SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 266 »

9 FEBRAIO 2016:ITALIANI,MORIRE DA STRANIERO
.
-SU LE MONDE:
Blogs
.
09 février 2016
.
Giulio Regeni, torturé à mort au Caire à 28 ans
.

Giulio Regeni a fêté avec ses amis son vingt-huitième anniversaire le 15 janvier dernier dans cette ville du Caire qu’il aimait tant. Cet étudiant italien était en effet un passionné du monde et de la langue arabes. Il préparait une thèse d’économie à l’université de Cambridge sur le mouvement ouvrier en Egypte, et plus précisément sur les syndicats indépendants encouragés par la chute de Moubarak. La veille de ses 28 ans, Regeni avait publié, sous le pseudonyme d’Antonio Drius, un article sur le site italien Nena News consacré à l’agitation sociale de plus en plus préoccupante en Egypte.

Giulio

Le 25 janvier 2016, le jeune chercheur a quitté son domicile en début de soirée, dans le quartier de Doqqi, sur la rive gauche du Nil. Il était censé prendre le métro et retrouver un ami au marché de Bab al-Louk, sur l’autre rive du fleuve. Il n’y a que quatre stations de métro entre le domicile de Regeni et le lieu de son rendez-vous. Après El-Behoos, viennent Doqqi, Gezira, Sadat et Mohammed Naguib. La station Sadat, correspondant à la place Tahrir, épicentre de la révolution égyptienne de 2011, était fermée ce soir-là. Les autorités voulaient en effet éviter la célébration du lancement, cinq ans plus tôt, du soulèvement anti-Moubarak. C’est pourquoi le centre ville était quadrillé et toute manifestation interdite, sur fond d’une vague d’arrestations préventives et de “disparitions” sans précédent. Nul ne sait si Regeni a pu atteindre El-Behoos, mais personne en tout cas ne l’a revu vivant après le départ de son domicile.

Le 3 février, la dépouille de l’étudiant italien a été retrouvée dans le fossé d’une banlieue du Caire, sur une route conduisant à Alexandrie. Son corps à moitié dénudé comportait des traces de sévices notamment, selon le rapport consulté par l’AFP, « des brûlures de cigarettes autour des yeux et sous la plante des pieds ». Vous avez bien lu : « autour des yeux et sous la plante des pieds ». Le corps, identifié par les parents, a été rapatrié en Italie. Le Premier ministre Matteo Renzi a appelé le président Abdelfattah Sissi pour exiger que « les responsables de cet horrible crime soient livrés à la justice ».

Un rassemblement silencieux de quelques dizaines d’intrépides s’est déroulé, le 6 février, devant l’ambassade d’Italie au Caire. Une pancarte disait : « Il ne vous suffisait pas de nous tuer, il fallait que vous vous en preniez à un étranger ». Les amis de Regeni, encore traumatisés, pointent en effet un doigt accusateur en direction de la Sécurité nationale, la police politique à la sinistre réputation. Le soulèvement de février 2011 s’était accompagné de l’assaut populaire de bureaux de la Sécurité d’Etat, le bras armé du ministère de l’Intérieur. Mis en cause pour les crimes de la dictature Moubarak, ce service n’a en fait que changé de dénomination et l’ex-Sécurité d’Etat, devenue « nationale », a poursuivi ses exactions en toute impunité, malgré les rapports accablants des défenseurs des droits de l’homme.

Sissi, qui a abandonné son titre de maréchal lors de son accession en juin 2014 à la présidence, reste à l’évidence plus à l’aise avec les militaires qu’avec les policiers. Mais c’est bel et bien lui qui a nommé en mars 2015 ministre de l’Intérieur Magdy Abdel Ghaffar, à la carrière de trente ans au sein de la Sécurité d’Etat. Abdel Ghaffar a à son tour promu Mahmoud Shaarawi, patron de l’anti-terrorisme, à la tête de la Sécurité nationale. A la veille de la disparition de Regeni, le ministre de l’Intérieur affirmait “n’avoir pas peur” de la commémoration du cinquième anniversaire du soulèvement anti-Moubarak. Rappelons que la commémoration précédente, en janvier 2015, avait été marquée par la mort d’au moins quinze personnes, dont la militante progressiste Shaima Sabbagh, abattue par la police d’un tir dans le dos, alors qu’elle voulait déposer une gerbe de fleurs en hommage aux « martyrs de la révolution » de 2011.

J’avais déjà dédié “Les Arabes, leur destin et le nôtre” à Shaima Sabbagh et à Mohammed Bouazizi, dont l’immolation en décembre 2010 a déclenché le soulèvement tunisien contre la dictature de Ben Ali. Et ma conférence du 7 février à l’Institut français du Caire, consacrée à “Une histoire laïque du monde arabe”, s’est ouverte par une minute de silence à la mémoire de Giulio Regeni. J’ai pu mesurer à cette occasion l’intense émotion que ce crime révoltant suscite dans la capitale égyptienne, bien au-delà des milieux traditionnellement critiques ou opposants. La thèse d’un meurtre crapuleux n’est en effet étayée à ce stade par aucun élément convaincant. Certains milieux pro-gouvernementaux ont même essayé en vain de promouvoir une version « complotiste », selon laquelle des jihadistes auraient tué Regeni pour compromettre les investissements européens en Egypte.

Deux professeures de Cambridge ont lancé une pétition internationale d’universitaires pour exiger que toute la vérité soit faite sur la mort tragique de Giulio Regeni.  Cette pétition prendra la forme d’une lettre ouverte au président Sissi, publiée dans le Guardian et le Manifesto. L’affaire fait déjà grand bruit en Italie, mais elle ne peut naturellement pas être considérée comme ne concernant que ce pays. Comme l’écrit un un ami britannique du défunt, il s’agit aussi d’une « attaque directe contre la liberté académique, pilier du système d’éducation supérieur ».

Justice pour Giulio.

.

http://filiu.blog.lemonde.fr/2016/02/09/giulio-regeni-torture-a-mort-au-caire-a-28-ans/

REAZIONE:VOI SAPETE QUALE E’ LA MIA VERSIONE DI QUESTA MORTE.DALTRONDE:QALE MOTIVI AVREBBE AL SISS PER UCCIDERE UN ITALIANO QUANDO,SECONDO RENZI,HA STRETTO UNA ALLEANZA PER LA LIBIA?BRUTTA PROPAGANDA PER IL REGIME PRO-OCCIDENTALE ALLEATO DELLA FRANCIA IN LIBIA,MA ANCHE DI PUTIN.

RENZI DEVE RISPONDERE.

Immagine anteprima YouTube

-

0 FEBRAIO 2016:RIFONDARE LA FRANCIA,QUA ED ORA.

.

-SU LA REPUBBLICA:

.
Francia, approvata la revoca della cittadinanza per i terroristi

.

L’Assemblea Nazionale vota a grande maggioranza la norma voluta dal governo dopo gli attentati di Parigi. Non si fa riferimento alla doppia cittadinanza, come inizialmente previsto

.
09 febbraio 2016
.Francia, approvata la revoca della cittadinanza per i terroristi

Il premier Manuel Valls (ansa)

.

La controversa modifica della Costituzione francese che consente di revocare la cittadinanza francese ai condannati per terrorismo è stata approvata in serata dall’Assembela Nazionale. L’emendamento era stato voluto con forza dal premier Manuel Valls all’indomani della strage di Parigi del 13 novembre in cui un commando di Is massacrò 130 persone. Il testo aveva ricevuto un’accoglienza ostile sia da destra che da sinistra, portando addirittura alle dimissioni la ministra della Giustizia, Christiane Taubira. Il provvedimento, che inserisce il principio di revoca della nazionalità nella Costituzione, non fa nessun riferimento alla doppia nazionalità, ma si limita a definire un principio generale. I deputati l’hanno approvato a mano alzata, con ampia maggioranza.

Attraverso questo emendamento, l’articolo 2 del progetto di revisione della Costituzione rimanda ad una legge ad hoc, che definirà le condizioni della revoca della nazionalità francese e dei suoi diritti per chi ha commesso atti terroristici o che destabilizzano lo Stato.

http://www.repubblica.it/esteri/2016/02/09/news/francia_voto_revoca_cittadinanza_terrorismo-133081870/?ref=HREC1-7

-REAZIONE:QUESTO VENGO CHIEDENDO PER L’ITALIA DAL 2005 IN AVANTI SU QUESTE PUBBLICAZIONI,CIO’E’ RIVEDERE LE LEGGI DI CITTADINANZA DELL’ERA BERLUSCONI-PRODI-LEGA E INVECE,MENTRE RENZI RIMETTI IL REATO DI MIGRAZIONE CLANDESTINA,LO FA LA FRANCIA.

“NOI SALVIAMO VITE DICE RENZI”,E LI PARE SALVARE VITE CRIMINALIZZARE L’IMMIGRAZIONE?IPOCRITA BURATTINO DI BERLUSCONI E’.E CI PRENDE IN GIRO INOLTRE.

Immagine anteprima YouTube

-

1 FEBRAIO 2016:IMU ALLA CHIESA SUBITO?

-SU LA STAMPA:

-NOTA 1:

-cronache
.
Albenga, rubati i fondi di beneficenza: indagati due sacerdoti della Diocesi
Perquisizioni in Liguria e Piemonte. Indagini su un milione e 200 mila euro sottratti

.

10/02/2016
Albenga

Per verificare ammanchi nelle casse della diocesi di Albenga-Imperia, la Guardia di finanza ha compiuto perquisizioni in Liguria e in Piemonte e in particolare negli uffici della Caritas Diocesana di Albenga, in associazioni collegate e nelle abitazioni di indagati. Nell’hinterland torinese sono state compiute perquisizioni in associazioni che si occupano di adozioni a distanza.

L’attività di indagine rientra nell’inchiesta sulla Caritas di Albenga che coinvolge il Direttore pro-tempore don Renato Rosso e l’ex vice-parroco di Ceriale don Carmelo Licciardello. Le indagini coordinate dalla Procura di Savona hanno consentito alla Guardia di Finanza di accertare l’esistenza di un sistema illecito attraverso il quale un milione e 200 mila euro sarebbe stato sottratto dai fondi della diocesi, soldi destinati a iniziative benefiche, tra cui cospicue somme raccolte per le adozioni a distanza nonchè contributi erogati da Enti pubblici per la realizzazione di progetti sociali.

A don Licciardello, la Guardia di finanza ha anche notificato l’avviso di conclusione indagini, emesso dalla Procura di Savona, per circonvenzione d’incapace e appropriazione indebita. Secondo l’accusa, il sacerdote, avrebbe approfittato di una donna anziana in stato di infermità o deficienza psichica a compiere lasciti che hanno portato profitto al sacerdote e un danno patrimoniale alla donna. Per questi fatti le Fiamme Gialle avevano proceduto, nel settembre 2015, al sequestro preventivo di alcune polizze assicurative per un importo complessivo di circa 70.000 euro.

Altra inchiesta ma sempre con il coinvolgimento di un prelato e a “base di truffa” è quella in cui è coinvolto l’ex Cappellano Militare della Scuola di Telecomunicazioni delle Forze Armate gestita dalla Marina Militare a Chiavari. La Guardia di finanza di Bolzano ha arrestato monsignor Patrizio Benvenuti. Il prelato è accusato di una truffa da 30 milioni di euro ai danni di quasi 300 persone, prevalentemente residenti all’estero, per lo più in età avanzata

http://www.lastampa.it/2016/02/10/italia/cronache/albenga-rubati-i-fondi-di-beneficenza-indagati-due-sacerdoti-della-diocesi-o2ez5HinjBHhh8GR8j4z4O/pagina.html

.

REAZIONE:NON E’ SENZA FINE DI LUCRO
(NOCIUTA ANCHE L’UNIONE EUROPEA E….LA NUOVA ERA?)
Immagine anteprima YouTube
.
-APPENDICE 1:
A-SU LA REPUBBLICA:
.
Bolzano, arrestato monsignore argentino: “Truffa da 30 milioni di euro”
.

Il prelato è accusato di aver danneggiato almeno 300 persone, per lo più in età avanzata. Coinvolti una suora, un finanziere scaltro, un barone belga e una principessa,di FRANCESCO VIVIANO
.

Bolzano, arrestato monsignore argentino: "Truffa da 30 milioni di euro"

Monsignor Patrizio Benvenuti, alto prelato 64enne di origini argentine, accusato di una truffa da 30 milioni di euro (ansa)

BOLZANO – Un monsignore, la sua suora, un barone belga e perfino una principessa, moglie dell’erede al trono del Lussemburgo, sono a vario titolo coinvolti nella grande truffa di oltre 30 milioni di euro a danni di più di trecento “donatori” francesi, belgi, italiani, che avevano investito e perduto i loro soldi nella società Kepha Invest al cui vertice c’era monsignor Patrizio Benvenuti, alto prelato 64enne di origini argentine, fermato ed arrestato dalla Guardia di Finanza di Bolzano poco prima della sua partenza per la Canarie dopo avere sentito odore di manette.

È invece latitante il finanziere francese Christian Ventisette che avrebbe avuto un ruolo di primo piano nella grande truffa con spostamenti di milioni di euro in società sparse in Francia, Belgio, Lussemburgo, Miami, Panama ed in altri paesi dove sarebbero stati riciclati i proventi della grande truffa. Altro protagonista di questa truffa colossale è il barone belga De Fierlant Dorme, indagato dalla procura di Bolzano, che presiedeva la societa Kepha Invest in Belgio. Ed è stato lui a coinvolgere, forse a sua insaputa, nella società truffaldina, la principessa Stephanie De Lannoy, moglie del Principe Guglielmo, erede al trono del Lussemburgo. A svelarlo è stato lo stesso monsignor Patrizio Benvenuti che, prima di finire in manette, era stato ascoltato dalla Guardia di Finanza di Bolzano. Ed in quell’occasione monsignor Patrizio Benvenuti dichiarò: “Il barone De Fierlant ha assunto nella società Kepha l’attuale moglie del Principe Guglielmo, erede al trono del Lussemburgo, Stephanie De Lannoy per i suoi importanti contatti”.

L’inchiesta sulla grande truffa è stata avviata dopo la denuncia di una suora, suor Agnese Colz, che per molti anni aveva lavorato con monsignor Patrizio Benvenuti, trasferendosi da un ospedale di Bolzano in Vaticano dove poi il prelato ha avviato la sua attività truffaldina, truffando anche suor Agnese Colz che aveva anticipato 35 mila euro per organizzare cene per attirare “investitori” nella loro società promettendo interessi del 7 per cento.

I truffati versavano i propri soldi al sacerdote, destinati alla sua fondazione umanitaria Kepha, che finivano però in un articolato meccanismo di riciclaggio tra persone, società estere e italiane. La Guardia di finanza ha sequestrato in via preventiva, tra l’altro, una lussuosa villa del Quattrocento a Piombino (Villa Vittoria, progettata da Leonardo Da Vinci che vi soggiornò nel 1502) e un grande sito archeologico a Selinunte.

.

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/02/10/news/bolzano_arrestato_monsignore_argentino_truffa_da_30_milioni_di_euro_-133101212/?ref=HREC1-28

-

B-SU LA STAMPA:
.
Il monsignore Benvenuti :“Io, finito in trappola e sulla graticola come San Lorenzo”
.
Il prelato si difende: è solo fango

Patrizio Benvenuti monsignore, ex cappellano militare
.

11/02/2016
matteo indice
genova

Monsignor Patrizio Benvenuti risponde al terzo squillo di cellulare, è agli arresti domiciliari ma si fa fatica a interromperlo: «In questa storia sono coinvolti nobili e banchieri, io sono finito in trappola. Anzi come San Lorenzo, sulla graticola. Altri invece se ne stanno a Panama».

Monsignore come sono spariti i 30 milioni destinati negli anni alla sua fondazione?

«Ho commesso l’errore di essermi fidato. In primo luogo di Christian Ventisette (ricercato, ndr), che dal 2007 mi prospettò investimenti da coniugare alla nostra attività benefica. Pensai che avremmo potuto fare ancora di più e meglio».

È a lui che si riferisce quando parla di fuga a Panama?

«Be’…».

A lei addebitano comunque di essere uno dei vertici dell’associazione a delinquere.

«A me? Ma se quasi tutti i documenti sono in francese, una lingua che a stento riesco a leggere? Il barone semmai (Jean Cristophe Dormer De Fierlant, gestore della branca finanziaria, ndr). Nell’ordine di arresto si ricorda che ha prelevato un milione di euro in contanti. E guardi che lì siamo vicini al trono del Lussemburgo».

Perché vivere in una villa quattrocentesca come quella che è stata sequestrata a Piombino?

«Quanto fango. Lì trascorrevo al massimo qualche settimana all’anno. E poi per comprarla ci ho messo un milione della mia famiglia».

Un milione?

«Sì, eravamo e siamo benestanti. I miei si sono sposati a Genova, mio padre ha fatto fortuna in Argentina dal 1948 con la famiglia Rocca. Era un industriale. Tornammo alla fine degli anni ’50 e durante il liceo decisi di farmi prete».

I gala in Vaticano denunciati dalla sua ex perpetua?

«Cene per finanziare progetti sociali. E ho aiutato quella donna».

Dicono che stesse scappando alle Canarie.

«Ma no. Sono in pensione e attraverso un contatto Internet avevo permutato una nostra vecchia proprietà con una villetta al mare. Volevo solo trascorrere la mia vecchiaia lì: nel silenzio, in serenità…».

http://www.lastampa.it/2016/02/10/italia/cronache/albenga-rubati-i-fondi-di-beneficenza-indagati-due-sacerdoti-della-diocesi-o2ez5HinjBHhh8GR8j4z4O/pagina.html
.
REAZIONE:IL VIAGGIO NEELLE ISOLE CANARIE NON E’ PRIVO DI SIMBOLISMO.E’ UN RITORNO ALLE ORIGINI.INFATTI LE ISOLE CANARIE,CHE IO CONOSCO E HO VISITATO,E’ UN TERRITORIO AFRICANO NELL’ATLANTICO APPARTENIENTE ALLA CORONA SPAGNOLA DEI BORBONI ,LA QUI POPOLAZIONE HA FORNITO I PRIMI ABITANTI DEL VIRREINATO DEL RIO DE LA PLATA CHE HANNO FONDATO LE CITTA DI MONTEVIDEO E BUENOS AIRES.INOLTRE QUESTE ISOLE ERANO UNA IMPORTANTE BASE DLLA CORONA DA DOVE SI HA INDIRIZZATO LA CONQUISTA DELLE AMERICHE,SUD,CENTRO E PARTE DEL NORD(MESSICO,FLORIDA,TEXAS,NUOVO MESSICO,CALIFORNIA,ECC).SARA CHE IL CONQUISTATORE,ORA DI EUROPA,DOPO SMASCHERATO HA VOLUTO TORNARE ALL’INIZIO?COMUNQUE SIA IL MANCATO VIAGGIO AQUISISCE IMPORTANTE SIMBOLISMO VISTA LA VISITA DEL PAPA IN MESSICO E CUBA PROPIO IN QUESTI GIORNI.AMBIZIOSO PAPA NON CREDETE?
CHIARIMENTO:IL MIO NONNO,CHE HA VISSUTO ANCHE IN AMERICA DEL NORD,LO CHIAMAVANO PEPPE ROCCO,MA LA MIA FAMIGLIA DI ROCCA NON NE CONOSCIAMO E,NATURALMENTE,NULLA SAPPIAMO DEI BENVENUTO(NE DEI BERGOGLIO).
.
Immagine anteprima YouTube
.
-APPENDICE 2:corriere.it
.
Migranti, Bruxelles accusa l’Italia: i rimpatri sono insufficienti
.
IL RAPPORTO
Milano, 10 febbraio 2016 – 13:58.Il rapporto della Commissione giudica troppo lenti i ricollocamenti. Critiche anche alla gestione degli hotspot e dei centri di accoglienza (due invece dei cinque previsti)

BRUXELLES I ricollocamenti procedono a rilento, i rimpatri di chi non ha diritto allo status di rifugiato pure, i due hotspot aperti, i centri di accoglienza per lo smistamento, funzionano bene ma ne erano previsti cinque e gli altri non sono ancora operativi. Sui migranti la Commissione europea bacchetta l’Italia, e nel rapporto sull’applicazione delle misure legate alla crisi dei rifugiati elenca tutte le inadempienze.

Rimpatri insufficienti

«L’Italia ha eseguito oltre 14 mila rimpatri forzati di persone senza diritto di asilo nel 2015 e ha partecipato a 11 voli di Frontex congiunti di richiedenti asilo respinti da altri Stati membri», è detto nel rapporto della Commissione europea. E tuttavia «ciò resta insufficiente nel contesto di oltre 160 mila arrivi nel 2015». In pratica, 14 mila rimpatri su 160 mila arrivi sono un numero troppo basso per poter portare a regime gli accordi europei. Non solo. L’Italia presenta anche «gravi carenze per quanto riguarda l’ospitalità pre-rimpatrio, con soli 420 posti disponibili rispetto ai 1.252» previsti dalla Commissione europea, mentre «il sistema di ricezione è già largamente sufficiente».

I ricollocamenti

Il rapporto della Commissione esplicita che «nonostante il fatto che il ricollocamento dall’Italia sia iniziato alcune settimane prima che in Grecia, è ancora molto al di sotto del tasso necessario a raggiungere l’obiettivo globale di ricollocare 39.600 persone che necessitano di protezione internazionale in due anni». Di fatto, ad oggi solo 279 richiedenti sono stati ricollocati, con 200 richieste in sospeso inviate ad altri Stati membri», anche se «sino ad oggi, solo 15 Stati membri hanno reso disponibili posti per il ricollocamento con la promessa di ricevere 966 persone». La situazione si fa sempre più preoccupante e siamo alle porte di una nuova stagione di arrivi a ondate. Il braccio di ferro tra Italia e Ue della scorsa estate, non ha visto vincitori per il momento. L’Ue poneva come condizione per la redistribuzione dei rifugiati in Europa che l’Italia aprisse cinque hotspot e accelerasse sui respingimenti e sui ricollocamenti, l’Italia pretendeva che l’Europa si adoperasse subito per la redistribuzione dei migranti.

Gli hotspot,

Lo sviluppo degli hotspot in Italia, dice il rapporto della Commissione, «è lento». È vero che «due sono pienamente operativi» (a Lampedusa e Pozzallo), un terzo (a Trapani) «sarà pienamente operativo quando gli ultimi lavori di ristrutturazione saranno completati». Ma poi ce ne sono almeno altri due da aprire, i lavori vanno urgentemente completati a Taranto. I piani per gli hotspot di Augusta e Porto Empedocle devono ancora essere ultimati: «Una decisione che li riguardi – è scritto ancora nel rapporto – è essenziale alla luce del probabile aumento dei flussi migratori durante il periodo estivo».

Il rischio che salti Schengen

A questo punto, con le due posizioni ancora distanti e la lentezza dell’Italia, c’è il rischio che salti Schengen. «Abbiamo già perso tempo» nel gestire la crisi dei rifugiati, e «questo è un fatto inaccettabile», soprattutto perché «quest’anno un numero significativo di migranti potrebbe tentate di nuovo di raggiungere l’Europa». Queste le parole del commissario Ue agli affari interni Dimitri Avramopoulos, che ha anche sottolineato che «quei migranti che hanno diritto alla protezione saranno protetti ma non spetta loro decidere in quale Stato membro, mentre gli altri che non ne hanno diritto saranno rimpatriati». Lo si legge nel rapporto della Commissione europea sull’applicazione delle misure legate alla crisi dei rifugiati, nella parte dedicata all’Italia.

0 febbraio 2016 (modifica il 10 febbraio 2016 | 16:33)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/esteri/16_febbraio_10/migranti-bruxelles-accusa-l-italia-rimpatri-sono-insufficienti-6c322bd2-cfed-11e5-b46f-b6e34893b4a5.shtml

-

ANESSO(12/2/2016):DAL MARE LO VEDRANNO ARRIVARE,LA VISITA DEL PAPA IN MESSICO(E CUBA)

NESSUNO GIOVERA DI PIU QUESTA VISITA IN MESSICO DEL PAPA BERGOGLIO CHE LA FIFA:SUCCEDE CHE LA FIFA FORTEMENTE OSTEGGIATA DALLA GIUSTIZIA AMERICANA HA DISPOSTO CHE IL CONGRESSO PER RINNOVARE LE SUE AUTORITA VENGA CELEBRATO IN MESSICO NEI PROSSIMI MESI.IL MOTIVO DI QUESTA SEDE HA PIU SIGNIFICATI:INFATTI LA SEDE DEL MESSICO NON E’ CASUALE,SUCCEDE CHE CI SONO DELLE NAZIONI CALCISTICHE DELLA FIFA CHE STANNO FACENDO UNA RIVOLTA PERCHE OLTRE ALLE COPPE PER IL CAMPIONATO DEL MONDO CHE SI CELLEBRANO OGNI 4 ANNI,VENGANO ANCHE RICONOSCIUTI LE COPPE PER I CAMPIONATI OLIMPICI.IN QUESTO MODO PAESI COME L’URUGUYA CHE HANNO DUE COPPE  MONDIALI E DUE COPPE OLIMPICI(AVUTI NELL’ERA PRE-MOMDIALI PRIMA DEGLI ANNI ’50) SI VEDREBBERO EQUIPARATI AL BRASILE,LA GERMANIA E LE ALTRI NAZIONI CHE NE ANNO PIU DI DUE MONDIALI.E CI SONO NAZIONI COME IL MESSICO,UNA NAZIONE CALCISTICA DI TERZO ORDINE, CHE HA VINTO LA COPPA OLIMPICA IN GRAN BRETAGNA SI VEDREBBE ELEVATO AL RANGO DELLE GRANDI POTENZE CALCISTICHE.

E SUCCEDE ANCHE CHE LA CELLEBRAZIONE DI QUESTA ELEZIONE FIFA IN MESSICO,PAESE LIMITROFE DAGLI USA, DOPO CHE LA GIUSTIZIA AMERICANA L’HA SPODESTATO(SOPRATUTTO NELLA SUA COMPAGINE SUDAMERICANA),E’ UNA VERA SFIDA ,SOPRATUTTO SE PENSIAMO CHE DA QUESTO PAESE E I SUOI ALLEATI LI VIENE CONTESTATA L’ASSEGNAZIONE IN ANTICIPO DELLA SEDE DEI PROSSIMI DUE CAMPIONATI MONDIALI IN RUSSIA E IN QATAR,DUE PAESI DI DUBBITOSI ANTECEDENTI DEMOCRATICI E IMPEGNO ANTITERRORISTA.

E SUCCEDE CHE NESSUNO GIOVERA DI PIU QUESTA VISITA CHE LA GRAN BRETAGNA DI CAMERON CHE STA CERCANDO INSIEME AD ALCUNE POTENZE CALCISTICHE DEL SUDAMERICA DI OCCUPARE IL VUOTO DI POTERE LASCIATO DALLE CARICHE SCADUTE PER CORRUZIONE NELLA FIFA.

E SUCCEDE CHE QUESTA VISTA DEL PAPA VIENE APPUNTO PRECEDUTA DA UN ACCORDO FRA LA CHIESA ORTODOSSA RUSSA E QUELLA CATTOLICA DEL GESUITA LATINOAMERICANO BERGOGLIO,IN SUOLO AMERICANO-CUBANO.

INSOMMA UNA VISTA DEL PAPA CHE RAPPREENTA UNA VERA SFIDA PER GLI USA COME IL LANCIO DEL MISSILE DELLA NORD-COREA.

E NESSUNO RIMPIANGERA DI PIU QUESTA VISTA CHE IL POPOLO MESSICANO,FERVENTEMENTE CATTOLICO,CHE ASPETTANDO L’ARRIVO DI UN SUO SIMILE LATINOMERICANO CHE VIENE A PORTARE SOLLIEVO ALLE LORO SOFFERENZE MORALI(CORRUZIONE,NARCOTRAFICO,EC) E MATERIALI VEDE SBARCARE I BLATTER E I PLATINI CHE COME IN UCRANIA LI VENGONO AD OFFRIRE CALCIO E FAGGIOLI(FOOTBALL Y POROTOS),CIO’E’ “ESPEJITOS EN CAMBIO DE ORO”.

E NESSUNO RIMPIANGERA DI PIU QUESTA VISTA DALL’EUROPA,ANCORA UNA VOLTA,CHE COSI VEDRA SVELATO LA VERA ESSENZA DI QUESTO PAPA ABNORME E ROZZO:CAPITE ADESSSO DI COSA PARLO QUANDO PARLO DI SINCRETISMI DEL MALE?E COSI VUOLE RIFONDARE L’EUROPA?COL CALCIO?NESSUNO RIMPIANGERA DI PIU QUESTA VISTA E QUESTO PAPA CHE LE NAZIONI CIVILIZZATI.

Immagine anteprima YouTube

-

2 FEBRAIO 2016:NOVITA SUL SALVA BANCHE,FUORI I CORROTTI

-SU LA REPUBBLICA:

Banca Etruria insolvente, si apre l’inchiesta per bancarotta fraudolenta

No alla richiesta di incostituzionalità del salva-banche, il tribunale ha dichiarato il fallimento del vecchio istituto: “Stato di crisi irreversibile”. Atti trasmessi alla procura. Il Csm chiede nuove carte nell’istruttoria sul Pm Rossi,dal nostro inviato FABIO TONACCI
.
12 febbraio 2016
.

Banca Etruria insolvente, si apre l'inchiesta per bancarotta fraudolenta

(ansa)

AREZZO – Quello che gli ex manager di Banca Etruria temevano di più, è accaduto. La procura di Arezzo ha aperto il quinto filone di inchiesta, questa volta per il reato di bancarotta fraudolenta. Le indagini sono partite con l’insolvenza della vecchia Banca Etruria, stabilita ieri dal Tribunale fallimentare aretino, e puntano in alto, cioè verso chi ha governato la Popolare tra il 2013 e il 2015. Dunque, il direttore generale Luca Bronchi, gli ex presidenti Giuseppe Fornasari e Lorenzo Rosi, ma anche i vice Alfredo Berni e Pier Luigi Boschi, il padre del ministro delle Riforme Maria Elena. E, a cascata, gli altri consiglieri di amministrazione che si sono succeduti prima del commissariamento del febbraio scorso.Dalla procura non trapela niente sui dettagli, anche se è improbabile che ci siano già dei nomi iscritti sul registro degli indagati. Si sa solo che il procuratore capo Roberto Rossi, cui il Csm ha chiesto ieri ulteriore documentazione sui procedimenti archiviati a carico di Boschi, ha creato un pool di quattro magistrati, lui compreso, dedicato esclusivamente al fascicolo sulla ipotizzata bancarotta fraudolenta. La base di lavoro è l’ultima relazione ispettiva della Banca d’Italia, in cui sono indicate una serie di spese deliberate dal vecchio cda che hanno contribuito al dissesto dell’Etruria. Il pool indagherà sui 17 milioni di euro di consulenze per verificare che fossero veramente necessarie. Così come andranno ricostruiti i passaggi dietro alla maxi liquidazione da 1,1 milioni di euro per l’ex dg Luca Bronchi, erogati a metà 2014 quando la banca era già in crisi. Ma il filone più consistente sarà quello dei fidi, i prestiti elargiti “agli amici” su interessamento dei consiglieri di amministrazione e diventati crediti deteriorati: Bankitalia ha segnalato 198 posizioni per un totale di 185 milioni di euro e ha scoperto decine di fidejussioni inconsistenti.

Fino a quando l’istituto è stato “in bonis”, cioè con liquidità sufficiente a operare, la procura di Arezzo non ha considerato tali spese come malversazioni. La dichiarazione di insolvenza, però, ha ribaltato tutto. Il Tribunale fallimentare ha rigettato ogni punto del ricorso presentato dai legali dell’ex presidente Rosi, a cominciare dalla questione di legittimità costituzionale del decreto salva-banche, definita “priva di rilevanza ai fini decisionali e completamente infondata”. Lo stato finanziario in cui è stata consegnata la vecchia Banca Etruria al momento della messa in liquidazione, poi, non ha lasciato scampo. La situazione della liquidità “era gravissima – si legge nella sentenza – scesa a soli 335 milioni di euro”. Il patrimonio netto era integralmente eroso e in negativo di 1,1 milioni, mentre il deficit patrimoniale si era assestato a 305,3 milioni di euro. “Il giudizio circa la capacità di superare lo stato di dissesto non può che essere negativo. Emblematico anche il debito di 283 milioni di euro nei confronti del Fondo di risoluzione intervenuto per capitalizzare la Nuova Banca Etruria”. Quindi fallimento. I legali di Rosi, Michele Desario e Antonino Giunta, però, stanno preparando ricorso in appello.
.

http://www.repubblica.it/economia/finanza/2016/02/12/news/banca_etruria_insolvente_si_apre_l_inchiesta_per_bancarotta_fraudolenta-133244518/?ref=HREC1-8
.
REAZIONE:SE TOCCA PAPA BOSCHI TOCCA ANCHE LA FIGLIA,E TOCCA ANCHE I RENZI PAPA E FIGLIO,LO ABBIAMO GIA VISTO.
ORA SI,NON C’E’ PIU NULLA D’ASPETTARE,SI VADA ALLE URNE GIA,FUORI I CORROTTI.
-
APPENDICE:TITOLARE LA REPUBBLICA
 L'addio a Regeni al suo paese "Giulio, ti piaceva la giustizia"     Amici dal mondo, salmi in inglese
L’addio a Regeni al suo paese
“Giulio, ti piaceva la giustizia”
Amici dal mondo, salmi in inglese

Reptv Folla per il saluto: molti restano fuori
La famiglia chiede: no a riprese tv della cerimonia
“Fotografato da sconosciuto iniziava ad aver paura

di C.BONINI, A. CUSTODERO, G. FOSCHINI, L. PERTICI, riprese: A.GILIOLI, A.NASSO

Articoli correlati

REAZIONE:
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 265 »

5 FEBRAIO 2016:TITOLARI

-TITOLARE 1:SPERIMENTO SOCIALE

-SU LE FIGARO:Best of Madame Figaro

Que se passe-t-il lorsqu’un homme est victime de harcèlement sexuel en public ?

VIDÉO – Harceler sexuellement un homme en public serait socialement acceptable, selon une des stars de Youtube, JoeySalads.

Madame

Une vidéo déjà visionnée près de 700.000 fois, une dizaine de jours après sa diffusion.

REAZIONE:IO HO VISTO IL VIDEO

A-L’UOMO PALPEGGIA GLI ORGANI SESSUALI DELLA DONNA IN PUBBLICO IN UNA GALLERIA.I PASSANTI INTERVENGONO A FAVORE DELLA DONNA E ALLONTANO L’AGRESSORE.

B-ALL’INVERSA I PASSANTI INCORAGGIANO LUOMO A CEDERE ALLE RICHIESTE DELLA DONNA.

-TITOLARE 2:GOSSIP(MA NON TROPPO),RAGAZZINA PRECOCE

-SU LE FIGARO:

À 14 ans, la fille de Cindy Crawford décroche son premier contrat de mannequin

-TITOLARE 3:ONU ALL’IRAN CON I BAMBINI

-SU LE FIGARO:

Iran : le nombre de mariages forcés de fillettes augmente selon l’ONU

.

Le Comité des droits de l’enfant de l’ONU s’alarme des manquements de la législation iranienne, qui légitime le viol conjugal et l’application de la peine de mort et des tortures sur les enfants mineurs.

Madame

REAZIONE:NON ALLA VIOLAZIONE CONIUGALE,NON ALLA PENA DI MORTE,NON ALLA TORTURA SUI BAMBINI.

-TITOLARE 4:ONU ALLA FRANCIA,INTERDIRE MALTRATTO INFANTILE ROM

-SU LE FIGARO:

L’ONU appelle la France à interdire la fessée

Il s’agit de l’une des recommandations d’un comité de l’ONU, dont le rapport épingle les autorités françaises sur les châtiments corporels sur les enfants ou la discrimination des enfants Roms.

-

6 FEBRAIO 2016:VITTORIA PER DE LUCA

-TITOLLARE CORRIERE DELLA SERA:

ABUSO D’UFFICIO

Napoli, De Luca assolto in appello: cade
rischio di sospensione

di Valeria Palumbo
L’esponente del Pd era imputato per la vicenda del termovalorizzatore di Salerno. In primo grado era stato condannato a un anno. Con l’assoluzione svanisce per lui lo spettro dell’applicabilità della legge Severino

REAZIONE:SEVERINO,LA MELA DELLA DISCORDIA MARCIA

-

6 FEBRAIO 2016:IL TRIONFO SULLA CARNE

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

NUTRIZIONE E CANCRO

Contrordine: carni rosse «assolte» dal ministero
(ma quelle alla brace no)

di Luigi Ripamonti
Il parere del Comitato nazionale per la Sicurezza alimentare: il rischio di tumore al colon è condizionato da un insieme di fattori, fra cui la modalità di cottura
Gli oncologi: no agli allarmismi di Vera Martinella
Oms: non bisogna eliminare la carne, solo ridurla
Domande e risposte sul rapporto Iarc

.

Domande e risposte sul rapporto Iarc

REAZIONE:IO SONO MEDICO,E PER ANNI GRANDE CONSUMITORE DI CARNE ROSSA OGGI PENTITO,E QUINDI SO DI COSA PARLO:POCO SERIO QUESTO RAPPORTO DEL CORRIERE DELLA SERA CHE ORMAI DOVUTO ALLA SUA INSISTENZA CON L’ARGOMENTO DIVENTA CAMPAGNA A FAVORE DEL CANCRO.QUESTE NOTIZIE SERVONO SOLO IN ITALIA MA NULLA HA CAMBIATO AL RIGUARDO DEL RAPPPORTO CARNE ROSSA-CANCRO.

SOPRATUTTO QUELLA ARROSTA E INVASTA O SALUMI.E NON SOLO CANCRO PORTA QUESTA CARNE,ANCHE MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO,IL CUORE,,AUMENTO DEL COLESTEROLLO,ECC.INOLTRE QUESTA CARNE E’ LA PEGGIORE DI TUTTE QUELLE DI CONSUMO ABITUALE:POCO ASSAPORITA,DURA E CARA.

COME MEDICO CONSIGLIO RIDURRERE AL MINIMO POSSIBILE IL SUO CONSUMO CHE INOLTRE IN ITALIA NON E’ MAI STATO ALTO E CONTINUARE A PUNTARE SULLA DIETA MEDITERRANEA CHE E’ SCIENTIFICAMENTE RICONOSCIUTA COME LA MIGLIORE AL MONDO.ED E’ NOSTRA.

IL CORRIERE CONTINUA CON QUESTA CAMPAGNA PROPAGANDISTICA PER MOTIVI POLITICI:COME SI SA LA SCONFITTA DI QUESTA CARNE E’ LA SCONFITTA DELL’EXPO MILANO 2015,E’ IL SEGNO DEL SUO FALLIMENTO,E COME SI SA L’EXPO E’ PIETRA DELLO SCANDALO E ARGOMENTO POLITICO DI INFLUENZA NELLE INTERNE PD DI MILANO E NELLA PROSSIMA ELEZIONE DEL SINDACO.E SALA METTE IL GRIDO NEL CIELO A DIFESA DELL’EXPO.

D’ALTRONDE QUESTA CAMPAGNA MIRA A FARE COMODO AL PAPA BERGOGLIO PERCHE LA CARNE ROSSA E’ LA MAGGIORE RISORSA ECONOMICA DELL’ARGENTINA E IL MERCOSUR.NELL’ARGENTINA LA CARNE DI VACCA,CIO’E’ ROSSA,NON E’ SOLO LA MAGGIORE RISORSA ECONOMICA QUASI MONOPOLICA, E’ ANCHE UN SIMBOLO DEL POTERE CLASSISTA(1)DA SECOLI IN QUEL PAESE,LA COSIDETTA “OLIGARCHIA VACUNA”.

(1)IN VERITA NON E’ CORRETTO DENOMINARLO “CLASSISTA”,QUESTA E’ UN’ESPRESSIONE USATA DAL MARSSISMO NEGLI ANNI DELLA GUERRA FREDDA,LA PAROLA ESSATTA E’ “POTERE ELLITISTA”,”ARISTOCRATIZOIDE” CHE NON ARISTOCRATICO LA QUI ESSISTENZA IN QUELLE REGIONI E’ IMPOSIBILE,MALGRADO RIMANE,VORREBBE ESSERRE, LA SUA “UTOPIA”.IL BESTIAME VACUNO(DI VACCA)FU INTRODOTTO NEL CONO SUD DA UNO SPAGNOLO,FERNANDO ARIAS DI SAAVEDRA,NELL’EPOCA PRE-INDEPENDENZA E PER SECOLO RIMASSI IL SIMBOLO DEL FEUDALISMO MEDIEVALE DEL POTERE BORBONICO DA QUELLE PARTI.ARRIVATA L’INDEPENDENZA DELLE AMERICHE DELLA MANO DELLA DIFUSIONE DELLE IDEE LIBERALI DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE ESPORTATI DA NAPOLEONE E CERTA MASSONERIA INGLESE NELLE AMERICHE,IL FEUDALISMO HA SOPRAVISSUTO FINO AD OGGI SOTTO LA VESTE DI LATIFONDIO DOVE L’ALLEVAMENTO DI BESTIAME A DIFFERENZA DELL’EUROPA SI FA IN MODO ESTENSIVO,E COSI IL MEDIOEVO RIMASSI PRESSO CHE INTOCCATO FINO AL PRESENTE CON TUTTA LA SUA CONNOTAZINE APPUNTO FEUDALE.A DIFFERENZA DELLA RIVOLUZIONE INDEPENDENTISTA DI AMERICA DEL NORD CONTRO LA MONARCHIA INGLESE,IL NEOCLASSICISMO NEL SUDAMERICA NON HA MAI FINITO DI STABILIRSI E QUESTA “OLIGARCHIA” NE E’ LA PROVA VIVENTE.

L’ALLEVAMENTO VACUNO MAGGIORITARIAMENTE ESTENSIVO E’ UNA IMPORTANTE RISORSA PROTEICA CON POCO LAVORO(SOLO LASCIARE LE MUCCHE PASCOLANDO E 3 ANNI DOPO PRENDERLI),ABBONDANTE E PER TANTO A BUON MERCATO.LA CARNE COSI AVUTA DOPO E’ RINCARITA PER IL SURPLUS SOCIO-CULTURALE LEGATO A QUESTO SIMBOLO ELLITISTA DELLA CARNE.

POTREBBE CONTINUARE A SPIEGARE QUESTO SIMBOLISMO E MAGARI DIRVI CHE E’ UN’ESTENSIONE DELLA CORRIDA DI TOROS  CON LA SUA CONNOTAZIONE DELLA SUPERIORITA DELL’UOMO SULLA BESTIA.MA FAREBBE METTERE IL GRIDO NEL CIELO AGLI AMBIENTALISTI,ANIMALISTI.PURTROPPO NON POSSO LASCIARE DI MENZIONARE PERO CHE NON SOLO NELLA INDIA LE VACCHE SONO SACRE,ANCHE NEL MERCOSUR,SOLO CHE NELLA INDIA E’ PROIBITO IL SUO SACRIFICIO E CONSUMO MA NEL MERCOSUR ALLINVERSA.

-ILLUSTRAZIONE MUSICALE:

1-LAFAYETTE:

Immagine anteprima YouTube

2-SCOTT FITZGERALD

Immagine anteprima YouTube

3-MARILINA ROSS

Immagine anteprima YouTube

 

-

6 FEBRAIO 2016:BERSANI,DA TOTO AI FARAONI,QUALE DEMOCRAZIA?

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Pd, il caso delle tessere ai “cuffariani”

Ira Bersani, Faraone difende la scelta

E il segretario dem siciliano convoca i garanti

.
RepTv Pif: “Con questa mentalità non c’è futuro”

.

BERSANI:”SE CERTA GENTE E’ NEL PD IO NON CI STO”,HA DETTO BERSANI.COMPARARE LA VECCHIA DC DELLA PRIMA REPUBBLICA CON TOTO E IL GIOVANE PARTITO DI BERSANI-FARAONE NON FA BENE NE A ALL’ITALIA NE ALL’IS OLA.

Immagine anteprima YouTube

-

6 FEBRAIO 2016:RENZI INSISTE IN LIBIA

-TITOLARE LA STAMPA:


6 Febbraio

AFP
esteri
Mattarella chiederà a Obama cautela su intervento in Libia
.
REAZIONE:RENZI INSISTE NELL’ASPETTARE LE LARGHE INTESE IN LIBIA COME VUOLE BERLUSCONI,CIO’E’ IL COSIDETTO GOVERNO DI UNITA NAZIONALE VOLUTO DALLA MOGHERINI E PROPIZIATO DALL’ONU MA….INNECESSARIO,ORMAI MORTO.E INVECE OBAMA,A SORPRESA A ANNUNCIATO CHE INTERVERRA SUBITO E ANCHE COI PIEDI PER TERRA,MENTRE KERRY IN ITALIA,STANDO RENZI FUORI,LO RIMPROVERA CHIEDENDO “MAGGIORE IMPEGNO ITALIANO IN LIBIA”.
-APPENDICE 1-LA NOTA COMPLETA
ugo magri
roma

Sergio Mattarella farà presenti a Barack Obama le ragioni per cui sarebbe azzardato bruciare i tempi di un’azione militare in Libia. Nel colloquio alla Casa Bianca, che è in programma lunedì mattina nello Studio Ovale, il Presidente della Repubblica confermerà tutto quanto il nostro governo ha già fatto presente agli Usa e agli altri partner europei: l’Italia è pronta a prendersi la sua quota di responsabilità nell’ambito di una coalizione anti-Isis.

Ne rivendica anzi la leadership dal momento che nessun altro paese può vantare fonti di conoscenza migliori sul terreno. Dunque noi ci saremo, confermerà Mattarella rispondendo ai dubbi che ieri sera ha sollevato il portavoce del dipartimento di Stato americano, John Kirby: «Un maggiore impegno dell’Italia sarebbe benvenuto…».

Mattarella porterà ad esempio la disponibilità che venne data in ottobre agli Stati Uniti quando ci fu richiesto di aumentare il contingente afghano. Però per la Libia sarà decisivo il «timing»: prima è bene che prenda vita il governo di unità nazionale (non ci vorrà molto, a sentire la Farnesina). Dopodiché, se la nuova autorità politica chiederà aiuto contro l’Isis, la comunità internazionale avrà maggiori argomenti per fornirlo.

La risposta di Obama a Mattarella sarà importante. Potrà chiarire le reali priorità dell’amministrazione Usa e scioglierà i dubbi che circolano in questi ultimi giorni a Roma. Dove pare siano arrivati segnali discordanti: dal Pentagono, che ha fretta di estendere alla Libia il raggio dell’azione militare già avviata in Siria e in Iraq, riproponendo la stessa catena di comando. E dalla diplomazia a stelle e strisce, che risulterebbe invece più attenta alle considerazioni italiane. Renzi si augura che prevalga questo secondo punto di vista. Pure lui ne parlerà personalmente con Obama, se sarà confermato l’incontro di fine marzo a margine del summit sulla sicurezza nucleare. Il premier non vede di buon occhio un’escalation militare in Libia, come si è capito durante l’incontro di una settimana fa con i capigruppo di maggioranza e opposizione. Nell’occasione filtrarono molte preoccupazioni circa possibili «colpi di mano» in Libia, e intorno al tavolo si registrò una convergenza politica unanime.

Di questo clima il Capo dello Stato si farà interprete a Washington, dove atterrerà domani accompagnato dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. A Obama, Mattarella esprimerà riconoscenza, in quanto l’inquilino della White House si è dimostrato amico in varie occasioni. In modo particolare si spese durante un G20 per allentare la morsa delle politiche rigoriste sull’Italia. Si parlerà pure di immigrazione e di partnership transatlantica per il libero scambio.

Dalla Capitale, il presidente della Repubblica volerà quindi a New York per la seconda «mission» americana: sostenere la nostra candidatura a un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza Onu. Ci saranno contatti con i rappresentati di altri paesi e un incontro al Palazzo di Vetro col segretario generale Ban Ki-Moon. Quanto Mattarella sia impegnato su questo fronte lo dimostra l’altro viaggio in programma per metà marzo in Camerun e in Etiopia, dove ha sede l’Unione Africana, grande serbatoio di voti per l’Onu.

http://www.lastampa.it/2016/02/05/esteri/mattarella-chieder-a-obama-cautela-sullintervento-in-libia-YSg1w1Rz1aC6ouGJtS8RbJ/pagina.html

-APPENDICE 2:IL GIORNO PRIMA

-SU LE FIGARO:

Libye : la France prépare les plans d’une offensive contre Daech

Home ACTUALITE International

Par Alain Barluet

Mis à jour le 01/02/2016 à 21:37

Publié le 01/02/2016 à 19:4

Un pompier libyen devant un réservoir en feu sur le centre de raffinage de Ras Lanouf après une offensive menée, la semaine dernière, par les militants de Daech en vue de s'emparer des installations portuaires et pétrolières.

Réunis ce mardi à Rome, les pays occidentaux planchent sur des scénarios d’intervention militaire pour contrer l’EI.

Une intervention internationale contre Daech en Libye bute toujours sur la mise sur pied d’un gouvernement d’union nationale, ce qui n’empêche pas la France de préparer des plans de campagne militaire. Jean-Yves Le Drian a rappelé dimanche l’«urgence» de voir aboutir le processus politique en cours sous supervision des Nations unies. «Il y aurait un gouvernement libyen qui nous le demanderait», a souligné le ministre de la Défense, en alertant notamment sur le «risque majeur» de voir des djihadistes parvenir en Europe depuis les côtes libyennes en se mélangeant à des réfugiés.

Un mandat pour intervenir, résultant de l’installation d’un gouvernement légitime en Libye, n’est pas du pur formalisme: il offrirait un cadre juridique aux pays, européens notamment, qui, sans cela, rechigneraient à intervenir ; il faciliterait l’appui des pays voisins et éviterait, théoriquement, de se placer sous la coupe de telle ou telle faction. Mais, hormis l’appel d’un gouvernement libyen unifié, deux autres événements pourraient être déclencheurs d’une intervention. Primo, une avancée des forces de l’État islamique (EI) qui leur permettrait, depuis leur fief de Syrte, d’étendre significativement leur territoire, sur la côte, vers l’Est pétrolier, ou le grand Sud. Secundo, un attentat terroriste majeur sur le sol européen, dont il serait avéré qu’il résulte d’une filière libyenne. Aucune de ces perspectives n’est malheureusement à écarter.

Contenir l’avancée djihadiste

À Paris, les plans qui s’échafaudent reposent sur certaines données jugées «structurantes» et prennent en compte une équation libyenne singulièrement complexe. En «off», les perspectives d’un accord politique sont considérées comme précaires à ce stade. Même en cas d’accord, l’installation d’un gouvernement libyen ne sera pas évidente. Par ailleurs, les combattants de Daech, évalués à 5000 hommes, sont parvenus à constituer une masse critique hors de portée des forces locales. Enfin, il est patent qu’aucune des planifications ou missions de natures diverses élaborées jusqu’à présent n’a pu répondre efficacement à la problématique de Daech, qui «niche» et étend ses «métastases» dans les zones de fragilité.

Tout en continuant à espérer un accord politique, la stratégie française passe par la mise en place de lignes de défense régionales pour contenir l’avancée djihadiste: fort soutien sécuritaire à la Tunisie, appui à l’Égypte, déploiement de l’opération militaire «Barkhane» et coopération avec le Niger et le Tchad pour éviter les débordements sur le Sahel. Des angles morts demeurent néanmoins: l’Algérie reste circonspecte, l’Égypte s’inquiète avant tout du Sinaï, la frontière du Soudan pose problème… Volet majeur, le déploiement, jugé indispensable, d’une ligne de défense maritime pour appliquer un embargo. Peu efficaces, les missions des bateaux, actuellement sous drapeau européen notamment, doivent être revues. Une dizaine de ces navires seraient nécessaires pour espérer un contrôle des côtes libyennes.

Parallèlement à ces efforts, l’option d’un «confinement militaire au plus près» est envisagée. Sur le plan technique, une telle opération contre Daech sur le terrain – lequel est relativement plat – ne présente pas de difficultés majeures, rien à voir en tout cas avec les vallées afghanes ou les massifs du nord du Mali. En théorie, frappes aériennes, infanterie et artillerie devraient combiner efficacement leurs effets, dans le cadre d’un engagement d’envergure moyenne. «Il s’agirait d’une campagne plus light qu’au Levant», estime un bon observateur. Une assistance aux forces libyennes devra être mise en œuvre et il n’est pas exclu que la coalition anti-Daech ait aussi à «donner des coups de main», pour protéger certains points stratégiques (des aéroports, la Banque centrale…). Un scénario consisterait à utiliser des Forces spéciales occidentales épaulant des unités libyennes, comme celles des katibas de Misrata, lesquelles feraient le gros du travail au sol.

Bottes américaineset britanniques au sol

En dépit de leurs déclarations alarmistes, voire martiales, les Occidentaux hésitent à intervenir. Le terrain est observé depuis le ciel, des «bottes américaines et britanniques» seraient même au sol. «Mais jusqu’à présent, on bricole», lâche un expert. Vu de Paris, la détermination affichée par l’Italie, pays aux premières loges, est jugée plus sonore que réelle. Le cas échéant, Rome – mais aussi d’autres Européens – demanderont à «otaniser» une intervention militaire, ce qui fait grincer des dents à Paris. Côté américain, anticipe-t-on aussi, un engagement se limiterait à la dimension antiterroriste, la priorité des priorités étant pour Barack Obama la chute de Mossoul, en Irak.

Rien n’est formellement arrêté. Préparations diplomatiques et militaires se poursuivent. Quand interviendrait-on? La France, comme ses alliés occidentaux, attend officiellement le feu vert d’une autorité libyenne légitime. Comment? Cet aspect n’est pas le plus préoccupant. Pour quoi faire? Telle est la question principale. Il s’agit certes de contrer un «Daechland» en Libye. Mais cette bataille doit aussi s’inscrire dans le panorama beaucoup plus global d’une guerre mondialisée d’un genre nouveau.

La rédaction vous conseille :

Rome veut réunir ses alliés en vue d’une intervention contre Daech

Hollande promet l’accélération des frappes contre Daech en 2016

Michael Fallon: «Frapper maintenant le serpent Daech à la tête»

http://www.lefigaro.fr/international/2016/02/01/01003-20160201ARTFIG00331-libye-la-france-se-prepare-contre-daech.php

-

6 FEBRAIO 2016:GERMANIA,EUROSCETTICI E RIFUGIATI,SPARARE A ZERO?

-SU LE FIGARO:

L’AfD choque l’Allemagne en proposant de tirer sur les réfugiés

Home ACTUALITE International

Par Nicolas Barotte

Publié le 31/01/2016 à 13:24

Frauke Petry, la dirigeante de l'AfD, précise que la possibilité de tirer sur les réfugiés devait rester «un dernier recours»

Frauke Petry,la dirigeante de l’AfD precise que la possibilite di tirer sur les refugies deviat restier un “dernier recours”,Credit Photos: TOBIAS  SHUAWRZ/AFP

Le parti anti-immigration a franchi une nouvelle étape : pour protéger la frontière germano-autrichienne et empêcher l’immigration illégale, les policiers doivent pouvoir «faire usage de leur arme à feu en cas d’urgence».

De notre correspondant à Berlin,

Comme d’autres partis populistes avant lui, l’AfD a décidé de choquer. Le parti anti-immigration allemand Alternative für Deutschland dénonce depuis des mois et avec virulence l’accueil des demandeurs d’asile en Allemagne et prône une fermeture des frontières. Avec la dernière proposition de sa présidente Frauke Petry, la formation a franchi une nouvelle étape: pour protéger la frontière germano-autrichienne et empêcher l’immigration illégale, les policiers doivent pouvoir «faire usage de leur arme à feu en cas d’urgence».

«Aucun policier ne souhaite tirer sur un réfugié. Je ne le souhaite pas non plus», a-t-elle précisé au journal Mannheimer Morgen en considérant que la possibilité de tirer sur les réfugiés devait rester «un dernier recours». Mais cette recommandation formelle n’a convaincu personne de la modération de Frauke Petry.

La condamnation de l’AfD a été quasi-unanime en Allemagne. «Il y a de quoi douter que l’AfD respecte les principes de la démocratie», a commenté le vice-chancelier Sigmar Gabriel. Pour le patron des députés SPD au Bundestag, Thomas Oppermann, la préconisation de Frauke Petry rappelle «l’autorisation de faire usage des armes de la RDA».

La gauche demande une surveillance de l’AfD

Au début de l’année, des élus sociaux-démocrates avaient déjà mis en garde contre «la dérive d’extrême droite de l’Alternative für Deutschland». Ils préconisaient une mise sous surveillance de la formation, comme du groupe xénophobe Pegida, par les services de renseignements allemands. Pour le secrétaire général de la CDU Peter Tauber, l’AfD, avec sa proposition, se présente comme le rassemblement «des éternels frustrés pour qui l’Etat de droit, la démocratie ou des valeurs comme l’amour du prochain ne signifient rien».

Le président du syndicat de police GdP Jörg Radek a lui aussi pris ses distances avec l’idée de la chef de file de l’AfD. «Celui qui propose un tel procédé radical veut contourner l’Etat de droit et instrumentaliser la police. Nous avons déjà connu cette situation dans l’histoire (allemande) et nous ne le voulons plus jamais», a-t-il déclaré. En 2015, l’Allemagne a accueilli plus d’un million de réfugiés. Pour le gouvernement allemand, une répétition de ce scénario en 2016 n’est pas envisageable: le pays est arrivé au terme de ses capacités d’accueil et l’opinion publique réclame une inversion de la tendance.

Actuellement, l’AfD recueille dans les sondages quelque 12% des intentions de vote pour 2017, alors que la cote de popularité de l’alliance conservatrice CDU-CSU de la chancelière allemande Angela Merkel est tombée au plus bas depuis juillet 2002, à 34%.

La rédaction vous conseille :

La Suède, terre promise des migrants, s’apprête à en expulser plus de 60.000

Le Danemark durcit son droit d’asile, malgré les critiques

Migrants: Calais au bord de l’implosion

L’Allemagne scandalisée par le comportement de certains réfugiés

L’Allemagne durcit les conditions du droit d’asile

La popularité de la CDU de Merkel au plus bas

Nicolas Barotte

http://www.lefigaro.fr/international/2016/01/31/01003-20160131ARTFIG00061-l-afd-choque-l-allemagne-en-proposant-de-tirer-sur-les-refugies.php

.

