SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 146 »

28 AGOSTO 2014:IMMIGRAZIONE,MARE NOSTTRUM,COSI LE COSE

2 NOTE SU LE MONDE:

1-AZIONE LEGALE CONTRO L’ITALIA ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

-SU LE MONDE,Société:

Réfugiés : la Commission européenne étudie des poursuites contre l’Italie

Le Monde.fr avec AFP | 03.07.2014 à 11h23,Mis à jour le 03.07.2014 à 13h18

 Des réfugiés ayant quitté la Libye et la Tunisie, à Lampedusa, en Italie, en mai 2011.
Des refugies ayant quitte la Libye et la Tunisie,a Lampeduse,en Italie,en mai 2011/AP/La presse
La Commission européenne étudie d’éventuelles poursuites contre l’Italie, qui omettrait d’enregistrer les réfugiés transitant sur son sol dans l’espoir qu’ils s’installent ailleurs, a indiqué jeudi la commissaire chargée des affaires intérieures, Cecilia Malmström.

« Notre impression est que l’Italie et une partie des autres Etats membres n’expliquent pas suffisamment clairement aux gens que, s’ils veulent demander l’asile, ils doivent laisser leurs empreintes digitales », a-t-elle déclaré dans le quotidien suédois Dagens Nyheter.

Le journal rapporte que la commissaire a indiqué que Bruxelles enquêtait sur des violations de la convention de Dublin, qui impose aux demandeurs d’asile de faire leur demande dans le pays de l’Union européenne où ils ont d’abord posé le pied. Selon Dagens Nyheter, « elle n’exclut pas que la commission poursuive l’Italie devant la Cour de justice de l’Union européenne ».

« DES AGISSEMENTS SYSTÉMATIQUES ET DÉLIBÉRÉS »

« Le problème est que nous devons être capables de prouver que ce sont des agissements systématiques et délibérés. Les Italiens doivent bien sûr respecter la loi, tandis que nous tâchons de les aider dans une situation où ils ont accueilli 40 000 à 50 000 personnes en peu de temps », a expliqué la Suédoise.

Le ministre de l’immigration suédois Tobias Billström, interrogé lui aussi par le journal, a rappelé que neuf pays de l’UE accueillaient 90 % des réfugiés, et estimé qu’il était « clair de ce point de vue que davantage des vingt-huit Etats membres de l’UE doivent s’impliquer ». Avec l’Allemagne ou la Grande-Bretagne, la Suède est l’une des destinations privilégiées par les réfugiés en Europe. Dans les six premiers mois de l’année, 31 900 personnes y ont déposé une demande d’asile, pour plus d’un tiers syriennes.

LA SICILE, ENTRÉE DU CONTINENT EUROPÉEN

L’augmentation exponentielle des migrants et réfugiés qui affluent sur les côtes italiennes n’est pas un effet pervers de l’opération Mare Nostrum mais s’explique par l’aggravation des crises au Moyen Orient, a estimé jeudi le chef d’état major des forces armées italiennes. L’amiral Luigi Binelli Mantelli a admis dans une interview à la Stampa, que les arrivées ont augmenté depuis le lancement de cette opération de secours en haute mer gérée par la marine de guerre, et lancée par l’Italie en octobre 2013 après deux terribles naufrages ayant fait plus de 400 morts.

L’amiral a déploré l’inaction des autres pays européens dans les opérations de sauvetage. « La question n’est pas le financement de cette mission, qui est certainement coûteuse mais l’Europe doit comprendre que les côtes siciliennes ne sont pas un port italien mais de tout le continent », a souligné l’amiral

—————–

Union européenne et immigration

*L’Espagne confrontée à une « intense pression migratoire »

*Comprendre l’immigration clandestine en Europe en une carte Vidéo

*Les principales routes migratoires vers l’Europe Infographie

Édition abonnés Contenu exclusif

*23 000 migrants morts en 15 ans en tentant de gagner l’Europe

*A Melilla, les fantômes de l’immigration

*A Ceuta, les lames tranchantes n’arrêtent pas les migrants

http://www.lemonde.fr/societe/article/2014/07/03/refugies-la-commission-europeenne-etudie-des-poursuites-contre-l-italie_4449981_3224.html

-NOTA 2:

L’Espagne confrontée à une « intense pression migratoire »

Le Monde.fr avec AFP, AP et Reuters | 12.08.2014 à 17h46 •,Mis à jour le 12.08.2014 à 21h38

Plus de 1 600 migrants sont arrivés, par voie terrestre ou maritime, en Espagne depuis lundi.

Dans la seule journée de mardi 12 août, les autorités espagnoles ont eu à faire face à plusieurs incidents impliquant des centaines de migrants clandestins qui tentaient d’entrer en Espagne par voie terrestre ou maritime.

A Melilla, ville autonome espagnole enclavée au Maroc, environ 700 personnes, en majorité des hommes, ont tenté de franchir la triple barrière grillagée qui sépare les deux pays avec des échelles de fortune, selon la préfecture de Melilla, qui connaît une « intense pression migratoire » depuis quelques jours.

Une trentaine d’entre elles ont réussi à pénétrer dans la ville, selon les autorités locales. Un peu plus tard, environ 200 migrants ont essayé de franchir la barrière à un autre endroit, sans succès. Une cinquantaine d’entre eux ont toutefois pu se hisser en haut des grilles, de plusieurs mètres de haut, où ils se sont retrouvés bloqués pendant plusieurs heures.

Voir notre reportage en images : A Melilla, avec les migrants aux portes de l’Europe

Au large de la ville de Cadix, en face du Maroc, 681 personnes – en grande majorité des hommes, mais aussi 88 femmes et 20 mineurs – ont été secourues à bord de 70 embarcations de fortune. La veille, près de 300 personnes avaient été secourues dans des conditions similaires.

Un porte-parole des gardes-côtes a expliqué que d’autres embarcations pourraient arriver dans les prochaines heures, la mer calme favorisant les tentatives de passage. Les rescapés sont pris en charge par des membres de la garde civile, dont certains sont équipés de gants et de masques de protection en raison de l’épidémie de fièvre hémorragique Ebola qui sévit dans plusieurs pays d’Afrique de l’Ouest. La nationalité de ces migrants n’a pas été dévoilée par les autorités espagnoles.

Selon Helena Maleno, experte des flux migratoires de l’organisation non gouvernementale Caminando fronteras, interrogée par El Pais, l’afflux de migrants pendant l’été s’explique aussi par le fait « qu’il n’y a aucun contrôle sur la côte par les policiers marocains (…) ni pas la marine espagnole ».

Des migrants secourus après avoir voulu rejoindre l'Espagne par le golfe de Gibraltar, le 12 août 2014.

A lire aussi : 23 000 migrants morts en 15 ans en tentant de gagner l’Europe

EXPLOSION DU NOMBRE DE MIGRANTS

Le nombre de migrants clandestins qui tentent d’entrer en Espagne ou en Italie a explosé ces derniers mois. Madrid en a appelé à l’Union européenne pour contenir les vagues de migrants venus d’Afrique subsaharienne et du Maghreb qui affluent aux portes de Melilla et de l’autre enclave de Ceuta, les deux seules frontières terrestres entre le continent africain et l’Europe.

En Italie, la marine a annoncé lundi avoir secouru plus de 2 000 migrants au cours de diverses opérations pendant le week-end dans le canal de Sicile, le bras de Méditerranée qui sépare l’Afrique du Nord des côtes italiennes. Un chiffre qui dépasse déjà celui de l’année 2013.

Frontex, l’agence européenne pour la gestion des frontières, a annoncé mardi que le nombre de migrants et de réfugiés qui arrivent par le centre de la Méditerranée en Italie et à Malte s’est accru de 500 % sur les sept premiers mois de l’année comparé à la même période de 2013.

L’agence a ainsi comptabilisé de janvier à juillet 78 300 migrants, contre 12 915 sur la même période l’an dernier, et 64 300 lors du « printemps arabe », en 2011. Des Erythréens et Des Syriens constituent le gros des réfugiés transitant par la Libye, mais aussi des Maliens ou des Soudanais, a précisé Frontex. En cause, selon sa porte-parole : l’instabilité de la Libye, qui permet aux « filières clandestines de passeurs d’être florissantes ».

-

Regarder nos explications en vidéo : Comprendre l’immigration clandestine en Europe en une carte(VIDEO NON RIPORTATATO)

Union européenne et immigration

*Réfugiés : la Commission européenne étudie des poursuites contre l’Italie

*Dix-neufs immigrants meurent asphyxiés au large de Lampedusa

*Italie : 66 000 migrants et réfugiés depuis le début de l’année

Édition abonnés Contenu exclusif

*23 000 migrants morts en 15 ans en tentant de gagner l’Europe

*La Grèce refoule illégalement les candidats à l’asile politique

*Demandes d’asile : la durée d’examen des dossiers au cœur du futur projet de loi

http://www.lemonde.fr/europe/article/2014/08/12/des-centaines-de-migrants-tentent-d-entrer-en-espagne_4470600_3214.html

REAZIONE:IL MAROCCO NON FERMA I CLANDESTINI E NE MENO LA SPAGNA LI REGISTRA.

INSOMMA COSI LE COSE,L’ALTRO E’ ASPIRAZIONE DI DESIDERI E PROPAGANDA.

 

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 145 »

23 AGOSTO 2014:LA LEGA E L’IMMIGRAZIONE IERI ED OGGI,COSA CAMBIA

1-TITOLARE LA STAMPA:

Rifugiati, ministro bavarese contro l’Italia: “Non li identifica per non farsene carico”

L’attacco di Joachim Herman: «Non vengono presi dati e impronte per permettere loro di chiedere asilo in un altro Paese». E molti si spostano in Germania


LAPRESSE
22/08/2014
Scontro tra Italia e Germania sulla gestione dei profughi: è il ministro degli Interni bavarese Joachim Herman a rivolgere un duro attacco all’Italia sul delicato tema dell’identificazione dei migranti. L’Italia, critica Herman, «in molti casi intenzionalmente non prende dati personali e impronte digitali dei rifugiati per permettergli di chiedere asilo in un altro Paese». Secondo il politico tedesco, un modo per «non farsene carico».

In Germania soprattutto: il governo bavarese giovedì ha registrato un nuovo record, 319 richieste d’asilo in un giorno solo. «Uno dei motivi – ha sottolineato Herman – è che una parte considerevole dei rifugiati che arrivano in Italia si mettono in viaggio verso la Germania senza essere passati per il previsto procedimento» attacca il ministro degli Interni, riferendosi alle leggi sui rifugiati.

Le norme europee prevedono che i rifugiati facciano richiesta di asilo nel primo Paese dell’Unione in cui arrivano: saltando la procedura di identificazione, secondo Herman Roma evita che i rifugiati sbarcati in Italia possano essere rimandati indietro nel caso in cui venissero identificati in un altro Paese europeo. Ripetutamente, negli ultimi mesi, la polizia bavarese e quella austriaca hanno reso noti casi di rifugiati fermati mentre tentavano di entrare nei rispettivi Paesi senza i documenti necessari.

Nel 2013, stando ai dati forniti dal ministro bavarese, la Germania ha concesso asilo a 126mila immigrati, l’Italia solo a 27.930. L’Unchr ha però calcolato che nel 2013 circa 60mila immigrati sono approdati sulle coste italiane.

http://www.lastampa.it/2014/08/22/esteri/rifugiati-ministro-bavarese-contro-litalia-non-li-identifica-per-non-farsene-carico-QkDXTqQYN8H5ZwXxtayYTK/pagina.html

-APPENDICE:ALLA BERGAMASCA

-NOTA SU LA REPBBLICA:

IL DISCORSO Al BerghemFest della Lega

Calderoli: «Gli immigrati? Il Papa se li tenga in Vaticano»
Ancora una provocazione dal vicepresidente del Senato: «Il Santo Padre non ce li mandi nella Bergamasca»
.
shadow
.

Ancora una provocazione sull’immigrazione arriva dalle parole di Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato. «Ho avuto la fortuna di conoscere papa Bergoglio, che all’inizio mi aveva entusiasmato ma ora mi sta deludendo: andando in Vaticano un rom o un marocchino non l’ho mai incontrato, perché se sei irregolare c’è l’arresto». Così si è espresso sull’accoglienza che gli istituti della Chiesa cattolica garantiscono agli immigrati in Italia. Ma non è tutto. «Se li tenga in Vaticano – ha aggiunto parlando del Papa al BerghemFest della Lega – e non ce li mandi nella Bargamasca».

Le proprietà della Chiesa

Secondo l’esponente del Carroccio del resto le proprietà della Chiesa sono soprattutto frutto «dei lasciti e dell’otto per mille, destinati ai nostri figli e nipoti e non agli extracomunitari». Quello di Calderoli è stato un lungo discorso, quasi uno sfogo davanti ai militanti, durante il quale ad un passaggio successivo si è comunque detto «profondamente cattolico» spiegando una serie di recenti vicissitudini personali, tra cui sei operazioni chirurgiche: Calderoli si è più volte commosso al microfono, anche quando ha ricordato la madre, recentemente scomparsa.

agosto 2014 | 00:03,© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.corriere.it/politica/14_agosto_22/calderoli-gli-immigrati-papa-se-li-tenga-vaticano-c5e176d8-2a44-11e4-83e9-8707f264e6d8.shtml
.
REAZIONE:LA STRATEGIA DENUNCIATA DAL BAVARESE ERA LA STRATEGIA ENNUNCIATA,MINACCIATA,DA BOSSI AI TEMPI DI BERLUSCONI,MARONI,FRATTINI E…GHEDAFY…:SOLDI O FACCIAMO SALTARE LO SPAZIO SHENGHEN ANNEGANDOLO DA IMMIGRATI.SOLO CHE ALLORA IL DESTINO DEGLI SBARCATI IN TRANSITO ERANO LA FRANCIA(VI LA RICORDATI VENTIMIGLIA?) E IN MISURA PIU RIDOTTA LA GERMANIA.COSA HA CAMBIATO OGGI:COME ABBIAMO VISTO ALFANO INSISTE NELLA LINEA DI NON AFFRONTARE POLITICAMENTE E COMPLESSIVAMENTE IL PROBLEMA DELL’IMMIGRAZIONE E RICATTARE L’EUROPA CON GLI SBARCATI IN CERCA DI SOLDI PIU CHE ALTRO,PERO OGGI GLI IMMIGRATI VENGONO RISPEDITE GIA NON SOLO IN QUELLI PAESE MA ANCHE IN AUSTRIA,……. E,SECONDO CALDEROLI NELLA “BERGAMASCA”.VEDIAMO ANCORA UN PO’:SECONDO CALDEROLI LA CHIESA CATTOLICA INCORAGGIA L’INGRESSO IN ITALIA DEGLI IMMIGRATI PERO A SAN MARINO IL PAPA NON SE LI TIENI,MA COME VISTO L’ITALIA NE MENO,DOBBIAMO ALLORA CONCLUDERE CHE L’ITALIA DI OGGI,DI ALFANO,RENZI,BERLUSCONI,DELLE LARGHE INTESE INSOMMA SONO COMPLICI CON IL VATICANO IN UNA STRATEGIA COMBINATA PER FARE IMPLODERE LO SPAZIO SHENGHEN?
IL SIGNOR MARTIN SHULTZ E’ UN SIMPATIZZANTE DELLA LEGA NORD DA QUI SOSTIENE LE RADICI STORICI COMUNI NEL LONTANO BARBAROSSA:SARA QUESTO IL MOTIVO PERCHE FINO ADESSO LA GERMANIA NON AVEVA ALZATO LA VOCE SULLE SUE IMMIGRATI DI “SECOND HAND”"?NON SI SA MAI PERO EVIDENTEMENTE QUESTA E’ UN’ALTRA GERMANIA LA MANO DELLA RECENTEMENTE NATA NUOVA GROSSE KOALITION SI SENTE.
E LA “LEGA BERGAMASCA” HA DELATATO SAN MARINO PERO,BUONA MEMORIA MEDIANTE,SI HA ANCHE AUTODELATATO SCARICANDO LE COLPE SUL PAPA.
FORSE UN PO’ SPINTO IL RAGIONAMENTO,MA PERMETTETEMI IL SOSPETTO RISULTANTE DI FARE QUESTO BEN FONDAMENTATO ESSERCIZIO DI COERENZA.
(PD:E QUELLO DENUNCIATO DAL TEDESCO,FORSE NON E’ ANCHE TRAFICO DI PERSONE?
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
*23 AGOSTO 2014:DRAGHI?NON DECIDE SOLO LUI
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Renzi: "Bene Draghi, flessibilità  per chi approva le riforme"   video
Renzi: “Bene Draghi, flessibilità per chi approva le riforme” video
“Se Ue club di burocrati non ne ho bisogno”
“I sindacati? Si arrabbiano sempre…”
Articoli correlati
mila condivisioni,375 commenti
-

25 AGOSTO 2015:NO ALLA MERCKEL

.
-TITOLARE HUFFINGTON POST:

“SÌ ALLA SPAGNA” MERKEL AVVIA IL BALLO DELLE NOMINE

&SÌ ALLA SPAGNA" MERKEL AVVIA IL BALLO DELLE NOMINE

-APPENDICE 1:TITOLARE LA REPUBBLICA:
Germania, giù la fiducia delle imprese
“Verso crescita zero nel terzo trimestre
Per l’indice Ifo tedesco quarto calo consecutivo
Piazza Affari in positivo/Borse in diretta
512 condivisioni
-APPENDICE 2:TITOLARE LA REPUBBLICA

Migranti, la Ue lancia 'Frontex plus'  "Ma non sostituirà Mare Nostrum"
Migranti, la Ue lancia ‘Frontex plus’
“Ma non sostituirà Mare Nostrum”

A Lampedusa altre sei vittime

Ieri 18 nel gommone affondato

4 condivisioni
-
REAZIONE::FRONTEX PLUS?SOLO ESPRESSIONE DI DESIDERI,VAGHE E CONFUSE PROMESSE.SI LEGGE NELLA NOTA:
-”Esperti della Commissione europea, delle autorità italiane e dell’agenzia europea per la protezione delle frontiere, Frontex, si riuniranno domani a Roma per discutere il possibile avvio di una missione rafforzata di Frontex nel Mediterraneo, definita “Frontex Plus”, secondo Michele Cercone, portavoce del commissario Ue per gli affari interni, Cecilia Malmstrom.
RAFFORZATA?COSA SIGNIFICA?

2-”"Ma, come ha spiegato una fonte della Commissione europea, la sostituzione di Mare Nostrum con Frontex “non è ipotizzabile perchè non ci sono nè fondi nè mezzi”, precisando che “sono totalmente infondate” le indiscrezioni di stampa in base alle quali Frontex possa farsi carico del lavoro di Mare Nostrum in un’area più ristretta del Mediterraneo rispetto a quella in cui opera attualmente la missione italiana”La fonte ribadisce quanto già detto in via ufficiale dall’Ue, e cioè che ciò che è fattibile è soltanto il lancio di un’operazione Frontex Plus a sostegno di Mare Nostrum, “magari un Mare Nostrum ridotto”. Anche questo tema sarà in discussione domani a Roma tra i tecnici Ue e italiani”INSOMMA,NE SOLDI,NE MEZZI,NE SOSTITUZIONE:PRIMA LA NEGATIVA E ORA QUESTO “RAFFORZAMENTO”?NO,SOLO UN MUCCHIO DI CHIACHERE ESSAGERATI DALLA STAMPA CERCANDO DI SALVARE LA FACCIA DI ALFANO E LE LARGHE INTESE.QUESTA UNIONE UROPEA NON E’ IN GRADO DI PRENDERE DECISIONI DI QUESTA PORTATA,A NOVEMBRE DOVRANNO CAMBIARE NOMI ED EQUILIBRI DI POTERI A SCAPITO DI QUEL CHE RESTA DI NEOLIBERALISMO.SOLO PROPAGANDA PATTISTA E’ QUESTO INSOMMA.

-EPILOGO:L’IMPOSSIBILE TESTARDAGGINE DELLA GERMANIA DI MERCKEL IN MANTENERE APROCCI NEOLIBERALI E LA SUA POLITICA DI MANI APERTE NON E’ INDOLORE NE SENZA CONSEGUENZE.LA MERCKEL NON COMMANDA PIU,E L’ECONOMIA,I MERCAT, NE HANNO PRESO ATTO.ANCHE LA POLITICA E GLI EQUILIBRI EUROPEE DELLA PASSATA GERMANIA SI STANNO SGRETOLANDO.NO AL NEOLIBERALISMO,GIU LE MANI DELLA MERCKEL DEL MARE NOSTRUM.SI ALLA NUOVA GROSSE KOALITION.

25 AGOSTO 2014:SCACHIERE EUROASIATICO
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Kiev: "Blindati russi violano confine"   vd   Scontri con esercito in zone dei ribelli 
Kiev: “Blindati russi violano confine”
Scontri con esercito in zone dei ribelli
La Russia: “Pronto secondo convoglio”
Lavrov: “In Ucraina, rischio pulizia etnica”

Mosca no summit Nato /  Filorussi fanno sfilareprigionieri Ft

Articoli correlati

269 condivisioni
REAZIONE:CONTRARIAMENTE A QUANTO PRETENDE FARE CAPIRE LA PROPAGANDA DI QUEL CHE RESTA DI NEOLIBERALE  IN QUESTA UNIONE EUROPEA PRIMA DI ANDARSENE A NOVEMBRE,COMPRESE LE LARGHE INTESE,LA NUOVA ERA E I SUOI EQUILIBRI TENGONO.

-

27 AGOSTO 2014:3 NOTIZIE DE “IL SOLE 24 ORE” SU GOOGLE NEWS:

Mercoledì ,27 Agosto 2014 , Aggiornato alle 17:51

-NOTIZIA 1:IL PIANO HA FALLITO

Notizie Italia

Piano giovani, tensione tra Crocetta e gli alleati

27 agosto 2014

Il pasticcio del click day col sistema andato in tilt il 5 agosto, impedendo a 50mila ragazzi di registrarsi online alla selezione per i tirocini del Piano giovani, è arrivato ieri in commissione Lavoro dell’Assemblea siciliana. I deputati regionali hanno audito i protagonisti di una vicenda su cui stanno indagando la Procura di Palermo e la Corte dei conti che vogliono vederci chiaro su affidamenti diretti fatti dall’amministrazione regionale per 6 milioni di euro a Italia Lavoro Sicilia e alla società ligure Ett, considerati dal governo Crocetta i responsabili del fallimento. La dirigente alla Formazione Anna Rosa Corsello si è dimessa in diretta, in dura polemica con l’esecutivo e sulla graticola è finita l’assessore alla Formazione Nelli Scilabra. La sfiducia del Pd nei suoi confronti è crescente; Fi e Ncd ne chiedono le dimissioni. «Politicamente mi prendo le responsabilità di quello che avete definito il flop day. Ma non è fallito il Piano giovani, è solo crollato un server» si è difesa l’assessore. Sostenuta da Crocetta che si chiede «se dietro una parte degli attacchi non ci sia la nostalgia di un vecchio sistema». «Quello che è successo oggi (ieri, ndr) è chiaro: la politica non c’è più, “viva la burocrazia”, verso la fine della Sicilia» ha scritto su Twitter il vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello. «Da sempre la burocrazia siciliana ha governato di fatto la Regione e oggi vuole liquidare anche gli assessori».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-08-27/piano-giovani-tensione-crocetta-e-alleati-063854.shtml?uuid=ABoyQknB

-NOTIZIA 2:LA PIU GRANDE SCONFITTA

Notizie Europa

Si dimette il sindaco di Berlino. La più grande sconfitta? Il flop dell’aeroporto

di Roberta Miraglia,26 agosto 2014,Commenti (7)

Ha cambiato volto a Berlino negli ultimi tredici anni. Coniando lo slogan geniale “povera ma sexy”, il sindaco Klaus Wowereit ha trasformato la capitale tedesca in una metropoli attraente, meta di giovani talenti e cluster di start-up tecnologiche. Pil in crescita, prezzi immobiliari pure, boom del turismo e disoccupazione quasi dimezzata. Ma a Wowereit non è bastato: ha convocato i giornalisti e annunciato che lascerà l’incarico l’11 dicembre.

In anticipo di un anno sulle elezioni che avrebbero dovuto tenersi nel 2016, Wowereit abbandona mentre la sua stella era andata appannandosi negli ultimi tempi anche a causa di clamorosi insuccessi, primo fra tutti la mancata apertura del nuovo aeroporto cittadino. Venne pensato fin dalla caduta del Muro, nel 1989; avrebbe dovuto essere inaugurato nel 2012; i lavori iniziarono nel 2006. Forse aprirà i cancelli nel 2016. Forse, perché ora il consorzio a cui è affidata la costruzione è sull’orlo dell’insolvenza e ha costante bisogno di finanziamenti “tampone”. Problemi tecnici a catena ne hanno rimandato l’inaugurazione, i costi sono lievitati, il progetto è rimasto senza fondi e a luglio è finito sotto la lente impietosa della corte dei conti europea che ne ha criticato molti aspetti, incluse le spese eccessive nella costruzione di parcheggi con accesso diretto ai gate riservati proprio al sindaco e ai suoi ospiti.

«Una delle più grandi sconfitte, non voglio nasconderlo – ha ammesso Wowereit, socialdemocratico in carica dal 2001 – è il fatto che l’aeroporto non ha aperto come previsto. Mi dispiace profondamente di non essere riuscito a porre rimedio alla cosa». Ma il sindaco, 60 anni, vicino nell’Spd al vicecancelliere Sigmar Gabriel, ha anche rivendicato i tanti successi: «Me ne vado volontariamente, soddisfatto, convinto di aver fatto il mio lavoro per lo sviluppo positivo di questa città». Amareggiato, oltre che soddisfatto. «Non è stato facile prendere questa decisione. Per quaranta anni ho fatto politica per questa città» ha aggiunto. «È stata una sconfitta amara». A cui non sono state estranee le critiche dall’interno del partito che non lo ha sostenuto con convinzione in vista della campagna 2016.

In effetti nell’era Wowereit – il primo politico di rilievo nazionale a fare outing sull’omosessualità (nella campagna elettorale del 2001 dichiarò: «Sono gay ed è una cosa buona») – Berlino ha vissuto importanti trasformazioni, pur restando una delle città più indebitate del paese (il doppio della media nazionale), con un reddito pro capite più basso e il 17% dei berlinesi assistiti dal welfare; un tasso di disoccupazione all’11% contro il 6,6 tedesco; una popolazione in aumento a 3,4 milioni ma ancora distante dai livelli di inizio Novecento. Con Wowereit Berlino ha recuperato terreno velocemente: crescita in media del 2,3% tra il 2005 e il 2012 (rispetto alla media nazionale dell1,5 per cento) e soprattutto è sbocciata in una «metropoli mondiale, attraente , tollerante e aperta. E sulla giusta strada economica». Parole di Gabriel dopo uno degli ultimi attacchi a Wowereit, qualche mese fa. Inutili tuttavia a tenerlo in sella. Il successore, all’interno dell’Spd, deve ancora essere scelto; indiscrezioni dei media indicano Jan Stoess, capo del partito socialdemocratico di Berlino.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-08-26/si-dimette-sindaco-berlino-piu-grande-sconfitta-flop-aeroporto–163253.shtml?rlabs=1

REAZIONE:LA NUOVA GERMANIA PSOT-VOTO:SINDACO GAY SI DIMETTE

-NOTIZIA 3:TROPPA GRAZIA DON BARROSO

-TITOLARE SULLO STESSO GIORNALE:

i guai dell’eurozona

Schäuble: male interpretate le parole «antirigore» di Draghi. Blanchard (Fmi): Europa a rischio deflazione

APPROFONDIMENTO:DRAGHI NON DECIDE SOLO

-TITOLARE LA STAMPA:

Schaeuble frena l’entusiasmo: “La Bce non cambierà la linea” L’Fmi: resta rischio deflazione
Crescita con i soldi di Francoforte?

tonia mastrobuoni (inviata a berlino)

REUTERS
Il ministro delle Finanze tedesco interviene sulla
disponibilità della Bce di mettere in campo
misure straordinarie contro la deflazione.
«Parole di Draghi sono state interpretate male»

il caso  In calo la fiducia dei consumatori tedeschi

REAZIONE:FACILE ESSERE GENEROSO CON I SOLDI DI ALTRI.

-

27 AGOSTO 2014:MARE NOSTRUM

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Migranti, a novembre parte ‘Frontex plus’

Alfano: “Ora si può superare Mare Nostrum”

Annunciata a Bruxelles nuova operazione nel Mediterraneo

I numeri Onu: 1.900 morti nel 2014, 1.600 da giugno

Foto Vita, la bimba salvata dal profugo siriano

In Sicilia sbarcate 800 persone, altre 600 in arrivo

Articoli correlati

.
REAZIONE:INSISTO,SBAGLIA L’UE E QUESTE OTTIMISTI PAROLE DI ALFANO SONO ILLUSIONI,SOLO PROPAGANDA.

ONU?:E DOVE ERANO ALLORA,DURANTE LE  STRAGGI, ALFANO,DRAGHI,BERLUSCONI,MARONI,FRATTINI,ECC?

SE PER L’ONU LE COSE STANNO COSI CORRISPONDE PORTARE ALL’AIA I RESPONSABILI,PER CRIMINI CONTRO L”UMANITA

-

27 AGOSTO 2014:LEGA TERRORISTA,PAROLE PROFETICHE

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

LE INDAGINI

Jihad, cinque indagati per terrorismo

Avrebbero favorito chi voleva combattere in Siria. Inchiesta condotta dal Ros di Padova. Indagini legate a un bosniaco residente nel Bellunese

ALTRI 6 ARGOMENTI

VENEZIA — C’è un ponte invisibile che unisce la Siria al Veneto. Ed è costituito da quella trentina di «sospetti» che il Ros e la Digos tengono sotto stretto controllo, perché uomini considerati troppo vicini al fondamentalismo islamico. L’allerta era stata lanciata nei giorni scorsi dal ministro degli Interni Angelino Alfano e la conferma arriva dalle ultime informative dei servizi segreti: il rischio che tra i fedeli di Allah, soprattutto tra gli immigrati meno integrati, possano attecchire le idee dell’Isis (Stato islamico dell’Iraq e del Levante) è concreto. E allora non resta che affidarsi alle recenti indagini di polizia e carabinieri che sembrerebbero legate alla vicenda di Ismar Mesinovic, il bosniaco residente nel bellunese morto in Siria all’inizio dell’anno in combattimento dopo aver aderito alla Jihad. Dalle periferie delle grandi città, come Padova, ai centri islamici dei paesini di montagna: la lotta agli aspiranti jihadisti si combatte anche qui, ogni giorno, a 2.500 chilometri da Damasco. Lo dimostrano le inchieste che, negli anni, hanno portato a individuare cellule di Al Qaida e di altre organizzazioni terroristiche in diverse città del Veneto.

E lo confermano le indagini avviate negli ultimi mesi, quando gli inquirenti hanno notato una certa fibrillazione tra predicatori e fanatici che vivono nella nostra regione, dovuta alle tensioni che si registrano in Africa e Medio Oriente. I principali fronti sui quali si muovono le forze dell’ordine italiane sono due: quello del rischio di attentati interni e quello – altrettanto pericoloso – del proselitismo promosso da chi cerca di chiamare i fedeli alla Guerra Santa da combattere sui diversi campi di battaglia sparsi per il mondo. Quest’ultimo aspetto è al centro di un’indagine delicatissima che da mesi, in assoluto riserbo, sta impegnando la procura distrettuale di Venezia, competente per fatti di terrorismo. Il reato ipotizzato è il 270bis, l’articolo del codice penale che punisce le associazioni eversive. Sarebbero almeno cinque le persone iscritte nel registro degli indagati e finite nel mirino del Reparto operativo speciale (Ros) di Padova. Si tratta di stranieri, quasi tutti residenti in Veneto. Bocche cucite da parte degli investigatori, ma a rendere ancora più importante questa inchiesta è il fatto che le persone finite nel mirino dei carabinieri non sarebbero terroristi ma i loro fiancheggiatori.

Tra gli indagati figurano infatti alcuni presunti «reclutatori »: fanatici che per settimane hanno operato nella nostra regione con l’obiettivo di scovare aspiranti jihadisti da arruolare e inviare nei teatri di guerra, a cominciare proprio dalla Siria. E in almeno un caso ci sarebbero riusciti. Il loro ruolo è cruciale, per le milizie fondamentaliste. I reclutatori devono individuare le persone giuste – in genere si tratta di disperati che non hanno più nulla da perdere – istruirle e favorire l’organizzazione del lungo viaggio che li condurrà fuori dall’Italia. Dopo una serie di tappe intermedie, che servono più che altro a far perdere le tracce complicando il lavoro dell’antiterrorismo, i futuri jihadisti finiscono nei campi di addestramento, ultimo approdo prima di imbracciare le armi e combattere per la costituzione di uno Stato islamico. Secondo i servizi segreti sono cinquanta gli italiani – in genere di origini arabe, ma anche slavi e africani – che avrebbero sposato la causa della jihad e che ora combatterebbero in Siria. Si contano sulle dita di una mano, invece, i veneti che sarebbero direttamente collegati alla Guerra Santa, per aver fatto parte di milizie o per aver dato la propria disponibilità a partire. Uno dei centri di reclutamento indicato dall’intelligence è Padova. Ora la conferma, indiretta, che arriva dall’inchiesta affidata agli uomini del Ros che punta, nel cuore del Veneto, a smascherare proprio alcuni di questi «trafficanti di jihadisti ».

27 agosto 2014,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2014/27-agosto-2014/jihad-cinque-indagati-terrorismo-23023336534.shtml

.

REAZIONE:LO AVEVO SCRITTO IN QUESTE PAGINE QUANDO HANNO PRESO I TERRORISTI LEGHISTI E FORCONI,”C’E’ ANCORA LAVORO DA FARE NEL VENETO”:QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube

-

27 AGOSTO 2014:PACE SLAVA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Ucraina, Putin e Poroshenko  "Riprendiamo dialogo per la pace"   video   Ma Kiev denuncia: blindati di Mosca nei nostri confini
Ucraina, Putin e Poroshenko
“Riprendiamo dialogo per la pace” video
Ma Kiev denuncia: blindati di Mosca nei nostri confini
Vd “Ecco i soldati russi arrestati”
Articoli correlati

9 condivisioni
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 144 »

19 agosto 2014
0
*16 AGOSTO 2014:SOS HACKERS,LA GERMANIA SPIA
-SU LA REPUBBLICA:
Datagate, i media tedeschi: “La Germania ha spiato Hillary Clinton”
.
Clamorosa rivelazione della Süddeutsche Zeitung: Berlino, che negli ultimi tempi ha accusato gli Stati Uniti di ascoltare le telefonate della Merkel, avrebbe intercettato l’ex segretario di Stato americano e autorità di altri paesi Nato
Datagate, i media tedeschi: "La Germania ha spiato Hillary Clinton"
Hillary Clinton (afp)
BERLINO – La Germania, bersaglio di azioni di spionaggio dell’intelligence Usa che hanno fatto scandalo negli ultimi mesi e complicato i rapporti bilaterali fra Washington e Berlino, avrebbe a sua volta spiato – attraverso i propri servizi segreti – conversazioni dell’ex segretario di stato americano Hillary Clinton. Non solo: sarebbero state intercettate anche altre autorità di altri Paesi Nato, di cui per ora non si conoscono altri dettagli. Lo riportano oggi diversi media tedeschi, Süddeutsche Zeitung in testa, che avrebbero consultato alcuni documenti passati agli Stati Uniti da due spie doppiogiochiste di Berlino.

“Un’idiozia”.
Clinton sarebbe stata intercettata dal Bnd (i servizi segreti tedeschi) mentre si trovava sul suo aereo di Stato. Il quotidiano bavarese sostiene tuttavia come l’evento non fosse parte di una sistematica attività di spionaggio nei confronti del capo della diplomazia Usa. Fonti governative hanno sottolineato alla Süddeutsche che è stata “un’idiozia” non distruggere immediatamente quella registrazione. Secondo le ricostruzioni dei media tedeschi, però, gli Stati Uniti sapevano già tutto proprio grazie ad una delle due spie tedesche doppiogiochiste, identificato come Markus R., 31enne, che di recente hanno scatenato l’ira di Berlino.
LO SPECIALE SULLO SCANDALO DATAGATE

“Gli Usa già sapevano”.
Del resto, riportano i media tedeschi, il caso sarebbe stato rinfacciato di recente dal segretario di stato attuale, John Kerry, all’omologo tedesco, Frank-Walter Steinmeier, in risposta alle lamentele di Berlino contro lo spionaggio Usa. Non è chiaro quando sarebbero avvenute queste presunte intercettazioni e che durata abbiano avuto. Lo Spiegel azzarda: forse nel 2012. Fonti del governo tedesco citate dagli stessi media hanno peraltro commentato che il dossier in questione non sarebbe paragonabile alle infiltrazioni americane: riguarderebbe infatti una singola telefonata, intercettata “per errore” probabilmente a causa di un incrocio di frequenze – secondo lo Spiegel nell’ambito di spionaggio contro terroristi mediorientali – mentre Hillary Clinton era in volo a bordo d’un aereo di stato Usa.
Relazioni sempre più difficili
Negli ultimi mesi, Berlino si è particolarmente risentita nei confronti di vari paesi stranieri, in particolar modo degli Usa, dopo alcuni episodi che hanno infranto il reciproco rapporto di fiducia. Prima di tutto, lo scandalo Nsa e Datagate, che hanno dimostrato come gli Stati Uniti spiassero con una certa frequenza le autorità tedesche, tra cui la cancelliera Merkel e il suo telefonino. Poi la scoperta a Berlino di due agenti tedeschi doppiogiochisti al soldo degli Usa, che hanno portato, il mese scorso, all’espulsione del capo della Cia nella capitale tedesca.http://www.repubblica.it/esteri/2014/08/15/news/clinton_spiata_germania-93870213/?ref=HREC1-20
.
-E COSI SU LA STAMPA:esteri

Datagate: “Gli 007 tedeschi intercettarono Hillary Clinton
e altri alleati della Nato”

I media: la Germania, bersaglio di spionaggio dell’intelligence Usa, avrebbe a sua volta spiato conversazioni dell’ex segretario di stato

REAZIONE:ALLORA,CHI SPIA CHI?MA NON ERA CHE FRA ALLEATI CI SI DOVEVA FIDARE?

Immagine anteprima YouTube
-
16 AGOSTO 2014:SOS HACKERS,LA GERMANIA SPIA KERRY E LA TURCHIA

-SU LE MONDE,Europe:

John Kerry et la Turquie espionnés par les services secrets allemands ?

Le Monde.fr avec AFP | 16.08.2014 à 13h55

Après Hillary Clinton, c’est au tour de John Kerry d’être la cible des services secrets allemands. L’hebdomadaire Der Speigel révèle, samedi 16 août, que ces derniers ont espionné au moins une conversation téléphonique du secrétaire d’Etat américain. Dans son édition à paraître dimanche, le magazine affirme, sans citer ses sources, que celle-ci a été interceptée « par accident » en 2013 par les services secrets allemands (BND). Le secrétaire d’Etat américain évoquait alors les tensions au Proche-Orient sur une liaison par satellite.

Der Spiegel croit également savoir que le gouvernement allemand a mandaté les services secrets depuis 2009 pour espionner la Turquie, son partenaire au sein de l’OTAN. Selon ses journalistes, les cibles d’espionnage sont actualisées tous les quatre ans par le gouvernement allemand. Mais les priorités actuelles n’ont pas été modifiées après l’affaire d’espionnage avec les Etats-Unis, et la Turquie serait toujours sur écoute.

LES ÉCOUTES NE SONT PAS « UN CAS ISOLÉ »

Ces révélations interviennent après que plusieurs médias allemands se sont fait l’écho vendredi d’une écoute de l’ex-secrétaire d’Etat américaine Hillary Clinton par les services secrets allemands. Une de ses conversations aurait été interceptée, là encore « par erreur », alors que la ministre se trouvait dans un avion du gouvernement américain.

Ces mêmes médias affirmaient déjà que les écoutes de personnalités politiques américaines ne seraient « pas un cas isolé ». L’espionnage international est devenu un sujet polémique en Allemagne ces derniers mois. Les révélations l’an dernier du piratage du téléphone portable de la chancelière Angela Merkel par le renseignement américain avaient profondément choqué le pays. La découverte d’agents doubles au service des Américains a également entraîné le renvoi du chef de la CIA en Allemagne, et plombe encore aujourd’hui la relation germano-américaine, traditionnellement très forte.

http://www.lemonde.fr/europe/article/2014/08/16/john-kerry-et-la-turquie-espionnes-par-les-services-secrets-allemands_4472470_3214.html

REAZIONE:ALLORA,CHI SPIA CHI?MA NON ERA CHE FRA ALLEATI CI SI DOVEVA FIDARE?

16 AGOSTO 2014:SOS HACKERS,LA RUSSIA SPIA

Immagine anteprima YouTube

Recensione Tech: Uno sguardo indietro a titoli della settimana

8 Agosto 2014:Ultimo aggiornamento alle 10:43 BST

BBC Click arrotonda alcune delle migliori storie di tecnologia della settimana, tra cui quello che viene descritto come “la più grande violazione dei dati”. Una ditta di sicurezza degli Stati Uniti dice 1,2 miliardi di nomi utente e password sono stati attaccati da un gruppo russo.

