SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 126 »

19 GIUNIO 2014:LA PUNTATA DEL MONDIALE

.
-2 TITOLARI CORRIERE DELLA SERA:VERSO ITALIA-COSTA RICA

.

-TITOLARE 1:L’Olanda agli ottavi, Australia travolta. Paura per Martins Indi Foto

 Immagine anteprima YouTube
.
REAZIONE:L’AUSTRALIA SAPEVA DI NON AVERE CHANCE PERO CI HA PROVATO.
.
-TITOLARE 2:

Italia-Costarica, siamo tutti Prandelli
Fai la formazione-Vota

REAZIONE:Immagine anteprima YouTube

.

19 GIUNIO 2014:IN MNEMORIA DEL LEGITTIMO IMPEDIMETO

-TITOLARE LA STAMPA:

cronache

Berlusconi testimone attacca i giudici: irresponsabili
Stampa Tv – Rischiata l’incriminazione per oltraggio

guido ruotolo

ANSA

A Napoli processo a Lavitola per le tangenti
di Panama. L’ex premier ha rifiutato le tv e ha sbottato: «La Corte gode di immunità»

.

REAZIONE:LA VERA NOTIZIA E’ CHE GLI ITALIANI ABBIAMO PORTATO BERLUSCONI IN AULA,L’ALTRA PRETENDE FARLA LUI:CHI SE NE RICORDA PIU DEL “LEGGITIMO IMPEDIMENTO”?

QUESTA E’ LA PRIMA VOLTA CHE LO SI VEDE PUBBLICAMENTE IN AULA:QUESTO UOMO CHE NON HA ANCORA UNA DEMENZIA SENILE,E’ DEPRESSO.QUESTO UOMO HA UNA DEPRESSIONE CHE SI PRESENTA MASCHERATA  DI AGRESIVITA CONTRO TUTTO E TUTTI.LO VEDANO I TECNICI DEL TEAM SANITARIO  DEL SERVIZIO SOCIALE.

Immagine anteprima YouTube

-
20 GIUNIO 2014:LA PUNTATA DEL MONDIALE
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
‘Italia irriconoscibile va ko/fotofilm
Costarica agli ottavi, eliminata l’Inghilterra
Contro l’Uruguay serve un’altra squadra
Video: tensione nell’intervallo
Le pagelle del match: firma i tuoi voti ai 22 in campo
Dove guardi la partita? Invia le foto/Gallerie 1
Homepalla, i racconti con Chef Rubio
La vendetta
A.SORRENTINO
El Pistolero,di F. BOCCA, Suarez ritrovato
di E. GAMBA
Calendario Mondiali – Classifiche – Dirette –
Sondaggio
Speciale dagli inviati ENRICO CURRO’, EMANUELA AUDISIO, EMANUELE GAMBA, ENRICO SISTI, FRANCESCO FASIOLO, F.SAVERIO INTORCIA
di ANDREA SORRENTINO; video di FRANCESCO GILIOLI e LEONARDO SORREGOTTI

REAZIONE:

Immagine anteprima YouTube

I MEZZI IMPAZZANO L’ETER ED E’ IMPOSSIBELE SOSTRARSI AL MONDIALE:MINUTI FA LA COSTA RICA,VENUTA IN BRASILE DA CENERETOLA  HA AVUTO RAGIONE SULL’ITALIA ED E’ PASSATA VERSO LA PROSSIMA FASE CON IL MIGLIORE POSTO DELLA CLASSE IN UNA SERIE DI 4 SQUADRE DELLE PIU POTENTI DEL MONDO CALSCISTICO:
L’ITALIA,L’INGLITERRA E L’URUGUAY,TUTTI CON CAMPEONATI MONDIALE VINTI IN PASSATO.L’INGLITERRA COSI E’ RIMASTA FUORI E L’ITALIA DOVRA CONTENDERE CON L’URUGUAY L’ALTRO POSTO DI PROMOSSIONE,IL SECONDO.TUTTI DUE ARRIVANO CON LI STESSI NUMERI IN PUNTEGGIO MA L’ITALIA HA GOL-AVERAGE FAVOREVOLE PER QUI UN PAREGGIO LA PORTEREBBE AGLI OTTAVI DI FINALE.MA L’ITALIA DEVE RINNOVARSI,IN QUESTO CAMPEONATO DISPUTATO IN SUDAMERICA LA LOGICA ANTERIORE NON CONTA TANTO PERCHE LA LOCALIA AMERICANA PESA.IL CAMPEONATO E’ SULL’INIZIO.

Immagine anteprima YouTube

.

21 GIUNIO 2014:UE,LA BATTAGLIA DEGLI  SCONFITTI DELLA DEMOCRAZIA

Blogs

Ce blog a pour ambition de décrypter les jeux de pouvoirs dans les institutions européennes pendant les mois qui précèdent et qui suivront les élections de mai 2014. Le nouveau rapport des forces au sein du Parlement européen, la mise en place d’une nouvelle Commission, la nomination de nouveaux responsables font l’objet de tractations bien en amont. Sur fond de montée des populismes, le nouveau visage de l’Europe est déjà en préparation.

20 juin 2014
Le mini sommet sur Seine de Hollande, Renzi, et Gabriel
François Hollande, le 27 mai à Bruxelles. Geert Vanden Wijngaert/AP

François Hollande, le 27 mai à Bruxelles. Geert Vanden Wijngaert/AP

François Hollande, et Matteo Renzi tiennent leur contre-sommet. Le chef de l’Etat français et le président du Conseil italien vont se retrouver samedi 21 juin à l’Elysée en compagnie d’une poignée de dirigeants de gauche, comme le vice-chancelier allemand Sigmar Gabriel, et le président sortant du Parlement européen, Martin Schulz. Le premier ministre belge Elio Di Rupo, le chancelier autrichien Werner Faymann, ou la chef du gouvernement danois Helle Thorning-Schmidt seront aussi de la partie.

Mark Rutte, Fredrik Reinfeldt et Angela Merkel et David Cameron, le 9 juin à Stockholm. Jonathan Nackstrand/AFP

Mark Rutte, Fredrik Reinfeldt et Angela Merkel et David Cameron, le 9 juin en Suède. Jonathan Nackstrand/AFP

Officiellement, il s’agit de discuter des priorités du prochain président de la Commission européenne, Jean-Claude Juncker, candidat de la droite que la gauche européenne entend soutenir à condition de peser sur son programme. Officieusement, la rencontre est surtout une réponse au mini-sommet des « pays compétitifs » organisé le 10 juin en Suède autour d’Angela Merkel, et de David Cameron. La chancelière allemande avait alors été photographiée sur une barque en compagnie des opposants à M. Juncker. La photo avait été largement commentée, et détournée sur internet. « A Paris, personne ne se fera mener en bateau », ironise-t-on dans l’entourage d’un des participants. « Un tour en bateau-mouche n’est même pas prévu », assure l’Elysée.

D’ailleurs, la désignation de Jean-Claude Juncker devrait être actée lors du Conseil européen des 26 et 27 juin, en dépit de l’opposition persistante de David Cameron. Les dirigeants sociaux-démocrates espèrent que l’ancien premier ministre luxembourgeois reprendra à son compte certaines de leurs demandes, en faveur d’une lecture « intelligente » du pacte de stabilité, et d’un plan d’investissements européen. François Hollande et ses invités devraient aussi parler des autres postes à pourvoir cette année à la tête des principales institutions européennes, histoire de contrebalancer la nomination de M. Juncker.

Sigmar Gabriel, le 16 juin à Toulouse. Caroline Blumberg/Reuters

Sigmar Gabriel, le 16 juin à Toulouse. Caroline Blumberg/Reuters

A ce stade, Herman Van Rompuy, le président du Conseil européen, ne prévoit pas de régler la succession de José Manuel Barroso dans le cadre d’un « paquet » de positions libérées dans les prochains mois : la présidence du Conseil européen, le poste de haut représentant pour les affaires extérieures, voire la présidence permanente de l’Eurogroupe. Mais il n’est pas exclu que chefs d’Etat et de gouvernement fassent, lors du sommet la semaine prochaine, un autre choix.

Du coup, les spéculations vont bon train sur les candidats officieux. Helle Thorning-Schmidt a longtemps fait figure de favorite pour remplacer Herman Van Rompuy en décembre prochain. En réalité, certains chefs d’Etat, François Hollande en tête, ne veulent pas en entendre parler, car le Danemark ne fait pas partie de la zone euro. « Aucune règle n’existe » pour réserver la fonction à un pays de la zone euro, a observé Angela Merkel, à l’issue d’un entretien avec l’intéressée, jeudi 19 juin à Berlin.

Helle Thorning-Schmidt, le 25 mai à Copenhague. Jens Dresling/AP

Helle Thorning-Schmidt, le 25 mai à Copenhague. Jens Dresling/A

La désignation de Mme Thorning-Schmidt, considérée comme très proche du Royaume-Uni, pourrait au contraire permettre, aux yeux de ses partisans, d’atténuer les tensions apparues ces dernières semaines entre David Cameron et ses homologues au sujet de M. Juncker. Dans cette hypothèse aussi, l’actuel ministre des affaires étrangères polonais, Radek Sikorski, aurait eu quelques chances de remplacer Catherine Ashton au poste de haut représentant.

Faute de compromis possible avec M. Cameron, un autre tandem semblait être privilégié ces derniers jours : le socialiste italien Enrico Letta pour la présidence du Conseil européen, et la Bulgare Kristalina Georgieva, pour la diplomatie européenne. Cette dernière est actuellement commissaire européenne en charge de l’aide humanitaire d’urgence. Elle est membre du Parti populaire européen.

Kristalina Georgieva, le 5 juin à Manille. Bullit Marquez/AP

Kristalina Georgieva, le 5 juin à Manille. Bullit Marquez/AP

Rien n’est joué, comme le montrent les dernières spéculations autour de Jean-Marc Ayrault : l’ancien premier ministre de François Hollande n’est officiellement pas candidat, mais il ne cache pas son intérêt pour le poste occupé jusque fin novembre prochain par Herman Van Rompuy : « Je ne suis pas candidat, mais je regarde tout. Evidemment que l’Europe me passionne », a-t-il indiqué vendredi 20 juin à RTL. De quoi mettre un peu de sable dans les rouages du tandem que François Hollande tente de constituer avec Matteo Renzi.

Philippe Ricard

http://unioneuropeenne.blog.lemonde.fr/

REAZIONE:DOVE PRETENDONO PORTARE L’UNIONE EUROPEA DA UNA PARTE HOLLANDE,RENZI E GABRIEL E DALL’ALTRA CAMERON E MERCKEL?

IL COMPITO PRINCIPALE DI QUESTA UNIONE EUROPEA POST-VOTO DOVREBBE ESSERE PROFONDIZZARE NELLA DEMOCRAZIA,QUESTI NON LO STANNO FACENDO.

RENZI E’ UN PRIMO MINISTRO CHE IN ITALIA NON E’ STATO ELETTO DAL VOTO DEMOCRATICO MA DA UNA MANOVRA DI PALAZZO GOLPISTA ALLA SUDAMERICANA.POI HA PRETESO LEGITTIMARSI CON ELEZIONI INTERNE AL SUO PARTITO,PERO NON E’ STATO LUI HA SCEGLIERE IL POPOLO ITALIANO MA BERSANI FORZATO DAL NEOLIBERALISMO DI BERLUSCONI E ALFANO A NON FORMARE MAGGIORANZA.

ADESSO CI RIPROVA A LEGITTIMARSI CON IL VOTO ALLE EUROPEE MA IN REALTA QUESTO VOTO NON HA PORTATO CAMBIAMENTI SOSTANZIALI AI NUMERI ELETTORALI E RESTA UN PREMIER GOLPISTA CHE IN ITALIA NON PUO FORMARE MAGGIORANZA(INOLTRE CRESCENTEMENTE CONTESTATO ALL’INTERNO DEL SUO PARTITO):LO LEGITTIMERA GABRIEL?

SI,MI RIFERISCO A GABRIEL PERCHE DEI TRE E’ IL SOLO AD AVERE CREDENZIALI DEMOCRATICHE  CONFERITALI SIA DAL VOTO POLITICO TEDESCO CHE DI QUELLO ALLE EUROPEE.

HOLLANDE HA GIA TENTATO LEGGITIMARE RENZI CON UN SUMMIT BILATERALE MA POI IL VOTO ALLE AMMINISTRATIVE FRANCESE E ALLE EUROPEE IN FRANCIA LO HA RIVALUTATO CON UNA CATEGORICA DISFATTA IN TUTTE DUE CHE HA PORTATO IL SUO PARTITO AD UN SECONDO PIANO E IL LIBERALISMO DELL’L'UMP DI SARKOZY RIDIVENTATO PRIMO PATITO DELLA FRANCIA.

INSOMMA NE RENZI NE HOLLANDE HANNO LEGITTIMAZIONE DEMOCRATICA,IL PRIMO PER GOLPISTA E IL SECONDO PERCHE SCONFITTO AL VOTO,ED E’ GABRIEL ALLORA IL REFERENTE OBLIGATO DOVE ACCOSTARSI PER PORTARE AVANTI I  SUOI PIANI CHE INSISTONO A LEGGITIMARE PURE IL NEOLIBERALISMO.

DALL’ALTRA PARTE VEDIAMO CAMERON E MERCKEL:CAMERON E’ UN PREMIER CHE E’ STATO ELETTO SUL FILO DI RASSOIO IN ELEZIONI CHE NON LI HANNO DATO LA MAGGIORANZA E HA DOVUTO ATTINGERE AD UNA ALLENAZA CON I LIBERALI DEMOCRATICI CHE ALLORA AVEVA UN DISCORSO VINCENTE COMPATIBILE CON LA NUOVA ERA CHE LO HA RIPORTATO AI PRIMI PIANI DELLA POLITICA BRITTANICA DOPPO DECENNI E DECENNI DI SCOMPARSA.SI HA PARLATO ALLORA DI UN RIMPASTO DOPO UN ANNO PERO L’OSSEQUENZA AL DISCORSO NEOLIBERALE DI CAMERON  PPER PARTE DEI LIBERALI DEMOCRATICI E’ STATO TANTO CHE CAMERON CONTINUO FINO AD OGGI.OGGI IL VOTO ALLE EUROPEE HA SPIAZZATO SIA CAMERON CHE I LIBERALI DEMOCRATICI A FAVORE DI UN ALTRO DISCORSO VINCENTE COMPATIBILE CON LA NUOVA ERA DEGLI EUROSCETTICI DI FARAGE CHE E’ DIVENTATO IL PRIMO PARTITO,E I LIBERALI DEMOCRATICI CHE HANNO MANCATO  OLTRE CHE ALLA NUOVA ERA AL SUO DISCORSO PRE-ELETTORALE COSI COME OPPORTUNAMENTE AVEVANO FATTO ANCHE SIA IL  PARTITO DEMOCRATICO ITALIANO CON BERSANI CHE HOLLANDE.

SULLA MERCKEL SI POTREBBE DIRE UN ALTRO TANTO:E’ STATA SCONFITTA SIA ALLE POLITICHE TEDESCHI CHE AL VOTO EUROPEO IN GERMANIA,A FAVORE DELLA “NUOVA GROSSE KOALITION” DOVE LEI  OGGI ALTRO NON E’ CHE LA SUA PORTAVOCE(UNA SPECIE DI “SPEAKER” COME SI USA UN NORDAMERICA NEL CONGRESSO).E COMUNQUE QUESTI DUE SCONFITTI NON COMPATIBILI CON LA NUOVA ERA PRETENDONO,ALLO STESSO MODO DI RENZI E HOLLANDE PORTARE L’UNIONE EUROPEA VERSO IL NEOLIBERALISMO

INSOMMA RENZI,HOLLANDE,E I LIBERALI DEMOCRATICI INGLESI SONO DEBITORI  DELLA NUOVA ERA PERCHE UNA VOLTA ARRIVATI AL POTERE CON IL SUO DISCORSO,HANNO PATEGGIATO COL NEOLIBERALISMO.

E TUTTI QUESTI TRANNE GABRIEL PECCANO DI UN DEFICIT DI RAPRESENTATIVITA DEMOCRATICA O SONO ADIRITTURA GOLPISTI COME RENZI MA PRETENDONO PORTARE L’UNIONE EUROPEA VBERSO CARICHE DI NOTI NEOLIBERALI (O CON LORO PATTUITI)COME SONO JUNKER,LETTA L’EX PREMIER GOLPISTA ITALIANO E ORA COINVOLTO IN FATTI DI CORRUZIONE SU TANGENTI,Helle Thorning-Schmidt E Kristalina Georgieva.

“PATTI DI STABILITA”?PIANI DI INVESTIMENTI?:L’UNIONE EUROPEA PRINCIPALMETE DEVE PROFONDIZZARE LA DEMOCRAZIA E RESTARE FEDELE ALLA VINCENTE VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA(TRA L’ALTRO LEALMENTE EUROPEISTA)SE NON VUOLE SCOMPARIRE A MANO DEI SUOI CULTORI SIA “EURO-APOCALITTICI”(EUROSCETTICI)CHE “EURO-INTEGRATI”(LIBERALI,VERDI ED ALTRE).

SI ALLA NUOVA ERA,SI ALLA DEMOCRAZIA,SI ALL’EUROPA NO AL NEOLIBERALISMO.

POT DATA:

1-CAMERON EUROSCETTICO?MA VA….GLI INGLESI LO SONO TUTTI UN PO’ DA SEMPRE MA PROPIO CAMERON NO:LA SUA PROPOSTA REFERENDARIA PER USCIRE DELL’UNIONE EUROPEA E’ STATO LA CONSEGUENZA DELLA PRESSIONI ALL’INTERNO DEL SUO PARTITO,MEGLIO DAI TORY,E DEL SEPARATISMO SCOZZESE MA NON E’ MAI STATO SINCERA DAL MOMENTO  CHE QUESTO REFERENDUM E’ CONDIZIONATO ALLA SUA RIELEZIONE CHE E’ ASAI DIFFICILE SUCCEDA.

2-JUNKER,NOTO NEOLIBERALE  E’ STATO ANCHE LUI TRAVOLTO DALLA NUOVA ERA OTTENENDO IL SUO PP UNA ADESIONE MOLTO INFERIORE AL PASSATO E IN LINEA DI MASSIMA NO HA I NUMERI PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISIONE MA NON PER I VOLERE DI QUESTI DI SOPRA MA PROPIO DAGLI EUROSCETTICI.

3-MARTIN SHULTZ?COME PROMESSO PRIMA QUESTO SOCIALISTA(ANCHE MUSSOLINI LO ERA) SIMPATIZZANTE DELLA LEGA NORD ITLIANA E NEMICO DELLA NUOVA ERA E’ STATO DA LEI SPAZZATO VIA.

Immagine anteprima YouTube

.

Immagine anteprima YouTube

23 GIONIO 2014:LA PUNTATA DEL MONDIALE

.

-TITOLARE CORRIERE DELLA  SERA:

MONDIALE, L’ITALIA SI GIOCA TUTTO

Prandelli: «È la sfida della vita, giochiamo anche per la Patria»
Fai la formazione anti-Uruguay

Piove a Natal, cambia il clima sulla vigilia azzurra Cruccu
Tutti contro Cesare di Aldo Cazzullo
Il calendario: gli incroci dopo i gironi
Marcatori, ammoniti e altro: le statistiche del Mondiale

REAZIONE:COME VEDETI IN QUESTI GIORNI E’ IMPOSSIBILE SOSTRARSI AL MONDO DEL CALCIO.E IN SUDAMERICA LA PASSIONE “FUTBOLERA” E SPORTIVA IN GENERE PUO RAGGIUNGERE LIMITI VERAMENTE PAZZESCHE:POCHI ANNI FA DUE PAESI CENTROAMERICANI ARRIVARONO A PROPORRERE UN MATCH BOXISTICO ALLA FRONTIERA PER DIRIMERE LE LORO DIFFERENZE POLITICHE.ANCHE LEI NON CI CREDA.

-

21 GIUNIO 2014:ITALIA,LA BATTAGLIA DEGLI SCONFITTI DELLA DEMOCRAZIA

Blogs

0 juin 2014

On se bouscule devant la porte de Matteo Renzi

Matteo Renzi, à Rome, le 18 juin.

Matteo Renzi, à Rome, le 18 juin.

La large victoire de Matteo Renzi et du Parti démocrate (PD, centre gauche) aux élections européennes du 25 mai  (40,8 %) agit comme l’aimant sur la limaille de fer. Après les ouvertures (un peu tardives) du Mouvement 5 étoiles pour participer lui aussi aux réformes institutionnelles (mode de scrutin et fin du bicamérisme), le premier ministre assiste sans déplaisir à la fragmentation du petit parti Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) de Nichi Vendola, l’atypique (catholique, communiste, homosexuel déclaré, poète et spécialiste de Pasolini) gouverneur des Pouilles.

Alliée avec le PD aux élections de février 2013 et ayant fait élire 44 parlementaires en recueillant 3,2 % des voix, cette formation – née en 2009 de l’agrégation de plusieurs partis de la gauche radicale – a pris ses distances avec Matteo Renzi, jugé trop libéral. Conséquence : SEL n’a pas voté la confiance à son gouvernement. Toutefois, la décision du premier ministre de redonner du pouvoir d’achat à une dizaine de millions d’Italiens sous forme de baisse d’impôts, a trouvé l’oreille attentive de quelques-uns des élus du parti.

Jeudi 19 septembre, quatre d’entre eux ont claqué la porte, dont le député Gennaro Migliore, que Nichi Vendola considérait “comme un fils”. En tout, une dizaine de parlementaires seraient tentés de faire de même.  Ils expliquent qu’il n’est plus possible de rester dans “une opposition stérile” et qu’ils ne veulent pas “passer pour des saboteurs” des réformes. Autre reproche : le choix de SEL de soutenir la liste Tsipras aux européennes, une stratégie qui a, selon eux, marginalisé le parti.

“Représenter une gauche de gouvernement”

Nichi Vendola regrette cette décision, expliquant qu’il souhaite “représenter une gauche de gouvernement” alors que ses anciens compagnons “veulent être une gauche dans le gouvernement”. Amateur de rhétorique et tribun de talent, il veut dire par là que les “traîtres” n’auraient d’autre ambition que de courir après des postes de ministres.

Autre bonne nouvelle pour Matteo Renzi : le centre qu’avait cru pouvoir refonder Mario Monti n’en finit pas lui aussi de perdre des éléments. Il s’est déjà scindé en deux après que plusieurs des 41 élus de Scelta Civica (9 % des voix en 2013 et … 0,7 % aux européennes) ont rejoint le Nouveau Centre droit d’Angelino Alfano. Jeudi, c’était au tour d’un sénateur centriste de quitter sa famille d’origine pour rejoindre le PD.

Reste à faire vivre ensemble désormais ces différents “renégats”. Au Parti démocrate ? Dans une formation encore à naître ? Entre les élus du Mouvement 5 étoiles mis à la porte, ceux de la gauche radicale et les centristes en rupture de ban, les différences idéologiques ne sont pas minces. Ils n’ont qu’un point commun : vouloir aider le gouvernement et obtenir peut-être “un petit quelque chose” en récompense de leur choix.

Sont-ils sincères ? C’est une autre histoire. “Désormais, s’amuse un élu devant cette transhumance de parlementaires vers Matteo Renzi, leur nouveau berger, il ne reste des places que dans le pigeonnier !”

Philippe Ridet

http://italie.blog.lemonde.fr/

REAZIONE: CONSEGUENZA DELLE ULTIME INCRIMINAZIONI GIUDIZIARI SULLA EXPO MILANO 2015(PRESTIGIATA GRAZIE ALLA  NUOVA ERA CHE LA HA FATTO GRANDE A SHANGAI),LE CORRUZIONI LEGATE ALL’ALLARMISMO ECOLOGISTA DEL PROGETTO MOSE IN VENEZIA ,NON CHE NELLA SANITA LOMBARDA E LE OPERE DELLE AUTOSTRADE CHE VEDE INCRIMINATI POLITICI DI TUTTO LE TENDENZE AMMUCHIATI NELLE LARGHE INTESE,RENZI HA PERSO IMPORTANTI COMUNI E VOTI AL BALOTAGGIO DELLE AMMINISTRATIVE CIO CHE HA FATTO SOLLIEVARE GLI ANIMI INTERNI E INIZIARE UNA RIVOLTA PER PARTE DELLA COSI DETTA “MINORANZA” CHE FA CAPO A BERSANI,CHE PERO INVECE E’ LA VERA MAGGIORANZA,QUELLA CHE HA VOTATO IL POPOLO ITALIANO ALLE ULTIME POLITICHE ANCHE SE NON SUFFICENTE PER FORMARE GOVERNO.E GIA SI ANNUNCIANO RESE DI CONTI INTERNI AL PROSSIMO COGRESSO CHE POTREBBE FARE SALTARE LA CARICA DI PALAZZO DI RENZI.

E QUESTA CHE VEDETE SOPRA ALTRO NON E’ CHE’ LA RISPOSTA:PER PRIMO GRILLO ABBANDONANDO IL SUO RUOLO ANTTI-SISTEMA  E LA PRESCINDENZA POLITICA HA FATTO SAPERE PUBBLICAMENTE LA SUA DISPONIBILITA AD APOGGIARE LA RIFORMA DEL SENATO PATTUITA CON BERLUSCONI PER COSI LEGGITIMARE LA CARICA DI RENZI,POI LA LEGA NORD HA FATTO SAPERE ANCHE QUESTA DISPONIBILITA E ORA PARTE DI SCELTA CIVICA E ALTRI CENTRISTI COME DEL SEL DEGLI ESTREMISTI DI SINITRA DI NIKI VENDOLA SI ESCINDONO E UNA MANCIATA DI PARLAMENTARI CORRONO ANCHE IN AIUTO DELLA TRABALLANTE CARICA DI RENZI.COME SI VEDE ESTREMA SINISTRA,ESTREMA DESTRA E ALTRI SCONFITTI ALLE URNE SI UNISCONO ALLARGANDO ANCORA L’INTESE PER CONVALIDARE IL GOLPE DI PALAZZO ALLA SUDAMERICANA DI RENZI.

MA NON SOLO GLI SCONFITTI POLITICI:GRILLO SI CHIEDE E CHIEDE A RENZI CON CHI VUOLE FARE LE RIFORME,SE CON I DELINQUENTI O CON GLI ONESTI ?

LA NUOVA ERA NON APOGGIA RIFORME GOLPISTE  PRESIDENZIALISTI,AUTORITARI E FEDERALISTE CHE PRETENDONO SCAVALCARE CIO CHE NON HANNO OTTENUTO BERLUSCONI IN PARLAMENTO,IL PRESIDENZIALISMO (BOCCIATO ANCHE DALLA CORTE CONSTITUZIONALE),NE LA LEGA QUANDO IL POPOLO ITALIANO HA BOCCIATO IL  REFERENDUM FEDERALISTA.

SI ALLA VOLONTA DELL’ITALIA ALLE URNE,SI ALLA DEMOCRAZIA,NO AL GOLPISMO,NO AL NEOLIBERALISMO.DISSOLVERE LE CAMERE E TORNARE AL VOTO GIA.

-

24 GIUNIO 2014:VISTO CHE SIAMO IN ARGOMENTO….VEDI IL MIO URUGUAY DI OGGI

.

1-AVVISO URGENTE……:

PARLA DELLA MIA OPERA E DI COME DA UN LONTANO CONCORSO ALLA MICROSOFT VERSO GLI ANNI 2000  HA FINITO PER ISTAURARE LA NUOVA ERA GLOBALE E ANCHE CONQUISTARE QUESTA AZIENDA BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI.VEDILO QUESTA MIA STORIA DEI TEMPI MODERNI CUA:

IN ITALIA(SU QUESTO STESSO SITO L’ALTRO BLOG.QUELLI DEGLI AGGIORNAMENTI DELLA MIA OPERA POST 23 :

http://dottciancimino.bloog.it/spazio-realedott-ciancimino23.html

http://dottciancimino.bloog.it/avviso-urgente-al-lettore-sindicato-medico-dell-uruguay.html

-IN BELGIO :

http://cianciminotortorici.skynetblogs.be/archive/2013/12/04/avviso-urgente-ai-lettori-sindacato-medico-dell-uruguay-8005572.html

-IN FRANCIA:

http://spaziorealedottciancimino.blogs.nouvelobs.com/archive/2013/12/04/avviso-urgente-ai-lettori-sindacato-medico-dell-uruguay-515064.html

-SU GOOGLE:

http://cianciminotortoici.blogspot.it/2013/10/avviso-urgente-ai-lettori-sindacato.html#links

Immagine anteprima YouTube

-

2-HERNANDARIAS,EL ASADO E PUEBLO GRECCO

HERNANDARIAS E’ FERNANDO ARIAS DE SAAVEDRA.CHI E’ FERNANDO ARIAS DE SAAVEDRA?E’ STATO UNO SPAGNOLO CHE DURANTE LA CONQUISTA  HA INTRODOTTO NELLE PRATERIE DEL SUDAMERICA IL BESTIAME “VACUNO”,CIO’E’ LE VACCHE.

LA GANADERIA,ALLEVAMENTO ESTENSIVO DI BESTIAME E’ LA PRINCIPALE  ATTIVITA ECONOMICA DELL’URUGUAY,DELL’ARGENTINA E DEL SUD DEL BRASILE.

L’ASADO E’ L’ARROSTO,IL CIBO “NAZIONALE”,CIO’E’ IL PIATTO PIU TIPICO DI QUESTE REGIONI.E CHE CENTRO IO?;BE INANZI TUTTO A ME PIACE L’ASADO E POI HO SCRITTO TEMPO FA UNA NOTA SULL’ASADO E LA FAO CHE VERSA SULLA FAME NEL MONDO E LE PROTEINE,VEDILO CLICCANDO CUA:

http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/fatti-interni-1.html

E CENTRA ANCHE PERCHE IO SONO UN CONOSCENTE DI QUELLE PAMAPAS:VEDI IO MI SONO LAUREATO A GENNAIO DELL’80 E MENTRE ASPETTAVO L’ESITO DELLA DOMANDA DI UNA BORSA DI STUDIO PER CONTINUARE LA POST-GRADUATORIA A PADOVA,HO VISTO UN AVVISO STAMPA CHE PARLAVA DI UNA MANCANZA DI MEDICO IN UN POLICLINICO RURALE,IN CAMPAGNA.MI SONO PRESENTATO AL MINISTERO DELLA SANITA E HO CHIESTO QUELLA CARICA.A 300 KILOMETRI DELL’OCEANO ATLANTICO,E DI MONTEVIDEO,A 40 DELL’AUTOSTRADA DEL POSTO E A 67 KILOMETRI DEL CENTRO URBANO PIU VICINO,(YOUNG) SI TROVAVA IN MEZZO AL DESERTO VERDE,DELLE PRATERIE DI ENORME DISTANZE SPOPOLATE UN CASOLARE DI 700 ANIME IN TEMPO DI LAVORO STAGIONALE E MENO DELLA META,300, QUANDO QUESTA FINIVA E GLI UOMINI PARTIVANO PER ALTRE POSTI DEL CAMPO RESTANDO SOLO DONNE,VECCHI E BAMBINI,CHIAMATO “PUEBLO GRECCO”.(1)MI SONO TRANSFERITO IN QUEL POSTO POVERO E ABANDONATO DELLA MANO DI DIO E CI RIMASSI 2 ANNI FINO ALLA MIA PARTENZA PER PADOVA.CON FONDI DONATI DALL’OLANDA ABBIAMO ORGANIZZATO IL SERVIZIO MEDICO PER UNA CINQUANTINA DI KILOMETRO CIRCA NELL’INTORNO DI GRANDI INSEDIAMENTI DI ALLEVAMENTI DI BESTIAMI.ABBIAMO FATTO CASE DI CEMENTO CON TETTO DI DOLMENIT PER LA POPOLAZIONE CHE PRIMA ABITAVA IN PRECARIE POSTI DI PAGLIA E FANGO, FATTO STRADE,MESO LUCE ELETTRICA,TELEFONI,AQUA POTABILE ED ALTRE OPERE COME L’AQUISIZIONE DI UNA AMBULANZA OLTRE L MIO LAVORO DI MEDICO .QUANDO SONO ARRIVATO QUELLO ERA UN CASOLARE,QUANDO SONO PARTITO POTEVA CHIAMARSI “PAESE”(PUEBLO).E OGNI TANTO SCHERZAVO CON I MIEI AMICI DICENDO CHE QUEL “PUEBLO” DOVREBBE PORTARE IL MIO NOME.NE SONO FIERO DI QUELLI DUE ANNI IN MEZZO AL DESERTO VERDE E LA SOLENNE POVERTA DI QUELLA GENTE DIMENTICATA DALLA CIVILTA.E’ STATO UN OTTIMO BATTESIMO DI FUOCO NELLA MIA PROFESSIONE.POI PADOVA E LA POST-GRADUATORIA IN SICHIATRIA IN ITALIA E’ STORIA CONOSCIUTA DA VOI.

-TRE LINK.

A-MAPPA E VIDEO DI GRECCO

http://www.solorecursos.com/pueblos/uruguay/mapa1.php?id=468

Immagine anteprima YouTube

SI VEDE POCO.IL PAESINO OGGI EVIDENTEMENTE HA MIGLIORATO.PERO NON DAL 1964 MA DAL 198O-81,E FORSE NON TANTO COME CI VUOLE FARE CAPIRE IL RELATORE DI QUESTO VIDEO.PERO SE PRIMA ERA UN POSTO DIMENTICATO OGGI,ANCHE VIDEO MEDIANTE,NO.E’ SEMPRE MEGLIO DI NIENTE(RELATORE MEDIANTE,SI CAPISCE).

FRAY BENTOS NON E’ LA CITTA PIU VICINA MA YOUNG.SUCCEDE PERO CHE FRAY BENTOS E’ IL CENTRO MEDICO AMMINISTRATIVO A CUI APPARTIENE IL POLICLINIO DI GRECO.MA QUESTA DIVISIONE TERRITORIALE DELLA SANITA NON CORRISPONDE A QUELLA AMMINISTRATIVA:RIO NEGRO E IL DEPARTAMENTO(REGIONE)A CUI APPARTIENE GRECO E YOUNG IL CAPOLUOGO,PERO IL POLICLINICO ANCHE SE RICOVERA NELL’OSPEDALE DI YOUNG DIPENDE SANIATRIAMENTE DI FRAY BENTOS ALLO STESO MODO CHE LA STRUTTURA SANITARIA DI YOUNG.E SE IL RELATORE PARLA DI FRAY BENTOS E’ PERCHE QUESTA CITTA E SEDE DI UNA FABRICA FINLANDESE DI CELLULOSA,BOTNIA(UPM),DESTINO PRODUTTIVO E RAGION DI ESSERE DELLA FORESTAZIONE DIVENTATA CELEBRE PER IL DIFFERENDO LIMITROFE CON L’ARGENTINA E PERCHE E’ PUNTO DI MIRA DELLE PROTESTE ECOLOGISTE.VEDI NEL PROSSIMO LINK.

B-CUA ALTRE MIE BOZZE SUL POSTO.

https://docs.google.com/document/d/1kTEYtyL2HmJ7aac9SvEmkZFkRKppW1bhgXO5Msowt0I/edit?pli=1

C-L’ASADO PIU GRANDE DEL MONDO

LO HA FATTO L’URUGUAY E HA VINTO IL PREMIO GUINESS DEI RECORD,VEDILO SU LA REPUBBLICA:

https://docs.google.com/document/d/1JmcifmNOJcO-lPG1QZ952kd7P7VJQkT0OfjCnftY2Cs/pub

Immagine anteprima YouTube

(1)APPENDICE:LO SPAZIO UTILE

-DI QUANTO SPAZIO HA BISOGNO L’UOMO?

IN REALTA IL POSTO SUL GIORNALE ERA “PUEBLO VALENTINES” NEL DIPARTIMENTO(REGIONE)DI SALTO NELLA FRONTIERA CON L’ARGENTINA(CITTA DI CONCORDIA) A 700 KILOMETRI DELLA CAPITALE.QUANDO MI SONO PRSENTATO AL MINISTERO PERO MI HANNO DETTO CHE C’E’ NE ERA UN’ALTRO,GRECCO NEL KILOMETRO 267 DELLA AUTOSTRADA 3 E DOPO 40 KILOMETRI DI CAMMINI NON ASFALTATI.CIO’E’ DI FANGO IN MEZZO AL CAMPO.

IN UN SOLO VIAGGIO PREVIO VISITAI TUTTE DUE PER SCEGLIERE:

VALENTINES AVEVA UN POLICLINICO MEGLIO ATREZZATO E ORGANIZZATO VISTO CHE C’ERA UNA COMMISIONE DI NOTORIE PERSONALITA(E POSSIEDENTI) DEL POSTO.POSTO INOLTRE CON MIGLIORI CONDIZIONI DI CAMMINERIA E URBANIZAZIONE.GRECCO ERA NEL BEL MEZZO DELLE ESTENSIONI VERDI NEL CUORE PROFONDO DEL PAESE,PIU POVERO E SPOPOLATO.INSOMMA MOLTO MEGLIO VALENTINES.C’ERA UN PROBLEMA PERO: LE DISTANZE.SOPRA TUTTO LE DISTANZE DA  MONTEVIDEO.IL SOLO MEZZO PER RAGGIUNGERE SALTO ERA VIA BUS E CI IMPIEGAVA 10-12 ORE CONTRO LE 6 DI GRECCO.SERVIZI AEREI REGOLARI NON CI SONO NELL’INTERNO DELL’URUGUAY.QUESTO RENDE DIFFICILE NON SOLO LO SPOSTAMENTO MA ANCHE IL FUNZIONAMENTO DEL POLICLINICO PERCHE ESSENDO UN PAESE CENTRALIZZATO NELLA CAPITALE  TUTTA L’OPERATIVA SI VEDEVA COMPLICATA:L’ATREZZAMENTO,LA FORNITURA DEI FARMACI,LO SPOSTAMENTO DEI MALATI,GLI STUDI ECC.QUINDI HO SCELTO GRECCO,PIU POVERO E ISOLATO PERO PIU VICINO.

SE QUALCHE EUROPEO MALINTENZIONATO VUOLE BLANDIRE COME UN VALORE POSITIVO ASSOLUTO LO SPAZIO SAPIA CHE HA UN HANDICAP,LA DISTANZA.QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube

-

25 GIUNIO 2014:MANGIAMO INSIEME?

-TITOLARE THE WASHINGTON TIMES:

World

Chinese oil expansion has Vietnam seeking American partnership

By James Borton — Special to The Washington Times

China’s decision to place a massive oil rig in a disputed area of the South China Sea is helping reshape the relationship between two former enemies — the United States of America and the Socialist Republic of Vietnam.

TRADUZIONE:

MONDO

L’espansione petrolifera cinese ha il Vietnam in cerca di partnership americano
Per James Borton – Speciale The Washington Times
La decisione della Cina da mettere una massiccia piattaforma petrolifera in una zona contesa del Mar Cinese Meridionale sta aiutando a rimodellare il rapporto tra due ex nemici – gli Stati Uniti d’America e la Repubblica socialista del Vietnam.

REAZIONE:NON SOLO USA SI AVVICINA A VIETNAM,ANCHE RENZI DI RECENTE HA VISITATO VIET-NAM.IL VIETNAM NON E’ TERRITORIO DI DIFUSSIONE DELLA NUOVA ERA,LA CINA PER IL MOMENTO SI.QUELLO DEL TITOLO(OCA ALL’ARANCIA “OF CORSE”)

PD:CON NIXON QUESTO NON AVREBBE MAI SUCCESSO.

Immagine anteprima YouTube

-

26 GIUNIO 2014:LA PUNTATA DEL MONDIALE

.

L’ITALIA E’ FUORI DAL MONDIALE,HA PERSO CON  URUGUAY 1-0.PERO HA INFLUITO L’ARBITRO NEL RISULTATAO,PERCHE FRA L’ALTRO HA ESPULSO UN GIOCATORE ITALIANO MANCANDO TANTO TEMPO PER LA FINE.IO NON HO VISTO LA PARTITA PERO LO AVEVO DETTO IN ANTICIPO CHE LA LOCALIA AMERICANA PESA.PURTROPPO NON SI PUO SCARICARE TUTTE LE COLPE AI GIUDICI,PENSO CHE L’ITALIA HA MANCATO GRINTA(NON CONFONDERE CON AGRESSIVITA PER CARITA),ALLA NAZIONALE HA MANCATO PATRIOTISMO.ALLORA:”CHI GIOCA PER SOLDI PERDE PER OBLIGAZIONE” DICONO I TAUR ,CIO’E’ TANTO PER DIRE CHE CHI GIOCA PENSANDO AL RISULTATO PERDE DI VSTA CHE SI TRATTA DI UN GIOCO CON LE REGOLE DI UN GIOCO,E’ IN CALCIO SI DEVE PENSARE A VINCERE E NON A PAREGGIARE.CHI GIOCA AL PAREGGIO SOLTANTO DI SOLITO PERDE.O MEGLIO,PER PAREGGIARE,IL RISULTATO CHE SERVIVA,BISOGNA ANCHE PENSARE A VINCERE.E IN QUESTO GIOCO ANCHE SE HA UNA SUA LOGICA CIO CHE CONTA E’ L’ATTITUDINE.(QUALCHE VOLTA ANCHE IO SONO STATO DENTRO UN CAMPO DI GIOCO)

PUTROPPO NESSUN RIMPIANTO.PER ME:RENZI E IL SUO “GOVERNO” DI PALAZZO NON SI MERITAVANO UN COLPO PROPAGANDISTICO “LEGGITIMATORE” PER PARTE DEL CALCIO ITALIANO.E SI SA QUANTO INFLUISCE SULLO STATO D’ANIMO DELLE MASSE L’EUFORIA POPOLISTA.IMMAGINO CHE NE MENO LUI AVRA RIMPIANTI DAL MOMENTO CHE SI E’ DETTO CONTRARIO AL POPOLISMO.

-

26 GIUNIO 2014:CONCRETAMENTE,LA LEGA A PROCESSO

-SU LA REPUBBLICA:

Rimborsi alla Lega, la Procura chiede il processo per Umberto Bossi e i figli Riccardo e Renzo

L’inchiesta milanese sui fondi del Carroccio: fra gli indagati c’è l’ex tesoriere Belsito. Chiesta l’archiviazione per Rosi Mauro, ex vicepresidente del Senato. Nel mirino rimborsi per 40 milioni di euro

Rimborsi alla Lega, la Procura chiede il processo per Umberto Bossi e i figli Riccardo e Renzo

Umberto Bossi con il figlio Renzo

Oltre 40 milioni di euro di rimborsi elettorali incassati illecitamente dalla Lega Nord quando a guidarla era ancora Umberto Bossi. Soldi pubblici finiti nelle casse del Carroccio presentando a Camera e Senato rendiconti irregolari, di cui poi circa mezzo milione sono serviti al Senatur e ai suoi figli, Riccardo e Renzo il ‘Trota’, per pagare una serie di spese personali: multe, lavori per la casa di Gemonio, vestiti, gioielli, fino al dentista. E ancora: un’auto nuova, l’ormai nota laurea albanese, le rate universitarie, il mantenimento dell’ex moglie e anche il veterinario per il cane.

E’ lungo l’elenco dei soldi prelevati dai conti del partito, allora usato come un bancomat, per lo shopping e le spese private dell’ex segretario della Lega e dai suoi due figli. Elenco messo nero su bianco nella richiesta di processo per i tre Bossi e altre sei persone firmata dal procuratore aggiunto milanese Alfredo Robledo e dai pm Roberto Pellicano e Paolo Filippini, i quali hanno invece stabilito che la posizione di Rosi Mauro, ex vicepresidente del Senato, va archiviata. Non così per l’ex tesoriere di via Bellerio, Francesco Belsito; per tre ex componenti del comitato di controllo di secondo livello – Stefano Aldovisi, Diego Sanavio e Antonio Turci – coloro che hanno firmato i rendiconti ritenuti irregolari presentati in parlamento; per l’imprenditore Stefano Bonet e il commercialista Paolo Scala. Per loro, come per l’ex numero uno del Carroccio e i suoi figli, le accuse a vario titolo sono di truffa aggravata ai danni dello Stato, appropriazione indebita e riciclaggio.

Renzo Bossi, ecco il diploma
della laurea presa in Albania

{}

La vicenda per cui ora la Procura chiede il processo riguarda in prima battuta quell’operazione addebitata a Bossi in qualità di legale rappresentante della Lega, complici Aldovisi, Sanavio e Turci, che sarebbe stata messa in atto attraverso i falsi rendiconto-spese presentati a Camera e Senato per far incassare illecitamente al partito circa 40 milioni di euro di rimborsi elettorali per il 2008 e il 2009. Rimborsi che per il 2010 non sono stati erogati in quanto, come si legge nel capo di imputazione, i “revisori pubblici” nell’estate di due anni fa attestarono le irregolarità.

Nella richiesta di giudizio sono riportati i conti di quelle che, codice alla mano, si chiamano appropriazioni indebite. Fra il 2009 e il 2011 il Senatur avrebbe speso, secondo i pm, oltre 208mila euro di soldi pubblici: significativo l’assegno da 20mila con la dicitura ‘Casa capo lavori’. E poi cartelle esattoriali, “lavori edilizi” per la casa di Gemonio (1.583 euro), assegni da 50mila euro, 160 euro per “acquisto regalo di nozze”, 27mila euro per “abbigliamento”, gioielli, 1.500 euro di dentista, 81mila euro per lavori in una casa a Roma. E per Renzo più di 145mila euro di spese: migliaia di euro in multe, 3mila euro di assicurazione auto, 48mila euro per acquistare una macchina e 77mila euro per la “laurea albanese”. Riccardo, invece, ha speso quasi 158mila euro per pagare “debiti personali”, “noleggi auto”, le rate dell’Università dell’Insubria, l’affitto, il “mantenimento dell’ex moglie”, l’abbonamento della pay-tv, “luce e gas” e anche il “veterinario per il cane”.

Rosi Mauro era stata accusata di essersi appropriata indebitamente di quasi 100mila euro, ma ora per lei è stata chiesta l’archiviazione. Dopo la chiusura delle indagini (avvenuta lo scorso novembre), l’ex senatrice -  peraltro espulsa dal partito nonostante si fosse sempre dichiarata innocente – si è fatta interrogare: si è difesa “su ciascuno dei tre fatti” contestati “fornendo anche documenti di supporto e prospettando spiegazioni che al pm” sono apparse “accoglibili e comunque tali da rendere assai dubbia la solidità della prospettazione accusatoria”. Anzi, per la Procura “non è irragionevole ritenere” che Belsito, “abbia utilizzato” l’ex vicepresidente del Senato e il suo bodyguard Pierangelo Moscagiuro, al quale si ipotizzava fosse stata comprata anche a lui una laurea in Albania per oltre 77 mila euro, “come pretesti per prelevare denaro per se stesso”.

Denaro ora conteggiato nei circa 2 milioni 400mila euro e che, come è emerso dagli accertamenti, l’ex tesoriere avrebbe sottratto alla Lega. Che dopo essere stata travolta dall’inchiesta nell’estate 2012, ora è parte offesa.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/06/25/news/milano_la_procura_chiede_il_processo_per_bossi_e_i_suoi_figli-89989720/?ref=HREC1-1#gallery-slider=34392735

REAZIONE:”I grandi uomini si fanno sempre ricordare per le cose fatte e le frasi dette, loro non sono da meno, hanno dato il meglio per dimostrarlo, per anni e con coerenza, senza mostrare mai il minimo pentimento anzi dichiarandosi sempre come salvatori e portatori di verità dentro nell’ampolla del dio po. li hanno sostituiti maroni e salvini che quanto a fette di salame sugli occhi sono messi bene, non sapevano niente e non vedevano niente, la poltrona del capo fa sempre gola e la colpa è sempre di quello prima, per fortuna la brava e onesta gente del nord sta facendo diventare per fortuna questi personaggi una razza in via di estinzione.”

QUESTE NON SONO PAROLE MIE MA IL COMMENTO DI UN UTENTE DEL GIORNALE CHE SCRIVE CON IL PSEUDONOMO “gianfranco”30.LI SOTTOSCRIVO E AGGIUNGO CHE LA LEGA E’ BOSSI,E SENZA BOSSI NON ESSISTE IL LEGHISMO.CONDANNARE IL SUO CAPO MASSIMO SIGNIFICA L’INIZIO DEL FINE.E GLI ULTIMI FATTI SIA IN MATERIA GIUDIZIARIA(MARONI SFIORATO DALLA TANGENTOPOLI)E PERDITA ELETTORALE DEL PIEMONTE,IL TRENTINO ALTO ADIGE,FRIULI VENEZIA GIULIA E TANTI COMUNI COSI LO TESTIMONIANO.PREMIO CONSOLAZIONE:IL COMUNE DI PADOVA. NEL VENETO C’E’ ANCORA LAVORO DA FARE.

Immagine anteprima YouTube

-

26 GIUNIO 2014:EUROESCETTICISMO

-3 NOTE LA STAMPA:

-NOTA 1:NIENTE GRUPPO PER LA LEGA E L’ULTRADESTRA EUROPEA

Esteri,23/06/2014
Le Pen flop, niente gruppo euroscettico
La leader del Front National non è riuscita a convincere i partiti di 7 diversi paesi

La leader del Front National Marine Le Pen

Marine Le Pen non ce l’ha fatta. Fallisce il tentativo di creare il secondo gruppo euroscettico al Parlamento europeo con la Lega nord, quello della `Alleanza´ della destra anti-euro e anti-immigrazione.

I 23 eurodeputati del Front National che ha trionfato in Francia, i 5 della Lega – compreso il segretario Matteo Salvini – ma anche i 4 del Pvv Geert Wilders seconda forza in Olanda, i 5 austriaci del Fpo di Strache, primo in Austria, ed i belgi del Vlaams Belang saranno costretti a cominciare la legislatura tra i `non iscritti´, condizione che al Parlamento europeo equivale a quella di parlamentari di serie B: esclusi dalla distribuzione proporzionale delle cariche e dei dossier, contributi solo a titolo personale non per l’attività politica di gruppo, tempo di parola limitatissimo, necessità di 40 controfirme anche semplicemente per presentare un emendamento. Senza contare che tra i “non iscritti” ci saranno i neonazisti greci di Alba Dorata e quelli tedeschi dello Npd nonché gli antisemiti ungheresi di Jobbik.

L’ultimo assalto ad un bulgaro è fallito nel week end. Un polacco revisionista del Knp, accettato sub iudice per aver detto che Hitler non era al corrente dell’Olocausto, avrebbe rappresentato il sesto paese. Ma per formare un gruppo all’Europarlamento si devono associare partiti in rappresentanza di almeno sette diversi paesi. Ed il settimo paese non è spuntato fuori nonostante un’ultima febbrile giornata di consultazioni. A vuoto anche il tentativo di convincere alla «abiura» un ungherese di Jobbik.

Il fallimento è ancora più bruciante pensando che mercoledì scorso l’arcirivale della Le Pen, Nigel Farage, è riuscito a chiudere il cerchio delle 7 diverse nazionalità – e a formare il gruppo con il Movimento 5 Stelle – proprio grazie ad una «dissidente» del Front National.

Secondo le regole del Parlamento europeo i gruppi possono formarsi in qualsiasi momento, ma la rilevazione di inizio legislatura influisce per due anni e mezzo, fino al rinnovo di mid-term delle cariche parlamentari. Wilders annuncia di pensare che il gruppo si costituirà più avanti nell’anno. Ma tante certezze sono andate in fumo. E nella notte già volano le accuse alla Le Pen per la gestione della trattativa. Domani probabilmente alcuni cercheranno di mostrare buon viso a cattivo gioco, ma la sconfitta è bruciante ad un mese dal trionfo elettorale.

 http://www.lastampa.it/2014/06/23/esteri/fallisce-il-progetto-di-le-pen-salta-il-secondo-gruppo-euroscettico-bNJdRIykcUBXBXdHRcnDkI/pagina.html
-
-NOTA 2:
Politica,25/06/2014 - europa. la nuova legislatura

Lega e Le Pen restano senza gruppo

Fallite le trattative per creare una coalizione euroscettica. Salvini: “La vera opposizione siamo noi, non Grillo-Farage”
Matteo Salvini cn i leghisti porterà in Cassazione le firme per i referendum
roma

«Il gruppo ci sarà e sarà più omogeneo di quello di Grillo». Il segretario della Lega, Matteo Salvini, continua a crederci. Anche se il gruppo euroscettico in Parlamento europeo, insieme al Front National di Marine Le Pen, non è riuscito a formarsi entro la scadenza del 23 giugno, anche se non si è ancora riusciti a rispettare la regola di almeno 25 deputati di sette Paesi diversi per cui, al momento, gli eletti del Carroccio devono accontentarsi di rimanere tra i «non iscritti», lui non si mostra preoccupato, anzi, «saremo ancora più determinati, non ci arrendiamo».

