SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 213 »

*20 MAGGIO 2015:STOP VIVISEZIONE ANIMALE

-SU LE MONDE,Sciences:

Débat relancé sur l’expérimentation animale

LE MONDE SCIENCE ET TECHNO | 18.05.2015 à 16h45,Mis à jour le 19.05.2015 à 16h56

Souris de laboratoire.

La Commission européenne donnera, le 3 juin, sa position vis-à-vis d’une initiative citoyenne européenne (ICE) intitulée « Stop vivisection », qui réclame l’interdiction de « l’utilisation d’animaux considérés comme des modèles biologiques de l’homme à des fins scientifiques ». Derrière cette formulation technique, elle demande simplement de mettre fin à la vivisection dans la recherche fon­damentale et appliquée, dans l’enseignement de la biologie et de la médecine humaine et dans la toxicologie.

L’initiative revient à l’association européenne Antidote, dont les principaux animateurs sont le Belge André Ménache, vétérinaire et zoologiste, l’Italien Gianni Tamino, professeur de biologie, et le Français Claude Reiss, biologiste et ex-directeur de laboratoire au CNRS. « Stop vivisection » s’est invité dans la politique européenne grâce à un nouvel instrument de démocratie participative : depuis 2011, les citoyens européens peuvent proposer des lois à condition que leur demande soit soutenue par au moins 1 million de signatures valides, récoltées dans pas moins de sept pays. Cette initiative, selon ses promoteurs, a recueilli 1,2 million de pétitionnaires. La pétition appelle à l’usage « des méthodes alternatives plus fiables et très souvent plus économiques qui existent pour recueillir des données pour l’homme ».

« Le déficit d’informations sur l’expérimentation animale laisse la voie libre à tous les fantasmes »

C’est le contexte dans lequel le Parlement européen a consacré deux…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

Souris de laboratoire.

Débat relancé sur l’expérimentation animale

Il vous reste 73% de l’article à lire

http://www.lemonde.fr/sciences/article/2015/05/18/debat-relance-sur-l-experimentation-animale_4635641_1650684.html

REAZIONE:COME MEDICO E AMANTE DEGLI ANIMALI MI CONGRATULO PER QUESTA INIZIATIVA.

-

*22 MAGGIO 2015:FORZA MATTEO

-TITOLARE SU LE MONDE:

image: http://s2.lemde.fr/image/2015/05/19/202×100/4636477_3_66be_raffaele-fitto-et-silvio-berlusconi-en-2011-a_362015c82e1eab5dd4b7eab29bc6f5da.jpg

Raffaele Fitto et Silvio Berlusconi, en 2011 à Rome.

En Italie, Silvio Berlusconi de plus en plus seul Campagne d’Italie

Le député européen Raffaele Fitto a annoncé qu’il fondait une nouvelle structure politique

.

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/blogs/#WUfoWMiomKqKuKuq.99

.
-LA NOTA COMPLETA:

mai 2015

Quand Forza Italia devient « Farsa Italia »

Raffaele Fitto et Silvio Berlusconi, en 2011 à Rome. Andreas Solaro/AFP

Raffaele Fitto et Silvio Berlusconi, en 2011 à Rome. Andreas Solaro/AFP

Ciao Silvio… Le député européen Raffaele Fitto a finalement mis sa menace à exécution. Il a annoncé, mardi 19 mai, sa décision de créer une nouvelle structure politique (pour l’instant une simple association) baptisée “Conservateurs et réformistes” (oh, le bel oxymore !) dans laquelle il entend réunir la quarantaine de parlementaires opposée à Silvio Berlusconi au sein de ce qui reste du parti Forza Italia. Celui-ci a d’ailleurs été renommé “Farsa Italia” (farce italienne) par des internautes facétieux.

“Bon débarras”, a commenté l’ex-Cavaliere, qui promet à l’impertinent le même sort (et le même score) qu’à ceux qui se sont dressés sur sa route depuis vingt ans : Gianfranco Fini (porté disparu) et Angelino Alfano (ministre de l’intérieur) dont le parti, le Nouveau Centre droit, n’est pas assuré de dépasser les 3 % de suffrages désormais nécessaires à une formation politique pour être représentée à la Chambre des députés.

Petit résumé : Fitto reprochait à Berlusconi d’être trop accommodant avec Matteo Renzi. Depuis, le magnat des médias a durci le ton envers le président du conseil. Mais Fitto, 45 ans, ne veut plus attendre. Sa conviction : aucune recomposition de la droite ne sera possible tant que l’ex-Cavaliere traînera des pieds pour quitter l’avant-scène. “Forza Italia est un chapitre clos”, fanfaronne le député européen. “Je suis désormais hors de la politique”, se lamente Berlusconi, sans qu’on sache s’il bluffe ou pas. Fitto, lui, ne s’y fie pas.

Aura-t-il plus de chance que ses prédécesseurs dans sa tentative de déboulonner la statue du patriarche ? Ils sont nombreux à vouloir se partager l’héritage de la droite italienne. Outre Angelino Alfano, déjà nommé, il va devoir affronter Matteo Salvini, le chef de file de la Ligue du Nord, et Giovanni Toti qui joue encore (du moins pour l’instant) la carte de la fidélité à Berlusconi. Ils sont tous quadragénaires et pleins d’appétit. Fitto s’invite à leur table, avec son couteau, sa fourchette et sa serviette.

On ne manquera pas de vous tenir informés.

http://italie.blog.lemonde.fr/

REAZIONE:C’E BEN POCO D SPARTIRE:I SUOI MEZZI SONO STATI SORPASSATI E ACCANTONATI DELLA NUOVA ERA,E POLITICAMENTE BERLUSCONI E’ CADAVERE POLITICO E PORTA SFORTUNA A CHI SI LI ACCOSTA.E QUEL POCO CHE C’E DA SPARTIRE GLIELO HA MESSO SUL TAVOLO IL PD MANAGERIATO DAL SUO VECCHIO CAPO NAPOLITANO:SI MANGIA COL COLTELLO DEI TELEMACI,ACCOMODATEVI SIGNORI.QUELLO DEL TITOLO.

AL MARGINE:INSISTO CHE RIDET STA DEFECANDO FUORI DEL WATER,NON BISOGNA DARE PER IL FISCALETTO CIO CHE IL FISCALETTO NON VALE.COSI FACENDO SI FINISCE PER FARE IL GIOCO DI RENZI E DELLE LARGHE INTESE:UN “LARGO” TAVOLO DOVE COL COLTELLO DEI TELEMACCI MANGIA TUTTO IL COSIDETTO “CENTRO-DESTRA”,CHE ORMAI E’ IN VIA DI ESTINZIONE.

Immagine anteprima YouTube

*22 MAGGIO 2015:DOPPIO ATTACO ALLA GIUSTIZIA

-1-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Pensioni, Padoan: "La Consulta doveva valutare costi sentenza"

Pensioni, Padoan: “La Consulta doveva valutare costi sentenza”

Intervista al ministro dell’Economia

“Se la Grecia esce rischiamo anche noi”

di FABIO BOGO E FEDERICO FUBINI

Il premier: “In autunno cambieremo la Fornero” / Il decreto in 8 articoli

Donne: assegni inferiori del 30% rispetto a quelli degli uomini

2-SALVINI CONTESTATO DAI FIGLI DEI GIUDICI?

Immagine anteprima YouTube

REAZIONE:RENZI PRETENDE SPATIRE UN  “TESORETTO” CON SOLDI DEI PENSIONATI.ANCORA NON HA DISPOSTO LA PIENA DEVOLUTION DI CIO CHE SI HA MANGIATO L’INFLAZIONE MA ATTACA LA GIUSTIZIA.

SALVINI DEVE PROVARE QUESTE ACCUSE E COMUNQUE LE SUE CONTESTAZIONI SONO OVUNQUE VADA,NON HA SCAMPO.

L’UNO E L’ALTRO,RENZI MATTEO E SALVINI MATTEO,DUE TELEMACI, CONTINUANO A CREARE CLIMA DI OSTILITA NEI CONFRONTI DELLA GIUSTIZIA,NON HANNO IMPARATO DELLA STRAGE DI MILANO.

-

*22 MAGGIO 2015:SALVINI CONTESTATO A IMPERIA E SEGRATE

DOPO QUESTO VIDEO SALVINI E’ STATO CONTESTATO A IMPERIA E SEGRATE:VEDI IL POST ANTERIORE E QUESTA PAGINA

http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/salvini-contestato-a

-APPENDICE:LEGHISTI DELINQUENTI INTERNAZIONALI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Soldi riciclati all’estero, Umberto Bossi rinviato a giudizio a Genova

Insieme a lui l’ex tesoriere Francesco Belsito, tre membri del comitato di controllo e due imprenditori. I fondi finiti a Cipro e in Tanzaniadi GIUSEPPE FILETTo
Soldi riciclati all'estero,  Umberto Bossi rinviato a giudizio a Genova
Umberto Bossi a giudizio per i fondi riciclati all’estero
Tutti rinviati a processo, fissato per il 23 settembre prossimo. Cinque esponenti della Lega Nord e due imprenditori dovranno presentarsi davanti alla Prima Sezione del Tribunale di Genova, imputati di riciclaggio per i soldi finiti in Tanzania e a Cipro. Il leader Umberto Bossi, l’ex tesoriere Francesco Belsito, i tre membri del comitato di controllo dei bilanci e della cassa del Carroccio (Stefano Aldovisi, Diego Sanavio e ed Antonio Turci), infine gli imprenditori Paolo Scala e Stafano Bonet.La decisione è stata presa stamani dal  gip Massimo Cusatti, su richiesta del pm Paola Calleri. Il giudice, nel corso dell’udienza preliminare,  ha riunito i tre fascicoli che dalla Procura di Milano sono stati trasmessi a Genova: quelli riguardanti la truffa ai danni dello Stato (i rimborsi elettorali) e l’appropriazione indebita di Belsito, per essersi impossessato di 5 milioni e 700mila euro, trasferendoli su conti bancari all’estero. Una prima tranche di 1,2 milioni di euro,risucchiata dal conto corrente della Lega e bonificata in favore della società inglese Krispa Enterprices, della quale Paolo Scala era titolare effettivo presso una banca di Cipro. Secondo le indagini compiute dalla Guardia di Finanza di Milano e dai carabinieri del Noe di Roma, altri 4.500.000 euro sarebbero stati trasferiti, sempre tramite bonifico, ad un conto intestato a Stefano Bonet presso la Fbme Bank della Tanzania.http://genova.repubblica.it/cronaca/2015/05/21/news/soldi_riciclati_all_estero_umberto_bossi_rinviato_a_giudizio_a_genova-114933316/?ref=HRER2-1
.
REAZIONE:AZIONE DELITTIVA IN SOCIETA CON LA N’DRANGHETA CALABRESE.
-
*23 MAGGIO 2015:I TELEMACI RENZI E SALVINI,MATTEO ATTACANO LA PICCOLA E MEDIANA IMPRESA
1-L’ATTACO DI RENZI
-TITOLARE LA STAMPA:
ANSA
La Ue boccia la norma sull’Iva, una nuova tegola da 700 milioni sul governo
marco zatterin, corrispondente da bruxelles
Dalla Commissione no al “reverse charge”.
Rischio aumento benzina, Renzi rassicura

la scheda  Ecco che cos’è il «reverse charge»

-
-LA NOTA COMPLETA:
economia

La Ue boccia la norma sull’Iva, nuova tegola sul governo

No al “reverse charge”. Per l’Italia una grana che vale 700 milioni. Rischio aumento per la benzina, ma Renzi rassicura: non ci sarà nessun rialzo
marco zatterin
corrispondente da bruxelles

Conti fragili davvero, basta un «no» di Bruxelles e si apre un buco da oltre 700 milioni nella Legge di Stabilità scritta dal governo Renzi. Come si attendeva, la Commissione europea ha annunciato di non voler concedere una deroga alla direttiva Iva per introdurre il sistema di inversione contabile per i fornitori del settore della grande distribuzione. Questo, perché «non c’è evidenza sufficiente che tale misura contribuirà a contrastare le frodi».

L’effetto del rifiuto sarà quasi immediato. Il governo si era infatti cautelato per fronteggiare un’eventuale (e ora effettiva) bocciatura europea del “reverse charge”, prevedendo l’aumento delle accise della benzina e del gasolio da far partire dopo il 30 giugno. Se non si troverà un’altra soluzione, non resterà che arrendersi a pagare la benzina più cara dal primo di luglio, giusto alla vigilia della partenza per le vacanze. Ma fonti del Mef assicurano che l’aumento delle accise sui carburanti, previsto come clausola di salvaguardia, non scatterà. E lo assicura anche il premier, ospite a Bersaglio mobile su La7.

Un’alternativa poteva essere l’utilizzo del «tesoretto» messo da parte con alcuni risparmi contabili. La dote è però già stata reindirizzata per sanare gli effetti delle sentenza della Corte costituzionale sulle pensioni.

Il “reverse charge” è un meccanismo che comporta lo spostamento degli obblighi fiscali relativi all’Iva su chi acquista e non su chi vende come avviene normalmente. L’obiettivo principale della fatturazione “reverse charge” è evitare le frodi IVA.

Come? Senza “reverse charge”:

- Il soggetto A emette fattura a B.

- A incassa l’IVA da B, sparisce e non versa l’imposta (1° danno all’erario).

- B ignaro di tutto (oppure è consapevole ma fa il finto tonto) va a chiedere il rimborso dell’IVA, il più delle volte riuscendoci (2° danno all’erario). Ma Bruxelles dice che non basta a evitare l’evasione. La grande distribuzione esulta.

Resta invece sospeso il giudizio della Commissione sulla richiesta del governo di introdurre una misura speciale per le entità pubbliche che dovrebbero pagare l’Iva su un conto separato anziché al fornitore. Secondo l’esecutivo, «è tuttora in corso di analisi».

http://www.lastampa.it/2015/05/22/economia/la-ue-boccia-la-norma-sulliva-nuova-tegola-sul-governo-bXaed1Dp969Am0q6lqdJFN/pagina.html

-NOTA 2:

economia

Che cos’è il reverse charge

Misura molto discussa, e invisa agli industriali e ai commercianti

Misura molto discussa, e invisa agli industriali (che avevano presentato un ricorso a Bruxelles) e ai commercianti, il “reverse charge” ha ottenuto oggi la pronuncia della Ue. Introdotta dalla legge di stabilità, il reverse charge introduce un diverso meccanismo di applicazione dell’Iva allargandola alla grande distribuzione ed eliminandone la possibilità di detrazione.

La Ue boccia la norma sull’Iva, tegola sul governo (Zatterin)

Si tratta, come tradotto dall’inglese, di un’inversione contabile e viene previsto che il destinatario di una cessione di beni o prestazione di servizi, se soggetto passivo nel territorio dello Stato, deve pagare l’imposta in luogo del cedente o prestatore. Quest’ultimo riceve dal cliente così l’importo del bene ceduto o della prestazione eseguita, in modo tale da essere esonerato dall’obbligo di versare l’Iva dell’operazione eseguita. In realtà scopo della norma è quello di evitare le frodi Iva, in quanto il cedente non corre il rischio di «dimenticare» il versamento dell’Iva mentre il cessionario non può «dimenticarsi» di annotare l’Iva perché altrimenti sarebbe nulla la registrazione. Ma nulla cambierebbe per l’Erario.

Per gli industriali, tale meccanismo penalizzerebbe in particolar modo la grande distribuzione e per questo motivo suggeriscono che vada incrementata la soglia di compensazione dei crediti Iva fino a 1 milione di euro e vadano assicurati fondi adeguati per i rimborsi.

http://www.lastampa.it/2015/05/22/economia/che-cos-il-reverse-charge-Zk3ZBNtSajuOLxjmRUqMLL/pagina.html

-NOTA 3:

economia

Supermercati all’attacco “La nuova Iva ci strangola”

Distributori e fornitori: la norma anti-evasione ci toglie 8 miliardi

/02/2015
giuseppe bottero
torino

«Mentre i talk show e la politica parlano del patto del Nazareno il Paese reale affonda». Mario Gasbarrino, capo dei supermercati Unes, è furibondo. In questi giorni non è l’unico. Francesco Pugliese, amministratore delegato di Conad, non perde occasione – da Twitter ai convegni pubblici – per scagliarsi contro una norma che, sostiene, «blocca l’Italia» e lascerà «migliaia di addetti senza lavoro». L’incubo delle imprese della grande distribuzione si chiama «reverse charge»: misura prevista dalla manovra che ribalterà il meccanismo dell’Iva.

Come funziona

Il procedimento è complicato, il risultato, spiegano le proiezioni degli uffici studi, una maxi-stretta sulla liquidità: 4 miliardi di euro in meno all’anno per la Gdo, il doppio se, nel calcolo, entrano le imprese fornitrici. Il «reverse charge», ideato per scongiurare l’evasione, prevede l’obbligo di «inversione contabile» per le cessioni di beni effettuate nei confronti degli ipermercati, dei supermercati e dei discount. In sostanza, i fornitori non incasseranno più l’Iva (che sarà versata allo Stato direttamente dall’acquirente) e saranno costretti a chiederla a rimborso. Conoscendo i tempi della P.a. si rischia di aspettare anni. Tra i big della distribuzione organizzata a pagare il prezzo più alto sono i grandi supermercati con centrali d’acquisto che comprano i prodotti dall’industria e li rivendono ai propri associati.

I tempi

La direttiva, prima di diventare operativa, aspetta il via libera della Commissione Ue. La luce verde, in questi giorni, sembra tutt’altro che scontata. «Spero finisca per arenarsi – confida il numero uno di Federdistribuzione Giovanni Cobolli Gigli -. Ogni anno versiamo allo Stato 16 miliardi di Iva, ma siamo anche grandi investitori. Questa operazione avrà un impatto rilevante che potrebbe ridurre gli investimenti, in un settore in cui i margini si sono già abbassati. Il “reverse charge”, inoltre, ci complica la vita anche dal punto di vista dell’organizzazione, creando altri costi». Per ovviare alla minore liquidità toccherà bussare alle banche: «Per il primo anno il costo del finanziamento sarà superiore ai 100 milioni, ma nell’intero periodo di applicazione il totale supererà i 750 milioni», calcola Cobolli Gigli.

La rabbia delle Pmi

Se Bruxelles dovesse dire sì alla norma, per le Pmi lo scenario sarebbe ancora peggiore. «Si tratta di un prestito forzoso e senza interessi. L’effetto è devastante», spiega Alberto Balocco, ad dell’azienda dolciaria di Fossano, nel Cuneese, che teme «una catena inarrestabile di fallimenti e di chiusure». La conseguenza? Un colpo di scure sui posti di lavoro. «Questo provvedimento causerà squilibri anche ad aziende come la nostra, che hanno sempre investito sulla base di risorse proprie e sono solide – attacca il presidente di Sant’Anna, Alberto Bertone -. Proviamo ad immaginare cosa accadrà alle piccole. Per loro sarà il colpo di grazia». Il governo ha raccolto il grido d’aiuto e ha fatto sapere che è in corso «una riflessione». Agli imprenditori non basta. La botta, spiegano, arriverà in ogni caso. Perché per blindare i conti dello Stato, nel caso la «reverse charge» dovesse essere messa in un angolo, scatterebbe una clausola di salvaguardia: l’aumento delle accise sulla benzina.

http://www.lastampa.it/2015/02/01/economia/supermercati-allattacco-la-nuova-iva-ci-strangola-Z5xJl3KWNJkeQ6vSVEposJ/pagina.html

2-L’ATTACO DI SALVINI:

SALVINI CONTESTATO IN EUROPA

SALVINI NON LAVORA,SAALVINI FA IL “TELEMACO”.SALVINI E’ NEMICO DELLA PICCOLA E MEDIANA IMPRESA CHE HANNO FATTO L’ULTIMA GLORIA DELL’ITALIA MODELLO ECONOMICO DI SVILUPPO NEI PAESI TERZOMONDISTI.MA QUESTA E’ LA RISPOSTA CHE OTTIENE:DI GUAI IN GUAI,FANNULLONE DI DUE SOLDI.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-VEDI ANCHE CUA:

http://dottgiuseppeciancimino.bloog.it/salvini-contestato-a

REAZIONE:BENE L’EUROPA.RENZI E SALVINI PRESTO SARANNO STORIA.

PD:23/5/2015,ORAITALIANA 17:23

SI DENUDA INOLTRE LA “NATURA” DELLA POLITICA ECONOMICA DEL “GOVERNO” RENZI:UN GOVERNO DI LARGHE INTESE POVERO COME QUELLO DI LETTA .POVERO PERO AMBIZIOSO CHE COMBINA LA SPREGIUDICATEZZA DELLA DESTRA CON L’AVIDITA DISTRIBUTIVA DELLA SINISTRA SOPRA UN BUFFO SOTTOSFONDO DI PUNTUALI PREMIAZIONI DA KERMESSE:PERO SPENDERE L’ULTIMA GLORIA DI ITALIA,ORMAI EX-PAESE DEL PRIMO MONDO,COME E’ STATA LA PICCOLA E MEDIANA IMPRESA,MODELLO DI SVILUPPO PRESO IN IMITAZIONE IN TANTI PAESI DEL TERZO MONDO,E’ TROPPO.RENZI E’ CAPACE DI DILAPIDARE IL TESORETTO DELLO ZIO E I GIOELLI DELLA NONNA PUR DI SOPRAVIVERE IN UN CONTESTO DEL TIRARE A CAMPARE,VIVERE NEL “MENTRE TANTO” DEL BOSCO.MA IL LUPO ARRIVERA. E LA NONNA NON LO SALVERA.ATTENTI ITALIANI,SVEGLIATEVI,ABBIAMO INIZIATO LA DISCESA.E’ FINITA LA LUNA DI MIELE.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

———-

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:IL PASSATO CHE NON TORNA

-TITOLARE LA STAMPA:

POLITICA
ANSA
Berlusconi nell’ultima trincea. Salvini: non sei la regina Elisabetta

AMEDEO LA MATTINA

REAZIONE:”TUTTI MI CHIAMANO BIONDA,MA ……”,SVEGLIATEVI,C’E’ UNA NUOVA ERA.

————————————————————-

*23 MAGGIO 2015:AL TERRORISMO,PRUDENZIA,PAZIENZIA E PUGNI CHIUSI

-SU LE MONDE:édition abonné

Malgré l’avancée de l’Etat islamique, Barack Obama défend sa stratégieLE MONDE | 23.05.2015 à 10h19,Mis à jour le 23.05.2015 à 11h44 | Par Gilles Paris (Washington, correspondant)
.
Visualizza articoloDes habitants de Ramadi réfugiés dans le camp d’Amriyat Al-Fallouja, à l’ouest de Bagdad, le 22 mai.

Ramadi ? Une défaite de Bagdad plutôt que de Washington. C’est en tout cas l’impression que laisse la lecture de l’entretien accordé par le président des Etats-Unis au magazine The Atlantic, après la chute de la capitale de la grande province d’Anbar aux mains des djihadistes de l’Etat islamique (EI). « ll ne fait aucun doute que, dans les secteurs sunnites, nous allons devoir renforcer non seulement l’entraînement mais aussi la détermination », analyse Barack Obama.

Si la Maison Blanche ne peut pas grand-chose contre les tempêtes de sable, comme celle mise à profit par les assaillants le 17 mai, le Pentagone a promis la livraison de 2 000 roquettes antichar pour répondre au défi posé par les attaques-suicides menées par les djihadistes.

Les propos du président recueillis le mardi 19 mai, au lendemain de ce qu’il qualifie de « revers tactique », écartent toute remise en question de la stratégie dévoilée le 10 septembre : limiter l’engagement américain à un soutien aérien massif et à la formation de bataillons irakiens capables de tenir le choc face aux troupes de l’EI.