Britanni stanno spendendo più tempo sui dispositivi tecnologici che stanno dormendo, dice regolatore delle comunicazioni Ofcom e potrebbe un po ‘di tempo passato a giocare con i videogiochi un bene per i bambini?

Guarda altre clip sul sito Click . Se siete nel Regno Unito, potete guardare l’intero programma su BBC iPlayer .

Per saperne di più

http://www.bbc.com/news/technology-28695966

LA NOTA :

BBC NewsTecnologia

6 agosto 2014 Ultimo aggiornamento alle 11:39 ET

Russia banda hack 1,2 miliardi di nomi utente e password

Password
Il gruppo è accusato di aver rubato le credenziali da centinaia di migliaia di siti web a livello globale

Un gruppo russo ha violato 1,2 miliardi di nomi utente e password appartenenti a più di 500 milioni di indirizzi e-mail, secondo Tenere Security – una società statunitense specializzata nella scoperta di violazioni.Tenere Security ha descritto l’hack come la “più grande violazione dei dati conosciuto fino ad oggi”.Essa ha sostenuto le informazioni rubate venuto da più di 420.000 siti web, tra cui “molti leader in quasi tutte le industrie di tutto il mondo”.Tenere Sicurezza non ha fornito dettagli delle società colpite dal mod.”Non hanno di mira solo le grandi imprese, invece, hanno preso di mira ogni sito che le loro vittime hanno visitato,” Tenere la sicurezza, ha detto nella sua relazione .”Con centinaia di migliaia di siti interessati, l’elenco comprende molti leader in quasi tutti i settori in tutto il mondo, così come una moltitudine di siti web di piccole o addirittura personali.”Il New York Times, che per primo ha riportato i risultati , ha detto che su sua richiesta “, un esperto di sicurezza non affiliati con attesa Security ha analizzato il database di credenziali rubate e confermato che era autentico”.

“Un altro esperto di criminalità informatica che avevano esaminato i dati, ma non è stato permesso di discutere pubblicamente, ha detto che alcune grandi società erano consapevoli del fatto che i loro dischi sono stati tra le informazioni rubate”, ha detto il giornale.

Il giornale ha aggiunto: “Tenere Sicurezza non avrebbe un nome alle vittime, citando accordi di non divulgazione e la riluttanza a società il cui nome è rimasto siti vulnerabili.”

Il Wall Street Journal ha poi rivelato che in attesa di sicurezza destinato a offrire proprietari di siti web la possibilità di verificare se fossero stati colpiti, ma solo se hanno pagato una tassa.

L’azienda ha dato inviato un messaggio sul suo sito dicendo che addebiterà $ 120 (£ 71) al mese per un “servizio di notifica delle violazioni”.

Un esperto di sicurezza informatica si è detto sorpreso da questo approccio.

“Questa situazione è piuttosto inusuale in quanto la società ha deciso di pagare per questa informazione,” il dottor Steven Murdoch dal dipartimento di informatica della University College di Londra, ha detto alla BBC.

“Di solito farebbero divulgazione iniziale [di che erano stati colpiti] gratis e quindi offrire i loro servizi a pagamento in una fase successiva.

“L’azienda sottolinea giustamente che ci sta per essere un enorme quantità di lavoro a contatto in modo sicuro tutti gli interessati i siti web, ma una soluzione comune a questo è quello di collaborare con un governo o finanziati dall’industria organizzazione per aiutare in questo.”

Nonostante la grande quantità di credenziali dice sia stata compromessa, il dottor Murdoch ha aggiunto che sarebbe prematuro consigliare il pubblico per ripristinare tutte le proprie password.

“Anche se c’è una grande quantità di password coinvolti, molti di loro potrebbe essere irrilevante e molti piccoli siti web,” ha detto.

“Non è necessariamente il caso che una grande percentuale di utenti di internet sono stati colpiti. Fino a quando otteniamo più statistiche ci non saperlo.

“Allora, non c’è alcun motivo di panico ora, ma forse è un buon promemoria per seguire le migliori prassi di non utilizzare la stessa password su più siti web, perché questa non sarà l’ultima volta che una tale violazione si verifica.”

Attacco su più fronti?

Tenere Sicurezza, che ha riportato in precedenza circa hack su Adobe e Target, ha detto ci sono voluti più di sette mesi di ricerche per scoprire l’entità delle ultime hack.

Sicurezza graphix
Altri esperti di sicurezza sono sorpresi dal modo Attesa Security è la condivisione le informazioni

L’azienda ha sostenuto la banda inizialmente acquisito i database di credenziali rubate da altri hacker sul mercato nero.

“Questi database sono stati usati per attaccare i fornitori di e-mail, social media, e altri siti web per distribuire spam per le vittime e installare reindirizzamenti dannosi sui sistemi legittimi,” Hold detto Sicurezza.

Gli hacker hanno anche avuto accesso ai dati da botnet – una rete di computer infettati da malware per attivare frodi online.

Tenere sicurezza ha detto che le botnet hanno aiutato il gruppo di hacking – che è soprannominato CyberVor – identificare più di 400.000 siti web che erano vulnerabili agli attacchi informatici.

“I CyberVors utilizzate queste vulnerabilità per rubare i dati dal database di questi siti”, ha dichiarato l’azienda.

“Per quanto a nostra conoscenza, che per lo più concentrati su furto di credenziali, per poi finire con la più grande cache di informazioni personali rubate, per un totale di oltre 1,2 miliardi di set unici di e-mail e password.”

L’azienda è ora commercializza il suo servizio di notifica delle violazioni come un modo per “stare al passo degli hacker”.

Ma uno dei suoi rivali espresso sorpresa per questo approccio.

“Per molto tempo l’industria della sicurezza ha liberamente condiviso informazioni sulle infrazioni all’interno della propria comunità”, ha detto Vanja Svajcer, principale ricercatore di sicurezza di Sophos.

“I ricercatori scoprire credenziali violazioni di solito aiutano gli utenti finali sia rendendo le informazioni sugli account compromessi pubblici o lavorando con la società i cui server sono stati compromessi per informare tutti gli utenti interessati.

“In questo caso, le credenziali sono state raccolte da migliaia di server e sarebbe difficile lavorare con il proprietario ogni server per informare gli utenti compromessi. Tuttavia, è ragionevole aspettarsi che la società per rendere le informazioni liberamente disponibili in modo che tutti possono verificare che nessuno dei loro indirizzi e-mail sono stati compromessi. ”

linea

Consigli password

L’Università del Surrey Prof. Alan Woodward suggerisce le seguenti regole devono essere rispettate al momento del ritiro una nuova password.

Non scegliere uno ovviamente associato con te

Gli hacker possono scoprire molto su di te da mezzi di comunicazione sociale così se ti prendono di mira in modo specifico e si sceglie, ad esempio, il nome del tuo animale domestico sei nei guai.

Scegliere le parole che non appaiono in un dizionario

Gli hacker possono precalculate le forme cifrate di dizionari interi e facilmente decodificare la password.

Utilizzare una miscela di personaggi insoliti

È possibile utilizzare una parola o una frase che si può facilmente ricordare, ma dove sono sostituiti i personaggi, ad esempio, Myd0gha2B1g3ars!

Avere password diverse per siti diversi e sistemi

Se gli hacker compromettere un sistema che non vuoi che avendo la chiave per sbloccare tutti gli altri account.

Tenerli in modo sicuro

Con più password si è tentati di scrivere giù e portare in giro con voi. Meglio utilizzare una qualche forma di deposito sicuro della password sul telefono.

Più su questa storia

http://www.bbc.com/news/technology-28654613

-ALTRA VEDUTA SU YOU TUBE:

Immagine anteprima YouTube

Russia gang hacks 1.2 billion usernames and passwords | BREAKING NEWS – 06 AUG 2014

WORLD Breaking NEWS

WORLD Breaking NEWS,9.177
395 visualizzazioni

Pubblicato il 05/ago/2014

Russia gang hacks 1.2 billion usernames and passwords | BREAKING NEWS – 06 AUG 2014

For more Latest and Breaking News Headlines
SUBSCRIBE to https://www.youtube.com/user/ZakWorld…

A Russian group has hacked 1.2 billion usernames and passwords belonging to more than 500 million email addresses, according to Hold Security – a US firm specialising in discovering breaches.
Hold Security described the hack as the “largest data breach known to date”.
It claimed the stolen information came from more than 420,000 websites, including “many leaders in virtually all industries across the world”.
Hold Security did not give details of the companies affected by the hack.
“They didn’t just target large companies; instead, they targeted every site that their victims visited,” Hold Security said in its report.
“With hundreds of thousands of sites affected, the list includes many leaders in virtually all industries across the world, as well as a multitude of small or even personal websites.”
The New York Times, which first reported the findings, said that on its request “a security expert not affiliated with Hold Security analysed the database of stolen credentials and confirmed it was authentic”.
“Another computer crime expert who had reviewed the data, but was not allowed to discuss it publicly, said some big companies were aware that their records were among the stolen information,” the paper said.
The paper added: “Hold Security would not name the victims, citing nondisclosure agreements and a reluctance to name companies whose sites remained vulnerable.”

Categoria,Notizie e politica

Licenza YouTube standard

Immagine anteprima YouTube

-

17 AGOSTO 2014:COSI L’ITALIA OGGI

.

*1-TITOLARE LA REPUBBLICA:Governo-Ue, patto sulla flessibilità

Riforme in cambio di manovra più leggera. Si tratta sui ritmi di riduzione del deficit,di CLAUDIO TITO

Articoli correlati
134 condivisioni
.
2-UKRANIA,TITOLARE LA REPUBBLICA:

Ucraina, ribelli abbattono caccia di Kiev

Ucraina, ribelli abbattono caccia di Kiev

Foto Volontari al fronte: il bacio dei familiari

Scontri a Lugansk. Intesa su convoglio aiuti russi

.

REAZIONE:IN IRAK,OBAMA ENTRA IN GUERRA DIRETTAMENTE(UNA SCONFITTA POLITICA PER L’AMERICA),GOLPE ABAGDAG (UN’ALTRO IN EUROPA DOPO QUELLO ITALIANO E UKRAINO)CON L’USCITA DI MALIKI,E L’UNIONE EURPEA VALUTA ARMARE I KURDI:TUTTE MISURE CERCANDO DI FRENARE L’INARRESTABILE AVANZATA VERSO BAGDAG DELLO STATO ISLAMICO.

MENTRE IN UKRANIA E’ CAOS E INSTABILITA:PUGILATO IN PARLAMENTO,CADUTA DEL PREMIER,SCONTRI VIOLENTI IN PIAZZA(ANCORA),DONESTK LIBERO RESISTE L’OFFENSIVA BELICA DI KIEV,PASSANO ED ENTRANO NELLE ZONE LIBERATE DELL’EST GLI AIUTI UMANITARI RUSSI E RINFORZI DI ARMI E TRUPPE FRESCHI ALLIENATI IN RUSSIA MA NON RUSSI.

LA NUOVA ERA REGGE E NON HA BISOGNO DELL’UKRANIA MA SI AUGURA LA PACE FRA LE DUE FAZZIONI IN GUERRA DEL’EX STATO ESLAVO.

-

19 AGOSTO 2014:HA INIZIATO  LA COLONIZAZZIONE DELLO SPAZIO DELLA NUOVA ERA

Immagine anteprima YouTube

REAZIONE:LA NUOVA ERA HA INIZIATO LA COLONIZAZZIONE DELLO SPAZIO SOLO CHE SI FARA IN SUCCESSIVE PUNTATE SECONDO UN PIANO PROGERSSIVAMENTE STABILITO.

VIDEO CORELATI:ANCHE LA BIRRA E L’AMBURGHER CI PROVANO

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

19 AGOSTO 2014:”ALFANO IL GIORNO DOPO,BOTTA E RISPOSTA”  II

(BOTTA E RISPOSTA  CON L’UNIONE EUROPEA)

-NOTA SU GOOGLE NEWS:

ADNKronos

Immigrazione, Ue: “Frontex senza mezzi, sono gli Stati che devono fare di più”. Alfano: “No allo scaricabarile”

<br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /> <p>(Infophoto)</p></p><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /> <p>

Articolo pubblicato il: 19/08/2014

Botta e risposta fra l’Ue e il ministro Alfano sull’immigrazione. Frontex “è una piccola agenzia” senza mezzi e quindi sono gli Stati europei che devono “fare di più” sul fronte immigrazione. A dirlo è un portavoce della Ue, a pochi giorni dalle dichiarazioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano sulla necessità che a Mare Nostrum subentrino Frontex e l’Europa.

Non si fa attendere la replica del ministro dell’Interno Angelino Alfano. ”Nessuno scaricabarile a danno dell’Italia”. “La Commissione Europea, su Frontex, dice una cosa tanto nota quanto ovvia: Non ci sono soldi e devono intervenire gli Stati Membri. Il tema e’: ma allora qual e’ il compito della Commissione? – chiede il ministro – La Commissione deve chiedere con forza questo intervento senno’ giochiamo a un inaccettabile scaricabarile a danno dell’Italia”.

”Se Frontex e’ piccola, occorre renderla piu’ grande e anche al più presto. Gli Stati lo facciano perché il presidio di tutta la frontiera europea e’ compito strategico per il futuro dell’Unione – ammonisce Alfano – Chi non presidia le frontiere, tutte le frontiere, mediterranee o orientali, non tutela se stesso. E’ chiaro che l’Italia non può aspettare all’infinito e dovrà prendere le proprie decisioni.

”Per quanto mi riguarda la posizione e’ netta e coerente: Mare nostrum e’ un’operazione a tempo, nata dopo la strage di Lampedusa, e che compirà un anno il 18 ottobre – ribadisce il ministro – Se Frontex non subentrerà perché non sarà adeguatamente finanziata e rafforzata, Mare Nostrum non potrà compiere il secondo compleanno. Il tema della frontiera e’ europeo e noi non possiamo farcene carico da soli anche perche’ l’Italia, per molti migranti, e’ solo un Paese di transito”.

Per Filippo Miraglia, vicepresidente e responsabile immigrazione dell’Arci, “non è una sorpresa” la dichiarazione del portavoce Ue. “Frontex è un programma della Ue per il pattugliamento e il controllo delle frontiere – ricorda – mentre Mare Nostrum è un’iniziativa del governo italiano per salvare vite umane e prevenire i naufragi. Sono due iniziative che lavorano su due piani completamente differenti con strumenti ed obiettivi diversi, quindi l’una non potrebbe subentrare all’altra”.

Per Miraglia “è auspicabile che l’Europa si faccia carico di organizzare una missione in favore di coloro che non hanno altra strada che tentare la fortuna affidandosi ai trafficanti e ai criminali per arrivare sulle nostre coste e chiedere protezione. L’Italia chiede giustamente all’Europa di contribuire maggiormente, perché le coste italiane sono la porta d’accesso dell’Europa”.

Mare Nostrum “è una medicina che non cura la malattia ma solo i sintomi. Per curare la malattia – rileva – l’Europa deve consentire l’accesso in sicurezza: se fosse possibile prendere un aereo o una nave e arrivare in Europa per chiedere protezione umanitaria, non sarebbe necessario per migliaia di persone varcare i confini con i i viaggi organizzati dagli scafisti. Servono canali di ingresso umanitari da affidare e far gestire all’Unhcr”.

Va all’attacco invece il capogruppo della Lega Nord alla Camera Massimiliano Fedriga: ”Alfano e Renzi sono stati smentiti dalla commissione Ue. Altro che ‘Frontex prenderà il posto di Marenostrum’ come più volte dichiarato dal premier e dal ministro dell’Interno: i contribuenti italiani continueranno a pagare l’invasione programmata dal governo perché l’Unione se ne lava le mani. Ormai siamo al ridicolo: Renzi viene ogni giorno smentito dall’Europa sull’economia e oggi anche sull’immigrazione”.

”Questo – avverte – è un governo non all’altezza che sta facendo pagare ai nostri cittadini più di 12 miliardi di euro per favorire l’immigrazione clandestina. L’unico segnale di responsabilità che potrebbe arrivare nella giornata odierna sarebbero le dimissione di Alfano. Di fronte a questo disastro si assuma almeno le proprie responsabilità”.

Per il senatore Vincenzo Gibiino, membro del Comitato di presidenza di Forza Italia e coordinatore azzurro in Sicilia, ”un’Europa che rinuncia a tutelare le proprie frontiere, lasciando sulle spalle di un solo stato membro un fardello insostenibile e un’emergenza senza precedenti, è un’Europa che non vogliamo e che non ci serve”. “Palazzo Chigi dovrà fare la voce grossa e richiamare il governo europeo ai propri doveri”, sottolinea. ”Il Canale di Sicilia – spiega – è frontiera di tutta l’Europa e a tutta l’Europa spetta il compito di vigilare e di proteggere”.

http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2014/08/19/immigrazione-frontex-senza-mezzi-sono-gli-stati-che-devono-fare-piu_t8JaXdmOAPx1ZC6oe8RvFK.html?refresh_ce

.

REAZIONE:L’UNIONE EUROPEA MI DA RAGIONE

-

22 AGOSTO 2014(ORA ITALIANA 22:04):IO,ULTIMO MOMENTO

IO,DAVANTI ALLO SCHERMO ISTALLATO ALL’AREA APERTA NEL GIARDINO DELLA MIA CASA DI MONTEVIDEO,URUGUAY,SUDAMERICA IN CALLE “DOMINGO BASSO 6303″.

HO RECENTEMENTE ISTALLATO LA MIA WEBCAM :QUESTA E L’ALTRE IMMAGINI CHE NE SEGUINO,SONO SOLTANTO DI PROVA.

SCUSATE L’IMPROVISAZIONE E LA NATURALITA DELL’IMMAGINI(COSI COME SONO ORA STESSO).HO VOLUTO CONDIVIDERE QUESTO MOMENTO CON VOI.

2014-08-22_11-04-01-

2014-08-22_11-04-09-2014-08-22_11-05-06-

2014-08-22_11-05-17-

2014-08-22_11-05-32-

2014-08-22_11-04-09-

-E QESTA E’ LA CASA,ANZI NO,LA MIA CASA E’ IDENTICA MA ACCANTO A QUESTA E IO SONO SIEDUTO DAVANTI AD UNA FINESTRA IDENTICA A QUELLA PICCOLA A SINISTRA MA DALL’ALTRA PARTE DI UN MURO CHE NON SI VEDE E CHE DIVIDE ENNTRAMBE LE VILLETTE,IDENTICI RIPETO.(TUTTE DUE SONO MIEI MA QUESTA E’ IN AFITTO)

-

23 AGOSTO 2014:IL GIORNO DOPO,TAGLIATI I CAPELLI

2014-08-23_06-58-21-

2014-08-23_06-55-25-

2014-08-23_06-33-40-

2014-08-23_06-42-27-

2014-08-23_06-37-20-

2014-08-23_07-12-47-

2014-08-23_06-46-06-

MICCI,IL MIO GATTINO GIA DA VOI CONOSCIUTO E CHE SEMPRE MI FA COMPAGNIA.ECCOLO SIEDUTO ACCANTO A ME SUL MURO CHE NON VEDETI NELLA FOTO DELLA CASA.

-”ROCHETTA”, LA MI NUOVA BELLISSIMA GATTINA:L’HO PRESA ABANDONTA MENTRE MIAGOLAVA DISPERATA IN UNA PATUMIERA ALL’ETA DI 2 MESI.ERA SPORCA DI AQUA DI FOGNA E DIVENTATA PELLE ED OSSA DALLA FAME.OGGI HA SETTE MESI,CRESCE FORTE ,SANA E PRENDE LE PILLOLE ANTICONCETTIVE.

2014-08-23_07-47-57-

2014-08-23_07-47-16-

2014-08-23_08-28-39-

-”MANA”:DUE MESI DOPO LA ROCHETTA E’ ARRIVATO MANA.E’ CADUTO DAL CIELO,ECCO IL SUO NOME.INFATTI,UNA NOTTE DI STATE DUE RAGAZZINI MALVIVENTI DI QUELLI CHE CIRCONDANO E AGREDISCONO GLI STRANIERI DEL QUARTIERE ME L’HANNO BUTTATO DALLA STRADA FACENDOLO VOLARE 15 METRI CON CRUDELTA.E’ CADUTO DENTRO LA MIA CASA SVANITO DAL COLPO.CON L’AIUTO DEL VETRINARIO SONO RIUSCITO A SALVARLO E CRESCE SANO E FORTE ANCHE LUI.HA 5 MESI ED E’ ARRIVATO CON 28 GIORNI.ALLO STESSO MODO DELLA ROCHETTA E’ TENERO E INTELLIGENTE.

2014-08-23_08-54-56-

2014-08-23_08-54-38-

2014-08-23_08-54-38-

2014-08-23_08-53-38-

 

2014-08-23_08-53-34-2014-08-23_08-54-46-

-VEDI ANCHE CUA:

https://docs.google.com/document/d/1kTEYtyL2HmJ7aac9SvEmkZFkRKppW1bhgXO5Msowt0I/edit?pli=1

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 143 »

16 agosto 2014
0
16 AGOSTO 2014:ACCORDO FINALE UNIONE EUROPEA-CANADA
.
-SU LE MONDE,Économie:
Ce que révèle la version fuitée de l’accord de libre-échange Europe/Canada

Le Monde.fr | 16.08.2014 à 14h39 , Mis à jour le 16.08.2014 à 21h33 | Par Maxime Vaudano

Le premier ministre Stephen Harper et le président de la Commission européenne José Manuel Barroso lors de la signature de l'accord de principe sur le CETA, le 18 octobre 2013.
La télévision allemande Tagesschau a révélé mercredi 13 août la version finale et pour l’instant confidentielle de CETA, un accord commercial entre l’Union européenne et le Canada scruté de très près par les négociateurs, car il devrait servir de modèle pour le traité transatlantique Europe/Etats-Unis. Parmi les dispositions les plus controversées figure le mécanisme de règlement des différends investisseurs-Etats (ISDS), un tribunal arbitral censé trancher les conflits entre les gouvernements et les entreprises.

Pour tout comprendre sur ce mécanisme : L’Europe et le Canada disent « oui » à la justice privée

Selon les négociateurs, le CETA introduit d’importants progrès par rapport à la précédente génération des accords commerciaux à ISDS (comme l’Alena, signé en 1994 entre les Etats-Unis, le Mexique et le Canada), vivement critiquée pour avoir accordé trop de pouvoir aux multinationales. En réalité, peu de choses changent. Alors que la Commission européenne a mis en pause les négociations sur l’ISDS dans le traité transatlantique pour prendre en compte les propositions du public, elle n’en a pas fait de même pour CETA, qui reste dans la droite lignée de ses positions jusqu’alors.

*Transparence :

Si les multinationales raffolent de l’arbitrage, c’est en partie pour sa discrétion. Dans certains cas, il est même impossible d’accéder au verdict du tribunal d’arbitrage, ce qui pose question du point de vue démocratique.

Si le CETA consacre l’ouverture des débats au public et la publication de tous les documents relatifs à l’arbitrage, il autorise à se soustraire à ces obligations si des informations commerciales confidentielles sont en jeu.

*Conflits d’intérêt :

Le texte s’aligne sur des standards internationaux communs, mais critiqués, en matière de prévention des conflits d’intérêts dans le choix des arbitres. Si certaines pratiques sont interdites ou déconseillées, une mesure radicale préconisée par les ONG et certains arbitres auto-critiques a été écartée : empêcher tout simplement aux mêmes personnes d’occuper alternativement le rôle d’arbitre ou d’avocat.

*Chevaux de Troie :

Un article vise à empêcher une pratique de plus en plus répandue, consistant pour les multinationales à installer une boîte postale dans un pays simplement pour pouvoir attaquer un autre Etat avec lequel est signé un accord commercial à ISDS. L’entreprise devra prouver qu’elle exerce effectivement une activité au Canada ou en Europe pour pouvoir lancer une procédure.

*Propriété intellectuelle :

Refusant d’exclure les questions de propriété intellectuelle du champ de l’ISDS, les Européens ont concédé aux Canadiens un rendez-vous trois ans après l’entrée en vigueur du traité pour s’assurer que la capacité des Etats à règlementer n’a pas été contrée par les tribunaux d’arbitrage.

*Définition de l’expropriation :

Le flou qui entourait la notion d’« expropriation indirecte » d’une entreprise par un gouvernement faisait partie des faiblesses des traités d’investissement signés par le passé. Une annexe du CETA s’attache à la définir clairement.

Il s’agit d’une mesure qui « prive substantiellement l’investisseur des attributs fondamentaux de propriété sur ses investissements ». Reconnaissant qu’il faudra procéder au cas par cas, le texte recommande de prendre en considération les « effets économiques » et de chercher à savoir si la mesure porte « atteinte aux attentes définies et raisonnables fondées sur l’investissement ».

L’annexe précise aussi que les mesures servant des « objectifs légitimes d’intérêt public, tels que la santé, la sécurité ou l’environnement » ne relèvent pas de l’expropriation, « sauf dans les rares circonstances où l’impact de la mesure [...] apparaît manifestement excessif ».

En cas d’incertitude sur l’interprétation du texte, il est prévu qu’un comité canado-européen publie des avis pour le clarifier, que les arbitres devront respecter.

 Maxime Vaudano ,Journaliste au Monde.fr

-
http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/08/16/ce-que-revele-la-version-fuitee-de-l-accord-de-libre-echange-europe-canada_4472307_3234.html
REAZIONE:VOI CAPIRETE,SOLO VOGLIO METTERE IN RILIEVO QUALCOSA:
1-SI TRATTA DI QUALCOSA BEN PIU IMPORTANTE E GRANDE CHE QUESTO INCONTRO DEGLI USURPATORI DELLE GENERAZIONE TELEMACO DI RENZI A VENEZIA.E SI TRATTA DI QUALCOSA BEN CONCRETA E NON ENNUNCIAZIONE DI DESIDERI,CASTELLI IN ARIA INSOMMA.
2-COME SI VEDE SI PARLA DI “PROPIETA INTELLETUALE” E NON DI “DIRITTI DI AUTORE”,E VA TUTELATA AL MASSIMO LIVELLO.
3-L’ACCORDO EUROPA-STATI UNITI NON SI FARA MAI PERCHE NON C”E NE BISOGNO.
4-DELLE GRANDI AZIENDE DELLE TELECOMUNICAZIONE AMERICANE SOLO GOOGLE OPERA IN VOLUME IMPORTANTE IN CANADA.

-VITTORIA.

-IL GIORNO DOPO:SPECIALE GIOVANI E NEW MEDIA

-VITTORIA CLINTON GIORNALISTA NEW MEDIA(I BILL A CONFRONTO)

*1-CHELSEA CLINTON E LA NEW TV

Una “Media-timida Chelsea Clinton spiega il suo nuovo ruolo di giornalista televisivo per una delle più grandi reti americane

Era una giovane donna che a lungo ha evitato le telecamere, ma il Lunedi Chelsea Clinton farà il suo debutto in un nuovo ruolo plausibile, come corrispondente della televisione.

Media-timido Chelsea Clinton spiega il nuovo ruolo di giornalista televisiva

La signorina Clinton, 31 anni, ha ottenuto un periodo di lavoro come un collaboratore di NBC News,Foto: REX
Philip Sherwell

Da Philip Sherwell , New York

8:00 GMT 11 dicembre 2011

La figlia di Bill e Hillary Clinton,che una volta aveva avversione per i media, inizia un periodo di tre mesi come collaboratore per la rete NBC con un segmento di carità per bambini in Arkansas, dove è cresciuta quando suo padre era governatore.

Due giorni dopo, la signorina Clinton, un appassionato ballerina, ospiterà una trasmissione in diretta dello Schiaccianoci per essere trasmesso attraverso l’”American Forces Network” per le truppe americane che servono all’estero.

All’età di 31, l’ex prima figlia sta emergendo alla ribalta nazionale dopo anni di evitarlo studiatamente.

Recentemente ha frequentato la sua prima riunione del consiglio in una delle principali media company di Internet, è un regolare a eventi di raccolta fondi e ricevimenti per le sue cause preferite, tra cui una festa a Londra la scorsa settimana per la Clinton Foundation di suo padre, e nel mese di agosto ha ospitato una festa stellare a Hollywood per il 65 ° compleanno dell’ex presidente.

Questo turbinio di attività ,in gran parte filantropica, ma, nel caso del suo nuovo posizionamento , ben retribuita, non sarebbe insolito per la prole di molti genitori di alto profilo.

Ma per Miss Clinton, segna un passaggio drammatico quando lei ha finalmente accettato, se non del tutto ancora abbracciato, il ruolo di un personaggio pubblico.

E se non era lei immediatamente riconosciuta ma spesso i genitori apparentemente onnipresenti,sono loro che finalmente l’hanno ispirata a uscire dall’ombra.

Piuttosto, ha detto agli amici che si trattava di conversazioni con la sua defunta nonna materna, Dorothy Rodham, che ha fornito di catalizzatore per uscire della sua invisibilta dicendole che “faceva finta che non era Chelsea Clinton”.

“Ho preso quello che lei [la nonna] ha detto sul serio :che avevo condotto una vita inavvertitamente pubblica per lungo tempo e forse era il momento di iniziare a condurre una vita volutamente pubblica”, ha detto al New York Times in quello che si crede di essere la sua prima intervista sui media.

Anche quando la signorina Clinton ha fatto campagna senza sosta per la madre durante le presidenziali del 2008, ha rifiutato di parlare con i media, notoriamente,non volendo rispondere a una domanda da un bambino di nove anni “kid giornalista” per il servizio di notizie per bambini.

Ma la signora Rodham, morta il mese scorso all’età di 92 anni, ha dato il consiglio che ora preannuncia il nuovo approccio di Miss Clinton. «Mi ha detto che essere Chelsea Clinton era successo a me, e al di fuori del mio lavoro di advocacy e campagne per la mia Mamma, non aveva fatto abbastanza nel mondo”.

Sulla campagna elettorale per la madre, lei ha richiamato grandi folle, soprattutto nei campus universitari, e divenne un oratore pubblico sempre più fiducioso. Poi tornò al mondo accademico, prendendo un master in salute pubblica presso la Columbia e ora perseguendo un dottorato in politica pubblica alla New York University.

Ma le sue conversazioni con la nonna su di prendere un ruolo pubblico hanno continuato,perche anche si ha focalizzata sul suo matrimonio la scorsa estate con il suo fidanzato di lungo tempo Marc Mezvinsky, un banchiere. Infatti, tali chiacchierate erano spesso al loro più intensita “quando Marc e io venivano perseguitati dai paparazzi per la ragione sciocca du jour”, ha detto.

“Come per ogni decisione, ho parlato con mia nonna su di esso, e mi ha detto quello che sempre mi ha detto,e cio’e’ che la vita non è ciò che accade a voi, ma quello che fai con ciò che accade a te.”

All’inizio di quest’anno, ha salutato Elton John e Richard Gere in una gala di una Fondazione per malati di Aids dove ha partecipato anche Barry Diller, capo della società Internet Media IAC / InterActiveCorp.

Poco dopo, le chiese di aderire al bordo, con un compenso annuo di $ 50.000 (£ 32.000) e stock option di $ 250,000 (£ 160,000).

Ma aveva piani più ambiziosi per scartare la suo solitaria prima età adulta e ha parlato con la sua famiglia, il suo circolo affiatato di amici e consiglieri veterani della famiglia. Il risultato è stato il suo contratto con la NBC News come un contributo al suo fare una serie Difference.

Anche se gli scandali vorticavano intorno a loro, i Clinton l’hanno messo al riparo dal controllo dei media durante la sua adolescenza nella Casa Bianca e ha continuato in gran parte a rifuggire pubblicità durante i suoi giorni universitari a Stanford e Oxford. Si è trasferita a New York nel 2003, in collaborazione con la società di consulenza McKinsey e poi il viale Capital Group, una società di private equity gestito da un amico di famiglia.

Poi tornò ai suoi studi, anche durante l’assunzione di un ruolo maggiore alla Fondazione Clinton e campagne di raccolta fondi e sulle cause vicino al suo cuore, i diritti del matrimonio gay in particolare.

Ha anche resistito speculazioni dei tabloid per la salute del suo giovane matrimonio dopo che il signor Mezvinsky ha trascorso gran parte della scorsa temporata di sci invernale nel Wyoming, mentre la signorina Clinton faceva la spola tra il fine settimana nella loro casa in affitto lì e New York.

L’appuntamento IAC e il suo nuovo posizionamento con la NBC hanno guadagnato critiche in alcuni ambienti su che la signorina Clinton si beneficiava del suo nome famoso e non tanto del suo talento.

La figlia del presidente George W. Bush Jenna è anche un corrispondente occasionale e intervistatore per la stessa rete.

C’i sono state sopracciglie sollevate per la spiegazione data dal presidente della NBC News ,Steve Capus in un momento di “newsroom cutbacks”, su perche qualcuno con nessuna esperienza giornalistica e che ha trascorso gran parte della sua vita adulta fuggendo lontano dai media è stato assunto.

“Chelsea è una donna straordinaria che sarà una grande aggiunta a NBC News,” ha detto. “Data la sua vasta esperienza, è come se Chelsea si stessi preparando per l’occasione tutta la sua vita.”

In un altro display della sua volontà ritrovata di apertura, ha creato una pagina di Facebook tre mesi fa. Nella sua voce più recente, dopo il suo ritorno da Londra, ha dichiarato: “. Felice di essere tornato a casa con Marc e Soren [della coppia Yorkshire terrier, dal nome del filosofo Soren Kierkegaard] dopo una settimana on the road”

In un paese dove le dinastie politiche sono all’ordine del giorno, non è stato perso ga alcuni strateghi democratici che non ci sarà nessun Clinton ai pubblici uffici per la prima volta in tre decenni perche, come previsto, Hillary si dimette da segretario di stato il prossimo anno.

Un altro scenario interessante è stato discusso da alcuni democratici di New York su che lei potrebbe essere persuasa a correre per il Congresso.

Articoli correlati

*Chelsea impostata per entrare nell’azienda di famiglia Clinton,25 Luglio 2010

*Grande giorno di Chelsea Clinton lontano da occhi indiscreti,31 Luglio 2010

*Nervi’ sulla figlia Chelea del matrimonio Hillary Clinton,19 Lug 2010

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/northamerica/usa/8948252/Media-shy-Chelsea-Clinton-explains-her-new-role-as-television-journalist-for-one-of-Americas-biggest-networks.html

-

*2-CRITICHE A VITTORIA CLINTON

E ora la notizia ... A proposito di TV Notizie

NBC

Chelsea Clinton va da Not Talking to the News Media, per diventare uno di loro

Con Chris Ariens il 14 Novembre 2011 14:32

Questo doveva succedere. Lei è appena risolta in a NBC News e già Chelsea Clinton è oggetto di una discreta quantità di derisione da altri angoli del quarto potere. Di HuffPo Michael Calderone trascrive la raffica di tweet da parte della stampa che ha coperto la campagna di Hillary Clinton per la presidenzia:

“L’ironia suprema di Chelsea Clinton e’diventare un giornalista della NBC: sono abbastanza sicuro che non ha mai concesso un’intervista,” ha twittato al The New York Times Jodi Kantor. Il New York Times con Amy Chozick, che ha coperto le elezioni del 2008 per il Wall Street Journal, ha risposto che non solo ha fatto con Clinton anche si rifiutano di rilasciare interviste,ha detto che “ci sembrava assolutamente odioso,(campagna di Clinton,aereo).” Sul “Politico” Ken Vogel ha inviato un Twitter che Clinton ha dato ai giornalisti “spalla fredda totale” durante il ciclo elettorale precedente. E Glenn Thrush ha fatto eco l’esperienza del suo collega Politico su Twitter: “Nel ’08, Chelsea Clinton (in NH) mi ha detto ‘Mi dispiace, non parlo ai media.’ Ho detto: ‘Ma voi siete tutti cresciuti adesso.’ Ora lei è la media. ”

Forbes ‘John McQuaid:

Ogni volta che una rete di divisione telegiornale tira uno di questi clientelari no-brainers, si indebolisce un po ‘di forza vitale del giornalismo americano.

Di Jezebel Anna Nord:

Chelsea è sempre sembrato come una signora intelligente, e senza dubbio lei lavorare sodo per il suo nuovo lavoro. Eppure, non sarebbe bello se quando non eravate sicuri di cosa fare con la vostra vita, il presidente di NBC News ha appena chiamato e vi ha chiesto che tipo di lavoro ti sentivi come avere?

Salone di Glenn Greenwald:

Noi tutti dobbiamo la nostra gratitudine a NBC News per una sola mano correggendo la vergognosa, esclusione a lungo in piedi dal nostro discorso mediatico delle opinioni dei giovani, eredi giornalisticamente compiuta e ereditiere al potere politico e la grande fortuna.

http://www.mediabistro.com/tvnewser/chelsea-clinton-goes-from-not-talking-to-the-news-media-to-becoming-one-of-them_b98165

*3 IL SUO LAVORO OGGI

-SU THE HUFFINGTON POST

Chelsea Clinton ha fatto tonnellate di soldi da NBC News

L’Huffington Post | Di Jack Mirkinson
Postato: 2014/06/13 12:45 EDT Aggiornato: 2014/06/16 04:59 EDT

Chelsea Clinton ruolo come inviato speciale per la NBC News non può essere stato uno dei più grandi trionfi del giornalismo , ma stipendio di Clinton era certamente qualcosa da invidiare, se un nuovo rapporto in Politico è da credere.

Il sito web ha detto che Clinton è stato pagato 600 mila dollari l’anno per i suoi contributi alla rete, che comprendeva una manciata di pezzi benessere per “Rock Center” e le relazioni per “NBC Nightly News” nel corso dell’anno passato. Da allora è passato a un contratto mensile, Politico ha detto. (NBC impiega anche Jenna Bush Hager, figlia di George W. Bush, anche se lei è un collaboratore molto più frequente.)

Non sorprende il fatto che un personaggio politico altamente collegato con facile accesso al denaro veniva dato molto di più di esso non è andata giù così bene con i giornalisti:

A CONTINUAZIONE DEI TWEETS.VEDI LA NOTA COMPLETA CUA:

http://www.huffingtonpost.com/2014/06/13/chelsea-clinton-nbc-salary_n_5492427.html

-E CUA POI VEDERE UNA RACCOLTA NUMEROSA SULL’ARGOMENTO:

http://www.huffingtonpost.com/news/chelsea-clinton-nbc-news/

(AH……LA NUOVA ERA IMPORTA,VERO?)

*4-LA KERMESSE DE LOS SABADOS

-SU LA STAMPA:

Suite, volo e cachet stellare. Hillary la spendacciona

L’ex segretario di Stato finisce ancora sotto attacco. Per un discorso in Nevada ha chiesto 225.000 dollari

L’ex segretario di Stato Hillary Clinton sotto attacco, potrebbe correre per la Casa Bianca

paolo mastrolilli
inviato a ferguson

Le spese pazze di Hillary Clinton per i discorsi che tiene in giro per l’America sono di nuovo al centro dell’attenzione, denunciate dai suoi avversari politici che sperano così di affossarne la probabile corsa alla Casa Bianca nel 2016. All’inizio la pietra dello scandalo erano stati i compensi richiesti, sempre sopra i 200.000 dollari per evento; ora invece i critici puntano sulle richieste personali, come quella di avere sempre a disposizione una suite presidenziale negli hotel delle città visitate, e un aereo privato che trasporti lei e i suoi collaboratori. Il tutto per dimostrare che è una ricca viziata, molto lontana dai problemi della vita quotidiana degli elettori, colpiti ancora dalla crisi economica.

Le prime polemiche erano affiorate alla vigilia della pubblicazione del libro di memorie di Hillary, «Hard Choices», quando si era saputo che per ogni discorso tenuto davanti al pubblico di una fondazione, una università, o qualunque altra istituzione, lei chiedeva fra 200.000 e 300.000 dollari. I suoi difensori avevano risposto che tutti i soldi venivano poi versati alla Bill, Hillary & Chelsea Foundation, cioè l’organizzazione creata dal marito per promuovere iniziative di sviluppo, assistenza e solidarietà in tutto il mondo. Lei aveva aggiunto che quando erano usciti dalla Casa Bianca, la loro famiglia era in bancarotta, a causa delle spese legali sostenute per difendere Bill dagli attacchi dei suoi avversari, e quindi avevano bisogno di guadagnare per rimettersi in piedi.

Ma le spiegazioni non erano bastate. Ora arriva il nuovo colpo, basato sul contratto per un discorso della Clinton alla cena annuale della University of Nevada – Las Vegas Foundation, in programma il 13 ottobre. Secondo il documento, ottenuto e pubblicato dal Las Vegas Review-Journal, l’ex segretario di Stato ha accettato di parlare in cambio di 225.000 dollari. In più ha chiesto una suite presidenziale per ospitarla, tre stanze attigue per il suo seguito, e altre due per lo staff che visionerà il luogo del discorso in anticipo. Il gruppo dovrà essere trasportato da un Gulfstream 450 a 16 posti, che costa 39 milioni di dollari, oppure da un aereo più grande.