Un gruppo di euroscettici già c’è, quello di cui fanno parte l’Ukip di Nigel Farage e il Movimento cinque stelle, che infatti ieri hanno fatto la prima riunione e, annuncia Grillo, «su proposta del M5S il nome cambia da Efd a Efdd, dove “DD” sta per “Direct Democracy”: Democrazia Diretta». Ma obiettivo della trionfatrice alle elezioni francesi e dei leghisti era riuscire a formarne un altro, con gli olandesi del Pvv,gli austriaci del Fpo e i belgi del Vlaams Belang: quello che Salvini definisce un gruppo «di opposizione seria, non come quella del M5S», ma non sono stati raggiunti i numeri sufficienti per creare un gruppo. «Siamo il gruppo del Parlamento europeo più ostacolato della storia, il che ci fa capire che siamo nel giusto» dice il leader leghista, e attacca i colleghi-rivali euroscettici, con cui si sono contesi alcune adesioni, «diciamo un bel “grazie” al duo Grillo-Farage. Al primo basta sparare qualche castroneria irrealizzabile, a Farage fare gli interessi della City finanziaria londinese. E dell’euro chi se ne frega. A Beppe piace, mentre Nick ha la sterlina e se la tiene stretta».

Nessun rimprovero alla Le Pen che ha condotto le trattative, «lei non sbaglia mai», anche se «abbiamo detto parecchi no, siamo stati molto selettivi, io sarei stato più aperto. Ma vuol dire solo che ci metteremo un po’ di tempo in più, meglio far le cose bene che raffazzonate»: tra i criteri per dire qualche no, spiega, ad esempio il fatto che «noi siamo contro l’immigrazione clandestina ma non contro l’immigrato tout court: non si possono distinguere le persone in base al colore della pelle». Nonostante la delusione, il leader leghista – oggi atteso in Cassazione per consegnare tre milioni di firme su cinque referendum, con autografi raccolti, con grande soddisfazione padana, fino a Palermo – non si perde d’animo e si mostra certo che il gruppo si farà: «Nonostante la controindicazione di perdere qualche poltrona, siamo sicuri che ci saranno altre fuoriuscite come ci sono state in questi primi 15 giorni, ci sono tante tensioni nei gruppi. Entro breve il gruppo ci sarà». E da lì promette battaglia: a cominciare dall’ipotesi di Juncker presidente della Commissione. «È uno dei principali colpevoli del disastro economico e occupazionale», per cui «faremo di tutto per fermare questo inciucio tra destra e sinistra». E se dovesse spuntarla, «vuol dire che ci vogliono far diventare matti e allora faremo i matti anche noi».

http://www.lastampa.it/2014/06/25/italia/politica/lega-e-le-pen-restano-senza-gruppo-deKK7cOHLU3mayOYH7J15O/pagina.html

Ti consigliamo:
+ Caccia al voto degli Anti EuropaLe Pen e Salvini sfidano Ukip e M5S
+ Grillo e Farage, alleanza anti-Europa “Insieme causeremo guai a Bruxelles”
ANSA
+ E il Carroccio si rialza Salvini: “Smentiti i gufi”

9/05/2014

La deputata M5S Giulia Sarti: “Con l’Ukip nulla in comune Beppe dovrà consultarci”

-
-NOTA 3:Editoriali,26/06/2014
Lega e Le Pen, troppo comodo dire sempre no
cesare martinetti

È un vero peccato che Marine Le Pen e Matteo Salvini non riescano a fare gruppo al parlamento europeo. Sarebbe stata l’occasione per passare dalle chiacchiere alla realtà, dalla propaganda alla politica, dall’irresponsabilità alla responsabilità. Certo potranno intervenire nelle commissioni e nell’aula di Strasburgo, dire le peggio cose contro l’euro, invadere l’asettico quartiere europeo di Bruxelles con vacche e allevatori del Limousin o della bergamasca e rovesciare il latte all’ingresso del palazzo di Justus Lipsius dove si riunisce il Consiglio europeo. Potranno cioè continuare a fare quello che hanno fatto finora. Tuttavia l’involucro di un «gruppo» parlamentare avrebbe conferito loro un’etichetta istituzionale consentendogli di uscire dalla marginalità: dal folklore alla rappresentanza. Avrebbe dato un altro peso alle loro proposte, per quanto surreali e persino eversive rispetto ai pilastri dell’Ue.

Ed è un peccato che questo non accada perché queste forze della cosiddetta anti-politica crescono e prosperano in quella terra di nessuno dove le parole possono anche non incontrarsi mai con i fatti ma galleggiare in una realtà virtuale dove tutto è possibile: uscire dall’euro, chiudere le frontiere, sparare sui barconi degli immigrati… Per ogni grande e drammatico problema hanno una soluzione semplice costruita sul senso comune, buona per talk show e comizi, ma che non arriva mai alla verifica con i fatti nel difficile mestiere di confrontarsi con gli altri per governare la realtà attraverso il gioco democratico.

Matteo Salvini ha resuscitato un partito che sembrava in agonia dopo il tramonto di Bossi e della sua famiglia (ieri la procura di Milano ha chiesto il processo per truffa del vecchio capo del Carroccio e dei figli) con una linea tutta d’attacco e di opposizione, come se la Lega non fosse mai stata al governo, non avesse mai avuto un sindaco di Milano, non fosse tuttora alla guida della Lombardia, del Veneto e di importanti città del Nord.

Il Front National, invece, solo da questa primavera è al potere in qualche città della provincia francese. Il sistema elettorale maggioritario a doppio turno aveva creato intorno al partito di Jean-Marie Le Pen un cordone sanitario invalicabile. Soltanto François Mitterrand aveva sfidato questo tabù della Quinta repubblica aprendo al proporzionale nelle elezioni parlamentari del 1986. Il risultato fu che una rumorosa pattuglia di 35 parlamentari frontisti sbarcò all’Assemblée nationale con esiti grotteschi ed irrilevanti che alle successive elezioni anticipate – richiuso il varco proporzionale dal machiavellico presidente, non solo per questo soprannominato «florentin» – si tradussero in un solo parlamentare rieletto. Oggi sono due.

Il fenomeno Front è cresciuto e si è dilatato dentro questa esclusione e grazie ad essa. Il sistema elettorale aveva costruito una dittatura bipolare destra-sinistra, gollisti e socialisti che si alternavano al potere e il partito di Le Pen è così diventato un’alternativa di sistema, l’unica. Dopo l’exploit di Jean-Marie arrivato nel 2002 al ballottaggio con Chirac avendo superato al primo turno il socialista Jospin, la figlia Marine ha compiuto il miracolo di trasformare la greve eredità paterna di un’estrema destra eversiva e nostalgica in un partito apparentemente post-ideologico arraffando molti consensi popolari un tempo di sinistra.

Il retaggio tuttavia rimane. Se Salvini dichiara – ieri a Repubblica – che pur di fare gruppo a Strasburgo avrebbe anche imbarcato i neonazisti greci di Alba Dorata, Madame Le Pen non se lo può permettere, dal momento che nell’aneddotica paterna è rimasta scolpita l’indimenticabile sentenza secondo cui le camere a gas naziste sono «un dettaglio della storia». Il parricidio era dunque d’obbligo e apparentemente si è consumato dopo le mirabolanti elezioni europee, quando il Front con il 25 per cento è diventato il primo partito di Francia.

Non è bastato. Il cordone sanitario resiste. L’inglese Nigel Farage alleato di Grillo riesce a comporre il suo gruppo ma non vuol sentire parlare di alleanze con il Front. E non pesa solo il passato. La simpatia per Vladimir Putin espressa da Marine Le Pen persino con una visita al Cremlino nei giorni caldi della crisi ucraina, non ha aiutato la signora a trovare alleati tra i baltici o negli ex paesi satelliti di Mosca, pur non avari di euroscettici.

Quel sentimento antisistema che ha dominato la campagna elettorale europea rischia dunque di rimanere uno stato d’animo o un rancore sordo che si stempera nell’indistinto politico del gruppo dei non iscritti, da dove le voci di Matteo Salvini e di Marine Le Pen – quando presenti, che non capita sempre – conserveranno forse il carisma di oppositori radicali, godranno dei vantaggi di questa posizione di rendita, produrranno slogan e colore. Ma – per fortuna – non potranno mantenere la promessa di far fallire l’euro e l’Unione europea.

http://www.lastampa.it/2014/06/26/cultura/opinioni/editoriali/lega-e-le-pen-troppo-comodo-dire-sempre-no-yLdQohqBKrnCdVVscJ44AN/pagina.html

REAZIONE:QUESTA SARA UNA NUOVA UNIONE EUROPEA,TUTTA COMPATIBILE CON LA NUOVA ERA.

E ATTENTI NON CONFONDERE ELEZIONI EUROPEE CON QUELE NAZIONALI:NON DARE COME “UNIVERSALE” LA PERCENTUALE DELLA LEGA NE DIRE CHE IL FRONT NAZIONALE E’ IL PRIMO PARTITO DELLA FRANCIA.LA LEGA IN ITALIA E’ ELETTORALMENTE IN VIA DI SCOMPARSA E IN FRANCIA ANCORA SONO GOVERNO I SOCIALISTI E VINCITORI ALLE ELEZIONI DI MEZZO TERMINE L’UMP DI SARKOZY CON QUI POTREBBE FORMARE COALIZZIONE.CASO MAI ALLORA ANCHE LO E’ L’UKIP LO E’ IN GRAN BRETAGNA SPIAZZANDO I CONSERVATORI DI CAMERON,I LIBERALI DEMOCRATICI NON CHE GLI PRO-EURO LABOURISTI.E INVECE VEDIAMO CAMERON CHE LE CREDENZIALI DI  EUROSCETTICO DEVE LEGITTIMARLI CON IL SUO PROPIO PARTITO,LITIGARE PER IMPORRERE LE SUE SCELTE ALL’UNIONE EUROPEA.

PD:VISTTO L’ATACCO,CON CONDANNA ALLA GIUSTIZIA PER LA MINISTRA NEGRA,COME  SARANNO GLI IMMIGRATI LEGALI “DI PELLE NON COLORATA” CHE ALLA  LEGA PIACIONO?FORSE LE “VACCHE E ALLEVATORI DI BESTIAME”?

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 125 »

16 giugno 2014
0

16 GIUNIO 2014:DALLA TERZA MEDIA AL CUORE DELL’IMPERO

-TORNIAMO “ALL’ALLARMISMO ECOLOGICO NOSTRANO”

ALCUNE ALTRE NOTE SU LA STAMPA RIGUARDO AL SISTEMA TANGIANZIARIO MOSE-EXPO-SANITA-AUTOSTRADE E COSI VIA.

-NOTA 1:Cronache
14/05/2014 - grandi opere. gli sviluppi finanziari
I pm scoprono altri appalti truccati
L’imprenditore Maltauro: versato un milione di euro di mazzette. Rogatoria sui soldi portati in Svizzera

paolo colonello

MILANO

Non è finita. «Mi sentivo come un pesce in uno stagno in cui mi dovevo dimenare…», ha raccontato Enrico Maltauro l’imprenditore vicentino, quando è stato arrestato dalla Guardia di Finanza. Evidentemente ha imparato a “dimenarsi” talmente bene da aver vinto, in successione, una serie di appalti. In cambio, Maltauro, alla “cupola” ha versato una somma ben più consistente di quella circolata ieri: quasi un milione di euro in poco meno di due anni. Versati a chi? Formalmente a Giuseppe Cattozzo, l’ex segretario dell’Udc ligure e factotum di Gianstefano Frigerio. Il quale, secondo la tabellina scritta sui post-it ritrovati tra le sue mutande al momento dell’arresto, avrebbe ricevuto in questo modo: 600 mila euro in contanti, 300 mila euro lordi con presentazione di fatture per operazioni che i pm considerano “inesistenti”, più un’Audi 5 da 60 mila euro comprata da Maltauro negli ultimi mesi. Totale: 960 mila euro. Gli inquirenti sospettano che i 600 mila euro in contanti siano finiti in realtà direttamente a Frigerio e all’ex senatore Luigi Grillo che finora hanno negato su tutta la linea. Ma l’evidenza dei versamenti è documentata dai filmati e dalle intercettazioni della Gdf.La domanda a questo punto è: ma se Maltauro per un paio di appalti (Expo e Sogin) aveva versato quasi un milione e promessi, in contanti, altri 600 mila, gli altri imprenditori per gli appalti sulla Sanità lombarda, che rappresentano oltre il 90 per cento di questa inchiesta, quanto hanno pagato? Si direbbe parecchio, al punto che una rogatoria con la Svizzera è già stata avviata per andare a vedere nel “caveau” di Frigerio e Grillo quanti soldi sono stati nascosti o passati. E l’elenco di imprenditori implicati sarebbe talmente lungo e documentato dalle indagini della Dda e della Gdf, che inevitabilmente scatterà presto una fase “due” delle indagini. Ovvero, un nuovo “terremoto”. Come per “Tangentopoli”, racconta qualche vecchio investigatore, quando in Procura si formarono file di imprenditori per “confessare” corruzioni e tangenti. «Il compito che abbiamo affrontato – dice a un certo punto Frigerio – è quello di gestirci la Città della Salute», ovvero appalti per 500 milioni discussi con Antonio Rognoni, l’ex capo di Infrastrutture Lombarde che ieri, interrogato, ha sostenuto che si limitava solo «ad assistere e ascoltare».

Solo che se allora i soldi finivano ai partiti oggi il dubbio è che i danè si siano fermati nelle tasche dei “mediatori” e alla politica siano arrivate “altre utilità”: come il controllo sui direttori sanitari degli ospedali o sul sostegno delle imprese per le elezioni. “Mediatori” che a quanto pare pullulano attorno alla pubblica amministrazione, perché se è vero che Frigerio, Grillo e Greganti sono indicati come “la cupola” dei servizi e degli appalti negli ospedali lombardi, non bisogna dimenticarsi che, per esempio, per i rimborsi agli ospedali su interventi e ricoveri, funzionava egregiamente il “sistema Daccò-Formigoni”, per altro inviso agli attuali eroi della tangente («fanno la bella vita con i soldi pubblici») i quali si vantavano di prendere denaro solo dai privati. Peccato che il costo delle tangenti come al solito ricada poi sulle spalle dei contribuenti.

Spiegano gli inquirenti che avere a che fare con i mediatori, come insegna la vicenda di Angelo Paris, il numero due di Expo che passava in anticipo i bandi di gara, era talmente conveniente che alla fine il costo della tangente versata veniva ampiamente ripagato dall’assenza di controlli sui prezzi praticati da chi vinceva gli appalti. Ciò che gli inquirenti intendono però chiarire è come mai il trio che oggi tutti dichiarano dedito alla millanteria, riuscisse poi a farsi ricevere ai piani alti del potere. Come mai cioè, se Frigerio mandava i suoi pizzini ad Arcore, dopo qualche giorno Silvio Berlusconi invitava a cena il buon Paris. E come mai, ancora, Primo Greganti poteva farsi ricevere in Senato e ricevere ogni mercoledì parlamentari e pezzi grossi del Pd nel caffè di galleria Alberto Sordi, a due passi dal Parlamento, utilizzando alla bisogna un telefono satellitare di tipo militare. Tra le carte dell’archivio di Frigerio, oltre a una quantità impressionante di raccomandazioni, gli investigatori hanno trovato un oggettino illuminante. Un libretto scritto dal “professore” nel 2012. Titolo: «Nel cuore dell’Impero. L’America di Barak Obama». Prefazione firmata da Silvio Berlusconi che il libro ci tenne a presentarlo a Roma. Inizia così: «Dopo l’Italia il paese che amo di più è l’America…». Si direbbe, non proprio ricambiato.

http://www.lastampa.it/2014/05/14/italia/cronache/i-pm-scoprono-altri-appalti-truccati-Z3a8djROkXqhcCDLzK2V8I/pagina.html

.

REAZIONE:QUI BISOGNA PUNTARE I RIFLETTORI SU QUESTA PERSONA NOMINATA COME “FACTOTUM” DELL “CUPOLA” LEGATO ALLA GESTIONE DI  TUTTE QUESTE TANGENTI.SERGIO CATOZZO,LUOGOTENENTE DI STEFANO FRIGERIO,”L’INTELLETUALE SCRITTORE DI LIBRI………..” E,NON DIREI PROPIAMENTE  RACOMANDATO MA “VICARIO” DELL’ONNIPOTENTE GRILLO “.NELLE PROSSIME NOTE VEDREMMO COME QUESTO GRIGGIO PERSONAGGIO CHE CON SOLO LA TERZA MEDIA,DALLA SEGRETERIA DELL’UDC LIGURE ERA IL VERO E CONCRETO GESTORE DEI SOLDI DELLA TANGENTOPOLI. QUELLO DEL TITOLO.

BELLA STORIA VERO?ALTRO CHE “RAZZA PADRONA……..,RIVOLUZIONE E’.

-

-NOTA 2:Cronache,15/06/2014

Sull’Expo non tornano i conti: spariti nel nulla molti dei soldi delle tangenti

Il sospetto è che ci siano altri destinatari rimasti nascosti

Enrico Maltauro, da ieri ai domiciliari

paolo colonnello
milano

C’è una cosa che non torna nei conteggi fatti dagli investigatori sui soldi versati per le tangenti Expo e sulla Sanità. Intanto le somme sarebbero di gran lunga superiori a quelle ricapitolate finora e confessate nei vari interrogatori (circa due milioni e mezzo) e, soprattutto, il “bottino” non corrisponde alle tangenti versate. Insomma: mancando dei soldi. A chi sono andati a finire?

Un po’ banda dell’Ortica, un po’ eredi di Tangentopoli, quelli della “cupola” degli appalti in Lombardia, con la concessione degli arresti domiciliari ieri ad Enrico Maltauro, loro principale finanziatore, sono ormai con le spalle al muro. Nel senso che, dopo la prima tornata d’interrogatori e in attesa che il tribunale del riesame decida a fine mese sui nuovi arresti chiesti dalla Procura, Gianstefano Frigerio, Luigi Grillo e Primo Greganti devono decidere se aprire la diga sul “terzo livello”, quello dei referenti politici, oppure tacere e andare a giudizio immediato. La spartizione dei ruoli, leggendo le carte dell’inchiesta, appare infatti abbastanza chiara: da una parte Maltauro che rivendica la “necessità” di dover pagare tangenti nel “sistema” «che non è cambiato, anzi è peggiorato, dal ’92 ad oggi», e l’ex numero due di Expo Angelo Paris, che ammette «di essere stato un cretino» e di essere finito nelle braccia del gatto e la volpe per paura di rimanere schiacciato dalle responsabilità del ruolo e dalla potenza di Antonio Rognoni, il quale nega ogni responsabilità: «Sono caduto in una trappola,non ho mai corrotto nessuno e non sono mai stato corrotto».

Dall’altra i “mediatori” veri e propri che gestivano la distribuzione di appalti e poltrone tra “gli amici degli amici”: destra, sinistra e centro. Con alcune differenze. Mentre infatti l’ex democristiano di Forza Italia Gianstefano Frigerio la butta sulle «sponsorizzazioni per i miei libri e i convegni», negando di aver mai chiesto tangenti, il “compagno G”, ovvero Primo Greganti, non si smentisce: respinge le accuse, si dichiara «un utopista», si straccia le vesti e si dice «scandalizzato». Proprio così: «Sono scandalizzato che nelle intercettazioni dei soggetti parlino di me. Forse millantavano di conoscermi. Non so perché Cattozzo e Frigerio nel riparto della tangente da 600 mila euro dicevano che ero coinvolto anch’io…». Peccato per il dettaglio di un’intercettazione dove, quando Cattozzo fa presente al gruppo che se oltre a Maltauro non pagherà anche la Celfa, e dunque la somma da spartire per l’appalto Expo scenderà drasticamente alla metà, lo stesso Greganti se ne esca con una frase eloquente: «Ma porca puttana vacca!». Esclamazione un po’ greve che ha impegnato buona parte del suo interrogatorio davanti al gip. Per altro, in una diversa intercettazione, più che di percentuali Cattozzo e Frigerio sembrano parlare proprio di euro: «Allora, duecentomila a me, duecento a te e duecento a Primo». Non a caso, rimane in carcere.

Diversa la posizione di Cattozzo, ex segretario Udc in Liguria, diploma di terza media, e assurto a «consulente» della Maltauro. «Nel senso che – chiarisce lo stesso Maltauro – in questo modo le cose sporche le faceva lui». Cattozzo ha una contabilità delle tangenti (ritrovata nei pantaloni del suo pigiama al momento dell’arresto) abbastanza precisa e soprattutto si capisce che quando ritira i contanti che Maltauro fa arrivare dalla Svizzera, ai suoi compari porta sempre qualche centomila euro in meno del dovuto per poi spartire in parti uguali. Per dire, sull’appalto con la Sogin da 98 milioni di euro, ottiene da Maltauro un milione e mezzo di euro: «Ma da questa somma ho detratto 300 mila euro che ritenevo di mia competenza…residuavano per tanto un milione e 200 mila, di cui 200 mila a Grillo, 200 mila a Sergio e altri 200 mila per Frigerio…». Altri 600 mila che dovevano arrivare, Maltauro non li ha pagati ma, chiarisce Cattozzo, in quel caso «300 mila dovevano andare a Grillo e 300 mila a me». Dunque, si capisce che alla fine, il personaggio più importante del gruppo era proprio l’ex senatore Grillo, ovvero il politico che “presenta” Cattozzo a Maltauro e che a Natale telefona per i ringraziamenti sulle stecche. E il resto dei soldi? Omissis. Il che fa capire che c’era anche qualche altro destinatario. La nuova puntata dell’inchiesta Expo.

http://www.lastampa.it/2014/06/15/italia/cronache/sullexpo-non-tornano-i-conti-spariti-nel-nulla-molti-dei-soldi-delle-tangenti-kn4Nvag35jwykFYvuv3RlJ/pagina.html

-

-NOTA 3:GRILLO ONNIPOTENTE?,NO RIVOLUZIONE
CRONACHE

0/05/2014

Expo, ora si cerca il tesoro a Lugano

Frigerio “il professore”: “Io ho una cassetta,
ma voi apritene un’altra sennò si mischiano le cose”

Il cantiere per l’Expo 2015 a Milano

paolo colonnello
milano

Quando l’altra mattina li hanno arrestati, mentre uscivano da un albergo romano per la consueta «riunione del mercoledì» con i vari referenti politici, l’ex segretario dell’Udc ligure e factotum Sergio Cattozzo e il suo capo e compare, «il professor» Gianstefano Frigerio, avevano in tasca pochi spiccioli, che sono stati sequestrati. Per la precisione: 12 mila euro Cattozzo e 2500 euro Frigerio. Una miseria, se si pensa che solo per i 4 appalti Expo truccati, le commesse del 3% ammontavano a qualche milione di euro. Per non parlare delle costanti tangenti sulla sanità.

Eppure, anche durante le perquisizioni, i finanzieri milanesi, non hanno trovato altro. Come si spiega, visto che ci sono filmati delle consegne di denaro e nelle intercettazioni ambientali si parla tranquillamente di tangenti a colpi di 600 mila euro ciascuna? Se si segue il flusso di denaro, versato quasi sempre in contanti, si arriva poco lontano da Milano, precisamente a Lugano, nel caveau di Frigerio da cui avrebbe attinto anche l’ex senatore Luigi Grillo. Così nel silenzio del circolo culturale intitolato a Tommaso Moro, quello dove i direttori generali degli ospedali lombardi facevano la fila per ottenere raccomandazioni e dare in cambio appalti, Cattozzo e Frigerio, contano i danè. Cattozzo: «Tre, quattro, cinque, sei, sette (si sente il fruscio delle banconote, annotano gli inquirenti)… undici, dodici, tredici… ventinove, trenta, trentuno… e sessantacinque». Frigerio: «Bene, gli altri me li sistemi tu così». Cattozzo: «Sì, senti io gli ho detto la questione di Lugano, noi siamo in grado di averne una? Lui a Lugano fa quello che vuole, andiamo insieme e ce li mettiamo in una cassetta di sicurezza e poi ce li andiamo a prendere noi». «Lugano eh… è la soluzione ideale anche per me perché io la cassetta ce l’ho, non è un problema». «Allora, se ce l’hai tu non l’apriamo nemmeno..». Frigerio: «Sì vabbè… ma non è meglio che ne faccia aprire una anche a te? Perché sennò si mescolano le robe mie con quelle degli altri, capisci? È un casino, cioè, ragazzi…». «Allora, dove l’hai tu ne facciamo aprire un’altra e poi con Gigi (Grillo, ndr) ci si arrangia, viene a prenderseli nel caveau, io vi posso fare arrivare quello che voglio, non è un problema..».

Il «lui» di cui parlano è l’imprenditore Enrico Maltauro, che durante una consegna di soldi, viene fermato proprio alla frontiera svizzera e arriva in ritardo all’appuntamento per l’inconveniente. Gli indagati, che verranno tutti interrogati lunedì, si apprestavano dunque a ricevere enormi quantità di denaro e una buona parte l’avevano già trasferita. D’altronde solo gli appalti truccati per Expo la dicono lunga sul giro di affari. Quello di «architetture per i servizi» ammontava a 68 milioni; quello per i parcheggi prevede un investimento 13 milioni dell’imprenditore Lodetti della Final con un ritorno di almeno il doppio. Poi c’è la gara sui padiglioni destinati ai Paesi partecipanti. Una mezza truffa che Frigerio, Paris e compagni architettano approfittando degli enormi ritardi nei cantieri. In pratica avevano deciso di stilare una lista di aziende «di scuderia», ovvero Maltauro e Cooperative, da proporre ai Paesi partecipanti per velocizzare fondamenta e costruzioni sulla «piastra» appaltata al solito Maltauro. Infine c’è l’appalto per le Vie d’Acqua che, dopo il «rilancio» della Regione, si faranno con delle varianti che costeranno, calcolano i nostri eroi, 13 milioni più del dovuto. Una pacchia. E Greganti? Il «compagno G», anche questa volta ha stupito gli inquirenti per il rigore e la serietà, rimanendo sempre con pochi soldi per sé e grandi affari per le cooperative del partito che pure protestano la loro innocenza. Greganti si occupa del padiglione della Cina e chiede che «almeno 10 padiglioni vengano fatti in legno» perché ha una società di Pescara, la Area Legno, «da far lavorare».

Ma nel mirino, oltre a quelli della Città della Salute di Sesto San Giovanni (500 milioni) ci sono gli appalti della Sogin, la società controllata dal ministero delle Finanze ma gestita da quello per lo Sviluppo economico e che, per legge, tratta tutte le scorie nucleari e i rifiuti tossici degli ospedali, finanziandosi con le bollette per l’elettricità. Per aver veicolato i lavori della Sogin a Maltauro, pari a 98 milioni di euro, Frigerio e soci prendono 600 mila euro. Chiedendo, per Frigerio e Greganti, anche la sistemazione dei figli. Spiega Cattozzo: «Nucci mi ha detto: mio figlio a Genova. A Milano ci mettiamo tuo figlio. A Torino ci mettiamo la figlia di Greganti in modo che i ragazzi li abbian messi a posto ed entrano come quadri, dopo 6-10 mesi li mettono come dirigenti e… li mettiamo a 3/4 mila euro al mese netti…». E tanti saluti alla disoccupazione.

http://www.lastampa.it/2014/05/10/italia/cronache/expo-ora-si-cerca-il-tesoro-a-lugano-nhnBmZb8dNQHOE4luqht4O/pagina.html

.

REAZIONE:E…BELLISSIMI DIRETTORI GENERALI DEGLI OSPEDALI LOMBARDI.PER LORO LA RISPONSABILITA E’ DOPPIA,HANNO A CHE FARE CON LA VITA E LA SALUTE DELLA POPOLAZIONE.

.

-NOTA 4:QUELLI DELLA  TERZA MEDIA E ANGELO PARIS

Cronache,20/05/2014
- le inchieste. gli sviluppi
Paris, prime ammissioni: così sono caduto nella rete della cupola dell’Expo
Nelle intercettazioni prima degli arresti “collegamenti romani”. E Greganti su Pisapia: “Debole, non c’è più la nostra etica”
Angelo Paris in tribunale per l’interrogatorio
paolo colonnello
milano

«Son due anni che ci lavoriamo dentro, ragazzi: abbiam fatto pranzi, cene, abbiamo la gente, abbiamo fatto i consorzi, li abbiamo messi d’accordo…cavolo, buttar via due anni di lavoro mi sembra…». «All’ultimo minuto ci si inventava qualche collegamento romano, adesso non c’è più, adesso l’unica linea seria da seguire è due passaggi: primo portar dentro Paris, secondo passaggio è che Enrico (Maltauro, ndr) si coltivi il suo Tosi e io mi coltivo il mio Maroni, bene come ho fatto». Ultimi giorni prima della retata. Nella «cupoletta», Gianstefano Frigerio e Giuseppe Cattozzo, commentano questo scorcio di fine impero. Antonio Rognoni sta per essere arrestato per i finti contratti su Expo e loro hanno puntato sul nuovo cavallo di razza: Angelo Paris.

Il direttore dei contratti di Expo, è un uomo ambizioso ma con poche conoscenze «politiche». E nella «squadra» gli hanno fatto balenare la possibilità di prendere il posto di Rognoni a Infrastrutture Lombarde, la potente società della Regione che controlla in pratica il mercato degli appalti pubblici in Lombardia: dall’Expo alla Sanità, passando per le discariche all’edilizia. Lo hanno fatto andare da Berlusconi attraverso il fido Fabrizio Sala, sottosegretario con delega all’Expo della Lombardia e adesso che «i collegamenti romani non ci sono più», bisogna stringere. Perché, come dice in un’altra intercettazione Greganti, «Expo dura due anni, ma Infrastrutture Lombarde va avanti almeno 20».

Ieri pomeriggio sul punto, Paris è stato interrogato a lungo dai pm Gittardi e D’Alessio che si occupano dell’inchiesta e hanno deciso di secretare il verbale. L’ex manager, assistito dall’avvocato Luca Troyer ha risposto a lungo cercando di ridimensionare il suo ruolo ma ammettendo «di aver turbato» alcuni appalti, quelli che gli vengono. In sostanza, avrebbe detto, «mi sentivo il fiato sul collo di Rognoni» e del suo giro ciellino. Quindi, catapultato da Torino all’Expo, avrebbe spiegato di volersi «coprire le spalle». Ed evidentemente per chi frequenta certi ambienti, non doveva essere difficile. Finisce perciò nelle mani del «gatto e la volpe», ovvero Frigerio e Greganti. Ciascuno per il suo «mondo»: Forza Italia, Luigi Grillo, Letta e Previti, passando per Berlusconi, il primo; il Pd e il potente mondo delle cooperative il secondo. Per fare certe carriere, bisogna avere spalle coperte: Cielle e Coop uniti nella lotta. Così avrebbe raccontato Paris ai pm la sua risibile ascesa nel mondo degli appalti. Spiegando perfino che sì, da Berlusconi effettivamente ci andò una sera a cena, ma non gli avrebbe quasi rivolto la parola: «Era una cena elettorale, c’erano i circoli e un sacco di gente».

Al telefono poi se la rivendette come un grande successo personale. Insomma, un ingenuo carrierista. Per non sbagliare comunque, il suo legale nei giorni scorsi, dopo che la procura aveva dato parere sfavorevole, ha ritirato la richiesta per agli arresti domiciliari, ieri puntualmente negata dal Gip a Frigerio che la chiedeva per motivi di salute e si era presentato in carrozzella agli interrogatori. Paris comunque dovrà essere ascoltato una seconda volta.

Cattozzo lo dice chiaro a Frigerio, durante una cena nel ristorante preferito a due passi dalla Stazione Centrale: «Perché non sostituiamo Rognoni con Paris?» «Si – risponde il “professore” – perché lì c’è un manager bravo…». E dove Paris tentenna, interviene il «compagno G», alias Primo Greganti, per quella che gli investigatori ribattezzano «operazione Ecatonchiri»: «Se decidi ad aiutare quella cooperativa lì, anche al di là dell’allestimento…» Paris: «Certo, do incarichi spot, cosette libere..» Greganti: «Stamattina ho parlato con Pittella…Gianni Pittella…è il presidente del Consiglio Europeo, grande potere, enorme, quindi nel Pd è considerato potente, ecco, io l’ho incontrato…sul piano casa abbiam parlato parecchio…Tu, quando hai bisogno chiami, non ci sono problemi, io passo a trovarti…».

I due parlano di tutto, Greganti gli spiega il bel mondo della politica, da Palazzo Marino al Governo. «Pisapia praticamente…è debole…Non c’è più l’etica nostra…ha illuso tutti…La riforma del Senato non si fa quindi…adesso parte col piano casa e se passa va confezionato…per l’Expo…se fossi al posto di Renzi…».

Spunta perfino il nome di Bisignani, il grande tessitore romano arrestato e scarcerato per altre vicende, riciclatosi come scrittore di segrete cose. «Bisignani – dice Greganti – settimana prossima…Terna…io sono del parere che ci siano un bel po’ di personaggi insomma, eh…». Chiacchiere, tante chiacchiere in libertà. Qualche rara certezza: «Una decina di padiglioni per l’Expo» e i rapporti «con i cinesi». «Loro pensano di poter risolvere come un mosaico, un pezzo a uno un pezzo a quell’altro…pezzi in parte fatti dai cinesi in parte da aziende italiani…non ne escono fuori perché io ho provato a spiegargli in tutti i modi con la CmC».

http://www.lastampa.it/2014/05/20/italia/cronache/paris-prime-ammissioni-cos-sono-caduto-nella-rete-della-cupola-dellexpo-88MNhUMDKYHgyFyDpRnDSL/pagina.html

.

REAZIONE:INFATTI,E’ CATOZZO CHI COMMANDAVA ALTRO CHE LAVORO SPORCO.E CI SONO ANCHE MARONI,BERLUSCONI,PREVITI,LETTA E COSI VIA.CHE TE NE PARE?CON LA TERZA  MEDIA…..

.

-NOTA 5:VEDIAMO LA SANITA,GALAN E TOSSI:ANDIAMO A PADOVA

Cronache,16/06/2014 - il caso
Mose, c’è un nuovo filone sulla Sanità veneta
E nei verbali spunta Tosi
Fari puntati sugli appalti per l’ospedale di Padova
Il primo cittadino di Verona: “Soltanto spazzatura”
LAPRESSE

Si allarga l’inchiesta veneziana del Mose: nella foto un cantiere

gianluca paolucci eleonora vallin
venezia

Il 29 novembre del 2010, il sindaco di Verona, Flavio Tosi, incontra l’ex segretario generale della sanità veneta, Giancarlo Ruscitti. Oggetto dell’incontro: il via libera di Tosi alla costruzione del nuovo ospedale di Padova, un affare che sulla carta valeva fino a 1,7 miliardi di euro, la seconda grande opera della regione dopo il Mose. Quello che si dicono i due assume rilevanza in un filone d’indagine formalmente separato dall’inchiesta Mose, ma con questo strettamente legato. Un legame fatto di nomi, indagati in comune, circostanze e soldi. E spunta un ulteriore filone di indagine sul «sistema veneto» e la gestione degli appalti, sul quale sono in corso approfondimenti in Regione e nella stessa città di Verona, anche da parte della locale procura. Tosi, interpellato, fa sapere di non voler rilasciare dichiarazioni. Il suo portavoce bolla il tutto come «spazzatura».

Romano, classe 1958, una lunga esperienza nel settore sanitario con un passaggio nel comitato organizzatore del Giubileo del 2001, Ruscitti arriva alla sanità veneta durante la presidenza di Giancarlo Galan e con Tosi assessore regionale. Lasciato l’incarico nel 2010, Ruscitti quel novembre è da poco diventato «consulente» del Coveco, una delle coop associate al Consorzio Venezia Nuova (Cvn). In realtà, secondo quanto ricostruiscono i finanzieri che stanno indagando sull’inchiesta Mose, nella quale lo stesso Ruscitti è tra gli indagati, quell’incarico da 200 mila euro all’anno serve ad altro: favorire l’ingresso del Cvn nell’appalto per la costruzione del nuovo ospedale di Padova. Contratto miliardario, come detto, con almeno 200 milioni di denaro pubblico, da realizzare col rodato sistema del «project financing» e sul quale ci sono molti pretendenti. A scatenare l’interesse del Cvn sono sostanzialmente due elementi: i soldi, tanti. E la possibilità di replicare il «modello Venezia» in altre grandi opere. Cosa c’entra Tosi con l’ospedale di Padova? Ex assessore proprio alla Sanità regionale con Galan, Tosi è ritenuto ancora il «dominus» del settore nella Regione. La moglie Stefania Villanova è capo della segreteria organizzativa dell’assessorato dal 2005, con lo stesso Tosi, e per tutti i suoi successori. Tutti di provata fede «tosiana». E tutti veronesi.

L’aspetto più interessante è però quello che i due, Tosi e Ruscitti, si raccontano il 29 novembre. Secondo quanto riferisce lo stesso Ruscitti a Mazzacurati qualche giorno dopo, l’11 dicembre del 2010, nella sede del Cvn, Tosi (fino ad allora poco convinto della necessità dell’opera) avrebbe dato il suo via libera al progetto, ponendo però una serie di condizioni. Condizioni riportate negli atti dell’inchiesta Mose grazie ad una intercettazione ambientale ordinata dai pm veneziani. Tosi, dice Ruscitti, chiede innanzitutto che dia il suo assenso anche il sindaco di Padova – allora era Flavio Zanonato, Pd -. Che chi realizzerà il nuovo si occupi della dismissione del vecchio, che arrivino anche fondi internazionali. E pone delle condizioni su chi dovrà eseguire i lavori: no a Piergiorgio Baita – e quindi no alla Mantovani -, no a Gemmo, no a Carron. Sì invece a Sacaim (società veneziana poi finita in concordato, ndr.), a Sodexo, alle coop, a Mazzi (indagato per il Mose) e ad Astaldi.

A quel punto, Mazzacurati si attiva per ottenere il via libera di Zanonato, che incontrerà nel febbraio del 2011.

Mentre Ruscitti attiva i suoi contatti nel centrodestra per garantire il via libera all’operazione. Così in quegli stessi giorni scambia varie conversazioni e sms con Giancarlo Galan, – indicato negli atti come «nota personalità politica locale e nazionale» – colui che da presidente della giunta regionale ormai a fine mandato aveva dato, pochi mesi prima, il via libera al nuovo ospedale al quale chiede una dichiarazione favorevole alla costruzione del nuovo ospedale da parte dell’allora ministro della Sanità, Ferruccio Fazio. Il nuovo governatore, Luca Zaia, ha infatti già detto che i soldi per fare l’ospedale non ci sono e sarebbe meglio rinnovare quello già esistente. Così il 6 dicembre Galan fissa una colazione con lo stesso Fazio, della quale informa lo stesso Ruscitti. Il 13 dicembre successivo poi i due si parlano al telefono e, intercettati, si danno appuntamento per parlare di persona dell’interesse di Mazzacurati all’affare del fatto che Tosi, questa volta, «non avrebbe detto no». E in quei giorni l’attenzione è concentrata sulla fiducia all’esecutivo Berlusconi dopo l’addio di Fini e Ruscitti cerca una sponda con il fratello dell’allora presidente della Camera. Tanto movimento fa però scattare l’attenzione dei finanzieri che stanno monitorando l’attività di Mazzacurati. Tutto questo gran parlare di soldi e di appalti, di politici e di affaristi, rende necessari «ulteriori approfondimenti» per valutare nuove ipotesi di reato.

In attesa che le indagini facciano il proprio corso, non si può non rilevare un’altra circostanza che mischia ancora di più le due storie, Mose e ospedale. A presentare il project financing padovano – valore finale 600 milioni e posti letto dimezzati – sarà poi una joint venture tra l’australiana Bovis Lend & Lease e i vicentini della Palladio di Roberto Meneguzzo, altro indagato eccellente dell’inchiesta veneziana. Intanto, il neo sindaco della città del Santo, Massimo Bitonci, tra i suoi primi atti ha bloccato l’iter della costruzione della struttura.

-

http://www.lastampa.it/2014/06/16/italia/cronache/mose-c-un-nuovo-filone-sulla-sanit-veneta-e-nei-verbali-spunta-tosi-1uIxYucR5CSo6UKHlscGLL/pagina.html

REAZIONE:MA VA…..!”GHE L’E’ UN BEL TOSETTO.

Immagine anteprima YouTube

.

NOTA FINALE:INSOMMA,E’ IL SISTEMA TANGENTOPOLI DELLE LARGHE INTESE

cronache.09/05/2014 - Le carte
Le larghe intese degli affari
I contatti tra la “squadra” e i politici
Il passaggio di denaro tra l’imprenditore Enrico Maltauro e l’intermediario Sergio Cattozzo
paolo colonnello
milano

«Visti i rapporti che hai con Paris… digli: guarda è un amico e in più ti ripeto, ci sono dentro le cooperative… c’è quella cooperativa importante… ti incontri con il mondo di Primo e con il mondo del professore…». Lo spiega bene il faccendiere Sergio Cattozzo, ex segretario dell’Udc in Liguria, mentre parla con il “professore” Gianstefano Frigerio come si fanno certi affari «nella squadra».

Ci sono «mondi» che s’incontrano in questa storia nuova eppure vecchissima di tangenti e appalti, potere e favori. «Il mondo di Primo», ovvero quello delle Coop rosse emiliane «di area Pd». E «il mondo del professore», cioè quello che arriva alle società care ad Arcore oppure alla Compagnia delle Opere passando magari per l’ex senatore Luigi Grillo, o per l’attuale ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi cui Frigerio sostiene di aver mandato «un biglietto» per suggerire il nome di Antonio Rognoni, poi arrestato per Infrastrutture Lombarde un mese fa, «come presidente Anas».

Anche perché Lupi, sempre secondo «il professore» «è amico di quelli di Manutencoop» e questi, «insieme ai ciellini sarebbero già intervenuti per fargli fare da capo cordata nel progetto della Città della Salute» che dovrebbe sorgere a Sesto San Giovanni. Ma c’è anche un «terzo mondo», quello che, passando per l’imprenditore vicentino Enrico Maltauro, arriva fino agli ambienti della Lega Nord. Così mentre a un certo punto Frigerio manda un imprenditore «dal mio capo» ad Arcore, «così lo faccio benedire politicamente» prima di introdurlo «negli appalti anche a Pavia», «per assicurarsi l’adesione della Lega, gli indagati decidono di far leva anche sul legame più volte ribadito da Maltauro con Flavio Tosi, sindaco di Verona». E, già che ci siamo, Frigerio, che amava mandare «pizzini» ai suoi interlocutori politici per non essere intercettato, dice di aver spedito un biglietto anche al presidente della Lombardia Roberto Maroni «per scatenarlo sulle Vie D’Acqua» di Expo.

Si può perdere la testa leggendo l’ordinanza del gip Antezza con cui ieri sono state arrestate sette persone per associazione per delinquere, corruzione, turbativa d’asta. Tanto è ramificato il mondo dei «contatti» e dei «referenti» politici cui, dalle intercettazioni, sembrano rivolgersi i vecchi arnesi della tangente. «La squadra», come loro stessi si definivano, si riunisce e riceve pletore di manager e imprenditori nella sede milanese del circolo culturale intitolato a Tommaso Moro, filosofo dell’Utopia, loro che della scaltrezza hanno fatto una religione. Qui si decidono destini e carriere, si distribuiscono appalti. Si telefona. Dice per esempio Figerio: «Quindi, sei stato bravissimo, cautissimo, serio… Però quel mondo lì è pericoloso. Ad esempio sento a Roma che ci sono in giro dei chiacchieroni… uno come Pizzarotti va già a dire che ha vinto la Città della Salute… però è un mondo pieno di chiacchiere… La Lombardia, senza il paese non si salva… Dobbiamo fare uno sforzo per cambiare la classe dirigente romana…».

E in che modo? Magari rivolgendosi, ancora nel gennaio scorso, a un personaggio come Cesare Previti, condannato a 11 anni per aver tenuto a libro paga dei giudici, chiedendogli aiuto per ricollocare un manager come Giuseppe Nucci che da Saipem punta addirittura a Terna. Visto che, come scrive il gip, «emerge l’assoluta necessità di garantire a Nucci la massima copertura politica per futuri incarichi». E per contrastare, come informa il solito Cattozzo, la cordata «di Verdini e Matteoli che starebbero indicando Scaglia». Previti riferisce a Grillo di avere parlato del problema a Gianni Letta, mentre Guzzetti avrebbe garantito «il placet» della Cassa Depositi e Prestiti. Greganti spara l’asso e dice che anche Pierluigi Bersani si è detto «d’accordissimo». Giochi di potere che ora i politici chiamati in causa, e non indagati, smentiscono sdegnosamente. Eppure Paris, l’uomo che fino a ieri decideva in Expo i contratti per le forniture, ora si sente nelle «mani giuste».

Il 27 gennaio scorso racconta al “professore” di aver trascorso un’intera serata con l’ex Cavaliere, «parlando per ore di fila, dalle 9 a mezzanotte». Frigerio dice: «Teniamone conto per Infrastrutture. Io poi ho parlato con la Gelmini e poi con Fedele… A me interessa sappiano che tu ci sia…». Ma poi arriva anche “la ciccia”, ovvero i soldi che si fanno dove ci sono, cioè a Milano, nella sanità, su Expo. Perfino sulle scorie nucleari come racconta la vicenda della Sogin, società interamente controllata dal ministero delle Finanze che appalta la costruzione dei depositi per le scorie a Maltauro e alla Saipem per 98 milioni di euro. In cambio si parla di una tangente da 600 mila euro. Che Maltauro inizia a versare «a Natale e poi tutti i mesi». Sì, perché «Maltauro – spiega Frigerio – ha vinto un lavoro grossissimo con la Sogin». «Quindi allora, noi abbiamo il 3 per cento?» chiede ansioso il suo collaboratore Iaccaccia. «Sì, ora sono 140 mila euro…». E sia chiaro, in nero. Oltre alla promessa di far assumere i figli di Frigerio e Primo Greganti in Sogin. «Fammi sapere – dice Frigerio – se devo intervenire su Letta… Perché Gigi (inteso come Grillo, ndr) ne ha già parlato con Passera…». «Va bene… dei miei 50 lei vuole qualcosa professore?». «No, avevamo detto 50 per ognuno…».

http://www.lastampa.it/2014/05/09/italia/cronache/le-larghe-intese-degli-affari-i-contatti-tra-la-squadra-e-i-politici-xnrX4iK36uUX61Fnpeib2J/pagina.html?exp=1

.

-NOTA POST DATATA:E “IL MAGGIORE” TREMA

Politica,08/06/2014
- Forza Italia
Lo stato maggiore preoccupato che si allarghi l’inchiesta sull’Expo
Fibrillazioni per il ruolo svolto dalla ditta Maltauro
Silvio Berlusconi più che dalle inchieste per le tangenti è preoccupato dai
seguiti del caso Ruby
ugo magri
roma

Stupiti, quasi increduli, Berlusconi e i suoi si domandano che cosa stia aspettando Renzi. Non sanno spiegarsi come mai il premier voglia trascinare la legislatura per altri 4 anni fino al 2018, anziché cogliere l’occasione di salire al Colle e mettere Napolitano con le spalle al muro: «Caro Presidente, così non si può andare avanti, contro la corruzione bisogna fare piazza pulita, dobbiamo subito liberare il Parlamento dalla vecchia classe politica». Al posto del leader Pd, l’ex Cavaliere non avrebbe ombra di dubbio. Con il «killer instinct» tipico del Caimano, lui tornerebbe di corsa alle urne, chiederebbe agli italiani carta bianca per spingere la rottamazione alle conseguenze estreme.

«Lo diciamo contro i nostri interessi», sussurra uno dei berlusconiani più titolati a parlare, «ma se Matteo dovesse tergiversare, rinunciando a darci il colpo di grazia proprio ora che noi siamo in ginocchio, commetterebbe l’errore più spettacolare della sua vita…».

Per la verità, votare subito non è fattibile. Dopo l’estate scatta il semestre italiano di presidenza europea, dunque il Capo dello Stato mai scioglierebbe le Camere. Ma nella primavera prossima (così si ragiona dalle parti di Arcore) non ci sarebbero scuse per rinviare la resa dei conti. Tanto più che gli italiani verranno chiamati al voto per le Regionali. Dunque il premier, se fosse spregiudicato quanto Berlusconi lo vorrebbe, dovrebbe profittarne per celebrare un grande «election day» che rivolti la politica come un calzino. «Se ha davvero il coraggio di liberarci da tutto il marcio che c’è, il premier lo dimostri», provoca impavida la Santanché. E se invece Renzi preferisse tirare avanti? «Sarebbe la prima vittima dello stillicidio che nessuno risparmia», scuotono il capo nel quartier generale «azzurro», dove il dubbio è se la politica saprà reggere lo stress di uno scandalo via l’altro, con lo stesso Pd incapace di chiamarsi fuori (sebbene agli occhi del Cav il sindaco veneziano Orsoni risulti una persona integerrima, almeno così gliel’ha raccontato l’avvocato Ghedini, pronto a mettere la mano sul fuoco sul conto dell’avversario politico).

Circolano in queste ore le voci le più allarmistiche. Nello stato maggiore forzista si danno per imminenti nuovi drammatici sviluppi delle inchieste su Expo 2015, facenti perno sul ruolo della ditta vicentina Maltauro. L’ex Cavaliere si sente relativamente al riparo. L’unico in grado di inguaiarlo sarebbe. forse, l’ex parlamentare azzurro Frigerio, ben noto alle cronache, il quale però da ultimo si limitava a sottoporre al leader appunti di politica estera regolarmente messi in archivio. Il merito di averlo tenuto alla larga non è tanto di Berlusconi quanto del molto vituperato «cerchio magico»: Frigerio era nella lista degli «indesiderati». Lo stesso Galan da tempo risultava in disgrazia agli occhi delle cosiddette «badanti» berlusconiane (la fidanzata Francesca e l’amministratrice del partito Mariarosaria Rossi) che, se fossero entrate in azione con un paio d’anni in anticipo, avrebbero forse evitato a Silvio ben altri guai. Il 20 giugno comincia a Milano l’appello per Ruby. Tempo tre settimane, massimo un mese, si arriverà a sentenza. Berlusconi teme il peggio. Qualcuno è andato a terrorizzarlo, tanto che lui si sfoga in privato: «E’ tutto già scritto, mi confermeranno la condanna. E subito dopo mi leveranno pure l’affidamento in prova ai servizi sociali. Anzi, con la scusa che io potrei fuggire all’estero come Dell’Utri, mi seppelliranno vivo…».

 http://www.lastampa.it/2014/06/08/italia/politica/lo-stato-maggiore-preoccupato-che-si-allarghi-linchiesta-sullexpo-aYxDO36zZlKYBeXR8dvbJK/pagina.html
.
REAZIONE:PERCHE TREMA?VEDI LA NOTA 1 E  2.I “CONTI”,TORNERANNO O NO?
PD,NOBLESSE OBLIGHE:PARIS HA DECISO COLLABORARE CON L’INQUIRENTE E LI E’ STATO FINALMENTE CONCESSO IL DOMICILIARE.STAREMMO A VEDERE.
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
-

17 GIUNIO 2014:ATTUALIZAZZIONE VANDALISMO,”AUDIENCIA”

L’UDIENZA(AUDIENCIA) SOSPESA IL 13 MAGGIO 2014 (VEDI CUA:

http://spaziorealedottciancimino.over-blog.com/m7-miscelanea-3/continuazione-e

SI TERRA DOMANI 18 GIUNIO 2014 ALE ORE 09:30 AM,NEL “JUZGADO DI FAMIGLIA ESPECIALIZADO DE TERCER TURNO “(SALA GIUDIZIARIA DI FAMIGLIA SPECIALIZZATO DI TERZO TURNO) INDIRIZZATO IN  “RONDEAU 1726″, ANGOLO CON LA STRADA “VALPARAISO”,NELLA CITTA DI MONTEVIDEO-URUGUAY-SUDAMERICA.IL GIUDICE E’ SIGNOR BENITEZ E LA CAUSA E’ VIOLENZA DOMESTICA.IO RITENGO ESSERE STATO VITTIMA DI TALE VIOLENZA E A DIMOSTRAZIONE PRESENTERO LA DOCUMENTAZIONE PERTINENTE .VI TERRO INFORMATI DOMANI.

19 GIUNIO 2014:ATTUALIZAZZIONE VANDALISMO,”AUDIENCIA”

PER SECONDA VOLTA NON SI HA PRESENTATO LA CONTROPARTE.NON CI SARA ALTRA “AUDIENCIA”

LA POLIZIA DELLA SEZIONALE 22 PRENDERA IN DOMICILIO TESTIMONIO DI MIA MADRE,CHE NON E’ DENUNCIANTE E CHE L’ALTRA VOLTA SIMILARE A QUESTA SIMULAZIONE PER PARTE DI VICINI SI AVEVA NEGATO A PRESENTARSI IN SEDE GIUDIZIARIA.SECONDO L’OPINIONE DEI MIEI LEGALI QUESTA AZIONE GIUDIZIARIA QUANTO MENO DOVEVA FINIRE GIA.CI SONO ANTECEDENTI GIUDIZIARIE DI “SIMULAZIONE DI DELITTO” E “PRIVAZIONE DI LIBERTA”" OLTRE A PROVE DI VIOLENZA FISICA ATTUALE.

.