A la succession de mauvaises nouvelles, amplifiée mercredi par la chute de Palmyre, en Syrie, et jeudi par celle du dernier poste-frontière avec l’Irak encore tenu par le régime Assad, le président oppose le temps long et la conviction que les Etats-Unis ne sont pas « en train de perdre ».

En mai 2014, devant les cadets de West Point, M. Obama avait…

L’accès à la totalité de l’article est protégé

http://www.lemonde.fr/proche-orient/article/2015/05/23/malgre-l-avancee-de-l-etat-islamique-barack-obama-defend-sa-strategie_4639270_3218.html

REAZIONE:E’ LA STESSA STRATEGIA DELLA GRAN BRETAGNA,PAZIENZIA,PRUDENZIA E TEMPI LUNGHI SE NON SI VUOLE ESPORRERE A INNOCENTI.NON SI TRATTA DELLA GUERRA CONTRO UN ESCERCITO REGOLARE MA CONTRO IL TERRORISMO CHE PORTA AVANTI UNA FURIOSA CAMPAGNA PROPAGANDISTICA.
ANCHE SE E’ DIFFICILE EVIDENZIARLO NON SI STA PERDENDO LA GUERRA CONTRO IL TERRORISMO,PIU TOSTO ALL’INVERSA E PER CIO NON BISOGNA PROVACARE E SOLLIEVARE LE FRUSTRAZIONI DELLE BELVE.
PERO,ANCHE SE OBAMA IN CAMPAGNA ELETTORALE NON PUO AMMETERLO CERTO IMPEGNO BELICO SUL TERRITORIO C’E’.E HOLLANDE PREME UN INTERVENTO ARMATO.STAREMMO A VEDERE MA GLI STATI UNITI DOVRANNO AMMETTERE CHE LE LORO ALLEANZE CON GLI AUTOTTONI NON SEMPRE SONO DA FIDARE,E DA PIU GUAI CHE RISULTATI,COSI STA SUCCEDENDO IN IRAQ MA ANCHE IN ALTRI PARTI COME LIBIA,ARABIA SAUDITA,PAKISTAN,ECC.C’E’ UNA POLEMICA INTERNA E HANNO ACCUSATO OBAMA DI DELLUDERE ANTICHI E FERMI ALLEATI PER AVVENTURIERI DEI PIANI INCERTI.CAMBIAMENTI A CARO PREZZO………ORMAI E’ TARDI,OBAMA NON E’ PIU CREDIBILE PER PROPI ED ESTRANEE.VEDI DI SEGUITO:
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Iraq, Pentagono contro Bagdad: "Non hanno voluto combattere per salvare Ramadi dall'Is"
Iraq, Pentagono contro Bagdad:”Non hanno voluto combattere
per salvare Ramadi dall’Is”
L’attacco del ministro Carter alle forze governative, addestrate dagli Usa
-
*24 MAGGIO 2015:CORRUZIONE,STRANO PAPA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
VATICANO
Il Papa: «Contro la corruzione come discepoli di Cristo» Foto

Così Bergoglio nell’omelia della Messa di Pentecoste celebrata nella Basilica di San Pietro

REAZIONE:AL SUO PAESE(DI PROVENIENZA),NOMINARE UN DEGENARATO COME BATTISTA RICCA ALLO IOR,IL SUO PRIMO ATTO DI “GOVERNO” VATICANO,CARICA DI MASSIMA FIDUCIA E IMPORTANZA PER IL FUTURO DEL SUO PAPATO,NON E’ CONSIDERATO CORRUZIONE?

SOSTRARRERE I PRETI PEDOFILI DALLA GIUSTIZIA DEI PAESI OSPITI,NON E’ CORRUZIONE?

STRANO PAPA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

(Queste pagine e la Nuova Era non sono risponsabile dei continuti di questi video e non rispechiano la sua opinione)

-APPENDICE:BERGOGLIO,SCALFARI E LA SINDROME DEL POLLO BAGNATO

-SU LA REPUBBLICA:

Il conflitto sul potere temporale tra la Curia e Francesco,di EUGENIO SCALFARI

Il conflitto sul potere temporale tra la Curia e Francesco

È UN po’ di tempo che non scrivo sul Papa e del Papa. Spesso ne cito qualche iniziativa, qualcuna delle frasi che quotidianamente dedica ai fedeli che lo ascoltano; mi è anche capitato di esortare alcuni dei nostri uomini politici a seguirne l’esempio perché Francesco non è soltanto il vescovo di Roma che siede sul soglio di Pietro ma, a mio parere, è il più importante personaggio del secolo che stiamo vivendo.

Oggi però dedicherò a lui quest’articolo. Soprattutto per le parole che ha indirizzato all’assemblea generale della Conferenza episcopale italiana e il giorno dopo, durante la messa da lui celebrata a Santa Marta. Sembra a me che in entrambe queste occasioni papa Francesco abbia fatto un passo ulteriore nella strada intrapresa due anni fa dopo il Conclave che lo elesse.

Un ulteriore passo avanti mentre, dietro l’apparenza di una Curia che lo segue quasi unanime nel suo rivoluzionario rinnovamento della Chiesa, l’opposizione curiale si sta organizzando estendendosi anche ad altre Conferenze episcopali, ad altri cardinali e arcivescovi, specialmente in Europa e nel Nord America.

L’Occidente è molto secolarizzato, aumenta la crisi delle vocazioni, si diffonde sempre più il pensiero laico, il numero dei non credenti, degli indifferenti, della religiosità spersonalizzata.
La reazione della Chiesa a questo fenomeno di distacco è quello di arroccarsi nella tradizione, non soltanto teologica ma anche “politica”: in Europa e in Usa sta emergendo una sorta di “moralismo ” con aspetti di fondamentalismo che hanno come bersaglio Francesco e la sua rivoluzione.

So bene che lui non ama e non si riconosce in questa parola anche perché la sua rivoluzione non è altro che ritrovare le antichissime radici della Chiesa dei primi secoli dell’era cristiana. Da quelle radici l’allontanamento avvenne molto presto e coincise con l’inizio del potere temporale. Francesco sta combattendo da due anni contro quel potere temporale e lo aggancia al Concilio Vaticano II.

Questo è lo scontro in corso e di questo parlerò oggi per chiarirlo anzitutto a me stesso (mettere per scritto i propri pensieri significa soprattutto precisare ed esplicitare ciò che era ancora informe e perfino inconsapevole) e poi a quanti mi faranno l’onore di leggermi.
***
Ho visto pochi giorni fa un vecchio e bellissimo film che ha come protagonisti Robert De Niro e Jeremy Irons ed è intitolato “Mission”. Non starò a raccontarlo, ma in qualche modo ha a che vedere con le dinamiche che papa Francesco ha messo in moto nella Chiesa di oggi.

La sostanza del film è il drammatico scontro tra due missionari gesuiti e le potenze coloniali Spagna e Portogallo nell’America del Sud settecentesca. I due missionari guidano una tribù di nativi in una terra vergine sulle sponde di un fiume e di un’immensa cascata. I nativi indios sono di giovane e giovanissima età e i missionari li hanno convertiti a Dio e civilizzati. Ma questo loro ingresso nella vita civile non piace affatto ai mercanti di schiavi che commerciano in quelle terre traendo dallo schiavismo notevoli ricchezze e non piace neppure alle potenze coloniali europee che sono presenti in Brasile, in Uruguay e in Argentina dei quali il fiume è una via d’acqua comune.

Alla fine un arcivescovo gesuita arriva alla Missione che ormai è diventata un villaggio perfettamente organizzato. L’arcivescovo si compiace con i suoi confratelli per aver civilizzato quegli indios, ma gli impone di distruggere il villaggio e rimandare gli indios nella foresta dalla quale provengono. I due missionari non capiscono quello strano modo di ragionare ma l’arcivescovo gli spiega che se la Missione non sarà rinnegata, il villaggio distrutto e gli indios di nuovo inselvatichiti nella foresta, i soldati delle potenze coloniali stermineranno tutti, missionari compresi. Per di più l’arcivescovo ha timore che i governi di Madrid e di Lisbona facciano pressioni sul Papa affinché sciolga l’Ordine dei gesuiti che sta prendendo nelle colonie dell’America del Sud molte iniziative analoghe a quella Mission. Tutto questo deve essere dunque impedito, evitato, represso.

Questa è la storia che il film racconta terminando con i soldati spagnoli che distruggono il villaggio e uccidono i suoi abitanti compresi i due missionari che hanno rifiutato di obbedire al loro arcivescovo.

Questo episodio non è inventato ma realmente accaduto e il film lo racconta con grande efficacia umana. Lo cito perché, senza ovviamente raggiungere quella sanguinosa drammaticità, un conflitto interno alla Chiesa di oggi si sta verificando ed è ancora una volta motivato da uno scontro tra chi vuole abbattere il temporalismo che domina la vita ecclesiastica da sedici secoli e chi vuole a tutti i costi mantenerlo in nome della tradizione.

Il protagonista di questo scontro è un gesuita eletto Pontefice il quale tra le altre sue iniziative proprio in questi giorni ha beatificato  -  la cerimonia ieri a San Salvador  -  l’arcivescovo Oscar Arnulfo Romero che fu ucciso sull’altare mentre celebrava la messa nella cattedrale della sua diocesi di San Salvador trentacinque anni fa dagli squadroni della morte di quel Paese che erano banditi e assassini assoldati dal governo salvadoregno.

La beatificazione di Romero era stata sempre rinviata nonostante le vive pressioni di don Vincenzo Paglia che da molto tempo insiste affinché quel riconoscimento fosse compiuto. Le resistenze erano motivate dal fatto che Romero aveva riconosciuto, aiutato e solidarizzato con gli esponenti della teologia della liberazione, condannati invece e scomunicati da papa Wojtyla per la loro dichiarata simpatia col marxismo e con il ribellismo di Che Guevara.

Papa Francesco queste cose le sa ma ciò nonostante dopo appena due anni di pontificato ha deciso la beatificazione di Romero, il che conferma che i gesuiti “buoni” coltivano dentro di loro lo stesso spirito del fondatore della Compagnia. È vero che ci sono stati anche gesuiti “non buoni” il cui temporalismo raggiunse il culmine proprio nel XVIII secolo in Spagna, in Francia, in Italia. Voltaire e gli Illuministi ne furono gli avversari più fieri bollandoli come reazionari e fautori dell’alleanza del trono con l’altare. Voltaire li definiva infami e quell’infamità raggiunse un tale livello da obbligare la Chiesa a sciogliere l’Ordine che fu poi ripristinato dopo qualche decina d’anni.

I conflitti che agitano la Chiesa si sono verificati anche all’interno della Compagnia. Ma nell’ultimo mezzo secolo la guida di essa è sempre stata riformatrice e moderna, spesso contestata dalla Curia vaticana. Del resto papa Francesco ne è l’esempio più eloquente.
***
La sua allocuzione alla Conferenza episcopale italiana non nasconde alcune differenze tra Francesco e i vescovi riuniti nella sala del Sinodo. Il Papa parla ai suoi confratelli con dolce fermezza e li invita a raggiungere obiettivi nuovi abbandonando quelli ormai non più adeguati al tempo che stiamo tutti vivendo. Ecco alcuni passi che mi sembrano molto significativi.

“Gesù disse: “Voi siete il sale della terra, ma se il sale perde il suo sapore, con che cosa lo si potrà rendere salato?”… È assai brutto incontrare un consacrato abbattuto, demotivato o spento: egli è come un pozzo secco dove la gente non trova acqua per dissetarsi… La sensibilità ecclesiale comporta di non essere timidi o irrilevanti nello sconfessare e sconfiggere una diffusa mentalità di corruzione pubblica e privata che è riuscita a impoverire senza alcuna vergogna famiglie, pensionati, lavoratori, scordando i giovani, sistematicamente privati di ogni speranza nel loro futuro e emarginando i deboli e i bisognosi. La sensibilità ecclesiale si manifesta anche nelle scelte pastorali dove non deve prevalere l’aspetto teoretico- dottrinale astratto; dobbiamo invece tradurlo in proposte concrete e comprensibili… I laici che hanno una formazione cristiana non hanno bisogno del vescovopilota né di un input clericale per assumersi le proprie responsabilità a tutti i livelli, da quello politico a quello sociale, economico, legislativo. Hanno invece tutti bisogno di un vescovo-pastore. Ho fatto alcuni esempi di sensibilità sociale indebolita. Mi fermo qui. Possa il Signore mandarci la gioia di riuscire a render feconda la misericordia di Dio con la quale siamo richiesti di dare conforto ad ogni donna ed a ogni uomo del nostro tempo”.

Un vescovo-pastore: è questo che chiede Francesco e non è la prima volta che insiste sulla pastoralità come il requisito principale della Chiesa. Riflettiamo con attenzione su questo suo linguaggio: nel lessico tradizionale della Chiesa e nella sua struttura organizzativa e sacramentale, il vescovo è il successore degli apostoli, possiede la potestà di “sciogliere o legare” i fedeli, di amministrare i sacramenti, di interpretare e spiegare i misteri della morte e la nuova vita che ci attende nell’aldilà. I preti sono delegati dal vescovo e svolgono per delega le sue stesse funzioni. Ma in tutte le altre sette cristiane protestanti, il vescovo e i sacerdoti sono soltanto “pastori”. E del resto, stando ai vangeli, gli apostoli chiamavano il Signore con la parola ebraica “Rabbi”, cioè maestro, cioè pastore.
Il temporalismo protestante  -  con l’esclusione degli ortodossi in Russia  -  è molto debole e quasi inesistente, se non altro perché le sette sono numerose e autonome l’una dall’altra, con scarsissimi poteri di influire sulla politica del Paese in cui operano. Aggiungiamo che tutti i pastori possono sposarsi ed aver figli.

Che Francesco stia operando per avvicinare le sette protestanti alla Chiesa cattolica non è un’interpretazione di chi segue la sua politica religiosa ma è una verità da lui dichiarata e ripetuta continuamente e avvalorata dai contatti continui con le comunità protestanti. Per non parlare della sua politica verso l’Islam: convivenza e amicizia e comuni iniziative perché Dio è unico e quindi non appartiene ad una religione ma a tutte. Questo è il punto di fondo di Francesco e della sua predicazione: Dio non è cattolico, né musulmano, né ebraico. Dio è di tutti. È una rivoluzione rispetto al passato? Mi sembra difficile negarlo e, come tutte le rivoluzioni, pone problemi nuovi ed estremamente ardui da risolvere. *** Il discorso tenuto a Santa Marta potrebbe intitolarsi quello degli addii. Francesco racconta ai vescovi che l’ascoltano l’addio di Gesù e quello di Paolo sulla spiaggia di Mileto. Qui il tono non è quello tenuto alla Conferenza episcopale, perché il vero tema è quello della morte e della resurrezione. Quest’ultima reca gioia, ma l’addio alla vita è soffuso di dolce tristezza ed anche d’un timore  -  forse inconsapevole  -  del dubbio.

“Nell’ultima cena  -  dice Francesco  -  Gesù si congedò dai suoi discepoli. Era triste perché sapeva di andare alla Passione piangendo nel suo cuore e affidandosi a Dio perché Lui era il figlio, figlio di Dio e dell’uomo, e si affidava a Dio. Ecco qual è il significato dell’addio: a Dio. Anche Paolo si congeda e piange pregando in ginocchio sulla spiaggia di Mileto insieme ai suoi compagni di quella comunità. “Ecco, dice Paolo, io non vedrò più il vostro volto e voi non vedrete più il mio. Per questo piango con voi. Ora lo Spirito mi costringe ad andare a Gerusalemme e non so che cosa mi accadrà. So soltanto che lo Spirito Santo mi attesta che non mancheranno catene e tribolazioni”.

Poi Francesco parla del suo addio. “Bisogna fare un esame di coscienza pensando al proprio congedo dalla vita. Anche io dovrò dire quella parola addio. A Dio affido la mia anima, la mia storia, i miei cari; a Dio affido tutto. Gesù morto e risorto, ci invii lo Spirito Santo perché noi impariamo a dire esistenzialmente e con tutta la forza quella parola: addio”.
Questa, diciamolo, non è una rivoluzione ma una profonda umanità. Verso tutti ed anche verso se stesso. Se c’è una persona in

questo secolo che stiamo vivendo degna d’essere presa a modello, questa è Francesco Bergoglio. Lui ha già dato ad una umanità frastornata, avvilita, cinica, corrotta, frustrata, un esempio di dignità che tutti dovrebbero tentare di imitare con sincera riconoscenza.

http://www.repubblica.it/politica/2015/05/24/news/il_conflitto_sul_potere_temporale_tra_la_curia_e_francesco-115121599/?ref=HRER2-1

REAZIONE:NEL FILM MISSION DA QUALE PARTE IMMAGINA SCALFARI CHE SI SAREBBE SCHIERATO BERGOGLIO?QUELLA DELL’ARCIVESCOVO O DEI DUE MISSIONARI?
CAPISCO L’ODIO VISCERALE DEL COMUNISTA SCALFARI VERSO LA TRADIZIONE CATTOLICA ITALIANA E EUROPEA,E CAPISCO CHE LUI VOGLIA CHE SUCCEDA OGGI QUALCOSA DI SIMILE A QUEL TERRORIFICO PASSAGIO DELLA BIBBIA NEL LIBRO DEI FATTI INTITOLATO “TUTTE LE COSE IN COMUNE”,CHE PARLA DELLO SPIRITO DELLE PRIME COMUNITA CRISTIANE E ANCHE PASSAGIO CARDINE DELLA TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE(UN MISCUGLIO DI COMUNISMO E CATTOLICESIMO),MA MI PARE CHE STIA DANDO I NUMERI NEL VALUTARE COSI MEGALOMANIACAMENTE IL PAPATO DI BERGOGLIO:
VADA A CHIEDERE ALLA SINISTRA ARGENTINA E AI TRENTA MILA DESAPARECIDOS COME LA PENSANO SU BERGOGLIO E QUESTA “RIVOLUZIONE”.
NO,BERGOGLIO,CHE SI DICE FIERO DEI SUOI ANTENATI PIEMONTESI,COSI C’E’ L’HANNO PRESENTATO,UN PIEMONTESE E NON UN LATINOAMERICANO,NON STA FACENDO NESSUNA RIVOLUZIONE NE CERCA DI RIPORTARE LA CHIESA CATTOLICA A ANTICHE RADICI A LUI ESTRANEE TRA L’ALTRO PERCHE L’ORDINE GESUITA HA SOLTANTO 500 ANNI E MANCA DELLA SAGEZZA,ERUDIZIONE E CONOSCENZA DOTTRINARIA DEI SUOI ANTICHI CORELIGIONARI,BERGOGOGLIO SEMBRA SOLTANTO UN DILETTANTE CHE CERCA DI FARSI ACETTARE DALLA CHIESA E LA CULTURA ITALIANA E EUROPEA.COMPITO ASSAI DIFFICILE ANCORA NON RIUSCITO.SUCCEDE CHE NON E’ MAI STATO FACILE INSEDIARSI NEL VATICANO,SI PENSI SOLTANTO AI DUE GIOVANNI PAOLO,FIGURIAMOCI LUI CHE HA INIZIATO IL SUO PAPATO CON QUELLA FRASE “VENGO DALLA FINE DEL MONDO”,QUASI COME VOLENDO FARSI SCUSARE DALLA SUA PRESENZA IN VATICANO.
UN PO’ COME SUCCEDE CON GLI OLIGARCHI DEL CONO SUD QUANDO ARRIVANO IN EUROPA E LI SI VEDE COMPORTARSI COME SE FOSSERO DEI POLLINCINI BAGNATI CHE PERDONO TUTTA QUELLA ARROGANZA E PREPOTENZIA CHE HANNO NEL SUO POSTO DI PROVENIENZA:
QUELLO DEL TITOLO.
PD:26/05/2015,3:53
VORREI ANCORA FARLI PRESENTE CHE LA DISSOLUZIONE DELL’ORDINE GESUITICA NON HA UBIDITO A NESSUNA RIVOLTA INTERNA “SUDAMERICANA” MA E’ STATO LA CONSEGUENZA DELL’INDIPENDENZA AMERICANA,DI TUTTA L’AMERICA,DALLA CORONA SPAGNOLA E PARTICOLARMENTE DEL CORROTTO,DESPOTICO E ELLITISTA REGIME BORBONICO.
SBAGLIA DI GROSSO SCALFARO,PIU TOSTO PENSI AI CAMBIAMENTI ECLESIASTICI A CONSEGUENZA DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE E A NAPOLEONE NELLA CAUSA DELLA DISOLUZIONE DELL’ORDINE GESUITICO.ABOLIZIONE CHE HA AVUTO LUOGO IN TUTTO IL MONDO E NON SOLO IN SUDAMERICA,
E ANCORA SE SCALFARO PRETENDE INFONDERCI,MALGRADO LEI ROUSSONIANO NON SIA,UN CERTO SPIRITO DEL BUON SELVAGGIO,O UN ATTUALE SIMILE NELL’IPOCRITA PREDICA TERZOMONDISTA FRUTTO DELLA CATTIVA COSCIENZA DI UN CERTO PERBENISMO DELL’OPULENZIA,PENSI CHE IN QUEL STESSO POSTO DOVE SI AVVICENDA MISSION,IL PARAGUAY,QUALCHE ANNI DOPO HA SUCCESSO LA CHIAMATA GUERRA DELLA TRIPLE ALIANZA,DOVE APPUNTO IL BRASILE,L’ARGENTINA E IL PARAGUAY HANNO FATTO IL PIU SANGUINOSO GENOCIDIO CHE SI RICORDI NELLA REGIONE QUANDO QUASI TUTTA LA POPOLAZIONE DI QUEL PAESE FU STERMINATA.NON C’E’ STATO BISOGNO DI NESSUN ORDINE COLONIALE EUROPEA PER FARLO.
PER FINIRE,MEGLIO CHE GUARDARE IL FILM DI ROBERT DE NIRO LI CONSIGLIO LEGGERE IL CANDIDO DI VOLTAIRE PER MEGLIO CAPIRE LO SPIRITO DI QUEL TEMPO.E DI QUESTO.
-
-APPENDICE:RENZI E BERGOGLIO,L’ANELLO MANCANTE:
-VIDEO 1:
Immagine anteprima YouTube
-VIDEO 2:
Immagine anteprima YouTube
.
REAZIONE:RENZI E’ UN “AGENTE” DELLA ROTHSCHILD,BANCA DEI CAVALLIERI DI MALTA,ISTITUZIONE MASSIMA DELL’ORDINE GESUITICA LA COMPAGNIA DI GESU A QUI APPARTIENE BERGOGLIO?
COSI SAREBBE PIU FACILE ANCORA SPIEGARE LE SUE RIFORME NEOLIBERALI.
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 212 »

17 maggio 2015
0

17 MAGGIO 2015:ELEZIONI REGIONALI 2015 ,LA “NUOVA” LEGA

1-SU LA REPUBBLICA:

Da Massa a Viareggio, il fronte anti-Salvini: scontri, lancio di sassi e bottiglie, due feriti

Da Massa a Viareggio, il fronte anti-Salvini: scontri, lancio di sassi e bottiglie, due feriti

Tensioni nel tour elettorale del leader leghista in toscana. Nel pomeriggio la sua auto accerchiata e presa a pugni. Poi il lancio di una pietra mentre parla sul palco.  Alfano: “Migliaia di uomini per proteggere diritto di Salvini a manifestare. Lui rispetti chi si batte per difendere la sua libertà di pensiero”,di LAURA MONTANARI
.
Da Massa a Viareggio, scontri e  tensioni alla nuova uscita di Matteo Salvini in campagna elettorale. Pomeriggio difficile in Toscana, città blindate in Versilia, una carica della polizia a Massa, poi l’auto del leader leghista inseguita e circondata dai contestatori che la prendono a pugni e a calci. Infine un sasso lanciato da qualcuno mentre Salvini e il candidato alla presidenza nella corsa alle regionali Claudio Borghi parlano sul palco sempre a Viareggio. Braccato ad ogni incontro, costretto a cambiare itinerario nei tragitti, ad aspettare il suo turno in albergo e arrivare scortato prima di poter parlare alla gente che comunque lo aspetta in centinaia ai comizi.Salvini sale sul palco a Viareggio e schiva un sasso
Condividi

Dopo la contestazione in Umbria e le polemiche con il ministro Alfano proprio sull’organizzazione della sicurezza, oggi a Massa, in Toscana, altra pesante contestazione al leader leghista. In trecento di sono presentati nelle strade: Carc, anarchici, giovani dell’area antagonista. Avevano cartelli, materassini e canotti usati come scudi e caschi. I contestatori anti-Lega volevano impedire il comizio di Salvini, le forze dell’ordine si sono sistemate in modo che le parti non venissero a contatto. Clima incandescente, città piene di poliziotti in assetto antisommossa. Alle 15,20 la tensione è salita all’improvviso: qualcuno dal corteo ha lanciato oggetti contro la polizia. I contestatori hanno sfondato il cordone formato dalle forze dell’ordine con l’obiettivo di arrivare al palco dove il leader della Lega stava per cominciare a parlare. Così la polizia ha reagito sfoderando i manganelli e con una carica di alleggerimento. Urla in strada fra via Roma e piazza Garibaldi, in pieno centro storico di Massa. “Fascisti”, “Picchiatori”, all’indirizzo delle forze dell’ordine.