7 FEBRAIO 2016:ATTENTI AL LUPO

-SU LA REPUBBLICA:

reportage
“Contro furti e ronde ci serve l’esercito”.
È la richiesta dei sindaci del vercellese
marco neirotti
.
Immagine anteprima YouTube
-
8 FEBRAIO 2016:ELEZIONI AMERICANE,IL MIO TESTIMONIO
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
.
Primarie Usa, domani in New Hampshire Sanders e Trump favoriti nei sondaggi
Primarie Usa, domani in New Hampshire
Sanders e Trump favoriti nei sondaggi
Repubblica.it seguirà il voto in tempo reale
.
REAZIONE:SENZA ESPRIMERE PREFERENZE PER NESSUN CANDIDATO,IN RAPPORTO ALL’AFFARI BENGAZHI SONO CONVINTO CHE HILLARY CLINTON E’ INNOCENTE MA LA SUA INTERPRETAZIONE POLITICA DEI FATTI A CALDO E’ STATA ERRONEA RISULTANDO IN COPERTURA AI VERI IRRESPONSABILI:HOLLYWOOD,YOUTUBE E IL FILM SU MAOMETTO NON C’ENTRAVNO NULLA.ERA UN ATTACO PIANIFICATO DA TEMPO PER COMMEMORARE L’11 SETTEMBRE,COMPRESO L’ALZAMENTO DELLE MASSE ISTIGATO DA ATTIVISTI, E NON UNA NATURALE REAZIONE DELLE MASSE IN PROTESTA DEL MENZIONATO FILM.
-
8 FEBRAIO 2016:TUTTI PER GUERRA IN LIBIA
.
-TITOLARE GOOGLE NEWS:
.
Usa 2016: candidati repubblicani, sì intervento in Libia
ANSA.it  - ‎2 ore fa‎
NEW YORK – Su una cosa i candidati repubblicani, da Donald Trump a Jeb Bush, sembrano tutti d’accordo: serve un’escalation della lotta all’Isis e gli Stati Uniti devono intervenire in Libia. Con i raid aerei e con truppe di terra. Basta con le
-
8 FEBRAIO 2016:NO ALLE LARGHE INTESE IN LIBIA
.
-SU LA STAMPA:

Obama riceve Mattarella per parlare di migranti, Europa, terrorismo e Libia

Il Presidente americano sarà affiancato dal suo vice Biden e dal segretario di Stato Kerry
.
ANSA

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la visita al cimitero militare di Arlington a Washington

08/02/2016
ugo magri
roma

Alle 17,15 ora italiana Sergio Mattarella incontrerà Barack Obama per parlare di migranti, di Europa, di lotta al terrorismo ma soprattutto di Libia: gli americani premono per un blitz militare immediato contro l’Isis e chiedono una mano a diversi paesi, tra i quali ci siamo sicuramente noi. La linea italiana non è stata finora favorevole a interventi armati, perché a Roma si coltiva la speranza che nasca in Libia un governo di unità nazionale, e che quel governo sia in grado di fronteggiare la minaccia islamista, magari con qualche aiuto della collettività internazionale.

Ma gli Usa hanno fretta di mettere in campo una risposta militare prima che l’Isis di rafforzi troppo. A riprova del peso che in vista delle imminenti decisioni viene riconosciuto a Mattarella, Obama sarà affiancato durante l’ora di colloquio dal vice presidente americano Joe Biden e dal segretario di Stato John Kerry. In pratica tutti i vertici dell’Amministrazione statunitense. Il Capo dello Stato Italia si presenterà invece accompagnato dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Seguiranno dichiarazioni congiunte che daranno immediatamente il senso e il clima dei colloqui. Domani, nuovo incontro con Biden e, a sera, cena con alcune personalità di stanza a Washington, come la direttrice del Fondo monetario internazionale (FMI) Christine Lagarde e il capo dell’opposizione democratica alla House of Representative, Nancy Pelosi.

.

http://www.lastampa.it/2016/02/08/esteri/obama-riceve-mattarella-per-parlare-di-migranti-europa-terrorismo-e-libia-PTGEpSJ23bc3U4FNWH6noJ/pagina.html

.

REAZIONE:NO ALLE LARGHE INTESE IN LIBIA,NO A BERLUSCONI,FRATTINI,MARONI E LEGA.

RENZI,IL BURATTINO DEL CENTRO DESTRA E ORMAI QUINTA COLONNA DI OCCIDENTE RIPETE CON USA LA STESSA POSIZIONE CHE DI FRONTE ALLA FRANCIA.LA SUA OPINIONE CONTA POCO MA VA ISOLATO:NO A MATARELLA.

-

8 FEBRAIO 2016:CANDA E L’IS,ALTRE PRIORITA

-TITOLARE LE FIGARO:

Le Canada met fin aux frappes contre l’EI en Syrie et en Irak

NouveauLe Premier ministre, Justin Trudeau, a annoncé lundi que les six chasseurs F18 canadiens engagés aux côtés de la coalition internationale depuis 2014 devraient se retirer dès le 22 février. Le pays va renforcer la formation des troupes locales et l’aide humanitaire.

.

REAZIONE:IL CANADA GIOCA IN ANTICIPO,SONO ALTRE LE PRIORITA:L’IS COME SI SA E’ STATO INDEBOLITO SE NON CACCIATO DA QUELLI PAESI E SI HA SPOSTATO IN LIBIA E L’ORIENTE PROSSIMO DOVE STA CONCENTRANDO I SUOI SFORZI.IL CANADA E’ CON L’EUROPA.INOLTRE DEVE BADARE AL SUO TERRITORIO DOVE L’IS HA INTENSIFICATO GLI ATTACHI.

-

9 FEBRAIO 2016:RISTRUTTURARE IL MONOTEISMO ANCHE

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:.

IL VATICANO

Il Papa: «Abbraccio
i fratelli ortodossi L’Europa va rifondata»

di Massimo Franco
Bergoglio alla vigilia dell’incontro con il Patriarca
di Mosca Kirill previsto il 12 febbraio a Cuba
Napolitano, Bonino e Nicolini: i grandi italiani dimenticati secondo il Papa

L’annuncio dell’incontro

-REAZIONE:E PERCHE NON RISTRUTTURARE IL MONOTEISMO ANCHE?:IO NON SO SE DIO NON SIA UNO ED ETERNO E CHE IL DIO DI MOSE,CRISTO E MAOMA NON SIA LO STESSO DA QUELLO DAL LONTANO ORIGINE DELLE RELIGIONI  NEL ANIMISMO AFRICANO,PERO UNA COSA E’ CERTA, TUTTI I SISTEMI RELIGIOSI HANNO FATTO IL SUO TEMPO E POI SPARITO,COSI IL PROPIO ANIMISMO AFRICANO,COSI IL DIO DEGLI EGIZIANI,ASIRI,CALDEI,GRECI,ROMANI,I DEI NORDICI,ODIN,OLAF,ECC.

E COSI SARA ANCHE PER IL MONOTEISMO,DI QUESTO POSSIAMO ESSERE CERTI.TRANNE CHE BERGOGLIO SIA L’ALFA E L’OMEGA E SI DECIDA DI RISTRUTTURARLO.MA A QUANTO SAPIAMO LA SECONDA VENUTA DEL CRISTO NON E’ STATA ANNUNCIATA ANCORA.E A QUANTO RACCONTA UNA VECCHIA TRADIZIONE CATTOLICA CIO OCORRERA QUANDO I CARDINALI SCELGANO UN PAPA DAL NOME PIETRO.COSA CHE NON HA SUCCESSO ANCORA DOPO IL FONDATORE DELLA CHIESA.

COMUNQUE,NIENTE PAURA,QUESTA OSSESIONE MEGALOMANA  FONDATRICE DEI GESUITI NON E’ NUOVA E BERGOGLIO SI L’HA PORTATO DIETRO DALLA FINE DEL MONDO INSIEME A TUTTI I SUOI SINCRETISMI DEL MALE.VEDI FONDAZIONE MITICA DI BUENOS AIRES,COSI CI LA MOSTRA JORGE LUIS BORGES:

Immagine anteprima YouTube

” A MI SE ME HACE CUENTO QUE EMPEZO BUENOS AIRES”:QUESTA FRASE CHIAVE PER CAPIRE QUESTO POEMA ALTRO NON SAREBBE CHE UN LAMENTO CONTRO I FRANCESCANI CHE 300 ANNI FA HANNO CACCIATO I GESUITI DELLA CHIESA,ESPROPIATO I SUOI LUOGHI DI CULTO E PROIBITA LA SUA PREDICA.E SI CAPISCI ALLORA LA SUA DELLUSIONE PER L’EUROPA E OCCIDENTE E CHE VOGLIA INCONTRARE L’ORTODOSSO IN CUBA,FUORI DALL’EUROPA.

E PECCATO CHE L’EUROPA NON SIA ABITATA DA INDIANI,NE DISPOSTA AD ACCOGLIERO COME  “ADELANTADO”,NOME RISERVATO AI PRIMI CONQUISTADORES ARRIVATI NEL RIO DE LA PLATA INVIATI DALLA CORONA SPAGNOLA.COMUNQUE,CI PENSI BENE, QUESTO HA I SUOI VANTAGGI:A QUALCUNO COME JUAN DIAZ DE SOLIS SE L’HANNO MANGIATO VIVO.

COMUNQUE SE IL SUO RAMMARICO PER LA VECCHIA STERILE CONTINUA,IO  ANZI CHE A PONTI INTER-RELIGIOSI EXTRA-CONTINENTALI E ANTI-OCCIDENTALI DA DOVE RIFONDARE L’EUROPA GLIENE PROPONGO UNO INTERGALACTICO  PER QUANDO I TERRICOLI CI DISPONIAMO A CONQUISTARE LO SPAZIO:PLUTON,COLONIZZARE E RIFONDARE “L’EUROPA CELESTE” IN PLUTON.

(AH…NON CREDO DI ESSERE L’ALFA E L’OMEGA)

PD:PER ESSERE CHIARI,LA CITTA DI BUENOS AIRES E’ STATA FONDATA DALLA CORONA SAPGNOLA DEI BORBONI INSIEME A MONTEVIDEO.ERA LA SEDE DEL VIRREINATO DEL RIO DE LA PLATA,UNO DEI TANTO FONDATI IN SUD,CENTRO E NORDAMERICA.MA DOPO “AIRES” NUOVI HANNO SOFFIATO DURANTE L’INDIPENDENZA DELLE AMERICHE E LA CITTA CAMBIO DI MANI QUANDO I FRANCESCANI HANNO CACCIATO I GESUITI DELLA CHIESA CATTOLICA,E’ STATA RIFONDATA QUINDI. E ORA I GESUITI TRAMITE BERGOGLIO PRETENDONO IN RIVINCITA RIFONDARE L’EUROPA.PER JORGE LUIS BORGES,UN MONARCHICO ANGLO-ARGENTINO ALLE QUI CONFERENZE HO ASSISTITO,BUENOS AIRES E’ ETERNA,NON E’ STATA NE FONDATA NE RIFONDATA.

Immagine anteprima YouTube

-LA NOTA COMPLETA:corriere.it

.

Francesco: «Il mio abbraccioai fratelli ortodossi»

.

L’INCONTRO
Milano, 8 febbraio 2016 – 06:49Bergoglio alla vigilia del faccia a faccia con il patriarca di Mosca Kirill previsto per il 12 febbraio a Cuba: «I ponti durano e aiutano la pace, i muri no: sono destinati a cadere»

«Sono felicissimo». Quando si chiede a Francesco di commentare la riconciliazione tra Chiesa cattolica e ortodossa dopo quasi mille anni di scisma, la risposta è affidata a un superlativo che esprime soprattutto gioia. D’altronde, la strategia con la quale il Papa ha guidato e seguito le trattative è stata altrettanto disarmante, nella sua semplicità. «Io ho lasciato fare. Ho solo detto che volevo incontrare e riabbracciare i miei fratelli ortodossi. Tutto qui. Sono stati due anni di trattative di nascosto, ben condotte da vescovi bravi. Per gli ortodossi se n’è occupato Hilarion, che oltre a essere bravo è anche un artista, un musicista. Hanno fatto tutto loro». Alla vigilia del faccia a faccia storico che avverrà il 12 febbraio a Cuba con il Patriarca russo Kirill, nella quiete pomeridiana di Casa Santa Marta, in un incontro all’insegna dell’informalità, Jorge Mario Bergoglio appare soddisfatto, soprattutto perché ritiene di avere costruito un altro ponte.

Da mesi si intuiva che l’ultima pietra stava per essere posata. Alla fine di giugno scorso, sul Corriere della Sera , proprio il teologo Hilarion, «ministro degli Esteri» del Patriarcato di Mosca, aveva detto che quell’incontro storico «era in agenda». Aveva parlato di «prospettiva vicina». E espresso la speranza che «non si incontrino un futuro Papa e un futuro Patriarca, ma questi due». A fine anno le voci si erano infittite. Si parlava di un’insistenza del Patriarcato ad accelerare la tappa finale, condivisa peraltro dalla Santa Sede. Si è cominciato a ipotizzare uno «scalo tecnico» a Cuba per la visita papale in Messico. Il 23 gennaio scorso il cardinale tedesco Kurt Koch, che in Vaticano presiede il consiglio per l’unità dei cristiani, aveva detto che «il semaforo non è più rosso ma giallo». E il comandante della Gendarmeria vaticana, Domenico Giani, reduce da un sopralluogo in Messico, a Ciudad Juarez, la città di immigrazione al confine con gli Stati Uniti, dove il Papa celebrerà la Messa e che era nella sua traiettoria mentale fin dall’inizio, ha aggiunto che un «cambio di itinerario» a sorpresa non era da escludersi.

Il «semaforo» è diventato verde nello spazio di neanche due settimane. Di colpo, un ponte crollato da mille anni si è materializzato, pronto per essere attraversato. Una riconciliazione del cristianesimo europeo, ma fuori dai confini europei: quasi a testimoniare che il baricentro della Chiesa oggi è altrove. A quanti lo incontrano a Casa Santa Marta, il Papa lo ripete con una miscela di speranza e di lucida preoccupazione. «Ponti: quelli bisogna costruire. Passo dopo passo, fino ad arrivare a stringere la mano a chi sta dall’altra parte. I ponti durano, e aiutano la pace. I muri no: quelli sembrano difenderci, e invece separano soltanto. Per questo vanno abbattuti, non costruiti. Tanto sono destinati a cadere, uno dopo l’altro. Pensiamo a quello di Berlino. Sembrava eterno, e invece: puff, in un giorno è caduto giù». Il «ponte» ricostruito con l’ortodossia è frutto di questa paziente strategia del dialogo; di rispetto per interlocutori che il Papa valuta soprattutto come persone. Francesco sa bene che «la Russia ha sangue imperiale», dai tempi della zarina Caterina. E, come la Cina, anche «la Russia può dare molto». In questa fase, ripete il Papa alle persone che gli sono vicine, «non possiamo dire di essere circondati da un mondo in pace. Dovunque ci voltiamo ci sono conflitti. Io ho parlato di terza guerra mondiale a pezzi. In realtà non è a pezzi: è proprio una guerra. Le guerre come si fanno? Agendo sull’economia, col traffico delle armi, e facendo la guerra contro la nostra casa comune, che è la natura. I trafficanti stanno facendo molti soldi, comprando armi da un Paese che gliele dà per colpirne un altro, suo nemico. E si sa quali sono». Per lui, la questione ecologica è un pezzo fondamentale di quella che si può definire sicurezza globale. «Tagliare gli alberi significa desertificare interi territori. Per questo, in Paesi come lo Zambia hanno cominciato a ripiantarli, a riforestare le zone per evitare l’impoverimento della terra. E bisogna stare attenti alle monoculture. Se si producono sempre le stesse cose, senza alternare le coltivazioni, presto il terreno diventa morto».

«L’Occidente deve fare autocritica sulle primavere arabe». Non perdere nessuna occasione per costruire ponti e evitare qualunque tipo di guerra è un punto fermo, per il Pontefice. L’intervento militare dell’Occidente in Nord Africa e le cosiddette «primavere arabe» sono stati un azzardo che ora si paga a caro prezzo. «Sulle primavere arabe e l’Iraq si poteva immaginare prima quello che poteva succedere. E in parte c’è stata una convergenza di analisi tra la Santa Sede e la Russia. In parte, è bene che non esageriamo perché la Russia ha i suoi interessi». Ma il Papa invita sempre a pensare «alla Libia prima e dopo l’intervento militare: prima di Gheddafi ce n’era uno solo, ora ce ne sono cinquanta. L’Occidente deve fare autocritica». Non si può non pensare con una punta di apprensione a quanto può accadere se Usa e Europa riterranno di dovere attaccare di nuovo il territorio libico, lacerato tra tribalismo e terrorismo islamico. Sa bene che quanto accade al di là del Mare Mediterraneo è una tragedia.

«L’Europa alla fine sorriderà ai migranti». Agli interlocutori che gli parlano delle migrazioni epocali in atto e dell’allarme che suscitano in Europa, Bergoglio replica ricordando il suo primo viaggio del luglio 2013 nell’isola siciliana di Lampedusa, luogo-simbolo della tragedia dei profughi. Allora gettò una corona di fiori in mare: un omaggio a tutte le persone morte annegate attraversando il Mediterraneo su barconi e gommoni sovraffollati. «Quando andai a Lampedusa, il problema dell’immigrazione era appena agli inizi. E adesso è esploso», ripete sempre, come a dire che la vista lunga della Chiesa non è stata compresa in tempo; e l’Europa si trova a gestire un problema aggravato dalla mancanza di visione e di strategia. È «una sfida da affrontare con intelligenza, naturalmente, perché dietro c’è il problema enorme e terribile del terrorismo». Lo sguardo del Papa verso il Vecchio Continente, tuttavia, non è pessimista. Raccontano che stia preparando il discorso che pronuncerà in occasione del Premio Carlo Magno per la pace e l’integrazione, conferitogli dalla giuria di Aquisgrana, in Germania. E sarà «un discorso di grande affetto». Colpì molto quanto disse nella fugace visita al Parlamento di Strasburgo, nel novembre del 2014: un’occasione nella quale le sue parole accorate, in alcuni passaggi perfino dure sull’Europa, crearono un’eco immensa. In quell’occasione disse che «un’Europa che sia in grado di fare tesoro delle proprie radici religiose, sapendone cogliere la ricchezza e le potenzialità» potrà essere anche «più facilmente immune dai tanti estremismi che dilagano nel mondo odierno, anche per il grande vuoto ideale a cui assistiamo nel cosiddetto Occidente». Il «cosiddetto» Occidente: già l’aggettivo scelto era significativo. Ma andò oltre. Rivolto agli europarlamentari, non esitò a evocare «un’Europa nonna e non più fertile e vivace. Per cui i grandi ideali che hanno ispirato l’Europa sembrano aver perso forza attrattiva, in favore dei tecnicismi burocratici delle sue istituzioni». Poche ore dopo il Papa ricevette una telefonata. «Mi chiamò la cancelliera tedesca Angela Merkel», ama raccontare Francesco. «Era un po’ arrabbiata perché avevo paragonato l’Europa a una donna sterile, incapace di fare figli. Mi chiese se davvero pensavo che l’Europa non poteva fare più figli. Io le risposi che sì, l’Europa ne può fare ancora, e tanti, perché ha radici solide e profonde. Perché ha una storia unica. Perché ha avuto e può avere ancora un ruolo fondamentale: pensiamo solo alla cultura e alle tradizioni che incarna. E perché nei momenti più bui ha sempre dimostrato di avere risorse non sospette».

I tre «grandi italiani» nel Pantheon di Papa Francesco

Ma negli incontri a Casa Santa Marta insiste con i suoi interlocutori che «l’Europa deve e può cambiare. Deve e può riformarsi. Se non è in grado di aiutare economicamente i Paesi da cui provengono i profughi, deve porsi il problema di come affrontare questa grande sfida che è in primo luogo umanitaria, ma non solo. Si è rotto un sistema educativo: quello che trasmetteva i valori dai nonni ai nipoti, dai genitori ai figli. Ebbene, occorre porsi il problema di come ricostruirlo». Spesso, Bergoglio usa una metafora biblica. Paragona il Vecchio Continente a Sara, la moglie di Abramo. Sara è sterile e quando ormai ha più di settant’anni, secondo gli usi di quei tempi remoti dà in moglie la sua schiava al marito perché partorisca per lei un figlio. Poi, però, miracolosamente, riesce ad averne uno a novant’anni. «L’Europa», ama ripetere Francesco, «è come Sara, che prima si spaventa ma poi sorride di nascosto». La sua speranza, riferisce chi gli ha parlato, è che l’Europa «sorrida di nascosto» agli immigrati. La forza le può venire dalla memoria dei «grandi personaggi dimenticati» della sua storia recente. Francesco è un ammiratore dei protagonisti della rinascita europea dopo la Seconda guerra mondiale. Cita il cancelliere tedesco Konrad Adenauer, il ministro degli Esteri della Francia, Robert Schuman, l’italiano Alcide De Gasperi. Ma intravede «grandi dimenticati» anche nella cronaca dei nostri giorni. «Ad esempio la donna-sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini», per il modo in cui si è spesa a favore dei profughi. Ed è solito citare «tra i grandi dell’Italia di oggi» sia il capo dello Stato emerito, Giorgio Napolitano, che l’ex ministro Emma Bonino. «Quando Napolitano ha accettato per la seconda volta, a quell’età, e sebbene per un periodo limitato, di assumersi un incarico di quel peso, l’ho chiamato e gli ho detto che era un gesto di “eroicità” patriottica». Quanto alla Bonino, a interlocutori che strabuzzano gli occhi sentendo citare l’esponente radicale, sostiene che «è la persona che conosce meglio l’Africa. E ha offerto il miglior servizio all’Italia per conoscere l’Africa. Mi dicono: è gente che la pensa in modo molto diverso da noi. Vero, ma pazienza. Bisogna guardare alle persone, a quello che fanno».

Un messaggio al presidente cinese Xi Jinping? I n fondo, la sua idea del poliedro come figura geometrica che meglio rispecchia la frammentazione di questa fase storica, e l’esigenza di trovare un punto di equilibrio, di unità e convivenza tra disuguali, nascono da questo approccio inclusivo: lo stesso che gli sta permettendo di rimuovere i detriti lasciati dalla Guerra fredda, e di tentare di contribuire alla costruzione di un nuovo ordine mondiale. La mediazione tra Usa e Cuba. Il viaggio negli Stati Uniti. L’apertura del Giubileo in Africa. Adesso il Messico e la riconciliazione con il mondo ortodosso. Sono tutte tappe di una «strategia dei ponti» alla quale questo Papa argentino e australe, espressione di un «Occidente alternativo», non mette limiti: neanche quelli dell’Impero di Mezzo cinese. La sua intervista a Asia News sulla Cina ha fatto il giro del mondo. E si parla di un messaggio rivolto nelle prossime ore allo stesso presidente della Repubblica popolare, Xi Jinping: un’altra pietra posata sul ponte col quale Francesco spera di attraversare, prima o poi, anche la Grande Muraglia.

8 febbraio 2016 (modifica il 8 febbraio 2016 | 12:28),© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

 http://www.corriere.it/cronache/16_febbraio_08/francesco-il-mio-abbraccio-fratelli-ortodossi-739bf6ee-cdf6-11e5-9bb8-c57cba20e8ac.shtml
.

-APPENDICE:SAPEVA CHE……STIAMO UGUALI

.
Quando la natura sorprende nati rarissimi gemelli di gorilla
LE IMMAGINI / REPUBBLICA CENTRAFRICANA
Quando la natura sorprende
nati rarissimi gemelli di gorilla
.
REAZIONE:EVOLUZIONISMO E MONOTEISMO A CONFRONTO
.
AD UN MORMONE CHE VOLEVA CONVERTIRMI HO DETTO:TROPPO VECCHIO,IO SONO EVOLUZIONISTA,CI’O'E’,NELLA TEORIA DELL’EVOLUZIONE DI CHARLES DARWIN CREDO IO.HA STORTO IL NASO E MI HA DETTO:”L’UOMO DISCENDENTE DEL MONO?
SI,PURTROPPO SI,HO RISPOSTO.MANCA QUALCHE ANELLO MA LE EVIDENZE SONO TERMINANTI,NON SI POSONO NEGARE.
DALTRONDE CHI HA LETTO SOPRA CAPIRA CHE HO DIMOSTRATO CHE LE RELIGIONI MONOTEISTI PROVENGONO TUTTE DEL PRIMITIVO ANIMISMO AFRICANO.LEGGI LA STORIA DELLE RELIGIONI.
ALLORA CHI VEDE QUEI DUE GORILLINI ALLATANDO DEL SENO DI MAMA AFRICA,CULLA DEL MONOTEISMO E DAI PRIMI UMANI, CAPIRA CHE…..QUELLO DEL TITOLO.

ANCHE LEI NON CI CREDA.

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 264 »

3 FEBRAIO 2016:RENZI,BASTA  MARGINI

-SU LA REPUBBLICA:

Ppe contro Renzi: “Basta margini di flessibilità”

Parla il presidente dei deputati popolari europei, Weber: “Anche i commissari socialisti come Moscovici pensano che non c’è più spazio”

.

Il Ppe contro Renzi: "Basta margini di flessibilità"

Il leader dei Popolari europei, Manfred Weber (ansa)

MILANO – Nuove scintille nel rapporto tra Roma e l’Europa, ancora una volta in tema di margini di flessibilità sul bilancio tricolore e spese per i migranti. A scaldare il fronte è il mondo politico, prima che tecnico, con i Popolari all’attacco: “La Commissione europea negli ultimi anni ha dato massima flessibilità. Ma ora anche i commissari socialisti, penso a Moscovici, constatano che non ci sono più ulteriori margini per maggiore flessibilità”, ha detto Manfred Weber, presidente dei deputati europei del Ppe, commentando la posizione italiana. Il governo, infatti, chiede di accrescere dello 0,2% del Pil la possibilità di spesa nel 2016 (circa 3 miliardi di euro) per far fronte ai costi legati alla gestione della crisi dei migranti.

“Sarebbe auspicabile da parte di tutti – ha aggiunto Weber – prendere coscienza dello stato dei fatti. Juncker ieri ha inviato una lettera a Renzi per ricordagli gli obblighi europei: spero che sia arrivata a destinazione”. Questo secondo riferimento è alla missiva del presidente della Commissione, con la quale ha confermato la posizione di Bruxelles sul trattamento riservato ai contributi nazionali per il fondo alla Turchia: 3 miliardi di euro in tutto, 231 milioni dei quali a carico dell’Italia. Nella lettera si specifica che la Commissione, “dopo il gentleman’s agreement” raggiunto nel vertice europeo di dicembre, ha “concordato” che tali contributi “non saranno calcolati nel deficit” e fatto “una dichiarazione formale” in tal senso. Il governo italiano aveva chiesto lumi a più riprese su questo aspetto, che era stato anche al centro dell’incontro tra Renzi e Angela Merkel.

Piccata la reazione di Gianni Pittella (S&D), per il quale Weber “rischia di diventare un sabotatore delle intese politiche che sono alla base della coalizione del presidente Juncker”.

Il clima è caldo perché su quei milioni si gioca il braccio di ferro tra Commissione e governo italiano, senza dimenticare che quei soldi servono a salvare vite lungo i confini e nei mari dell’Unione. Se, da una parte, i contributi alla Turchia (che li incassa in cambio dell’impegno a fermare le partenze verso la Grecia) non incideranno sui vincoli di bilancio, non è ancora dato di sapere se sarà lo stesso per i 3,3 miliardi che il governo sostiene di aver speso per una simile ragione, soprattutto per le operazioni nel Mediterraneo. La Commissione, infatti, ha ribadito più volte che la decisione sulla legittimità o meno di prendersi quello spazio ulteriore sul deficit arriverà solo a primavera, con le spese per i migranti che verranno valutate “ex post”.

La patata, come ricostruisce Repubblica in edicola, è incandescente: senza il via libera alla manovra, la Commissione potrebbe mettere Roma sotto procedura per deficit, di fatto un commissariamento che impedirebbe a Renzi di tagliare le tasse (Ires e Irpef) nel 2017-2018, biennio elettorale. Ma a cosa si fa riferimento, quando si parla di flessibilità? Il governo ha di fatto chiesto di ‘correggere’ i conti pubblici (evitare tagli alle spese) meno di quanto le regole Ue imporrebbero. In sostanza, ha chiesto spazi sul deficit per lo 0,5% del Pil (circa 8 miliardi) per la clausola per le riforme, poi uno 0,4% aggiuntivo per la clausola degli investimenti (circa 6,4 miliardi) e uno 0,2% (circa 3,3 miliardi) appellandosi alla clausola eventi eccezionali. La Ue ha formalmente accordato di far salire il deficit dello 0,4% del Pil, per le riforme fatte dall’Italia, e deve dare il responso sulle altre parti. Dall’esecutivo non si teme un rifiuto sullo 0,1% aggiuntivo sulle riforme e sullo 0,4% per gli investimenti, ma resta appunto la clausola degli eventi eccezionali in bilico: soldi che il governo – prima ancora di avere il responso Ue – ha deciso di dirottare sulla lotta al terrorismo, sia attraverso la sicurezza che gli investimenti in cultura. Il prossimo snodo, in attesa del giudizio, è previsto giovedì, quando la Commissione aggiornerà le previsioni economiche per i Paesi membri: bisognerà vedere quanto il deficit italiano (che dovrebbe salire al 2,5%) si scosterà dalla tabella di marcia della Ue. A primavera, poi, potrebbe scattare la tagliola con il giudizio definitivo sulla concessione o meno della flessibilità.

-
http://www.repubblica.it/economia/2016/02/02/news/il_ppe_contro_renzi_basta_margini_di_flessibilita_-132560592/?ref=HREC1-3
.

REAZIONE:RENZI ORMAI LITIGA CON TUTTI,QUESTA E’ LA VOLTA DEL PPE E I SOCIALISTI.OGNI GIORNO E’ PIU IOLATO.
1-IN SOSTANZA RENZI CHIEDE LO STESSO DELLA TURCHIA,3 MILIARDI PER L’IMMIGRAZIONE.LA POSIZIONE DI QUESTE PAGINE E CHIARA:TUTELARE LE FRONTIERE NAZIONALI SONO COMPITO NAZIONALE E L’UE NON DOVREBBE DARE NESSUN CONTRIBUTO PER LA SUA GESTIONE,SIA IN “DONO” COME ALLA TURCHIA,SIA IN MARGINI DI FLESSIBILITA SUL DEFICIT COME CHIEDE RENZI.SUCCEDE CHE L’UE HA SBAGLIATO E CEDENDO AI RICATTI DELLA LEGA,BERLUSCONI E ORA RENZI HA FATTO CONCESSIONI CHE NON DOVEVA FARE, TANTO NOMINANDO DRAGHI ALLA BCE COME CON TUTTO QUESTO CASINO DI SOLDI PER TRITON O COME VOGLIAMO CHIAMARE IL RISCATTO IN MARE,QUOTE E MARGINI DI FLESSIBILITA SUL BILANCIO.LA TURCHIA,LA QUI SINCERITA PER LA LOTTA AL TERRORISMO NON E’ ACCERTATA(E COSI LO INTENDE ANCHE L’ONU CHE HA VIETATO IL SUO INGRESSO AL CONSIGLIO DI SICUREZZA),SI HA MESSO A CAVALLO DELLE RICHIESTE DELLA LEGA-BERLUSCONI-RENZI E STA OTTENENDO QUESTO “CONTRIBUTO” CHE INOLTRE FA ACCRESCRE ULTERIORMENTE LA LUNGA MANICA DI RENZI.LA NUOVA ERA E’ ASSOLUTAMENTE CONTRARIA A QUESTA POLITICA IMMIGRATORIA COMMUNITARIA E FA APELLO A RIPENSARE TUTTO E CHIUDERE IL RUBINETTO E ANCHE OGNI TIPO DI FLSSIBILITA VERSO LE RICHIESTI NAZIONALI DEI DIVERSI PAESI,BASTA,SI TORNI INDIETRO ORA. DOPO TUTTO QUEI SOLDI SONO SOLDI DELLA NUOVAA ERA.IO,SINCERO EUROPEISTA SONO OGNI GIORNO PIU CONTRARIO A QUESTA UNIONE EUROPEA CHE VA RIFORMATA DEMOCRTICAMENTE O DISSOLTA.SONO OGGI EUROPEISTA MEGLIO DI PRIMA,EUROSCETTICO PIU CHE MAI RESTO.
2-QUANDO IN QUESTE PAGINE SI PARLA DI “FLESSIBILITA” SI PARLA DI DUE COSE DIVERSI:UNA COSA E’ LA FLESSIBILITA IN POLITICA ECONOMICA ALL’INTERNO DEGLI STATI NAZIONALI CHE COME NEL CASO DEL JOBS ACT O L’AIUTO STATALE BANCARIZZATO SOLO FAVORISCE IL CAPITALE SELVAGGIO,SPECULATIVO A SCAPITO DEL CAPITALE PRODUTTIVO E DEL BENESSERE DELLA POPOLAZIONE CHE DIPENDE DI UNO STIPENDIO,E UNA COSA DIVERSA E’ LA FLESSIBILITA A QUI ALLUDE JUNKER,LA COMMISSIONE,IL PPE O INSOMMA L’UE DOVE SI TRATTA DI CONCESSIONI DI OGNI GENERE AL RIGUARDO DELL’AUSTERITI,LE NORME DELLA CONCORRENZA PRINCIPALMENTE E IL MARGINE DI MANOVRA SUL DEFICIT.IO E LA NUOVA ERA SIAMO DECISAMENTE OPPOSTI A TUTTE DUE,NO AL NEOLIBERALISMO, E NO ALLE CONCESSIONI,AI MRGNI DI FLESSIBILITA IN QUESTO SENSO CHE ALTRO NON FANNO CHE FOMENTARE L’”I-RRES-PON-SA-BI-LI-TA” DI QUI RENZI E’ CAMPIONE.
3-DIROTTARE VERSO LA SICUREZZA E INVESTIMENTI IN CULTURA?E CHIAMIAMO QUESTO “LOTTA AL TERRORISMO”?.MA VA….,UNA SCHIFOSA PRESA IN GIRO DI RENZI:
A-IN ITALIA,MALGRADO LA STAMPA,IL VATICANO E QUESTO CETO POLITICO ILLEGITTIMO NATO DA UN GOLPE ALLA DEMOCRAZIA,CERCHINO OGNI GIORNO DI MOSTRARSI MINACCIATO DAL TERRORISMO ISLAMICO,NON HA MAI SUBITO NESSUN ATTACCO TERRORISTICO.TANTO STRANNO COME LA VOSTRA SUSCETTIBILITA VI PERMETTA IMMAGINARE,MA VERO.
B-AIUTO ALLA SICUREZZA?PERVERSA AFFERMAZIONE DI RENZI,PIU TOSTO LA NOSTRA POLIZIA E’ STATA ATTACCATA IN TUTTI I MODI DALLE “RIFORME” DI RENZI,SIA TOGLIENDOLI RISORSE,SIA VARANDO UNA RIFORMA AMMINISTRATIVA CHE SOLO LA STA SNATURALIZZANDO E TOGLIENDOLI LA SUA CAPACITA DI REAGIRE.
PD:IL PPE E’ IL PARTITO DI JUNKER.A BERLUSCONI LO HANNO CACCIATO DOPO CHE E’ STATO CONDANNATO PER LADRO.
Immagine anteprima YouTube

-

-APPENDICE:PIERRE MOSCOVICI,RENZI FRA VIRGOLETTE

Ue, dopo il Ppe anche Moscovici chiude a Renzi: basta flessibilità

.

Immagine

.

STRASBURGO Non si possono aprire «senza sosta» ulteriori clausole di flessibilità per l’Italia, ha avvertito ieri il commissario agli Affari economici, il socialista francese Pierre Moscovici, chiudendo la porta alle richieste di Matteo Renzi di cambiare la politica economica della zona euro per allentare l’austerità. «La Commissione è pronta a lavorare in uno spirito costruttivo con il signor Renzi», ha spiegato Moscovici. Ma «non capisco» perché ci sia «una controversia con il governo italiano, quando l’Italia è già il paese che beneficia di più flessibilità».Clausola per le riforme, clausola per gli investimenti, circostanze eccezionali per i migranti e la sicurezza, sconto del contributo italiano al Fondo per i rifugiati siriani in Turchia: secondo il commissario agli Affari economici, «non si possono aprire senza sosta nuove discussioni» su altra flessibilità.
PAZIENZA
Le istituzioni comunitarie sembrano aver perso la pazienza di fronte ai continui attacchi del presidente del Consiglio, che lunedì aveva definito la Commissione di Jean-Claude Juncker come «professionisti dello zero virgola». Per l’Italia «non ci sono più ulteriori margini per maggiore flessibilità», ha detto capogruppo del Ppe all’Europarlamento, il tedesco Manfred Weber, vicino alla cancelliera Angela Merkel e al presidente Juncker. Il presidente del Ppe «rischia di diventare un sabotatore delle intese politiche che sono alla base della coalizione del presidente Juncker», ha risposto il capo-gruppo dei Socialisti & Democratici, Gianni Pittella.

.

http://economia.ilmessaggero.it/economia_e_finanza/ue_ppe_moscovici_renzi_flessibilita-1526475.html

-REAZIONE:COSA PRETENDE DIRE PITELLA?CHE JUNKER SENZA I VOTI DELL’ITALIA NON SAREBBE STATO SCELTO PRESIDENTE?
.
APPENDICE 2:SU LE FIGARO
.
Bruxelles intensifie sa lutte contre le financement de Daech
.
Home ECONOMIE Conjoncture
.
Par Manon Malhère
Mis à jour le 02/02/2016 à 19:31
Publié le 02/02/2016 à 19:23
.
Le vice-président de la Commission européenne, Frans Timmermans. - Crédits photo: COMMISSION EUROPÉENNE

La Commission européenne a dévoilé mardi un plan d’action européen contre le financement du terrorisme.

Assécher financièrement l’État islamique. La France le demande depuis les attaques meurtrières contre Charlie Hebdo en janvier 2015 et les nouveaux attentats sanglants du 13 novembre, à Paris, ont certainement donné un coup d’accélérateur. La Commission européenne a dévoilé ce mardi un plan d’action pour renforcer la lutte contre le financement du terrorisme au niveau européen qui ne sera toutefois pas opérationnel dès demain. Mais toutes les mesures présentées devraient être appliquées d’ici la fin de l’année 2017, a assuré l’institution européenne.

Lever l’anonymat des cartes prépayées

La Commission veut en particulier réglementer davantage les moyens de paiement non-bancaires, à commencer par les cartes prépayées anonymes. Utilisées par les terroristes pour préparer les attentats du 13 novembre, ces cartes permettent de faire des achats tout comme les cartes bancaires traditionnelles, mais elles ne sont pas nominatives au-dessous d’un certain seuil et ne requièrent pas de compte bancaire. L’institution veut donc faciliter l’identification des personnes qui les utilisent sans pour autant pénaliser trop lourdement ce nouvel outil de paiement utile, en particulier, pour les personnes qui ont peu de moyens.

Bruxelles entend également s’attaquer aux plateformes électroniques d’échange de monnaies virtuelles (comme le bitcoin). «Il semble que les monnaies virtuelles soient utilisées par les organisations terroristes pour cacher des transactions financières, dans la mesure où elles peuvent être menées de façon plus autonome», explique la Commission. L’objectif européen est de lever l’anonymat lié aux échanges de ces monnaies virtuelles contre de la monnaie réelle.

Trouver un juste équilibre

«Je suis satisfait que la Commission européenne adopte cet après-midi un plan d’action complet, qui s’inspire largement de nos propositions et répond à chacune de nos demandes», s’est rapidement réjoui le ministre des Finances Michel Sapin qui appelle Bruxelles à aller «vite dans la mise en œuvre».

Certains États européens tiennent à ce que ces «mesures sécuritaires» de lutte contre le financement du terrorisme n’empêchent pas le développement de nouvelles technologiques, par exemple, dans le domaine des paiements électroniques. Ils veulent de la clarté, souligne une source européenne. «Il nous faut avoir une réponse très précise juridiquement et nous assurer que nous trouvons un juste équilibre avec la garantie des droits fondamentaux au sein de l’UE. Ce sont les États membres qui nous demandent d’être attentifs sur ces points», a en outre fait savoir le vice-président de la Commission européenne, Frans Timmermans, dans une interview au quotidien Les Échos.

.

http://www.lefigaro.fr/conjoncture/2016/02/02/20002-20160202ARTFIG00332-bruxelles-intensifie-sa-lutte-contre-le-financement-de-daech.php

-

4 FEBRAIO 2016:”IPOCRITA,PER I FRUTTI LI CONSCERAI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Cairo, Regeni torturato prima di morire   video   Scriveva sul Manifesto: "Aveva paura"   foto

Cairo, Regeni torturato prima di morire video

Scriveva sul Manifesto: “Aveva paura” foto

Percosse e ustioni, “morte lenta”. Renzi: “Vogliamo verità”

Articoli sul sindacato egiziano firmate con pseudonimo

Rep Tv Occorsio: “Il mistero delle versioni e il gelo Italia-Egitto”

di KATIA RICCARDI
Articoli correlati

«Dopo due anni di governo a Renzi do la sufficienza, ma più per la voglia e la spinta che non per le cose fatte». Il vicepresidente e amministratore delegato di Mediaset Piersilvio Berlusconi parla a margine della presentazione delle attività di Mediafriends: «Mi rendo conto che in questo Paese ci siano difficoltà enormi nel far succedere le cose, ma si è notato un forte rallentamento».

Immancabili le domande sul Milan e sull’allenatore Mihajlovic: «A differenza di altri, penso che agli allenatori vada lasciato del tempo. Mihajlovic non mi piace per il modo in cui mette la squadra in campo, ma per il suo carattere, quello di una persona che dà ordine a un collettivo: al Milan serviva questo». Sottolineando di non essere a conoscenza di sviluppi nell’affare con Mr. Bee o altri investitori: «Alla squadra non servono più investimenti, ma il lavoro sul gruppo che si è visto nelle ultime due partite».

Pubblicità e radiofonia

Il vice presidente e A.D. Mediaset ha espresso soddisfazione per l’andamento della raccolta pubblicitaria a gennaio parlando di «un deciso segno “+” e ottime speranze per febbraio», benché ancora manchi una vera ripresa. Parlando poi delle radio del gruppo che dopo l’alleanza con la famiglia Hazan, oltre a R101, sono Radio 105, Virgin e Radio Montecarlo: «Non ci vorranno anni affinché si perfezioni lo sforzo sulle radio del gruppo e stiamo lavorando alacremente per creare nell’arco di mesi il vero polo radiofonico italiano».

Antitrust e sinergie. PayTV, Infinity e On Demand

«Sono tranquillo e fiducioso che dimostreremo come tutto si è svolto in un ambito di concorrenza addirittura esasperato» ha detto Pier Silvio a proposito dell’accusa che l’Antitrust ha rivolto a Mediaset e Sky su un presunto accordo per la spartizione dei diritti televisivi delle squadre di calcio di Serie A. Il manager si è espresso sui risultati di Mediaset Premium proprio in relazione ai diritti sul calcio e nello specifico la Champions League: «Sapevamo che era una sfida tosta, ma in un contesto in cui il mercato pay tv ha perso il 20% in due anni e il nostro concorrente registra un calo di abbonati, noi abbiamo un aumento di spesa media e di abbonati che è in linea con le nostre aspettative». Berlusconi ha dichiarato che Premium a fine 2015 ha superato i 2 milioni di abbonati aggiungendo: «Per l’utile c’è tempo perché per ora era importante sviluppare la base di utenti: il futuro sarà con meno canali, più eventi e un’attenzione al non lineare». Piersilvio ha concluso spiegando che i dati di Infinity e Premium Play registrano 600 mila persone che hanno provato la piattaforma digitale e oltre 600mila utenti regolari del servizio on demand.

Sull’ipotesi di una piattaforma comune o un’alleanza nella pay tv con Vivendi, invece, Berlusconi rimanda a quanto detto anche dal presidente del gruppo francese: «Tutto è possibile». La Borsa apprezza, e in una giornata di vendite, Mediaset scatta: +2,37 per cento.

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 263 »

28 GENNAIO 2016:SIAMO TUTTI CLANDESTINI,BOOMERANG ANTI-LEGA

.

-SU LA REPUBBLICA: Trieste, scontri al comizio di Salvini

Irruzione dei centri sociali in piazza: “Siamo tutti clandestini”. In mattinata, il leader leghista nei boschi di confine: “Questa non è accoglienza. Se l’Europa non esiste, i confini vanno rimessi,di GIANPAOLO SARTI
.
6 gennaio 2016
.
Trieste, scontri al comizio di Salvini
.
Trieste, gli incidenti in centro (ansa)
.
TRIESTE – Scontri tra Polizia e centri sociali a Trieste durante il comizio di Matteo Salvini. I giovani della Casa delle culture hanno fatto irruzione nel momento esatto in cui il leader della Lega ha iniziato a parlare davanti a centinaia di persone. “Fascista, fascista, siamo tutti clandestini”, si sentiva urlare dal corteo. La situazione, fino a quel momento tenuta sotto controllo dagli agenti in tenuta anti-sommossa, è sfuggita improvvisamente di mano quando un poliziotto in borghese ha tentato di strappare un fumogeno a un ragazzo. Tre manifestanti si sono avventati contro l’agente. Una miccia che ha innescato una bolgia a colpi di manganello e bastoni in pieno centro, davanti a negozi e bar, con lancio di sede e tavolini. Tre i poliziotti contusi. Non è chiaro se anche tra giovani, che si sono subito dileguati dopo la carica, ci siano feriti. “Più che antifascisti mi sembrate tutti rimbambiti”, la provocazione di Salvini pochi attimi prima del tafferuglio.Il leghista è arrivato nel capoluogo in mattinata per un sopralluogo al confine di Basovizza e nel bosco di Padriciano, sul Carso triestino, uno dei punti attraversati giorno e notte dai profughi della rotta balcanica. Sul terreno, tra fango ed erba, sono visibili indumenti, scarpe e altro materiale abbandonato dai migranti quando raggiungono la città. “Il fattore immigrazione non è eliminabile, noi non siamo per l’immigrazione zero. Ma è controllabile. L’Europa – ha detto  Salvini – è ormai un centro commerciale, dobbiamo rimettere i confini”. Perché “l’accoglienza per chi scappa dalle bombe è sacra, ma questa non è accoglienza. Questa non è integrazione possibile, è mancanza di controlli, mancanza di regole, mancanza di rispetto. Sono d’accordo con gli esponenti politici stranieri secondo cui i punti di identificazione vanno portati sull’altra sponda del Mediterraneo per selezionare davvero chi scappa dalla guerra e tener lontano invece chi no”.
.
Trieste, carica della polizia contro manifestanti anti Salvini
.
Condividi

. Salvini, accompagnato dal capogruppo alla Camera Massimiliano Fedriga e da altri esponenti locali del Carroccio, si è detto convinto della necessità di seguire la linea dei Paesi che hanno chiesto la sospensione di Schengen. “L’Europa non esiste – ha affermato – se tutti gli altri difendono i propri  cittadini, non vedo perché noi dobbiamo continuare a far entrare e uscire di tutto e di più”. Duro, infine, il commento alla proposta del ministro dell’Interno Angelino Alfano, avanzata al vertice Ue di Amsterdam, di aprire nuovi centri di accoglienza nel Nord-Est. “Dovranno passare sui nostri corpi – ha dichiarato il leader leghista – perché problemi di sicurezza nel Nord-Est e in Friuli ce ne sono anche troppi. Ripeto, anche nel nome dei profughi veri, dobbiamo distinguere chi scappa dalla guerra da chi non scappa da niente, che sono la maggior parte. Diamo accoglienza per chi fugge dalle bombe, ma attiviamo controlli ed espulsioni per chi viene qua, si cambia, entra indisturbato e poi gira per le nostre città senza averne alcun diritto. Anche nell’interesse dei profughi, quelli veri – ha insistito – bisogna distinguere chi profugo è da chi profugo non è. Dobbiamo controllare con uomini, come fanno Austria, Slovenia, Germania, Francia, Danimarca e Svezia. Ognuno deve badare alla sicurezza dei suoi cittadini – ha concluso – se l’Europa non esiste i confini vanno rimessi”

.

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/01/26/news/trieste_scontri_al_comizio_di_salvini-132097721/?ref=HREC1-4 .

.

REAZIONE:LA LEGA ANTIEUROPEISTA E XENOFOBA DA SEMPRE HA LOTTATO CONTRO LO SPAZO SHENGHEN(E DRAGHI ALLA BCE NE E’ LA PROVA VIVENTE),QUINDI E’ COERENTE CHE SALVINI SI DICA A FAVORE DELLA CHIUSURA DELLO SPAZIO SHENGHEN.PERO C’E UN PARADOSSO,UN BOOMERANG:CI SONO 400.00 SBANDATI CHE ,RESTITUITI(ANCHE TEMPORANEAMENTE)LE FRONTIERE NAZIONALI,PER LA VIA BALCANICA ERANO DIRETTE IN  GERMANIA E IL NORD EUROPA ADESSO  VERRANO “DIROTTATI” VERSO L’ITALIA.ECCO IL BOOMERANG,QUESTI SBANDATI PRINCIPALMENTE SIRIANI,A CUI IL PAPA HA SPALANCATO LE PORTE NELLA SUA VISITA IN SERBIA,COSI COME AVEVA FATTO UNA VOLTA LA LEGA CON GLI ARRIVATI COI BARCONI DALLA LIBIA CHE INVIAVA IN FRANCIA E GERMANIA,ORA DOVRANNO ESSERE ACCOLTI IN ITALIA.PARADOSSO CHE LASCIA IN RIDICOLO LA POLITICA IMMIGRATORIA DI MARONI,ALL’EPOCA MINISTRO DELL’INTERNO,E ALLORA E’ COMPRENSIBILE CHE SALVINI CORRA AI RIPARI VOLENDO CHIUDERE LE FRONTIERE MA….UN PO’ TARDI,DA UNA PARTE IL PAPA E LA CEI NON SI POTRANNO DIRE CONTRARIE A QUESTE ACCOGLIENZE,E DALL’ALTRA POICHE I CENTRI SOCIALI SONO ARRIVATI E IL VERO CLANDESTINO E’ MATTEO:”SIAMO TUTTI CLANDESTINI”. LA NUOVA ERA RIBADISCE CIO CHE SEMPRE HA DETTO:LA GESTIONE DELLE FRONTIERE E’ UN PROBLEMA NAZIONALE E NON DEVE ESSERE MOTIVO PER “ALLUNGARE LA MANICA” ALL’EUROPA.SI SIA RISPONSABILE E SI  RIVEDA TUTTA LA POLITICA IMMIGRATORIA,ANCHE LE LEGGI DI CITTADINANZE ABUSIVI E LE CONCESSIONI DI CITTADINANZE “FACILI” PER PARTE DEL NOSTRO SERVIZIO ESTERO.

.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

.

IRONIE DEL DESTINO:QUESTI EMIGRANTI PROVENIENTI DALLA “FINE DEL MONDO” CEH QUI VENGONO CANTATI,META SFOLLATI POLITICI DELLE DITTATURE LATINOAMERICANE CHE POI SCOPRIRONO CHE SI SERVIVA MEGLIO ALLA CAUSA TERZOMONDISTA COLLABORANDO DALL’ESSILIO DOVE RESTARONO,AI QUALI SI SONO AGGIUNTI “GLI ALTRI”,GLI EMIGRANTI ECONOMICI E QUELLE CHE PARTIRONO ALLA RICERCA DI RADICI, CHE DOPO 200 ANNI AVEVANO “BRUCCIATO LE NAVI” DELL’”IGNORANZA”,”LA POVERTA”,”LA FAME” E LE “PERSECUZIONI RELIGIOSE” DI EUROPA SU QUI AVEVANO ARRIVATO NEL “PARADISO DEL NUOVO MONDO” (CHE CARO VENDEVANO ALL’ESTERO),OGGI SI SCOPRONO TUTTI EUROPEISTI E PRO-YANKEE,COMPRESO IL PAPA:QUELLO DEL TITOLO

.

- 28 GENNAIO  2016:GIOCANDO NEL BOSCO,DANZA CON LUPI

.

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:IL VOTO IN AULA AL SENATO

.

Renzi e le banche, bocciata la sfiducia Il premier: Merkel non favorisca Hollande

Matteo Renzi e il ministro Boschi (Ansa)

.

Matteo Renzi e il ministro Boschi (Ansa)

di Dino Martirano
.
Il premier in Aula: «Basta fango, Boschi senza conflitti di interessi».
Respinte le mozioni di M5S e Fi- Lega Video
Il premier a Quagliariello: «Lei non è tipo cui piace vincere facile, non le piace vincere proprio»

Renzi alla Faz: «Berlino sbaglia a privilegiare l’asse con Hollande» Riflettori su Verdini di F.Roncone
.
REAZIONE:
1-LA SIFDUCIA?SE RENZI E’ BOSCHI COI LORO PAPA HANNO O  NO CONFLITTI DI INTERESSI LO DEVE DIRE LA GIUSTIZIA E NON  QUESTO PARLAMENTO ILLEGALE DELLE LARGHE INTESE SU UNA MOZIONE DI UNA SCHIZOFRENICA FORZA ITALIA E LEGHA CHE SI “SCHIZZA” CON UOMINI DALLE DUE SPONDE “GOVERNO-OPPOSIZIONE”(SI VEDA ALFANO,VERDINI,FITTO,ECC,E I TRE VOTI LEGHISTI CHE OGGI VOTARONO CONTRO QUESTA SFIDUCIA)
.
2-SBAGLIATO L’ASSE HOLLANDE-MERCKEL?AMBIZIOSO RAGAZZOTTO A QUI MANCA IL DONO DELL’UBICUITA:LA MERCKEL SI DEVE ALLEARE CON L’ITALIA DEI FASCISTI DI BANCA ETRURIA CHE TRAMITE LA SUA POLITICA NEOLIBERLE E SEMPLICIOTTAMENTE MANICHEISTA HANNO TRUFATTO IL POPOLO?NO,NESSUNO VUOLE RIPETERE ERRORI STORICI,LA PRIORITA RESTA COMBATTERE IL TERRORISMO E RENZI VA MESSO FRA VIRGOLETTE,ISOLATO INSOMMA.BASTA GIOCHETTI,ALLE URNE
.
Immagine anteprima YouTube
.
- 28 GENNAIO 2016:CAMERON MERCANTE DI ILLUSIONI
.
lemonde.fr
.
«Brexit»:Londres fait des concessions sur la question des migrants
.
Le Monde.fr|28.01.2016 à 14h10,Mis à jour le 28.01.2016 à 15h15|Par Philippe Bernard(Londres, correspondant9
.
Le premier ministre britannique David Cameron à sa résidence du 10, Downing Street, à Londres, le 27 janvier 2016.
.
Le premier ministre britannique David Cameron à sa résidence du 10, Downing Street,à Londres,le 27 janvier 2016. Frank Augstein/AP
.
Quelques heures après que le premier ministre, David Cameron, a suscité les critiques en qualifiant les demandeurs d’asile de Calais de «bandes de migrants»,mercredi 27 janvier à la Chambre des communes, son gouvernement a lâché du lest. Le ministre de l’immigration, James Brokenshire, a annoncé que le Royaume-Uni allait accueillir des enfants qui ont été séparés de leur famille par le conflit en Syrie et dans d’autres pays du Moyen-Orient et d’Afrique du Nord.

Londres va travailler avec le Haut-Commissariat des Nations unies pour les réfugiés (HCR) pour « identifier les situations exceptionnelles où il est dans le meilleur intérêt de l’enfant d’être relocalisé en Grande-Bretagne ». Aucun chiffre n’a été fourni dans le communiqué publié dans la nuit de mercredi à jeudi. Le gouvernement a d’autre part annoncé le déblocage d’un fonds de 10 millions de livres (13 millions d’euros) destiné à aider des réfugiés mineurs vulnérables déjà présents en Europe, et dont certains pourraient être accueillis au Royaume-Uni. Lire aussi : Royaume-Uni : l’intégration des musulmans vue par Cameron provoque un tollé Ce geste paraît destiné à apaiser l’émotion suscitée par la sortie de M. Cameron sur les migrants de Calais. Faisant face au chef de l’opposition, le travailliste Jeremy Corbyn, comme chaque mercredi aux communes, le premier ministre lui a reproché de défendre tout le monde sauf « les Britanniques qui travaillent dur et paient des impôts ». Dans le feu de sa démonstration, il a fustigé la visite effectuée samedi dernier par M. Corbyn à Calais :

« Il rencontre une bande de migrants à Calais et leur dit qu’ils peuvent tous venir en Grande-Bretagne ! », a-t-il lancé.

Le patron du Labour a répondu par écrit, qualifiant la remarque de « honteuse » et « faisant monter les tensions sur un sujet aussi sérieux ». « Pareil langage est insultant et doit cesser », a déclaré Steve Symonds, chargé des droits des migrants à Amnesty International. De son côté, Yvette Cooper, ancienne ministre de l’intérieur du cabinet fantôme travailliste a remarqué que l’expression utilisée par M. Cameron en cette Journée internationale dédiée à la mémoire des victimes de l’holocauste était « particulièrement indélicate ».