18 GIUNIO 2014:SOTTOMARINO RUSSIA

-TITLARE SU THE WASHINGTON TIMES:

Happening Now

Putin’s nuclear navy gets an upgrade: Russia christens new top-secret submarine

TRADUZIONE: SUCCEDE ORA:
** FOTO ** Il sottomarino nucleare russo Yury Dolgoruky. (Associated Press)
L’Armata Navale nucleare di Putin riceve un aggiornamento: Russia battezza nuovo sottomarino top-secret

-

18 GIUNIO 2014:DI PROPOSITO DEL SESSISMO MADE IN USA

-3 TITOLARI THE WASHINGTON TIMES:A CASA MIA COMMANDO IO
.
Happening Now
.
1-

Senate panel clears bill to build Keystone XL pipeline
.
2-

The ‘Dream’ dies: Hillary says illegal immigrant children must be sent home
.
3-

Cheney rips Obama’s foreign policy, blames him for mess in Iraq

TRADUZIONE:

SUCCEDE ORA

1-** FOTO **LEGGENDA: I lavori sono iniziati al ​​Keystone XL Pipeline vicino a Winona, Texas, ma se sarnno mai portate le sabbie bituminose dal Canada centrale alle raffinerie della costa del Golfo attende una decisione del presidente Obama. (Tyler [Texas] Morning Telegraph via Associated Press)

.
TITOLARE-Pannello del Senato cancella il disegno di legge per la costruzione di Keystone XL pipeline.

2-FOTO.LEGGENDA:l’ex Segretario di Stato Hillary Rodham Clinton ascolta un cliente che firma copie del suo nuovo libro “Scelte difficili”, ad Harvard Book Store, Lunedi, 16 June 2014, a Cambridge, Mass. (AP Photo / Steven Senne)

.

TITOLARE:Il ‘Dream’ dies: Hillary dice che i bambini immigrati clandestini devono essere mandati a casa.

.
3-** FOTO **,LEGGENDA:L’ ex vice presidente USA,Dick Cheney. (AP Photo / Olivia Harris, Piscina, File)

.

-TITOLARE:Cheney strappa la politica estera di Obama, lo accusa di disastro in Iraq

REAZIONE.SI MA QUANDO MIA MOGLIE NON C’E.QUELLO DI SOPRA…

(E COME ABBIAMO VISTO IN QUESTI GIORNI,NON VALE SOLO PER I CLINTON)’

SENZA SCHERZI:

1-DEPLORO LA DECISIONE DI OBAMA MA L’ULTIMA PAROLA NON E’ DETTA:I DEMOCRATICI SOLO CONTROLLANO IL SENATO E NON HANNO LA MAGGIORANZA DEL PARLAMENTO IN MANO AI REPUBBLICANI.E DI ULTIMA SE LA DECISIONE LA DOVESSI PRENDERE OBAMA…………MOGLIE C’E'?E’ ESTREMAMENTE IMPORTANTE QUESTO DUTTO CHE PORTERA IL PETROLEO DAL CANADA A TUTTA LA COSTA EST USA.SERVIREBBE A DIMINUIRE DRASTICAMENTE LA DIPENDENZA USA DELLE FONTE ARABI E QUINDI SCENDEREBBE ANCHE I FATTORI DI CONFLITTUALITA CON I MUSSULMANI.UN PACIFISTA COME LUI DOVREBBE PENSARCI BENE.IO CREDO CHE ALLA FINE PREVALRA IL BUON SENSO.E SE NO…. CI PENSI LA PADRONA DI CASA.NON E’ DETTA L’ULTIMA PAROLA…..

2-CONDIVIDO L’OPINIONE DI HILLARY CLINTON,E’ UNA —”AMERICAN SCETTICA”.E A CHI NON PIACE RESTI SENZA LIBRO……..(SOLO E’ PER CHI SA FARE “SCELTE DIFFICILI”)

3-CHENEY?FINIRONO I TEMPI DELLA NUOVA DESTRA RELIGIOSA E DEI SIGNORI DELLA GUERRA(ANCHE IL CAVALLIERE C’ERA)

Immagine anteprima YouTube

.

Immagine anteprima YouTube

-

18 GIUNIO 2014:QUANTO ERA BELLA MONICA VITTI

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

 

 

La bellezza italiana per Samugheo Le foto

di Balzarotti e Miccolupi

Immagine anteprima YouTube

.

19 GIUNIO 2014:SEZA FINE DI LUCRO

-TITOLARE THE TELEGRAPH:

Does the free art end here?

ArtWhy is the National Gallery charging people to see paintings that are usually on show for free?

TRDUZIONE:Il fine dell’arte qui e’ gratuito?
Arte
Perché la National Gallery sta caricando la gente per vedere quadri che di solito sono in mostra gratuitamente?
REAZIONE:ABONARSI PER VEDERE COSE GRATUITE?
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
-

9 GIUNIO 2014:RENZI FARA LA STESSA FINE DI LETTA?
-TITOLARE LA STAMPA:economia

Debiti P.a, l’Ue apre una procedura contro l’Italia
Domande e risposte – Davvero siamo maglia nera?

a cura di giuseppe bottero
Nel mirino i tempi del pagamento. Il commissario Tajani attacca:
«Noi i peggiori pagatori d’Europa». Padoan:«È incomprensibile».
-
REAZIONE:ATTENTI,L’TALIA INIZIERA A METTERSI DA VERO MALE CON EUROPA?
-

9 GIUNIO 2014:NIENTE PAN-SLAVISMO?
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Le mosse di Poroshenko  firma accordo Ucraina-Ue  e piano di pace in 10 giorni
Le mosse di Poroshenko firma accordo Ucraina-Ue e piano di pace in 10 giorni
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 124 »

12 giugno 2014
0

12 GIUNIO 2014:RIPERCUSSIONE POLITICA DELLE INCHIESTE MOSE E EXPO

.

1-LA LEGA:PER CAPIRE DOBBIAMO PARTIRE DELL’ERA BOSSI.

-2 NOTE SU LA STAMPA:

-NOTA 1:”LA VECHIA LEGA E LA N’DRANGHETA

Politica,22/09/2013

- genova, l’inchiesta sulle infiltrazioni della ’ndrangheta nel ponente

Il superpentito della mafia:

“Belsito lavorava per i clan”

Tirato in ballo l’ex tesoriere della Lega: era il referente per la Liguria
Il 22 febbraio del 2010 Belsito è nominato tesoriere della Lega. Il 12 aprile 2012 viene espulso dal Carroccio
Il 24 aprile 2013 l’arresto per associazione a delinquere
e truffa
alessandra pieracci
genova

Un superpentito di mafia tira in ballo, riferendo confidenze di un compare, l’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito, come contatto in Liguria del clan De Stefano di Reggio Calabria.

Lo fa a Genova, davanti al pm Giovanni Arena, della Direzione Distrettuale Antimafia, titolare dell’inchiesta «La Svolta», che riguarda il Ponente Ligure (il 30 settembre c’è l’udienza preliminare) ma dichiara anche di aver parlato dei rapporti tra il partito di Bossi e la ’ndrangheta già «durante i 180 giorni», il periodo in cui il pentito deve rivelare tutto quello che sa per ottenere lo status di collaboratore di giustizia. Dichiarazioni che probabilmente non sono state ignorate nell’inchiesta sui fondi del Carroccio che vede Belsito accusato di associazione a delinquere e truffa aggravata.

«Sono distrutto, prostrato, non so più di che cosa vogliono accusarmi – dice Belsito – ma alla fine si dimostrerà che sono tutte menzogne». «Sono perplesso di fronte al peso e all’attendibilità che si dà a questi personaggi», aggiunge il suo avvocato Paolo Scovazzi.

Francesco Oliverio, 43 anni, condannato per associazione di stampo mafioso e fino al 2011 capo di una locale in provincia di Crotone, imprenditore edile del movimento terra, socio occulto di parecchie ditte di costruzioni, a gennaio del 2012 ha deciso di collaborare per una crisi di coscienza e «per il bene dei miei quattro figli». Ora è affidato al servizio di protezione. E’ arrivato a Genova alle fine di luglio e poi ad agosto. Il 21 agosto dichiara: «Parlando con il compare di Reggio venni a sapere che i De Stefano operavano tranquillamente in Liguria riciclando soldi e facendo investimenti». I soldi provengono da «narcotraffico, usure, estorsioni» e vengono riciclati «tramite un professionista legato all’ambiente ligure e lombardo». «Nel discorso – dichiara Oliverio -, quale contatto, il compare aveva accennato all’ex tesoriere della Lega Belsito nonchè al precedente tesoriere dello stesso partito da tempo deceduto il quale, oltre a favorirli nel riciclaggio, gli custodiva anche le armi». Si riferisce a Maurizio Balocchi, con cui Belsito aveva cominciato a collaborare, sostituendolo progressivamente con l’avanzare della malattia.

Ma Oliverio fa di più che rispondere alle domande. La sera del 30 luglio, quando l’audizione viene sospesa perché è tardi, il superpentito avverte il magistrato: «Prima di chiudere vorrei precisare che lei, dottor Arena, è a rischio. La ’ndrangheta quando vi saranno delle sentenze o delle confische di beni gliela farà pagare. Non aspettate che succeda perché poi sarà tardi. Non necessariamente agiscono con criminali ma il più delle volte tramite persone insospettabili che vengono definite “corpo riservato” e di cui parlerò in seguito. Da non sottovalutare poi i collegamenti con i servizi segreti e la massoneria. Di tali collegamenti ho avuto notizie da mio cugino attivo nel locale di Belvedere Spinello con la carica di “Santa’’ appartenente a una loggia massonica di Vibo Valentia. Non ho avuto notizie concrete nei suoi confronti, parlo per esperienza. Ho fatto quel mestiere per 30 anni, so come ragionano».

http://www.lastampa.it/2013/09/22/italia/politica/il-superpentito-della-mafia-belsito-lavorava-per-i-clan-VdvxrrNjYxgnWpeUK9tCjJ/pagina.html

ARTICOLI CORELATI:

1-

5/06/2013

Soldi della ’ndrangheta riciclati dalla politica

2-

1/10/2013

Spunta un nuovo pentito di ’ndrangheta interrogato dall’Antimafia di Torino

3-

ANSA
0/04/2013

La Finanza perquisisce la casa di Riccardo Bossi

-NOTA 2:LA “NUOVA LEGA” E LA N’DRANGHETA

Politica,13/12/2013
Le accuse di Belsito scuotono la Lega
Salvini: “Solo balle, pronti a querela”
L’ex tesoriere del Carroccio: soldi a tutti i big. Cota: «Macchina del fango»

Il neo segretario della Lega Matteo Salvini, dietro Roberto Calderoli

Belsito? «Fango, fango e ancora fango». Le dichiarazioni messe a verbale da Francesco Belsito, l’ex tesoriere della Lega arrestato alla fine di aprile per l’inchiesta sulla gestione dei rimborsi elettorali di via Bellerio, riemergono a poche ore dal congresso straordinario che domenica, a Torino, eleggerà Matteo Salvini segretario federale e scatenano un terremoto nel Carroccio.

LE ACCUSE

Il quadro tratteggiato da Belsito negli interrogatori, resi tra il maggio e il luglio scorso ai pm della procura milanese che indagavano sui finanziamenti al Carroccio, svelano la contabilità “parallela” del Carroccio. I soldi sono finiti a tutti, non solo al “cerchio magico”, è l’accusa dell’ex tesoriere. Belsito impallina personaggi tutt’ora in vista della Lega, da Tosi, il sindaco di Verona, a Cota, attuale presidente della Regione Piemonte («Mi indicava i fornitori, gli ho pagato anche un’auto»), dal neo segretario Matteo Salvini al sempiterno Roberto Calderoli.

IL PARTITO FA QUADRATO

I nuovi particolari sui presunti giri di denaro ai piani alti del movimento, non più solo a quelli di antica osservanza bossiana, sono stati bollati come «fango» e «palle», ovvero falsità, sia da Salvini sia dal segretario uscente, Roberto Maroni. «Fango, fango, fango! Non ho parole – ha detto Salvini a Radio Padania, subito dopo la lettura dei quotidiani -: sono palle, del resto i magistrati hanno già archiviato…». Anzi, è questa la convinzione diffusa che il nuovo segretario sposa in toto, la Lega viene colpita perché «dà fastidio» e, dunque, «da qui a maggio (quando ci saranno le europee, ndr), prepariamoci a sentirne di tutti i colori. Che siamo brutti, cattivi, ladri, pedofili, naturalmente razzisti e quant’altro».

LA BASE ARRABBIATA

La vicenda Belsito (espulso a suo tempo dal partito) però non passa inosservata in casa Lega. Bastava ascoltare le telefonate in diretta degli ascoltatori della radio padana per coglierlo. Sostenitori stufi di sentirne parlare ma anche arrabbiati con la stampa che se ne occupa. E Maroni, che si prepara a passare il testimone raccolto un anno e mezzo fa proprio sull’onda dei primi scandali giudiziari costati la leadership a Umberto Bossi, ha colto bene questi umori. «I nostri sono incazzati», ha detto, sostenendo però che in quello che è emerso in queste ore «non c’entra la magistratura, ma sono i giornali che prendono verbali di maggio» e «raccontano la versione di un personaggio che non merita neanche di citarne il nome (Belsito appunto, ndr), che dice le cose che dice, che inventa perché essendo indagato può dire quello che vuole e non si può agire legalmente nei suoi confronti».

TEGOLA SUL CONGRESSO

Roberto Cota, presidente della Regione Piemonte, ha parlato di «macchina del fango» in moto contro il suo movimento. E se per il vicecapogruppo alla Camera, Gianluca Pini, Belsito è «un bugiardo» di cui «la Lega è vittima e non complice», per i veneti Flavio Tosi e Luca Zaia tirati in ballo davanti ai pm l’ex tesoriere è meritevole solo di essere «querelato per le sue calunnie». Insomma, l’ombra delle inchieste continua a inseguire il Carroccio nella sua lunga transizione politica, con o senza Bossi, finché non si sarà raggiunta una verità giudiziaria. Da domenica, dal congresso al Lingotto, ci sarà Salvini al timone, tocca ai giovani lasciare queste cose «al passato». «Domani è il mio ultimo giorno da segretario – ha commentato con l’Ansa Maroni -. E diciamo che sono un caso più unico che raro, essendo il primo nella politica italiana, che mi risulti, che si dimette dalla segreteria per favorire il ricambio generazionale».

http://www.lastampa.it/2013/12/13/italia/politica/belsito-accusa-la-lega-va-allattacco-salvini-sono-soltanto-fango-e-palle-SOW4Bgu3UCzrLJXvHWlUvI/pagina.html

-E ARRIVIAMO A QUESTO PRESENTE:LITE FRA I SOCI DELLE LARGHE INTESE DI PISAPIA SULL’EXPO MILANO

-NOTA SU LA STAMPA:Cronache,10/06/2014

Expo, Maroni: rischiamo di non farcela

Renzi: “Basta pessimisti di professione

Pensi a responsabilità della Lombardia”

Il governatore attacca: “I lavori sono bloccati, il governo deve darsi una mossa”. Il premier lo gela: polemiche sterili. L’esecutivo: venerdì pieni poteri a Cantone
Il governatore della Lombardia Roberto Maroni

È scontro aperto sull’Expo fra il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, che ha lanciato l’allarme sui ritardi per l’esposizione universale, e il premier Matteo Renzi.

Secondo il governatore, infatti, i lavori di Expo rischiano di non essere finiti per l’inaugurazione del primo maggio 2015. «Rischiamo di andare oltre il 30 aprile senza avere completato le opere» ha detto chiedendo al governo di «darsi una mossa, altrimenti Expo è bloccata, i lavori sono bloccati e francamente non trovo motivo». «Piuttosto che sollevare polemiche sterili Maroni rifletta sulle responsabilità della Lombardia» gli la risposto Renzi da Shanghai, criticando «i professionisti del pessimismo».

Non è la prima volta che il governatore, dopo l’inchiesta della Procura di Milano sugli appalti per la manifestazione, chiede di approvare il decreto su Expo, che affida poteri di controllo al presidente dell’authority anticorruzione Raffaele Cantone. Era atteso per la settimana scorsa in Consiglio dei Ministri, ma è slittato. Il governatore non è, però, l’unico a preoccuparsi per i tempi. A 40 giorni dagli arresti dell’inchiesta Expo, ha osservato il vicepresidente del Csm Michele Vietti, «sarebbe bene passare dalle parole ai fatti».

Maroni si è detto fiducioso ma «andando avanti così – ha avvertito – se passano questa settimana e la prossima» il rischio è di non fare in tempo. «Polemiche inutili» secondo il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, che ha le deleghe ad Expo.

Il decreto, ha assicurato il ministro della Giustizia Andrea Orlando, andrà in Consiglio dei Ministri venerdì prossimo. «Credo che Maroni debba star tranquillo – ha commentato -, magari se si fosse agitato prima forse più occhi avrebbero potuto evitare di mandare Cantone dopo». Nessuno intende fare una brutta figura internazionale. Secondo Renzi l’esposizione è «un’opportunità per mostrare un Paese migliore di come spesso lo si racconta». «Non possiamo essere il Paese che realizza il «grandioso» risultato di consegnare opere incompiute o connotate dalla corruzione» ha sintetizzato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

Intanto, sul fronte dell’inchiesta i pm Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio hanno dato parere negativo alle istanze di scarcerazione presentate dalle difese dell’ex manager Expo Angelo Paris e dell’imprenditore Enrico Maltauro, arrestati più di un mese fa assieme ai presunti «organizzatori» della «cupola», l’ex funzionario Pci Primo Greganti, l’ex parlamentare Dc Gianstefano Frigerio e l’ex senatore Pdl Luigi Grillo. I due hanno reso ampie confessioni e fornito riscontri all’ipotesi accusatoria ma, da quanto si è saputo, gli inquirenti hanno detto no alla scarcerazione perché ci sono ancora aspetti da chiarire e alcune risposte non li hanno convinti, in particolare in relazione alla presunta gara truccata per le `architetture di servizi´ dell’Expo. Il gip Fabio Antezza dovrebbe pronunciarsi sulle istanze domani.

http://www.lastampa.it/2014/06/10/italia/cronache/expo-maroni-rischiamo-di-non-finire-le-opere-il-governo-si-dia-una-mossa-Eu0tL9JbX8SRmo86Ic4yfL/pagina.html

ARTICOLI CORELATI:

ANSA

3/05/2014

Indagine Expo, “Pagavamo i mediatori Non c’è alternativa a questo sistema”

0/05/2014

Expo, ora si cerca il tesoro a Lugano

ANSA
14/05/2014
I pm scoprono altri appalti truccati
REAZIONE:OGGI L’ERA BOSSI NON ESSISTE PIU,MARONI COINVOLTO NELLA TANGENTOPOLI DELL’EXPO CON LA CUPOLA ,COTA FATTO FUORI E IL PIEMONTE PERSO,UN MAGRO BOTTINO ELETTORALE ALLE EUROPEE DI UN 6 PER CENTO E SOLO PADOVA ALLE AMMINISTRATIVE IN UN BALOTAGGIO.

INSOMMA LA LEGA E’ IN VIA DI SCOMPOSIZIONE.ANCHE QUELLA PSOT-BOSSI TARGATA 2.0.

-

2-FORZA ITALIA

UN MAGRO 16 PER CENTO ALLE EUROPEE,2 O 3 COMUNI AL BALOTTAGIO E BASTA.BERLUSCONI E FORZA ITALIA ORMAI SONO SCOMPARSI DELLO SCENARIO POLITICO COME OPZIONE DI POTERE

-TESTIMONIO GRAFICO:SU LA REPUBBLICA:

Poco sopra il 16%, per Berlusconi inizia il tramonto

Numeri pessimi per Forza Italia. Nel partito volti scuri e poca voglia di parlare: “Abbiamo pagato l’assenza del nostro leader”. Toti: “Risultato non soddisfacente”. Bergamini: “Anno orribile”. E torna la carta “Marina”Poco sopra il 16%, per Berlusconi inizia il tramontoSilvio Berlusconi
ROMA -Tra il quindici e il sedici per cento. Numeri da viale del tramonto. Sarà anche vero che per Forza Italia “è stata una campagna elettorale difficile”, come dice la Maria Stella Gelmini, la prima a commentare una sconfitta che è andata oltre le peggiori previsioni (qui tutti i risultati). “E’ evidente che è un risultato che non possiamo considerare soddisfacente”, ha dichiarato il coordinatore di Forza Italia, Giovanni Toti. “Ma, tenuto conto dell’ insieme dei partiti che faceva parte del Pdl poco più di un anno fa, la percentuale resta più o meno inalterata se FI si attesta al 17% e Alfano al 4%”. E Daniela Santanchè, una delle fedelissime berlusconiane, non ha preso affatto bene lo straordinario risultato del Partito Democratico: “Il Pd è la nuova Dc”.

—————————————————-

Daniela Santanchè @DSantanche Segui

Da domani il PD dovrebbe chiamarsi DC

:35 AM – 26 Maggio 2014
35 Retweets 33 favorites
——————————————————–

Berlusconi ad Arcore. L’ex Cavaliere attende i risultati ad Arcore. Per via delle restrizioni dovute alla sentenza Mediaset non potrà lasciare la sua residenza in Brianza per tutta la notte. Ma è in collegamento telefonico costante con i vertici del partito riuniti a Roma, da dove i dati che arrivano sono sconsolanti. L’obiettivo minimo, quel 20% che già non sarebbe stato esaltante, è lontano. Le prospettive, inevitabilmente, si chiudono. Anche la forza contrattuale sulle riforme diminuisce esponenzialmente.

LO SPECIALE SULLE ELEZIONI EUROPEE 2014

Bergamini: “Anno orribile”. Nella sede di Forza Italia volti scuri e poca voglia di rilasciare commenti. Ci sarà tempo per fare una riflessione più approfondita, ma i primi commenti a caldo che arrivano dai big del partito vanno in un’unica direzione: “Abbiamo pagato l’assenza di Berlusconi che ha combattuto come un leone ma ha dovuto fare una campagna elettorale senza poter fare comizi in tutte le Regioni. Ci aspetta un grande lavoro di rilancio del partito”, dice Maria Stella Gelmini a cui fa eco anche Deborah Bergamini che non esita a parlare di “anno orribile” per Forza Italia che paga per una “condanna ingiusta” subita dall’ex capo del governo impossibilitato a fare una campagna elettorale in prima persona. Questo, secondo la responsabile comunicazione di Fi, ha portato gli elettori azzurri, “che non sono militarizzati”, lontano dalle urne.

“Riforme non a rischio”. L’esito del voto, stando almeno alle prime prese di posizione ufficiali, non porterà ad un atteggiamento diverso di Fi nei confronti del governo. Lo aveva ribadito l’ex premier e lo mettono in chiaro anche i big azzurri con particolare riferimento alle riforme: “Se sono buone i nostri voti non mancheranno” è il leit motiv. Da Arcore, insomma, si guarda già oltre. Mercoledì Berlusconi farà il punto con lo stato maggiore del partito, ma certo con i più fedelissimi ci sarà tempo già nelle prossime ore per fare una prima analisi del voto e delle contromosse da mettere in campo.

L’ipotesi Marina. Il Cavaliere aveva parlato già di “rinnovamento” profondo del partito ed il tracollo elettorale potrebbe essere l’occasione buona per dare una scossa magari con una mossa a sorpresa come l’annuncio di far scendere in campo sua figlia Marina.

La sponda Ncd.
Altro punto all’ordine del giorno è quello della riunificazione del centrodestra con uno sguardo particolare ad Angelino Alfano: “Devono riflettere e tornare nel centrodestra se non vogliono stare in bilico sul 4%” è il monito del vice presidente del Senato Maurizio Gasparri. Più esplicito Paolo Romani, capogruppo di Fi al Senato che ipotizza l’apertura di “un cantiere del centrodestra”.

http://www.repubblica.it/speciali/politica/elezioni-europee2014/2014/05/26/news/poco_sopra_il_15_per_berlusconi_inizia_il_tramonto-87206833/

-

3-IL PD:DOPO IL RELATIVO SUCCESSO ALLE EUROPEE CHE COME HO SPIEGATO NON MUTEREBBERO NULLA SE VOLESSIMO TRARRERE CONCLUSIONI PER LE POLITICHE PERCHE CON QUESTA VOTAZIONE IL PD NON FAREBBE COMUNQUE MAGGIORANZA DA SOLA,E’ ARRIVATA LA SECONDA PARTE DELL’INCHIESTA MOSE CON LA BUFERA SUL SINDACO DI VENEZIA E TANTI POLITICI PD COINVOLTI  COMPRESI I LETTA ZIO E NIPOTE EX-PREMIER..IL RISULTATO E’ STATO CHE AL BALOTAGGIO IL PD DI RENZI HA COMMINCIATO A PERDERE FORZA LASCIANDO IMPORTANTI COMUNI COME QUELLO DI LIVORNO,E PARALELLAMENTE LA DISSIDENZA INTERNA CHE FA CAPO A BERSANI ,CONTESTATARIA A RENZI STA DANDO FILO DA TORCERE:LE LARGHE INTESE SONO ANCHE ORMAI AL TRAMONTO,DISSOLVERE LE CAMERE SI TORNI AL VOTO.HA VINTO LA NUOVA ERA,HA VINTO L’ITALIA.

-

-TESTIMONIO GRAFICO:

-NOTA 1:SU LA STAMPA:

Cronache,09/06/2014
Mose, bagarre in Comune a Venezia
“Orsoni dimettiti”, consiglio sospeso
Il vicesindaco Simionato: ore difficilissime. La contestazione del pubblico
Il sindaco di VenezIa Giorgio Orsoni esce dall’aula bunker di Mestre, al termine dell’interrogatorio di garanzia a Mestre, 6 giugno 2014

Lo scandalo del Mose approda in consiglio comunale a Venezia e arroventa il dibattito tra opposizione e maggioranza sul futuro politico della città. La prima assemblea municipale senza il sindaco Giorgio Orsoni, ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della magistratura, ha vissuto momenti di forte tensione questo pomeriggio quando il pubblico ha contestato le parole del sindaco reggente Sandro Simionato, costringendo il presidente Roberto Turetta a sospendere i lavori.

È bastato che il vice di Orsoni affermasse che si stanno vivendo «ore difficilissime» per far partire dalla parte della sala aperta al pubblico, di cui erano parte anche simpatizzanti di forze d’opposizione, una bordata di fischi e frasi come «avete appoggiato un bandito», «siete complici», «ci avete fatto vergognare, andate via», «Manca Ali Babà, lì in mezzo». Il coro unanime è venuto poi alla parola «vergogna». In una situazione che si è fatta sempre più incandescente, Simionato ha tentato una difesa del primo cittadino ai domiciliari («noi tutti abbiamo conosciuto in questi quattro anni una persona che nella sua attività di sindaco ha agito e ci ha chiesto di agire in nome della trasparenza e della correttezza amministrativa»), ma quando ha pronunciato il suo nome è partita una `mitragliata´ di fischi. Ben più dura la “sentenza” del pubblico («lei sta offendendo la magistratura») quando il sindaco reggente ha detto che Orsoni «potrà dimostrare la totale estraneità ai fatti».Di fronte ad una mozione firmata da 11 consiglieri di opposizione sui 24 in aula che chiedevano le dimissioni del sindaco-avvocato, la maggioranza ha cercato di imporre la linea dell’approvazione di una serie di atti già istruiti «per dare un respiro di speranza e fiducia – le parole di Simionato – alla città». A partire dall’approvazione del bilancio di previsione per finire con quella del consuntivo 2013 entro giugno, pena lo sforamento del patto di stabilità 2014. Passando per la delibera di costituzione della newco per l’acquisizione delle aree di proprietà Syndial funzionali alla riconversione industriale e senza tralasciare il tema delle Grandi Navi, con la possibile convocazione di un Comitatone sulla questione.

«L’amministrazione Orsoni appartiene al passato – ha ribadito il consigliere Jacopo Molina del Pd – e la sua esperienza politica si è conclusa il 4 giugno, Auspico che il rassegni le dimissioni». Una richiesta ripetuta anche da Gian Luigi Placella a nome del M5s. «Orsoni è oggettivamente responsabile – ha affermato – del disastro morale in cui ha trascinato il nome di Venezia».

http://lastampa.it/2014/06/09/italia/cronache/mose-bagarre-in-comune-a-venezia-orsoni-dimettiti-consiglio-sospeso-OJEwZ1IBykeVADPWW7LygK/pagina.html

venezia
Ti consigliamo:
+ Mose, Venezia affonda tra le tangenti

ANSA
+ Mose, caos in Comune: “Tutti a casa”
+ ++ Inchiesta Baita, arrestati il sindaco di Venezia e altri politici ++

-NOTA 2: SUL CORRIERE DELLA SERA:

retroscena Uno parla di «spine», l’altro chiede una «riflessione profonda»

Le critiche di Bersani e Letta

Il voto riapre le ferite nel Pd

E l’ala sinistra vuole una «rigorosa analisi» dei risultati,di Monica Guerzoni

Speciale Elezioni Europee
ROMA – Se la vittoria storica del 25 maggio aveva pacificato il partito e silenziato i capicorrente, il risultato in chiaroscuro dei ballottaggi riapre antiche ferite e rianima la minoranza. Il tentativo di alcuni renziani di spaccare il Pd tra nuova guardia che vince e vecchia guardia che perde ha colpito nell’orgoglio l’ala sinistra del partito, che ora chiede a Matteo Renzi una riflessione profonda sulla natura del partito e sulla gestione delle realtà locali. All’ultima direzione il silenzio dei «big» rottamati era stato assordante, ieri invece si sono fatti sentire uno dopo l’altro, per rimarcare quanto dolorosa sia stata la perdita di storiche roccaforti e sottolineare, più o meno esplicitamente, che il Pd ha un problema a sinistra. «Ci sono delle spine – chiede di studiare “a fondo” la situazione Pier Luigi Bersani – e Livorno è una di queste». Dove il non detto, per i bersaniani, è che dove la sinistra non va a votare il Pd perde.Persino Enrico Letta, che non era mai intervenuto nel dibattito politico nazionale dalla traumatica staffetta con Renzi, a margine di un seminario a Pisa ha commentato il dato meno felice dei ballottaggi: «La sconfitta del Pd a Livorno merita una riflessione profonda, perché del tutto inattesa». E Perugia, Padova, Potenza? L’ex premier non entra nel merito delle sconfitte incassate dal suo partito, ma da toscano insiste su Livorno: «È la sconfitta più clamorosa e non solo per il suo valore simbolico, per questo credo che necessiti di una riflessione nazionale».
Parole che suonano molto distanti dalla posizione di Renzi, che dal Vietnam ha definito «straordinario» il risultato. Anche questa volta il premier tira dritto sulla via della rottamazione e non si volta indietro. «Dove non abbiamo creato cambiamento abbiamo perso – è il ragionamento che ha condiviso con i suoi -. Paghiamo un prezzo dove siamo stati individuati come un partito strutturalmente al potere». Per lui non esistono città «rosse» e non esistono roccaforti: il voto di domenica dimostra che le rendite di posizione non valgono più e che il Pd i voti deve andarseli a cercare di volta in volta, anche a destra e senza puzza sotto il naso. Una strategia molto distante da quella che la minoranza ex diessina ha portato avanti per anni.L’ala sinistra chiede di affrontare già nell’assemblea di sabato una rigorosa analisi del voto e contesta l’approccio dei renziani, i quali insistono nel buttare la croce sulle spalle della vecchia guardia. Dario Nardella, sindaco di Firenze, la mette così: «Il risultato negativo si è verificato nelle città dove il Pd non si è rinnovato». Giudizi che Gianni Cuperlo contesta con forza. In un post accorato su Facebook scrive che «alcune ferite pesano e bendarsi gli occhi è ingiusto» e si dice colpito da alcuni commenti dei renziani: «Davvero c’è chi pensa si possa dire che si vince dove il corso renziano si è fatto strada e si perde altrove? E quale sarebbe la vecchia guardia da rottamare?». Marco Ruggeri, il «dem» sconfitto a Livorno, «ha l’età di Renzi» ricorda l’ex sfidante delle primarie, Wladimiro Boccali (Perugia) ne ha poco più di 40 e quando si perde «la prima cosa da fare non è preoccuparsi di dire che ha perso “uno degli altri”».Al Nazareno assicurano che le reazioni a catena innescate dai ballottaggi non avranno ripercussioni sulla nuova segreteria a gestione unitaria, la cui composizione Renzi annuncerà entro sabato. Eppure i nomi ballano. Prima di indicare le sue scelte Cuperlo aspetta un incontro con Renzi. Uno dei nodi è che il leader non vuole in squadra chi ha fatto parte della segreteria di Bersani, come Nico Stumpo o Matteo Orfini. Anche la questione della presidenza si è riaperta. La lettiana Paola De Micheli, partita favorita, sa che niente è ancora deciso: «Sono una donna di partito, il resto lo vedremo…». E anche l’ipotesi che il successore di Cuperlo possa essere una figura forte della sinistra ex ds come Nicola Zingaretti, appare adesso più lontana.

*10 giugno 2014 | 07:28,© RIPRODUZIONE RISERVATA
-
http://www.corriere.it/politica/speciali/2014/elezioni-europee/notizie/critiche-bersani-letta-voto-riapre-ferite-pd-f4fa6198-f05e-11e3-9b46-42b86b424ff1.shtml
.
-APPENDICE(13 GIUNIO 2014):SI DIMETTE SINDACO DI VENEZIA
.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Scandalo Mose, il Pd scarica Orsoni  e lui si dimette da sindaco di Venezia
Scandalo Mose, il Pd scarica Orsoni e lui si dimette da sindaco di Venezia
“Non ci sono le condizioni per andare avanti
Così rimarco mia estraneità alla politica” - video

Rnews Merlo: “Il finto tonto” / Lettera dimissioni

RNews Tito: “Perché mezze misure inaccettabili per il Pd”
Documento I verbali integrali del suo interrogatorio

Articoli correlati

-APPENDICE 2:AGRIGENTO,COMUNE RENZIANO COMMISARIATO
Repubblica.it
Repubblica.it
Agrigento, si è dimesso il sindaco. Zambuto lascia dopo la condanna per le nomine al teatro Pirandello
Rischiava la sospensione a causa della legge Severino,di FABIO RUSSELLOAgrigento, si è dimesso il sindaco. Zambuto lascia dopo la condanna per le nomine al teatro PirandelloAGRIGENTO – Colpo di scena al Comune di Agrigento. Il sindaco Marco Zambuto del Pd ha annunciato nel corso di una conferenza stampa le sue dimissioni dalla carica. La decisione è giunta all’indomani della condanna a due mesi e 20 giorni di reclusione inflittagli dal gup del Tribunale di Agrigento per abuso d’ufficio nell’ambito di una inchiesta su alcuni spazi acquistati da un’agenzia pubblicitaria con i soldi della Fondazione teatro Pirandello e pubblicati su un quotidiano regionale. Secondo l’accusa, anziché promuovere le attività della Fondazione Zambuto avrebbe fatto propaganda alla sua attività politica. “Accetto la sentenza  -  ha detto il sindaco Marco Zambuto  -  ma siccome mi sento innocente farò appello. Ho agito per la città e do le dimissioni per evitare che qualunque ombra e qualunque macchia possa ricadere sul Comune”.Il sindaco comunque sarebbe stato certamente sospeso nelle prossime ore dal prefetto, come prevede la legge Severino. La procedura ora prevede il passaggio della barra di comando al vice sindaco Piero Luparello, in attesa che la Regione nomini un commissario che rimarrà in carica fino alle prossime elezioni amministrative previste per la prossima primavera.Zambuto era in carica dal 2007: era stato eletto sindaco dopo avere battuto al ballottaggio il candidato del centrodestra Enzo Camilleri. Nel 2008 aveva aderito al Pdl, per scegliere nel 2010 l’Udc. Rieletto sindaco nel 2012, l’annodopo ha lasciato l’Udc per avvicinarsi all’area renziana del Pd, del quale nel marzo 2014 è stato eletto presidente dell’assemblea regionale. Zambuto si era candidato alle Elezioni europee del 2014 ma con poco più di 65 mila preferenze non è stato elettohttp://palermo.repubblica.it/cronaca/2014/06/13/news/agrigento_si_dimesso_il_sindaco_zambuto_lascia_dopo_la_condanna_per_le_nomine_al_teatro_pirandello-88836128/?ref=HREC1-5-APPENDICE 3:RIPERCUSSIONE DEL MOSSE NEL NAPOLITANO?Corruzione Gdf, Bardi si difende: “Totalmente estraneo a fatti contestati”
Le prime parole del vicecomandante della finanza, indagato nell’inchiesta di Napoli che ha portato all’arresto di un colonnello e al coinvolgimento del generale Spaziante: “In 47 anni di servizio mai venuto meno a doveri di legalità, trasparenza e correttezza”. Padoan incontra Capolupo: “Fiducia assoluta al Corpo”
Corruzione Gdf, Bardi si difende: "Totalmente estraneo a fatti contestati"
Vito Bardi, generale di corpo d’armata, comandante generale in seconda della Guardia di finanza (corbis)
ROMA – “Totalmente estraneo alle ipotesi di reato che sono state formulate nei miei confronti”. Sono le prime parole pronunciate a sua difesa dal generale Vito Bardi, comandante in seconda della Guardia di Finanza, indagato per corruzione nell’inchiesta aperta dalla procura di Napoli sulla denuncia di due imprenditori campani. L’indagine è culminata tre giorni fa in un blitz che ha portato in carcere il colonnello della Finaza Fabio Massimo Mendella e il commercialista napoletano Pietro De Riu (il Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili sottolinea oggi che “De Riu non risulta essere iscritto all’Albo della categoria dottori commercialisti”).Nell’amnbito della stessa inchiesta è stato iscritto tra gli indagati, oltre Bardi, anche Emilio Spaziante, generale in congedo ed ex numero due della Gdf, già arrestato per l’inchiesta sul Mose di Venezia.
LEGGI Il gen. Capolupo: “Toglieremo la divisa a chi ruba” di C. BONINI

“A seguito della vicenda giudiziaria che mi vede raggiunto da ipotesi di reato a cui gli organi di informazione hanno dato vistosa e comprensibile evidenza – afferma Vito Bardi – avverto il dovere verso l’opinione pubblica, l’Istituzione di cui faccio parte e per la mia famiglia di proclamare la mia totale estraneità alle ipotesi che sono state formulate”.
Tempesta sulla Gdf, indagato il generale Bardi
{}
“Nei miei 47 anni di servizio – spiega il generale – che rappresentano un’intera vita trascorsa a presidio della legalità, non sono mai venuto meno ai più saldi principi di lealtà, trasparenza e rettitudine. Sono consapevole che le superiori esigenze della Giustizia richiedono rispetto assoluto e a questo principio mi attengo fermamente con una ‘sofferta serenità’ in attesa che l’accertamento della verità abbia il proprio corso, con fiducia nell’attività degli inquirenti”. Il comandante in seconda delle Fiamme Gialle, assicura: “In questo spirito rinnovo la mia totale disponibilità a offrire ogni elemento utile al riconoscimento della verità, anche a mezzo dei miei legali. Auspico la più celere definizione della mia posizione, sicuro che al termine del mio mandato lascerò il Corpo con l’onore che la mia storia integerrima di servitore dello Stato mi impone di salvaguardare”.E stamattina il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, ha ricevuto il comandante generale della Guardia di Finanza, generale Saverio Capolupo, e ha espresso “fiducia assoluta” al Corpo. Padoan ha sottolineato che i recenti accadimenti “nulla tolgono al valore e alla dedizione della Guardia di Finanza che si è sempre distinta per efficienza, trasparenza e impegno quotidiano nella lotta all’evasione e alla corruzione”.
.
Dalla finanza ai servizi segreti, i personaggi
{}
NICOLO POLLARI(71 ANNI)GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANAZA,CAPO DI STATO MAGGIORE E DIRETTORE Sismi(2001-2006)

http://www.repubblica.it/cronaca/2014/06/13/news/corruzione_in_gdf_bardi_si_difende_totale_estraneit_ad_accuse-88827072/?ref=HREC1-11#gallery-slider=88713160

.
REAZIONE:HA RISULTATO ESSERE UN TRUFFATORE CHE HA TRADITO LA FIDUCIA CHE LI HA DATO IL POPOLO ITALIANO.NON PIU DA QUESTO E’.
.
-BUONA MUSICA:
Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
-
13 GIUNIO 2014:IO HO UN TIM
-
-TITOLARE LA STAMPA:economia

Wind va in tilt per ore, reti internet e mobile ferme

Sul Web e i social network la rabbia degli utenti: «Una vergogna».
Le associazioni di consumatori pronte a chiedere risarcimenti
-12 GIUNIO 2014:SODISFATTO
.
-TITOLARE LA STAMPA:sanità

Aumentano i bambini malati di morbillo
“Colpa di campagne anti-vaccino in Rete”

marco accossato
Oltre mille casi da inizio d’anno. I pediatri: «Stop alla falsa
credenza che la vaccinazione possa essere causa di autismo»
.
REAZIONE:HO SVILUPPATO IN QUESTA PAGINA UNA BATTAGLIA CONTRO L’ANTIVACCINO SUL SITO COMILVA E SI VEDONO I RISULTATI:QUELLO DEL TITOLO.
-

3 GIUNIO 2014:HILLARY,MULTICULTURALISMO NON PIU “POLITICAMENTE CORRETTO”?
-
TITOLARE THE WASHNGTON TIMES:

New book, same Hillary: Clinton gets testy with NPR over gay marriage

By Cheryl K. Chumley – The Washington Times

Former Secretary of State Hillary Clinton said in a rather testy interview with NPR: I did not hold back endorsement of gay marriage as a political

TRADUZIONE:Nuovo libro, la stessa Hillary: Clinton diventa irascibile con NPR sul matrimonio gay
By Cheryl K. Chumley – The Washington Times
ex Segretario di Stato Hillary Clinton ha detto in un’intervista piuttosto irascibile con NPR: Non mi trattenere con l’approvazione del matrimonio gay come un caso politico.
-
-APPENDICE:ALLERTA SU THE WASHINGTON TIMES:
Get Daily Alert
Commentary
BRUCE: Iraq, the Taliban 5 and Hillary Clinton
By Tammy Bruce
The danger of miscalculating the enemy

TRADUZIONE:DAGLI ALLERTI GIORNALIERI

COMMENTARIO

PER TAMMY BRUCE

IL PERICOLO DI CALCOLARE IN FORMA ERRONEA IL NEMICO

-

Immagine anteprima YouTube
-

3 GIUNIO 2014:MENTRE OBAMA STUDIA….
-
TITOLARE LE MONDE:
Des chefs tribaux chiites rassemblés contre les djihadistes de l'EIIL le 13 juin à Bagdad.
Irak : Obama étudie « d’autres options » que l’envoi de soldats
Après avoir conquis plusieurs villes irakiennes importantes, et face à la débandade des forces armées, les djihadistes de l’EIIL progressent vers la capitale Bagdad.
REAZIONE:MENTRE OBAMA STUDIA BAGDAG E’ SULL’ORLO DI CADERE IN MANI AI DJIHADISTI.
-

4 GIUNIO 2014:ANCHE QUESTA
.

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Copertura live

Olanda-show, la Spagna crolla

Corriere della Sera  - ‎2 minuti fa‎
All’Arena Fonte Nova abbiamo visto cose che non avremmo mai saputo immaginare neanche sotto l’effetto del peyote. La Spagna non solo sconfitta, ma travolta, percossa, incapace di rialzarsi, umiliata, forse finita. Certo, anche quattro anni fa perse …
Spagna-Olanda 1-5: tonfo delle Furie Rosse, Van Persie e Robben
Campionati mondiali di calcio » Nazionale di calcio della Spagna »
 Immagine anteprima YouTube
.
Immagine anteprima YouTube
-

4 GIUNIO 2014:VIAGGI INTORNO AL MONDO
.
From BBC Travel
World view
Mother and child.
This selection of breathtaking images from around the globe features a glimpse of life for working mothers in Ladakh, India.
TRADUZIONE:Dalla BBC Viaggi
Vista del Mondo
Questa selezione di immagini mozzafiato da tutto il mondo offre uno scorcio di vita per le madri che lavorano in Ladakh, India.
-
15 GIUNIO 2014:LE MONDE SA COME
Pixels
La Coupe du monde 2014 a déjà généré plus de tweets que celle de 2010 en Afrique du Sud.
Comment échapper au Mondial sur Internet ?

Quelques techniques de survie pour éviter que le Mondial de football n’envahisse votre vie en ligne.

-Guide de survie anti-Mondial sur Internet

Le Monde.fr | 13.06.2014 à 13h58 , Mis à jour le 13.06.2014 à 17h05 | Par Lucie Soullier et Martin Untersinger
.
http://www.lemonde.fr/pixels/article/2014/06/13/guide-de-survie-anti-mondial-sur-internet_4437719_4408996.html
.
REAZIONE:ANCHE IO FARO UN CONTRIBUTO:SE NON CI RIESCI RICORDA CHE PUOI VEDERE LE DIRETTE DI TUTTI I PARTITI IN STREAMING GRATIS,SI ASSOLUTAMENTE GRATIS SENZA PAGARE ALCUN CHE DI ABONAMENTO.INCOLLA SUL TUO MOTORE QUESTO INDIRIZZO       http://gofirstrow.eu/
.
TI POSSO ASSICURARE CHE SI VEDE IN ALTA QUALITA,VELOCE A SCHERMO INTERO E SENZA INTERRUZIONE PUBBLICITARIA IN UN SERVIZIO CON LA PARTECIPAZIONE DELLA BBC.
INSOMMA,SE NON RIESCI A TOGLIERTI DI ADOSSO LA CALCIOMANIA,UNA ADIZIONE PERICOLOSA,AL MENO COSI RIDURRERAI I DANNI COLATERALI COME QUELLI DELLE TUE TASCHE.
COSI HO VISTO QUESTA PARTITA DOVE ITALIA HA AVUTO BUON INIZIO DI FRONTE ALLA SEMPRE  DIFFICILE “PERFIDA ALBION” MADRE DEL CALCIO, NEL MONDIALE DEL BRASILE,VEDI TITOLARE SU GOOGLE:
Sport »
*1-Mondiali, Italia-Inghilterra 2-1. Ottima la prima uscita degli Azzurri
La Voce del Popolo- ‎33 minuti fa
-
2-
.
Ottimo esordio dell’Italia di Cesare Prandelli in questo Mondiale di Brasile 2014. Vince 2-1 la formazione azzurra grazie agli splendidi goal di Claudio Marchisio al 35′ e di Mario Balotelli al 50′ e nonostante le non poche disavventure ancora prima di……
.
Immagine anteprima YouTube
-POST DATA.:VEDI EDITTTO NEOLIBERALE AL RIGUARDO

Migliori Siti per Vedere le Partite di Calcio in Streaming

L’unico modo per guardare le partite in qualità HD sul PC è quello di possedere un abbonamento Mediaset Premium o meglio ancora un abbonamento Sky che hanno un costo importante ma sono soldi che se si è veri tifosi vale la pena di spendere. Esistono altri modi per vedere le partite ed è lo streaming che nella gran parte dei casi non sono autorizzati (non dico tutti perché alcuni nel loro paese o in certe circostanze pagano i diritti) e sono i molteplici siti che sono difficilmente reperibili in rete perché in lingua straniera ma che una volta utilizzati, nonostante la qualità non sia nemmeno la metà di quella che offre Sky, viene difficile staccarsi. Dato che non sono nemmeno tanto veloci a causa dell’alto numero di banner pubblicitari con timer di cui dispongono vi conviene collegarvi almeno 5 minuti prima del fischio iniziale.

Avvertenza: Questi siti contengono pubblicità in modo invasivo per cui con installato Adblock non funzionano, in questo caso potrebbe tornarvi utile la mia guida su come disattivare Adblock. Ci tengo a precisare che nessuno di questi siti è gestito dal sottoscritto per cui non me ne assumo la responsabilità se violano regolamenti, se i loro banner risultano volgari e se non dovessero funzionare nel tempo.

1) Rojadirecta.org = E’ il migliore sito di streaming, non c’è evento sportivo che Rojadirecta non trasmetta e quindi non solo calcio ma anche formula uno, basket, rugby, moto gp e tennis. Le partite sono ordinate in base all’orario, potete cercarle tramite la casella di ricerca inserendo il nome della squadra che cercate. Capita spesso di trovare partite con telecronaca italiana (IT), se non c’è potete optare per quella spagnola (ESP) che è facile da capire oppure se la partita è sincronizzata potete sfruttare la telecronaca di Radio 1. Di solito le partite con velocità superiore ai 1500 kbps si bloccano o non funzionano proprio, quelli più affidabili vanno dai 250 ai 900 kbps. Per la cronaca l’altro Rojadirecta (.me) è oscurato dall’Italia.

2) Livetv.ru = è un sito in inglese che dispone di una versione parzialmente italiana. Offre la possibilità di vedere numerosi eventi sportivi in diretta, tra cui partite di calcio della UEFA Champions League, Premier League inglese, Bundesliga tedesca, Ligue 1 francese, Primera Division spagnola e la Serie A italiana, e altri grandi eventi sportivi come ad esempio l’hockey su ghiaccio con la NHL o il basket con la NBA. Di solito le partite di calcio più importanti le mettono in evidenza nella homepage ma cercarle non è affatto difficile dato che basta semplicemente utilizzare la casella di ricerca presente sotto al logo e una volta beccata la partita cliccare sul bottone Play per aprirla su una nuova finestra. Se volete rivedere solamente i gol o partite già trasmesse cliccate sulla voce del menù Video Archive e poi su Goal selezionando quelli in lista o su Full Match Record e scegliere se vedere il primo o il secondo tempo.

3) Wizing = è diventato un vero punto di riferimento a partire dalla chiusura di MyP2P. Per cercare le partite cliccate nel menù in alto su Live Sport, dopodiché selezionate la sottosezione Football. Da qui ricercate per  campionato la partita di vostro interesse e cliccate su Live, nella nuova pagina che aprirà ci sarà l’elenco dei canali dove è possibile vedere la partita, scegliete uno di questi cliccando su Play now!.

4) Calcio.me = non è ben fatto, la partita non è facilmente visibile perché è posizionata nella zona inferiore della pagina. Lo streaming è comunque coperto da banner di calcio e non è espandibile, rimane comunque buono come alternativa anche perché solitamente inseriscono più di un link come prevenzione in caso di blocchi.

5) Justin.tv = un tempo era uno dei più utilizzati perché trasmetteva le partite seppure con blocchi costanti ad un certo tot di minuti, adesso però raramente contiene streaming di partite ma vale la pena di sfogliarlo come ultima risorsa.

6) Atdee.net = sin dalla pagina iniziale è presente l’elenco delle partite ordinate per fascia oraria, cliccate sul titolo della partita (es. Milan vs Juventus) e si aprirà su una nuova scheda; se cliccate invece su Link1, Link2, Watch now appariranno altri siti che non hanno nulla a che vedere con la partita.

7) FirstRowNow = possiede la classica prima pagina con l’elenco delle partite ordinato in base all’orario, per vederle dovete prima ricercarle, poi cliccare sul titolo del match ed in questo modo si allargherà la sezione della partita cliccata e qui dovete cliccare sui diversi link messovi a disposizione.

8) Neolive.eu = presenta il solito listone di partite tutte nella pagina iniziale con orario sulla sinistra. I link alternativi sono posizionati subito dopo e non in altre pagine

.

http://www.scuolissima.com/2013/11/siti-vedere-partite-calcio-streaming.html

REAZIONE:SKY E’ LA TV DEL GRUPPO AUSTRALIANO  MURDOCH CON PRESENZA OLTRE CHE NEL SUO PAESE IN USA,EUROPA E….BRASILE IN QUANTO AUSTRALIA FORMA PARTE DEL MERCOSUR.NATURALMENTE IO NON CI HO CREDUTO.

-
16 GIUNIO 2014:TONY BLAIR,STRANNA COINCIDENZA
.
-3 TITOLARI SU  THE TELEGRAPH
TITOLARE 1:

Humiliated and executed by the jihadist firing squads

The shocking pictures show ISIS herding purported army deserters and members of Shia groups together in Tikrit before being shot

*Baghdad’s army draws new front line to defend Shia

+Kurds seize chance to build foundations of a new state

*New evidence of atrocities as Iraqi forces halt Islamist advance

*Thousands of Iraqis return to Mosul

*Why Iraq is close to becoming a failed state

-TITOLARE 2:

Anger at Tony Blair over Iraq blame game

The former Labour Prime Minister is heavily criticised for putting blame on the current generation of British political leaders for the renewed conflict in Iraq

*Blair’s Iraq invasion was a tragic error, and he’s mad to deny it

*Blair compares Trojan Horse with Boko Haram

.

-TITOLARE 3:

Link to Matt cartoon Link to Alex cartoon
Damian Thompson »

ISIS invades Iraq: this is a war of religion

TRADUZIONE:

-TITOLARE 1:

Umiliato ed giustiziato dai plotoni di esecuzione jihadisti
Militanti dello Stato islamico di al-Qaida ispirato dell’Iraq e del Levante (ISIL) prendono di mira soldati iracheni catturati
Le immagini scioccanti mostrano pastori ISIS disertori dell’esercito e membri di gruppi sciiti insieme a Tikrit, prima di essere colpiti

.
*L’esercito di Baghdad dispiega nuova linea del fronte per difendere sciiti
*I curdi coglieno l’opportunita di costruire le basi di un nuovo Stato

*Nuova prove delle atrocità quando forze irachene anticipano l’avanzo islamista
*Migliaia di iracheni tornano a Mosul
*Perché l’Iraq è vicino a diventare uno stato fallito

-TITOLARE 2
Rabbia di Tony Blair sull’Iraq colpa gioco
L’ex primo ministro laburista e’ fortemente criticato per mettere colpa alla attuale generazione di leader politici britannici per il rinnovato conflitto in Iraq

*Ll’invasione dell’Iraq di Blair è stato un tragico errore, e lui è pazzo a negarlo
*Blair confronta Cavallo di Troia con Boko Haram

.TITOLARE 3:ISIS invade Iraq;questo e’ una guerra di religione.