Massa Carrara, Salvini contestato: scontri con la polizia

Condividi

I feriti. Un manifestante è rimasto ferito al capo, un altro è stato medicato al pronto soccorso, sono padre e figlio. Per il figlio è scattato il provvedimento di fermo per resistenza a pubblico ufficiale (voleva intervenire per difendere il padre). Qualche contuso anche tra le forze dell’ordine, sei o sette quelli che si sono fatti medicare al pronto soccorso. Il comizio di Salvini è andato avanti per una decina di minuti. Il leader del Carroccio è in tour per le elezioni regionali toscane e dopo la tappa di Massa è andato a Viareggio dove si sono ripetute le tensioni e i momenti di paura.

Profile

Matteo Salvini

Politician · 885,511 Likes

·

3 hrs ·

Questo sasso, lanciato dagli “anti-leghisti” sul palco di Viareggio poco fa, ha colpito di striscio una ragazza. Poteva fare molto male. È democrazia questa?

See Translation

Viareggio, l’auto di Salvini accerchiata. L’auto su cui si sposta Salvini a Viareggio è stata accerchiata da contestatori e colpita con pugni e calci. Il leghista aveva appena interrotto la visita al mercato centrale perchè il fronte della contestazione avanzava in mezzo alla gente. L’auto, andando in direzione della Passeggiata dove era previsto un comizio pubblico, è stata inseguita dai manifestanti, tutti dell’area antagonista. Ad un certo punto l’auto si è anche fermata e Salvini ha affrontato gli inseguitori, poi è risalito e ha ripreso il percorso. Al mercato Salvini era andato al gazebo della Lega, ma lì ha rinunciato a incontrare i sostenitori per l’arrivo di un gruppetto di contestatori: “Non mi fanno paura tre deficienti – ha detto – ma ho visto un bambino spaventato che piangeva per colpa di questi dementi. Non posso parlare in mezzo ai bambini e mettere a rischio l’incolumità della gente, ci vediamo dopo”. Quindi come di consueto, su Facebook, è apparsa la nota: “Il tetto della nostra macchina danneggiato da un “bravo ragazzo” dei centri sociali”.  Brevissimo il comizio sul Lungomare di Viareggio, dieci minuti e via. Ma in mezzo il lancio di uova e di un sasso. Così racconta lo stesso leader della Lega che si è fermato nel suo intervento dicendo: “Questa non è politica, questa è delinquenza, questa non è democrazia. Dopo una giornata così, anche a Viareggio non ci sono dubbi su come votare il 31 maggio. E’ giusto che ognuno esprima le proprie opinioni ma così non mi è stato consentito di parlare”. E sui social posta la foto di un sasso: “Lanciato dagli “anti-leghisti” sul palco di Viareggio poco fa, ha colpito di striscio una ragazza. Poteva fare molto male. È democrazia questa?”.
Alfano e Renzi. Soltanto ieri Salvini dall’Umbria aveva pesantemente criticato la gestione dell’ordine pubblico: “Dove sono Renzi e Alfano? Dove sta la democrazia? Stamani pure uno sputo in faccia ho preso! Chi agita questo clima con 4 figli di papà che giocano a fare i rivoluzionari tirando petardi tra le mamme con carrozzine? Mi viene il dubbio che a qualcuno impedire alla Lega i comizi faccia comodo”. Non si è fatta attendere la replica del ministro degli Interni Angelino Alfano che questa mattina ha spiegato: “Difenderò il suo diritto di parlare”.  Poi Alfano ai microfoni di Sky ha anche detto: “Abbiamo messo sempre in campo tutte le forze possibili” ricordando che come siano stati impiegati quasi 8.500 uomini in tre mesi nelle uscite pubbliche di Matteo Salvini “per difendere ogni suo intervento pubblico”, “tant’è che, grazie al cielo per chi ci crede, non gli è mai successo nulla”. E in serata twitta: “Migliaia di uomini per proteggere diritto di Salvini a manifestare. Lui rispetti chi si batte per difendere la sua libertà di pensiero”

Anche il premier Matteo Renzi è intervenuto sui social ritwittando Emanuele Fiano, il deputato Pd che ha scritto: sulle contestazioni al leader della Lega,  “la nostra opposizione alle idee della Lega è totale, ma anche quella alla violenza”.

Massa, scontro al corteo anti-Salvini: feriti tra i manifestanti

Navigazione per la galleria fotografica

Chiudere i centri sociali. Salvini prima di salire sul palco di Massa aveva proseguito nella polemica sulla sicurezza: ”Tutelare la libertà di parola è il minimo” ha detto ma bisogna “chiudere i centri sociali da cui partono i lanciatori di fumogeni, bombe carta, arance, i violenti insomma”. E poi su facebook ha commentato: “Nonostante i fumogeni e le minacce dei centri a-sociali, tanta gente di Massa è scesa in piazza con la Lega. P.s. Per i ritrovi dei violenti, ruspa!”

Le reazioni.  A Massa, Riccardo Ricciardi consigliere del M5s ha spiegato: “Ho visto violenza inutile, c’era un cordone di polizia ma io non ho visto alcun tentativo di sfondamento; stavamo manifestando pacificamente, alcuni avevano i canotti di gomma, altro che bastoni e spranghe. Non mi sento di dare giustificazioni alla pessima gestione

dell’ordine pubblico di questo pomeriggio; non era necessario esasperare gli animi”. Tra i presenti alla manifestazione anche Elena Mosti, consigliera di Sel: “Ho partecipato a una manifestazione pacifica, da cittadina e da consigliera, perché non condivido il razzismo, il populismo e il terrore che genera Salvini; mi sono trovata in mezzo alla carica, io armata solo di scarpe da ginnastica e borsetta e ho chiesto a tutti di fermarsi”.

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2015/05/16/news/salvini_a_massa_uova_e_arance_contro_le_forze_dell_ordine-114502438/?ref=HRER1-1

REAZIONE:LA LEGA,”NUOVA” O VECHIA CHE SIA E’ UNA FORMAZIONE ELETTORALMENTE INSIGNIFICANTE E MI DISPIACE PERDERE UN PO’ DEL MIO TEMPO E DISTORCERE L’ATTENZIONE DEI LETTORI DEDICANDOLI QUESTO SPAZIO A CHI NON ESSISTE.QUESTO E’ UN FATTO OGETTIVO E NON HA BISOGNO DI SPIEGAZIONI,PERO VOGLIO SOLO FARVI VEDERE LE REAZIONI CHE PROVOCA SALVINI NELLA SUA GITA ELETTORALE NEL PAESE SECONDO LE INTENZIONI ELETTORALI DI QUESTA “NUOVA” LEGA “PAN-ITALICA”.ECCOLI SOPRA UNA MOSTRA.MA COSI SOLO IN TOSCANA?NO,NON C’E POSTO DELL’ITALIA SIA AL SUD CHE AL CENTRO O AL NORD DOVE SI PRESENTI SALVINI CHE NON CI SIANO CONTESTAZIONI A VOLTE VIOLENTE.MA E’ SOLO LA ESTREMA SINISTRA CHI PROTESTA?NON E’ VERO.E’ IL SUD?NON SOLO.SONO I TERRONI MAFIOSI SICILIANI?NON E’ VERO,SONO TUTTI CHE CONTESTANO QUESTO FENOMENO EVERSIVO,POPOLISTA DI BASSA STOFFA DI DUE SOLDI.E LA SUA SOLO PRESENZA QUELLA CHE SOLLIEVA GLI ANIMI DOVUNQUE.E COSA SI ASPETTAVANO?NON ABBIAMO VISTO TUTTI IL LIVELLO DI CORRUZIONE E MALCOSTUME POLITICO DI QUESTI FALLITI?:CHI SEMINA VENTO RACCOGLIE TEMPESTE.

DI SEGUITO UN ELENCO DI TITOLARI SU TUTTA LA STAMPA SU QUESTE REAZIONI POPOLARI ALLA PRESENZA DI SALVINI E LA SUA “NUOVA” LEGA(CHE NUOVA NON E’,LO VEDREMO DOPO),MA PRIMA DUE PAROLE SULLA POLEMICA ALFANO-SALVINI E LA SICUREZZA:E’ UNA POLEMICA STRUMETALE,CIO’E’ UNA POLEMICA DOVE I DUE CERCANO DI TRARRERE REDITI ELETTORALI,SALVINI PRETENDE CHE LA RABIA CHE SOLLIEVA LA SUA PRESENZA SIA COLPA DELLA POLIZIA CHE NON CONTROLLA LE MASSE O DEL MINISTRO DELL’INTERNO CHE NON DISSOLVE I CENTRI SOCIALI.MA COME SI FA A CONTROLLARE TUTTO UN INTERO PAESE CHE SI ALZA DI FRONTE ALLA SUA SOLA PRESENZA?DAL CANTO SUO ALFANO CITA GLI ILLUMINISTI FRANCESI,VOLTAIRE PER L’APPUNTO:”NON SONO D’ACCORDO CON QUELLO CHE DICI MA SONO DISPOSTO A DARE LA MIA VITA PERCHE TU POSSA DIRE LA TUA OPINIONE”.IL GUAIO E’ CHE CHI CI VA DI MEZZO NON E’ LA SUA INTEGRITA FISICA MA QUELLA DELLA POLIZIA.E QUESTO IN MEZZO ALLE INTENZIONI ELETTORALI DI ALFANO:PRETENDE,DI FRONTE AL SUCCESO DI SARKOZY IN FRANCIA FARE IN ITALIA IL DOPPIAGGIO DI UN’ALTRA DESTRA ALTERNATIVA AL CENTRO-DESTRA E PRESENTARSI COME UN MODERATO CENTRISTA,UN CENTRO-CENTRO.(COPIA ALLA NUOVA ERA INSOMMA)

E TANTO PIU ISTRUMENTALE E’ QUESTA POLEMICA SE TENIAMO CONTE CHE NE UNO NELL’ALTRO CONTROLLANO LA POLIZIA E CHE ENTRAMBI SONO SOCI ALLE LARGHE INTESE E ORA DISSENTONO SOLO PER CIRCOSTANZIALI GIOCHI ELETTORALI.ALFANO E’ STATO SEMPRE UN INCONDIZIONALE OSSEQUENTE DI BERLUSCONI-LEGA E CONTINUA A ESSERLO.

-I TITOLARI:

-SALVINI CONTESTATO A MARSALA(SICILIA)

13 maggio 2015

Salvini contestato a Marsala fa dietrofront con l’auto blu

Duramente contestato da circa trecento persone, nella tarda serata di ieri, a Marsala, il leader della Lega Nord Matteo Salvini non è neppure potuto scendere dall’auto. In largo Zerilli, avrebbe dovuto tenere un comizio per sponsorizzare la candidatura a sindaco della città di Vito Armato (“Noi con Salvini”), ma le forze dell’ordine, in assetto antisommossa, hanno ritenuto che non c’erano le condizioni di sicurezza per far passare tra il pubblico presente in strada il segretario della Lega. (Video di Giacomo Di Girolamo e Francesco Appari)

http://video.repubblica.it/edizione/palermo/salvini-contestato-a-marsala-fa-dietrofront-con-l-auto-blu/200794/199845?ref=tblv

-SALVINI CONTESTATO  A BARI

11 maggio 2015

Salvini contestato a Foggia: la carica della polizia

Una cinquantina di manifestanti contro Matteo Salvini. E la polizia carica. E’ successo a Foggia, nei pressi dell’hotel Cicolella dove il segretario della Lega Nord era atteso per una delle tappe pugliesi della campagna elettorale

http://video.repubblica.it/edizione/bari/salvini-contestato-a-foggia-la-carica-della-polizia/200575/199622?ref=tblv

SALVINI CONTESTATO IN UMBRIA

15 maggio 2015

Marsciano (Pg), Salvini contestato con urla, striscioni e sputi

Un piccolo gruppo di contestatori ha atteso Matteo Salvini a Marsciano, una delle tappe del suo tour elettorale in Umbria. Il leader leghista ha ricevuto insulti e sarebbe stato raggiunto anche da uno sputo

Immagini da Umbria 24

http://video.repubblica.it/cronaca/marsciano-pg-salvini-contestato-con-urla-striscioni-e-sputi/201096/200148?ref=tblv

SALVINI CONTESTATO A GELA(SICILIA)

12 maggio 2015

Salvini a Gela contestato dai No Muos con slogan e cori

“Meglio una vita da clandestini che un giorno da Salvini” e ancora: “Non ti vogliamo, leghista non ti vogliamo” hanno urlato i No Muos e i gruppi di oppositori che a suon di slogan hanno accolto il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, arrivato a Gela dove a fine maggio gli elettori andranno alle urne per le amministrative. I sostenitori del leader leghista, al quale la platea di oppositori ha riservato anche qualche insulto, hanno invece srotolato uno striscione con scritto: “Benvenuto Matteo” (Video di Lorena Scimè)

http://video.repubblica.it/edizione/palermo/salvini-a-gela-contestato-dai-no-muos-con-slogan-e-cori/200742/199791?ref=vd-auto

-SALVINI CONTESTATO A PALERMO

-SU LA STAMPA:

Salvini sbarca a Palermo: sala piena, proteste fuori

Il leader del Carroccio: “Se in passato abbiamo avuto toni eccessivi sul Sud, chiedo scusa. La Sicilia potrebbe essere una miniera d’oro”
Felpa ad hoc per Matteo Salvini che è arrivato in Sicilia elogiando i canno
laura anello
palermo

I terroni che puzzano? I professori meridionali da buttare fuori dal Nord «a calci in culo»? La gente del Sud «feccia del terzo mondo»? Ma no, acqua passata. Adesso il leader della Lega Nord Matteo Salvini arriva a Palermo indossando una felpa bianca con la scritta «Sicilia», elogia il cannolo («Non smetterei mai di mangiarne») e dice perfino che tiferà per i rosanero nella sfida contro l’Inter. «D’altronde, sono un milanista». E il passato? Fa ammenda. «Se abbiamo avuto toni eccessivi in questi anni sul Sud e i meridionali, chiedo scusa, cercheremo di evitare di ricadere negli stessi errori, ma se da qui ci chiamano a migliaia vuol dire che il problema è la forma, non la sostanza».

I siciliani entusiasti

E a vedere la sala gremita dell’Hotel des Palmes, l’albergo storico salvato l’anno scorso dall’annunciata chiusura, l’albergo che tutto ha visto – dal fallimento del milazzismo alle adunate democristiane – viene da dire che ha ragione. Che lo sbarco in terra straniera e disprezzata, nonostante le contestazioni fuori dall’elegante hall, sia un successo. In sala si fa a pugni per entrare, l’aria è torrida, gli animi caldi, i nasi tesi a fiutare, come da secoli, dove adesso tiri il vento. Arabi, normanni, spagnoli, francesi, borboni, sabaudi: tutti stranieri. Tutti disprezzabili. Tutti potenti utili. Grillini delusi, facce della vecchia politica in cerca dell’ennesimo carro su cui saltare, storici esponenti della destra come l’ex deputato di An Guido Lo Porto («Salvini non mi dispiace») e Francesco Vozza di CasaPound, ma anche Dc di lungo corso come Angelo Attaguile, ieri fan dell’ex governatore autonomista Raffaele Lombardo e oggi coordinatore siciliano dei salviniani. E gente comune che si spella le mani per applaudire l’un tempo nemico che attacca l’euro e chiama alla rivolta collettiva.

I siciliani che contestano

In sala sono quattrocento, altri duecento bazzicano nei corridoi e nelle sale, mentre fuori il movimento «Orgoglio terrone» nato su Facebook tira uova e ortaggi, intona slogan, alza cartelli: «Meglio terrone che leghista coglione», «Salvini, sei nuovo come Berlusconi», «Lega ladrona, Palermo non perdona», «Je suis Terun». Ragazzi dei centri sociali, ma soprattutto giovani dei licei bene della città, pensionati, indignati scesi in strada spontaneamente. Gente con il perdono meno facile di chi sta dentro ad applaudire, gente che ha tirato fuori da Internet le vecchie frasi della Lega. Il «terroni sporcaccioni e sputacchiosi schifosi» di Radio Padania, i «meridionali sanguisughe» dell’ex presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro. Saranno duecento. C’è il presidente dell’associazione omosessuale Articolo 3 Luigi Carollo: «Io sono qui – spiega – perché la linea della Lega sui diritti Lgbt non cambia. Stanno esplorando territori nuovi, ma è un’operazione di facciata». Ci sono i ragazzi che sventolano bandiere del Regno delle Due Sicilie, tirando fuori vecchi armamentari: «Dall’Abruzzo in giù è tutta Sicilia». «Garibaldi? Altro che eroe». «Salvatore Giuliano? Un patriota».

Contro euro ed Europa

Dentro, Salvini e i suoi suonano tutt’altra musica. I nemici sono unici, ormai, da Nord a Sud. L’euro, «moneta da rottamare e superare». L’Europa. La vecchia politica. Gli affari sull’accoglienza agli immigrati. Lo spiega il responsabile economico della Lega, Claudio Borghi: «Nel mondo della lira c’era contrapposizione, allora non aveva senso fare la Lega italiana, ma adesso siamo in guerra». Annuncia: «Quando saremo al governo, raderemo al suolo tutto». Salvini liquida il presidente della Regione Crocetta e la sua «autonomia fallimentare» come una calamità naturale. Attacca Renzi: «Il peggiore centralista dal ventennio a oggi. A breve vedrò Berlusconi per capire se ha compreso che sta occupando ogni poltrona possibile». Conclude come qui concludono i politici da mezzo secolo: «La Sicilia potrebbe essere una miniera d’oro». Applausi.

http://www.lastampa.it/2015/02/09/italia/politica/salvini-a-palermo-Yneow1KE9oPR7KSqjInGwI/pagina.html

REAZIONE:UN POCO TARDI PER FARE IL SIMPATICO;SOLO IL SEGNO DI UN CLAMOROSO FALLIMETO.

1-FORMA E NON SOSTANZA?TARDI PER FARE IL SIMPATICO.

2-ALL’ARTICOLISTA:TERRA STRANIERA?NO ,STRANIERI SONO QUELLI CHE ADERIRONO AL SECESSONISMO LEGHISTA,O A QUELLO SPAZIO GEOGRAFICO IMMAGINARIO DEL SALVINI CHE ORA CHE SI DICE NON PIU SECESSIONISTA, PRETENDE UBICARE AL NORD DELLA NOSTRA ITALIA.LA LEGA NORD SI DEVE DISSOLVERE,LA SICILIA E’ L’ITALIA.

TERRA DISPREZZATA?E PERCHE NON INVIDIATA?I SICILIANI GODONO MALGRADO LA LEGA DI UNA BUONA IMMAGINE IN TUTTO IL MONDO(COMPRESA L’ITALIA E COMPRESO IL NORD) E SONO INFLUENTI TANTO COME NON LO SONO QUESTI PERDENTI POST-FASCISTI.RAGIONE HANNO QUELLI CHE INVOCANO “L’ORGOGLIO TERUN”.

TUTTI QUELLI PRESENZE STORICHE DELLA SICILIA SONO  DISPREZZABILI?A CHI LO VA A RACCONTARE CHE LA LEGA DISPREZZA I BORBONI DEL PASSATO E ATTUALI ANCHE SE(PEGGIO SE)LA GIOCA DA TIFOSO DEL BARCELLONA?

3-”LA NUOVA LEGA”?NO SOLO UNA RIEDIZIONE DEL PERDENTE ,SCONFITTO PER LA NUOVA ERA ASSE BERLUSCONI-BOSSI-FINI-LOMBARDO AL QUALE ALFANO NON E’ ESTRANEO.MA…SECONDE PARTI NON SONO MAI STATI RIUSCITI.

4-SOLO L’ESTREMA SINISTRA CONTESTA SALVINI?:NO,SONO “Ragazzi dei centri sociali, ma soprattutto giovani dei licei bene della città, pensionati, indignati scesi in strada spontaneamente. Gente con il perdono meno facile di chi sta dentro ad applaudire, gente che ha tirato fuori da Internet le vecchie frasi della Lega.E ANCHE I GAY,CI MACHEREBBE ALTRO?

5-SICILIA CONTRO EURO E EUROPA?PRETENDE POSESSIONARSI DELLE BANDIERE DELLA NUOVA ERA.PERO LA NUOVA ERA NON E’ CONTRO L’EUROPA MA CRITICA QUESTA UNONE EUROPEA SOLTANTO,E COME CORELATO L’EURO: PER ESSERE EUROPEO CI VUOLE BEN ALTRO CHE UNA MONETA UNICA O UNA POLITICA ECONOMICA.

6-LA SICILIA POTREBBE ESSERE UNA MINIERA D’ORO?E DI CHI E’ IL TESORETTO CHE PRETENDE SPARTIRE?FUM NEGLI OCCHI,LA LEGA NON HA NIENTE DA SPARTIRE MA PIU TOSTO DA TOGLIERE E USURPARE.BOSSI-BERLUSCONIL’HANNO SACHEGGIATO E QUINDI IMPOVERITO LA SICILIA PER ANNI E ORA SALVINI PRETENDE LUSSINGARE I SICILIANI CON QUELLO CHE E’ DI LORO STESSI.BUFFONE.

6-GL AFFARI SULL’ACCOGLIENZA AGLI IMMIGRANTI?VEDI DI SEGUITO DOPO LA PROSSIMA NOTA:

-SU LA STAMPA:

Salvini tra contestazione e applausi a Palermo: “Chiedo scusa ai meridionali se li ho offesi”

Con lo slogan «Giornata dell’orgoglio terrone», un gruppo di palermitani manifesta la sua opposizione alla presenza del leader leghista in città

I contestatori di Salvini a Palermo

Matteo Salvini va a Palermo in cerca di voti per il suo progetto di nuova guida del centrodestra e trova la contestazione. Sono infati circa 200 le persone che stanno protestando in via Roma a Palermo, a poca distanza dall’Hotel Delle Palme, dove tra poco il leader della Lega, Salvini, incontrerà i supporter siciliani del suo movimento. Davanti all’hotel sono schierati diversi autoblindo dei carabinieri e della polizia.