Tutti i pasti, le spese, le bollette telefoniche saranno coperte dall’organizzazione, che fornirà anche 500 dollari in contanti per eventuali acquisti di emergenza. Hillary ha preteso di controllare nei dettagli l’evento: niente pubblicità, nessuno con lei sul palco, teleprompter presidenziale e niente giornalisti in sala. L’unica trascrizione sarà quella stenografica, pagata 1250 dollari e consegnata solo a lei.

I suoi uomini rispondono alle critiche dicendo che la Unlv Foundation incasserà milioni di dollari da questo evento di raccolta fondi, e lei come sempre girerà i suoi soldi alla fondazione di famiglia.

http://www.lastampa.it/2014/08/18/esteri/suite-volo-e-cachet-stellare-hillary-la-spendacciona-BkMKYQ3KFi39H4twRIh0nN/pagina.html

*5-BILL GATES E ZUCKERBERG

-SU LE MONDE,Blogs:

18 août 2014
GLAÇANT – Bill Gates répond au défi de l’ice bucket lancé par Zuckerberg

Bill Gates a relever le défi (capture d'écran).

Bill Gates a relevé le défi (capture d’écran).

Alors qu’on croyait les défis Facebook passés de mode, l’un d’entre eux semble avoir encore de beaux jours devant lui. Jamais entendu parler de l’”Ice bucket challenge” ? Cela ne saurait tarder.

Vieux de quelques semaines, le défi consistant à se verser un seau de glaçons sur la tête pour la bonne cause – lever des fonds pour une association qui lutte contre la maladie de Charcot – avant de nominer trois autres personnes, est devenu viral depuis qu’il a été réalisé par le fondateur du réseau social en personne. Après s’être intégralement trempé, Mark Zuckerberg a alors mis à l’amende une autre figure émérite de la Silicon Valley : Bill Gates.

Beau joueur, le fondateur de Microsoft a fait les choses en grand avant de poster la preuve vidéo du défi relevé :

Immagine anteprima YouTube

De Justin Timberlake à Justin Bieber, toutes les stars américaines s’y mettent et redoublent d’inventivité dans leur mise en scène. On trouve des compilations des meilleures sur YouTube.

Et le challenge qui asperge toute l’Amérique semble porter ses fruits, puisque l’association ALS (qui lutte contre la maladie de Charcot) a publié samedi un communiqué dans lequel elle se réjouit d’avoir dépassé les 11 millions de dollars de dons, rapporte le Huffington Post. L’association précise que sur la même période en 2013 (entre le 29 juillet et le 16 août), elle n’avait engrangé qu’ 1,7 million de dollars de dons.

Lundi, le meilleur joueur de la NBA, James LeBron, vient de relever le challenge et a nominé… Barack Obama. Le président américain a donc 24 heures pour montrer ce qu’il a dans le ventre.

Les politiciens français, eux, ne s’y sont pas encore mis. Frileux ?

http://bigbrowser.blog.lemonde.fr/2014/08/18/glacant-bill-gates-repond-au-defi-de-lice-bucket-lance-par-zuckerberg/

REAZIONE:CHELSEA CLINTON HA DICHIARATO CHE E’ PRESSIONATA DAI DUE GENITORI PER AVERE UN FIGLIO.(ANCORA NON E’ MAMA MA LO SARA A FINE ANNO O INIZIO DELL’aNNO PROSSIMO)

Immagine anteprima YouTube

*19 AGOSTO 2014:BUCCATO GHIACCIATO

-SU THE TELEGRAPH:

Qualsiasi cosa per carità: 12 celebrità tentano la sfida dell’Ice Bucket

Scrittore e comico Lena Dunham si sottopone a un experience

Picture sgradevole: lenadunham / Instagram

Model Gigi Hadid is a little shocked at the temperature

La Modello Gigi Hadid è un po ‘scioccata dalla temperatura

Picture: gigihadid / Instagram

'That was really cold.' Facebook founder Mark Zuckerberg states the blindingly obvious

‘E’ stato davvero freddo:il’ fondatore di Facebook Mark Zuckerberg afferma cio che e’ accecantemente ovvio.

Picture: sukiwaterhouse /Instagram

-Zuckerberg sfida Bill Gates a colpi di acqua ghiacciata

Immagine anteprima YouTube

-E LA SECCHIATA DIVENTA VIRALE:

Immagine anteprima YouTube

-COSI SU LA REPUBBLICA:

9 agosto 2014:Da Zuckerberg a Balotelli la secchiata virale contro la Sla

Tutto è cominciato con il co-fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg. Poi, la campagna contro la malattia che colpisce moltissimi sportivi è diventata un tam tam al quale hanno aderito e stanno aderendo in tantissimi. In questa compilation alcuni dei protagonisti: Jeff Bezos, Bill Gates, Eddie Vedder, Jennifer Lopez, Justine Bieber,  Kobe Bryant, il cestista Lebron James, il giocatore di hockey canadese Paul Bissonette, Neymar, Oprah Winfrey, Robert Downey jr, Selena Gomez, Bolt, Justin Timberlake, Taylor Swift, Lady Gaga, Balotelli e Vittorio Zucconi(a cura di Valeria D’Angelo)

*Da Zuckerberg a Balotelli la secchiata virale contro la Sla

*Doccia gelata da ridere: tutti i fallimenti sul web

*Doccia galata anche per Fiorello. E il suo nominato è Renzi

(AH……VI INVITO A SCONFIGGERLA,LA SALUTE,LA SCIENZA E LA NUOVA ERA BEN VALGONO UN SECCHIONE GHIACCIATO)

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 142 »

14 agosto 2014
0

14 AGOSTO 2014:CONFORTO DI SCEMI

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Renzi: cambieremo le garanzie sul lavoro, non le elimineremo. Se
Il Sole 24 Ore  - ‎46 minuti fa‎
Non c’è nessun “caso Italia”, stavolta. È l’intera eurozona a vivere una fase di stagnazione. Matteo Renzi si prende una piccola rivincita davanti ai dati che testimoniano un’economia europea con il freno tirato. E approfitta della maratona di oggi nel …
.
REAZIONE:”MALE DI MOLTI CONFORTO DI SCEMI”.E POI E’ SOLO UNA OPERAZIONE POLITICA-GIORNALIERE DI HOLLANDE.
INOLTRE,SENZA ENTRARE IN INUTILI PARTICOLARI NUMERICI E TECNICI, BASTA DIRE CHE IL  GRADO DI “STAGNAMENTO” E BEN DIVERSO QUANTITATIVA E QUALITATIVAMENTE FRA I PAESI.E ANCORA,NON E ‘ VERO CHE COINVOLGA TUTTA L’EUROZONA,GRAN BRETAGNA E’ IN CRESCITA PER DARE SOLO UN ESSMPIO.COL CAVOLO CHE SONO TUTTI UGUALI,NON CAMBIA NULLA:QUELLO DEL TITOLO.
MA PERCHE NON LASCIARE PARLARE GLI ALTRI?
.
-SU LE NOUVEL OBSERVATEUR:
Actualité politique, internationale, société par le Nouvel Observateur, infos du jour
Economie
Croissance : le PIB de l’Allemagne qui chute, une opportunité pour Hollande ?

Paul Laubacher

Par Paul Laubacher,Voir tous ses articles

Publié le 14-08-2014 à 16h25Mis à jour à 16h26

A+A-
Le produit intérieur brut de l’Allemagne a reculé de 0,2% au deuxième trimestre. Une situation qui pourrait rebattre les cartes au sein du couple franco-allemand à propos des règles budgétaires.

François Hollande et Angela Merkel (c) Sipa

François Hollande et Angela Merkel (c) Sipa

Le choc est plus rude que prévu. Le produit intérieur brut (PIB) de l’Allemagne a subi un brutal coup de frein au deuxième trimestre en reculant de 0,2%, selon les chiffres publiés jeudi 14 août par l’Office fédéral des statistiques, Destatis. Une mauvaise nouvelle qui vient s’ajouter à la panne de la croissance française au deuxième trimestre.

D’où vient le coup de frein de la croissance allemande ?

Après un démarrage en fanfare grâce à l’hiver clément du début d’année, l’Allemagne ne pouvait pas tenir le rythme au deuxième trimestre. La Bundesbank avait annoncé de longue date un ralentissement de la croissance. La croissance du premier trimestre a également été révisée à 0,7%, contre 0,8% annoncé initialement.

Cette perte de vitesse s’explique essentiellement par la contribution “négative” du commerce extérieur et la baisse des investissements. La balance commerciale de l’Allemagne, autrefois son point fort, est désormais négative et s’est encore dégradée. “Les exportations ont été inférieures aux importations par rapport au trimestre précédent”, souligne Destatis. Les investissements des entreprises ont également subi un coup d’arrêt. En revanche, la consommation des ménages et les dépenses publiques continuent de bien se porter.

“Il faut nuancer le recul du PIB allemand”, analyse Sabine Le Bayon, spécialiste de l’Allemagne au sein de l’Observatoire français des conjonctures économiques (OFCE). “L’économie allemande est encore solide, avec la bonne consommation des ménages et des dépenses publiques. Mais il y a quand même une alerte, surtout quand on sait que le PIB allemand est constitué à 50% de l’exportation”, fait-elle valoir.

“Il faut prendre en compte les sanctions contre la Russie, même si le marché russe ne pèse que 4% dans les exportations allemandes”, estime Sabine Le Bayon. “La situation géopolitique dans l’est de l’Europe pourrait toucher les échanges avec la Pologne et le autres pays de la région, qui comptent pour 10% des exportations allemandes”.

Mais le plus inquiétant est l’attentisme des investisseurs allemands. “La confiance des entreprises a légèrement baissé et on observe une méfiance qui s’installe chez les investisseurs. Il sont de plus en plus prudents sur les investissements”, explique l’experte de l’OFCE.

Avec la panne française et la déception allemande, c’est le moteur de la zone euro qui a pris un coup d’arrêt. L’Italie est de son côté retombée en récession au deuxième trimestre, avec un PIB se repliant de 0,2% après un recul de 0,1% au premier trimestre.

Dans sa globalité, la zone euro a d’ailleurs vu son Produit intérieur brut (PIB) stagner au deuxième trimestre, après avoir progressé de seulement 0,2% au trimestre précédent, indique l’office européen des statistiques Eurostat.

“Le repli du PIB allemand ne va pas aggraver la situation globale de la zone euro”, assure Sabine Le Bayon de l’OFCE. “L’Allemagne ne peut pas de toute façon soutenir tout seule la croissance des autres pays et importer leurs produits”. Par contre, une fébrilité de la zone euro peut entraîner l’Allemagne vers une pente dangereuse. “Comme l’Allemagne base sa croissance sur l’exportation, le danger existe”, comment Sabine Le Bayon. “Et cette fois l’Allemagne ne passera pas à travers les mailles du filet.” Une situation qui pourrait changer la donne dans la zone euro.

Une ouverture pour François Hollande ?

La perte de vitesse de la croissance allemande pourrait rebattre les cartes au sein du couple franco-allemand. Depuis que le gouvernement français sait qu’il ne pourra pas atteindre l’objectif des 3% de déficit en 2014, et probablement pas en 2015, François Hollande est sur le pied de guerre pour faire fléchir la stricte position de la chancelière allemande Angela Merkel sur le sujet. Mais à chaque fois, le chef de l’Etat se voit répondre un “nein” sec et ferme.

“Les Allemands ont encore en tête les sacrifices qu’ils ont dû faire lors de leurs réformes structurelles : moins de protection de sociale, des coupes budgétaires, des suppressions de postes dans l’appareil de l’Etat”, rappelle Sabine Le Bayon, spécialiste de l’Allemagne. “Une position exacerbée puisqu’ils estiment que la France et l’Italie n’ont pas engagé les réformes nécessaires au bon moment. Seulement voilà, l’Allemagne sait qu’elle est dépendante de la bonne santé économique des autres pays de la zone euro.” Et tant que la croissance n’est pas au rendez-vous chez les autres pays, “elle sera faible en Allemagne”.

Pour l’instant, l’Allemagne reste sur sa position. La dernière sortie en date ? Le président de la Bundesbank, la banque fédérale allemande, Jens Weidmann, qui demande, dans une interview au “Monde”, à la France d’être “un exemple en matière budgétaire” et de cesser d’en appeler à l’Allemagne pour soutenir sa croissance.

Une “leçon” qui n’a pas empêché le ministre des Finances, Michel Sapin, de réagir le lendemain dans le même journal  et d’appeler à ”adapter le rythme de la réduction des déficits publics à la situation économique actuelle” et à renforcer l’action de la BCE pour lutter contre la morosité économique en Europe.

Combien de temps l’Allemagne pourra-t-elle tenir ? “Si la croissance dans la zone euro au troisième trimestre est toujours aussi fragile, l’Allemagne ne pourra pas éternellement rester sur sa position”, analyse Sabine Le Bayon. Angela Merkel sera alors au pied du mur et devra envisager d’assouplir les règles budgétaires.

http://tempsreel.nouvelobs.com/economie/20140814.OBS6399/allemagne-un-pib-qui-chute-une-opportunite-pour-hollande.html

-Sur le web : Croissance zéro: le “fruit de l’inaction du gouvernement”, pour Eric Woerth(VIDEO CANCELLATO)

À lire aussi

*Croissance nulle : gouvernement, Europe, à qui la faute ?

*Croissance : pourquoi la France est en panne

*Sapin reconnaît la “panne” de croissance de la France

REAZIONE:ECCO,HO RAGGIONE,NULLA HA CAMBIATO.E CIO CHE VALE PER L’ARGENTINA VALE ANCHE PER L’ITALIA:MI RACCOMANDO,I DEBITI SI PAGANO.E BASTA.

-
14 AGOSTO 2014:CAMBIANO L’EQUILIBRI DELLE AZIONI BELICI-POLITICI IN EURASIA
-TITOLARE SU GOOGLE NEWS:

Putin a Yalta: «La Russia non vuole isolarsi». A Kiev passano le

Il Sole 24 Ore  - ‎19 minuti fa‎
Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che la Russia non deve «tagliarsi fuori dal resto del mondo», proprio mentre le relazioni con l’Occidente sono al punto più basso dalla guerra fredda. «Dobbiamo lavorare allo sviluppo del nostro Paese con calma, …
Ucraina, militari di Kiev sparano su convoglio di aiuti russo
Vladimir Putin » Russia »
-
-LA NOTA COMPLETA SU “IL SOLE 24 ORE”:
Putin a Yalta: «La Russia non vuole isolarsi». Kiev apre i suoi metanodotti a Unione europea e Stati Uniti

14 agosto 2014

My24
Vladimir Putin (Ap)Vladimir Putin (Ap)

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che la Russia non deve «tagliarsi fuori dal resto del mondo», proprio mentre le relazioni con l’Occidente sono al punto più basso dalla guerra fredda. «Dobbiamo lavorare allo sviluppo del nostro Paese con calma, con dignità, senza tagliarlo fuori da resto del mondo, senza rompere i legami con i nostri partner, ma senza peraltro permettere che ci si comporti sdegnosamente nei nostro confronti», ha detto il capo del Cremlino all’atteso incontro con i deputati e i rappresentanti del governo russo riuniti in formato speciale a Yalta, nella penisola ucraina della Crimea annessa a marzo. Putin è arrivato con circa 4 ore di ritardo.

Il convoglio «umanitario» russo in avvicinamento
Il convoglio di 280 camion di aiuti umanitari inviati da Mosca verso l’Ucraina orientale si è fermato in un campo vicino alla città russa di Kamensk-Shakhtinsky, ad una cinquantina di chilometri dal posto di confine di Izvarino. La Croce Rossa internazionale ha fatto sapere che si è verificato un primo contatto per vericare che i camion trasportino davvero circa 2.000 tonnellate di cereali, zucchero, alimenti per i bambini, medicine, sacchi a pelo e generatori elettrici.

articoli correlati

*Ucraina: Kiev pronta ad accettare «convoglio umanitario» di Putin, ma pone condizioni

*Le crisi in Ucraina e nel Mediterraneo peseranno come uno shock petrolifero

Il valico di Izvarino è nelle mani dei separatisti filorussi che controllano anche gran parte della strada per Luhansk, dove sono in corso combattimenti con le forze di Kiev. «L’Ucraina non ha chiesto aiuti alla Russia. Ha chiesto a Mosca di portar via i suoi terroristi e mercenari, di non sostenere più i combattenti e di riconoscere la sovranità ucraina», ha affermato Iryna Herashchenko, una collaboratrice del presidente ucraino Petro Poroshenko. L’Ucraina, ha aggiunto, ha mandato oggi un proprio convoglio di aiuti alimentari verso la regione di Luhansk, composto da 61 veicoli carichi di 773 tonnellate di cibo.

Luhansk sotto le bombe, interamente circondata
A Luhansk, baluardo dei ribelli filorussi nell’est dell’Ucraina, da 12 giorni oltre 200mila persone vivono senza acqua ed elettricità. Le autorità hanno riferito di ingenti vittime tra i civili a causa dei bombardamenti di ieri. In 24 ore di martellamento da parte dell’artiglieria dell’esercito di Kiev sono stati uccisi 22 civili. Lo ha detto all’Afp un rappresentante dell’amministrazione regionale. «È stato un attacco a colpi di mortaio nei quartieri all’est della città. Un bus, un magazzino e molti immobili sono stati colpiti» ha detto il responsabile che ha voluto restare anonimo. In serata il portavoce del Consiglio di sicurezza ucraino, Andrii Lisenko, ha fatto sapere che l’esercito ucraino circonda completamente la roccaforte separatista, e ha ripreso il controllo della strada che connette la città alla frontiera russa riconquistando il villaggio di Novosvitlivka.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-08-14/putin-yalta-la-russia-non-vuole-isolarsi-kiev-passano-sanzioni–131224.shtml?uuid=AB4s9FkB
.
REAZIONE:OBAMA DEVE ENTRARE IN GUERRA IN IRAQ(UNA SCONFITTA POLITICA DI OBAMA ALL’INTERNO E DELL’AMERICA A LIVELLO GLOBALE) MENTRE CHE PASSANO GLI AIUTI “UMANITARI” RUSSI ENTRATI  IN UKRANIA.ALLO STESSO TEMPO,MENTRE DONESTK RESISTE A KIEV E’ CAOS E INSTABILITA POLITICA.
SULL’INDAGINE DELL’AEREO CADUTO NULLA SI SA ANCORA.
LA NUOVA ERA REGGE.
-AL MARGINE:DIFFICILE INVOCARE YALTA DOPO LA CADUTA DEL MURO E AVENDO I NEOLIBERALI DENTRO.

.
14 AGOSTO 2014:EURASIA,EURASIA

SU LE MONDE,Blogs:

03 août 2014, par Nicolas Constans

Découverte d’un tronçon de la Route de la soie

À l’aide d’images satellites et de prospections sur le terrain, des archéologues chinois ont découvert plusieurs étapes de l’ancienne route commerciale entre Orient et Occident.

Tour de guet près de Dunhuang, en Chine. The Real Bear CC-BY-2.0, via Wikimedia Commons

Tour de guet près de Dunhuang, en Chine.
The Real Bear CC-BY-2.0, via Wikimedia Commons

Dunhuang. La porte de l’Asie centrale. Le dernier bastion chinois de la Route de la Soie. Après, il y a le désert du Taklamakan, Samarcande, la Perse et enfin, tout le commerce de la Méditerranée antique. C’est à partir du premier empire chinois, lors de la dynastie des Han au IIe siècle av. J.-C. que commencent à apparaître des signes nets que des produits chinois trouvent leur chemin jusqu’au monde romain, et vice-versa. Bref, que des routes commerciales commencent à s’établir entre Orient et Occident. Et s’il y a eu parfois des postes encore plus avancés de la civilisation chinoise vers l’ouest, Dunhuang en est toujours restée la principale voie d’accès.

Mais à la fin du VIIe siècle apr. J.-C., cette route n’est plus sûre. Car pour accéder à Dunhuang, il faut emprunter un long corridor naturel, encaissé entre deux plateaux. Le premier, au nord, est celui des voisins mongols. Pour les tenir à distance, les Chinois ont construit des siècles plus tôt la Grande Muraille de Chine. En terre crue et en bois, celle-ci n’a pas grand-chose à voir avec celle, considérablement embellie et fortifiée au fil des siècles, qu’arpentent aujourd’hui les touristes dans l’est du pays. Mais au sud, c’est pire.Rien ne les sépare du plateau du Tibet,où règne alors un empire en pleine expansion. Or celui-ci dispute à la Chine le contrôle de la Route de la Soie en Asie centrale. Ses troupes harcèlent donc les convois qui vont vers Dunhuang. Ajoutez à cela, le désert de Gobi, ses dunes, son vent, les reliefs escarpés, et on imagine que les soldats et marchands chinois ne s’engageaient pas de gaîté de cœur dans ce long corridor.

Alors en 691 apr. J.-C., Wu Zetian tranche. Celle qui vient de devenir, après des décennies d’adroites manœuvres politiques, la première − et la dernière − impératrice de toute l’histoire de la Chine, fait déplacer la route plus au nord. Ce sera moins long, et surtout plus sûr. Elle fait construire les relais où les caravanes pourront reprendre des forces et s’approvisionner.

Mais aujourd’hui le désert a gagné. Le paysage s’est désseché. Et un millénaire d’érosion a peu à peu réduit en poussière les traces de cette route royale. Seuls les relais près des points de départ et d’arrivée sont connus. Car ils sont situés dans les vestiges d’anciennes villes et dans des zones toujours aujourd’hui fréquentées par des hommes. Entre les deux, dans les régions désertiques et battues par les vents, personne ne sait vraiment où ils sont.

Par chance, il y a des textes. Car le nom de Dunhuang est attaché à l’une des plus importantes découvertes sur l’histoire de la Chine. Non loin de là se trouve en effet le site des grottes aux mille bouddhas. Creusées à flanc de falaise, ces cavités renferment un ensemble considérable d’anciennes statues et peintures bouddhistes. Or au début du XXe siècle, un moine y a découvert une grotte secrète dans laquelle étaient cachés plus de 40 000 manuscrits. Cet ensemble exceptionnel, ainsi miraculeusement préservé pendant un peu moins d’un millénaire, représentent une mine de renseignements sans équivalent sur le bouddhisme et les anciennes civilisations asiatiques. Bon nombre de sinologues actuels continuent de plancher sur cette impressionnante bibliothèque.

Or il se trouve que deux petits manuscrits issus de cet ensemble aujourd’hui conservés à Paris, à la Bibliothèque nationale parlent de cette route. Ils mentionnent le nom des relais et la distance à parcourir depuis le précédente Par exemple, le relais Gancaoyi est à vingt-cinq li (13,5 kilomètres) du précédent et à cent quarante cinq li (78 kilomètres) au nord-est du point de départ. L’information n’est pas d’un précision folle, car ce ne sont pas des distances à vol d’oiseau, mais celles que parcouraient les convois sur un trajet aujourd’hui inconnu.

Mais des archéologues chinois remarquent qu’à l’époque, les caravanes longent les berges des rivières, et que ce sont là que s’implantent généralement les relais. S’ils peuvent identifier les lits de ces dernières, aujourd’hui asséchés, ils pourront peut-être retrouver les relais.

Alors ils se tournent vers les images satellite de la région. En fait, ils en combinent plusieurs. Car certaines mettent mieux en évidence tel ou tel détail, comme les lits de rivières, ou les lignes droites des restes de la Grande Muraille, au sud de laquelle doivent se trouver tous les relais. Puis, à partir des distances entre les relais, les chercheurs circonscrivent les zones où devraient se trouver ceux qui manquent. Aidés de logiciels, ils passent alors ces dernières au peigne fin. Deux d’entre eux resteront complètement introuvables : ils sont sans doute trop érodés, ou enfouis sous les dunes. Des images et une cartographie fine du relief par laser seront sans doute nécessaires pour les retrouver. Mais pour les autres les chercheurs ont plus de chance. Ils découvrent sur les images trois structures qui pourraient ressembler à des ruines de bâtiments.

En 2013, ils montent une expédition pour reconnaître les lieux. C’est un succès : ils tombent l’une après l’autre sur les trois structures. Ce sont bien des édifices anciens, même si les archéologues n’ont pas encore pu mener de fouilles approfondies. Mais outre la localisation, les premiers éléments semblent confirmer qu’il s’agit bien des relais. Dans le premier site, la collecte des tessons de poterie, des morceaux de brique ou de métal semble en effet indiquer qu’il remonte à l’époque des Tang, pendant laquelle a régné l’impératrice Wu. Entouré d’un mur, large d’une quarantaine de mètres, son plan et ses dimensions cadrent bien avec les relais de cette période. Pour les deux autres, plus grands et très proches l’un de l’autre, c’est moins clair. Ils s’agissait visiblement de sites plus anciens, de l’époque des Han, qui ont continué à être occupés jusqu’aux Tang.

Nicolas Constans

http://archeo.blog.lemonde.fr/2014/08/03/decouverte-dun-troncon-de-la-route-de-la-soie/

REAZIONE:EVIDENTEMENTE L’INTERESSE PER I RAPPORTI STORICI E NON SOLO FRA L’EUROPA E ASIA VIVE UN REVIVAL E QUESTO E’ UNA CONSEGUENZA DIRETTA DLL’INSEDIARSI DELLA NUOVA ERA.STESSA COSA ACCADE PER LA PRIMA GUERA MONDIALE.

LA NUOVA ERA E’ ARRIVATA PER RESTARE A LUNGO.

-

14 AGOSTO 2014:ALFANO APOCALITTICO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Articolo 18, Ncd insiste "Retaggio da cancellare o il governo si esaurisce"

Articolo 18, Ncd insiste:”Retaggio da cancellare o il governo si esaurisce”

Sacconi: basta chiacchiere

Articoli correlati

L’eterno dibattito sull’articolo 18:Cosa è cambiato nel 2012
L’insulto di Salvini ad Alfano

REAZIONE:ALFANO E’ NERVOSO,AUTORITARIO,VIOLENTO,NON SI SENTE AL SUO AGIO NELLE LERGHE INTESE,GIORNO DOPO GIORNO MINACCIA FARE CADERE IL GOVERNO………E FACCIA PURE,COSA ASPETTA?

-

14 AGOSTO 2014:VIOLENZA DOMESTICA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Ostuni, arrestata ex conduttrice Rai  Ha ferito il compagno con un coltello

Ostuni, arrestata ex conduttrice Rai :Ha ferito il compagno con un coltello

Foto La De Nardis in tv, da Vespa al Tg2 – Video

REAZIONE:DONNE VIOLENTE

Immagine anteprima YouTube

-

15 AGOSTO 2014:ALFANO IL GIORNO DOPO,BOTTA E RISPOSTA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Migranti, Alfano: "A ottobre  stop Mare nostrum, via a forza Ue"

Migranti, Alfano: “A ottobre stop Mare nostrum, via a forza Ue”

“Italia campione di accoglienza, evitato che Mediterraneo fosse un mare di morte”

Ancora sbarchi, 2 vittime. “117mila arrivi in un anno”

“Vu’ cumprà? È su Treccani”. L’enciclopedia: ma ha uso dispregiativo,di ALBERTO CUSTODERO

REAZIONE:DELLA PARTE SOSTANZIALE DELLA NOTA CHE POTRETE LEGGERE CUA http://www.repubblica.it/politica/2014/08/15/news/alfano_immigrati_mare_nostrum-93838728/?ref=HRER3-1;RISCATTO:

Alfano: “Entro ottobre Mare nostrum lascia il posto alla forza Ue”

Il bilancio del ministro: “Siamo campioni di accoglienza, abbiamo evitato che il Mediterraneo divenisse un lago di morte”. E alla polemica seguita alla frase sui “vù cumprà” risponde: “C’è anche sulla Treccani”,di ALBERTO CUSTODERO

Alfano: "Entro ottobre Mare nostrum lascia il posto alla forza Ue"

Ministro, dopo la presa di distanza di Renzi, nel suo vocabolario c’è ancora il termine “vu cumprà”? Angelino Alfano accende nervosamente il tablet, lo apre sulla Treccani, e, mostrando le pagine delle voci che iniziano per “V”, replica: “Lo vedete? anche sull’enciclopedia esiste questa espressione, e spiega che è uno slang giornalistico”. Anche se, più tardi, è la stesso Istituto dell’enciclopedia italiana a precisare in una nota: “Nella propria base dati lessicale, Treccani registra l’espressione ‘vu cumpra a scopo di documentazione, senza volerne in alcun modo legittimare l’uso. In altre sezioni del portale, trattando in forma più distesa di questa specifica espressione, ne sottolinea espressamente il registro d’uso spregiativo”.

Ma il titolare del Viminale non è pentito di aver utilizzato, lui che è un politico, un’espressione di conio giornalistico bandita da tempo dagli stessi giornalisti in quanto considerata latrice di uno stigma razzista. Lo ha ribadito, oggi, a margine della tradizionale conferenza stampa di Ferragosto sulla sicurezza del Paese svoltasi al Viminale.

Conferenza iniziata con una battuta spiritosa (com’è peraltro nel suo stile) del ministro presentando, al primo videocollegamento, l’operatrice del Centro nazionale di coordinamento dell’imigrazione: “La vedo accanto a una gigantesca cartina geografica dell’Italia e del mondo….”. Ma la poliziotta lo gela. “Purtroppo è in arrivo un nuovo barcone con 213 migranti. Sono eritrei. Due sono morti”. Alfano rilancia: “Con il nostro lavoro, abbiamo evitato che il grande lago del Mediterraneo diventasse un lago di morte. Stiamo combattendo gli sfruttatori dei migranti in tutta la filiera, in un anno abbiamo arrestato 541 mercanti di morte”. “Gli italiani – dice – sono campioni mondiali dell’accoglienza”. A proposito di immigrazione, Alfano annuncia che a “ottobre ci sarà il primo compleanno dell’operazione di soccorso mare nostrum”. Ma, precisa, “non ci sarà il secondo compleanno: durante il semestre italiano all’Ue, farò in modo che del problema se ne faccia carico Frontex, con adeguati stanziamenti economici per tutelare le frontiere del Sud Europa, che sono una specificità per l’Italia essendo frontiere di mare”.

REAZIONE:

1-STOP MARE NOSTRUM?NO,L’IMMIGRAZIONE E’ UN AFFARE NAZIONALE CHE DEVE RISOLVERE L’ITALIA.E VA AFFRONTATO COMPLESSIVAMENTE GESTENDO NON SOLO GLI SBARCHI AFRICANI,NON SOLO L’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA  MA IN UN INSIEME DI TUTTA L’IMMIGRAZIONE COMPRESA QUELLA “LEGALE”.E VA AFFRONTATO POLITICAMENTE MICA STENDENDO IL CAPELLO PER RACOGLIERE L’ELEMOSINA.NON E’ DEGNO,NON E SERIO.CUA CI VUOLE CRESPI.

2-BOTTA E RISPOSTA:ALFANO SPIRITUOSO?MA CHE…NERVOSO E’.L’ULTIMA VOTAZIONE EUROPEA E LA MINACCIA DI APROVARE L’ITALICUM LO LASCIA FUORI DEL GOVERNO E ALLORA MINACCIA A DESTRA E MANCA TUTI,PERO PRIMA HA PROVATO A RIFUGIARSI NUOVAMENTE,CONTRADITTORIAMENTE NELLA LEGA E BERLUSCONI.NON E’ POLITICO SERIO,NON E’ POLITICO FIDABILE.NON ISPIRA FIDUCIA NE MENO NELLA POLIZIA:”Ma la poliziotta lo gela. “Purtroppo è in arrivo un nuovo barcone con 213 migranti. Sono eritrei. Due sono morti”".SI CAPISCE VERO?

3-”VU CUMPRA”?:NO,”VU (NON)COMPRA”

-

15 AGOSTO 2014:LA GENERAZIONE TELE(VIZIO)IN AZIONE

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

Garante delle comunicazioni

 Rapporto Agcom, Boldrini «Il digital divide è la nuova diseguaglianza»
Il presidente della Camera ha parlato prima di una relazione che mostra solo segni negativi, dagli investimenti per la banda larga ai ricavi del settore mobile,di Martina Pennisi

1 Tecnologia

Dopo Digital Venice, è la volta della presentazione alla Camera della relazione annuale del Garante delle Comunicazioni, altro tassello che compone il puzzle del digitale nostrano e dà importanti indicazioni sull’approccio futuro. In particolare, è stata la presidente della Camera Laura Boldrini ad aprire l’evento sottolineando la necessità di stabilire, anche in occasione del semestre europeo di presidenza italiana, “nuove regole” per non rimanere sotto lo scacco di altri Stati o di colossi del settore. Dopo aver citato i temi di neutralità della Rete, privacy dei dati e odio online, Boldrini ha parlato dell’importanza di “ridurre il divario digitale che rappresenta il nuovo volto della vecchia disuguaglianza” e ha invitato a non “trascurare il pluralismo dei media” in nome “dell’attenzione richiesta alla Rete”. In linea l’intervento del presidente dell’Autorità Angelo Cardani, che ha ricordato la recente introduzione del regolamento per la tutela del diritto d’autore online, ed è entrato nel merito delle nuove aree in cui andare a dettare, anche livello europeo, legge: fra le priorità il rapporto fra i cosiddetti Over The Top, i vari Google o Skype, e gli operatori tradizionali di telecomunicazioni che devono sottostare a “regolamentazione ex ante”, le politiche legate allo spettro radio tenendo conto “dei crescenti fabbisogni della banda larga mobile per sostenere lo sviluppo dell’Internet delle cose” e il ruolo dell’Agcom in materia di Big Data e Open Data, tornando sulla privacy su cui si è soffermata la presidente Boldrini. E ancora, condizioni di utilizzo delle applicazioni e tutela dei minori.

Tutti i comparti in calo

I dati della relazione, soffermandosi sul comparto digitale e tlc (qui il resto), sono caratterizzati dal segno meno, sia in termini di ricavi degli operatori sia in termini di investimenti per la realizzazione di banda larga e ultra larga. Flessione, in questo secondo caso, del 5,4%, con il meno 9,8 della rete mobile che pesa in modo particolare, da leggere in considerazione della ripresa attesa durante l’anno in corso. Il mobile si distingue in negativo anche per un riduzione dei ricavi che, a differenza dello scorso anno, è nettamente superiore rispetto a quella registrata per la rete fissa: -11,2% e -6%. Sono in calo tutte le categorie considerate, con il 18,4% del traffico voce che si fa sentire particolarmente. Scivolano anche i ricavi dei servizi dati, -3,3%, anche se aumentano le Sim connesse alla Rete, da 31,3 milioni a 32,7, e il traffico, +7%. Continuano a crollare gli sms, -25% a beneficio di Whatsapp e simili, e si confermano con un rialzo del 13% gli introiti legati ai servizi di accesso e navigazione a Internet. C’è attesa, nella relazione, per la rivoluzione del pagamenti mobili a cavallo dell’Nfc, tecnologia sulla quale si basano le offerte lanciate da Telecom e Vodafone per perfezionare le transazioni avvicinando lo smartphone al Pos. Sempre per quello che riguarda il mobile, a farla da padrone è Telecom Italia con 32,2% del mercato delleSim, in crescita rispetto al 33,1 del 2012. Crescono anche Wind (23), H3G (10) e gli operatori mobili virtuali, presenti sul 5,4% delle Sim. In calo solo Vodafone, 29,4% di schedine a fronte del 30,2 dell’anno precedente. A cambiare gestore nel corso del 2013 sono stati 16 milioni di italiani. Nel campo della banda larga si registra invece per la prima volta il calo della quota di mercato di Telecom sotto il 50%. Nel primo trimestre 2014 si attestava al 49 tondo tondo.
15 luglio 2014 | 12:57,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/tecnologia/mobile/14_luglio_15/rapporto-agcom-boldrini-il-digital-divide-nuova-diseguaglianza-be0744f2-0c0c-11e4-b3f9-bc051e012a1f.shtml

.
REAZIONE:A CONTO DI PIU
1-LA NUOVA ERA NON RICONOSCE A LAURA BOLDRINI NE A NESSUN INTEGRANTE DI QUESTO “GOVERNO” GOLPISTA NESSUNA COMPATIBILITA CON LA NUOVA ERA:NE CON LA SUA ESSENZA,NE CON LA SUA VISIONE DEL MONDO.
2-IL DIGITAL DIVIDE E’ UN ARGOMENTO GIA DISCUSSO E LAUDATO IN QUESTE PAGINE E NON TORNERO SU ESSO.BASTA DIRE CHE IN REALTA NON ESSISTE NESSUN DIGITAL DIVIDE,E SE MANCANZA DI COPERTURA ADLS C’E’ E’ DOVUTA SOLTANTO ALLA MANCANZA DI CONCORRENZA,CIO’E’ ALLA MANCANZA DELLE DOVUTE LIBERALIZAZZIONi E RIFORME CHE  HANNO PROMESSO E MAI COMPIUTO SIA BERLUSCONI,CHE MONTI,CHE RENZI.
3-NON ESSISTE NESSUNA CONTRAPOSIZIONE “PLURALISMO DEI MEDIA” E “L’ATTENZIONE RICHIESTA DALLA RETE”:LA NUOVA ERA E’ QUELLA DELL’INTEGRAZIONE DEI VECCHI MEDIA,QUELLI DELLA TELEVISIONE E RADIO TRADIZIONALI FRA ALTRI,ALLA RETE.I NUOVO MEDIA (NON I SOCIAL MEDIA VOLUTE DA OBAMA),QUELLI CHE FUNZIONANO NELLA RETE,SONO I SOLI MEDIA ESSIETENTI.PRETENDERE ALTRO SIGNIFICA SOLO CONVALIDARE IL PATTO SEGRETO FRA RENZI E BERLUSCONI PER SALVARE I SUOI MEZZI TRADIZIONALI LE QUI ONDE APPARTENGONO ALLO STATO DOVE DEVE RESTITUIRLI.IL SISTEMA GIUDIZIARIO AVEVA PROMESSO FARLO E DEVE COMPIERE O METTERLI SOTTO ACCUSA.
QUESTE PAROLE DELLA BOLDRINI CHE PRETENDE MISCONOSCERE I NUOVI MEDIA UNIVERSALMENTE ACETTATI E ADOPERATE SONO LA PROVA PALESE CHE IL PATTO SEGRETO CON MEDIASET ESSISTE E SI ADEGUANO ALLE PRETESE DI QUESTA MAL CHIAMATA GENERAZIONE “TELEMACO” CHE VUOLE “ADOSSARSI” ALLA NUOVA ERA IN ITALIA.SONO COSE DIVERSI,SONO INCOMPATIBILI E GLI OPERATORI NUOVA ERA SAPRANNO SMONTARE QUESTO ENGENDRO POLITICO DELLE LARGHE INTESE:

TELE-VIZIO ALTRO CHE TELEMACO SONO.VIA.FUORI DELLA NUOVA ERA GIA INSEDIATA IN ITALIA.UN ESSMPIO?:ALTRI GIOVANI CHE IN AMERICA HANNO ADERITO ALLA NUOVA ERA DOVREBERO ESSERE LO SPECCHIO A GUARDARSI,VITTORIA CLINTON,LA FIGLIA DI HILLARY E’ FRA I PIONIERI DEL GIORNALISMO DEI NUOVI MEDIA DOVE LAVORA.ESSITONO E NON SONO QUELLI DI BERLUSCONI.
4-I DIRITTI DI AUTORE ONLINE DI QUI PARLA QUESTO ANGELO CARDINI NON ESSISTONO:VA TUTELATA LA “PROPIETA INTELLETUALE” E NON UN MUCCHIO DI PROCEDURE BUROCRATICI CHE ALTRO CHE CARTA STRACCIA NON SONO.

NON ESSISTE NE MENO QUESTA CONTRAPOSIZIONE FRA GLI OPERATORI DELLA NUOVA ERA (GOOGLE,MICROSOFT,APPLE,ECC) E “OPERATORI TRADIZIONALI.O PER DIRLA CON LE SUE PAROLE “fra i cosiddetti Over The Top, i vari Google o Skype, e gli operatori tradizionali di telecomunicazioni”.NE CONTRADIZIONE ESSISTE FRA “le politiche legate allo spettro radio” E QUELLO “dei crescenti fabbisogni della banda larga mobile”,”per sostenere lo sviluppo dell’Internet delle cose”.L’HO SPIEGATO SOPRA,SONO TUTTI UNO E OGGI SI PARLA SOLO DI “NUOVI MEDIA”.
.
-APPENDICE:MICROSOFT,TENTATIVA  DI USURPAZIONE NEL “DIGITAL VENEZIA”
.
-SU CORRIERE DELLA SERA:Sette giorni di innovazione in Laguna
Digital Venice, la strategia digitale europea e il semestre italiano
Al premier Renzi e al commissario Kroes è stato consegnato il documento Restart Europe. Attesa per sapere chi sarà il direttore dell’Agenzia per l’Italia Digitale
di Martina Pennisi
Tecnologia
La tavola rotonda Restart Europe (foto da Twitter)
La tavola rotonda Restart Europe (foto da Twitter)
shadow

Venezia – I giovani spesso arrivano prima, soprattutto se si parla di digitale. Così è avvenuto a Venezia, dove 161 innovatori provenienti da 24 Paesi hanno animato il primo giorno di Digital Venice, settimana lagunare di eventi dedicati alla strategia digitale europea. L’evento clou sono gli interventi di Matteo Renzi e Neelie Kroes. Il presidente del Consiglio e il vice-presidente della Commissione europea firmeranno la cosiddetta Carta di Venezia per provare a fissare i punti attorno cui costruire la politica digitale europea che caratterizzerà il semestre di presidenza italiana appena iniziato. Anche per l’Italia potrebbe rivelarsi una giornata cruciale: Renzi dovrebbe annunciare il nome del direttore dell’Agenzia per l’Italia digitale, ente a cui spetta la concretizzazione di norme e decreti in materia. Nelle ultime ore sono calate le quotazioni di Stefano Quintarelli, deputato di Scelta Civica e in quanto tale in possibile conflitto con il ruolo, mentre appare un’ipotesi plausibile quella di Alessandra Poggiani, padrona di casa qui a Digital Venice.