-

REAZIONE:STRANNA COINCIDENZA,IL NEOLIBERALE CATTOLICO E AMICO DI CAMERON,TONY BLAIR ACCUSA A POLITICI BRITTANICI DELLA NUOVA GENERAZIONE E PIU IN GENERE ALLL’OCCIDENTE DI ABBANDONARE A SE STESSI L’IRAQ E LA SIRIA,E LA STESSA ACCUSA RIVOLGE A OBAMA IN UKRANIA E EGITTO JHON MC CAIN,IL SUCCESORE DI BUSH ALLA NOMINAZIONE PRESIDENZIALE REPUBBLICANA,POI SCONFITTO DALL’ATTUALE PRESIDENTE USA.

PD:A PROPOSITO DI GUERRE DI RELIGIONE:MC CAIN AVEVA TENTATO DISCOSTARSI DELLA VECCHIA IDEOLOGIA  REPUBBLICANA DELLA COSI DETTA “NUOVA DESTRA RELIGIOSA” MA DOPO LA SUA FALLITA CANDIDATURA LO SI HA VISTO APPOGGIARE QUESTE POSIZIONI RAPRESENTATI NEL MINISTERO DELLA DIFESA DELLA PRIMA AMMINSTRAZIONE OBAMA(ROBERT GATE) INSIEME A HILLARY CLINTON

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

.

16 GIUNIO 2014:FUTURO RE BRITTANICO

-TITOLARE THE TELEGRAPH

By George, he’s got it: prince walks with Kate

The future king shuffles along with the support of the Duchess of Cambridge, who beams with pride at her son’s efforts

.

TRADUZIONE:

Per George, lui ce l’ha: il principe cammina con Kate
Prince George prosegue il suo primo bagno di folla pubblica a Cirencester Park Polo Club, Gloucestershire
Il futuroRe si trascina a stento con il supporto della duchessa di Cambridge, che sostiene con orgoglio gli sforzi di suo figlio

REAZIONE:SARA UN RE NUOVA ERA

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 123 »

10 giugno 2014
0

10 GIUNIO 2014:A DIFESA DEL CARBONIO II,IL GIORNO DOPO

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Industria nucleare vede ripresa con il carbonio come obiettivo

VIDEO

Piano storico dell’amministrazione Obama per ridurre le emissioni di carbonio dalle centrali elettriche esistenti, ha presentato Lunedi, potrebbe accelerare spostamento della nazione dal carbone verso il gas naturale, l’efficienza energetica e fonti rinnovabil

Per Patrice HillThe Washington Times,Domenica 8 giugno 2014

La centrale nucleare di impianto Vogtle è mostrato in costruzione a Augusta, in Georgia nel 2012. Uno dei reattori esistenti è mostrato in background. (Associated Press)

La centrale nucleare di impianto Vogtle è mostrata in costruzione a Augusta,

L’ amministrazione Obama ha proposto nuove norme per le centrali che darebbe una grande spinta al nucleare quando l’industria affronta un futuro incerto con l’aumento dei pensionamenti e le prospettive in calo per le decine di reattori in invecchiamento.

I funzionari delle centrali nucleari si sono affrettati a notare che la Environmental Protection Agency , che ha annunciato le norme proposte la settimana scorsa, non poteva realisticamente raggiungere il suo obiettivo di un 30 per cento di riduzione delle emissioni di biossido di carbonio entro il 2030 senza il nucleare, che ora fornisce circa un quinto del carico di base delle esigenze di alimentazione negli Stati Uniti senza emissioni di carbonio.

“Con l’energia nucleare, è fattibile soddisfare gli obiettivi della somministrazione. E senza di essa, non vi è alcuna possibilità”, ha detto Richard Myers, vice presidente presso l’Istituto per l’energia nucleare. “Per più della metà degli stati in America,le centrali nucleari sono la loro principale fonte di energia elettrica senza emissioni di carbonio. Per molti, è la loro principale fonte di energia a zero emissioni di carbonio “.

La Casa Bianca non ha il nucleare come un modo per gli Stati membri di raggiungere gli obiettivi di riduzione del carbonio e invece ha cercato di incoraggiarli ad adottare misure di efficienza energetica e fonti rinnovabili come l’eolico e il solare, ma l’amministratore EPA Gina McCarthy ha riconosciuto che l’energia nucleare ” farà parte del mix energetico “necessario per raggiungere l’ambizioso obiettivo del presidente della riduzione di un terzo dei gas serra.

“Non si può negare che [nucleare] è carbon free”, ha detto in uno scambio con manifesti sulla Reddit.com. Ha aggiunto che le domande relative a stoccaggio a lungo termine delle scorie nucleari devono ancora essere risolti.

Altri funzionari di amministrazione presso il Dipartimento dell’Energia hanno avvertito che il ritiro “prematuro” dei diversi reattori nucleari potrebbe minare gli EPA obiettivi e mantenere gli Stati a soddisfare i loro obiettivi di riduzione del carbonio.

“Ogni sforzo serio per ridurre le emissioni di carbonio deve riconoscere la necessità di mantenere ed espandere l’uso di energia nucleare”, ha detto Myers. “Siamo lieti di vedere che la norma proposta riconosce gli attributi della energia nucleare”.

L’analista della Standard & Poor Jeffrey M. Panger ha anche osservato che l’industria nucleare è uno dei grandi vincitori in virtù della normativa che entrerebbe in vigore nel 2016 se le regole sopravviveranno ciò che è sicuro di essere una gara vigorosa in tribunale dal settore energetico e conservatori gruppi politici.

“I beneficiari evidenti saranno le utilities con uscita a basse emissioni di CO2″, ha detto. “Utilità con generazione di emissioni zero, come ad esempio l’energia idroelettrica o nucleare, sono suscettibili di trovare la loro maggiore competitività rispetto ad altri generatori.”

Per i sostenitori dell’energia nucleare, le norme proposte non potevano venire in un momento troppo presto. Alcuni analisti energetici prevedono un graduale declino del settore, più economico e piu versatile e’ il gas naturale che sta incontrando sempre piu crescente domanda della nazione..

Lungamente ottimista è stato il discorso circa un rinascimento nucleare, un decennio fa, quando l’amministrazione di George W. Bush ha incoraggiato l’industria nucleare di prepararsi a costruire un paio di dozzine di reattori.

L’ amministrazione Obama nel 2012 ha approvato la costruzione di cinque reattori in Georgia, Tennessee e Carolina del Sud, con concessione di licenze per costruire centrali nucleari per la prima volta in oltre tre decenni.

Ma il presidente Obama non ha sostenuto l’energia nucleare tanto entusiasticamente come il signor Bush, e l’amministrazione ha bloccato i tentativi di risolvere i problemi di stoccaggio dei rifiuti nucleari a lungo termine – uno dei principali fattori che frenano l’espansione del settore. Inoltre, i piani di molte nuove centrali nucleari si sono bloccato mentre l’industria è alle prese con una moltitudine di disposizioni emanate dalla amministrazione Obama negli ultimi cinque anni.

Ancora leader a livello mondiale

Anche se l’industria nucleare non si ha ampliato significativamente per decenni, gli Stati Uniti continuano ad avere il più grande complemento delle centrali nucleari nel mondo. Le 62 centrali nucleari che operano in una maggioranza di membri producono quasi il doppio di potere del concorrente più vicino, la Francia. Ma emergenti giganti economici come la Cina e l’India hanno abbracciato l’energia nucleare e potrebbero superare gli Stati Uniti con la costruzione di decine di centrali nucleari per soddisfare le esigenze energetiche in rapida crescita delle nazioni e tenere premuto il carbonio e di altre sostanze tossiche associati all’energia del carbone.

Il numero formidabile di reattori nucleari degli Stati Uniti sta invecchiando rapidamente. Quasi tutti sono stati costruiti negli anni 1970 e 1980.

Le centrali elettriche devono ottenere rinnovo delle licenze della Nuclear Regulatory Commission, dopo 40 anni, e molti facciono una crescente pressione per la pensione o la sostituzione. Quattro reattori nucleari sono stati ritirati lo scorso anno, e un quinto è destinato a chiudere definitivamente quest’anno.

Mentre i sondaggi suggeriscono che il pubblico americano accetta in linea di massima l’energia nucleare, alcuni locali e gruppi ambientalisti si oppongono.

Emissioni senza emissioni di carbonio hanno contribuito a illustrare l’immagine del settore nucleare negli ultimi per le preoccupazioni circa il cambiamento climatico in aumento, ma il disastro di Fukushima in Giappone nel 2011 ha portato a grandi movimenti per vietare il nucleare in Giappone e Germania.

Un concorrente costoso

Eppure, il più grande ostacolo al nucleare recentemente non e ‘stato politico o relativo alla sicurezza ma la forte concorrenza di generatori di gas naturale, che sono meno costosi e più rapidi da costruire che l’esecuzione di una centrale nucleare.Il gas ha un basso tenore, anche se le emissioni non sono non le libere di carbonio.

Gli analisti dicono che il significativo vantaggio deila regolamentazione di carbonio propostia che danno al nucleare sul gas e carbone dovrebbe aumentare il valore del nucleare nel mercato.

“Molte delle persone veodono il business utility del regolamento del carbonio come inevitabile,” ha detto Mike McGough, direttore commerciale presso NuScale, una società elettrica che sta sviluppando il design di un piccolo reattore nucleare che spera un giorno porrà una seria concorrenza per gli impianti di gas in costruzione oggi.

“Le persone con una parte significativa della produzione di carbonio nel loro portafoglio sono alla ricerca di modi di copertura con i benefici del nucleare”, ha detto Platts Energy TV.

Molti programmi di utilità non vogliono impegnarsi per il lungo, costoso processo di costruzione di grandi reattori nucleari, ma vorrebbero la possibilità di costruire centrali nucleari più piccoli, meno costosi al posto di impianti a gas, ha detto.

Prima che l’energia nucleare può decollare in grande stile, tuttavia, piccoli progetti modulari dovranno dimostrare che sono tecnicamente valide nei prossimi anni e che i loro prezzi possono competere con il gas naturale.

I prezzi del gas di bassa gamma sono $ 4 a $ 5 per milione di unità termiche britanniche, ha detto, ma è probabile che andranno fino a $ 6 o $ 7.

“I nostri clienti vogliono avere piccole nucleare come opzione nel caso in cui i prezzi del gas salgono,” ha detto.

http://www.washingtontimes.com/news/2014/jun/8/nuclear-industry-sees-revival-with-carbon-goals/
REAZIONE:OBAMA STA PERDENDO LA CORSA VERSO LA SUA AGENDA VERDE:PER RAGGIUNGERE I SUOI OBIETTIVI DEVE ATTINGERE AL NUCLEARI,NON E’ UNA MOSSA VINCENTE PERCHE DOPO TUTTO I RISCHI DEL NUCLEARI POTEBBERO ESSERE SUPERIORI A QUELLI DEL RISCALDAMENTO GLOBALE.
E POI RISULTA OVVIO CHE QUESTA SCELTA VIENE FATTA SPINTA DI FRONTE AL REALISMO:LA FRANCIA E FORSE DOPO L’INDIA E LA CINA SVILUPPERANNO ANCORA IL NUCLEARE,USA STA RIMANENDO DIETRO.SI E’ VERO CHE USA RESTA IL PRIMO COSTRUTTORE DI CENTRALI NUCLEARI AL MONDO E ANCHE RIGUARDO ALLA FRANCIA,PERO C’E UNA DIFFERENZA CONCETTUALE QUALITATIVA FRA LA FRANCIA E L’ATTUALE SCELTA DI OBAMA:LA FRANCIA HA AFFIDATO SIN DALL’INIZIO E  SENZA I CONPLESSI DEGLI ABITI ANTI-SCIENTIFICI DELL’OSCURANTISMO NEMICO DEL PROGRESSO,LA SUA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA PRINCIPALMENTE AL NUCLEARE.E NON COME METODO PER RIDURRERE GLI EMISSIONI DERIVATI DEL CARBONIO,NON DI MENO FARANNO LA CINA E L’INDIA.
FORSE OBAMA DOVREBBE LASCIARE IL SUO ROMANTICISMO HIPPIE DELL’ORTO ECOLOGICO E  TENENDO CONTO DELLE NUOVE RISORSE SCIENTIFICI PER CATTURARE IL CARBOBIO E NEUTRALIZZARE LE EMISSIONI DI CO2 OLTRE CHE SCARTANDO  L’ALLARMISMO DI FALSI PREVISIONI ADOTTARE UNA STRATEGIA PIU REALISTA E MENO “ROMANTICA” DI FRONTE AL CARBONO.IO NON SONO UN FANATICO DEL PETROLEO CHE DOPO TUTTO NON E’ INESSAURIBILE PERO LE FONTE DI GENERAZIONE ELETTRICA A BASE DI CARBONIO COMPRESO IL PETROLEO ORA POSSONO COESSISTERE CON LE ALTRE DI INFERIORE EMISSIONE DI CO2 ,ANCHE NON SEMPRE UGUALMENTE PRIVI DI RISCHI.OBAMA NON SE NE E’ ANCORA ACCORTO?
 -

-APPENDICE:TORNIAMO ALL’ALLARMISMO ECOLOGICO NOSTRANO

L’INCHIESTA MOSE SI ALLARGA,COINVOLTO TREMONTI E LA CUPOLA ROMANA

1-TREMONTI

-SU LA REPUBBLICA:

Inchiesta Mose. “Era destinata a Tremonti la mazzetta di Milanese”. I pm chiamano l’ex ministro

L’ex titolare dell’Economia non è indagato ma l’ex segretaria di Galan lo accusa. “Così il suo dicastero sbloccò i fondi”,di FABIO TONACCI e FRANCESCO VIVIANO
Inchiesta Mose. "Era destinata a Tremonti la mazzetta di Milanese". I pm chiamano l'ex ministro
Giulio Tremonti e Marco Milanese
VENEZIA – Cosa sapeva l’ex ministro Giulio Tremonti delle manovre del suo braccio destro Marco Milanese, affaccendato – scoprono i pm veneziani – per far arrivare 400 milioni di euro al Mose? Come faceva Milanese a garantire al presidente del Consorzio Venezia Nuova, “in cambio di 500mila euro”, che il parere positivo del dicastero dell’Economia, necessario per sbloccare i fondi del Cipe, sarebbe arrivato?Sono domande a cui manca ancora una risposta, e i pm veneti stanno pensando di ascoltare Tremonti come persona informata dei fatti. Potrebbe essere chiamato già nelle prossime settimane. Lui, e solo lui, può spiegare.
LA VERITÀ DELLA DOGESSA
C’è in particolare una dichiarazione, messa a verbale nell’interrogatorio del 14 luglio 2013 da Claudia Minutillo, la “Dogessa”, l’ex segretaria di Giancarlo Galan, che ha bisogno di un qualche approfondimento. “Tra i destinatari delle somme raccolte da Mazzacurati (Giovanni, il presidente del Consorzio Venezia Nuova che costruisce il Mose, ndr) vi erano… omissis… e Marco Milanese, uomo di fiducia di Tremonti. A quest’ultimo era destinata la somma di 500mila euro che l’ingegner Neri (stretto collaboratore di Mazzacurati, ndr) conservava nel suo ufficio al momento dell’ispezione della Guardia di Finanza”.
La Minutillo, dunque, il testimone chiave dell’inchiesta ritenuta attendibile dai pm, è sicura. Quei bigliettoni, dice, erano per Tremonti. A scanso di equivoci lo ripete anche in un altro passaggio: “Neri li aveva nel cassetto, da consegnare a Marco Milanese per Tremonti, e li buttò dietro l’armadio. La Finanza sigillò l’armadio ma la sera andarono a recuperarli e furono poi consegnati a Milanese il 7 giugno del 2010″. Non c’è traccia né prova, nelle 700 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare, di un successivo approdo della somma nelle mani dell’ex ministro, che non è indagato.
Milanese, “il nostro amico”, come lo definiscono gli uomini della cupola del Mose, “l’uomo con le mani in pasta in questa storia”, come lo presenta Mazzacurati ai magistrati, ha la bocca chiusa, non parla. Il suo nome è nell’elenco dei cento indagati dell’inchiesta sulle tangenti veneziane ma una ventina di giorni fa, pochi giorni prima che scattassero gli arresti, la procura ne ha revocato la richiesta di custodia cautelare, non si sa se in carcere o ai domiciliari.
L’INCONTRO DELLA SVOLTA
Tremonti viene tirato in ballo anche da Piergiorgio Baita, l’ex presidente della Mantovani, quando gli viene chiesto di raccontare come avessero fatto a ottenere lo sblocco nel 2010 dei soldi del Comitato interministeriale per la programmazione economica. Gianni Letta aveva consigliato a Mazzacurati di “trovare una strada” per rivolgersi a Tremonti. Quella strada si chiama Roberto Meneguzzo, è il direttore dell’azienda vicentina Palladio. Costui fissa a Milano un appuntamento tra Tremonti e il presidente del Consorzio. “Quando ritorna a Venezia – spiega Baita in un verbale – Mazzacurati fa una convocazione d’emergenza dei soci e dice: “Se volete sbloccare il Cipe ci sono 500 mila euro da consegnare all’onorevole Milanese, almeno una settimana prima della delibera”".
La “pratica Milanese”, quindi, pare avviarsi subito dopo l’incontro faccia a faccia con Tremonti. Cosa si sono detti in quell’appuntamento? Perché tanta fretta, da parte di Mazzacurati, nel convocare i sodali che siedono nel Consorzio? Sarà poi Mazzacurati stesso ad ammettere di avere consegnato “in una scatola” il denaro al consigliere politico di Tremonti nella sede della Palladio Finanziaria, a Milano. Quell’incontro, di pochi minuti, lo lascia perplesso. “Mi dice che si adopererà e che pensa di riuscire… poi mi ha detto solo grazie, mi ha sorpreso questa cosa, perché è un po’ imbarazzante anche, ma insomma, non importa… lui mi ha detto grazie”.
IL VIA LIBERA DA ROMA
L’impegno porta i frutti sperati. Il 13 maggio 2010 il Cipe approva la delibera n. 31 per la “continuità funzionale di opere di difesa idraulica”. Tradotto, significa che dopo molti mesi di stallo per le ditte del Mose stanno arrivando 400 milioni di euro dal governo Berlusconi. Scrive il gip veneziano nell’ordinanza di custodia cautelare: “L’intervento di Milanese è stato determinante per l’introduzione di una norma ad hoc”, l’ex finanziere è riuscito a contattare e a parlare “con Ercole Incalza e con Claudio Iafolla”. Sono persone che contano, sono il capo della struttura tecnica e il capo di gabinetto del ministero delle Infrastrutture. E però – annota il gip – Milanese è stato “efficace” anche sul “fronte interno”, su chi cioè reggeva in quel momento il dicastero dell’Economia, Giulio Tremonti, il quale – secondo gli imprenditori veneziani arrestati – non era mai stato troppo favorevole allo sblocco.
Quello stesso 13 maggio, alle 16.15, Paolo Emilio Signorini, il capo dipartimento delle Politiche Economiche della presidenza del Consiglio, chiama Mazzacurati al telefono: “Non abbiamo potuto già oggi dare la destinazione di 400 miloni al Mose, ma il ministero dell’Economia sta predisponendo una norma che dà direttamente l’assegnazione…”. E poi, rassicura il presidente del Consorzio: “Mi sentirei abbastanza tranquillo perché l’Economia mi è sembrata decisissima su questo, ora fanno la norma… sarà molto rapido, li ho visti veramente molto molto decisi”.
.
http://www.repubblica.it/politica/2014/06/08/news/mose_tremonti_milanese-88359705/?ref=HRER1-1
.
2-ROMANTICISMO ECOLOGICO
.
-SU LA STAMPA:cronache,09/06/2014

.
- politica e giustizia. l’inchiesta veneziana
.
Tangenti, i dubbi sul “livello romano”
.
Nelle carte i nomi di molti big della politica nazionale. I pm cercano i soldi spariti delle mazzette
Operai al lavoro sul cantiere del Mose nella laguna di Venezia
fabio poletti,dall’inviato a venezia

L’inchiesta sul Mose fa correre tutti. Corrono gli avvocati che entro la settimana devono depositare le istanze davanti al Tribunale della libertà. Corre Giancarlo Galan che mercoledì capirà l’aria che tira in parlamento dove si deve decidere del suo arresto. Corrono i magistrati che cercano di capire dove siano finiti i soldi delle mazzette milionarie. Il magistrato delle Acque Patrizio Cuccioletta che si prende quasi 3 milioni di euro si fa pagare pure la festa all’Harry’s bar per la moglie. Renatino Chisso detto «nove zeri», ex assessore vicino al Governatore, accusato di avere incassato tangenti da 2-300 milioni di euro l’anno, nega e sul conto corrente ha 1500 euro. E allora dove sono finiti i soldi?

Giancarlo Galan parla di «nefandezze altrui», insinuando il sospetto che gli imprenditori i soldi se li siano intascati loro. I magistrati non mollano e al commercialista dell’ex Doge berlusconiano di Venezia prendono una montagna di carte ora sotto ai raggi X della Guardia di Finanza e gli sequestrano la villa sui Colli Euganei e in Croazia, una tenuta agricola e le barche. Si parlerebbe di affari per 50 milioni in mezzo mondo. Così tanti soldi che il commercialista Paolo Venuti, in auto con la moglie, intercettato dalle Fiamme Gialle, si chiedeva un po’ ingenuamente: «Ma poi vanno alle Bahamas?».

Dove vada davvero questa inchiesta sul Mose rimasta a bagnomaria tre anni e poi esplosa fino a far affondare il «sistema Veneto» non lo sa nessuno. Certo fa specie che Ettore Incalza, funzionario del ministero delle Infrastrutture, chieda a Giovanni Mazzacurati, il dominus di Cvn, se la nomina del magistrato delle Acque Signorini vada bene. Come se il controllore chiedesse al controllato se la nomina è di gradimento. Di politici nazionali finiti nelle carte ce n’è poi più di uno. La segretaria di Giancarlo Galan Claudia Minutillo parla di 500 mila euro finiti a Marco Milanese, stretto collaboratore di Giulio Tremonti, ipotizzando che il destinatario finale della mazzetta possa essere proprio l’ex ministro. Marco Milanese è indagato a piede libero.

Giulio Tremonti nemmeno quello. I magistrati potrebbero decidere di sentirlo ma solo come persona informata dei fatti. Giovanni Mazzacurati, l’ex presidente del Cvn racconta di essere andato più volte a Palazzo Chigi dal più stretto collaboratore di Silvio Berlusconi, Gianni Letta: «Letta era un riferimento molto importante». Il verbale è coperto da omissis. Il giudice postilla: «I contatti sono del tutto privi di rilievo penale». Ad essere sicuramente indagato per ora c’è solo l’ex ministro Altero Matteoli. Il fascicolo che lo riguarda è al Tribunale dei ministri. Ma lui nega di aver intascato tangenti per oliare la realizzazione della conca di navigazione del Mose, uno spigolo appena della Grande Opera.

http://lastampa.it/2014/06/09/italia/cronache/tangenti-i-dubbi-sul-livello-romano-IZadmeqFWiquQxj64QK7NI/pagina.html

REAZIONE:I GHIACCI ARTICI ANCORA NON SI SONO SCIOLTI,E IL MARE ADRIATIO NON E’ SALITO, MA  HANNO ANNEGATO VENEZIA DI SOLDI MALE AVUTI:LA LAGUNA CONTINUA PUZZOLENTA .QUELLO DEL TITOLO

Immagine anteprima YouTube

-

11 GIUNIO 2014:ALITALIA

-2 NOTE SU LA STAMPA:

-NOTA 1:Economia

9/03/2014 - il traffico nei nostri cieli scende dell’1,7%
Alitalia è ancora la numero uno
Ma Ryanair incalza
Aerei Alitalia e Ryanair a Fiumicino
roma

Alitalia si conferma il primo vettore in Italia. Ma si assottiglia la distanza con Ryanair, che da anni cerca di scalfire il primato dell’ex compagnia di bandiera. La classifica dei primi 50 vettori nel 2013 stilata dall’Enac evidenzia infatti che Alitalia ha trasportato lo scorso anno 23.993.486 passeggeri, in calo dai 25,33 milioni del 2012; mentre la low cost irlandese passa a 23.041.752 (dai 22.797.829 del 2012): il gap si assottiglia così ad appena 951 mila passeggeri mentre l’anno precedente erano 2,5 milioni.

«Oggi Alitalia non è un carrozzone, non lo è più almeno», commenta l’a.d. Gabriele Del Torchio, ribadendo che «Ryanair sono tre anni che dice che ci sorpassa ma siamo ancora al primo posto in Italia e faremo di tutto per rimanerci». Il tema caldo del suo intervento a 2Next è stato, ovviamente, l’operazione Etihad. «Se non c’è Don Rodrigo, questo matrimonio s’ha da fare e lo faremo», spiega Del Torchio, citando Manzoni e ricordando che «non si può pensare di rimanere da soli, un partner industriale è indispensabile» e l’opzione migliore rimane appunto quella araba, con la linea aerea di Abu Dhabi che «avrà una quota qualificata di minoranza. Non potrà avere quote di maggioranza o entrare a scaglioni».

Più in generale, dai «Dati di traffico 2013», in cui l’Enac fotografa lo stato attuale del trasporto aereo nazionale, emerge una riduzione dei passeggeri transitati negli aeroporti italiani: sono stati 143.510.334, in calo dell’1,7% rispetto al 2012. Il primo scalo per numero di passeggeri si conferma Fiumicino, che assorbe il 25% del traffico globale nazionale. La seconda posizione è di Milano Malpensa; terza Linate. Anche nel 2013, inoltre, prosegue il calo dei movimenti aerei (-5,6%): conseguenza – spiega l’Enac – della razionalizzazione del sistema da parte delle compagnie aeree. Per quanto riguarda le tratte più frequentate, tra le rotte nazionali primeggia la Catania-Roma Fiumicino; per le internazionali con Paesi Ue la Fiumicino-Parigi Charles De Gaulle seguita a ruota dalla Fiumicino-Madrid Barajas; per internazionali extra Ue guida la classifica la Fiumicino-New York JFK.

http://www.lastampa.it/2014/03/19/economia/alitalia-ancora-la-numero-uno-ma-ryanair-incalza-GyMEq7ooaWVI9MBNbYqqMK/pagina.html

 -NOTA 2:Economia,09/06/2014
Del Torchio e l’accordo Alitalia-Ethiad
“Previsti 2200 esuberi di personale”
L’ad sulla ristrutturazione aziendale: «Un percorso doloroso, ma necessario».
Dalla compagnia pronti investimenti per 560 milioni. La Filt Cigl: «Si sbaglia»
LAPRESSE

Oltre duemila dipendenti Alitalia a casa. È questo il sacrificio che domani Alitalia chiederà ai sindacati. Un sacrificio doloroso, ma necessario, perché possano restare gli altri oltre 11 mila lavoratori della compagnia. A fare chiarezza sul destino dell’Alitalia targata Etihad è l’ad del gruppo Gabriele Del Torchio, che indica la strada necessaria di una «ristrutturazione dolorosa» e si dice fiducioso sull’accordo con la compagnia emiratina, che investirà 560 milioni: per chiudere ci vuole ormai «solo qualche settimana».

«Questa alleanza complessa cui lavoriamo da tempo è un progetto molto importante», ha detto Del Torchio sfruttando la presentazione del rapporto dell’Enac per fare il punto per la prima volta davanti ad una platea sulla delicata trattativa con Etihad. «Non stiamo vendendo la compagnia ai potenziali partner di Abu Dhabi», ha messo in chiaro l’ad, assicurando che la maggioranza dell’azionariato resterà in mani europee. «Ci alleiamo con loro per mettere a fattor comune le sinergie: l’accordo ci permetterà di affrontare con maggior serenità il futuro», ha aggiunto il manager varesino, spiegando che, indipendentemente da Etihad, la situazione attuale del settore impone per Alitalia e le altre compagnie importanti sacrifici: «C’è l’assoluta necessità di passare attraverso un complesso, doloroso e faticoso processo di ristrutturazione. Non ci sono tante altre vie d’uscita». E sacrifici pesanti verranno chiesti ai dipendenti. Gli esuberi saranno 2.200 e saranno «strutturali», non quindi gestiti con cig a rotazione o solidarietà, ma veri esuberi, vere uscite. «Queste persone purtroppo devono uscire – ha detto Del Torchio – si dovranno trovare però opportuni meccanismi e forme di tutela sociale». Resta ora da capire se i sindacati saranno disposti ad ingoiare questo boccone amaro: il giorno della verità è domani, quando le parti torneranno a riunirsi intorno al tavolo. Ma i primi commenti sono già critici: «Si sbaglia di grosso nel merito e nel metodo – replica il segretario nazionale della Filt Cgil – Mentre sono ancora in corso le interminabili trattative con le banche, Del Torchio dà per inevitabili oltre duemila licenziamenti. Non mi viene in mente un aggettivo diverso da “scorretto”».

L’altro fronte ancora aperto è quello del debito. Ma «con le banche siamo molto avanti», assicura Del Torchio. La soluzione su cui si starebbe convergendo sarebbe quella di cancellare un terzo del 560 milioni di debito che Etihad vuole rinegoziare e di convertire in azioni i restanti due terzi. E intanto Intesa SanPaolo, primo azionista (20,59%) di Alitalia e maggior creditore (280 milioni di esposizione) precisa i tempi della sua uscita. «Alitalia è un grande progetto industriale che, se come previsto, tornerà a generare utili al 2017, sarà un’opportunità per tutti gli azionisti attuali e futuri: a partire da un arco temporale in cui genererà utili, c’è la possibilità per noi di uscire dall’azionariato», afferma l’amministratore delegato Carlo Messina, spiegando che il disimpegno sarà quindi «non prima del 2017». In attesa che la partita con Etihad si chiuda, l’Enac resta vigile sulla situazione finanziaria di Alitalia: «Siamo confidenti che questo accordo si realizzi. Manteniamo la nostra vigilanza sulla liquidità», ha detto il presidente dell’Ente Vito Riggio.

http://www.lastampa.it/2014/06/09/economia/alitalia-del-torchio-previsti-esuberi-di-personale-CvIx86hds2ZLHxdsWiUTyI/pagina.html

ARTICOLI CORELATI:

+  Più voli tra Fiumicino e gli Usa Meno rotte interne e low cost Ecco l’Alitalia versione Etihad marco sodano

+  Alitalia si conferma prima nel 2013 La Ryanair prova a insidiarla LUIGI GRASSIA

REAZIONE:

HO VIAGGIATO CON ALITALIA IN UN VOLO INTERCONTINENETALE TRANSATLANTICO DI 13 ORE SENZA SCALA FRA BUENOS AIRES E MALPENSA AD APRILE DEL 2012,C’ERA MAL TEMPO.INIZIO DELLA STAGIONE FREDDANELL’ATLANTICO SUD.MAL TEMPO DURATO  FINO ALL’INCROCIO DELL’OCEANO ALL’ALTEZZA DI DAKAR DOPO SORVOLARE LA COSTA SUDAMERICANA.IL PERSONALE A CARICO DELL’AEREO CI HA PORTATO A CASA CON SICUREZZA E PERIZIA.

SONO DEGLI EROI QUOTIDIANI,ANONIMI,INVIDIABILI.

2 SETIMANE DOPO HO VIAGGIATO CON UNA LOW COST RYANAIR DA BERGAMO A PALERMO ANDATA E RITORNO IN GIORNATA.C’ERA BUON TEEMPO,IL VIAGGIO HA DURATO 2 ORE CIRCA ED E’ STATO UNA VERA AVVENTURA,UN CROCEVIA PIENO DI ANSIA CON UN SENSO DI SALVEFICO SOLLIEVO  ARRIVARE A CASA:DI RITORNO L’AEREO CHE SI MESE IN MOTO IN RITARDO,SULL’ORLO DEL DECOLLO SPENSI I MOTORI,TORNO IN DIETRO,CAMBIO DI PISTA E TORNO A DECOLLARE 30 MINUTI DOPO SENZA CHE NESSUNO CI ABBIA DATO UNA SPIEGAZIONE.IL PERSONALE DI BORDO SI LIMITA A SISTEMARE I BAGAGLI E DOPO SI RITIRA NON ESSENDO DISPONIBILE DURANTE TUTTA LA DURATA DEL VIAGGIO DOVE I PASSAGERI TRANSITANO IN ASSOLUTO DISSORDINE SU E GIU.NON CI VIENE OFFERTO NE MENO UN CAFE O UN BICCHIERE DI AQUA,IL PERSONALE E STRANIERO(SPAGNOLI CHE PARLANO INGLESE IN UNA COMPAGNIA IRLANDESE),COME STRANIERI SONO GLI AEREI(A ME TOCCO IL “CUMUNA DE……”UNA REGIONE SPAGNOLA CHE NO  RICORDO) E SI  CAPISCE,DI BASSA QUALITA,COSI COME GLI AEREI.IL VOLO E’ STATO INTERNO IN TERRITORIO ITALIANO.

BASTEREBBERO QUESTI PARTICOLARI SENZA TENERE CONTO DELLE INFRAZIONI CHE SPESSO FANNO QUESTI LOW COST NEL RISPARMIO DI CARBURANTI E ALTRI CHE A VOLTE METTONO IN PERICOLO I PASSAGGIERI PER CAPIRE CHE PER ME E’ INAMMISIBILE CHE RAYNAIR POSSA NE MENO FARE CONCORRENZA CON LA NOSTRA COMPAGNIA DI BANDIERA.

SI CAPISCE INOLTRE CHE IO CONSIDERO CHE COSI COME E’ ALITALIA STA BENE E DEVE RESTARCI,E SE FUSSIONI CI DEVONO ESSERE SI DEVONO FARE SULLA BASE DI RISTRUTTURAZIONI RAZIONALI,INDUSTRIALI E NON FINANZIERI.BENE MANDAR VIA GLI ESSUBERI SE C”E  BISOGNO(IL SINDACATO NON COMMANDI),BENE LE RISTRUTTURAZIONI SE C’E BISOGNO MA DICO NON AD ACCORDI SULLA BASE DI SPECULAZIONI FINANZIARIE:NO AL NEOLIBERALISMO NELLA COMPAGNIA DI BANDIERA,NO AI CAPITALI ETIHAD DI ABU DABI,ALITALIA DEVE RESTARE TUTTA DI RADICE ITALIANA.NON E’ UN AFFARE DI FAMIGLIA E’ LA NOSTRA CONNETTIVITA AEREA STATALE.

Immagine anteprima YouTube

-

11 GIUNIO 2014:ANCORA MOSE

TORNIAMO ANCORA UNA VOLTA ALL’ALLARMISMO ECOLOGICO NOSTRANO

-ALCUNE NOTE SU LA STAMPA:

-NOTA 1:DOPO TREMONTI,BRUNETTA,TOSI,GIANNI LETTA E L’INCHIESTA  SI ALLARGA ANCORA
Cronache,10/06/2014
Mose, spuntano altri nomi di politici
Baita: “A Brunetta dati 50 mila euro”
Vertice in Procura. Il corruttore interrogato ora accusa l’esponente di Fi:
«Alle Comunali il Consorzio aiutò Orsoni, ma accontentammo anche lui».
La replica: un normale contributo elettorale, regolarmente contabilizzato
ANSA
Renato Brunetta in una foto d’archivio
venezia

A “parlare” nell’inchiesta Mose adesso sono le carte. Migliaia e migliaia di atti e trascrizioni di interrogatori raccolti in una quindicina di faldoni su cui adesso dovranno lavorare gli avvocati della difesa. Pagine da cui spuntano decine di nomi, anche di politici o amministratori locali, che non risultano indagati e che affidano a smentite ogni possibile accostamento del loro nome alle indagini in corso.

L’ultimo nome eccellente tirato in ballo è quello di Renato Brunetta. A lui per le comunali 2010 a Venezia sarebbero stati dati 50 mila euro dalla Mantovani. «Il Consorzio – spiega l’ex ad Piergiorgio Baita in un interrogatorio – sosteneva Orsoni. Brunetta era molto risentito. Credo abbiamo accontentato anche lui, in misura minore. L’abbiamo fatto come Adria Infrastrutture,saranno stati 50mila euro, una cosa così..» e «non in contanti».

«Non avendo nulla da nascondere e non avendo mai percepito alcunché, sono in attesa di essere sentito dai magistrati di Venezia, per illustrare la mia posizione e fornire ogni chiarimento richiesto» si difende intanto l’ex ministro Altero Matteoli, la cui posizione è stata inviata al tribunale dei ministri. Sono pronte una raffica di querele in risposta alle affermazioni messe a verbale nell’inchiesta: anche Gianni Letta e Brunetta stesso, non indagati, hanno dato mandato agli avvocati di presentare una denuncia. «A sostegno della mia campagna elettorale per le comunali veneziane del 2010 – dice in un passo Brunetta – è stato deliberato un contributo elettorale, e per di più non dal Consorzio Venezia Nuova, regolarmente contabilizzato e dichiarato secondo la legge, e nient’altro».

Nelle carte, Piergiorgio Baita, l’ex ad di Mantovani, cita anche Flavio Tosi in relazione a un rimborso dato a Luigi Dal Borgo per un finanziamento regolare che questi avrebbe fatto al sindaco di Verona per 15 mila euro. Tosi ha replicato dicendosi tranquillo e di aver depositato « l’elenco dei finanziatori presso la Procura della Repubblica di Verona per garantirne comunque un autorevole controllo». Inutile cercare eventuali conferme, smentite o precisazioni in Procura. La linea è quella del “silenzio” dopo quella che dagli interessati viene definita una «sovraesposizione mediatica degli uffici».Il Procuratore capo Luigi Delpino – stamani ha avuto un colloquio a `porte chiuse´ con l’aggiunto Carlo Nordio e altri Pm – ha dato severe disposizioni affinché gli uffici siano aperti ai soli `addetti ai lavori´. La stampa è stata rigorosamente e garbatamente messa alla porta. In procura si può accedere solo con il pass del personale. Anche le porte tagliafuoco sono state chiuse.

Intanto, la “macchina” dell’inchiesta sul malaffare legato ai lavori del Mose non conosce sosta. Si scava sulla rete dei rapporti per creare fondi neri tra le imprese coinvolte, grandi o piccole e tutte facenti parte della galassia manovrata da Giovanni Mazzacurati; si cercano ulteriori riscontri per supportare il troncone `politico-affaristico´, quello che chiama in causa ad esempio Giancarlo Galan. La posizione del parlamentare, su cui pende una richiesta di arresto, dovrebbe essere da domani all’esame della Commissione per le autorizzazioni della Camera, ma in procura c’è si respira un clima di attesa. I magistrati devono decidere se accogliere o meno la richiesta di poter rilasciare dichiarazioni spontanee avanzate dall’ex governatore veneto, attraverso i suoi legali Niccolò Ghedini e Antonio Franchini.

Pesa intanto come un macigno su Venezia il risvolto “amministrativo” causato dall’arresto ai domiciliari del sindaco Giorgio Orsoni. L’accusa è finanziamento illecito: soldi che sarebbero stati dati dal Consorzio in campagna elettorale una volta visto che era il `cavallo vincente´. Ieri, un infuocato consiglio comunale ha dato il segno dell’incertezza politica. A tenere salda la maggioranza c’è la necessità di approvare il bilancio e chiudere altre partite considerate decisive per il futuro di Venezia. Molti dei `dossier´ caldi erano in mano allo stesso sindaco e per questo il

http://www.lastampa.it/2014/06/10/italia/cronache/mose-baita-adesso-accusa-brunetta-mila-euro-per-la-corsa-a-sindaco-K1StEF6tWwf3nKOH9tHTgJ/pagina.html

-

-NOTA 2:MOSE E EXPO,TANGENTI A REGGIA UNICA,”LA CUPOLA”

ORMAI LA STESSA CUPOLA GESTIVA IL SISTEMA TANGENTOPOLI SIA PER MOSE(APPALTO ALLA DITTA MANTOVANI)CHE PER LA EXPO(INFRSTRUTTURE LOMBARDE).

Cronache,11/06/2014 - appalti. la svolta nelle indagini
Expo, le inchieste portano al Mose
Aperto un terzo filone: la Mantovani ottenne commesse
in Lombardia e Veneto con lo stesso sistema
Antonio Rognoni, Infrastrutture Lombarde: ha ricevuto un pizzino
intimidatorio sull’esito delle gare
paolo colonnello
milano

Si è partiti da un dettaglio: la visita di un rappresentante della cordata Mantovani, quella finita nei guai per il Mose di Venezia, al gran capo di Infrastrutture Lombarde Antonio Rognoni, avvenuta il 10 luglio del 2012, cinque giorni prima che la gara per le infrastrutture di Expo venisse ufficialmente assegnata e vinta, con un clamoroso ribasso del 41%, proprio dalla Mantovani. Visita durante la quale venne consegnato a Rognoni un “pizzino”: «Sappiamo che siamo andati bene sulla parte qualitativa…», un messaggio «volto ad avvisare il direttore generale di sapere cosa stava avvenendo attorno all’appalto e quindi indurlo a rinunciare a proseguire qualsiasi iniziativa volta a danneggiarli». E a favorire il “vincitore” già designato, che era stato deciso a tavolino: la Impregilo di Massimo Ponzellini, finito però nel frattempo in carcere per lo scandalo Bpm. Insomma, il solito verminaio.

«Una palese e grave violazione del principio della segretezza dell’offerta» scrivono gli investigatori della Gdf in un rapporto di 700 pagine alla base dei provvedimenti che due mesi fa hanno scoperchiato il primo dei numerosi scandali di Expo. Ma perché, si sono chiesti, la Mantovani che era considerata “un outsider” e che stava intromettendosi nella spartizione degli appalti, ottiene udienza dal gran capo della stazione appaltante della Lombardia e vince? La risposta è in un verbale che l’ex presidente della società, Piergiorgio Baita, ha reso ai pm veneziani e che nei giorni scorsi è stato trasmesso alla procura milanese e inserito nel fascicolo di una nuova inchiesta su Expo, la terza, che lega con un filo rosso le vicende milanesi a quelle veneziane. Spiega Baita che la chiave di volta per arrivare a Rognoni fu la società romana Socostramo che venne inserita nel raggruppamento di imprese in gara per l’appalto Expo anche se non aveva i requisiti: «La ratio in base alla quale abbiamo accettato di avere Socostramo era finalizzata direttamente ad avere l’assegnazione… Socostramo, infatti, immediatamente dopo l’aggiudicazione, mi ha presentato l’amministratore delegato di Infrastrutture Lombarde, col quale ho visto una grandissima familiarità, Antonio Rognoni». Ma di chi è Socostramo srl? E’ del costruttore romano Erasmo Cinque, considerato sponsor, consigliere e tra i fondatori del movimento dell’ex ministro Matteoli: «Fondazione della libertà per il bene comune». Tutto un programma.

Dunque, esiste una nuova nuova inchiesta che lega le vicende veneziane sul Mose a quelle milanesi su Expo. E’ il terzo stralcio dell’indagine sull’esposizione Universale, aperto a maggio dal procuratore aggiunto Robledo e ora coordinata direttamente dal procuratore Bruti Liberati dopo la decisione di assegnarsi tutte le indagini di questo filone. Decisione che, tra le altre cose, è finita all’attenzione del Csm nella “guerra” che divide i due magistrati. L’indagine, condotta dal pm Roberto Pellicano, nasce dall’inchiesta su Infrastratture Lombarde e collega ovviamente anche l’inchiesta su Expo e Sanità e la “cupoletta” di Frigerio. Baita, arrestato nel gennaio del 2013, ha raccontato ai pm veneziani i meccanismi per vincere gli appalti nell’Expo: «Prima si fa un bel ribasso e poi si recupera. Tutti cercano di alzare il prezzo sulle varianti». Cosa puntualmente successa per la famosa “piastra” di Expo: Mantovani sbaraglia tutti, e scompiglia le carte dei soliti noti, offrendo un ribasso del 41,80 per cento. Che tenta poi di recuperare facendo lievitare i costi grazie alle varianti con il “ricatto” dei ritardi.

Di fatto Rognoni, dopo la visita con “pizzino” di quelli della Mantovani, si arrende all’idea della loro vittoria per un appalto da 271 milioni: «Questa non è gente per bene… è inutile andare a rischiare il culo per questa gente qua…». E che Baita e compagni del raggruppamento veneziano non fossero precisamente «per bene» non lo hanno rivelato solo le indagini sul Mose. Tra le imprese della cordata figurava infatti la Ventura Spa, affiliata alla Compagnia delle Opere ed esclusa dagli appalti per presunti contatti mafiosi.

http://www.lastampa.it/2014/06/11/italia/cronache/expo-le-inchieste-portano-al-mose-S9glppFdvpCBC1XZX9FX5O/pagina.html
-
.NOTA 3:ANCHE ENRICO LETTA L’EX PREMIER GOLPISTA “TANGENTATO”
.
Politica,11/06/2014
Mose, lo sdegno di Letta:“Falsità sul mio conto”
L’ex premier viene chiamato in causa per un finanziamento da 150 mila euro
Ma non è indagato. La smentita su Twitter: non lascerò che mi si infanghi così

Soldi a tutti. Soldi a destra a sinistra e al centro. Nelle carte dell’inchiesta Mose spuntano i nomi dei big della politica. Soldi poi da vedere se sono veramente passati di mano, se sono reati, se c’entrano qualcosa in questa indagine che tracima da Venezia fino alla capitale senza che nessun Mose riesca a fermare il mare di fango.

Nelle carte dell’inchiesta c’è di tutto: illustri sconosciuti e nomi eccellenti. Sui politici più importanti fanno sapere dalla Procura non ci sono elementi tali da ritenere che ci siano illeciti penali. Roberto Pravatà, ex vicepresidente vicario del Cvn, in un verbale del 7 agosto 2013., tira in ballo Enrico Letta: «In merito ad altre utilità dirette ad esponenti politici posso riferire che Mazzacurati (presidente del Consorzio Venezia Nuova, Cvn, ndr.) mi convocò per dirmi che il Cvn avrebbe dovuto concorrere al sostenimento delle spese elettorali dell’onorevole Enrico Letta che si presentava come candidato per un turno elettorale attorno al 2007 con un contributo nell’ordine di 150 mila euro. Mi disse che il Letta Enrico aveva come intermediario per il Veneto, anche per tale finanziamento illecito, il dottor Arcangelo Boldrin con studio a Mestre con studio a Mestre in viale Ancona. In effetti venne predisposto un incarico fittizio per un’attività concernente l’arsenale di Venezia».La risposta dell’ex premier è sdegnata: «Leggo falsità sul mio conto legate al #Mose. Smentisco con sdegno e nel modo più categorico. Non lascerò che mi si infanghi così!», scrive Letta su Twitter. Dire che l’ex premier è stupito è poco: «Non ne so assolutamente nulla e casco completamente dalle nuvole. Non ho mai visto una lira. Esaminerò quello che esce dall’inchiesta e se ci sono gli estremi per difendere la mia onorabilità ovviamente lo farò». A domanda se conosce Boldrin, l’ex premier ha replicato: «Sì, so chi è Boldrin. È uno del Pd di Venezia».

————————————————–

Enrico Letta         @EnricoLetta Segui

Leggo falsità sul mio conto legate al #Mose. Smentisco con sdegno e nel modo più categorico. Non lascerò che mi si infanghi così!

1:10 AM – 11 Giu 2014
240 Retweets 168 favorites
——————————————————-

Gli altri politici

Letta non è l’unico politico di livello nazionale citato da Pravatà come destinatario di «dazioni». Il manager parla anche di Lunardi e dei soldi per pagare il risarcimento dovuto all’ex presidente dell’Anas per l’ingiusto licenziamento, dietro interessamento di Gianni Letta. E cita l’attivismo di Andrea Monorchio, ragioniere generale dello Stato, per assicurare la «continuità dei finanziamenti» al Mose. «Mi risulta siano stati assicurati al dottor Monorchio alcuni viaggi in Scozia e in Romania, sul Danubio. A tali escursioni partecipavano anche esponenti politici a livello nazionale, come ad esempio il dottor Valducci» (Mario, ex Fininvest, ex parlamentare di Forza Italia ed ex sottosegretario allo sviluppo economico nel governo Berlusconi dal 2001 al 2006).

http://lastampa.it/2014/06/11/italia/politica/mose-lo-sdegno-di-letta-falsit-sul-mio-conto-umezBh7ZBuysr2mcBH1QFO/pagina.html

-E COSI SU “LA REPUBBLICA”:

Mose, Enrico Letta: “Smentisco mio coinvolgimento in inchiesta”

Dai verbali degli arrestati spunta il nome di Enrico Letta nell’inchiesta di Venezia. L’ex premier avrebbe ricevuto un contributo di 150mila euro dal Consorzio Venezia Nuova. Anche l’ex sindaco di Venezia Cacciari nega ogni addebito. La Camera potrebbe votare prima della pausa estiva la richiesta di arresto di GalanMose, Enrico Letta: "Smentisco mio coinvolgimento in inchiesta"

ROMA – Dopo Gianni, ora tocca ad Enrico. Non si fa attendere la reazione dell’ex premier Enrico Letta alle accuse riportate da diversi quotidiani che lo vogliono coinvolto nello scandalo Mose. Mentre ieri era toccato allo zio Gianni Letta negare ogni addebito, oggi è Enrico Letta a replicare alle accuse in un tweet: “Leggo falsità sul mio conto legate al Mose. Smentisco con sdegno e nel modo più categorico. Non lascerò che mi si infanghi così!”.
————————————————————————-

Enrico Letta         @EnricoLetta Segui

Leggo falsità sul mio conto legate al #Mose. Smentisco con sdegno e nel modo più categorico. Non lascerò che mi si infanghi così!

1:10 AM – 11 Giu 2014
240 Retweets 168 favorite

————————————————————————–

Secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica oggi in edicola esisterebbe un memoriale secretato del vicedirettore generale del Consorzio Venezia Nuova, Roberto Pravatà, che conterrebbe rivelazioni su numerosi esponenti politici di tutti i partiti. E tra queste carte spunta il nome di Enrico Letta. Secondo i verbali il Consorzio avrebbe dovuto sostenere le spese per la campagna elettorale di Letta nel 2007 con un contributo “nell’ordine di 150mila euro”. Anche l’ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari compare nelle carte. Secondo quanto avrebbe riferito l’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati,  Cacciari gli avrebbe chiesto una sponsorizzazione di 300mila euro per la squadra di calcio della città e di aiutare un’impresa. L’ex sindaco, che si dice pronto a parlare con i magistrati, nega con forza richieste personali di favori e rivendica di aver chiesto solo interventi utili per la sua città.

Intanto l’ex ministro dei Beni culturali Giancarlo Galan ha chiesto di depositare una propria memoria e di essere ascoltato dalla Giunta per le autorizzazioni della Camera che deve esaminare la richiesta di arresto nei suoi confronti in merito allo scandalo Mose. Oltre alle 800 pagine dell’ordinanza già in possesso della Giunta, nuova documentazione sulla richiesta di arresto di Galan è arrivata all’organo presieduto da Ignazio La Russa. Il voto della Camera potrà avvenire prima della pausa estiva: oggi la Giunta delle autorizzazioni ha deciso che la votazione si terrà in giunta entro 21-28 giorni, dopo di che si andrà in aula.

E Sel presenta in Parlamento una proposta di legge per l’istituzione di una Commissione d’Inchiesta parlamentare volta ad approfondire le vicende legate al Mose e sulle attività del Consorzio Venezia Nuova.

http://www.repubblica.it/politica/2014/06/11/news/mose_enrico_letta_smentisco_falsit_sul_mio_conto-88646475/?ref=HREC1-12

REAZIONE:E NE HA FATTO DI “VITTIME” ECCELENTI L’ALLARMISMO ECOLOGICO NOSTRANO.

E NON E’ FINITA QUI PERCHE CI SONO ALTRE INCHIESTE SU STRADE  E LA SANITA,VEDI DI SEGUITO:

la stampa premium:Cronache
Articolo tratto dall’edizione in edicola il giorno 10/06/2014.