« Migrants européens » au Royaume-Uni

L’annonce de l’accueil de mineurs isolés répond aussi à la pression de l’organisation non gouvernementale Save the Children qui fait campagne pour que Londres prenne en charge 3 000 enfants arrivés en Europe sans parents. L’ONG estime qu’il s’agirait de la « juste part » du pays alors que quelque 26 000 mineurs isolés sont parvenus en Europe en 2015. Le Royaume-Uni a refusé de participer au plan de la Commission européenne visant à répartir 160 000 demandeurs d’asile dans l’Union. M. Cameron a annoncé en septembre que son pays accueillerait 20 000 réfugiés dans les cinq ans à venir, mais qu’il les choisirait uniquement dans les camps de réfugiés de Jordanie ou du Liban et non en Europe, afin de ne pas, dit-il, créer d’appel d’air et compromettre les chances de la reconstruction de la Syrie après la guerre civile. L’annonce du fonds destiné à aider des mineurs se trouvant en Europe constitue une brèche à ce principe jusqu’ici mis en avant. Lire aussi : David Cameron et l’UE face à face sur le Brexit Mais cette concession pourrait surtout être liée aux négociations avec Bruxelles sur les réformes exigées par M. Cameron avant le référendum sur le maintien ou non de son pays dans l’Union européenne. Les 27 partenaires de Londres s’agacent du cavalier seul du Royaume-Uni alors qu’ils font face à la plus grande crise migratoire depuis la seconde guerre mondiale. Alors que les négociations butent précisément sur la demande britannique de supprimer pendant quatre ans les aides sociales pour les Européens s’installant au Royaume-Uni – que les Britanniques nomment « migrants européens » –, David Cameron a probablement voulu faire montre de bonne volonté. Le premier ministre a renoncé à deux voyages en Suède et au Danemark pour rencontrer vendredi Jean-Claude Juncker, président de la Commission européenne à ce sujet. Résultat de ces négociations en cours, la proposition européenne destinée à obtenir le maintien du Royaume-Uni dans l’Union devrait être rendue publique la semaine prochaine par le président du Conseil européen, le Polonais Donald Tusk. Elle pourrait ouvrir la voie à un accord les 18 et 19 février à Bruxelles et à un référendum en juin. Lire aussi : « Brexit » : Cameron avance vers un compromis

 http://www.lemonde.fr/international/article/2016/01/28/brexit-londres-fait-des-concessions-sur-la-question-des-migrants_4855466_3210.html
.
REAZIONE:CAMERON NAGOZIA SUL NULLA,VENDE ILLUSIONI,E ANCHE COSI LO INDICANO I SONDAGGI CHE DOPO GLI ATTENTATI IN FRANCIA,FACCIA QUEL FACCIA,DICA QUEL CHE DICA IL POPOLO  INGLESE VOTERA PER L’USCITA DELL’UE.CAMERON HA PAURA DI AFFRONTARE LE SUE PROMESSE ELETTORALI,LUI FU SCELTO NON PER LA SUA POLITICA ECONOMICA MA PER FARE IL REFERENDUM,COMPIA LE PROMESSE,FACCIA QUELLO CHE DEVE FARE E LA SMETTA DI SCHERZARE MENTRE PRENDE TEMPO.NE SCHERZI,NE PAURE,REFERNDUM GIA.E NON DIMENTICHE CHE LA QUESTIONE SCOZZESE NON E’ PER NULLA RISOLATA.CAMERON E’ SEDUTO SOPRA UNA POLVERIERA,NON VORREI ESSERE NEI SUOI PANNI.
-
-APPENDICE:SU LE MONDE
Une majorité de Britanniques favorables à la sortie de l’UE, selon un sondage
.

Le Monde.fr avec AFP | 17.01.2016 à 04h27,Mis à jour le 17.01.2016 à 16h57

Abonnez vous à partir de 1 € Réagir ClasserPartager TweeterUn militant du parti UKIP brandit une pancarte proclamant son opposition à l'Union européenne à Margate en Angleterre le 7 septembre 2015. Une majorité de Britanniques sont favorables à la sortie de leur pays de l’Union européenne, selon un sondage publié dans le quotidien de centre droit et eurosceptique Mail on Sunday, dimanche 17 janvier.

Avec 53 %, les partisans du oui à une sortie de l’UE devancent ceux du non (

7 %). Le sondage, réalisé en ligne les 15 et 16 janvier auprès de 1 004 personnes et qui contient une marge d’erreur de 2 %, exclut de ses résultats les citoyens indécis. En prenant en compte ces derniers — qui sont nombreux, 20 % — 42 % sont en faveur du « Brexit » (contraction de « British exit », ou « sortie du Royaume-Uni » de l’Union européenne) et 38 % y sont opposés. Lire aussi : L’Europe prête à aider David Cameron pour éviter le « Brexit » La dernière enquête d’opinion de Survation, l’institut de sondage qui a réalisé l’enquête, donnait déjà, en septembre, les partisans d’une sortie de l’UE majoritaires, avec 51 % contre 49 % d’opposants, sans prendre en compte les indécis. Comme le rappelle le Mail on Sunday, les tendances se sont inversées depuis le mois de mai : à l’époque, ils étaient 46 % à vouloir sortir de l’UE et 54 % à souhaiter y rester.

L’influence des événements de Paris et de Cologne

Certaines personnes interrogées citent les attentats du 13 novembre à Paris et à Saint-Denis et les agressions sexuelles à Cologne comme motifs de sortie de l’UE. Environ 34 % des personnes interrogées disent que les attentats du 13 novembre, qui ont fait 130 morts et des centaines de blessés, revendiqués par l’organisation Etat islamique, les incitent à voter pour une sortie de l’UE. Et 38 % d’entre elles seraient plus enclines à voter en faveur du « Brexit » à la suite des centaines d’agressions, notamment sexuelles, rapportées à Cologne dans la nuit de la Saint-Sylvestre, perpétrées pour la plupart par des hommes originaires d’Afrique du Nord et du Moyen-Orient, selon la police. Le premier ministre britannique, David Cameron, a promis d’organiser un référendum avant la fin de 2017, mais celui-ci pourrait se tenir dès le mois de juin 2016. Il a aussi affirmé qu’il ferait campagne pour le maintien du Royaume-Uni au sein de l’UE à condition d’obtenir des réformes de son fonctionnement lors d’un sommet, en février. Lire aussi : « Brexit » : Cameron avance vers un compromis http://www.lemonde.fr/europe/article/2016/01/17/une-majorite-de-britanniques-favorables-a-la-sortie-de-l-ue-selon-un-sondage_4848652_3214.html -
.
28 GENNAIO 2016:IL MORTO RIDE DELLO SGOZZATO
.
-TITOLARE LA STAMPA:
.
Norme per le partite Iva e aiuti ai poveri. Le novità che il governo annuncia oggi,PAOLO BARONI
.
Previsti provvedimenti su malattia e maternità per i lavoratori autonomi
.

.
REAZIONE:POVERO E’ LUI,POVERO DI SPIRITO INOLTRE,EMMARGINATO DELL’ONESTA,ANCHE INTELLETTUALE:LA MIGLIORE FORMA DI AIUTARE AI “POVERI”,CHE IN ITALIA NON CI SONO,E’ NON DIRE BUGGIE PERVERSI APPUNTO,E NON RUBARE I SOLDI DEI PICCOLI RISPARMIATORI.VIA SUBITO QUESTO CORROTTO,L’ITALIA MERITA MEGLIO DEI BOSCHI E I RENZI.NON NE POSSIAMO PIU,SIAMO SCHIFATI DI QUESTO CIALTRONE DI DUE SOLDI PIU ADATTO A CONDURRERE UNA KERMESSE CHE IL NOSTRO PAESE.
.
Immagine anteprima YouTube

-

PD:QUANDO ERO PICCOLO SOGNAVO ESSERE RICCO E PENSAVO:”I PRESIDENTI SONO I PIU RICCHI AL MONDO,UN GIORNO SARO PRESIDENTE ANCHE IO”.CON LA MATURITA HO CAMBIATO IDEA E PRESIDENTE NON HO VOLUTO PIU ESSERLO.E VEDENDO RENZI,LETTA ,BERLUSCONI,ECC ORA MI RICONFERMO.E MI DOMANDO:RENZI DA GRANDE COSA VUOL FARE?
.
29 GENNAIO 2016:ROBA DA NIENTE

.
-TITOLARE  LE FIGARO:
Une caissière de Carrefour licenciée pour ne pas avoir scanné un pack de bières
.
Une employée d’un supermarché des Yvelines a reçu une lettre de licenciement pour une erreur de caisse d’un peu plus de 5 euros. La direction a invoqué un «comportement frauduleux» avant de proposer, ce jeudi soir, sa réintégration.
-

1 GENNAIO 2016:RENZI RE DI EUROPA

- Corriere della Sera
roma, politica

-la visita .

Renzi a Ventotene: «Qui nacque l’Europa e non la lasceremo morire. Per il carcere stanziati 80 milioni»
.
Dopo aver reso omaggio ad Altiero Spinelli, ha illustrato il progetto per la prigione degli antifascisti: «I lavori partiranno nell’anniversario della nascita del padre del Manifesto per un’Europa libera»,di Ernesto Menicucci
.
Renzi e i fiori a Spinelli (foto Twitter/Filippo Sensi)
.
Renzi e i fiori a Spinelli (foto Twitter/Filippo Sensi)
.

DAL NOSTRO INVIATO — Il premier Matteo Renzi, nella mattinata di sabato 30 gennaio, è atterrato con un elicottero sull’isola di Ventotene, e la prima cosa che ha fatto è stata portare un mazzo di fiori sulla tomba di Altiero Spinelli (come testimonia la foto in alto scattata dal responsabile della comunicazione del premier, Filippo Sensi, che ha anche lanciato su Twitter l’hashtag #cosedieuropa). Spinelli è stato l’ideatore, insieme con Ernesto Rossi, del «Manifesto di Ventotene» che negli anni ‘40 gettò le basi di quella che oggi è diventata l’Unione Europea.

Ventotene, il carcere di Santo Stefano e la visita di Renzi

Ventotene, il carcere di Santo Stefano e la visita di Renzi

 La visita con Franceschini e Zingaretti

Renzi, accompagnato nella visita dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti, è poi salito su una motovedetta della Capitaneria di porto ed ha raggiunto lo «scoglio» di Santo Stefano, sede dell’ex carcere in cui venne rinchiuso da Mussolini, tra i tanti antifascisti, anche Sandro Pertini. Il progetto è quello di recuperare la struttura del carcere e adibirla a luogo simbolo dell’Europa. Dopo la visita a Santo Stefano, Renzi ha partecipato ad una iniziativa pubblica a Ventotene, sempre insieme con Franceschini e Zingaretti. Ad attenderli, i manifestanti del Movimento federalista europeo che hanno mostrato i loro cartelli, le bandiere della Ue e scandito slogan: con loro il premier si è intrattenuto qualche minuto.

 Il premier e il progetto del carcere

Renzi ha presentato il progetto di recupero del carcere borbonico, dichiarato monumento nazionale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel 2008: «Arriva un momento, quando pensi che tutto vada storto, in cui c’è la necessità di tornare in un luogo protetto, a casa. Ma anche cercare rifugio è un atteggiamento tipico di chi vive in difficoltà. Noi abbiamo scelto di tornare a casa, dove tutto è iniziato. Gli italiani non sono troppo orgogliosi di cosa è successo qui e fuori da qui: uno scontro che pochi definivano fratricida, una guerra civile europea. Alcuni visionari ebbero coraggio, passione, forza di immaginare l’Europa come luogo di pace». Renzi poi insiste: «L’Europa è la più grande vittoria politica e sembra strano che questa piccola isola sia la culla di tutto questo. Ma ancora oggi quel carcere versa in condizioni indicibili. Siamo stiamo accolti al grido di “Schenghen, Schenghen”. Chi vuole distruggere Schenghen vuole distruggere l’Europa. E noi non lo permetteremo».

L’isola di Santo Stefano e il carcere in mezzo al mare

L’isola di Santo Stefano e il carcere in mezzo al mare

 «Luogo di formazione per l’élite della classe dirigente europea del futuro»

Ai nuovi Sottosegretari ha fatto vedere la copia della Costituzione, firmata da Umberto Terracini, che qui aveva vissuto il carcere, come Pertini e tanti padri della patria. «Che senso la ha memoria di un popolo se non passiamo il testimone ai giovani? Il Paese non è un insieme di codici fiscali, ma è anche di memoria, e la memoria ha bisogno di luoghi simbolici – ha continuato il premier -. Abbiamo deciso onorare la memoria di Ventotene: da qui al 31 agosto 2017, non solo daremo vita al recupero architettonico del carcere, per cui sono stati stanziati 80 milioni di euro, ma avvieremo anche quello culturale e identitario». E ancora: «La foresteria sarà per giovani, dove si potrà formare l’élite della classe dirigente europea del futuro». Ma un simile ruolo può essere ricoperto da un’isola, da un posto in mezzo al Mediterraneo? «Santo Stefano non è solo luogo di ruderi e di memoria, anche commovente. Trasformiamolo nella rivincita della libertà. L’Europa rischia di crollare, se diventa un insieme di egoismi. La sua benzina sono gli ideali: per questo c’è bisogno dell’Italia. Se cerchiamo di affermare le nostre posizioni in Europa non lo facciamo perché ci piacciono le bizze e neanche soltanto per un interesse nazionale». Prima di abbandonare l’isola (sempre a bordo dell’elicottero), il premier conclude: «Viva l’Italia! Viva l’Europa che riparte da Ventotene!».

L’isola di Santo Stefano e il carcere in mezzo al mare

L’isola di Santo Stefano e il carcere in mezzo al mare

Il primo cittadino dell’isola

Il sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso (al terzo mandato) ha ringraziato le autorità presenti e ricordato: «Mi auguro che questo progetto rilanci Ventotene. Le chiedo di essere tedoforo di questa iniziativa, perché Ventotene può dare un valore aggiunto all’Europa».

0 gennaio 2016 | 10:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA
.
http://roma.corriere.it/notizie/politica/16_gennaio_30/premier-renzi-ventotene-porta-fiori-tomba-altiero-spinelli-a5fd63ea-c72d-11e5-b16b-305158216b61.shtml
-
REAZIONE:RENZI ISOLATO INTENTA UNA FUGA IN AVANTI E CI SI PRESENTA COME EUROPEISTA.ANDIAMO PIANO:CHE RENZI CI TENGA ABITUATI ALLE BUFFONATE STORICHE NON E’ UNA NOVITA,CI HA PROVATO CON I TELEMACI FORTUNATAMENTE ORMAI AFFONDATI.ADESSO CI RIPROVA CON QUESTA “TRANSFORMAZIONE” CHE PIU DI TRANSFORMAZIONE E’ UNA TERATOGENESI,PROCLMATA IN MEZZO A TONI LIRICI.VEDIAMO:IO NON SO CHI ABBIA SCRITTO L’EPITAFIO NELLA LAPIDA DI PERTINI MA NON E’ STORIAGRAFICAMENTE CORRETTO,NON E’ VERO INSOMMA CHE SI POSSA AFFIANCARE IL COMUNISMO AL RISORGIMENTO,E’ SOLO UNA OPERAZIONE TRANSFORMISTA,SINTETIZZANDO IL RISORGIMENTO E’ UNA CONSEGUENZA DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE POI ESPORTATA DA NAPOLEONE E I SUOI INSEGUITORI FRA QUI GARIBALDI,CAVOUR,ECC,IL COMUNISMO MALGRADO CI SIA CHE VUOLE FARE DERIVARLA DELLA STESSA RIVOLUZIONE E’ ESSATTAMENTE IL CONTRARIO,IL COMUNISMO E’ LA SNATURALIZAZIONE DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE.NON COMPARIAMO INOLTRE GIRONDINI E JACOBINI,NON SONO LO STESSO.
POI SE PENSIAMO ALLA CONTRARIVOLUZIONE TROTZQUISTA E AL TROSQUISMO A QUI SI PUO RICONDURRERE RENZI(BASTA PENSARE AL SUO POGETTO DI RIVALUTARE UN PALAZZO BORBONICO) PERDE SENSO NON SOLO COMPARARE IL COMUNISMO DI PERTINI CON IL RISORGIMENTO MA ADIRITTURA IL TROSQUISMO CON IL RISORGIMENTO E CON IL COMUNISMO.
PER QUANTO RIGUARDA ALL’ORIGINE DELL’ATTUALE UNIONE EUROPEA E’ NATA DALLA SOCIETA DELL’ACCIAO E IL CARBONE DELLA REGIONE DEL RUR NEL NORD EUROPA DOVE IL RHIN SI VERSA NEL MAR DEL NORD,A GUIDA FRANCO-TEDESCA.
INSOMMA TUTTE QUESTE CONSIDERAZIONI STORICHE DI RENZI SONO NON SOLO UNA BUFFONATA COME QUELLA DELLA ORMAI AFFONDATA GENERAZIONE TELEMACO,MA ADIRITTURA DELIRANTI.
E LO FA IN UN MOMENTO DOVE L’EUROPA LO STA ISOLANDO E METTENDO FRA VIRGOLETTE PER NON APOGGIARE LA LOTTA AL TERORISMO.
LUI SOSTENITORE DALLO SHENGHEN?PER I FRUTTI LI CONOSCERAI,RENZI PORTA AVANTI LA STESSA POLITICA ANTISHENGHEN DELLA LEGA ORA ISTITUZIONALIZZATA DOPO QUELLO CHE LUI CONSIDERA UN SUCCESSO ELETTORALE ALLE EUROPEE CHE LO HA PORTATO A PROCLAMARE COME PRIMA AVEVA FATTO BERLUSCONI “LA CONQUSITA DELL’EUROPA”.STESSA MEGALAMONIA CHE NON HA TROVATO CORELATO NEI FATTI(NON HA PREGATO A SANT’ANTONIO)E CHE PARTE DI UNA PREMISA FALSA:PER CONQUISTARE L’UE DEVE ESSERE UN PREMIER ELETTO DAL POPOLO DEMOCRATICAMENTE,E LUI NON LO E’,E’ STATO NOMINATO PREMIER SENZA ESSERE ELETTO DAL POPOLO CON UNA MANOVRA GOLPISTA DI PALAZZO.MA INOLTRE COME SI FA A DIRSI EUROPEISTA QUANDO ALL’UE LA COMBATTE SIN DALL’INIZIO?INSOMMA BUFFONATE PERVERSE ,COME BUFFONATE SONO STATE QUELLE DEI TELEMACI.
MORALE DELLA FAVOLA:LA STORIA LA SCRIVONO I VINCITORI E NON LO SONO NE IL FASCISMO,NE IL COMUNISMO NE IL TROTSQUISMO TRANNE CHE NELLA MENTE AFFIEVOLATA DEL CHIERICCHINO DI FIRENZE.
.
Immagine anteprima YouTube
-

1 GENNAIO 2016:FANGO ROSSO  NEL MEDITERRANEO,COLLERA

.
-TITOLARE LE MONDE:

.

Un millier de personnes ont scandé leur colère contre le déversement d'effluents industriels en Méditerranée.

.
A Marseille, « colère rouge » contre les boues rougesUn millier de personnes ont manifesté samedi contre la poursuite du déversement en Méditerranée d’effluents industrielsEn savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#hm2kczWjtKiofJvj.99

-REAZIONE:BASTA VERSARE RIFIUTI NEL MEDITERRANEO

.

-31 GENNAIO 2016:COSI SI FAVORISCE LA PEDOFILIA

.

-2 NOTE:

-NOTA 1:SU LE MONDE:

.

jprosen.blog.lemonde.fr
.

ONU et les violences sexuelles sur enfants : peut mieux faire !

Voir tous les articles de jprosen →

avocats006_17_1

Ce blog est une terre d’accueil pour eux qui ici et là militent pour les droits des enfants.
Je veux aujourd’hui donner la parole à trois “pointures qui entendent dénoncer et expliquer la timidité, doux euphemisme , de l’ONU dans ses réponses aux agressions sexuelles qui ont pu être commises sous son drapeau.
Ce texte de Jean Zermatten, ancien président du Comite des droits des enfants, Philip D. Jaffé, Université de Genève, et Benoit Van Keirsbilck, président de DEI-International a déjà été publié par dans le journal suisse Le TEMPS le 7 janvier 2016. Il mérite d’alimenter le débat en France.
JP Rosenczveig

Même l’ONU manque à son devoir de protéger
les enfants déclarant avoir été sexuellement abusés

copy-Petitjuge.jpgLa mise en œuvre des droits de l’enfant trébuche au cœur même du système onusien, l’organisation chargée de la promotion des droits humains et de la protection à travers le monde des personnes vulnérables, en particulier des enfants. La lecture du rapport d’enquête indépendant sur les violences et abus sexuels commis par des troupes françaises opérant sous autorisation onusienne en République centrafricaine montre que l’ONU n’a pas su réagir aux accusations d’abus sexuels commis par des soldats appartenant aux troupes Sangaris de maintien de la paix. L’ONU n’a pas fait mieux que l’Eglise catholique face à ses prêtres pédophiles!
Ces dernières années, le monde a été témoin de la résistance passive de l’Eglise catholique à réagir face aux sévices sexuels infligés à des enfants par des prêtres assouvissant leurs déviances en profitant de leur rôle de religieux et de la confiance accordée à ce statut. A l’instar des délinquants sexuels de tous bords, dont la meilleure défense est d’abord de faire la sourde oreille aux allégations des victimes, puis de nier le bien fondé des accusations en se réclamant d’une supériorité morale et en disqualifiant la parole même de l’enfant, l’Eglise, sous la pression de l’opinion publique et de quelques procédures judiciaires rondement menées, a finalement lentement évolué vers une reconnaissance, sinon d’une responsabilité institutionnelle, du moins de la réalité des perversions de certains de ses représentants. Cette progression apathique des mentalités dans les plus hautes sphères dirigeantes (évêques, cardinaux et administration du Saint-Siège), n’a eu comme effet que de convaincre les victimes toujours plus nombreuses que l’institution était incapable d’empathie, ne pourrait jamais s’excuser avec authenticité et mettre en place les mécanismes et les procédures qui cessent de protéger les auteurs d’abus et accordent une plus grande considération et crédibilité aux victimes.
L’Eglise a, depuis quelques années, effectué une prise de conscience en profondeur et a parcouru un chemin conséquent.
Or, à peine la gestion de la crise institutionnelle des abus sexuels au sein de l’Eglise s’estompe-t-elle que l’Organisation des Nations Unies se retrouve dans une tourmente analogue, accusée d’avoir refusé d’entendre et de protéger des jeunes enfants victimes se plaignant d’abus sexuels graves de la part de soldats français d’une force de maintien de la paix déployée en République Centrafricaine.
En résumé, de décembre 2013 à juin 2014, des soldats français auraient abusé sexuellement, parfois de manière répétée, d’au moins une demi-douzaine d’enfants âgés de 9 à 15 ans. Agissant de manière particulièrement abjecte, profitant de leur pouvoir et de leur puissance économique dans le contexte d’une détresse sociale aigue, ces militaires auraient proposé de la nourriture en échange d’actes sexuels. Les détails sont révélés dans un rapport sans complaisance rédigé par une commission indépendante sous la direction de Mme Marie Deschamps, une ancienne juge canadienne, et récemment remis à M. Ban Ki-moon, Secrétaire général de l’ONU. Le rapport indique que l’organisation, dans son ensemble, dont UNICEF et le Haut-commissariat pour les droits de l’homme, n’a pas pris le parti d’entendre les enfants victimes et de traiter leur parole avec considération, la noyant dans ses méandres bureaucratiques. Pire, divers services et personnalités de l’ONU ont conjugué leurs ressources pour diaboliser un employé lanceur d’alertes, le chevronné haut fonctionnaire suédois Anders Kompass, qui a transmis ses inquiétudes aux autorités françaises à propos du comportement criminel suspecté de certains soldats. Cloué au pilori, suspendu de ses fonctions, placé sous enquête dans la perspective de son licenciement, M. Kompass, avec notamment le soutien de la diplomatie suédoise, a finalement été réintégré dans ses fonctions.
avocat_jeune

Tout est bien qui finit bien, serions-nous tenté d’affirmer!
Pas vraiment, car à ce jour le cœur de l’affaire, l’abus sexuel d’enfants victimes n’a abouti à aucune action décelable à l’encontre des présumés auteurs, des militaires français. Pour ce qui concerne l’ONU, le Secrétaire général a indiqué qu’il agirait rapidement à l’encontre d’employés qui n’auraient pas œuvré pour le bien-être des enfants. Seul un haut fonctionnaire a été lourdement sanctionné. Pourtant le rapport de Mme Deschamps est cinglant dès son premier paragraphe: «Lorsque des forces de maintien de la paix exploitent la vulnérabilité des personnes qu’ils ont pour mission de protéger, il s’agit d’une rupture fondamentale de la confiance. Lorsque la communauté internationale faillit dans la prise en charge des victimes ou que la mise en responsabilité des auteurs n’est pas réalisée, la trahison est aggravée» .
Comment donc ne pas constater que la protection des enfants reste un objectif à géométrie variable? Bien entendu que protéger et assurer le bien-être des enfants sont des priorités des milieux humanitaires, des grandes institutions gouvernementales et de la myriade d’organisations non gouvernementales, dont beaucoup sont basées à Genève. Toutefois, l’écoute de l’enfant déclarant être victime de personnes en charge d’assurer sa protection semble toujours être repoussée sous les prétextes les plus divers. De plus, si la parole de l’enfant est recueillie dans les règles de l’art pour que des procédures judiciaires puissent être entreprises à l’encontre des auteurs d’abus sexuels, elle reste fragile lorsque ce sont des puissants, des officiels, des agents publics qui sont accusés. C’est la parole de la victime enfant contre l’auteur présumé dont le statut semble d’emblée offrir une certaine impunité. Longtemps les pères qui abusaient de leurs enfants ne risquaient pas grand-chose et les prêtres pédophiles ont profité des décennies durant, d’une certaine connivence de la part de la hiérarchie de l’Eglise.
L’ONU n’est que le dernier exemple en date de ce paradoxe: l’empathie devrait être la forme spontanée et immédiate envers les plus vulnérables, dont bien entendu les enfants, alors que l’on découvre en fait, de manière fort décevante, que tout système a pour réflexe premier de se protéger tout en faisant fi de son mandat et de la confiance qui lui est reconnue. Il y a là de quoi s’indigner !
C’est, à n’en pas douter, ce que fera le Comité des droits de l’enfant en janvier prochain à l’occasion de l’examen de la manière dont la France remplit ses obligations à l’égard des enfants.

Philip D. Jaffé, professeur à l’Université de Genève (philip.jaffe@unige.ch)
Jean Zermatten, ancien président du Comité des droits de l’enfant à l’ONU (jean.zermatten@childsrights.org)
Benoit Van Keirsbilck, Président Défense des enfants – International (president@defenceforchildren.org)

Signaler ce contenu comme inapproprié

 http://jprosen.blog.lemonde.fr/2016/01/13/lonu-et-les-violences-sexuelles-sur-enfants-peut/
-
-NOTA 2:SU THE WASHINGTON TIMES:
Con L. Todd Legno – - Mercoledì, 27 gennaio 2016
.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accusato ieri il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon di incoraggiare e sostenere il terrorismo. “Le osservazioni del Segretario generale delle Nazioni Unite danno un vento di coda al terrorismo. Non vi è alcuna giustificazione per il terrorismo “, ha dichiarato Mr. Netanyahu.

Ban Ki-moon, nel corso di una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha dato le sue opinioni sulla situazione palestinese, “Come popoli oppressi hanno dimostrato nel corso dei secoli, è la natura umana di reagire all’occupazione, che spesso serve come un potente incubatore di odio e di estremismo, ” lui ha detto. “I cosiddetti fatti sul terreno nella Cisgiordania occupata sono in costante intaccando la vitalità di uno Stato palestinese e la capacità di popolo palestinese a vivere in dignità”.

Netanyahu ha risposto che i palestinesi non vogliono uno Stato e hanno dimostrato che più e più volte hanno rifiutando offerte israeliane, “Gli assassini palestinesi non vogliono costruire uno Stato. Vogliono distruggere uno stato, e lo dicono apertamente. Vogliono uccidere gli ebrei semplicemente perché sono ebrei, e lo dicono apertamente. Essi non uccidono per la pace, e non uccidono per i diritti umani, “Mr. Netanyahu ha detto nella sua dichiarazione a seguito della riunione, aggiungendo che egli riteneva che le Nazioni Unite hanno perso la sua neutralità “molto tempo fa”.

L’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite ha  seguito con i commenti di suo, “Il segretario generale incoraggia il terrorismo invece di lottare contro il terrorismo”, ha detto l’ambasciatore Danny Danon in un comunicato. “Il segretario generale ha dimenticato il ruolo delle Nazioni Unite. Il terrore non deve essere incoraggiato per qualunque motivo. ”

Oggi, Giornata della Memoria, il signor Netanyahu ha chiesto: “Dove va l’Europa, dove è il resto della civiltà? Uno stato come l’Iran, movimenti come Daesh e Hamas dichiarano apertamente il loro obiettivo di commettere un altro Olocausto. Non permetteremo che accada. Ma l’Europa e il resto del mondo devono stare insieme con noi, non per noi, ma per loro. ”

Non solo “il più scandaloso antisemitismo” sta trovando la sua strada nelle dottrine dei movimenti islamici estremisti, ma “anche nelle autorevoli opinioni dei leader occidentali che diventano afflitti con l’odio per il popolo ebraico, e lo Stato ebraico.”

Netanyahu ha detto che “l’ossessione con gli ebrei, la fissazione per lo Stato ebraico” sfida ogni spiegazione razionale. Ad esempio, ha detto, mentre militanti islamici stanno a brutalizzare intere popolazioni in tutta la regione con lo stupro e riduzione in schiavitù donne,uccidendo cristiani e gay, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite condanna Israele più che la Corea del Nord, Iran e Siria combinati.
.
Copyright © 2016 The Washington Times, LLC. Clicca qui per il permesso di ristampa.
.

http://www.washingtontimes.com/news/2016/jan/27/l-todd-wood-netanyahu-un-encouraging-terror/

.

REAZIONE:FORSE BAN KI-MOON SI MERITA QUESTE CRITICHE,E’ VERO,SONO DI ACCORDO CHE BAN-KI-MOON INCORAGGIA IL  TERRORISMO MA NON FACCIAMO DI TUTTA L’ERBA UN FASCIO.

METTERE SULLO STESSO PIANO L’ONU E LA CHIESA CATTOLICA E’,OLTRE A INGIUSTO,IRREALE,SONO COSE DIVERSE.SE CI SONO DEI PAESI INTEGRANTI DELLE MISSIONI DI PACE ONU CHE HANNO FATTO ABUSI SUI BAMBINI VANNO SOTTOMESSI ALLA GIUSTIZIA,MA METTERE SULLO STESSO PIANO GLI ABUSI PEDOFILI DELLE MISSIONI ONU CON QUELLE DEI PRETI PEDOFILI FAVORISCE LA PEDOFILIA.L’ONU E’ STATA IN PRIMA LINEA DI COMBATTIMENTO DELLA PEDOFILIA CLERICALE E HA PREMUTO PERCHE I PRETI PEDOFILI SIANO SOTTOMESSI ALLA GIUSTIZIA CIVILE DEI RISPETTIVI PAESI,QUELLI STESSI PAESI CHE ORA SI VEDONO GETTARE OMBRE SULLA SUA SINCERA LOTTA COME LA FRANCIA(1).

D’ALTRONDE NON E’ VERO CHE LA CHIESA ABBIA FATTO UN MEA COLPA E ALCUNCHE DI RICONOSCIMENTO DELLA PROPIA RIPONSABILITA NELLA PEDOFILIA CLERICALE E TANTO MENO ISTITUZIONALE,SOLO HA CERACATO DI SOSTRARRERE GLI ABUSATORI DELLA GIUSTIZIA CIVILE DEI RISPETTIVI PAESI PER “DIROTTARLI” AUTRCHICAMENTE VERSO LA “GIUSTIZIA” DEL PROPIO VATICANO CHE ULTIMAMENTE HA SANCITO UNA LEGGE PROPIA PER GIUDICARE I PRETI PEDOFILI.DA ALTRO CANTO I SUOI RICONOSCIMENTI DELLA PEDOFILIA SONO SOLO IPOCRESIA, NULLA E’ STATO FATTO PER CASTIGARLA E I PRETI PEDOFILI RESTANO PROTETTE DALLA GERARCHIA,E TANTO MENO PER UNA RIFORMA ISTITUZIONALE DOPO CHE ORMAI E’ DIVENTATA STRUTTURALE,CONNATURALE ALL’ESSENZIA DEL CATTOLICESIMO.

METTERE L’ONU SULLO STESSO PIANO DELLA CHIESA CATTOLICA INSOMMA E’ FAVORIRE LA PEDOFILIA,ALLO STESSO MODO CHE HA FATTO LO STATO ISLAMICO CRIMINALIZZANDO I BAMBINI PROPAGANDANDOLI COME “BOIA” E COMBATTENTI ALCUNI E COME VITTIMA DI ESSECUZIONI ALTRI,E COME FANNO TUTTI QUELLI CHE NON HANNO UNA FERMA POSIZIONE NELLA LOTTA CONTRO QUESTO TERRORISMO SELVAGGIO OSCURANTISTA E’ MEDIEVALE COME E’ IL CASO DELL’ITALIA DI RENZI E ALFANO,COME E’ IL CASO DELLLO STESSO NETANYAHU CHE HA MINIMIZZATO IL SUO TERRORISMO COMPARANDOLO CON QUELLO DELL’IRAN(ANCHE SE  TERRORISTA E’,E’ VERO),E COME E’ IL CASO DEL PROPIO OBAMA E LA SUA “STRATEGIA” CHE NON VUOLE COMPROMESSI CON GUERRE CHE IMPLICHINO COMBATTENTI USA IN ANNO ELETTORALE.

E TANTO CONDANNABILE SONO LE ACCUSE INDISCRIMINATI DI NETAYAHU NON SOLO CONTRO L’ONU MA VERSO L’EUROPA,CHE ORMAI ODIA,O L’OCCIDENTE.NON E’ GIUSTO NE VERO.

(1)RISULTA SINTOMATICO CHE L’ARTICOLISTA NULLA DICA SUI CASI DI PEDOFILIA COMESSI DA FORZE DI MISSIONI ONU IN UN PAESE DI LINGUA FRANCESE COME HAITI DOVE I SOLDATI URUGUAYANI(DELL’URUGUAY,SUDAMERICA)DI STNZA COME FORZA DELLE MISSIONI ONU HANNO COMMESSO PEDOFILIA E HANNO OTTENUTO DALL’ONU POTERE GIUDICARE I COLPEVOLI IN SUOLO ORIENTALE CHE PER NULLA HA TENUTO CONTO DELLA PAROLA DEI BAMBINI VIOLATI CONCLUDENDO LA SUA GIUSTIZIA ORDINARIA CHE L’ATTO SESSUALE FU CONSCIO E CONSENTITO E CHE GLI AVVOCATI DEFENSORI HANNO CERCATO COMPENSI ECONOMICI,CIO’E’ CAPOVOLGENDO L’ACCUSA.QUESTE COSE IN QUESTO PAESE POCO RISPETTUOSO DEI DIRITTI UMANI SONO COSE CORRENTE.IL DENUNCIATE RISULTA CRIMINALIZZATO E PERSEGUITATO.INSOMMA DUE PESI E DUE MISURE HA L’ARTICOLISTA.

Immagine anteprima YouTube

-

2 FEBRAIO 2016:ATTENZIONE,IMMIGRANTI TERRORISTI VENGONO IN ITALIA

.

-SU LA REPUBBLICA:

Lampedusa, l’allarme della Francia: “Pericolo infiltrazioni Is tra i migranti”
.
Il ministro della Difesa Le Drian indica nella Libia il focolaio che desta maggior preoccupazione per l’espansione di Daesh e l’avvio di un nuovo conflitto dopo Siria e Iraq

.
.Lampedusa, l'allarme della Francia: "Pericolo infiltrazioni Is tra i migranti" (afp)

I miliziani dell’Is che si possono nascondere tra i migranti che viaggiano dalla Libia a Lampedusa rappresentano un “grande rischio” per l’Europa. Lo ha dichiarato il ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Drian in televisione. Le Drian ha detto che c’è il bisogno “urgente” di una soluzione politica in Libia dove “Daesh si sta stabilendo… la Libia mi preoccupa dal settembre 2014. Sono lì, a 300 km dalla costa europea, e si stanno espandendo”.

Le Drian, sottolineando che Lampedusa è a 350 chilometri dalle coste della Libia, ha osservato che “quando sul Mediterraneo c’è bel tempo, c’è il rischio che (i miliziani dell’Is) possano fare la traversata, mescolandosi ai migranti. E’ un grande rischio” . “Tutti sono consapevoli del pericolo che il conflitto in Siria ed Iraq, dove stiamo vedendo alcuni risultati positivi, si trasferisca in un nuovo conflitto in Libia”, ha aggiunto, ribadendo che la soluzione politica “è il solo modo di sradicare il problema”. “Ci deve essere un governo di unità nazionale. C’è un serio processo politico in corso, sostenuto dal Consiglio di sicurezza dell’Onu. E’ urgente”, ha concluso.

http://www.repubblica.it/esteri/2016/01/31/news/libia_allarme_is_ministro_difesa_francese-132438711/

.

REAZIONE:SONO IN SICILIA,PROVENGONO DAI BARCONI DELLA LIBIA,SI SA CHE IL SUO DESTINO FINALE E’ CALAIS E QUESTO SUCCEDE IN UN MOMENTO CHE CAMERON APRE AI RIFUGIATI IN MEZZO DELLE NEGOZIAZIONI DELL’UE PER EVITARE IL BREXIT,E CHE LE FORZE ALLEATI(NON QUELLE DI BERLUSCONI-RENZI ALLA GALTIERI),SI DISPONGONO A INTERVENIRE ANCORA UNA VOLTA COME AI TEMPI DELLA NO FLY ZONE.INTERVENTO RITARDATO PER COLPA DELLE TRATTATIVE PER L’UNITA NAZIONALE ORMAI FALLITA.LA SOLUZIONE E’ POLITICA MA SIRTE NON ASPETTA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

2 FEBRAIO 2016:MITEENG BELICO A ROMA,MA GLI ANFITRIONI DOVE SONO?

Libye : la France prépare les plans d’une offensive contre Daech

.

Un pompier libyen devant un réservoir en feu sur le centre de raffinage de Ras Lanouf après une offensive menée, la semaine dernière, par les militants de Daech en vue de s'emparer des installations portuaires et pétrolières.

Réunis ce mardi à Rome, les pays occidentaux planchent sur des scénarios d’intervention militaire pour contrer l’EI.

REAZIONE:RENZI NON E’ IN ITALIA,E’ DI VISTA NELLA TERRA DI BOKO HARAM,NIGERIA.E HOLLANDE NON E’ IN EUROPA,E’ DI VISTA NELLA TERRA DI FIDEL CASTRO,CUBA.

MA..QUANDO L’ATTACCO?INGLESI E AMERICANI SONO IN CIELO(BOMBE AEREE)MA RILUTTANTI A METTERE GLI STIVALI(I PIEDI)IN TERRA.L’ITALIA FA A PAROLE E DICE VOLERE OTANIZZARE IL CONFLITTO:LA FRANCIA STORCE IL NASO.NON C’E BISOGNO DI ASPETTARE IL GOVERNO DI UNITA NAZIONALE(NDR:E’ PROPIZIATO DALL’ONU E SOLO FAVORIREBBE I TERRORISTI DI TRIPOLI A SCAPITO DEL GOVERNO DI TOBRUK  INTERNAZIONALMENTE RICONOSCIUTO),MA L’ATTACCO SI DEVE INSERIRE IN UNA STRATEGGIA “PIU GLOBALE” PERCHE L’IS E’ GLOBALIZZATO:OBAMA HA ALTRE PRIORITA,MOSSUL IN IRAK.NEL FRATEMPO L’IS STA FORMANDO UNA “DAECHLANDIA” IN LIBIA.

COME SI VEDE CHE NON C’E’ SARKOZY AL GOVERNO.COMUNQUE E’ SINTOMATICO CHE LA GUERRA  CONTRO IL TERRORISMO IS SI PREPARI NEL PAESE CHE NON L’HA APOGGIATO:RENZI ORMAI NON “FRA VIRGOLETTE”,IGNORATO.L’ITALIA NON PRENDE ORDINI DA NESSUNO,DICE IN GIRO,E ALLORA GLI ALLEATI NON LI CHIEDONO PERMESSO IN ITALIA.POSSONO FARE SENZA:CHI E’ IL COMMANDANTE DELLE FORZE ARMATE ITALIANE SE NON LUI?.

Immagine anteprima YouTube

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 262 »

20 GENNAIO 2016:FUMO LIBERO PER TUTTI,NO AL TRATTATO TRANS-ATLANTICO
-
-SU LE MONDE:

Blogs

15 janvier 2016
.
L’Australie gagne son arbitrage ISDS contre le cigarettier Philip Morris

Un homme tenant un exemplaire de paquet de cigarettes neutre, proposé par l'association Alliance contre le tabac, en septembre 2014 à Paris. AFP / THOMAS SAMSON

Un homme tenant un exemplaire de paquet de cigarettes neutre, proposé par l’association Alliance contre le tabac, en septembre 2014 à Paris. AFP / THOMAS SAMSON

.

Cela faisait partie des affaires les plus souvent citées pour illustrer les risques des tribunaux d’arbitrage d’investissement ISDS (Investor-state dispute settlement, des instances où des multinationales peuvent demander des comptes aux Etats dans lequels elles investissent, voir encadré en fin d’article), accusés d’empêcher les Etats de légiférer pour le bien public. Elle s’est finalement dégonflée à la fin de l’année 2015 à la faveur d’une sentence déboutant Philip Morris de son recours contre la décision de l’Australie d’imposer le paquet de cigarettes neutre.

Si cette décision arbitrale retire un épouvantail exemplaire à ceux qui se battent contre l’intégration d’un ISDS au futur traité transatlantique Europe/Etats-Unis, elle n’est pas de nature à les rassurer complètement. En effet, le tribunal ISDS, sis dans l’annexe de la cour permanente d’arbitrage (CPA) à Singapour, n’a pas statué sur le fond.

En clair, il n’a pas tranché la question de savoir si, en introduisant en 2011/2012 une loi sur le paquet neutre, le gouvernement travailliste australien avait exproprié le cigarettier Philip Morris de ses droits de propriété intellectuelle, en le contraignant à retirer son logo et sa charte graphique de ses paquets, ou s’il était dans son droit, car cette mesure visait à dissuader les potentiels consommateurs et protéger leur santé (d’ailleurs, hasard ou non, la consommation de tabac a baissé de plus de 10 % l’année suivant la loi). Les trois arbitres ne se sont pas prononcés sur le bien-fondé de l’indemnisation réclamée par la multinationale.

En effet, dans sa sentence du 17 décembre 2015, le tribunal ISDS s’est contenté de se déclarer incompétent pour prendre en charge le litige. Si la décision intégrale n’a pas encore été publiée, il semblerait que le tribunal ait jugé la requête de Philip Morris illégitime pour des questions de procédure. La firme d’origine américaine se serait en effet restructurée en rattachant sa filiale australienne à une entité hong-kongaise dans le seul but de pouvoir attaquer l’Australie en vertu d’un traité d’investissement Hong-Kong-Australie datant de 1993.

Une ruse appelée “treaty shopping”, ou “tourisme des traités”, que n’auraient guère appréciée les arbitres – signe, selon un connaisseur du monde de l’arbitrage, que “contrairement à ce qu’on entend souvent, les arbitres ne sont pas systématiquement pro-investisseurs et ne cherchent pas à engranger un maximum de dossiers pour augmenter leurs honoraires”.

Toujours dans l’expectative

Si le gouvernement australien a poussé un grand ouf de soulagement après cette décision, elle n’est pas forcément une bonne nouvelle pour tout le monde. En effet, “rien dans la décision ne valide [la légalité du] paquet neutre en Australie ou ailleurs”, comme l’a souligné l’un des pontes de Philip Morris. En refusant de trancher l’affaire sur le fond, le tribunal ne donne donc aucune indication dans un sens ou dans un autre sur la légalité de telles politiques anti-tabac au regard des milliers de traités d’investissement en vigueur dans le monde.

Que va faire la Nouvelle-Zélande, qui avait décidé par précaution de suspendre la mise en place du paquet neutre jusqu’à l’aboutissement de l’affaire Philip Morris/Australie ? Elle reste pour l’instant dans l’expectative…

Que va-t-il advenir de l’Uruguay, également attaqué par Philip Morris depuis 2010 pour sa politique anti-tabac ? L’épée de Damoclès d’une amende de 22 millions de dollars reste au-dessus de la tête de ce pays au PIB de 48 milliards d’euros.

Les autres pays qui sont en train d’adopter le paquet neutre, comme la France, le Royaume-Uni ou l’Irlande, sont-ils à l’abris de grosses amendes en cas d’attaques par les multinationales du tabac ?

Voilà autant de questions auxquelles l’affaire Philip Morris/Australie n’a pas répondu, et qui ne sont pas de nature à rassurer les détracteurs du mécanisme ISDS.

Maxime Vaudano

Correctif : contrairement à ce qui était indiqué dans la première version de l’article, les 50 millions de dollars correspondent aux frais de justice engagés par l’Australie, et non au montant de l’indemnisation réclamée par Philip Morris.

Lire aussi : Oui, le paquet de cigarettes neutre est efficace contre la tabagie

En bref : comment marche l’ISDS

Plusieurs milliers de traités d’investissement bilatéraux et multilatéraux contiennent un mécanisme d’ISDS, qui peuvent différer d’un contexte à l’autre. Si le futur traité transatlantique en intégrait un, voilà comment cela pourrait fonctionner : un investisseur américain (généralement une multinationale) qui exerce une activité sur le territoire français (ou de toute autre pays européen) pourrait attaquer l’Etat français devant un tribunal arbitral pour obtenir une compensation s’il s’estimait lésé par une décision française.

Pour avoir gain de cause, il devrait prouver que la France a enfreint certaines dispositions du traité transatlantique. Trois arbitres seraient amenés à trancher, selon la formule la plus répandue : un nommé par l’investisseur, un par la France, tandis que le troisième devrait faire l’objet d’un consensus entre les deux parties ou, à défaut, être nommé par le président de la structure qui accueille l’arbitrage (le Cirdi, un organe dépendant de la Banque mondiale, dans la plupart des cas). A l’issue de la sentence, si la France était condamnée à indemniser l’investisseur, elle n’aurait aucune possibilité d’appel, et serait contrainte de s’exécuter.

Share and Enjoy

http://transatlantique.blog.lemonde.fr/

REAZIONE:MI PIACEREBBE SAPERE COSA NE PENSA OBAMA CHE HA STABILITO RELAZIONE CON CUBA E SI SA,IO SO,CHE DIETRO QUESTA RIAPERTURA DI RELAZIONI C’E’ L’INDUSTRIA TBACCAIA CUBANA DA DOVE DIPENDONO GRAN PARTE DEGLI INGRESSI ECONOMICI DELL’ISOLA.

DAL CANTO MIO,DELLA NUOVA ERA,SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIO A QUESTI ACCORDI TRANSATLANTICI EUROPA-USA,NON PERCHE SIA CONTRARIO ALLA COOPERAZIONE USA-EUROPA MA ALL’INVERSA PERCHE QUESTA ESSITE GIA A TUTTO CAMPO E QUESTE TRATTATI ALTRO NON SONO CHE UNA MANOVRA DI OBAMA PER SNATURALIZZARE LA NUOVA ERA.PIU CHIARO,LA NUOVA ERA E’ UNA CONSEGUENZA SCIENTIFICO-CULTURALE DELL’EUROPA E NON DELL’AMERICA CHE SOLO APPORTA LA PARTE TECNICA,IL SUPPORTO TECNOLOGICO DELLE GRANDI IMPRESE DELLE TELECOMUNICAZIONI,E COSI OBAMA CERCA DI IMPOSESSIONARSELA PER LA FORZA DEL DENARO E DELL’INFRASTRUTTARA GLOBALE DEI BIG.NO AL TRATTATO TRANS-ATLANTICO.

PD:POLITICA ANTITBACCO?,LA MIA ESPERIENZA PERSONALE

MIO PADRE E’ MORTO A 78 ANNI IN MODO ANCORA DA CHIARIRE NELLA GIUSTIZIA.E’ MORTO PER CAUSE PULMONARI DOPO UN INTERVENTO NEURO CHIRURGICO RELATIVAMENTE BUONO.

MIO PADRE AVEVA FUMATO 3 ANNI DA GIOVANE VENTENNE E NON HA TORNATO A PRENDERE UNA SIGARETTA IN VITA SUA.DURANTE IL LUNGO RICOVERO IN OSPEDALE DOPO L’INTERVENTO NEUROCHIRURGICO QUALCHE MEDICO “MALE INFORMATO” HA SCRITTO NELLA STORIA CLINICA CHE MIO PADRE AVEVA UN ENFISEMA,CHE SI LO AVEVA,PERCHE ERA FUMATORE INTENSO.LI HO CHIARITO CHE ERA SBAGLIATO MA NON HA CORRETTO L’INFORMAZIONE SCRITTTA E TUTTI GLI ALTRI MEDICI CHE PRESERO PARTE AL SUO TRATTAMENTO DIERONO IL DATO PER BUONO.NO,L’ENFISEMA DI MIO PADRE,NON TANTO SEVERO,SI DOVEVA ALLA FARINA CHE PER 28 ANNI RESPIRO IN UNA DITTA ITALIANA MULTINAZIONALE ALL’ESTERO.MIO PADRE MORI DA FUMATORE INTENSO,E LA DITTA NON HA PAGATO MAI L’INDENNIZZO PER MALATTIA PROFESSIONALE.MORALE DELLA FAVOLA:A COSA SERVE NON ESSERE FUMATORE?

Immagine anteprima YouTube

-

0 GENNAIO 2016:I COLPI DELLA RUSSIA E IL POPOLO SYRIANO

-SU LE MONDE:

« Les frappes russes ne font que prolonger l’agonie du peuple syrien » 6

image: http://s1.lemde.fr/image/2016/01/20/644×322/4850570_3_aa41_present-a-paris-michael-fallon-fait-le-bilan_4ec1d1598b257c317eed6c42f0129400.jpg

Présent à Paris, Michael Fallon fait le bilan de la lutte contre l’organisation Etat islamique et critique la stratégie russe en Syrie.

Présent à Paris, le ministre de la défense du Royaume-Uni fait le bilan de la lutte contre l’organisation Etat islamique et critique la stratégie russe en Syrie.

*« Gagner la guerre ne suffit pas à gagner la paix » 4

*L’armée française au piège de l’urgence

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#TDovSgCGhE046hSU.99

Immagine anteprima YouTube
-
22 GENNAIO 2016:RENZI,ETRURIA,BOSCHI,ONDE,LEOPOLDA,SUEZ….,C’E’ DEL MARCIO IN DANIMARCA
.
 la denuncia
 .
«Alla fondazione della Leopolda fondi provenienti da Etruria»
.
La replica: soltanto quote risibili
.
Il fallimento dell’istituto di credito di Arezzo torna a incrociarsi con l’attività del presidente del Consiglio. Il nuovo caso dopo la segnalazione di un consigliere di FdI
di Fiorenza Sarzanini
.
Renzi alla Leopolda (Ansa)
.
Renzi alla Leopolda (Ansa)

Anche la «Fondazione Open» che finanzia la Leopolda ideata da Matteo Renzi ha preso soldi provenienti da Banca Etruria. Grazie a un intreccio societario, il fallimento dell’istituto di credito di Arezzo torna a incrociarsi con l’attività del presidente del Consiglio. E tanto basta a far riesplodere il caso, resa già incandescente dagli «avvisi» recapitati in questi giorni al premier dal faccendiere Flavio Carboni – accusato di essere uno dei fondatori della presunta associazione segreta chiamata P3 – e da svariati suoi soci e amici, proprio sui rapporti avuti negli ultimi anni con l’ex vicepresidente Pier Luigi Boschi, padre della ministra per le Riforme Maria Elena. Anche perché altre società, finite nell’inchiesta sul conflitto di interessi tra gli ex componenti del Cda di Etruria, sono state accusate di aver concesso denaro alla «Party srl» che fa capo ai genitori del premier. Quello dei finanziamenti decisi dal cda commissariato nel febbraio scorso è uno dei capitoli che l’indagine condotta dal procuratore Roberto Rossi (che oggi potrebbe finire nuovamente sotto inchiesta al Csm, per due fascicoli su Pier Luigi Boschi archiviati su sua richiesta due anni fa) sta affrontando e potrebbe diventare il fulcro di nuovi accertamenti. Il tribunale ha infatti fissato all’8 febbraio l’udienza per decidere sull’insolvenza della banca. Di fronte alla dichiarazione, la procura dovrà procedere per il reato di bancarotta fraudolenta nei confronti degli amministratori.

«Intesa Aretina»

A denunciare la concessione del denaro alla «Open» è Giovanni Donzelli, coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia e capogruppo in Consiglio regionale della Toscana, che da tempo spulcia tra i «beneficiati» di Etruria. «Sono 15 mila euro – dice – arrivati attraverso la società “Intesa Aretina Scarl” di cui Banca Etruria è socia. La “Fondazione Open” è presieduta da Alberto Bianchi, avvocato di Renzi, il consiglio direttivo è composto da Maria Elena Boschi, il cui padre è stato vicepresidente dell’istituto di credito, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Luca Lotti, e Marco Carrai, che il presidente del Consiglio sta proprio in questi giorni pensando di nominare a responsabile di una struttura per la cyber security . Il finanziamento è pubblicato sul sito della “Open” ed è gravissimo che il presidente del Consiglio abbia preso l’iniziativa del “salvabanche” dopo aver ricevuto quei soldi dall’istituto di credito che maggiormente ne ha beneficiato. Come abbiamo sempre sostenuto, il conflitto d’interessi non coinvolge soltanto Maria Elena Boschi, ma lo stesso Matteo Renzi: il salvataggio di Banca Etruria è stato una cambiale decisa dal governo ma pagata con i soldi dei risparmiatori truffati, che hanno così perso i loro investimenti».

La consigliera

Secondo le visure, il 2% di «Intesa Aretina» appartiene a Etruria, un altro 2% a Monte dei Paschi di Siena, il 35% ad Acea spa, il 51% a «Ondeo Italia» che ha acquisito anche il 10% che prima era di «Irides srl». Oltre alle banche, si tratta dunque di aziende specializzate nel settore energetico e idrico, visto che «Ondeo» è stata sostituita da «Suez Italia» a sua volta controllata al 100 per cento da «Suez Einvironnement».
Alberto Bianchi, presidente di «Open», si dice «allibito perché affermare che la Fondazione sia finanziata da una banca che possiede solo il 2% della finanziatrice, una quota irrilevante ai fini delle decisioni che prende, è voler fare una polemica senza uno straccio di argomento». In realtà a complicare la vicenda c’è il fatto che tra i consiglieri di «Intesa Aretina» c’è Gaia Checcucci, moglie di Giacomo Billi, uomo forte del Pd toscano e grande amico di Renzi, che proprio il presidente del Consiglio ha nominato nel dicembre scorso capo della Direzione generale per la salvaguardia del territorio e delle acque del ministero dell’Ambiente. Un incarico di grande prestigio per la donna che era anche consigliere di amministrazione della «Nuove Acque», gestore del servizio idrico integrato nell’alto Valdarno.

21 gennaio 2016 | 07:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/16_gennaio_21/alla-fondazione-leopolda-fondi-provenienti-etruria-replica-soltanto-quote-risibili-1919999a-c00b-11e5-a781-c1871777b86c.shtml
.
REAZIONE:QUOTE RISIBILI?BASTA UN EURO PER CONSOLIDARE IL REATO.E’ LA PRIMA CARICA DELLO STATO MICA IL COMMESSO DI UN BAR.
MA,ANCORA……C’E’ DEL MARCIO IN DANIMARCA: CARBONI,LEOPOLDA,PAPA RENZI,PAPA BOSCHI,LOGIA  MASSONICA,ONDE E SUEZ,ABBASTANZA PER INVIARE LA NAVE PORTA AEREI CHARLES DE GAULLE A FIRENZE PER  BOMBARDARE IL GOVERNO RENZI E FARLO CADERE.
SI ABBASTANZA,COSI HA CADUTO LETTA, QUANDO LA GIUSTIZIA HA MESSO MANI NELLE ISTITUZIONI DI CREDITO CHE FINANZIAVANO LA SUA CAMPAGNA POLITICA,E COSI CADRA RENZI.CHE NON SI SIA DIMMISIONATO ANCORA E CI PROPONGA ASPETTARE UN REFERENDUM AD OTTOBRE E’ SOLO UN FORZATURA,UN FACCIATOSTISMO PIU.IL TEMPO STRINGE,I GUAI CHE HA SONO GIA TROPPE E GLI ITALIAN NON POSSIAMO AVERE PIU UN GOVERNO CORROTTO CON QUESTI INTRECCI TRIBALI MEDIEVALI.
-
22 GENNAIO 2016:ILE DE FRANCE,NIENTE NAVIGO PER STRANIERI IRREGOLARI
.
-IL TITOLARE SU LE MONDE:

image: http://s1.lemde.fr/image/2016/01/21/312×156/4851509_3_3b1e_sortie-de-la-station-opera-du-metro-parisien_59018199f9cd779f2353fad2ff49c10d.jpg

Sortie de la station Opéra du métro parisien, en avril 2014.
.
La région Ile-de-France vote la suppression des aides aux transports pour les étrangers en situation irrégulière
La mesure, soutenue par Les Républicains et approuvée par le FN, supprime une aide qui permet à 117 000 personnes de bénéficier d’une réduction de 75 % sur le passe Navigo.
.
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#Tmtl6HwstsgjKGdJ.
.
REAZIONE:NIENTI MEZZI DI TRANSPORTO FACILI PER STRANIERI IRREGOLARI.
-
22 GENNAIO 2016:PAPA NON CONFONDERE UNIONI CIVILI ETEROSESUALI CON MATRIMONIO GAY
.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
.
Papa: non confondere unioni civili e matrimonio
Renzi: “Per il Pd è legge irrinviabile”live tv
Premier: “Riforma da fare. Family day? Rispetto per la gente”
Migliaia di emendamenti al ddl Cirinnà / Videoscheda Stepchild adoption
di ROSITA FATTORE e MONICA RUBINO
.
Articoli correlati

7 novembre 2015
.

A Mandello del Lario la Disneyland delle moto

Fare di Mandello del Lario, sulle sponde del lago di Lecco, patria della storica fabbrica della Moto Guzzi, una sorta di Disneyland delle moto. Questa l’idea del presidente e amministratore delegato del gruppo Piaggio, di cui fa parte appunto la Moto Guzzi, Roberto Colaninno, espressa in occasione della prima giornata dell’Esposizione del motociclo in Fiera Milano a Rho. Quella di Mandello, dove la Moto Guzzi è nata novantacinque anni fa, “è una fabbrica straordinaria per cui vorremmo fare di questo posto un appuntamento aperto il sabato e la domenica alle famiglie. due giorni di festa e di relax, una specie di Disneyland delle moto”.

http://www.repubblica.it/motori/sezioni/attualita/2015/11/17/news/a_mandaello_del_lario_la_disneyland_delle_moto-127578217/?ref=HRLV-10

REAZIONE:L’ATTUALE MOTO GUZZI CONTROLLATA DA GRUPPO PIAGGIO DI ROBERTO COLANINNO DAL 2004 NON HA CONSERVATO LO SPIRITO IMPRENDITORIALE E CREATIVO DELL’INGENIERE MILITARE CARLO GUZZI DI STANZA A VENEZIA DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE E POI STABILITO A MANDELLO CHE TRANSFORMO NELLA CITTA DEI MOTORI.IL GRUPPO PIAGGIO E’ SOLO UN’OPPORTUNISTA CHE PRETENDE SEDERE A CAVALLO DEL SUCCESSO DELLA NUOVA ERA PER SFRUTTARLA.IO RISIDEO A MANDELLO,SONO VICINO,E INVITO A TUTTI GLI ABITTANTI DI  MANDELLO LARIO E COMUNI DEI DINTORNI A NON ADERIRE A QUESTE INIZIATIVE NE AQUISTARE I  SUOI PRODOTTI.BOICOTTAMO QUESTO OPPORTUNISTA IMPOSTORE DI DUE SOLDI.