La bandiere della Sicilia

I manifestanti gridano slogan basati su «l’orgoglio terrone».I manifestanti sventolano a decine le bandiere giallorosse della Trinacria. «Noi non possiamo accettare l’arrivo di Salvini – dice Giacomo Conte – ci ha offesi per anni e adesso che ha bisogno dei voti dei siciliani viene qui. Noi diciamo no». «Viene qui solo per una passerella elettorale – è l’accusa di un manifestante -, ma noi non dimentichiamo e Palermo non ti vuole ». La manifestazione era stata annunciata alcuni giorni fa sulla pagina Facebook «Giornata dell’Orgoglio terrone», realizzata proprio per dare «la giusta accoglienza» al leader leghista in visita al capoluogo.

Il “mea culpa” del leghista

Dal canto suo, Salvini, che si è presentato in felpa bianca con la scritta «Sicilia», tira dritto e arringa davanti alla nutrita platea composta dai sostenitori del movimento «Noi con Salvini». Molti gli applausi in sala per lui, che confermano come stia sempre più conquistando consensi nell’alveo del centrodestra, tanto che anche un pezzo di Sicilia gli strizza l’occhio. Addirittura, rispondendo ai giornalisti chiede scusa, seppure inserendo un «se»: «Se abbiamo avuto toni eccessivi in questi anni sul Sud e i meridionali, chiedo scusa e cercheremo di evitare di ricadere negli stessi errori, ma se ci chiamano in migliaia vuol dire che il problema è la forma ma non la sostanza». Salvo poi precisare: «Io non ho attaccato i siciliani, ho sempre attaccato la cattiva politica. Se la Regione siciliana ha 20mila dipendenti evidentemente c’è un problema di gestione politica e di connivenza di un certo numero di cittadini. Pensiamo alle statistiche sui falsi invalidi, ovviamente non è tutta la popolazione ma una parte». Il numero uno del Carroccio ha anche individuato nella mafia il suo «nemico pubblico numero uno». E ancora: «Qualcuno in Sicilia sta guadagnando decine di milioni di euro sulla pelle degli immigrati».

Il sindaco Orlando

Tranchant il commento del sindaco di Palermo Leoluca Orlando: «A quanti mi chiedono un commento sulla presenza del leader leghista a Palermo rispondo dicendo che questa mattina ho partecipato, insieme al presidente della Consulta delle Culture, Adam Darawsha, e al consigliere romeno della Consulta, Vasile Bodoga, alla celebrazione eucaristica della comunità ortodossa romena, tessera preziosa del mosaico Palermo, che oggi festeggia il patrono San Haralambria. La nostra è una città cosmopolita che considera la differenza un valore».

http://www.lastampa.it/2015/02/08/italia/politica/palermo-salvini-va-in-cerca-di-voti-ma-trova-la-contestazione-m0bnJTwbkV16kTReCbwaRP/pagina.html

REAZIONE:TRANNE CHE PER UNA VEDUTA OTTIMISTICA DELL’ARTICOLISTA LO SBARCO A PALERMO NON E’ STATO UN SUCCESSO.CHI STRISCIA L’OCCIO  SALVINI?L’HO DETTO,NON C’E’ NIENTE DI NUOVO E IL VECCHIO ASSE BERLUSCONI-LEGA-FINI-LOMBARDO,GIA SCONFITTO DALLA NUOVA ERA E CHE SI PRETENDE RICOSTRUIRE.VOTI NON NE HANNO NE AVRANNO.TARDE PER FARE IL SIMPATICO PENTITO.

VEDIAMO “GLI AFFARI SULL’ACCOGLIENZA AGLI IMMIGRATI”:

“Il numero uno del Carroccio ha anche individuato nella mafia il suo «nemico pubblico numero uno». E ancora: «Qualcuno in Sicilia sta guadagnando decine di milioni di euro sulla pelle degli immigrati».

QUESTA E’ LA SOLITA CRIMINALIZAZZIONE CHE LA LEGA VIENE FACENDO SIN DAI TEMPI DI BOSSI-MARONI SU TUTTI I SICILIANI MA OGGI SAPPIAMO CHE LA MAFIA NON CENTRA SU QUESTI AFFARI E CHE C’E’ UN LEGAME FRA I KEDAFISTY LIBICI E MILANO E ROMA:PIU TOSTO SI INDAGHI BERLUSCONI IL SOCIO DEL COLONELLO.

E ANCORA,IL VATICANO:

Migranti, Vegliò alla Ue: «Bombardare barconi è un atto di guerra»

Il Presidente del Pontificio Consiglio per la Pastorale degli Itineranti al Sir: non è così che si risolve il problema; «chi garantisce che non si uccidano anche le persone vicine?»
http://www.lastampa.it/2015/04/24/esteri/vatican-insider/it/migranti-vegli-alla-ue-bombardare-barconi-un-atto-di-guerra-HQQf5FDZg5HyyhxW89YlcJ/pagina.html
.
DICE UN PROVERBIO SPAGNOLO:”A BUEN ENTENDEDOR POCAS PALABRAS BASTAN”
-
EPILOGO:STESSE CONTESTAZIONI SI SONO VISTI A ROMA,REGGIO EMILIA,MILANO,TORINO,ECC.(1)OVUNQUE VADA E COSI,LI CONSIGLIO FACCIA CAMPAGNA ELETTORALE SOLO SULLA TELEVISIONE DOVE HA IL RECORD ASSOLUTO DI MINUTI SPESI DEL PREZIOSO TEMPO DELL’UTENTE(2).TANTO LUI COME RENZI E BERLUSCONI APPARTENGO AI VECCHI MEZZI E AL VECCHIO MODO DI FARE POLITICA.APPARTENGONO AL PASSATO CHE NON TORNA.
(2)Berlusconi lo ha gia fatto,niente comizi col pubblico.Lui invoca la minaccia dell’is.non e’ credibile,anche luicontestato e colpito alla bocca in Italia e non dall’esterno.Gli Italiani come a salvini non lo vogliono.
-
-APENDICE:POCHE ORE DOPO LA PUBBLICAZIONE DI QUESTO SCRITTO,”BARATARIA” HA NUOVO GOVERNATORE.
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
IL FUTURO DEL PARTITO

I tormenti di Berlusconi
«Io ancora leader di Forza Italia?»

Il Cavaliere e il paradosso della ricerca di una nuova guida, con i consensi residui che dipendono solo da lui. La partita delle urne e Marina di P. Di CaroIl leader di Forza Italia: «Elezioni anticipate? Ai grillini non convengono»
Berlusconi: «Renzi ha tanta voglia di potere, rischi deriva autoritaria»

REAZIONE:LA “INSULA” HA NUOVO GOVERNATORE,IL NOSTRO SANCHO PANSA(LO SCUDERE DI DON CHISCIOTE,IL PAZZO DEI MULINI DI VENTO  CHE IN TEMPPI DOVE IL MEDIOEVO SCOMPARIVA NELLA SPAGNA SI CREDEVA ANCORA CAVALLIERE DI QUALCHE FANTOMATICA ORDINE DI CAVALLERIA E NOMINO IL SUO GRASSO E STUPIDO SCUDIERE GOVERNATORE DI “BARATARIA”,UN INSULA IMMAGINARIA DELIRATA NELLA LORO MEGALOMANE PAZZIA.EH…SE NON VOLETE SALVINI CHI….?IL CENTRO-DESTRA,QUEL ASSE DI CHI PARLAVO SOPRA ANCORA ESSISTE.E QUESTO NE E’ LA PROVA.MA….ESSISTE DA VERO?

INSISTONO NEL VOLERE VIOLENTARE L’AUTONOMIA SICILIANA CHE LA GIUSTIZIA HA RESTITUITO:”DURA COSA TE ES PATEAR CONTRA EL AGUIJON”

-

17 MAGGIO 2015:US IN GUERRA CONTRO LO STATO ISLAMICO

-TITOLARE THE WASHINGTON TIMES:

Top News

U.S. commandos enter Syria, kill Islamic State commander in charge of oil fields

 

By Jacqueline Klimas – The Washington Times 3012 Shares

Special operators killed an Islamic State senior leader during a raid in Syria on Friday night, the Pentagon announced.

Read more: http://www.washingtontimes.com/#ixzz3aPpyPaTW
Follow us: @washtimes on Twitter
TRADUZIONE:Top News
Stati Uniti commandos entrano in Siria, ucciso comandante dello  Stato islamico responsabile dei giacimenti di petrolio
Per Jacqueline Klimas – The Washington TimesOperatori speciali hanno ucciso un anziano leader dello Stato islamico durante un raid in Siria il Venerdì sera, il Pentagono ha annunciato.

Read more: http://www.washingtontimes.com/#ixzz3aPvbLHDl
Follow us: @washtimes on Twitter
REAZIONE:GLI STATI UNITI,DI FRONTE AL FALLIMENTO DELL’ESSERCITO IRAKENO NEL RESPINGERE LO STATO ISLAMICO HANNO ENTRATO IN GUERRA TERRESTRE ,MALGRADO OBAMA CHE NE DOVRA PAGARE I COSTI POLITICI.LA STRATEGGIA E’ QUELLA DI FARE “TERRA BRUCIATA” INTORNO AL CALIFATO DI BAGDAG UCCIDENDO I CAPI DELLA GESTIONI DEI CAMPI PETROLIFERI  PRESI DALLE SUE MILIZIE CHE COSTITUISCE LA PRINCIPALE RISORSA ECONOMICA.E LO HA FATTO IN QUESTO CASO NELL’INTERNO DELLA SIRIA.UNA EVIDENTE CCONSEGUENZA DELL’INTESA KERRY-PUTIN VISTO CHE RUSSIA SI OPPONEVA ALL’INTERVENTO IN QUEL PAESE.HA CADUTO LA “LINEA ROSSA”,NIENTE GUERRA FREDDA.
-

-17 MAGGIO 2015:MA QUALI QUOTE DI ACCOGLIENZA?

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

LA FRONTIERA OCCIDENTALE

Migranti, francesi in agitazione:«Blindare il confine con l’Italia»

Le autorità transalpine preoccupate dai nuovi arrivi: 944 già respinti a Ventimiglia negli ultimi 5 giorni dell’inviato Francesco Alberti
Salva i profughi grazie al telefono: la storia di «Lady Sos» di M. Sargentini
Gentiloni: «Incursioni mirate e e azioni navali. Così la missione Ue in Libia»

REAZIONE:ALFANO ANCORA APPLICA LA VECCHIA “POLITICA” DELLA LEGA E RISPEDISCE I MIGRANTI IN FRANCIA,ALTRO CHE VOLTAIRE.

-

17 MAGGIO 2015:QUANDO LA SICUREZZA E’ IL PROBLEMA

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

LA STRAGE A PALAZZO DI GIUSTIZIA

Giardiello era in Tribunale 30 minuti prima di fare la strage

Il killer entrò nel palazzo alle 8.40 e non alle 9.10 di Ferrarella e Galli
Il metal detector aveva suonato, ma nessuno controllò Giardiello
LE NUOVE IMMAGINILA PRIMA DINAMICAVideoracconto
Alfano interviene: «La magistratura vada fino in fondo»

REAZIONE:CUI NON C’E’ STATO UN PROBLEMA DI SICUREZA MA LA SICUREZZA E’ IL PROBLEMA.E NON CONFONDERE SICUREZZA CON FORZE DELL’ORDINE,POLIZIA.SI CERCHI FINO IN FONDO L’IMPLICANZA DI QUESTI POLIZIOTTI NEL TERRORIFICO ASSASINIO MULTIPLE.

-18 MAGGIO 2015:LA STRAGE DEL MEDITERRANEO,L’UE SBAGLIA

-SU LE MONDE:

Migrants : l’UE met sur pied une opération navale contre les trafiquants en Méditerranée

Le Monde.fr avec AFP | 18.05.2015 à 06h26,Mis à jour le 18.05.2015 à 18h26

Un navire des gardes-côtes italiens avec à son bord des migrants secourus en mer, samedi 2 mai.

Un mois après un naufrage dramatique, l’Union européenne a mis sur pied lundi 18 mai une opération navale pour « casser » l’activité des trafiquants qui exploitent la détresse des migrants prêts à tout pour traverser la Méditerranée à destination de l’Europe. « La décision établissant une opération navale de l’UE afin de casser le “business model” des réseaux de passeurs et trafiquants en Méditerranée vient d’être prise », a confirmé dans la soirée la chef de la diplomatie européenne, Federica Mogherini.

Cette mission sans précédent va impliquer le déploiement de bâtiments de guerre et d’avions de surveillance des armées européennes au large de la Libye, devenu la plate-forme majeure du trafic. Elle requiert un accord des Nations unies et ne sera véritablement lancée qu’en juin.

Navires, avions de surveillance et hélicoptères

L’UE, accusée de passivité voire d’indifférence, était sous pression alors que les drames de l’immigration se succèdent en Méditerranée. Réunis en urgence le 23 avril, les dirigeants de l’UE ont demandé une opération pour « capturer et détruire les embarcations » des passeurs venant de Libye avant qu’elles ne soient utilisées. Ils ont également décidé de renforcer les moyens de « Triton » et « Poséidon », deux missions de surveillance et de sauvetage en Méditerranée confiées à Frontex, l’agence chargée des frontières extérieures. La mission navale est unanimement dénoncée par les ONG. Selon ses détracteurs, elle va seulement déplacer les routes empruntées par les passeurs.

Lire aussi : Les négriers de la Méditerranée

L’opération, pour l’heure intitulée « EU Navfor Med », aura son quartier général à Rome et son commandant devrait être l’amiral italien Enrico Credendino, a expliqué un diplomate européen. La France, la Grande-Bretagne, l’Allemagne, l’Italie et l’Espagne ont déjà promis de fournir des navires. La Pologne et la Slovénie engageraient des avions de surveillance ou des hélicoptères, selon des sources diplomatiques.

Pas question cependant d’opérations militaires en territoire libyen, a assuré Federica Mogherini, la chef de la diplomatie européenne. La mission consiste à traquer les bateaux utilisés par les passeurs armés pour tracter jusqu’en haute mer les embarcations de fortune chargées de centaines de migrants, ensuite laissées à la dérive.

Appui de l’ONU

Soucieux du « respect du droit international », les Européens demandent l’appui d’une résolution du Conseil de sécurité de l’ONU. Et le chef de la diplomatie allemande, Frank-Walter Steinmeier, s’est montré optimiste sur l’obtention de ce feu vert. D’abord réticente, la Russie, membre permanent du Conseil de sécurité, semble prête à soutenir un texte ne mentionnant pas spécifiquement la destruction des navires. Il ne devrait toutefois pas être adopté avant la fin de la semaine.

Lundi, les ministres devraient demander au service diplomatique de l’UE et au comité militaire de préparer sans attendre l’opération. La surveillance accrue des côtes et réseaux de trafiquants et l’arraisonnement de navires sans pavillon dans les eaux internationales peuvent en effet commencer sans base juridique internationale. Mais plusieurs problèmes difficiles restent à régler, notamment la désignation du pays d’accueil des migrants que les marins engagés dans l’opération seront immanquablement amenés à secourir.

Lire aussi : Ce qui se cache derrière les quotas européens de réfugiés

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/18/migrants-l-ue-met-sur-pied-une-operation-navale-contre-les-trafiquants-en-mediterranee_4634993_3214.html

REAZIONE:JUNKER ASSECONDANDO LE TESI DI BERLUSCONI SBAGLIA.E IO MI AUGURO CHE IL CONSIGLIODI SICUREZZA DELL’ONU DICA NO A AZIONI DI BELIGERANZA SUL MEDITERRANEO.NON SONO NECESSARIE QUESTE NE UN NUOVO INTERVENTO MILITARE INTERNAZIONALE IN LIBIA.CIO CHE BISOGNA FARE E’ DISTRURRERE LE MILIZIE ISLAMISTI ILLEGITIME IN LIBIA E AFFONDARE  LA “SALO  LIBICA”,CIO’E’ IL PARLAMENTO ILLEGITIMO DI TRIPOLI.E PER QUESTO PIU TOSTO CHE ASSECONDARE BERLUSCONI.RENZI-ALFANO CIO CHE DOVREBBE FARE BRUXELLES E’ APPOGGIARE IL GOVERNO LEGITTIMO E INTERNAZIONALMENTE RICONOSCIUTO DI TOBRUK FORNENDOLI ARMI COME RICHIEDE IL SUO PRESIDENTE.QUESTA OPERAZIONE DELL’UNIONE EUROPEA DEVE RIMANERE NELLO SPIRITO INIZIALE DELLA RIUNIONE CHIESTA DA RENZI,E IO’E’ UNA MISSIONE UMANITARIA COME IL MARE NOSTRUM.MI AUGURO CHE LA RUSSIA CI RIPENSI O CHE OBAMA METTA IL VETO NEL CONSIGLIO DI SICUREZZA SE COSI NON SI E’.ALTRIMENTE SI VA AD UNO SCONTRO INTERNAZIONALE SUL MEDITERRANEO POICHE TOBRUK HA DETTO CHIARAMENTE CHE AFFONDEREBBE LE NAVI CHE SI AVVICININO AL SUO MARE TERRITORIALE E L’EGITTO E’ DISPOSTO A APOGGIARE TOBRUK BOMBARDANDO TRIPOLI.

-APPENDICE:IL GIORNO DOPO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Migranti, dalla Ue via libera   video   alle missioni navali antiscafisti

Migranti, dalla Ue via libera video

alle missioni navali antiscafisti

A Italia comando e quartier generale

Quote: Parigi frena, Madrid chiede revisione

Mattarella: “Dovere farsi carico dei flussi”

RepTv Bonanni: Paura dei populismi di SILVIA GARRONI

Articoli correlati

http://www.repubblica.it/solidarieta/2015/05/18/news/migranti_vertice_ue_per_il_via_a_missione_navale_comune_contro_scafisti-114616963/?ref=HREA-1

REAZIONE:BLA,BLA,BLAFALSA ALLARME,SOLO DISPERATA RETORICA TRIONFALISTA DELLE LARGHE INTESE:PER IL MOMENTO RESTA IN SOSTANZA SOLO IL “NUOVO MARE NOSTRUM”(TRITON VIA)UMANITARIO GIA ACCORDATO.NIENTE QUOTE,NINTE AZIONI DI GUERRA IN AQUE INTERNAZIONALI.QUANDO ARRIVEREMO AL PONTE INCROCIEREMO IL FIUME,SE NE PARLA A GIUNIO.LE AZIONI ANTISCAFFISTI DEVONO FARSI SENZA METTERE IN PERICOLO LA VITA DEGLI IMBARCATI,CIO’E’ IN TERRA,NEI PAESI DELL’UNIONE EUROPEA(SI VEDA LEGAMI DEGLI SCAFFISTI DELLE MILIZIE RIMASTI FEDELI A KADAFY CON BERLUSCONI E LEGA A MILANO E ROMA)E PRINCIPALMENTE IN LIBIA PRIMA CHE PARTANO DISARMANDO LE MILIZIE ISLAMICHE E SOTTOMETTENDO TRIPOLI.COMPITO CHE TOCCA AL GOVERNO LEGITTIMO INTERNAZIONALMENTE RICONOSCIUTO DI TOBRUK

-APPENDICE:TITOLARI SU THE HUFFINGTON POST:

RESTIAMO SOLI, CON I MIGRANTI

MIGRANTI

-

19 MAGGIO 2015:MEDITERRANEO,LE COSE A POSTO

-SU LA STAMPA:La missione anti-scafisti dell’Ue sarà solo navale

Approvato il testo: spariscono i riferimenti alle azioni di «distruzione» via terra
AFP

8/05/2015
marco zatterin
CORRISPONDENTE DA BRUXELLES

Avanti, per ora, solo con la fase uno e con un’operazione puramente navale. Riferimenti blandi alle azioni di terra e senza la parola “distruzione” che diventa “eliminazione” delle imbarcazioni. Il Consiglio congiunto dei ministri degli esteri e della Difesa dell’Ue ha raggiunto un’intesa politica sulla missione anti-scafisti da inviare nel Mediterraneo. Si chiamerà Eunavfor Med, avrà sede a Roma e sarà comandata da un italiano.

Il testo approvato stabilisce di procedere subito con il coordinamento delle attività di intelligence dei paesi coinvolti, che saranno almeno una decina, a partire da Italia, Francia, Regno Unito e Germania. L’azione sarà rafforzata una volta ottenuto il via libera dell’Onu e/o con il consenso dell’eventuale governo di unità nazionale in Libia. Ogni passaggio successivo avrà bisogno di una riunione del Consiglio, dunque del conclave dei governi.

Dal testo sono spariti tutti riferimenti palesi ad una offensiva di terra. Nella bozza originale si parlava di “azioni sulla costa”. Adesso si parla di azione sul territorio, ma solo alla fine del percorso. «Un passo indietro per poi poter andare avanti», assicura una fonte diplomatica. «Una pausa di riflessione – dice una seconda voce – Anche perché nessuno aveva le idee chiare su cosa fare e come farlo». Cercare di mantenete compatto il fronte in visto di balzi successivi, quando da New York arriverà il via libera.

L’approvazione politica del testo elaborato dai servizi di Federica Mogherini, alto rappresentante per la politica estera Ue, è comunque l’inizio di un processo importante. Deve andare a colpire il dramma delle immigrazioni alla radice, in modo da bilanciare le operazioni umanitarie del quadri Triton. Ecco, in sintesi, lo schema per Eunavfor Med che dovrebbero vedere la luce in giornata. Nella prima fase, quella che si adotta oggi, Eufornav Med dovrà sostenere l’identificazione e il monitoraggio dei network dei trafficanti attraverso la raccolta delle informazioni e la sorveglianza delle acque internazionali nel rispetto del quadro giuridico internazionale.

Solo successivamente, e ottenuto il via libera attraverso la risoluzione dell’Onu ex Chapter VII, potrà partire la seconda fase. In due tempi.

1. Abbordaggio, perquisizione, cattura e dirottamento delle navi nelle acque internazionali di imbarcazioni sospettate di servire ai trafficanti di esseri umani, nel diritto internazionale.

2. Come sopra, anche nelle acque territoriali e interne della Libia, purché in presenza di una risoluzione dell’Onu. Rispetto alla bozza, è sparito il riferimento sull’intervento a terra.

La terza fase richiede “una risoluzione Onu o il consenso dello stato costiero interessato”, comporta “tutte le misure necessarie contro una nave e le strutture relative, incluso il danneggiamento e il renderle non operative, se sospettate di traffico di umani, “anche sul territorio dello stato”.

Intanto però tra i Paesi Ue cresce la polemica sulle quote. L’Alto rappresentante dell’Ue Federica Mogherini si è augurata che i Ventotto consentano all’Ue di essere «efficace»: è stata una risposta alla Francia, ultimo Paese -dopo Gran Bretagna, Ungheria e Polonia- a mettere n discussione la questione delle quote di ripartizione dei migranti. «È chiaro -ha aggiunto- che la condivisione della responsabilità e cosa facciamo delle persone che salviamo è parte integrante della strategia complessiva». Anche il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha tenuto a sottolineare che sul principio di condivisione delle responsabilità per l’accoglienza non si devono fare «passi indietro». Ma secondo quanto riporta il Guardian il governo conservatore britannico di David Cameron è pronto a offrire droni, attrezzature-spia e militari per un coordinamento incaricato di fronteggiare i trafficanti ma non ad accettare le quote di rifugiati decise in sede Ue.

http://www.lastampa.it/2015/05/18/esteri/oggi-il-via-dellue-alla-missione-antiscafisti-kVaEL63rky1FdDUrBAEz9H/pagina.html

REAZIONE:SOLO L’ITEM 1.IL RESTO SONO SPECULAZIONI.IL RISULTATO DELLA RIUNIONE CHIESTA DA RENZI?TORNI AL MARE NOSTRUM,ECCO I SOLDI,VIA TRITON.E’ ANDATO PER PESCI E HA RITORNATO CON UN RAFFREDORE:RIMPROVERATO.COLPA SUA E DI ALFANO E LA SUA TRITON SE IL NUMERO DI MORTI HA CRESCUTO.STATEMI BUONI.