Anche strade e ospedali nel mirino degli inquirenti

Nell’indagine sulla Sanità spunta il nome di Tosi, sindaco di Verona
Sanità e strade. Sono i due filoni «gemelli» dell’inchiesta Mose e con questa strettamente intrecciati. Due filoni ancora allo stadio embrionale che però avrebbero già evidenziato sospetti giri di denaro per la costruzione di ospedali, la gestione delle forniture sanitarie, la realizzazione di pezzi della rete stradale della regione. Il filone della sanità Una figura chiave che fa da «ponte» tra il Mose e gli ospedali è Giancarlo Ruscitti. Ex segretario generale per la sanità e il sociale dell…continua
gianluca paolucci eleonora vallin
ARTICOLO SU LA STAMPA A PAGAMENTO:
http://www.lastampa.it/2014/06/10/italia/cronache/anche-strade-e-ospedali-nel-mirino-degli-inquirenti-ip5VBHFPaap5FaSfrutHHI/premium.html

11 GIUNIO 2014:PER CHI CI PRENDE?

-TITOLARE SU LA STAMPA:

LAPRESSE
ESTERI

Le rivelazioni di Hillary:“Berlusconi mi chiese:
perché ce l’avete con me?”

paolo mastrolilli, inviato a new york
Le memorie dell’ex First Lady americana: «Quanti imbarazzi».
.
REAZIONE:COSA VA CERCANDO BERLUSCONI?E’ IL POPOLO ITALIANO CHI C’E’ L’HA CON LUI:HA PERSO TUTTE LE ELEZIONI POSSIBILI NAZIONALI,EUROPEE,POLITICHE,AMMINISTRATIVE,ECC,ECC,ECC,ECC.E OGI E’ CADAVERE POLITICO CONTESTATO ANCHE DAI SUOI FEDELISSIMI.
QUESTO UOMO CHE NON HA MAI AMATO LA DEMOCRAZIA,CHE HA CERCATO UNA E MILLE VOLTE CAPOVOLGERLA IN TUTTI I MODI,DAL PRESIDENZIALISMO ALL’ANTI PARTITO DEI COMUNI,DALLE LEGGI AD PERSONA ALLE ALLEANZE CON TUTTA LA MALAVITA CHE VI IMMAGINATI(MAFIA,LEGA,LA MALA DEL CALCIO,ECC,ECC,ECC.),E ORA CON LE LARGHE INTESE DEL COLPO DI PALAZZO.
QUESTO UOMO CHE NON SOLO NON E’ AMATO DAGLI ITALIANI MA NE MENO DAGLI EUROPEE (C’E’ L’HA CON LA FRANCIA,CON LA GERMANIA,CON L’INGLITERRA,CON L’UE,E COSI VIA)OLTRE AGLI RUSSSI:PUTIN E’ STATO L’ULTIMO A SCARICARLO A FAVORE DEL PRIMO CAPITATO IN QUANTO SCOMODO BULLISTA,A CHI VA CHIEDERE QUESTE COSE?
LO VEDA IL SERVIZIO SOCIALE,ESSERCITI LE SUE RESPONSABILITA ANCHE SANITARIE E NON SOLO PENALI.
Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 122 »

6 giugno 2014
0

-TORNIAMO AL GIORNO DOPO DELLA CORRUZIONE SUL PROGETTO PER L’AMBIENTE MOSE IN VENEZIA:PROCESSO ALL’ERA BERLUSCONI-PRODI?

-ANCORA ARTICOLI SU LA STAMPA:

1-L’INCHIESTA SI ALLARGA:
Cronache,05/06/2014
Mose, il sistema di tangenti bipartisan
Tra gli indagati l’ex ministro Matteoli
Si allarga l’inchiesta che scuote Venezia
A libro paga dei corruttori politici di destra e sinistra. E spuntano le coop “rosse”

L’ex ministro Altero Matteoli

Non c’è tregua per la vicenda Mose a Venezia: l’inchiesta è destinata ad allargarsi e potrebbe coinvolgere altre imprese che avrebbero contribuito alla creazione dei fondi neri con false fatturazioni. Domani intanto scattano i primi interrogatori di garanzia del gip Alberto Scaramuzza, a cominciare da quello del sindaco di Venezia Giorgio Orsoni che si terrà nell’aula bunker di Mestre e da quello, per rogatoria, dell’assessore veneto Renato Chisso, detenuto nel carcere di Pisa.

PRIME DIMISSIONI

In attesa di poter spiegare le loro ragioni, il primo cittadino è stato sospeso nelle sue funzioni dal prefetto di Venezia Domenico Cuttaia mentre Chisso ha rassegnato le proprie irrevocabili dimissioni. Che la situazione sia esplosiva lo testimonia anche la visita che oggi il presidente della Regione Luca Zaia avrebbe fatto al procuratore di Venezia Luigi Delpino. Un incontro al riparo da telecamere e giornalisti che fa seguito alla richiesta che lo stesso Governatore aveva avanzato ieri subito dopo gli arresti. Sul fronte dei fondi neri, accertati quelli per 22 mln di euro (parte dei quali recuperati con restituzioni delle imprese) ora Guardia di finanza e inquirenti guardano a quel vasto mondo di piccole aziende raccolte in cooperativa, controllate da Pio Savioli, e che potrebbero essersi avvalse dell’aiuto di altre aziende per occultare il denaro per le tangenti. Il meccanismo ipotizzato – secondo quanto si è appreso – sarebbe quello secondo il quale le imprese minori in crisi di liquidità per pagare le quote chieste da Giovanni Mazzacurati da Presidente del Consorzio Venezia Nuova, si sarebbero rivolte ad altri imprenditori. Di fatto si ipotizza che imprese del Consorzio abbiano fatturato false prestazioni ad aziende che in cambio davano denaro per permettere loro di rimanere agganciate al sistema.

CACCIA AI MILIONI

Un altro fronte, molto vicino al precedente, è l’esame, dal punto di vista fiscale, di tutte le imprese che hanno lavorato negli anni con e per il Consorzio Venezia Nuova. Questi due filoni, dai 22 milioni di euro di fondi neri accertati – secondo gli investigatori -, potrebbero così salire a centinaia di milioni che probabilmente non riusciranno a far sortire alcun esito penale ma permetteranno ulteriore chiarezza. In sostanza, chi indaga non esclude che quello individuato sia soltanto una piccola parte di un giro ben più ampio, che coinvolge anche imprese non aderenti al Consorzio Venezia Nuova e che riguarda non solo il Mose ma anche altre grandi opere realizzate nel Veneto nell’ultimo decennio, dalla Pedemontana al Passante di Mestre, dalle bonifiche dell’area di Marghera all’ospedale di Mestre. Un giro ancora tutto da quantificare e da mettere a fuoco, ma dal quale potrebbero emergere anche altri figure di primo piano, non solo della politica. Ad alimentare i sospetti degli inquirenti e degli investigatori ci sarebbe, tra l’altro, l’atteggiamento tenuto da uno dei protagonisti della vicenda, il presidente della Mantovani Piergiorgio Baita, che in alcune occasioni si sarebbe fatto da parte senza alcun tipo di protesta rispetto a lavori finiti ad altre aziende.

DESTRA E SINISTRA

Nel Sistema c’erano le imprese di ogni colore, comprese le cooperative rosse. E infatti il Sistema aveva «a libro paga» i politici di destra e sinistra, finanziava le campagna elettorali di entrambi, consegnava mazzette di decine di migliaia di euro in contanti agli uni e agli altri negli alberghi di Venezia e Mestre. Nelle carte dell’inchiesta c’è la ricostruzione di un modello di gestione degli appalti pubblici che, stando a quanto sostiene l’accusa, va avanti indisturbato da almeno un decennio. Un modello piramidale al cui vertice sedeva Giovanni Mazzacurati, il presidente del potentissimo Consorzio Venezia Nuova – che in laguna è per tutti “Il Consorzio” , il «gran burattinaio» che teneva i contatti con Roma. Colui che, stando al racconto dell’imprenditore Piergiorgio Baita, incontra anche Gianni Letta e l’allora ministro Giulio Tremonti. Un gradino sotto di lui si muovevano gli altri, tutti membri del consiglio direttivo del Cvn: Alessandro Mazzi, vicepresidente del Consorzio e presidente del Cda di Mazzi Scarl e della Grandi Lavori Fincosit; Baita, presidente della Mantovani; Stefano Tomarelli, consigliere di Condotte spa e presidente del consiglio direttivo di Italvenezia; Franco Morbiolo e Pio Savioli, gli uomini delle cooperative, il primo presidente del Cda del Consorzio veneto cooperativo (Co.ve.co), il secondo titolare di un contratto di collaborazione con il Co.ve.co. Tutti insieme detenevano l’83% delle quote del Consorzio. E tutti insieme pagavano.

LE ACCUSE A MATTEOLI

Nel filone sul settore delle bonifiche ambientali è indagato l’ex ministro Altero Matteoli. L’ipotesi è stata confermata oggi dalla Procura di Venezia. Il nome di Matteoli girava da tempo nelle inchieste veneziane sulla nuova tangentopoli, ma il politico di centrodestra ha finora sempre smentito il proprio coinvolgimento. Matteoli non è tra i nomi degli arrestati; l’ex ministro è indagato ed il fascicolo è stato inviato dalla Procura veneziana al Tribunale dei ministri. L’ipotesi è che il politico abbia ricevuto denaro per una serie di bonifiche ambientali dei siti inquinati di Mestre. Circostanze che l’ex ministro ha smentito. L’accertamento di eventuali aspetti penali dovrà essere svolto quindi dal Tribunale dei ministri che, in questa situazione, si sostituirà di fatto ai tre Pm, Stefano Buccini, Stefano Ancillotto e Paola Tonini, titolari dell’inchiesta. Matteoli – riferisce la Procura – è finito nell’indagine in relazione ad interventi di bonifica per il recupero di una serie di aree fortemente inquinate prospicienti la laguna di Venezia nella zona tra Marghera e Mestre. Si tratta, in buona sostanza, di una vasta area nella quale è stato realizzato una sorta di sarcofago per contenere lo sversamento in laguna per dilavazione delle sostanze tossiche depositatesi per anni, alla testa del ponte della Libertà che collega la terraferma al centro storico. Tutti lavori per i quali lo Stato aveva stanziato, all’epoca, oltre un miliardo di euro, poi gestito dal Consorzio Venezia Nuova, che aveva affidato le opere alle sue associate. La presunta dazione all’ex ministro – gli atti sono secretati – sarebbe legata al suo potere di controllo del Magistrato alle acque, che avrebbe favorito l’intervento del Consorzio Venezia Nuova.

http://lastampa.it/2014/06/05/italia/cronache/inchiesta-mose-tra-gli-indagati-anche-lex-ministro-altero-matteoli-2qBVZ7ygNlru0fSFXrazeM/pagina.html

ARTICOLI CORELATI:

+  Mose, Renzi attacca: “La corruzione dei politici è come l’alto tradimento” Cantone: “A Venezia peggio dell’Expo”

REAZIONE:NUOVA TANGENTOPOLI CHE COINVOLGE DESTRA E SINISTRA.PARE SIA SOTTO PROCESSO LE LERGGHE INTESE E C’E’ CHI HA NOMINATO LA VICENDA DI SISTEMA DI TANGENTI DELLA SECONDA REPUBBLICA,QUINDI TUTTO SOMMATO QUESTO SAREBBE UN PROCESSO ALL’ERA BERLUSCONI-PRODI.

2-UNIONE EUROPEA,ITALIA CORROTTA

 Politica,03/02/2014
Corruzione, l’allarme europeo sull’Italia
“Vale 60 miliardi, la metà del totale Ue”
Nel mirino anche i processi lumaca, le leggi ad personam il conflitto d’interessi
Cecilia Malmstrom

I «legami tra politici, criminalità organizzata e imprese», e lo «scarso livello di integrità dei titolari di cariche elettive e di governo» sono tra gli aspetti della corruzione in Italia, che più preoccupano Bruxelles, secondo quanto rivela il primo report della Commissione sul fenomeno, presentato da Cecilia Malmstrom.

Per far fronte al fenomeno che secondo la Corte dei Conti italiana vale 60mld, pari al 4% del Pil nazionale, l’Ue suggerisce di rafforzare la legge anticorruzione, che così com’è «lascia varie questioni irrisolte», come prescrizione, autoriciclaggio, falso in bilancio, e voto di scambio; e di smettere di adottare «leggi ad personam», come quelle che in passato hanno ostacolato l’efficacia dei processi (dal legittimo impedimento alla depenalizzazione del falso in bilancio, dal Lodo Alfano alla ex Cirielli).

Si raccomanda inoltre di mettere mano al conflitto d’interesse, garantendo un sistema uniforme, indipendente e sistematico di verifica, con relative sanzioni deterrenti. E di rafforzare il quadro giuridico e attuativo sul finanziamento ai partiti, soprattutto per donazioni e consolidamento dei conti. Bruxelles rileva come «negli ultimi anni sono state portate all’attenzione del pubblico numerose indagini per presunti casi di corruzione, finanziamento illecito ai partiti e rimborsi elettorali indebiti, che hanno visto coinvolte personalità politiche di spicco e titolari di cariche elettive a livello regionale». Scandali che hanno portato a dimissioni, anche di leader e di alte cariche di partito, a elezioni regionali anticipate in un caso, ed hanno spinto il governo a sciogliere alcuni consigli comunali per presunte infiltrazioni mafiose.

Come esempio «degno di nota», la relazione segnala quello di «un parlamentare indagato per collusione col clan camorristico dei Casalesi» (richiamando il caso di Nicola Cosentino, ma senza farne il nome). Inoltre si evidenzia come solo nel 2012 sono scattate indagini penali e ordinanze di custodia cautelare nei confronti di esponenti politici locali in circa metà delle 20 Regioni, sono stati sciolti 201 consigli municipali, di cui 28 dal 2010 per presunte infiltrazioni criminali, e più di 30 deputati della precedente legislatura sono stati indagati per reati legati a corruzione o finanziamento illecito dei partiti. La Commissione, che ricorda come la corruzione sia un fenomeno comunque diffuso in tutti e 28 gli Stati membri, riconosce «i notevoli sforzi profusi dall’Italia», ma tra le priorità «da risolvere con massima urgenza» indica la prescrizione, perché termini, regole e metodi di calcolo, sommati alla lunghezza dei processi, «determinano l’estinzione di un gran numero di procedimenti», e come esempio si indica (pur senza fare nomi) il processo Mills e Silvio Berlusconi.

E se all’Ue piace la norma sull’incandidabilita’ ed il divieto di ricoprire cariche elettive o di governo dopo condanne definitive (applicata «nel caso della decadenza da senatore di un ex premier» anche qui si richiama Berlusconi senza farne il nome), non promuove le disposizioni sulla corruzione nel settore privato e sulla tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti, e raccomanda di potenziare l’Autorità anticorruzione.

Molte le reazioni, con l’Associazione nazionale magistrati che chiede di intervenire al più presto «sul falso in bilancio e sulla prescrizione», ed il presidente della commissione antimafia Rosy Bindi che richiama la necessità di «interventi più incisivi di quelli finora adottati», anche «per affrontare il semestre Ue a testa alta». E se per Antonio Di Pietro la relazione Ue è «una conferma dei timori», il coordinatore di Fratelli d’Italia, Guido Crosetto vuole introdurre nella legge elettorale norme per garantire democrazia e trasparenza nei partiti”. Andrea Mazziotti, responsabile giustizia di Scelta Civica ritiene che «sarebbe ora che il Parlamento si desse una svegliata», mentre per l’associazione Libera «è come, se ogni italiano fosse costretto a versare mille euro l’anno nelle casse del malaffare».

ARTICOLI CORELATI:

i dati e i grafici  Corruzione, ecco i numeri dell’emergenza

L’ANTICIPAZIONE  Truccata una gara su dieci marco zatterin

+  Pagamenti in ritardo alle imprese Scatta la procedura d’infrazione Ue

 http://www.lastampa.it/2014/02/03/italia/politica/lue-bacchetta-la-politica-italiana-preoccupano-corruzione-e-criminalit-5G9WzKHPEOHeHqNt1k4gEJ/pagina.html
REAZIONE:OLTRE TUTTO MI SEMBRA CHE DOPO DI QUESTO LE SPERANZE DI BERLUSCONI DI AVERE UN PARERE FAVOREVOLE DELLA CORTE DEI DIRITTI UMANI A BRUXELLES CONTRO LA LEGGE SEVERINO SI DOVREBBERO SMONTARE.
-
*6 GIUNIO 2014:MARITO MIGLIORE?
L'Huffington Post
“È IL MARITO MIGLIORE DEL MONDO
NOI? ABBIAMO DUE MUTUI DA PAGARE”

MOSE – Lo sfogo di Sandra Persegato, ex cubista, moglie di Giancarlo Galan. “Basta fango su di noi” (FOTO)
DOPO GALAN, MATTEOLI – Indagato anche l’ex ministro. Silvio trema all’idea che ora il terremoto dalla Laguna si sposti a Roma (di A.De Angelis)
MOSE-EXPO, ANCORA NESSUN POTERE PER CANTONE Doveva esserci il Cdm per affidare le armi anti corruzione al commissario ma è saltato. Il governo prende tempo (di G.Cerami)

REAZIONE:SANDRA RISPETTI I MARITI MIGLIORI
(“VENEZIA E’ DEI GALATUOMINI,NON DEGLI UOMINI DI GALAN”:SENTENZA CONDANNATORIA CON QUI UN EDITORIALISTA DEL CORRIERE DELLA SERA HA “GUILLIOTINATO” LA POSIZIONE DEL GOVERNATORE DEL VENETO………)
.
-BUONA MUSICA:
.
Immagine anteprima YouTube
.
GABRIELA MISTRAL
Caricato il 12/mag/2009 libero
La poesia di Gabriela Mistral nasce del modernismo, in particolare di Amado Nervo, anche se l’influenza di Frédéric Mistral è apprezzata(da dove ha preso lo pseudonimo),e lo stile della memoria della Bibbia. Da alcuni momenti di Rubén Darío ha senza dubbio le loro caratteristiche principali: l’assenza di retorica e  un gusto per il linguaggio colloquiale. Nonostante il suo immaginario violento e la propensione per i simboli, è stata, però, assolutamente refrattaria alla “poesia pura” e, nel 1945, ha respinto una prefazione di P. Valéry alla versione Francese dei suoi versi. I suoi soggetti preferiti erano: la maternità, l’amore, la comunione con la natura in America, la morte e il destino, e, soprattutto, uno stranno panteismo religioso, che, tuttavia, persiste nell’uso di specifici riferimenti al cristianesimo . Alla recita “Desolazione” seguirono i libri “Letture”, per donne dstinate all’insegnamento della lingua (1924); “Tenerezze”(1924),le canzoni per bambini “Tala” (1938); “Poemi per le madri”(1950) e “Lagar” (1954). Postumamente si e’ raccolto  il suo “Epistolario” (1957) e i suoi  “Recados”(ndr:spacci)raccontando il Cile (1957), originale prosa giornalistica, sparsa in pubblicazioni dal 1925.
La “Legenda del bacio” ebbe la sua anteprima al Teatro Apollo di Madrid nel 1924. La messa in scena è stata impressionante, con oltre 70 persone sul palco.
.
Javier:Grazie per queste importanti informazioni e per sostenere il mio lavoro.
-
BACCI
Ci sono baci che pronunciano da soli
la sentenza di amore condannatoria
Ci sono baci che si danno con lo sguardo
Ci sono baci che si danno con la memoria
.
Ci sono baci silenziosi, baci nobili
Ci sono baci enigmatici, baci sinceri
Ci sono baci che si danno solo le anime
Ci sono baci proibiti, veri
.
Ci sonoi baci che calcinano,fanno male,
Ci sono baci che sollievano i sensi ,’
Ci sonoi baci misteriosi che hanno lasciato
migliaia di sogni erranti e perduti
.
Ci sonoi baci problematici che racchiudono
una chiave che nessuno ha decifrato
Ci sonoi baci che  engendrano la  tragedia
quante rose spille hanno sfogliato
.
Ci sono baci profumati,baci tiepidi
palpitanti di desideri intimi,
Ci sonoi baci che sulle labbra  lasciano impronte
come un campo di sole fra due ghiacci
.
Ci sono baci che sembrano gigli
perche sublimo, ingenui e perche puri,
Ci sonoi baci traditori e codardi
niente baci, niente
.
Ci sono baci maledetti e  spergiuri.
Judas baci Gesù e lascia stampato
nel  suo viso di Dio il crimine
mentre Magdalena con i suoi baci
fortifica la sua pia agonia
.
Da allora nei baci  batte
l’amore, il tradimento e il dolore,
in matrimoni umani sembrano
la brezza che gioca con i fiori
.
Ci sonoi baci che producono delirio
di amoros passione brucciante e folle,
tu li conosce bene sono i miei baci
inventati da me, per la tua bocca
.
Baci di fiamma che  in traccia cartacea
portano i solchi di un amore vietato,
baci  di tempesta,selvatici baci
che soltanto le nostre labbra hanno assaggiato
.
Ti ricordi del primo …? indefinibile
ha coperto la tua faccia di arrossore
e negli spasmi di emozione terribile,
riempirono di lacrime i tuoi occhi
.
Ricordi che un pomeriggio di folle eccesso
ti ho visto geloso immaginando agravi
ti sollevai nei mie braccia … vibro un bacio,
e che avete visto dopo …? . Sangue sulle mie labbra
.
Io ti ho insegnato come si bacia:i baci freddi
sono di roccia impassibile
Io ti ho insegnato a baciare con i miei baci
inventati da me, per la tua bocca
.
Oggetto:.”La leggenda del bacio”,ZARZUELA
Interprete: Raul di Blasio
.
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube

6 GIUNIO 2014:NORMANDIA,IL TEMPO PASSA……

-TITOLARE LA STAMPA

In Normandia si celebra lo Sbarco (Foto)
Putin vede Obama, i leader: “Basta violenze”
Foto- Sguardi Merkel allo zar / Video – Barack / Hollande

I capi di Stato riuniti a Colleville sur Mer per
il 70° anniversario dell’arrivo degli Alleati.
Primo faccia a faccia tra il russo e Poroshenko
La Cancelliera: Mosca assuma responsabilità
L’omaggio di Hollande: «Grati agli Stati Uniti».
Il n.1 Usa: «Il nostro impegno scritto nel sangue»
-
PREMIUM  Gli eroi segreti della vittoria alleata Gianni Riotta

+  Veterano fugge dalla casa di riposo per celebrare il D-Day

REAZIONE:LEGGERE LA STORIA CORRETTAMENTE,I PROTAGONISTI DI OGGI NON SONO LI STESSI DI IERI.BENE CHE GLI ATTUALI AUTORITA DEL G8 SI ASSUMANO QUESTO LEGATO STORICO MA PROTAGONIZZANO UNA STORIA DIFFERENTE E NON DEVONO STRUMENTARLA VERSO GLI INTERESSI ATTUALI:
A-LA RUSSIA ATTUALE “ECLETTICA” FRA L’EREDITA DELLA FEDERAZIONE E QUELLA DELLO STALINISMO,CON ASPIRAZIONI IMPERIALI NON E’ L’UNIONE SOVIETICA.
B-NE MENO L’USA DELLA GUERRA FREDDA,O L’ITALIA DELLE LARGHE INTESE CHE PER TANTI VERSI RAMMENTA IL PATTO HITLER-STALIN,O LA GERMANIA UNIFICATA ESPANSIONISTA VERSO IL MEDITERRNEO E L’EST,SONO GLI STESSI DI ALLORA.
C-COSA CI STA A FARE LI POROSHENKO?
D-L’OMAGGIO DI HOLLANDE?NIENTE DA RINGRAZIARE,ANZI,USA ALTRO NON HA FATTO CHE PAGARE IL DEBITO STORICO  VERSO LA FRANCIA PARTICOLARMENTE E L’EUROPA IN GENERE:SENZA LA FRANCIA GLI STATI UNITI NON SAREBBERO MAI DIVENTATI NAZIONE INDIPENDENTE E PER TANTO OBAMA,EREDE DALLO SCHIAVISMO,NON SAREBBE OGGI GOVERNANTE;E SENZA LA LIBERAZIONE DELLA FRANCIA DI VICHI  DA UNA FORZA MILITARE GUIDATA DALLA GRAN BRETAGNA L’HOLLANDE SOCIALISTA “SINISTROSO”  NON SAREBBE NE MENO OGGI GOVERNANTE.
QUESTO SENZA DIMENTICARE CHE NELLA PRIMA E SECONDA GUERRA USA NON SI E’ MAI VOLUTO INGAGGIARE E SOLO LO HA FATTO ALL’ULTIMO MOMENTO E ANCHE SE DICISIVO NELLA VITTORIA NON E’ STATO DETERMINANTE.FINALMENTE SOLO DOPO QUESTE DUE GUERRE CHE NON SI SONO LIBERATI IN TERRITORIO AMERICANO,USA DOVUTO ALLA SUA GRANDE FORZA INDUSTRIALE ED ECONOMICA OLTRE AGLI IDEALI DI LIBERTA E DEMOCRAZIA, HA DIVENTATO GRANDE POTENZA.

IL TEMPO PASSA,NON DIMENTICARE LA STORIA MA LEGGERE BENE IL PRESENTE PER NON RIPETERLA

7 GIUNIO  2014:MISTRAL

-TITOLARE SU LE MONDE:

"J'ai exprimé une certaine inquiétude sur la poursuite de contrats militaires avec la Russie au moment même où elle a violé la loi internationale et l'intégrité territoriale de son voisin", a dit M. Obama.
Obama préférerait que Paris « suspende » la vente de Mistral à la RussieLe sort des Mistral, ces navires militaires que la France doit vendre à la Russie, inquiète les Etats-Unis.REAZIONE:FUORI LUOGO,LA FRANCIA E’ UN PAESE SOVRANO.-7 GIUNIO 2014:SI FACCIA UN SELFI-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
CORRUZIONE
Cantone: «Non ho poteri salvifici» Renzi: calci nel sedere a chi ruba

Il presidente dell’Autorità contro la corruzione: «Basta con le deroghe per le grandi opere»

Il presidente del Senato Grasso: «Basta vitalizi a politici mafiosi e corrotti» di Felice Cavallaro

-APPENDICE:

Grillo: «Corruzione è il primo partito del voto
Pd prende per il c…»
-LA NOTA:
Grillo attacca: «La corruzione è il primo partito del voto»
La nota sul blog del leader dell’M5S: «Farsi prendere per il culo dal Pd è troppo»
Beppe Grillo
shadow

Lo scandalo Mose dà, ancora una volta, l’occasione a Beppe Grillo di tornare all’attacco su uno dei cavalli di battaglia del M5S: la corruzione. Così il leader del Movimento lancia dal suo blog tre formule, quasi degli slogan: «La corruzione è il primo partito dopo l’astensione», «farsi prendere per il culo dal Pd è troppo» e «i corrotti li avete fatti eleggere voi».

L’obiettivo è colpire Matteo Renzi, proprio poche ore dopo i suoi annunci e la sua autocritica su corruzione e Mose. Così Grillo attacca: «Farsi prendere per il culo come se dovessimo scontare una condanna a vita da cornuti e mazziati è troppo. I ladri stanno anche nel tuo partito – dice il leader M5s riferendosi a Renzi – li avete fatti eleggere voi, avete dovuto aspettare la magistratura per allontanarli a calci?».

Intreccio corruzioni – elezioni

La nuova linea comunicativa dei 5 Stelle – dai toni più pacati – sembra subito essere smentita, come spiega la premessa del post di Grillo: «Va bene abbassare i toni e riconoscere i propri errori, ma quando è troppo, è troppo». Il nodo cruciale, quello che sembra aver fatto uscire ancora una volta fuori di sé Grillo, è l’intreccio tra corruzione ed elezioni: «Quanti voti sposta la corruzione? Tanti. Di tutti quelli che ne godono, anche di poche briciole gettate sotto il tavolo. Dopo l’astensione, la corruzione è il primo partito del voto». Però il vero obiettivo degli attacchi di Grillo resta il Pd: «Sembra che ora nessuno conosca questo Orsoni. Si discetta se sia o meno iscritto al Pd. Le foto con Bersani sul palco con una scenografia in cui le lettere `Pd´ sono gigantesche non fa testo e neppure che il Pd lo abbia candidato. Qui andiamo oltre. Oltre il ridicolo. Oltre la farsa. Oltre la presa per il culo. Oltre l’avanspettacolo». E ancora: «Di che regole parla Renzie? Di quelle che non ci sono? O forse allude agli inquisiti candidati nel suo partito alle europee?». Che il tema di giornata per Grillo fosse la corruzione lo si era capito già in mattinata, quando sul blog era arrivato l’annuncio: «Il politometro è pronto». «Lo hanno usato gli inquirenti del Mose. Hanno calcolato le entrate dei vari indagati dal 2001 al 2011 e le hanno confrontate con le spese nello stesso arco temporale. Risultato: eccessi di uscite superiori di una volta e mezza (in media) le entrate, tipo Galan con 1.200.000 di incassi e 2.600.000 di spese».

7 giugno 2014|17:40,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/politica/14_giugno_07/grillo-attacca-la-corruzione-primo-partito-voto-cc52b4f4-ee59-11e3-8977-68eaa9ab56ac.shtml

REAZIONE:O SI COMPRI UN ASINO(MEGLIO DI UN CAVALLO)E SI FACCIA AUTOFLAGELARE.

!AAACHIANA…!

Immagine anteprima YouTube

-

8 GIUNIO 2014:ENERGIA IN UKRANIA

-TITOLARE SU THE WASHINGTON TIMES:

Politics
Ukrainian energy firm hires Biden’s son as lawyerBy Stephen Braun – Associated PressVice President Joe Biden’s weekend trip to support Ukraine’s fragile democracy comes soon after his youngest son was hired by a private Ukrainian company that promotes energy independence from Moscow.

TRADUZIONE:Politica
Società energetica ucraina ingaggia il figlio di Biden come avvocato
By Stephen Braun – Associated Press
Il vicepresidente Joe Biden in un viaggio di un weekend per sostenere la fragile democrazia ucraina arriva subito dopo che il suo figlio più giovane è stato assunto da una società ucraina privata che promuove l’indipendenza energetica da Mosca.

-

8 GIUNIO 2014:A DIFESA DEL CARBONIO,FALSITA DEL PENTAGONO

LASCIAMO PER UN ATTIMO LE CONSEGUENZE DELLA LOTTA AMBIENTALISTA IN ITALIA E TORNIAMO AL CLIMA,USA E LA CINA

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Lotta contro avvertimenti fasulli sul clima del Pentagono e fondi spostati  sull’agenda verde

La portaerei USS Carl Vinson (CVN 70) è avvolto nella nebbia 11 febbraio 2014, in quanto si trova nella sua cuccetta a San Diego. (DoD foto di Glenn Fawcett / Pubblicata)

La portaerei USS Carl Vinson (CVN 70) è avvolto nella nebbia il 11 febbraio 2014, in quanto si trova nella sua cuccetta a San Diego . (DoD foto di Glenn Fawcett / Pubblicata)

Per Rowan Scarborough

The Washington Times,Domenica 1 giugno, 2014

Dieci anni fa, il Pentagono ha pagato per uno studio sul clima che stese molti scenari spaventosi.I consulenti hanno detto ai militari che, ormai, California sarebbe inondato da mari interni, L’Aia sarebbe invivibile, ghiacci polari sarebbero andati in più di estate, e le temperature globali salirebbero ad un ritmo accelerato,alto come 0,5 gradi l’anno.


FOTO: Prendi questo, la Cina fa check out sui sottomarini nucleari della US Navy


Niente di tutto questo è accaduto.

Eppure il rapporto del 2003, “Un brusco cambiamento climatico dello cenario e le sue implicazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, è accreditato per rilanciare il movimento che, fino ad oggi e forse con più vigore che mai, collega il cambiamento climatico con la sicurezza nazionale.

Il rapporto è diventato anche vangelo di profeti di sventura sul cambiamento climatico, che hanno predetto uragani diffuse e più intense, tornado, inondazioni e siccità.

“Il rilascio di questa relazione è quello che probabilmente ha scatenato l”era moderna’ di sicurezza di inegli affari del clima”, ha detto Jeff Kueter , presidente del George C. Marshall Institute, un’organizzazione no-profit che esamina le questioni scientifiche che riguardano l’ordine pubblico.

“E ‘stato ampiamente pubblicizzato e molto strumento delle battaglie politiche su clima infuriati al momento”, ha detto il signor Kueter , che vede come “tenue” un legame tra sicurezza degli Stati Uniti e il cambiamento climatico.

Doug Randall , che e’ co-autore del rapporto del Pentagono rapporto, ha detto, “Anche io sono sorpreso di quanto spesso è indicato.


FOTO: Top 10 dei cacia degli Stati Uniti


“Penso che il rapporto ha avuto un impatto, di sicuro,per convincere la gente a parlare e vedere la connessione, che a quel tempo era difficile per alcune persone rispetto ad oggi”, ha detto il signor Randall , che dirige la società di consulenza Monitor 360.

Alcuni critici dicono che tali rapporti allarmisti sono la causa del Pentagono per spostare denaro che potrebbe essere utilizzato per armi e preparazione. Si sta facendo grandi investimenti in biocarburanti, per esempio, e si sta lavorando al cambiamento climatico nella pianificazione strategica di alto livello.

Non c’è una linea di bilancio specifica per il cambiamento climatico. Il Government Accountability Office nel 2011 ha documentato un notevole aumento della spesa federale, da $ 4,6 miliardi nel 2003 a quasi $ 9 miliardi nel 2010.

Il senatore James M. Inhofe dell’Oklahoma, il repubblicano superiore sul Comitato del Senato per i Servizi Armati, è stato il principale critico del Congresso sull’impegno finanziario del Pentagono ai cambiamenti climatici. Ha detto che i progetti di biocarburanti ​​del Dipartimento dell’Energia.dovrebbero essere lasciati.

“Le priorità sbagliate del presidente con la nostra sicurezza nazionale possono essere visti in tagli alla difesa di 1.000 miliardi di dollari che ha messo in moto dal suo insediamento e quindi utilizzando il limitato bilancio della difesa per sostenere la sua agenda verde,” Mr. Inhofe ha detto in una dichiarazione al The Washington Times. “La sua spesa verde nel bilancio della difesa si basa sulla convinzione che il cambiamento climatico è la ‘nuova arma di distruzione di massa.’ Nel frattempo il presidente ha allentato le sanzioni contro l’Iran, [che] ha mantenuto le proprie risorse per sviluppare e lanciare un’arma nucleare -. La vera arma di distruzione di massa ”

Pronostici vs realtà

La relazione del 2003 è stato prodotto da una società di consulenza, che allora si chiamava Global Business Network, per l’ufficio del  Pentagono con l’imponibile netto. Si tratta di una forza trainante di destinare soldi per contrastare le minacce globali,in questo caso, il cambiamento climatico.

Nella sezione “Il riscaldamento fino al 2010,” qui sono alcuni degli scenari chiave della relazione, rispetto a ciò che è trapelato:

Entro il 2005, “le tempeste più gravi e tifoni porteranno maggiore mareggiate e inondazioni.”

Oggi: il più recente recente rapporto “Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite” ha detto che ha “scarsa fiducia” di un aumento di uragani o tornado. Gli Stati Uniti stanno vivendo probabilmente un minor numero di tornado rispetto a 50 anni fa, secondo i dati del National Oceanic and Atmospheric Administration.La stagione dei tornado di quest’anno è stato storicamente bassa.

Il rapporto ONU ha detto: “Nessuna tendenza robusta sull’aumento del numero annuo di tempeste tropicali, uragani e grandi uragani sono stati identificati nel corso degli ultimi 100 anni nel bacino del Nord Atlantico.”

Nel mese di dicembre, Roger Pielke, uno scienziato che ha condotto un’analisi approfondita della storia delle tempeste e  ha detto in un pannello al Senato: “Esiste estremamente poco supporto scientifico per i crediti presenti nei media e il dibattito politico che uragani, tornado, inondazioni e siccità sono aumentate in frequenza o l’intensità sul clima sia negli Stati Uniti o globale. ”

Gli Stati Uniti non hanno avuto un grande uragano in quasi 10 anni.

Le temperature globali aumenteranno di 0,5 gradi Fahrenheit per decennio e, in alcune zone, 0,5 gradi all’anno.

Oggi: gli scienziati scettici del cambiamento climatico di origine antropica dicono che  i dati satellitari mostrano che non vi è stato alcun aumento in 17 anni. L’Environmental Protection Agency, un forte sostenitore del cambiamento climatico, mette l’aumento decennale a 0.3 gradi.

“Ci saranno più inondazioni, rendendo le città costiere come L’Aia “invivibile” entro il 2007″:Oggi: L’Aia è ancora vivibile.

L’ ONU ha detto che quest’anno: “Continua ad esserci una mancanza di prove e quindi la scarsa fiducia per quanto riguarda il segno di tendenza nella grandezza e / o la frequenza di inondazioni su scala globale.”

”Il ghiaccio gallegianti nei mari polari settentrionali è in gran parte scomparso durante l’estate entro il 2010.”

Oggi:lapittaforma artica rimane. Il riscaldamento nella regione polare ha ridotto l’estensione del ghiaccio, da 2,8 milioni di chilometri quadrati al minimo estivo annuale nel 1979, quando cominciò misurazione satellitare, a 2,1 milioni di chilometri quadrati nel 2013, secondo il National Snow and Ice Center dati.

“Gli argini del fiume di Sacramento falliranno, la creazione di un “mare interno” in California “sconvolgera il sistema  acquedottistico di trasporto dell’aqua”:Oggi: Non ci sono mari interni in California.

‘A [falso] senso di urgenza’

Il rapporto del consulente Mr. Randall ‘ha invitato il Dipartimento della Difesa ad agire, chiamando gli scenari “non plausibili”.

“Sembra che ci sia un consenso generale nella comunità scientifica che un caso estremo come quello riportato qui di seguito non è plausibile”, dice il rapporto. “Molti scienziati avrebbero considerato questo scenario così estremo, sia in quanto al tempo in qui si sviluppa [e] in quanto alla grandezza, velocita e onnipresenza dei cambiamenti climatici, ma la storia ci dice che a volte i casi estremi si verificano ed è compito del DOD di considerare tali scenari. ”

Alla domanda circa i suoi scenari per il periodo 2003-2010, il signor Randall ha detto in un’intervista: “La relazione è stata davvero guardando il caso peggiore. E quando si sta cercando il caso peggiore degli ultimi 10 anni, non si sta cercando di prevedere esattamente cosa sta per accadere, ma invece cercare di convincere la gente a capire che cosa potrebbe accadere per motivare decisioni strategiche e di svegliare la gente. Ma su se le specifiche reali si sono avverato, certo che no. Che non era l’intento principale. ”

Gli scettici dicono che il problema con tali segnalazioni allarmistiche è che diventano il copione per i movimenti aggressivi sul riscaldamento globale, che ripete gli scenari come dato di fatto. Il presidente Obama la scorsa settimana ha predetto che il mondo sperimenterà tempeste più intense più spesso, anche se i scenziati dell’ONU non hanno trovato che questo stia accadendo.

Ha detto Mr Kueter del Marshall Institute: “Il vero pericolo è che si dà un senso di urgenza che non è garantito e può portare alla pericolosa espansione di problemi di sicurezza degli Stati Uniti e le risorse applicate in modo inappropriato con dispersione  dell’attenzione da risposte più efficaci alle note sfide ambientali”.

L’ultima Defense Review Quadriennale del Pentagono, il suo documento politico sulle minacce e come trattare con loro, cita l’aumento delle tempeste come un pericolo.

Il QDR ha dichiarato: “Aumentano le emissioni di gas a effetto serra, i livelli del mare sono in aumento, le temperature medie globali sono in aumento, e i modelli di maltempo si stanno accelerando.”

Il QDR ha detto questa tendenza presunta, insieme con “la crescita economica sostanziale delle popolazioni più ricchi devasterà case, terreni e infrastrutture.”

Martedì scorso, il Pentagono ha pubblicato un articolo di stampa con il titolo “Il cambiamento climatico incide sulle decisioni difesa nazionale.”

Ha citato Daniel Y. Chiu, vice assistente segretario alla Difesa per la strategia, che ha detto in un pannello al Senato, “Stiamo lavorando per prendere in considerazione gli impatti dei cambiamenti climatici nei nostri scenari di pianificazione a lungo termine.”

Per quanto riguarda il decennio 2010-2020, il rapporto Randall dice, in parte: “Gli effetti della siccità saranno più devastanti e la sgradevolezza della temperatura diminuisce nelle aree agricole e popolate. Con la persistente riduzione delle precipitazioni in queste aree, i laghi si prosciugano, diminulrano i flussi dei fiumi, e la fornitura di acqua dolce sara spremuta,le travolgenti opzioni disponibili e la conservazione delle riserve di acqua dolce”

The Times ha chiesto al Pentagono se si sta basando la spesa per il cambiamento climatico su rapporti allarmistici.

Un portavoce ha detto: “Il Dipartimento sta incorporando la di scenari futuri probabili nella pianificazione per mitigare il rischio. Le sue risposte al campo del cambiamento climatico dalla strategia Arctic DOD, si concentra su un maggiore impegno e stabilità in una regione che sta già vedendo un aumento dell’attività,in una nuova politica di gestione di pianura alluvionale che propizia la minimizzazione di nuove costruzione nelle pianure alluvionali. Anche il nostro approccio all’efficienza energetica si concentra sui benefici di missione e di risparmio monetario, con riduzioni di carbonio come un effetto collaterale. ”

http://www.washingtontimes.com/news/2014/jun/1/pentagon-wrestles-with-false-climate-predictions-a/?page=all#pagebreak

REAZIONE:QUESTO E’ UNA POLEMICA CHE RIGUARDA LA POLITICA INTERNA DEGLI STATI UNITI.

IL RISCALDAMENTO GLOBALE ESSITE E VA COMBATTUTO,NATURALMENTE VANNO EVITATI PERO QUESTI INFORMI ALLARMISTICI FALSE E POI BISOGNA FARE I CONTI CON UNA NUOVA REALTA CHE CI DICE CHE L’INQUINAMENTO A CARBONIO  PUO NEUTRALIZZARSI PER MEZZI SCIENTIFICI.COME SI LEGGE SOPRA:

Ha detto Mr Kueter del Marshall Institute: “Il vero pericolo è che si dà un senso di urgenza che non è garantito e può portare alla pericolosa espansione di problemi di sicurezza degli Stati Uniti e le risorse applicate in modo inappropriato con dispersione  dell’attenzione da risposte più efficaci alle note sfide ambientali”.

LE ENERGIE PULITE,SOLARI,VENTO E I FIUMI FRA I PIU COMUNMENTE ADOPERATI CON IMPATTO AMBIENTALE ,OGGI PER OGGI NON SONO LA SOLUZIONE,NON SONO SUFFICENTEMENTE SVILUPPATI,EFFICCENTI E SICURI DA COPRIRE LA DEMANDA DELLA POPOLAZIONE MONDIALE.

-
8 GIUNIO 2014:L’AMBIENTALISMO CINESE CON LA NUOVA ERA

Esteri,04/06/2014 - fino ad ora pechino era sfuggita ai vincoli
Cina, un tetto all’inquinamento
Per la prima volta il governo fissa un limite alle emissioni di CO2

REUTERS

Gli sforamenti dei livelli massimi di smog si moltiplicano in tutta la Cina

ilaria maria sala
hong kong

Per la prima volta la Cina accetta di limitare le sue emissioni inquinanti di Co2, fissando un tetto massimo che sarà effettivo a partire dal 2016.

Si tratta di una conquista storica per quanti, ormai da tempo, cercavano di convincere Pechino a bilanciare il suo sviluppo rapidissimo con un maggiore rispetto per il pianeta, una richiesta che fino ad ora la Cina aveva ignorato, adducendo tanto le sue necessità in quanto Paese in via di sviluppo, quanto le responsabilità, a suo giudizio ben maggiori, di Paesi inquinanti come gli Stati Uniti.

Ora che anche gli Usa hanno accettato di limitare le proprie emissioni e fissare un tetto Pechino rischiava un imbarazzante isolamento. Ecco così che He Jiankun, il presidente del Comitato sul Cambiamento climatico cinese, ha annunciato ieri che non solo sarà stabilito un limite che la Cina si impegna a rispettare, ma che questo sarà introdotto nel prossimo Piano Quinquennale e misurato sia per intensità che per valori assoluti. Oggi, le emissioni cinesi sono pari a 9,5 miliardi di tonnellate, che secondo He raggiungeranno l’apice massimo di qui al 2030, arrivando a 11 miliardi di tonnellate di Co2.

Il limite alle emissioni nocive è urgente e necessario anche per la Cina stessa: questa non solo è diventata il primo Paese per quantità di emissioni al mondo, sorpassando nel 2006 anche l’America, ma si ritrova quotidianamente alle prese con un’emergenza ambientale senza confronti. Le giornate in cui l’aria è irrespirabile al punto da costituire un pericolo per la salute si moltiplicano – e non solo a Pechino – portando, secondo alcune stime, a più di 4 milioni di morti all’anno.

Per diminuire l’inquinamento atmosferico la Cina ha anche intrapreso un piano ambizioso per limitare la sua dipendenza dal carbone – attualmente la prima fonte di energia – che oltre a potenziare maggiormente le energie rinnovabili e cercare di limitare gli sprechi, si affiderà anche alle centrali nucleari.

Quest’ultima, pur essendo una proposta capace di limitare in modo diretto le emissioni inquinanti, non è una strategia priva di detrattori, dati i rischi legati alla sicurezza, ma il fabbisogno energetico della popolazione cinese (un quinto dell’umanità) è in continuo aumento, man mano che i consumi pro-capite diventano paragonabili a quelli dei Paesi industrializzati.

http://lastampa.it/2014/06/04/esteri/cina-un-tetto-allinquinamento-FRB7Rt4bBwuDmNfeZ9Hn2L/pagina.html

REAZIONE:OBAMA STA PERDENDO LA CORSA VERSO LA SUA AGENDA VERDE:PER RAGGIUNGERE I SUOI OBIETTIVI DEVE ATTINGERE AL NUCLEARI,NON E’ UNA MOSSA VINCENTE PERCHE DOPO TUTTO I RISCHI DEL NUCLEARI POTEBBERO ESSERE SUPERIORI A QUELLI DEL RISCALDAMENTO GLOBALE.
E POI RISULTA OVVIO CHE QUESTA SCELTA VIENE FATTA SPINTA DI FRONTE AL REALISMO:LA FRANCIA E FORSE DOPO L’INDIA E LA CINA SVILUPPERANNO ANCORA IL NUCLEARE,USA STA RIMANENDO DIETRO.SI E’ VERO CHE USA RESTA IL PRIMO COSTRUTTORE DI CENTRALI NUCLEARI AL MONDO E ANCHE RIGUARDO ALLA FRANCIA,PERO C’E UNA DIFFERENZA CONCETTUALE QUALITATIVA FRA LA FRANCIA E L’ATTUALE SCELTA DI OBAMA:LA FRANCIA HA AFFIDATO SIN DALL’INIZIO E  SENZA I COMPLESSI DEGLI ABITI ANTI-SCIENTIFICI DELL’OSCURANTISMO NEMICO DEL PROGRESSO,LA SUA SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA PRINCIPALMENTE AL NUCLEARE.E NON COME METODO PER RIDURRERE GLI EMISSIONI DERIVATI DEL CARBONIO,NON DI MENO FARANNO LA CINA E L’INDIA.
FORSE OBAMA DOVREBBE LASCIARE IL SUO ROMANTICISMO HIPPIE DELL’ORTO ECOLOGICO E  TENENDO CONTO DELLE NUOVE RISORSE SCIENTIFICI PER CATTURARE IL CARBOBIO E NEUTRALIZZARE LE EMISSIONI DI CO2 OLTRE CHE SCARTANDO  L’ALLARMISMO DI FALSI PREVISIONI ADOTTARE UNA STRATEGIA PIU REALISTA E MENO “ROMANTICA” DI FRONTE AL CARBONO.IO NON SONO UN FANATICO DEL PETROLEO CHE DOPO TUTTO NON E’ INESSAURIBILE PERO LE FONTE DI GENERAZIONE ELETTRICA A BASE DI CARBONIO COMPRESO IL PETROLEO ORA POSSONO COESSISTERE CON LE ALTRE DI INFERIORE EMISSIONE DI CO2 ,ANCHE NON SEMPRE UGUALMENTE PRIVI DI RISCHI.OBAMA NON SE NE E’ ANCORA ACCORTO?

-

8 GIUNIO 2014:EGITTO HA VOTATO

-TITOLARE SU LA REPUBBLICA.

Egitto, al-Sisi ha giurato: è il nuovo presidente   video   Cairo blindata: filo spinato intorno piazza Tahrir

Egitto, al-Sisi ha giurato: è il nuovo presidente video

Cairo blindata: filo spinato intorno piazza Tahrir

REAZIONE:SECONDO ME E’ UN IMPORTANTE CONTRIBUTO PER L’QUILIBRIO DINAMICO E LA PACE NEL MEDIO ORIENTE E IL MEDITERRANEO.DELLA MANO DELLA DEMOCRAZIA.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 121 »

5 giugno 2014
0

-ALCUNE NOTIZIE SU LA STAMPA:

1-COSA E’ IL MOSE.Cronache,04/06/2014

Venezia, che cos’è il sistema Mose

Le dighe mobili a protezione della laguna dovrebbero essere completate entro
il 2016. Il dibattito iniziato negli Anni ’70. Lo scorso ottobre fatto il primo test

ANSA
Il 12 ottobre 2013 il Mose, con la prova d’innalzamento in superficie delle prime tre paratoie al Lido, aveva fatto idealmente il suo primo vagito. Non un proprio varo ma la prima prova della movimentazione “a sistema” delle paratoie già collocate; tuttavia, sul piano ideale aveva significato l’ingresso nella fase finale di un progetto di cui si parla da decenni e la cui realizzazione è legata alle paure per la stessa sopravvivenza della città lagunare dopo la disastrosa acqua alta del 4 novembre 1966, che aveva toccato i 194 centimetri sul medio mare.

Se sul piano tecnico l’opera aveva mostrato la sua operatività, sul fronte delle cronache, prima della bufera giudiziaria di stamane con 35 arresti, attorno al suo nome si erano accesi i riflettori appena qualche mese prima, a luglio, quando erano finito agli arresti Giovanni Mazzacurati, allora presidente del Consorzio “Venezia Nuova”, concessionario unico per la realizzazione dell’opera chiamata a salvare Venezia e la laguna dalle acque alte. Una vicenda, seppure riguardante un appalto non direttamente inerente al Mose, che aveva comunque riportato l’attenzione su un’opera che fin dalle suo origini è stato motivo di dibattiti e accese polemiche.

Il Mose, la serie di dighe mobili alle bocche di porto della laguna di Venezia e destinate a essere completate entro la fine del 2016, è l’opera più importante del vasto intervento in corso da anni per la salvaguardia di Venezia. L’intero sistema d’interventi, interamente “made in Italy” e che dall’opera principale nel tempo ha preso il nome, si muove non solo sul fronte ingegneristico, ma anche di recupero dell’ambiente e della morfologia lagunare.

Prima dell’avvio delle prime sperimentazioni per quello che poi sarebbe diventato il sistema Mose, l’idea di realizzare un’opera alle bocche di porto contro le alte maree era stata motivo fin dalla metà degli anni ’70 di un ampio confronto a Venezia, ma anche nel mondo, vista la particolarità unica della città lagunare. Il 4 novembre 1966 la città lagunare aveva rischiato il disastro con l’acqua alta eccezionale che aveva toccato i 194 cm. sul medio mare.

I finanziamenti da parte dello Stato per la realizzazione del sistema sono oltre il 90% e oltre 80% il lavoro fatto. Il costo complessivo è di 5,493 miliardi. Il ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi, al momento della prova delle paratoie mobile nell’ottobre scorso, aveva ricordato che il Sistema Mose è un’opera ritenuta prioritaria dallo Stato e indicato che «l’obiettivo tassativo è il completamento entro il 2016». Dopo gli arresti del luglio scorso, il neo presidente del Consorzio “Venezia Nuova”, Marco Fabris, aveva ricordato che la vicenda giudiziaria non poteva essere confusa con la realizzazione dell’opera. Il Dg Hermes Redi non aveva escluso azioni a difesa dell’immagine del Consorzio.

 http://www.lastampa.it/2014/06/04/italia/cronache/venezia-che-cos-il-sistema-mose-H5t0BtgJHMRYhirnsbq9hK/pagina.html
-
REAZIONE:IL 12 OTTOBRE E’ LA DATA DI CONMEMORAZIONE DELLA SCOPERTA DI AMERICA PER PARTE DI CRISTOFORO COLOMBO,12 OTTOBRE 1492:SI VOLEVA COLLEGARE I VIAGGI DI CRISTOFORO COLOMBO VERSO OCCIDENTE CON QUELLI DI MARCO POLO VERO ORIENTE?

-
2-LA TANGENTOPOLI MOSE
Politica,04/06/2014 - venezia
Tangentopoli per il Mose a Venezia
35 arresti, anche il sindaco e Galan
“All’ex governatore 1 milione l’anno”
Orsoni ai domiciliari. Chiesta la misura cautelare per il parlamentare di Fi

venezia

Tangentopoli a Venezia. Un’ondata arresti travolge la città. Manette eccellenti a politici di primo piano e funzionari pubblici, fatte scattare dai magistrati che da tre anni seguono il sistema di fondi neri, tangenti e false fatture con cui – sostengono gli inquirenti – si teneva in piedi il sistema di appalti collegati al Mose, l’opera colossal da 5 miliardi di euro che entro il 2017 proteggerà la città dalle acque alte.

I NOMI

Nella rete delle indagini della Guardia di Finanza, dopo gli arresti dell’ex manager della Mantovani, Piergiorgio Baita, e dell’ex presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati, sono finiti pesci ancora più grossi: il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, vicino al Pd, posto ai domiciliari, l’attuale assessore regionale alle infrastrutture, Renato Chisso (Fi), il generale in pensione della Gdf Emilio Spaziante, gli ex presidenti del Magistrato alle Acque (emanazione del Ministero dei lavori pubblici) Patrizio Cuccioletta e Maria Giovanna Piva.

