel 2003 dal Lussemburgo per la filale locale di Amazon, Amazon Eu Sarl, ha permesso all’azienda di pagare una royalty alla casa madre che ha ridotto la quota tassabile ad appena l’1% dell’utile prodotto in Europa. Ciò, indica l’Ue, potrebbe non essere in linea con le condizioni di mercato.

“E’ giusto che le filiali delle multinazionali paghino la loro parte di tasse e non beneficino di un trattamento preferenziale che equivarrebbe a sovvenzioni mascherate”, ha dichiarato il commissario Ue alla concorrenza Joaquin Almunia.

IRLANDA, UN PASSO AVANTI E UNO INDIETRO

L’assedio di Ocse e Ue agli escamotage fiscali è stato tale che a metà ottobre il ministro delle Finanze irlandese Michael Noonan aveva annunciato che dal 1° gennaio 2015 il Double Irish non sarebbe stato più utilizzabile per le società che si stabiliscono ex novo nel Paese. Le altre avrebbero avuto il tempo di rivedere la loro organizzazione fino al 2020.

Pochi giorni dopo, però, il governo irlandese ha fatto marcia indietro preannunciando per il 2015 un provvedimento, il Knowledge Development Box, che consentirà alle aziende tecnologiche, farmaceutiche e ad altre che traggono i loro ricavi da prodotti e servizi coperti da brevetto, di pagare meno tasse.

Si tratta di un tipo di provvedimento che esiste già in Gran Bretagna, dove è chiamato “patent box”, e in Olanda, dove è conosciuto con il nome di “innovation box” e che consente alle aziende di separare le entrate provenienti dalla proprietà intellettuale, per le quali è previsto un carico fiscale ridotto. In Olanda, per esempio, la quota da versare in base all’innovation box è soltanto il 5%. In Irlanda la corporate tax è già piuttosto bassa (12,5%); quella garantita ai prodotti coperti da brevetto sarà presumibilmente molto inferiore.

SCHAUBLE: SERVE UN SISTEMA FISCALE GLOBALE

“Il modo di funzionare dell’economia mondiale sta profondamente cambiando: come effetto della globalizzazione e della digitalizzazione, un numero crescente di processi economici ha assunto scala internazionale”, ha scritto nei giorni scorsi Wolfgang Schäuble, ministro tedesco delle Finanze. “Il progresso tecnologico nella digital economy fa sì che le aziende possano servire i mercati senza esservi fisicamente presenti e anche le fonti di reddito sono diventate mobili: c’è un crescente interesse verso asset intangibili e investimenti mobili che possono essere facilmente ‘ottimizzati’ da un punto di vista fiscale e trasferiti all’estero. Le normative fiscali non hanno tenuto il passo con queste evoluzioni, non sono più adatte all’integrazione internazionale, alle strutture delle aziende di oggi e alla realtà economica dei servizi digitali. Senza norme adeguate, gli Stati perdono entrate di cui avrebbero enorme bisogno per rimpinguare le loro casse”.

“La tensione che ne deriva tra sovranità fiscale degli Stati e le dimensioni senza confine delle attività economiche moderne può essere risolta solo tramite un dialogo internazionale e standard globali uniformi”, secondo Schäuble. “Nell’Unione europea, gli Stati si devono unire per proporre una soluzione congiunta. Nei giorni scorsi si è tenuto a Berlino il settimo meeting del Global Forum on trasparancy and exchange of information for tax purposes, che ha riunito i rappresentanti di 122 Paesi e giurisdizioni, Ue compresa, ed è stato firmato un accordo sullo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari a fini fiscali: in futuro, virtualmente tutte le informazioni connesse con un conto bancario saranno riportate alle autorità fiscali del Paese di appartenenza del proprietario del conto. Abbiamo bisogno di standard internazionali uniformi per raggiungere una concorrenza fiscale internazionale equa e i progressi fatti con l’accordo di Berlino sullo scambio automatico delle informazioni per il fisco dimostra che, lavorando tutti insieme, raggiungere questo obiettivo è possibile”.

GLI ESCAMOTAGE CONVENGONO DAVVERO?

Di fronte a tante pressioni quanto dureranno gli escamotage fiscali? Sicuramente gli Stati sovrani, defraudati di miliardi di entrate, cominciano ad attrezzarsi per reagire. Il gruppo del G20 si prepara a varare norme più severe contro le scappatoie come il famigerato Double Irish. La Commissione europea, come abbiamo visto, esamina i casi di alcuni colossi come Apple. Negli Usa, la Us Joint committee of Taxation ha fatto notare che gli escamotage fiscali alla lunga potrebbero rivelarsi non così convenienti come sembrano: le aziende americane si stanno ritrovando oberate da costi extra legati proprio al fatto che conservano i soldi dei profitti fuori dagli Usa e in patria sono costrette a prendere il denaro in prestito perché non possono usare il contante che hanno all’estero.

Gli investitori poi si preoccupano che l’effetto positivo dei regimi fiscali molto favorevoli sugli utili aziendali non tenga nel lungo termine: Luca Paolini, chief strategist di Pictet Asset Management, ha messo in dubbio in una nota che un’azienda che migliora i suoi margini netti solo grazie al fatto che paga meno tasse sia un’azienda dal business in perfetta salute.