-

4 GENNAIO 2015:VITTORIA DI PESO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

SPAGNA

Rajoy, passo indietro sul governo

«Non ho il sostegno necessario»

Il premier uscente rifiuta la proposta del re Felipe VI di formare un governo.
L’incarico dovrebbe ora essere affidato al leader dei socialisti, Pedro Sanchez. Che punta a sua volta a una alleanza con Podemos, Izquierda Unida e baschi

-

REAZIONE:QUESTA VITTORIA E’ UNA VITTORIA MOLTO IMPORTANTE.QUESTO UOMO E’ LA FIGURA PIU IMPORTANTE PER IL NEOLIBERALISMO EUROPEO.QUESTO UOMO E’ L’UOMO DELLE BANCHE,E’ L’UOMO DEI SOLDI E IN QUESTO SENSO HA FATTO PUNTA IN EUROPA PER IL NEOLIBERALISMO.COSA SIGNIFICA?QUESTO UOMO HA APERTO LA “SOLUZIONE BANCARIZZATA” DELL’AUSTERITY EUROPEA CIO CHE IN BUON ROMANZO SIGNIFICA CHE GLI AIUTI DELL’UE,CIO’E’ DELL BCE,CIO’E’ DELLA GERMANIA DI MERCKEL,PER SUPERARE IL DISAVANZO ANZI CHE DARLI ALLO STATO COME VENIVA ACCADENDO IN TUTTI I CASI(GRECIA,ITALIA,PORTOGALLO,IRLANDA,ECC)A CAMBIO DI CERTE RIFORME STRUTTURALI LI HA COMINCIATO A DARE ALLE BANCHE SPAGNOLE CHE DOVEVANO GESTIRLI.CON QUESTO RAJOY AVEVA OTTENUTO DUE COSE,CHE LE PESANTE MISURE AUSTERITY ANZI CHE ESSERE RISPONSABILITA DELLO STATO DA ORA IN AVANTI LO ERANO DELLE BANCHE CON QUI SI RISPARMIAVA IL COSTO POLITICO.E DALTRONDE DISPONEVA DELLA POSSIBILITA COATTA DI PRENDERE MISURE SCONVENIENTI PER L’IMPIEGO,CIO’E’ HA APERTO LA PORTA ALLA FLESSIBILITA.QUESTA STESSA FLESSIBILITA CHE OGGI RENZI E JUNKER SI CONTENDONO IMMORALMENTE L’AVANGURDIA.NO,LA VANGUARDIA E’ RAJOY.ANCHE SE PER DIRLA TUTTA L’INVENZIONE DELLA “SOLUZIONE BANCARIZZATA” DEGLI IMPRESTITI DEL DISAVANZO E’ TUTTA SUDAMERICANA,ANZI TUTTA DEL CONO SUD DA DOVE VIENE IL PAPA.UNA SOLUZIONE CHE HA RESO QUELLE MASSE OGNI GIORNO PIU IMPOVERITI E DIPENDENTI DEI POSEDENTI DEL DENARO,CIO’E’ LE BANCHE CHE SONO DIVENTATO OGNI GIORNO PIU RICCHE,SCANDALOSAMENTE RICCHE DI FRONTE AD UNA POPOLAZIONE OGNI GIORNO PIU MISERA.

QUESTI AIUTI DELL’UE BANCARIE ANZI CHE STATALI HANNO SCATENATO NELLA SPAGNA UNA CORSA DELLE REGIONI PER “IL BOTTINO” CON PIU AGRESSIVITA ALLE RIVENDICAZIONI SEPARATISTI DELLA CATALUNIA ED ALTRE PROTESTE.E QUESTO DI OGGI E’ IL RISULTATO FINALE:PODEMOS,NO AL NEOLIBERALISMO.

E PRENDA NOTA RENZI CHE CON IL SUO SALVA-BANCHE,EUFEMISMO CHE STA PER LADRO DI FAMIGLIA PER LUI E LA BOSCHI,E IL SUO JOBS ACT HANNO DIMOSTRATO ESSERE DEI BUONI DISCIPOLI DI RAJOY,DEL PAPA E DEL CONO SUD SUDAMERICANO.NON PASSERANNO,L’ITALIA NON E’ L’ARGENTINA NE L’EUROPA IL CONO SUD.PODEMOS,E’ STATO DIMOSTRATO CON QUESTA VITTORIA DI PESO.

Immagine anteprima YouTube

-

6 GENNAIO 2016(08:00,ORA ITALIANA):RENZI NON E’ ISOLATO,VA MESSO FRA VIRGOLETTE

-SU CORRIERE DELLA SERA:

I CONTI DELL’UE

 Allarme Ue: Italia, troppo debito
L’ira di Renzi: non sono isolato
L’Italia corre “alti rischi” a medio termine per il suo maxi-debito pubblico, mentre nel breve termine il problema più serio è costituito dalla massa di crediti deteriorati del sistema bancario. Il premier: con me 50 milioni di italiani,di Ivo Caizzi, nostro inviato a Bruxelles
.
L’Italia corre “alti rischi” a medio termine per il suo maxi-debito pubblico, mentre nel breve termine il problema più serio è costituito dalla massa di crediti deteriorati del sistema bancario. Appaiono questi i messaggi principali inviati da Bruxelles al governo italiano con il rapporto della Commissione europea sulla sostenibilità delle finanze pubbliche, che individua rischi anche in altri 10 Paesi membri (Francia, Regno Unito, Irlanda, Spagna, Belgio, Finlandia, Portogallo, Romania, Slovenia e Croazia) senza contare Grecia e Cipro (in quanto già sotto programma di salvataggio). Immediata è arrivata la replica del premier Matteo Renzi e del ministero dell’Economia di Pier Carlo Padoan, che hanno ribadito la solidità dei conti pubblici e del sistema bancario italiano. «Non sono solo, sono con 50 milioni di italiani – ha dichiarato Renzi in relazione ai continui contrasti con l’Ue -. Io so che tutta l’Italia dice sì all’Europa ma non ci sta a fare la parte di quella che paga ma non ha nulla indietro”.

 Il rapporto

Secondo il rapporto della Commissione europea, per l’Italia “i rischi sembrano essere alti nel medio termine da una prospettiva di analisi della sostenibilità del debito, in seguito a un elevato livello di debito alla fine delle proiezioni” nel 2026. Le preoccupazioni maggiori scaturiscono davanti a eventuali “shock alla crescita” e aumenti degli attuali bassissimi tassi d’interesse, che appesantirebbero notevolmente il costo (già pari al 4,3% del Pil) per sostenere i circa 2.200 miliardi di indebitamento. A Bruxelles temono che non sarà facile conseguire l’avanzo primario del 2,5% del Pil dal 2017 fino al 2026, che porterebbe il debito a un livello accettabile di circa il 110% del Pil al termine del decennio considerato. Ancora di più si dovrebbe fare (il 3,8% del Pil di avanzo) per rispettare l’impegno del Fiscal compact, che prevede di riportare in venti anni l’indebitamento al 60% del Pil dal tetto massimo del 133% stimato nel 2015. “La quota di crediti inesigibili nel settore bancario potrebbe rappresentare una fonte importante di rischi di passività a breve termine” segnala il rapporto della Commissione europea, pur senza entrare nello specifico delle “sofferenze” indicate in Italia in circa 200 miliardi. Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan è atteso oggi a Bruxelles dal commissario Ue per la Concorrenza, la danese Margrethe Vestager, proprio per accelerare il negoziato su una soluzione sui crediti deteriorati in linea con la normativa Ue sugli aiuti di Stato. Nel rapporto di Bruxelles un giudizio positivo riguarda la sostenibilità nel lungo termine del sistema pensionistico, che però è al centro di un dibattito politico per attenuare i tagli attuati dalle ultime riforme considerati da più parti eccessivi.

I crediti

Il ministero dell’Economia ha replicato con toni rassicuranti al rapporto sulla sostenibilità finanziaria diffuso dalla Commissione europea perché “conferma ancora una volta che i conti pubblici italiani non presentano rischi a breve termine e sono in assoluto i più sostenibili di tutti nel lungo termine”. Secondo il dicastero di Padoan “il pesante debito pubblico rende il Paese più esposto in caso di shock esterni, per questo l’indicatore S1 ci classifica ad alto rischio. E per questo motivo il governo ha programmato il debito in discesa nel 2016 per la prima volta dopo 8 anni consecutivi di incremento”. Netta è stata anche la reazione di Palazzo Chigi. “L’Italia è un Paese solido, il sistema bancario anche – ha scritto Renzi sulla sua e-news -. Bisogna tuttavia accelerare sulle misure che sono rinviate da troppo tempo, a cominciare dalle fusioni aggregazioni di banche, a cominciare dalle Popolari per le quali la riforma del nostro governo 2015 – a lungo contestata – è invece decisiva e strategica”.

25 gennaio 2016 (modifica il 26 gennaio 2016 | 00:15)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
.
http://www.corriere.it/economia/16_gennaio_25/allarme-ue-italia-troppo-debito-l-ira-renzi-non-sono-isolato-5a53e2f0-c3a1-11e5-b326-365a9a1e3b10.shtml
.

REAZIONE:STESSI SEGNALI PRIMA DELLA FINE DI BERLUSCON:,LA FRAGILITA ECONOMICA DELL’ITALIA,LA LITE CON L’EUROPA,LA SITUAZIONE LIBICA DOVE SONO STATI RESPINTE LE LARGHE INTESE E GLI ALLEATI SI PREPARANO A INTERVENIRE MILITARMENTE ANCORA UNA,E FINALMENTE LO SCONTRO SULLO SPAZIO SHENGHEN DOVE DRAGHI E’ IL SUPERSTITE E CHE PROPIO OGGI E’ STATO SOSPESO PER STRINGERE I CONTROLLI,LA LOTTA AL TERRORISMO E’ PRIORITA.

INSOMMA,QUESTA PELLICOLA L’ABBIAMO GIA VISTO,SONO GLI STESSI SEGNALI PRIMA DELLA FINE DI BERLUSCONI.MA RENZI,DA OSSEQUENTE BURATTINO HA INSISITO CON LA SUA STESSA LINEA POLITICA ECONOMICA ED ESTERA E QUESTE SONO LE CONSEGUENZE:QUELLO DEL TITOLO.GLIELO AVEVO AVERTITO CHE BERLUSCONI PORTA SFORTUNA,HA LA LEPRA.MA RENZI NON CI CREDE.

-

7 GENNAIO 2016:NIENTE CALCIO PORCA PUTANA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

De Laurentiis contro la reporter  "Niente calcio, porca puttana!''

REP TV / NAPOLI
De Laurentiis contro la reporter “Niente calcio, porca puttana!”
.
Immagine anteprima YouTube
-

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 261 »

 

*1 GENNAIO 2016:DOVE SONO OGGI I PERICOLI PER LA NUOVA ERA?

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Papa: "La fede dove non arriva la politica Ingiustizia e violenza feriscono l'umanità"

Papa: “La fede dove non arriva la politica

Ingiustizia e violenza feriscono l’umanità”

Prima omelia del 2016 su migranti e guerre video

Aperta Porta Santa a Santa Maria Maggiore

Articoli correlati

La visita al presepe di piazza San Pietro

-

REAZIONE:DI PROPOSITO DI FEDE E POLITICA C’E’ DA DIRE CHE LA NUOVA ERA DOPO CHE HA SORMONTATO CON SUCCCESSO LA SFIDA DELLA SINISTRA TRAMSFORMISTA GLOBALE CHE LA VOLEVA SNATURALIZZARE A SCAPITO DEL GIACOBINISMO(DECISIVO LO SCHIERAMENTO DELLA CINA E LA REVISIONE ECLETTICA STORICA DI PUTIN,SOPRAFATTI DALLA REALTA), E DELLA DESTRA RELIGIOSA ANTIMODERNISTA E ANTIUMANISTA(NEW AGW,POST MODERNISMO NEOCON,DOTTRINA DI BENEDETTO XVI,ECC),NON CHE  IL CONTENUTO POLITICO DELLE NUOVE DEMOCRAZIE POST-PRIMAVERA ARABA,OGGI SI TROVA DI FRONTE AD UN NUOVO E COMPLICATO RISCHIO POLITICO-RELIGIOSO-IDEOLOGICO DOVE TROVANO POSTO ANCHE QUELLI TRANSFORMISTI SCONFITTI:L’ASSOLUTISSMO MEDIEVALE GLOBALE RAPRESENTATO DA DUE SCHIERAMENTI,LO STATO ISLAMICO E L’ASSOLUTISMO BORBONE.ANTRAMBI SONO REAZIONARI RIFACENDOSI A SPERIENZE DEL PASSATO MEDEVALE PRE-UMANESMO,PRE- ILLUSTRAZIONISMO,PRE-LIBERALISMO E PRE-RIFORMISMO.ENTRAMBI SONO GLOBALI,ENTRAMBI SONO NEMICI DELL SCIENZA E IL PENSIERO RAZIONALE,ENTRAMBI ADOPERANO I NUOVI MEZZI E LA SUA GLOBALIZAZZIONE,ED ENTRAMBI SAREBBERO POSIZIONATI PER SFRUTTARE I SUOI SUCCESSI ECONOMICI O I SUOI MERCATI.

-

10 GENNAIO  2016:FRA DUE MESI SANZIONI A PAPA BOSCHI(E RENZI)

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

L’INCHIESTA SULLA BANCA E LE SANZIONI BANKITALIA

Etruria, sprechi e favori: 12 accuse a ex vertici e consiglio dell’istituto

Dodici contestazioni che chiamano in causa il padre del ministro Boschi e i manager. Entro due mesi le sanzioni dall’inviata Fiorenza Sarzanini
*Blitz della Guardia di Finanza in 15 società

REAZIONE:IL TEMPO STRINGE

Immagine anteprima YouTube

-LA NOTA COMPLETA:

Il documento per le sanzioni di bankitalia

Banca Etruria, sprechi e favori: le accuse agli ex vertici e al consiglio
Dodici contestazioni che chiamano in causa Boschi senior e i manager. Entro due mesi le sanzioni,di Fiorenza Sarzanini, nostra inviata ad Arezzo.
Le società coinvolte nell’inchiesta su Banca Etruria (clicca per ingrandire)
.
Le società coinvolte nell’inchiesta su Banca Etruria (clicca per ingrandire)
shadow

La quantificazione delle nuove sanzioni si conoscerà entro due mesi. Ma l’atto di incolpazione di Bankitalia contro i vertici del consiglio di amministrazione di Banca Etruria e cinque componenti dell’organismo, fa ben comprendere quali siano «le carenze nel governo, gestione e controllo dei rischi e connessi riflessi sulla situazione patrimoniale» che hanno portato l’istituto di credito all’insolvenza. Dodici punti di contestazione che chiamano direttamente in causa l’ex presidente Lorenzo Rosi, i due ex vicepresidenti Alfredo Berni e Pierluigi Boschi – padre del ministro delle Riforme Maria Elena – e i componenti del Cda Claudia Bugno, Andrea Orlandi, Luciano Nataloni, Luigi Nannipieri e Claudio Salini. Tutti accusati dai funzionari di Palazzo Koch di «inerzia nell’attivare adeguate misure correttive per risanare la gestione, provocando un ulteriore peggioramento della situazione tecnica, già gravemente deteriorata. Comportamento che ha provocato una significativa erosione delle esigue risorse patrimoniali, da tempo non in grado di soddisfare il previsto “capital conservation buffer” del 2,5 per cento». Tutti chiamati a difendersi dall’accusa di non aver «pianificato interventi idonei a ristabilire l’equipaggio reddituale del gruppo, per di più necessari in considerazione dell’elevato ammontare degli attivi infruttiferi e dei vincoli in termini di patrimonio e redditività».

Nella relazione già notificata agli interessati per le controdeduzioni, sono elencati gli sprechi, gli abusi, e gli atti omissivi che hanno svuotato le casse di Etruria e – dopo il decreto del 22 novembre varato dal governo – causato perdite enormi per azionisti e obbligazionisti. Tra loro anche piccoli risparmiatori convinti di aver messo al sicuro i propri soldi e invece travolti da un fallimento che ha reso il loro investimento carta straccia.

Persi 517 milioni in un anno

I primi due «capi di incolpazione» riguardano le politiche messe in atto dai vertici e si concentrano su quanto accaduto nel 2014, che avrebbe dovuto rappresentare il momento di svolta, visto quanto era già stato eccepito nel corso delle precedenti ispezioni. Per questo stigmatizzano «le esigenze di accantonamento sul portafoglio crediti deteriorati che hanno portato a rettifiche su crediti per 622 milioni di euro e hanno concorso a generare la perdita di esercizio di 517 milioni di euro». Un’enorme massa di denaro persa concedendo finanziamenti anche a chi non forniva adeguate garanzie, firmando contratti di consulenza per incarichi inutili e soprattutto «non in linea con la normativa interna sul ciclo passivo di spesa», gli sprechi nella gestione degli immobili.
Tra i principali addebiti al presidente e ai due vice c’è poi il mancato rispetto della delibera sulla riduzione degli emolumenti, ma pure la scelta di non proporre ai soci «l’unica offerta giuridicamente rilevante presentata dalla Popolare di Vicenza di un euro per azione, estesa al 90 per cento del pacchetto azionario». Secondo gli ispettori ciò «ha lasciato inevasa la richiesta della Vigilanza di realizzare un processo di integrazione con un partner di elevato “standing” e non ha portato a tempestive ed efficaci iniziative per una soluzione alternativa».

Stipendi, premi, buonuscite

I conti erano in profondo rosso ma questo non ha impedito al consiglio di amministrazione di autorizzare pagamenti faraonici ai manager, nonostante ci fosse un esplicito divieto. Al punto 6 delle contestazioni gli ispettori scrivono: «Non si è tenuto conto del “documento sulle politiche di remunerazione e incentivazione” approvato dall’assemblea dei soci nel maggio 2014 che non consentiva la corresponsione di alcuna forma di incentivazione al “personale più rilevante”». Ancor più grave è la denuncia contenuta al punto 8 dove fra l’altro si rimarca l’esito di un audit concluso il 28 gennaio 2015 sui contratti consulenza che evidenziava proprio i «comportamenti anomali» degli organi amministrativi.
Il quadro delineato da Bankitalia mostra come in tutti i settori non si sia intervenuto in maniera adeguata e sottolinea quanto grave sia il fatto che queste mancanze abbiano riguardato in modo particolare «le strutture deputate alla gestione del credito deteriorato che non hanno fronteggiato l’imponente crescita delle partite anomale». Tra gli esempi più clamorosi citati nell’atto di incolpazione c’è quello degli «indicatori di performance» relativi alle sofferenze «risultati ampiamente al di sotto degli standard di mercato in particolare per i tassi di recupero del credito che nel giugno 2014 erano pari a 1,3 per cento anziché 3,5 per cento».

Le fidejussioni «scoperte»

Accusano gli ispettori: «Dall’analisi di un campione di 103 “sofferenze” classificate tra settembre 2013 e lo stesso mese del 2014 emergono le seguenti anomalie: le garanzie consortili sono risultate non attivabili nel 23 per cento dei casi a motivo del mancato pagamento delle commissioni o del mancato invio di lettere di messa in mora; le fidejussioni rilasciate dai garanti, nel 91 per cento dei casi erano prive di efficacia ai fini del recupero, anche a causa della mancanza di monitoraggio sui beni degli stessi».
Mancavano i controlli, mancava pure la volontà di recuperare – nei pochi casi in cui ciò era possibile – il denaro uscito dalle casse di Etruria. E così, anche per quanto riguardava “le cause di minor importo”, «nonostante l’assegnazione a un ufficio che avrebbe dovuto garantire una maggiore tempestività nelle azioni di recupero, ha fatto registrare invece un ritardo medio di circa tre mesi nella lavorazione delle pratiche dal momento della classificazione».
fsarzanini@corriere.it

gennaio 2016 (modifica il 9 gennaio 2016 | 14:29)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/economia/16_gennaio_09/banca-etruria-sprechi-favori-accuse-ex-vertici-consiglio-5fe986f4-b698-11e5-9dd6-8570df72b203.shtml

-APPENDICE:PAPA RENZI

ilgiornale.it
.

Si allarga lo scandalo Etruria: blitz nella sede e in 14 società

Massimo Malpica – Sab, 09/01/2016 – 08:07
.

Un blitz delle Fiamme gialle in quattro regioni accende i riflettori sulle società riconducibili all’ex presidente di Banca Etruria, quel Lorenzo Rosi legato da un sottile filo rosso al padre del premier.

Due soci di Tiziano Renzi nella società di marketing Party srl sono infatti a loro volta in affari con l’ultimo presidente della Banca popolare dell’Etruria e del Lazio, in società che si occupano di realizzare e gestire outlet, come la Egnatia Shopping Mall.Quella che fino a ieri era una notizia frutto del lavoro di ricerca del capogruppo di FdI in regione Toscana, Giovanni Donzelli, ora diventa materiale su cui potrebbe trovarsi a lavorare il procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi, titolare delle indagini sulla ex banca dell’oro e accusatore del socio dei soci di babbo Renzi.Proprio Rossi ha infatti ordinato al nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Arezzo le 15 perquisizioni di ieri mattina, a carico della sede centrale di Bpel e di altre 14 società in Toscana, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna, attive in vari settori, che avrebbero ricevuto fidi dalla banca poi finiti in sofferenza.Il blitz nelle aziende «assegnatarie di affidamenti deteriorati, ovvero interessate a qualsiasi titolo all’erogazione di essi», è legato al fascicolo d’indagine che ipotizza a carico di Rosi e dell’ex componente del Cda Luciano Nataloni – ai quali le società perquisite sarebbero riconducibili – l’omessa comunicazione del conflitto di interessi. I due, insomma, sono finiti nel registro degli indagati perché non avrebbero segnalato al consiglio d’amministrazione della banca, al quale spettava il via libera per la concessione dei fidi, il ruolo da loro ricoperto nelle diverse società a cui Bpel erogò quei finanziamenti mai rientrati.A sollevare la questione era stata Bankitalia, che in un verbale successivo a una delle ispezioni effettuate nella storica sede di Banca Etruria aveva puntato il dito su quasi duecento fidi «autoconcessi» a 18 tra amministratori e sindaci della banca, che secondo gli uomini di Palazzo Koch avrebbero fruttato circa 18 milioni di euro di perdite. Quel verbale degli ispettori di Bankitalia faceva i nomi solo di due persone: Rosi e Nataloni. Per l’ex presidente, nel mirino finivano le pratiche di un finanziamento concesso a due società che avevano lavorato al «Città Sant’Angelo», outlet abruzzese realizzato nell’omonima località dal colosso delle coop rosse Unieco e dalla coop Castelnuovese, della quale Rosi (che si è sempre detto sicuro di non aver violato alcuna regola) era presidente. Proprio la Castelnuovese (perquisita ieri, come pure la Città Sant’Angelo sviluppo spa e la Città Sant’Angelo Outlet village spa) è socia a sua volta della Egnatia Shopping Mall insieme alla Nikila Invest. E la Nikila possiede il 40 per cento delle quote della Party srl di Tiziano Renzi, società che ha come amministratore unico Laura Bovoli, mamma del premier.Egnatia, Nikila e Party sono tutte estranee alle perquisizioni di ieri e alle indagini, ma i legami, per quanto indiretti, tra l’ex numero uno di Bpel Rosi e Renzi senior potrebbero creare nuovi imbarazzi all’esecutivo, già lambito dall’inchiesta aretina per la presenza del padre di Maria Elena Boschi ai vertici di Banca Etruria (nel cda e poi alla vicepresidenza, sanzionato con gli altri amministratori da Bankitalia per 144mila euro).Al momento però è solo la «vecchia» relazione di Bankitalia che è sfociata nel filone d’indagine che ha portato alle perquisizioni. Ora gli inquirenti vogliono comparare i documenti raccolti ieri con quelli «già acquisiti, al fine di valutare la sussistenza di condotte omissive tese a celare interessi sottostanti fra i soggetti interessati e le società che hanno ricevuto affidamenti, non restituiti, che hanno generato una sofferenza o una perdita per la banca». Nella sede di via Calamandrei di Bpel, invece, sono stati acquisiti i verbali dei cda dell’era Rosi per ricostruire chi e in che modo ha deciso la concessione di quei fidi in odore di conflitto d’interesse, contribuendo al buco nei bilanci della banca che ha portato al crac.

 http://www.ilgiornale.it/news/politica/si-allarga-scandalo-etruria-blitz-nella-sede-e-14-societ-1211520.html
-
REAZIONE:IO CREDO NELLA LEATA ISTITUZIONALE  DI ROBERTO ROSSI.
NON CREDO NELL’OPPOSIZIONE DI BERLUSCONI NE DI TUTTI I COMPONENTI DI FI COMPRESE GLI ESCINDITI(DA ALFANO A FITTO PASSANDO DA VERDINI).SI TRATTA SOLO DI GIOCHI DI COMPARTIMENTAZIONI E POSIZIONAMENTO POLITICO,PER NON LASCIARE L’OPPOSIZIONE O LE LEALTA AL RENZI PTTISTA DELLE LARGHE INTESE IN MANO AD ALTRI.FALSA OPPOSIZIONE DOVE BERLUSCONI  RESTA SEMPRE UNA RISORSA DEL PATTO QUALVOLTA RENZI DOVREBBE CADERE.(1)CREDO INOLTRE CHE PIU TOSTO PRIMA CHE POI I PAPA DI RENZI E BOSCHI FINIRANNO IN MANETTE SUBENDO ANCHE I LORO FIGLI LE LOGICHE CONSEGUENZE POLITICHE E GIUDIZIARIE DELLE IMPLICANZE FAMIGLIARI.
(1)SAPPIAMO DELLA FURBIZIA DI BERLUSCONI NELL’APROFITTARE DEI “BUCHI” POLITICI DELL’AVVERSARIO:IN QUESTO CASO SOLO FA OPPOSIZIONE QUANDO ALTRI LA FANNO PRIMA APROPIANDOSI DEI LORO ARGOMENTI E FACENDOLI PROPI.
-

11 GENNAIO 2016:REATO IMMIGRAZIONE,FALCHI E COLOMBE,IL VERO CLANDESTINO E’ MATTEO

-SU LA REPUBBLICA:

Pansa: “Reato di clandestinità così com’è intasa le Procure”

Il capo della polizia ritiene necessaria una riforma per rendere più snella la gestione degli immigrati, ma senza sottovalutare la percezione della sicurezza da parte dei cittadini. Alfano: “Non è il momento per modificare la norma”
Pansa: "Reato di clandestinità così com'è intasa le Procure"
Il capo della polizia, Alessandro Pansa

.
ROMA – La clandestinità resta reato, almeno per il momento. Ma così com’è rende difficile il lavoro delle Procure. Ne è convinto il capo della polizia Alessandro Pansa, secondo il quale “il problema reale è dato dal fatto che (il reato di clandestinità, ndr) intasa l’attività delle procure. Questo è il problema principale”. È necessaria, quindi, almeno una riforma: “Probabilmente è preferibile che venga riformato, con un meccanismo che renda più agevole la gestione degli immigrati quando transitano per i nostri confini in maniera illegale”. Però non si può non tener conto del fattore sicurezza e della percezione dei cittadini: “In questo momento è anche indispensabile che il nostro Paese lanci qualche segnale dissuasivo, per far capire che noi gestiamo il fenomeno dell’immigrazione con umanità, con correttezza, con rispetto delle regole nazionali e internazionali, ma lo gestiamo con grande rigore. Quindi l’opportunità di comunicare un po’ meglio questa trasformazione di questa norma – ha concluso Pansa – è sicuramente molto importante ai fini della percezione della sicurezza”.
.

Reato di clandestinità,Pansa:”Abolirlo?Meglio riformarlo”

Condividi

-
Le parole del capo della polizia non piacciono al leader della Lega Nord, Matteo Salvini, che su Facebook attacca e chiede le dimissioni: “Il capo della polizia chiede di depenalizzare la clandestinità. Ma come mai la clandestinità è un reato efficace in mezza Europa e in mezzo mondo, e solo in Italia non si riesce ad applicarlo? Il capo della Polizia dovrebbe difendere i suoi uomini e gli italiani, invece di leccare le scarpe di Renzi: si dimetta!”

Il clima intorno alla questione, dunque, resta acceso. Dopo un primo slittamento alla prossima settimana per l’approvazione del decreto che avrebbe depenalizzato il reato di immigrazione clandestina, la decisione per ora pare archiviata. La scelta più opportuna, secondo il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che, pur condividendo le “ragionevoli obiezioni” tecniche di Franco Roberti, il procuratore nazionale antimafia, e quelle “altrettanto ragionevoli” del ministro Andrea Orlando, sulla legge del 2009, è certo “non è questo il momento opportuno per andare a modificare quel reato. La gente non capirebbe”.

La norma, però, non piace soprattutto ai magistrati e agli addetti ai lavori, ha sottolineato il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, che in un’intervista al Corriere della Sera ha evidenziato come la richiesta di depenalizzare il reato arrivi proprio da loro. Ma sulla tempistica Boschi è d’accordo con chi ritiene che non sia adeguata: “Penso che in questa specifica fase storica e politica per poter depenalizzare i reati di immigrazione clandestina, occorra preparare prima l’opinione pubblica, non perché abbiamo paura in termini di consensi, ma perché c’è un problema di percezione della sicurezza…Se eliminando questo reato la percezione dei cittadini è quella di una minore sicurezza questo è un problema”. Questo non esclude che il governo tornerà ad affrontare il problema: “Forse si può arrivare a eliminare quel reato se si prepara bene il terreno, oggi non credo che sia giusto farlo”, ha aggiunto.

Niente abolizione del reato, ma sì a una discussione immediata per trovare soluzioni adeguate. Lo sostiene il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, che lancia un invito: “Sediamoci già lunedì mattina ad un tavolo per trovare delle soluzioni che raggiungano due obiettivi: la diminuzione del numero degli ingressi; l’aumento del numero delle espulsioni. Chiedo che si sospenda l’assurda discussione sulla cittadinanza regalata facilmente agli stranieri, per sostituirla, in Commissione affari costituzionali al Senato, con il confronto sulle nuove procedure di espulsione. Solo in questo modo si risponde con serietà a un Paese che si rivolterà contro Renzi, che sta ribadendo la sua preferenza per gli stranieri, rispetto alla tutela della sicurezza degli italiani”.

http://www.repubblica.it/politica/2016/01/10/news/clandestinita_resta_reato_pansa_cosi_com_e_intasa_procure_-130954064/?ref=HREC1-5

REAZIONE:UNA PERVERSIONE VERGOGNANTE IL  REATO DI CLANDESTINITA

1-VA CONTRO LE MIGLIORI TRADIZIONI DI ACCOGLIENZA E PELLEGRINAGGIO DELL’EUROPA E  DEGLI ITALIANI,UNA VERGOGNA MANTENERLO.E La CEI MI HA DATO RAGIONE.

2-L’IMMIGRAZIONE DEGLI SFOLLATI IN ITALIA NON E’ QUELLA DELLA GERMANIA O IL RESTO DI EUROPA.NON FARE DI TUTTA L’ERBA UN FSCIO:IN ITALIA ARRIVANO DALLA LIBIA IN  GERMANIA E EUROPA OVEST E ALTROVE QUELLI VIA BALCANI PRINCIPALMENTE SIRIANI A QUI IL PAPA LI HA SPALANCATO LE PORTE NELLA SUA VISITA IN SERBIA.

3-IN ITALIA NON C’E MAI STATO NESSUN ATTACCO TERRORISTA.COME MAI I DUE MATTEO CHE NON HANNO VOLUTO APOGGIARE LA LOTTA AL TERRORISMO DELLE POTENZE VINCITRICI DELL’ULTIMA GUERRA ORA NE APROFITTANO DELLE SITUAZIONE POLITICA PER GUADAGNARSI “LA FIDUCIA”,NON DEGLI ITALIANI MA DELL’ELETTORATO?SEGNO CHE RENZI TEME IL VOTO DEGLI ITALIANI.MA GLI ITALIANI NON SONO MICA SCEMI E CAPISCONO BENISSIMO DI COSA SI TRATTA.

4-PIU TOSTO SI RIVEDANO LE LEGGI DI CITTADINANZA ABUSUVI, LE “CITTADINANZE FACILI” DEL NOSTRO SERVIZIO ESTERO,NON CHE QUELLE FALSI (A PAGAMENTO,5 MILA DOLLARI COSTA UNA CITTADINANZA ITALIANA)E LE DOPPIE CITTADINANZE DURANTE IL PERIODO BERLUSCONI-LEGA-PRODI(SI VEDA L’ARGENTINA E IL CALCIO AD ESSEMPIO) E SONO QUELLI “IMMIGRATI” CHE IO CHIAMO LA “CLANDESTINITA INCARTATA”.FORSE SCOPRIREMMO CHE CALA DA VERO L’AFLUSSO DI “IMMIGRATI” E MAGARI ANCHE QELLA DELL CERIMINALITA.

5-IL VERO CLANDESTINO E’ MATTEO:NON E’ ITALIANO,IN QUANTO SI RIFA AD UNA ORGANIZAZIONE PIU O MENO SEPARATISTA CHE VUOLE UNA TERRA CHE ABIURA E INSULTA GLI ITALIANI VERI.

6-PIENO SOSTEGNO ALLA POLIZIA E ALLA GIUSTIZIA,VIA I MATTEO E

-APPENDICE:LA FRANCIA RIVEDE LE LEGGI DI CITTADINANZA

-SU LE MONDE:

lemonde.fr
.
Déchéance de nationalité : la fin de la cacophonie socialiste ?
.
LE MONDE | 07.01.2016 à 06h37, Mis à jour le 07.01.2016 à 14h51 |
.
Le Premier Ministre Manuel Valls et la Ministre de la Justice Christiane Taubira à une conférence de presse sur la protections des français, le 23 décembre 2015.
.
Le Premier Ministre Manuel Valls et la Ministre de la Justice Christiane Taubira à une conférence de presse sur la protections des français, le 23 décembre 2015. POOL / REUTERS
.
D’un côté, une gauche qui ne parvient pas à trouver une position commune concernant la déchéance de nationalité. De l’autre, une droite qui, elle, réussit à serrer les rangs. Le débat se poursuit, encore et toujours en cette rentrée, autour de la proposition controversée de François Hollande inscrite dans le projet de loi de révision constitutionnelle, examiné à l’Assemblée nationale à partir du 4 février et qui fait suite aux attentats du 13 novembre 2015.

Tous les jours depuis bientôt deux semaines, les socialistes se divisent sur son périmètre d’application, face à un gouvernement incapable d’établir une ligne claire et définitive. Mercredi soir, le premier ministre a ainsi défendu sur BFM-TV la position initiale de l’exécutif qui consisterait à déchoir de leur nationalité les Français binationaux condamnés pour des actes terroristes. Le président de la République avait semblé pourtant avoir abandonné cette option dans ses vœux aux Français le 31 décembre 2015, après la bronca provoquée au PS par le risque d’inégalité entre citoyens.

Mais Manuel Valls l’a remise sur la table. « S’il y a deux catégories de Français, c’est une poignée de terroristes d’un côté et de l’autre côté, c’est l’immense majorité des Français qui se sentent attaqués », a-t-il expliqué. A l’inverse, le chef du gouvernement a fermement rejeté l’idée, qui prospérait depuis quelques jours à gauche, d’une extension de la déchéance à tous les Français terroristes, sans distinction entre les binationaux et les autres. Raison invoquée par M. Valls : « La France ne peut pas créer des apatrides. »

Lire aussi : Manuel Valls refuse l’extension de la déchéance de nationalité à tous les Français

Comprenne qui pourra

Cette mise au point a-t-elle enfin sifflé la fin de la cacophonie socialiste ? Pas si sûr, puisque quelques heures à peine avant l’intervention du premier ministre, le président du groupe PS à l’Assemblée nationale, Bruno Le Roux, proche de M. Hollande, avait estimé qu’il n’y a « pas d’obstacle » à la déchéance pour tous les terroristes condamnés. « Quand on est sur une question internationale qui crée des apatrides, c’est par milliers. Là, on peut créer quelques unités, donc on n’est pas sur une question d’apatridie », avait tenté de convaincre M. Le Roux. Sans compter sur le premier secrétaire du PS, Jean-Christophe Cambadélis, qui avait expliqué mercredi matin ne vouloir ni « discrimination entre les Français » en réservant la déchéance aux binationaux, ni « apatrides ». Comprenne qui pourra…

L’imbroglio socialiste s’étale au grand jour alors qu’au même moment, l’opposition est parvenue à se mettre d’accord sans véritable difficulté, mercredi, à l’issue de son bureau politique. Nicolas Sarkozy a ainsi annoncé que son parti Les Républicains (LR) est disposé à voter le projet de loi de révision constitutionnelle, à condition que quatre de ses « demandes » soient prises en compte par le gouvernement. Au passage, la droite s’est même offert le luxe de donner une leçon de morale à la gauche en rejetant unanimement une éventuelle « déchéance pour tous », Brice Hortefeux estimant que le sujet est une « histoire interne au Parti socialiste ».

La principale condition posée par l’opposition vise à étendre la déchéance de nationalité aux auteurs de « délits » terroristes et non aux seuls crimes. Le gouvernement avait prévu cette disposition dans son projet initial, mais il l’avait écartée après que le Conseil d’Etat eut émis des réserves en décembre. La droite demande également que l’application de la déchéance de nationalité prenne effet dès le prononcé de la peine (et non à son issue) et permette d’expulser l’individu condamné, une fois qu’il a exécuté sa peine.

Par ailleurs, elle veut que soient connus le calendrier d’application et ses conditions, « seule manière de nous assurer de la valeur effective des mesures proposées dans la réforme constitutionnelle », selon Eric Woerth, le secrétaire général du parti. Enfin, LR réclame que soient élargies les possibilités de pose de bracelets électroniques par décision administrative sur les individus suspectés d’activités terroristes, dans le cadre de l’état d’urgence.

Le besoin des voix de la droite

L’exécutif a refusé, mercredi, de répondre directement aux demandes de la droite. « Notre texte a été examiné en conseil des ministres, maintenant, c’est le temps du débat au Parlement. Nous n’avons plus à nous exprimer sur le sujet », a-t-on fait savoir à l’Elysée. Mais la ligne de l’opposition, soumise au vote par M. Sarkozy, a été acceptée par une grande majorité des participants du bureau politique de LR, parmi lesquels Alain Juppé et Bruno Le Maire : 51 cadres ont voté pour, seulement 5 contre, et 2 abstentions. Une manière pour la droite de montrer que sur ce sujet, la division n’est pas de son côté.

« La déchéance de nationalité est le problème de la gauche, pas de la droite. Nous la votons », s’est félicité mercredi M. Le Maire. « Plus vous serez pour, plus vous obligerez la gauche à sortir de l’ambiguïté », a ajouté M. Sarkozy, persuadé que le piège tendu à l’opposition par M. Hollande lors de son annonce de la déchéance de nationalité, devant le Congrès à Versailles le 16 novembre, se retournera in fine contre le chef de l’Etat. « On a intérêt à soutenir massivement le projet de révision constitutionnelle car plus on le soutiendra, plus cela risque de causer des dégâts pour Hollande dans sa majorité. La gauche, en outre, ne pourra pas se prévaloir d’un succès si le texte passe grâce aux voix de la droite », analyse un lieutenant de M. Sarkozy.

Si M. Valls s’est dit « convaincu » que le projet de loi gouvernemental sera adopté à « une très large majorité », l’exécutif n’a toujours pas réussi à trouver la formule magique pour clore le débat. Et le gouvernement sait qu’il va d’autant plus avoir besoin des voix de la droite pour atteindre les trois cinquièmes des voix au Congrès, que les rangs socialistes risquent d’être largement divisés. « Cette histoire est devenue pour la gauche un compte à rebours qui ne peut que mal finir », s’inquiétait mercredi un poids lourd du PS. En attendant le prochain épisode.

http://www.lemonde.fr/politique/article/2016/01/07/decheance-de-nationalite-la-fin-de-la-cacophonie-socialiste_4842837_823448.html

REAZIONE:COME VENGO PREDICANDO SIN DALL’INIZIO DI QUESTE PUBBLICAZIONI NELL’ANNO 2005,QUESTO E’ IL DIBATTITO CHE SI DEVE DARE IN ITALIA.E FRA L’ALTRO ABOLIRE LE DOPPIE CITTADINANZE AI DELINQUENTI ANZI CHE CRIMINALIZZARE A TUTTA L’IMMIGRZIONE SFUGGITA IN ITALIA COME STA FACENDO IL BURTTINO RENZI CHE SI HA PIEGATO ALLA LEGA E LE SUE LEGGI RAZZISTI E XENOFOBI.

Immagine anteprima YouTube

-

11 GENNAIO 2016:VITTORIA
.
-SU LA REPUBBLICA:

Dopo Nokia, si dissolve anche lo storico marchio Motorola

Entro l’anno una parte del suo nome – Moto – sarà solo quello della linea di fascia alta dei dispositivi Lenovo, colosso cinese proprietario del marchio. Eppure nel ’73 aveva creato il primo cellulare portatile
.
08 gennaio 201
.

Dopo Nokia, si dissolve anche lo storico marchio Motorola
Motorola StarTac 

SEMBRA un secolo fa ma è passato poco più di una decina di anni da quando Nokia e Motorola dominavano nel settore del cellulari. Adesso il primo di questi due storici marchi della telefonia mobile, Nokia, non esiste più almeno così com’era prima. La divisione mobile dell’azienda finlandese è stata acquistata e poi “mangiata” da Microsoft, mentre Motorola – forte soprattutto negli Stati Uniti – sta vivendo una fine più un po’ più articolata e alla fine del suo nome sopravviverà almeno il prefisso. Lenovo, che due anni fa comprò il marchio da Google, ha preso la sua decisione: entro la fine del 2016 sui dispositivi non comparirà più la dicitura Motorola ma solo “Moto”. Un passaggio non da poco. Chi non ricorda il mitico Star Tac, il primo cellulare a conchiglia della storia, o il sottilissimo e stiloso Razr? Non erano solo dei telefoni, ma anche status symbol. Che hanno vissuto la loro stagione di gloria prima di lasciare il campo all’invasione degli smartphone.

.
Motorola si spegne: addio ai cellulari che hanno fatto la storia
Navigazione per la galleria fotografica,1 di 9
.

“Il marchio Motorola sarà eliminato gradualmente e ci focalizzeremo su Moto”, ha spiegato Rick Osterloh, Chief Operating Officer di Lenovo, durante un intervento al Ces, la più grande fiera dell’elettronica che si tiene in questi giorni a Las Vegas. Il manager ha spiegato che l’azienda sta unificando i suoi business relativi alla telefonia, raggruppandoli sotto l’unico marchio Lenovo. Nasceranno quindi due linee: ‘Moto’ destinata ai prodotti di fascia alta e ‘Vibe’ per quelli di fascia medio-bassa.

Motorola ha una storia lunga e gloriosa. Nata negli Stati Uniti negli anni Trenta, l’azienda inizialmente realizzava apparecchi radio. Poi dette un grosso impulso al settore dei computer producendo micro-processori anche per Apple e Olivetti. Ma la popolarità la deve ai telefonini, avendo di fatto creato il primo cellulare portatile. Che venne realizzato nel 1973 dall’ingegnere americano Martin Cooper. Non era esattamente un telefonino visto che era grande quasi come una scatola di scarpe. Si chiamava DynaTac. Ai ‘brick phone’, grandi come dei mattoni, seguirono poi altri modelli più piccoli e leggeri come il MicroTac e lo StarTac, molto diffusi tra gli anni Ottanta e Novanta. “Hello, Moto”, a un certo punto era la suoneria che si sentiva riecheggiare ovunque.

Poi, dopo tanti successi, la discesa. A gennaio 2011 Motorola Inc. è stata divisa in due società distinte, Motorola Solutions e Motorola Mobility. Quest’ultima è stata venduta a Google pochi mesi dopo per la cifra di 12,5 miliardi di dollari. A sua volta il colosso del web l’ha ceduta a Lenovo nel 2014 per 2,9 miliardi di dollari. Lenovo, il primo produttore di pc al mondo, a novembre ha registrato le prime perdite in sei anni. A influire sui conti, secondo gli analisti, hanno pesato il forte calo del mercato dei computer e anche l’acquisizione di Motorola. Da qui, forse, la decisione di rimodulare la sua strategia in ambito “mobile”.
.

http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2016/01/08/news/addio_motorola-130851183/?ref=HRLV-9

.
REAZIONE:VITTORIA PER 3:
1-PER NOKIA
2-PER MOTOROLA
3-PER LA QUASI DEFINITIVA SCOMPARSA DEI PC.DOMINA IL MOBILE.

.TUTTO QUESTO DIMOSTRA CHE L’OPINIONE DELLA NUOVA ERA CONTA.E COME.E ANCHE CHE QUESTA DOMINA LE TELECOMUNICAZIONI,E NON SOLO,EGEMONICAMENETE GLOBALMENTE. ED E’ INARRESTABILE ,INCONTESTABILE.
EPILOGO:MA LA STORIA NON LA SCRIVONO I PERDENTI.LE BUGGIE NON PASSANO.
-VEDI QUESTA STORIA COMPLETA CUA:
http://cianciminotortoici.blogspot.com.uy/2013/01/le-buggie-del-consensoe.html
.
12 GENNAIO 2016:SOLO VOTO NAZIONALE
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Camera, sì alla riforma costituzionale vd
Comitato No: “Numeri per referendum”
Boschi: “Presto voto al Senato, no al rinvio”

Video Protesta M5s / Scheda interattiva
video di FRANCESCO GIOVANNETTI
.
Articoli correlati

-LEGA,N’DRANGHETA E CERTA SINISTRA SONO ORGANIZAZIONI CRIMINALI E TERRORISTICI ALLEATI.NON MOLTO DIVERSO AL MAFIOSISMO SONO L’UNIONE DEI CLAN LOMBARDO-VENETI DEI BERLUSCONI,DELLA VALLE,MORATTI,BOSSI,ECC.

-SI HA DIMOSTRATO CHE L’ANTI-MAFIOSISMO IN ITALIA CADE NELLE STESSE PRATTICHE CHE DICE COMBATTERE. E HA PERSO LA BATTAGILA SOCIO POLITICA,CULTURALE NON CHE GIUDIZIARIA.NON SI PUO CAMBIARE CONTINUANDO A FARE LO STESSO,BISOGNA CAMBIARE IL MODELLO CULTURALE E POLITICO DI TIRI E TROIANI.
IL SUPERAMENTO DELL’IDIOSINCRAZIA MAFIOSA,AMMETENDO ESSISTA CHE NON E’ DETTO,COME LA LOTTA AD OGNI FORMA DI CRIMINALITA, PASSA PER LA LOTTA ALL’IGNORANZA(ANCHE RELIGIOSA), LA XENOFOBIA E LA DISCRIMINAZIONE DEL DIVERSO.BISOGNA INOLTRE DISSOLVERE LA LEGA E UN SUO APPENDICE, L’ANTIMAFIA,COME ANCHE  OGNI FORMA DI CRIMINILAZAZIONE E DISCRIMINAZIONI DEGLI ITALIANI INSOMMA.IL COMUNISMO E’ GIA STATO SUPERATO.I PERDENTI NON HANNO RAGIONE,NON SCRIVANO LA STORIA:”NON SONO I PIU MEGLIO NON SONO I PIU FORTI”
Immagine anteprima YouTube
-
5 GENNAIO 2016:BILINGUISMO LEGHISTA?,QUA PROFFESSORI D’INGLESE CI VOGLIONO.
-
-SU LA REPUBBLICA:
.
Una legge per la “tutela della lingua lombarda”, che rientra “tra quelle a rischio d’estinzione”. È la proposta che la Lega Nord ha presentato in Lombardia, in Consiglio regionale. Il progetto è stato firmato da tutti i consiglieri del partito del governatore lombardo, Roberto Maroni, e ha come scopo la “promozione, tutela e conservazione della lingua lombarda e di tutte le sue varianti”, come si legge nel titolo del documento.
-
Bergamo, la rivincita dell’italiano: sui cartelli il dialetto c’è, ma non si vede

Navigazione per la galleria fotografica,1 di 6

Obiettivo del provvedimento è introdurre, nei fatti, una sorta di bilinguismo in Lombardia, con l’utilizzo del dialetto lombardo nelle istituzioni e tra i cittadini. Di qui, l’introduzione della “lingua lombarda” nei cartelli stradali e nella toponomastica. Ma anche nei siti istituzionali, come appunto quella della Regione Lombardia, con informazioni indirizzate ai cittadini scritte in entrambe le lingue: l’italiano e, appunto, il lombardo. Del quale però esistono diverse varianti: in questo senso, il progetto si incarica anche di dare una definizione univoca. “Si definisce Lombardo Classico, o Lingua Lombarda, quella lingua plurale – si legge infatti nell’articolo 2 della proposta – costituita da tutte le specifiche varianti utilizzate nel territorio della Lombardia, e nei territori in cui esse sono state mantenute, e appartenenti al continuum Gallo-Romanzo-Cisalpino”.

Il documento è stato depositato al Pirellone e sarà presto discusso in commissione Cultura. Ed è nel solco della richiesta di maggiore autonomia da Roma che, da sempre, è un pallino del Carroccio. E che sarà al centro, tra pochi mesi, di un referendum ad hoc indetto da Maroni. Così, nel primo articolo del provvedimento, si specifica che “la presente legge promuove e valorizza l’identità culturale dei lombardi quale bene primario”. Per tutelare i dialetti locali, i leghisti vorrebbero anche che la Regione tutelasse e promuovesse anche il lavoro di chi si occupa di studiarli e di tramandarli, prevedendo l’istituzione di un apposito elenco di ricercatori e di associazioni, oltre a un ‘Osservatorio regionale per la lingua lombarda’, da finanziare con 300.000 euro per i prossimi tre anni.

Contrario il Partito democratico: “Non ha senso parlare di bilinguismo-lombardo italiano – dice il consigliere dem Fabio Pizzul – L’unico vero bilinguismo che servirebbe alla Lombardia è quello che contempera la conoscenza e l’utilizzo dell’inglese. La Lega ritiene invece prioritario promuovere l’uso di questo o quel dialetto con modalità che non fanno altro che trasformarlo in una lingua artificiale definita Lombardo Classico o Lingua Lombarda da mettere nei documenti istituzionali e sui cartelli”.

.
http://milano.repubblica.it/cronaca/2016/01/14/news/lega_dialetto_regione_lombardia-131266975/?ref=HREC1-20
.
REAZIONE:IO SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIO A QUESTO BILINGUISMO,ALTRO NON E’ CHE L’ENNESIMO TENTATIVO DELLA LEGA PER FARE PASSARE IL FEDERALISSMO.E’ INOLTRE UN ATTACO ALL’UNITA D’ITALIA RIPORTANDO IL PAESE A QUEL MEDIOEVO PRERISORGIMENTALE DOVE LA PENINSOLA ERA UN BALCANICO PROLIFERARE DI FEUDI,REGNI E  REGNICCHI PERMANENTEMENTE IN GUERRE E DISPUTE DI OGNI GENERE.ANCORA SI TRATTA DI UNA OFFESA ALLA MODERNITA PARTITA DELL’UMANESIMO FIORENTINO CHE FINI PER IMPORRERE LA LINGUA DI DANTE.PENSO ANCORA INOLTRE CHE QUESTA INIZIATIVA DI MARONI E’ ILLEGALE E CHE E’ COMPETENZA DEL GOVERNO CENTRALE,O MEGLIO,DEL  GOVERNO TOUT COURT.
MI PARE PIU TOSTO EQUILIBRATA L’IDEA DI METTERE SULLA SEGNALETICA L’INGLESE IN MODO DI TENERE IL PAESE PARI PASSO CON LA GLOBALIZAZIONE E L’INTEGRAZONE DELL’ITALIA AL MONDO MODERNO.IN QUESTO SENSO PREMEREI PERCHE VENGANO ASSUNTE PIU PROFESSORI DI INGLESE E SI PROMUOVA COSI IL SUO INSEGNAMENTO IN LOMBARDIA.
NON HO NULLA CONTRO I DIALETTI MA DEVONO RESTARE UNA LINGUA PRIVATA COME SUCCEDE IN TUTTA L’EUROPA MODERNA.IO A CASA MIA CON MIA MADRE PARLO IL SICILIANO IN QUALUNCHE PARTE DEL MONDO MI TROVI MA NON HO MAI PENSATO DI METTERE UN CARTELLO PUBBLICO  CON LA SCRITTA “ATTENTU QU’ GATTI”(1).PECCATO CHE BOSSI NON COMMANDI PIU,MAGARI IN VECE DEL BILINGUISMO IN LOMBARDIA SI DOVREBBE SCRIVERE TRILINGUISMO:MOGLIE PERMETTENDO CERTAMENTE,MA PENSO NON SIA DIFFICILE STABILIRE CHI MANDA A CASA LEGA,IL MATRIARCATO MEDIEVALE NON DOVREBBE ESSERLI UN PROBLEMA.
(1)IO HO GIRATO IL MONDO ABBASTANZA MA NON HO MAI VISTO COME ACCADE IN LOMBARDIA IN UNA SPLENDIDA VILLETA SUL LUNGO LAGO VICINO A MANDELLO DEL LARIO UN CARTELLO CON LA SCRITTA “ATTENTI AI GATTI”.DI SOLITO TALE MINACCIOSA AVVERTENZA VIENE RISERVATA AI CANI.MA……NEI FEUDI DI BOSSI…….
AH..IO ADORO LA LOMBARDIA,LI RISIEDO,LI HO STUDIATO,LAVORATO DA MEDICO E LI HO TRASCORSO BUONA PARTE DELL MIA VITA,COL CUORE L’ADORO.
.
Immagine anteprima YouTube
.
17  GENNAIO 2016:RENZI VS EUROPA
.
TITOLARE LA REPUBBLICA:
Ue, Renzi: "Polemiche assurde   video   l'Italia non si fa telecomandare" 

.
Ue, Renzi: “Polemiche assurde video
l’Italia non si fa telecomandare”
Nuova replica alle dichiarazioni di Juncker video

“Ue salva con sicurezza e cultura non con 0 virgola” video
A Caserta: “E’ anche terra dei cuochi. Qui un bilaterale” foto
Rep Tv Bonanni: lo scontro è più sui toni

REAZIONE:RENZI CON TONI ACCESI,MEGALOMANIACI,PERO CON  SLANCIO POETICO A VOLTE,ATTACCA EUROPA.PERCHE?,SI CHIEDE JUNKER:SEMPLICE,PER DIFFENDERE IL PADRE SUL SALVA BANCHE E PER EVITARE ESSERE MESSO “TRA VIRGOLETTE” DOPO IL MANCATO APOGGIO ALLA LOTTA AL TERRORISMO.NON C’E’ MIGLIORE DIFESA CHE UN BUON ATTACCO.ALL’EUROPA,LA COMMISIONE, HA DETTO CHE IL SALVA BANCHE E’ AIUTO DI STATO.E RENZI SARA MESSO TRA PARENTESI.

PER QUESTI MOTIVI RENZI ATTACA EUROPA E LA MERCKEL:LA POSTA IN PALIO PER LUI,LA SUA FAMIGLIA E QUELLA DELLA BOSCHI E’ TROPPO ALTA,RISCHIANO TUTTI DI FINIRE PROCESSATI,E INOLTRE ISOLATO INTERNAZIONALMENTE.E COSI RENZI ATTACCA EUROPA CON FERVORE MEGALOMANE,COME FACEVA BERLUSCONI,FARA LA STESSA BRUTTA FINE.DOVEVA PREGARE A SANT’ANTONIO.

LA POLEMICA SULLA FLESSIBILITA?E’ SECONDARIA ED E’ IMMORALE DIFENDERLA SIA LUI,SIA JUNKER.

-

18 GENNAIO 2016:FAMILY DAY?,NO MONSEGNOR BAGNASCO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

GENOVA

Bagnasco sulle unioni civili:

«I veri problemi? Sono altri»

Il presidente della Cei: «Distrazione irresponsabile del Parlamento, le priorità sono creare posti di lavoro, dare sicurezza sociale, ristabilire il welfare».
«Il Family day è necessario, obbiettivo decisamente buono e condivisibile»

-

REAZIONE:CERTO CHE LE UNIONI CIVILI NON SONO PRIORITA,MA,A PRESCINDERE DEL MATRIMONIO OMOSESSUALE E L’ADOZIONI DI BAMBINI,E’ NECESSARIO LEGISLARLI PERCHE ESSISTONO DI FATTO.QUINDI RESTANDO UN DECISO SOSTENITORE DELLA FAMIGLIA DICO NO A QUESTO “FAMILY DAY”.