CENTO INDAGATI

I magistrati hanno disposto il sequestro di beni nella disponibilità degli indagati per 40 milioni. Sul fronte politico fanno scalpore due nomi scritti nell’ordinanza del Gip Alberto Sacaramuzza: l’ex governatore veneto ed ex ministro Giancarlo Galan, deputato di Forza Italia, da sempre vicino a Berlusconi, e l’eurodeputata uscente Lia Sartori (Fi). Le richieste di autorizzazione all’arresto sono state inviate alle competenti commissioni parlamentari. Intanto il Movimento 5 stelle attacca a 360 gradi, mentre il “partito dei sindaci” difende Orsoni. Incredulità è trapelata dal Pd. Cautela tra i “garantisti” di Forza Italia. Sono 35 le persone raggiunte dai provvedimenti cautelari: 25 in carcere, 10 ai domiciliari. Devono rispondere, a vario titolo, dei reati di corruzione, finanziamento illecito ai partiti, frode fiscale. A loro si aggiunge un “esercito” di 100 indagati: funzionari pubblici, addetti alle segreterie dei politici, imprenditori grandi e piccoli, dipendenti di aziende e coop.

FONDI NERI E MAZZETTE, LA GRANDE TORTA DEGLI APPALTI

Gli indagati accedevano alla “spartizione” degli appalti del Mose accettando il gioco dei fondi neri e delle fatture gonfiate, per pagare politici di centrodestra e centrosinistra. Un sistema del quale, secondo i pm del pool della Dda di Venezia – Stefano Ancillotto, Stefano Buccini e Paola Tonini – era «grande burattinaio» l’ex capo del Cvn, l’8oenne Giovanni Mazzacurati, che dopo aver ottenuto i domiciliari aveva raccontato tutto alla Procura. Nell’ordinanza il Gip non fa sconti neppure ad amministratori e funzionari dello Stato. Come l’ex generale Spaziante, i dirigenti del magistrato delle acque Cuccioletta e Piva, l’assessore Chisso, che «per anni e anni – scrive – hanno asservito totalmente l’ufficio pubblico che avrebbero dovuto tutelare agli interessi del gruppo economico criminale, lucrando una serie impressionate di benefici personali di svariato genere». Solo a Spaziante, per ammorbidire i controlli fiscali sul Consorzio, erano stati promessi 2,5 milioni di euro, poi ridotti a 500mila, somma divisa con l’ex consigliere politico dell’ex ministro Tremonti, Marco Milanese, e con il finanziere vicentino Roberto Meneguzzo. Ad un altro indagato eccellente, il magistrato della Corte dei Conti Vittorio Giuseppone, sarebbe stato garantito uno “stipendio” annuo di 3-400mila euro, «per compiere atti contrari ai suoi doveri».

IL GOVERNATORE E L’EREDE DI CACCIARI

L’ondata di arresti è una frustata morale per una regione che ora teme di diventare l’emblema di una nuova Tangentopoli, come ha prefigurato il Procuratore aggiunto Carlo Nordio. Lo choc è racchiuso sostanzialmente in due nomi: Galan, che in Veneto ha dettato legge per 15 anni, e oggi è passato al contrattacco – «mi riprometto di difendermi a tutto campo nelle sedi opportune con la serenità ed il convincimento che la mia posizione sarà interamente chiarita» – e Orsoni, il sindaco del centrosinistra che a Ca’ Farsetti era subentrato nel 2010 a Massimo Cacciari. Orsoni, avvocato, è accusato di finanziamento illecito per 110mila euro – in tre tranche – ricevuti da aziende che lavoravano per il Mose e avrebbero creato la provvista con false fatturazioni. Un sistema malato che i magistrati hanno passato al setaccio in 711 pagine di ordinanza. Solo la “Mantovani” avrebbe creato fondi neri per 20 milioni di euro. In questa terza fase dell’inchiesta, i magistrati hanno scoperto altri 25 milioni di false fatture. Un pozzo nero di cui si fatica a vedere il fondo.

http://www.lastampa.it/2014/06/04/italia/politica/tangenti-mose-arrestate-persone-c-anche-il-sindaco-di-venezia-orsoni-BomEvu2S7opjXnyPcJo0SO/pagina.html

-

3-L’INCHIESTA MOSE:

Cronache.,04/06/2014
Inchiesta Mose, ecco le carte
“Stipendio fisso, voli e hotelNper corrompere Galan e soci”
Un milione all’anno all’ex presidente della Regione, 500mila euro
al generale della Finanza che passava informazioni sulle indagini,
400 mila al magistrato della Corte dei Conti che ammorbidiva i controlli
Da sinistra: il procuratore aggiunto Carlo Nordio, il procuratore capo Luigi Delpino e il comandante provinciale GDF Bruno Buratti durante la conferenza stampa in procura, per illustre gli ultimi sviluppi dell’inchiesta sulle tangenti per il Mose
venezia

Lo “stipendio” c’era per tutti: un milione per il presidente della Regione, che quando è diventato ministro ha beneficiato di un altro milione e 100mila euro per i lavori di ristrutturazione della casa, 400mila euro per il magistrato della Corte dei Conti che doveva ammorbidire i controlli, 500mila al generale della Gdf che passava le informazioni sulle inchieste, altri 400mila per il funzionario del magistrato delle acque che in teoria avrebbe dovuto controllare i lavori che venivano eseguiti. Non si salva nessuno, nelle 711 pagine dell’ordinanza con cui il Gip Alberto Scaramuzza spiega come e perché ancora una volta una grande opera italiana si è trasformata nell’ennesima tangentopoli.

POLITICI E FUNZIONARI ASSERVITI PER ANNI E ANNI

E così, politici e funzionari statali, magistrati e appartenenti alle forze dell’ordine, hanno «per anni e anni asservito totalmente l’ufficio pubblico che avrebbero dovuto tutelare agli interessi del gruppo economico criminale, lucrando una serie impressionante di benefici personali di svariato genere». In sostanza, scrive il Gip, l’ex presidente Gianfranco Galan e l’assessore Renato Chisso, l’ex generale Emilio Spaziante e il magistrato della Corte dei Conti Vittorio Giuseppone, i funzionari del magistrato delle acque Patrizio Cuccioletta e Maria Giovanna Piva, i funzionari della regione Giovanni Artico, Enzo Casarin e Giuseppe Fasiol, hanno dimostrato «un totale asservimento della propria funzione all’interesse privato in luogo dell’interesse pubblico, abdicando alle proprie funzioni tanto da sentirsi come rappresentanti nell’ente pubblico degli interessi privati che ne alimentavano i conti e ne aumentavano il patrimonio, concedendo anche benefici di ogni sorta e dimostrando una totale subordinazione al gruppo privato».

UN MILIONE A GALAN E LA CASA RISTRUTTURATA SUI COLLI

Le prove nei loro confronti, secondo il giudice, sono schiaccianti. Anche perché a fornirle sono gli stessi corruttori, quel Giovanni Mazzacurati ex presidente del Consorzio Venezia Nuova ritenuto il “gran burattinaio” di tutta la vicenda e l’ imprenditore Piergiorgio Baita. Proprio quest’ultimo ha raccontato che nel 2005 consegnò una busta alla segretaria di Galan Claudia Minutillo, contenente 200mila euro, affinché li portasse al presidente all’hotel Santa Chiara di Venezia. «Ho pagato come socio la campagna elettorale delle regionali del 2005». Ma l’entità del denaro ricevuto da Galan andrebbe ben oltre i 200mila euro e sarebbe servita a «accelerare gli iter di approvazione degli atti di competenza regionale». Dal 2005 al 2011, scrive il Gip, Galan avrebbe ricevuto un milione di “stipendio” annuo e un milione e 800mila euro per il rilascio di due pareri favorevoli ai progetti del Consorzio.

I VERBALI

Che girassero bustarelle, d’altronde, lo sapevano tutti a sentire quel che dice a verbale la Minutillo. Al presidente, dice venivano «costantemente versati centinaia di migliaia di euro più volte all’anno…a lui in persona…da Baita….era una cosa acquisita, si sapeva…». La donna ricorda le riunioni al ristorante `Ai porteghi´ di Padova: «ci davano la saletta riservata, andavamo lì e discutevamo di tutte le cose che c’erano in ballo». Poi ci sono i soldi per la ristrutturazione della casa: 1,1 milioni pagati da Baita. 700mila per il “corpo principale” e 400mila per la “barchessa”, che l’ex ministro voleva trasformare in agriturismo. «Galan – dice il Gip – continuava a chiedere i soldi solo per il fatto di essere ministro». «Durante questo periodo – mette a verbale Baita – il presidente Galan ci chiede solo di riprendere il sostegno ai lavori della sua proprietà sulla quale è in corso la ristrutturazione, barchessa, da adibire ad agriturismo».

GLI STIPENDI AL MAGISTRATO E AL GENERALE

Ma i soldi c’erano per tutti, creati grazie al solito meccanismo delle fatture false. 400mila euro all’anno, che nel 2005 e nel 2006 sono diventati 600mila, sono andati dalle tasche di Baita al magistrato della Corte dei Conti Vittorio Giuseppone, per «accelerare le registrazioni delle convenzioni presso la Corte dei Conti da cui dipendeva l’erogazione dei finanziamenti» e per «ammorbidire i controlli di competenza» della Corte. Il generale della Gdf Emilio Spaziante avrebbe invece incassato 500mila euro, anche se ne aveva chiesti 2,5 milioni, per «influire in senso favorevole sulle verifiche fiscali e sui procedimenti penali» aperti nei confronti degli appartenenti al Consorzio.

CHISSO “A LIBRO PAGA” DA OLTRE 10 ANNI

Membri che sapevano ricompensare chi lavorava per loro. Come l’assessore Renato Chisso che, scrive il Gip, ha ricevuto dalla fine degli anni 90 fino al 2013 uno stipendio annuo di 250 mila euro. Il suo compito era quello di agevolare l’iter dei progetti, accelerare le procedure di approvazione e fornire informazioni riservate.

ORSONI E I 110MILA EURO. “SIETE GRUPPO FORTE”

In questo quadro, quello che avrebbe preso di meno è il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni. Scrive il gip che, attraverso il solito gioco di fatture gonfiate, avrebbe ricevuto 110mila euro da aziende che lavoravano con il Mose. «Siete un gruppo forte, siete degli amici veri – avrebbe detto il sindaco secondo quanto riferito da un imprenditore – questa cosa sapevo che stava maturando ma non me l’avevano detta bene…sono meravigliato dello sforzo addirittura superiore alle attese e ti ringrazio molto».

LA «PARENTOPOLI» DI CUCCIOLETTA

Le “utilità” per il presidente del magistrato delle acque Patrizio Cuccioletta, in carica dal 2008 al 2011, non erano solo i soldi. Ai 400mila euro l’anno di stipendio, e ai 500mila di “buonuscita” versatigli dal Consorzio su un conto svizzero, l’uomo è riuscito a far assumere la figlia in una controllata del Cvn e il fratello in un’altra azienda del gruppo, che pagava lo stipendio. Sarebbero rimasti invece solo una promessa gli altri benefit: voli aerei per tutta la famiglia, alloggi di lusso a Venezia, Cortina e altre località per le vacanze.

http://www.lastampa.it/2014/06/04/italia/cronache/scandalo-mose-le-accuse-della-procura-fondi-neri-per-corrompere-i-politici-B2PFfQjwn6a7DkcR5mXo4K/pagina.html

-
4-LA REAZIONE DEL SISTEMA POLITICO:
Politica,04/06/2014
Mose, il Pd: è il passato che ritorna
Grillo: “Le larghe intese in manette”
Il sottosegretario Gozi: “Queste inchieste coinvolgono sempre personaggi di un’altra fase politica”. Il ministro Lupi: “Non si deve bloccare l’opera”
Stupito l’ex sindaco di Venezia: “Gli enti locali non potevano controllare”

LaTangentopoli soffia anche nel «mitico» Nord-Est e spazza via i vertici della Serenissima. Ad essere contaminata – stando alle indagini della Procura sui fondi neri per la realizzazione del Mose – anche l’amministrazione comunale di Venezia, con il sindaco Giorgio Orsoni, del centrosinistra, ora ai domiciliari con l’accusa di finanziamento illecito. Per l’arresto dell’ex governatore del Veneto, il deputato azzurro Giancarlo Galan, si dovrà invece attendere il pronunciamento della giunta, prima, e dell’assemblea di Montecitorio, poi. Ma lo «sconquasso politico» (come lo definisce Massimo Cacciari) ha fatto suonare la sveglia dei «giustizialisti».In prima linea i 5 Stelle: «Sì agli arresti, anche di Galan, e il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi venga subito in aula», hanno sentenziato i duri e puri del Parlamento. Alla gogna la politica corrotta, è la linea dei grillini, che poi sul blog del «capo» hanno sparso sarcasmo a piene mani sul nuovo caso di malaffare, con il contributo di Luigi Di Maio («larghe intese in manette»). Per contro, la cautela e la sorpresa tagliano trasversalmente le altre forze politiche. Con gli esponenti del Pd spiazzati e increduli, specie coloro che hanno avuto modo di conoscere personalmente Orsoni.Al punto che si è formato un «partito dei sindaci» schierato in difesa del collega arrestato. Guida la pattuglia Piero Fassino, per il quale «chiunque conosca Orsoni e la sua storia personale e professionale, non può dubitare della sua correttezza e della sua onestà». Anche Dario Nardella, primo cittadino di Firenze, pur non sbilanciandosi nel merito del caso giudiziario, ha tenuto a far presente come i sindaci siano «continuamente esposti, per un lavoro quotidiano difficile, in prima linea, che spesso comporta anche pesanti responsabilità». Solidale, Nardella perché «i sindaci sono i politici che rischiano più di tutti». «Il coinvolgimento di Orsoni in questa vicenda mi lascia incredulo e sconcertato», ha detto invece il sindaco di Treviso Giovanni Manildo che ha parlato di «preoccupante intreccio tra potere politico, amministrativo ed economico». Un sistema che – sostiene il leader di Sel Nichi Vendola – deve essere scardinato ripensando il «modello» degli appalti. Contro le grandi opere e la «strategia delle tangenti» anche i Verdi. Cautela dei «garantisti» di Forza Italia. L’auspicio di Giovanni Toti è che «i Pm si muovano con i piedi di piombo» (anche in vista dei ballottaggi). Mastica un po’ amaro Ncd. Alcuni partiti, ha osservato Angelino Alfano, hanno goduto del «privilegio» dell’arresto dopo le elezioni, con implicito riferimento al caso di Paolo Romano.
.
http://www.lastampa.it/2014/06/04/italia/politica/linchiesta-sul-mose-affossati-da-un-passato-che-non-passa-XfqXb7UG2omXFjROpPLjoI/pagina.html
.
REAZIONE:AL PARTITO DEI SINDACI:LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI.(E ALFANO DOVREBBE DARE LE GRAZIE)
PD:A GRILLO,LE LARGHE INTESE HANNO FATTO PASSARE:L’IMU E TANTE PROMESSE PRE-ELETTORALI DI BERLUSCONI CHE DA SOLO NON AVEVA MAI COMPIUTO.ANCHE LI VOLIONO FARE PASSARE IL PRESIDENZIALISMO E/O ABOLIRE IL SENATO COLPEVOLE DI SFRATTARELO.ANCHE TANTE COSE FRA CUI LE MACROREGIONI DELLA LEGA.QUINDI ANCHE POLITICAMENTE SONO CONDANNABILI.
.

5-LA CUPOLA,ANGELO PARIS

la stampa premium

Cronache
Articolo tratto dall’edizione in edicola il giorno 05/06/2014.

Un filo rosso tra Venezia e Milano Paris: 271 telefonate all’uomo del Mose

Poteva mancare tra le conoscenze del «professore» gran maneggione degli appalti lombardi quella con Piergiorgio Baita, il presidente della Società veneziana Mantovani principale motore delle tangenti del Mose? Certo che no. E infatti in un’intercettazione dell’inchiesta Expo, Gianstefano Frigerio ne parla con un suo collaboratore che si dà un gran daffare per combinare un incontro, tale Walter Iacaccia, indicato nelle ordinanze come «mediatore» di mazzette in particolare per la General Montaggi….continua
paolo colonnello
http://www.lastampa.it/2014/06/05/italia/cronache/interrogatorio-paris-REQ0ry3Mrf9hXrKicWAewJ/premium.html?ult=1
.
(QUESTO ARTICOLO E’ A PAGAMENTO MA COME IO NON SONO ABBONATO DI LA STAMPA SOLO POSSO OFFRIRVI QUESTO PEZZO.E’ SUFFICENTE PERO)
.
REAZIONE:E NON POTEVA MANCARE IL COLLEGAMENTO DI QUEL GRANDE CALAMARO CHE E’ LA CUPOLA(FACEVA CAPO A ANGELO PARIS,UOMO DI BERLUSCONI E LA LEGA)CHE GESTIVA LE TANGENTI DEGLI APPALTI DELLA EXPO 2015 A MILANO CON QUESTA GRANDE OPERA A VENEZIA ALLO STESSO MODO CHE LA FINMECCANICA.
-
*6.GIAN CARLO GALAN E GIORGIO ORSONI
.
Politica,04/06/2014
Orsoni, il sindaco del «dopo-Cacciari»
Così l’avvocato conquistò la Laguna
Ha 67 anni, è sposato, ha tre figli. Appena eletto dovette gestire le difficili questioni del ponte di Calatrava e la vicenda – non coclusa – delle grandi navi
l sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, l’avvocato amministrativista prestato alla politica, aveva commentato con fastidio un anno fa i rumor su di lui dopo i primi arresti dell’inchiesta Mose. «Non sono io a dovermi preoccupare, ma altri: quelli che vogliono mantenere nascoste le cose. Perché in questa vicenda c’è qualcuno che vuole seminare del fumo».Il riferimento era a quel passaggio della relazione di 740 pagine della Guardia di finanza in cui il nome del primo cittadino del Pd era l’unico tra i politici non coperto da omissis. Si parlava dell’ex presidente del Consorzio “Venezia Nuova”, Mazzacurati, come il promotore «dell’illecito finanziamento al politico Giorgio Orsoni, a lui legato da amicizia di vecchia data». Finanziamenti, sostiene oggi l’accusa, che sarebbero serviti per la campagna elettorale del 2010. Quella in cui Orsoni, 68 anni, aveva battuto al primo turno nella sfida a sindaco Renato Brunetta, mantenendo il centrosinistra alla guida di Venezia.Orsoni, già assessore comunale al patrimonio nella giunta di Paolo Costa (2000-2005), prendeva così lo “scomodo” posto di Massimo Cacciari. Sedia difficile non solo perché il filosofo è stato il sindaco più amato dai veneziani, ma anche per la congiuntura sfavorevole in cui si insediava a Ca’ Farsetti. La crisi economica, i tagli ai fondi per la legge Speciale, il patto di stabilità, avevano lasciato il Comune con le casse vuote. Per di più in momento con tante partite scottanti da gestire: il ponte di Calatrava e i suoi costi ingigantiti, il nuovo palazzo del Cinema al Lido, la vicenda – ancora non conclusa – delle grandi navi davanti a San Marco. Una partita questa, che l’ha messo in contrasto anche con (l’ex) amico Paolo Costa, ora presidente del Porto, dato che i due hanno soluzioni opposte per risolvere il problema delle maxi crociere, che Orsoni vuole fuori dal bacino. Per non parlare della battaglia, anche a carte bollate, ingaggiata da Orsoni con il presidente della Save, Enrico Marchi, che ha portato il Comune ad uscire dall’azionariato dell’aeroporto Venezia e ad impugnare (perdendo in primo grado) il contratto di programma per lo sviluppo del “Marco Polo”.Orsoni però può vantare anche diversi successi in questi 4 anni da sindaco. Come la “riconsegna” alla città della grande area dell’Arsenale, il recupero del progetto del tram, la riqualificazione di alcune aree di Mestre degradate, la chiusura dell’inceneritore di Fusina. Davanti a lui c’era la sfida forse più importante: quella città metropolitana fra Venezia, Padova e Treviso, che Orsoni, da sindaco del capoluogo, dovrebbe guidare. Invece oggi è arrivato il ko degli arresti domiciliari. Un colpo duro da assorbire per lui, professore di diritto amministrativo all’Università di Ca’ Foscari, erede del prestigioso studio legale di Feliciano Benvenuti, insignito della Legion d’onore francese per i titoli accademici, le pubblicazioni, la carriera professionale e istituzionale.http://www.lastampa.it/2014/06/04/italia/politica/orsoni-il-sindaco-del-dopocacciari-cos-lavvocato-conquist-la-laguna-vXyA1KJml7tsM8L6rOiHkM/pagina.html
.
REAZIONE:G.C.GALAN E GIORGIO ORSONI SEMBRANOO ESSERE I DUE NOMI CHIAVI DI QUESTA VICENDA.GALAN E’ CONOSCIUTO IN QUANTO GOVERNATORE DEL VENETO,ECCO ORSONI CHE COSA  E’.
Immagine anteprima YouTube
-

GIUNIO 2014:SOLO NEL BRITTANICO
RICORDO ORA AGLI UTENTI CHE L’ULTIMA EDIZIONE DELLE MIE OPERE SCRITTE,TRANNE CHE ONLINE SOLO POSSONO ESSERE LETTE NELL’OSPEDALE BRITTANICO DI MONTEVIDEO-URUGUAY(FOTOCOPIA)
VERSIONI OSSOLETI(FOTOCOPIE) POSSONO LEGGERSI IN TUTTE LE ISTITUZIONI DELLA COLLETTIVITA ITALIANA IN URUGUAY E NELLA BIBLIOTECA NACIONAL DI QUEL PAESE CHE POSSIEDE ESSEMPLARI FOTOCOPIATI ANCHE(SIA LA DIRETTRICE DELLA BIBLIOTECA CHE L’UFFICIO DEI DIRITTI DI AUTORE)DA ME DONATI(! DO-NA-TI!) AL SOLO SCOPO DI USO PUBBLICO CHE PERO,NON SONO STATE MESSE A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI.
TENERE PRESENTE ANCHE CHE LA SOLA PROVA DOCUMENTALE VALIDA DELLA PROPIETA INTELLETUALE DEI MIEI LIBRI E L’AUTOEDIZIONE DI UN SOLO ESSEMPLARE NEL MIO POSESSO.
E PER QUANTO RIGUARDA ALLE MIE PUBBLICAZIONI ONLINE,SENZA I QUALI LA MIA OPERA MANCA DI SENSO,LA FOTOCOPIA A”BOCCA DI COMPUTER” .
I TANTO CHIACHERATI “DIRITTI DI AUTORE”(CHE NON SEMPRE COINCIDONO CON LA PROPIETA INTELLETUALE) RILASCIATI DALL’”UFFICIO DEI DIRITTI DI AUTORE” APPUNTO(FUNZIONANTE NELLA BIBLIOTECA NACIONAL DEL URUGUAY MA DA LEI “INDIPENDENTE”)SONO SOLO UNA PRODEDURA BUROCRATICA SENZA NESSUN VALORE,CARTA STRACCIA.
-
*5 GIUNIO 2014:MERCKEL DIAVOLICA?QUESTA COSA PUO SUCCEDERE
-SU CORRIERE DELLA SERA:

/ 5,Slide Show,Start

La cancelliera tedesca Angela Merkel insieme agli attori del teatro Uckermaerkische Buehne Schwedt per lo spettacolo “La maledizione della donna bianca” (Epa)

REAZIONE:HA DETTO IL POSSIBILE FUTURO PRESIDENTE DELLA COMMISIONE EUROPEA E SOSITUTO DI BARROSO:

Angela Merkel a quand même beaucoup insisté sur l’austérité…

C’est une perception erronée de croire qu’Angela Merkel a imposé son rythme et sa doctrine pour gérer la crise. Le camp de la rigueur a été très œcuménique. L’Allemagne n’aurait pas pu imposer sa volonté si les autres gouvernements n’avaient pas fait la même analyse.

(VEDI CUA L’INTERVISTA SU LE MONDE:

http://unioneuropeenne.blog.lemonde.fr/2014/03/17/juncker-le-prochain-president-de-la-commission-sera-soit-schulz-soit-moi/#comment-955  )

QUINDI JUNCKER MI DA RAGIONE SU QUANTO VENGO DICENDO AL RIGUARDO CHE LA MERCKEL HA PERSO LE ELEZIONI SIA TEDESCHE CHE EUROPEE E NON COMMANDA PIU,COMMANDA LA “NUOVA GROSSE KOALITION”.E’ UN PO’ CONFUSO DI CAPIRE MA E’ COSI E L’HO SPIEGATO GIA.

LA MERCKEL “REGINA DEL RIGORE”?MA CHE….. PIU TOSTO SAREBBE LA MADRE TERESA,SE NON FOSSE VERAMENTE DIAVOLICA,ALTRO CHE TEATRO:AI GOVERNI EUROPEE DA A MANI APERTE  I SOLDI DELLA NUOVA ERA CON QUI GENEROSAMENTE IL MERCATO LA HA FAVORITO,E INOLTRE HA PRELIEVATO DAI TEDESCHI CON PRATTICHE LAVORALI MEDIEVALI E CONDANNADOLI ALL’INDIGENZA CONSUMISTICA(TUTTO EXPORT),PER POI PRENDERSI LE SUE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE,QUELLI DI NOI EUROPEE.COSI STA TENTANDO L’ASSALTO AL MEDITERRANEO E A L’EST.BEN VENGA ALLORA L’INIZIO DELLA “NUOVA  GROSSE KOALITION”.

AH…..JUNCKER NON E’ NE MENO “SANTO DELLA MIA DEVOZIONE”

Immagine anteprima YouTube

-

6 GIUNIO 2014:QUESTA COSA SUCCEDE IN IRLANDA

-CORRIERE DELLA SERA:

a tuen

Irlanda, una fossa comune di bimbi vicino al rifugio gestito dalle suore

Le religiose gestivano un centro per ragazze madri e i loro figli, considerati illegittimi. Tra il 1943 e il 1946 vennero registrati 300 morti,di Redazione Online

Irlanda

Per tutti era semplicemente «The House», «la Casa». Un istituto religioso a Tuam, nella contea di Galway, in Irlanda, gestito dalle suore. Dove, tra il 1925 e il 1961, venivano ospitate le donne madri non sposate e i loro figli, considerati illegittimi. Un luogo che avrebbe dovuto essere (teoricamente) un rifugio di pace ma che custodiva invece «l’ultimo terribile segreto dell’Isola di Smeraldo». Quel segreto è stato finalmente svelato: una fossa comune che potrebbe contenere fino a 800 corpi di bimbi, localizzata poco lontano dall’edificio.

Morti per malattia e malnutrizione

Secondo il quotidiano britannico «Daily Mail», molti dei piccoli sarebbero morti per malattia e malnutrizione nel più totale abbandono. I loro corpi vennero gettati all’interno di un serbatoio di cemento. Senza bare né lapidi. Dopo che un familiare di uno dei ragazzini, forse sepolto nella fossa comune, lo ha denunciato come persona scomparsa oggi nel luogo si potrebbe presto cominciare a scavare. Le autorità di Dublino potrebbero aprire un’inchiesta sulla vicenda. La chiesa cattolica sta prendendo in considerazione la possibilità di costruire un monumento per ricordare i bambini. Si calcola che migliaia di donne coi loro figli siano passate da «la Casa». Era infatti il loro unico modo per sopravvivere in una società che le odiava e le isolava, solo perché erano diventate madri al di fuori del matrimonio. Le suore non erano di certo comprensive. Le «ospiti» facevano i lavori più umili in una condizione di servitù, mentre i lori figli, come risulta anche da un’ispezione condotta nel centro negli anni Quaranta, erano malnutriti ed emaciati, soggetti a tutti i tipi di malattie. Circa 300 morti vennero registrate solo fra il 1943 e il 1946, uno dei periodi più terribili per «la Casa». «Le ossa sono ancora lì», ha spiegato Catherine Corless, una storica locale.5 giugno 2014 | 10:28

© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/esteri/14_giugno_05/irlanda-fossa-comune-bimbi-al-rifugio-gestito-suore-ff02db4c-ec86-11e3-9d13-7cdece27bf31.shtml

-

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 120 »

3 giugno 2014
0

3 GIUNIO 2014:CINA-OBAMA,C’E’ DEL MARCIO IN DANIMARCA(WILLIAM SHAKESPEARE)

.

-TITOLARI SU THE WASHINGTON TIMES:

.

-TITOLARE 1:

Foto illustrazione con US Army mostra il sergente. Bowe Bergdahl e un cecchino militare degli Stati Uniti.
Le forze speciali hanno trovato Bergdahl e rapitori, ma non avrebbero rischiato di salvataggio per ‘disertore’
By Guy Taylor – The Washington Times.
ESCLUSIVO: Il Pentagono sapeva dove era il sergente dell’esercito.:Bowe Bergdahl era stato tenuto prigioniero e il Pentagono sapeva fino a quanti uomini armati li stavano di guardia,ma gli operatori speciali hanno accantonato missioni di salvataggio perché non vogliono rischiare perdite per un uomo che si crede di essere un “disertore”.
.
*Pistole svolgere al meglio nascosti: Galleria Foto
*Photo Gallery: Top 10 degli Stati Uniti caccia
.
-TITOLARE 2:
Il presidente Barack Obama parla con il generale Martin Dempsey, presidente del Joint Chiefs of Staff, dopo aver frequentato l'Forze Armate addio tributo per il segretario alla Difesa Leon Panetta alla Joint Base Myer-Henderson in Arlington, Virginia, 8 febbraio 2013. (Gazzetta Bianco House Photo by Pete Souza)
Esercito indaga presunta diserzione nei confronti di Bergdahl: Gen. Martin Dempsey.
By David Sherfinski – The Washington Times
.
Gen. Martin Dempsey, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha detto Martedì che l’esercito può ancora perseguire un’indagine sulla condotta del sergente. Bowe Bergdahl, che è stato recentemente liberato dopo quasi cinque anni di essere tenuto prigioniero in Afghanistan.
.
*Obama incendi indietro nella difesa dell’affare Bergdahl – ‘Abbiamo colto questa opportunità’
.-TITOLARE 3:

GSA exec ha liquidato come top-secret un viaggio in Cina che non ha rivelato,crimini passati

By Jim McElhatton – The Washington Times

I funzionari dei Servizi Top generali Amministrazione ha appreso una scoperta preoccupante dall’ufficio di sorveglianza dell’agenzia a dicembre: un dirigente GSA responsabile per i clienti delle agenzie di intelligence era andato in Cina un anno prima senza dirlo a nessuno.

*Photo Gallery: I più brutti personaggi politici della storia moderna

*Photo Gallery: cannoni a mano: pistole più potenti del mondo

-TITOLARE 4:Video

Il Pentagono ha annullato missione di salvataggio per Bowe Bergdahl perché i comandanti pensavano che fosse un disertore

Il Pentagono ha annullato missione di salvataggio per Bowe Bergdahl perché i comandanti pensavano che fosse un disertore (Durata: 1:11)

.

-TITOLARE 5:Politica

Rep. Howard P. "Buck" McKeon, repubblicano della California e presidente della commissione Forze Armate della Camera, ha inserito nel bilancio della difesa di un ordine per l'esercito a prendere in considerazione i sistemi già pronti per l'elaborazione dei dati battaglia. (Associated Press)

La Casa Bianca difende il mantenimento del Congresso a buio su Bergdahl

By Guy Taylor – The Washington Times

Consiglieri per la sicurezza della Casa Bianca hanno spinto indietro per una seconda volta questo Martedì contro le rivendicazioni repubblicane che il presidente Obama ha oltrepassato i limiti del potere esecutivo, non informando il Congresso circa l’affare con i talebani per il rilascio di cinque detenuti di Guantanamo in cambio di un sergente dell’esercito. Bowe Bergdahl.

Commento
Pruden: Bowe Bergdahl, cattivo affare,Per Wesley Pruden

EDITORIALI:

*KEENE: non più quando la libertà di parola è protetto

*Feulner: Piazza Tiananmen, 25 anni dopo

I PIU LETTI:

FOLEY: Vendere la Costituzione per un brutto scambio di prigionieri

REAZIONE:OBAMA SAPEVA CHE NON ERA UN DISSERTORE MA LO HANNO USATO?LO HANNO USATO ENTRAMBI,SIA LA CINA CHE OBAMA?OBAMA ACCUSA CINA DI SPIONAGGIO INDUSTRIALE:FORSE QUESTO UOMO ERA A CONOSCENZA DI SEGRETI TECNOLOGICI?LA CINA NON E’ TANTO TENERO CON I SUOI DISSERTORI,LE CONDANNA A MORTE:PERCHE NON E’ STATO RISCATTATO O AIUTATO DIPLOMATICAMENTE PRIMA?:QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube

-

3 GIUNIO 2014:PER IL CARBONIO

.

-SU THE WASHINGTON TIMES:

EDITORIALI:

*La guerra di Obama sull’energia elettrica

*KEENE: non più quando la libertà di parola è protetta

*Amazing contrazione dell’economia di Obama

-TITOLARI:

Nuovi limiti di carbonio EPA,ulteriore boom del gas naturale a scapito del carbone

By Ben Wolfgang – The Washington Times

Nel trattare un duro colpo per il carbone negli USA il Lunedi, il presidente Obama molto bene potrebbe aver spostato l’ago della bilancia a favore del gas naturale domestico ancora di più.

.

*Grimes del Kentucky prende swing a nuove regole di carbone di Obama

*EPA dice a paese: ridurre l’inquinamento di carbonio del 30 per cento nei prossimi 15 anni

REAZIONE:SEMPLIFICANDO:

USA,GRAN BRETAGNA E UNIONE EUROPEA NON “MIRACOLINO” IL CARBONIO.

OBAMA USA LA SUA GUERRA CONTRO L’INQUINAMENTO GLOBALE(EMISSIONI DI GAS CARBONIO E RISCALDAMENTO DELLA TERRA) E LA PROMOZIONE DELL’ENERGIA PULITA PER PUNIRE L’ENERGIA FOSSILE(CARBONIO-PETROLEO)A FAVORE DEL GAS NATURALE.

.

-E COSI SU LE MONDE:A la une
Obama et le climat : encore un effort, Mister President !

Le Monde | 03.06.2014 à 11h20 , Mis à jour le 03.06.2014 à 11h58

Barack Obama, le 9 mai à Mountain View, en Californie.

Mardi 3 juin, Barack Obama n’est pas arrivé en Europe les mains vides. La veille, en effet, le président américain a pris une initiative sans précédent dans la lutte contre le réchauffement climatique : il a rendu public son projet de réglementation destiné à réduire de 30 % les émissions de CO2 des centrales électriques américaines d’ici à 2030, par rapport à leur niveau de 2005.

Haussant le ton face à la puissante industrie du charbon, M. Obama a décidé d’agir par décrets et directives : autrement dit par la voie administrative. Il entend ainsi contourner le Congrès, et en particulier le Sénat, où le projet de loi contre le réchauffement climatique est bloqué depuis quatre ans. Au risque de déclencher les cris d’orfraie des républicains, qui dénoncent cet abus de pouvoir.

Lire aussi : Barack Obama s’attaque aux émissions de CO2 de la puissante industrie du charbon

Echaudés depuis la conférence de Copenhague de 2009, où M. Obama leur avait tourné le dos pour s’allier avec la Chine et l’Inde et repousser un traité international, les Européens espéraient ce geste depuis longtemps.

« LEADERSHIP PAR L’EXEMPLE »

Mais il a fallu attendre que passe l’élection présidentielle de 2012 – et que l’économie américaine donne des signes de rétablissement – pour que le président des Etats-Unis ose se réengager sur le dossier du climat. Dès son deuxième discours d’investiture, il a lié la question du changement climatique à l’intérêt national américain. Et, dans son discours de West Point, le 28 mai, il en a fait une composante du nouveau « leadership par l’exemple » qu’il entend développer.

Cette fois-ci, la volonté politique semble donc bien présente. Les circonstances, il est vrai, ont changé. La révolution énergétique pousse les Etats-Unis à s’émanciper du charbon, le principal pollueur. De même, en cinq ans, les Etats-Unis ont réduit leur dépendance énergétique grâce à la fracturation hydraulique et à l’exploitation des gaz de schiste.

Parallèlement, la multiplication d’événements climatologiques extrêmes – sécheresse, incendies, ouragans – a fait prendre conscience aux Américains du péril que l’imprévisibilité du climat fait peser sur leur économie. L’année 2012 a ainsi enregistré le record absolu de chaleur aux Etats-Unis, et les événements climatiques, selon la Maison Blanche, ont coûté 100 milliards de dollars à l’économie.

Les Européens ont pourtant quelques raisons de se montrer circonspects. Les normes envisagées par l’Agence pour la protection de l’environnement ne seront pas finalisées avant un an et font la part belle à l’initiative locale des Etats. Il faudra donc analyser, dans le détail, si elles permettront effectivement aux Etats-Unis de respecter leur objectif immédiat de réduction de 17 % des émissions de gaz à effet de serre d’ici à 2020.

En outre, si l’initiative de M. Obama marque un pas significatif, elle ne transforme pas les Etats-Unis en héros de la négociation climatique. Il y a encore beaucoup de chemin à parcourir pour que le deuxième pays pollueur de la planète – après la Chine – agisse à la hauteur de ses responsabilités dans le réchauffement en cours. Les autres pays ne s’y tromperont pas au moment de signer – ou pas – le premier accord mondial sur le climat, à Paris, en décembre 2015.

http://www.lemonde.fr/a-la-une/article/2014/06/03/obama-et-le-climat-encore-un-effort-mister-president_4430977_3208.html

Immagine anteprima YouTube

.

Immagine anteprima YouTube

-

3 GIUNIO 2014:UKRNIA,OBAMA,PUTIN E L PETROLEO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Ucraina, Obama: "Putin deve scegliere"

Ucraina, Obama: “Putin deve scegliere”

“Alleati europei aumentino spese militari

A Varsavia: “Un miliardo per l’Europa orientale”

Polonia: Francia non venda navi da guerra alla Russia

Articoli correlati

RNews Zucconi ”Obama by-passa il Congresso sul carbone”

REAZIONE:LA GUERRA DI OBAMA.LA NUOVA ERA NON HA BISOGNO DELL’UKRANIA.CRIMEA E LE REGIONI INDEPENDENTI DI DONESTK SONO COMPATIBILI.NO AL NEOLIBERALISMO.

3 GIUNIO 2014:LA FOTOGRAFIA DI WILLY

TEMA CALDO

La memoria di Hollywood negli scatti di Willy Rizzo
LA MOSTRA/PARIGI
La memoria di Hollywood negli scatti di Willy Rizzo
.
3 GIUNIO 2014:”SONNI DI UNA NOTTE DI STATE”(WILLIAM SHAKESPEARE),OVVERO,DORMIRE IN COREA DEL NORD
.

-TITOLARE BBC:Travel

Sleep in Kim Jong-il’s bed

Sleep in Kim Jong-il’s bed

Secrecy and soju at a North Korean homestay

*Think you’re a geography buff?

*Following the world’s first map

TRADUZIONE:Viaggiare
Dormire nel letto di Kim Jong-il
Segretezza e soggiorno nell’afitto nord-coreano

.
*Pensi che sei un appassionato di geografia?
*Segui la prima mappa del mondo
-
REAZIONE:MA NON C’E’ GUERRA DA QUESTA PARTE?BBC CI INVITA AD UN VIAGGIO DA SONNO,QUELLO DEL TITOLO.
-3 GIUNIO 2014:OBAMA NELLA NUOVA UNIONE EUROPEA

-SU LE MONDE:
Barack Obama en Europe:trois pays visités et l’ombre de l’Ukraine

Le Monde.fr | 03.06.2014 à 11h35,Mis à jour le 04.06.2014 à 01h44

 Barack Obama et son homologue polonais, Bronislaw Komorowski, près de Varsovie, le 3 juin.
Pour la deuxième fois depuis le début de l’année, Barack Obama débute, mardi 3 juin, une tournée européenne. De la Pologne aux plages de Normandie, l’histoire du Vieux Continent occupera une place importante dans ce voyage riche en commémorations, mais sur lequel planera l’ombre de la crise ukrainienne.
*A Varsovie, rassurer les alliés de l’est

Reçu mardi à Varsovie par Bronislaw Komorowski et Donald Tusk, respectivement président et premier ministre de la Pologne, Barack Obama a participé aux cérémonies marquant le 25anniversaire des premières élections démocratiques en Pologne, pays de l’ex-bloc soviétique aujourd’hui allié stratégique des États-Unis en Europe centrale.

Il réaffirmé dès son arrivée l’engagement des Etats-Unis « dans la sécurité de la Pologne et dans celle de nos alliés en Europe centrale et orientale », et a proposé un plan d’un milliard de dollars (735 millions d’euros) pour déployer de nouvelles forces américaines, terrestres, aériennes et navales, en Europe de l’Est.

Lire : Obama propose un plan d’un milliard de dollars pour la sécurité de l’Europe de l’Est

Après ces célébrations, le président américain a rencontré dans la capitale polonaise dix chefs d’Etat d’Europe centrale et orientale, dont le nouveau président ukrainien pro-occidental, Petro Porochenko.

Lire : Petro Porochenko face au défi séparatiste de l’est de l’Ukraine

Critiqué pour son manque de fermeté vis-à-vis de Moscou lors de l’annexion de la Crimée par la Russie, en mars, Barack Obama a cherché plusieurs fois à rassurer ses alliés d’Europe centrale en s’engageant à défendre leur sécurité dans le cadre de l’OTAN. « Pierre angulaire de notre propre sécurité », cet engagement « est sacro-saint », a-t-il déclaré après avoir rencontré des pilotes militaires polonais et américains.

Pologne : Barack Obama rassurant, Barack Obama protecteur

Le président américain est en Pologne ce mardi, une visite destinée à rassurer ses alliés Est-européens de son soutien, au moment où les actions de la Russie inquiètent. Et alors que la Pologne veut augmenter ses budgets de défense, Barack Obama est sur la même longueur d’onde, il veut renforcer sa présence dans la zone OTAN. ‘Nous allons augmenter le nombre de troupes américaines, a t-il déclaré, au sol et dans les airs, par rotation, chez nos pays alliés en Europe centrale et orientale. Et nous allons renforcer nos partenariats avec l’Ukraine, la Moldavie et la Géorgie qui vont fournir aussi leur propre défense. J’appelle le congrès américain à approuver jusqu’à un milliard de dollars pour soutenir cet effort, ce qui sera la démonstration forte que l’Amérique respecte son engagement auprès de ses alliés de l’OTAN’. A son arrivée à l’aéroport Frédéric Chopin de Varsovie, Barack Obama a passé en revue des pilotes de chasseurs américains F-16. Il doit, dans l’après-midi, rencontrer d’autres dirigeants est-européens et participera demain et jeudi à un sommet du G7 à Bruxelles.

Les missions de l’Alliance atlantique, dont la Pologne est membre, devraient être au cœur des discussions entre le président américain et le premier ministre polonais. En mai, Donald Tusk s’était illustré sur la scène internationale en critiquant vivement la politique agressive de la Russie et en réclamant une implication plus significative de l’OTAN dans la crise ukrainienne.

Lire : Face au réveil russe, Varsovie se rapproche de Washington

*A Bruxelles, dépasser les divergences du G7

Après la Pologne, Barack Obama s’envolera mercredi pour la Belgique, où se tiendra le premier sommet regroupant les puissances occidentales depuis le début de la crise ukrainienne. Le G7 de Bruxelles remplace le G8 qui devait se tenir à Sotchi. Suite à l’annexion de la Crimée, le sommet avait été annulé en mesure de rétorsion, et la participation de la Russie suspendue.

Le G7 ne devrait pas demander de nouvelles sanctions contre la Russie, l’élection présidentielle ukrainienne ayant pu se tenir et la Russie ayant esquissé un retrait de ses troupes de la frontière ukrainienne. Les chefs d’État occidentaux devraient plutôt exposer une nouvelle fois – et tenter d’aplanir – leurs divergences dans la crise. Européens et Américains se sont notamment divisés sur le recours aux sanctions économiques à l’égard de la Russie. Du fait de la dépendance de nombreux pays de l’UE aux hydrocarbures russes, l’Europe s’est opposée à ce type de sanctions, envisagées par les États-Unis.

Voir l’infographie : Sanctions contre la Russie : pourquoi l’Europe est divisée

*En Normandie, sommet informel sur l’Ukraine

Dernière étape de la tournée européenne de Barack Obama, la France et les plages de Normandie, où se tiendront, vendredi, les commémorations du 70e anniversaire du débarquement allié.

Après un dîner à Paris avec François Hollande, jeudi soir, Barack Obama participera aux célébrations près de Omaha Beach, où il aura l’occasion de croiser deux autres invités de son homologue français : Vladimir Poutine et Petro Porochenko. Si aucune rencontre officielle n’est prévue entre le président russe et le nouveau chef d’État ukrainien, la cérémonie aura des allures de sommet informel sur l’Ukraine. En réunissant tous les protagonistes de la crise à cette occasion, François Hollande esquisse pour la première fois un rapprochement entre les deux parties en conflit.

Maxime Blanchard


Diplomatie : François Hollande dînera deux fois

(AFP) Le président français doit, dans le cadre de « rencontres de travail », se réunir avec Barack Obama dans un restaurant parisien jeudi soir, avant de souper dans la foulée à l’Elysée avec Vladimir Poutine.

MM. Hollande et Obama aborderont, selon l’Elysée, « les questions internationales, en particulier des crises dans un certain nombre de régions du monde qui préoccupent les deux présidents comme l’Ukraine, mais également la Syrie, l’Afrique, la lutte contre le terrorisme ». Le cas de la banque BNP-Paribas sera aussi au menu de la rencontre.

François Hollande s’entretiendra ensuite, en deuxième partie de soirée, avec Vladimir Poutine. La question ukrainienne sera au centre de cette rencontre, de même que les relations entre la Russie et l’Union européenne, selon l’Elysée.

MM. Obama et Poutine ne se croiseront pas avant un déjeuner vendredi au château de Bénouville, puis lors des cérémonies de commémoration du Débarquement à Ouistreham (Calvados).

http://www.lemonde.fr/europe/article/2014/06/03/barack-obama-en-europe-trois-pays-visites-et-l-ombre-de-l-ukraine_4430958_3214.html

REAZIONE:IL SUCCESSO ELETTORALE DELLA NUOVA ERA IN EUROPA,EUROSCETTICISMO INCLUSO,E IL PERICOLO DEGLI ULTRA HA MUTATO L’APPROCIO VERSO L’EST E GLI EQUILIBRI DI FORZA:HOLLANDE CONCILIANTE IN UKRANIA.

PIU IMPEGNO IN POLONIA,CI VUOLE INVECE.

-

4 GIUNIO 2014:”IL “MOSE” DI VENEZIA”(PARAFRASI DI IL MORO DI VENEZIA DI WILLIAM SHAKESPEARE)

-SU LA REPUBBLICA:

Mose, 35 arresti per tangenti: anche il sindaco di Venezia

Chiesta la custodia cautelare per l’ex governatore Galan, gli atti dovranno essere trasmessi al Senato. Un centinaio di persone nel registro degli indagatiMose, 35 arresti per tangenti: anche il sindaco di VeneziaIl sindaco di Venezia Giorgio OrsoniENEZIA – Imprenditori e tanti politici. Una raffica di arresti clamorosi. Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni è finito in manette con le accuse di corruzione, concussione e riciclaggio. L’inchiesta è quella della Procura di Venezia sugli appalti per il Mose e sull’ex ad della Mantovani Giorgio Baita, già colpito da un provvedimento di custodia cautelare lo scorso febbraio. In manette anche l’assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso.Le persone finite in manette sono in tutto 35 persone, un altro centinaio gli indagati. Tra gli arrestati anche il consigliere regionale del Pd Giampiero Marchese, gli imprenditori Franco Morbiolo e Roberto Meneguzzo nonchè il generale in pensione Emilio Spaziante.

Una richiesta di arresto è stata formulata per il senatore di Foza Italia Giancarlo Galan nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Venezia sulle presunte tangenti pagate per gli appalti del Mose. Galan è coinvolto per il periodo in cui è stato presidente della Regione Veneto nell’indagine della Guardia di finanza che ha portato oggi all’arresto di 35 persone, tra le quali l’assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso, il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, il consigliere regionale Pd Giampietro Marchese. Gli atti dovranno essere tramessi al Senato.

ww.repubblica.it/cronaca/2014/06/04/news/mose_35_arresti_per_tangenti_anche_il_sindaco_d

ARTICOLOI CORELATI:

1-VIDEO:Venezia, la prima prova del Mose: salgono le quattro paratoie

Venezia, la prima prova del Mose: salgono le quattro paratoie

12 ottobre 2013

Primo test a Venezia per il sistema di dighe mobili che dovrà salvare la città e la Laguna dalle acque alte. Applausi e operazione riuscita. Stato di avanzamento dei lavori è all’80%, tutto dovrà essere a posto tra poco più di due anni
(di Mirco Toniolo, Agf)

2-VIDEO:Clima, Venezia: scienziati da tutto il mondo per il Mose

Mose, le foto dall'alto

16 settembre 2011

“Venezia può essere un punto di riferimento per molte città del mondo che affrontano i problemi legati all’innalzamento del livello del mare e i cambiamenti climatici, può diventare leader di quest’area”. Gli occhi della comunità scientifica internazionale sono puntati sulla Laguna come testimonia Charles Kennel, docente di Oceanografia e sostenibilità ambientale all’Università di San Diego in California. L’Arsenale di Venezia è stato scelto da oltre 50 esperti riuniti in città come sede di un network internazionale che studierà gli impatti dei cambiamenti climatici sulle aree urbane costiere, partendo dall’esperienza del “Sistema Mose”. La fine dei lavori è prevista per il 2014.”Il Mose – spiega Kennel – è un passo avanti intelligente per combattere l’innalzamento dei mari, è in grado di proteggere Venezia dalle acque alte e tutelare l’habitat naturale della Laguna, è uno dei progetti più interessanti a livello mondiale”

3-VIDEO:Mose, le foto dall’alto

Mose, le foto dall'alto

 
Immagine anteprima YouTube

-I GIORNO DOPO:APPROFONDIMENTO

Mose, inchiesta sugli appalti: arrestato il sindaco di Venezia. Chiesta custodia cautelare per Galan

Mose, inchiesta sugli appalti: arrestato il sindaco di Venezia. Chiesta custodia cautelare per GalanMaxioperazione di procura e Gdf: 100 indagati, 35 provvedimenti restrittivi, 25 in carcere, ai domiciliari Giorgio Orsoni, accusato di finanziamenti illeciti per oltre 500mila euro durante la campagna elettorale del 2010. In manette anche l’assessore regionale alle Infrastrutture. I pm chiedono l’arresto dell’ex governatore del Veneto: avrebbe ricevuto milioni in “stipendi” in nero. Coinvolti anche un magistrato della Corte dei Conti, un’ex eurodeputata e un generale della finanza. I magistrati: “Peggio di una tangentopoli”VENEZIA – Imprenditori, manager e soprattutto amministratori e politici di primo piano. Dopo il caso Expo, uno sviluppo clamoroso dell’inchiesta sugli appalti per il Mose ha sconvolto stamattina Venezia: il sindaco Giorgio Orsoni, eletto con il centrosinistra, è stato arrestato e ora è ai domiciliari. In carcere, invece, è finito l’assessore regionale alle Infrastrutture, Renato Chisso, di Forza Italia. E la procura veneziana ha chiesto un provvedimento di custodia cautelare anche per Giancarlo Galan, ex presidente della Regione Veneto e attuale deputato di Forza Italia, sul quale, essendo deputato, dovrà pronunciarsi la Camera.L’inchiesta è quella della Procura di Venezia che a febbraio aveva portato all’arresto di Giorgio Baita, ex amministratore delegato della Mantovani, una delle imprese impegnate nei lavori per la costruzione delle barriere del Mose che dovranno proteggere Venezia da alte maree ed allagamenti. Le accuse per gli indagati variano dai reati contabili e fiscali alla corruzione, dalla concussione al finanziamento illecito.

Le accuse a Orsoni. Secondo quanto si legge nell’ordinanza integralmente riportata dalla Nuova Venezia, il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni è accusato di finanziamento illecito poiché “con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, quale candidato sindaco del Pd alle elezioni comunali di Venezia del 2010, riceveva i contributi illeciti”, “consapevole del loro illegittimo stanziamento da parte del Consorzio Venezia Nuova”: si parla 110 mila euro al Comitato elettorale del candidato sindaco e 450 mila ricevuti in contanti “di cui 50 mila procurati dal Baita quale amministratore delegato della Mantovani che il Sutto (dipendente del Consorzio Venezia Nuova, società coinvolta nella realizzazione del Mose, ndr) e Mazzacurati (allora presidente di Cvn, ndr) consegnavano personalmente in contanti a Giorgio Orsoni, in assenza di deliberazione dell’organo sociale competente e della regolare iscrizione in bilancio”.

La posizione del sindaco. “Le circostanze contestate nel provvedimento notificato paiono poco credibili”, hanno subito risposto gli avvocati di Orsoni, in quanto “gli si attribuiscono condotte non compatibili con il suo ruolo ed il suo stile di vita”. Un anno fa, in un’intervista ad Antenna 3, sulla questione di un finanziamento dal Consorzio Venezia Nuova, il sindaco disse: “Non credo di aver avuto contributi, ma sulla questione va interrogato il mio mandatario elettorale”. Nell’ambito dell’inchiesta sono stati perquisiti gli uffici del sindaco di Venezia e dell’assessore regionale Chisso.