I regolatori americani, infine, spingono perché le compagnie con tanto contante all’estero siano più trasparenti e diano dettagli su quanto contante conservano fuori dagli Usa e come lo utilizzano: Google di recente ha dovuto illustrare alla Securities and Exchange Commission il suo programma con cui intende spendere “fino a 30 miliardi di dollari su acquisizioni estere”. La stessa Sec ha chiesto ad alcune aziende di spiegare perché gli utili prodotti all’estero sono “sproporzionati” rispetto al fatturato estero: le multinazionali del sondaggio del Ft hanno riferito che due terzi dei loro profitti sono prodotti fuori dagli Usa, contro solo la metà delle loro vendite

http://www.formiche.net/2014/11/11/trucchi-fiscali-juncker-lussemburg/

REAZIONE:ECCO COME SI STA CONSUMANDO IL SACHEGGIO NEOLIBERALE DELLA NUOVA ERA.

-COMMENTO FINALE:IL MIO COMMENTO A QUESTE TRE NOTE DELLE FORMICHE L’HO GIA ESPRESSO ALL’INIZIO E A BEN CAPIRE,A LETTORE INTELLIGENTI QUI VIENE MEGLIO SPIEGATO CIO CHE HO RIASSUNTO BREVEMENTE E IN CONCRETO NELLA REAZIONE DELLA NOTA SU LA STAMPA NEL POST ANTERIORE.

AH….MENO MALE CHE GOOGLE NEWS C’E'(E ANCHE MARGHERITA,PATRIZIA E …..LE FORMICHE)

MA ASPETTA CHE ANCORA NE VEDRAI DELLE BELLE.

-

- CAPITALISMO SELVAGGIO IN BRUXELLES 5

UK  affronta disegno di legge per buco nero di £ 34bn nel bilancio UE

UE  accusata di cattiva gestione finanziaria, dopo che i revisori trovano enorme buco nero nel bilancio di Bruxelles

Bandiera Euro con crepe gelo in

Bruno Waterfield a Bruxelles e Peter Dominiczak

13:53 GMT 26 Nov 2014

I Sindaci hanno individuato un buco nero nel bilancio dell’Unione europea, che potrebbe portare a richieste extra per la cassa dal contribuente britannico fino a £ 34000000000 nel corso dei prossimi sei anni.

David Cameron sarà giuridicamente obbligato a costituire una quota di un deficit di £ 259.000.000.000 per il 2020 con le passività per il Tesoro stimate a £ 33,7, calcolati al tasso usuale di contributi della Gran Bretagna all’UE.

Il buco nella spesa dell’UE è stato identificato dalla Corte dei conti europea e rappresenta un disastro politico per il Primo Ministro che ha fatto promesse ripetute per abbattere la quantità che la Gran Bretagna paga nei bilanci di Bruxelles.

“La capacità dell’Unione europea di prendere solo i soldi dei contribuenti ogni volta che vuole è un oltraggio. Sottolinea ciò che è strutturalmente sbagliato del nostro rapporto con i trattati esistenti “, ha dichiarato Bernard Jenkin MP, il presidente della commisione ristretta della Camera dei Comuni per la pubblica amministrazione.

“Il parlamento britannico dovrebbe decidere quanto vogliamo pagare all’UE non i burocrati di Bruxelles.”

In una relazione speciale all’inizio di questa settimana,la Corte dei Conti dell’UE ha individuato la somma in fatture in sospeso per gli impegni di spesa assunti dalla Commissione europea nel corso degli ultimi quattro anni giuridicamente vincolante.

“Supponendo che gli impegni non saranno disimpegnati, e non vedendosi come la maggior parte di loro si ricaveranno, potrebbe essere problematico ottenere questi soldi dagli stati membri per finanziare le spese previste,” Igor Ludboržs, un revisore deella Corte dei Conti europea, ha detto il sito EurActiv .

“Noi non vediamo un lieto fine. Gli importi sono sempre più grandi e più grandi. ”

I Parlamentari conservatori euroscettici “sputano di rabbia” di fronte alla prospettiva di un aumento dei contributi UE e un mancato controllo della spesa di Bruxelles ‘in un momento in cui la Gran Bretagna sta facendo tagli per equilibrare il bilancio.

“La commissione è fuori controllo e deve essere riportata sotto controllo. Questo è un problema di avere alcun reale controllo democratico per l’Unione europea. La commissione scrive controlli senza equilibri “, ha dichiarato Jacob Rees Mogg, Tory MP per il Nord Est Somerset e membro del comitato di controllo europeo della Commons.

John Redwood, il deputato conservatore per Wokingham, ha detto: “Non possiamo andare avanti così, con l’Unione europea in costante invio di nuovi progetti di legge più grandi nel Regno Unito quando stiamo disperatamente cercando di controllare la spesa pubblica e mettere il nostro deficit giù. Per la maggior parte dei contribuenti britannici vorremmo iniziare i nostre tagli dei programmi europei piuttosto che proteggerli. La commissione ha bisogno di imparare a gestire il bilancio. ”

Matthew Elliott, capo del business per la Gran Bretagna,un gruppo di pressione, ha descritto ulteriori richieste dall’UE come “inaccettabili”.