PER QUANTO RIGUARDA ALLE PRIORITA ELENCATE E IL LORO COLLEGAMENTO CON L’ACCESO ELOGIO DELLA “CULTURA NATIVA DEI MIGRATI CHE CI INSEGNA L’UNITA DELLA CREDENZA IN DIO CON LA VITA” CHE SECONDO LUI NON SI TROVA IN EUROPA PERSA NELLA TENTAZIONE DELLA SECOLARIZAZIONE CHE PORTA A CONFESSARE DIO MA VIVERE SENZA DIO”,VORREI DIRE CHE ANGELO BAGNASCCO SI HA ALLINEATO CON BERGOGLIO E SI HA DECISO A DARE UNA SPALLATA ALL’IMPORTAZIONE DEI SINCRETISMI DEL MALE NEL CUORE DEL NOSTRO CONTINENTE.E SI CAPISCE,IL CATTOLICESIMO HA CADUTO IN DISGRAZIA IN EUROPA  MA PER COLPA DELLA PROPIA CHIESA.E A QUESTO PUNTO C’E DA DIRE CHE LE VERE PRIORITA MONSEGNOR BAGNASCO E’ COMBATTERE LA PEDOFILIA CLERICALE IMPORTATA DAI PAESI DI DOVE ARRIVANO MOLTI DI QUESTI RAPRESENTATI DELLA “CCULTURA NATIVA”.UNA PEDOFILIA CHE ORMAI DOPO QUESTE SUE PAROLE VORREI DIRE CHE PIU DI STRUTTURALE E’ DIVENTATA CONNATURLE,INCISA NELL’ADN DELLA CHIESA.IO FIGLI NON NE HO MA SE GLI AVESSI LI VIETEREI AVVICINARSI A TUTTI I POSTI DI CULTO E INSEGNAMENTO CATTOLICO GESTITI DA PRETI FIN CHE NON CAMBI L’APROCCIO DELLA CHIESA VERSO LA PEDOFILIA.ANCORA,MI PERMMETTA BAGNASCO,SI CAPISCE CHE DIETRO LE SUE PAROLE C’E ANCHE SETE DI POTERE POLITICO,ALTRI CONTINENTI ORMAI HANNO PIU CATTOLICI DELL’EUROPA ANCHE SE SONO CATTOLICI DI SECONDA,PRODOTTI DI SINCRETISMI A VOLTE SALVAGGI.E IN QUESTO SENSO L’INVITEREI A NON INTROMETTERSI NEGLI AFFARI POLITICI DEL NOSTRO PAESE DOVE E’ IN VIGENZA LA SEPARAZIONE CHIESA STATO COME HA FATTO NELL’ULTIMA ELEZIONE CHE HA APOGGIATO MONTI CANE DA GUARDIA DEI SOLDI DELLA CHIESA.E PER FINIRE,NON E’ MICA VERO IL DISCORSO DELLA TENTAZIONE SECOLARE DELL’EUROPA,EUROPA RESTA UN CONTINENTE A MAGGIORANZA CRISTIANA ANCHE SE NON CATTOLICA.ANCHE COSI LO PERCEPISCONO I PAESI DELL CULTURA NATIVA DA DOVE ARRIVANO I MIGRANTI,QUESTI SI SECOLARIZZATI E RIFIUTANTI DELLE RELIGIONI,FRA QUI LA CATTOLICA,MALGRADO LA MAGGIORANZA DELLE LORO POPOLAZIONI DICE AVERNE UNA.E IO LO POSSO TESTIMONIARE.

 LA NOTA COMPLETA CUA:

http://www.corriere.it/politica/16_gennaio_17/bagnasco-le-unioni-civili-grave-distrazione-veri-problemi-9e44d15c-bd45-11e5-9ebd-3d31e1693d62.shtml

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

18 GENNAIO 2016:IL MONDO HA ENTRATO NELLA TERZA GUERRA

-SU LE FIGARO:

Pour Sarkozy, le monde est entré dans la «troisième guerre mondiale»

Home LE SCAN Le Scan

Par Jules Pecnard , AFP agence

Mis à jour le 14/01/2016 à 14:41

Publié le 14/01/2016 à 13:00

Nicolas Sarkozy, à Abu Dhabi ce mercredi.

LE SCAN POLITIQUE/VIDÉO – Lors de sa visite aux Emirats Arabes Unis, l’ancien président de la République s’est longuement exprimé au sujet de la guerre menée contre l’Etat islamique au Moyen-Orient, donnant son avis sur la stratégie à suivre.

-

Lors de son discours au Centre de recherche et d’études stratégiques des Emirats (ECSSR), Nicolas Sarkozy a voulu marquer les esprits. Usant de termes symboliques forts, l’ancien chef de l’Etat s’est exprimé au sujet de la guerre contre l’État islamique, «qui doit être mené(e) de la Syrie à la Libye en passant par l’Irak et la Tunisie». Nicolas Sarkozy estime que, face aux djihadistes, l’Orient et l’Occident sont impliqués dans une «troisième guerre mondiale».

Donnant son avis sur la stratégie à suivre face à l’EI, le patron des Républicains estime que «des troupes au sol (de la coalition, ndlr) sont nécessaires et elles ne peuvent être qu’arabes». «Cette guerre est d’abord la vôtre», a-t-il ajouté, en regardant son auditoire émirati. Sous-entendu de l’ancien chef des armées, les frappes aériennes ne seront pas suffisantes à terme, malgré leur nombre. D’après Nicolas Sarkozy, les pays de la région et le monde arabo-musulman ont un «rôle unique» à jouer et une «contribution décisive» à apporter dans le combat anti-djihadiste. Un combat qui représente, selon lui, «une guerre entre la civilisation et la barbarie».

Un discours après la visite d’une base aérienne

L’ex-président n’en est pas à sa première conférence internationale depuis son départ de l’Elysée. Suscitant la polémique par rapport à la rémunération qu’elles lui rapportent, elles ont souvent porté sur des thématiques économiques ou financières. Ce mercredi, avant de prononcer son discours, Nicolas Sarkozy a visité la base aérienne d’Al-Dhafra, d’où décollent régulièrement les Rafale de l’armée française qui bombardent les bases de l’Etat islamique en Syrie et en Irak. D’après son entourage, il aurait «longuement parlé avec des militaires français» lors de cette visite. Ce même entourage n’a pas souhaité préciser si le chef de l’opposition avait été rémunéré pour sa participation à cette conférence ouverte au public.

Jules Pecnard,journaliste,2 abonnés,Suivre

AFP agence

http://www.lefigaro.fr/politique/le-scan/2016/01/14/25001-20160114ARTFIG00162-pour-sarkozy-le-monde-est-entre-dans-la-troisieme-guerre-mondiale.php

REAZIONE:E’ VERO,IL MONDO HA ENTRATO NELLA TERZA,ANCHE BERGOGLIO LO CONFERMA.HA PRESO SOLDI?E ALLORA?:NON HA COLPA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

 18 GENNAIO 2016:DUE FORME DI RAZZISMO SI  SALUTANO
.
-SU LA REPUBBLICA(HUFFINGTON POST):

La visita di un Papa libero dall’antisemitismo europeo

Pope

Vi è un vantaggio geopolitico e culturale per il papa argentino rispetto al papa polacco e al papa tedesco (provenienti da paesi culle dell’antisemitismo cattolico): papa Francesco può parlare come leader del cattolicesimo globale in modo diverso da quanto non possa fare un papa europeo, e questo ha conseguenze tanto sul piano teologico quanto sul piano politico e internazionale.

*Massimo FaggioliProfessore di Storia del Cristianesimo, University of St Thomas
.
-E COSI SUL TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:ROMA
.
Il Papa in Sinagoga: «La violenza è incompatibile con la fede»
.

Per la terza volta un Papa in visita:

«Siete i nostri fratelli maggiori nella fede» di Ester Palma

Le fotoI cristiani e le radici ebraiche di G.G. Vecchi
I doni del Rabbino capo al Papa L’abbraccio: video

.
-REAZIONE:IL VANTAGGIO VI LO SPIEGO IO.VISTO CHE SIAMO ENTRATI NELLA TERZA GUERRA MONDIALE E ORA DI PARLARE CHIARO,E ALLORA IL VANTAGGIO SO SPIEGARVILO IO.DUE FORME DI RAZZISMO SI TROVANO,IL RAZZISMO “BIANCO”,ALLO STILE SUPREMAZIA BIANCA E KUKUCLAN DI BERGOGLIO,COMPLICE DELLE DETTATURE ARGENTINE E DEL CONO SUD E SUDAMERICA IN GENERE, E IL SEMITISMO DEGLI ADORATORI DELLA RIFONDAZIONE DELLA CITTA DI SION.HO CERCATO SPIEGAZIONI A QUESTO SEMITISMO MASSONE CHE E’ UNA FORMA DI RAZZISMO E MI E’ STATO DETTO “E’ NECESSARIO IMPARARE A VINCERE ANCHE.ANDIAMO PER PARTI COME DICE JAK LO STIRPATORE:PRIMA DI TUTTO SEGNALARE CHE PER FORTUNA LE STRAGRANDE MAGGIORANZE DEGLI EBREI RIFIUTANO IL SIONISMO A QUI ADERISCE ANCHE NETANYAHO,GOLPISTA DELLA TUPZI LIVGNI IN ISRAELE,E CHE NEL SUO CECO ODIO VERSO GLI ARABI NON ESSITA A DARE SCUSE ALLO STATO ISLAMICO(“PEGGIO E’ IRAN”) E CHE NELLA SUA “VOGLIA DI IMPARARE LA STORIA” A DETTO CHE COLPEVOLI DELLA SOHA SONO GLI ARABI E NON HITLER(1).DOPO DIRE SUBITO CHE NON E’ VERO CHE GLI EBREI SONO VINCITORI DELL SECONDA GUERRA MONDIALE SE DI VINCERE SI PUO PARLARE,NELLE GUERRE NON VINCE NESSUNO E TANTO MENO L’EBRAISMO CHE NON FU TRIONFATORE DELA SECONDA GUERRA MA FU LIBERATO DELLA FAUCE DELLA MORTE  A QUI HITLER LO AVEVA DESTINATO.E PER FINIRE:CHI NON IMPARA BENE DELLA STORIA E’ CONDANNATO A RIPETERLA:L’ADORAZIONE DEL DIO DENARO HA DEI LIMITI CHE QUANDO NON VENGONO RISPETTATI PORTANO FUNESTE CONSEGUENZE.GLI EBREI ERANO I TESORIERI DELL’IMPERO ROMANO(ESSATTORI PER LO PIU,COGLIEVANO E AMMINISTRAVANO LE PESANTE TASSE,IL TRIBUTO DI OCCUPAZIONE IMPERIALE) E HANNO PARTECIPATO ALLA CONDANNA DI JESUS,SAPPIAMO TUTTE LE STRAGE E PERSECUZIONI CHE HANNO SUBITO PER SECOLI DOPO QUANDO IL CRISTIANESIMO DIVENTO RELIGIONE UFFICIALE DELL’IMPERO ROMANO.ALTRA,GLI EBREI PRTECIPARONO CON I SUOI CAPITALI ALL’ASCESA HITLER  E RIARMO  DELLA GERMANIA,SAPPIAMO TUTTI COME E’ ANDATA A FINIRE QUANDO QUEL SIGNORE CHE CONSIDERAVANO PAZZO E DEBOLE ARTISTA(PITTORE) BOEMIO AUSTRIACO(UN TEDESCO OUTSIDER INSOMMA)(2)HA PRESO IL POTERE.QUESTE SITUAZIONI LE HA DESCRTTO BERTOLD BRECHT:”QUANDO SONO VENUTE PER ME NON ERA RIMASTO  NESSUNO PER PROTESTARE”.
(1)IL GRAN MUFTY DI GERUSALEM CHE ALL’EPOCA VISITO(SECONDO NETANYHO PERO) HITLER PER CHIEDERE L’ESTERMINO DEGLI EBREI.
(2)TANTO “OUTSIDER”,E BASSOLINO,RISPETTO ALLA FRANCIA COME IL CORSO GIUSEPPE NAPOLEONE BONAPARTE L’IMPERATORE,AMMIRATORE DELGLI ARABI EGIZIANI ALLA QUI SETTA MASSONICA APPARTENEVA.PROPIO LA FRANCIA,LA VITTIMA ECCELENTE DEL NAZISMO.
A TANTO ARRIVA L’ODIO DI NETANYHO VERSO GLI ARABI E L’ISLAM.
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

NUOVA ERA:ATTUALIZAZIONI E POLITICA TECNOLOGICA »

2 gennaio 2016
0

2 GENNAIO 2016:MICROSOFT,DECADENZA E BOICOTEAGGIO PER PARTE DEI  GIGANTI DELLA NUOVA ERA

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

CES 2016: tutto quello che ci attende a Las Vegas. Aspettando qualche sorpresa,di Gianfranco Giardina - 01/01/2016 12:51

Pochi giorni al via dell’edizione 2016 del CES di Las Vegas: ecco una veloce rassegna di quello che ci si può ragionevolmente aspettare dalla fiera più importante del mondo di elettronica e tecnologia, salvo auspicate sorprese dell’ultimo momento.

Tra qualche giorno aprirà i battenti a Las Vegas l’edizione 2016 del CES. Si tratta della fiera palcoscenico di lancio della maggior parte dei prodotti che hanno fatto la storia dell’hi-tech domestico ed ha quasi 50 anni: la prima edizione si è tenuta infatti nel 1967. Con le valige in preparazione per la lunga trasferta che vedrà la redazione impegnata negli sterminati padiglioni di Vegas, ecco una rassegna di quello che ci si aspetta dalla manifestazione. Salvo – ovviamente – graditissimi annunci a sorpresa dell’ultimo momento.

L’organizzazione si libera della “consumer electronics”

La sigla CES sta per Consumer Electronics Show. O forse stava per Consumer Electronics Show: infatti l’organizzazione quest’anno ha diffidato la stampa dal denominare la manifestazione per esteso: si può scrivere (o dire) solo “CES”; e questo malgrado le non felici assonanze per noi italiani.

The official name of the global technology event is “CES.” Please do not use “Consumer Electronics Show” or “International CES” to refer to the event.

Lo scopo è quello di “estirpare” dal nome ogni riferimento esplicito all’elettronica di consumo, che evidentemente per gli organizzatori si identifica troppo con il passato e rischia di tenere fuori i nuovi “filoni” che oramai stanno sempre più diventando protagonisti alla fiera di Las Vegas, come per esempio l’automotive.

Un cambio di denominazione che ha riguardato anche la CEA (Consumer Electronic Association) stessa, ente organizzatore della fiera, che ha mutato il suo nome in Consumer Technology Association, CTA. La tendenza è chiara: le porte dei padiglioni di Las Vegas sono aperte a tutti coloro che hanno qualcosa di tecnologico da dimostrare, che sia in auto, in cielo o in casa poco importa.

Parola d’ordine 360°

Tecnologia a 360°, quindi. E sarà proprio la ripresa panoramica una delle grandi novità di questa edizioni dove realtà virtuale, con visori e accessori vari, faranno sicuramente la parte del leone. Il 2016 sarà l’anno dell’Oculus Rift, e da Las Vegas non si tornerà a casa senza avere dettagli succosi come la data di lancio del prodotto finale, atteso da anni, e forse il prezzo.

Anche perché, è bene ricordarlo, competitor agguerriti sono dietro l’angolo: Samsung avrà un nuovo visore, probabilmente slegato dalla necessità di avere uno smartphone all’interno, mentre HTC è pronta a presentare la versione finale del suo Vive e rilascerà agli sviluppatori l’ultimo developer kit.

I “fantastici 4” made in USA che non ci sono. O forse sì.

Il cambio di nome e il nuovo indirizzo più globale non hanno in ogni caso convinto i fantastici quattro americani (Apple, Google, Microsoft e Amazon) a partecipare o ritornare, per chi ci è già stato, al CES: anno dopo anno sembra sempre più strano non vedere questi nomi tra gli espositori della più grande manifestazione del settore, che tra l’altro si tiene negli Stati Uniti. In realtà i quattro nomi in questione sono decisamente ricorrenti in molti padiglioni, tra partnership, accessori specifici e così via. E con rappresentanti apicali degli “assenti illustri” invitati a comparire e parlare alle conferenze stampa e ai keynote di molte aziende espositrici.

Lo stand di Microsoft al CES 2010, una delle ultime edizioni alla quale ha partecipato la società

Fortunatamente ci sarà chi cercherà di non far rimpiangere questa mancanza: la superficie espositiva cresce anche quest’anno (raggiungendo oramai dimensioni al limite della capacità umana di coprirla interamente) e la proliferazione di migliaia di startup richiederà fiuto e attenzione per andare a cogliere tutte le tendenze e i prodotti del futuro, che di certo non mancheranno.

TV: design mozzafiato e nuovi OLED

Le novità più grandi come il solito le aspettiamo da Samsung, LG e Sony, almeno per quanto riguarda la casa: Samsung dopo un anno di sviluppo presenterà la sua visione di smart home, con il televisore capace di controllare citofono, videocamere di sicurezza, termostato e sistema di climatizzazione. Lo farà portando non solo una gamma di accessori ma anche una nuova generazione di TV LED, che oltre ad essere pronte per gestire la casa intelligente e dotate di una piattaforma Smart TV rinnovata, punteranno forte sul design: la cornice attorno al TV praticamente scompare e l’estetica si annuncia mozzafiato. Difficile, ma non impossibile, vedere a Las Vegas un TV OLED prodotto da Samsung: l’azienda potrebbe scegliere di presentare alcuni prototipi ma, salvo colpi di scena, non sono previsti prodotti OLED pronti per la vendita. Sicura invece la presenza allo stand del produttore coreano dei prototipi di prodotti usciti dal Samsung Lab, un incubatore di idee al quale contribuiscono, nei ritagli di tempo, gli ingegneri del quartier generale.

Per Samsung sono attesi gli OLED sono tra i prototipi, come questo display trasparente

Sull’OLED, invece, punterà tantissimo LG: ci sarà tutta una nuova gamma con TV sia piatti che curvi, oltre ad una nuova piattaforma Smart TV basata su WebOS ancora più veloce e completa nelle funzioni, modelli che però arriveranno in Italia probabilmente solo verso la fine dell’anno.

Il Blu-ray diventa Ultra HD

Sia Samsung che LG, insieme a Sony e a Panasonic, dovrebbero presentare al mercato i nuovi modelli di lettori Blu-ray compatibili con il 4K, il tanto atteso (dagli appassionati) Ultra HD Blu-ray. Sempre in tema di 4K e Ultra HD il 4 sera, nelle sale del Mandalay Bay Hotel, la Ultra HD Alliance svelerà le specifiche del formato High Dynamic Range per lo streaming e i contenuti in 4K: una tappa fondamentale per una qualità video ancora più alta con immagini ancora più reali; uno scenario reso più confuso, però, dalla creazione di un’altra alleanza industriale, l’Ultra HD Forum, più rivolta al mondo del broadcast, che proprio al CES si riunisce per stabilire la propria roadmap verso l’adozione di uno standard HDR, High Frame rate e così via. E va detto come queste “manovre”, seppur necessarie, risultino gravemente tardive: da anni si vendono TV Ultra HD che rischiano di essere già superati dagli standard introdotti: ma a Las Vegas ne sapremo certamente di più.

Invasione IoT. La telefonia non è protagonista: Barcellona fa “ombra”

Tra i padiglioni della fiera ci sarà spazio poi per tanti accessori, wearables, gadget connessi di ogni tipo e anche progetti in fase di lancio su piattaforme di crowdfunding come Kickstarter e Indiegogo. Oramai life tracker, smart watch e indossabili vari sono all’ordine del giorno e sarà necessario cercare con attenzione, tra migliaia di prodotti, quelli che hanno veramente qualcosa di nuovo da dire. Lo stesso dicasi per la sensoristica per la casa: ci aspettano a Las Vegas centinaia di apparecchi “intelligenti”, compresi gli elettrodomestici, ma ancora – in larga parte – limitati dal fatto di avere ognuno la propria app o al massimo di essere controllati in gruppi di apparecchi tassativamente della stessa marca. Certo, da più parti vengono proposti ecosistemi “aperti” per il controllo di una costellazione di apparecchi connessi, teoricamente compatibili con prodotti di marche diverse. La speranza è che si veda a Las Vegas emergere qualche proposta davvero credibile e largamente supportata in tal senso: i consumatori, già annoiati da troppe app di controllo, ringrazierebbero.

Non troverà invece molto spazio la telefonia: difficilmente Samsung presenta prodotti chiave del settore mobile a Las Vegas (qualche tablet ogni tanto); Apple a Las Vegas non c’è mai stata. E poi la presenza in calendario di Barcellona fra non molte settimane è di certo un deterrente ad anticipare i lanci dei nuovi prodotti. L’unica che sembra avere qualcosa di nuovo da estrarre dal cilindro è Huawei, che dovrebbe presentare il nuovo Mate. Felici di essere smentiti dai fatti nei prossimi giorni.

Mobilità elettrica e smart, vera protagonista del CES

Il segmento dove probabilmente vedremo prodotti davvero interessanti e innovativi è quello dell’automotive e della mobilità: Volkswagen presenterà un nuovo concept e una nuova auto elettrica in un keynote allestito nelle ultime settimane come prima grande mossa per ricostruirsi un’immagine eco e hi-tech distrutta, soprattutto negli Stati Uniti, dal dieselgate. BWM avrà un sistema di entertainment totalmente innovativo che si controlla solo con lo sguardo e le gesture.

Ma soprattutto, Ford è pronta ad accaparrarsi tutti i titoli principali del CES con l’annuncio super-atteso dell’alleanza con Google per la produzione delle auto a guida autonoma, a lungo sperimentate da “Big G”. Infatti sarebbe impensabile che Google riesca, senza la forza di un gruppo industriale specializzato, ad andare oltre i propri prototipi e Ford, anche perché “a stelle e strisce” è il nome giusto.

Questo farebbe pensare a un piano, da realizzare in una finestra temporale di qualche anno, per arrivare alla commercializzazione dei veicoli ideati e studiati da Google. Molto interessante, ma anche occasione persa per FCA…

Il settore delle “self driving car” – dicevamo –  è in pieno fermento, e anche produttori di chip che fino ad oggi hanno investito molto su smartphone e PC si concentreranno su quello che sarà un business sicuramente più redditizio: NVIDIA, il 4 di gennaio, ha convocato la stampa per presentare tutti i nuovi chip per le auto intelligenti del futuro. A questi annunci si affiancheranno decine – forse centinaia – di piccoli mezzi di trasporto elettrici, hoverboard, skateboard elettrici e altre “ruote” da applicare ai piedi: sono già state la novità del Natale, saranno il tormentone del CES.

© riproduzione riservata

http://www.dday.it/redazione/18607/ces-2016-tutto-quello-che-ci-attende-a-las-vegas-aspettando-qualche-sorpresa

-COMMENTO:LA CES DI QUEST’ANNO DAL PUNTO DI VISTA STRETTAMENTE TECNOLOGICO,A STARE A QUESTO ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA COMUNQUE “TROPPO GENEROSO” CON MICROSOFT,NON PRESENTA GRANDI NOVITA TRANNE LA RIAFFERMAZIONE DEL SUO CONSERVADORISMO E ATTACAMENTO AL SUO TRADIZIONALE STILE “PRE-CONVERSIONE” AL MOBILE.DOVE SI CI SONO NOVITA E DI RILIEVO E’ DAL PUNTO DI VISTA DELLA SUA POLITICA AZIENDALE.VEDIAMO.

INIZIAMO DALLE DUE PIU CLAMOROSE NOVITA,IL “CAMBIAMENTO” DI NOME,CHE POI TALE NON E’,E L’ASSENZA DEI BIG.

IL CAMBIAMENTO DI NOME:LA VERA RAGIONE DEL CAMBIAMENTO DI NOME STA NEL FATTO CHE LA PAROLA “ELECTRONIC” FA ALLUSIONE TROPPO ESPLICITA ALLA MICROSOFT “PRE-CONVERSIONE” ALLA NUOVA ERA,E CIO’E’ AL CAVO,E CIO’E’ AL PC FISSO E CABLATO.IL CAMBIO DI NOME INSOMMA E’ UN SEGNO DELLA SCONFITTA DELLA VECCHIA MICROSOFT E DA TESTIMONIO DELLA SUA CONVERSIONE AL MOBILE,E CIO’E ALLA NUOVA ERA.IL RESTO SONO SPECULAZIONI,ANCHE UN PO’ SPROPOSITATE, DELL’ARTICOLISTA.

2-L’ASSENZA DEI BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI AL CES:MICROSOFT SOTTO LA GUIDA DI NADELLA SI HA MESSO AL BANDO DEI CONCETTI E LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA DANDO APOGGIO AD AVVENTURE GIOVANILE  MOROSE,SCOLORATE E AL LIMITE CON IL RIDICOLO,SENZA DIMENTICARE CHE NON HA COLLABORATO CON CONVIZIONE NELLA LOTTA AL TERRORISMO, E QUESTO SI RIPECCHIA IN QUESTO CHE IO CHIAMO COME UN VERO E PROPIO BOICOTTEAGGIO:GRAZIE ANCORA UNA VOLTA ALLA FEDELTA CON LA NUOVA ERA DEI BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI E SPECIALMENTE A GOOGLE,L’AVANGUARDIA.

SEMBRAVA CHE MICROSOFT SI AVVIAVA AD UNA VERA E PROFONDA CONVERSIONE AL MOBILE E ALLA NUOVA ERA E SI PARLAVA SU CHE FORD L’AZIENDA PROTAGONISTA DI UN’ALTRA ERA DEL MOBILE,DELL’AUTOMOBILE APPUNTO,NEGLI ANNI CINQUANTA,AVREBBE PRESO LA GUIDA DELL’AZIENDA,E INVECE NO,A SORPRESA NELL’ASSAMBLEA DI AZIONISTI NE E’ USCITO FUORI NADELLA E QUESTI SONO I RISULTATI.

FINALMENTE PERO FORD HA ENTRATO NELL’ERA DELL’ERA DELLE  TELECOMUNICAZIONI MOBILI PERO IN ALLEANZA CON GOOGLE,VEDI NOTA SU LE MONDE SOTTO.

VENIAMO ORA ALLE TECNOLOGIE QUI ELENCATE:C’E SUBITO DA DIRE CHE SEGNO DEL SUO CONSERVADORISMO E ATTACCAMENTO ALLA MICROSOFT PRE CONVERSIONE E’ L’IMPORTANZA DATA ALLA TV:LA TV,NON OSTANTE I MIEI LETTORI POSSANO FARSI UNA IDEA DIVERSA,NON E’ INCOMPATIBILE CON LA NUOVA ERA,E DI FATTO ANCHE LE TV TRADIZIONALI SONO SCOMPARSI DELL’ORIZONTE DELLE TELECOMUNICAZIONI E SONO TRIBUTARIE DEL MIO CONCETTO DI INTEGRAZIONE DI DIVERSE TECNOLOGIE DELLE TELECOMUNICAZIONI,PERO DAL PUNTO DI VISTA DELLA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA DEVONO PRENDERE ATTO CHE NON SONO PIU LE DOMINATRICE DELLO “SPETTACOLO DOMESTICO” E DELLE TELECOMUNICAZIONI IN GENERE,NELL’ERA DEL MOBILE LA TV TRADIZIONALE DEVE DARE LA PRECEDENZA AI NUOVI MEZZI,CIO’E’ QUELLI INTEGRATI ALL’INTERNET MOBILE.QUESTI SONO OGGI I PROTAGONISTI E NESSUNA ELEZIONE O MOVIMENTO SOCIO-CULTURALE DI RILIEVO E’ POSSIBILE CON SUCCESSO SENZA DI LORO.E’ PROPIO QUESTO CIO CHE NON HA CAPITO MICROSOFT APPOGGIANDO COME DETTO PRIMA AVVENTURE GIOVANILI DI SCARSA QUALITA INNOVATIVA,PER NON DIRE NESSUNA,QUASI UNA BUFFONATA IMMITATRICE DELLA NUOVA ERA.

SUL RESTO DI QUESTA RECENZIONE SU TECNOLOGIA,CIO CHE QUI CHIAMA “MOBILTA ELETTRICA E SMART” DEVO RICORDARVI ORA ANCORA UN VOLTA CHE NON SI TRATTA DI ALTRO CHE DEL MIO CONCETTO DI INTEGRAZIONE O DELLE SUE ESTENZIONI COME SONO GLI OGETTI INDOSSABILI E L’INTERNET SU TUTTE LE COSE,COMPRESO L’AUTOMOBILE,GLI ELETTRODOMESTICI,LA SENSORISTICA PER LA CASA,E PIU IN GENERE LE CASE INTELLIGENTI.NULLA SI CREA SI FABBRICA O SI VENDE AL DI FUORI DEL MIO CONCETTO.

FINIREBBE QUI PERO VOGLIO FARE SPECIALE RIFERIMENTO A TRE ASPETTI DI QUESTO ARTICOLO:

1-LA “TECNOLOGIA A 360 GRADI”,LA COSIDETTA “REALTA VIRTUALE”(CON VISORI E AGGEGGI VARIE):L’ARTICOLISTA,MICROSOFT E IL CES FANNO CENNO ESSAGERATO SU QUESTA TECNOLOGIA PERCHE C’E CHE PRETENDE SMENTIRE CHE IL CONCETTO “REALTA VIRTULE” SIA STATO CREATO DA ME VISTO CHE SI IPOTIZZA L’ESSISTENZA DI QUESTI AGEGGI CON QUESTO NOME PREVIO ALLA MIA DIFUSSIONE DEL CONCETTO.NON ENTRERO NELLA DISCUSSIONE SEMANTICA,SAREBBE SCIENTIFICAMENTE POCO SERIO,CREATI PRIMA QUESTI OGETTI O NO,E IO DICO DI NO,IL FATTO IMPORTANTE E’ CHE L’IDEA DI “REALTA VIRTUALE” COSI COME E’ CONCEPITA OGGI E’ IL PRODOTTO DELLO SVILUPPO  DEI MIEI SCRITTI INIZIALMENTE CONDENZATI NEL MIO LIBRO, E POI AMPLIATI E DIFUSE GLOBALMENTE.

2-L’ASSENZA DI TELEFONI RIFLETTE ANCORA UNA VOLTA NON ALTRO CHE IL CONSERVADORISMO DI MICROSOFT.BHE DOPO TUTTO LO SMARTPHONE E LA TELEFONIA MOBILE IN GENERE NON E’ IL SUO FORTE,MA IL PC.

3-DIRE CHE LA FIERA DI BARCELLONA POSSA AVERE ALCUN CHE DI SIGNIFICAZIONE NEL SETTORE DELLA TELEFONIA MOBILE E SOLO UNO SPROPOSITO,UNA BRUTTA “BIRICHINATA” POLITICA DELL’ARTICOLISTA:

BARCELLONA,E LA SPAGNA IN GENERE NON ESSITE NEL MONDE DELLE MODERNE TELECOMUNICAZIONI E DELLA NUOVA ERA.LA FERIA DI BARCELLONA NON E’ NE RIFERIMENTO INNOVATIVO NE CONCORRENZA PER NESSUNA AZIENDA DELLE TELCOMUNICAZIONI,NE MENO PER MICROSOFT,MA SOLO UN “BAZAR”.SI TRATTA DI UNO SPROPOSITO CHI SA CON INTENZIONI DI QUALE RAZZA PER PARTE DI QUESTO DISONESTO ARTICOLISTA DI QUESTO PASQUINO TECH.

-

APPENDICE:GOOGLE E FORD

-SU LE MONDE.

Ford et Google pourraient se rapprocher autour de la voiture autonome

Le Monde.fr | 23.12.2015 à 11h28,Mis à jour le 24.12.2015 à 10h07 | Par Philippe Jacqué

Abonnez vous à partir de 1 € Réagir ClasserPartager Tweeterimage: http://s2.lemde.fr/image/2015/12/23/534×0/4836998_6_430a_prototype-de-la-google-car-a-mountain-view_c095144aa6afb0560455af85e4716307.jpgPrototype de la Google Car à Mountain View (Californie).
Prototype de la Google Car à Mountain View (Californie). Tony Avelar / AP
.
Ce n’est encore qu’une rumeur, mais cela pourrait devenir réalité le 5 janvier. Lors du Consumer Electronic Show (CES) de Las Vegas, le constructeur Ford et Alphabet, la maison mère de Google, pourraient annoncer la création d’une coentreprise pour fabriquer la prochaine génération de la Google Car, le véhicule autonome développé par le groupe high-tech, selon le site américain Automotive News.

Il s’agirait d’un rapprochement inédit entre la nouvelle et la vieille économie, qui se toisent depuis plusieurs années. Depuis 2010, Google travaille sur un programme de pilotage automatique pour véhicules, ce qui a permis de populariser ce concept auprès du grand public, tout en donnant un coup de vieux aux constructeurs traditionnels, pas franchement en avance sur ce sujet.

Dans un premier temps, le moteur de recherche a décidé d’installer son système sur des véhicules Toyota et Lexus pour tester et valider, sur plusieurs millions de kilomètres aux Etats-Unis, la fiabilité de leur outil. La petite flotte de Google Cars a notamment sillonné le Nevada, la Californie et le Michigan, les trois Etats américains qui autorisent des tests de véhicules autonomes sur route.

Dans le sillage de Google, Tesla a installé, dans ses véhicules en circulation, un logiciel d’autopilotage, tandis que Mercedes ou BMW ont équipé certains de leurs véhicules premium d’une option de conduite autonome. Depuis, Apple est également entré dans la danse et a recruté plusieurs centaines d’ingénieurs pour son propre projet de véhicule électrique, et sans doute autonome.

Concurrence avec Uber ou Lyft

Mi-2014, Google a dévoilé le prototype d’une nouvelle Google Car, qui ressemble cette fois à une petite bulle blanche. Sa particularité : le volant et les pédales de freinage et d’accélération n’apparaissent plus dans l’habitacle.

L’idée de Google est de développer à moyen terme une flotte de véhicules qui pourraient être utilisés comme des taxis automatiques, bref, un système de transport public alternatif. Cette flotte serait en concurrence avec les systèmes de taxis mais surtout avec Uber ou Lyft, deux plateformes de réservation de véhicules avec chauffeur.

L’entreprise californienne, spécialiste des algorithmes, n’entend pas entrer plus avant dans la mécanique. Elle s’est associée à l’ensemble des grands équipementiers, tout en sous-traitant la production de ses premiers véhicules à des petites entreprises. En 2015, la société a ainsi confié la production d’une centaine de Google Cars à l’ingénieriste américain Roush Industries, installé dans le Michigan, le berceau de l’automobile américaine. Cette société, proche de Ford, aurait pu permettre un rapprochement avec l’un des trois grands groupes automobiles de Detroit.

Le cadre de l’accord à préciser

Ce n’est pas le seul lien. De nombreux cadres de l’équipe des véhicules autonomes de Google sont passés par les rangs de Ford. John Krafcik, le nouveau patron du projet, a travaillé quatorze ans pour Ford avant de rejoindre Hyundai, puis Truecar. De même, Alan Mulally, le PDG qui a permis à Ford de passer la crise, est membre du conseil d’administration de Google/Alphabet depuis octobre 2014…

Entre Google et Ford, tout est donc potentiellement en place pour coopérer, même si le cadre exact de l’accord n’est pas encore clair, selon les médias américains. Ford va-t-il développer et produire une voiture pour Google ou adapter l’un de ses véhicules actuels ?

En fait, rien ne dit que les deux vont finalement s’entendre. Ford n’entend pas devenir un simple assembleur pour Google. Il veut avoir la main sur la technologie, et donc garder une partie de la valeur ajoutée. Selon Yahoo Autos, si Ford et Google s’entendaient, l’accord ne serait d’ailleurs pas exclusif. Google pourrait négocier avec d’autres constructeurs des accords de production.

 Philippe Jacqué ,Rédacteur au service économie (automobile et transport)

.
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/economie/article/2015/12/23/ford-et-google-pourraient-se-rapprocher-autour-de-la-voiture-autonome_4836999_3234.html

-APPENDICE 2:GOOGLE HA IMPOSTO UN MONDO

-SU LE MONDE:

Dominique Cardon : « Google impose un monde »

LE MONDE ECONOMIE | 19.12.2015 à 11h09,Mis à jour le 21.12.2015 à 13h26 | Par Philippe Escande (Propos recueillis par)

Abonnez vous à partir de 1 € Réagir ClasserPartager Tweeter
.
Sociologue au Laboratoire des usages d’Orange et professeur à l’université Paris-Est Marne-la-Vallée, Dominique Cardon explique comment les algorithmes et le big data produisent une représentation du monde inédite et recréent de nouvelles inégalités.

Les algorithmes et le big data sont-ils en train de transformer notre société ?

Nous sommes entre deux discours aujourd’hui. D’un côté, nous avons la promesse magnifique des big data, qui vont tout calculer, nous simplifier la vie, améliorer la démocratie, le marché ou la santé. La Silicon Valley nous vend un modèle qui est une utopie politique, celle de la désintermédiation-ubérisation, dans une sorte d’alliance entre le capitalisme et l’individualisme contemporain, qui court-circuiterait les institutions, les Etats et les formes de représentation classique.

Lire aussi : Menaces tous azimuts sur le big data

Et de l’autre côté, les algorithmes, qui font planer le risque du retour du grand panoptique, de la domination, de la rationalité et du calcul. Les technologies sont utiles à nos vies. L’ethnologue André Leroi-Gourhan nous a expliqué que nous sommes devenus des humains parce que nous avons rencontré l’outil. Nous sommes devenus les êtres de savoir que nous sommes parce que nous avons transféré notre mémoire vers les livres.

Cette connaissance est maintenant distribuée dans notre environnement, dans notre poche. Elle nous guide et nous recommande. Le couple que nous formons quasiment depuis l’aube de l’humanité avec les environnements technologiques nous fabrique constamment. Les calculs nous transforment car ils mettent du sens sur les données. Ils nous guident et nous conduisent, et surtout produisent des mondes.

Quels mondes nous proposent les algorithmes ?

On ne réfléchit pas assez à la manière dont Google classe l’information. Elle considère qu’il y a une forme d’autorité des informations qui apparaissent sur la première page, parce qu’elles ont été citées par beaucoup d’autres sites qui ont eux-mêmes de l’autorité. C’est une conception méritocratique.

Lire aussi : Dominique Cardon, tisseuse d’Histoire

Google est une société absolument méritocratique, où l’on sélectionne les candidats en faisant quatorze examens pour recruter des personnes qui sont surqualifiées pour leur poste. Ce sont les meilleurs. Mais que faire des médiocres ? Qu’est-ce qu’on fait de la page 2, de la page 3 ou de la page 4 ? C’est ça, le monde que fabrique un calculateur. Il organise une vision du monde dans sa manière d’organiser l’information.

Les réseaux sociaux ne seraient-ils pas une réaction face aux calculs de Google, le social contre les maths ?

Oui, bien sûr. Google impose un monde. Ce que fait le page rank ou la mesure d’autorité de Google, c’est de créer un marché mondial des qualités. Il est, du coup, incroyablement écrasant. Il ressemble beaucoup à toutes les dynamiques qui ont été étudiées par les économistes, Piketty et les autres. C’est-à-dire que l’on entre dans des hiérarchies d’inégalités inédites où 0,5 % des individus aspirent 90 % de la ressource, ce qui est un peu le cas des navigations sur les premières pages de Google.

Les réseaux sociaux sont venus dire que la société reprenait en charge la hiérarchisation de l’information, en organisant depuis son réseau affinitaire (Facebook, Twitter, Pinterest, etc.), en disant « je vais voir ce que j’ai choisi de voir ».

Mais ne retrouve-t-on pas finalement cette méritocratie dans les réseaux sociaux ?

On y retrouve cette alliance entre la Silicon Valley et les individus. Ce qui est au cœur des calculs, c’est de dire que l’on va redéfinir la société par le bas, depuis les individus. On a beaucoup représenté la société par les catégories. L’histoire de l’Etat est inséparable de celle de la mesure par l’Etat de sa population, qui la représente par des statistiques, des CSP et des catégories, ce qui produit des conventions collectives et organise des marchés professionnels.

Le big data et les nouveaux calculs viennent retirer tout ce fatras de catégories qui les représentent mal. Les gens ne veulent pas être fidèles à leur journal, qui décide pour eux de leurs informations. Ils veulent le faire d’eux-mêmes. On va donc recalculer par le bas. Et nous en sommes les premiers complices, car nous n’avons pas envie d’appartenir à une catégorie. Nous sommes singuliers. C’est ce que les réseaux sociaux sont en train de faire.

Je ne veux pas que Le Monde ait décidé pour moi de la hiérarchie de l’information. On va prendre les singularités de l’individu pour qu’il circule parmi les informations du journal et prenne celles qui rejoignent ses centres d’intérêt et ses goûts. L’individu, qui veut avoir du pouvoir dans cette affaire, veut contrôler tout cela, être aux manettes. Même s’il sait que c’est une illusion.

 Philippe Escande (Propos recueillis par),Journaliste au Monde

.
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/economie/article/2015/12/19/google-impose-un-monde_4835209_3234.html

REAZIONE:GOOGLE RESTA L’AVANGUARDIA DELLA NUOVA ERA,GOOGLE HA IMPOSTO LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA,PIACIA O NO ALLE RETI SOCIALI,PIACIA O NO ALLE ISTITUZIONI:LA TECNOLOGIA SI E’ UTILE,QUESTA TECNOLOGIA CI MIGLIORA LA VITA,E’ INDISCUTIBILE E…INARRESTABILE.QUESTE PUBBLICAZIONI,IO,LA MIA OPERA SIAMO ORGOGLIOSI DI ESSERE STATI PRESI DI MIRA DA GOOGLE MALGRADO LE MIE DIFFERENZE CON LA CONDUZIONE ECONOMICA E AMMINISTRATIVA DELLA DITTA E CERTA DECADENZA CHE PERO DOPO HA CORRETTO TOGLIENDO I FONDI ALLE GIOVANI START-UP IN EUROPA E METTENDOSI INSIEME  A FORD CHE FINI PER NON CONFERMARE LA SUA UNIONE CON MICROSOFT.LA SUA VISIONE DEL MONDO IMPOSTA E’ LA MIA VISIONE DEL MONDO E GOOGLIARE,SIA SU UN SMARTPHONE,SU UNA TABLET O SU UN PC,E’ LA PAROLA D’ORDINE PER ENTRARCI. RINGRAZIO A QUELLI GIOVANI CHE DALL’ANNO 2005 IN AVANTI HANNO FATTO DI GOOGLE LA MIA SCATOLA DI RISONANZA.

-CES,IL GIORNO DOPO SU BBC:

CES 2016: Anteprima della vetrina di tecnologia di Las Vegas

.

Con Leo Kelion Tecnologia redattore scrivania
*2 gen 2016
*Dalla sezione Tecnologia
Immagine anteprima YouTube
GUARDA:Buddy robot e il suo creatore che sarà al CES
-

In tutto il mondo, esperti del settore tecnologico stanno caricando le batterie e prendendo un respiro profondo.

CES prende il via la prossima settimana – una vetrina di tecnologia di consumo tentacolare che sembra estendersi al di la dei locali di Las Vegas ogni anno.

Da Samsung a una sola persona start-up, migliaia di aziende mostreranno i suoi demo di nuovi prodotti, mentre, dietro le quinte, le offerte saranno spinti a fare ulteriori generazioni di gadget possibili.

“Ogni CES è fresco e diverso, e noi cerchiamo di vedere cosa porterà il futuro”, organizzatrice dell’evento dice Gary Shapiro.

«Quello che ho imparato è che a volte le imprese stesse non sanno nemmeno se hanno intenzione di ottenere il loro prodotto finito in tempo.”

CESImmagine copyright Getty Images

CES di quest’anno riguarderà 2,4 milioni di piedi quadrati (223.000 mq) di superficie espositiva, in crescita di 2,2 milioni di piedi quadrati dello scorso anno

-

CES 2016: Vegas spettacolo della tecnologia,anteprima

Videoregistratori, televisori HD,console per videogiochi Xbox e dischi Blu-ray tutti faranno il loro debutto a spettacoli del passato.

Ma un esperto suggerisce che i giganti tecnologici possono temperare le loro ambizioni questa volta.

“Dite addio a raffreddare, dire ciao al pratico”, spiega John Curran dalla consulenza Accenture.

“Molte delle società più grandi ora metteranno meno enfasi sulla CES come un trampolino di lancio per i principali hardware. Quindi, che si concentrerà invece su mostrare nuovi servizi per aiutare l’entusiasmo per i prodotti esistenti.

“Ma per le piccole imprese questo è un grande luogo in cui stanno per essere in grado di trovare un’ottima occasione per catturare l’attenzione di giornalisti e compratori chiave presso i rivenditori.”

Baby tech

Bambino tech è uno dei settori della mostra di più rapida crescita


TV tecnologia

La Nuova tecnologia della TV rende sempre un grande successo al CES, anche se alcune delle innovazioni non sono sempre pratici.

Negli ultimi anni, Samsung e LG hanno vantato i più grandi assamblaggi, ma quest’anno essi potrebbe avere la maggiore banda .

LG Display demoImmagine copyright LG Display

LG ha mostrato largamente piccoli schermi bendy in passato, ma ha ancora tecnologia da offrire per il pubblico

-

LG ha fatto notizia a maggio, quando ha mostrato un prototipo di ultra-sottile che può essere staccata il muro,sarà affascinante vedere come le due aziende sudcoreane hanno sviluppato molto di piu il concetto.

Per quanto riguarda gli schermi si potrebbe effettivamente voler acquistare presto, aspettiamo che il focus sia messo su “HDR”.

L’acronimo si riferisce ad alta gamma dinamica, e in pratica significa che i televisori possono mostrare altri milioni di sfumature di colore e una gamma dinamica più ampia,sfumature aggiunti di luminosità tra bianco e nero,mettendo la visione con più in dettaglio.

TVsImmagine copyright Getty Images

TV HDR-badged dovrebbero offrire immagini notevolmente ricche

-

Amazon ha iniziato in streaming alcuni dei suoi spettacoli in HDR quest’anno, ma la concorrenza dei responsabili delle TV non avevano messo i loro marketing dietro il formato.

Questo è destinata a cambiare al CES, quando una coalizione dei protagonisti rivelano una nuova specifica. Esso permetterà il loro distintivo dei televisori dimostrare che sosterrànno il futuro contenuto HDR-coded.

Reed HastingsImmagine copyright Getty Images

Netflix co-fondatore Reed Hastings pronuncia il suo discorso il Mercoledì

-

Questo dovrebbe impedire una ripetizione imbarazzante del fatto che molti dei primi set 4K siano finito per essere compatibile con il modo in cui il video ad altissima definizione è ora in streaming.

Netflix aveva detto in precedenza cche è stato in attesa fino a questo momento per iniziare a sostenere HDR,si aspetta che il suo amministratore delegato Reed Hastings rivelera di più al suo discorso chiave nel CES.

E mentre è probabile che molti anni prima che le emittenti tradizionali adottano HDR, molte delle case cinematografiche hanno detto che offrirànno sul 4K dischi Blu-ray,i primi attori sono inoltre tenuti a essere svelato al CES.

Mad Max: Fury Road

Immagine copyright pubblicità pellicola

Mad Max: Fury Road è stato confermato come uno dei primi dischi Blu-ray 4K che andranno in vendita


Drones

Una grande volontà che non fara il punto sull’interrogante del marchio sovrasta i piani CES dei GoPro.

L’azione della telecamera-maker ha promesso di lanciare un drone chiamato Karma nel 2016.

GoPro KarmaImmagine copyright GoPro

GoPro ha preso in giro che “Karma è in arrivo” e pubblicato un video girato dal velivolo, da cui questa immagine è stata scattata

-

Voci suggeriscono che potrebbe fornire una vista a 360 gradi e incorporare tenologia anticollisione.

L’amministratore delegato della ditta Nicola Woodman ha parlato ad una cena-evento, ma non è ancora chiaro se sarà offerta una prima sbirciatina del velivolo.

Anche se GoPro detiene il fuoco, ci sono decine di altre imprese stabilite per sfoggiare volo tech, tra cui:

PowerUpImmagine copyright PowerUp

PowerUp FPV offre ai proprietari una visuale in prima persona dai loro aerei

-

*PowerUp FPV – un pezzo di equipaggiamento da un israeliano di start-up che trasforma un aereo di carta in un aereo controllabile che diffonde i flussi di visione ad un auricolare di realtà virtuale

*Fleye – un drone a forma di palla da Belgio, che nasconde le sue pale dietro una sfera di plastica per ridurre il rischio di lesioni

*Uvify – un drone da Corea del Sud che ha detto di essere munito di un apparecchio 3D di riconoscimento che può navigare il giro di ambienti interni

FleyeImmagine copyright Fleye

Fleye e il suo drone crowdfunded con un design più sicuro

-

Energia intelligente della Gran Bretagna sarà anche in mostra con una cella a combustibile a idrogeno, che si dice consente portare in volo per ore i droni, invece di minuti, in un momento.

Un Chip-maker di Intel e Qualcomm cercherà di spiegare perché l’adozione delle loro tecnologie dei droni potrebbe dare ai produttori un vantaggio sui rivali.

E la Federal Aviation Administration ha uno stand e probabilmente fornirà un aggiornamento sul suo nuovo registro per i proprietari di droni statunitensi.

UvifyImmagine copyright Uvify

Il drone Uvify può governare se stessa intorno agli oggetti interni ed esterni

-


Realta virtuale

Dopo anni di hype 2016 sembra essere l’anno che la realtà virtuale diventa- buona la realtà.

HTC ha invitato selezionati giornalisti per dare un’occhiata alla sua rinnovata auricolare Vive VR ,il Lunedi.

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: Spencer Kelly prova una cuffia di un prototipo di Vive nel mese di luglio

-

L’auricolare-cuffia realizzata in collaborazione con i videogiochi della ditta Valve,doveva essere andato in vendita da oggi.

Tuttavia, l’azienda taiwanese ha ritardato il lancio per aggiungere ciò che dice è una “molto grande conquista tecnologica”.

Sono questi sensori eye-tracking un modo per sbarazzarsi del suo cablaggio o qualcos’altro esterno? Noi lo sapremo presto.

Sony PlayStation VR

Immagine copyright Getty Image

Sony ha detto in precedenza che il suo auricolare PlayStation VR sarebbe andato in vendita prima del luglio 2016

-

Sony seguira con la propria conferenza stampa il Martedì, quando dovremmo avere maggiori dettagli della PlayStation VR – l’add-on auricolare per la sua console best-seller.

Ma un osservatore della società pensa che alla casa giapponese mancherà un trucco se non fa un altro annuncio VR-centric.

“Sony dovrebbe uscire con un accessorio per convertire il suo smartphone Z5 Premium in una soluzione VR”, dice Ben Wood di CCS Insight consulenti.

“Il suo schermo 4K è una soluzione in cerca di un problema,la sua alta risoluzione davvero si presterebbe all’esperienza.”

Oculus ha già realizzato un trucco simile per i telefoni di Samsung, ma la sua attenzione questa volta sarà sul Rift.

Oculus Rift queueImmagine copyright Getty Images

C’erano lunghe code per provare l’auricolare Rift Oculus l’anno scorso

-

L’azienda di proprietà di Facebook ha recentemente confermato l’auricolare VR-PC alimentato “on-target” per il lancio di Q1.

Con i pre-ordini per cominciare, sicuramente è il momento di scoprire quanto costerà.

Ci dovrebbe essere anche notizie su telecamere a 360 gradi “abbordabile”,se VR sta per decollare al di là del gioco, le persone hanno bisogno di un modo semplice per registrare i propri video.

Samsung RinkImmagine copyright Samsung

I nuovi controller VR saranno esposti tra cui un primo sguardo a sensori di pattinaggio di Samsung

-

Inoltre, tenere un orecchio per nuove attrezzature audio-registrazione in grado di corrispondenza suoni al punto di vista di un utente VR – Francia Arkamys ha già preso in giro una soluzione che sarà in mostra.


Robot

La Consumer Technology Association sta parlando su  questa categoria, facendo notare che c’è il 71% di spazio in piu del 2015 dedicato ai robot.

JiboImmagine copyright Jibo

Designer Jibo aveva intenzione di metterla in vendita lo scorso anno, ma hanno speso più tempo a lavorare per rendere i suoi movimenti che sembrino più naturali

-

Pochi pensano che i robot sono pronti ad essere la corrente principale ancora, ma ci sono più aziende e vale la pena tenerle d’occhio.

La Start-Up degli Stati Uniti Jibo sta creando un sacco di buzz dopo la sua “robot sociale” che ha raccolto oltre $ 3,7 milioni (£ 2.5m) sul sito di crowdfunding Indiegogo.Il Capo del progetto, Cynthia Breazeal, sarà a schioccare in città per fornire un aggiornamento.

Ci sono un paio di nuovi droidi dalla Francia – il compagno bot Buddy (che potete vedere nella parte superiore di questo articolo) e Leka, una macchina progettata per stimolare i bambini con autismo e altri disturbi dello sviluppo.

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: Leka robot light-up potrebbe aiutare i bambini autistici

-

E dal Giappone, Fiore Robotica promette di portare “la bellezza” in campo sfoggiando robot progettati per essere i più esteticamente gradevoli di quanto sono utili.

Si potrebbe apprezzare i suoi sforzi in futuro, quando squadroni degli automi saranno a zippare.

Flower RoboticsImmagine copyright Flower Robotics

Flower Robotics Platina droide è progettato per allertare il suo proprietario con luci intermittenti e facendo suoni

-


Automobili

Come abbiamo una corsa verso strade piene di auto-guida, veicoli elettrici, le case automobilistiche stanno adottando il CES come una possibilità di rivelare le loro ultime novità.

Dieci dei grandi nomi produttori di automobili espongono quest’anno, ma gran parte del pre-show buzz è generato da una ditta cinese che sta cercano di essordire nel settore.

Faraday FutureImmagine copyright Faraday futuro

Faraday Futuro ha trainato il suo evento con immagini di rompicapo della sua concept car

-

Faraday Future ha promesso di svelare un “concetto” che aiuterà a “definire il futuro della mobilità”.

La società ha già attirato diversi dirigenti lontani da Tesla, annunciando l’intenzione di costruire una fabbrica di state-of-the-art vicino a Las Vegas, e ha ricevuto il sostegno miliardario della tecnologia cinese Jia Yueting. Impareremo più del suo evento il Lunedi.

Volkswagen spera di guidare di nuovo l’attenzione il giorno successivo,e riparare la sua reputazione malconcia,quando il suo amministratore delegato entri in scena.

VolkswagenImmagine copyright Volkswagen

Sarà questo misterioso nuovo veicolo Volkswagen l’aiuto per passare dal suo scandalo emissioni diesel?

-

L’azienda ha detto che avrà un nuovo concetto di veicolo da mettere in mostra – indiscrezioni suggeriscono che sarà un Microbus elettrico in grado di pilotare fino a 500 km (310 miglia) con una singola carica.

Il capo di Ford, Mark Fields, è anche in presenza. E ‘stato riferito che sta lavorando su un tie-up con Google per creare un nuovo business auto auto-guida.

Ma non è chiaro se questo sarà caratterizzato nella sua presentazione CES o sara trattenuto per il Detroit Auto Show nel corso del mese.

BMW, però, ha già confermato che stara mostrando Air Touch,un meccanismo di controllo per le sue mappe in-car e sistemi di intrattenimento che con i gesti 3D per scansioni manuali mettera gli automobilisti in grado di evitare di dover usare i pulsanti.

BMW Air TouchImmagine copyright BMW

BMW sta con questo demo sugli anticipi del suo sistema attuale di riconoscimento basato sui gesti

-

E Toyota promette di sfoggiare un nuovo sistema di imaging strada “ad alta precisione”, che permetterà gli automobili auto-guida di condividere ciò che hanno visto per mantenere le loro mappe aggiornate.

La tecnologia può eliminare la necessità di inviare veicoli speciali muniti di costosi scanner laser per ottenere i dati.

“Ci saranno anche più di 100 piccole aziende auto tech”, aggiunge dalla Accenture John Curran.

“Il focus di quest’anno sarà un po ‘meno su di infotainment e di più sulla sicurezza e l’incolumità – così, dovremmo vedere nuove tecnologie anticollisione,tecnologia anti-auto jacking e modi perche le auto stiano a comunicare tra di loro.”

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: La SmartWheel sarà una delle nuove tecnologie di sicurezza per auto al CES


Wearables

Nonostante i smartwatches hanno guadagnato terreno nel 2015,Fitbit di fitness rimangono il marchio più venduto con la tecnologia degli indossabili.

L’azienda ha una conferenza stampa in prima mattina il Martedì, suggerendo che ha qualcosa di importante da rivelare.

Fitbit inviteImmagine copyright Fitbit

Fitbit sta alludendo a qualcosa di nuovo con un cinturino in pelle nel suo invito al CES

-

“Abbiamo potuto vedere una revisione di dispositivi Fitbit e software per meglio monitoreggire la variabilità della frequenza cardiaca e della temperatura cutanea, insieme al software che offre il coaching per dormire meglio e gestione dello stress”, prevede Charles Anderson dalla banca d’investimento Dougherty & Company.

“Ci aspettiamo anche di vedere Fitbit in più patti con marchi di moda.”

L’attività di registrazione dei rivale Misfit dell’azienda è anche al CES. L’azienda è stata recentemente rilevata dal gigante orologio Fossil, e possiamo vedere i primi frutti della loro tie-up.

Il gigante tecnologico cinese Huawei è premuroso per svelare degli smartwatch rivolti a donne e minori start-up che sono inoltre tenuti a svelare usi al polso favorevole alle donne.

WisewearImmagine copyright Wisewear

Wisewear si rivolgera alle donne con i suoi gioielli “di lusso”-tech indossabili

-

“C’è stato un pregiudizio molto maschiilista a indossare tech, ma si sta andando a vedere quello che io chiamo il jewellification di questa roba”, prevede dalla CCS Insight Ben Wood.

“C’è un grande vuoto nel mercato,di indossabili per le donne e sarà un grande tema.”

Naturalmente, un altro tema sarà indossabili che non richiamano l’attenzione a se stessi, almeno non fino a quando necessario.

Ad esempio, la ditta francese Atol sarà in mostra gli occhiali guardando normali che raccontano una applicazione smartphone dove sono quando perse.

AtolImmagine copyright Atol

Gli occhiali di Atol utilizzano un’applicazione chiamata Teou per indicare la distanza di un paio di occhiali perdute

-

In & Motion ha quello che chiama il primo “airbag intelligente” del mondo per gli sciatori,un giubbotto che si gonfia in meno di un decimo di secondo al momento dell’impatto.

E Digitsole ha le scarpe nuove che legano i propri lacci,qualcosa che abbiamo aspettato per sempre da quando Ritorno al Futuro II.

Tecnologia indossabile per gli animali domestici è anche destinato a diventare più sottile.

PitPat

Immagine copyright PitPat

PitPat, per esempio, ha un inseguitore per cani di attività abbastanza discreto,un grido lontano da alcune delle iniziative animale-centric più visti in passato nella mostra CES.


Salute e bellezza

Aziende di Cosmetici stanno iniziando ad abbracciare l’elettronica di consumo.

L’Oreal è tornato per un secondo anno con un nuovo prodotto misterioso dopo il successo della sua applicazione del trucco Genio nel 2015.

Un’altra società francese, Romy, è in città con un dispositivo che misura e  mescola ingredienti skincare per soddisfare ogni utente in momenti diversi della giornata.

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: Hands-on con la macchina di ‘mixare la propria crema idratante’

-

E Amirose del Regno Unito spinge per offrire speciali pattini di occhio cetriolo-enhanced che si ha detto sono stati appositamente formulati per appassire gli  “occhi di computer”.

Ci dovrebbe essere anche una pletora di prodotti che promettono di aiutare la salute a lungo termine.

Per esempio, Ceracor debutterà un sensore che misura il livello di emoglobina nel sangue, che si dice che gli  atleti possono utilizzare per aumentare la loro resistenza.

EmberImmagine copyright Ember

Ember registra livelli di emoglobina per aiutare gli atleti a modificare la loro formazione e aumentare la resistenza

-

E Skulpt è in mostra, un dispositivo che si dice può essere utilizzato per misurare il grasso corporeo e la qualità muscolare.