“False fatture per 25 milioni”. “E’ doveroso precisare che al sindaco di Venezia Orsoni non è stato contestato il reato di corruzione”, ha sottolineato il procuratore aggiunto di Venezia, Carlo Nordio. “Orsoni è indagato per finanziamento illecito ai partiti”. Nordio ha definito l’inchiesta “peggio di una Tangentopoli”. L’ordinanza del gip (711 pagine), citata dal pm, sostiene che “i fondi neri sono stati utilizzati per campagne elettorali e, in parte, anche per uso personale” e che “hanno ricevuto elargizioni illegali persone di entrambi gli schieramenti politici”. Il procuratore capo, Luigi Delpino, ha spiegato che alla base di questo sviluppo ‘politico’ dell’inchiesta ci sono triangolazioni di denaro e fondi neri ottenuti attraverso false fatture maggiorate per un totale accertato di 25 milioni di euro.

FOTO:Tangenti per gli appalti del Mose: 35 arresti a Venezia

{}

Le persone destinatarie di provvedimento restrittivo sono in tutto 35 (25 in carcere, 10 ai domiciliari), mentre sono un altro centinaio gli indagati, tra cui anche Marco Milanese, il consigliere politico dell’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti già coinvolto nell’inchiesta P4, per il quale il gip non ha accettato la richiesta di arresto. Tuttavia, come si legge nell’ordinanza, Milanese “al fine di influire sulla concessione di finanziamenti del Mose”, avrebbe ricevuto dal presidente del Consorzio Venezia Nuova la somma di 500 mila euro.

Tra gli arrestati ci sono inoltre il consigliere regionale del Pd Giampiero Marchese, gli imprenditori Franco Morbiolo (presidente del Coveco, cooperativa impegnata nel progetto Mose) e Roberto Meneguzzo (ad di Palladio Finanziaria, avrebbe messo in contatto Mazzacurati con Milanese), nonché il generale della Guardia di finanza in pensione Emilio Spaziante, il magistrato della Corte dei Conti Vittorio Giuseppone e Amalia Sartori, eurodeputata di Forza Italia non rieletta alle recenti elezioni (la richiesta d’arresto è stata inviata all’europarlamento). La GdF ha sequestrato beni per un valore complessivo di circa 40 milioni di euro e sta effettuando perquisizioni e sequestri in Veneto, Lazio, Lombardia ed Emilia Romagna con oltre 300 uomini impegnati.

TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI PER L’INCHIESTA MOSE

Le accuse a Galan. Corruzione è invece il reato ipotizzato nella richiesta di arresto formulata per il deputato di Forza Italia Giancarlo Galan. L’ex governatore veneto è indagato dalla Procura di Venezia con l’accusa di aver ricevuto fondi illeciti per milioni di euro dal Consorzio Venezia Nuova (Cvn) nell’ambito delle opere del Mose. Le dazioni, da fondi neri realizzati dal Consorzio e dalle società che agivano in esso, risalirebbero agli anni tra il 2005 e il 2008 e il 2012.

“Gli stipendi annuali”. Secondo quanto si è appreso, i fondi all’assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso sarebbero stati dati tramite la segreteria, circostanza che ha portato il politico agli arresti in carcere stamani all’alba. Il denaro veniva poi trasferito a Galan. Il reato contestato a Galan, Chisso e a un paio di funzionari della Regione è quello di corruzione contro i doveri d’ufficio. Nei brani dell’ordinanza riportati da La Nuova Venezia si legge che Galan è accusato di aver ricevuto “per tramite di Renato Chisso, che a sua volta li riceveva direttamente dallo stesso Mazzacurati”, “uno stipendio annuale di circa 1 milione di euro, 900 mila euro tra il 2007 e il 2008 per il rilascio nell’adunanza della commissione di salvaguardia del 20 gennaio 2004 del parere favorevole e vincolante sul progetto definitivo del sistema Mose, 900 mila euro tra 2006 e 2007 per il rilascio (…) del parere favorevole della commissione Via della regione Veneto sui progetti delle scogliere alle bocche di porto di Malamocco e Chioggia”.

L’ex governatore: “Totalmente estraneo a accuse”.
Trattandosi di un deputato, gli atti della richiesta di arresto dovranno essere trasmessi alla Camera, dove Galan è presidente della Commissione cultura. “Sono estraneo ad accuse, voglio essere ascoltato”, ha detto Galan, che è coinvolto per il periodo in cui è stato presidente della Regione Veneto, dal 2005 al 2010. “Mi riprometto di difendermi a tutto campo nelle sedi opportune con la serenità ed il convincimento che la mia posizione sarà interamente chiarita. Chiederò di essere ascoltato il prima possibile con la certezza di poter fornire prove inoppugnabili della mia estraneità”.

VIDEO CANCELLATO

Le accuse a Chisso e Marchese. L’assessore regionale ai Lavori pubblici Renato Chisso è accusato, invece, di aver percepito “uno stipendio annuale oscillante tra i 200 e i 250 mila euro, dalla fine degli anni Novanta sino ai primi mesi del 2013″. Mentre Giampietro Marchese è accusato “quale candidato dal Consiglio regionale del veneto per il Pd alle elezioni 2010 riceveva i contributi illeciti” per 58 mila euro“.

Le accuse a Spaziante. Per quanto riguarda Spaziante, invece, nell’ordinanza del Gip si legge che in qualità “di Generale di Corpo d’Armata della Guardia di Finanza”, per “influire in senso favorevole sulle verifiche fiscali e sui procedimenti penali aperti nei confronti del Consorzio Venezia Nuova”, avrebbe ricevuto dal presidente del Consorzio Giovanni Mazzacurati la promessa di 2 milioni e 500 mila euro. Nell’ordinanza, si legge che la somma versata fu poi di 500 mila euro, che poi sarebbe stata divisa anche con Milanese e Meneguzzo.

Le accuse a Giuseppone (Corte dei Conti). Per quanto riguarda il magistrato della Corte dei Conti Vittorio Giuseppone, indagato nell’inchiesta sul Mose per aver “compiuto atti contrari ai suoi doveri”. “Nella sua qualità di magistrato in servizio presso la Corte dei Conti”, scrive il giudice, Giuseppone avrebbe percepito “uno stipendio annuale oscillante tra i 300mila e i 400mila euro, che gli veniva consegnato con cadenza semestrale a partire dai primi anni duemila sino al 2008″ e “non meno di 600mila nel periodo tra il 2005 e il 2006, con creazione delle idonee provviste da parte del Baita”. I soldi, afferma ancora il Gip, servivano per “accelerare le registrazioni delle convenzioni presso la corte dei Conti da cui dipendeva l’erogazione dei finanziamenti concessi al Mose e al fine di ammorbidire i controlli di competenza della medesima Corte dei Conti sui bilanci e gli impieghi delle somme erogate al Consorzio Venezia Nuova”.

L’inchiesta. Gli arresti partono da una inchiesta della Guardia di finanza di Venezia avviata circa tre anni fa. I pm Stefano Ancillotto, Stefano Buccini e Paola Tonino (Dda) avevano scoperto che l’ex manager della Mantovani Giorgio Baita, con il proprio braccio destro Nicolò Buson, aveva distratto fondi relativi ai lavori del Mose, le opere di salvaguardia per Venezia, in una serie di fondi neri depositati all’estero. Il denaro, secondo l’accusa, veniva portato da Claudia Minutillo, imprenditrice ed ex segretaria personale di Galan, a San Marino dove i soldi sarebbero stati riciclati da William Colombelli, titolare della finanziaria Bmc.

Appalti e partiti. Le Fiamme gialle avevano scoperto che almeno 20 milioni di euro, così occultati, erano finiti in conti esteri, ipotizzando che la riserva potesse essere destinata a “sovvenzionare” amministratori e politici in cambio di ulteriori commesse pubbliche. Da questa tesi d’accusa è partita l’operazione di questa mattina all’alba. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, dunque, attraverso un giro consistente di false fatture avrebbe creato fondi neri sarebbero serviti, almeno in parte, per finanziare politici e partiti di ogni schieramento durante le campagne elettorali.

Dopo questa prima fase, lo stesso pool aveva ordinato l’arresto diGiovanni Mazzacurati ai vertici del Consorzio Venezia Nuova (Cvn). Mazzacurati, poi finito ai domiciliari, era stato definito “il grande burattinaio” di tutte le opere relative al Mose. Indagando sul suo operato erano spuntate fatture false e presunte bustarelle che hanno portato in seguito all’arresto di Pio Savioli e Federico Sutto, rispettivamente consigliere e dipendente di Cvn, e di quattro imprenditori che si sarebbero spartiti lavori per importi milionari.

“Una vera e propria lobby”.
Il Consorzio Venezia nuova “si comporta come una vera e propria lobby o gruppo di pressione per ottenere le modifiche normative d’interesse”, ha scritto il gip del tribunale di Venezia Alberto Scaramuzza, nell’ordinanza di custodia cautelare. Il riferimento è al tentativo di ottenere una modifica al tetto del 15% al nord dello stanziamento dei Fondi Fas (fondo aree sottoutilizzate) per avere 400 milioni di euro per il Mose attraverso una delibera Cipe. Mazzacurati, presidente del Cvn, secondo il Gip si muove su più livelli, da un incontro con Gianni Letta, che era sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, passando per alcuni contatti con funzionari ministeriali, fino alla “terza possibilità, ossia l’appuntamento con Marco Milanese”. Il Cvn, in una nota, ha negato tutte le accuse, definendosi “parte offesa”.

http://www.repubblica.it/cronaca/2014/06/04/news/mose_35_arresti_per_tangenti_anche_il_sindaco_di_venezia-88004605/?ref=HREA-1

REAZIONE:CARCERI ECCELLENTI PER IIL CLIMA NELLA(“REPUBBLICA DI…) VENEZIA E IL VENETO.COINVOLTO LO STATO PONTIFICIO DI SAN MARINO E GIAN CARLO GALAN.

Immagine anteprima YouTube

-VEDIAMO QUALCOSA IN PIU SU QUESTA NOTIZIA NEL PROSIMO POST

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 119 »

30 maggio 2014
0
30 MAGGIO 2014:GUERRA AL PANTAGRUEL POST-MODERNO
.
-TITOLARE LA STAMPA:esteri

Michelle difende il programma contro l’obesità dei bambini:
“Repubblicani pro «junk food»”

paolo mastrolilli
La moglie di Obama risponde alle critiche con un duro intervento
sul “New York Times”: «È solo una manovra politica per colpirmi».
.
REAZIONE:CON MICHELLE,COMBATTERE IL GRASSO E’ DOVERE MORALE DA OGNI MEDICO.
-
30 MAGGIO 2014:ARGENTINI SUVVERSIVI
.
-TITOLARE LA STAMPA:
LAPRESSE
Matrimonio argentino Icardi ha sposato Wanda
.
REAZIONE:QUESTA NOTIZIA E’ UNA PROVOCAZIONE ALL’OPINIONE PUBBLICA:IO GIA SO’ CHE I BAMBINI NON VENGONO DA PARIGGI,NE LI PORTA LA CICOGNA MA DIFFONDERE UN VIDEO FATTO PASSARE COME CASUALE DOVE QUESTA “IMMACOLATA MOGLIETTINA” FA LA FELATIO IN PUBBLICO MI RISULTA RIPUGNATE, E’ TROOPO.ALTRO CHE PORNOGRAFIA,SUVVERSIONE.
-
30 MAGGIO 2014:POLITICAMENTE SCORRETTO
-SU LA REPUBBLICA.
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/191758150-647c8dd0-07e0-4299-b99c-ceb4cd962e06.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181528242-75c5d1b5-e3e1-4f36-b7ab-5a83eadebaa6.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526900-32bf0b9c-6181-47ce-b2e2-70d1582ae616.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526899-497ed3d7-db0c-42a7-9ee7-2adb09791ead.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526922-3dc9d058-bcce-4b79-9441-e4446b5ff89a.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526929-6c9eda58-6c2d-49f2-874e-3ade6e2854cf.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526936-acf8fd3f-e96c-4489-aa55-46f38408d906.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181526924-d8a48727-03bb-40ec-a975-f60f68ec7fa5.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527514-06af0334-966e-4858-b007-ca2ef6ec0082.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527605-49936e99-f16a-47d2-b0f5-97620774e7d0.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527554-405e9933-0ab3-4c7a-b578-f441bdcd64a5.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527516-5976d5b1-e1a5-4c74-bcaf-f18d8e490582.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527680-049e690f-01ee-46a5-9aa6-3418cc0375b5.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527741-db22a4cd-fa92-4495-913b-86c489cf3060.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181527981-ecc19f4c-2941-4c4b-a706-6f49f4e00dbb.jpg
http://www.repstatic.it/content/nazionale/img/2014/05/29/181528249-58a3f863-0606-4e9a-bda9-249dfb511033.jpg
Dopo le prove di alleanza tra Beppe Grillo e Nigel Farage, rispettivamente leader del M5S e dell’Ukip, molti militanti del Movimento 5 Stelle si sono ribellati, sul blog e sui social network. Coloro che contestano l’accordo rimproverano a Grillo di non aver consultato il “popolo della Rete”. Senza contare che l’Ukip ha spesso attirato polemiche per alcune sue posizioni da molti ritenute estreme, soprattutto su omosessualità e immigrazione. Inoltre, l’Ukip di Farage ha idee molto diverse dal M5S anche su altre questioni, specialmente per quanto riguarda l’energia pulita, più volte osteggiata dal leader britannico.
.
REAZIONE:IL GIORNALE MARSISTA ITALIANO HA PUBBLICATO QUESTA TENDENZIOSA RACCOLTA DECONTESTUALIZANDO LA PREDICA DI FARAGE IN GRAN BRETAGNA CERCANDO COSI ATTIRARE AQUA SUL SUO MOLINO.MA FORSE SI DOVREBBE PENSARE CHE L’UKIP  DICE DELLE COSE CHE IL SISTEMA POLITICO NON DICE,NON PUO O NON VUOLE DIRE MA CHE PENSANO LA MAGGIORANZA DEI NORMALI CITTADINI.NON HA CASO UKIP DOPO LE EUROPEE E AMMINISTRATI E’ IL MAGGIORE PARTITO BRITTANICO E EUROSCETTICO EUROPEO.E LA DEMOCRAZIA E’ IL GOVERNO DELLE MAGGIORANZE.CORAGGIO MA QUESTE COSE QUALCUNO LE DOVEVA DIRE:I BUFFONI DI CORTE AVEVANO UNA FUNZIONE IN TUTTE LE MONARCHIE MEDIEVALI E QUESTA VERSIONE MODERNA DELL’UMORE LA FA ALLA PERFEZIONE.PREFERISCO PENSARE CHE E’ UN SEGNO CHE LA DETTATURA DEL MULTICULTURALISMO HA FALLITO.
NON E’ COMPARABBILE CON GRILLO ANCHE SE CIRCOSTANZIALI ALLENZE EUROPEE LI METTONO INSIEME:GRILLO,DICA QUEL CHE DICA, E’ RISULTATO NEI FATTI FUNZIONALE AL SISTEMA PATTISTA ITALIANO,FARAGE E’ UN EFFICACE EUROSCETTICO.
-
31 MAGGIO 2014:HILLARY,SI HA SBAGLIATO.E DI BRUTTO
.
-TITOLARE SU LA STAMPA:esteri

La verità di Hillary: a Bengasi non ho sbagliato

paolo mastrolilli
Nel suo libro “Hard Choices” Clinton ricostruisce la notte in cui
fu ucciso l’ambasciatore americano. Più vicina la candidatura 2016
.
REAZIONE:SI HA SBAGLIATO:HA FATTO APPARIRE L’ATTACCO ALL’AMBASCIATA DI BENGAZHI COME UNA CASUALE AZIONE DI QUALCUN ISOLATO FANATICO MUSSULMANO FERITO PER PUBBLICAZIONI FATTE  A HOLLIWOOD(REO DI VOLERE PORTARE LA NUOVA ERA,LE TELECOMUNICAZIONI,AL POTERE COME REAGAN AVEVA FATTO PRIMA CON L’INDUSTRIA CINEMATOGRAFICA)E POSTATE SU INTERNET IN YOU TUBE,CHE SECONDO LEI NUOCEVANO LA SENSIBILITA DEGLI ISLAMICI SU MAOMETTO E IL CORAM QUANDO IN REALTA SI TRATTAVA DI UN ATTACCO TERRORISTICO PIANIFICATO PER COMMEMORARE L’ANNIVERSARIO DELL’ATTACCO ALLE TORRI.
E QUESTO NON E’ IL PEGGIO,SBAGLIAVANO,SAPEVANO DI SBAGLIARE E HANNO CONTINUATO CON OBAMA E LA RICE LA COMMEDIA EXPONENDO I PROPI AMERICANI E AMICI DISPOSTI A GIOCARSI LA VITA A BENGAZHI. RISULTARONO COPERTI I VERI COLPEVOLI DELL’ATTACO?
GRAVE,MOLTO GRAVE E OBAMA MERITA L’IMPEACHMENT E TUTTI QUANTI ESSERE PASSATI ALLA GIUSTIZZIA ORDINARIA PER TRADIMENTO ALLA PATRIA.
L’ISLAM NON FU RIDICOLIZZATO,E INTERNET,LE TELECOMUNICAZIONI,YOU TUBE E LA NUOVA ERA NULLA C’ENTRANO,ANZI………
PRESIDENZA NEL 2016?:NON C’E’ MIGLIORE DIFESA CHE UN BUON ATTACCO
.
LA NOTA COMPLETA:Esteri
31/05/2014
- dopo il pranzo di giovedì con obama un altro indizio verso la candidatura nel 2016

Clinton: a Bengasi non ho sbagliato

Nel libro “Hard Choices” ricostruisce la notte in cui fu ucciso l’ambasciatore Usa

AFP

Hillary Clinton è stata First Lady dal gennaio 1993 al gennaio 2001
Poi Segretario di Stato (ministro degli Esteri) dal gennaio 2009 al gennaio 2013

paolo mastrolilli
inviato a new york

Giovedì il pranzo segreto col presidente Obama; ieri il sito «Politico» che anticipa il capitolo su Bengasi del nuovo libro «Hard Choices», dove Hillary Clinton si difende dalle accuse più pericolose sul mandato da segretario di Stato. Hanno tutto il sapore di essere mosse da campagna elettorale, mentre l’amministrazione in carica perde pezzi con le dimissioni del portavoce Jay Carney, e quelle del segretario per gli Affari dei Veterani Shinseki, azzoppato dallo scandalo sulla cattiva assistenza sanitaria offerta ai reduci di guerra.

Giovedì Hillary ha pranzato con Obama, e nessuno lo avrebbe saputo, se una giornalista di «People» che poco prima era con lei non avesse inviato un tweet sbagliato, in cui diceva che la stava salutando perché non voleva che facesse tardi per l’appuntamento col presidente. Quel tweet è stato subito cancellato, ma ormai il genio era fuori dalla lampada, e tutti avevano saputo dell’incontro che la Casa Bianca aveva tenuto riservato. Il contenuto del colloquio è rimasto riservato, ma è ovvio supporre che abbia riguardato anche i progetti futuri dell’ex segretario di Stato, imbarazzando il vicepresidente Biden che finora non ha escluso di candidarsi lui stesso alla poltrona più alta nel 2016. Ieri, infatti, Obama ha dato un’intervista al programma televisivo «Live with Kelly & Michael», in cui ha garantito che sua moglie Michelle non scenderà mai in politica, e poi ha aggiunto: «Non so cosa deciderà Hillary, ma so che se si candidasse alla presidenza, sarebbe molto efficace. Siano amici, l’ho sempre ammirata». Una netta inversione di marcia, rispetto al 2008.

Nel frattempo la Clinton sta quanto meno preparando il terreno per la candidatura presidenziale, con il libro di memorie «Hard Choices» in uscita il 10 giugno. Non a caso la prima anticipazione riguarda il capitolo di 34 pagine dedicato all’attacco di Bengasi, in cui l’11 settembre 2012 venne ucciso l’ambasciatore americano in Libia Chris Stevens. È il più recente, e forse il più pericoloso scheletro nell’armadio di Hillary, che i repubblicani stanno già usando per azzopparla. I problemi sono due: primo, perché non era stato previsto e prevenuto l’assalto; secondo, perché il governo ha detto che era nato da un video offensivo verso Maometto, invece che dall’intenzione di terroristi legati ad al Qaeda di colpire gli americani. Hillary risponde che «non avevo visto le richieste di Stevens per ricevere più protezione, e pensavo che tutto il possibile fosse stato fatto». Quanto alle motivazioni, «è stata una combinazione di fattori: reazione al video, e assalto premeditato». All’inizio l’amministrazione ha citato solo il video perché questo aveva saputo dall’intelligence, ma Hillary ora si assume la responsabilità degli errori per poter guardare avanti.

http://lastampa.it/2014/05/31/esteri/clinton-a-bengasi-non-ho-sbagliato-zivvhFS4sx1VIS16RzdFPP/pagina.html

 REAZIONE:C’E’ QUALCOSA DI PEGGIO DELL’ERRORE…PERSEVERARE IN LUI:HILLARY INSISTE NELL’ATTACCO “CASUALE”:COME DIAVOLO SI FA A PIANAFICARE UN ATTACCO DI TALE PORTATA DOPO UNA SEMPLICE REAZIONE AL VIDEO?ALTRO CHE COMBINAZIONE,ALLORA C’E’ STATA UNA TRIPLICE COMBINAZIONE,IL VIDEO SU MAOMETTO,LA COMMEMORAZIONE ALL’ATTACO DELLE TORRI,E L’ATTACCO PER SE.NO,NON SONO COSE DELLA STESSA RILEVANZA DA METTERE SULLO STESSO PIANO UNA SEMPLICE REAZIONE AD UN SINGOLO VIDEO E UNA COMMEMORAZIONE COSI IMPORTANTE.NO,UN TALE ATTACCO FU PIANIFICATO ACCURATAMENTE CON MOLTO TEMPO DI ANTELAZIONE PROPIO PER COMMEMORARE L’11 SETTEMBRE,E MAI PUO SCATURIRE DI UNA CIRCOSTANZIALE REAZIONE AL VIDEO MALGRADO SIA STATO MASCHERATO DI UNA MANIFESTAZIONE DELLE MASSE CHE SCATURITA IN LIBIA HA DIVAMPATO IN TUTTO IL MONDO ARABO PER CONTAGIO.
E,BUONO E’ RICORDARLO,IL VIAGGIO DI PAPA BENEDETTO NEL MONDO MUSULMANO PROPIO IN QUEL MOMENTO ALTRO NON HA FATTO CHE GETTARE BENZINA SUL FUOCO……..
PD:PRANZO INSIEME E  APOGGIO ALLA CANDIDATURA?HILLARY NON SI DISTACCA DI OBAMA E IL MULTICULTURALISMO NON E’ COSA DEL PASSATO.
-
31 MAGGIO 2014:FILIPPETTI E ABRIL
.
-SOTTOTITOLO:NON PRENDERMI PER CULO
.
-SU LE MONDE:Style
avec M Le magazine du Monde
Marc Beaugé rhabille… Aurélie Filippetti

M le magazine du Monde | 30.05.2014 à 11h45 | Marc Beaugé (Chroniqueur – M le magazine)

Abonnez-vous
à partir de 1 € Réagir ClasserPartager facebook twitter google + linkedin pinterest
2014053145.0.1353943813filipetti
Aurélie Filippetti. | Peter Arkle pour M Le Magazine du Monde
Le job de ministre de la culture n’est jamais aisé en temps de coupes budgétaires mais, à l’heure du Festival de Cannes, il devient particulièrement complexe. Sur la Croisette, il convient à chaque instant d’arborer la toilette juste, permettant à la fois de respecter le protocole, de faire la promotion de la mode française et d’apparaître raisonnable dans ses dépenses vestimentaires. Il s’agit, aussi et surtout, d’éviter de finir dans les pages “oops” des magazines pour hommes, entre des actrices exhibant involontairement un téton ou un bout de string ou les deux en même temps. Tout cela, si possible, en ayant l’air crédible face aux beautés absolues montant les marches au même moment.

C’est ainsi, placée devant ce challenge aussi périlleux que l’ascension du mont Blanc en tongs et à cloche-pied, qu’Aurélie Filippetti fit le choix, à l’occasion de la projection du film de Bertrand Bonello, de porter un smoking. Accessoirisé d’un nœud en satin noir semblable au cross tie que portaient les cow-boys quand ils s’en allaient perdre leur argent au saloon, celui-ci apparut à première vue parfaitement consensuel. Car il était signé Yves Saint Laurent, instigateur du port du smoking par les femmes et sujet même du film de Bonello.

DOMINATION MASCULINE

Pour autant, ce smoking-là charriait un autre message, bien plus politique. Très semblable à ceux qu’arboraient ce soir-là Bonello ou Gaspard Ulliel, l’acteur principal du film, le smoking de la dame de Moselle vint rappeler la domination masculine sur le cinéma en général, et sur le Festival de Cannes en particulier. Car, comme l’avait dénoncé, quelques jours plus tôt, la présidente du jury Jane Campion, unique femme à avoir jamais remporté la Palme d’or (en 1993 pour La Leçon de piano), “seuls 7 % des 1 800 films soumis au Festival pour la Sélection sont réalisés par des femmes”. Ce qui est peu, convenons-en.

Ainsi, de la même façon que Patti Smith avait, un temps, fait de la cravate d’homme le symbole de son indépendance et de son insoumission à la domination mâle, Filippetti prit ici possession d’un totem masculin pour mieux affirmer sa féminité. Il n’est pas évident que la démarche de la ministre change grand-chose au fond du problème ; mais, d’un point de vue purement esthétique, satisfaisons-nous que la ministre n’ait pas suivi l’exemple de Victoria Abril. En 1997, celle-ci avait choisi d’affirmer sa féminité en montrant tout simplement ses fesses sur les marches.

Marc Beaugé (Chroniqueur – M le magazine)
Chroniqueur M le Magazine

http://www.lemonde.fr/le-magazine/article/2014/05/30/marc-beauge-rhabille-aurelie-filippetti_4427986_1616923.html

.
REAZIONE:ANCHE FILIPPETTI DOMINA NEL CINEMA…MEGLIO DI ABRIL
Immagine anteprima YouTube
-
31 MAGGIO 2014:MA..PER CHI MI PRENDI?
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
CAOS NEL PARTITO DOPO LA SCONFITTA ELETTORALE
Forza Italia, scoppia il caso Fitto: Lettera a Berlusconi: basta falsità

L’ex governatore: «Sono una risorsa»
E chiede la direzione in streaming

L’intervista di Fitto al Corriere: «Ora le primarie» di P. Di Caro

-E COSI SU LA REPUBBLICA:

Forza Italia, sulle primarie  è scontro Berlusconi-Fitto Il leader: "Basta dibattiti"

Forza Italia, sulle primarie,è scontro Berlusconi-Fitto

Il leader: “Basta dibattiti”

L’ex governatore replica: ‘Ipocrisie’

E chiede vertici in streaming

-

REAZIONE:HA RAGIONE FITTO,BERLUSCONI NON E’ MAI STATO PARTE DELLA SOLUZIONE MA DEL PROBLEMA.BERLUSCONI E’ DIVERSO DA NOI  OCCIDENTALI.

FEDE DI ERRATA:DOVE C’E’ SCRITTO “BERLUSCONI” SI DEVE LEGGERE “FITTO”.

31 MAGGIO 2014:BOX

-TITOLARE THE TELEGRAPH:

Carl Froch v George Groves: live build-up

Join Evan Fanning and Gareth A Davies at Wembley for build-up and the best round-by-round report of the biggest British fight for years

*Trainers key as camps aim last digs

*Froch v Groves: The tactics

TRADUZIONE:Carl Froch v George Groves:in vivo accumulo
Join Evan Fanning e Gareth Davies A a Wembley per l’accumulo e i migliori reporter round-per-round della più grande battaglia britannica per anni

*Allienatori chiavi:cno gli ultimi obiettivi in campo
*Froch v Groves: le tattiche

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

1 MAGGIO 2014:RENZI -4 MILIARDI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Monito della Ue: l’Italia tagli il deficit

Padoan: “Il lavoro? Renzi ha la ricetta magica”

Festival economia tweet

Crisi spiegata con i Beatlesvddi F. RAMPINI

Gli incontri - Liveblog- Guida – Speciale da Trento

dal nostro inviato LUCA PAGNI e di ALBERTO D’ARGENIO

REAZIONE:IL DEFICIT SONO 4 MILIARDI.SE HA LA RICETTA MAGICA INIZI A CAMMINARE SULL’AQUA.

-

1 GIUNIO 2014:LEGA,BERLUSCONI E ALFANO AVVOLTOI

-TITOLARE LA STAMPA:politica

Berlusconi a Fitto: basta polemiche sulle primarie
Gelmini gela Alfano / Salvini: io con Le Pen

ugo magri, francesca schianchi
Si riapre la partita delle alleanze dopo l’intervista del leader di Ncd.
L’ex premier contro il deputato. La replica: io risorsa, non problema
+  “Alfano: “Ora coalizione popolare con Berlusconi e la Lega” ugo Magri
-
REAZIONE:
1-BERLUSCONI ORMAI E’ CADAVERE POLITICO E NON PUO LIDERARE NE IL MILAN SE LA SUA SALUTE MENTALE GLIELO PERMETTESE,CHE NON GLIELO PERMETTE PIU.
2-ALFANO HA UNA STRANNA CONCEZZIONE DEL MODERATISMO:PRIMA HA CHIAMATO ESTREMISTI A QUELLI DELLA LEGA,ORA METTE GLI ESTREMISTI FUORI DEL PAESE IN FRANCIA,QUANDO L’UKRANIA ENTRI NELL’UE GLI ESTREMISTI SARANNO QUELLI DI KIEV E LE PEN POTRA FARE COALIZIONE MODERATA CON LUI, E QUANDO EUROPA FARA IL TRATTATO CON GLI USA GLI ESTREMISTI SARANNO GLI ALLIENI,E COSI VIA.
SI CAPISCE CHE NON VOGLIA RESTRE CHIUSO NEL CENTROSINISTRA SE SI VOTASSI CON IL PROPORZIONALE NE FUORI SE SI VOTASSI CON L’ITALICUM MA LUI NON E’ ADATTO A LIDERARE IL CENTRODESTRA QUANDO NE MENO LIDERA IL SUO MINISTERO,LUI RESTA UN OSSEQUENTE FUNZIONALE A BERLUSCONI E LA LEGA CHE E’ IL SUO RUOLO ATTUALE IN QUESTA LARGA INTESA GOLPISTA.ALFANO PER IL POPOLO ITALIANO NON E’ NESSUNO.
3-LA LEGA SOPRAVALUTA L’EFETTO LE PEN:LE PEN HA RACCOLTO QUELLI VOTI DIVENTANDO MINORIA MAGGIORE IN FRANCIA PERCHE HA PASSATO INFILTRATA FRA GLI EUROSCETTICI MA NON COME ALTERNATIVA DI POTERE NAZIONALE.PERO, VOTARE IN EUROPA NON E’ LO STESSO CHE VOTARE IN FRANCIA E  NON GOVERNERA MAI,TRA L’ALTRO PERCHE ADESSO UMP E SOCIALISTI SI SONO RAVVICINATI.E NON INCIDERA NE MENO NELL’EUROPA PERCHE SOLO POTRA FARA CAUSA COMUNE  CON QUESTA MINUSCULA LEGA IN VIA DI DISOLUZIONE,CON WILDER IL PERDENTE CANDIDATO ANTIEUROPA DI ULTRADESTRA DEI PAESI BASSI E NESSUN ALTRO EUROSCETTICO O PARTITO ISCRITTO.
4-TRISTE SPETTACOLO DEL CENTRODESTRA IN DISFATTA,AVVOLTOI CHE SI BUTTANO IN PICCATA SULLE MACERIE.IN ITALIA HA FINITO IL BIPOLARISMO,CONTINUANO A NON ESSERE VINCENTI NE CENTRODESTRA NE CENTROSINISTRA,FACCIANO I CONTI POLITICI CON LA VITTORIA DELLA NUOVA ERA NON MANICHNIO 2014:EISTA CHE MALGRADO IL COLPO DI PALAZZO,LE INTERNE DEL PD E LE EUROPEE RESTA VITTORIOSA COME SISTEMA POLITICO NAZIONALE.
-
1 GIUNIO 2014:SCALFARI,POLITICAMENTE SCORRETTO
.
-SU LA REPUBBLICA:
L’editoriale
Per fortuna Renzi ha vinto ma ci sono altri esami da superare
di EUGENIO SCALFARI
320 condivisioni

REAZIONE:IL GURU,VATE MASSIMO,L’IDEOLOGO DEL CENTROSINISTRA SCALFARI IN UN EDITORIALE CHE HO LETTO SOLO IN PARTE PERCHE NOIOSO,PIENO DI “DISONESTA INTELLETUALI” E CHE NON VI FACCIO VEDERE PER NON ANNOIARVI,O PEGGIO,PURE A VOI,A PUNTO DI PARTENZA DELLA LETTURA DEI DATI ELETTORALI PRATTICA UNA OPERAZIONE POLITICA TANTO PERFETTA CHE NON RISULTA CREDIBILE.E VUOLE FARCI CREDERE FRA ALTRE COSE CHE I VOTI IN PIU AVUTI DA RENZI NON PROVENGONO DA BERLUSCONI O IL CENTRODESTRA MA,GUARDA TU DOVE LI E’ ANDATO A SCOVARE,OLTRE A QUELLI DI GRILLO (IL VERO NEMICO!!!!!!!)DAL PROPIO PD CHE IN ANTERIORI VOTAZIONI ERANO ASTENZIONISTI,O DAI PIEDELLINI DI BERSANI ORA PENTITI.INSOMMA TANTO PER DIRE CHE CONTRARIAMENTE ALLA MIA PREDICA,CHI HA PERSO VOTI SONO BERSANI E IL PARTITO DEL NON-VOTO,E CIO’E’ PROPIO  QUELLO CHE HANNO VOTATO GLI ITALIANI NELLE RECENTI POLITICHE,E PER TANTO,4 E 4 8,I VOTI VALIDI SONO QUELLLI DELLE INTERNE PD E DELLE EUROPEE E NON QUELLI DELLE VERE ELEZIONI DEGLI ITALIANI.E PER GIUNTA,DOVEROSO DIRLO,LA NUOVA ERA VINCENTE ALLE POILITICHE E’ STATA “CORRETTA”.

SE NON FOSSE COSI PERFETTA,E CIO’E’ FATTA AD ARTE,QUESTA OPERAZIONE POLITICA POTREBBE PASSARE PER BUONA,PERO I FATTI SONO TESTARDI E A QUESTO DISONESTO IDEOLOGO DELLA SINISTRA MARSISTA DOBBIAMO RICORDARLI ORA CHE LE COSE NON STANNO PROPIO COSI E CHE IL PD E’  SPACCATO FRA BERSANIANI,I COSIDETTI PD “IN MINORANZA”,CHE NON ACETTANO ALLEANZE CON IL NEOLIBERALISMO DI BERLUSCONI E COMPAGNIA BELLA,E RENZIANI(TROZTCHISTI?). I BERSANIANI CI LA STANNO METTENDO TUTTA.E DI CERTO RENZI NON DURA.E IO MI LO AUGURO NON PER BERSANI CHE LA NUOVA ERA NON FA POLITICA MA PER LA DEMOCRAZIA,LA COSTITUZIONE,LA VERITA E CONTRO IL NEOLIBERALISMO:AVANTI TUTTA.
E L’INDISCUSSO SCALFARI SCUSI L’IRREVERENZA DI DISMISTIFICARLO:LUI NON E’ LA GUIDA SPIRITUALE DELLA NUOVA ERA MA DEI BANDITI DA LEI.
-
2 MAGGIO 2014:PETROLEO E UKRANIA
MercoPress - South Atlantic News Agency

Montevideo, June 2nd 2014 – 06:38 UTC
Exxon, BP defy White House and extend partnership with Russia
”(They're) eager to continue work on projects in Russia,” Russia's Energy Minister Novak said of ExxonMobil and Shell

Several of the largest oil companies in the world are doubling down in Russia despite moves by the West to isolate Russia and its economy. ExxonMobil and BP separately signed agreements with Rosneft – Russia’s state-owned oil company – to extend and deepen their relationships for energy exploration.

TRADUZIONE:Exxon, BP sfidano la Casa Bianca ed estendono il partenariato con la Russia
“(Sono) desiderosi di continuare a lavorare su progetti realizzati in Russia,” ha detto Novak il  ministro dell’Energia della Russia su ExxonMobil e Shell.
Molti dei più grandi aziend  petroliferi nel mondo stanno raddoppiando giù in Russia, nonostante le iniziative da parte dell’Occidente per isolare la Russia e la sua economia. ExxonMobil e BP firmano separatamente accordi con Rosneft – compagnia petrolifera statale della Russia – per ampliare e approfondire le loro relazioni per l’esplorazione di energia.
.
REAZIONE:COSI MENTRE SCATTA IL TAGLIO DEL GAS RUSSO A UKRANIA
-
–APPENDICE SU THE WASHINGTON TIMES:OBAMA CONTRO IL CARBONO
-TITOLARE:
EPA eyeing 30 percent emissions cut for power plants

By Ben Wolfgang – The Washington Times

Having failed to ram a key piece of his climate agenda through Congress in 2010, President Obama on Monday will endorse far-reaching new restrictions on carbon pollution widely expected to push states to embrace cap-and-trade-style systems.

*Photo Gallery: Eye-popping excuses in American political scandals

*ISTOOK: Obama to claim credit for economy-killing EPA plan

TRADUZIONE:
EPA guarda per i 30 per cento delle emissioni tagliati alle centrali elettriche
By Ben Wolfgang – The Washington Times
essendo riuscito a speronare un pezzo chiave della sua agenda sul clima attraverso il Congresso, nel 2010, il presidente Obama il Lunedi sosterrà nuove restrizioni in materia di inquinamento di carbonio ampiamente attesi per spingere gli Stati ad abbracciare i sistemi di cap-and-trade stile
.
*Galleria Foto:. scuse Eye-popping in scandali politici americani
*ISTOOK: Obama chiede un credito per economia uccidendo piano EPA
.
-E COSI SU BBC:News

Coal-fired plant in Kansas, March 2014

Obama to unveil curbs on coal power
US President Obama is to unveil new rules for coal-burning power plants aimed at dramatically cutting emissions that contribute to global warming
TRADUZIONE:News
Impianto a carbone in Kansas, marzo 2014
Obama svela norme sull’energia del carbone
Presidente degli Stati Uniti Obama ha di svelare nuove regole per le centrali elettriche a carbone volti a ridurre fortemente le emissioni che contribuiscono al riscaldamento globale.
.
REAZIONE:L’OPPOSIZIONE ACCUSA OBAMA DI SCORAGGIARE L’INDUSTRIA PETROLIFERA CHE HA PRODOTTO LE PIU IMPORTANTI E SICURI GUADAGNI DELL’AMMINISTRAZIONE
-
2 MAGGIO 2014:”IL PAESE PRODUTTIVO NON SI E’ MAI FERMATO
.
-TITOLARE GOOGLE NEWS:”
.
Redazione ANSA GENOVA 02 giugno 201409:10 News
ANSA.it Liguria:Bagnasco,vicenda Carige non è Genova vera
.
Presidente Cei, non scoraggiamoci davanti al male
 (foto: ANSA)
(ANSA) – GENOVA, 1 GIU – “Non è quella la Genova vera”. Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, commentando la vicenda Carige durante il tradizionale pellegrinaggio del mondo del lavoro al santuario della Madonna della Guardia. “La Genova vera è quella che vediamo oggi rappresentata – ha detto Bagnasco -, è la gente semplice che vive con con dignità seppur con grande difficoltà.
Non dobbiamo scoraggiarci di fronte al male, vero o presunto che sia”.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
.
http://www.ansa.it/liguria/notizie/2014/06/01/bagnascovicenda-carige-non-e-genova-ver_38e0da4e-f471-416d-b1b0-2aac0487f0d9.html
.
REAZIONE:L’HO DETTO PRIMA “IL PAESE PRODUTIVO NON SI E’ MAI FERMATO MALGRADO IL TRISTE SPETTCOLO DI CORRUZIONE E POCO EDIFICANTI LOTTE DI POTERE NEL SISTEMA POITICO.E IL VERO ITALIANO E’ QUELLO CHE SI IL LUNEDI MATTINA SI ALZA SENZA PROTESTARE.
BENE BAGNASCO,BENE LA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA E…E BENE LA MADONNA………..
ORMAI E’ OVVIO CHE CI SONO DUE CHIESE NEL VATICANO.
Immagine anteprima YouTube
-
2 GIUNIO 2014:A REY MUERTO REY PUESTO

L'Huffington Post

-TITOLARE :FOTO

Il re di Spagna abdica: la notizia sui siti di tutto il mondo

Juan Carlos
Commenti

Dopo 40 anni Re Juan Carlos lascia il trono di Spagna

Juan
Discorso alla Nazione. Ora tocca al figlio, Felipe VI: “È pronto per regnare”
Commenti (8)Esteri
REAZIONE:FELIPE HA PRESO IL TRONO
-
2 GIUNIO 2014:ALITALIA,OCCHIO CONTRO-OFFENSIVA LOW COST
.
-SU LA STAMPA:TORINO,01/06/2014

Indagato il pilota per il ghiaccio del Torino-Napoli

L’indagine nata dalla denuncia di un passeggero
lodovico poletto

Vi ricordate il caso dell’aereo Alitalia che ha volato da Torino a Napoli con una grossa chiazza di ghiaccio su una delle ali? E che un passeggero terrorizzato aveva fotografato, segnalando qualche giorno dopo tutta la vicenda alla magistratura torinese?

Ecco, per quella vicenda, adesso c’è anche un primo indagato. Si tratta del pilota dell’Airbus accusato di aver violato un articolo del codice della navigazione. Il pm Raffaele Guariniello che, qualche mese fa, aveva aperto l’inchiesta adesso vuole vederci chiaro su questa storia. Nata quasi per caso.

Il passeggero curioso

Tutto ha inizio quando un imprenditore torinese, Maximilian Cappa, alzando gli occhi dal suo tablet mentre era in volo verso Napoli, la mattina del 13 febbraio dello scorso anno, aveva notato del ghiaccio sull’ala destra dell’aereo, un A320. E si era, giustamente, allarmato.

Aveva chiesto spiegazioni all’equipaggio, quindi con il suo Iphone aveva scattato alcune immagini. Poi, però, dopo le risposte più o meno evasive ottenute dal personale, aveva deciso di rivolgersi alla magistratura. Il fascicolo era quindi finito sul tavolo del pm Raffaele Guariniello che aveva immediatamente interessato Alitalia, la compagnia che gestisce il volo. La domanda era una soltanto: potevano davvero essere pericolose quelle placche di ghiaccio sull’ala, all’altezza dei flap?

Risposte mancate

La prima risposta giunta dalla compagnia aerea era tranquillizzante, certo. Specialmente perchè parlava di difetti di verniciatura. Niente ghiaccio, dunque, ma un problema di colorazione. Come dire: era tutto soltanto un gigantesco abbaglio del passeggero troppo apprensivo. Poi, però, l’imprenditore ha tirato fuori dal suo Iphone quella raffica di immagini, le ha consegnate agli investigatori e la situazione si è capovolta. Il magistrato, a scanso di equivoci, ha richiesto una perizia. Era oppure non era ghiaccio? Si trattava davvero di vernice saltata oppure era una formazione dovuta a condizioni atmosferiche particolari? O peggio, a problemi dovuti al deicing a terra? La riposta dei tecnici arriverà nel giro di poche settimane.

La compagnia aerea

Alitalia, per ora, non replica nè sulla vicenda nè sui recenti sviluppi di carattere giudiziario. E, dunque, resta valido quanto aveva detto subito dopo che La Stampa aveva raccontato per la prima volta di questa indagine: «Esistono procedure da rispettare per il ghiaccio e garantiscono la massima sicurezza. Quel giorno sono state effettuate come sempre, il bollettino meteo non prevedeva possibilità di ghiaccio». Niente di più niente di meno. Insomma, staremo a vedere.

Il passeggero

E cosa dice Maximilian Cappa, il passeggero che ha fatto partire l’inchiesta? Per il momento il suo unico commento è: «Vediamo cosa succede. Io quel giorno mi ero soltanto fatto delle domande. Paura? L’ho sempre detto: alzi la mano chi è che non l’avrebbe avuta?» Niente di più sacrosanto.

http://lastampa.it/2014/06/01/cronaca/indagato-il-pilota-per-il-ghiaccio-del-torinonapoli-n7ZI5IPK33Qb13pgiouv9J/pagina.html
.
REAZIONE:QUESTA AZIONE DEVE VEDERSI SOLO COME UNA CONTRO-OFFENSIVA DELLE COMPAGNIE LOW COST CHE DANDO UN MALO E INSICURO SERVIZIO SI HANNO VISTO ULTIMAMENTE DECIMATE IN TUTTO IL MONDO CIVILIZZATO E SE NE SONO DOVUTO ANDARE AD OPERARE IN AFRICA DOVE ANCORA NON LI CONOSCONO BENE,DOPO LE MIE SCRITTI IN QUESTI PUBBLICAZIONI.LA GIUSTIZZIA DEVE VEDERE QUESTA DENUNCIA COME UNA MANOVRA IN QUESTO SENSO E NON PIU.
-
2 GIUNIO 2014:CONCRETAMENTE A RENZI

L'Huffington Post

-TITOLARE :RENZI RIMANDATO A SETTEMBRE

- Nelle raccomandazioni la Commissione Ue chiede all’Italia “sforzi aggiuntivi” nel 2014, ma dà tempo al Governo di dimostrare che le sue politiche funzionano. Si vedrà nei prossimi mesi se servirà una manovra. Rehn: “Monitereremo le riforme”

ECCO LE RACCOMANDAZIONI EUROPEE ALL’ITALIA (DOCUMENTO)

REAZIONE:LA LINEA DEL RIGORE IN EUROPA NON SI FERMA PER IL “SUCCESSO”(?) DI RENZI ALLE EUROPEE(IN ITALIA PERO).E NE MENO IL SENTIMENTO DI “FORTEZZA OSTEGGIATA” DI RENZI:IMPARI DI GIOVANE AD ESSERE RISPONSABILE,I CONTI SI PAGANO.L’EUROPA LI DA LA MANO,MA A SETTEMBRE NON VENGA A DIRE CHE L’INTERVALLO ESTIVO LI HA IMPEDITO FARE CIO CHE DEVE FARE.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 118 »

27 maggio 2014
0

27 MAGGIO 2014:PUNIRE I COLPEVOLI DI ABUSI SESSUALI A BAMBINI

26 Mag 2014 Ultimo aggiornamento alle 23:53 ET

Papa incontrera vittime di abusi sessuali in Vaticano

Papa Francesco va parlando ai giornalisti sulla via del ritorno dal Medio Oriente

Papa Francis ha annunciato che incontrerà un gruppo di vittime di abusi sessuali il mese prossimo dopo aver confrontato il “brutto crimine” con l’esecuzione di “una messa satanica”.

Parlando dopo il suo tour in Medio Oriente, il Papa Francis ha detto che mostrera tolleranza zero per chiunque nella Chiesa cattolica romana  abusa dei bambini.

“L’abuso sessuale è un crimine del genere brutto … perché un prete che fa questo tradisce il corpo del Signore”, ha detto.

Il Papa, 77 anni, ha parlato ai giornalisti per quasi un’ora sul suo volo per Roma.

La BBC Jeremy Bowen, che ha viaggiato con il pontefice, ha detto che molti cattolici saranno felici di sapere che il Papa Francesco di prendere una posizione ferma.

Ma non è ancora chiaro se la politica di tolleranza del Papa a zero si estenderà ai vescovi che sono accusati di chiudere un occhio ad abusi da parte dei sacerdoti nelle loro diocesi.

Papa Francesco stringe la mano con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, come si parte a Ben Gurion International Airport - 26 26 maggio 2014

Il Papa è stato festeggiato da entrambi israeliani e palestinesi durante la sua visita in Medio Oriente

Papa Francesco ha detto che avrebbe incontrato otto vittime e il cardinale Sean Patrick O’Malley, che è a capo di una commissione istituita dal Vaticano per indagare sui crimini sessuali commessi da sacerdoti e alle cure per le vittime.

Il Cardinale O’Malley ha detto il mese scorso che raccomanderà che i chierici negligenti saranno ritenuti responsabili indipendentemente dal loro rango nella Chiesa – una mossa su che i gruppi delle vittime hanno premuto il Vaticano.

Il Papa è sotto pressione per agire dopo che l’Onu ha recentemente pubblicato un rapporto che accusa il Vaticano di mettere sistematicamente la “salvaguardia della reputazione della Chiesa sopra della protezione delle vittime.”

In precedenza il Lunedi, il Papa ha chiesto la fine di intolleranza religiosa nel corso di una messa a Gerusalemme presso la sala dove i cristiani credono che Gesù tenne l’Ultima Cena.

Papa Francesco mette una busta dentro le pietre del Muro del Pianto a Gerusalemme - 26 Maggio 2014

In precedenza il Lunedi, il Papa ha visitato il Muro del Pianto a Gerusalemme e ha incontrato sopravvissuti all’Olocausto

Ha visitato i più importanti luoghi sacri per i musulmani e gli ebrei nella città vecchia di Gerusalemme l’ultimo giorno del suo viaggio in Medio Oriente.

Il pontefice è stato festeggiato da Israele e i palestinesi, e ha invitato i loro presidenti al Vaticano.

Entrambi,di Israele Shimon Peres e il leader palestinese Mahmoud Abbas hanno dato una risposta positiva.

Ma Papa Francesco ha cercato di sminuire l’importanza del suo invito, dicendo che non era qualificato per essere un mediatore e che erano necessari negoziati veri e propri per un accordo di pace.

“Stiamo arrivando solo a pregare, poi ognuno va a casa”, ha detto. “Ma penso che la preghiera è importante:. Pregare insieme”

Il nostro corrispondente dice che la visita del Papa alla regione avrà reso più consapevole della politica aggrovigliate di pacificazione.

Più su questa storia

-Jeremy Bowen, BBC News, Roma

Sull’aereo di ritorno a Roma, il Papa Francesco disse che l’abuso sessuale dei bambini da parte di sacerdoti era così male come l’esecuzione di una scandalosa Messa satanica che coinvolgono sacerdoti che abusano sessualmente dei bambini e in altri modi hanno causato enormi danni al cattolicesimo.

I laici potrebbero dire che la pedofilia è in realtà molto peggio di un rito satanico,ma per un papa confrontare i crimini effettuati da preti cattolici con l’ adorazione dei conteggi el diavolo e’ una retorica forte.

Il Papa sta dicendo quello che molti cattolici che sono stati inorriditi da ripetuti scandali di abusi sessuali su minori vogliono sentire. Ma lui dovrà seguire le sue parole con le azioni, se vuole smettere di scandali che fanno più danni alla chiesa.

Per il suo impegno di tolleranza zero deve indicare tutto ciò che si fara alla fine, devono punire i colpevoli,e anche di quelli superiori nella gerarchia cattolica,anzi che coprire quello che hanno fatto.

2-Chiesa cattolica,scandali di abusi

Germania – Un sacerdote, chiamato solo come Andreas L, ha ammesso nel 2012,per 280 conti di abusi sessuali che coinvolgono tre ragazzi per oltre un decennio

Stati Uniti – Le rivelazioni sugli abusi nel 1990 da due sacerdoti di Boston, Paul Shanley e John Geoghan, ha causato indignazione pubblica

Belgio – Il vescovo di Bruges si dimise nell’aprile 2010 dopo aver ammesso di aver abusato sessualmente di un ragazzo per anni

Italia - La Chiesa cattolica in Italia ha ammesso nel 2010 che circa 100 casi di preti pedofili erano stati segnalati in 10 anni

Irlanda - Un rapporto del 2009 ha rilevato che l’abuso sessuale e psicologico era “endemico” nelle scuole industriali gestitedai cattolici per la maggior parte del 20 ° secolo

3-CITAZIONE:Perche il suo impegno di tolleranza zero non significchi nulla Papa Francesco dovra, alla fine, punire i colpevoli ”

Jeremy Bowen BBC News

http://www.bbc.com/news/world-europe-27583474

REAZIONE:

1-IMPOSSIBILE DIRE CHE LA PEDOFILIA CLERICALE E’ QUALCOSA ISOLTA E CASUALE.

2-IMPORTANTE INIZIATIVA PER EVITARE EVENTUALI ESTREMISMI,CIO CHE STUPISCE E CHE NON SIA FATTA PRIMA.MA NON PRETENDE SOSTITUIRE LE MEDIAZIONI DI KERRY.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-E COSI IN ITALIA

Immagine anteprima YouTube

-

27 MAGGIO 2014:TORNA IL SIDA?

Consulenzabenessere.com

Ritorna rischio pandemia Aids

Ritorna rischio pandemia Aids. La scoperta di ceppi di virus resistenti ai farmaci fa gridare ad un rischio pandemia. I ricercatori temono che tutti i progressi degli ultimi 20 anni possano essere annulati in breve tempo con una nuova diffusione del virus del Hiv nei prossimi 20 anni.