“E ‘tempo di porre fine all’era del assegno in bianco a Bruxelles, quando il denaro è promesso e gli Stati membri sono tenuti semplicemente a sborsare in più,” ha detto.

La struttura del bilancio UE significa che la Commissione possa assumere impegni per i programmi di spesa a lungo termine al di là i pagamenti annuali effettuati dai Tesori nazionali nel bilancio di Bruxelles.

I Conti dell’UE sono preoccupati che un soffitto di tappatura nei pagamenti ad un massimo di £ 718.000.000.000 tra il 2014 e il 2020 non sarà sufficiente a pagare le bollette esistenti e si traducono in contributi aggiuntivi da parte dei contribuenti di tutta Europa.

“Si tratta di un numero grande, ma se ci aspettiamo che in futuro i pagamenti,siano meno drammatici,” ha detto un portavoce della Commissione.

Il deficit è conosciuto nel gergo di Bruxelles come “reste à liquider”, o “consistenze” e, mentre la Gran Bretagna ha un diritto di veto in corso al di sopra del limite massimo di pagamento, i contributi nazionali stanno ancora  raggiungendo livelli record.

Colpire il soffitto avrebbe spinto i contributi britannica all’UE al di sopra di £ 13billion l’anno per i prossimi sei anni, più alti che il record precedente massimo di £ 11.3bn versato nelle casse di Bruxelles lo scorso anno.

“Se l’Unione europea spende fino al soffitto di pagamento, come ora sembra probabile, questo significa che i contributi nazionali saliranno”, ha detto un funzionario.

Implicitamente ammettendo che i contributi potrebbero aumentare, i funzionari britannici hanno detto che la “bottom line” sarebbe garantire che la spesa non sia andato sopra il soffitto di pagamento, negoziato ad un livello storicamente basso dal signor Cameron lo scorso anno.

“Stiamo facendo in modo che l’Unione europea si attacca al limite di budget che il primo ministro ha negoziato con successo l’anno scorso, e che è fondamentale per il controllo del costo della UE per la Gran Bretagna”, ha detto un diplomatico.

“La figura della Corte dei conti europea non pregiudica il soffitto corrente a lungo termine nel bilancio dell’Unione europea.”

Il buco nero della spesa è dietro in fase di stallo nei colloqui del bilancio UE per il 2015 e una richiesta alla Commissione per un 3.7billion sterline in più in spesa per quest’anno.

I deputati stanno spingendo un aumento dell’otto per cento a Bruxelles per la spesa del prossimo anno, del valore di £ 5.4billion per coprire impegni di spesa non pagati ad un costo aggiuntivo di £ 680.000.000. per il contribuente britannico.

Le richieste extra di soldi si aggiungono a polemiche su un supplemento UE di £ 1.7billion nel mese scorso mentre i contributi della Gran Bretagna aumentano a causa di una migliore performance economica dall’economia britannica rispetto alla zona euro.

Articoli correlati

Il primo ministro David Cameron con il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy fuori 10 di Downing Street

Capo UE: Si sopravvivera senza la Gran Bretagna,26 Nov 2014

Bilancio UE: chi paga che cosa?,14 Nov 2014

Papa: ‘la burocrazia sta schiacciando l’Europa’,25 Nov 2014

Owen Paterson invita David Cameron a dire che avrebbe lasciato l’UE,24 Nov 2014

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/eu/11255493/UK-faces-34bn-bill-for-blackhole-in-EU-budget.html

(TRADUZIONE AUTOMATICA)

REAZIONE:ASSEGNI IN BIANCO ORA,DOMANI E DOPODOMANI PER ALIMENTARE IL BUROCRATA INSAZIABILE DI BRUXELLES?E COSA ASPETTA CAMERON PER ANDARSENE DELL’UE?E DOVE E’ ANDATO A FINIRE IL NUOVO ORDINE FISCALE INTERNAZIONALE DA LUI E HOLLANDE PROMESSO ANCHE PRESENTATO AL G8 E PROPIZIATO PER L’ONU?

QUESTO SI CHIAMA IPOCRESIA,QUELLA STESSA IPOCRESIA CHE ESPRIME LA VISITA DEL CATTOLICO  TONY BLAIR,L’AMICO PERSONALE DI  CAMERON E DEI PAPI,PROPIO IN QUESTO MOMENTO.A FARE COSA CON RENZI?VEDI LE DUE PROSSIME NOTE.

BENE CORTE DI CONTI.

PD:IL PAPA CONTRO LA BUROCRAZIA?E PERCHE NON CONTRO GLI ASSEGNI IN BIANCO CHE GLI EUROPEI TUTTI DOBBIAMO  TOGLIERE DI TASCA NOSTRA?NON SONO COSE DI DIVERSO COLORE.

Immagine anteprima YouTube

CONTINUA BEL PROSSIMO POST “170 BIS-BIS”

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente
Torna in alto