Il premier e la riunione con i Big della tecnologia

Il premier Renzi con il ministro Madia in vaporetto a Venezia (da Instagram)Il premier Renzi con il ministro Madia in vaporetto a Venezia (da Instagram)

Aperte anche le partite del Digital champion, figura che deve rappresentare la spinta innovativa del Paese, e del presidente del Comitato d’indirizzo, altra gamba di cui il tavolo digitale nostrano ha bisogno per stare in piedi. “Sono nodi da sciogliere in fretta; scelte cruciali per assicurarsi che l’orientamento politico sia declinato in maniera coerente”, dichiara al Corriere della Sera il sottosegretario con delega alle politiche europee Sandro Gozi. Dei temi caldi sul tavolo comunitario, invece, Renzi e Kroes hanno parlato a porte chiuse con colossi del settore come Huwaei, Samsung, Microsoft, Facebook, Google e Amazon. Dalle opportunità, con una spinta del Pil di 5 punti percentuali, alle sfide, tassazione dei colossi americani e neutralità della Rete su tutte. L’Italia e Matteo Renzi, che del digitale ha sempre fatto una bandiera per ora più sventolata che issata, hanno l’opportunità di farsi portatori del cambiamento di passo. Abbiamo, è il Censis ad averlo calcolato, tutto da guadagnarci: il ritardo attuale ci costa 10 milioni di euro al giorno. 3,6 miliardi all’anno, per citare una cifra che fa ancora più impressione. Senza (economia) digitale è difficile ripartire.

Il documento di Restart Europe

I giovani startupper di Restart Europe, così si chiama l’evento di lunedì, più che da questi numeri sono partiti dalle loro priorità nei campi di economia, smart city, lavoro, democrazia ed educazione. Il documento redatto a fine giornata è stato consegnato a Renzi e Kroes per affiancare le necessità dei colossi già presenti sul mercato a quelle delle nuove leve. Si propone la creazione di un quadro normativo unico a livello comunitario per le imprese innovative gestibile attraverso una piattaforma online. E si riceve, contestualmente, il plauso del sottosegretario all’Economia Pier Paolo Berretta: “Senza mercato unico il milione di posti di lavoro atteso dalle startup rimane un miraggio”, ha commentato. Per incoraggiare gli investimenti di Venture capital, al momento dieci volte meno consistenti di quelli statunitensi, la carica dei 161 ha pensato a incentivi fiscali per gli sforzi privati e a fondi per l’economia digitale. Per ogni euro investito da un privato, ad esempio, la Bce potrebbe mettercene uno di tasca sua. Le città potrebbero invece beneficiare di una carta d’identità europea con cui accedere ai servizi fisici e digitali senza limite alcuno nel Vecchio Continente.

Attesa per il direttore di Agid

Per l’Italia si tratta di un discorso particolarmente attuale, essendo il decreto per l’identità digitale in rampa di lancio e in attesa dell’intervento dell’Agid, che sta a sua volta aspettando il nuovo direttore. Mentre l’Italia aspetta, insomma, la giovane europa sogna di correre. Sempre nelle metropoli digitali, potrebbero essere utili delle ricompense per i cittadini e le istituzioni virtuosi e un sistema di recensioni sui servizi offerti. Pensando al lavoro, invece, si spazia dal ‘reverse internship’, stage dei dipendenti delle aziende nelle startup per sporcarsi le mani con la cultura dell’innovazione, a un fondo pensione pan-europeo che incoraggi gli spostamenti dei lavoratori e alleggerisca gli oneri delle aziende che vogliono assumere all’estero.

Amministrazione digitale

L’amministratore delegato di Microsoft Italia – a cui si deve l’organizzazione di Restart Europe – Carlo Purassanta vede di buon occhio le contaminazioni tra realtà consolidate e nascenti soprattutto nell’ambito di ricerca e sviluppo: “Più dell’80% delle imprese fa ricerca in un una sorta silo separato da tutto il resto. È un approccio troppo vecchio, bisogna entrare in una modalità di innovazione collaborativa”. Tornando alle proposte, il rapporto ideale con i vertici è quello che si risolve in un clic: governi e amministrazioni pubbliche dovrebbero ‘arrendersi’ alla democrazia partecipativa e a pubblicare e discutere su apposite piattaforme spese e processi decisionali. Il cittadino deve aver accesso a un unico portale per ottenere informazioni, dialogare con gli amministratori e ottenere documenti o indirizzi. Per dare una spinta all’educazione bisogna invece partire dagli insegnanti e fornire loro piattaforme aperte per aggiornarsi e condividere le competenze su un nuovo tipo di didattica. Gli istituti, oltre a ospitare corsi di programmazione fin dalle elementari, devono anche essere messi in condizione di acquistare dispositivi tecnologici in modo consapevole. Insegnare alle scuole, quindi. Formare le aziende con le startup, come detto in precedenza. Il digitale che arriva prima. Anche a Venezia, in attesa della lista delle priorità dei grandi, è andata così.
8 luglio 2014 | 10:24,© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

http://www.corriere.it/tecnologia/economia-digitale/14_luglio_08/digital-venice-strategia-digitale-europea-semestre-italiano-98af2896-0676-11e4-addf-a4fb93907d37.shtml

.

REAZIONE:NATURALMENTE,NON BISOGNA DIRE CHE LA NUOVA ERA VEDE DI MAL OCHIO QUESTA AMBIZIOSA INIZIATIVA DI MICROSOFT IN COLLABORAZIONE CON UN GOVERNO GOLPISTA COME QUELLO DI RENZI,PIAGATA DI BUONE INTENZIONI CHE PERO RESTA SOLO UNA ESPRESSIONE DI DESIDERIO.IL FATTO CHE PER L’INCONTRO  SIA STATA SCELTA LA CITTA DI VENEZIA E’ LA PROVA PALESE CHE SI TRATTA DI UN INTENTO DI UISURPAZIONE DELLA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA .RISULTA CHIARO CHE MICROSOFT NON HA IMPARATO LA LEZIONE DELLA NUOVA ERA CHE DOPO QUEL CONCORSO DOVE HA RESPINTO LE MIE TESI AL RIGUARDO HA FINITO PER SMORONARSI E SCOMPARIRE.ORA CHE LI HA ADOTTATE CCONVERTENDOSI ALLA NUOVA ERA CON QUESTE INIZIATIVE TORNA A ZOPPICARE CON LA STESSA PIETRA:NULLA DI QUANTO PROIETTATO SOPRA ANDRA A BUON PORTO,RESTA SOLO COME DETTO PRIMA,UNA ESPRESSIONE DI DESIDERIO DI UN MUCCHIO DI “BUONE INTENZIONI” CHE ALTRO NON FANNO CHE CERCARE DI USURPARLA.SI VEDE DIETRO L’INIZIATIVA LA MANO DI BILL CLINTON,IL NEOLIBERALE PARRINO POLITICO DI RENZI.SOSPETTO  CHE MICROSOFT DA ORA IN AVANTI TORNERA A PERDERE TERRENO FRA I BIG DELLA TECNOLOGIA.LA NUOVA ERA LI RITIRA OGNI FIDUCIA E INVITA AI SUOI  OPERATORI A BOICOTTEARE QUESTE INIZIATIVE:IL GENIO INNOVATIVO NON SI AQUISTA IN FARMACIA.INUTILE INSISTERE IN QUESTA VIA.

DUE PAROLE ANCORA:
-QUANTO DETTO SOPRA PRIMA E’ ANCHE VALIDO PER QUESTO INCONTRO DELLA GENERAZIONE TELE-VIZIO.

2-RENZI E I SUOI NON DURERANNO AL GOVERNO E LE AUTORITA DELLA COMMISIONE EUROPEA PARTECIPANTE SARANNO CAMBIATI  UNA VOLTA NOMINATE QULLE NUOVE USCITI DAL RECENTE VOTO,QUINDI QUESTE INIZAITIVE MICROSOFT AVREBBE DOVUTO FARLI NEL MARCO DELLA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA E CON CHI CORRISPONDE,CIO’E’ AVREBBE DOVUTO ASPETTARE CHE SIANO MESSE IN CARICA LE NUOVI AUTORITA.E IL FATTO CHE SI SIANO AFRETTATI A FARE L’EVENTO DIGITALE A VENEZIA E’ UNA MOSTRA DI QUANTO SIANO CONSAPEVOLI DELLA FORZA E PORTATA  DELLE VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA IN EUROPA,E QUINDI DI QUANTO FRAGILE SIA QUESTA INIZIATIVA.
3-”I giovani startupper di Restart Europe” ALTRO NON SONO CHE QUESTA GENERAZIONE TELE-VIZIO.(A)
4-A PURASSANTA LO SI VEDE OSSESIONATO DAL PROCESSO INNOVATIVO E LA RICERCA E QUINDI SI FA ECO DELL’ESPERIENZA DI MICROSOFT CHE L’HANNO PORTATA AL FALLIMENTO COME AVANGUARDIA DELLE TELECOMUNICAZIONI E “vede di buon occhio le contaminazioni tra realtà consolidate e nascenti soprattutto nell’ambito di ricerca e sviluppo”:IN MICROSOFT NON C’E STATA NESSUNA “CONTAMINAZIONE” FRA “REALTA CONSOLIDATE E NASCENTI”,DOPO CHE GOOGLE HA ACCOLTO LE MIE TESI SCIENTIFICI RESPINTI DA MICROSFT IN AVANTI LA REALTA DI QUESTA AZIENDA E STATA SOLO QUELLA DELLO SMORONAMENTO CONTINUO(INSIEME AL SISTEMA PC FISSO)FINO ARRIVARE AD OGGI ASSOLUTAMENTE SMORONATA A MANO DEL MOBILE.PENSAVO CHE LA CONVERSIONE ALLA NUOVA ERA FOSSE GENUINA PERO—–
“INNOVAZIONE COLLABORATIVA?.RIPETO,IL GENIO INNOVATIVO NON SI COMPRA IN FRMACIA E MICROSOFT NON SEMBRA AVERE UNO SPECIALE FIUTO NEL TROVARLO:”CIO CHE NATURA NON DA LA NUOVA ERA NON IMPRESTA”.I GIOVANI TELEMACI SONO CONTAMINATI SI MA DALLA CULTURA DEI MEZZI TRADIZIONALI E QUINDI SONO CONDANNATI AL FALLIMENTO IN ANTICIPO,NELLA NUOVA EUROPA DELLA NUOVA ERA NON PROSPERERANNO.

IL SETTORE PATTISTA DEL PARTITO DEMOCRATICO NON E’ LA PRIMA VOLTA CHE PROVA AD USURPARE LA NUOVA ERA:CI AVEVA PROVATO DALEMA,HA FALLITO MISERAMENTE E SCOMPARSO DELLA SCENA POLITICA,NON SARA MEGLIO IL FUTURO DI RENZI.

(A)TENTATIVA DI DOPPIAGGIO E INVERSIONE “TECNICA”?:

IL SISTEMA OPERATIVO DELLA MIA NETBOOK (PIATTAFORMA MOBILE QUINDI)CHE ADOPERO IN ITALIA E UN  “WINDOWS STARTER”.

COME VOI SAPETE LE AREE DI ATTIVAZIONE DEI PRODOTTI CONNESSI GLOBALMENTE ALLA RETE INTERNET SONO DIVISI IN 4 AREE CHE CORRISPONDONO A DIVERSI CONTINENTI.IL MIO SISTEMA OPERATIVO,STARTER PERO, E’ DI ATTIVAZIONE SOLO IN LATINOAMERICA,ANCHE SE DOPO PUOI USARLO OVUNQUE.

NE QUANDO SONO IN ITALIA NE QUANDO SONO IN LATINO AMERICA IL MIO “STARTER” E’ USATO DA ALTRI CHE DA ME,E TANTO MENO DA QUESTI “giovani (STAR)tupper di Restart Europe”.

TRANNE CHE PER QUALCHE RIPARAZIONE TECNICA IL MIO NETBOOK E’ DI USO ASOLUTAMENTE PERSONALE,RISERVATO E PRIVATO.

Immagine anteprima YouTube

-

-APPENDICE 2:NADELLA,INIZIA MALE

-SU  LE MONDE,Blogs


18 juillet 2014, par Jean-Baptiste Jacquin
Microsoft: Des paroles… et des actes
Satya Nadella, directeur général de Microsoft (n.bhupinder-CC BY 2.0)

Satya Nadella, directeur général de Microsoft (n.bhupinder-CC BY 2.0)

J’ai une bonne et une mauvaise nouvelle, par laquelle voulez-vous que je commence ? Ce dilemme de cour de récréation se pose rigoureusement dans les mêmes termes pour les chefs d’entreprise.

Satya Nadella, le nouveau directeur général de Microsoft, a lui aussi été obligé de trancher. Dans un e-mail adressé, le 10 juillet, aux salariés du groupe américain de logiciels, le successeur de Bill Gates et de Steve Ballmer a promis « un changement de culture ».
Mercredi 16 juillet, M. Nadella a eu l’occasion de préciser sa « vision stratégique » pour le groupe dont il a pris les rênes en février. Dans une de ces grand-messes dont les multinationales ont le secret, il s’est retrouvé seul sur une estrade, face à plusieurs milliers de « partenaires » de Microsoft, venus du monde entier pour cinq jours.

Tel une rock-star, il a fait son Bercy, à Washington ! Un discours enthousiaste d’une heure, sans notes, arpentant la scène dans un costume sombre, chemise grise ouverte.

Un vrai bonheur

« Nous sommes dans un monde plus global où 3 milliards de personnes ont un terminal connecté à Internet, où plus de 200 milliards de capteurs et de terminaux seront en circulation en 2020. S’il n’y a pas le cloud [l’informatique à distance], il n’y aura pas d’expérience globale possible. C’est une opportunité extraordinaire. »

M. Nadella définit un nouveau credo pour Microsoft : « Le mobile d’abord, le cloud d’abord. » « Tout cela va représenter une explosion des dépenses dans les technologies de l’information. »

« C’est l’une des raisons pour lesquelles être dans cette industrie est un vrai bonheur. Il n’y a pas un secteur de l’économie, de l’industrie ou de la vie des gens où les logiciels et les objets fonctionnant avec des logiciels ne sont pas un élément essentiel. »

Etre capable de galvaniser une salle fait partie des talents exigés d’un grand patron. C’est pourquoi M. Nadella ne s’est pas arrêté là. Il en est venu au rôle que pouvait jouer « l’entreprise dans laquelle [il] a passé toute [sa] vie d’adulte ». Il a 47 ans et y travaille depuis vingt-deux ans.

Accomplir davantage

« Nous sommes l’entreprise et l’écosystème qui vont bâtir la productivité et les plates-formes pour ce monde du mobile first cloud first (…) Nous allons permettre à chacun et à chaque organisation de la planète de faire plus, d’accomplir davantage. C’est notre mission, c’est dans notre âme, c’est ce que nous allons faire. »

Le lendemain, jeudi, il annonçait la suppression de 18 000 postes dans le groupe. Une décision dont personne n’avait anticipé l’ampleur. La mauvaise nouvelle risque fort d’éclipser la bonne sur « les opportunités formidables ».

La veille encore, M. Nadella expliquait que l’une de ses principales tâches était de « rechercher comment permettre aux salariés de Microsoft de donner le meilleur d’eux-mêmes ». A chacun sa méthode.

http://ecobusiness.blog.lemonde.fr/2014/07/18/microsoft-des-paroles-et-des-actes/

À propos de Jean-Baptiste Jacquin

Je suis arrivé au Monde en 2011 où j’ai fait partie pendant deux ans de la rédaction en chef emmenée par Erik Izraelewicz. Je suis désormais chroniqueur économique. Cela fait 25 ans que je suis la vie des entreprises en tant que journaliste. Je suis passé par Les Echos, L’Expansion et La Tribune.

REAZIONE:QUESTO NADELLA NON E” QUELLO CHE LA NUOVA ERA SI ASPETTAVA,QUALCOSA HA CAMBIATO DOPO LA SUA NOMINA E QUINDI INIZIA CON MAL PIEDE.

-ILLUSTRAZIONE:TITOLARE SU LA STAMPA(AGOSTO 2014)

18/07/2014
Microsoft, il gigante che sembrava immortale ora cerca di sopravvivere
-

16 AGOSTO 2014:AMAZON IN CONFLITTO CON L’INDUSTRIA DEL LIBRO

-SU LE MONDE,Technologies

Filippetti accuse Amazon de « pratiques inqualifiables »

LE MONDE | 12.08.2014 à 11h15 ,Mis à jour le 12.08.2014 à 18h21 | Par Olivier Faye

 La ministre de la culture Aurélie Filippetti soutient le combat des écrivains américains contre le distributeur en ligne.
La ministre de la culture Aurelie Filipetti soutien le combat des ecrivains Americains contro le distributier en ligne.AFP/PATRIK KOVARK
Le cri de colère poussé contre Amazon dimanche 10 août par 900 écrivains américains dans les colonnes du New York Times a trouvé un écho favorable en France, où la ministre de la culture, Aurélie Filippetti, contactée par Le Monde, mène de son propre aveu un « combat » contre le distributeur en ligne.

Lire (édition abonnés) : Aux Etats-Unis, 900 auteurs contre Amazon

Une coalition d’auteurs a dénoncé dans une publicité de deux pages les pratiques de la firme de Seattle. Le groupe est engagé depuis de longs mois dans une lutte avec Hachette, qui refuse de casser les prix des livres numériques sur le marché américain. En retour, Amazon pratique des mesures de rétorsion contre la maison d’édition française : délais de livraison allongés, impossibilité d’effectuer des précommandes et suppression des éventuelles réductions sur les livres.

« UNE ATTEINTE INACCEPTABLE »

La ministre de la culture avait déjà fustigé en mai le « chantage » pratiqué selon elle par Amazon sur ce dossier. Aurélie Filippetti se trouve aujourd’hui confortée par la sortie des auteurs américains. « Cet épisode est une nouvelle révélation des pratiques inqualifiables et anticoncurrentielles d’Amazon, dit-elle. C’est un abus de position dominante et une atteinte inacceptable contre l’accès aux livres. Amazon porte atteinte à la diversité littéraire et éditoriale. » La ministre se défend de venir spécifiquement en aide à la filiale du groupe Lagardère. « Les auteurs qui ont signé la tribune ne sont pas tous publiés par Hachette, ils ont simplement conscience de l’intérêt général. Pour ma part, je défends l’écosystème du livre en entier, pas un acteur en particulier », précise-t-elle.

Aurélie Filippetti chez Jean-Jacques Bourdin – 12/02

Invitée de BFMTV et RMC, Aurélie Filippetti a évoqué les questions de fiscalité liées aux géants du web.

Lire aussi : En guerre commerciale avec Hachette, Amazon courtise les écrivains

Depuis son arrivée Rue de Valois en mai 2012, Mme Filippetti ne cesse d’ouvrir des fronts contre le géant américain. En juin 2013, elle s’élevait déjà contre la politique du groupe, l’accusant de recourir à des « pratiques (…) destructrices d’emploi, destructrices de culture, destructrices de lien social » qui font « mourir les petites librairies dans les centres-villes ». Elle appelait alors Amazon à « payer ses impôts » en France, le siège européen du site Internet étant situé au Luxembourg. Une enquête fiscale a été ouverte à ce sujet, ainsi qu’au Royaume-Uni.

Cette lutte s’est concrétisée le 10 juillet avec l’entrée en vigueur de la loi sur le prix des livres sur Internet, dite loi « anti-Amazon ». Ce texte, déposé par l’UMP et soutenu par la majorité, supprime la possibilité pour les sites de vente en ligne de cumuler la réduction de 5 % sur le prix du livre avec la gratuité des frais de port. Une mesure dirigée contre la firme américaine, qui a réagi en fixant ses frais de port à hauteur de… 1 centime.

Lire aussi : La loi « anti-Amazon » votée par le Parlement

« COMBAT MODERNE »

« Nous n’avions jamais dit que cette loi allait tout régler. C’était un combat politique, se défend Mme Filippetti. Nous savions qu’ils allaient chercher à la contourner. Nous avons agi par la loi pour que cette entreprise ne puisse pas utiliser l’argument commercial de la gratuité des frais de port. Ce sont des banderilles que nous continuerons à planter dans le flanc d’Amazon. »

Un temps esseulée, la Commission européenne voyant cette croisade d’un mauvais œil, la ministre de la culture a trouvé du soutien du côté de l’Allemagne, où le syndicat des libraires et éditeurs a déposé une plainte antitrust contre Amazon, avec l’appui du gouvernement. Bruxelles a ouvert une enquête à la suite de cette plainte.

« Cela montre que nous ne sommes pas dans le combat du village gaulois contre l’ogre américain. C’est un combat global contre une mise en péril de l’écosystème du livre. La France n’est pas seule », veut croire Mme Filippetti. « Nous sommes à la pointe d’un combat moderne contre des pratiques qui ressemblent au XIXe siècle, contre le monde des grands trusts et de la concentration, ajoute-t-elle avec emphase. Ce n’est pas parce que l’on parle de numérique que l’on est moderne. »

Olivier Faye ,Journaliste au Monde

.

http://www.lemonde.fr/technologies/article/2014/08/12/aurelie-filippetti-accuse-amazon-de-pratiques-inqualifiables_4470395_651865.html

-APPENDICE:PER CAPIRE TUTTO

-SU LE MONDE,Économie:

Tout comprendre du conflit entre Amazon et l’industrie du livre

Le Monde.fr | 13.08.2014 à 17h42 ,Mis à jour le 13.08.2014 à 18h02 | Par Audrey Fournier

Le Kindle est la liseuse maison d'Amazon.

La fronde du milieu de l’édition contre Amazon, géant de la distribution en ligne, a gagné en ampleur le week-end du 9 août, avec la publication aux Etats-Unis d’une lettre de protestation signée par 900 écrivains de renom. En France et ailleurs, les librairies « en dur » peinent à faire face à la concurrence de l’e-commerce. Quelles sont les racines du conflit ?

*Que reprochent les maisons d’édition à Amazon ?

Le groupe est engagé depuis de longs mois dans une lutte avec l’éditeur français Hachette, qui refuse de baisser le prix de ses livres numériques sur le marché américain. Amazon, qui souhaitait imposer un prix unique de 9,99 dollars (7,50 euros) sur les livres électroniques d’Hachette, a en effet tout à y gagner, car cela lui permettrait d’inciter les lecteurs à utiliser sa liseuse électronique Kindle. Le site commence déjà à tirer les tarifs vers le bas : par exemple, le best-seller américain Gone Girl de Gillian Flynn est disponible, en version originale, à 5,98 euros en format Kindle sur Amazon, contre 7,80 euros sur le site de la Fnac (mais en format ePub, qui peut être lu sur plusieurs dispositifs différents, pas seulement sur le Kobo, la liseuse « maison »).

Lire la synthèse : Aux Etats-Unis, 900 auteurs contre Amazon

Ce qui avait commencé comme un simple conflit commercial a peu à peu dégénéré et Amazon a pris des mesures de rétorsion contre la maison française : délais de livraison allongés, impossibilité d’effectuer des précommandes et suppression d’éventuelles réductions sur les livres.

Un groupe de 900 écrivains, réunis sous la bannière « Authors united » a publié une double page dans le New York Times le week-end dernier pour dénoncer ces pratiques. Parmi eux, de grands noms de la littérature, comme Paul Auster, John Grisham, Stephen King, Donna Tartt, mais aussi la canadienne francophone Nancy Huston, qui donnent de l’écho au combat, qui concerne moins Hachette en particulier que la défense du rôle des maisons d’édition en général.

Pour Amazon et Hachette, les enjeux ne sont pas comparables. L’e-commerce est une activité bénéficiaire pour Amazon, mais elle ne représente qu’une partie minoritaire de son chiffre d’affaires. Si Amazon recule sur le prix des livres électroniques, l’impact dans ses comptes sera donc faible, d’autant plus qu’elle détient 60 % de parts de marché aux Etats-Unis. Le préjudice pour Hachette serait vraisemblablement beaucoup plus important.

*Peut-on parler de concurrence déloyale ?

Si le marché du livre électronique reste modeste (seulement 5 % du marché en France, mais plus de 20 % aux Etats-Unis), les ventes à distance (livres papier et électroniques) ne cessent de progresser : + 6 % en 2013 en France.

Amazon s’est positionnée depuis la fin des années 1990 sur ce créneau en proposant une offre large, expédiée dans des délais très serrés. Mais la loi Lang de 1981 sur le prix unique du livre contraint les libraires à ne pas dépasser les 5 % de rabais, ce qui limite leur marge de manœuvre et ne leur permet pas de jouer sur les volumes de vente.

Cherchant un moyen de faire baisser les prix sur le marché français, Amazon a tenté de faire passer les frais de livraison à 0 euro. La Fnac l’a imitée. Ce dumping n’a pas été vu d’un bon œil par le Parlement, qui a voté au printemps une loi dite « anti-Amazon » pour interdire le cumul de la gratuité des frais de port et le rabais de 5 %. Réponse des intéressés ? Faire passer les frais de port de 0 à… 1 centime d’euro « sur les commandes contenant des livres ». Et la Fnac de lui emboîter le pas.

Le but de ce texte, aussitôt promulgué, aussitôt contourné, était de protéger un secteur malmené depuis quelques mois, en figeant les prix. Sauf que l’attractivité d’Amazon ne tient pas seulement à sa volonté de proposer des prix bas, mais aussi, et surtout, à la taille de son catalogue et à ses moyens logistiques pour assurer une livraison rapide. Et sur ces points, les moyens déployés par Amazon sont effectivement disproportionnés par rapport à ceux des libraires indépendants, grâce notamment à une politique d’investissement massif dans les centres logistiques.

Un détail, et pas des moindres, Amazon est régulièrement pointé du doigt pour ses pratiques fiscales : la société paierait en effet un impôt largement inférieur à ce qu’elle devrait verser au vu de son chiffre d’affaires réalisé sur le territoire. Cet argument est repris par les pourfendeurs de la firme américaine, qui estiment qu’elle bénéficie de fait d’un avantage concurrentiel injustifié.

Lire le point de vue : Internet, bouc émissaire du marché du livre

*Comment s’en sortent les distributeurs français de produits culturels ?

Ancien hérault du cassage de prix, jusqu’à la promulgation du prix unique du livre en 1981, la Fnac tente de jouer à armes égales avec Amazon, en s’appuyant sur son vaste réseau de magasins et sur le Kobo, sa liseuse maison, adossée à sa propre plateforme de distribution de livres électroniques. L’agitateur culturel a publié des résultats positifs en début d’année, fruit de sévères mesures d’économie et d’un plan social. Le but : livrer aussi vite qu’Amazon tout en proposant des prix attractifs, et se diversifier sur d’autres produits (électroménager). La stratégie s’est avérée payante, à court terme.

Au contraire, le réseau de librairies Chapitre, deuxième en France après la Fnac, a mis la clé sous la porte en début d’année. Constitué de librairies indépendantes regroupées pour mieux survivre, ce réseau a échoué à faire repartir son chiffre d’affaires et les 57 magasins ont été mis en vente pour les transformer en « réseau de librairies indépendantes ». La stratégie du groupe, qui a consisté à uniformiser les librairies en les faisant passer sous la toise de France Loisirs, n’a pas convaincu la clientèle de revenir.

*La France est-elle la seule à faire de la résistance ?

Non. De grands libraires américains pâtissent aussi de la concurrence d’Amazon. Barnes & Noble a ainsi vu son chiffre d’affaires chuter de 10 % en deux ans, victime de l’essor du commerce en ligne et du développement des livres numériques, dans un pays où lire sur tablette est devenu banal. Pour survivre, Barnes & Noble vient d’annoncer avoir noué un partenariat avec Google sur la livraison, pour pouvoir acheminer plus vite les commandes grâce au service de messagerie Google Shopping Express.

Le libraire a en outre laissé tomber sa liseuse Nook, et noué un partenariat avec Samsung pour proposer sa plateforme de livres numériques sur les tablettes du fabricant coréen. En cinq ans, Barnes & Noble a fermé une soixantaine de librairies aux Etats-Unis, mais a réussi à compenser le repli du chiffre d’affaires par des coupes dans ses dépenses. Reste à savoir combien de temps cette stratégie sera efficace.

Lire la synthèse : Amazon : un business model en pleine évolution

 Audrey Fournier,Journaliste Nouvelles Technolog

http://www.lemonde.fr/economie/article/2014/08/13/comprendre-le-conflit-entre-amazon-et-l-industrie-du-livre_4470796_3234.html

.
REAZIONE:AMAZON E’ USURPATORE DELLA NUOVA ERA.NE HO GIA PARLATO.VEDI CUA:

http://cianciminotortoici.blogspot.com/2013/06/nuova-era-e-costumeun-mondo-senza-fili.html

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 141 »

10 agosto 2014
0

10 AGOSTO 2014:LA SALUTE COMUNE

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Ebola, individuato il paziente zero è un bimbo di due anni morto in Guinea

Audio L’infettivologo di Msf: “Fuori controllo”,di VITTORIA IACOVELLA

.

REAZIONE:ESTREMARE LE MISURE PER PREVENIRE PIU SALUTE COMUNE.

-APPENDICE:COSA HANNO DA DIRCI GLI ANIMALI?

FUTURE

Esclusivamente umana | 7 ago 2014

Come gli animali affrontano l’infezione

Jason G Goldman

(Science Photo Library)

(Science Photo Library)

Altre specie hanno evoluto modi intelligenti per proteggersi dalla cattura della malattia molto prima che abbiamo sviluppato trattamenti. Cosa fanno?

Gli esseri umani sono costantemente in guerra con la malattia.Abbiamo inviato missili antibiotici in batteri e lanciamo granate a forma di vaccino a virus. Abbiamo sganciato bombe di sapone antibatterico e abbiamo disinfettanti a portata di mano su tutto il possibile che noi possiamo. La battaglia tra umani e parassiti (un termine generico che comprende virus, batteri e creature molto più grandi che prosperano su un ospite) ha radici antiche, per esercitare un forte vigore sull’voluzione contro predatori, la siccità o carestia.

Altre specie fanno fronte a minacce simili, naturalmente, e stiamo ricordando gli effetti devastanti cche i parassiti hanno sulla natura ogni giorno. Diavoli della Tasmania stanno soffrendo una epidemia di malattia tumorale facciale, un tipo di cancro parassitario. Una malattia chiamata chytridiomycosis, che è causata da un fungo dal nome particolarmente brutto Batrachochytrium dendrobatidis, ha devastato quasi un terzo delle popolazioni della rana del mondo. Fino al 90% dei koala soffre di clamidia , una malattia sessualmente trasmessa che è causata da un batterio chiamato Chlamydia trachomatis, in alcune parti dell’Australia. Grandi scimmie antropomorfe come gli scimpanzé e gorilla e anche gli esseri umani sono colpiti duramente dal virus Ebola , polmonite e altre malattie.

Ha un gran senso, allora,èensare  che negli animali si sarebbero evoluti meccanismi per proteggersi da infezioni e malattie a lungo prima che potessimo semplicemente ingoiare un paio di pillole. Quindi, quali meccanismi di difesa hanno sviluppato altre specie?

Sui Salmone che vivono in stretta vicinanza l’uno all’altro può diffondersi rapidamente pidocchi infettiva (Getty Images)

Il Giovane salmone hiama un esercito di aiutanti.I Salmone giovanile non sono abbastanza forti per compensare il pidocchio del salmone di mare, e può morire da ferite infette. Questo parassita è un tipo di piccolo crostaceo chiamato copepod che galleggia intorno al mare con tutti gli altri tipi di plancton. Nel 2007, il trasferimento di pidocchi di mare da stock selvatici ha causato un focolaio di una malattia chiamata anemia infettiva tra il salmone d’allevamento Cileno e la trota.

Ma il salmone e altre piscine malati di pidocchi di mare interagiscono in simbiosi con altre specie di pesci più piccoli che mangiano i pidocchi di mare della loro pelle. In natura e in acquario, era noto da tempo che i pesci come il tordo corkwing, Ballan wrasse, Tordo fischietto, goldsinny, e rock cuoco hanno un ruolo di pesci pulitori. Il pesce pulitore ottiene un buon pasto, e il salmone ottiene un certificato di buona salute.

Nei primi anni 1990,l’Istituto Norvegese della Pesca Technology Research ha scoperto che essi potevano controllare la diffusione dei pidocchi di mare in allevamenti di salmone con l’introduzione di questi e altri pesci pulitore nei recinti. Un esperimento ha scoperto che solo un labridi era sufficiente a mantenere un centinaio di salmone pulito, e un altro ha scoperto che un goldsinny potrebbe mantenere 150 salmone in prima salute. Un unico goldsinny poteva mangiare 45 pidocchi da due salmone in soli 90 minuti.

Altrove, l’umile formica è evoluta alcuni comportamenti sociali unici al fine di mantenere le loro colonie in buona salute. In qualche modo,le colonie di formiche si comportano come se fossero un unico grande superorganismo; piuttosto che lasciare ogni individuo responsabile della propria salute, la colonia è ciò che i ricercatori hanno chiamato “immunità sociale”.

Seppellire i morti

Quando un membro della colonia muore, le formiche superstiti vanno fuori del loro cammino per rimuovere il corpo senza vita dalla colonia. Non è ancora noto quali tipi di batteri, virus o funghi crescono sui corpi di formiche morte, ma i biologi hanno a lungo pensato che la rimozione del cadavere era un comportamento che si è evoluto per mantenere la colonia sana, perché l’individuo defunto avrebbe potuto essere, o potrebbe diventare, infettivo. Ma non e’ mai stato dimostrato, fino ad ora.

Colonie di formiche rosse possono andare rapidamente sull’infezione ma hanno modi di affrontare il problema (Science Photo Library)

All’inizio di quest’anno, il ricercatore belga Lise Diez e colleghi hanno finalmente trovato prove concrete per sostenere l’ipotesi. I ricercatori hanno mantenuto alcune colonie di formiche rosse comuni, Myrmica rubra nel loro laboratorio per 50 giorni. La metà delle colonie erano liberi di disporre dei loro cadaveri come naturalmente sarebbe, ma gli altri sono stati bloccati dal farlo. A partire dall’ottavo giorno, i lavoratori adulti provenienti da colonie che sono stati autorizzati a rimuovere i cadaveri naturalmente avevano significativamente più probabilità di sopravvivere rispetto agli adulti da quelle ristrette. Impressionante, le formiche nelle colonie ristrette trovarono meccanismi alternativi per ridurre la loro esposizione ai cadaveri. Le formiche morti sono stati spostati su gli angoli e la colonia ridursse il numero di termite che potrebbero passare vicino a loro, e soprattutto per tenerli lontano dalla larve in via di sviluppo. Alcune colonie ristrette anchesono  riusciti a “seppellire” i loro morti sotto un batuffolo di cotone he avevano tolto da erogatori d’acqua artificiali.

I comportamenti che riducono l’esposizione di un animale ai parassiti infettivi, come l’assunzione di pesce puliti e la rimossione di cadaveri, probabilmente si sono evoluti per combattere la pressione mortale della malattia, proprio come gli animali hanno evoluti camuffamento per evitare di essere divorati dai predatori toothy. Uno studio di 60 specie di ungulati nel 2004 a San Diego Zoo e Safari Park ha rilevato che gli animali sono curati automaticamente, nonostante il fatto che fossero liberi da parassiti. In altre parole,la toilettatura si è evoluto come una sorta di precauzione, misura preventiva piuttosto che come una risposta immediata, riflessiva di irritazione cutanea. Anche se lo studio ha esaminato solo ungulati, sembra ragionevole supporre che i comportamenti di toelettatura in tutto il regno animale,da grandi gatti ai primat che si leccano raccogliendo i parassiti dalla loro pelle,si siano evoluti in modo simile.

A volte i comportamenti di toelettatura degli animali assomigliano lla nostra. Queste scimmie neve stanno prendendo un bagno nelle sorgenti calde del Giappone (Science Photo Library)

“Studiando e osservando gli animali che vivono nei laboratori relativamente puliti,in stazioni di campo e ambienti domestici, che sono vaccinati contro le malattie dal medico trattate quando sono malati,” ha scritto il ricercatore veterinario Benjamin Hart in Neuroscienze e Biobehavioral recensioni nel

988, “è facile dimenticare che gli animali si sono evoluti e hanno prosperato in ambienti con una serie di parassiti molto prima che le misure di protezione umani erano disponibili. ”

Questioni di igiene

Noi umani abbiamo anche una serie di difese innate contro la malattia. Con la ricerca di parassiti neii campioni di fossili fecali umani, in mummie egiziane, e in siti archeologici, e confrontandole con i parassiti che possono infettare gli esseri umani e altre scimmie,il riercatore della Università di Cambridge Piers Mitchell ha identificato un pugno di parassiti , come threadworms (nematodi che infettano l’intestino) o trematodi del fegato (vermi piatti che infettano il fegato o cistifellea), su cui si possono anche avere le nostre difese fisiologiche innate, perché abbiamo dovuto fare i conti con loro per più di un milione di anni . Dovremmo essere più facilmente in grado di combattere quelle infezioni che per i parassiti a cui sono stati solo recentemente introdotti. Almeno, questa è l’idea.

Gli esseri umani hanno combattuto con i vermi intestinali infettive per millenni, che ci ha portato a evolvere le nostre difese (Science Photo Library)

Che cosa succede quando si butta tutto quello che hai – antibiotici, igienizzanti di mano, saponi antibatterici, vaccini, anche le radiazioni – per combattere le proprie malattie e infezioni? Per un certo tempo, l’innovazione umana ci ha permesso il sopravvento nella escalation “corsa agli armamenti” contro le bestie microscopiche che ci fanno male. Ma ora che godiamo di quelle “misure di protezione umani” potremmo ironicamente essere a fare anche noi stessi puliti. Potremmo cancellare, microrganismi simbionti insieme ai parassiti nocivi.

Ci sono alcuni modi apparentemente sgradevoli in fase di test per affrontare questo. I primi esperimenti suggeriscono che una serie di allergie e malattie autoimmuni possono essere trattati dalla deglutizione vermi parassiti , o da trapianti fecali che reintroduono microbi benefici nuovamente dentro l’intestino.

Mentre possiamo pensare gli esseri umani hanno il sopravvento, dobbiamo accettare che i virus, i batteri, e tutto il resto sono creature astute in se stessi, che si sono evoluti con delle difese contro le nostre tattiche. Non c’è dubbio che si presenti con modi più sofisticati in cui per affrontare la minaccia. Ma una domanda interessante è questa: c’è qualcosa che possiamo imparare dai comportamenti di pulizia di altri animali che potrebbero aiutarci a sopravvivere nella nostra guerra con la malattia?

Se volete commentare questo, o qualsiasi altra cosa che avete visto sulla “Future”,intitola al capo del  nostro Facebook o Google+ pagina, o un messaggio a noi su Twitter

Iniziate la vostra giornata con la nostra e-mail di mattina Oggi Sign-up

http://www.bbc.com/future/story/20140807-how-animals-deal-with-infection

-ILLUSTRAZIONE:

The Cats Protection National Cat Awards, the winner and finalists in pictures

-

11 AGOSTO 2014:L’UOMO DE FLORES TRISOMICO

-TITOLARE SU LE MONDE:Sciences

L'Homo floresiensis (crâne de gauche, à côté d'un crâne d'un homme moderne) est au cœur d'une vive controverse depuis la découverte des fossiles en 2003.
L’homme de Florès aurait été trisomique et non une espèce à part entière

Une nouvelle analyse des fragments d’ossements découverts en 2003 en Indonésie révèle des indices de mongolisme, remettant en question la théorie selon laquelle il s’agissait d’une nouvelle espèce d’hominidés.

REAZIONE:L’UOMO DI FLORES NON E’ STATO L’ESSEMPLARE DI UNA NOVA SPECIE DI OMINOIDI MA MONGOLICO.

-

11 AGOSTO 2014:Les Invictus Games,i giochi di Harry

-TITOLARE SU LE MONDE,Style:

Harry, le 25 décembre 2013, à Sandringham, l'un des domaines de la reine.