Ritorna rischio pandemia Aids, la comunità dei ricercatori richiede la sperimentazione di nuovi farmaci. E’ il professor Jeremy Farrar direttore di una delle più importanti fondazioni di ricerca, la Wllcome Trust, a lanciare dalle colonne dell’Independent l’allarme. Il nuovo virus dell’Aids, infatti, sembrerebbe molto più resistente ai farmaci, che muta velocemente e facilmente. Le terapie in corso, si teme almeno il 20%, falliscono poichè i pazienti non assumono con regolarità i farmaci prescritti contribuendo alla diffusione dei contagi.

virus_aids1

Entro il 2018 serviranno nuovi fondi per la ricerca e per la sperimentazione, in particolare servono studi sui marcatori immunologici e virologici del virus. Il rischio è una pandemia Aids con il suo culmine entro il 2040.

http://consulenzabenessere.com/7232/ritorna-rischio-pandemia-aids

REAZIONE:IN QUANTO MEDICO,BENE ALLERTARE ED EDUCARE LA POPOLAZIONE MA ATTENTI A ESSAGERAZIONI.L’ALLARMA INGIUSTIFICATA POTREBBE DIFFONDERE PANICO IRRAZIONALE FRA UNA MASSA CHE NON HA PERCHE SAPERE DI QUESTE COSE E TORNARSI IN TERRORISMO MEDICO MEDIATICO.

-

28 MAGGIO 2014:SE NE VA BERGOGLIO?

Speciali

Il Papa: Ratzinger aperto via Papi emeriti, non sarà unico

Pedofilia come le messe nere: tolleranza zero, niente privilegi

Fausto Gasparroni

7 maggio 20145:2

Papa Francesco a bordo dell'aereo che lo riporta a Roma (foto: EPA)

Papa Francesco a bordo dell’aereo che lo riporta a Roma (foto: EPA)RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

La considerazione che Benedetto XVI “ha aperto la porta ai Papi emeriti” e “non sarà l’unico”; la “tolleranza zero” sulla pedofilia dei preti, paragonata alle “messe nere”; l’annuncio di una messa a Santa Marta con le vittime degli abusi; la conferma della “regola” del celibato dei preti; la previsione che nella Chiesa “gli scandali ci saranno sempre”, anche se bisogna fare di tutto “per limitarli”. E’ stata una conversazione ad ampio raggio la conferenza stampa di papa Francesco sul volo di ritorno dalla Terra Santa: al termine di tre giorni definiti “massacranti” dal portavoce vaticano padre Federico Lombardi, il Pontefice non si è risparmiato concedendosi generosamente alle libere domande dei giornalisti al seguito.

BENEDETTO XVI HA APERTO LA PORTA DEI PAPI EMERITI
“Un vescovo di Roma che sente le forze venire meno deve farsi le stesse domande di Benedetto XVI”, ha detto Papa Francesco. Per lui Ratzinger “è un’istituzione: 70 anni fa i vescovi emeriti non esistevano, oggi sono tanti. Si vive più a lungo. Cosa succederà con i Papi emeriti? Lui ha aperto una porta, ed è la porta dei Papi emeriti: cosa succederà non possiamo dirlo, Dio lo sa, ma la porta ora è aperta”. Alla domanda dei giornalisti se lui stesso, nel caso dovesse sentire venir meno le forze, farebbe la stessa scelta di Benedetto XVI, Bergoglio ha risposto: “Farò quello che il Signore mi dirà di fare: quindi pregare e cercare la volontà di Dio. Credo che Benedetto XVI non sia un caso unico”.

PEDOFILIA COME LE MESSE NERE
“La pedofilia è un problema grave. Un sacerdote che fa questo tradisce il corpo del Signore, come nelle messe nere”, ha detto il Papa, annunciando che sugli abusi “non ci saranno privilegi”, “non ci saranno figli di papà”. “Oggi ci sono tre vescovi sotto indagine e si sta studiando la pena: si deve andare avanti, tolleranza zero”. Bergoglio ha anche rivelato che la prossima settimana, il 6 o il 7 giugno, celebrerà a Santa Marta una messa con un gruppo di otto vittime della pedofilia provenienti da vari Paesi, tra cui Germania, Inghilterra, Irlanda, accompagnate dal card. O’Malley, cui seguirà un incontro in Vaticano.

“CELIBATO PRETI DONO A CHIESA, LO APPREZZO”
“Il celibato sacerdotale non è un dogma di fede, ma una regola di vita che io apprezzo tanto: un dono per la Chiesa”, ha affermato Francesco. “Per una discussione ci sono le porte aperte – ha aggiunto – ma in questo momento sono altri i temi sul tappeto”.

INCONTRO PERES-ABU MAZEN SARA’ DI PREGHIERA
“L’incontro in Vaticano sarà un incontro di preghiera, non servirà per fare una mediazione. Ci riuniremo a pregare. Poi ognuno tornerà a casa”, ha spiegato papa Francesco in merito all’incontro di pace con il presidente israeliano Shimon Peres e quello palestinese Abu Mazen, da lui invitati in Vaticano. “Ci sarà un rabbino, un islamico, ci sarò io”, ha sottolineato. “Ho chiesto al custode di Terra Santa – ha aggiunto – di organizzare le cose pratiche”.

BEATIFICAZIONE PIO XII FERMA PERCHE’ NON C’E’ MIRACOLO
La causa di beatificazione di Pio XII “è aperta, io mi sono informato, ma ancora non c’è nessun miracolo. Se non ci sono miracoli non possiamo andare avanti”. “Dobbiamo guardare alla causa nella sua realtà – ha spiegato Bergoglio – ed è questa: non ci sono miracoli, quindi non può andare avanti”.

SCANDALI NELLA CHIESA CI SARANNO SEMPRE, MA LIMITARLI
“Gesù ha detto che è inevitabile che ci siano scandali: nella Chiesa ci saranno, il problema è evitare che ce ne siano di più”. Francesco “nella conduzione economica” della Chiesa ha auspicato “onestà e trasparenza” e la riforma dei dicasteri economici, con la creazione della Segreteria per l’Economia, “serve anche a questo”. “Ma contraddizioni ci saranno, perché siamo peccatori. ‘Ecclesia semper reformanda est’”. Bergoglio ha sottolineato che “per esempio allo Ior sono stati chiusi 1.600 conti di persone che non ne avevano diritto”. Ha comunque avvertito che la vicenda del “buco” di 15 milioni di euro nel bilancio Ior per un’operazione in obbligazioni convertibili a favore della Lux Vide voluta dal card. Bertone “è sotto studio, non è chiara. Quale sia la verità non è ancora definito, ma sotto studio”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/wp-admin/post.php?post=2141&action=edit

REAZIONE:PARLANDO “ITAGNOLO” IL PAPA HA DETTO CHE FORSE BENEDETTO XVI NON SARA L’UNICO PAPA EMERITO.ASCOLTA:

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE SU LA REPUBBLICA:

27 maggio 2014

Ansaldo: “Bergoglio non ha escluso di essere prossimo papa emerito”

Pedofilia tra i sacerdoti, la riforma della Curia, i sacramenti per i divorziati. Papa Francesco, a bordo dell’aereo che lo riportava in Vaticano dalla Terra Santa, ha affrontato i temi più scottanti che toccano oggi la Chiesa, compreso il celibato dei preti. Poi ha annunciato: “Se non ce la farò a proseguire, seguirò la strada aperta da Benedetto XV, quella dei papi emeriti”. Il commento di Marco Ansaldo

http://video.repubblica.it/dossier/il-nuovo-papa/ansaldo-bergoglio-non-ha-escluso-di-essere-prossimo-papa-emerito/167267/165754?ref=HREC1-9

-

28 MAGGIO 2014:MIRACOLO

SU CORRIERE DELLA SERA:REGNO UNITO

Il lato B di Kate pubblicato dai tedeschi fa arrabbiare gli inglesi

Il tabloid Bild mette on line uno scatto “nudo” della duchessa di Cambridge durante il viaggio con il principe William in Australia e Nuova Zelanda. E scoppia la polemica

(bild.de) (bild.de)shadow

A giudicare dalle reazioni della stampa britannica, viene quasi il sospetto che l’oltraggio alla corona di cui viene accusata la Bild non sia dovuto solo alla pubblicazione dello scatto malandrino della tonicissima natica (quasi) nuda di Kate Middleton, immortalata durante il viaggio ufficiale con il principe William in Australia e Nuova Zelanda del mese scorso, ma anche all’ardire di metterla a confronto con i «derrière» assai più voluminosi di Kloe e Kim Kardashian. A scattare la foto della discordia è stata una fotografa amatoriale australiana – tale Diane Morel – bravissima nel catturare la chiappa reale nel momento in cui un’impertinente folata di vento alzava il vestitino bianco e navy di Kate mentre si accingeva a salire sull’elicottero insieme con il marito, dopo la visita alle Blue Mountains.

shadow carousel
Il vento soffia sotto la gonna, gli incidenti sexy di Kate MiddletonIl vento soffia sotto la gonna, gli incidenti sexy di Kate MiddletonIl vento soffia sotto la gonna, gli incidenti sexy di Kate MiddletonIl vento soffia sotto la gonna, gli incidenti sexy di Kate MiddletonIl vento soffia sotto la gonna, gli incidenti sexy di Kate Middleton

Già la scorsa settimana il Daily Star aveva rivelato che la scabrosa immagine (dove in effetti la Middleton sembra essere senza biancheria intima) era stata offerta a numerose riviste Down Under, che però l’avevano rifiutata, considerandola «l’ennesima invasione alla privacy della Duchessa da parte dei paparazzi», come avevano spiegato i responsabili di Australian Women’s Weekly. Scrupoli morali che però alla Bild non si sono fatti, decidendo di piazzare la foto incriminata (e pare lautamente pagata) non solo nell’edizione domenicale, ma anche sul sito online, affiancandola in questo caso a quelle dei posteriori extra-large delle Kardashian (con Kloe definita «la nuova Pippa» per la foto postata su Instagram al matrimonio fiorentino della sorella, dove la si vede con l’abito da damigella bianco). Ma se già la foto ha disturbato non poco i sudditi di Sua Maestà (anche ai tabloid dell’isola era stata offerta, ma nessuno se l’è sentita di pubblicarla per non offendere la famiglia reale), a far alzare più di un irato sopracciglio britannico sono state la didascalia aggiunta dal giornale tedesco – «Kloe, Kim e Kate: i sederi che hanno circolato in questi giorni» – come pure la chiosa finale che ringraziava l’elicottero «per aver creato il vento che ci regalato quell’intima visione». «È una mossa tipica dei tedeschi – ha tuonato Ingrid Seward, direttore del magazine Majesty sul Sun – perché loro amano tutto ciò che a che fare con la nudità, soprattutto se riguarda un membro della Famiglia Reale o una celebrità. Ricordo che anni fa pubblicarono un’immagine frontale di Carlo con l’accappatoio aperto».

Al di là dell’affronto a mezzo stampa e dell’opportunità o meno di pubblicare la foto in questione (problema che si era già posto anche a febbraio dello scorso anno, quando Chi dedicò un servizio alla vacanza di Kate e William a Mustique, con lei in bikini e in dolce attesa, e ancora prima a settembre del 2012, quando la Middleton in topless finì in copertina sul francese Closer e lei e William fecero causa), non è però la prima volta che Kate viene beccata con le gonne al vento in stile Marilyn. A ricordarle gli imbarazzanti precedenti ci ha pensato il Mirror spiegandole anche che basterebbe fare come la Regina Elisabetta e cucire dei semplici pesi da tenda all’interno dell’orlo delle gonne per evitare che queste si alzino. Che sia la volta buona che la Middleton segua il consiglio?

7 maggio 2014 | 15:22,© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.corriere.it/esteri/14_maggio_27/bufera-corte-folata-vento-mostra-lato-b-kate-4e0902b4-e59f-11e3-8e3e-8f5de4ddd12f.shtml
-
REAZIONE:SOLO UN MIRACOLO PUO PERMETTERVI VEDERE IL LATO B DELLA NOUVELLE MOGLIETTINA REGALE SENZA ROBA INTERIORE.
PD:ANCHE LE RIVISTE DI  BERLUSCONI IN FRANCIA CI ERANO RIUSCITI:QUERELLATI E RETIRATI LE PUBBLICAZIONI.
Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube
.
28 MAGGIO 2014:”COMPLOTTO” CAMPATO PER ARIA

SUL CORIERE DELLA SERA:

dopo il libro di Geithner

«Complotto» contro Berlusconi

La procura di Roma indaga

Aperta un’inchiesta a seguito delle denunce di Biancofiore (Forza Italia) e di un’associazione: «Identificare i funzionari Ue che avevano preparato il piano»,di Lavinia Di Gianvito

Roma
L’ex ministro del Tesoro Usa Timothy Geithner (AFP)
L’ex ministro del Tesoro Usa Timothy Geithner (AFP)
shadow

ROMA – C’è stato nell’autunno del 2011 il «complotto» per spodestare Silvio Berlusconi? E, se c’è stato, chi l’ha ideato? E chi l’ha realizzato? Domande che oggi non appartengono più soltanto alla sfera della politica (e della storia): perché la procura di Roma ha aperto un’inchiesta che punta proprio ad accertare se al G20 di Cannes – come racconta nel suo libro di memorie l’ex ministro del Tesoro Usa Timothy Geithner – davvero furono poste le basi per cambiare il governo in Italia.

«Attentato agli organi costituzionali»

Il fascicolo per ora è un «atti relativi», cioè senza ipotesi di reato né indagati. La procura l’ha aperto in seguito alle denunce della parlamentare di Forza Italia Michaela Biancofiore e dell’associazione Tribunale Dreyfus, in questo secondo caso a firma dell’avvocato Walter Biscotti e del giornalista Arturo Diaconale. Secondo la deputata azzurra, il «golpe» raccontato da Geithner ha tre profili di carattere penale: è un attacco all’indipendenza dello Stato, un’usurpazione del potere politico e un attentato agli organi costituzionali. Analoghe le argomentazioni del Tribunale Dreyfus, per il quale l’asserito «complotto» ha anche leso i diritti politici dei cittadini e ha violato la legge che punisce le associazioni segrete.

«Identificare i funzionari Ue»

Sia Biancofiore, sia Biscotti e Diaconale chiedono innanzitutto agli inquirenti di identificare i funzionari europei che, nelle memorie dell’ex ministro americano, sono additati come gli autori delle pressioni anti-Berlusconi. Geithner infatti racconta che in quel drammatico autunno 2011, quando l’euro era a un passo dal baratro, furono proprio alcuni «european officials» a proporgli un piano per far cadere l’allora premier italiano. «Volevano che noi rifiutassimo di sostenere i prestiti del fondo monetario all’Italia, fino a quando non se ne fosse andato», ha scritto l’ex ministro Usa. Una richiesta che non solo Geithner, ma anche Obama, giudicò inaccettabile.

«Arrivare al Quirinale»

Soddisfazione in Forza Italia per l’apertura dell’inchiesta. «L’apertura delle indagini – sottolinea Biancofiore – è un esempio di buona e corretta giustizia. Evidentemente la procura ha ravvisato gli estremi penali relativi alle azioni dei funzionari europei che volevano “macchiarsi del sangue di Berlusconi” (la frase è attribuita a Obama, ndr) e quindi, aggiungo io, degli italiani». «Molto bene l’inchiesta – aggiunge Daniela Santanchè – Mi auguro che adesso i giudici vadano avanti e abbiano il coraggio, se serve, di varcare anche il portone del Quirinale».27 maggio 2014 | 18:44,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/14_maggio_27/procura-complotto-contro-berlusconi-e577a178-e5b3-11e3-8e3e-8f5de4ddd12f.shtml

.

REAZIONE;DA QUANTO DETTO DA GEITHNER SOLO UNA MENTE AFFIEVOLTA COME QUELLA DI BERUSCONI PUO DEDURRERE CHE C’E’ STATO UN COMPLOTTO.BERLUSCONI HA RINNUNCIATO PERCHE LA SUA SITUAZIONE SI HA TORNATO INSOSTENIBILE.I MERCATI UN GIORNO SI E L’ALTRO ANCHE LO SFIDUCIAVANO E IL PAESE SCIVOLAVA NEL PRECIPIZIO COLPA DEL SUO NEGAZIONISMO A RICONOSCERE LA CRITICA REALTA ECONOMICA DEL PAESE(CRISI?PSICOLOGICA).
HA RINUNCIATO LIBERAMENTE PERCHE ERA INSOSTENIBILE LA SUA PRESENZA AL GOVERNO E BASTA.ANZI, HA LUI STESSO DETTATO LE CONDIZIONI DELLA SUA RINUNCIA RISERVANDOSI UN ANNO PER PREPARARE IL SUO RITORNO ELETTORALE COME DOPO HA FINALMENTE ACCADUTO.RITORNO INUTILE COME INUTILE E’ STATO QUESTO RADUNO ELETTORALE EUROPEO:BERLUSCONI ORMAI NON HA LE FACOLTA MENTALI PER FARE UNA CORRETTA APPREZIAZIONE DELLA REALTA,E ASSUMERE LA SUA VERA POSIZIONE POLITICA.UNA TESTARDA INCAPACITA DI TOLLERARE LE FRSTRAZIONI.E COME PSICHIATRA DEVO ADESSO SOSPENDERE IL MIO GIUDIZIO CUA DI FRONTE AD UN UOMO AFLITTO DI UNA GRAVE MALATTIA MENTALE.NON SI DEVE FARE LEGNO DELL’ALBERO CADUTO,MAI.
PD:MA SE CI FOSSE UNA INTENZIONE POLITICA DIETRO LE PAROLE DI GEITHNER DOBBIAMO VEDERLO,NON COME UN OMAGGIO A BERLUSCONI MA NELLA LOTTA DI POTERE INTERNA DEL PARTITO DEMOCRATA ORMAI LANCIATO IN CAMPAGNA ELETTORALE DOVE HILLARY CLINTON, DURAMENTE CONFRONTATA ALLA PASSATA ERA   BERLUSCONI(L’AFFAIRE TERREMOTO DI HAITI CON BERTOLASSO,CASO MEREDITH ECC),SI HA DISCOSTATA DI OBAMA PRENDENDO LE DISTANZE AI SUOI ERRORI SUL CASO BENGAZHI.
-
*28 MAGGIO 2014:EUROPEE II
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
Grillo vede Farage, Lega Le Pen. Gli anti-euro cercano l’intesa |Foto
REAZIONE:TORNIAMO AGLI EUROPEE E  A CONTO DI ALTRO MEGLIO ANALIZZATO, UN BREVE COMMENTO AL MARGINE:
SOGNI DI UNA NOTTE DI STATE DELLA LEGA E IL FRONTE NAZIONALE DI LE PEN:GLI EUROSCETTICI TRASCINATI DALLA NUOVA ERA HANNO AVUTO SUCCESSO RIUSCENDO A SOMMARE LA META DEI DEPUTATI DELLE DUE MAGGIORANZE RELATIVI,CIOE’ IL PARTITO POPOLARE E I SOCIALISTI EUROPEE.PERO GLI EUROSCETTICI NON SONO UN MOVIMENTO NE UNA COSA ARTICOLATA,EUROSCETTICO E’ SOLTANTO UNA PAROLA.FRA GLI EUROSCETTICI CI SONO DEGLI INFILTRATI CIO’E’ I MOVIMENTI RAZZISTI(CHE NON E’ LO STESSO DI XENOFOBO) DI ULTRA DESTRA NEONAZI FRA I QUALI QUESTE DUE DI SOPRA E POCO PIU,MA LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI EUROSCETTICI SONO TRASCINATI DALLA PREDICA DELLA NUOVA ERA,E FARAGE,IL MAGGIOR MOVIMENTO EUROSCETTICO, (INSIEME CON GLI ANTI-EURO TEDESCHI)HA GIA FATTO SAPERE IN ANTICIPO CHE NON FARA ALLEANZA CON IL FRONTE NAZIONALE PERCHE SONO ANTISEMITI.E HA INVITATO GRILLO.
IL TRIONFO DELLA NUOVA ERA IN EUROPA RISPONDE A QUESTI RIUSLTATI:
IL NEOLIBERALE PP HA PERSO MOLTISSIMI CONSENSI.I SOCIALISTI RESTANO COME ERANO MA AL SECONDO POSTO DIETRO IL PP NON POTRANNO IMPORRERE IL SUO PREFERITO ALLA PRESIDENZA DELLA COMMISIONE EUROPEA MARTIN SHILTZ(SIMPATIZZANTE DELLA LEGA ITALIANA).SARA JUNCKER DELL’INDEBOLITO PP,DETENTATORE DELLA MINORIA MAGGIORE  IL SOSTITUTO DI BARROSO.MA PERCHE CI RIESCA DOVRA FARE CONCESSIONI OLTRE CHE AI SOCIALISTI CON GLI EUROSCETTICI,NATURALMENTE CON I LIBERALI-DEMOCRATICI E I VERDI.
FARAGE FRA GLI EUROSCETTICI E’ MAGGIORANZA INSIEME A QUELLI TEDESCHI E QUELLI DELL’EUROPA ORIENTALE.GLI EUROSCETTICI-TEDESCHI,ANTIEURO DELL’ALTERNATIVA,SONO IMPORTANTE PUNTA DI LANCIA DEGLI EUROSCETTICI EUROPEE E SONO COMPATIBILI CON LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA.
IN GERMANIA LA MERCHEL HA PERSO IL POTERE A MANO DEI CRISTIANO DEMOCRATICI DEL CDU (CHE NON SONO LO STESSO DELLE SUE SOCIAL CRISTIANI DELLA CSU) E DELLA SPD,TUTTI DENTRO LA “NUOVA GROSSE KOALITION”,E ORA ANCHE DEL PROPIO PARTITO ANTIEURO.
INSOMMA:FARAGE,ANTIEURO TEDESCHI,EUROSCETTICI ORIENTALI,LIBERALI-DEMOCRATICI,VERDI E I MODERATI DI BUONA VOLONTA DL PP E IL PARTITO SOCIALISTA FANNO LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLA NUOVA UNIONE EUROPEA COMPATIBBILI TUTTI CON LA VISIONE DL MONDO DELLA NUOVA ERA.
IN EUROPA COME IN GERMANIA LA MERCKEL NON COMMANDA PIU.COMMANDA LA NUOVA ERA.BENE EUROPEE.
-
-IL GIORNO DOPO(29/5/2014):SVEGLIATI,LA NUOVA ERA VERSO LA PRESIDENZA?
-TITOLARE LE MONDE:
Commission européenne : Michel Barnier, l’outsider vers la présidence ?
L'actuel commissaire au marché intérieur, Michel Barnier.

La candidature du Français à la présidence de la Commission européenne est clairement relancée face au Luxembourgeois Jean-Claude Juncker, favori en perte de vitesse.

*Comprendre (enfin) les institutions de l’Union européenne

*A la Commission, rien n’est acquis pour Jean-Claude Juncker Post de blog

*Européennes : 5 enseignements passés inaperçus

*Les dirigeants de l’UE veulent revoir les priorités de l’Europe
.
REAZIONE:LA MIA ANALISI DI SOPRA  HA CREATO UNA NUOVA COSCIENZA SULLA CORELAZIONE DI FORZE ALL’INTERNO DELL’UNIONE?
APPROFONDIMENTO:
-SU LE MONDE:
La candidature de Michel Barnier à la présidence de la Commission européenne est relancée

Le Monde.fr | 29.05.2014 à 17h34 ,Mis à jour le 29.05.2014 à 17h46 | Par Arnaud Leparmentier

L'actuel commissaire au marché intérieur, Michel Barnier.

L’actuel commissaire au marche interieur,MICHEL BARNIER./THOMA SAMSON
Et si Michel Barnier finissait par l’emporter ? La candidature du Français à la présidence de la Commission européenne est clairement relancée. Elle est jugée très possible dans les milieux français.

Jean-Claude Juncker, le champion du parti populaire européen, qui est arrivé en tête des élections européennes, a du plomb dans l’aile. Trop fédéraliste, trop usé par vingt années en Europe, l’ancien premier ministre luxembourgeois se heurte au refus du premier ministre britannique, David Cameron, mais aussi du premier ministre des Pays-Bas, Mark Rutte, ou de la Suède, Fredrik Reinfeldt.

Lire notre post de blog : A la Commission, rien n’est acquis pour Jean-Claude Juncker

A eux trois, ils n’ont pas les moyens de former une minorité de blocage, mais Angela Merkel et l’Allemagne ne veulent pas se couper des Britanniques, garants selon eux du grand marché, de la démocratie et qui leur évitent un face-à-face trop pesant avec la France. Le chancelier Adenauer voulait que le Royaume-Uni entre dans l’Union dès sa création dans les années 1950. Dans ce contexte, il faut trouver une personnalité de rechange, qui ne heurte ni Cameron ni le Parlement européen.

LE CHOIX DÉTERMINANT D’ANGELA MERKEL

Michel Barnier fait figure de candidat de compromis. L’actuel commissaire au marché intérieur, qui avait un directeur général britannique à la Commission, n’a pas de veto britannique. Il a rédigé en bonne entente avec la City toutes les directives sur la réglementation des marchés financiers.

Il serait également acceptable par le Parlement : Michel Barnier voulait être le champion du PPE et se serait présenté aux élections européennes, s’il n’avait pas été évincé par le PPE au profit de Jean-Claude Juncker. Quant à François Hollande, il aura du mal à s’opposer à Michel Barnier même s’il a est membre de l’UMP.

Lire (en édition abonnés) : Michel Barnier croit en ses chances pour conduire la campagne du PPE

C’est donc Angela Merkel qui détient les clés : pour ne pas se brouiller avec Cameron, elle doit accepter de se dédire, et choisir celui qu’elle avait évincé il y quelques mois pour des raisons de tactique électorale. A l’époque, elle pensait que soutenir Barnier, favori du couple Parlement-Commission, la conduirait à devoir symétriquement approuver la candidature du social-démocrate Martin Schulz si les sociaux-démocrates étaient arrivés en tête du scrutin. Ce dont elle ne voulait pas.

Pour arriver à cette issue, les Allemands veulent s’assurer que François Hollande soutiendrait M. Barnier. Le président français a dit que les électeurs détermineraient le choix du président de la Commission. Il aurait du mal à contrer M. Barnier, même s’il est membre de l’UMP, et si de nombreux socialistes rêvent d’être commissaires à Bruxelles (Pierre Moscovici, Elisabeth Guigou et, dit-on, Jean-Marc Ayrault). Il ne veut pas de l’autre candidat d’Angela Merkel, la patronne du FMI, Christine Lagarde.

Réponse lorsque le Belge Herman Van Rompuy, président du conseil européen, aura avancé dans ses consultations.

Arnaud Leparmentier,journaliste Suivre Aller sur la page de ce journaliste

-Discussion:

Euro, IVG, frontières… Pour vous, l’Europe est-elle utile ?
DIRETTAMENTE CUA:
http://www.lemonde.fr/europeennes-2014/article/2014/05/29/michel-barnier-comme-president-de-la-commission-l-outsider-remonte-en-force_4428865_4350146.html
-
REAZIONE:O L’EUROPA CAMBIA E TORNA ALL’ORIGINE FONDAZIONALE O L’ASTENZIONISMO E GLI EUROSCETTICI LA TORNERANNO IRRELEVANTE SE NON DISSOLTA.SI DEVE COMMINCIARE DA UNA COSTITUZIONE DEMOCRATICAMENTE APPROVATA DOVE TUTTI GLI EUROPEE VERI CI SENTIAMO GENUINAMENTE IDENTIFICATI.
-
-TITOLARE SU LE MONDE
http://s1.lemde.fr/image/2014/05/29/422x210/4428710_3_366b_cartographie-partis-europhobes_82cf507b26a1482c6984d2209532e117.png

Carte : La mosaïque europhobe Visuel interactif

Les élections européennes ont connu une poussée des partis qui ont en commun l’aversion de l’Europe. Zoom sur ce courant très à droite et très dispa

Marine Le Pen et Geert Wilders lors d'une conférence de presse commune, mercredi 13 novembre.

Quels alliés européens Marine Le Pen peut-elle trouver ? 5
Beppe Grillo, leader du Mouvement 5 Etoiles, après le vote des européennes, le 25 mai 2014.

En Italie, après les européennes, aucun parti ne reconnaît de défaite Post de blog
L'actuel commissaire au marché intérieur, Michel Barnier.

Commission européenne : Michel Barnier, l’outsider vers la présidence
-
30 MAGGIO 2014:RENZI DEVE ANCORA CAMMINARE SULL’AQUA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Renzi alla direzione Pd: ora il lavoro
“Da Ue risposte insufficienti” video
Ai 5S: “Per incontro con Farage niente streaming?”
Riforma del Senato, i dem aprono a modifiche
44 condivisioni
87 commenti
REAZIONE:ANCORA DEVE CAMMINARE SULL’AQUA,CI L’HA PROMESSO.IL PARLAMENTO CONTINA AD ESSERE LO STESSO,SE SI VOTASSI OGGI CON QUESTI NUMERI E IL PROPORZIONALE NON FORMEREBBE MAGGIORANZA DA SOLO,IL SUO “GOVERNO” NON HA ANCORA PARTITO E L’ITALIA CONTINUA IN CRISI,LA NUOVA EUROPA AL DI LA DELLE SUE  SPARATE EFUSSIVAMENTE OTTIMISTE NON E’ PROPIZIA PER LUI PERCHE OLTRE IL FATTO CHE IL SOCIALISMO NON HA VINTO E CHE IL PP SI HA VISTO DIMEZZATO GLI EUROSCETTICI E LA NUOVA ERA LO METTERANNO ALL’ANGOLO.DA LUI CHIACHERE SORRISI E BASTA-DISSOLVA LE CAMERE E SI VOTI GIA.
-
APPENDICE:PERCHE NON SI DEVE FARE LA RIFORMA ITALICUM
-SU LA STAMPA:Politica,29/05/2014

Con l’Italicum Ncd e Udc “spariscono” dalla Camera

La simulazione basata sui risultati delle Europee con due diverse leggi elettorali
marco bresolin

Come sarebbe il Parlamento se si votasse oggi? Prima di rispondere bisognerebbe capire con quale legge elettorale andremmo alle urne. Oggi è in vigore il Consultellum, il Porcellum corretto dalla Consulta: eliminati i premi di maggioranza, resta un proporzionale puro con soglie di sbarramento basse. Abbiamo simulato una distribuzione dei seggi con i risultati delle Europee: ipotizzando una coalizione di centrodestra, una di centrosinistra e il M5S, nessuno avrebbe la maggioranza. Ma il Pd ci andrebbe molto vicino. E se si votasse con l’Italicum? In quel caso il Pd avrebbe la maggioranza da solo e in Parlamento ci sarebbero praticamente solo 4 partiti (Pd, FI, M5S e Lega). Ncd-Udc (che non supera il 4,5%) avrebbe solo un deputato, eletto all’Estero. Chissà se la legge, già approvata alla Camera, supererà anche l’esame del Senato.

http://lastampa.it/2014/05/29/italia/politica/con-litalicum-maggioranza-tutta-pd-alla-camera-hop8DTumpV7DS8AEsK55BI/pagina.html

REAZIONE:IL CENTRODESTRA E’ QUASI SPARITO,E LI STA BENE.I MODERATI RESTEREBBERO FUORI. IL PARTITO UNICO E’ ANACRONISTICO,DITTATORIALE.
DISPERSIONE DEL SISTEMA POLITICO?NO,NORMALE GIOCO DEMOCRATICO.INGOVERNABILITA?NO,IL PAESE PRODUTTIVO NON SI E’ MAI FERMATO PER QUESTO,ANZI.PEGGIO GOVERNO SENZA OPOSIZIONE. NE SONO CERTO,MI AUGURO, CHE DOPO QUESTO VOTO PIU DI UN RIFORMISTA CI FARA UN PENSIERINO SOPRA:ORAMAI SVENTARE IL COLPO DI PALAZZO E’ DOVEROSO.
Immagine anteprima YouTube
-
-APPENDICE 2:TITOLARI SU GOOGLE NEWS CHE SERVONO:
.
-TITOLARE 1:I BOSCHI SONO PIENI DI LUPI
.
Boschi: “Nessun rimpasto di governo, Forza Italia dirà sì alle riforme”

Rai News  - ‎6 ore fa‎
“Anche se Ncd e Scelta Civica sono sovrarappresentate nell’esecutivo rispetto ai loro voti alle europee, all’ordine del giorno non c’è alcun cambio di ministri”. Così il ministro per le riforme Maria Elena Boschi. Roma 29 maggio 2014 Il voto delle Europee non …
.
REAZIONE:IN POLITICA NESSUNO REGALA NIENTE,E SE REGALI CI SONO PRIMA O POI SI PAGANO:VOTARE ALLE POLITICHE NON E’ LO STESSO CHE ALLE EUROPEE  E TUTTO QUANTO RENZI HA GUADAGNATO IN ITALIA LO HA PERSO IN EUROPA,C’E’ UNA NUOVA EUROPA.
-
-TITOLARE 2:L’INDUSTRIA,BASTA CHIACHERE
.
La Stampa”
“Il voto rafforza Renzi Adesso faccia le riforme”La Stampa - ‎4 ore fa‎

Renzi? Il suo risultato alle europee è stato «straordinario». Il presidente di Confindustria riconosce al premier una «azione vivace» e diversi passi «incoraggianti». Di fronte a tremila tra imprenditori, esponenti del mondo finanziario e politici radunati a Roma …
Squinzi: «Costruire Italia nuova. Renzi non deluda: ora i fatti»
Giorgio Squinzi » Confederazione generale dell’industria italiana »
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 117 »

26 maggio 2014
0

26 MAGGIO 2014:EUROPEE,NUOVA ERA ESSULTANTE

-IN ITALIA

LE EUROPEE SI SONO SVOLTI IN CONCOMITANZA DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVI PER QUI SI SONO SCELTI ANCHE PRESIDENTI REGIONE E CERTE IMPORTANTI COMUNI.

LE EUROPEE INFLUENZIANO DA POCO LA POLITICA INTERNA,LE AMMINISTRATIVI SI.ANALIZZARLI INSIEME E TRARRE CONSEGUENZE PER LA POLITICA INTERNA POTREBBE RISULTARE FALLIMENTARE.IL DATO EUROPEO SOLO PUO SIGNIFICARE UN SOAVE INDICATIVO E AL PIU MARCARE UNA TENDENZA.

LE GRANDI PRIME IMPRESSIONI DEI DATI VENUTI FUORI SONO SECONDO ME QUESTE:

-PER QUANTO RIGUARDA AL GOVERNO CENTRALE NULLA HA CAMBIATO,FERMO RESTANDO CHE NE IL VOTO INTERNO DEL PD, NE LE EUROPEE LEGGITIMANO IL COLPO DI PALAZZO DI RENZI E DEVE DISSOLVERE LE CAMERE E TORNARE ALLE URNE,LA PRIMA LETTURA DI IERI E AL DI LA DELLE ESSAGERATI SUSSULTI DI GIOIA DELLE LARGHE INTESE,E’ CHE IL PD CON QUESTO VOTO NON RIUSCIREBBE ANCORA A FORMARE MAGGIORANZA DI GOVERNO:COMMANDA IL PROPORZIONALE.E ANCORA DOMINA IL QUADRO POLITICO MODERATO E SENZA BIPOLARISMO DELLA NUOVA ERA VITTORIOSA USCITO DELLE ULTIMI ELEZIONI E VIOLENTATO DAL COLPO DI STATO DI NAPOLITANO E BERLUSCONI NEL NOME DELLA MALSANA STABILITA CHE SECONDO QUESTI FAVORIREBBE LA RIPRESA ECONOMICA.FOSSE  COSI PERCHE RINNUNCIARE BERLUSCONI IN ANTICIPO?
2-BERLUSCONI HA AVUTO UNA CONDANNA MOLTO GENEROSA E HA FATTO POLITICA,CI HA PROMESSO I “VESPRI LOMBARDI” A RISCATTO DEL REO MA AL POPOLO NON LI SI E MOSSO NE UN PELO,BERLUSCONI E’ CADAVERE POLITICO,ORA SI DEFINITIVAMENTE.NON CI SONO PIU ALIBI.
3-GRILLO COME PREVISTO STA TORNANDO ALL’OBLIO DA DOVE HA USCITO APROFITTANDO I VOTI DEL PARTITO  ASTENZIONISTA.LA MIA PREDICA HA RAGIONE.
4-LA LEGA HA PERSO LA GOVERNAZIONE DI UN’ALTRA REGIONE NORD IL PIEMONTE OLTRE ALL’ABRUZZO .E ANCHE IN VENETO DOVE STA PERDENDO IL COMUNE DEL CAPOLUOGO  PADOVANO SI VA A QUESTO DESTINO.SOLO LI RESTERA LA LOMBARDIA,ALTRO CHE MACROREGIONE.MALGRADO QUESTO 6 PER CENTO A LIVELLO NAZIONALE ,INFERIORE COMUNQUE AL SUO ABITUALE 7,8 %,LA TENDENZA CONCRETA DI DECLINO ELETTORALE NON SI FERMA,LA SUA DISSOLUZIONE E’ INEVITABILE.
GLI ITALIANI HANNO VOTATO ITALIANO:GRAZIE ITALIANI.
QUESTI SONO SOLO LE PRIME IMPRESSIONI “MACRO”,ABBONDERO DOPO.DI  SEGUITO ALCUNE NOTIZIE DELLA GRANDE STAMPA:
-TITOLARE LA REPUBBLICA:Regionali, dati in tempo reale Piemonte e Abruzzo1.545 sezioni su 4.832
Ultimo aggiornamento: 26 maggio 2014 ore 17:44
Sergio Chiamparino,Centrosinistra,47,9%
Gilberto Pichetto,Centrodestra,22,2%
Davide Bono,MoV. 5 Stelle,20,6%

52 sezioni su 1.642
Ultimo aggiornamento: 26 maggio 2014 ore 17:12Luciano D’Alfonso,Centrosinistra,41,0%Giovanni Chiodi,Centrodestra,26,1%Sara Marcozzi,MoV. 5 Stelle,14,1%Europee – Riepilogo Italia: Tutti i risultatiRiepilogo EuropaElezioni comunaliRenzi: più forti delle paure, ora cambiamento / foto: appunti /videoGrillo: “Perso, Italia di pensionati. Andiamo avanti”video /LiveblogBerlusconi: “Fi sotto le attese, ma noi necessari per le riforme”Alfano: governo non è monocolore Pd /Dal Veneto alla Sicilia, il trionfo dei democraticiPd al 40,8.   Fi al 16%.Ncd oltre 4.Tsipras: “La sinistra c’è”video . Lega al 6: “Vittoria”L’analisi del voto / I voti e gli eletti: Nord-Ovest / Nord-est / Centro / Sud / Isole / RisultatiRNews Giannini: televendita finita / Siti stranieri /  Flop sondaggi / Futuro a 5 Stelle di M. BRACCONI

Renzi : più forti delle paure, ora cambiamento  /   foto: appunti     /     video          Grillo:  "Perso, Italia di pensionati. Andiamo avanti''        video /         Liveblog     Berlusconi : "Fi sotto le attese, ma noi necessari per le riforme"

Parma boccia Pizzarotti: balzo Pd Prodi: Renzi, da rottamazione a differenziata Sicilia, Crocetta sott’accusaNapoli, Romano arrestato e supervotato Livorno, l’operaio attaccato da Grillo: dilaga peste rossa A Milano Renzi al 43,3%  I tweet dei grillini espulsiVideoblob Le urla Morani: “I suoi dovrebbero chiedere a Grillo di lasciare”,di M. RAZZI, A. GUERRERA, M. RUBINO ,G. CEDRONE., C. SAVIANO video di M.BILLECI, F.BUTERA, F.GIOVANNETTI, A.NITTOLI, E.PERACCHI.

1014 commenti
26 MAGGIO 2014:IL PAPA VENUTO DA LONTANO IN ISRAELE

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Il Papa in Terra Santa: «Mai più mostruosità della Shoah» Foto

Da Betlemme al Santo Sepolcro Foto
Papa Francesco, l’abbraccio e i selfie di A.Ferrari
-
26 MAGGIO 2014:TESTO E CONTESTO DELLL’IPOCRESIA
-3 TITOLARI BBC:
-1:Profile: Ukraine ‘chocolate king’ President Poroshenko

Europe / NEW 23 hours ago… who has long been on cordial terms with Russia. ‘New way of living’ Mr Poroshenko comes from the mainly Russian-speaking Odessa region in southern
.
-News
Smoke rises from the airport outside Donetsk.
Ukraine battle at Donetsk airportUkraine troops launch air attacks against pro-Russia rebels at Donetsk airport as expected new president vows to talk to Russia to end the crisis.LATORI
.
REAZIONE:ALL’INDOMANI DI ESSERE ELETTO IN ELEZIONI CHE PER LA NUOVA ERA NON SONO VALIDE IN QUANTO VIOLANO GLI ACCORDI PREEDENTI,IL RE DEL CIOCCOLATO CHE AVEVA CHIAMATO ALLA “PACIFICAZIONE” BOMBARDA DONESTK:QUELLO DEL TITOLO..
.
-3:OPERAZIONE ODESSA
Ukraine crisis: Tense divide in scarred Odessa
Europe / 22 May 2014The southern city of Odessa was drawn dramatically into the Ukrainian crisis on 2 May when more than 40 people were killed in a burning building…
.
6 MAGGIO 2014:EUROSCETICISMO,UN MERITO DELLA NUOVA ERA
-
-SU LE MONDE:Européennes : vague europhobe sur le Vieux Continent
.

LE MONDE | 26.05.2014 à 11h13 , Mis à jour le 26.05.2014 à 14h23 | Par Cécile Chambraud et Alain Salles
.
Paris-Londres-Copenhague. Tel est le trio gagnant de la droite extrême, après les élections européennes du dimanche 25 mai.

Le Front national, le UKIP et le Parti populaire danois (Dansk Folkeparti ; DF) arrivent en tête dans chacun de leur pays, provoquant un véritable séisme. Marine Le Pen dynamite le paysage politique français, tout comme Nigel Farage, le chef du UKIP, qui écrase les conservateurs et devance les travaillistes. Au Danemark, DF a cinq points d’avance sur les sociaux-démocrates au pouvoir. Ils sont l’image la plus visible de cette vague europhobe qui part à l’assaut du Parlement européen pour le détruire de l’intérieur.

Lire l’analyse (édition abonnés) : « Le renard UKIP est dans le poulailler de Westminster »

Quand ils ne sont pas premiers, les partis europhobes obtiennent des scores importants en Autriche, en Hongrie, en Suède et en Grèce. En Italie, Beppe Grillo (21 %) est largement distancé par la liste du président du conseil de centre gauche, Matteo Renzi (41 %), qui a trempé sa légitimité démocratique dans ce scrutin. Mais l’ancien comique devrait envoyer une petite vingtaine de députés au Parlement européen.

L’extrême droite a cependant connu quelques déceptions électorales qui empêchent la vague brune de se transformer en tsunami. Aux Pays-Bas, l’allié privilégié de Marine Le Pen, le Parti pour la liberté de Geert Wilders, est en recul par rapport à 2009. De même à Helsinki, les Vrais Finlandais ne se classent qu’en troisième position, alors que certains sondages les plaçaient en tête. Enfin, à Bratislava, le Parti national slovaque n’a pas réussi à faire élire le moindre eurodéputé, ce qui posera un problème à Marine Le Pen pour constituer son groupe d’extrême droite.

La déception de l’europhobe et populiste Geert Wilders

Contre toute attente, alors que les sondages donnait le parti pour la Liberté en tête, les électeurs néerlandais lui ont infligé un cuisant échec. Les estimations de sorties des urnes le placent quatrième, derrière les Centristes de D66, les Chrétiens-démocrates et les Libéraux. Il ne serait crédité que de 12,2% des voix. Sur le visage fatigué de Geert Wilders se lisait la déception : ‘mes amis, merci pour ces applaudissements. Je peux seulement dire que vous et moi, nous nous sommes battus comme des lions. Et honnêtement, ce que dit ce sondage de sorties des urnes est décevant. Ne compliquons pas les choses, les résultats, qui devraient se rapprocher de ces estimations, sont décevants. Apparemment nous allons passer de cinq sièges au Parlement européen à trois sièges’. A trop critiquer l’Europe, Geert Wilders aurait-il contribué au manque de mobilisation de ses partisans ? Sans doute. Le taux de participation s’est élevé à 37%, comme en 2009, mais les europhiles se sont rendus aux urnes. Cette défaite ne devrait toutefois pas entamer la montée des populistes et eurosceptiques ailleurs en Europe.

1:8

DÉTESTATION DE L’IMMIGRATION

Des partis au pouvoir désavoués

Des partis au pouvoir désavoués | Le Monde

Ces partis europhobes représenteront plus de 140 députés, près d’un cinquième du Parlement. Mais ils auront bien du mal à s’entendre à Strasbourg et à Bruxelles. Ils représentent des tribus qui se méfient les unes des autres.

A l’exception de Beppe Grillo, qui est inclassable, ils se rattachent tous à des traditions d’extrême droite, même s’ils veulent parfois les faire oublier.

Les partis populistes scandinaves essaient de gommer leur origine d’extrême droite et récusent – à l’exception des Suédois, qui hésitent encore – une alliance avec le Front national. Ils ont depuis longtemps opéré leur recentrage politique qui les pousse à collaborer avec des gouvernements dirigés par des partis traditionnels, comme en Finlande ou au Danemark, dans la législature précédente.

Lire l’analyse (édition abonnés) : En Italie, nette victoire de Matteo Renzi

Le Parti populaire danois n’excluait pas, dimanche, de collaborer avec le gouvernement social-démocrate de Helle Thorning-Schmidt. Ils se sentent plus proches du UKIP de Nigel Farage que de Marine Le Pen.

La présidente du Front national a tenté, elle aussi, de normaliser son parti pour le rendre plus présentable. Elle a convaincu un plus grand nombre d’électeurs. Mais la réputation sulfureuse du parti de Jean-Marie Le Pen et ses propos antisémites continuent d’effrayer Nigel Farage et les Scandinaves.

La dernière tribu est jugée infréquentable par les membres du groupe de M. Farage comme par Mme Le Pen. Elle regroupe des partis néonazis, comme le Jobbik hongrois ou Aube dorée en Grèce, qui enverront respectivement trois et deux députés au Parlement européen.

Un thème, en revanche, les rassemble : la détestation de l’immigration. Leur cible première est la présence d’étrangers extra-européens. Geert Wilders a été jusqu’à promettre à ses partisans de « s’occuper » des « Marocains » présents aux Pays-Bas. La Ligue du Nord italienne, le FPÖ autrichien, le Parti populaire danois, les Vrais Finlandais, le Front national, sans même parler du Jobbik et d’Aube dorée se renvoient comme un écho cette obsession partagée.

Seul le Mouvement 5 étoiles de Beppe Grillo semble pour l’heure épargné, même si son chef de file parait être tenté de suivre cette pente. « Combien d’immigrés pouvons-nous accueillir si un Italien sur huit n’a pas les moyens de manger ? », avait-il lancé aux sénateurs de son parti qui voulaient supprimer le délit « d’immigration clandestine » créé par un ancien ministre de la Ligue du Nord. Mais pour tous les autres partis europhobes, l’hostilité à l’islam est devenue le visage le plus visible de leur xénophobie.

PARTIS TRADITIONNELLEMENT DOMINANTS EN RECUL

La nouveauté de la campagne européenne, c’est l’hostilité affichée envers l’immigration intra-européenne en provenance de nouveaux Etats membres, comme les Bulgares et les Roumains. Le UKIP s’en est fait une spécialité. « Vingt-six millions de personnes en Europe cherchent du travail. Et quels emplois veulent-ils prendre ? », interrogeaient ses affiches de campagne. Mais il n’est pas le seul à remettre en cause, d’une manière ou d’une autre, la liberté de circulation dans le grand marché européen, l’un des principaux acquis de la construction européenne. Avec d’autres, le Parti populaire danois a insisté, dans sa campagne, sur les avantages sociaux accordés aux citoyens de l’UE.

En période de vaches maigres, la tentation du repli sur soi et du rejet de l’étranger est bien présente. Pourtant, la vague europhobe enregistrée le 25 mai n’épouse pas les contours de l’Europe de la crise. Elle frappe aussi bien des pays à l’économie compétitive et dynamique, comme le Danemark et l’Autriche, ou en pleine récupération, comme le Royaume-Uni, que des Etats frappés de langueur et en mal de réformes, comme la France, ou éprouvés par la récession, comme la Grèce.

Inversement, des pays malmenés par les politiques budgétaires restrictives sont indemnes de tout populisme. C’est le cas de l’Irlande, sortie il y a peu du plan d’aide, ou du Portugal. C’est aussi vrai de l’Espagne. Là aussi, les partis traditionnellement dominants sont en recul : le conservateur Parti populaire et le Parti socialiste ont attiré moins d’un électeur sur deux quand, il y a cinq ans, ils en avaient réuni huit sur dix. Mais la nouveauté n’est pas venue d’un réflexe anti-européen ou anti-immigrés. Elle est venue des nationalismes régionaux, exaspérés par la question du statut de la Catalogne, de la gauche de la gauche et de la mouvance issue du mouvement des « indignés ».

La recomposition politique n’est pas, fatalement, partout le fait de l’extrême droite.

FINE

Lire le décryptage : Les cinq enseignements des élections européennes

*Cécile Chambraud,Journaliste au Le Monde

*Alain Salles,Journaliste au Le Monde

————————————–

-Discussion
Euro, IVG, frontières… Pour vous, l’Europe est-elle utile ?

Succès contrastés pour les partis indépendantistes

Dans les trois régions européennes travaillées par des tentations indépendantistes, les électeurs ont profité du scrutin européen pour s’exprimer. Dans la Flandre belge, où le scrutin était couplé aux régionales et aux législatives, l’Alliance néo-flamande (NVA), le parti séparatiste de Bart De Wever, triomphe. Il est en tête dans la quasi-totalité des cantons flamands. Il aurait séduit de 30 % à 33 % des électeurs, ce qui marque une nouvelle forte progression. En Catalogne, où le gouvernement local veut organiser un référendum d’autodétermination le 9 novembre, le parti indépendantiste de gauche Esquerra republicana de Catalunya (ERC) est arrivé en tête. Avec 23,67 % des voix, il a même devancé la coalition nationaliste CiU du président du gouvernement régional Artur Mas (21,86 %). Plus radical, ERC ne manquera pas de compliquer le processus très délicat enclenché par M. Mas, dans la mesure où le gouvernement central espagnol ne veut pas entendre parler d’un référendum.

En Ecosse, enfin, où un référendum sur l’indépendance aura lieu le 18 septembre, le Parti national écossais a obtenu 28,9 % des voix, en dessous de ses attentes et des 37 % que lui prédisaient les sondages.

LEGGI DIRETTAMENTE CUA:

http://www.lemonde.fr/europe/article/2014/05/26/vague-europhobe-sur-le-vieux-continent_4425957_3214.html

REAZIONE:NEL 2005,QUANDO NESSUNO IMMAGINAVA CRITICHE HO INIZIATO IN QUESTE PAGINE UNA PREDICA IN SOLITARIO CONTRO QUESTA UNIONE EUROPEA “CUPOLORE”,POCO DEMOCRATICA E OGNI GIORNO PIU ABITUATA AD ALLONTANARSI  DELLA VERA ESSENZA EUROPEA E DAI PRESUPOSTI FONDANTI DELLA SOCIETA DEL CARBONE E L’ACCIAIO.OGNI GIORNO PIU SNATURALIZZATA INSOMMA.

E’ STATA UNA VOCE NEL DESSERTO DURANTE MOLTO TEMPO E HO SUBITO I BALCK OUT DI PIU DI UN BLOG IMPORTATNTE A CAUSA DELLA MIA OPINIONE,E PUR TROPPO OGGI L’EUROSCETTICISMO SI ALZA FACENDO SENTIRE LA SUA VOCE CON EFFICACIA.CERTO MOTIVI PER ESSERE EUROSCETTICI NON HANNO MAI MANCATO:IN GRAN BRETAGNA DA SEMPRE EUROFOBO,NELLA SPAGNA ACCOSTATA SULLE SUE EX-COLONIE DA SEMPRE ISOLAZIONASTA,NEI PAESI MEDITERRANEE PER SENTIRSI TRATTATI DIVERSAMENTI, E NATURALMENTE NEI RECENTI AGGIUNTI PAESI DELL’EST  ANCORA AFLITTI DA UNA CORTINA DI FERRO MENTALE,PERO CIO CHE C’E’ ALLA RADICE DELL’ATTUALE EUROSCETTICISMO,A PRESCINDERE DELL’OPPORTUNISMO DEGLI ULTRA E POPOLISTI DI SEMPRE,NON SONO QUESTI MOTIVI MA L’INSEDIARSI DELLA NUOVA ERA E LA SUA VISIONE DEL MONDO CON I CAMBIAMENTE SOCIO-CULTURALI CORELATI A QUESTO REVIVAL DELLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE NELLE NUOVE TECNOLOGIE E PARTICOLARMENTE IN QUELLE DELLE TELECOMUNICAZIONI CHE HA FATTO RISVEGLIARE COSCIENZE(MAGARI DI QUEL “ANTICO” EUROSCETTICISMO ANESTEZZIATO DELLE PROMESSE POI FALLITE DI QUELLA DEBUTTANTE UNIONE MONETARIA DI ALLORA).E QUESTO E’ UN MERITO DI QUESTE PUBBLICAZIONI.

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente Successivo »