18 MAGGIO 2014:BERLUSCONIANI DI EMILIA PROCESSATI PER PECULATO

-SU LA REPUBBLICA:

Spese pazze in Regione,chiesto il processo per undici ex consiglieri Pdl

Firmate le richieste di rinvio a giudizio.”Sconto” di 4mila euro per Galeazzo Bignami

Spese pazze in Regione, chiesto il processo per undici ex consiglieri Pdl

BOLOGNA - La Procura di Bologna ha chiesto il rinvio a giudizio per 11 consiglieri Pdl della scorsa legislatura indagati per peculato nella cosiddetta inchiesta sulle ‘spese pazze’ della precedente assemblea legislativa dell’Emilia Romagna relativa ai rimborsi nel periodo compreso tra giugno 2010 e dicembre 2011. Le richieste sono state firmate dai pm Antonella Scandellari e Morena Plazzi con il visto del procuratore aggiunto, Valter Giovannini, coordinatore del gruppo “pubblica amministrazione”.

Rispetto agli avvisi di fine indagine le cifre contestate dagli inquirenti sono rimaste le stesse, eccetto per la posizione del consigliere rieletto Galeazzo Bignami, al quale sono contestati circa 4mila euro in meno rispetto alla somma iniziale che era di 39mila euro. Una diminuzione motivata dal fatto che i pm hanno ritenuto attendibile la documentazione presentata dal consigliere relativa alle spese (circa 4mila euro, appunto) relative a consulenze. Tra i consiglieri rieletti c’è anche Enrico Aimi, cui sono contestati circa 58 mila euro. Ci sono poi gli ex: il capogruppo Luigi Villani (205 mila euro), Luca Bartolini (89 mila euro), Gianguido Bazzoni (67 mila), Fabio Filippi (56 mila) Andrea Leoni (84 mila), Marco Lombardi (70 mila), Mauro Malaguti (53 mila), Andrea Pollastri (26 mila), Alberto Vecchi (40 mila).

Nel novembre 2014 fu notificato il fine indagine a 41 ex consiglieri regionali esponenti di tutti i partiti dello scorso parlamentino di viale Aldo Moro. Con le richieste di rinvio a giudizio per gli ex eletti del Pdl in Regione, la Procura ha chiesto il processo per esponenti di tutti i gruppi consiliari della scorsa legislatura.

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2015/05/18/news/spese_pazze_chiesto_il_processo_per_11_ex_consiglieri_pdl-114641226/?ref=HREC1-26

REAZIONE:AL NEGOZIO CON I NOSTRI SOLDI!!!!!

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 211 »

11 maggio 2015
0
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 210 »

8 maggio 2015
0

8 MAGGIO 2015:LA STARGE SENZA FINE DEL MEDITERRANEO

mondo

Gli Stati dicono no alle quote profughi, l’Ue cambia strategia

Bruxelles vuole comunque una redistribuzione che alleggerisca la pressione sull’Italia
LAPRESSE

Gli sbarchi di ieri: 328 a Messina, 200 nel Salento, 424 a La Spezia, 210 a Lampedusa

marco zatterin
corrispondente da bruxelles

«Le quote obbligatorie non si possono fare, manca la base giuridica». Non senza rammarico, una fonte europea ammette il limite più grave della strategia che la Commissione intende presentare il 13 maggio per tentare di dare all’Unione una vera politica comune dell’immigrazione. Il presidente Juncker ha promesso una soluzione che coinvolga tutti gli Stati nello sforzo di affiancare l’Italia nel salvare chi attraversa il Mediterraneo – «un errore lasciarla sola» – e provvedere a una distribuzione equa di chi ha il diritto di restare. «Dovrà essere un sistema volontario – spiegano più fonti -. Ma la nostra intenzione è che la formula assomigli il più possibile a qualcosa di inevitabile».

Si sente parlare di «moral suasion», di mettere le capitali nella condizione di non poter rifiutare. «L’accoglienza è una competenza nazionale», ricordano alla Commissione, dove ieri i servizi si sono affrontati in una riunione parecchio vivace. C’è un testo aperto che circola, da definire nel fine settimana. L’ambizione di Juncker, e del responsabile agli Interni Avramopoulos, è tutelare la dignità dell’Ue. Nei loro quartieri si ritiene che gli orientamenti del vertice di due settimane fa siano stati «insufficienti». L’intenzione è di prendere i governi per la giacchetta e spingerli a fare di più per quella che appare loro «una catastrofe umanitaria strutturale».

RAFFORZARE TRITON

Il primo passo, sul quale c’è qualche problema tecnico ma non politico, è il rafforzamento della sorveglianza di Triton in modo che esso assomigli il più possibile al defunto «Mare Nostrum»: più mezzi, fondi triplicati, maggiore spettro d’azione nelle acque internazionali. I dettagli dovrebbero essere definiti in una riunione di Frontex con gli italiani in programma domani. A Roma dicono che, «data la vastissima partecipazione frutto di una solidarietà che prima non c’era, l’esigenza è organizzare l’impegno». Probabile la richiesta di ampliare la vigilanza sino a i 50 miglia. Come per «Mare Nostrum».

LE SOLUZIONI AL VAGLIO

Così si salveranno più vite. E poi? Juncker vuole le quote. Ma come? La Commissione «ha sul tavolo un ventaglio di opzioni», dice una fonte, rapida a precisare che «alla fine presenterà una sola opzione forte». Presto per dire quale. C’è la strada della raccomandazione agli Stati, ma è l’opzione più fragile. In seconda battuta si ragiona sulla revisione della direttiva per la protezione temporanea, magari con schemi di ripartizione legati a criteri come popolazione e pil: facoltativi, ma moralmente vincolanti. Un’altra opzione è il ricorso al comma 3 dell’art. 78 del Trattato Ue: se uno o più Stati affrontano «l’emergenza caratterizzata da un afflusso improvviso di cittadini di Paesi terzi, il Consiglio, su proposta della Commissione, può adottare misure temporanee a beneficio» degli interessati.

A fianco di questo, la Commissione potrebbe suggerire un «riesame del regolamento di Dublino III» a partire dal 2016, così da scardinare il principio del «porto sicuro più vicino», che fa recapitare i migranti salvati nelle nostre città. In discussione anche un intervento sui permessi di accesso, per renderli più semplici e veicolabili. «Gli Stati devono mostrare la volontà ed essere messi di fronte a responsabilità», assicura un pezzo grosso della Commissione. Meglio tardi che mai.

http://www.lastampa.it/2015/05/07/esteri/gli-stati-dicono-no-alle-quote-profughi-lue-cambia-strategia-RC9YcYJNtLjTPjDOBPTuRL/pagina.html

.

REAZIONE.L’EUROPA MI DA RAGIONE.MI RACCOMANDO,LEGGETE LE MIE REAZIONI,COMMENTI E ANALISI.CHE POI SONO QUELLI DELLA NUOVA ERA.

-APPENDICE:IL GIORNO PRIMA

-SU LE MONDE,Europe:

L’Italie interpelle l’UE après un nouveau drame de migrants en Méditerranée

Le Monde.fr avec AFP | 05.05.2015 à 14h01, Mis à jour le 05.05.2015 à 16h49

 Des migrants sur un bateau, le 5 mai, dans le port de Pozzallo, en Sicile.

Après un énième naufrage en Méditerranée dimanche, l’Italie a interpellé les pays membres de l’Union européenne (UE), leur enjoignant de se saisir, enfin, de la question migratoire. L’Italie se trouve en première ligne pour faire face à l’arrivée en grand nombre de personnes venues de Libye, de Syrie, d’Irak, d’Afrique subsaharienne et de la Corne de l’Afrique et désireux de rejoindre l’UE.

« Il ne suffit pas d’ajouter une dizaine de navires aux navires italiens » présents en Méditerranée pour résoudre la situation, a déclaré Paolo Gentiloni, le ministre des affaires étrangères, qui demande une contribution européenne à « la lutte contre les trafiquants d’êtres humains », ainsi qu’une autre approche concernant le droit d’asile.

« Concernant l’immigration, il y a une prise de conscience de l’Europe et c’est une bonne nouvelle, mais seulement à moitié (…), car il manque encore la volonté d’accueillir et faciliter l’intégration de manière équitable sur tout le territoire de notre Europe », a ajouté Pietro Grasso, le président du Sénat.

Lire le décryptage des Décodeurs : Méditerranée : chiffres et carte pour comprendre la tragédie

Un Conseil européen prévu à la fin de juin

Lors d’un sommet européen organisé en avril, l’UE a décidé de renforcer son opération « Triton » de surveillance et de sauvetage en mer en triplant son budget, mais ces mesures doivent entrer en vigueur, et des problèmes opérationnels doivent être résolus, notamment la zone d’intervention.

Jusqu’à présent, le mandat de « Triton » était d’opérer à l’intérieur des limites des 30 milles nautiques, mais tous les appels au secours de migrants proviennent de zones éloignées en moyenne d’une centaine de milles.

La Commission doit également présenter, le 13 mai, sa stratégie pour les migrations, qui doit prévoir des quotas obligatoires d’accueil des réfugiés pour tous les Etats membres. Le Conseil européen devra ensuite se prononcer les 25 et 26 juin. Sur fond d’explosion du nombre des demandeurs d’asile dans l’Union européenne l’an dernier, des disparités de plus en plus marquées se sont fait jour au sein de l’UE en matière d’accueil.

Au moins 1 500 morts depuis janvier

Nombre de morts ou disparus

Méditerranée3,500

Golfe du Bengale 205
Afrique de l’Est 251
Frontière Mexique/Etats-Unis 350
autres 319

Le bilan du naufrage, dimanche, de canots pneumatiques transportant des migrants originaires d’Afrique subsaharienne demeurait incertain mardi. L’ONG Save the Children avait évoqué dans un premier temps une quarantaine de morts, citant un groupe de rescapés arrivés en Sicile. Des dizaines de personnes seraient tombées à l’eau entre la Libye et la Sicile au moment où un cargo, le Zeran, s’approchait pour leur porter secours. Les rescapés sont arrivés mardi dans le port de Catane à bord du cargo Zeran, qui transportait également cinq cadavres.

La Turquie a indiqué que plus de 600 personnes, originaires majoritairement de Syrie mais aussi d’Irak, d’Afghanistan, de Birmanie et de pays africains, avaient été secourues en mer Egée au cours des cinq derniers jours.

Le début de l’année 2015 a été meurtrier pour les personnent traversant la Méditerranée, venant essentiellement de Somalie et d’Erythrée, mais aussi de pays subsahariens, tels que la Gambie, le Ghana, le Niger, le Sénégal, la Côte d’Ivoire, ou bien encore de Syrie. Selon un décompte partiel, plus de 1 500 personnes ont déjà trouvé la mort depuis le début de l’année en tentant la traversée de la Méditerranée, un chiffre sans comparaison avec le nombre de victimes en 2014 pendant la même période, inférieur à une centaine.

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/05/une-quarantaine-de-migrants-perissent-noyes-en-mediterranee_4628075_3214.html

-

REAZIONE:ORMAI QUESTO E’ GENOCIDIO,I NUMERI PARLANO CHIARO.

-

9 MAGGIO 2015:UKRANIA HA SCHIANTATO IL VOLO MH17 DI MALASIA?

-SU BBC:

MH17 schianto: sfida russa al ribellarsi alla teoria del missile BUK

Per Rayhan Demytrie BBC News, Mosca
*7 MAGGIO 2015
*Dalla sezione Europe
Russo Buk lanciamissili prove per sfilata a Mosca (29 aprile)
Mentre la Russia ha batterie di missili Buk, il rapporto sostiene che quella che ha portato giù il MH17 era ucraino

“E ‘stato un Buk-M1″, ha annunciato Novaya Gazeta, considerata una delle poche pubblicazioni media indipendenti rimaste in Russia.

Il giornale dietro il titolo sensazionalista dice che ha ottenuto una riservata segnalazione anonima da un gruppo di specialisti militari russi, tra cui coloro che lavorano per l’azienda top secret che produce missili terra-aria come il Buk.

La fabbricazione russa Buk è stato a lungo il “leader scenario” di ricercatori internazionali che cercano di scoprire cosa ha portato giù il volo Malaysia Airlines MH17 l’Ucraina orientale nel luglio dello scorso anno, uccidendo 298 persone.

Ma questo dettagliato rapporto tecnico russo dice che il Buk è stato lanciato dal territorio detenuto dalle forze ucraine piuttosto che quello dai i ribelli filo-russo.

Fino ad ora le speculazioni nei media russi è stata dominata da affermazioni che MH17 è stato abbattuto da un missile aria-aria sparato da un aereo da caccia ucraino SU-25.

immagini satellitari

Russian State Foto della trasmissione TV, dato che screditato, pretende di mostrare il momento in cui un jet ucraino abbattuto MH17

Quindi la rivelazione che anche la Russia crede che era un Buk viene visualizzata significativo.

Eppure, fin dal 21 luglio 2014, il ministero russo della Difesa ha detto che il Boeing 777 era caduto in una zona all’interno della gamma di un lanciamissili ucraino Buk-M1.

La stessa dichiarazione ha detto che una batteria Buk era stato rilevata in Zaroshchenske, una città riportata anche nella relazione Novaya Gazeta di Mercoledì.

Gli esperti militari affermano che questa città era sotto il controllo militare ucraino in quel momento.

Funzionari ucraini insistono che la zona era già nelle mani dei ribelli.

Ma adottando una nuova posizione, il rapporto mette in dubbio la città di Snizhne, dove gli investigatori internazionali dicono che un missile launcher Buk è stato visto essere guidato solo quattro ore prima che l’aereo è stato abbattuto.

VIDEO NON RIPORTATO
Media caption Photos and phone intercepts are detailed in the subtitled Russian-language video

Due russi, esperti militari indipendenti, Pavel Felgenhauer e Vadim Lukashevich, hanno detto alla BBC che  la credibilità del rapporto trapelato è discutibile perché è anonima e la sua origine non è stato rivelata.

Il vicedirettore di Novaya Gazeta,Sergey Sokolov ha detto alla BBC che non conosceva i nomi degli esperti militari che hanno lavorato al rapporto, ma aveva familiarità con la loro azienda.

Mr Sokolov ha sottolineato che al giornale li è stato dato accesso alla relazione sullo stato di anonimato, e ha ritenuto importante trasmetterla al pubblico.

‘Disinformazione stratagemma’

Signor Lukashevich, analista di aviazione, ritiene che parti della relazione sono discutibili, ma vede l’ultima versione russa di eventi come più plausibile rispetto a prima.

“Ora essi hanno iniziato questa campagna chiara, sistematica e competente,da soli ma stanno cominciando a coinvolgere specialisti”, ha detto.

“Hanno finalmente buttato via la cortina fumogena di bugie, gradualmente rendendosi conto che la fine è vicina.”

L’Analista militare Pavel Felgenhauer ha detto: “Credo che questo rapporto è una stratagemma di disinformazione per spostare la colpa dai militari russi ai militari ucraini.”

Corteo trasportano resti delle vittime MH17 nei Paesi Bassi (2 maggio)

I resti finali delle 298 vittime del volo MH17 sono stati trasportati indietro ai Paesi Bassi durante il fine settimana

Qualunque sia la verità sul rapporto, non è l’unica nuova informazione a emergere su MH17, tutti apparentemente con l’obiettivo di aiutare gli investigatori a arrivare ai fatti.

La scorsa settimana, i ribelli filo-russi in Ucraina orientale hanno presentato una mappa, presumibilmente trovata in uno scantinato a Donetsk, che ha mostrato dove erano di stanza le divisioni dell’esercito ucraino, a quanto pare con lanciamissili Buk.

E c’erano altre rivelazioni a venire dai ribelli il Mercoledì.

L’ufficiale principale Donetsk Andrey Purgin ha affermato che il volo MH17 è stato illegalmente passato da un controllore del traffico aereo a Kiev ad un altro più a est che ha cambiato il corso del piano verso una zona con lanciamissili ucraini Buk.

Mr Purgin ha detto di aver passato tutte le sue informazioni agli investigatori internazionali nei Paesi Bassi.

Il Consiglio di sicurezza olandese presenterà le sue conclusioni entro ottobre 2015.

Campo di detriti aeromobili e parti recuperate identificati sul piano

Alcune parti del piano sono stati trovati 8 km (5 miglia) dal sito di detriti principale

*Resti trovati sul sito MH17 nove mesi dopo

*Che cosa sappiamo di MH17 incidente

*Giornalista olandese che ha cercato di risolvere il crimine MH17

http://www.bbc.com/news/world-europe-32610955

-

11 MAGGIO 2015:LE PREFERENZE POLITICHE DELLA NUOVA ERA IN GB 2

-SU LE MONDE,Europe:

David Cameron promet un référendum sur l’Europe

Le Monde.fr | 08.05.2015 à 18h13, Mis à jour le 08.05.2015 à 18h33

http://www.dailymotion.com/video/x2pisf4

Contre toutes les prédictions des sondages qui ont répété que rien n’était joué, le premier ministre sortant, David Cameron, a remporté une nette victoire lors des élections législatives. Après l’annonce des résultats, le premier ministre britannique a fait une courte allocution où il a promis un référendum sur le retrait de l’Union européenne et plus de décentralisation pour l’Ecosse

http://www.lemonde.fr/europe/video/2015/05/08/david-cameron-promet-un-referendum-sur-l-europe_4630443_3214.html

.

-APPENDICE:LA NOTA COMPLETA

-SU LE MONDE,Europe:

Elections au Royaume-Uni : David Cameron grand vainqueur, ses rivaux démissionnaires…

Le Monde.fr avec AFP | 08.05.2015 à 15h13,Mis à jour le 09.05.2015 à 02h2
Les résultats des élections législatives britanniques
Contre toute attente, les conservateurs ont emporté haut la main les élections législatives au Royaume-Uni. Le parti du premier ministre David Cameron sera en mesure de gouverner seul avec les quelque 331 sièges qu’il a acquis.

Contre toutes les prédictions des sondages qui ont répété que rien n’était joué, le premier ministre sortant, David Cameron, a remporté une nette victoire lors des élections législatives. Non seulement il est assuré de conserver son poste, mais le Parti conservateur dispose de la majorité absolue à la Chambre des communes, puisqu’il a dépassé le seuil fatidique des 326 sièges sur 650, en en remportant 331, loin devant le Labour, qui ne s’en voit attribuer que 232, selon les résultats définitifs.

*David Cameron commence à former un nouveau gouvernement

http://www.dailymotion.com/video/x2pisf4

Reçu par la reine Elizabeth vendredi 8 mai après-midi, David Cameron a été invité à former un nouveau gouvernement, qu’il promet « conservateur » et qu’il pourra constituer sans ses anciens alliés libéraux-démocrates. Avant de regagner sa résidence officielle du 10 Downing Street, il a déclaré :

« Avant tout, je veux rassembler notre pays, notre Royaume-Uni, notamment en mettant en œuvre aussi vite que possible les délégations de pouvoirs que nous avons promises à juste titre. Je veux que mon parti et, je l’espère, un gouvernement que je souhaite conduire, récupère un étendard que nous ne devrions jamais avoir perdu, l’étendard d’une seule nation, d’un seul Royaume-Uni. »

Dans la foulée de ce discours, le premier ministre n’a pas tardé à dévoiler quelques nominations de ministres sur son compte Twitter, reconduisant d’ores et déjà quatre poids lourds de son ancien gouvernement : George Osborne aux finances, avec rang de numéro deux du gouvernement – « First secretary of state » –, Teresa May au sécrétariat d’Etat à l’intérieur, Philip Hammond à la diplomatie et Michael Fallon au secrétariat d’Etat à la défense.

Dans le précédent gouvernement de David Cameron, le numéro deux du gouvernement était le vice-premier ministre libéral-démocrate Nick Clegg.

TWEET

I have re-appointed George Osborne as Chancellor of the Exchequer. He will also be First Secretary of State – the ranking Cabinet Minister.

— David Cameron (@David_Cameron) 8 Mai 2015
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/08/elections-au-royaume-uni-david-cameron-grand-vainqueur-ses-rivaux-demissionnaires_4630328_3214.html#2f4uzY3z1FJabOd2.99

Cette victoire donne à M. Cameron une autorité décuplée tant sur le plan national qu’européen. Sa stratégie ayant consisté à agiter la crainte du « chaos » économique en cas de victoire du Labour est ainsi couronnée de succès.

Une victoire « impressionnante », selon les mots de Barack Obama, que n’a pas non plus manqué de saluer François Hollande, invitant David Cameron à « à venir à Paris, une fois son gouvernement formé ».

Le premier ministre sortant l’avait promis : le référendum sur le maintien de la Grande-Bretagne au sein de l’Union européenne devrait avoir lieu d’ici à deux ans. Il assure qu’il fera campagne pour le maintien s’il obtient au préalable de ses partenaires une modification satisfaisante des traités, notamment en matière de contrôle de l’immigration intraeuropéenne et de protection des intérêts de la City.

Ce futur scrutin, baptisé « sur l’avenir de l’Europe », inquiète déjà ses partenaires européens en raison de la possibilité d’un « Brexit », un acronyme désignant une sortie du club des 28. « Il est légitime de tenir compte des aspirations des britanniques mais il y a des règles en Europe et parmi ces règles il y la concertation », a ainsi affirmé le président français François Hollande.

Lire nos explications : Royaume-Uni : en route pour le référendum sur la sortie de l’UE

http://www.dailymotion.com/video/x2phwbx

Pour les travaillistes, il s’agit d’un sérieux revers. Avec entre 232 sièges, ils sont définitivement distancés. C’est leur plus bas niveau à Westminster depuis 1987. L’une des explications est l’incroyable vague nationaliste qui a déferlé en Ecosse, un bastion traditionnel des travaillistes.

Selon des résultats définitifs, le Scottish National Party (SNP, indépendantiste) y a remporté 56 des 59 sièges en jeu, et les travaillistes y sont balayés.

Parmi les défaites symboliques, celles d’Ed Balls, le bras droit de M. Miliband et de Jim Murphy, patron du Labour en Ecosse.

Les libéraux-démocrates, qui étaient le partenaire des conservateurs dans la coalition sortante, subissent l’une de leurs plus grosses défaites, passant de 57 sièges remportés en 2010 à 8. Là aussi Vince Cable, ancien ministre du commerce, fait partie des battus.

Malgré plus de 3 millions de voix, le UKIP (United Kingdom Independence Party), parti antieuropéen, n’obtient de son côté qu’un siège, en raison du mode de scrutin britannique, défavorable aux petits partis. De même pour les Verts, qui n’obtiennent qu’un siège.

*… et démissions en cascade

http://www.dailymotion.com/video/x2phojz

Les résultats connus, les principaux responsables politiques battus ont annoncé leurs démissions : Ed Miliband, chef de file du Parti travailliste, Nick Clegg, chef de file du Parti libéral-démocrate, et le leader du UKIP, Nigel Farage, battu dans sa propre circonscription de South Thanet. Ce dernier n’exclut cependant pas un retour dans le court ou moyen terme.