Quand Harry rencontre sa vie

Scolarité médiocre, blagues racistes, déguisement de mauvais goût, altercations avec des paparazzis… Depuis l’adolescence, le prince Harry fait le bonheur des tabloïds. Une image de trublion qu’il tente peu à peu d’effacer.De tournées officielles à l’étranger en dîners de charité, le beau parti joue les princes modernes et décomplexés. Et détrône même Charles dans le coeur des Anglais.

Les Invictus Games entreront dans l’histoire comme les « Jeux de Harry ». Le deuxième fils du prince Charles et de Lady Diana a organisé dans les moindres détails cette manifestation sportive qui doit se dérouler du 10 au 14 septembre au parc olympique de Londres. Plus de 600 militaires handicapés venus de quatorze pays sont attendus.

Le quatrième dans la ligne de succession au trône a bataillé ferme pendant des mois pour mobiliser le ministère britannique de la défense, le Foreign Office, la mairie de la capitale et le monde des affaires. Il a choisi personnellement le groupe britannique Coldplay pour composer l’hymne de cette superproduction para-olympique en hommage aux soldats blessés au combat, non seulement britanniques et américains, mais aussi afghans, irakiens, allemands, français ou néo-zélandais.

« Il ne s’agit pas de défendre l’armée ou la guerre, mais de reconnaître le sacrifice de ces hommes et de ces femmes incroyables qui ont été blessés au service de leur pays », a insisté le prince Harry lors de la présentation, le 6 mars, de cet événement promis à des retombées médiatiques quasi planétaires. «

L’accès à la totalité de l’article est protégé

REAZIONE:IN BOCCA AL LUPO.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

10 AGOSTO 2014:VIA LE CROCIERE DALLA LAGUNA

-TITOLARE SU LA STAMPA:

Venezia, deciso lo stop alle grandi navi

L’annuncio di Zaia: «Le imbarcazioni oltre 40 mila tonnellate fuori da bacino di San Marco»


ANSA

8/08/2014
Per risolvere il problema delle grandi navi da crociera che sfilano pericolosamente davanti a Piazza San Marco, il Comitatone gioca in prima battuta la carta dell’escavo del canale Contorta-Sant’Angelo. È quanto stabilito al termine della riunione interministeriale chiamata a decidere la soluzione migliore per evitare che nella città lagunare possa verificarsi un nuovo caso-Concordia.

Caldeggiata dall’autorità portuale e osteggiata viceversa dall’ex sindaco Giorgio Orsoni e dagli ambientalisti, la soluzione di far seguire agli `alberghi del mare´ il tracciato acqueo del canale Contorta, che permette di arrivare alla Stazione Marittima tagliando fuori il centro storico, ottiene il primo via libera. Avvio immediato, dunque, della procedura di impatto ambientale, che avrà un tempo certo di 90 giorni. «Il progetto – assicura il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi – ha le caratteristiche per essere completato entro il primo gennaio 2015». Per vedere invece la fine della realizzazione dell’opera ci vorrà almeno un anno e mezzo. «C’è stata unanimità sul fatto che le grandi navi – sintetizza il governatore veneto Luca Zaia – debbano uscire dal bacino di San Marco e dal canale della Giudecca. Rispetto a questo i tempi sono quelli della burocrazia».

Se il canale Contorta rappresenta il futuro della crocieristica a Venezia, il presente, dice Lupi, non può che vedere le grandi navi comunque off limits dal bacino, come già avviene ora, sia pure parzialmente, grazie all’accordo volontario tra le compagnie di navigazione per il rispetto del contingentamento del traffico davanti a San Marco. «Ci sarà un decreto interministeriale – annuncia il ministro – che regolamenterà l’accesso nel canale tradizionale nella Giudecca alle grandi navi e al turismo da crociera impedendo sin da subito, il primo gennaio 2015, il passaggio delle grandi navi davanti a San Marco».

Voci di corridoio raccontano che proprio questo nodo ha visto fronteggiarsi al tavolo di Palazzo Chigi, con toni a tratti vicini alla rottura, il ministro dei beni culturali Dario Franceschini e il presidente dell’Autorità portuale Paolo Costa.

Di fronte all’idea dell’ex ministro dei lavori pubblici di delegare a una sorta di gentlemen’s agreement fra le compagnie le limitazioni ai passaggi a San Marco sino a tutto il 2015, Franceschini ha preteso che la questione si traducesse invece in un decreto ministeriale in grado di dettare regole precise. Minacciando in caso contrario, come già scritto in una lettera indirizzata anche al premier Renzi, di porre il vincolo del suo ministero sul bacino di Piazza San Marco.

Alle critiche degli ambientalisti piovute da tempo sul progetto del Contorta, in relazione soprattutto alla sua larghezza, ritenuta non compatibile con la stazza delle navi da crociera, il ministro Gian Luca Galletti replica ponendo `paletti´ precisi. «Sottoporremo il programma Contorta a una serissima via – assicura – che dal punto di vista scientifico dovrà dirci quali effetti positivi o negativi possano esserci sull’ecosistema». In ogni caso il Comitatone ha scelto di lasciare la strada aperta anche a ipotesi diverse. «Non escludiamo di poter sottoporre a eguale e rigorosa valutazione – afferma il titolare del ministero dell’ambiente – anche altri progetti che dovessero arrivare».

TWEET

Luca Zaia         @zaiapresidente Segui

#GrandiNavi: unanimità nell’avviare subito canale #ContortaSantAngelo a valutazione ambientale http://goo.gl/YvzJ4f


5:35 – 8 Ago 2014
.
REAZIONE:NON E’ DETTA L’ULTIMA PAROLA.E CERTAMENTE NON SARA ZAIA AD AVERLA.
Immagine anteprima YouTube

11 AGOSTO 2014:HANNO PARLATO I MERCATI,ORA…….

Moody’s taglia le stime e gela l’Italia:
“A rischio anche l’obiettivo sul deficit”
L’Ue: ora le riforme, ma decide Renzi
ANSA
L’agenzia rivede le previsioni di crescita(da +0,5% al -0,1%) e lancia l’allarme:
“La recessione peserà su fisco e politica”.
Ma per l’Ocse Roma è in una fase positiva.
Il governo ora studia tagli sulle detrazioni
.

+  Renzi: “Rispetteremo gli impegni con Bruxelles” BARBERA
intervista  “Io non prendo ordini dall’Europa” geremicca
commento   Quello scambio possibile con l’Ue franco bruni
.
REAZIONE:HANNO PARLATO I MERCATI,ORA DECIDE RENZI…….
DIETROFONT CON L’EUROPA.
SE NE VADA GIA,OGGI E PIU CHIARO CHE NON LA SPUNTERA MAI.RISPARMI SOFFERENZE AGLI ITALIANI:INESPERIENTE ,INCOMPETENTE E FANFARRONE COME BERLUSCONI.E COME LUI HA LA LEBBRA.
Immagine anteprima YouTube
-
-IL GIORNO DOPO(12 AGOSTO 2014):CANAGLIATA
.
-SU LA STAMPA:

Renzi scommette: a fine anno la crescita rivedrà il segno più

Preoccupa di più la frenata della Germania e il Paese a due velocità con il Sud fermo. Allo studio nuove misure choc per il rilancio, ministri al lavoro sulla spending review
carlo bertini
roma

La scrollata di spalle con cui viene accolta la gelata di Moody’s dalle parti di palazzo Chigi è la stessa con cui vengono recepite le previsioni dei gufi che da mesi scommettono sul fallimento del percorso di riforme, a partire da quella del Senato.

Certo il premier è consapevole delle difficoltà, che quella stima sulla crescita economica di poco sotto l’1% fatta mesi fa non si riuscirà a centrare, ma è convinto comunque che a fine anno l’Italia porterà a casa un segno più. «Ce la faremo malgrado i profeti di sventura», dicono i suoi uomini che in queste ore lavorano ai dossier più caldi, spending review e sblocca Italia. «Se andiamo a vedere le previsioni di tutti gli economisti di questi ultimi otto anni e quante di queste poi si sono avverate…».

Insomma il governo, così come gli operatori di borsa, considera le previsioni di Moody’s troppo pessimistiche e sembra scommettere di più su quella boccata d’ossigeno piovuta dal cielo dall’Ocse che vede delinearsi una fase positiva per l’Italia. Piuttosto a preoccupare maggiormente sono due fattori, uno interno, il mezzogiorno, che bilancia in negativo la ripresina già in fase avanzata nelle regioni del nord e uno estero, la frenata della Germania, il primo importatore delle nostre merci.

Renzi non sottovaluta affatto il primo di questi fattori, tanto che passerà la vigilia di Ferragosto nei distretti più sensibili del sud, passando da Napoli alla Calabria, Gioia Tauro, fino a Palermo, per verificare lo stato di attuazione dell’utilizzo dei fondi europei. Un problema di prima grandezza, quello del sud, che il premier affronta di petto per dare una spinta alla ripresa in tutta una fascia del paese che da sola può fare da zavorra a tutti gli sforzi per uscire dalla recessione.

Nel frattempo ha chiesto a tutti i ministri di fare poche ferie per sforzarsi a individuare i tagli possibili utili ad una spending review su cui sono al lavoro anche al Tesoro dove gli uomini di Padoan stanno mettendo a punto la nuova legge di stabilità. «Non ci sarà bisogno di nessuna manovra correttiva, questi allarmi sono ingiustificati, ma è ovvio che la sessione di bilancio dei mille giorni sarà più impegnativa di quanto previsto, perchè fermo restando l’obiettivo di portare il paese a crescere stabilmente, partiamo più bassi di quanto previsto», dice il sottosegretario Enrico Morando. Che spiega come in questi giorni il commissario Cottarelli stia mettendo a punto un «gigantesco programma di riassetto di undicimila partecipate degli enti locali per disboscare questa enorme foresta e che può portare a risultati nell’ordine di qualche miliardo». È uno dei tasselli di un’azione complessa di revisione della spesa che dovrà produrre 17 miliardi di risparmi entro il 2014 e ancor più difficile sarà raggiungere l’obiettivo dei 32 miliardi di risparmi del 2016.

E anche se come dice Morando gli architravi per reperire risorse sono quelli della spending reviuew, della lotta all’evasione e delle riforme strutturali – lavoro, fisco e giustizia – a Palazzo Chigi stanno studiando «nuove mosse forti che vedrete a settembre» per aggredire il vero nodo, quello della crescita dell’economia. Pur avendo dato mandato ai suoi di studiare una possibile cura choc che poggi su solide gambe, Renzi è concentrato sullo «sblocca Italia» e per questo ha chiesto ai tre ministeri più coinvolti, quelli di Padoan, Lupi e Guidi, di fargli avere idee e linee guida per arrivare pronti al consiglio dei ministri del 29 agosto.

E a testimoniare quanto il tema della crescita assilli il nostro premier è lo scambio di opinioni avuto sul tema perfino con Obama, con il quale Renzi si è confrontato ieri in una delle tante telefonate con i leader di diversi paesi incentrate sui vari focolai di crisi, Iraq, Libia, Medioriente. Con il presidente americano il premier ha messo l’accento sul nodo dello sviluppo dell’economia su scala europea, a conferma di quanto il problema numero uno dell’Italia sia considerato innanzitutto un problema da condividere con i partners, cui le cose non vanno granché meglio.

http://lastampa.it/2014/08/12/economia/renzi-scommette-a-fine-anno-la-crescita-rivedr-il-segno-pi-VmLkxqYKiYACmMK5SHOOyK/pagina.html

.

REAZIONE.ECCO LA SPIEGAZIONE DEI GOLPSTI NEONAZI-FASCISTI DEL PATTO DELLE LARGHE INTESE:PRETENDONO,NELL’INTERNO, COLPEVOLEZZARE AL SUD DELLA SITUAZIONE DELL’ECONOMIA,E NON SOLO,CRIMINALIZZARLO ANCHE.PERO LA VERITA E’ CHE SE DEPRESSIONE C’E’ AL SUD E’ PER LA SOFFOCAZIONE ECONOMICA,E NON SOLO,DI UNA POLITICA DELIBERATA IN CERCA DI CREARE ODIO FRA GLI ITALIANI PUBBLICAMENTE PRATTICATA NELLA UNIONE DEI CLAN DELLE FAMIGLIE LOMBARDE BERLUSCONI-BOSSI-MORATTI-DELLA VALLE.MA NULLA CI DICONO DEL DISANGUIMENTO DELL’ECONOMIA PER PARTE DELLA NUOVA TANGENTOPOLI:EXPO,FINMECCANICA,MOSE,LE AUTOSTRADE,LA SANITA PUBBLICA LOMBARDA E COSI VIA.TANGENTOPOLI NOTAMENTE TRIBUTARIA DELLA “CUPOLA” CONTROLLATA DA BERLUSCONI E LA LEGA..

E NULLA CI DICONO DELLA STRETTA ALLEANZA CON I CLAN DELLA MALAVITA LOMBARDA E CALABRESE(N’DRANGHETA)DI CUI SONO STRETTI ALLEATI(LAVAGGIO DI DENARO DA PER TUTTO COMPRESO IL CIPRO).

NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE,QUESTA E’ UNA VECCHIA STRATEGGIA GIA PRATTICATA DA MUSSOLINI CHE CRIMINALIZO IL SUD PRIMA DI INVADERLO NELLA MARCIA VERSO L’ALBANIA CON DESTINO AL MARE NOSTRUM CHE PRETENDEVA DOMINARE(STESSA COSA PRETENDEVANO FARE MARONI E BERLUCONI CON LA LIBIA IN UNIONE AI  CLAN DELLE TRIBU KADAFY CHE ALLORA DOMINAVANO)

E ALL’ESTERNO ORA SE LA PRENDONO CON LA GERMANIA PERCHE DOPO IL VOTO QUESTA HA PASSATO DI MANO:E’ NATO LA “NUOVA GROSSE KOALITION” E GIA NON PUO PRATTICARE LA POLITICA DI MANI APERTE VERSO L’ITALIA FRA ALTRI COME FACEVA LA MERCKEL PRIMA DEL VOTO.

VERAMENTE UNA CANAGLIATTA DI LA STAMPA QUESTO POCO CREDIBILE ARTICOLO.

Immagine anteprima YouTube

-

12 AGOSTO 2014:SCHIAVITU POST-MODERNA NEL CALCIO

.
-TITOLARE BBC:
Football players
Does it pay to sell your best player?
TRADUZIONE:Pagare per vendere il tuo miglior giocatore?
.

REAZIONE:IL TRAFICO DI CALCIATORI E UNA DELLE FORME  DEL TRAFICO DI PERSONE SOTTO FORMA LEGALE,DELLA SCHIAVITU POST-MODERNA.

BISOGNA VEDERE IN QUALI CONDIZIONI VENGONO “AQUISTATI” QUESTE PERSONE:IL CALCIO NON E’ PIU UN GIOCO CANDIDAMENTE SPORTIVO,E’ UN COMMERCIO ACCURATAMENTE ORGANIZZATO SOTTO LA FORMA DI LEGHE CHE SI SPARTISCONO IL TERRITORIO FINO AD ARRIVARE ALLE SQUADRE NAZIONALI DELLE SERIE SUPERIORI.A,B,C,ECC,DI SOLITO NELLE FASCE MENO ABIENTI E DISAGIATE DELLA SOCIETA.I GIOCATORI,FUTURI MERCE,VENGONO INSEGUITI E AQUISTATI SIN DA PICCOLI,ADOLESCENTI O ANCHE PRIMA, IN CONDIZIONI DI VERA SCHIAVITU CHE NON CONOSCE,O AQUISTA,ANCHE L’ENTORNONO FAMIGLIARE:UNA CASA.UN LAVORO E UN PO’ DI SOLDI A PAPA,MAMA,LO ZIO,ECC E QUESTO RAGAZZOTTO E NOSTRO:NON DEVE FARE QUESTO,NON DEVE FARE L’ALTRO,ECC.

SENTIAMO PARLARE DI CIFRE MILIONARI,ASTRONOMICHE NELLE AQUISTI,SOTTO-AQUISTI,ECC PERO SONO POCHISSIMI QUELLE CHE ARRIVANO ALLA CIMA,CONTATE COL DITO DELLA MANO.NON OSTANTE SERVONO DI MIRAGGIO(E ANETESICO SOCIALE)A MILIONI E MILIONI DI RAGAZZI CHE SI GUARDANO NEL FUTURO DI QUELLO SPECCHIO.A VOLTE IN MODO COSMETICO ALCUNI DI LORO VENGONO “INVITATI” A PARTECIPARE NELLE ATTIVITA DI “CONTRATTISTI” O DIRIGENTI SPORTIVI DEI CLUB,LEGHE,ECC PERO QUELLI CHE VERAMENTE VENGONO BENEFICIATI IN GRANDE SONO SEMPRE LE STESSI E SONO POCHI.

RISULTA EVIDENTE CHE IL CALCIO VIENE ANCHE SFRUTTATO PER FINI POLITICI:ADESIONE ACRITICA DELLE MASSE AL REGIME,RACCOLTA DI VOTI ED ESSALTAZIONE DEL NAZIONALISMO.ED E’ COSI CHE IL RUOLO SOCIALE DI CATTARSI DELLE AGRESSIVITA QUOTIDIANE,DELLE TENSIONI COLETTIVE,  DEL POPOLO VIENE SNATURALIZATO DAL NEOLIBERLISMO NEI REGIMI POST-MODERNI.

IL CALCIO E’ L’ULTIMA FRONTIERA DELLO SPAZIO DOVE SI E’ RIFUGGIATO IL NEOLIBERALISMO.IL CAPITALISMO SELVAGGIO:VA CONTROLLATO.

-

12 AGOSTO 2014:HA PARLATO L’UNIONE EUROPEA ANCHE

-SU LA REPUBBLICA:

Lettera Ue bacchetta l’Italia: “Non avete una strategia”. A rischio 40 miliardi di fondi

Documento della Commissione sull’accordo di partenariato. Nel mirino ricerca, innovazione, agenda digitale e cultura. L’Europa vuole chiarimenti sulle esenzioni,di VALENTINA CONTE

Lettera Ue bacchetta l'Italia: "Non avete una strategia". A rischio 40 miliardi di fondi

ROMA – Ricerca, innovazione, agenda digitale, competitività, sviluppo tecnologico, cultura: l?Italia non ha una strategia. E per questo la Commissione europea,nella lettera inviata al governo Renzi un mese fa e finora inedita, rimanda a settembre il piano italiano sui nuovi fondi europei, quelli relativi al settennato 2014-2020. Respinge al mittente cioè proprio l?’Accordo di partenariato, quel documento chiave che ogni paese è chiamato a predisporre e che l’Italia ha inviato il 22 aprile scorso.

Indispensabile per sbloccare i singoli programmi, nazionali e regionali. Senza l’assenso di Bruxelles su questo particolare Accordo si ferma tutto, non arrivano i soldi e non si inizia a spendere. Una partita che vale per l’Italia 41 miliardi e mezzo in sette anni. Cifra che raddoppia con il cofinanziamento nazionale. E che ora dunque si congela. Con lo svantaggio per l’Italia di partire male e in ritardo sui fondi strutturali, pure stavolta. Ma Bruxelles è categorica. Senza un piano e una strategia chiari ed efficaci, appunto, l’assenso non c’è. Anche perché – ed è questa la critica più forte – l’Italia ha gravi problemi di governance. La sua pubblica amministrazione non è efficiente e ben funzionante. E quando il motore è inceppato, non si può sperare che la linfa europea contribuisca a rivitalizzare il paese. Anzi i fondi rischiano di imboccare di nuovo la via, biasimata, degli incentivi a pioggia. Se non è una bocciatura, poco ci manca.

L’ARTICOLO INTEGRALE SU REPUBBLICA IN EDICOLA O SU REPUBBLICA+
(13 agosto 2014) © Riproduzione riservata

.

http://www.repubblica.it/economia/2014/08/13/news/lettera_ue_bacchetta_l_italia_non_avete_una_strategia_a_rischio_40_miliardi_di_fondi-93668748/?ref=HREA-1
.
REAZIONE:IL GIORNO DOPO CHE HANNO PARLATO I MERCATI LO FA ANCHE L’UNIONE EUROPEA:L’UNIONE EUROPEA METTE I PALETTI A RENZI E NON SCHERZA MICA.
COME PENSA FARCELA?CON GLI INVESTIMENTI PRIVATI?IN QUESTA ITALIA DI INCERTEZZE STRUTTURALI E POLITICI?NON E’ CREDIBILE.E POI QUESTO ALTRO NON FAREBBE CHE SPINGERE ANCORA L’ITALIA NELLE ZAMPE DEL NEOLIBERALISMO,MICA SI PUO AFFIDARE IL MADE IN ITALY A CAPITALI SPECULATIVI SENZA UN PIANO DI SVILUPPO  INDUSTRIALE COME QUELLI DI ETHIAD PER ALITALIA O LA PROLIFERAZIONE DI COMPAGNIE LOW COAST DI SCARSA QUALITA.IL MADE IN ITALY NON GODE PIU DI BUONA SALUTE:INIZIARE GIA A PENSARE IN UNA VOTAZIONE,ANZI UNA DOPPIA VOTAZIONE PER ADEGUARE LE INADEMPIEZZE INSALVABILE DELLE ULTIME POLITICHE.
Immagine anteprima YouTube

-

-APPENDICE:SU LA STAMPA

Conti, Bundesbank attacca Renzi La replica: “Non ci impaurisce” Napolitano: non temiamo critiche

Cresce la tensione tra Roma e Berlino dopo l’affondo del capogruppo Ppe Weber La banca centrale tedesca sfida il premier: ci dice che fare, ma così non si cresce
Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann

3/07/2014

È scontro tra Bundesbank e governo Renzi.Il falco della Banca centrale tedesca non ha resistito, e ha citato il selfie di Matteo Renzi, per lanciare il suo monito, a Berlino davanti a una platea di conservatori della Cdu, contro la flessibilità sul patto di bilancio e sulle riforme che «vanno fatte e non solo annunciate». «Fare più debito non prota crescita», ha scandito il presidente della Bundesbank Jens Weidman. Al suo fianco, il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble è apparso nei panni insoliti di una colomba e gli ha fatto una lezione di pragmatismo politico. Da Palazzo Chigi è arrivata una replica piccata: «Se la Bundesbank pensa di farci paura forse ha sbagliato Paese. Sicuramente ha sbagliato governo».

Le decisioni prese la settimana scorsa al vertice europeo – che hanno aperto ad una migliore uso della flessibilia’ – «contengono il pericolo che sia colto più che mai il pretesto per una interpretazione morbida» del fiscal compact, ha continuato il presidente della Buba. «Questo penalizza la credibilità del patto di stabilità e crescita». Weidmann ha segnalato inoltre che i tassi sui titoli di stato di Italia e Spagna «non sono mai stati così bassi». Una situazione che non aiuta a irrobustire la volontà riformatrice dei paesi sovraindebitati: «C’è il timore che i tassi bassi non siano usati per consolidare i bilanci, quanto piuttosto per finanziare altre spese».

Pura dottrina Weidmann, con una esclamazione, a un certo punto, ispirata dalla svolta che attraversa l’Unione europea in questa fase: «Matteo Renzi dice che la foto dell’Europa è il volto della noia, e ci dice anche cosa dobbiamo fare…».

Al difensore della linea del rigore e delle regole, Schaeuble ha risposto spiegando la complessità degli equilibri politici in Europa. Il ministro ha ribadito la necessità di riforme, crescita e investimenti: «Ci si deve attenere a quello che è stato concordato – ha detto, spiegando di «rifiutare il dibattito sulla flessibilità» così come viene proposto. «Bisogna certamente promuovere la crescita, e bisogna fare investimenti». Citando due volte i colloqui con Pier Carlo Padoan, ha ribadito che vi è accordo sul tema della implementazione: «abbiamo parlato di come migliorarla in alcuni Paesi». Non è possibile, ha insistito, che i 6 miliardi destinati alla occupazione non siano utilizzati perché non vi è la possibilità di farlo. Poi il ministro ha allargato l’orizzonte del suo discorso: «Saremo pragmatici – ha spiegato – Per cambiare i trattati in Europa servono due anni», non si può ogni volta passare attraverso il sentiero stretto delle regole. E a chi scrive che il governo Merkel vuole un’Europa tedesca, ha risposto: «non vogliamo un’Europa tedesca, ma un’Europa forte».

Il discorso di Renzi a Strasburgo ha raccolto il consenso del presidente Giorgio Napolitano: «Siamo pienamente consapevoli della necessità di una ulteriore esplicazione dei nostri impegni per il risanamento finanziario» e per «la riduzione del nostro stock di debito pubblico e il premier Matteo Renzi è stato molto netto nel riaffermare questo impegno, questo dovere per l’Italia» ha sottolineato al Presidente Barroso e alla Commissione europea salita al Quirinale per l’avvio del semestre italiano di presidenza Ue. «Ritengo che abbiamo ancora esigenze serissime da soddisfare in questo senso- ha aggiunto – Bisogna dire che abbiamo fatto molto: l’aggiustamento della finanza pubblica che c’è stato in Italia negli ultimi anni può sfidare qualsiasi termine di paragone». Una frase secca per spiegare senza peli sulla lingua alla Commissione europea (seppur uscente) che l’Italia i compiti a casa li ha fatti, continuerà a farli e nessuno può dubitare di questo in Europa.

Giorgio Napolitano ha preso la parola oggi al Quirinale per l’avvio del semestre italiano di presidenza dell’Unione e non poteva essere più chiaro nel mostrare un’Italia unita e battagliera che ancora una volta garantisce la volontà di non lasciare la vela del rigore ma che ora chiede con forza che si cambi passo. L’endorsement del Quirinale alle linee di palazzo Chigi è evidente. Quello di Matteo Renzi è stato un discorso «molto appassionato» e il documento del governo per il semestre è stato «molto ben elaborato», ha spiegato Napolitano ai Commissari dopo aver detto che l’Europa deve saper ritrovare la strada dei padri costituenti sapendo cambiare se stessa e abbandonando l’eurocrazia.

http://www.lastampa.it/2014/07/03/esteri/europa/ue-scontro-sulla-flessibilit-a-rischio-il-voto-su-juncker-CvrB41L3rfhtD3fcT0zCBN/pagina.html

REAZIONE:C’E’ ALTRO DA AGGIUNGERE?

AH,I COMPITI CHE NAPOLITANO VUOLE VANTARE L’ITALIA NON LE HA FATTO,”SOLO METTERE PIU TASSE”,LO HA DETTO LA STAMPA SPECIALIZATA INGLESE.

13 AGOSTO 2014:RENZI INSISTE NEL CRIMINALIZZARE IL SUD

-TITOLARE LA STAMPA:

Renzi vede Draghi: “Avanti sulle riforme”
Poi l’incontro con Napolitano sulle misure
Foto – A Fiumicino il saluto al Papa che parte per la Corea

LAPRESSE

Il premier a Milano visita i cantieri Expo, poi dal capo dello Stato a Castelporziano:sul tavolo i nodi debito pubblico e lavoro.
Forza Italia: sì a misure per salvare l’Italia.
Grillo: «Matteo non mangerà il panettone»
 .
+  Berlusconi offre al premier un Patto per la ripresa magri
PREMIUM  Gozi: “Non ci serve il soccorso azzurro” c. bertini
opinioni  Se l’Italia crescesse del 3 per cento mario Deaglio
-
REAZINE:DRAGHI?NON DECIDE LUI,SI SA QUANTO LA BCE SIA DIPENDENTE DELLA BUNDESBANK CHE A DRAGHI LO VUOLE FUORI.HA UNA PROCEDURA APERTA AL RIGUARDO.
DOVREBBE INOLTRE ANDARE ANCHE A VEDERE UN PO’ PRODI E MASTELLA SUL DESTINO DEI SOLDI UNIONE EUROPEA.
-

3 AGOSTO 2014:MA DA DOVE E’ VENUTO STO PAPA?
Mercopress - South Atlantic News Agency
Mercoledì, Agosto 13 2014 – 06:08 UTC

La Chiesa argentina si occupa di condizioni di lavoro e di licenziamento

La Conferenza Episcopale Argentina ha espresso profonda preoccupazione il Martedì su lavoro, licenziamenti, chiusura di fabbriche, così come con il crimine e la droga. Comitato permanente della Conferenza ha incontrato i delegati delle diverse regioni per affrontare la situazione pastorale e poi una revisione delle condizioni socio-economiche.

"Vescovi si occupano di instabilità lavorativa, licenziamenti, sospensioni e la chiusura delle fabbriche", ha detto Jorge Oesterheld
“I Vescovi si occupano di instabilità lavorativa, licenziamenti, sospensioni e la chiusura delle fabbriche”, ha detto Jorge Oesterheld

“Vescovi si occupano di instabilità lavorativa, licenziamenti, sospensioni e la chiusura delle fabbriche”, ha detto Jorge Oesterheld, portavoce della Conferenza, aggiungendo che gli alti tassi di criminalità e tossicodipendenza sono anche questioni che ci riguardano.La riunione si è tenuta in previsione del montaggio della prossima Conferenza di novembre, quando saranno eletti nuove autorità. La conferenza ha attualmente monsignor Jose Maria Arencedo come presidente e potrebbe essere rieletto per altri tre anni.”Occupazione e licenziamenti sono sempre questioni di cuore per la Chiesa e come la situazione socio-economica sta cominciando a mostrare i segnali che stiamo vedendo, questo crea molta preoccupazione per le questioni sociali in generale e la mancanza di posti di lavoro in particolare”, ha aggiunto Oesterheld .Tuttavia il vescovo ha ammesso che ‘finora’ stiamo lavorando con le informazioni pubblicate dai media e dal “Osservatorio Sociale della Università Cattolica Argentina, che si riferisce ad uno scenario un po ‘obsoleto, da un anno fa, ma ha già avuto qualche indicatori da considerare “.Per quanto riguarda la disoccupazione il vescovo ha detto che la Pastorale Sociale tiene riunioni periodiche, nonché con diverse situazioni di governo: “che è dove presentiamo i problemi, ma questa volta credo che siamo più concentrati sulle questioni interne”.Quindi “nessun documento sulla situazione socio-economica può aspettarsi”, ha sottolineato Oesterheld.Per quanto riguarda i tassi di criminalità, il vescovo ha detto che era un problema molto serio di molta preoccupazione per l’intera società e per i vescovi in ​​quanto è nei luoghi di maggiore povertà e marginalità in cui il reato e l’insicurezza sono più elevati.”E ‘difficile e ingiusto fare paragoni in questi problemi, ma è chiaro chiaro che i poveri sono i più vulnerabili e puniti come reato e l’insicurezza aumento”.Oesterheld ha anche sottolineato che la Chiesa era contro depenalizzare le droghe e particolarmente preoccupato con un bus-clinica in provincia di Buenos Aires, coinvolti in aborti quando i medici si rifiutano di eseguire loro: “questo è contro la vita e medici che sono obiettori di coscienza”.

Infine, il vescovo ha detto che Domenica scorsa in tutte le chiese e parrocchie seguendo istruzioni di Papa Francesco, “abbiamo pregato per la pace nel mondo, a Gaza e in particolare per la situazione dei cristiani in Iraq, che è estremamente pericoloso”

n.mercopress.com/2014/08/13/argentine-church-concerned-with-employment-and-redundancy-conditions

REAZIONE:MENTRE IL MONDO SI TROVA PREOCUPATO PER LE CONSEGUENZE DEL DEFAULT ARGENTINO E DEL SUO PROTEZIONISMO,LA CHIESA DI QUEL PAESE NIENTE NE PARLA.E DOVREBBE FARLO VISTO CHE SI OCCUPA DELLE NOSTRE TASCHE ANZI CHE DELLE NOSTRE ANIME.
-

3 AGOSTO 2014:SPAGNA E  ALTRI 9 SANZIONATI,TROPPA GRAZIA
Mercopress - South Atlantic News Agency
Mercoledì, Agosto 13 2014 – 06:08 UTC

Sanzioni UE 10 paesi per la pesca eccessiva, con riduzione delle quote di pesca

La Commissione Europea (CE) ha deciso di sanzionare la Spagna e nove altri Stati membri per superare le loro quote di pesca nel corso dell’esercizio passato, e di ridurre le possibilità di pesca per il 2014.

Questa misura è destinata a riparare i danni causati alle risorse e in questo modo garantire la cattura sostenibile delle risorse.

"Se vogliamo essere seri nella nostra lotta contro la pesca eccessiva, dobbiamo applicare le nostre regole dal libro, e il rispetto delle quote", ha dichiarato il commissario Damanaki.
Se vogliamo essere seri nella nostra lotta contro la pesca eccessiva, dobbiamo applicare le nostre regole dal libro, e il rispetto delle quote”, ha dichiarato il commissario Damanaki
La CE ha evidenziato che rispetto allo scorso anno, le detrazioni di quote sono stati ridotti del 22%. Stati membri sanzionati sono: Spagna, Belgio, Danimarca, Grecia, Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Regno Unito.Nel caso della Spagna, la flotta sarà punito con una riduzione di 555 tonnellate per il superamento delle quote di pesca per varie specie nel 2013.In particolare, Bruxelles attuerà le seguenti riduzioni di Spagna:• 3 tonnellate di Alfonsino quote;
• 63 tonnellate di molva azzurra;
• 43 tonnellate di zibellino nero;
• 27 tonnellate di blu marlin;
• 5 tonnellate di marlin bianco;
• 41 tonnellate di merluzzo bianco;
• 103 tonnellate di ippoglosso nero;
• 30 tonnellate di eglefino;
• 21 tonnellate di pesce rosso.
Altre specie ridotti dalla flotta spagnola sono:• 25 tonnellate di aragoste norvegesi;
• 89 tonnellate di zanne;
• 15 tonnellate di altre specie norvegesi;
• 31 tonnellate di merluzzo;
• 3 tonnellate di smeriglio;
• 3 tonnellate di sogliola;
• 2 tonnellate di palombo;
• 8 tonnellate di squali di acque profonde;
• 43 tonnellate di mustella.”Se vogliamo essere seri nella nostra lotta contro la pesca eccessiva, dobbiamo applicare le nostre regole dal libro – e questo include il rispetto delle quote”, ha sottolineato l’Unione europea (UE) Commissario per la pesca, Maria Damanaki.Il commissario europeo ha affermato che nel 2013 “un lavoro migliore” è stata effettuata rispetto agli anni precedenti per quanto riguarda il rispetto delle quote assegnate, c’è uno sforzo per mantenere entro limiti contingenti.”Detto questo, per raggiungere gli stock ittici sani in Europa abbiamo bisogno anche di controlli efficaci per far rispettare le norme in vigore,” Damanaki ha sottolineato.La CE ha chiarito che qualsiasi riduzione del contingente è implementato alla stessa specie la cui quota viene superata l’anno precedente e una riduzione del contingente supplementare è applicata a causa della pesca eccessiva consecutivi, vale a dire, superiore al 5% o se lo stock è soggetta a un piano di ricostituzione pluriennale.Se una nazione non dispone di un contingente sufficiente a compensare sovrasfruttamento l’anno precedente, i contingenti saranno detratti da specie alternativi nella stessa zona di pesca, che viene negoziato con lo Stato membro interessato.L’esecutivo Ue ha detto che la Spagna è il paese che ha superato le quote nel maggior numero di specie, 22 in totale. E ‘stata seguita da Portogallo e la Francia, che pesca eccessiva 10 risorse. (FIS )
.
http://en.mercopress.com/2014/08/13/eu-sanctions-10-countries-for-overfishing-with-reduction-of-fishing-quotas
.
REAZIONE:MOLTEPLICARE I PESCI RISPETTANDO IL SANO EQUILIBRIO ECOLOGICO.NON ABUSARE DELLA NATURA NE DELL’EQUA DISTRIBUZIONE DEI PESCI(E IL PANE).-
-


3 AGOSTO 2014:ARGENTINA,I DEBITI SI PAGANO
Mercopress - South Atlantic News Agency
Mercoledì, Agosto 13 2014 – 06:08 UTC

Rifiutiamo la CIG come un ‘luogo appropriato’ per affrontare le questioni del debito dell’Argentina

Una portavoce del Dipartimento di Stato americano ha detto che gli Stati Uniti non avrebbe permesso alla Corte giustizia internazionale dell’Aia a conoscere delle azioni argentine che le decisioni dei tribunali degli Stati Uniti avevano violato la sua sovranità.

Il Portavoce del Dipartimento di Stato ha also invitato l'Argentina di impegnarsi con i creditori per risolvere i restanti problemi con Gli obbligazionisti (Pic Heffx)

“Noi non consideriamo la CIG come un luogo adeguato per affrontare problemi di debito dell’Argentina, e continuiamo a sollecitare l’Argentina di impegnarsi con i suoi creditori per risolvere le questioni in sospeso con gli obbligazionisti”, il portavoce ha detto in una e-mail.

Argentina petizione alla Corte internazionale di giustizia il Giovedi, ma la causa può muovere solo in avanti se gli Stati membri hanno trasmesso volontariamente alla giurisdizione della corte.

Argentina ha detto nel suo ricorso al giudice che gli Stati Uniti avevano commesso “violazioni della sovranità e immunità argentino e altre violazioni connesse a seguito delle decisioni giudiziarie adottate dai tribunali statunitensi relative alla ristrutturazione del debito pubblico argentino”.

http://en.mercopress.com/2014/08/09/us-reject-the-icj-as-an-appropriate-venue-for-addressing-argentina-s-debt-issues

REAZIONE:GLI STATI UNITI COME POSTO DOVE RIVOLGERSI PER AFRONTARE FUTURE DIFFERENZE E’ STATO ACCORDATO IN ANTICIPO DA ENTRAMBE LE PARTI CON I FINANZIATORI POSSIEDENTE DEL DEBITO.CERTO ERANO ALTRI TEMPI E L’ARGENTINA PENSAVA POTERE FARLA FRANCA.ADESSO CHE LA CORTE USA HA SENTENZIATO A FAVORE DEI FINANZIATORI E DECRETATO IL DEFAULT PRETENDE RIVOGERSI ALL’AYA.

PD-I FATTI:DURANTE L’ALTRO DEFAULT IN VITA DEL MARITO DI CRISTINA FERNANDEZ,NESTOR KITCHNER,L’ARGENTINA HA ACCORDATO CON IL 93 % DEI FINANZIATORI FACENDO ABUSO DEL POTERE POLITICO,PER UN AMMONTO MOLTO INFERIORE AL DEBITO.IL RESTANTE 7 PER CENTO NON HA ACETTATO E ALLORA NON HANNO PRESO UN SOLDO.QUESTI HANNO VENDUTO IL DEBITO PER 400 E TANTO MILIONI,E I NUOVI POSSIEDENTI DEGLI OBLIGAZIONI COME ACCORDATO SI SONO RIVOLTO ALLA CORTE USA PRETENDENDO PRENDERE IL CENTO PER CENTO DEL AMMONTO ADEBITATO,1.500 MILIONI.E LA CORTE USA HA DECRETATO CHE I SUOI RICHIAMI ERANO GIUSTI.DOPO DI CHE L’ARGENTINA HA POLITIZATO IL DEBITO E QUESTI SI SONO  GUADAGNATO LA DENOMINAZIONE DI “FONDI AVVOLTOI”.L’ARGENTINA NEGA IL DEFAULT ARGOMENTANDO CHE LORO HANNO I SOLDI PER PAGARE MA CHE SE LO FANNO DOVRANNO PAGARE IL CENTO PER CENTO ANCHE AL RESTATANTE 93 PER CENTO SECONDO UN COMMA DELL’ACCORDO FATTO E DEVENUTO LEGGE IN ARGENTINA.IN REALTA IL DEFAULT NON E’ GENERATO DAL DIFFERENDO DAI FONDI AVVOLTOI PERCHE IL GIUDICE HA RITENUTO LE RATE PAGATE ALL’ALTRO 93 PER CENTO DEI DEBITORI(ANCHE IN  TERRITORIO USA) ARGOMENTANDO CHE ANCHE QUELLI DEVONO OTTENERE IL CENTO PER CENTO.ED ECCO CHE SCATTA L’ACCUSA DEL MANCATO RISPETTO ALLA SOVRANITA VISTO CHE USA NON RICONOSCE QUELLA LEGGE REGENTE SUL TERRITORIO ARGENTINO,SCATURITA DA QUEL COMMA CHE IMPEDISCE PAGARE AL 7 PER CENTO RESTANTE TUTTO IL DEBITO.

INSOMMA L’ARGENTINA E’ MESA IN UNA BRUTTA SITUAZIONE PERCHE I SOLDI PER PAGARE IL CENTO PER CENTO AL CENTO PER CENTO DEI FINANZIATORI,CHE E’ IL VERO DEBITO,EVIDENTEMENTE NON C’E’ L’HA.E QUINDI E’ VERAMENTE DEFAULT:L’ARGENTINA MENTE,SOLDI NON NE HA  E I DEBITI SI PAGANO.

IN PAROLE SEMPLICI QUESTO E’ IN SOSTANZA CIO CHE SUCCEDE VISTO DA UN PROFANO COME ME  IN MATERIA ECONOMICA.