Come sempre con la salute tech, alcune delle affermazioni dovranno essere messi sotto esame.

Medical Solutions portabili del Canada, ad esempio, dovranno giustificare il suo vanto che i suoi occhiali EyeForcer sono la soluzione per “l’epidemia di malattia Gameboy”.

EyeForcerImmagine copyright Medical Solutions indossabili

Il EyeForcer presumibilmente impedisce ai bambini che soffrono di cattiva postura, dolori al collo e problemi alla vista

-

Anche guardare un’esplosione nel numero di prodotti destinati a nuovi genitori, tra cui un sensore che misura le contrazioni, raccontando le madri quando andare in ospedale, e un pad intelligente dei  cambiamenti che tracciano la crescita dei neonati.


Casa intelligente

Quattro milioni di famiglie del Regno Unito contengono già una sorta di sistema di casa intelligente, secondo un recente rapporto di Strategy Analytics.

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: una start-up sta facendo un pulsante smart per la vostra casa,ma nessuno compra?

-

Nido e Philips hanno aperto la strada, si aspettano un nuovo diluvio di termostati connessi a Internet, luci, allarmi antincendio e prese di corrente alla mostra – così come nuovi modi per controllare loro.

Samsung ha detto che intende fare la sua prossima gamma di Smart TV con doppio-comando e controllo “hub intelligenti”, mentre LG ha pre-annunciato il SmartThinQ Hub – un dispositivo di forma cilindrica che fa più o meno la stessa cosa.

Se a questo punto si sta tentando di soffocare uno sbadiglio, aspetta,ci sono alcuni prodotti in questa categoria che intrigano.

LG SmartThinQ HubsImmagine copyright LG

LG SmartThinQ Hub raccoglie informazioni da una serie di dispositivi domestici intelligenti compatibili

-

L’uomo che ha sviluppato il iMovie originale per Apple ha rivolto la sua attenzione alla lavanderia e presenterà una lavatrice / asciugatrice chiamata Marathon di Lunedi CES Unveiled di anteprima.

Il dispositivo può essere impostato per tenere i vestiti chiusi dentro fino al ritorno  del legittimo proprietario,anche se il numero di emissioni sarà in grado di permettersi il suo prezzo di 1 200 dollari(£ 810) è un’altra questione.

Immagine anteprima YouTube

GUARDA: L’altoparlante Triby aggiunge l’assistente per frigoriferi Amazon Alexa

-

Invoxia sfoggerà Triby – un prodotto-cucina collegata alimentato da un assistente vocale di Amazon Alexa.

E ci saranno anche altri nuovi kit per migliorare la casa tra cui un soffione che traccia la quantità di acqua utilizzato, un modulo che consente di controllare caminetti a gas dal telefono e un divano che vibra nel tempo con spettacoli in TV.

SensorwakeImmagine copyright Sensorwake

I partecipanti possono anche fiutare Sensorwake,un orologio che ti sveglia con gli odori di cibo, posti … o denaro

-


E ‘stato detto che è un sacco di molto più facile avere una panoramica del CES da fuori Las Vegas piuttosto che cercare di vagabondare in giro il suo spettacolo di piani di dimensioni epiche.

Ritorneremo sicuramente a cercare di mettere in evidenza gli annunci principali, così come alcune delle più strane e stravagante rivelazioni.

Wire booth

C’è anche un sacco in mostra che non vi possiamo riportare come questo stand dedicato a diversi tipi di fili al CES 2015

———-

È possibile seguire queste notizie attraverso il nostro indice CES speciale e puoi anche inviare post rilevanti alla nostra pagina di Facebook.

Inoltre, avremo una edizione speciale di Tech Tenda sulla BBC World Service il Venerdì, e potete seguire il team tecnico della BBC sul terreno ai seguenti account Twitter:

BBCRoryCJ

DaveLeeBBC

zsk

janewakefield

BBCTechTent

BBCClick

http://www.bbc.com/news/technology-35192737

REAZIONE:

1-”Ma un esperto suggerisce che i giganti tecnologici possono temperare le loro ambizioni questa volta.

“Dite addio a raffreddare, dire ciao al pratico”, spiega John Curran dalla consulenza Accenture.

“Molte delle società più grandi ora metteranno meno enfasi sulla CES come un trampolino di lancio per i principali hardware. Quindi, che si concentrerà invece su mostrare nuovi servizi per aiutare l’entusiasmo per i prodotti esistenti.

“Ma per le piccole imprese questo è un grande luogo in cui stanno per essere in grado di trovare un’ottima occasione per catturare l’attenzione di giornalisti e compratori chiave presso i rivenditori.”

ECCO CONFERMATO IL BOICOTTEGGIO DELLE MIGLIORI E IMPORTANTI AZIENDE DELLE TELEOMUNICAZIONI,I COSIDETTE BIG DELLA NUOVA ERA, FRA QUI GOOGLE L’AVANGUARDIA,ALLA CES E QUINDI  A MICROOFT IL SUO ORGANIZZATORE.GRAZIE IN NOME DELLA NUOVA ERA PER FARSI ECO DEL MIO APELLO CONTRO DI LA MICROSOFT DI NADELLA:NULLA SI CREA,SI FABRICA E SI VENDE AL DI FUORI DEI MIEI CONCETTI SCIENTIFICI-TECNOLOGICI SULLA MODERNA TELECOMUNICAZIONE

2-IL MODO IRONICO SU COME TRATTA ‘ARGOMENTO DELLA REALTA VIRTUALE CONFERMA I MIEI COMMENTI:AH…SE POTESSIMO FARE CHE QUESTI AGGEGGI CI MOSTRINO UNA REALTA……”BUONA” VIVIREBBEMO “NEL MIGIORE DEI MONDI”(PARAFRASEANDO A VOLTAIRE E IL SUO CANDIDO)BASTA GIOCARE E QUESTA TECNOLOGIA FARA MIRACOLO.CREDERCI O SCOPPIARE.

3-AUTO,FORD E GOOGLE:NON DANNO IMPORTANZA A CES IN ATTESA DELLA FIERA DI DETROTI.MICA QUELLA DI BARCELLONA CHE IN QUESTA NOTA,COME REALMENTE SUCCEDE,NON ESSISTE.

4-PER QUANTO RIGUARDA ALLA TELEFONIA MOBILE SENZA FILI COME NEL CASO DEI BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI C’E SCARSISSIMO INTERESSE PER LA CES,SEGNO CHE IL SUO NOKIA LUMIA SI HA SCHIANTATO.GRAZIE ANCHE PER QUESTO AGLI OPERATORI DELLA NUOVA ERA.NADELLA NON HA SEGUITO LE MIE IDEE AL RIGUARDO,IL MARCHIO DOVEVA SCOMPARIRE COME INIZIALMENTE ANNUNCIATO,MA…MICROSOFT HA CEDUTO A PRESSIONI E NON E’ STATO ALL’ALTEZZA HA MANCATO DI CORAGGIO E PERSPETTIVA  AZIENDALE.LA NUOVA ERA DOMINA EGEMONICA E FUORI DELLA SUA VISIONE DEL MONDO NON SI CAMPA.

5-LA ROBOTICA E LE NEUROSCIENZE(SPECIALMENTE LA NEUROCHIMICA)IN RAPPORTO,SONO GLI ARGOMENTI GENERALI CHE IN QUELLI TEMPI OCCUPAVANO LE MIE LETTURE E HANNO ISPIRATO I MIEI CONCETTI AL RIGUARDO DELLE TELECOMUNICAZIONI COME UNA ESTENSIONE DEGLI ORGANI DEI SENSI INTEGRATI.PARTICOLARMENTE LE RIFLESSIONI DOPO LA LETTURA DI UNA PUBBLICAZIONE AL RIGUARDO DEL LABORATORIO ROCHE.(SONO UN POST-GRADUATO IN PSICHIATRIA CHE INOLTRE SI MOBILITA,E COMUNICA A DISTANZA MOLTISSIMO,IN TRE CONTINENTI E TANTI PAESI:MA MAI PER TURISMO PER QUI ESSERE “COLLEGATO” DIVENTA ESSENZIALE ALLA MIA ESSISTENZA)

EPILOGO:IL RESTO DELLA NOTA E’ IN CONCORDANZA DI QUANTO DETTO SOPRA SU QUELLA DEL CORRIERE DELLA SERA.

AH……A ME INTERESSANO LA MARATHON(E IL SOFFIONE)ANCHE SE IL VERO PREZZO PESA NELLE TASCHE 2000 E NON 1200:TIENE LA ROBA DENTRO FINO AL MIO RITORNO,QUESTO IMPORTA.

GRAZIE A TUTTE GLI OPERATORI DELLA NUOVA ERA PER QUESTO:MICROSOFT ORA DOVREBBE FARCI UN PIENSERINO.

-

15 GENNAIO 2016:EPILOGO DEL CES SECONDO LA BBC

CES 2016: L’ultima parola

Dave Lee, America del Nord,reporter tecnologico
*9 GENNAIO 2016
*Dalla sezione Tecnologia
*commenti
.

Quando il CES ha iniziato, circa 48 anni fa,li era molto più facile sorprendere le persone.

Allora, senza il flusso infinito di blog e social media, grandi storie che hanno definito il nostro futuro tecnologico hanno fatto il loro debutto gloriose qui. Come il videoregistratore, per esempio,il via per la prima volta al CES nel 1970. Chi avrebbe potuto prevedere l’impatto che quel pezzo di tecnologia avrebbe avuto sul mondo?

E 11 anni dopo, il CD è stato mostrato qui prima che altrove.

In questi giorni, raramente si vedono cose del tutto nuove al CES. E così lo scopo della manifestazione è cambiato un po ‘,spostando in un evento che è tanto di momento pubblicitario piuttosto che di nuovi prodotti.

Ma forse da qualche parte nelle vaste sale del Centro Congressi di Las Vegas abbiamo visto quest’anno videoregistratori,una tecnologia che avrà un impatto ben al di là di ciò che possiamo prevedere.

I partecipanti,alcuni dei 170.000,si stanno ora dirigendo a casa. E sembra che ci sia un consenso generale che il CES 2016 ha segnalato un anno di transizione, ma non un momento rivoluzionario. Le grandi idee,come realtà virtuale, reinventare la macchina, o la casa robotica erano promettenti, ma ancora sono cotte a metà, un panino nel metaforico (smart) forno.

“Siamo in un in-tra fase, in cui categorie come droni, realtà virtuale, e indossabili sono in crescita e progrediscono, ma hanno ancora una lunga strada da percorrere”, ha scritto Rachel Metz dal MIT Tech Review.

Sul New York Times Farhad Manjoo ha descritto CES 2016 come “l’adolescenza scomoda” per le tecnologie emergenti.

E questo è assolutamente giusto. VR deve ancora andare in contromano.I Droni sono là fuori, ma avviati per essere bloccati in problemi di regolamentazione per tutto il prossimo anno, almeno. E gli indossabili? Beh, diciamo solo che troppe aziende stanno ancora pensando su che  funzionino prima che al design e la  moda.

CES 2016 è stato come è ogni anno: grande, travolgente, piena di idee terribili, soldi sprecati e sopravalutazioni senza senso.

Sono finiti i giorni in cui si trovava la “next big thing” al CES. Ma se il business della tecnologia sara ancora “bello e vivo”,il CES avra ancora molto del suo impulso.

Fino alla prossima volta, Las Vegas …

Segui Dave Lee su TwitterDaveLeeBBC

http://www.bbc.com/news/technology-35260088

REAZIONE:RISCATTO IL SENSO GENERALE DELA NOTA CHE CONFERMA LE MIE CONSIDERAZIONI PREVIE ESPRESSI SOPRA,E ANCHE RISPECHIA I MIEI ANALISI AL RIGUARDO DI TUTTA QUESTA TECNOLOGIA TRIBUTARIA DEI MIEI CONCETTI INTEGRAZIONISTI PUBBLICATI NEI  MIEI BLOG.

A RIVEDERCI.

-APPENDICE:LA REALTA INGRANDITA(VIRTUALE)SI AVVICINA. O SCHIANTERA CONTRO LA REALTA “TOUT COURT”?

-SU LE MONDE:

Pixels

Pourquoi l’Oculus Rift, le casque de réalité virtuelle, risque d’échouer commercialement

Le Monde.fr | 08.01.2016 à 11h57,Mis à jour le 08.01.2016 à 15h50 | Par William Audureau

.

Oculus Rift est actuellement en démonstration au CES de Las Vegas.
.
Il est presque là. Oculus Rift, le très médiatique casque de jeu vidéo à 360°, cofinancé sur la plate-forme collaborative Kickstarter en 2012 et racheté par Facebook pour 2 milliards d’euros en 2014, a lancé mercredi 6 janvier les pré-commandes, pour une première livraison de la version finale attendue en mars ou avril. De nombreux investisseurs le voient déjà comme la prochaine révolution technologique depuis l’iPad. Mais l’emblématique casque de réalité virtuelle pourrait se cogner au mur de la réalité.

Un prix de lancement élitiste

Ces deux dernières années, les observateurs avaient bon espoir de voir le casque commercialisé à un prix plus proche d’une console actuelle, soit 400 dollars ou euros, à plus forte raison depuis le rachat d’Oculus VR par Facebook. « Ils peuvent baisser le prix, cela a du sens car ils ont beaucoup d’argent à se faire sur les applications », analysait en juin 2014 Dean Takahashi, journaliste de VentureBeat très introduit dans la Silicon Valley. Il y a encore quatre mois, Palmer Luckey, le président d’Oculus, évoquait lui-même « un prix aux alentours de 350 dollars, probablement un peu plus ».

C’est la première douche froide pour ceux qui faisaient déjà de la réalité virtuelle la tendance majeure de 2016 : à 599 dollars (hors taxes) le casque aux Etats-Unis, et même 699 euros hors frais de port en Europe, Oculus Rift s’adresse à une niche de passionnés aisés, en tout cas dans un premier temps, ce qui lui a valu des critiques amères. D’autant que contrairement à une tablette ou une console classique, l’appareil n’est pas autonome : pour fonctionner, il lui faut s’appuyer sur un puissant PC.

Lire aussi : Pluie de critiques sur le prix du casque de réalité virtuelle Oculus Rift

Le casque nécessite en effet un processeur quatre cœurs, de type Intel i5-4590, à 200 €. Et le prix des cartes graphiques recommandées par Oculus débute à 250 € pour une Radeon R9 290 (AMD) et à 350 € pour une GeForce GTX 970 (Nvidia). En tout, la facture pour un ordinateur configuré sur mesure s’élève à 999 dollars l’unité, quand une PlayStation 4 coûte presque trois fois moins cher.

Un petit gâteau à se partager à deux

Oculus a beau appartenir à Facebook, il ne jouit pas de la situation de quasi-monopole du réseau social de Mark Zuckerberg. Face à lui, une flopée de casques de réalité virtuelle concurrents, dont deux au potentiel commercial important, le Vive de HTC et Valve, à la technologie plus innovante, et surtout le PlayStation VR de Sony, qui se pose comme l’alternative la plus grand public.

Ces trois machines sont amenées à se partager le marché, mais de manière inégale. D’un côté, l’Oculus Rift et le Vive sont en face à face direct sur le segment des joueurs PC, qui est moins important qu’on ne le croit généralement. Selon les chiffres de Nvidia, 13 millions d’ordinateurs dans le monde seraient aujourd’hui suffisamment puissants pour les casques de réalité virtuelle, « qui nécessitent des ressources graphiques jusqu’à sept fois supérieures à celles d’un PC moyen », précise le constructeur de cartes graphiques. Or en face, c’est une base installée de pas moins de 35 millions de PlayStation 4 qui attend l’alternative de Sony, selon les derniers chiffres du constructeur.

13 millions pour deux d’un côté, 35 millions pour un de l’autre : l’équation n’est pas en faveur d’Oculus (ni de HTC et Valve). Et si les ordinateurs compatibles sont naturellement amenés à se démocratiser avec la baisse de prix (Nvidia espère atteindre un parc installé de 100 millions en 2020), il en va de même de la PlayStation 4. La console de Sony, qui s’écoule en moyenne à 1,4 million d’exemplaires par mois depuis son lancement, est encore dans les clous pour finir près des records de vente de la PlayStation 2, le tout sans aucun concurrent frontal à son casque.

Une capacité de production à prouver

Comment survivre dans un environnement aussi concurrentiel, quand il s’agit de son premier périphérique de jeu ? Valve, géant américain de la distribution dématérialisée, a eu le bon sens de s’associer avec HTC, un constructeur de smartphones qui lui apporte à la fois le savoir-faire en matière de design et de fabrication à grande échelle, mais aussi un réseau de points de vente avec lequel le contact est déjà noué. Mais pour l’instant, Oculus VR ne dispose que de sa propre boutique en ligne, faute d’accords avec des distributeurs.

« Avoir un seul point de vente face à un important réseau de distribution, c’est bien sûr un désavantage, ne serait-ce qu’en termes d’exposition, pointe Richard Brunois, directeur de communication de PlayStation France. Mais peut-être ont-ils peu d’exemplaires et cherchent juste à tester le marché. Ça ne dénote pas une volonté de l’inonder, en tout cas. »

A terme, Oculus Rift devait également être disponible dans « certains points de vente sélectionnés » en avril, mais la société, interrogée par Le Monde, laisse entendre qu’aucun accord n’a pour l’instant été finalisé. L’ancienne start-up, vieille de quatre ans tout juste et qui n’a toujours pas commercialisé un seul produit fini, douterait-elle de sa capacité à alimenter correctement le marché ? Pour Thomas Grellier, ancien de l’industrie aujourd’hui enseignant universitaire en marketing et consultant spécialisé en jeux vidéo, la question est posée.

« Si Nintendo, Microsoft et Sony ont connu des ruptures de stocks sur leurs derniers lancements mondiaux, ce n’est pas un hasard : il n’y a pas d’appareil de production capable de fabriquer 15 millions de machines dès la première année. Le problème est qu’on ignore tout de l’appareil de production d’Oculus. Combien sont-ils capables d’en produire ? Quel est taux de rebut, sur un produit aussi sensible ? Et quelle sera la fiabilité des casques, leur taux de panne ? On n’en sait rien. Ce lancement, c’est aussi un test pour eux. »

A cet égard, les récents articles faisant état d’une rupture de stock fulgurante sur la première livrée de casques peuvent aussi bien être interprétés comme le signe d’une demande très élevée, ou l’indice d’une capacité de production trop limitée. La société, qui n’a jamais produit plus de 40 000 pièces d’un même hardware, évoque un premier objectif commercial de quelques centaines de milliers d’exemplaires seulement pour la première année de commercialisation de l’Oculus Rift. « C’est minuscule, ils savent qu’ils ne pourront pas délivrer davantage, donc c’est plutôt malin de mettre un prix qui cible spécifiquement les early adopters », analyse Cédric Lagarrigue, président de l’éditeur français Focus Home Interactive, qui ne prévoit d’alimenter en casque en jeux qu’à partir de 2017 ou 2018.

Un réseau commercial immature

Pour aller au-delà des geeks technophiles, Oculus devra donc produire à plus grande échelle, mais aussi développer un réseau commercial mondial. La jeune société en est loin : elle ne dispose pas d’antennes de distribution nationales, ni même continentales. « Oculus n’a pas de bureau européen », confirme-t-elle pudiquement au Monde. Des bureaux locaux sont pourtant essentiels dans la démocratisation d’un produit, puisque ce sont eux qui nouent des liens avec les grandes enseignes (FNAC, Carrefour, Micromania, etc.), et pilotent la communication sur les médias nationaux (publicités télévisées, placement produit auprès des youtubeurs locaux, etc.).

« Ne pas avoir de bureau européen à ce stade, c’est inquiétant, corrobore Thomas Grellier. Cela ne veut pas dire que c’est trop tard, s’ils commencent à créer des filiales de distribution [en charge d’ouverture de comptes auprès des grandes enseignes] dès demain, ils peuvent arriver dans les magasins pour novembre. Mais ils ne sont pas en avance. »

Or le succès – ou l’échec – d’Oculus sera avant tout une affaire de timing. Selon le Wall Street Journal, Nintendo prévoit également la commercialisation en 2016 de sa nouvelle console, nom de code « NX ». Pionnier de cette nouvelle génération de casques de réalité virtuelle, l’Oculus Rift s’expose au risque de perdre la main sur le calendrier médiatique, et de voir le Vive et le PlayStation VR arriver en boutique et toucher le grand public avant lui.

Lire aussi : Oculus Rift, PlayStation VR, HTC Vive : ce que l’on sait des casques de réalité virtuelle de 2016

William Audureau
Journaliste au Monde

http://www.lemonde.fr/pixels/article/2016/01/08/pourquoi-l-oculus-rift-le-casque-de-realite-virtuelle-risque-d-echouer-commercialement_4843953_4408996.html

-

REAZIONE:

1-DICIAMOLO CHIARO,LA REALTA INGRANDITA E’ UN INDOSSABILE,UNA CUFFIA INDOSSABILE E PER TANTO TRIBUTARIO ANCHE DEI MIEI CONCETTI.

2-A QUANTO PARE IL  SUO SUCCESSO NON SEMBRA SCONTATO,E SE SUCCESSO AVRA IL VANTAGGIO SEMBRA ESSERE A FAVORE DI VIVES.E VIVES REALTA VIRTUALE PURA NON E’ MA UN MISTO DI REALTA VIRTUALE E REALTA “TOUT COURT.

3-IL MONDO DELLA TECNOLOGIA DELLE TELECOMUNICAZIONI STA PREFERENDO NOMINARE QUESTO “GIOCO” REALTA INGRANDITA,INGIGANTITA ANZI CHE “VIRTUALE”

TUTTO SOMMATO SEMBRA CHE QUESTO AGEGGIO NON SIA DESTINATO A CAMBIARE UN GRAN CHE NE LA PATERNITA DEL TERMINE DA ME ACCONIATO “REALTA VIRTUALE” PER RIFERIRMI ALL’ELITTISTA MONDO INTERNET PPREVIO ALL’IRRUZIONE DELLA NUOVA ERA,NE A QUESTA STESSA:AVVOCATI HA LA NUOVA ERA,NON AVVICINIAMO PIU DI TANTO QUESTA REALTA E CONCENTRIAMOCI SU QUELLA  REALE.

COMUNQUE SIA SI TRATTA DI  ARGOMENTI NON ESSENZIALI CHE NON CONTENDONO LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA.

VEDIAMO UN POCO PIU SU QUESTA TECNOLOGIA:

lemonde.fr
.
Oculus Rift, PlayStation VR, HTC Vive : ce que l’on sait des casques de réalité virtuelle
Essai d'un Occulus Rift.
.
Essai d’un Occulus Rift. Marcio José Sanchez / AP
.
La réalité virtuelle se rapproche. Ce mercredi, Oculus doit ouvrir les précommandes pour l’Oculus Rift, son désormais célèbre casque, et du même coup révéler son prix de lancement. Sa livraison, prévue d’ici la fin du premier semestre 2016, marquera enfin les débuts de cette catégorie de produits très médiatisés depuis deux ans.

Les casques de réalité virtuelle ont pour ambition d’immerger l’utilisateur dans un monde fictif en couvrant tout le champ du regard, avec un univers modélisé à 360 degrés. Les trois principaux casques de ce type devraient être commercialisés début 2016, mais, à quelques mois voire semaines de leur sortie, les détails ne sont divulgués qu’au compte-gouttes.

Prix, fonctionnalités, jeux disponibles : que sait-on d’eux aujourd’hui ?

Lire le décryptage : La réalité virtuelle en six questions

Oculus Rift : le plus médiatisé

Attendu depuis plus de trois ans par les internautes, qui, pour un certain nombre d’entre eux ont soutenu son développement à travers l’entreprise de financement participatif Kickstarter, l’Oculus Rift doit être mis sur le marché d’ici juin.

Le prix de ce casque reste encore inconnu, mais le PDG d’Oculus VR a annoncé, en mai, qu’il serait vendu entre 200 et 400 dollars (entre 180 et 360 euros), avant de préciser dans un tweet fin décembre que la réalité virtuelle serait « un objet de désir avant de devenir un objet que les gens peuvent s’offrir ». En septembre, un des dirigeants de l’entreprise, Nate Mitchell, soufflait au site PC Gamer que le prix se situerait plutôt en haut de cette fourchette, à plus de 300 dollars.

Une somme conséquente, d’autant plus que, pour fonctionner, l’Oculus Rift nécessite un PC avec des fonctionnalités spécifiques. Les constructeurs Asus, Dell et Alienware commercialiseront cette année des ordinateurs estampillés « Oculus ready » (« prêts pour Oculus »). Ils sont pour l’instant annoncés à 999 € (930 €).

Côté contenus, Oculus, racheté par Facebook pour 2 milliards de dollars en mars 2014, a annoncé en septembre l’ajout du célèbre jeu de construction Minecraft à son catalogue, qui rejoindra ainsi Half-Life 2, Rock Band VR ou encore Castlevania : Lords of Shadow 2. Le jeu de plateforme Lucky’s Tale sera livré avec le casque, tandis que le simulateur spatial Eve : Valkyrie sera offert pour chaque précommande.

Grâce à un partenariat avec Microsoft, l’Oculus Rift permettra également de jouer à des jeux Xbox One… mais dans une salle de projection virtuelle, dans laquelle le joueur jouera au jeu « classique » sur un écran, sans immersion. C’est aussi la manette d’Xbox One qui sera livrée avec le casque pour jouer à tous les jeux, en attendant l’arrivée d’Oculus Touch, un nouveau contrôleur créé spécifiquement pour les besoins de la réalité virtuelle, mais qui devrait n’être commercialisé qu’en seconde partie d’année.

Lire : On a testé pour vous… les jeux en réalité virtuelle de l’Oculus Rift

.

PlayStation VR : le projet le plus grand public

Le casque de réalité virtuelle de Sony devrait coûter entre 300 et 500 euros.

Le casque de réalité virtuelle de Sony devrait coûter entre 300 et 500 euros. Sony

Initialement baptisé Morpheus, le casque de réalité virtuelle de Sony a changé de nom mi-septembre, à l’occasion du Tokyo Game Show : on parle désormais de PlayStation VR. Prévu pour une date indéterminée en 2016, le casque est conçu pour fonctionner avec la console de jeu PlayStation 4, à travers un boîtier qu’il faudra connecter aux deux terminaux. Il fonctionne avec une caméra et des manettes classiques ou de reconnaissance de mouvement, comme les PlayStation Move.

Aucun prix n’a encore été annoncé, mais le PDG de Sony a évoqué au Tokyo Game Show une somme équivalente à celle d’une console, soit entre 300 et 500 euros. Un prix qui s’ajoute, évidemment, à celui de la PlayStation 4, indispensable pour faire fonctionner le casque.

Cet automne, à Tokyo puis Paris, plusieurs démos de jeux ont été présentées, parmi lesquelles quelques grands titres comme Resident Evil : Umbrella Corps, Kingdom Hearts HD II.8 Final Chapter Prologue, Final Fantasy XIV ou encore Eve : Valkyrie, mais aussi des exclusivités comme RIGS, un jeu de tir sportif par équipes, ou Robinson the Journey, aventure à sensations sur une île tropicale peuplée de dinosaures.

En revanche, les jeux classiques de la PlayStation 4 ne seront pas compatibles avec le casque de réalité virtuelle, avait révélé au Monde le président de Sony Computer Entertainment en juin. L’entreprise compte plutôt se consacrer au développement de jeux spécifiques à la réalité virtuelle, comme le très drôle et convivial Playroom VR.

.

Lire aussi : On a essayé… Morpheus, le casque de réalité virtuelle de Sony

.

HTC Vive : le mélange virtuel et réel

.

Vive VR, un casque construit par HTC en partenariat avec Valve, doit offrir de nouvelles expériences aux utilisateurs de Steam.

Vive VR, un casque construit par HTC en partenariat avec Valve, doit offrir de nouvelles expériences aux utilisateurs de Steam. Valve

Initialement attendu fin 2015, Valve a annoncé cet été que son casque de réalité virtuelle ne serait commercialisé auprès du grand public qu’au premier trimestre 2016, avant de le reporter une nouvelle fois à avril en raison « d’une avancée technologique majeure ».

Né de l’association du groupe américain à l’origine de la plate-forme de jeux Steam et du constructeur taïwanais HTC, ce casque a une différence notable par rapport à ses concurrents. Il prendra en compte les mouvements et les déplacements du joueur sur 4,5 m2, grâce à un système de capteurs disposés dans la pièce. Il sera ainsi possible de marcher dans son salon et dans le jeu, de se lever ou de s’asseoir et d’effectuer d’autres mouvements.

Au CES de Las Vegas, HTC a même révélé que sur sa seconde génération de prototype, les Vive Pre, une caméra frontale permet de superposer des éléments réels au monde virtuel dans lequel est plongé le joueur. Qui plus est, des contrôleurs spéciaux permettront de voir ses mains dans cette réalité alternative et de s’en servir pour manipuler les objets.

Parmi les jeux disponibles sur Steam, qui seront compatibles avec le HTC Vive, on compte par exemple Elite : Dangerous, Team Fortress 2, Ark : Survival Evolved ou encore Euro Truck Simulator 2. Aucune information n’a pour l’instant été donnée sur le prix du dispositif.

Voir la vidéo : Hololens, Oculus Rift : que font les casques qui changent la réalité ?

Lire : Réalité virtuelle, réalité augmentée, holographie : quelles différences ?

 http://www.lemonde.fr/pixels/article/2015/09/25/oculus-rift-playstation-vr-htc-vive-ce-que-l-on-sait-des-casques-de-realite-virtuelle_4772172_4408996.html
-
1 FEBRAIO 2016:APPENDICE

PERO QUESTA FIERA UNA NOVITA IMPORTANTE SI C’E’ L’HA,VEDI:

11 GENNAIO 2016:VITTORIA
-SU LA REPUBBLICA:

Dopo Nokia, si dissolve anche lo storico marchio Motorola

Entro l’anno una parte del suo nome – Moto – sarà solo quello della linea di fascia alta dei dispositivi Lenovo, colosso cinese proprietario del marchio. Eppure nel ’73 aveva creato il primo cellulare portatile
.
08 gennaio 2016

Dopo Nokia, si dissolve anche lo storico marchio Motorola

Motorola StarTac 

SEMBRA un secolo fa ma è passato poco più di una decina di anni da quando Nokia e Motorola dominavano nel settore del cellulari. Adesso il primo di questi due storici marchi della telefonia mobile, Nokia, non esiste più almeno così com’era prima. La divisione mobile dell’azienda finlandese è stata acquistata e poi “mangiata” da Microsoft, mentre Motorola – forte soprattutto negli Stati Uniti – sta vivendo una fine più un po’ più articolata e alla fine del suo nome sopravviverà almeno il prefisso. Lenovo, che due anni fa comprò il marchio da Google, ha preso la sua decisione: entro la fine del 2016 sui dispositivi non comparirà più la dicitura Motorola ma solo “Moto”. Un passaggio non da poco. Chi non ricorda il mitico Star Tac, il primo cellulare a conchiglia della storia, o il sottilissimo e stiloso Razr? Non erano solo dei telefoni, ma anche status symbol. Che hanno vissuto la loro stagione di gloria prima di lasciare il campo all’invasione degli smartphone.

Motorola si spegne: addio ai cellulari che hanno fatto la storia
Navigazione per la galleria fotografica,1 di 9

“Il marchio Motorola sarà eliminato gradualmente e ci focalizzeremo su Moto”, ha spiegato Rick Osterloh, Chief Operating Officer di Lenovo, durante un intervento al Ces, la più grande fiera dell’elettronica che si tiene in questi giorni a Las Vegas. Il manager ha spiegato che l’azienda sta unificando i suoi business relativi alla telefonia, raggruppandoli sotto l’unico marchio Lenovo. Nasceranno quindi due linee: ‘Moto’ destinata ai prodotti di fascia alta e ‘Vibe’ per quelli di fascia medio-bassa.
Motorola ha una storia lunga e gloriosa. Nata negli Stati Uniti negli anni Trenta, l’azienda inizialmente realizzava apparecchi radio. Poi dette un grosso impulso al settore dei computer producendo micro-processori anche per Apple e Olivetti. Ma la popolarità la deve ai telefonini, avendo di fatto creato il primo cellulare portatile. Che venne realizzato nel 1973 dall’ingegnere americano Martin Cooper. Non era esattamente un telefonino visto che era grande quasi come una scatola di scarpe. Si chiamava DynaTac. Ai ‘brick phone’, grandi come dei mattoni, seguirono poi altri modelli più piccoli e leggeri come il MicroTac e lo StarTac, molto diffusi tra gli anni Ottanta e Novanta. “Hello, Moto”, a un certo punto era la suoneria che si sentiva riecheggiare ovunque.
Poi, dopo tanti successi, la discesa. A gennaio 2011 Motorola Inc. è stata divisa in due società distinte, Motorola Solutions e Motorola Mobility. Quest’ultima è stata venduta a Google pochi mesi dopo per la cifra di 12,5 miliardi di dollari. A sua volta il colosso del web l’ha ceduta a Lenovo nel 2014 per 2,9 miliardi di dollari. Lenovo, il primo produttore di pc al mondo, a novembre ha registrato le prime perdite in sei anni. A influire sui conti, secondo gli analisti, hanno pesato il forte calo del mercato dei computer e anche l’acquisizione di Motorola. Da qui, forse, la decisione di rimodulare la sua strategia in ambito “mobile”.

http://www.repubblica.it/tecnologia/mobile/2016/01/08/news/addio_motorola-130851183/?ref=HRLV-9
.
REAZIONE:VITTORIA PER 3:

-PER NOKIA

-PER MOTOROLA

-PER LA QUASI DEFINITIVA SCOMPARSA DEI PC.DOMINA IL MOBILE.
TUTTO QUESTO DIMOSTRA CHE L’OPINIONE DELLA NUOVA ERA CONTA.E COME.E ANCHE CHE QUESTA DOMINA LE TELECOMUNICAZIONI,E NON SOLO,EGEMONICAMENTE GLOBALMENTE. ED E’ INARRESTABILE ,INCONTESTABILE.
.
EPILOGO:MA LA STORIA NON LA SCRIVONO I PERDENTI.LE BUGGIE NON PASSANO.
E IO DOVREI AMMETERE CHE LA CINA IN UN CERTO SENSO SI HA RIVINDICATO.FORSE LE MIE PAROLE NON HANNO CADUTO IN SACCO VUOTO E L’ASEM SI HA ANCHE SGRETOLATO.BENE L’ALLEANZA CON GOOGLE,BENE “MOTO”,LA CINA NON HA FATTO LO STESSO ERRORE DI MICROSOFT,”MOTO” ANCHE SE SEMBRA MANTENERE IN VITA IL VECCHIO MARCHIO NON E’ COSI, NON EVOCA MOTOROLA MA LA “CITTA DEI MOTORI”,MANDELLO LARIO E LE SUE MOTO.VEDI CUA:
http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/elezioni-italianela-lombardiapubblicazione-di-archivio

Pubblicato da a 10/30/2014 05:16:00 PM

.
VEDI ANCHE CUA:
http://cianciminotortoici.blogspot.com.uy/2014/11/per-capire-la-caduta-di-nokia.html
http://cianciminotortoici.blogspot.com.uy/2013/01/le-buggie-del-consensoe.html
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 260 »

26 dicembre 2015
0
*25 DICEMBRE 2015:RENZI “TRA VIRGOLETTE”
.
-SU THE HUFFINGTON POST:
.
Flavio Bini
flavio.bini@huffingtonpost.it
 .
Banche, Ilva, flessibilità: l’Italia prepara un 2016 di guerra con la Ue (e la Germania)
Pubblicato: 24/12/2015 17:47 CET Aggiornato: 25/12/2015 12:27 CET
.
MERKEL RENZI

.

Lo scontro tra Italia e Europa non si ferma neanche nella vigilia di Natale. Ad alimentare le tensioni ci ha pensato la Commissione, che interpellata dall’Adnkronos ha voluto puntualizzare come l’esecutivo Ue agisca in modo “imparziale” e applicando le stesse regole “ad ogni Paese, e allo stesso modo all’Italia e alla Germania”. Una precisazione cui è seguita la risposta acida del sottosegretario per gli Affari Europei Sandro Gozi: “Noi speriamo e ci aspettiamo un cambio di comportamento verso l’Italia da parte della Commissione europea e di altri paesi, e se questo non avvenisse tutto diventerebbe più difficile”.

Banalità, se la sottolineatura e la controrisposta non arrivassero all’indomani del botta a risposta a distanza sul tema dei salvataggi bancari e al culmine di un conflitto che rimasto sotterraneo per molto tempo, è destinato a venire definitivamente allo scoperto il prossimo anno. Un conflitto che arriva peraltro alla vigilia di un momento – come ha ricordato Tony Barber sul Financial Times – di grande fragilità per l’Europa, minacciata su molteplici fronti, dall’immigrazione al terrorismo fino ai rischi di una ripresa più lenta del previsto. “Come lo Stato immaginario di Cavafy, o il Sacro Romano Impero che durò per mille anni prima che Napoleone ponesse fine alla sua agonia nel 1806, la Ue potrebbe anche non disintegrarsi ma piuttosto scivolare in un declino glaciale”, ha scritto il giornalista del quotidiano londinese.

Pier Carlo Padoan, uno che è abituato a dosare le parole con il contagocce, soprattutto quando si parla di Europa, nell’intervista concessa ieri al Foglio è stato insolitamente netto nel descrivere il livello di tensione che si registra negli ultimi tempi tra Roma e Bruxelles: “In questi mesi i costi delle scelte europee, per il nostro paese, stanno superando i benefici“. Tradotte dal padoanese al lessico da battaglia di Palazzo Chigi, parole del genere suonano più o meno come un: “Ora basta, Bruxelles sta davvero esagerando”. Se non di più.

L’Italia si avvicina così alla fine dell’anno impostando sempre di più la linea dello scontro con l’Europa. Con la sostanziale novità che i malumori italiani non si incardinano più nel tradizionale schema poliziotto buono-poliziotto cattivo che il duo Padoan –Renzi interpreta da diversi mesi in tutte le sedi europee. A Renzi le roboanti invettive contro Bruxelles, a Padoan il compito puntuale di ricucitore.

Roba del passato. Ora anche le colombe giocano da falchi, e tutto il governo è schierato compatto contro le rigidità della Ue e dei suoi principali interpreti, Germania in testa. Un cambio di passo che si era avvertito già la scorsa settimana con lo scontro tra Matteo Renzi e Angela Merkel e che ora prosegue sui vari dossier che infiammano i rapporti con la Ue.

Ultima in ordine di tempo, la polemica sul salvataggio delle quattro banche italiane poste sotto la procedura di risoluzione. Da una parte l’Europa che ribadisce all’Italia di avere lasciato sostanzialmente campo libero, pur con paletti anche stringenti, nella scelta degli strumenti per salvare gli istituti, dall’altro il governo e Banca d’Italia che accusano l’Ue di non avere dato scampo al nostro Paese, “imponendo” il coinvolgimento dei risparmiatori nel salvataggio. In mezzo, la lettera che secondo l’esecutivo italiano testimonierebbe il diktat di Bruxelles e che per la Ue proverebbe invece la libertà di scelta concessa dall’Europa. Lettera che, in ogni caso, per la rigida policy comunitaria sulla diffusione di comunicazioni di questo tipo, i funzionari Ue avrebbero preferito tenere riservata.

Il braccio di ferro con l’Europa in materia di banche ha origini ben più lontane. Da oltre un anno il governo sta cercando di mettere a punto una soluzione per la vera bomba a orologeria nascosta in pancia agli istituti italiani: i 200 miliardi di crediti deteriorati che gravano come macigni sui bilanci delle banche. Prima dell’unione bancaria, lo Stato avrebbe avuto margini di manovra più ampi nella eventuale costituzione di una bad bank per la gestione di questi crediti. Ora, con le maglie più strette, le soluzioni prospettate dal governo hanno sempre incontrato l’altolà dell’Europa. E il tutto si è risolto, ad oggi, in un grande nulla di fatto, al netto di misure minori che non hanno aggredito il problema nella sua sostanza.

All’incandescente dossier bancario si è aggiunto – scrive oggi Repubblica – anche quello dell’Ilva di Taranto. Sotto la lente di ingrandimento della Direzione Concorrenza della Commissione sono finiti i decreti che, con il supporto delle banche, hanno garantito nuovi finanziamenti all’impresa, dopo che un groviglio inestricabile di decreti targati Monti, Letta e ora Renzi ha cercato di assicurare la continuità aziendale e produttiva della più grande acciaieria d’Italia senza interferire con l’attività dei magistrati che indagano sul siderurgico. Per questo, secondo il quotidiano di Largo Fochetti, sarebbe in arrivo una procedura d’infrazione nei confronti del nostro Paese. Un nuovo tassello dell’escalation che potrebbe spingere il governo – riferisce il quotidiano – ad usare un’arma nuova e insolita, il ricorso alla Corte di Giustizia contro le decisioni della Commissione. Non esattamente il modo migliore per abbassare i toni. “Tutte le nostre decisioni sono soggette allo scrutinio della Corte Ue”, ha puntualizzato oggi la Commissione con un certo disappunto.

Sullo sfondo resta la battaglia delle battaglie, quella che Renzi ha provato a giocare prima alle regole di Bruxelles e che ora ha visto un netto cambio di strategia: la flessibilità sui conti. Dopo avere sventolato come un successo della presidenza italiana la comunicazione pubblicata dalla Commissione a gennaio che concedeva un’interpretazione più elastica delle rigide regole di bilancio prevista dal Six Pack, con la legge di stabilità il governo ha deciso di premere più nettamente sull’acceleratore, prendendosi tutta la flessibilità possibile, anche quella che non era ancora stata autorizzata, e spingendosi persino oltre.

Così Renzi ha deciso di forzare al massimo, fino all’ultimo decimale possibile, la leva del deficit. Aggiungendo alla scommessa di una manovra espansiva che ha rinviato le misure più drastiche di risanamento agli anni a venire, nella speranza che la fase positiva dell’economia non si arresti, il rischio che in primavera la Commissione non mandi in frantumi un parte della manovra appena varata, bocciando il ricorso all’extra indebitamento che l’Italia ha approvato per finanziare molte misure previste nella legge di stabilità. Alcune, storcono il naso a Bruxelles, più assimilabili a mance elettorali che ai costi per implementare le riforme strutturali, gli investimenti o per fronteggiate emergenze eccezionali, come invece previsto dalle clausole europee.

Sarà questo il nodo del duello tra Italia e Europa nel 2016. E un’eventuale bocciatura della manovra italiana potrebbe diventare a questo punto il detonatore definitivo di un ordigno innescato già dalle tensioni degli ultimi mesi. Pronto ad esplodere la prossima primavera.

http://www.huffingtonpost.it/2015/12/24/italia-ue-2016_n_8873594.html?1450975691&utm_hp_ref=italy

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

*27 DICEMBRE 2015:NEL MONDO C’E’ UNA ITALIA CHE HA FAME

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Renzi: "Disincagliato  il Paese, nel mondo c'è fame di Italia"

Renzi: “Disincagliato il Paese, nel mondo c’è fame di Italia”

Anticipazione delle e-news

REAZIONE:MI VERGOGNO COME ITALIANO VERO DI SENTIRE DIRE QUESTE COSE AD UN IMPOSTORE DELLA PRIMA CARICA:IN UN PAESE CHE SIEDE AL TAVOLO DEL G 8 ABBIAMO LA VERGOGNANTE SITUAZIONE DI AVERE UNA ITALIA,UN’ALTRA ENORME ITALIA FATTA DALLA DISPORA DI “EMIGRANTI”  CHE FA LA FAME.NEL CUI NOME PERO VENGONO TESSUTI RAPPORTI E AFFARI DI ORO INTERNAZIONALI A BENEFICIO DI  UN CETO POLITICO CORROTTO,DEGENERATO E VERGOGNATE PER QUALSISI ITALIANO VERO.E  CHE INOLTRE SI AUTOPERPETUA ILLEGITIMAMENTE DA OLTRE 30 ANNI DURANTE L’ERA BERLUSCONI-LEGA-LOMBARDO(ALFANO)FINI-PRODI.

VIA IMPOSTORE GOLPISTA,BUFFONO,FANULLONE CORROTTO,BUONO A NULLA,TRADITORE DELLA ITALIANITA.VIA E FARE RITORNARE TUTTI GLI ITALIANI DELLA DIASPORA. NESSUN MOTIVO PUO GIUSTIFICARE CHE UN PAESE CHE SI DICE DI TRADIZIONE EUROPEA,CHE PRETENDE CHIAMARSE PAESE SVILUPPATO,CHE SIEDE AL TAVOLO DEL G8,RIPETO,ABBIA UNA IMMENSA POPOLAZIONE DI RIGETTATI IN TERRE STRANIERI OSTAGGI DELLA FAME  IN TUTTO IL MONDO .NON SUCCEDE CON LA FRANCIA,NON SUCCEDE CON LA GRAN BRETAGNA,NON SUCCEDE CON LA GERMANIA,NON SUCCDE CON CANADA,NON SUCCEDE CON GLI USA,ECC,ECC,ECC.NON SUCCEDE INSOMMA IN NESSUN PAESE DEGNO DI CHIAMARSI SVILUPPATO.

-APPENDICE:TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

LA ENEWS

Renzi: «L’economia torna
a crescere, le tasse vanno giù»

Il premier traccia il bilancio di fine anno: «Siamo ancora in pista per i diritti civili, c’è tanta fame di Italia nel mondo». E poi la stoccata ai ‘gufi’: «Siamo usciti dalle secche, un anno fa c’era chi prevedeva il fallimento di Expo»

REAZIONE:RENZI E LA SUA CAMPAGNA “COMUNICARE BENE” ALTRO NON SONO CHE MENSOGNE E PROPAGANDA.L’ECONMIA NON HA TORNATO A CRESCERE UN BEL NULLA,IL PIL OSCILA IN PICCOLISSIMI MARGINI PIU CHE NON SI FINISCONO DI CONFERMARE,L’INDEBITAMENTO DELL’ITALIA E’ ASTRONOMICO,LA SUA MANOVRA NON E’ STATA SANCITA DALL’UE,L’IMPIEGO GENUINO NON HA CRESCIUTO,E L’INGRESSO FAMILIARE SI STA FACENDO CON PREMI DA KERMESSE E NON UNA VERA E PROPIA POLITCA ECONOMICA DI CRESCITA.INOLTRE RENZI E’ ISOLATO INTERNAZIONALMENTE E CONFRONTATO CON L’UE COME BERLUSCONI AI TEMPI DELLA CRISI CHE LO HA PORTATO ALLA CADUTA.SUL PIANO ISTITUZIONALE IL GOVERNO RENZI NON HA ANCORA PARTITO,LE RIFORME NON SONO STATE FATTE E I POCHI  CAMBIAMENTI NEOLIBERALI SONO IN DISCUSSIONE E IN BILICO. L’EXPO?BUFFONE,L’EXPO HA FALLITO,LA SCONFITTA DELLA CARNE E’ LA SCONFITTA DELL’EXPO “DELL’ALIMENTAZIONE” FATTA PER FARE AFFARI AI GRANDI ALLEVATORI DI BESTIAME DELLA FINE DEL MONDO DA DOVE VIENE IL PAPA CHE OGGI LI SI SENTE SANGUINARE PER LA FERITA POST-EXPO.E LA PROVA PALESE STA NEL FATTO CHE IL “LATITANTE” SALA SI NEGA A SCHIERARSI CON RENZI PER LA CORSA AL COMUNE DI MILANO.COMUNICHI BENE GIOVANOTTO,PER NON DIRE “……….INFANTO-GIOVANILE”.

-

*28 DICEMBRE 2015:RENZI BUGGIARDO,TASSE NON CALANO

-SU IL GIORNALE:

Le imprese smentiscono Renzi: “Le tasse non caleranno fino al 2018″

.

Tasse alle stelle per i prossimi tre anni: la legge di Stabilità non alleggerisce la pressione sulle famiglie, che anzi quest’anno è cresciuta ancora. E tutto questo senza calcolare gli effetti devastanti di una manovra completamente in deficit…

Ivan Francese – Sab, 26/12/2015 – 22:10
.

Altro che riduzione delle tasse: la pressione fiscale è aumentata dal 2014 al 2015 e non diminuirà significativamente prima del 2018.

A certificarlo è Unimpresa, il cui Centro studi ha analizzato gli effetti della legge di Stabilità sui conti pubblici: “Le misure contenute nella legge di Stabilità non produrranno effetti significativi per la riduzione della pressione fiscale che dopo aver toccato il 43,4% del il nel 2014 resterà stabilmente sopra la soglia del 43% fino al 2018 quando si abbasserà lievemente al 42,9%. Gli sgravi tributari previsti dalla manovra sui conti pubblici, pertanto, non produrranno gli effetti sperati per le famiglie: rispetto al prodotto interno lordo, il peso delle tasse si attesterà a quota

3,7% quest’anno, al 43,1% nel 2016, al 43,0% nel 2017 e al 42,9% l’anno successivo”.

Le affermazioni trionfalistiche del governo Renzi sul taglio delle tasse trovano quindi l’ennesima smentita: a consentire al premier di propagandare i presunti effetti benèfici della manovra sono esclusivamente gli aumenti di tasse rinviati ai prossimi mesi. “A pesare sull’aggravio fiscale – spiega ancora Unimpresa – è soprattutto il programmato aumento dell’Iva che schizzerà fino al 25% e comporterà un aggravio di tasse, dal 2017 al 2019, di oltre 54 miliardi di euro. Rispetto al 2016, il prelievo legato all’imposta sul valore aggiunto salirà di oltre 15 miliardi nel 2017, aumenterò di 19,5 miliardi nel 2018 e di altri 19,5 miliardi nel 2019. Sono previsti, poi, incrementi delle accise sulla benzina, nel triennio, per 700 milioni di euro. Il giro di vite fiscale previsto dalle clausole di salvaguardia inserite nella manovra ammonta, pertanto, a 54,2 miliardi”

C’è inoltre un’altra considerazione da tenere presente: l’annunciato (e farlocco) taglio delle tasse è stato previsto a fronte di un aumento del deficit, che però porterà inevitabilmente a un aumento del debito pubblico (che è infatti pari all’accumularsi del deficit anno dopo anno). Il fardello sulle spalle delle giovani generazioni di italiani si farà quindi più pesanti e l’unico modo di alleggerirlo sarà, ancora una volta, quello di aumentare la pressione fiscale.

http://www.ilgiornale.it/news/economia/imprese-smentiscono-renzi-tasse-non-caleranno-fino-2018-1207795.html

REAZIONE:ECCO LA VERITA.MA….CHI LA DICE?:”IL GIORNALE” E’ IL GIORNALE DI FAMIGLIA DI BERLUSCONI.QUINDI:

-SANGUINA PER LE FERITE,SONO LE SUE IMPRESE AD ESSERE TASSATE.

-CALERANNO NEL 2018?NON SCHERZIAMO CAVALLIERE,RENZI NON ARRIVERA AL 2018.ANCHE SE OVVIAMENTE NON SARA LUI A FARLO CADERE,TUTTI DUE NON VOGLIONO LE TASSE.

-PERO LE TASSE CI VOGLIONO,SONO NECESSARIE:LA PROSTITUZIONE NON PAGHI,LE SCHIAVE SESSUALI DEVONO ESSERE LIBERATE DA VERO.A DISPETTO DI BERLUSCONI E RENZI,VIVA LE TASSE:CONTRO LA SCHIAVITU POST-MODERNA,LA CORRUZIONE IN GENERE ,E A FAVORE DEI COMUNI DOVE IL POPOLO PUO DA VERO FARE VALERE IL SUO PARERE.

-APPENDICE:TITOLARE LA REPUBBLICA:

.

Il Giappone chiede scusa 70 anni dopo  per le schiave sessuali dell'esercito

Il Giappone chiede scusa 70 anni dopo per le schiave sessuali dell’esercito

Accordo con Seul per le ‘comfort women’

Decine di migliaia di donne furono rinchiuse in bordelli

-

*27 DICEMBRE 2015:ECCO L’ECONOMIA DI RENZI,DONNE LADRE DI CARAMELLE

-SU LA STAMPA:DONNA LADRA DI CARAMELLE

Ruba 37 pacchi di caramelle, arrestata per rapina

Tentato furto al Penny Market

Il Penny di corso Alessandria

25/06/2013
asti

I Carabinieri di Asti hanno arrestato per rapina Amy Camara, 36 anni pregiudicata, residente ad Asti.

Nella mattinata di ieri la donna è stata notata dal personale antitaccheggio del supermercato Penny Market di Asti – Corso Alessandria, mentre era intenta ad aggirarsi o tra gli scaffali del negozio.

Una volta superate le casse è stata fermata per un controllo dal personale che l’ha trovata con 37 confezioni di caramelle, per un valore di circa 40 euro.

A quel punto la donna si è scagliata violentemente contro l’operatore della sicurezza ma è stata immediatamente bloccata e consegnata ai Carabinieri. La donna si trova nella Casa Circondariale di Torino.

http://www.lastampa.it/2013/06/25/edizioni/asti/ruba-pacchi-di-caramelle-arrestata-per-rapina-RnOzEPQXsjDkat836YyaAI/pagina.html

REAZIONE:CONDANNATA

-SU LA STAMPA:LADRA DI CARAMELLE 2,PENSIONATA

-

Pensionata ruba le caramelle per i nipotini, i carabinieri pagano il conto

I due militari intervenuti nel supermercato non hanno denunciato la donna, che vive con una pensione di 400 euro al mese, e hanno pagato i 27 euro di tasca propria
26/12/2015

«È una vicenda che esprime la forte presenza dell’Arma sul territorio e la vicinanza alla gente». Così il comandante provinciale dei carabinieri di Brescia Giuseppe Spina ha definito il gesto di due carabinieri di Manerba che hanno pagato di tasca loro i 27 euro di dolci che una signora di 75 anni aveva portato via da un supermercato per regalarli ai nipoti per Natale dopo aver finito i soldi della pensione. I due militari erano intervenuti su segnalazione della direzione del supermercato.

«È bastato uno sguardo con il collega per capire che era la cosa giusta da fare», ha detto il maresciallo Enrico Mazzurana, autore del gesto con il carabiniere Alessio Columbro. «Quando abbiamo pagato evitandole la denuncia la signora ci ha abbracciato e ha pianto», ha aggiunto quest’ultimo. Tutta la stazione dei carabinieri di Manerba ha poi deciso di partecipare al rimborso di 27 euro dei dolci rubati dal supermercato.

http://www.lastampa.it/2015/12/26/italia/cronache/pensionata-ruba-le-caramelle-per-i-nipotini-i-carabinieri-pagano-il-conto-bD7mEoOqNr3OmY5AbrjeDP/pagina.html

REAZIONE:RISCATTATA GRAZIE ALLA POLIZIA.

-

*28 DICEMBRE 2015:BANCA ETRURIA,E RENZI NON E’ INNOCENTE

-SU LA REPUBBLICA:

Arezzo, Banca Etruria, pugni e grida dei risparmiatori: “Ladri, ladri”
.
Manifestazione dei risparmiatori che hanno perso gli investimenti nelle obbligazioni subordinate davanti alla sede storica della banca,di LAURA MONTANARI
.
28 dicembre 2015

.
Arezzo, Banca Etruria, pugni e grida dei risparmiatori: "Ladri, ladri"(ansa)

Pugni contro i vetri della sede centrale di Banca Etruria ad Arezzo. Gente che grida: “Ladri, ladri”, “Non ci arrenderemo”. I risparmiatori che si ritengono danneggiati da Banca Etruria protestano davanti al banca. C’è rabbia e amarezza, in una cinquantina sono arrivati da varie parti della Toscana e d’Italia, chi con il treno, chi con i bus, chi con le macchine. Un gruppetto ha tentato di forzare il blocco e di entrare nella sede centrale, ma al secondo sbarramento dopo aver guadagnato l’atrio, non è  riuscito ad entrare. I contestatori sono stati circondati dalle forze dell’ordine, ci sono stati attimi  ti tensione ma nessun contatto. La protesta è andata avanti fino al pomeriggio e corso Italia, strada del centro della città toscana, è rimasta bloccata dai vigili urbani.

Il presidio è stato organizzato dal comitato ‘Vittime del salva-banche’ e in una staffetta i risparmiatori si sono alternati nelle proteste davanti alla sede dell’istituto. Gli ex obbligazionisti hanno sfidato il freddo e la nebbia per contestare contro quella che definiscono “una truffa” ai loro danni. Hanno issato striscioni e cartelli con scritto “Qui giace la fiducia nel sistema bancario”, “Rivogliamo tutti i soldi che ci avete rubato” e “A noi lezioni di finanza a voi lezioni di onestà”, “Rivogliamo tutti i soldi che ci avete rubato”, “No all’elemosina” e altri slogan. I risparmiatori sono arrabbiati con le nuove banche che proprio dopo l’ultimo consiglio di amministrazione hanno preso le distanze dai risarcimenti facendo sapere nei giorni scorsi che la competenza è della bad bank. Otto ore davanti alla banca sono rimasti i risparmiatori in tutto oltre un centinaio: “Diciamo no al fondo proposto dal governo, è insufficiente. Anche gli azionisti devono essere risarciti non soltanto gli obligazionisti. E l’arbitrato è ridicolo, non disciplina niente: non è vero che le obbligazioni sono state vendute online, si vendevano anche quelle del mercato secondario allo sportello” spiega Silvia. I risparmiatori sono arrabbiati anche contro la Banca d’Italia dove a breve torneranno a manifestare perché “non ha vigilato” e “avrebbe dovuto intervenire per evitare che le banche continuassero a vendere carta straccia”.
.

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2015/12/28/news/arezzo_banca_etruria_pugni_e_grida_dei_risparmiatori_ladri_ladri_-130263696/?ref=HREC1-2

.
REAZIONE:RISARCIMENTO?COMMISIONE DI RIFORMA DEL SISTEMA BANCARIO?ASPETTATI SEDUTI.IL MIGLIOR MODO DI METTERE NEL DIMENTICATOIO LA VICENDA E’ FARE UNA COMMISIONE PARLAMENTARE:LE SUE CONCLUSSIONI SI PROLUNGANO ALL’INFINITO E MAI RISOLVONO NIENTE.

-APPENDICE:CORRIERE DELLA SERA

corriere.it
.
PopEtruria, i verbali manipolati per nascondere le maxiperdite
.
l’indagine
.