Le SNP, parti de Nicola Sturgeon, remporte presque intégralement les sièges d’Ecosse. Le Labour, qui dominait depuis des décennies au nord du mur d’Hadrien, ne conserverait que trois de ses 40 sièges. Ce raz-de-marée sonne comme une nouvelle impulsion en faveur de l’indépendance, après les 45 % de « oui » remportés lors du référendum de 2014. Le parti indépendantiste disposera d’une imposante tribune à Westminster, qu’il utilisera pour attaquer les conservateurs, honnis en Ecosse.

L’occasion d’une deuxième consultation sur l’indépendance pourrait arriver plus vite que prévu : Nicola Sturgeon n’a pas caché que les Ecossais refuseraient d’être entraînés hors de l’UE par les seuls Anglais. En cas de votes divergents entre Ecossais et Anglais sur ce point en 2017, elle demandera un nouveau référendum sur l’Ecosse. En attendant, David Cameron a promis « le gouvernement le plus décentralisé au monde » en Ecosse.

Lire notre reportage : « Les électeurs n’ont pas supporté qu’on leur mente »

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/08/elections-au-royaume-uni-david-cameron-grand-vainqueur-ses-rivaux-demissionnaires_4630328_3214.html

REAZIONE:UNA DOPPIA VITTORIA DELLA NUOVA ERA:SI FARA IL REFERENDUM PER L’USCITA DI EUROPA,E SI VA VERSO UNA SECESSIONE ELETTORALE DELLA SCOZIA(SENZA VIOLENZE NE SPARGIMENTI DI SANGUE),INSOMMA “ALL’INGLESE”:GOD SAVE THE QEEN.PERO QUAL’ORA NON SI VERIFICASSI LA DECENTRALIZAZZIONE SCOZZESE UN’ALTRO REFERENDUM INDEPENDENTISTA SARA INDOTTO.A CAMERON ASPETTA UN DIFFICILE EQUILIBRIO FRA L’USCITA DELL’EUROPA E/O LA SECESSIONE SCOZZESE.UNA VITTORIA ALLA PIRRO SE VUOI.PERO SCAMPATO IL PERICOLO LABOURISTA.CHE NE MENO ALLA NUOVA ERA CONVIENE:NESSUNO DEVE DIMENTICARE CHE IL NEOLIBERALISMO IN INGLITERRA HA AVUTO FACCIA DI “NEW LABOUR”

-

-APPENDICE 1:

-SU LE MONDE,Europe:

Législatives au Royaume-Uni : « Les électeurs n’ont pas supporté qu’on leur mente »

LE MONDE | 08.05.2015 à 11h25 ,Mis à jour le 08.05.2015 à 19h12 | Par Enora Ollivier (Edimbourg (Grande-Bretagne), envoyée spéciale)

Législatives au Royaume-Uni : « Les électeurs n’ont pas supporté qu’on leur mente »

LE MONDE | 08.05.2015 à 11h25 • Mis à jour le 08.05.2015 à 19h12 | Par Enora Ollivier (Edimbourg (Grande-Bretagne), envoyée spéciale)

Abonnez-vous
à partir de 1 € Réagir ClasserPartager facebook twitter google + linkedin pinterest
 Nicola Sturgeon, première ministre d'Ecosse, à Edimbourg, le 6 mai.

La scène se déroule à 3 heures du matin, au Centre international de conférences d’Edimbourg, où les bulletins des cinq circonscriptions de la ville sont dépouillés. Un groupe de membres du Parti national écossais (Scottish National Party, SNP), bardés de badges jaunes, la couleur du parti, regarde la télévision où se succèdent les résultats des circonscriptions écossaises remportées, une à une, par les indépendantistes. Le militant travailliste qui traverse à contrecœur la joyeuse troupe pour se rendre dans la grande pièce où les comptages se poursuivent reçoit une série de tapes amicales dans le dos. Mais, tête baissée, soupirant d’agacement, il ne se retourne pas.

L’histoire pourrait être une parabole de la déroute enregistrée par les travaillistes en Ecosse, où ils régnaient jusqu’ici en maîtres. Balayés, les 40 sièges occupés par le Labour : ce jeudi 7 mai, une révolution a eu lieu, un renversement de pouvoir sans arme, sans sang versé, mais qui va bouleverser le paysage politique du Royaume-Uni. Les indépendantistes écossais sont devenus, en une nuit, la troisième force du Parlement britannique, en envoyant 56 députés à Londres. Le SNP, qui ne comptait jusqu’à jeudi que six députés, réalise une performance historique, soixante-dix ans après l’élection du tout premier député nationaliste écossais, Robert McIntyre.

« Les électeurs n’ont pas supporté qu’on leur parle comme s’ils étaient des idiots, en leur faisant croire qu’ils risquaient de tout perdre si l’Ecosse devenait indépendante », explique la Joanna Cherry, candidate SNP

Lire aussi : L’Ecosse en situation de sécession électorale

Débâcle travailliste

La victoire éclatante du parti indépendantiste a surtout des airs de revanche, après le rejet de l’indépendance de l’Ecosse lors du référendum de septembre 2014. S’il fallait retenir un symbole de l’essor qu’ont connu les indépendantistes après avoir perdu ce référendum, ce pourrait être celui-là : dans la circonscription où siégeait depuis 1987 le travailliste Alistair Darling, ancien chancelier de l’Echiquier et surtout chef de file de la campagne « Better Together », en faveur du maintien de l’Ecosse au sein du Royaume-Uni, le Labour enregistre une véritable débâcle. La candidate Joanna Cherry l’emporte haut la main, avec 8 000 voix d’avance sur son adversaire Ricky Henderson, qui espérait prendre la suite de M. Darling.

« Les électeurs n’ont pas supporté qu’on leur mente pendant la campagne du référendum, qu’on leur parle comme s’ils étaient des idiots, en leur faisant croire qu’ils risquaient de tout perdre si l’Ecosse devenait indépendante. Nous avons des responsabilités au Parlement d’Ecosse depuis des années, tout le monde sait maintenant que nous sommes dignes de confiance ! », explique au Monde Mme Cherry.

Vendredi, au petit matin, seul le candidat travailliste Ian Murray avait été réélu, dans le sud d’Edimbourg. « L’Ecosse a besoin d’un Labour fort », a-t-il lancé, comme une bouée à la mer devant un parterre de militants indépendantistes. « Les travaillistes ne vous laisseront jamais tomber, ils se battront toujours pour l’Ecosse, pour les Ecossais », a-t-il continué, impassible malgré les huées du SNP.

« Désastre pour l’économie écossaise »

Le discours fait écho au reproche récurrent adressé au Labour écossais depuis le référendum sur l’indépendance : le parti serait devenu un mastodonte technocratique, une machine fabriquant des candidats professionnels, éloignés des préoccupations des habitants qui ont souffert des coupes budgétaires décidées par le gouvernement Cameron. « Un député du Labour n’est pas un représentant de sa circonscription écossaise à Westminster, il est un représentant de Westminster vaguement originaire d’Ecosse », résume en riant Andrew, un militant de la constitution d’Edimbourg est.

Nicola Sturgeon, la dirigeante du SNP, a répété pendant toute la campagne qu’il n’était pas question d’organiser un nouveau vote sur l’indépendance de l’Ecosse dans les mois à venir. « Ce n’est pas un mandat pour l’indépendance, ni pour un nouveau référendum », a-t-elle encore clamé depuis Glasgow, dans la nuit de jeudi à vendredi.

Mais les très europhiles Ecossais ne veulent pas être poussés hors d’Europe par leurs voisins anglais, après le référendum qu’a promis d’organiser M. Cameron sur la sortie du Royaume-Uni de l’Union européenne (UE). « Si M. Cameron s’engage dans la voie d’une sortie de l’UE, qui serait un désastre pour l’économie écossaise et une décision antidémocratique, il nous faudra reconsidérer notre position » sur l’organisation d’un nouveau scrutin sur l’indépendance de l’Ecosse, confirme Mme Cherry.

*Enora Ollivier (Edimbourg (Grande-Bretagne), envoyée spéciale)

*Journaliste au Monde

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/08/legislatives-britanniques-les-electeurs-n-ont-pas-supporte-qu-on-leur-mente_4630086_3214.html

-

-APPENDICE 2:

L’Ecosse en situation de sécession électorale

LE MONDE | 08.05.2015 à 09h55 ,Mis à jour le 08.05.2015 à 17h34 | Par Philippe Bernard (Londres, correspondant)

 Nicola Sturgeon, leader du parti indépendantiste écossais (SNP) célèbre la victoire de son mouvement politique à Glasgow le 8 mai 2015.

Historique », « sensationnel », « sans précédent ». Pour une fois, les superlatifs ne semblent pas déplacés. En l’espace d’une soirée électorale, les indépendantistes écossais ont tourné une page de l’histoire de leur province et sans doute marqué une étape décisive vers la satisfaction de leur revendication ultime : l’indépendance.

Les résultats des élections législatives britanniques

Contre toute attente, les conservateurs ont emporté haut la main les élections législatives au Royaume-Uni. Le parti du premier ministre David Cameron sera en mesure de gouverner seul avec les quelque 331 sièges qu’il a acquis.

La page d’histoire, c’est celle de l’enracinement séculaire du Parti travailliste parmi les classes populaires de cette région pauvre et industrieuse. Des décennies de domination du Labour sur la vie politique écossaise ont pris fin jeudi 7 mai. « Nous sommes désormais des outsiders », a concédé dignement Jim Murphy, le patron des travaillistes écossais, battu dans son fief comme 38 de ses compagnons de parti.

Le Labour, qui détenait 40 des 59 sièges de députés écossais, n’en garde qu’un seul, à Edimbourg. Le Parti national écossais (SNP, indépendantiste), qui n’en possédait que 6, en a conquis un total de 56.

Sturgeon, star de la campagne

Personne, au lendemain du référendum sur l’indépendance, en septembre 2014, n’avait prévu ce chassé-croisé spectaculaire qui apparaît pourtant aujourd’hui comme la conséquence de ce vote à 45 % en faveur de l’indépendance. En réveillant la vie politique dans une région tenue pour acquise par le Labour, en redonnant fierté et confiance aux Ecossais, le SNP a enclenché une dynamique hautement perceptible sur le terrain pendant la campagne électorale.

L’élection de Mhairi Black, une étudiante en sciences politiques de 20 ans, militante du SNP depuis l’adolescence, totalement inconnue, contre un baron local, Douglas Alexander, ministre des affaires étrangères dans le cabinet fantôme travailliste et chef stratège de M. Miliband, en est le plus fort symbole.

Impressionnant, le triomphedu SNP résulte en réalité d’une montée en puissance progressive permise par la création, en 1997, par Tony Blair, du Parlement écossais. Ironiquement, l’ancien dirigeant travailliste a alors préparé sans le savoir l’écrasement de son propre parti, dix-huit ans plus tard, au nord du mur d’Hadrien. En dépit d’un système électoral conçu pour le contenir, le SNP a conquis en 2007 une majorité relative, puis en 2011 une majorité absolue dans cette Assemblée d’Edimbourg. Le parti, positionné plus à gauche que le Labour, s’est fait apprécier de la population pour sa politique sociale.

Cette année, c’est en se faisant la championne de la dénonciation de l’austérité décidée à Londres par les tories, que Nicola Sturgeon, patronne du SNP depuis novembre 2014, est devenue la vedette de la campagne électorale nationale. En promettant d’aider Ed Miliband à gouverner, elle lui a probablement donné le baiser de Judas, tant cette perspective était insupportable aux électeurs anglais.

Alex Salmond, ancien chef du SNP et nouveau patron des députés indépendantistes à Westminster, a déclenché les hostilités en mettant en doute, jeudi, « la légitimité d’un gouvernement Cameron en Ecosse ». En provoquant un « tsunami », selon le mot de M. Salmond, le SNP a placé de fait l’Ecosse en situation de sécession électorale. La victoire de M. Cameron, loin de contrecarrer les plans du SNP, pourrait les accélérer. Le premier ministre, en agitant le spectre d’une alliance gouvernementale entre le Labour et le SNP mortelle pour l’unité du royaume, tout en gratifiant Mme Sturgeon d’incessants compliments, a clairement joué la carte du SNP pour écraser le Labour. Le résultat confirme la terrible efficacité de cette stratégie. Mais ce choix à court terme favorise doublement les desseins du SNP.

Tensions exarcerbées  ?

La victoire de David Cameron, archétype de la suffisance de l’élite anglaise aux yeux de beaucoup d’Ecossais, risque d’exacerber les tensions avec Londres. Les Ecossais ne se plaignent-ils pas couramment d’être dirigés par un gouvernement de sensibilité contraire à leur choix électoral ?

Le référendum sur la sortie de l’Union européenne promis par David Cameron pour 2017 pourrait favoriser plus encore la marche vers l’indépendance. Mme Sturgeon n’a pas caché que les Ecossais, plutôt proeuropéens, refuseraient d’être entraînés hors de l’UE par les seuls Anglais.

Que l’Ecosse et l’Angleterre votent de façon divergente sur le « Brexit », et Mme Sturgeon réclamera un nouveau référendum, sur l’indépendance de l’Ecosse cette fois. La nouvelle « dame de fer » de l’Ecosse a prédit que son pays accéderait à l’indépendance « de son vivant ». Et elle a 44 ans.

 Philippe Bernard (Londres, correspondant)
Correspondant au Royaume-Uni

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/08/l-ecosse-en-situation-de-secession-electorale_4629966_3214.html

REAZIONE:COME DICEVO PRIMA,UNA DOPPIA VITTORIA.LA SCOZIA HA INIZIATO UNA NUOVA PAGINA DI ISTORIA.

NON MI ASPETTAVO QUESTA VOTAZIONE.

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 209 »

1 maggio 2015
0

30 APPRILE 2015:RENZI,CRONACA DI UNA FINE ANNUNCIATA

-SU GOOGLE NEWS

.IT

Giovedì 30 Aprile 2015

Breaking News

Italicum: sinistra Pd ‘vede’ urne e prepara alternativa a Renzi

Italicum sinistra Pd  vede  urne e prepara alternativa a Renzi

20:40 29 APR 2015

(AGI) – Roma, 28 apr. – Saranno tra i trenta e i quaranta i deputati del Pd che, alla fine, non voteranno l’Italicum. A parlare non e’ un esponente della minoranza, ma un membro della segreteria dem. Trentaquattro, piu’ precisamente, la cifra che circola dalle parti del Nazareno dove in queste ore non si finisce mai di far di conto. Non certo una vittoria per la minoranza, visto che a contarli, solo in Area Riformista, i democratici ‘non allineati’ sono circa 70. Di questi, una quarantina hanno firmato il documento in cui si annuncia il voto a favore del governo. Voto politico, lo definiscono, ribaltando l’interpretazione data da Pierluigi Bersani e Roberto Speranza per i quali “il governo non c’entra niente”.
E’ un fatto, invece, che lo “strappo di Renzi ha innescato un processo politico “irreversibile e indipendente” come spiega Alfredo D’Attorre in Transatlantico. Non si tratta di scissione ne’ di lavorare a un soggetto, una coalizione esterna al Pd stesso. Tutt’altro: si tratta di dare risposta alla domanda che arriva dai territori, dai circoli e che parla di un Pd che ritrovi le sue radici di sinistra. Insomma, una alternativa di sinistra a Matteo Renzi, ma dentro il partito. Il congresso, d’altra parte, potrebbe essere meno lontano del dicembre 2017.
“Sarebbe da ingenui pensare che, di fronte a quanto si e’ visto in queste ore, il termine prefissato per la fine della legislatura rimanga il 2018″, spiega un esponente della minoranza dem. “E’ altrettanto chiaro”, aggiunge, “che se la legislatura dovesse terminare prima della scadenza naturale, si renderebbe necessario un congresso per decidere come e con chi presentarsi alle elezioni”. Un concetto ribadito, in serata, anche da Gianni Cuperlo che vede drasticamente “tagliati i tempi di durata della legislatura”. Certo, al momento quella della minoranza dem appare come una sconfitta. “Ma solo se si ragione secondo le etichette di corrente”, ragiona un esponente di Sinistra dem: “In realta c’e’ un disagio, per usare un eufemismo, che percorre trasversalmente tutto il Partito Democratico e che nasce dalla constatazione che al centralismo decisionale di Roma corrisponde un disinteressamento totale di quanto avviene sui territori. A questo si aggiunga il malcontento per scelte incomprensibili agli occhi dei nostri iscritti, come i decreti al Jobs Act o la fiducia alla legge elettorale”. La prospettiva in cui si muove la sinistra del Pd e’ quella di preparare l’alternativa a Renzi al prossimo congresso. E di scegliere l’uomo giusto da contrapporre al presidente del consiglio. La riunione di Area Riformista che si e’ tenuta ieri ha certificato le forze in campo: da una parte i quaranta responsabili che hanno firmato il documento con cui si impegnano a votare la fiducia all’Italicum. Dall’altra ex segretari e competitor di Renzi (anche vittoriosi) alle primarie, come Pierluigi Bersani, Guglielmo Epifani e Gianni Cuperlo; un ex premier come Enrico Letta e un giovane, Roberto Speranza, che ha mostrato “lealta’ alla ditta” fino al momento in cui non ha potuto piu’, come lui stesso ha spiegato durante la riunione di ieri, “guidare un gruppo in una direzione che io stesso non condivido

http://www.agi.it/politica/notizie/italicum_sinistra_pd_vede_urne_e_prepara_alternativa_a_renzi-201504292040-pol-rt10253

.

REAZIONE:DA UN PO’ VENGO ANNUNCIANDO I SEGNALI DELLA FINE DEL PERIODO RENZI,ECCO UN’ALTRA.GLI ITALIANI SI PREPARINO.RENZI DOVEVA PREGARE A SANT’ANTONIO.

-

1 MAGGIO 2015:LA NUOVA ERA DESIDERA SALUTE A TUTTI I LAVORATORI NEL SUO GIORNO.

1-MAGGIO 2015:EXPO,NO PROVOCAZIONI NE VIOLENZE

-TITOLARE CORIERE DELLA SERA:

MILANO

Espone il Tricolore al balcone
No Expo lanciano uova foto|video
Corteo, tensioni e proteste-Video

Il proprietario e la bandiera italiana presa di mira da alcuni partecipanti al corteo degli studenti. L’episodio in centro, in via Bianca Maria

REAZIONE:LA NUOVA ERA INVITA AI SUOI OPERATORI E SIMPATIZZANTI A BOICOTTEARE L’EXPO MA NON ACOMPAGNA NE PROVOCAZIONI NE MANIFESTAZIONI DI VIOLENZA:RACCOMANDO AL SIGNORE  METTERE LA BANDIERA DEL MILAN E AI MANIFESTANTI DI RISPARMIARE  ESTERNAZIONE AGRESSIVE.

-

PRIMO MAGGIO 2015:MIGRAZIONE MEDITERRANEA,LA LIBIA MI DA RAGIONE

-SU LA STAMPA:

,OPINIONI
Libia, Ambasciatore all’Onu: “Raid contro barconi sono quasi impossibili. Occorre riprendere il controllo di Tripoli”

Dabbashi lancia l’allarme sul richio pirateria nel Mediterraneo

«Azioni mirate contro i barconi sono di difficile attuazione, occorre stroncare il traffico di esseri umani aiutando il governo legittimo a riprendere il controllo di tutto il territorio, coste e porti compresi». Sentito da Palazzo di Vetro per La Stampa rilancia la sua sfida Ibrahim O. Dabbashi, ambasciatore libico alle Nazioni Unite e rappresentante dell’esecutivo di Tobruk, il quale si sofferma su un altro rischio quello di una «nuova pirateria» nel Mediterraneo.

Ambasciatore, mentre all’Onu si rilancia sulla necessità di una soluzione politica per la Libia, con un governo di unità nazionale, in Europa si profila in maniera sempre più nitida l’ipotesi di un intervento di forza per stroncare il fenomeno del traffico di esseri umani. Cosa ne pensa?

«Mi permetta di iniziare con una premessa, la questione dei migranti del Mediterraneo non è solo un problema dell’Europa ma della Libia. Questa situazione fluida nel nostro Paese, con le milizie che controllano la parte occidentale del territorio, e con molti tratti della costa fuori controllo, rappresentano un incentivo per i trafficanti».

Allora condivide la necessità di operazioni militari o di polizia?

«Il numero di persone in fuga dalla disperazione è in aumento ogni mese, non penso che misure di sicurezza, come il dispiegamento di unità navali o il rafforzamento di Triton possano risolvere il problema. Il fattore discriminante è stabilizzare la situazione politica in Libia, il punto è che il metodo con cui la comunità internazionale sta procedendo in questo momento non porterà da nessuna parte. L’embargo impedisce all’esercito libico di armarsi e quindi di estendere il controllo del governo legittimo sul resto del territorio».

Quindi nemmeno l’uso di droni di sorveglianza e raid mirati può funzionare?

«Non è così semplice individuare e distruggere i barconi prima che prendano il largo. Si tratta di imbarcazioni molto semplici che persone del posto costruirscono per 200 dollari, in cantieri clandestini, e rendono operative nel giro di una notte. Senza collaborazione da terra, senza informazioni di intelligence su chi gestisce questo traffico dubito che un’operazione militare, o di polizia che dir si voglia, possa funzionare».

Chi gestisce questi traffici?

«Sono persone che hanno legami con le milizie che controllano la parte occidentale del Paese. I porti sono quelli di Zuara e Homs, un centinaio di km ad est di Tripoli, tutti sanno che questi sono i principali hub. Sono criminali che hanno collegamenti con le milizie, versano a loro parte dei denari in cambio di protezione. Le milizie più forti di Tripoli potrebbero fermarli facendo pressione sui gruppi periferici, ma non lo fanno per avere il loro appoggio e il controllo territoriale».

Insomma servono informazioni all’origine, ma come si fa?

«Chi fa questi affari è ben conosciuto, anche dalla gente comune, tutti sanno. Se si va in questi porti, in un attimo si sa chi è che porta la gente in mare, si paga un minimo di mille dollari e nel giro di qualche giorno si parte. Il punto è che la gente del posto non vuole cooperare, hanno paura, sono collusi o sostengono le milizie che hanno tutto l’interesse a mantenere vivo il racket».

Quindi?

«Quindi serve un accordo con la Libia, ma solo quando in Libia il governo legittimo avrà il controllo completo del territorio. Ciò non si può ottenere tuttavia se continua a esserci l’embargo e in assenza di aiuto della comunità internazionale, in particolare delle forze aeree di cui avremmo bisogno per riprendere Tripoli».

Nel caso sareste pronti a collaborare con Italia ed Europa?

«Certo, avvieremmo subito una cooperazione, consentendo di operare sul nostro stesso territorio, perché come dicono alcuni in Italia, il fenomeno va combattuto partendo dall’Africa».

Continua ad essere diffidente sull’operato di Bernardino Leon?

«Ci sono molti negoziati in corso, ma sta passando del tempo utile, se non si arriva alla stabilizzazione di cui parlavo si consentirà a queste persone disperate di imbarcarsi per tentare impossibili traversate che sempre più spesso si rivelano una condanna a morte. E questo dopo che hanno già sfidato il destino attraversando il deserto per migliaia di chilometri, prima di giungere in Libia. Il governo di unità nazionale, di cui si auspica tanto la nascita, rimane un miraggio, siamo noi di Tobruk che dobbiamo riprendere il controllo della capitale il prima possibile, altrimenti continuerà a dominare il caos».

Parliamo del fenomeno dei barchini, come quelli che hanno fermato un peschereccio italiano, a bordo ci sono uomini che si definiscono militari, a chi fanno capo?

«Sono unità fuoriuscite dalla vecchia Marina militare, supportati sovente da facoltosi uomini di affari di Misurata, persone che hanno miliardi di dollari e hanno anche l’appoggio delle milizie. Sono la banca centrale dei nuovi pirati e delle milizie stesse. Uno di loro è ben conosciuto si chiama Ali Dabaiba, controlla a vario titolo oltre cento società al di fuori della Libia. Gestiva i progetti pubblici nel Paese, ed aveva stretti legami con i figli di Gheddafi. Sta tentando di creare una sorta di esercito parallelo, con persone che operano in diversi teatri di guerra».