IL PROSSIMO CAPITOLO DI QUESTO GIALLO SPERO DI RACCONTARVILO DALL’ITALIA.SECONDO I  MIEI CALCOLI NON DOVREBBERO ANDARE ALL’AYA PRIMA DEL MIO RITORNO,

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 140 »

7 agosto 2014
0

-NOTA 2:SU THE HUFFINGTON POST:

Recessione Pil Italia, i siti stranieri commentano il calo del PIL nel secondo trimestre 2014. “L’Italia ricade”

L’Huffington Post
Pubblicato: 06/08/2014 12:52 CEST Aggiornato: 06/08/2014 12:55 CEST
 RECESSIONE

L’Italia torna a sorpresa in recessione, colpo per Matteo Renzi“. Questo il parere all’estero sul calo del Pil dello 0,2% nel secondo trimestre 2014, dato diffuso dall’Istat, a quanto si legge sui siti dei giornali stranieri.

L’economia italiana è di nuovo in recessione“, titola il Financial Times, sottolineando come le nuove cifre “accrescono le pressioni sul giovane premier riformista Matteo Renzi perché approvi un aggressivo piano di riforme, mentre crescono le critiche interne per non averlo ancora fatto“. Il quotidiano britannico aggiunge che le accuse dei critici al Governo sono di essersi concentrato su riforme “di facciata” come quella del Senato, mentre quelle veramente necessarie – ad esempio lavoro e burocrazia – sono in stallo.

L’Italia ripiomba in recessione“, scrive invece il sito della Bbc, osservando come “i dati sorprendentemente deboli” del secondo trimestre vengano dopo il – 0,1% dei primi tre mesi dell’anno. “L’inattesa contrazione del Pil è un colpo per il premier Renzi, arrivato al potere promettendo le riforme e di rilanciare l’economia“.

Anche il quotidiano francese Le Figaro commenta il calo del Pil italiano nel secondo trimestre: “È più marcato delle previsioni pessimistiche” di alcuni economisti. Il quotidiano economico francese Les Echos titola similarmente alla Bbc: “L’Italia ricade in recessione“.

Inoltre su HuffPost

Recessione? I Commenti dei siti stranieri
di 4

BBC
http://www.huffingtonpost.it/2014/08/06/recessione-siti-stranieri-pil-2014_n_5653794.html?utm_hp_ref=mostpopular
-

-ANCHE IN AMERICA SI OCCUPANO DELL’ARGOMETO

-TITOLARE HUFFINGTON POST:

Wall Street Journal avverte Matteo Renzi

MATTEO RENZI

-NOTA 3:ECCO IL SILVIO COMPLOTATO CHE CON LA SUA PERMANENZA CERCA DI DIMOSTRARE CHE LA STABILITA SERVE ALL’ECONOMIA (CHE LUI HA MANDATO IN CRISI)CHE LUI E’ LA STABILITA,E SI TROVA SPALLA CON SPALLA AL FIANCO DI RENZI,IL SUO COMPLICE.

-SU THE HUFFINGTON POST.

Incontro Renzi-Berlusconi, l’offerta di Silvio nel giorno della recessione: “Se hai bisogno di aiuto, noi ci siamo”

Pubblicato: 06/08/2014 20:45 CEST Aggiornato: 06/08/2014 21:08 CEST
BERLUSCONI RENZI

Il Patto, atto secondo. “Se hai bisogno di aiuto, in un momento di emergenza, noi ci siamo”. Con l’aria di chi vede scorrere le immagini di un film già visto, Silvio Berlusconi offre il suo soccorso azzurro a Renzi. Con l’obiettivo di blindare l’entente cordiale – così la chiamano fonti azzurre autorevoli – che porti all’elezione condivisa del successore di Napolitano.

Proprio la tenuta del governo è l’argomento principale del lunghissimo incontro a palazzo Chigi, nel giorno nero dei dati che certificano la recessione tecnica. Dati che, ovviamente, sono oggetto del confronto ben prima che vengano resi pubblici in tarda mattinata. Per la prima volta Renzi appare agli occhi del Cavaliere preoccupato. Almeno così racconta l’ex premier nel pranzo a Grazioli convocato subito dopo l’incontro con i fedelissimi Romani, Toti, Bergamini, Gasparri. Ecco l’offerta di un “aiuto”. Non un appoggio esterno, né un ingresso formale in maggioranza. È l’offerta di sostenere “singoli” provvedimenti “per il bene del paese” se contengono misure potabili per il centrodestra su fisco, giustizia, lavoro, ovvero quelle riforme strutturali che chiede l’Europa sin dalla famosa lettera Draghi-Trichet. Offerta che fa tutt’uno con l’idea del premier fare un grande appello a collaborare alle opposizioni (come scrive qui Angela Mauro). Il Patto, appunto, atto secondo.

La prova della manovra di avvicinamento è anche nell’input immediato dato ai dichiaratori di Forza Italia, direttamente da Grazioli, subito dopo che escono i dati sul calo del Pil: “La linea è: preoccupazione per il dato ma niente attacchi diretti al governo”. In un clima amichevole più che da trattativa politica, l’ex premier e Renzi parlano alla presenza dei rispettivi fedelissimi – Verdini e Gianni Letta da un lato, Guerini e Lotti dall’altro – con grande amicizia. “Amoreggiano” è il termine usato dall’oppositore duro e puro Matteo Salvini. Un esponente di Ncd così fotografa la situazione: “Se non avessero i problemi dei rispettivi partiti starebbero già al governo insieme. Berlusconi ha trovato l’erede politico, Renzi ha trovato una stampella”. Stampella non solo parlamentare. Basta notare come i tg e le trasmissioni Mediaset si rapportano al governo, trattandolo come “un governo amico”.

Ed è con tono quasi paterno che Berlusconi dispensa consigli a Renzi: “Stai attento ai segnali che ti stanno arrivando, anche da parte dei poteri forti. Io ci sono già passato”. I segnali sarebbero la linea critica del Sole24Ore, giornale di Confindustria, del Corriere, termometro dei mondi che contano, e della stampa straniera come il Wall Street Journal. E ancora le stesse lobby nostrane da Confcommercio alle categorie che stanno facendo passare il messaggio che gli ottanta euro non sono serviti a rilanciare i consumi: “E attento allo spread e ai mercati – dice Berlusconi – sai come furono usati su di me” prosegue il Cavaliere. Spread che si alza in giornata raggiungendo 170 punti base accompagnato dal crollo di piazza Affari di tre punti, che bruciano 13 miliardi di titoli.

Berlusconi dispensa una serie infinita di pillole di saggezza. E a un certo punto i due per una decina di minuti si appartano da soli e camminano con famigliare complicità per gli appartamenti di Palazzo Chigi.

Nel corso del lungo vertice, riferisce un presente, non si parla di Quirinale. E si parla poco di soglie e legge elettorale. Con Berlusconi perplesso sulle preferenze, disponibile a ritoccare un minimo le soglie di sbarramento. Abbassando al 4 quella per i partiti coalizzati. E abbassando anche quella dei non coalizzati rispetto all’8 attuale. Se ne riparla nel prossimo incontro all’inizio di settembre. Con la certezza che il Patto resta a due e non a tre. E a due sarà sul vero obiettivo di Berlusconi, il successore di Napolitano. In nome del quale sostenere un’offerta davvero onerosa in termini politici, visto che mezzo partito non regge l’avvicinamento alla maggioranza, e di consenso, come testimoniano gli ultimi sondaggi che non premiano il renzismo spinto di Forza Italia. Il timing della successione al Colle pare aver subito un’accelerazione negli ultimi giorni. Febbraio, massimo marzo, è la data che prevedono a palazzo Grazioli. Dove è stata registrata una certa “stanchezza di Napolitano”. Stanchezza che lo stesso presidente non ha dissimulato nei suoi ultimi interventi. All’appuntamento Berlusconi vuole arrivare in una situazione di larghe intese di fatto, e con l’atteggiamento del padre della patria interprete di una opposizione costruttiva.

http://www.huffingtonpost.it/2014/08/06/renzi-berlusconi-recessione_n_5655380.html?1407350757

-NOTA 4:COSI SU LA REPUBBLICA:

Pil, Renzi accusa il colpo ma reagisce: “Dobbiamo accelerare le riforme”. E pensa ad un pressing sull’Europa

Il premier scrive alla maggioranza: “Possiamo farcela, dipende solo da noi”. Il sottosegretario al Tesoro, Baretta: “Plausibile allentare i vincoli della Ue”,di FRANCESCO BEI e VALENTINA CONTE
Pil, Renzi accusa il colpo ma reagisce: "Dobbiamo accelerare le riforme". E pensa ad un pressing sull'Europa 
Renzi e Padoan (ansa)
ROMA – Consolidare quanto messo in campo. Portare a casa le riforme avviate. Difendere e sostenere un’agenda che non cambia. Ma accelerare i tempi. Nel giorno in cui l’Italia ripiomba nella terza recessione in cinque anni, il governo incassa il colpo e tira dritto. “Me lo aspettavo e quindi non sono sorpreso”, fa sapere Renzi a chi gli chiede conto di quel segno meno davanti al Pil. “Si tratta di un dato negativo, lo so. Ma se si legge la curva trimestrale si vede che a giugno crescono sia i consumi che la produzione industriale. Anche il dato diffuso ieri da Confcommercio fa capire che i consumi salgono di oltre un punto e mezzo rispetto al dato precedente. Poi certo, so che così comunque non va bene”.Per parare il colpo, anche dal punto di vista della comunicazione, il premier pubblica la lettera ai parlamentari della maggioranza, un documento programmatico (concordato due giorni fa con Padoan) per ricordare le dieci priorità dei “Millegiorni”. E per dire che si va “avanti con maggiore decisione”, ora che il Pil è di nuovo sotto zero. Non si drammatizza neanche in via Venti Settembre. Ma l’aria che tira nel ministero dell’Economia è di alzare d’ora in avanti la soglia di attenzione e vigilanza su tutti “quei rivoli di spesa fuori controllo” che potrebbero compromettere un rapporto tra deficit e Pil già proiettato verso il tetto invalicabile del 3%. Tutti però – da Palazzo Chigi ai tecnici del Tesoro – escludono con certezza una manovrina extra per aggiustare i conti e soprattutto confermano il bonus.”La ricetta sono le riforme: istituzionali, lavoro, giustizia. Non serve una manovra, ma le riforme. Dobbiamo smentire il Financial Times“. Il quotidiano britannico – che ieri ha messo subito in homepage la notizia del ritorno italiano in recessione – insiste nel citare le critiche secondo cui Renzi avrebbe scelto la via di alcune facili riforme “da mettere in vetrina, come quella del Senato, non riuscendo a realizzare cambiamenti fondamentali nel mercato del lavoro e nella burocrazia”. Renzi e Padoan, al contrario, ritengono essenziale partire dalle “radici” per cambiare il Paese. E le radici sono proprio “le riforme di sistema”, quelle che “i mercati si attendono”. Dunque riforma costituzionale ed elettorale. Alle quali sommare gli impegni in politica estera, la sfida educativa (riforma di scuola, cultura e Rai), la spending review. E ancora: riforma del lavoro, della pubblica amministrazione, del fisco, della giustizia. E lo Sblocca-Italia per far ripartire i cantieri. Queste le dieci priorità dei Millegiorni. Questi gli obiettivi del governo Renzi da qui al 2017, messi ieri nero su bianco nella lettera ai parlamentari.Dunque istituzioni ed economia in parallelo. Anche se Palazzo Chigi nega un patto del Nazareno “economico” siglato con Berlusconi. La disponibilità dell’ex Cavaliere si limiterà alle riforme istituzionali, con la maggioranza autonoma su fisco e conti pubblici. “Non abbiamo più alibi, ora si corre”, ripetono i consiglieri economici del premier. “D’altro canto, gli effetti delle riforme non si possono vedere subito. Germania e Spagna hanno atteso due anni”. Certo, di politiche espansive per tirare su la crescita nessuno parla. Fare spesa in deficit è impossibile, in questo contesto. Ma dietro le quinte trapela l’ultima battaglia, l’unica davvero utile per assicurare risorse extra e rilanciare gli investimenti: quella europea.Se l’alleato di maggioranza, il Nuovo centrodestra di Alfano, tira fuori dal cilindro l’abolizione dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori come risposta al Pil negativo, Renzi e Padoan puntano invece a chiedere a Bruxelles lo scorporo del cofinanziamento dei fondi europei dal Patto di stabilità. Soldi freschi che non graverebbero sul deficit già gonfio e che potrebbero essere messi sui progetti in cantiere. Se ne parlerà da settembre in poi, quando l’Italia – tra Ecofin e altri appuntamenti – avrà il pallino di presidente di turno del semestre. “Continueremo la battaglia europea, senz’altro è prioritaria, confidando nel fatto che il momento è difficile per tutti e un allentamento dei vincoli pare plausibile”, conferma il sottosegretario all’Economia Pierpaolo Baretta.Fare in fretta. Superare il blocco di sfiducia che corre nel Paese. Questo nel frattempo l’obiettivo dell’esecutivo. Senza drammatizzare, ma accelerando. Perché Renzi è convinto che “l’Italia ha tutto per farcela e per uscire dalla crisi”. Se non cambia però “sarà sempre negativa”. E non solo nel Pil.http://www.repubblica.it/politica/2014/08/07/news/renzi_pil_riforme-93293061/?ref=HREA-1-ALTRI TITOLARI SU THE HUFFINGTON POST:A-Renzi e il giorno nero del Pil. La strategia: programma dei mille giorni con maggioranza allargata

RENZI

B-Patto del Nazareno, secondo atto. L’offerta di Silvio a Matteo

BERLUSCONI RENZI

C-La prima volta di Matteo ad Arcore: tra calcio e battute scattò l’intesa con Silvio (FOTO)

COMBO

EPILOGO:C’E’ ALTRO DA AGGIUNGERE?E’ IL PASSATO CHE CON RENZI E LE LARGHE INTESE NON VUOLE ANDARSENE.RENZI E BERLUSCONI CHE CERCANO DI RILANCIARE IL FEDERALISMO,IL PRESIDENZIALIAMO,CHE CERCANO VENDICARE IL CAVALLIERE DA UN SENATO CHE LO HA ESPULSO,E CHE CERCANO DI DIMOSTRARE CHE LUI E’ LA STABILITA TRANNE CHE C’E STATO UN COMPLOTTO EUROPEO.

IL “GOVERNO RENZI”,CHE ANCORA NON HA DECOLLATO,CHE NON HA ANCORA FATTO LE RIFORME STRUTTURALI NECESSARIE PER FERMARE LA CRISI E INIZIARE LA CESCITA,QUELLI DEL LAVORO PRINCIPALMENTE,E CHE SI TROVA INVECE A PERORARE SU RIFORME ISTITUZIONALI E ELETTORALI(QUELLI DEL DDL BOSCHI,E IL COSI DETTO ITALICUM ,CHE PERMETTANO A QUESTO CETO AL POTERE PERPETUARSI),MI PARE EVIDENTE CHE NON HA FUTURO.INUTILE INVOCARE LA CAMPAGNA DEI MILLE(CHE NATURALMENTE NON E’ QUELLA DI GARIBALDI),NON PERDA IL TEMPO E SI CHIAMI A ELEZIONI GIA.

7 AGOSTO 2014:”LE QUARTIER” PIU FAMOSO DEL MONDO

.

-TITOLARE LE MONDE:

Des lavandiers de Haute-Provence proposent des fleurs de lavande pour acclamer les mariés à la sortie des mairies et des églises.

Quelles régions de France bénéficient le plus du tourisme?

REAZIONE:NON HO LETTO L’ARTICOLO MA MI VIENE IN MENTE DI RISPONDERE CIO CHE C’E’ NELL’IMMAGINARIO POPOLARE:PIGALLE,IL QUARTIERE PIU FAMOSO AL MONDO (CON MONMARTRE).

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

8 AGOSTO 2014:SOLTANTO PROPAGANDA,PARVENZE

-TITOLARE LA STAMPA:

Senato, c’è il primo via libera alla riforma
Renzi: “Nessuno fermerà il cambiamento”
La Stampa Tv – Vincitori e vinti: bilancio della battaglia
Foto – I grillini fuori in fila indiana / E Boschi bacia tutti

LAPRESSE
amedeo la mattina
Giro di boa in Aula per il ddl con 183 sì:ma nella conta mancano voti di Fi e Pd.
Sel, leghisti e 5 Stelle non partecipano.
Il testo va alla Camera, il premier esulta.3 settembre Italicum a Palazzo Madama
VIDEO  Duello Minzolini-Grasso: “Novello Don Abbondio”
scheda  Titolo V e Senato dei non eletti: novità in pillole
+  A Palazzo Madama anche parlamentari 18enni bresolin
.
REAZIONE:QUESTO SI,UN MEZZO SI,NON E’ QUELLO CHE RENZI VOLEVA,IL BICAMERALSIMO NON HA SCOMPARSO,RENZI HA GIA PERSO E SOLO QUESTO BASTEREBBE,PERCHE SE TENESSI ALLA PAROLA DATA E SE NE DOVREBBE ANDARE.MA QUESTO MEZZO DIFETTUOSO SI E’ BEN LONTANO DAL TRAGUARDO FISSATOSI DALLE LARGHE INTESE PER LE RIFORME ISTITUZIONALI PERCHE MANCA L’ALTRO MEZZO SI AL PALAZZO MADAMA E SOPRATUTTO,PERCHE MANCA LA VOLONTA DEL SOVRANO CHE UN’ALTRA VOLTA,QUALORA QUESTA RIFORMA PASSASI, NEL REFERENDUM DEL 2016 DIRA “NO”.MA SE CIO NON DOVREBBE ACCADERE COSA ABBIAMO OTTENUTO?IL BICAMERALSIMO,QUINDI IL SENATO NON SI FERMA.NEL NUOVO SENATO CHI DECIDIRA?I COMUNI E LE REGIONI.I COMUNI MALGRADO L’ATTUALE “PARTITO DEI COMUNI” L’ABBIA STRUMENTALIZZATO RENZI RESTA SEMPRE A MAGGIORANZA DEI SIMPATIZZANTI DELLA NUOVA ERA,E LE REGIONI,MALGRADO LA LEGA SIA RIUSCITA A “OMOLOGARE” IN PARTE REGIONI AUTONOME E NON AUTONOME,RESTA ANCHE CON IL PROTAGONISMO DELLE AUTONOMIE E A MAGGIORANZA DEI SIMPATIZZANTI DELLA NUOVA ERA.SOLO SI DEVE ASPETTARE IL PROSSIMO VOTO,CHE PRESTO CI SARA,PER  SPIAZZARE QUESTE LARGHE INTESE COMPRESI LA LEGA,BERLUSCONI E L’ATTUALE COSIDETTA MAGGIORANZA PD,CHE E’ QUELLA DEL GOLPISMO.
E PURTROPPO NE MENO CUI FINISCONO I TRAGUARDI DI RENZI:LA LEGGE ELETTORALE NON SI FARA.
QUINDI TANTISSIMO MANCA E NON SI FARA PERCHE ABBIAMO GIA VISTO CHE RENZI NON HA NE APOGGIO INTERNO GENUINO SUFFICENTE,NE EUROPEO,NE INTERNAZIONALE NE,SOPRATUTTO,NON HA DA PARTE SUA L’ECONOMIA E I MERCATI.COME BERLUSCONI,PEGGIO DI BERLUSCONI I SUOI GIORNI SONO CONTATI E DOVRA ANDARSENE CON LE MANE IN PRATTICA VUOTE:IL SUO GOVERNO COME QUELLO DI LETTA NON DECOLLERA MAI E NELL’IMPROBBILE CASO CHE CE LA FACCIA LE ELEZIONI NON SI VINCONO CON RIFORME E LEGGI ELETTORALI MA CON VOTI E LUI NON CI L’HA:NON SONO LO STESSO ELEZIONI INTERNI(DOVE NON PESA IL FATORE BERLUSCONI) E EUROPEE(DOVE NON PESA NE MENO IL FATTORE BERLUSCONI) CHE ELEZIONI POLITICI NAZIONALE.E CUA LI LUI I NUMERI NON C’E’ L’HA(IN QUESTO RESTANO LI STESSI DI BERSANI) ED E’ ALTRO MOTIVO IN PIU PER DISSOLVERE LE CAMERE E CHIAMARE AL SOVRANO AD ESPRIMERSE NELLE URNE,GIA:QUELLO DEL TITOLO.
IN ITALIA LA NUOVA ERA E’ ARRIVATA PER RESTARCI,COLPO O NON COLPO E’ OGGI LA REALTA SOCIO-CULTURALE,SCIENTIFICA E ANCHE POLITICA CON RIFLESSI NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI DEGLI ITALIANI VINCENTE:UNA NUOVA ERA HA INIZIATO E INDIETRO NON SI TORNA.MAI PIU L’ITALIA SARA LA STESSA DI PRIMA..
Immagine anteprima YouTube
-
*8 AGOSTO 2014:PIRATEARE FORSE,SCHIANTARE NO
.
-TITOLARE LE MONDE:
Un avion MD-83 de la Swiftair.
On peut pirater un avion, mais pas le faire s’écraser
.
Ruben Santamarta, consultant en sécurité informatique, a détaillé jeudi à Las Vegas les failles des équipements de communication utilisés dans l’aéronautique.
APPENDICE:SOLE E MARE
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Turanor, il catamarano da sogno Solca il mare con l'energia solare

LE IMMAGINI / GRECIA
Turanor, il catamarano da sogno
Solca il mare con l’energia solare

96 condivisioni

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 139 »

4 agosto 2014
0

3 AGOSTO 2014:RENZI TREMA

.

DOPO QUESTE MIE PUBBLICAZIONI RENZI E’ USCITO IN FURIA E IN FRETTA A DARE uNA INTERVISTA PER FARE QUESTE SMENTITE,CORREZIONI,GIUSTIFICAZIONI,AUTOGIUSTIFICAZZIONI,ECC,ECC. E’ NERVOSO,NON HA RAGIONE,NON E’ CREDIBILE.

-INTERVISTA SU LA REPUBLICA:

Renzi: “Mai più una legge ad personam per Berlusconi. Non ci sarà nessuna manovra”

Intervista al presidente del Consiglio: “Nel patto del Nazareno non ci sono scambi. Non ci sarà un autunno caldo, resteremo sotto il 3%. Sono pronto al dialogo, ma basta discussionismo”,di CLAUDIO TITO

HUFFPOST

04 agosto 2014

Renzi l’evasivo di LUCIA ANNUNZIATA

Renzi: "Mai più una legge ad personam per Berlusconi. Non ci sarà nessuna manovra"

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi (lapresse)

Nessun accordo oscuro con Berlusconi, nel patto del Nazareno non c’è nulla che non sia stato trasferito negli atti parlamentari. E soprattutto non prevede alcuna “legge ad personam” per l’ex Cavaliere. Per consentirgli di ricandidarsi alle prossime elezioni scavalcando le norme Severino. Matteo Renzi respinge al mittente le critiche sulle riforme. “Sono sempre pronto al dialogo” ma basta con il “discussionismo”. E basta con i “gufi professori” o con i “gufi indovini”. Il referendum confermativo si terrà entro il 2016 ma a questo punto il dibattito è stato fin troppo lungo: “Ora si decide”. Anche perché le riforme sono la precondizione per far ripartire il Paese.

“È vero – ammette – la ripresa è debole. Ma non siamo messi male e il prossimo non sarà un autunno caldo. La Troika non arriverà e se mai ci fosse bisogno di una manovra, non imporremo nuove tasse. E comunque rimarremo sotto il 3% nel rapporto deficit/pil”.

Ma lei è proprio sicuro che questo sia stato il modo di migliore per realizzare le riforme? Non serviva una discussione più ampia?
“Intanto non le abbiamo ancora fatte. La nostra non è ancora una missione compiuta. C’è ancora una settimana di lavoro e quattro letture parlamentari. Di certo si è fatto un passo avanti anche grazie alla straordinaria dedizione dei senatori della maggioranza
che hanno sopportato insulti ingiustificati. Si può fare sempre meglio, la controprova non esiste. Ma per me stiamo facendo bene. L’obiettivo di qualcuno non era fermare la riforma, ma fermare noi. Non ce l’hanno fatta. E con il referendum alla fine l’ultima parola sarà dei cittadini”.

Ma non è solo questo. Forse il confronto poteva essere arricchito da un dibattito culturale più profondo, capace di preparare il terreno in modo più fecondo.
“Nessun tema è stato più discusso della riforma costituzionale: bipolarismo perfetto, poteri delle Regioni, iter delle leggi. Ci sono tomi e tomi, convegni e seminari. Sono trent’anni che facciamo dibattiti culturali, ora è venuto il momento di decidere: facciamo politica, noi, non accademia. E in politica alla fine si decide. L’Italia non si può più permettere di coltivare il culto del “discussionismo” fine a se stesso. Si può essere d’accordo o meno, ma non si può sostenere che non sia stata sufficiente la preparazione. Certo, c’è una parte dell’establishment che non sopporta il mio stile. Ma verrà il giorno in cui si potrà essere finalmente parlare delle responsabilità anche delle elite culturali nella crisi italiana: i politici hanno le loro colpe. Ma professori, editorialisti, opinionisti non possono ritenersi senza responsabilità”.

Quindi il discorso è chiuso?
“No, ci sono ancora quattro letture. Ma nessuno può pretendere di porre veti. Non è possibile che o si è tutti d’accordo o ci si blocca”.

Anche perché se le riforme si bloccano, si torna a votare.
“Con l’approvazione della riforma costituzionale, questa legislatura sarà intera. Questa riforma non è la chiave di tutti i problemi. Ma è il simbolo più forte. Dopo la sua approvazione, a settembre partono i 1000 giorni”.

Scusi ma che c’entra la nuova costituzione con i 1000 giorni?
“Questo governo ha davanti a sé molte sfide, riassumibili in due grandi temi. Primo. Il ritorno della politica: riforme costituzionali, legge elettorale, politica estera nel Mediterraneo e in Europa, la sfida educativa con scuola cultura e Rai, la spending che è operazione politica non tecnica. Secondo. Un Paese più efficiente: fisco, giustizia, pubblica amministrazione, lavoro e SbloccaItalia. Il lavoro e già partito e i mille giorni saranno presentati entro il mese di agosto. Ma l’impianto complessivo possiamo costruirlo solo se c’è il passaggio preliminare delle riforme costituzionali “.

Quindi si vota nel 2018 oppure no?
“La data delle elezioni in Italia è decisa dal presidente della Repubblica. Che fa le proprie valutazioni sulla base della Costituzione e del lavoro dei parlamentari. La mia scommessa è che questa legislatura abbia una dimensione
quinquennale”.

Lei dice di essere aperto al dialogo. Allora cosa può cambiare del testo all’esame del Senato?
“Tutto quello su cui c’è la maggioranza. Questa non è una riforma imposta, ma costruita da un paziente lavoro di ascolto e dialogo “.

Così però è facile.
“Lo dice lei. Le opposizioni hanno dato vita a un ostruzionismo ingiustificato. Quando sento che si lamentano di Grasso, io dico che il presidente del Senato è stato troppo accondiscendente con le richieste delle opposizioni. Alcune scelte di Grasso ci sono parse sinceramente sbagliate. Ma non lo abbiamo attaccato perché abbiamo rispetto della seconda carica dello stato e delle istituzioni. Il “canguro ” è uno strumento di decoro a meno che non si voglia davvero prendere sul serio gli emendamenti di chi ha proposto  -  come il costituzionalista Minzolini  -  di cambiare in Gilda il nome della Camera”.

Ma è vero che siete pronti a trattare sulla base elettorale del capo dello Stato, sulle firme per indire i referendum e soprattutto
sull’immunità?

“Noi siamo pronti a discutere di questo e di altro. Per esempio Ncd ha proposto di poter commissariare le Regioni che non tengono i conti in ordine. Importante è che sia discussione civile. I nostri senatori sono stati pazienti nel sopportare gli insulti, ora basta. Dialogo sì, insulti no”.

Quando pensa che si possa tenere il referendum confermativo?
“Ragionevolmente tra il 2015 e il 2016″.

Il dialogo vale anche per la legge elettorale?
“Certo. Ci siamo sottoposti anche allo streaming dei grillini che pure adesso pare preferiscano il modello Pinochet, una pagina di storia decisamente democratica secondo loro. Noi ci siamo. Però ci devono stare tutti i contraenti. Perché le regole si scrivono insieme “.

Quindi le modifiche riguarderanno le preferenze, le soglie di sbarramento e quella per accedere al premio di maggioranza?
“Sono i punti di maggior discussione. C’è anche chi vuole i collegi sulla base del Mattarellum. Vediamo. L’importante è tenere al tavolo tutti che ci vogliono stare. Sapendo però che l’Italicum per il PD è il sistema meno conveniente. Ma per me il più equilibrato e giusto”.

Ma entro quanto tempo deve diventare legge?
“Non c’è urgenza per elezioni imminenti. Ma è urgente per non perdere la faccia coi cittadini. È calendarizzato dal primo settembre al senato per la seconda lettura”.

E Berlusconi è fondamentale in questo percorso?
“Tutti siamo fondamentali. I numeri ci sono anche senza di lui ma dopo anni di riforme l’uno contro l’altro, ora si è affermato il principio di farle insieme. Mi sembra un passo in avanti nella cultura politica italiana”.

Scusi, ma quello del Nazareno è davvero un patto scritto?
“Certo”.

E cosa c’è dentro?
“Quello che legge negli atti parlamentari sulle riforme”.

Troppo facile rispondere così.
“Ma vi pare che io firmi una cosa con Berlusconi e la metta in un cassetto? Questa è la tipica cultura del sospetto di una parte della sinistra. Io ho declassificato il segreto di stato per le stragi di questo Paese, e vado a nascondere un patto di questo tipo? C’è scritto quello che abbiamo messo negli atti parlamentari”.

Cosa farebbe se Berlusconi le chiedesse di facilitare l’approvazione di una norma che gli permette di candidarsi alle prossime elezioni bypassando, ad esempio, la legge Severino?
“Non lo ha fatto, non credo lo farà. Del resto la Severino è una legge votata dal PdL e sono certo che sia finito il tempo delle leggi ad personam. Anche perché i percorsi giudiziari sono andati, con tutto ciò che sappiamo. Basta proporre passaggi impropri tra le riforme e le utilità del leader di Forza Italia. Dopo le riforme, torneremo ad essere divisi. Anzi, facciamo le riforme proprio per evitare in futuro di essere costretti a governare insieme”.

Dopo le riforme, i 1000 giorni. Ma non sarà che a settembre le toccherà affrontare un autunno caldo?
“Sono convinto di no. Questa è una retorica che fa sbadigliare, È trita e ritrita. Gli editoriali agostani sono prevedibili come le occupazioni studentesche nei primi giorni di scuola. So bene che la ripresa è fragile, come dice Draghi. L’eurozona cresce meno degli altri. L’Italia non ha invertito la marcia e non la invertirà con la bacchetta magica. Ma la narrazione degli autunni caldi è un noioso deja vu”.

Ma dovrete trovare 20 miliardi oppure no?
“Definire le cifre del 2015 è prematuro. Iniziamo col dire che non ci sarà manovra correttiva quest’anno, con buona pace dei Brunetta & company. Abbiamo un impegno di ridurre le spese di 16 miliardi, che vuol dire di circa il 2% della spesa. Cercheremo di mantenerlo. In ogni caso non toccheremo le tasse: tutti i denari che servono verranno dalla riduzione della spesa. Ecco perché non mi interessa il nome del commissario alla spending, ma la sottolineatura che la spending è scelta politica  -  non tecnica  -  che dipende dalla politica”.

E l’Italia non supererà il 3% nel rapporto deficit/pil?
“Assolutamente no. E non siamo nemmeno messi male. Ci sono le condizioni per uscire dalla crisi. Io definisco gufi non quelli che parlano male di me: chi parla male di me o mi critica mi aiuta, spronandomi a fare meglio. I gufi sono quelli che criticano l’Italia e sperano che non ce la faccia. Ci sono i gufi professore, i gufi brontoloni, i gufi indovini. Anche se questi ultimi dopo il 25 maggio parlano di meno. Ma basta con questo clima di rassegnazione. I cittadini hanno ancora voglia di crederci. E io non mollo di un millimetro”.

Va bene. Però lei deve rispondere anche ai numeri e a chi le fa notare che la crescita ormai s’avvia verso lo zero. Che gli 80 euro non hanno fatto ripartire i consumi, che probabilmente nel 2015 dovrà superare la soglia dell’1,8 nel rapporto deficit/pil fissato dal suo Def.
“Come sarà l’Italia a fine anno lo vedremo. A chi dice che gli 80 euro non hanno rilanciato i consumi, rispondo di aspettare i risultati consolidati. Ma si tratta di un fatto di giustizia sociale, il più grande aumento salariale degli ultimi anni. La crescita è negativa da tempo. Avviandosi verso lo zero darebbe segnali di miglioramento. Comunque per me il metro chiave è il numero degli occupati. Anche questo mese più cinquantamila. Ma non basta”.

Ma il prossimo anno supereremo l’1,8% nel rapporto deficit pil?
“Dipende da come va. Ma di certo staremo sotto il 3%”.

Non è che ci ritroviamo la Troika?
“Non in Italia. La Troika è la negazione della politica”

Molti dicono che con il rapporto con il ministro Padoan va malissimo.
“Non me ne sono accorto. Credo neanche lui”

http://www.repubblica.it/politica/2014/08/04/news/intervista_renzi_mai_legge_salva_berlusconi-93071415/

REAZIONE:NESSUNO LI CREDERA E BERLUSCONI E’ IL PEGGIORE PASSATO CHE MAI ABBIA AVUTO L’ITALIA TANTO POLITICAMENTE COME MORALMENTE E CHIUNCHE ABBIA A CHE FARE CON LUI E’ CONDANNATO AL FALLIMENTO,PURE LA GENERAZIONE “TELEMACO”.

4 AGOSTO 2014:QUESTA RIFORMA NON SI FARA

-TITOLARE LA STAMPA:

Riforme, il Senato procede a ritmo serrato
Il M5S se ne va: “È una porcata” (Live Tv)

ANSA
L’Aula approva 6 articoli del ddl Boschi
e i grillini disertano i lavori per protesta.
Il Presidente della Repubblica nominerà
5 senatori, non più a vita: in carica 7 anni.
Il traguardo dell’8 agosto ora è più vicino
+  Renzi-Berlusconi, giovedì il nuovo incontro la mattina
foto  Chi sono i nuovi padri (e madri) costituenti brasolin
opinioni  Chi ci rimette con il primato della politica Ricolfi
-
REAZIONE:QUESTA RIFORMA NON SI FARA.MI DISPIACEREBBE CHE IL POPOLO DOVESSI DIRGLIELO CON UN ALTRO REFEREMDUN.NON INSISTETI CON IL FEDERALISMO E L’AUTORITARISMO FERMATEVI, CI SARANNO GRAVE RISPONSABILITA STORICHE,INTERNAZIONALI ED ECONOMICHE ANCHE PER LA SINISTRA,OGGI TRANSFUGA NEL PATTISMO PD,E LE LERGHE INTESE.HA RAGIONE GRILLO,E’ UNA PORCATA, E IL POPOLO ITALIANO SAPRA OPPORTUNAMENTE CHIMARLI A RESPONSABILITA.SIETI IN TEMPO, IL “GOVERNO” GOLPISTA DI RENZI ANCORA NON HA DECOLLATO,E NON LO FARA MAI:SI DEVE VOTARE.
Immagine anteprima YouTube
-
4 AGOSTO 2014:LEGA IMPLICATA CON LA MALAVITA DEL SUD
-TITOLARE SU GOOGLE:
Expo, dalla Chiesa: «Infiltrazioni della ‘ndrangheta nei cantieri»
Corriere della Sera  - ‎5 minuti fa‎

La ‘ndrangheta sarebbe presente in «più casi» all’interno dei lavori di Expo e in opere collegate all’evento in programma a Milano nel 2015 e, almeno in un caso, anche in un appalto diretto della società. È l’allarme lanciato dal Comitato Antimafia del .

-
REAZIONE:ORMAI SAPPIAMO CHE LA N’DRANGHETA E “L’ALLEATA” DELLA LEGA.ATTEZIONE,LA N’DRANGHETA NON LA CALABRIA EH..!
-
4 AGOSTO 2014:WW1,CUA CI SONO TUTTI
-BBC:

Video

The Duke and Duchess of Cambridge, Francois Hollande, Queen Mathilde of Belgium, King Philippe of Belgium and Joachim Gauck

WW1 commemorations in Liege

Key moments from the ceremony marking 100 years since Germany invaded Belgium, and Britain entered World War One

TRADUZIONE:Video
Il Duca e la Duchessa di Cambridge, Francois Hollande, Regina Mathilde del Belgio, il re Filippo del Belgio e Joachim Gauck.
Commemorazioni della WW1 a Liegi
Momenti chiave della ceremonia che marca i 100 anni da quando la Germania invase Belgio,e la Gran Bretagna entrò nella Prima Guerra Mondiale
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
.
-APPENDICE:Le lacrime di Kate: commozione per le vittime della Grande Guerra
-SU LA REPUBBLICA:
Le lacrime di Kate: commozione per le vittime della Grande GuerraLe lacrime di Kate: commozione per le vittime della Grande Guerra
Alla vista di migliaia di tulipani installati sotto la Torre di Londra per ricordare le vittime della prima guerra mondiale, in occasione del centenario, Kate Middleton non è riuscita a contenere la commozione. In visita con il marito William e il principe Harry, le lacrime della Duchessa di Cambridge non sono sfuggite ai fotografi.
Immagine anteprima YouTube
-
-APPENDICE:SU LE MONDE,Société
.
Centenaire de la Grande Guerre : les messages politiques de François Hollande

Le Monde.fr | 03.08.2014 à 06h17,Mis à jour le 04.08.2014 à 14h34 | Par Antoine Flandrin

Joachim Gauck et François Hollande, au Hartmannswillerkopf, le 3 août, lors de la célébration du centenaire de la déclaration de la première guerre mondiale.
Joachim Gauk et Francois Hollande,au Hartmannswillerkopf le 3 Aout lors de la celebration du centenaire de la declaration de la premiere guerre mondial./AFP/SEBASTIEN BOZON
Les présidents de la France et de l’Allemagne, François Hollande et Joachim Gauck, se sont donné une longue accolade pour célébrer l’amitié entre leurs deux pays, dimanche 3 août sur le site du Hartmannswillerkopf, dans le Haut-Rhin, lors de la célébration du centenaire de la déclaration de la première guerre mondiale.

Fidèle à sa méthode politique et à sa pratique des commémorations, François Hollande en a profité pour délivrer plusieurs messages politiques. Dans la lignée du discours de lancement des célébrations du centenaire de la Grande Guerre, prononcé le 7 novembre 2013 et du défilé du 14-Juillet dernier, il a de nouveau insisté sur la nécessité de « célébrer le patriotisme », mais cette fois en précisant que « célébrer le patriotisme, ce n’est pas s’éloigner de l’Europe ».

Lire : 1-3 août 1914, mobilisation et entrée en guerre

Ce discours rapprochant les valeurs patriotiques des valeurs européennes s’inscrit dans une logique de reconquête de l’opinion, trois mois après la victoire du Front national aux élections européennes. Le président a ainsi vanté les mérites de cette « Europe qui ne dilue pas la nation », de cette « Europe parvenue à réunifier les démocraties après la guerre », qualifiant au passage la construction européenne d’« aventure exceptionnelle de l’humanité ».

« RESPONSABILITÉ DE CHAQUE GÉNÉRATION »

Pour autant, François Hollande ne s’est pas voilé la face, reconnaissant que « l’Europe est démunie face aux crises ». « C’est pourquoi elle est contestée », a-t-il reconnu. A défaut de proposer une solution politique, le président a invité le monde à garder espoir en mesurant le chemin parcouru par la France et l’Allemagne depuis un siècle. Après « une période de trente ans de conflits, de rancunes, de massacres et de barbarie », les deux pays se sont réconciliés.

Le président de l'Allemagne, Joachim Gauck, et le président de la France, François Hollande, à Wattwiller, le 3 août.

Le President de l’Allemagne Joachim Gauk et le President della France Francois Hollande,a Wattwiller le 3 Aout./AFP/SEBASTIEN BOZON

François Hollande et Joachim Gauck, qui s’étaient rendus l’an dernier ensemble à Oradour-sur-Glane, n’ont pas manqué de rappeler l’action de leurs prédécesseurs : lorsque Charles de Gaulle et Konrad Adenauer signèrent le traité d’amitié franco-allemand en 1963, puis lors de la poignée de main entre François Mitterrand et Helmut Kohl en 1984.

Voir la vidéo : A Oradour-sur-Glane, François Hollande et Joachim Gauck main dans la main

La pose de la première pierre de l’historial franco-allemand de la Grande Guerre du Hartmannswillerkopf, un peu plus tard, par les deux présidents, devant des dizaines de jeunes français et allemands, visait à inscrire cette amitié dans le temps. « Il est de la responsabilité de chaque génération de défendre cette réconciliation », a précisé le chef de l’Etat.