Milano, 28 dicembre 2015 – 07:41

(Ansa)(Ansa)

Verbali contenenti dati falsi per nascondere le perdite. Resoconti delle riunioni del consiglio di amministrazione, poi commissariato nel febbraio scorso, «omissate» per occultare i possibili conflitti di interesse. Le accuse degli ispettori della Vigilanza ai vertici di Banca Etruria evidenziano irregolarità che dovranno essere adesso valutate dai magistrati titolari delle due inchieste già aperte: il procuratore di Arezzo Roberto Rossi che indaga sul dissesto e il pubblico ministero di Civitavecchia Alessandra D’Amore che si occupa delle obbligazioni dopo il suicidio di Luigi D’Angelo, pensionato che aveva perso 110mila euro. Illeciti elencati nel procedimento disciplinare che potrebbero essere contestati anche penalmente. Perché, evidenziano i funzionari di Bankitalia, «ci sono stati ben cinque verbali di rilievo dell’ Internal audit tra dicembre 2013 e maggio 2014 ma insufficiente attenzione è stata prestata dagli organi aziendali alle indicazioni scaturenti dalle verifiche effettuate dallo stesso organismo».

Numeri falsi sulle «sofferenze»

La relazione prende in esame ogni aspetto patrimoniale dell’Istituto di credito e naturalmente si sofferma sulle cause del «buco» nei bilanci che ha raggiunto quota tre miliardi di euro, ma anche su quello che si sarebbe dovuto fare per tentare di arginare le perdite. Ma soprattutto evidenzia quello che è stato fatto per nascondere la situazione reale. Scrivono gli ispettori: «Le analisi ispettive hanno posto in luce significative carenze nella gestione documentale delle partite deteriorate. L’ Internal audit ha sottoposto a verifica un campione di «sofferenze» di importo inferiore a 50mila euro e di «incagli». È emerso che: con riferimento alle «sofferenze» il 57 per cento dei rapporti (307 posizioni su 539) non risultava allineato alla policy aziendale di svalutazione vigente fino al 29 dicembre 2014; per quel che riguarda gli «incagli», il 20 per cento dei rapporto (53 su 264) era da riclassificare a sofferenza mentre, con riguardo alle rettifiche di valore, il 37 per cento (98 posizioni) non risultava allineato alle regole interne.

Le «omissioni» nei verbali

Secondo i funzionari della Vigilanza «il consiglio di amministrazione ha per lo più ratificato scelte e decisioni che sono state assunte in altre sedi». Per questo evidenziano come la «Commissione consiliare informale» composta dal presidente Lorenzo Rosi, dai vicepresidenti Alfredo Berni e Pierluigi Boschi – padre della ministra per le Riforme Maria Elena – e dai consiglieri Felice Santonastaso, Luciano Nataloni e Claudio Salini – presidente anche della «controllata» Banca Federico Del Vecchio – che «insieme ai consulenti ha determinato i percorsi da intraprendere in merito al processo di integrazione e le condizioni alle quali esso si sarebbe potuto realizzare. L’assenza di qualsiasi verbalizzazione delle attività svolte da tale “Commissione” ha concorso a rendere poco trasparente il percorso decisionale». Non solo. Nel capitolo relativo al conflitto di interessi già contestato anche in sede penale a Rosi e Nataloni per aver «omesso di dichiarare che alcune società destinatarie dei finanziamenti concessi da Etruria erano a loro riconducibili», i funzionari della Vigilanza paventano la possibilità che in realtà i vertici fossero perfettamente a conoscenza della situazione. E infatti nel dossier sottolineano: «In alcune sedute del Cda e del Comitato esecutivo si è riscontrata una generica enunciazione nella parte del verbale di “fattispecie ex art.2391) (che appunto punisce chi ha un doppio ruolo e non lo rende noto ndr ), priva tuttavia dei necessari elementi informativi, in particolare la natura, i termini, le origini e la portata degli interessi». Inoltre in tutti i casi in cui le deliberazioni venivano assunte a una livello decisionale inferiore (ad esempio nel Comitato crediti), la possibilità di esercitare ogni forma di controllo era esclusa ex ante ».

8 dicembre 2015 (modifica il 28 dicembre 2015 | 12:25)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 http://www.corriere.it/cronache/15_dicembre_28/popetruria-verbali-manipolati-nascondere-maxiperdite-e5be8c68-ad2c-11e5-9cdb-e2ca218c6ee2.shtml
.

*28 DICEMBRE 2015.LIBYA,SI,MA…..UN LAWRENCE D’ARABIA NON C’E'!

C.E.I.:Matteo 10,32-11,5

*10,32 Chi dunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli;
3 chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli.
*
4 Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada.
5 Sono venuto infatti a separare
il figlio dal padre, la figlia dalla madre,la nuora dalla suocera:
*
e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
*
7 Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me;
8 chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me.
9 Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.
*

0 Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.

1 Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto. *

2 E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».

PAROLA DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

-SU LE FIGARO:

.

«Il manque un Lawrence d’Arabie pour unir toutes les tribus qui bouteront Daech hors de Libye»

.

*Home,FIGARO VOX,Vox Monde

*Par Alexandre Devecchio

*Mis à jour le 26/12/2015 à 14:08

*Publié le 24/12/2015 à 11:51

FIGAROVOX/ENTRETIEN – Pour Alain Rodier la progression de l’État islamique en Libye est inquiétante et la marge de manoeuvre d’une éventuelle coalition limitée.

Spécialiste du terrorisme et de la criminalité organisée, ancien officier au sein des services de renseignement français, Alain Rodier est directeur de recherche au Centre Français de Recherche sur le Renseignement (CF2R).


Daech progresse en Libye. Le pays peut-il tomber dans l’escarcelle de l’Etat islamique?

Alain Rodier: Pas pour l’instant. A savoir que la Libye n’est pas l’Irak ni même la Syrie. Daesh est concurrencé par d’autres mouvements islamistes très bien implantés qui ont refusé de prêter allégeance à Abou Bakr al-Baghdadi. C’est en partie le cas à Derna où l’Etat Islamique (EI) a été obligé d’abandonner le centre ville à une coalition de groupes radicaux. Les milices Fajr Libya qui contrôlent Tripoli sont résolument opposées à Daesh (ce qui ne veut pas dire qu’elles apprécient les Occidentaux). Al-Qaida est présent historiquement dans le pays ayant fourni nombre de cadres à la nébuleuse via son mouvement le Groupe Islamique Combattant Libyen (GICL). Al-Qaida au Maghreb Islamique (AQMI) est présent dans le Fezzan (au sud du pays) depuis la révolution de 2011. La katibat Al-Mourabitoune (qui aurait réintégré AQMI mais son chef, Mokhtar Belmokhtar, n’a pas confirmé ce fait) serait aussi présente le long de la côte au sud de Benghazi. De nombreuses milices dîtes modérées s’opposent à Daesh ne souhaitant pas leur abandonner le pactole dont elles vivent (en particulier le pétrole). Enfin, les populations ne sont pas particulièrement favorables aux activistes étrangers de l’EI. A savoir que si les Libyens ne constituent pas un «peuple» mais plutôt un conglomérat de tribus, ils ont une grande répulsion pour tout ce qui vient de l’extérieur.

Cela dit, la progression de Daesh qui compterait quelques 3000 combattants est inquiétante. L’EI contrôle désormais 250 kilomètres de côtes autour de Syrte qui est devenu le «Raqqa libyen», un peu la «devanture» du mouvement qui y applique ses lois. Il progresse vers les champs pétroliers plus au sud-est. Un grand sujet d’inquiétude est le ralliement possible de milices chargées de les défendre (en échange de la poursuite de leurs juteux trafics).

L’autre inquiétude réside dans la jonction possible avec Boko Haram (Nigeria) et l’extension des opérations terroristes dans tout le Sahel et particulièrement en Tunisie. A cela vient s’ajouter le problème des migrants qui n’a pour l’instant aucune solution.

Est-ce la conséquence directe de la première guerre de Libye?

La conséquence de la première guerre de Libye est la constitution d’une zone grise où Daesh a pu s’implanter durablement et de récupérer quantités d’armes. Quoiqu’en disent les responsables politiques français aux affaires à l’époque, cette intervention a été catastrophique pour la stabilité de l’ensemble de la région et a démontré un aveuglement coupable.

Une nouvelle intervention militaire est-elle inéducable?

Cela est extrêmement compliqué. Il faut obtenir un vote du Conseil de sécurité de l’ONU adoptant une résolution de recours à la force (Chapitre VII). Rien ne dit que Moscou et Pékin échaudés par ce qui s’est passé en 2011 (résolution 1973) acceptent de voter favorablement ou, au moins, de s’abstenir.

La deuxième solution consiste à ce qu’un gouvernement unique reconnu par la communauté internationale soit enfin mis sur pied. L’ONU ne ménage pas ses efforts pour obtenir l’accord des assemblées de Tobrouk (légale) et de Tripoli (non reconnue) ayant proposé un gouvernement de transition le 14 décembre. Pour le moment, les députés des deux bords se font tirer l’oreille. De plus, de nombreuses milices sont hostiles à toute intervention extérieure car elles craignent d’être désarmées à terme et de perdre ainsi leurs juteux avantages, en particulier Fajr Libya.

Mais si un gouvernement parvient à réellement être constitué, il pourra lors officiellement faire appel à l’aide militaire internationale. Le problème de légalité politique sera donc réglé.

Quelle forme la coalition pourrait-elle prendre?

Les rumeurs les plus folles courent mais, au niveau occidental, il est fortement question de la participation de la France, de la Grande-Bretagne, de l’Italie, peut-être de l’Espagne et avec l’appui des Américains. L’opération navale Sophia qui contrôle théoriquement les côtes libyennes pourrait considérablement être renforcée. Rest à savoir quel rôle pourrait être dévolu aux pays voisins de la Libye. Généralement, ils ne font que tenter de verrouiller leur frontière.

La France peut-elle et doit-elle en prendre le leadership?

Je ne pense pas que ce soit l’objectif. En effet, il faut préserver les apparences. Il convient donc que la direction des opérations, au moins sur le plan politique, soit libyenne. Il est possible de créer un état-major conjoint où des hauts gradés libyens occupent le devant de la scène (un peu comme en Irak en ce moment).

Par contre, les moyens militaires français sont actuellement au taquet. Si la décision est prise, il va donc falloir réduire la voilure. Par exemple, le Charles de Gaulle serait plus utile au large des côtes libyennes que dans le Golfe persique. Il serait aussi utile de renforcer le dispositif de Barkhane au Niger. En effet, depuis cette région des raids des forces spéciales pourraient être lancés dans le Fezzan.

Les Russes doivent-ils être associés dès le départ?

C’est obligatoire sur le plan politique. Je vous ai parlé des réticences de Moscou sur à la résolution de l’ONU n° 1973 de 2011 qui avait largement dépassé son mandat passant de la défense des populations civiles à faire tomber Kadhafi. Les deux pays ont juré que l’on ne les y reprendrait pas. Mais les intérêts peuvent évoluer d’autant que les Russes et les Chinois fondent des espoirs de développement économique sur le continent africain, certes à long terme.

La guerre doit-elle être menée au sol?

Il y a déjà beaucoup d’hommes au sol quand on compte toutes les milices. Le problème est qu’elles sont totalement indépendantes et ont des intérêts totalement différents. Leur implantation est généralement locale. Il va falloir négocier fermement. Au fond, il manque un Lawrence d’Arabie pour réaliser l’union de toutes les tribus qui bouteront Daesh hors de Libye.

Alexandre Devecchio,auteur,139 abonnés,Suivre

Journaliste au Figaro et responsable du FigaroVox. Me suivre sur Twitter : @AlexDevecchio

http://www.lefigaro.fr/vox/monde/2015/12/24/31002-20151224ARTFIG00075-il-manque-un-lawrence-d-arabie-pour-unir-toutes-les-tribus-qui-bouteront-daesh-hors-de-libye.php

REAZIONE:E SE LO DICE LA FRANCIA CHE COMMANDA……!,QUELLO DEL TITOLO.

-

*30 DICEMBRE 2015:TRUFFA ETRURIA,RENZI E BOSCHI,ATTUALIZAZIONE

-SU LA STAMPA:

Banca Etruria, per il pm indizi chiari. Ora si prospetta il reato di bancarotta

Il procuratore di Arezzo Roberto Rossi convince il Csm: “Nessuna incompatibilità tra inchiesta e consulenza a Palazzo Chigi”. Richieste le relazioni di Bankitalia
LAPRESSE
29/12/2015
francesco grignetti
roma

Sembra proprio aver convinto, il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, chiamato dal Consiglio superiore della magistratura a spiegare la storia della sua consulenza al governo. «Allo stato dei fatti non c’è un caso Rossi – afferma Renato Balduzzi, membro laico del Csm, di Scelta civica, presidente della commissione che sta approfondendo la vicenda – e non esiste incompatibilità. È stato lineare e convincente. Un magistrato indipendente e imparziale».

Se anche l’ultima parola non è stata scritta, dunque, dato che il Csm vuole acquisire le tre relazioni degli ispettori di Bankitalia, l’11 gennaio 2016, alla prossima riunione, si profila un’archiviazione senza danni per il magistrato di Arezzo.

Rossi, a sua volta, è apparso determinatissimo a fare pulizia. Le indagini su Banca Etruria – ha spiegato nel corso dell’audizione – sono iniziate nel primo semestre del 2013, «quando ancora non era iniziata la mia consulenza con palazzo Chigi», e ha fatto capire che a questo punto il quadro indiziario è chiaro. La procura attende solo la relazione finale del commissario liquidatore per chiudere le indagini e procedere alla formale richiesta di rinvio a giudizio. E qui potrebbero venire le novità: se finora si procede per truffa, false fatturazioni, ostacolo alla vigilanza e conflitto di interesse, alla luce delle ultime acquisizioni ad Arezzo si comincia a ragionare anche di falso in bilancio e di bancarotta. Un reato grave, quest’ultimo, che prevede condanne da 6 mesi a 2 anni se semplice, da 3 a 6 anni se fraudolenta.

Ieri però al Csm era in discussione l’opportunità o meno, per il procuratore capo Rossi, di fornire la sua consulenza al governo e allo stesso tempo gestire un’inchiesta che lambisce la famiglia del ministro Maria Elena Boschi. Rossi ha innanzitutto chiarito che la consulenza lui l’ha fornita a titolo gratuito, che al massimo era previsto un rimborso spese, ma che non ne ha usufruito né intende farlo, e che perciò, proprio perché la considera una consulenza tecnica a titolo gratuito, non ha specificato nulla al Csm.

Quanto ai tempi dell’inchiesta, il procuratore ha garantito che l’indagine è partita prima che la Boschi divenisse ministro e che nulla ne ha ritardato l’iter. È stato a tal punto convincente, che Balduzzi ha garantito: «Abbiamo iniziato a farci l’opinione, all’unanimità, che non ci siano margini per aprire una pratica per incompatibilità ambientale o funzionale».

C’è da dire che mettere sotto inchiesta il magistrato avrebbe inevitabilmente comportato un terremoto alla sua inchiesta. E il consigliere Piergiorgio Morosini, togato della corrente Area, uscendo, ha precisato: «È importante tutelare anche le indagini in corso, soprattutto per i risparmiatori che attendono risposte che devono essere convincenti».

Per tagliare la testa a ogni futuro eventuale conflitto di interessi, il consigliere Pierantonio Zanettin, laico di Forza Italia, ha chiesto intanto di rimettere mano alla normativa e di vietare ogni consulenza per i capi delle procure, gratuite e non.

.

http://www.lastampa.it/2015/12/29/economia/banca-etruria-per-il-pm-indizi-chiari-ora-si-prospetta-il-reato-di-bancarotta-h4VUSYvEFKoIhHhTxvKb0O/pagina.html

.

REAZIONE:SUL PM ROSSI HO AVUTO RAGIONE.BERLUSCONI E FI NO.

I PM SONO GLI ACCUSATORI PUBBLICI E IL SUO INCARICO E’ INVARIABILMENTE TECNICO,QUINDI INDIPENDENTE DEL POTERE POLITICO.

E C’E’ UN ATTACO GENERALE CONTRO I PM PERCHE SONO I GARANTI DELL’OPERA PUBBLICA DELLA NUOVA ERA.

-

1 DICEMBRE 2015:CONFERMATO,LA FRANCIA OGETTIVO DISEGNATO

-SU LE MONDE:Attentats du 13 novembre

 Attentats de Paris : l’assaut du Bataclan, raconté heure par heure
Le Monde.fr | 30.12.2015 à 08h27 ,Mis à jour le 31.12.2015 à 12h20 | Par Simon Piel, Emeline Cazi et Soren Seelow

Partager Tweeter

Le Bataclan, le 22 décembre.

Les quelque 6 000 procès-verbaux de l’enquête – dont Le Monde a pris connaissance – permettent de retracer avec une grande précision les préparatifs des terroristes et le déroulement des attentats. Ils permettent notamment de comprendre comment s’est passé exactement l’assaut du Bataclan.

Lire aussi notre enquête : Attentats de Paris : les commandos étaient coordonnés en temps réel de Belgique

1 h 45 : « Ils sont où les Ricains ? »

Peu après 21 h 45, alors que deux bombes ont déjà explosé au Stade de France et que des dizaines de morts gisent sur les terrasses des 10e et 11e arrondissement de Paris, trois hommes – Samy Amimour, Foued Mohamed-Aggad et Ismaël Mostefaï – descendent d’une Polo et font feu devant la salle de spectacle. Trois personnes meurent aussitôt.

Les rescapés de cette première fusillade se réfugient aussitôt à l’intérieur de la salle, ignorant le cauchemar qui les attend. Deux terroristes se dirigent vers la fosse et tirent à nouveau. Un vigile ouvre une issue de secours pour laisser sortir les spectateurs, mais un troisième homme les attend dehors et mitraille, avant de rejoindre ses deux complices dans la salle.

Dans la fosse, les spectateurs pris au piège se couchent au sol, feignant d’être morts. « Celui qui bouge, je le tue, tu vas voir toi », lance un assaillant en tirant méthodiquement dans la foule : « J’avais dit de ne pas bouger ! » Certains s’amusent avec les otages : « Allez-y, levez-vous, ceux qui veulent partir, partez », lance l’un d’eux. « Bien sûr, tous ceux qui se sont levés se sont fait tirer dessus », raconte un rescapé :

« Les terroristes ont recommencé, et d’autres otages se sont levés. De nouveau, ils ont tiré. Ils s’amusaient, ça les faisait rire. »

Après les premières salves, les assaillants font une pause. « Il est où le chanteur ? Ils sont où les Ricains ?, demandent-ils. C’est un groupe américain, avec les Américains vous bombardez, donc on s’en prend aux Américains et à vous. » Divers propos censés justifier le massacre sont rapportés par des survivants :

« Vous allez voir ce que ça fait les bombardements en Irak, on fait ce que vous faites en Syrie, écoutez les gens crier, c’est ce que les gens vivent en Syrie sous les bombes, vous tuez nos femmes, nos frères et nos enfants, on fait pareil, on est là pour vous, nous on est pas en Syrie mais on agit ici. Vous nous faites ça, on vous fait ça. »

2 heures : le commissaire D. arrive au Bataclan

Les premiers policiers arrivés sur place, vers 22 heures, ont été alertés par radio dix minutes plus tôt qu’une fusillade était en cours au Bataclan. Ils sont deux, un commissaire divisionnaire et un brigadier, membres de la BAC de nuit parisienne, et ne sont pas équipés pour faire face à des armes de guerre. Ils pénètrent dans la salle par l’entrée principale, une simple arme de poing à la main. Leur intervention a mis fin au massacre.

Le commissaire D. raconte ses premiers pas dans la salle :

« Nous constations la présence de plusieurs corps sans vie et percevions distinctement des hurlements entrecoupés de détonations multiples. Dans le sas d’entrée, les portes opaques s’ouvraient soudainement par l’effet de nombreuses personnes se précipitant vers nous en hurlant (…). Vu l’urgence de porter assistance aux personnes restées à l’intérieur, nous pénétrions dans la salle illuminée, des spots de scène étant dirigés vers notre position. Plusieurs centaines de personnes étaient couchées au sol, ne nous permettant pas de déterminer si elles étaient vivantes ou mortes. »

2 h 07 : « Je me suis dit qu’ils étaient vraiment débiles »

A une vingtaine de mètres, sur la gauche de la scène, les deux policiers aperçoivent un des preneurs d’otages. Il s’agit de Samy Amimour. Ils font feu à six reprises. « L’individu porteur du fusil d’assaut poussait un râle avant de tomber au sol et de relever la tête légèrement, poursuit le commissaire. A cet instant, une forte explosion survenait à son niveau, nous laissant penser qu’il avait actionné un engin explosif. » Il est 22 h 07.

La tête et une jambe de Samy Amimour sont projetées sur la scène. Depuis le balcon du premier étage où ils ont pris position, ses deux complices – Ismaël Mostefaï et Foued Mohamed-Aggad – tirent sur les policiers, les contraignant à battre en retraite. Une rescapée qui se trouvait à l’étage se souvient de la réaction des terroristes au moment de la mort de Samy Amimour :

« J’ai reçu un bout de chair dans mes cheveux. Ça les a fait rire. Ils ont dit tiens il s’est fait exploser”. Ça les a fait marrer, et je me suis dit qu’ils étaient vraiment débiles. »

Après l’intervention des policiers de la BAC, Ismaël Mostefaï et Foued Mohamed-Aggad se réfugient dans un couloir en forme de « L », fermé par une porte, emmenant avec eux une dizaine de spectateurs. « Ils discutaient tous les deux à quelques mètres de nous », se souvient une survivante.

« Je crois qu’ils parlaient de nous on va les garder ça va être marrant. Ils avaient l’air contents. Leur visage satisfait m’a marqué. »

Un autre otage se rappelle qu’ils « demandaient aux gens ce qu’ils entendaient derrière la porte. Les gens disaient qu’ils entendaient des gémissements, ça les faisait rire ». Les otages passeront près de deux heures dans ce couloir de 12 mètres avec les terroristes.

0 h 18 : l’assaut de la BRI

A 22 h 15, la première équipe de la BRI arrive sur place et relève les fonctionnaires de la BAC. Les hommes d’élite de la préfecture de police « nettoient » le rez-de-chaussée en contrôlant chaque survivant, dont ils redoutent qu’ils soient « piégés ». Une demi-heure plus tard, le RAID arrive sur place. Les deux colonnes de la BRI montent à l’étage. A chaque porte de toilette ouverte, des dizaines d’otages agglutinés sortent en courant. Certains descendent des faux plafonds où ils s’étaient réfugiés.

Vers 23 h 15, les policiers arrivent devant le couloir au fond duquel sont retranchés les deux terroristes. Derrière la porte, au moins une dizaine d’otages ont été disposés contre les portes et les fenêtres en guise de boucliers humains. Les terroristes font communiquer aux policiers des numéros de téléphone d’otages pour engager des négociations.

Le premier contact est établi à 23 h 27. Une survivante rapporte les revendications des terroristes :

« Je veux que vous enleviez vos armées, je veux un papier, et un papier signé qui le prouve, il est 23 h 32, si dans cinq minutes je n’ai rien, à 23 h 37 je tue un otage et je le balance par la fenêtre. »

Un cinquième contact est établi à 0 h 18 : il s’agit en réalité d’un appel de diversion qui donne le départ de l’assaut. Il va durer cinq minutes.

Protégée derrière un bouclier Ramsès, la colonne de la BRI progresse vers les assaillants, retranchés au fond du couloir derrière le coude du « L ». Les otages sont exfiltrés en rampant au sol. Aucun ne sera tué. Le Ramsès reçoit vingt-sept impacts. Touché mortellement par deux tirs, le premier terroriste, Foued Mohamed-Aggad, déclenche sa ceinture explosive, soufflant son complice, Ismaël Mostefaï, criblé de boulons. La prise d’otages du Bataclan a fait 90 victimes, et plusieurs centaines de blessés. Les trois attaques simultanées qui ont endeuillé la France cette nuit-là ont fait 130 morts.

Lire le récit complet de la préparation et du déroulement des attentats : De Molenbeek à Paris, sur les traces des terroristes du 13 novembre

A lire jeudi, la seconde partie de notre enquête sur les attentats du 13 novembre : la cavale et la traque

-Emeline Cazi,Journaliste au Monde Suivre Aller sur la page de ce journaliste
-Simon Piel,Journaliste au Monde Suivre Aller sur la page de ce journaliste Suivre ce journaliste sur
-Soren Seelow
-
Vidéo

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/12/01/92×61/4821735_7_d716_angela-merkel-le-1er-decembre-2015_f4301245fcb5e52fca17899889cd78b5.jpg

Angela Merkel, le 1er décembre 2015.

Le conseil des ministres allemand valide l’intervention militaire en Syrie

http://www.lemonde.fr/attaques-a-paris/article/2015/12/30/13-novembre-l-assaut-du-bataclan-heure-par-heure_4839440_4809495.htm

-APPENDICE:ALLERTA TERRORISMO,GIOCHI DI ARTIFICIO PROIBITI

lemonde.fr

Un réveillon du Nouvel An sous haute surveillance dans plusieurs grandes villes d’Europe

Face aux menaces terroristes qui pèsent sur les festivités de la Saint-Sylvestre, la sécurité a été renforcée dans de nombreux pays. Certaines manifestations prévues pour la nuit du 31 décembre au 1er janvier ont été annulées en Belgique, et, dans plusieurs pays, les forces de l’ordre ont été placées en état d’alerte maximal.

Le feu d’artifice n’aura pas lieu à Bruxelles

.

Des soldats patrouillent sur un marché de Noël, à Bruxelles, le 24 décembre.

Des soldats patrouillent sur un marché de Noël, à Bruxelles, le 24 décembre. FRANCOIS LENOIR / REUTERS

Yvan Mayeur, le maire de la capitale de la Belgique, a annoncé mercredi 30 décembre l’annulation du feu d’artifice dans le centre-ville. Près de 100 000 personnes s’étaient rassemblées l’an dernier place de Brouckère. « Il vaut mieux ne pas prendre le risque », a-t-il simplement justifié. « Une décision difficile, mais la bonne décision », a jugé Charles Michel, le premier ministre de la Belgique.

Sept perquisitions ont encore été menées jeudi matin dans quatre communes belges, dans le cadre de l’enquête sur des menaces d’attentats à Bruxelles. Six personnes ont été interpellées et sont actuellement entendues.

La veille, les forces de l’ordre ont arrêté et placé en détention provisoire deux personnes soupçonnées de préparer des attentats pour les fêtes de fin d’année. La menace, jugée « sérieuse », visait « plusieurs lieux emblématiques de Bruxelles », avait précisé le parquet fédéral.

Bien plus de policiers dans Paris et ses environs

Privée elle aussi de feu d’artifice, Paris maintient cependant la traditionnelle célébration du Nouvel An sur les Champs-Elysées. Elle se déroulera néanmoins dans un contexte de sécurité renforcée. Près de 1 600 policiers et gendarmes assureront la sécurité du plus grand rassemblement autorisé en France depuis l’instauration de l’état d’urgence après les attentats du 13 novembre.

Près de 11 000 hommes − policiers, membres des services de secours, dont 2 300 pompiers, 2 000 militaires et une soixantaine d’agents de la Ville de Paris ainsi qu’une centaine d’agents de la RATP et de la SNCF − seront déployés dans la capitale et sa petite couronne, contre 9 000 en 2014. « L’état de la menace terroriste est permanent », même s’« il n’y a pas d’élément nouveau spécifique à l’agglomération parisienne ou notre capitale dont nous ayons connaissance », a déclaré Michel Cadot, le préfet de police de Paris.

Au total, ce seront « plus de 100 000 policiers et gendarmes » qui seront mobilisés dans toute la France, selon le ministre de l’intérieur Bernard Cazeneuve, qui a répété qu’il n’y avait « pas de menace précise » d’attentat en France mais bien une « menace générale sur l’ensemble des capitales européennes ».

Lire aussi : Une surveillance accrue autour des églises lors des cérémonies de Noël

Attentats déjoués en Turquie et en Indonésie

En Turquie, la police a arrêté, mercredi, deux membres présumés de l’organisation Etat islamique (EI) soupçonnés de préparer un double attentat-suicide dans la capitale pour les fêtes de fin d’année. La police affirme qu’ils projetaient d’attaquer un centre commercial et une rue aux abords de la place de Kizilay, lieu traditionnel des festivités du Nouvel An.

La Turquie est en état d’alerte depuis l’attentat qui a fait cent trois morts et plus de cinq cents blessés devant la gare centrale d’Ankara, le 10 octobre, avant un rassemblement en faveur de la paix organisé par les mouvements prokurdes.

En Indonésie, le gouvernement a également dit avoir déjoué, à la mi-décembre, des attaques en préparation par des groupes islamistes locaux. Pas moins de 150 000 membres des forces de sécurité ont été mobilisés en cette fin d’année dans la capitale Jakarta et dans le reste du pays, pour protéger les lieux publics et les lieux de culte.

http://www.lemonde.fr/police-justice/article/2015/12/30/bruxelles-annule-les-festivites-du-nouvel-an-face-a-la-menace-terroriste_4839942_1653578.html

-

*1 GENNAIO 2016:LEGA E L’ISLAM,NON A  SCONTRO DI CIVILTA E/O RELIGIONI

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Lombardia, al via divieto del velo semi-integrale:  i cartelli negli ospedali

Lombardia, al via divieto del velo semi-integrale:i cartelli negli ospedali

La Regione adotta linea Lega contro pazienti musulmane

REAZIONE:SAREBBE OPPORTUNO CHE MARONI NON DIMENTICASSI NE MENO DI FARE DIVIETO DI FORNIRE ARMI AL TERRORISMO ISLAMICO.

COSA?SI,NON DIMENTICHIAMO NOI,CHE LA LEGA E’ UNA ORGANIZAZIONE PARAMILITARE(36 CAMICE VERDI A PROCESSO A BERGAMO) PIU VOLTE DEFINITA TERRORISTICA(IL TANK DI VENEZIA PER FARE SOLO UN ESSEMPIO)E CHE ULTIMAMENTE SONO STATE DIFFUSI I SUOI LEGAMI CON MOVIMENTI VIOLENTISTI INTERNAZIONALI(BIRMANIA AD ESS),ED E’ ANCHE IN ASSE CON IL FRONTE NAZIONALE DELLA FRANCIA.E AL RIGUARDO NON TRASCURIAMO NE TACCIAMO CHE LE ARMI PER LE STRAGGI DI PARIGGI LI SONO STATE FORNITI DA UN SUO INTEGRANTE PARAMILITARE.

NON VOGLIAMO SCONTRI DI CIVILTA E RELIGIONI,NON CRIMINALIZZARE L’ISLAM COME HA FATTO CON I SICILIANI E I MERIDIONALI:NON TUTTI I MUSSULMANI SONO TERRORISTI NE TUTTI I SICILIANI MAFIOSI,TUTTI I CAMPANI CAMORRISTI,CALABRESI DELLA N’DRANGHETA O I PUGLIESI DELLA SACRA CORONA.E…. A QUANTO DETTO SOPRA,QUESTA DIFFERENZA LA LEGA COME IL FRONTE NAZIONALE PARE CHE NON LO IGNORANO.VERO?

INSOMMA NON SIAMO DI FRONTE AD UNO SCONTRO DI CIVILTA NE DI RELIGIONI MA DI SCHIERAMENTI FRA ALLEATI DA UN PARTE,E PATTI COMPLICATI DI DISTRICARE FRA TERRORISTI-FASCISTI(ANCHE ISLAMICI) DALL’ALTRA:DOPO TUTTO E’ STATO IL PAPA A PARLARE DI TERZA GUERRA MONDIALE.COSI LE COSE L’ITALIA SI SCHIERI GIA SENZA ASPETTARE ALLE CONFERENZE A ROMA SABATO E DOMENICA PROSSIMA,SULLA QUESTIONE LIBICA.LA PRESENZA DELLO STATO ISLAMICO,IN LIBIA E ALTROVE,NON DEVE FARE PERDERE PERSPETTIVA CIRCA LA VERA NATURA DEL TERRORISMO,FRA CHI SINCERAMENTE LO COMBATTE SU  TUTTI I FRONTI,DALLA SIRIA A MELILLA SULLA SPONDA SUD DEL MEDITERRANEO NEL MONDO ARABO,MA NON SOLO,ANCHE IN OCCIDENTE E GLOBALMENTE.

Immagine anteprima YouTube

-

GENNAIO 2016:PAPA,TESTA DI SORCIO IN ARGENTINA,CODA DI LEONE IN EUROPA

.

-SU LE MONDE:

Conservateur en Argentine, progressiste au Vatican : qui est vraiment le pape François ?

LE MONDE | 31.12.2015 à 06h41,Mis à jour le 31.12.2015 à 14h59 | Par Christine Legrand (Buenos Aires, correspondante) et Angeline Montoya

Abonnez vous à partir de 1 € Réagir ClasserPartager Tweeter
image: http://s2.lemde.fr/image/2015/12/31/534×0/4840353_7_28ec_au-vatican-le-25-decembre_531a316c91985f698c5739591d90bff1.jpgAu Vatican le 25 décembre.

A voir le radieux pape François, il devient difficile d’imaginer l’austère jésuite argentin Jorge Mario Bergoglio. L’archevêque de Buenos Aires qu’il était, jusqu’à son élection au trône de Saint-Pierre, le 13 mars  2013, avait le visage triste. Le 266e souverain pontife affiche aujourd’hui un sourire éclatant. « Là-bas je souffrais, ici je suis heureux  », a-t-il confié à Rome à une vieille connaissance, Julio Barbaro, personnage historique du péronisme, lui-même formé chez les jésuites. « S’il n’avait pas été élu pape, il aurait pris sa retraite  », rappelle M. Barbaro – en 2011, Mgr Bergoglio avait présenté à Benoît XVI sa démission d’archevêque en raison de son âge (75  ans) –, précisant que « mis à part l’apparence  », c’est « toujours le même homme, qui cherche l’équilibre entre la doctrine catholique et l’action sociale  ».

« Il est heureux parce qu’il n’a personne au-dessus de lui à qui rendre des comptes  », a déclaré l’écrivaine et intellectuelle de gauche Beatriz Sarlo à José Maria Poirier, directeur de l’influente revue religieuse Criterio. «Sauf à Dieu  ! », a complété non sans malice ce dernier, qui connaît Jorge Bergoglio depuis plusieurs décennies.

« Il a toujours voulu le pouvoir  »De Jorge à François, les différences sont plus que d’apparence. Sur les homosexuels, par exemple. Contre la légalisation du mariage entre personnes du même sexe en 2010, qu’il qualifie de « manœuvre du diable  », l’archevêque écrit une lettre appelant à « mener…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

 http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2015/12/31/ombres-et-lumieres_4840001_3222.html
-
REAZIONE:PECCATO CHE NON POSSIAMO ACCEDERE ALL’ARTICOLO COMPLETO PERO QUESTA BREVE LETTURA CI LASCIA INTRVEDERE LA CORRETTEZZA DI QUALCUNE DELLE MIE CONSIDERAZIONI AL RIGUARDO DEL PAPA:
1-LA SUA AMBIGUITA CHE DELATA L’INADEGUATEZZA DI CIO CHE ERA IN ARGENTINA E CIO CHE VUOLE ESSERE IN EUROPA.
2-LA SUA AMBIZIOSA SETE DI POTERE.
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 259 »

25 dicembre 2015
0
 *25 DICEMBRE 2015:PAPA AMBIZIOSO,SCHERZA?
.
-TITOLARE THE HUFFINGTON POST
.
TOP BLOG
.
Andrea Riccardi,Storico, fondatore della Comunità di Sant’Egidio
.
Premio Carlo Magno a Papa Francesco, un invito a costruire l’Europa dell’integrazione
.
Papa Francesco

Indubbiamente la scelta della giuria di Aquisgrana di consegnare al papa argentino questo premio – che nel 2009 ebbi l’onore di ricevere anche io insieme alla Comunità di Sant’Egidio – è un segnale forte. Ha influito la grande popolarità europea di Francesco. Ma indubbiamente questo Karlspreis è un messaggio agli europei, nel senso di alzare lo sguardo al di là delle frontiere del continente e superare le divisioni. 2015-11-09-1447081923-4428236-logosantegidioperhuffpost.png

REAZIONE:L’AVEVO AVVERTITO SN DALL’INIZIO CHE QUESTO PAPATO SAREBBE STATO AMBIZIOSO MA QUESTO CHE STIAMO VEDENDO SEMBRA DA VERO TROPPO,SEMBRA SCHERZO:LUI UNIRE L’EUROPA?NON E’ TEMPO DI ASSOLUTISMI MEDIEVALI PRERIFORMISTI,NE QUELLO DEL FRANCESE CARLOMAGNO NE ALTRI DEL GENERE:MI PERMETTO RICORDARE AL SANTO PADRE CHE ANCHE SE LUI E’ GESUITA E NELLA SPAGNA REGNA UN BORBONE NON SIAMO PIU AI TEMPI DI CARLO V,”IL RE NEI CUI DOMINI NON TRAMONTAVA MAI IL SOLE”,ANZI LI RICORDO ORA CHE L’UNIONE EUROPEA HA RESPINTO UNA E MILLE VOLTE RICONOSCERE ALCUN CHE DI RADICI CRISTIANE,L’EUROPA NON HA LE SUE RADICI CRISTIANI, E QUESTA E’ LA VERITA CHE NESSUNA RAGIONE PUO SMENTIRE.E COMUNQUE L’EUROPA E’ GIA UNITA……. FINO AL PROSSIMO REFERENDUM INGLESE:AVANTI TUTTA CAMERON NON ALL’ASSOLUTISMO BORBONE.

-APPENDICE:BERGOGLO IL PAPA “POVERO”

Il Papa alla messa di Natale "Basta indifferenza   video    C'è bisogno di giustizia"   foto

Il Papa alla messa di Natale

“Basta indifferenza video

C’è bisogno di giustizia” foto

Tra i concelebranti i card. Parolin e Bertone

Video “Mondo ebbro di consumo, serve sobrietà”

REAZIONE:SE AL PAPA PIACE LA GIUSTIZIA E LA SOBRIETA LA INVITO A TORNARSENE NEL CONO SUD E NON VOLERE IMPORTARE LA DEPRIVAZIONE SOCIO-CULTURALE-MENTALE ED ECONOMICA NEI PAESI SVILUPPATI.LI POTRA AIUTARE A FARE GIUSTIZIA SU 30 MILA DESAPARECIDOS E CONDIVIDERE UN “ASADITO”(GENEROSAMENTE SPRUZZATO DA BUON VINO,NATURALMENTE)CON MUJICA IL PRESIDENTE PIU POVERO E AUSTERO DEL MONDO(CHE PERO HA SPESO TRECENTO SESANTA MILA DOLLARI IN UN FARAONICO CENONE).BASTA IPOCRESIE

-APPENDICE 1 :RENZI SULL’EUROPA FUNZIONALE AL PAPA

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

LA CONTROFFENSIVA DEL PREMIER

Renzi: quando ci attaccano diamo il meglio, Bruxelles ci rispetti

Il premier ai suoi: stiamo andando bene, i sondaggi non sono negativi.
Ma teme insidie nei numeri al Senato sulle riforme di Maria Tersa Meli
Decreto salvabanche, duello con L’Europa La lettera Ue Fubini e Salvia

-APPENDICE 2:

.

Banche e acciaio, è guerra tra l’Italia e l’Ue: bocciati gli aiuti all’Ilva

.

Banche e acciaio, è guerra tra l'Italia e l'Ue: bocciati gli aiuti all'Ilva

Formale apertura della procedura di infrazione. Pronti tre ricorsi alla Corte

di CLAUDIO TITO

ROMA – Si tratta dunque di uno scontro tra l’Italia e l’Unione europea senza precedenti. E stavolta è Roma all’offensiva. Mai si erano concentrati tanti elementi di conflittualità in uno spazio di tempo così breve. La tensione registrata la scorsa settimana al Consiglio europeo tra il presidente del consiglio e la Cancelliera tedesca Merkel assume adesso tutta un’altra luce. Tutto ha ormai preso la forma e la sostanza di un braccio di ferro che mira a cambiare non tanto – o almeno non ora – gli equilibri all’interno dell’Unione ma a modificare il perimetro dei tre negoziati cui i due contendenti saranno chiamati a discutere nel 2016.

Non è un caso che l’Italia, dinanzi alle lettere spedite in questi giorni da Bruxelles, abbia iniziato a valutare tutte le contromisure. Compresa quella più radicale: il ricorso alla Corte di Giustizia.

Sul caso Ilva, infatti, il governo insiste nel richiamare l’attenzione sulla circostanza che non si tratta di un semplice “salvataggio” ma anche di un’operazione finalizzata al risanamento ambientale. E secondo l’esecutivo italiano, proprio la disciplina europea prevede l’intervento pubblico in questi casi e in modo particolare in riferimento all’intervento siderurgico. La procedura di infrazione, nella fattispecie, non è stata ancora completata. Ma se l’esito dovesse essere negativo, Palazzo Chigi è pronto ad attivare appunto il ricorso alla corte di Giustizia.

Una soluzione che in questi giorni è in corso di valutazione anche per la questione Tercas. Anzi, sulla vicenda della banca teramana la decisione verrà presa in tempi strettissimi. E tutto sta portando verso la linea dello scontro totale: ricorso alla Corte di Lussemburgo. Non solo. Per rendere l’impatto ancora più avvelenato, potrebbe essere accompagnato dalla richiesta di risarcimento danni alla Commissione. Una procedura che, se avesse un esito positivo, porterebbe un cifra considerevole nelle casse dello Stato.

Lo stesso può valere per il cosiddetto decreto salva-banche che – fanno notare i ministri competenti – è stato modificato con un emendamento alla legge di Stabilità nella parte concernente il fondo interbancario. Quel fondo non è più obbligatorio bensì volontario. E chi ha usufruito di quegli stanziamenti – come la Tercas – li restituirà per attingere dal nuovo fondo “volontario”. Un percorso accettato alla fine dalle banche con la garanzia che sarebbe stato applicato il medesimo regime fiscale: quello che permette la deducibilità.

Del resto l’attenzione dell’esecutivo sul sistema bancario sta crescendo sempre più. Il timore che le recenti vicende possano compromettere il flusso dei finanziamenti alle attività imprenditoriali e ai privati sta diventando una sorta di incubo per Palazzo Chigi. Soprattutto la paura che il complesso degli istituti di credito nostrani non vengano più percepiti come affidabili. Se questi due fantasmi si trasformassero in realtà, il primo effetto sarebbe una vera e propria mazzata sulle previsioni del governo relativa alla crescita nel prossimo anno. Tant’è che una delle parole d’ordine pronunciate in questi giorni da Renzi tocca le banche e la necessità di rafforzarle attraverso il loro accorpamento.

Ma dietro queste due partite, ossia quella degli istituti di credito e dell’Ilva, se ne gioca una terza. Che Palazzo Chigi considera la più importante. Il via libera al deficit al 2,4 per cento nel 2016. Questa soglia, infatti, non è stata preventivamente concordata con Bruxelles. Il negoziato di settembre- ottobre aveva prodotto per l’Italia l’ampliamento dei margini di spesa fino al 2,2 per cento. Ora, però, c’è questo 0,2 per cento in più che espone l’esecutivo italiano al rischio di un’altra procedura d’infrazione. Renzi è sicuro di poter trattare, come lo scorso anno, una via d’uscita.

Ma le tre battaglie non saranno combattute separatamente. Nel governo italiano, sono certi che anche le due ultime missive spedite dalla Commissione sulle banche e sull’Ilva rientrino nella tattica di Bruxelles di aprire una trattativa sui tre fronti per poi discutere su quale chiudere un occhio.

Il premier è invece convinto di poter vincere contemporaneamente sui tre tavoli. Con una premessa che vale per tutte le tappe da affrontare da qui alla prossima primavera: il vero interlocutore è la Germania di Angela Merkel. Solo se la Cancelliera approverà la linea della flessibilità per l’Italia, allora Bruxelles si adeguerà. Era questo il fulcro della lite che ha segnato l’ultima riunione del consiglio europeo tra “Matteo e Angela”. Questo sarà il centro del loro prossimo incontro.

.

http://www.repubblica.it/politica/2015/12/24/news/su_acciaio_e_banche_e_guerra_tra_l_italia_e_l_ue_bocciati_gli_aiuti_all_ilva_pronti_3_ricorsi_alla_corte-130083842/?ref=HREC1-6

.

REAZIONE:COME AI TEMPI DI BERLUSCONI.QUESTI SONO SEGNALI PRIMA DELLA FINE,RENZI STA ESSENDO MESSO “TRA VIRGOLETTE”.CADRA.

-APPENDICE 3:BOSCHI PER ORA SEMBRA FELICE

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

IL PARERE

Banca Etruria, l’Antitrust:

«Per Boschi nessun conflitto di interessi» foto

La risposta dell’Authority al deputato M5S Alessandro Di Battista, che aveva sollecitato un pronunciamento sul decreto del governo che ha salvato l’istituto dove ha lavorato il padre Il ministro si difende in Aula

REAZIONE:HA INCASSATO DUE ASSOLUZIONI,QUELLA DEL PARLAMENTO CHE HA RESPINTO LA SFIDUCIA,E QUESTA DELL’ANTITRUST.PERO LA FELICITA DI SOLITO E’ EFFIMERA,ANCORA NON HA ENTRATO IN CAMPO LA GIUSTIZIA.

Immagine anteprima YouTube

PD:SU LE FIGARO

Le Pape dénonce les «atroces actions terroristes»Le pape François a dénoncé vendredi dans son traditionnel message de Noël «les atroces actions terroristes»

François n’a toutefois pas explicitement évoqué les motivations islamistes des terroristes. Le Pape n’a pas non plus souhaité distinguer les chrétiens d’Orient des autres chrétiens persécutés.

-

*25 DICEMBRE 2015:TERRORISMO IN TILT

-TITOLARE SU THE WASHINGTON TIMES:

A police officer carries a submachine gun outside the HDI-Arena in Hanover, Germany, Tuesday, Nov. 17, 2015. The international friendly between Germany and Holland match was called off at short notice and the stadium was evacuated. (Julian Stratenschulte/dpa via AP)

German police searching for 12 people who entered using stolen passports like Paris attackers

Un ufficiale di polizia porta un fucile mitragliatore fuori del HDI-Arena di Hannover, in Germania, Martedì 17 Novembre, 2015. L’amichevole internazionale tra Germania e Olanda match è stato chiamato fuori a breve termine e lo stadio è stato evacuato. (Julian Stratenschulte / dpa via AP)
Polizia tedesca alla ricerca di 12 persone che sono entrate usando passaporti rubati come attaccanti di Parigi

-TITOLARE SU CORRIERE DELLA SERA:

BELGIO

Attentati a Parigi del 13 novembre Nono arresto a Bruxelles

Il fermo sarebbe avvenuto martedì, ma la notizia è stata nascosta per non allertare potenziali complici. L’uomo di 30 anni, identificato come Abdoullah C., telefonò varie volte a Hasna Aitboulachen, il cugino della “mente”
Parigi sotto attacco: 129 morti e 352 feriti Tragedia al Bataclan

-TITOLARE SU CORRIERE DELLA SERA:ANCHE LA MAGNA GRECIA DICE PRESENTE
.
GUERRA AI JIHADISTI

Terrorismo, 5 fermi in Sicilia
I proclami sul web| Il video

A Catania arrestati 4 somali: trafficavano in documenti falsi. Fermata e poi rilasciata una dottoranda libica a Palermo da tre anni I suoi proclami sul web: «Allah mangi il cuore dei suoi nemici»di F. Cavallaro L’arresto
L’ipotesi: vendita di documenti falsi per finanziare gli al-Shabaab

REAZIONE:TUTTO QUESTO SENZA CONTARE LE PESANTE PERDITE IN VITE,INFRASTRUTTURA,MEZZI E PRESA DI CITTA SUL FRONTE MILITARE.SAPENDO PERO CHE NON SI POTRA RISOLVERE DEFINITIVAMENTE SENZA TRUPPE IN TERRA:LA PAROLA AD OBAMA E LA SUA STRATEGIA.SENZA TROPPE ILLUSIONI PERO,IN AMERICA SIAMO IN ANNO ELETTORALE E DIFFICILMENTE L’ELETTORATO USA ACETTERA COINVOLGIMENTI DI GUERRA.

PD:ANCHE IN ISRAELE SONO QUELLI DELL’IS

lemonde.fr
.
Deux Arabes israéliens inculpés de liens présumés avec l’EI
.
Le Monde.fr avec AFP | 24.12.2015 à 20h24
.
Israël a inculpé deux Arabes israéliens de liens présumés avec l’organisation djihadiste Etat islamique (EI) et de projets d’attaque, a annoncé, jeudi 24 décembre, le Shin Beth, la sécurité intérieure israélienne.

Mohamed Hassan, 20 ans, et Ahmed Saida, 23 ans, des cousins originaires de localités voisines de Nazareth, dans le nord du pays, ont été arrêtés en novembre, a précisé le Shin Beth dans un communiqué. Ils avaient tenté de gagner la Syrie par la Turquie en mai, avant de rebrousser chemin une fois arrivés à la frontière turco-syrienne.

Les récits de réfugiés syriens sur les atrocités commises par l’EI ont fini par les dissuader de rejoindre les rangs de l’organisation ultraradicale, ajoute le texte. Mais à leur retour en Israël, ils ont maintenu des contacts avec des membres de l’EI à l’étranger et avec leurs sympathisants dans le pays.

Près de dix partisans de l’EI rentrés en Israël et emprisonnés

Les cousins étaient déterminés à mener des attaques contre des juifs israéliens, et Ahmed Saida a tenté de se procurer un fusil, selon le Shin Beth. Ils ont été inculpés jeudi de contacts avec des agents étrangers, de tentative d’entrer dans un pays ennemi et de conspiration en vue de commettre un crime.

Un Palestinien de Jérusalem-Est a lui été condamné jeudi par un tribunal de Jérusalem à deux ans de prison pour avoir tenté de rejoindre l’EI en Syrie en janvier. Plus tôt en décembre, Israël avait inculpé cinq Arabes israéliens de Nazareth de liens présumés avec le groupe extrémiste.

Selon le Shin Beth, trente-cinq Arabes israéliens se battraient actuellement dans les rangs de l’EI. Près de dix sont rentrés en Israël et ont été arrêtés ou emprisonnés. Les Arabes israéliens, qui représentent 17,5 % de la population de l’Etat hébreu, sont des descendants de Palestiniens restés sur leurs terres après la création d’Israël.

.

http://www.lemonde.fr/proche-orient/article/2015/12/24/deux-arabes-israeliens-inculpes-de-liens-presumes-avec-l-ei_4837921_3218.html

 -APPENDICE:SCHERZI
.
-TITOLARE LE MONDE:
.
Le bureau du président François Hollande, à l'Elysée.
.
Dans le marigot de la Françafrique, un faux conseiller de Hollande et un vendeur d’armesL’homme de théâtre Guy Zilberstein et l’intermédiaire franco-israélien Steve Bokhobza tentent de s’immiscer dans le dossier des biens mal acquis.
.
*Que revive la France-Afrique !
*Centrafrique : nouvelle stratégie pour une sortie de crise-

*25 DICEMBRE 2015:FELICITA AMARA

LE FESTIVITA DI PASSAGIO OCCIDENTALI,NATALE CAPO D’ANNO E BEFFANA,NON SONO COME PRIMA OCCASIONE DI SPECIALE FESTEGGIAMENTI PER NOI:IN MEMORIA DEI NOSTRI CARI CADUTI,VEDI ATTUALIZAZIONE,CLICCA:

https://docs.google.com/document/d/1J23aLtiQYFZTqlzIFpqhR9zr3a6P8TFP_gK32DzC_rU/preview?pref=2&pli=1

-

*25 DICEMBRE 2015:CONFLITTO DI INTERESSI BOSCHI-RENZI,PARLA DI PIETRO IL POLITICO,L’INQUISITORE

.

ilfattoquotidiano.it

.
Banca Etruria, parla Di Pietro: “Conflitto d’interessi di tutto il governo, evidenti responsabilità di Bankitalia e Consob”
.
- Il Fatto Quotidiano

di Giorgio Velardi | 18 dicembre 2015
Il conflitto di interessi? “Se c’è riguarda tutti, non solo una singola ministra”. Addirittura “è l’intero governo che va sfiduciato”.
Il ruolo di Banca d’Italia e Consob nel crac di Banca Etruria? “Non c’è dubbio che vi sia stata da parte loro un’omissione di atti d’ufficio”. Antonio Di Pietro, ex componente del pool di Mani Pulite ed ex leader dell’Italia dei valori (Idv), due volte ministro, commenta così la vicenda che ha visto migliaia di clienti dell’istituto che annoverava fra i propri vertici anche il padre della ministra per le Riforme, Maria Elena Boschi, perdere milioni di euro di risparmi investiti in obbligazioni subordinate. “Mi auguro che nelle sue indagini la magistratura non abbia tentennamenti di alcun tipo – aggiunge l’ex pubblico ministero contattato da ilfattoquotidiano.it –. Va evitato qualsiasi pericolo di inquinamento delle prove. Io al tempo intervenivo ad horas, bloccando tutto ciò che poteva alterarle. Comprese le persone”. Cioè, anche con gli arresti.Clienti truffati, vertici della banca coinvolti, omessi controlli da parte di chi doveva vigilare: Di Pietro, ce n’è quanto basta per scrivere l’ennesima brutta pagina di storia italiana. È così. Questa situazione deriva dal fatto che nel nostro Paese il sistema dei controlli, con particolare riferimento a quelli sulle banche, fa acqua sia sul piano normativo sia effettivo. Tutti i soggetti coinvolti, a cominciare da Banca d’Italia e Consob, hanno fatto scaricabarile. Unito a ciò, mancano delle leggi precise per verificare che chi è addetto al controllo svolga bene il suo dovere. E quali sono le sanzioni in caso di violazioni. Non si può certo dire che situazioni come queste siano nuove agli occhi dell’opinione pubblica. Ma si è sempre rinviato il problema sine die.A proposito di Bankitalia e Consob: il Fatto Quotidiano ha reso pubblica la lettera con cui due anni fa il governatore Ignazio Visco avvisò i manager di Banca Etruria del “degrado irreversibile” dell’istituto. Missiva rimasta però segreta. Un fatto grave, o no?Penso che ci sia la necessità di un forte intervento della magistratura per ‘cristallizzare’ le prove documentali che si trovano nei vari uffici. Quante altre lettere come quella resa nota dal Fatto, utili alle indagini, ci sono? I magistrati le hanno in mano? Me lo auguro. In questi casi, a volte, gli inquirenti trovano quello che vogliono fargli trovare. Io al tempo intervenivo ad horas, bloccando tutto ciò che poteva inquinare le prove. Comprese le persone. Ricordo ancora le critiche…Secondo lei, oltre a questi due organismi, chi altri ha responsabilità sulla vicenda?Ci sono vari soggetti coinvolti e numerosi livelli di responsabilità. È però indubbia quella politica dell’intero governo.Sta dicendo che le possibili dimissioni della ministra Maria Elena Boschi, o una sua eventuale sfiducia in Parlamento, non risolverebbero il problema?Certe decisioni sono state assunte dall’esecutivo nella sua interezza: è l’intero organo collegiale che casomai va sfiduciato. Se c’è, il conflitto di interessi riguarda tutti, non solo una singola ministra. La quale rischia di passare per vittima quando invece non lo è. Personalmente, trovo positivo il fatto che si parli di una mozione di sfiducia: così si discute pubblicamente di un problema sperando che si arrivi all’approvazione di un provvedimento che eviti altri casi simili.Su Banca Etruria sono già stati avviati tre filoni d’inchiesta. Compresa un’indagine sul conflitto di interessi originato dalla relazione della Banca d’Italia sul commissariamento dell’istituto nel febbraio 2015. Come valuta l’operato della magistratura?In questo momento, la magistratura fa bene a indagare senza mettere le mani avanti incriminando una persona invece di un’altra, con il rischio, come ho già detto in precedenza, di far passare per vittima chi invece non lo è. Mi auguro che sul piano penale vengano differenziati i comportamenti. Ma non ci devono essere tentennamenti di alcun tipo.Ma se fosse lei il pubblico ministero a capo dell’inchiesta agirebbe, o si sarebbe già mosso, diversamente?Avrei già proceduto fermando lo status quo.In che senso?Come ho già detto in precedenza, sarei andato a prendere le carte in modo da far rimanere illibate le prove, evitando così qualsiasi possibilità di un loro inquinamento. L’unico pericolo reale, al momento, è proprio questo. E non si può limitare con provvedimenti cautelari personali ma reali.Sempre il Fatto ha reso noto come il procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi, che sta indagando proprio su Banca Etruria, sia contemporaneamente consulente di Palazzo Chigi, nominato a febbraio 2015 dal governo Renzi. Siamo alle solite: chi controlla il controllore?  Credo che sia lo stesso Rossi ad aver capito di avere contemporaneamente il piede in due scarpe. Bene farebbe a lasciare l’incarico ad un altro collega. Succederà? Non lo so. Certamente, a questo punto, la palla passa nelle mani del procuratore generale: è lui che dovrà valutare il da farsi.Nel frattempo, proprio su Rossi, il Consiglio superiore della magistratura (Csm) ha aperto un fascicolo accogliendo la richiesta presentata dal membro laico Pierantonio Zanettin (Forza Italia). Si prefigura un’ipotesi di conflitto di interessi?Sul piano tecnico, nel caso specifico, non ci sono profili di questo tipo: infatti Palazzo Chigi non risulta fra i soggetti oggetto di indagine. C’è però un problema di opportunità. Trovo sia interesse di entrambe le parti quello di far svolgere le indagini a persone che non hanno rapporti di alcun tipo. Serve una maggiore tranquillità per arrivare ad una decisione indipendente e inattaccabile.A suo avviso bisognerebbe indagare anche i vertici di Bankitalia e Consob? Hanno chiare responsabilità su quanto è accaduto?

Non so quali specifici soggetti abbiano delle effettive responsabilità, ma non c’è dubbio che vi sia stata un’omissione di atti d’ufficio. Bankitalia è arrivata fino al punto di accertare il fatto, poi non ha agito sostenendo di non avere potere normativi sufficienti. Non credo che sia così: non ho mai visto un medico diagnosticare una grave malattia e poi lasciare morire il paziente.

Torniamo alla Boschi. Renzi la difende a spada tratta: sembra di rivedere i berlusconiani che negavano qualsiasi tipo di conflitto d’interessi per l’uomo di Arcore…

In verità il presidente del Consiglio difende se stesso. Il problema qui è un altro.

E qual è?

Quando al governo c’era Berlusconi io e altri, a cominciare dalla società civile e dal sistema dell’informazione, denunciavamo quanto accadeva. Perché era nostro dovere farlo. Oggi invece, con Renzi a Palazzo Chigi, tutti si sono girati dall’altra parte. Ciò mi lascia molto amareggiato.