Dobbiamo temere la pirateria nel Mediterraneo?

«E’ la direzione dove stanno andando».

http://www.lastampa.it/2015/04/30/blogs/palazzo-di-vetro/libia-ambasciatore-allonu-raid-contro-barconi-sono-quasi-impossibili-occorreriprendere-il-controllo-di-tripoli-NtGuZqvckNqDa6B9OzdviI/pagina.html

REAZIONE:PRENDERE TRIPOLI PER ANNIENTARE GLI SCAFFISTI.QUELLO DEL TITOLO.

-

PRIMO MAGGIO 2015:ECCO,NIENTE TESORETTO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Pensioni, Consulta boccia il blocco  degli adeguamenti 2012-2013  Si apre buco da 5 miliardi in 2 anni

Elsa Fornero

Pensioni, Consulta boccia il blocco degli adeguamenti 2012-2013

Si apre buco da 5 miliardi in 2 anni

Viceministro Morando: “Importo va versato”

Così svanisce il sogno del “tesoretto” di F. FUBINI

Ex ministro: “Quella norma non è figlia mia”

Video Quando Fornero pianse per la riforma

.

-LA NOTA COMPLETA:

Così svanisce il sogno di un “tesoretto”, ora rischiamo un deficit fuori controllo

di FEDERICO FUBINI
.Così svanisce il sogno di un “tesoretto”, ora rischiamo un deficit fuori controllo
L’ex ministro Elena Fornero e l’ex premier Mario Monti (ansa)
.

ROMA - Se nel dicembre 2011 i mercati avessero capito che un muro portante della riforma pensioni era incostituzionale, e destinato a cadere, le conseguenze si sarebbero viste subito: probabilmente l’Italia avrebbe fatto default, o avrebbe chiamato la Troika, e quegli adeguamenti previdenziali strappati ieri grazie alla Corte costituzionale sarebbero parsi quasi irrilevanti. La difficoltà a monte sarebbe stata la stessa che hanno conosciuto milioni di greci: incassare gli assegni di cui da ieri 5,5 milioni di italiani attendono, con buoni argomenti legali, una nuova rivalutazione.

Ma è noto che la storia non si fa né con i “se”, né con il senno di poi. Pochi del resto ieri hanno pensato che, senza la rete di sicurezza della Banca centrale europea, dopo la sentenza della Consulta di ieri lo spread sui titoli di Stato si sarebbe di nuovo impennato. Ciò che conta ora è tutti i pensionati sopra i 1.450 euro lordi al mese  -  più di un terzo dei 16,3 milioni di italiani a riposo  -  andranno indennizzati. Sul passato, e sul futuro. Aspettano i rimborsi per il mancato adeguamento sul 2012, per quello del 2013, quindi gli interessi per entrambi gli anni e da ora potranno ricalcolare gli adeguamenti futuri del valore del loro trattamento di quiescenza a partire da una base più alta.

L’impatto è a più stadi. Il costo della sentenza per il contribuente è così complesso che anche il Tesoro ieri sera faticava a calcolarlo, o a capire come coprire l’ammanco. Le rivalutazioni il 2012 e 2013 valgono 4,8 miliardi, gli interessi di mora li portano a cinque, il ricalcolo degli adeguamenti futuri può valere (nel tempo) altre decine di miliardi. A sentenza ancora calda, nei cor- ridoi di Palazzo Chigi qualcuno ieri dava sfogo al fastidio per una decisione che mette la Corte costituzionale sopra al potere esecutivo e del parlamento su una materia così vitale. Ma l’ira non è una politica. Di certo, quando si depositerà nelle prossime ore, Palazzo Chigi e il Tesoro metteranno avvocati e tecnici al lavoro per cercare di opporsi, compensare, rimediare, coprire. È tutt’altro che certo che ci riusciranno, perché le falle aperte dai giudici costituzionali sulla previdenza sono almeno tre.

La più immediata è politica: Matteo Salvini ha incardinato la “politica economica” della Lega sull’assalto alla riforma pensioni cui Elsa Fornero, allora ministro, dette il nome e l’impianto. Il testo di quel provvedimento, inserito nel decreto “salva-Italia” del 22 dicembre 2011, si appella alla “contingente situazione finanziaria” di allora per congelare per due anni gli scatti sulle pensioni almeno tre volte più alte del minimo. Secondo i giudici costituzionali (la cui età media è 70 anni, otto su dodici in età di pensione) “le esigenze finanziarie del governo “  -  evitare il collasso allora imminente ed evidente  -  “non sono illustrate in dettaglio”. Quel tassello della riforma dunque “valica i limiti di ragionevolezza e proporzionalità “. Si sa che la Consulta può solo decidere sulla base della Costituzione in merito a un ricorso specifico, senza doverne calcolare le conseguenze finanziarie o politiche. Ma da ieri Salvini ha un’arma in più da brandire, anche lui senza curarsi delle conseguenze.

C’è poi una falla di bilancio di impatto immediato. Se saranno da sborsare subito, quei cinque miliardi rischiano di cancellare qualunque discussione su un eventuale “tesoretto” e alzare il deficit di quest’anno dal 2,6% del Pil verso il 2,8%. Molto dipenderà da come il governo, come si anticipa in queste ore, riuscirà a “sterilizzare” l’impatto della sentenza della Consulta. Se non sarà possibile, o solo in parte, sarà ancora più difficile scrivere la Legge di stabilità da presentare in ottobre con un pacchetto di tagli di spesa. Servirà una manovra da almeno 15 miliardi, per evitare che scattino gli aumenti dell’Iva già previsti.

L’alternativa è una Finanziaria in deficit, ma ciò inizierebbe a rivelare la terza falla. È la meno visibile, ma la più profonda e pericolosa. Prima della sentenza di ieri, in base alle stime del Documento di economia e finanza, il costo delle pensioni in Italia sta esplodendo. Passa dai 248,9 miliardi del 2012 ai 283,9 miliardi del 2019. Un salto di 35, o meglio ora almeno 40 miliardi. Dal 2014 al 2019, il peso della previdenza cresce già ora oltre il doppio più in fretta del prodotto interno lordo (calcolato includendovi l’inflazione). Con la sentenza di ieri lo squilibrio può solo peggiorare. È il segno di un Paese che invecchia in modo impressionante. L’anno scorso sono nati in Italia appena mezzo milione di bebé, la metà del 1964 e il livello più basso da inizio ’700. In Liguria ci sono già quasi 50 pensionati ogni 100 persone in età da lavoro, di cui metà inattive, e questo è il futuro di tutt’Italia. Matteo Renzi ha promesso di non toccare le pensioni e da ieri sappiamo che la Costituzione è dalla sua parte. Ma neanche i giudici della Consulta, nella loro saggezza, sanno come conciliare la biologia di una nazione con la sua Carta fondamentale.

 http://www.repubblica.it/economia/2015/05/01/news/cosi_svanisce_il_sogno_di_un_tesoretto_ora_rischiamo_un_deficit_fuori_controllo-113277098/?ref=HREA-1
.
-APPENDICE:I NUMERI
.
-SU LA REPUBBLICA:
La Consulta boccia il blocco delle pensioni della Fornero: lo stop pesa 5 miliardi
La norma del Salva Italia ha congelato l’adeguamento degli assegni al costo della vita per i trattamenti superiori di tre volte il minimo. Inps: 64 pensioni su 100 sono inferiori a 750 euro. In media, cresce l’importo medio erogato a 825,06 euro

30 aprile 2015

La Consulta boccia il blocco delle pensioni della Fornero: lo stop pesa 5 miliardi

Tito Boeri, presidente dell’Inps (lapresse)

MILANO – La Corte Costituzionale boccia la norma Fornero del 2011, contenuta nel Salva Italia del governo Monti, che bloccava l’adeguamento delle pensioni al costo della vita per gli assegni superiori a tre volte il minimo Inps (1.443 euro). E’ una decisione pesante che, per l’Avvocatura dello Stato, ha un impatto sui conti pubblici di circa 1,8 miliardi per il 2012 e altri 3 miliardi per il 2013. Il blocco della perequazione per le pensioni oltre tre volte il minimo “non fu scelta mia”, dice oggi Elsa Fornero ricordando che fu una decisione “di tutto il Governo” presa per fare risparmi in tempi brevi. “Vengo rimproverata per molte cose – dice ma quella non fu una scelta mia, fu la cosa che mi costò di più”.

Le reazioni. Sindacati attaccano: “Restituire tutto subito”

Il no alla Fornero. La norma ha stabilito, per il 2012 e 2013 e “in considerazione della contingente situazione finanziaria”, che sui trattamenti pensionistici di importo superiore a tre volte il minimo Inps scattasse il blocco della perequazione, ossia il meccanismo che adegua le pensione al costo della vita. Questo passaggio è dunque incostituzionale. “L’interesse dei pensionati, in particolar modo i titolari di trattamenti previdenziali modesti, è teso alla conservazione del potere di acquisto delle somme percepite, da cui deriva in modo consequenziale il diritto a una prestazione previdenziale adeguata. Tale diritto, costituzionalmente fondato, risulta irragionevolmente sacrificato nel nome di esigenze finanziarie non illustrate in dettaglio”, afferma la Corte nella sentenza 70 depositata oggi, di cui è relatore il giudice Silvana Sciarra. A sollevare la questione erano stati diversi organismi, dal tribunale del lavoro di Palermo alla Corte dei Conti.

Nel dispositivo, si specifica che “la censura relativa al comma 25 dell’art. 24 del decreto legge n. 201 del 2011, se vagliata sotto i profili della proporzionalità e adeguatezza del trattamento pensionistico, induce a ritenere che siano stati valicati i limiti di ragionevolezza e proporzionalità, con conseguente pregiudizio per il potere di acquisto del trattamento stesso e con irrimediabile vanificazione delle aspettative legittimamente nutrite dal lavoratore per il tempo successivo alla cessazione della propria attività”. Ne consegue che sono “intaccati i diritti fondamentali connessi al rapporto previdenziale, fondati su inequivocabili parametri costituzionali: la proporzionalità del trattamento di quiescenza, inteso quale retribuzione differita (art. 36 Costituzione) e l’adeguatezza (art. 38)”.

Immediata la reazione di politica e sindacati, con questi ultimi che chiedono di “restituire il maltolto ai pensionati”. Stesso discorso da parte di Manageritalia e Federmanager, le organizzazioni che hanno ricorso contro il blocco delle perequazioni, che per bocca dei presidenti Ambrogioni e Carella chiedono “che si arrivi in tempi rapidi a trovare il modo per compensare le migliaia di persone danneggiate dal provvedimento e auspichiamo che da oggi in poi l’abitudine di utilizzare le pensioni per fare cassa venga definitivamente accantonata, smettendo così di far vivere nell’incertezza i pensionati”.

I dati Inps. La notizia arriva nel giorno in cui l’Inps ha aggiornato la fotografia del sistema pensionistico italiano. Dai dati, emerge che il 64,3% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro. Secondo l’Osservatorio dell’Istituto, “per gli uomini la percentuale di prestazioni con importo inferiore a 750 è del 45,2%, mentre per le donne è del 78,2%. Delle 11.595.308 pensioni con importo inferiore a 750 euro, 5.322.007 (il 45,9%) beneficiano di prestazioni legate a requisiti reddituali bassi, quali integrazione al trattamento minimo, maggiorazioni sociali, pensioni e assegni sociali e pensioni di invalidità civile”.

A livello di sistema, torna far parlare di sé la Fornero: la riforma che porta il suo nome porta a confermare il trend decrescente degli ultimi anni del numero di prestazioni erogate. Passano da 18.363.760 nel 2012 a 18.044.221 nel 2015: “Una decrescita media annua dello 0,6% frenata dall’andamento inverso delle prestazioni assistenziali (pensioni agli invalidi civili e pensioni/assegni sociali), che nello stesso periodo passano da 3.560.179 nel 2012 a 3.731.626 nel 2015″.

Cresce invece l’importo medio mensile erogato, passando da 780,14 euro nel 2012 a 825,06 euro nel 2015. “Ciò è dovuto essenzialmente agli effetti della perequazione automatica delle pensioni e all’effetto sostituzione delle pensioni eliminate con le nuove liquidate che presentano mediamente importi maggiori, anche in relazione alle recenti riforme pensionistiche cha hanno aumentato i requisiti di accesso per il pensionamento”, dice l’Inps. Delle 18.044.221 pensioni vigenti all’1.1.2015, 14.312.595 sono di natura previdenziale, cioè prestazioni che hanno avuto origine dal versamento di contributi previdenziali (vecchiaia, invalidità e superstiti) durante l’attività lavorativa del pensionato. Le rimanenti prestazioni, erogate dalla gestione degli invalidi civili e da quella delle pensioni e assegni sociali, sono di natura assistenziale.

Ancora, guardando alle tipologie di pensioni, le prestazioni di tipo previdenziale sono costituite per il 65,6% da pensioni della categoria Vecchiaia, di cui poco più della metà (55,2%) erogate a soggetti di sesso maschile, per il 7,9% da pensioni della categoria Invalidità previdenziale (il 47,7% erogato a uomini) e per il 26,5% da pensioni della categoria Superstiti, di cui soltanto l’11,8% è erogato a soggetti maschili. Le prestazioni di tipo assistenziale sono costituite per il 22,7% da pensioni e assegni sociali (di cui il 35,2% a soggetti maschili), mentre il restante 77,3% è costituito da prestazioni erogate ad invalidi civili sotto forma di pensione e/o indennità (di cui il 39,7% ad uomini). Le prestazioni legate all’invalidità sono 3.273.751 e costituiscono l’87,7% del complesso delle prestazioni assistenziali.

Distribuzione territoriale. Il 48,2% delle pensioni è percepito nell’Italia settentrionale (305 pensioni ogni 1000 residenti), il 19,1% al centro (281 su 1000) e il 30,3% al Sud e Isole (262 su 1000). Il restante 2,4%, 427.597 pensioni, è erogato a soggetti residenti all’estero. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale degli importi erogati, si osserva che il 55% delle somme stanziate a inizio anno sono destinate all’Italia settentrionale, il 24,7% all’Italia meridionale e isole, il 19,7% all’Italia centrale e lo 0,6% ai soggetti residenti all’estero. L’importo medio mensile della pensione di vecchiaia è di 1.098 euro, con un valore più elevato al Nord, pari a 1.174,25 euro.

Distribuzione per età. L’età media dei pensionati è 73,6 anni, con una differenziazione per genere di più di 4 anni (71 per gli uomini e 75,4 per le donne). Per la categoria vecchiaia, il 22,3% delle pensioni è erogato a soggetti di età compresa tra 65 e 69 anni. Il 47,1% dei titolari di sesso maschile delle pensioni di invalidità previdenziale ha un’età compresa tra 50 e 69 anni, mentre le donne hanno per il 61,1% un’età superiore o uguale a 80 anni. Per quanto riguarda l’invalidità civile, il 53,3% dei titolari di sesso maschile ha un’età inferiore a 60 anni; percentuale che scende al 31% per le donne, che invece presentano una concentrazione molto alta nelle età avanzate (47% per età uguali o superiori a 80 anni). Da segnalare l’aumento dell’età di pensionamento nel periodo 2009-2015, sia per le pensioni di vecchiaia sia per quelle di anzianità. Per le prime, il dato più significativo riguarda le donne, con una differenza di 2,9 anni (si passa infatti da un’età media alla decorrenza di 61,3 anni nel 2009 ai 64,2 anni del 2015). Più contenuto l’aumento per gli uomini, che passano dai 65,7 anni del 2009 ai 66,4 del 2015, con una differenza di 0,7 anni. La differenza di età per la pensione di anzianità è invece di 1,1 anni per gli uomini (che passano dai 59,4 anni del 2009 ai 60,5 del 2015) e di 0,8 anni per le donne (59,1 anni nel 2009 e 59,9 anni nel 2015).

http://www.repubblica.it/economia/2015/04/30/news/pensioni_inps-113227390/?ref=HREA-1
.

REAZIONE:MA IN QUALE TESTA ENTRA CHE LE PENSIONI NON DEVONO ESSERE ADEGUATI ALL’INFLAZIONE?IN QUALE PAESE SI HA VISTO QUESTA COSA?E NE MENO,COME SUGGERISCE LA NOTA,SI PENSA BENE A UGUALARE LE PENSIONI AL RIBASSO.CHE POI 1.400 EURO NON FANNO LA FORTUNA DI NESSUNO.

LE PENSIONI NON SONO UNA CARITA.LE PENSIONI NON SONO SOLDI DEL GOVERNO MA DI CHI LI HA GENERATO. DOPO UNA VITA DI LAVORO IL GOVERNO SOLO LI AMMINISTRA.BASTA FARE AUSTERITI SULLE SPALLE DEI VECHIETTI,RENZI INDENNIZZI SUBITO I PENSIONATI ALTRO CHE TESORETTO:QUESTA COSA E’ IMMORALE.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

(ANCHE SE TU NON CI CREDI)

-

3 MAGGIO 2015:EXPO,NO ALLA VIOLENZA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

-A Milano la rivolta anti-violenti    fotoracconto

A Milano la rivolta anti-violenti fotoracconto

Il reportage di Gad Lerner / Video I filmati della polizia

Roberto Saviano: una lezione chiamata Diaz

Diario black bloc: “Così li beffiamo” / Fermati e rilasciati

Scontri Expo, Renzi: “Teppisti figli di papà”. Alfano: rischiato altro G8 Grillo e Salvini contro il governo / Video Dal balcone: “Peggio dell’Is”Video Campo di guerra / Sequenza Black bloc pestano agente a terra,di CARLO BONINI e PAOLO BERIZZI

REAZIONE:LA NUOVA ERA CONDANNA PROVOCAZIONI E VIOLENZE PROVENGANO DA DOVE PROVENGANO.E LO HA FATTO IN ANTICIPO.LA NUOVA ERA INVITA A BOICOTTEARE L’EXPO AGLI OPERATORI DELLE TELECOMUNICAZIONI,E ALLE MASSE NON PARTECIPANDO MA MAI E POI MAI PER METODI VIOLENTI.PERO MI SA CHE C’E’ CHI STA ESSAGERANDO L’ACCADUTO IN MODO POLITICAMENTE STRUMENTALE.NON CI SONO STATI MORTI.

DI FRONTE ALLE RICHIESTE DI SALVINI VA DETTO CHE RENZI E ALFANO SI DEVONO DIMETTERE PERO PER ALTRI MOTIVI CHE HO LUNGAMENTE SPIEGATO IN QUESTE PAGINE,MA SE PER FATTI DI VIOLENZA LA VOGLIAMO SI DEVONO DIEMMETERE PERCHE DEFFICENTI RESPONSABILI DI MIGLIAIA DI MORTI NELLE IMBARCAZIONI  DEL MEDITERRANEO AL TEMPO STESSO CHE LA LEGA,MARONI-BERLUSCONI-BOSSI,DEVONO ESSERE PORTATI AL TRIBUNALE INTERNAZIONALE DELL’AIA PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA.

E SE SI CERCANO RISPONSABILI DI QUESTI FATTI DI VIOLENZA DOBBIAMO DIRE CHIARO E’ TONDO CHE L’ITALIA TUTTA E IL MONDO INTERO ABBIANO VISTO COSA SI NASCONDE DIETRO QUESTA EXPO:NON BASTA TUTTO QUESTO BLOG PER PARLARE DELLA CORRUZIONE DI TUTTI QUANTI ORGANIZZARONO QUESTA EXPO:FORMIGONI,MARONI,IL CLAN MORATTI,L’INTERA COMPAGINE DIRIGENZIALE E TUTTA LA CUPOLA PUZZANO DI CORRUZIONE E NEPOTISMO INAMMISIBILE IN UNA REPUBBLICA COME QUELLA ITALIANA.MA…. DI FRONTE A QUESTA NAUSEABONDA IMMORALITA SENZA FINE NON SI ASPETTAVANO UNA REAZIONE COME QUELLA AVVENUTA PER PARTE DELLE MASSE?DEFFICENTI ANCORA UNA VOLTA RENZI E ALFANO.

BENE LA POLIZIA ANCHE NON PIACIA A SALVINI:NON CI SONO STATI MORTI.

-APPENDICE 1:GUERRILLA IN ITALIA

Sei in »Cronaca

Primo piano

01/05/2015 08:15

L’Esposizione Universale della paura

Si inaugura l’Expo, antagonisti italiani e stranieri pronti a rovinare la festa

L'Esposizione Universale della paura

Black bloc in corteo, muniti di estintori a vernice, imbrattano vetrine di negozi e banche: ma è solo l’antipasto

Il D-day è arrivato. Venerdì primo maggio (su coraggio), è il giorno della cerimonia di inaugurazione dell’Expo. Il conto alla rovescia è partito, semaforo verde: si parte. Le frecce tricolore sono pronte a sfilare, Milano si veste a festa. Per un evento maestoso che fino ad oggi ha fatto parlare di sé solo per le inchieste che lo hanno investito. E ancora, le tangenti rosse e le proteste. Mazze ferrate, martelli, picconi, bombe molotov, bastoni con la punta d’acciaio, fionde, punteruoli e maschere antigas. Quello che la Digos in queste ore continua a scoprire (e sequestrare) parla di un vero e proprio arsenale da guerriglia pronto ad abbattersi sull’Esposizione Universale. Pericolo terrorismo, ma non solo. Si respira un vero e proprio clima di odio e tensione con la minaccia sempre più probabile di possibili assalti da parte dei black bloc italiani e stranieri.

Sui tavoli della Procura meneghina, senza sosta, arrivano informative sull’area dell’antagonismo. Quella che punterebbe a trasformare la kermesse in un nuovo G8 di Genova. C’è chi vuole trasformare la Capitale della moda in un inferno.

Il livello di allerta così come la tensione è alle stelle. Cresce la paura di attentati non solo al sito di Expo, ma al Teatro alla Scala e alla Borsa valori. E ancora, al Duomo. I luoghi simbolo della città che anziché godersi una rassegna all’insegna della festa è costretta a vivere questo evento con la paura addosso.

I maggiori pericoli potrebbero arrivare dalla galassia antagonista. Di soggetti pronti a “riciclarsi” e fondersi in base alle manifestazioni più importanti. Che si uniscono con l’obiettivo ben preciso di creare disagi e innescare violenze.

Arriveranno a Milano da tutta Italia. Dalla Val di Susa, con gli antagonisti No Tav pronti a cogliere la palla al balzo. Non mancheranno certamente all’appello quegli esponenti dei centri sociali più temuti. Che atterreranno da Torino, Bologna, Roma, Napoli. Ma anche dall’estero. Con attivisti spagnoli, ellenici e tedeschi pronti a far degenerare la situazione.

Nuove leve e cattivi maestri, un mix che potrebbe rivelarsi letale. Nel mezzo giovani studenti che ieri sono saliti sulla struttura dell’Expo Gate e hanno affisso uno striscione con la frase “grande evento, uguale grande bufala”. E altri che hanno sfilato lungo le vie del centro – tra urla e spintoni, muniti addirittura di estintori a vernice – per protestare anche contro l’agenzia Manpower. Imbrattate pure vetrine di negozi e banche. Ma è solo l’antipasto.

La sfera dei delinquenti è a dir poco variegata. Gli antagonisti promettono battaglia, il grande giorno è arrivato. Con l’Esposizione Universale che rischia di trasformarsi in un teatro di vergogne e violenze.