UN MESSAGE AU PROCHE-ORIENT

Les mains de François Hollande et de Joachim Glauck lors de la pose de la première pierre de l'historial franco-allemand de la Grande Guerre, le 3 août 2014.
Les mains de François Hollande et de Joachim Glauck lors de la pose de la première pierre de l’historial franco-allemand de la Grande Guerre, le 3 août 2014. | AP/Christophe Karaba

L’érection de l’amitié franco-allemande en modèle de paix universelle devait permettre à François Hollande de délivrer un certain nombre de messages sur le plan international. « A ceux qui désespèrent du processus de paix au Proche-Orient, quel plus beau message pouvons-nous délivrer que celui d’aujourd’hui ? », a-t-il poursuivi. L’histoire de la France et de l’Allemagne démontre, a-t-il dit, « que la volonté peut toujours triompher de la fatalité et que des peuples qui ont été regardés comme des ennemis héréditaires peuvent en quelques années se réconcilier ». « Tous nos efforts doivent être tendus pour imposer, aujourd’hui plus que jamais, le cessez-le feu à Gaza et en finir avec les souffrances des populations civiles », a-t-il insisté.

Lire la chronique : François Hollande à la recherche du temps perdu

Rappelant que « les commémorations ne sont pas une nostalgie », mais un appel à l’union, un rappel des leçons de l’histoire, « donnant du sens au monde d’aujourd’hui », François Hollande a passé en revue les crises qui secouent la planète, de l’Ukraine à l’Irak et du Sahel à la République centrafricaine. Partout, le message de paix était le même. A l’heure où l’Europe paraît n’avoir jamais autant commémoré les morts des guerres passées, celle-ci n’est probablement jamais autant apparue aussi impuissante à s’imposer comme un médiateur de paix crédible dans le monde.

Antoine Flandrin,Journaliste au Monde

http://www.lemonde.fr/societe/article/2014/08/03/il-y-a-cent-ans-la-premiere-guerre-mondiale-etait-declaree_4466231_3224.html

5 AGOSTO 2014:L’ETERNO RITORNO IN PATRIA DEI MARO
.
-SU LA REPUBBLICA:
.
Marò, sì dalla corte indiana a rinnovo della libertà provvisoria
.

Sì alla garanzia da 10 milioni di rupie per altri due anni. L’ex ministro Terzi, che si dimise in polemica con la gestione del governo del caso: “Uno scenario umiliante per l’Italia”

04 agosto 2014

Marò, sì dalla corte indiana a rinnovo della libertà provvisoria

NUOVA DELHI

-La Corte suprema indiana ha autorizzato oggi il rinnovo delle garanzie bancarie legate alla libertà provvisoria dietro cauzione dei fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Fonti locali hanno confermato all’agenzia Ansa che le garanzie hanno la validità di due anni, mentre la libertà su cauzione è a tempo indeterminato. La decisione è stata presa in una breve udienza da un tribunale composto dal presidente R.M.Lodha e da altri due giudici.

Nel giugno scorso i due fucilieri della Marina trattenuti da due anni, in una videoconferenza dall’ambasciata italiana, avevano ribadito la loro innocenza e chiesto che India e Italia tornino a dialogare: “Siamo innocenti, India e Italia dialoghino per pace”. Girone urlò: “Abbiamo obbedito a ordini, muro contro muro porta solo a distruzione”. Latorre: “Continueremo a soffrire con dignità nell’attesa che questa storia abbia termine

“I due titoli di garanzia bancaria autorizzati oggi, del valore ciascuno di 10 milioni di rupie (all’epoca equivalenti a 143 mila euro), erano stati depositati in una banca di Kochi, in Kerala, il 2 giugno del 2012. In quel giorno Latorre e Girone hanno lasciato il luogo di detenzione costituito in una scuola della città. La decisione della Corte ha fatto seguito a una richiesta dei legali dei marò, che ha permesso così il rinnovo delle garanzie scadute e il loro trasferimento a New Delhi, luogo dove i due militari italiani sono sotto la custodia del massimo tribunale indiano, che il 18 gennaio 2013 ha spostato la competenza del caso dal Kerala allo Stato indiano.

Terzi: “Italia umiliata”. Giulio Terzi di Sant’Agata, l’ex ministro degli Esteri che si dimise in polemica con il rientro dei due marò in India deciso dal governo, attacca duramente il governo: “Un altro paradossale tocco a uno scenario surreale, umiliante per l’Italia e le sue Forze Armate. La decisione odierna indiana convalida anzitutto lo stato di fermo, del tutto illegale per il diritto internazionale dei nostri due fucilieri. Non era certo quello che si aspettavano tutti coloro che seguono con apprensione questa vicenda da 490 giorni: dal momento cioè del rinvio in India di Latorre e Girone con la promessa che sarebbero tornati nel giro di poche settimane”

.

http://www.repubblica.it/esteri/2014/08/04/news/mar_s_dalla_corte_indiana_a_libert_provvisoria-93080551/?ref=HREC1-16Immagine anteprima YouTube

-

6 AGOSTO 2014:LARGHE INTESE INSISTONO CONTRO IL POPOLO

.

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Riforme, Berlusconi 3 ore da Renzi  "Passi avanti sulle soglie   foto    ma cautela sulle preferenze"   video

Riforme, Berlusconi 3 ore da Renzi

“Passi avanti sulle soglie foto ma cautela sulle preferenze” video

Senato, il governo va sotto su emendamento Sel

Le firme per i referendum tornano 500mila dir tv

Approvati articoli che aboliscono Cnel e Province,di PIERA MATTEUCCI
Articoli correlati

RNews Rivara: “Accordo lontano sulle preferenze”

RNEWS Ciriaco: “Tre ore su Italicum e economia”

-

REAZIONE:IN SOSTANZA IL FONDAMENTO DELL’L'INCONTRO VIENE SINTETIZATO DA RENZI COSI:”La riforma della Costituzione all’esame del Senato è un “passaggio storico” e secondo Matteo Renzi è ormai al traguardo. In una lettera inviata ai parlamentari della maggioranza per esporre il programma dei ‘mille giorni’, Renzi spiega: “Il Senato sta discutendo questo disegno di legge proprio in queste ore. Passaggio storico, fondamentale: ci siamo”. E sulla riforma della legge elettorale, il premier ha insisto che dovrà garantire l’individuazione di un “vincitore” e “stabilità” per il governo. “La riforma elettorale, con la garanzia di un vincitore e la stabilità per chi vince. Passata la prima lettura alla Camera, alla ripresa andremo in Senato”VEDERE LA NOTA COMPLETA CUA

http://www.repubblica.it/politica/2014/08/06/news/riforme_berlusconi_a_palazzo_chigi_per_l_incontro_con_renzi-93218084/?ref=HRER1-1

L’ESSEGESI VI LA FACCIO IO.QUESTA RETORICA VUOL DIRE DUE COSE:

PRIMO CHE LE LARGHE INTESE INSISTONO SUL FEDERALISMO DI BOSSI E LA LIEGA GIA BOCCIATO PER IL POPOLO NEL REFERENDUM:COSA ALTRO SIGNIFICA UN SENATO NON ELETTIVO NOMINATO DAI COMUNI E “LE REGIONI”?

SECONDO CHE INSISTONO SUL PRESIDENZIALISMO DI BERLUSCONI GIA BOCCIATO DALLA CORTE COSTITUZIONALE:COSA ALTRO SIGNIFICA “INDIVIDUARE UN VINCITORE”?,COSA ALTRO SIGNIFICA CHE 5 DEI POCHI SENATORI POTRANNO ESSERE NOMINATI DAL PRESIDENTE?(E INOLTRE VENGONO ABOLITI I SENATORI A VITA CHE LO ERANO  PER LA SUA TRAIETTORIA DEMOCRATICA E NON PER IL VOLERE DI QUALSIASI MANDANTE)

LA COSTITUZIONE DEVE GARANTIRE LA DEMOCRAZIA E LA RAPRESENTATIVITA POPOLARE NON “L’INDIVIDUAZIONE DI UN VINCITORE” E LA “STABILITA”.QUESTO E’ UN INFANTILISMO POLITICO AL TONO CON LO SPIRITO ETARIO DELLA RIFORMA(NIENTE SENATORI,NIENTE ADULTI),NON SI TRATTA MICA DI UNA PARTITA DI CALCIO(BERLUSCONI VADA A FARE IL PRESIDENTE DEL MILAN),IL VINCITORE DEVE ESSERE IL POPOLO E LA STABILITA SOGETTA AL LIBERO GIOCO DEMOCRATICO DELLE PARTI ALTRIMENTE SI RISCHIA DI TORNRE A EPOCHE DI AUTORITARISMO CON  LE MASSE ACRITICHE IRRAZIONALMENTE SOGETTI ALLA VERTICALITA DEL MANDANTE .

QUESTA RIFORMA NON PASSERA,QUESTA LEGGE ELETTORALE NON PASSERA,LE LARGHE INTESE NON DEVONO PASSARE,DISSOLVERE LE CAMERE E ANDARE AL VOTO SUBITO CON LE ATTUALI REGOLE COSTITUZIONALI.

-APPENDICE:IL GIORNO DOPO(7 AGOSTO 2014)E L’ITALIA DEI MILLE

EDITORIALE:LA STABILITA,L’ECONOMIA,BERLUSCONI E IL COMPLOTTO EUROPA

DURANTE TUTTO IL PERIODO IN QUI NON SI HA VOLUTO INDIRE ELEZIONI GENUINI,DEMOCRATICI E ADEGUARSI ALLA VOLONTA POPOLARE EMERSA DAL VOTO,CIO’E’ FIN DAI TEMPI DI BERLUSCONI PREMIER E DOPO DURANTE LA CONSEGNA A MONTI,PASSANDO PER ELEZIONI,CHE ANTICIPATE NON SONO STATI VISTO CHE SONO STATI FATTI IN COINCIDENZA CON LA SCADENA NATURALE DELLA LEGISLATURA BERLUSCONI,PER FINIRE NEL COLPO DI PALAZZO CHE HA SCAVALCATO LA VOLONTA DEMOCRATICAMENTE ESPRESSA;NAPOLITANO CI HA VENUTO RACCANTANDO LA BARZELLETTA DELLA “STABILITA” NECESSARIA PER SUPERARE LA CRISI E PER LA CRESCITA.L’ARGOMENTO ERA CHE I MERCATI E L’EUROPA COSI LO CHIEDEVANO.

HO ARGOMENTATO CHE NON ERA VERO,CHE QUESTA STABILITA LEGATA ALLL’ECONOMIA ERA SOLO LA SCUSA PER PERPETUARSI AL POTERE,ALTRIMENTE NON AVREBBE CADUTO BERLUSCONI.

BENE LE LARGHE INTESE SEMBRANO AVERE ACCOLTO QUESTA MIA INTERPRETAZIONE E ALLORA…. LE LARGHE INTESE:BERLUSCONI E’ ANCORA LI,ORA CON RENZI CERCANDO ANCORA DI DIMOSTRARE CHE SE BERLUSCONI RESTA E L’ECONOMIA CRECSE LA STABILITA ERA LA STRADA ADEGUATA.IL CO-RELATO DI QUESTA TESI?C’E’ STATO UN COMPLOTTO EUROPEO CONTRO BERLUSCONI E NON CAUSE INTERNE NELLA SUA CADUTA.

ADESSO IN UNA SERIE DI NOTE SU CIO CHE STA ACCADENDO PROPIO ORA,IL GIORNO DOPO DEL MIO SCRITTO VI FARO VEDERE QUESTA TESI COME FONDMENTO DELL’ITALIA GOLPISTA DI OGGI.

1-IL GIORNO DOPO,NIENTE STABILITA:L’ITALIA PIOMBA IN RECESSIONE

-SU THE HUFFINGTON POST:

Recessione Pil, dati Istat: per il secondo trimestre: -0,2%, sull’anno -0,3%. Crollo a Piazza Affari, sale lo spread

L’Huffington Post
Pubblicato: 06/08/2014 11:01 CEST Aggiornato: 06/08/2014 19:25 CEST
RECESSIONE

L’Italia scivola in recessione per la terza volta dal 2008 e ora si teme che l’intero 2014 chiuda con il segno meno mettendo in ulteriore tensione i conti pubblici e il governo di Matteo Renzi. Secondo i dati preliminari di Istat, nel secondo trimestre del 2014 il Pil è diminuito dello 0,2% in termini congiunturali – toccando a livello nominale il punto minimo degli ultimi 14 anni – dal calo dello 0,1% dei primi tre mesi dell’anno. La mediana delle stime raccolte da Reuters fra gli analisti indicava un aumento dello 0,2%.

La diffusione del dato ha fatto di Piazza Affari il peggiore dei listini europei, con l’indice Ftse Mib che ha chiuso in calo del 2,7% ai minimi dal 6 febbraio, mentre la forbice Btp/Bund sul tratto decennale si è aperta oltre 170 punti base per la prima volta dall’11 luglio.
La variazione del Pil acquisita per il 2014 è ora pari a -0,3% contro la crescita dello 0,8% prevista ad aprile dal Tesoro in parallelo con un deficit/pil al 2,6%.

Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha detto che, nonostante l’andamento dell’economia peggiore delle stime, il disavanzo resterà sotto il tetto Ue del 3% senza manovre aggiuntive. “Dietro l’angolo non c’è una manovra. Il governo osserva attentamente la finanza pubblica e con un controllo attento delle spese la manovra non c’è”, ha detto Padoan in un’intervista al Tg2. Dalla recessione si “esce continuando con la strategia del governo, riforme strutturali, semplificazioni e aumento della competitività”. “I dati negativi sulla crescita non devono portarci alla solita difesa d’ufficio”, dice il premier in una lettera ai parlamentari della maggioranza, in cui incita ad andare avanti sulle riforme “senza incertezze, senza paure, senza frenate” e ribadisce la volontà di procedere come previsto sulla spending review: “Ci siamo dati obiettivi che manterremo”.

Renzi, che ha puntato sia a livello interno che europeo sulla necessità di rilanciare la crescita, risulta, comunque, politicamente indebolito.
Criticato dalle associazioni dei commercianti per la sostanziale inutilità del bonus di 80 euro, impegnato nella snervante maratona delle riforme istituzionali, il premier è in difficoltà come non mai da quando è arrivato a Palazzo Chigi a fine febbraio. La battaglia europea per spostare il focus dell’Unione dall’austerità alla crescita sembra al momento non produrre i risultati auspicati. Il governo italiano, di fatto, continua a rimbalzare contro il muro tedesco. Berlino è convinta che un allargamento dei cordoni della spesa porterebbe solo ad un aumento del già enorme debito italiano – quarto al mondo – senza benefici per la crescita.

Simon O’Connor, portavoce del commissario Ue alle Politiche Economiche, ha ricordato oggi a Bruxelles che a giugno il Consiglio Ue ha raccomandato che Roma “si attenga strettamente alla sua legge di bilancio”, raccomandazione che “resta valida”. O’Connor ha richiamato le parole di Padoan sulla necessità di accelerare le riforme. “Non possiamo che essere d’accordo e sperare che l’Italia, attraverso le riforme strutturali adottate e in fase di realizzazione, consegua le condizioni per una ripresa stabile e per creare occupazione”.

Così, sotto la spada di Damocle dei parametri di bilancio, Renzi e Padoan hanno pochissimo spazio di manovra per cercare di invertire il senso di marcia di un paese sempre più stanco e sfiduciato. L’economia italiana decresce dal terzo trimestre 2011, con l’unica eccezione del quarto trimestre 2013. Nel secondo trimestre di quest’anno il Pil è sceso su base annua dello 0,3% (undicesimo calo tendenziale consecutivo) rispetto al -0,4% del trimestre precedente, rivisto da -0,5%. Istat sottolinea che, “dal lato della domanda, il contributo alla variazione congiunturale del Pil della componente nazionale al lordo delle scorte risulta nullo”. Recentemente, Fmi e Bankitalia hanno rivisto al ribasso le stime sul Pil per il 2014 rispettivamente a 0,3% e 0,2%. Il mese scorso anche Renzi aveva annunciato che sarebbe stato “molto difficile” centrare il target di 0,8%. Alla luce dei primi due trimestri le stime del governo appaiono del tutto irrealistiche e fra gli economisti c’è chi indica una decrescita anche per il 2014 dopo il -1,9% del 2013 .

Una nota positiva viene dalla produzione industriale che in giugno ha messo a segno un aumento dello 0,9% su mese, contro un +0,7% atteso dagli analisti. Si tratta del valore più alto dallo scorso gennaio. Secondo Vincenzo Longo, market strategist di IG, “ora gli investitori, che sin dalla fine del 2013 erano tornati positivi sul nostro paese, iniziano a nutrire seri dubbi sulle possibilità di ripresa dell’economia. Ma anche nel resto d’Europa non sono in una situazione molto migliore della nostra”. Gli occhi sono puntati sulla conferenza stampa del presidente della Banca centrale europea di giovedì. “Interessanti saranno i commenti ai dati odierni che potrebbero arrivare da Mario Draghi domani. Il mercato punta a velocizzare i tempi per l’attivazione del quantitative easing. Così come concepito dalla Bce, il timing, però, dipenderà dall’esito delle aste Tltro. Insomma, gli investitori sembrano temere che il piano di azione studiato a Francoforte possa richiedere troppo tempo e non riuscirà a tamponare un’altra frenata dell’economia della zona euro”.

http://www.huffingtonpost.it/2014/08/06/istat-pil-secondo-trimestre_n_5653502.html?1407315712&utm_hp_ref=italy

Condividi +: Blog in diretta(I meno recenti I più recenti)
Today 11:47 AM EDT

Borse europee: chiudono in calo, Milano maglia nera

Le borse europee chiudono in calo con Milano, maglia nera, che sconta il ritorno dell’Italia in recessione. Londra cede lo 0,69% a 6.636,16 punti, Parigi lo 0,61% a 4.207,14 punti, Francoforte lo 0,65% a 9.130,04 punti. Giù Milano che chiude a -2,7% e Madrid a -1,04%. Wall Street positiva.

Condividi +
Today 10:53 AM EDT

++ Renzi, non si può rinviare spending, è politica ++

“La spending review. Ci hanno detto che la spending è una questione tecnica. Ma è una finzione. La scelta di cosa tagliare e cosa non tagliare è la suprema scelta politica. La spending è ontologicamente questione politica, che non possiamo rinviare. Ci siamo dati obiettivi che manterremo”. Così Matteo Renzi nella lettera ai parlamentari di maggioranza.

Condividi +
Today 10:53 AM EDT

++ Pil: Renzi,no difesa ufficio,coraggio per uscire crisi ++

“In queste ore i dati negativi sulla crescita non devono portarci alla solita difesa d’ufficio. Dobbiamo avere il coraggio e la voglia di guardare la realtà: l’Italia ha tutto per farcela e per uscire dalla crisi. Ma deve cambiare”. Così Matteo Renzi in una lettera ai parlamentari della maggioranza sui “mille giorni”.

Condividi +
Today 10:49 AM EDT

++ Governo: Renzi, avanti con maggiore decisione ++

“Avanti con ancora maggiore decisione. Senza incertezze, senza paure, senza frenate. Il processo di riforme è partito. Procede. iniziato un percorso senza ritorno”. Così il premier Matteo Renzi in una lettera ai parlamentari di maggioranza sulle riforme in atto e il programma dei Mille giorni.

Condividi +
Today 10:49 AM EDT

Renzi: in mille giorni Italia guida e non problema Eurozona

“Care amiche, cari amici, approfitto di queste ore di intensa attività parlamentare per chiedere la vostra attenzione sul passaggio politico-istituzionale che ci attende alla ripresa. Il primo settembre infatti partiranno i ‘MilleGiorni’ che ci porteranno entro il maggio 2017 a disegnare un’Italia diversa, più efficiente e competitiva”. Lo scrive il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in una lettera ai parlamentari della maggioranza.

Condividi +
Today 10:47 AM EDT

++ Pil: Renzi, dipende solo da noi invertire rotta ++

“Nel 2012 abbiamo fatto meno 2,4%. Nel 2013 abbiamo fatto meno 1,6%. Nei primi sei mesi siamo a meno 0,3%. Dobbiamo invertire la rotta. Ma dipende solo da noi. Dal nostro lavoro in Parlamento e nel Paese. I “MilleGiorni” sono la concreta possibilità di far ripartire la speranza e la crescita”. Così Matteo Renzi ai parlamentari di maggioranza

Condividi +
Today 9:03 AM EDT

== Pil: Padoan, nessuna manovra per il 2014

Non ci saranno manovre aggiuntive per il 2014, e il bonus di 80 euro sarà confermato anche nel 2015. Lo ha detto il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, intervistato dal Tg2 commentando i dati sul Pil. Il Ministro ha evidenziato l’andamento della produzione industriale che mostra un segno positivo, e ha sottolineato l’importanza di andare avanti sul cammino delle riforme strutturali.

Condividi +
Today 7:40 AM EDT

Pil: Poletti, non credo ci sarà manovra aggiuntiva

“Non credo”: così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha risposto a una domanda sull’eventualità di una manovra aggiuntiva. “Anche Padoan l’ha escluso” ha detto. “Nella legge di stabilità 2015 dovremo fare i conti con questa situazione – ha aggiunto – ma anche a livello europeo dobbiamo insistere sulla crescita”

Condividi +
Today 7:04 AM EDT

Serracchiani: italia accelera riforme, ma l’europa si interroghi

L’italia accelera il cammino delle Riforme, ma è “il caso che l`europa si interroghi profondamente e urgentemente sulle politiche seguite finora”. Lo ha affermato Debora Serracchiani, vice segretario del pd.

“Che la situazione economica italiana fosse in sofferenza, e da diversi anni, lo sapevamo – ha osservato – e lo abbiamo sempre sottolineato. Per questo, in questi primi mesi dalla nascita del nuovo governo, abbiamo da subito impresso una forte accelerazione alle riforme così necessarie per rendere l`italia un paese più solido e più competitivo. E abbiamo prima di tutto cominciato col dare un po` di sollievo a chi la crisi l`ha subita di più. I dati di oggi, se sono positivi sulla produzione industriale, il che va fa ben sperare sul futuro, confermano riguardo al pil che la velocità con la quale si devono fare le riforme, dalla pubblica amministrazione al fisco, dall`architettura istituzionale al lavoro, diventa ancora più essenziale”.

“Se poi si aggiungono i dati che purtroppo arrivano dalla germania sul crollo degli ordinativi industriali – ha detto ancora serracchiani – si capisce che il problema è europeo, come peraltro abbiamo più volte cercato di sottolineare. Per questo noi siamo ancora più determinati a proseguire, anzi ad accelerare sul cammino delle riforme. Il piano del 1000 giorni che da settembre il governo presenterà al paese è esattamente orientato a portare fino in fondo il cambiamento strutturale che abbiamo iniziato e che serve per riaffermare che l`italia è un grande paese che può uscire dalle difficoltà ed essere protagonista per un cambiamento anche delle politiche europee. Anche perché, letti insieme i dati italiani e tedeschi, ci chiediamo se non sia il caso – ha concluso il vicesegretario pd – che l`europa si interroghi profondamente e urgentemente sulle politiche seguite finora”.

Condividi +
Today 7:03 AM EDT

PIL: BERSANI “IN AUTUNNO IL GOVERNO SI CONCENTRI SUL LAVORO”

“Quelli dell’Istat sul Pil sono dati non inaspettati, che naturalmente preoccupano, ma che non devono cancellare la fiducia nel fatto che questo Paese possa riprendere la sua strada”. Così Pierluigi Bersani ai microfoni di Radio Montecarlo. “Adesso, con l’autunno, il governo deve mettere al centro delle sue politiche la questione del lavoro”, prosegue l’ex segretario del Pd che spiega: “C’è poco da fare, con questa disoccupazione così alta è difficile incidere sul prodotto interno lordo. Occorre, invece, fare investimenti che creino posti di lavoro, e bisogna convincerci e convincere – a cominciare proprio dall’Europa – che riqualificare la spesa può aiutare la crescita, tagliare semplicemente la spesa ha solo un effetto depressivo. Se non interveniamo su questo, non andiamo davvero da nessuna parte”.

CONTINUA NEL PROSSIMO POST(140)

EPILOGO:POVERA SERRACHINI,UNA GIOVANE POILITICA CHE BRILLANTEMENTE HA SALVATO IL FRIULI VENEZIA GIULIA DALLE ZAMPE DELLA LEGA,VEDERLA IN QUESTA SITUAZIONE E SENTIRLA DIRE QUESTE COSSE RISULTA DA VERO PATETICO DOPO CHE SI HA SPESO PER RENZI CONTRO BERLUSCONI.FA DA VERO PENA VEDERLA COSI PIEGATA AL DIKTAT DI NAPOLITANO E LA DISCIPLINA DI PARTITO.VENEZIA MERAITA ALTRA COSA.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 138 »

0

DISTRUGERE IL SENATO:NOTA COMPLETA

-SU THE WASHINGTON TIMES:

HATCH: Distruggere il Senato, e le nostre libertà.

Le modifiche procedurali impediscono la funzione deliberativa tradizionale della camera

Gli Americani tengono il Senato in scarsa considerazione, ma la situazione è ancora peggiore rispetto di cio che la maggior parte capisce. Il Senato è disfunzionale oggi perché la sua attuale leadership stessaha agito per distruggere l’istituzione.La valutazioni di lavori omologati per il Congresso rimangono adolescenziali o al limite in singole cifre per più di tre anni. Un sondaggio dello scorso anno ha rilevato che il Congresso è meno popolare dei pidocchi,dei canali radicolari e gli ingorghi del trafico. La “buona” notizia è che il Congresso è leggermente più popolare di parchi di giochi,i telemarketing e Corea del Nord.

Sondaggi come questi riflettono preoccupazione per i fattori inclusi in The Washington Times come la  ‘futilità dell’agenda, come il tempo che il Congresso trascorre in sessione o il numero di voti presi e le regolamentzioni passate. Con questi provvedimenti, due sessioni produttive meno dal 1940 si sono verificati solo negli ultimi anni. Noi semplicemente non abbiamo fatto molto  in questi giorni.

La Camera ha approvato 338 provedimenti  l’anno e mezzo scorso, alcune su temi di grande importanza, che sono morti all’arrivo in Senato . Ben più grave, però, sono i cambiamenti che l’attuale dirigenza sta facendo sul disegno e la struttura  del Senato che impedirebbero sempre funzionare come dovrebbe.

Durante la Convenzione costituzionale 1787, James Madison ha identificato l’assioma fondamentale che la forma segue la funzione e saggiamente concluso che la struttura del Senato dovrebbe essere determinata dalle sue finalita.

Il Senato è stato progettato per svolgere un ruolo particolare in un sistema accuratamente progettato di governo che si basa su due idee correlate espressi nella Dichiarazione di Indipendenza: in primo luogo, il governo esiste per garantire i diritti inalienabili degli individui; e secondo,il governo deve essere limitato o tendere ad esserlo altrimenti distruggera questi diritti individuali. Tali limiti sono le divisioni di potere tra i governi federali e statali, separando il potere federale in tre rami, e dividendo il potere legislativo in due case molto diverse.

La Costituzione lascia alla Camera e il Senato impostare le proprie regole, e in tutta la storia della nazione queste forme si sono sviluppate in linea con la funzione di ciascun corpo. La funzione della Casa è l’azione, e la sua forma è determinata dal ruolo della maggioranza. Il funzione del senato Senato è la deliberazione e la sua forma ha dato a tutti i senatori, anche quelli in minoranza, un ruolo significativo.

Nel corso della sua storia, tutti i senatori hanno avuto due occasioni fondamentali di partecipazione: il diritto di proporre modifiche alla legislazione e il diritto di dibattito illimitato. L’attuale maggioranza del Senato ha attaccato entrambi questi diritti inesorabilmente.

La lidership della maggioranza del Senato deve essere riconosciuta prima di tutto dal funzionario che presiede e può utilizzare il riconoscimento prioritario per riempire le opportunità disponibili per modificare un disegno di legge.Quando era in minoranza, il leader della maggioranza Harry Reid, Democratico del Nevada, ha condannato questa manovra procedurale come “una pessima pratica” che “va contro la natura fondamentale del Senato . “Adesso la maggioranza, però, ha utilizzato questa molto cattiva pratica di bloccare gli emendamenti più di due volte più spesso degli ultimi sei leader della maggioranza combinati.

Lo scorso autunno, il signor Reid ha usato un’altra manovra procedurale per abolire il diritto della minoranza a discutere nomine. Il Senato aveva confermato il 98 per cento dei candidati del presidente Obama, e i filibustieri non erano solo rari, ma in declino. Ora, per la prima volta in oltre 200 anni, i senatori di minoranza non hanno alcun ruolo significativo nel processo di conferma.

Con i potere concentrandosi nella maggioranza a scapito della minoranza, queste distorsioni di Senato hanno fatto un cambiamento della pratica, nelle parole di Mr. Reid, «nella natura fondamentale del Senato . “Poiché i diversi disegni del Senato e Camera insieme aiutano a limitare il potere del governo, eliminando quelle differenze che mina i limiti critici essenziali per preservare la libertà individuali.

Potremmo presto sperimentare i primi risultati di abbandonare tali limiti. I Democratici hanno abolito la nomina  dei filibustieri lo scorso autunno appositamente per mettere tre persone in una corte particolare. La Corte d’Appello del Circuito DC  degli Stati Uniti era stata equamente bilanciata tra repubblicani e democratici incaricati e il suo basso carico di lavoro non richiedevano piu giudici. La maggioranza ha abolito i filibustieri della nomina in modo che altri tre nominati di Obama potrebbero essere aggiunti alla corte.

Alla fine del mese scorso, un pannello di tre giudici del Circuito DC ha derogato una regola dell’Internal Revenue Service per sovvenzionare i premi della Obamacare sulla sanita federale di cambio. La corte ha correttamente sentenziato che il testo normale del cosiddetto Affordable Care Act concede sovvenzioni solo sul “istituito di scambio dallo Stato [s]“, e che ignorando tale requisito, l’amministrazione Obama ha oltrepassato la sua autorità legittima. L’amministrazione Obama ha lanciato un appello tale decisione a tutta la DC Circuit, che ora è accatastata 7-4 con i giudici compiacenti e quindi con più probabilità di approvare norme che siano in contrasto con il testo di una legge.

Un tale risultato illegittimo sarà possibile solo perché l’attuale maggioranza del Senato ha sacrificato la natura fondamentale del Senato ,per eliminazione  del diritto della minoranza di discutere nomine giudiziarie.

Le priorità politiche cambiano tutto il tempo. Così fa il partito al potere,ho servito nella maggioranza quattro volte per un totale di 16 anni, e in minoranza cinque volte per un totale di 22 anni. Distruggere forme istituzionali essenziali solo per servire interessi di parte immediati è l’altezza di totale indifferenza per il bene comune.

L’attuale dirigenza del Senato sta cercando di distruggere la forma e la funzione basica del Senato e, così facendo, minaccia la libertà stessa.

Orrin G. Hatch dello Utah è l’anziano repubblicano nel Senato degli Stati Uniti ed ex presidente del Senato Comitato Giudiziario.

http://www.washingtontimes.com/news/2014/aug/1/hatch-destroying-the-senate-and-our-liberties/?page=1
-
REAZIONE:EVIDETEMENTE OBAMA,IN MINORANZA NELL CONGRESSO,HA IMPARATTO IN FRETTA COME DIVENTARE  TIRANNO E RAGGIRARE IL PARLAMENTO
QUALSIASI SOMIGLIANZA CON IL COLPO DI PALAZZO DI NAPOLITANO-BERLUSCONI-ALFANO E LA LEGA DOVE IL PRIMO SI HA AUTONOMINATO “RE GIORGIO” A VITA,INCARICATO PREMIER A RENZI,FATTO UN DDL,CIO’E’ UN DECRETO COME QUELLI CHE FANNO I DITTATORI PER MODIFICARE LA STRUTTURA DEL SENATO(CON CANGURI E CANGURINI COMPRESO),APPROVARE UNA LEGGE ELETTORALE FUNZIONALE AGLI INTERESSI DEL PATTO STALINIANO-HITLERIANO DELLE LARGHE INTESE SCAVALCANDO LE DECISIONI DELLA GIUSTIZZIA COSTITUZIONALE ,E’ SOLO COINCIDENZA.
PERO NON HO DUBBI CHE IL POPOLO ITALIANO METTERA LE COSE A POSTO E  QUESTE ABUSI DI POTERE NON PASSERANNO:LA DECIZIONE DELLA CORTE COSTITUZIONALE ISTITUENDO DI FATTO IL PROPORZIONALE RIMARRA,LA RIFORMA DEL SENATO CHE PRETENDE FARE PASSARE IL FEDERALISMO E L’AUTORITARISMO TANTO VOLUTO DA BERLUSCONI E NAPOLITANO QUALORA SI APPROVASSI,SARA DEROGATA DA UN’ALTRO REFERENDUM,E NAPOLITANO CHE HA DEI CONTI PENDENTI CON LA GIUSTIZZIA ALLO STESSO MODO DI BERLUSCONI SARA CHIAMATO  A RSPONSABILITA.’
E FORSE ANCHE AD OBAMA ARRIVERA,STA ARRIVANDO, IL SUO IMPEACHMENT.
E PERCHE A NESSUNO LI SI METTA IL TRIONFALISMO IN TESTA VI RINFRESCO LA MEMORIA.OGGI PER OGGI LA NUOVA ERA PER VOLERE DEL POPOLO ITALIANO RESTA VINCENTE:IL BIPOLARISMO MANICHEO E’ STATO ABOLITO,L’ANTICA LEGGE ELETTORALE E’ STATA ANULLATA DALLA GIUSTIZIA PER ISITITUIRE IL PROPORZIONALE E LA GENERAZIONE TELEMACO E’ SOLO UNA ESPRESSIONE DI DESIDERIO PERCHE I NUOVI MEZZI DIGITALI EGEMONICHE DECIDONO LE ELEZIONI E LA VECCHIA TV UNIDIREZZIONALE DEI TELECANDIDATI DELL’ERA BERLUSCONI E’ IL PASSATO.

4 AGOSTO 2014:RIPERCUSSIONI DEL CONFLITTO SPAGNA-ARGENTINA -GRAN BRETAGNA SU FAULKLAND E GIBILTERRA NEL MAROCCO

Mercopress - South Atlantic News Agency

Mercoledì, Dicembre 4th 2013 – 21:47 UTC

Parlamentari Tory vogliono premere la Spgna sui «problemi legali” di Ceuta e Melilla rivendicati dal Marocco

Un Tory MP ha chiesto al governo britannico di premere Spagna all’interno dell’Unione europea per “problemi legali” derivanti da Ceuta e Melilla. Philip Hollobone, il deputato conservatore per Kettering, ha presentato la richiesta in una interrogazione parlamentare scritta su Gibilterra presentata alla Camera dei Comuni.

.

Egli ha esortato il Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth a commissionare uno studio dettagliato tra il rapporto di Gibilterra con il Regno Unito per il confronto con la Spagna e  le sue zone franche del Nord Africa che sono rivendicati dal Marocco.

Il sig Hollobone vuole anche che il governo britannico esamini “… come il Regno Unito potrebbe sollevare a livello europeo la questione dei problemi giuridici derivanti dal rapporto di Spagna Ceuta e Melilla”. Egli non si espande su ciò che hanno comportato tali “problemi”.

La Spagna ha sempre sostenuto che Gibilterra non può essere paragonato a Ceuta e Melilla perché i due territori spagnoli godono di uno status costituzionale diverso al Rock. Ma il fatto che la questione è stata sollevata alla Camera dei Comuni fa fa salie la temperatura con  il governo spagnolo, che è molto sensibile alle questioni relative alle sue due enclavi nordafricani.

La omanda scritta dell’onorevole Hollobone ha coinciso con un dibattito orale nei Comuni in cui il ministro britannico per l’europa, David Lidington, ha risposto alle domande su Gibilterra. Questa è la terza settimana consecutiva che Gibilterra è stata sollevata nel parlamento britannico.

“Rimaniamo molto preoccupati per i ritardi alle frontiere di Gibilterra con la Spagna e premono le autorità spagnole ad agire sulle raccomandazioni della Commissione europea a loro”, ha detto Lidington.

“Continuiamo a lavorare a stretto contatto con il governo di Gibilterra per sostenere la sovranità del Regno Unito e dei diritti del popolo di Gibilterra, anche sfidando illegali incursioni spagnole nelle acque territoriali britanniche di Gibilterra.”

Il Tory MP Jason McCartney ha sottolineato l’importanza di avere “un valico di frontiera praticabile” e ha invitato il sig Lidington a garantire che la Commissione europea abbia mantenuto la sua promessa di rendere più facile per le persone attraversare la frontiera.

“Will [sig Lidington] … segue la questione con la Spagna in modo che il popolo di Gibilterra possa godere dei diritti dell’Unione europea che la Spagna deve a loro?” Chiese.

Mr Lidington ha concordato e ha risposto: “Stiamo infatti continuando a premere le autorità spagnole ad attuare ciò che la Commissione ha raccomandato, inclusa l’aggiunta del numero di corsie in modo che le auto possono entrare in contatto più agevolmente e guare a come risulta il profilo di rischio dei viaggiatori che attraversano la frontiera in modo che coloro che possono essere contrabbandieri o altri criminali possoa essere adeguatamente identificati e cittadini comuni non disturbati. ”

IL Deputato laburista Barry Sheerman ha invitato il ministro a usare la sua influenza per temperare il linguaggio del contenzioso con gli spagnoli, che ha descritto come “grandi alleati” del Regno Unito.

“Possiamo solo abbassare la temperatura e smettere di buttare pezzi di mattone a vicenda?” Chiese. Il sig Lidington rispose che sarebbe “troppo contento se potessimo abbassare la temperatura.”

Ma ha aggiunto: “Non è solo una questione di abbassare la temperatura in scambi verbali, ma dei aspettarsi deinostri alleati della NATO in Spagna a desistere dalle incursioni illegali nelle acque britanniche di Gibilterra che sono stati fin troppo comuni.”

La scorsa settimana il ministro degli Esteri britannico William Hague ha incontrato il neo ministro degli Esteri marocchino, Salaheddine Mezouar e ha elogiato i rapporti Regno Unito / Marocco.

“Sono stato felice di accogliere il mio omologo marocchino sig Salaheddine Mezouar in un momento in cui la Gran Bretagna e il Marocco stanno celebrando 800 anni di rapporti diplomatici”.

“Abbiamo discusso le questioni regionali, tra cui l’Iran, la Siria e la Libia, e concordato di tenersi in stretto contatto su questi temi.”

“Ho ringraziato l’onorevole Mezouar per il sostegno del Marocco durante la nostra presidenza del G8; e ho ribadito il nostro sostegno al programma di riforme del governo marocchino “.

“Abbiamo discusso il rapporto dello sviluppo economico, e accolto con favore il lancio del British Business Forum Marocchino entro questa settimana. Abbiamo concordato che possiamo fare di più per aumentare i collegamenti commerciali bilaterali, e mi auguro che questi rimarranno al centro della relazione, come si sviluppa ulteriormente “.

—-

Questa è la terza settimana consecutiva che Gibilterra è stata sollevata nel parlamento britannico.

Hague ha incontrato a Londra con la nuova nomina marocchino ministro degli Esteri Salaheddine Mezouar

n.mercopress.com/2013/12/04/tory-mps-want-spain-pressed-on-the-legal-problems-of-ceuta-and-melilla-claimed-by-morocco

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:SULLO STESSO GIORNALE ONLINE

Mercoledì, Aprile 23rd 2014 – 05:54 UTC

Madrid sta cercando di bloccare la vendita di rocce a Gibilterra, secondo i media spagnoli

Il Ministero degli Affari Esteri della Spagna sta esortando il Marocco e Portogallo di bloccare la vendita di rocce a Gibilterra, secondo la pubblicazione on-line El Confidencial. Il sito ha segnalato nel fine settimana che il ministero guidato da José Manuel García-Margallo aveva avviato contatti con i “paesi amici” nel tentativo di fermare i piani “espansionistici” di Gibilterra.

Presumibilmente García-Margallo ha contattato i fornitori in Portogallo e Marocco

El Confidencia ha  ripbadito rapporti errati che il “pegnon”(gibilterra) è la bonifica dei terreni sul lato est. Non è chiaro per quali motivi la Spagna stava facendo la richiesta.

Gibilterra ha recentemente importato spedizioni di roccia sia da Portogallo e Marocco via mare dopo che la Spagna ha vietato le importazioni attraverso il confine terrestre.
Le rocce sono state legalmente acquistate sul mercato e utilizzati per opere di protezione costiera a Sandy Bay con il compliant dell’Unione Europea.

Fino ad ora Gibilterra aveva importato materiali da costruzione di questo tipo da cave spagnole.

Un portavoce del Convent Place N.6  ha detto che il governo di Gibilterra era a conoscenza della relazione online, ma non ha potuto verificare la veridicità.