Insomma, ha ragione Roberto Saviano a denunciare l’uso di due pesi e due misure?

È così. Il problema non è la società civile ma come essa viene aiutata a capire come stanno realmente le cose. Tutti i giorni, a sistema informativo riunito, veniamo ‘colpiti’ dagli slogan di Renzi che assomigliano a quelli di un venditore ambulante. Senza alcun contraddittorio. Di più: quando qualcuno lo contesta, come successo al Fatto, diventa un ‘criminale’.

Oggi è come ai tempi di Tangentopoli?

È peggio di prima perché ciò che un tempo poteva essere perseguito sul piano tecnico-giudiziario ora non lo è: si è ingegnerizzato il sistema della tangente. In certi casi è diventato legale ciò che una volta non lo era. Infine, è intervenuto uno scoramento dell’opinione pubblica a cui si è fatto credere che spesso le colpe sono di chi ha scoperto il reato, non di chi lo ha commesso.

Twitter: @GiorgioVelardi

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/18/banca-etruria-parla-di-pietro-conflitto-dinteressi-di-tutto-il-governo-evidenti-responsabilita-di-bankitalia-e-consob/2313685/?utm_source=outbrain&utm_medium=widget&utm_campaign=obinsource

REAZIONE:PARLA IL POLITICO E OGGI LA PENSA COME BERLUSCONI:INCRIMINARE TUTTO IL GOVERNO?INCRIMINARE TUTTI E’ INCRIMINARE NESSUNO.POLITICI GIUDICANDO POLITICI?CASO MAI E’ L’INTERO SISTEMA POLITICO CHI DEVE ESSERE INCRIMINATO.NO,ANCHE CON GLI ATTUALI MEZZI-DIMEZZATI DALLA RIFORMA DI RENZI, DEVE INTERVENIRE LA GIUTIZIA E ACCERTARE SIA LE RESPONSABILTA INDIVIDUALI CHE ISTITUZIONALI.PERO CON CRITERI DI GIUSTIZIA E NON DI INQUISIZIONE.CHI HA TRUFFATO GLI OBLIGAZIONISTI SUBORDINATI DEVE ESSERE PUNITO PENALMENTE.

IL POLITICO DI PIETRO HA CADUTO NELLE STESSI REATI DI QUI INCRIMINAVA.E IL POPOLO NELLE URNE LO HA BANDITO.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 258 »

18 dicembre 2015
0

18 DICEMBRE 2015:OSTRUZIONE DELLA GIUSTIZIA PER PARTE DI BERLUSCONI NELLA TRUFFA DEL SALVA BANCHE

corriere.it
.
Banche, Csm apre un fascicolo sul procuratore di Arezzo
.
la vicenda

Milano, 17 dicembre 2015 – 20:09

Il Consiglio superiore della magistratura ha aperto un fascicolo sul procuratore di Arezzo Roberto Rossi. Il magistrato è titolare dell’inchiesta sul crac della Banca Etruria, di cui per otto mesi è stato vicepresidente il padre del ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, ma è anche consulente per gli affari giuridici del governo. La richiesta di aprire un fascicolo su di lui era stata avanzata dal laico di Forza Italia Pierantonio Zanettin, che aveva chiesto di verificare «se sussistano profili di incompatibilità, sotto il profilo dell’appannamento dell’immagine di terzietà e imparzialità, tra l’incarico extra giudiziario assegnato al magistrato e la funzione requirente da lui svolta, anche e soprattutto in relazione alla funzione di coordinamento delle indagini svolte dall’ufficio».

Il procuratore

Il procuratore di Arezzo, che coordina l’ufficio che indaga su Banca Etruria, era diventato consigliere presso il Dipartimento degli affari giuridici e legislativi (Dagl) di Palazzo Chigi tra ottobre e novembre del 2013, incarico che scadrà 31 dicembre 2015. «Il mio è un incarico meramente tecnico, e non politico. Si tratta di una consulenza esterna svincolata dai governi che si susseguono. Prova ne è che il mio incarico, iniziato con il governo Letta, proseguirà fino al dicembre di quest’anno come scadenza naturale» aveva detto Rossi.

Banca Etruria

Roberto Rossi è a capo delle indagini sul crac di Banca Etruria, l’istituto di cui per otto mesi è stato vicepresidente Luigi Boschi, padre del ministro delle Riforme Maria Elena. L’ex presidente Lorenzo Rosi e l’ex membro del cda Luciano Nataloni sono indagati per «omessa comunicazione di conflitto di interessi». I componenti del consiglio d’amministrazione, tra cui anche il padre della Boschi, sono stati sottoposti a provvedimento disciplinare da Bankitalia

17 dicembre 2015 (modifica il 17 dicembre 2015 | 21:21)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 http://www.corriere.it/cronache/15_dicembre_17/banche-csm-apre-fascicolo-procuratore-arezzo-6d4ea1e4-a4f0-11e5-ba98-2a1f1a68e58f.shtml
.

REAZIONE:QUESTA E’ SOLTANTO UNA MANOVRA,UN’ALTRA MANOVRA,POLITICA DIVERSIVA DI BERLUSCONI:
1-FI CORRE AI RIPARI DELL’ONDA ESPANSIVA DEL VOTO FRANCESE E TEMENDO CONTAGIO IN ITALIA INIZIA QUESTA MANOVRA A “TITOLO DI MEMBRO LAICO DI FI”:MA QUALE MEMBRO LAICO DI FI?’NON ABBIAMO FORSE VISTO LE IMPLICANZE DI BERLUSCONI CON IL VATTICANO NELLA VICENDA DEL VATILEAKS PER LA FUGA DI NOTIZIE?(1)FI NON HA NIENTE A CHE FARE CON LA LAICITA,QUESTA E’ SOLTANTO UNA MANOVRA POLITICO-GIORNALISTICA PER FARE APPARIRE  BERLUSCONI COME MODERATO E MAGARI AIUTARE IN UN’ALTRA DELLE SUE CAPRIOLE POLITICHE PRESENTANDOLO COME SOGETTO TITOLARE DI “UN’ALTRA DESTRA”.
2-A CHI SI VUOLE FARE CREDERE CHE BERLUSCONI E’ OPPOSITORE AL GOVERNO?E’ SOLO UN POSIZIONAMENTO DI FACCIATA PER NON LASCIARE LA TITOLARITA DELL’OPPOSIZIONE ALL’”ANTI-SISTEMA” GRILLO.MENTRE ACCUSA IL PM INCARICATO SULL’INCHIESTA DEL CRAC DI BANCA ETRURIA(QUELLA DEI BOSCHI E DEI RENZI)SI OPPONE ACCANITAMENTE ALLA SFIDUCIA ALLA MINISTRA DEL DDL DELLE RIFORME DEL SENATO CHE SI ACCADESSI CADREBBE IL GOVERNO.
3-HA RAGIONE IL PM,IL SUO,COME QUELLO DI TUTI I PM,’ UN INCARICO TECNICO E IN QUESTA INDAGINE POTREBBE CASCARCI DENTRO  ANCHE FI E BERLUSCONI,QUINDI SI TRATTA DI UNA OSTRUZIONE ALLA GIUSTIZIA,LA SOLITA BATTAGLIA DI BERLUSCONI CONTRO  LA GIUSTIZIA NON POCHE VOLTE ESSERCITATA CON LA COMPLICITA DI MEMBRI DI QUEL PROPIO POTERE COMPERATE CON I SUOI SOLDI.E SI, PERCHE,NON SOLO BERLUSCONI CORRE AI RIPARI,TUTTO IL SISTEMA POLITICO METTE LE MANI AVANTI SOVRAPONENDOSI AL LAVORO DELLA GIUSTIZIA:LA SCHIFEZZA DI QUESTA CORRUZIONE DELLA BANCA ETRURIA E IL SALVA BANCHE IN GENERE CHE COINVOLGE RENZI E IL SUO PADRE,BOSCHI E IL SUO PADRE,LE DUE FAMIGLIE CHE AGISCONO INSIEME INSOMMA,MA ANCHE L’INTERO GOVERNO E L’INTERE LARGHE INTESE ,LA DEVE RISOLVERE LA GIUSTIZIA E NON LA POLITICA.A CHI SE NE FREGA SE LA BOSCHI E’ SFIDUCIATA O NO?SE IL GOVERNO E SFIDUCIATO O NO,E’ LA GIUSTIZIA CHI DEVE AGIRE E METTERE LE MANETTE ALLA BOSCHI E A RENZI ABILITANDOCOSI  LA DISSOLUZIONE DELLE CAMERE E IL RITORNO ALLE URNE:LA NUOVA ERA ESSIGE CHE VENGA RISPETTATO IL VOTO DEGLI ITALIANI NELLE ULTIME ELEZIONI E SI RISTITUISCA AD INTEGRUM LA SUA VITTORIA.BERSANI CHE ORA FA VOLTAGABANNE HA VINTO FACENDO CAMPAGNA IN NOME DEI PRINCIPI DELLA NUOVA ERA E CONTRO IL NEOLIBERALISMO.E QUESTO AL DI LA DEL FATTO CHE SI HA SCONFITTO IL BIPOLARISMO E CI SONO STATI ALTRI CAMBIAMENTI SOCIO-CULTURALI ALL’INSEGNA DELLA SUA VISIONE DEL MONDO.
VIA RENZI,VIA LA BOSCHI:CHI HA SBAGLIATO SUBISCA LE CONSEGUENZE SENZA SCONTI,SI TORNI ALLE URNE E BERLUSCONI LA SMETTA DI EVITARE IL VOTO.

(1)I BERLUSCONI E IL VATILEAKS

-SU LA REPUBBLICA:

Vatileaks 2, Paolo Berlusconi indagato a Roma
.
L’accusa, per i magistrati di Terni, è concussione. Ma i colleghi della capitale stanno prendendo in considerazione altre ipotesi di reato. L’editore del “Giornale”: “Estraneo ai fatti”. Polemiche per la Chaouqui intervistata in Rai
.

Vatileaks 2, Paolo Berlusconi indagato a Roma
Francesca Chaouqui (ansa)

ROMA – Paolo Berlusconi è indagato dalla procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta che coinvolge la pr Francesca Immacolata Chaouqui e il marito Corrado Lanino. Berlusconi è indagato per concussione: la sua iscrizione è un atto dovuto in base alle carte giunte dalla Procura di Terni sulla compravendita del castello di San Girolamo a Narni. I magistrati della Procura di Roma, tuttavia, non sono del tutto convinti di quanto sostenuto dalla collega di Terni e per questo hanno preso in considerazione altre ipotesi di reato, come quella del millantato credito, in cui Paolo Berlusconi figurerebbe come vittima della minaccia.

Tutto è legato a quelle numerose conversazioni telefoniche (intercettate) della Chaouqui con l’editore, oltre che con esponenti della politica, dell’imprenditoria e della curia, e i pm di Roma. I pm le stanno leggendo e ascoltando per capire se possano configurarsi i reati di estorsione o minaccia. Non è escluso, poi, che i diretti protagonisti della vicenda possano essere convocati. Quanto a Silvio Berlusconi, non ci sono accertamenti a suo carico a piazzale Clodio.

LA VERSIONE DELLA CHAOUQUI SU FACEBOOK

Paolo Berlusconi si è dichiarato estraneo alla vicenda Vatileaks: “Mai la Signora Chaouqui ha neppur lontanamente parlato con me di asserite rogatorie relative a mio fratello Silvio su presunti conti presso la banca Vaticana, conti ovviamente inesistenti”, ha scritto l’editore de Il Giornale, “ancora una volta il nostro nome è tirato in ballo senza alcun fondamento”.

Già nelle scorse settimane era emersa la notizia di telefonate tra Chaouqui e Paolo Berlusconi, in cui la pr si lamentava degli articoli di Fabio Marchese Ragona, il vaticanista del giornale di famiglia. Arrivò a chiedere di non farlo più scrivere e in effetti il giornalista per un periodo non si occupò più di vicende vaticane. La consulente vaticana avrebbe minacciato il fratello dell’ex Cavaliere di far uscire notizie riservate su alcuni conti dello Ior. Del legame con Paolo Berlusconi ha parlato anche monsignor Balda nel memoriale consegnato al suo avvocato.

Proprio il memoriale consegnato da monsignor Balda ha spostato l’attenzione su due nuovi cardinali vittime, secondo il prelato dell’Opus Dei, della stessa Chaouqui, “una donna che entrambi hanno frequentato troppo”. Balda sostiene di aver vissuto quotidianamente con la paura del “ricatto d’amore” dopo la notte trascorsa insieme alla Chaouqui a Firenze il 28 dicembre 2014. La pr, dal canto suo, ha parlato della presunta omosessualità di Balda, negando tutte le accuse a lei rivolte dal monsignore. Che però insiste: “A me piacciono le donne e di Francesca mi ero innamorato. Oggi me ne pento profondamente”.

La Chaouqui è stata ospite a Ballarò, trasmissione Rai condotta da Massimo Giannini, non senza sollevare polemiche. Ha protestato il Pd, con la responsabile cultura della segreteria Lorenza Bonaccorsi, membro della commissione di vigilanza Rai, che si chiede se sia “opportuno che la lobbista, coinvolta in indagini non soltanto in Vaticano ma anche della procura di Roma, venga intervistata in diretta e senza controparte, in prima serata in una rete del servizio pubblico come Raitre, nel pieno delle indagini, tuttora in corso?”. E ancora: “Quale è l’idea editoriale dietro ad un’operazione del genere della trasmissione Ballarò?”. Nel corso della trasmissione, la Chaouqui ha negato di essere il “corvo” fonte dei libri scritti dai giornalisti sotto processo, nega di aver tradito il Papa – “sarei pronta a morire per lui” – e afferma: “Il mio errore più importante è stato accettare la nomina nella commissione. Non mi ero resa veramente chiesto di cosa mi veniva chiesto a trent’anni”. “Successivamente – ha aggiunto – l’altro errore che ho fatto è stato non evitare che Balda si comportasse così”.

-
http://www.repubblica.it/vaticano/2015/12/01/news/vatileaks_2_indagato_paolo_berlusconi-128559134/?ref=HREC1-4
.
REAZIONE:I BERLUSCONI NEGANO MA……”QUANDO IL FIUME SUONA GUARDA CHE AQUA VIENE GIU”.
.
-TRE ALLEGATI PER CAPIRE:LA CONFIDENTE DI PAPI  TIRA FUORI LA VUVUZELA
.
-ALLEGATO 1 SU LA REPUBBLICA:
.
Francesca Immacolata Chaouqui: “Contro di me solo calunnie, a monsignor Balda non piacciono le donne”
.

 Arrestata per aver diffuso documenti riservati, era stata nominata da Bergoglio nella commissione di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative del Vaticano,di CORRADO ZUNINO
.

Francesca Immacolata Chaouqui: "Contro di me solo calunnie, a monsignor Balda non piacciono le donne"

Francesca Immacolata Chaouqui (ansa)

ROMA – Signora Chaouqui, oggi si presenta da rifugiata politica al processo in Vaticano. Che significa?
“Vado al processo solo per rispetto di Papa Francesco, ma mi sento un rifugiato politico che non ha potuto farsi difendere dal legale di fiducia nonostante l’avvocato Bongiorno, un mese fa, avesse già difeso un imputato in Vaticano. Lo sa, ho avuto due ore e venti per leggere mille pagine di istruttoria”.

C’è un memoriale della difesa di Balda che sostiene che lei è stata a letto con monsignore il 28 dicembre 2014. Balda dice che ha provato ad allontanarsi e che lei poi lo ha perseguitato.
“Sono pronta a querelare l’avvocato di Balda per la fuga di notizie folli che sta organizzando. Balda, per come è fatto, non ha alcun piacere a venire a letto con me e io, conoscendo miliardari ed emiri, se volessi tradire mio marito non mi metterei con un vecchio prete a cui non piacciono le donne”.

Lei di quel vecchio prete è stata a lungo amica e confidente.
“Intanto non ho mai avuto la password della sua mail, che cambiava ogni mese. Era un uomo vivace e allegro, amava dire barzellette sconce, ma dovunque andasse si portava la madre. Siamo stati insieme, professionalmente insieme, per cercare di fare la riforma più importante voluta da Francesco, quella economico-finanziaria, ma il presidente dello Ior de Franssu, l’economista Zahra, il cardinale Pell hanno iniziato a fare riunioni riservate e poi l’hanno fatto fuori, in una giornata di febbraio, nel giro di 17 ore. Un gran lavoro di pulizia sulle finanze vaticane buttato via”.

Come reagì Balda?
“S’incupì, perse smalto. Lui, un amante naturale della bella vita, uomo di grandi disponibilità personali, iniziò ad andare a concerti, il 3 giugno all’arena di Verona, il 19 settembre a Campovolo per Ligabue. Smise di fare il prelato, e iniziò a compromettersi”.

Con chi?
“Trovò supporto in una cricchetta del giro Sky che aveva in Elena Metti, l’ex moglie di Panariello, agente per attori, il suo riferimento. Gliela presentai io, poi quel gruppo ha tramato contro di me e, alle mie spalle”.

Oggi Balda sostiene che lei sia una donna dei servizi segreti, abbia Bisignani dietro e un marito di copertura.
“Ha detto che ho venduto carte alla Cia e sono legata a bande internazionali. A processo dovrà rimangiarsi tutto sennò lo lascio in mutande”.

-
http://www.repubblica.it/cronaca/2015/11/30/news/francesca_immacolata_chaouqui_contro_di_me_solo_calunnie_a_monsignor_balda_non_piacciono_le_donne_-128485349/
.
REAZIONE:CHE CASINO!!!!!
.
-ALLEGATO 2 SU roma.corriere.it
.
Vatileaks 2, la rete di ricatti di Chaouqui e del marito I pm: associazione a delinquere
.
l’inchiesta

Milano, 2 dicembre 2015 – 08:07

(Fotogramma)(Fotogramma)

Un’associazione per delinquere finalizzata all’intrusione informatica. Un gruppo criminale dedito ai ricatti. Si aggrava l’accusa contro Francesca Chaouqui, suo marito Corrado Lanino e l’ex funzionario di palazzo Chigi Mario Benotti. La procura di Roma ipotizza che i tre abbiano utilizzato gli atti «catturati» nei computer delle vittime designate per poi minacciarle. E abbiano sfruttato il ruolo che la donna aveva ottenuto da papa Francesco all’interno della Cosea, la commissione per gli affari economici della Santa Sede. Le indagini coordinate dal pubblico ministero Stefano Pesci mirano adesso a ricostruire tutti gli episodi illeciti, partendo proprio da quello che coinvolge i fratelli Berlusconi. Del resto sono centinaia le intercettazioni raccolte dal magistrato di Terni Elisabetta Massini, prima di trasmettere gli atti ai colleghi della capitale. E tra le persone che avrebbero chiesto aiuto alla Chaouqui c’è anche il banchiere Ettore Gotti Tedeschi, a pochi mesi dall’uscita dal vertice dello Ior, la banca della Santa Sede.

Le richieste per incontrare i prelati

Dopo la nomina in Vaticano, Francesca Chaouqui (martedì la Finanza ha perquisito la sua abitazione) era diventata il punto di riferimento di politici e imprenditori che chiedevano di poter incontrare gli alti prelati. Lei tesseva le relazioni, poi utilizzava le informazioni ottenute per ricattare le persone. Nel fascicolo della procura di Terni ci sono centinaia di intercettazioni risalenti al 2013, quando la donna entrò in contatto con l’allora vescovo monsignor Vincenzo Paglia e gli promise aiuto per risanare i bilanci dissestati della Curia. Mettendo sotto controllo il suo telefono, il magistrato scoprì quali traffici illeciti la vedevano protagonista. Ma anche quante richieste di aiuto e favori le venivano presentate. Come quella di Gotti Tedeschi che voleva incontrare monsignor Lucio Vallejo Balda. All’epoca il religioso era molto legato a Chaouqui, insieme avevano avuto da papa Francesco l’incarico di rendere trasparenti i settori finanziari del Vaticano. Nessuno poteva immaginare che i due avrebbero trafugato e poi ceduto documenti riservati. Inizialmente la donna avrebbe accettato di fare da tramite per l’appuntamento, ma ad opporsi sarebbe stato Mario Benotti, evidentemente nel timore che Gotti Tedeschi potesse ottenere un nuovo incarico all’interno della Santa Sede, o comunque influire su alcune decisioni. E così l’incontro andò in fumo. Quanto basta a dimostrare proprio il ruolo e l’influenza che lo stesso Benotti aveva sulla donna, la capacità di poter orientare alcune scelte.

shadow carousel

Vatileaks: al via processo, Chaouqui in aula
L’esplorazione dei siti hard

Che i due fossero legati emerge anche da altre telefonate nel corso delle quali Benotti chiede a Chaouqui e in particolare a suo marito una ricerca sui computer dell’ex marito della sua compagna. In ballo c’è l’affidamento della figlia minorenne, Benotti vorrebbe scoprire se l’uomo visita siti hard, se ha segreti inconfessabili che possono essere utilizzati proprio nella causa di separazione. Chaouqui al telefono assicura che porterà a termine il compito. Benotti ha già chiesto, attraverso il suo legale Matteo Melandri, di essere interrogato «perché voglio chiarire la mia posizione». Lei non nega di aver interessato il marito, sostiene però che si trattava di «innocenti ricerche su facebook e altri siti». La tesi non sembra però aver convinto i magistrati, visto che la contestazione parla addirittura di associazione per delinquere.

I contatti con Paolo Berlusconi

L’interesse, questa è la tesi dell’accusa, era tenere sotto pressione le persone che potevano restituire favori. Proprio come sarebbe accaduto nel caso di Paolo Berlusconi, con le istanze fatte dalla donna per impedire a Fabio Marchesi Ragona, il vaticanista de Il Giornale, di continuare a scrivere. Sono numerosi i contatti con l’editore del quotidiano milanese che adesso compare nella lista degli indagati perché non avrebbe denunciato le minacce ricevute: dare il via alle richieste di rogatorie presentate alle autorità vaticane nei confronti di Silvio Berlusconi e rendere pubblico il loro contenuto. Lui ammette di aver «parlato della vicenda relativa al vaticanista con il direttore Alessandro Sallusti» però giura che «mai la signora Chaouqui ha neppur lontanamente parlato con me di asserite rogatorie relative a mio fratello su presunti conti presso la banca Vaticana, conti ovviamente inesistenti. Ancora una volta il nostro nome è tirato in ballo senza alcun fondamento». Il reato ipotizzato dalla procura di Roma è però il concorso all’induzione alla concussione e ciò conferma l’esistenza della minaccia. Nei prossimi giorni i magistrati dovranno stabilire se il ruolo di Chaouqui all’interno della Cosea le desse la veste di pubblico ufficiale — e questo giustifica la concussione — o se invece il reato da contestare sia quello di estorsione o addirittura di millantato credito, ritenendo in questo modo che Berlusconi fosse vittima del ricatto e non avesse obbligo di denuncia.

2 dicembre 2015 | 08:07,© RIPRODUZIONE RISERVATA

 http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_dicembre_01/inchiesta-vatileaks-rete-ricatti-chaouqui-marito-defb5a2c-9874-11e5-b53f-3b91fd579b33.shtml
-
-ALLEGATO 3:Chaouqui, chi è la donna del caso Vatileaks bis
.
32 anni, nata in Calabria da madre italiana e padre francese di origini marocchine. Ecco come è avvenuta l’ascesa della giovane lobbista arrestata oggi in Vaticano,di ANDREA GUALTIERI

02 novembre 2015

10
LinkedIn
0
Pinterest
Chaouqui, chi è la donna del caso Vatileaks bis

Francesca Immacolata Chaoqui (ansa)

CITTA’ DEL VATICANO  -  Salottiera e lobbista eppure consulente del Papa che ha fatto dell’attenzione ai poveri il tema del suo pontificato. Ora che la parabola vaticana di Francesca Immacolata Chaouqui è finita con l’arresto eseguito dalla gendarmeria, torna attuale la domanda che due anni fa circolava negli ambienti ecclesiastici: cosa c’entrava una come lei con la Chiesa di Francesco? A lei che a 30 anni era stata l’unica donna inserita nella Commissione di studio sulle attività economiche e amministrative voluta dal neo eletto Bergoglio, viene ora contestato di essere tra le responsabili di una nuova fuga di notizie dai sacri palazzi, insieme al monsignore spagnolo dell’Opus Dei Lucio Angel Vallejo Balda, già segretario della Prefettura degli Affari economici e mentore di Chaouqui in Vaticano.

Nel mirino degli inquirenti d’Oltretevere ci sono due libri di prossima uscita: uno è del giornalista dell’Espresso Emiliano Fittipaldi, l’altro di Gianluigi Nuzzi, autore del volume “Sua Santità” che fu al centro del primo scandalo Vatileaks. E proprio a Nuzzi Chaouqui aveva manifestato la sua simpatia su Twitter, rispondendo ad un suo cinguettio del 2012, nel pieno della stagione dei corvi contro Benedetto XVI: “Hai fottutamente ragione”, gli scrisse commentando le polemiche legate alla fuga di notizie. E ancora, quando lui riferiva di una vecchia fonte che era tornata a farsi sentire, lei replicava: “Meno male che ci sei”. Sempre nel maggio di tre anni fa, citando Paolo Gabriele, il maggiordomo di Ratzinger arrestato e condannato per aver fatto uscire dall’appartamento pontificio la corrispondenza privata del Papa, Chaouqui aveva poi twittato testualmente: “Le lettere continueranno ad uscire e sacrificare Paolo nn sarà servito a niente”.

In realtà, lei che nel suo curriculum si presenta come “esperta di relazioni pubbliche”, è finita spesso al centro di  polveroni mediatici. Sin dalla prima volta che il suo nome è finito sulla grande ribalta. Era proprio il 2013 e a Corigliano Calabro la sedicenne Fabiana Luzzi era stata accoltellata e poi bruciata viva dal suo fidanzatino di un anno più grande di lei. Francesca  Chaouqui che è nata a San Sosti, paese della provincia di Cosenza a pochi chilometri dal luogo dell’omicidio, scrisse una lettera al Corriere della Sera descrivendo la Calabria come luogo arretrato e maschilista: “Fabiana è cresciuta come tutte noi, sentendosi dire cittu ca tu si fimmina”, cioè zitta tu che sei una donna. E le sue parole scatenarono reazioni indignate. E in Vaticano non hanno nemmeno gradito la diffusione di sue foto hot, ne ha scritto anche un sito ultracattolico.

Dalla sua terra natia lei, figlia di una calabrese e di un marocchino, era andata via per iscriversi all’università. Si è laureata in giurisprudenza, è diventata consulente presso Ernst & Young Italia, ha sposato un informatico ma soprattutto è diventata molto amica di una nobildonna romana, la contessa Marisa Pinto Olori Del Poggio, che l’ha introdotta nei salotti della Capitale. E’ entrata anche in una think net legata alla famiglia di Gianni ed Enrico Letta. E poi arriva alla Ferpi, la Federazione relazioni pubbliche italiana.

Ma quando il suo nome appare nel chirografo datato luglio 2013, con il quale il pontefice nomina gli esperti che lo dovranno aiutare nella riforma degli aspetti economici della curia, tornano a galla i suoi vecchi tweet. Anche quelli, che lei ha poi assicurato siano stati taroccati da qualcuno per infangarla, nei quali l’allora segretario di Stato Bertone veniva definito “corrotto” e l’ex ministro Giulio Tremonti veniva collegato a un conto Ior chiuso perché, era scritto nel cinguttio, in Vaticano avevano scoperto la sua omosessualità. Di un altro tweet, invece, Chaouqui ha ammesso la responsabilità: era quello che, sempre nel 2012, accreditava l’ipotesi secondo la quale Benedetto XVI avrebbe avuto la leucemia. Una malattia oncologica, come quella che le fonti anonime riprese dal Quotidiano Nazionale attribuiscono ora a papa Francesco.

.

http://www.repubblica.it/vaticano/2015/11/02/news/vaticano_-126478245/?ref=nrct-13

-

18 DICEMBRE 2015:OSTRUZIONE DI RENZI ALLA LOTTA AL TERRORISMO
.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
.
Vertice Ue,Renzi attacca su rigore e migranti:
video
no a Ue a guida solo tedesca
Brexit, apertura di Merkel a Cameron:
REAZIONE:RENZI NON SOLO NON HA VOLUTO COLLABORARE CON LA LOTTA AL TERRORISMO NEGLI ATTCHI DI PARIGGI DISCOSTANDOSI DELLE POTENZE ALLEATE DELLA SECONDA GUERRA MODIALE MA DESSO LA OSTACOLA ATTACANDO I TEDESCHI PERCHE SI SI SONO SCHIERATI.RENZI E’ STATO MESSO “TRA PARENTESI” COME HA PROMESSO HOLLANDE:CAMERON DI ACCORDO CON I TEDESCHI,USA DI ACCORDO CON RUSSIA SULLA LOTTA ALL’IS MALGRADO ATTACHI LA TURCHIA CHE HA GIOCATO CON LA SUA PPARTENENZA ALLA NATO E IL SOSTEGNO DEGLI AMERICANI,HOLLANDE DI ACCORDO CON PUTIN ECC,ECC,ECC.INSOMMA RENZI INTERNAZIONALMENTE ISOLATO E CON GRAVI GUAI GIUDIZIARI INTERNI,CADRA LO VOGLIA O NO.
.
18 DICEMBRE 2015:SALVINI A PLUTON DEVE ANDARE
.
-TITOLARE SU THE HUFFINGTON POST
.
SALVINI VA A MOSCA
PUTIN NON LO VEDE
.

Matteo Salvini
(di A. Carugati)
.
REAZIONE:PUTIN E’ COERENTE CON GLI SCHIERAMENTI E IMPEGNI PRESI A PARIGGI.E COSI SI DISCOSTA DEI LEGAMI CON LA “NUOVA LEGA” DI SALVINI.E COSA DIRE DI SALVINI E QUESTE FALLITE INIZIATIVE DI TESSERE LEGAMI INTERNAZIONALI PIU O MENO “UFFICIOSI”?MA… CHI E’ CHE VUOLE RICEVERLO?NO IN ISRAELE,NON IN AFRICA,NON CUA NON LI,NON DA NESSUNA PARTE.
MA UNA ALTERNATIVA C’E’ L’HA:PLUTON,A PLUTON DEVE ANDARE.
-
*19 DICEMBRE 2015:LA PEDOFILIA CLERICALE NON SI ARRENDE

.
-LA STAMPA:

Sesso a pagamento con minorenni, in carcere un sacerdote di Reggio Calabria

Il 44enne è anche accusato di detenzione di materiale pedopornografico. Il racconto di un ragazzino: 20 euro per un rapporto in auto, ci siamo conosciuti su un’app per incontri gay
.

/12/2015

Prostituzione minorile, sostituzione di persona, detenzione di materiale pedopornografico e adescamento di minorenni. Sono le accuse con cui è stato arrestato un sacerdote di 44 anni in un paese della Piana di Gioia Tauro. Al religioso, rintracciato nella canonica della parrocchia, è stata notificata una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’APP PER OMOSESSUALI

Le indagini della squadra mobile hanno avuto inizio nel marzo scorso quando un equipaggio della Polizia aveva sorpreso l’indagato con un minore, a bordo della sua auto, in un luogo appartato e poco frequentato. Il ragazzino raccontò agli investigatori di aver conosciuto l’uomo – che si era presentato sotto falso nome – attraverso una chat per omosessuali. Al magistrato della Procura della Repubblica di Reggio Calabria il minore precisò poi di averlo conosciuto pochi mesi prima, attraverso l’applicazione per smartphone “Grinder”, che consente interazioni virtuali fra diversi utenti, attraverso scambi di immagini e messaggi di testo.

20 EURO PER UN RAPPORTO

Il minorenne raccontò anche che l’uomo, con il quale si era sentito in precedenza diverse volte, gli aveva riferito che era un ricercatore scientifico di un paese della Piana di Gioia Tauro e che aveva 35-38 anni. I due concordarono un incontro attraverso Whatsapp. Ai magistrati il minorenne riferì inoltre di aver ricevuto la somma di 20 euro per un rapporto sessuale consumato in macchina poco prima che i poliziotti li controllassero.

VIDEO E FOTO SUL TELEFONINO

Gli elementi raccolti dalla squadra mobile di Reggio Calabria comprendono anche chat, video autoprodotti con rapporti sessuali e file con immagini a sfondo omosessuale. Nel corso delle indagini i poliziotti hanno effettuato anche numerose intercettazioni telefoniche e ambientali dalle quali sono emerse le conferme al racconto del minorenne sorpreso in compagnia del sacerdote in un luogo appartato. Durante una perquisizione, poi, gli agenti hanno trovato tracce di numerose chat con richieste di incontri sessuali, con soggetti minori o con adulti, a pagamento e non, alcuni dei quali consumati
.

http://www.lastampa.it/2015/12/18/italia/cronache/sesso-a-pagamento-con-minori-in-carcere-un-sacerdote-di-reggio-calabria-iXWswZotHuGmPcogRLK7NO/pagina.html

.
REAZIONE:AVANZA IL PAPATO DEL GESUITA BERGOGLIO E NON SI FERMA LA PIAGA DELLLA PEDOFILIA STRUTTURALE DELLA CHIESA.

-

19 DICEMBRE 2015:AUTORIZZATA OGNI MISURA PER COMBATTERE IL TERRORISMO

-ANSA:

Redazione ANSA NEW YORK

1 novembre 2015
5:41 News

Parigi: via libera Onu a risoluzione anti-terrorismo

Raddoppiare e coordinare sforzi per sconfiggere Isis

Fiori davanti al Bataclan © AP

Fiori davanti al Bataclan © ANSA/AP

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimita’ la risoluzione presentata dalla Francia in risposta agli attentati di Parigi che invita gli Stati membri “a raddoppiare e coordinare gli sforzi per prevenire e reprimere gli atti terroristici”. Inoltre, chiede loro di “adottare tutte le misure necessarie in linea con il diritto internazionale”, per sconfiggere lo Stato Islamico.

Nella risoluzione si chiede inoltre agli Stati membri dell’Onu di “intensificare i propri sforzi per arginare il flusso dei ‘foreign fighters’, per prevenire e reprimere i finanziamenti al terrorismo”.

Il testo e’ modellato sulla risoluzione adottata dopo gli attacchi dell’11 settembre 2011. “Quello dell’Isis e’ stato un atto di guerra nei confronti della Francia – ha affermato dopo il voto l’ambasciatore di Parigi al Palazzo di Vetro, Francois Delattre – lo Stato Islamico pero’ non ha attaccato solo la Francia e i francesi, ma tutto il mondo”. “Nei prossimi giorni – ha aggiunto – Parigi triplichera’ la sua capacità di attacco contro il cuore dell’Isis con l’arrivo della portaerei Charles de Gaulle”. Mentre l’ambasciatore britannico alle Nazioni Unite, Matthew Rycroft, ha detto che oggi il Consiglio di Sicurezza ha inviato “un segnale unanime, ossia che non ci sara’ tregua negli sforzi per fermare l’Isis”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/11/20/parigi-via-libera-onu-a-risoluzione-anti-terrorismo_a71cd175-3e43-4317-802e-abdfb715999d.html

REAZIONE:RISOLUZIONE CHE PUO SFIORARE ANCHE IL FONDAMENTALISMO

Immagine anteprima YouTube

-

19 DICEMBRRE 2015:”PARS PRO TOTUM”(“ENTRE BOMBEROS NON VAMOS A PISAR LA MANGUERA”)?

corriere.it
.
La spaccatura tra FI e alleati Berlusconi: fatta una figuraccia
.

I forzisti non votano la sfiducia a Boschi
Milano, 19 dicembre 2015 – 07:34.L’ultimatum di Lega e FdI: senza sfiducia al governo si ridiscute tutto. Il capogruppo Brunetta smentisce di aver votato e annuncia di aver chiuso i battenti del «Mattinale».
Silvio Berlusconi (Reuters)
.
Silvio Berlusconi (Reuters)

ROMA – «È una cosa indecente. Questa storia doveva essere un problema di Renzi e invece la figura peggiore l’abbiamo fatta noi, mettendoci a litigare sui giornali». Al tramonto, quando dal voto sulla mozione di sfiducia contro Maria Elena Boschi sono passate parecchie ore, un Silvio Berlusconi amareggiato prende mestamente la via del ritorno ad Arcore. Lasciando idealmente dietro di sé a Roma, foss’anche solo per il fine settimana, un partito spaccato a metà su tutto e una coalizione praticamente disintegrata. Probabilmente nemmeno sa che poco prima, a Montecitorio, dopo aver smentito il suo voto a sostegno della mozione del Cinquestelle, Renato Brunetta ha appena chiuso i battenti del Mattinale, la pubblicazione del gruppo di Montecitorio messa sotto accusa per una linea politica troppo eterodossa, che l’ex premier aveva avocato sotto il suo controllo. Proprio così, chiusa. Almeno è quanto avrebbe detto il capogruppo a uno dei suoi principali collaboratori, Renato Farina. «Via, chiuso, il Mattinale non si fa più…».

Doveva essere il giorno nero della maggioranza, che invece si fa confortare dall’aritmetica di Montecitorio. Finisce per essere il giorno nero del centrodestra. La prima picconata la dà di buon mattino Matteo Salvini, da Mosca. «Se Forza Italia non vota la mozione di sfiducia al governo ci incazziamo e ci sarà da rivedere tutto, anche la coalizione per le amministrative». Il riferimento non è soltanto alla mozione di sfiducia contro l’intero esecutivo, che il centrodestra ha presentato al Senato e che sarà discussa dopo le feste. Ma anche a quella contro la Boschi, diventata il pomo della discordia di una guerra senza quartiere tra Brunetta e Romani.

Il leader del Carroccio, a sorpresa, sconfessa Berlusconi. E dice, senza troppi giri di parole, che «al vertice di Arcore (martedì, ndr) abbiamo fatto un documento comune in cui ci impegnavamo a votare mozioni di sfiducia nei confronti del governo. Avevamo detto – aggiunge – che avremmo votato sia quelle individuali che quella collegiale». Una netta smentita, insomma, al «non possumus» sulla mozione anti-Boschi pronunciato mercoledì da Berlusconi alla presentazione del libro di Bruno Vespa. Lo spettacolo del centrodestra diviso che va in scena a Montecitorio finirà per rispecchiare fedelmente il canovaccio della vigilia. La Lega vota contro la Boschi. E lo stesso farà Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni che prende di mira il ministro delle Riforme con gli stessi toni del Cinquestelle. «Suo padre è stato commissariato non dal governo ma da Bankitalia. E il decreto salvabanche è stato congegnato per salvare i truffatori».

Forza Italia, invece, abbandona l’Aula. Col tabellone luminoso della Camera che, come unico votante forzista alla mozione anti-Boschi, indicherà proprio Brunetta. Che poi però, con una nota di Forza Italia, smentirà di aver preso parte alla votazione.Le ferite degli azzurri, in serata, non fanno altro che aggravarsi. Meloni dà ragione a Salvini, mettendo a verbale che «se Forza Italia non voterà in Senato la mozione di sfiducia contro il governo, l’alleanza sarà compromessa».

Ma il partito è in frantumi. Da Toti a Romani, passando per Gelmini, il blocco di quelli che pretendono dall’ex premier «la composizione di una direzione nazionale del partito» si allarga. Come il divario tra questi ultimi e Brunetta. Unica nota positiva, per Berlusconi, il biglietto ricevuto nel pomeriggio dal Quirinale, con Sergio Mattarella che l’ha invitato per il ricevimento di Natale. Resta da capire se il presidente di Forza Italia deciderà di fare tappa a Roma prima delle feste oppure se rimanere ad Arcore. Nel primo caso si ritroverà faccia a faccia con Renzi. Proprio nel momento in cui lo spettro del vecchio «Patto del Nazareno» è tornato ad agitare le notti dei parlamentari azzurri.

19 dicembre 2015 (modifica il 19 dicembre 2015 | 15:49)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 http://www.corriere.it/politica/15_dicembre_19/spaccatura-forza-italia-alleati-berlusconi-figuraccia-boschi-0997c5bc-a618-11e5-b2d7-31f6f60f17ae.shtml
-
REAZIONE:”FRA POMPIERE DOBBIAMO PESTARCI LA POMPA”?

E QUANDO MAI E’ SCOMPARSO IL PATTO DEL NAZZARENO?E CI STA DENTRO ANCHE LA LEGA DI BOSSI E QUELLA DI SALVINI COMPRESO ALFANO.LE LARGHE INTESE INSOMMA.

BASTA GIOCHETTI,NON PRENDIAMO LA PARTE PER IL TUTTO,O CADE RENZI,SI DISSOLVINO LE CAMERE E SI TORNA AL VOTO O TUTTO IL CENTRO-DESTRA E’ COMPLICI DI QUESTA TERRORIFICA TRUFFA DEL PD A DANNI DEI PICCOLI RISPARMIATORI.

ALTRO CHE BRUTTA FIGURACCIA,ALTRO CHE PARMALAT,QUI IL LATTE HA ORMAI FERMENTATO,SI SONO DIMETICATI DI PASTEUR:UN PARTITO DI SINISTRA CON QUESTI LADRI CHE RUBANO AL POPOLO NON LO MERITA L’ITALIA.E SONO RINCIDENTI,GIA ERA SUCCESSO AI TEMPI DI DALEMA E LA STORIA DEI COOP ROSSE.A DALEMA LI SONO VOLATE I FOGLI(LE COPIE DELLA NUOVA ERA) DELLE MANI,A RENZI E I TELE-MACI LI DEVONO VOLARE I CAPELLI CON TUTTA LA TESTA.L’ORA ARRIVA.LA LUNA DI MIELE E’ FINITA.

-

22 DICEMBRE 2015:RENZI PEGGIO DI UNA CASALINGA

TITOLARE LA REPUBBLICA:

Renzi e il voto spagnolo "Sia benedetto l'Italicum Austerità non ci porta da nessuna parte"

Renzi e il voto spagnolo “Sia benedetto l’Italicum

Austerità non ci porta da nessuna parte”

Articoli correlati

.

REAZIONE:

1-ITALICUM?:”GOVERNABILITA” E’ EUFEMISMO CHE STA PER  EVERSIONE,AUORITARISMO,TRUFFA ELETTORALE(FAR VINCERE CHI HA PERSO)E GOLPE DI PALAZZO.MA…TUTTO QUESTO NON E’ QUELLO CHE VOLEVA BERLUSCONI?:LO VUOLE ANCHE IL SUO BURATTINO.PER OPERA E GRAZIA DI UN NOSTALGICO STALINISTA,NAPOLITANO.

2-NON AUSTERITA?:I DEBITI SI PAGANO E USARE I SOLDI DELLO STATO PER BENEFICIO PROPIO E’ TRUFFA,CONFLITTO DI INTERESSI.QUESTE SEMPLICI COSE CHE LI SA QUALSIASI “ECONOMA DOMESTICA”(CASALINGA)RENZI PARE CHE L’IGNORA.

3-IL “GOVERNO” RENZI ANCORA NON HA DECOLLATO,SI HA LIMITATO A DARE PREMI DA KERMESSE(CE DOPO SARANNO VOTI) E PRETENDE DARE LEZIONI ALL’ECONOMIA PIU POTENTE DELL’UE.

4-IL GOVERNO NON DURERA?E CHI LO DICE?MA CERTO CHE NON DURERA, CENTO PER CENTO NUOVA ERA DEVE ESSERE L’ITALIA.RESTITUIRE D INTEGRUM LA VOLONTA DEGLI ITALIANI LIBERRIMAMENTE ESPRESA IN ELEZIONI DEMOCRATICHE .

PD:SUPERAMENTO DEL BIPOLARISMO NEL VOTO SPAGNOLO?IL BIPOLARISMO NON E’ INCOMPATIBILE CON LA NUOVA ERA.IL MANICHEISMO SI:NON SI DEVE DIVIDERE LA SOCIETA IN DESTRA E SINISTRA IN BUONI E CATTIVI,QUESTO E’ SEMPLICEMENTE IGNORANZA CONTRARIA AL PENSIERO SCIENTIFICO E ALLE BUONE RAGIONI.

QUANDO IL SUPERAMENTO DEL BIPOLARISMO SIGNIFICA IL SUPERAMENTO DEL MANICHEISMO BENVENUTO SIA,MA NON SEMBRA ESSERE IL CASO DELLA SPAGNA DOVE IL VECCHIO MANICHEISMO PP-PS SEMBRA CHE VADA IN CAMMINO DI ESSERE SOSTITOITO DA UN’ALTRO, PODEMOS-CIUDADANOS.PERO AD ESSERE PRECISO NELLA SPAGNA NON VI E’ MAI STATO NESSUN BIPOLARISMO PERCHE AL VERTICE DELLO STATO C’E’ IL RE E NON UN PRESIDENTE.LO STESSO SUCCEDRA IN ITALIA QUANDO VENGA SANCITO L’ITALICUM E LA RIFORMA BOSCHI.CHE,RIPETO E NON VA MAI DIMENTICATO,QUESTO “PRESIDENZIALISMO” E’ STATO VOLUTO IN NEGOZIAZIONI FRA UN FALLITO “CAUDILLO”(LEADER)E DA UN NOSTALGICO STALINISTA.ALLORA CI SARA UN PRESIDENTE CON LE FACOLTA DI UN ASSOLUTISTA,POTRA ANCHE NOMINARE SEGGI.

QUANDO IL SUPERAMENTO DEL BIPOLARISMO NON SIGNIFICA SUPERAMENTO DEL MANICHEISMO,E’ SEMPLICEMENTE ANARCHIA E CAOS.COSA CHE SUCCEDE QUANDO LA MOLTEPLICITA DI PARTITI NON RAFFIGURA IL PENSIERO DISCURSIVO,IL DISCERNIMENTO INTELLIGENTE DELLA MOLTEPLEICITA PROTEIFORME DI INTERESSI RAPRESENTATIVA DELLA VITA IN SOCIETA MA LO SCONTRO CAOTICO DI FAZIONI CHE SI SENTONO INTERPRETI DELLA VERITA ASSOLUTA RIVELATA,BALCANIZAZZIONE,LOTTA DI TRIBU E CLANI COME SI RISCHIA IN LIBIA AD ESSEMPIO.IN QUESTO CASO E’ PREFERIBBILE IL BIPOLARISMO A PATTO CHE NON SIA MANICHEO. LE LARGHE INTESE SOLO POSSONO ESSERE EFFIMERI.

-

22 DICEMBRE 2015:NON SCHERZIAMO SANTO PADRE

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Il Papa: "Le malattie della curia   video   hanno causato dolore, riforma va avanti"

Il Papa: “Le malattie della curia video

hanno causato dolore, riforma va avanti”

Ai dipendenti del Vaticano: perdono per scandali

 Restituito accredito a Magister, vaticanista dell’Espresso

di ANDREA GUALTIERI

Articoli correlati

Bertone risarcisce l’ospedale Bambin Gesù

REAZIONE:NON BASTA ACCUSARE LA CURIA,CHIEDERE PERDONO E ANNUNCIARE  RIFORME.

COLPEVOLEZZARE LA CURIA?E CHI LO FA?IL CAPO DI UN ORDINE CHE DELLA CURIA POCO NE SA:L’ORDINE DEI GESUITI HA SCARSI PRETI,SACERDOTI, E MOLTI “PARA-MILITARI”.E’ UN ORDINE MILTARE.

CHIEDERE PERDONO?SIAMO STANCHI DELLE SUE RICHIESTE DI PERDONO: IL PERDONO SENZA COSTRIZIONE,PENTIMENTO E RIPARAZIONE E’ SEMPLICE IPOCRESIA.

RIFORME?BARZELLETTE,IMPORTARE DALLA SALO IN ESSILIO DA DOVE LUI E’ IL SACERDOTE MASSIMO,VERSO IL CUORE DELLA CIVILTA  EUROPEA I SELVAGGI SINCRETISMI DEL MALE CHE LUI INCARNA NELLA “FINE DEL MONDO”,CIO’E NELLA SALO NELL’ESSILIO APPUNTO.

ANCORA NULLA HA FATTO PER ARGINARE LA PEDOFILIA STRUTTURALE DELLA CHIESA TRANNE PROMESSE E APROVARE UNA LEGISLAZIONE CHE CERCA DI RENDERE AUTARCHICO,SOSTRARRERE AGLI STATI E LA GIUSTIZIA CIVILE  IL GIUDIZIO SUI PEDOFILI.

Immagine anteprima YouTube

-

22 DICEMBRE 2015:RENZI NON AIUTA CONTRO IL TERRORISMO

-TITOLARE LA STMPA:

esteri
L’Iraq smentisce Renzi: “Nessun accordo per i soldati italiani alla diga di Mosul”
«L’impianto è già protetto da forze irachene»

22 Dicembre

.
REAZIONE:AVEVA ANNUNCIATO LA PRESENZA DI QUESTE TRUPPE IN COMPENSO DEL MANCATO APOGGIO AL VERTICE DI PARIGGI.
-
-APPENDICE:RENZI ISOLATO,SINDROME DI FORTEZZA ASSEDIATA
-SU LE MONDE:

décembre 2015

Matteo Renzi: « ça n’arrive qu’aux autres ».

Bienheureux Matteo Renzi, Premier ministre d’une île bienheureuse, nommée Italie où rien ne devrait se passer comme ailleurs. Prenons le terrorisme par exemple. Il refuse d’apporter l’aide demandée par la France à ses voisins européens en vertu du traité de Lisbonne et pense se protéger de la menace de l’organisation Etat islamique en débloquant un milliard d’euros “pour la culture”. Chaque jeune fêtant ses dix-huit ans en 2016 se verra doté d’un bon d’achat d’une valeur de 500 euros pour s’acheter des livres ou aller au musée. “C’est en étant nous-mêmes que nous vaincrons”, dit-il. Pourquoi pas?

Passons maintenant à la montée des populismes. Matteo Renzi, en son île, ne se sent pas concerné par le score du Front national lors des élections régionales en France. Il confie son optimisme à sa page Facebook dans laquelle il rend l’Europe et l’austérité “responsables” du score du FN et garantit aux Italiens que rien de tel ne se produira dans la Péninsule puisque lui, il “fait des réformes”. Pourtant l’addition des intentions de votes en faveur des xénophobes  de la Ligue du nord, des populistes du Mouvement 5 Etoiles et des postfacistes de Fratelli d’Italia, unis contre l’Euro, dépasse largement les 40%. Mais bon, puisqu’il y croit.

Enfin les élections espagnoles. La fragmentation du paysage politique et l’impossible recherche d’un gouvernement de compromis n’est pas sans rappeler la situation de l’Italie au sortir des élections législatives et sénatoriales de février 2013 . Cette fois encore le président du conseil affiche un optimisme granitique. “Grâce à la nouvelle loi électorale, cela ne pourra pas se produire chez nous”, annonce-t-il. Cette dernière prévoit désormais un scrutin législatif à deux tours offrant une confortable prime majoritaire au vainqueur.

Pourtant les sondages – encore eux – devraient l’inciter à plus de prudence. Deux petits points seulement séparent  le Mouvement 5 Etoiles (29%) du Parti démocrate (31%), la formation de centre gauche dirigée par le Premier ministre en personne. Et tous les instituts donnent désormais les partisans de Beppe Grillo vainqueurs au second tour. Les élections devraient avoir lieu au plus tard au printemps 2 018. Deux ans ce n’est pas beaucoup pour inverser la tendance, même sur une île.

 http://italie.blog.lemonde.fr/2015/12/22/matteo-renzi-ca-narrive-quaux-autres/
.

REAZIONE:
1-SOLDI PER LA CULTURA CONTRO IL TERRORISMO?NON BISOGNA SPENDERLI,IN ITALIA NON C’E MAI STATO UN ATTACCO TERRORISTA.
2-PAURA DEI POPOLISMI?SCHERZIAMO?,SONO I SUOI COMPAGNI DI ROTTA NELLE LARGHE INTESE.
3-DEFRAMENTAZIONE DEL PESAGGIO POLITICO?LA FRAMENTAZIONE IN ITALIA E’ UN MURO CONTRO LE TENTAZIONI AUTORITARIE E L’ITALICUMM E LE RIFORME BOSCHI NON VERRANNO MAI FATTI.
4-VITTORIA DI GRILLO?IMPOSSIBILE,VINCERA IL PARTITO DEL NON-VOTO.I SONDAGGI VALIDI SONO QUELLI DELLE URNE SOLTANTO.MA NIENTE PAURA,RENZI NON ARRIVERA AL 2018.SARA MESSO “TRA VIRGOLETTE” MOLTO PRIMA.
.

DICEMBRE 2015:CRAC BANCA ETRURIA
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:INCHIESTA
.
Bilanci anomali e Cda da non nominare: le accuse a Etruria

Pier Luigi Boschi, Lorenzo Rosi e Alfredo Berni

Pier Luigi Boschi, Lorenzo Rosi e Alfredo Berni

La relazione di Bankitalia, i rilievi a Lorenzo Rosi e a Pier Luigi Boschi. Gli ispettori parlano di «gravi ritardi» degli organi di governo per intervenire sul dissesto dalla nostra inviata Fiorenza Sarzanini
Truffato da Banca Etruria, pensionato «risarcito» in diretta
.
REAZIONE:FALSO IN BILANCIO E NOMINAZIONI “INADEGUATI” TRA I QUALI QUELLA DEL PADRE DELLA BOSCHI E QUELLA DELLA BUGNO FATTA DA RENZI.
.
-NOTA COMPLETA:
Bilanci anomali e quel Cda da non nominare: le accuse a Etruria
.
Milano, 22 dicembre 2015 – 09:36
.
Da sinistra: Pier Luigi Boschi, Lorenzo Rosi e Alfredo Berni

.
Da sinistra: Pier Luigi Boschi, Lorenzo Rosi e Alfredo Berni
.

AREZZO L’ultimo consiglio di amministrazione di Banca Etruria non doveva essere nominato. Con una lettera inviata il primo aprile 2014 la Vigilanza aveva sollecitato «un ricambio degli organi aziendali», ma quell’invito è stato solo «parzialmente accolto» perché il 4 maggio 2014 «otto amministratori sono stati confermati». Tra loro il presidente Lorenzo Rosi e i vicepresidenti Alfredo Berni e Pier Luigi Boschi, padre della ministra per le Riforme Maria Elena. È uno dei «rilievi» che Bankitalia ha mosso nella relazione ora trasmessa al procuratore di Arezzo Roberto Rossi, titolare delle inchieste sul dissesto dell’Istituto di credito, che dovrà valutare gli eventuali illeciti penali da contestare agli amministratori. Il resto riguarda le «anomalie» riscontrate nei bilanci e «i gravi ritardi» da parte degli organi di governo per intervenire in maniera adeguata sul dissesto. Una situazione che ha portato all’apertura del procedimento disciplinare nei confronti degli amministratori, che adesso subiranno nuove sanzioni. Una procedura già comunicata anche alla magistratura.
.
La spartizione nelle nomine
.
Gli ispettori di Bankitalia sottolineano di aver sollecitato all’inizio di aprile 2014 la necessità di «assicurare una netta discontinuità con il passato attraverso un significativo ricambio del Cda, incluse le figure apicali». In particolare era stato chiesto di formare nuove liste di candidati ma l’indicazione non è stata seguita. Per questo contestano la procedura sulla «conferma» di otto consiglieri e indicano anche le «regole» di spartizione specificando che hanno riguardato «il presidente Lorenzo Rosi; il vicepresidente vicario Alfredo Berni, espressione di punta della lista di minoranza del precedente consiglio; il vicepresidente Pier Luigi Boschi, esponente in società operanti nel settore agricolo; il dottor Luciano Nataloni, vicepresidente della controllata Banca Federico del Vecchio; Andrea Orlandi, imprenditore; la dottoressa Claudia Bugno con diversi incarichi nella pubblica amministrazione; il professor Felice Santonastaso; il dottor Luigi Nannipieri, professionista». Bugno è stata nominata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi coordinatrice generale per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024. Gli ispettori contestano il fatto che «ben quattro dei cinque componenti del Comitato esecutivo (Rosi, Berni, Boschi, Orlandi e Catanossi, amministratore della controllata Bap Vita) – che si occupa principalmente di delibere in materia creditizia – erano consiglieri in carica nei precedenti esercizi».

Niente tagli ai compensi del Cda

Secondo Bankitalia la grave situazione di dissesto è stata affrontata in ritardo, nonostante più volte fosse stata evidenziata la necessità di intervenire. Il punto centrale è rappresentato dai «crediti deteriorati» per un totale di circa 3 miliardi di euro dei quali 2 miliardi di sofferenze. Anche per questo viene stigmatizzato il lavoro della «Commissione consiliare informale», della quale facevano parte il presidente, i due vicepresidenti e tre consiglieri, che non ha mai verbalizzato le sue riunioni rendendo così «poco trasparente l’intero percorso decisionale». Uno dei rilievi mossi ai componenti del Cda e rispetto al quale i magistrati dovranno valutare l’esistenza di profili penali riguarda i compensi, perché il Cda entrato in carica il 4 maggio 2014 aveva preso l’impegno di ridurre gli stipendi – del 32,5% quello del presidente e del 20% quelli dei vice – invece non ha rispettato la delibera e soprattutto ha lasciato cadere la richiesta della Vigilanza di cercare «un partner di elevato standing».

Le «anomalie» nei bilanci

Dopo aver analizzato il comparto amministrativo contabile, gli ispettori evidenziano numerose anomalie che adesso dovranno essere valutate dai magistrati. Risulta infatti che circa il 30 per cento delle posizioni deteriorate avevano fornito a garanzia immobili con una valutazione non adeguata anche perché nella maggior parte dei casi si faceva riferimento a un’analisi che risaliva a circa due anni prima e dunque non poteva essere ritenuta parametro attendibile. Sulla base di queste «contestazioni» Bankitalia ha trasmesso i propri rilievi agli interessati che a loro volta hanno la facoltà di presentare le controdeduzioni in vista dell’emissione delle sanzioni.
Agli atti del procuratore Roberto Rossi c’è una consulenza di parte che aveva escluso la possibilità di contestare il falso in bilancio, ma le novità emerse con l’ultima relazione degli ispettori potrebbero adesso portare a una rilettura di quanto accaduto. La documentazione consegnata al procuratore elenca, infatti, quelle che sono poi diventate formali contestazioni, violazioni ritenute tanto gravi da far scattare il commissariamento.

22 dicembre 2015 (modifica il 22 dicembre 2015 | 13:51)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 http://www.corriere.it/politica/15_dicembre_22/bilanci-anomali-quel-cda-non-nominare-accuse-etruria-fc73ab20-a884-11e5-8cb6-cc689478293e.shtml
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente
Torna in alto