“Anche se è vero, siamo certi che non influenzerà la capacità del governo di procurarsi eventuali pietre o materiali che sono necessari”, ha detto il portavoce.

http://en.mercopress.com/2014/04/23/madrid-trying-to-block-sale-of-rocks-to-gibraltar-according-to-spanish-media

Immagine anteprima YouTube

REAZIONE:IL RIACCENDERSI ATTUALE CONFLITTO LIMITROFE CON MEDIAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA FRA SPAGNA-INGLITERRA DI QUI POCO SI PARLA NELLA STAMPA ITALIANA,E’ UNA CONSEGUENZA DELLE TENSIONI NELL’ATLANTICO SUD FRA GRAN BRETAGA E L’ARGENTINA SULLE FAULKLAND.PIU DI UNA VOLTA LA SPAGNA E L’ARGETINA, MALGRADO LE PROPIE CONTROVERSIE( SU REPSOL,LA COMPAGNIA PETROLIERA SPAGNOLA RECENTEMENTE EXPROPIATA DALL’ARGENTINA)ENTRAMBE HANNO COINCISO NEL CATALOGARE I RISPETTIVI CONFLITTI COME NEO COLONIALISMO INGLESE E MINACCIATO UNA AZIONE COMUNE NEELL’ONU MAI CONCRETATA.

IL RE DEL MAROCCO RITIENE DI ESSERE VITTIMA DI SIMILE VIOLAZIOI DI FRONTIERA PER PARTE DEI TERRITORI SPAGNOLI NEL NORD AFRICA DI CEUTA E MELILLA CON CUI CONDIVIDE FRONTIERE E HANNO FATTO ACCORDO CON GLI INGLESI,CHE CATALOGANO ENTRAMBI TERRITORI COME COLONIE, PER PRESENTARE AZIONI COMUNI ANCHE ALL’ONU.

PER IL BENE DELLA NUOVA ERA SPERIAMO CHE QUESTI TENSIONI E I SUOI GIOCHI DIPLOMATICI NON ABBIANO DELLE CONSEGUENZE IN ITALIA:SOLLIEVARE QUESTA PREOCUPAZIONE NON E’ INGIUSTIFICATO DAL MOMENTO CHE ROMA HA UN VESCOVO ARGENTINO E CHE PRESENZA DI MEDIATORI INGLESI SI SONO RIVELATI COME DEMANDANTI DI TANGENTI NEGLLE INCHIESTE DI FINMECCANICA E MOSE CON LA FAMOSA “CUPOLA” CHE SI RIFA ALLA LEGA E BERLUSCONI.PER NON PARLARE DI MILLS,

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

4 AGOSTO 2014:TENSIONE FRANCIA-MAROCCO

News

EsteriPolitica

Diplomazia

Tensioni tra Marocco e Francia

Sono forti le polemiche tra due Paesi legati da tradizionali legami politico-economici

Andrea Ranelletti
Lunedì 3 Mar 2014, 17:47

Sale la tensione tra Francia e Marocco, due Stati storicamente legati prima dall’esperienza coloniale, quindi da un’importante e proficua collaborazione politica ed economica. Una serie di circostanze hanno rivelato la presenza di una frattura diplomatica con pochi precedenti nelle relazioni tra due Paesi la cui cooperazione ha in passato contribuito a definire gli equilibri della regione e rappresentato un ponte tra due mondi divisi dal Mediterraneo.

Le polemiche sono esplose al seguito delle dichiarazioni riportate in un documentario girato dall’attore e regista spagnolo Javier Bardem, in cui si descrivevano gli eventi legati all’annessione al Marocco della regione del Sahara Occidentale. Secondo Bardem, un ex ambasciatore francese alle Nazioni Unite avrebbe affermato che Parigi ha ignorato volutamente gli abusi compiuti dal Marocco nel 1975 nel processo di annessione dell’area. Le accuse di aver utilizzato in maniera sistematica la tortura nella regione ha provocato la rabbia del Marocco. Le parole incriminate, attribuite all’attuale ambasciatore francese negli Stati Uniti Francois Delattre, sarebbero: il Marocco è per la Francia «un’amante con cui dormiamo ogni notte, della quale non siamo particolarmente innamorati, ma che dobbiamo difendere». La frase ha scatenato la rabbia del governo marocchino, che si è scagliato contro le parole «umilianti» pronunciate dal diplomatico.

Secondo quanto riportato dalla stampa, un Francois Hollande preoccupato per la piega presa dagli eventi avrebbe telefonato al Re del Marocco per sottolineare il sentimento di amicizia che unisce la Francia al Marocco e cercare di appianare le divisioni formatesi nei giorni precedenti. Le sue parole non sono però servite a contenere il disappunto del popolo marocchino: folle si sono raccolte fuori dall’ambasciata francese a Rabat per protestare contro la Francia.

Nel frattempo, ad aggravare la situazione è giunta la notizia riguardante i tentativi della polizia francese di prelevare un importante esponente dell’intelligence del Marocco. Nella scorsa settimana, il capo dei servizi d’intelligence marocchini ‘Direction de la Surveillance du Territoire’ (DST) Abdellatif Hammouche sarebbe stato raggiunto dalla polizia francese mentre si trovava in visita all’Ambasciata parigina in Marocco. Alla base dell’azione, il desiderio di interrogare Hammouche riguardo due episodi di tortura che vedrebbero coinvolta la sua agenzia. Attenzione sulla vicenda è stata prodotta dall’apertura di due cause civili da parte dell’organizzazione non governativa francese ‘Action by Christians for the Abolition of Torture’.

Nel report annuale del 2014 riguardante il rispetto dei diritti umani in Marocco, l’organizzazione non governativa Human Rights Watch scrive: «Nei casi riguardanti la sicurezza di Stato, come il terrorismo, l’affiliazione a movimenti islamisti, o il supporto all’indipendenza del Sahara Occidentale, viene praticata la tortura e il maltrattamento da parte degli ufficiali di polizia durante il processo d’arresto e la detenzione. Molti individui sono stati costretti a confessare e richiusi in prigione sulla base di queste confessioni». Amnesty International scrive invece nel suo annuario che in Marocco «la tortura e altri maltrattamenti continuano a essere riportati, con detenuti tenuti sotto interrogatorio dal Dipartimento per la Sorveglianza Statale (DST) a particolare rischio. In seguito alla sua visita di settembre, l’inviato speciale ONU ha osservato che la tortura tende a essere praticata soprattutto quando le autorità avvertono che la sicurezza di Stato è sotto minaccia. Ha notato inoltre che le accuse di tortura raramento portano alla prosecuzione contro i probabili colpevoli».

Ancora nel 2012, la Francia costituiva il principale partner commerciale del Marocco. Secondo i dati forniti dal Governo francese, la Francia è il principale acquirente delle esportazioni marocchine (per un 22,6% del totale), mentre il Marocco è il secondo acquirente dell’export francese, per un totale del 12,9%. La Francia è il principale investitore straniero nel Paese maghrebino: nel 2012, l’ammontare dell’Investimento Estero Diretto francese in Marocco è stato pari a 919 milioni di euro. 750 sussidiarie di compagnie francesi lavorano in Marocco, dando impiego a circa 800mila persone. «La Francia rappresenta anche la maggiore singola fonte di turisti» è scritto sul sito del Governo «e genera un introito totale stimato in 1 miliardo e 700 milioni di euro».

Un allontanamento tra Marocco e Francia può creare problemi anche in Mali, dove Rabat sta offrendo un importante sostegno alla ricostruzione e al rafforzamento delle istituzioni nel Paese, dopo che l’intervento a guida francese ha sradicato dal Nord i gruppi islamisti e tuareg ribelli che avevano preso il Nord del Paese. A febbraio, Re Mohammed VI ha compiuto un importante viaggio in Mali, in cui sono stati discussi argomenti di cruciale importanza assieme al Presidente Ibrahim Boubacar Keita.

Nell’articolo Making More of It, il settimanale inglese ‘The Economist’ analizza la recente visita del Re Mohammed VI in Mali: «Il Marocco spera di fare soldi grazie ai propri vicini. Oltre 100 uomini di affari marocchini stanno accompagnando Mohammed. Si prevede che la popolazione del Mali triplicherà nell’arco dei prossimi 35 anni e donatori hanno investito miliardi di dollari per aiutare a ricostruire il Paese dopo che l’azione militare francese dello scorso anno ha aiutato ad allontanare gli islamisti. […] Il Marocco è già ora il maggior investitore africano nel Paese, soprattutto nel settore bancario e delle telecomunicazioni, tramite compagni come Attijariwafa Bank e Maroc Telecom, e potrebbe espandersi nell’agricoltura, nell’infrastruttura, nel minerario e nell’energia».

http://www.lindro.it/politica/2014-03-03/120887-tensioni-tra-marocco-e-francia

REAZIONE:BISOGNA AGGIUNGERE QUALCOSA?NO
Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-
3 AGOSTO 2014:AL RICORDO DELLA GRANDE GUERRA
.
-TITOLARE DEL CORRIERE:

Parigi-Berlino, abbraccio in ricordo della Grande Guerr,Foto

Viaggio al Fronte: i luoghi della Grande Guerra

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 137 »

29 luglio 2014
0

29 LUGLIO 2014:MICROSOFT GLOBALIZZA,”LA CINA UN MERCATO CHIAVE”

8 lug 2014 Ultimo aggiornamento alle 22:28 ET

Regolatori cinesi visitano gli uffici Microsoft

Microsoft Windows 8 in mostra
All’inizio di quest’anno la Cina ha vietato gli acquisti governativi di Microsoft Windows 8
Microsoft ha confermato che funzionari della Amministrazione statale cinese per l’Industria e Commercio – l’organismo incaricato di far rispettare le leggi commerciali – hanno visitato alcuni dei suoi uffici.L’azienda, che non è stata accusata di alcun illecito, non ha rivelato il motivo per le visite.Ma i media indicano che il gigante della tecnologia può essere di fronte ad una potenziale indagine anti-trust.Microsoft ha detto “che affronterà tutte le preoccupazioni che il governo possa avere”.Ogni potenziale indagine in Cina sarebbe una battuta d’arresto per Microsoft nel paese, un mercato chiave per la crescita delle imprese tecnologiche globali.All’inizio di quest’anno, la Cina ha detto di voler vietare l’uso del governo di Windows 8, l’ultimo sistema operativo di Microsoft.Un maggiore controllo?Le visite agli uffici di Microsoft arrivano pochi giorni dopo che il regolatore  anti-trust della Cina ha detto che Qualcomm, uno dei più grandi produttori di chip mobili del mondo, aveva usato il potere di monopolio nel fissare i suoi costi di licenza.Il caso anti-trust ha gia visto alcuni produttori di cellulari locali trattenuti sulle patenti di firma per i prodotti di Qualcomm, colpendo le sue entrate.Un’altra società di tecnologia, interdigitali – specializzata nella tecnologia wireless, ha anche affrontato un’indagine simile.I Regolatori cinesi hano sospeso l’inchiesta all’inizio di quest’anno dopo che l’azienda interdigitali ha accettato di modificare la sua struttura dei prezzi.Tuttavia, alcuni hanno sostenuto che la Cina sta usando le inchieste anti-trust per proteggere le imprese nazionali.”E ‘sempre più evidente che il governo cinese ha sequestrato sull’utilizzo della legge [anti-monopolio] per promuovere il benessere del produttore cinese, e di avanzare politiche industriali che alimentano imprese nazionali”, la Camera di Commercio degli Stati Uniti ha detto all’inizio di quest’anno.
.
http://www.bbc.com/news/business-28519908
.
-REAZIONE:COMPLETATA LA CONVERSIONE ALLA NUOVA ERA(AL MOBILE)LA NUOVA MICROSOFT GUIDATA DALL’INDIANO NADELLA DICE SI ALLA GLOBALIZAZZIONE.
COME SI HA DETTO LA FRANCIA,LA GRAN BRETAGNA,LA GERMANIA,L’ITALIA E L’UNIONE EUROPEA.
L’UKRANIA NO,MA NON PER QUESTO SI BUTTINO GIU I PILASTRI DEL PONTE EUROASIATICO,PUO PASSARE  DALLA POLONIA,DA DONESTK (1)E PERFINO LA CRIMEA SORVOLANDO AL DI SOPRA DI QUEL PAESE.
(1)LA CINA AVEVA FATTO UN ACCORDO CON IL GOVERNO ANTERIORE DELL’UKKRANIA CHE HA CEDUTO IL 5 PER CENTO DEL SUO TERRITORIO IN AFITTO PER LE SUE IMPRESE.UNA VOLTA CADUTO QUEL GOVERNO LA CINA HA FATTO PRESTISSIMO A RIBADIRE IL SUO IMPEGNO COL PONTE EUROASIATICO CON DIVERSI ACCORDI BILATERALI CON AZIENDE PRIVATE E STATALI DI QUELLI PAESE EUROPEI E PERFINO SI HA FATTO PRESENTE CON LE SUE AUTORITA MASSIME ALL’UNIONE EUROPEA ALL’INIZIO DEL CONFLITTO.
UN GESTO ANCHE DI DIFFERENZIAZIONE CON LA RUSSIA DI PUTIN.
-
-30 LUGLIO 2014:IL “LATO B.” DI RENZI E BERLUSCONI,TERZOMONDISMO ALL’ITALIANA OVVERO “GENERAZIONE TELEVIZIO” IN AZIONE.
.

-TITOLARE LA STAMPA:economia

Il governo spinge sull’auto, pronti gli incentivi

PAOLO BARONI
Il ministro Lupi studia un sistema di detrazioni per consentire
la rottamazione della macchine classificate come Euro 0, 1, 2.
.

REAZIONE:NON CREDETE CHE QUESTE COSE SUCCEDONO SOLO NEL TERZO MONDO,VEDI VIDEO SOTTO,NELL’ITALIA DI RENZI E DEL PAPA “VENUTO DAL C…DEL MONDO” ANCHE:GUARDATE LA “KERMESSE DEI SABATI” E VINCERETE GRANDI PREMI,COMPRESO 80 EURO A TESTA E UNA MACHINA.

COSI LA GENERAZIONE “TELEVIZIO”(ALTRO CHE TELEMACO)DEGLI ACCORDI SEGRETI DEL NAZZARENO (CON BERLUSCONI E LE SUE TV TRADIZIONALI NEL “LATO B…” DELLE TRATTATIVE ORA PUBBLICATI)INTENDE TIRARCI FUORI DALLA CRISI(PROPIO LUI CHE L’HA GENERATO!) E STRUMENTARE LA CRESCITA?AVANTI TUTTA RAGAZZI!

POVERA ITALIA IN QUALE MANI HA CADUTO(POOOORCA MISERIA!)

LA NUOVA ERA,I NUOVI MEZZI METTERANNO LE COSE A POSTO.

Immagine anteprima YouTube

-

30 LUGLIO 2014:OBAMA,ABUSO DI POTERE,VERSO L’IMPEACHMENT?

30 Luglio 2014 Ultimo aggiornamento alle 09:32 ET

I Repubblicani della Camera votano per citare in giudizio il Presidente Obama

La leadership Repubblicana ha sostenuto la risoluzione
La Camera dei Rappresentanti statunitense ha approvato una risoluzione per citare in giudizio il presidente Barack Obama per presunto superamento dei suoi poteri costituzionali.

La votazione 225-201 lungo le linee di partito significa che gli avvocati della Camera ora staranno a redigere documenti legali per avviare una causa.I suoi sostenitori dicono che Obama ha superato i suoi poteri quando ha ritardato un termine di assicurazione nella sua legge di sanità.

Aiutanti del presidente dicono che il seme potenziale è una trovata politica.’Frivolo su steroidi’
Gli alleati democratici di Obama dicono che è giuridicamente infondata e costerà ai contribuenti milioni di dollari, ed è stata ideata solo per radunare l’odio a Obama nella base repubblicana in vista delle elezioni di medio termine di novembre.

Lo stesso presidente ha respinto la mossa come una perdita di tempo. “Ognuno vede questo come una trovata politica”, ha detto.

“Se non avete intenzione di fare nulla, faremo quello che possiamo da soli”, ha aggiunto il presidente.

«E abbiamo preso più di 40 azioni volte ad aiutare le famiglie laboriose come la vostra quando agiamo.. Quando il Congresso non lo fa”

L’azione  e’ riferita  per la prima volta sia per lla Camera che il Senato e portera l’azione legale contro un presidente sulla legalità dei suoi poteri, anche se i membri del Congresso hanno citato in giudizio il presidente prima.

Repubblicani al Congresso hanno lamentato che il signor Obama ha superato la sua autorità costituzionale, in numerose occasioni, al fine di bypassare il Congresso mediante l’emissione di ordini esecutivi.

Si oppongono, per esempio, alla sua fine unilaterale di facilitare le deportazioni di alcuni giovani immigrati clandestini, e lo scambio di prigioneri per il rilascio di un soldato americano tenuto prigioniero per cinque anni dai talebani.

I genitori di Bowe Bergdahl hanno incontrato il presidente quando il soldato Usa è stato polemicamente rilasciato

Il deputato Pete Sessions del Texas ha sponsorizzato la risoluzione
“Non si tratta di repubblicani o democratici. Si tratta di difendere la Costituzione che ha giurato a”, ha detto John Boehner nel corso di un appassionato dibattito in Aula il Mercoledì sera.”Siete disposti a lasciare che qualsiasi presidente sceglie quali leggi deve eseguire e quali leggi sono per cambiare?”In particolare è stata la decisione di Obama,nella sua revisione del 2010 della sanità,di ritardare per due volte  i requisiti che le imprese oltre una certa dimensione forniscono ai propri dipendenti sulla assicurazione sanitaria.Obama è stato schietto circa le sue intenzioni di aggirare le risoluzioni del Congresso, quando possibile, facendo notare che spesso  la Casa(camera)dei Rappresentati controllata dai repubblicani  ha rifiutato persino di tenere votazioni su risoluzioni trasmessoli dal  Senato su argomenti che vanno dalla riforma dell’immigrazione fino ai diritti dei gay.
————————————————-
Quali sono ordini esecutivi?
Il presidente emette regolarmente ordini per gestire il ramo esecutivo del governo federale,e pesa su tutto, dalle decorazioni per l’ufficio della Casa Bianca alla politica estera.A volte “il presidente decide di mettere quelle direzioni sulla carta, e diventa un documento ufficiale”, spiega Ilya Shapiro, senior fellow presso il think-tank libertario Cato Institute.
Leggere un animatore completo
—————————————————–
Già nel mese di gennaio, aiutanti della Casa Bianca hanno cominciato a fare facendo riferimento a “penna e telefono”,la strategia del presidente ,usando il suo telefono per convocare riunioni alla Casa Bianca e la sua penna per firmare ordini esecutivi e le modifiche ai regolamenti federali.Ogni presidente degli Stati Uniti da George Washington ha emesso ordini esecutivi, e Obama non si è distinto in epoca moderna per il numero che ha firmato.Nei suoi sei anni di mandato Obama ha emesso 183 ordini esecutivi, rispetto ai 291 di tutti gli otto anni di George W. Bush e 381 per Ronald Reagan, secondo uno studio dal Progetto Presidenza Americana presso la University of California-Santa Barbara.Ma i repubblicani insistono Obama ha applicato selettivamente  le leggi regolarmente approvate dal Congresso, sconvolgendo l’equilibrio dei poteri scritto nella costituzione.”Un tale cambiamento deve allarmare i membri di entrambi i partiti politici, perché minaccia l’istituzione del Congresso«,hanno scritto  i repubblicani nella relazione che accompagna la legislazione della Camera.
.
http://www.bbc.com/news/world-us-canada-28565772
.
-Altri sviluppi
*Obama firma ordine di protezione gay,21 JULY 2014, USA e Canada
*Obama colpisce in genere disparità salariale,8 aprile 2014, USA e Canada
*US House :intenzione di citare in giudizio Obama’,25 JUNE 2014, USA e Canada.
.
-Notizie da altri siti
*Sky News Obama querela Passo Heads A Casa di dibattito,54 minuti fa
*NewsMax.com,GOP guida Casa(congresso):OK  querela contro Obama,4 ore fa
*MSN UK House(congresso)approva mossa legale contro Obama,9 ore fa
.
-A proposito di questi risultati:Collegamenti Internet correlati
*Congresso degli Stati Uniti,Pete Sessions
*Camera dei Rappresentanti  · House.gov
.
-E COSI SU THE WASHINGTON TIMES:
Camera dei Repubblicani autorizza causa contro Obama per abuso di potere presidenziale
Il presidente Barack Obama parla di economia, Mercoledì 30 Luglio 2014, presso il Teatro Uptown a Kansas City, Missouri (AP Photo / Jacquelyn Martin)
Per Ben Wolfgang e Stephen Dinan,The Washington Times
.
Mercoledì 30 Luglio, 2014

La Camera dei repubblicani ha votato Mercoledì sera ad autorizzare una causa senza precedenti contro il presidente Obama,una escalation nella battaglia per la separazione di poteri tra il Congresso e la Casa Bianca che tinge fortemente la politica in anni elettorali.Obama  ha deriso dei repubblicani dicendo che loro possono “fermare solo Hatin tutto il tempo”, ma i legislatori del GOP hanno detto che si sentivano con le scatole pieni di vedere le loro leggi ostacolati attraverso il controllo democratico del Senato e dover guardare i tweaks del presidente rinunciare o ignorare le leggi che  Congressso ha scritto ma non gli piaciono.


FOTO: Obama il più grande della Casa Bianca in fallo


“Non si tratta di repubblicani e democratici; si tratta di difendere la Costituzione che abbiamo giurato di difendere e di agire con decisione quando potrebbe essere compromessa “, ha dettolo Speaker della camera John Boehner A. , repubblicano dell’Ohio,quando ha supplicato ai Democratici a guardare oltre la loro fedeltà di partito e difendere il Congresso contro un sempre più potente amministratore delegato. “Siete disposti a lasciare che qualsiasi presidente scelga quali leggi dve eseguire e quali leggi sono per cambiare?”

La votazione 225-201 appogiata quasi interamente della line di tuto il partito, è stato un clamoroso rifiuto del richiamo di Mr. Boehner,quando i democratici hanno detto che i repubblicani erano più interessati ad abrogare la Obamacare che fermare l’agenda del presidente.

Il leader della minoranza Nancy Pelosi della California, top democratico della Camera, ha detto che vedeva alcun motivo per l’impegno repubblicano a meno che non sia un precursore per l’impeachment.

«Perché vorresti citare qualcuno se non si vuole dimostrare qualcosa? E perché dovresti andare su questa strada a meno che non si voleva fare qualcosa al riguardo? ” Mrs. Pelosi ha detto. “Le famiglie della classe media non hanno tempo per le partite  del rancore partigiano dei repubblicani con il presidente.”

Mr. Boehner un giorno prima ha detto che non c’erano piani di perseguire impeachment, e che i democratici sono gli unici a parlare di impeachment perché è una tattica per raccolta di fondi di successo.

La signora Pelosi , però, ha detto che il signor Boehner deve pronunciarsi ufficialmente sull’impeachment “fuori dal tavolo”,una frase che usata quando hanno soffocato gli sforzi da parte dei suoi colleghi democratici per mettere sotto accusa il presidente George W. Bush.

I dettagli della querela erano quasi un ripensamento, ma sotto la delibera di Mercoledì, gli avvocati della camera possono essere indirizzate a sporgere denuncia contro la decisione di Obama di rilasciare deroghe di “mandato sui datore di lavoro”,nella sua propria legge di sanità quando ha dovuto richiedere alle grandi aziende di fornire l’assicurazione per i loro dipendenti o multe se facciono altro.

Obama ha rinunciato alle ammende per il 2014,e poi ha ampliato la sua rinuncia includendo il 2015 e il 2016.

Mr. Boehner ha detto che la Casa(camera) dei repubblicani ha dato sostegno alla rinuncia di tali ammende, ed è per questo che è ancora più strano che Obama abbia agito da solo, senza venire al Congresso a cambiare la legge. Ha detto che è per questo che i repubblicani hanno deciso di citare in giudizio su Obamacare, piuttosto che una serie di altri abusi di potere percepiti compresi quelli relativi a politiche ambientali e di immigrazione.

Le possibilità di successo della querela sono discutibili.

Gli analisti legali hanno detto che il più grande ostacolo sarà superare le regole dei tribunali federali che richiedono un attore per mostrare i danni dinanzi ai giudici del caso. Il danno istituzionale dei poteri costituzionali del congresso ‘in generale è stata respinta come una ragione sufficiente.

Ma alcuni analisti hanno detto che è una questione aperta per la Corte Suprema – e sostengono che “lo sbilancio” di Obama è stata così drammatica che i giudici potrebbero essere tentati di essere coinvolti, al fine di riequilibrare gli altri due rami del governo.

Parlando a Kansas City, Missouri, ore prima del voto, Obama ha schernito i repubblicani, chiedendo loro di rinunciare alla causa e invece sostenere la sua agenda di alzare il salario minimo aumentando la spesa per le infrastrutture e le altre azioni che ha detto avrebbero aiutato la classe media.

“Vieni e aiutare un po ‘. Smetti di essere pazzo per tutto il tempo. Smetti di essere solo Hatin ‘tutto il tempo “, ha detto il presidente davanti ad una folla vociante. “Dai. Andiamo per un po ‘di lavoro fatto insieme “.

Minuti dopo il voto di Mercoledì, la Casa Bianca ha inviato una e-mail ai sostenitori promettendo di adottare misure più esecutive,questa volta con l’emissione di una politica che stabilisce le norme sulla sicurezza dei lavoratori più rigide per gli appaltatori federali.

L’nziano consigliere della Casa Bianca Dan Pfeiffer ha anche detto nella e-mail che il signor Obama “trattera con il nostro sistema di immigrazione rotto nei prossimi mesi.”

Obama, che ha avuto alcuni successi legislativi nei suoi primi due anni in carica sostenuto da grandi maggioranze sia nella Camera e Senato,si ha visto sempre più frustrato dal 2011, quando i repubblicani presero il controllo del congresso e cominciarono a cercare di ripristinare le sue politiche .

Con i democratici ancora al controllo del Senato , che ha spesso portato a ingorghi su Capitol Hill,Obama ha entusiasticamente affermato il diritto di agire in proprio, quando il Congresso non lo farà.

I giudici hanno preso una visione fioca di alcune di queste azioni. Il mese scorso la Corte Suprema ha stabilito all’unanimità che si ha  sbilanciato quando ha fatto nomine durante il recesso su quattro posizioni chiave in un momento in cui il Senato si riuniva ogni tre giorni in sessioni pro forma,appositamente per negargli i suoi poteri di recesso.

Obama aveva sostenuto che il Senato non era in sessione, ma tutti i nove giudici lo hnno respinto, dicendo che spetta a congresso  decidere tali questioni.

Tutti i Democratici hanno votato Mercoledì opposti alla causa, come hanno fatto anche cinque repubblicani: Reps Paul C. Broun della Georgia, Scott Garrett del New Jersey, Walter B. Jones del North Carolina, Thomas Massie del Kentucky e Steve Stockman del Texas.

“Questa causa è solo un atto di teatro politico che è altamente improbabile che in ogni caso comporti conseguenze reali di un esecutivo che continua a mostrare un palese disprezzo per lo Stato di diritto”, ha detto Jones in un comunicato.

Ha detto che piuttosto che citare in giudizio, la camera deve o mettere sotto accusa Obama o usare il suo potere della borsa di annullare le azioni di Obama.

Entrambe le parti sono tenuti a utilizzare il voto di Mercoledì,quando hanno gia la loro base in vista delle elezioni di novembre.

REAZIONE:I REPUBBLICANI FARANNO UNA DICHIARAZIONE PUBBLICA FORMALE COMPROMETTENDOSI HA NON PORTARE AVANTI L’IMPEACHMENT?FINO AL MOMENTO LE TENSIONI CON OBAMA,SOPRATUTTO PER ALZARE IL DEBITO,HANNO FINITO IN UN “FLOP”.

-APPENDICE:LA LEGA ATTACA OBAMA

“VENGAN SANTOS MILAGROSOS,,VENGAN TODOS EN MI AYUDA,QUE LA LENGUA SE ME ANUDA,Y SE ME NUBLA LA VISTA,,PIDO A DIOS QUE ME ASISTA,EN ESTA OCASION TAN RUDA.DEL “MARTIN FIERRO”,POEMA EPICO DE JOSE HERNANDEZ(ARGENTINO)

-TITOLARE SU THE WASHINGTON TIMES:

Catholic League slams Obama: ‘Do Christian lives mean so little to you?’
.
By Cheryl K. Chumley – The Washington Times
.
The head of the Catholic League issued a scathing criticism at President Obama, posting on his group’s website an essay that pointed to all the Christians being beheaded by Muslim terrorists and asking: Doesn’t that matter to you?
-
*Photo Gallery: Obama’s biggest White House ‘fails’
*Photo Gallery: Separated at birth: Pols and their celebrity look-alikes
-
TRADUZIONE:Lega Cattolica sbatte Obama: ‘Fare la vita cristiana significa così poco per te?’
By Cheryl K. Chumley – The Washington Times
Il capo della Lega Cattolica ha pubblicato una critica feroce al Presidente Obama postando sul sito internet del suo gruppo un saggio che puntava a tutti i cristiani di essere decapitati da terroristi islamici e chiedendo: Non importa a te?
.
*Galleria fotografica: il più grande Casa Bianca di Obama in fallo
*Foto Galleria: Separati alla nascita: Pols e la loro celebrità look-alike

REAZIONE:”UNIDOS SEAN LOS HERMANOS,QUE ESA ES LA LEY PRIMERA,PORQUE SI ENTRE ELLOS SE PELEAN,LOS DEVORAN LO DE AFUERA”.(STESSO POEMA)

ILLUSTRAZIONE:Ooops !

Immagine anteprima YouTube

-

1 AGOSTO 2014:USA,COMPLICAZIONI CON I TERRORISTI IN AFGHANISTAN

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Watchdog:Puo essere che gli Stati Uniti stiano finanziando i terroristi in Afghanistan attraverso legami d’affari dubbiosi

Per Phillip Swarts,The Washington Times

Mercoledì 30 Luglio, 2014

Enlarge Photo

Il capitano Lou Cascino, comandante della Easy Company, 2 ° Battaglione, 506 Reggimento di Fanteria, .

Gli Stati Uniti potrebbero essere che stando finanziando gli stessi terroristi che si sta combattendo in Afghanistan a causa di un processo nell’esercito che fa così male che non ha estirpato le imprese collegate ai ribelli, un “cane da guardia top” ha avvertito Mercoledì.In un caso, un imprenditore identificato come che possa essere collegato agli insorti ed è stato anche dato accesso a una struttura statunitense E DEGLI ALLEATI,e ha pagato per il suo lavoro,perché non li era stato impedito di ricevere offerte di lavoro.


VEDI ANCHE: Relazione su: il 40% delle armi inviate in Afghanistan sono dispersi


In molti altri casi, gli individui e le imprese che sono stati trovati che possono essere collegati ai ribelli hanno ancora diritto a ricevere contratti e finanziamenti dal governo degli Stati Uniti perché l’ esercito non li ESCLUDE, ha detto l’ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan, John Sopko .

“L’ esercito si rifiuto di sospendere dalla ricezzione di contratti governativi ai sostenitori della rivolta perché la informazione a supporto di queste raccomandazioni è classificata pero non è solo giuridicamente sbagliata, ma contraria ai sana obiettivi politici e di sicurezza nazionale, ” Mr. Sopko ha scritto nella relazione trimestrale dell’ispettore generale sullo stato degli sforzi di ricostruzione degli Stati Uniti in Afghanistan .

“E ‘preoccupante che il nostro governo puo utilizzare la informazione riservata per arrestare, detenere, e perfino uccidere persone legate alla insurrezione in Afghanistan , ma a quanto pare le stesse informazioni classificate non può essere usata per negare questi stessi individui i loro diritti di contratto di lavoro con l’ governo degli Stati Uniti , “ha detto.

Mr. Sopko ha detto che sta sollecitando al Pentagono di cambiare questa “politica sbagliata” e di “imporre senso comune” relativo alla sospensione e decadenza  del programma.
I funzionari dll’Army non hanno restituito le chiamate che cercano il commento.

SIGAR ha riferito l’anno scorso che nel corso di un’ispezione della costruzione di un palazzo di giustizia, ha appreso che la società principale responsabile aveva assunto un Afghanistan subappaltatore-based che era stato ritenuto come che rappresentava “una minaccia per le forze americane e della coalizione.”

I lavoratori dell’appaltatore hanno avuto accesso al sito del tribunale pur essendo coinvolti in “reti che forniscono componenti utilizzati per rendere i dispositivi esplosivi improvvisati”, secondo l’elenco del Dipartamento del Commercio di società collegate al terrorismo.


VEDI ANCHE: CARSON: la politica estera degli Stati Uniti senza timone


SIGAR ha sollevato avvertimenti ripetutamente sulle imprese collegati al terrorismo.
In una lettera al segretario alla Difesa Chuck Hagel l’anno scorso, il signor Sopko ha contestato la posizione dell’esercito su che le informazioni classificate che collega le imprese ai terroristi non deve essere utilizzato per escludere quelle imprese.

“Dal settembre 2012, SIGAR ha chiesto l’interdizione di 43 persone straniere e le società individuate come fornitori di sostegno ai ribelli in Afghanistan “, ha scritto. “Ad oggi, l’esercito americano ha respinto tutte queste richieste”, tra cui una richiesta di escludere il contraente che poi ha ottenuto l’accesso al sito del tribunale.

I funzionari dell’Army hanno “respinto le richieste di SIGAR perché si teme che la sospensione o non consentimento a questi individui e aziende violerebbe i loro diritti a fare causa in processo in base alla Costituzione degli Stati Uniti,ha detto nella lettera ” Mr. Sopko.

Ha chiamato la posizione  dell’esercito ‘”giuridicamente dubbia, contrario alla buona politica pubblica e in contrasto con i nostri obiettivi di sicurezza in Afghanistan . ”

SIGAR ha richiamato l’appaltatore per l’interdizione, ma sembra che non sia stata intrapresa alcuna azione.Il Sito web della società elenca ancora partner di organizzazioni governative americane come USAID.

Il New York Times stima che la società ha ricevuto circa $ 150 milioni in attività dal governo degli Stati Uniti .

SIGAR ha emesso il suo avviso quando gli Stati Uniti sta ritirando la maggior parte delle sue truppe e delle attrezzature da Afghanistan . Dall’inizio delle operazioni di combattimento nel 2001, gli Stati Uniti hanno speso più di $ 100 miliardi per gli aiuti e ricostruzione delle nazione dilaniate dalla guerra.

© Copyright 2014,The Washington Times, LLC.

Chi l’Autore?

Phillip Swarts

Phillip Swarts

Phillip Swarts è un giornalista investigativo del Washington Times, che copre i rifiuti fiscale, frode e etica politica. Egli è un laureato della scuola Medill di Giornalismo presso la Northwestern University e in precedenza ha lavorato come reporter investigativo del Washington Guardiano. Phillip può essere raggiunto a pswarts@washingtontimes.com .

Ultime Storie

*Martello d’oro: a bordo della ferrovia paga $ 1B di invalidità fasulle

*Siti chimici statunitensi vulnerabili ai terroristi nonostante milioni spesi per la sicurezza: Congresso

*Imprese Insurgent-alleate in Afghanistan che possono beneficiarsi dell’aiuto contribuenti americani

*Ex-detenuto di Guantanamo Moazzam Begg accusato di terrorismo

*Chicago tiro spree: 22 persone hanno sparato in 12 ore

-Ultimi inserimenti nel blog

*Postal Service corto di liquidi affronta Big Bill manutenzione

*Funzionario di banca si dichiara colpevole di corruzione da scatola di sigari

*In un primo federali offrono $ 1M ricompensa per informazioni su rete criminale straniera

http://www.washingtontimes.com/news/2014/jul/30/insurgent-allied-businesses-afghanistan-eligible-u/

REAZIONE:REVISIONISMO?E PER CASA COME STIAMO?NON DIMENTICATI L’AFFAIRE EMRGENZY E FRATTINI.QUELLI ITALIANI SOSPETTI E POI LIBERATI CON LA CONDIZIONE CHE RESTASSERO SOTTO LA TUTELA DELLO STATO ITALIANO CHE SI HA COMPROMESSO A CONTROLLARE.

-

1 AGOSTO 2014:IL MEMBRO FANTASMA DI RENZI,RIFORMA FANTASTICATA

-SU LA REPUBBLICA:

Via libera al Senato dei 100       Passa il cuore della riforma -     foto

Via libera al Senato dei 100

Passa il cuore della riforma - foto

Boschi media. Renzi: “Bene nuovo dialogo”

Ma M5s e Lega abbandonano i lavori vd

Videoblob Tutti gli attacchi a Grasso
REP TV Torna in aula la senatrice feritaFOTO
Il presidente del Senato: fatti di ieri inaccettabili video

Articoli correlati

REAZIONE:QUELLI A QUI VIENE AMPUTATA UNA GAMBA, NEI PRIMI GIORNI DELL’INTERVENTO CONTINUANO A SENTIRE IL MEMBRO CHE VIENE ALLORA CHIAMATO “MEMBRO FANTASMA”.COSI SUCCEDE CON LA RIFORMA DI RENZI:LE PAROLE NON POSSONO NASCONDERE LA VERITA.E LA VERITA E’ CHE LA RIFORMA DI RENZI NON SI HA FATTO.SI,AVETE CAPITO BENE,IN PASSATO,”NON SI HA FA-TTO”.APROVANDO COME E’ STATO APPROVATO IERI L’EMMENDAMENTO CHE DICHIARA CHE I DIRITTI CIVILI FRA L’ALTRO, SONO DI COMPETENZA PARLAMENTARE VIENE CONSERVATO IL BICAMERALISMO,OVVERO IL SENATO COSI COME E’ OGGI E COSI COME LO CONOSCIAMO DA TEMPI IMMEMORIALI.DETTAGLIO IN PIU,DETTAGLIO IN MENO IN ESSENZA,NON E’ RIUSCITO A RIFORMARE UN BEL NULLA.ALLORA COSI COME RENZI AVEVA PROMESSO E FANFARRONEATO DEVE ANDARSENE.COMPIA LE SUE PAROLE,SE NE VADA.E’ STATO SCONFITTO ALTRO CHE “CUORE PASSATO”:GRAZIE AI FRANCHI TIRATORI CHE HANNO CAPITO COSA ERA IL PALIO IN GIOCO.FERMO RESTANDO CHE ALLA FINE PERCORSO NON PASSERA NIENTE,SU QUESTO VITTORIA.E RENZI ELLABORI LA PERDITA SUBITO E MENO SOFFRIRA.
(E NON SOLO,COME HA AMMESSO IERI IL PROPIO RENZI DEVE “APRIRE” SULL’ITALICUM,QUINDI NE MENO LA RIFORMA DELLA LEGGE ELETTORALE SI FARA)

Ooops !

Immagine anteprima YouTube

2 AGOSTO 2014:LA TIGRE

-LA REPUBBLICA:

Putin contro Obama: ironia russa
LA FOTO / TWITTER
Putin contro Obama: ironia russa
REAZIONE:”LA TIGRE TRATTENUTA SOGNA CON LA SAVANA”,SANDOKAN,”LA TIGRE DELLA MALASYA”)
Immagine anteprima YouTube
BELLA INTERPRETAZIONE DELLA CANZONETTA NAPOLITANA “TU SI GUAGLIONE” DELLA EGIZIANA NATURALIZZATA FRANCESE DALIDA.
AMORE ED ETERNA FIDANZATA DEL IMMORTALE LUIGI TENCO MORTO IN CONFUSE CIRCOSTANZE ANCORA NON DEL TUTTO CHIARITE.IN FRANCIA VIENE VENERATA,MONUMENTI FATTI E LA SUA TOMBA E’ POSTO DI “PELLEGRINAGGIO” DI UNA INTERA GENERAZIONE.IN ITALIA LI ABBIAMO DIMENTICATO.
(-NOTA AL MARGINE:LO SPIRITO DEI TEMPI,CLONAZIONE
LA PREFERISCO ANZI CHE FARE IL CULTO  A RUBY LA BERLUSCONIANA.
AVVISATI A RENZI CHE “CASUALMENTE” PROPIO IERI SI HA RECATO IN EGITTO E OGGI HA CHIAMATO IN CAUSA BERLUSCONI IN SENATO PER FARE PASSARE LA RIFORMA,CHE QUALORA CI FOSSE CONFUSIONE ALTRO NON CHE “IGNORANZA”,SONO COSE DIVERSE:NE RUBY E’ EGIZIANA NE IL MAROCCO E’ L’EGITTO,NE IL RE DEL MAROCCO E’ HOSNI MUBARAK. AH…NE CLEOPATRA ERA DALIDIA,NE GIULIO CESARE NAPOLEONE.QUELLO DEL TITOLO)
.
Immagine anteprima YouTube
-
3 AGOSTO 2014:SENATO DISTRUTTO
.
-TITOLARE SU THE WASHINGTON TIMES:Commentary
.
HATCH: Destroying the Senate — and our liberties
By Orrin G. Hatch
Procedural changes impede the chamber’s traditional deliberative function
TRADUZIONE:COMMENTO
DISTRUGENDO IL SENATO E LE NOSTRE LIBERTA
PER ORRIN G.HATCH
I CAMBIAMENTI PROCEDURALI IMPEDISCONO ALLA CAMERA TRADIZIONALE LA SUA FUNZIONE DELIBERATIVA.
.
REAZIONE:QUALSIASI SOMMIGLIANZA CON CIO CHE STA ACCADENDO PROPIO ORA IN ITALIA E’ SOLTANTO COINCIDENZA.(VEDI LA NOTA COMPLETA NEL PROSSIMO POST)
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente
Torna in alto