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cronaca/864942/L-Esposizione-Universale-della-paura.html

REAZIONE:AVETE IMPORTATO UN PAPA DEL TERZO MONDO,AVETE IMPORTATO ANCHE I SUOI PROBLEMI.

IL PAPA,PROTAGONISTA DEGLI ANNI DI PIOMBO NEL CONO SUD, HA IMPEGNATO FORTEMENTE IL VATICANO IN QUESTA MOSTRA.

Immagine anteprima YouTube

-

4 MAGGIO 2015:LOTTA ALL’EBOLA

lunedì 04 maggio 2015

Sei in,»Primopiano

L’allarme

22/08/2014 11:06

Ebola, la Lorenzin ci ripensa e si adegua

Il ministero della Salute invia circolare ai medici: “Attenti ai sintomi sospetti”. Ma due mesi fa ignorava il pericolo

Ebola, la Lorenzin ci ripensa e si adegua

Cambia velocemente idea il ministero della Salute, segno che quando dà un giudizio, lo fa in maniera affrettata e approssimativa. L’ultimo esempio, a tal proposito, riguarda il virus che sta terrorizzando il mondo intero, l’ebola. Se soltanto due mesi addietro Beatrice Lorenzin si era sbilanciata nel rigettare al mittente qualunque ipotesi relativamente alla possibilità che il virus arrivasse in Italia, oggi dal ministero correggono il tiro e fanno sapere che è “altamente improbabile, ma non impossibile”. Già, perché creare terrorismo psicologico non serve a nulla, ma è quantomeno doveroso prendere in considerazione il fatto che potrebbero esserci persone infettate dal virus in Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone che poi raggiungono l’Italia. Il periodo d’incubazione del virus varia infatti da due a ventuno giorni, quanto basta per avere brutte sorprese.

Ecco perché, neppure per la prima volta, il ministero fa un cambio di marcia e invia una circolare rivolta a tutti i medici di base affinché, di fronte ad un sospetto caso clinico di MVE, inviino immediatamente il paziente ad un ospedale con reparto di malattie infettive, come il Policlinico Gemelli, nel caso di Roma. Dal Ministero fanno sapere, inoltre, che in ogni caso “la capacità di risposta del Sistema Sanitario Nazionale, nell’ipotesi del verificarsi di casi di Malattia da Virus Ebola sul nostro territorio, è adeguata ad individuarli e confermarli, e ad isolarli, per interrompere la possibile trasmissione anche di questo agente patogeno altamente infettivo”.

Qualora un sospetto dovesse rivelarsi confermato, il protocollo prevede che i medici agiscano in collaborazione con l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, per confrontarsi sulla diagnosi e per l’eventuale gestione del paziente e per il prelievo e l’invio di campioni biologici al laboratorio a più elevato livello di biosicurezza, presso lo stesso Istituto.

Giuseppe Giuffrida

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/primopiano-focus/857519/Ebola–la-Lorenzin-ci-ripensa.html

REAZIONE:E PARE CHE CI SIANO INFESTATI PURE I NUOVA GUINEA.MA QUESTI NON ENTRANO IN AUSTRALIA MA IN ITALIA.E IL GOVERNO RENZI OBLIGATO A PRENDERNE ATTO CHE L’EBOLA C’E':DEFFICENTE,IMPARI DI TONY ABBOTT.

-

5 MAGGIO 2015:EXPO,PASTICCIO ALL’ITALIANA

-SU  LE MONDE,Europe:

Exposition universelle de Milan, un chantier à l’italienne

Le Monde | 29.04.2015 à 10h54,Mis à jour le 01.05.2015 à 10h29 | Par Philippe Ridet (Rome, correspondant)

Les invitations étaient prêtes à partir. Mercredi 29 avril aurait dû avoir lieu une visite de l’Exposition universelle de Milan pour les médias. L’occasion pour les organisateurs de lever le voile sur le résultat final de ce gigantesque chantier s’étalant sur plus d’un million de mètres carrés et qui, pendant près de sept ans, a noirci des milliers de pages de la presse italienne.

Lire aussi : Nourrir la planète, le défi de l’Exposition universelle

Dans toutes ses rubriques : architecture, justice, consommation. Enfin, nous allions découvrir ce Decumano et ce Cardo, nom des anciennes rues romaines où s’exposent les pavillons de 145 nations. Et savoir à quoi servent les 1,2 milliard d’euros d’argent public, 300 millions d’investissements privés, 350 millions de sponsoring et 1 milliard des Etats participants. Près de 3 milliards d’euros dépensés entre deux bretelles d’autoroute à l’entrée nord-ouest de la capitale lombarde – pour une très noble cause : nourrir la planète.

Mais la visite a été annulée. Motif : il faut laisser les 9 000 ouvriers présents sur le site travailler vingt-quatre heures sur vingt-quatre, jusqu’à la dernière seconde du dernier jour. Les truelles et les pinceaux ne seront remis dans les boîtes à outils que lorsque les officiels, les délégations et les premiers des 20 millions de visiteurs attendus viendront couper le ruban, vendredi 1er mai. Pas question d’aller poser des questions à un grutier. Il y a un mois, les responsables de la logistique de l’événement ont passé un dernier appel d’offres d’un montant de 2 millions d’euros pour trouver une entreprise spécialisée dans le « camouflage » des chantiers en cours.

Les responsables du pavillon français sont néanmoins parvenus à organiser in extremis une visite, mercredi 29 avril, pour les médias tricolores. L’invitation précise que « les images du reste du site ne sont pas autorisées ». « Tout ne sera pas prêt », reconnaît Giuseppe Sala, le commissaire général de l’événement. « Après tout, on a le temps, l’Expo dure six mois », relativise le président de la région Lombardie, Roberto Maroni.

Matteo Renzi, le président du conseil italien, veut croire qu’une fois encore, les Italiens se montreront à la hauteur de leur réputation et qu’un dernier coup de reins évitera à son pays de faire « brutta figura » (« mauvaise figure »). D’autant que les retards les plus importants se sont accumulés dans la construction du pavillon transalpin. Prudent, le nouveau président de la République, le sage Sergio Mattarella, a choisi de ne pas participer à l’inauguration. Et pourtant, tout avait si bien commencé…

Sur 1,55 milliard d’euros de travaux attribués en 2014, 474 millions l’ont été grâce à des dérogations au code des marchés

Le 6 avril 2008, des dizaines de milliers de Milanais fêtent leur triomphe avec leur maire, Letizia Moratti (droite). L’élue, soutenue par la région et par le gouvernement alors dirigé par Romano Prodi (centre gauche), a déposé la candidature de la capitale de Lombardie à l’organisation de l’Exposition universelle deux ans plus tôt, pour marquer le centenaire de la première Expo de Milan. « Ce sera mieux que les Jeux olympiques ou un mondial de foot », jurent en chœur les promoteurs de ce succès pour lequel 6 millions d’euros ont été déjà dépensés en campagne de communication.

Cinquante mille arbres seront plantés, des kilomètres de pistes cyclables créés, les vieux canaux de la ville redeviendront navigables, de nouvelles lignes de métro seront ouvertes, 70 000 emplois assurés… Milan rêve tout éveillée. Seul dans son coin, l’atrabilaire chanteur Adriano Celentano tord le nez. L’auteur d’Il ragazzo della via Gluck, qui, il y a cinquante ans déjà, dénonçait le bétonnage de sa ville, écrit sur son blog : « Ce pourrait être une grande occasion pour le monde entier, si le projet était confié à d’autres mains. »

« Trois années perdues »

C’est la crise économique, dès 2008, qui est la première à s’inviter à l’Expo 2015, douchant l’enthousiasme des débuts. L’année aussi où Silvio Berlusconi revient pour la troisième fois au pouvoir, accompagné de l’inamovible Giulio Tremonti au ministère des finances. Ce dernier, qui n’est pas favorable à ce projet qu’il juge dispendieux dans le nouveau contexte d’austérité, réduit la participation de l’Etat.

En 2011, c’est au tour de Letizia Moratti de céder son fauteuil à Giuliano Pisapia (gauche), qui modifie le projet initial. Enfin, deux ans plus tard, la Ligue du Nord, peu favorable elle aussi à l’événement, remporte la présidence de la région. « De 2008 à 2011, les politiques n’ont strictement rien fait. Trois années perdues », explique le journaliste Gianni Barbacetto, qui, avec son confrère Marco Maroni, vient de publier un livre intitulé Il gran ballo dell’Expo (« Le grand bal de l’Expo », Chiarelettere, non traduit).

Un exemple : le choix du site. C’est finalement Rho et Pero, deux communes des faubourgs de Milan, qui sont désignées pour accueillir les pavillons. « L’endroit le plus moche du monde », assure le populiste Beppe Grillo, le fondateur du Mouvement 5 étoiles. Ces terrains agricoles appartiennent à la fondation déficitaire Foire de Milan, dont la région Lombardie et la ville sont actionnaires.

Gianni Barbacetto estime leur coût entre 20 et 25 millions d’euros. Sous pression du Bureau international des expositions, qui s’impatiente à Paris, les organisateurs créent une société mixte qui finit par les acheter en 2011, pour un montant de 142,6 millions d’euros. A la fois vendeuse et acheteuse, la région compte rembourser son investissement, voire faire des bénéfices, lors de la revente de ces terrains désormais bonifiés, à la fin de la foire. Un pari risqué.

Passons maintenant au choix de la personne, mi-démiurge mi-contremaître, qui saura coordonner et faire avancer le plus grand chantier d’Italie. Pas facile dans un pays où aucune nomination d’importance ne peut se passer d’un soutien politique. Ils sont trois à se succéder en moins de trois ans à la tête du conseil d’administration de l’Expo. D’abord un fidèle de Letizia Moratti. « Il ne comprend rien à l’entreprise », disent ses détracteurs.

Puis, un ancien ministre de l’innovation de Silvio Berlusconi. Il a des exigences : installer ses bureaux dans un immeuble historique avec vue sur le Dôme. Le loyer est modeste : 1 million d’euros par an. Il est remercié. Arrive, enfin, l’actuel responsable de la machinerie Expo, Giuseppe Sala. Le 25 juillet 2011, le premier appel d’offres portant sur la bonification du site est lancé. Trois ans et quatre mois après le choix de Milan.

Contre-feux

Mais un nouveau coup d’arrêt se produit le 20 mars 2014. Alors que les premières grues s’élèvent, ce sont les carabiniers, visiteurs inattendus, qui débarquent. Après trois années de stagnation, l’événement est devenu une urgence comme s’il s’agissait d’un tremblement de terre ou d’une inondation. Et qui dit urgence dit moins de contrôles des appels d’offres. Une première enquête est diligentée dès 2012. Des entreprises proposent de faire pour 50 millions d’euros des travaux estimés à 100. Tope là ! Elles se rattraperont sur les contrats de réajustement quand il s’avérera que l’enchère était trop basse et les délais trop courts, comme pour le pavillon italien dont le coût est passé de 60 millions d’euros à 90 millions.

Ce matin du 20 mars 2014, les pandores arrêtent, entre autres, trois hommes d’influence soupçonnés d’avoir piloté, moyennant commissions, l’attribution de certains marchés pour en faire bénéficier des entreprises amies. Deux d’entre eux sont connus : Gianstefano Frigerio, ancien député de Forza Italia, et Primo Greganti, ex-membre du Parti démocrate, exerçaient déjà leur talent de « facilitateurs » d’affaires à l’époque de l’opération « Mains propres » au début des années 1990.

Le troisième n’est autre qu’Angelo Paris, responsable de l’Ufficio contratti de l’Expo, autrement dit le directeur des travaux, le bras droit de Giuseppe Sala. « Moi, ce que je veux, explique l’un des corrupteurs à un entrepreneur, c’est être à l’abri pour les sept ou huit prochaines années. Pour ça, je te donnerais tous les chantiers que tu souhaites. » « Ce qui choque le plus, souligne Gianni Barbacetto, c’est que la corruption soit ordinaire, presque naturelle. »

Seul le pavillon italien restera

Immédiatement, Matteo Renzi se rue à Milan et rattrape par le veston Giuseppe Sala qui souhaite démissionner. Le premier ministre, qui veut faire de l’Expo la vitrine de la nouvelle Italie dynamique et honnête, se retrouve confronté aux vieux démons transalpins. D’abord rassurer les investisseurs, les sponsors et les pays invités. « Nous arrêtons les voleurs, pas les travaux », lance-t-il. Puis, chercher à installer des contre-feux. Le chef du gouvernement nomme l’incorruptible magistrat Raffaele Cantone, directeur de l’Autorité nationale anticorruption (Anac) nouvellement mise en place après le scandale des travaux de la digue géante de Venise, « tuteur » de l’Expo.

Sous son autorité, plusieurs dizaines de personnes épluchent désormais tous les appels d’offres restants avant de recevoir l’imprimatur du juge. Un peu tard peut-être : sur 1,55 milliard d’euros de travaux déjà attribués en 2014, 474 millions l’ont été grâce à des dérogations au code des marchés… Toutefois, le magistrat reste prudent. « Nous avons fait tout ce qui était en notre pouvoir, dit-il. A chaque fois que nous avons émis des doutes, les organisateurs nous ont suivis. Mais je ne peux pas garantir aujourd’hui que l’Expo est à 100 % indemne de magouilles. »

Le 31 octobre, lorsque l’événement fermera ses portes et que les ouvriers commenceront à démonter les installations, il ne restera que deux vestiges de l’Expo universelle. En 1906, l’Italie avait légué le tunnel du Simplon, toujours en activité entre le Valais (Suisse) et le Piémont. En 2015, l’Expo ne laissera en héritage que le pavillon italien, le seul qui restera sur place. Et l’Autorité nationale anticorruption, désormais bien aguerrie. Elle peut toujours servir : Rome est candidate à l’organisation des Jeux olympiques de 2024.

 Philippe Ridet (Rome, correspondant)Journaliste au Monde Suivre
 http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/04/29/chantier-a-l-italienne_4624919_3214.html
.

REAZIONE:CRONACA ABBASTANZA RIDOTTA DI UN GRANDE PASTICCIO E UNA NON MINORE CORRUZIONE.

-

4 MAGGIO 2015:NUOVA ERA IN  GB

-TITOLARE LA STAMPA:

Gran Bretagna, giovedì si vota: ecco chi sono i cinque sfidanti
alberto simoni, inviato a londra
analisi  E Londra dice addio al bipartitismo emmot

REAZIONE:MA IN ITALIA RENZI E IL CENTRO-DESTRA IL BIPARTITSMO LO VOGLIONO RISTABILIRE.E TORNA A PARLARE DI STABILITA:A RENZI NON PIACE NE LA DEMOCRAZIA,NE IL PARLAMENTARISMO E NATURALMENTE NE MENO LA NUOVA ERA. A RENZI PIACE IL GOLPE,ECCO IL CAMBIAMENTO DI RENZI.

-

-APPENDICE:”NO PATTO DEL NAZARENO”?,BALLE

Sei in»,Politica

pasticcio alla siciliana

10/03/2015 14:10

Il patto del Nazareno ad Agrigento dura ancora

Asse Pd-Forza Italia per le elezioni. E Crocetta benedice…

Il patto del Nazareno ad Agrigento dura ancora
Altro che patto del Nazareno. Forza Italia e Pd corrono insieme ed è una realtà che arriva da un remoto angolo d’Italia, ma anche e soprattutto da una regione che nei decenni ha spesso funzionato da “laboratorio politico”, cioè la Sicilia. Inevitabile che a stretto giro di posta tutti gli occhi dei più maliziosi tra gli analisti delle faccende del Bel Paese saranno puntati su Agrigento, dove la stranissima coalizione sta prendendo forma tra privati imbarazzi e pubblici battesimi. A far da padrino (di battesimo, non si pensi male parlando di Sicilia) è stato addirittura il presidente Rosario Crocetta, che evidentemente sulla base dell’accordo agrigentino potrebbe voler fondare un nuovo scenario per la sua sempre traballante maggioranza.
Presenti in un noto albergo della città di Pirandello, oltre al presidente, a suggellare l’accordo c’erano Giuseppe Zambito, segretario provinciale del Pd, la vicepresidente della Regione e assessore alla Formazione della Sicilia, Mariella Lo Bello, Maria Iacono (ex assessore alla Formazione), Nelli Scilabra, oggi nella segreteria di Crocetta, il deputato Angelo Capodicasa, Salvatore Cascio, Piero Macedonio, Riccardo Gallo Afflitto, vicesegretario regionale di Forza Italia in Sicilia, vicinissimo a Gibiino, e altri esponenti politici locali.
Tutto bene, tutto liscio? Insomma. I fini osservatori della politica siciliana si stanno dando gomitate sull’assenza rumorosa di alcuni attori della scena regionale, in primo luogo del presidente del Pd Marco Zambuto, che di Agrigento è pure ex sindaco. Tuttavia i bene informati frenano: anche lui sarebbe d’accordo.
Chi sicuramente non è d’accordo è l’Udc, ancora forte nelle aspre terre sicule. Il sindaco di Porto Empedocle, centro strategico della provincia di Agrigento, si è scagliato con poco moderata violenza contro l’accordo: si chiama Calogero Firetto e ha mandato a dire che “avrebbero voluto anche me in questo calderone ma ho detto no. In provincia di Agrigento non ci saranno primarie tranne ad Agrigento città e guarda caso Forza Italia correrà con la coalizione di centrosinistra. Vi dico che vincerà con assoluta certezza il candidato di Riccardo Gallo, Silvio Alessi, vedrete che ho ragione. Dunque il candidato del Pd sarà un esponente di Forza Italia”. In silenzio è invece rimasto un altro agrigentino illustre, Angelino Alfano. Il suo Ncd farà parte del minestrone in salsa azzurro-Pd o si schiererà con l’Udc? Vedremo. Intanto, tenendo d’occhio le profezie di Firetto, ad Agrigento le primarie si terranno il prossimo 22 marzo. Saranno quattro i candidati del centrosinistra: Silvio Alessi, uomo di Riccardo Gallo Afflitto, numero due di Forza Italia in Sicilia e vicino a Michele Cimino, Epifanio Bellini, esponente del Pd, Piero Marchetta, ex assessore provinciale e Peppe Vita, outsider di sinistra.

Altro che patto del Nazareno. Forza Italia e Pd corrono insieme ed è una realtà che arriva da un remoto angolo d’Italia, ma anche e soprattutto da una regione che nei decenni ha spesso funzionato da “laboratorio politico”, cioè la Sicilia. Inevitabile che a stretto giro di posta tutti gli occhi dei più maliziosi tra gli analisti delle faccende del Bel Paese saranno puntati su Agrigento, dove la stranissima coalizione sta prendendo forma tra privati imbarazzi e pubblici battesimi.

A far da padrino (di battesimo, non si pensi male parlando di Sicilia) è stato addirittura il presidente Rosario Crocetta, che evidentemente sulla base dell’accordo agrigentino potrebbe voler fondare un nuovo scenario per la sua sempre traballante maggioranza. Presenti in un noto albergo della città di Pirandello, oltre al presidente, a suggellare l’accordo c’erano Giuseppe Zambito, segretario provinciale del Pd, la vicepresidente della Regione e assessore alla Formazione della Sicilia, Mariella Lo Bello, Maria Iacono (ex assessore alla Formazione), Nelli Scilabra, oggi nella segreteria di Crocetta, il deputato Angelo Capodicasa, Salvatore Cascio, Piero Macedonio, Riccardo Gallo Afflitto, vicesegretario regionale di Forza Italia in Sicilia, vicinissimo a Gibiino, e altri esponenti politici locali.Tutto bene, tutto liscio? Insomma. I fini osservatori della politica siciliana si stanno dando gomitate sull’assenza rumorosa di alcuni attori della scena regionale, in primo luogo del presidente del Pd Marco Zambuto, che di Agrigento è pure ex sindaco. Tuttavia i bene informati frenano: anche lui sarebbe d’accordo. Chi sicuramente non è d’accordo è l’Udc, ancora forte nelle aspre terre sicule. Il sindaco di Porto Empedocle, centro strategico della provincia di Agrigento, si è scagliato con poco moderata violenza contro l’accordo: si chiama Calogero Firetto e ha mandato a dire che “avrebbero voluto anche me in questo calderone ma ho detto no. In provincia di Agrigento non ci saranno primarie tranne ad Agrigento città e guarda caso Forza Italia correrà con la coalizione di centrosinistra. Vi dico che vincerà con assoluta certezza il candidato di Riccardo Gallo, Silvio Alessi, vedrete che ho ragione. Dunque il candidato del Pd sarà un esponente di Forza Italia”. In silenzio è invece rimasto un altro agrigentino illustre, Angelino Alfano. Il suo Ncd farà parte del minestrone in salsa azzurro-Pd o si schiererà con l’Udc? Vedremo.Intanto, tenendo d’occhio le profezie di Firetto, ad Agrigento le primarie si terranno il prossimo 22 marzo. Saranno quattro i candidati del centrosinistra: Silvio Alessi, uomo di Riccardo Gallo Afflitto, numero due di Forza Italia in Sicilia e vicino a Michele Cimino, Epifanio Bellini, esponente del Pd, Piero Marchetta, ex assessore provinciale e Peppe Vita, outsider di sinistra.

robert vignola

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/863286/Il-patto-del-Nazareno-ad-Agrigento.html.REAZIONE:E CHI HA DETTO CHE SI E’ ROTTO IL PATTO DEL NAZARENO?EVIDENTEMENTE UNA STRATEGIA ELETTORALE DELLE LARGHE INTESE CHE NON SI CORRISPONDE CON LA REALTA E LA VERITA.–4 MAGGIO 2015:MONARCHIA INGLESA E LA FRANCIA-TITOLARE LA STAMPA:

È Charlotte Elizabeth Diana
il nome della Royal girl (Foto)
maria corbi
REAZIONE:NATA LA PRINCIPESSINA DAL NOME FRANCESE
-
4 MAGGIO 2015:LA FRANCIA E LE MONARCHIE DEL GOLFO
.
-TITOLARE LE MONDE.
François Hollande à son arrivée à Riyad.

François Hollande s’affiche en allié des pays du Golfe

Le chef de l’Etat tente de renforcer les relations entre la France et les pétromonarchies sunnites, qui s’inquiètent de l’émergence de l’Iran.


En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#iZgfbHY

-

6 MAGGIO 2015:SBARCHI,IL “NUOVO MARE NOSTRUM”

1-SU LE MONDE:IL “NUOVO MARE NOSTRUM” FUNZIONA

Près de 6 000 migrants secourus en Méditerranée

LE MONDE | 04.05.2015 à 10h32,Mis à jour le 04.05.2015 à 12h12 | Par Maryline Baumard

Des migrants secourus au large de Malte, le 3 mai.

Avec 5 800 migrants secourus samedi 2 et dimanche 3 mai, ce week-end s’inscrit dans la liste des records de sauvetages en Méditerranée. Face à la recrudescence des départs depuis la Libye, les dix navires italiens engagés dans l’opération européenne de patrouille des eaux « Triton » bénéficient désormais du renfort d’un navire français et de quatre bateaux privés. Pour répondre aux nombreux appels au secours d’esquifs en perdition, deux cargos marchands ont eux aussi été déroutés samedi. Ce large déploiement, qui a permis d’éviter des naufrages meurtriers comme ceux d’avril, n’a toutefois pas empêché la mort d’une dizaine de migrants. Trois se sont noyés en se jetant à l’eau pour rejoindre les navires de sauvetage ; sept étaient décédés dans les canots à l’arrivée des secours.

Le patrouilleur français Commandant-Birot, qui a rallié le dispositif géré par Rome, a sauvé, lui, 219 passagers sur trois esquifs, samedi, au large de la Libye. Envoyé lundi 27 avril pour renforcer l’opération européenne, il a réussi sa première mission et ramené ces naufragés sur les côtes italiennes, dimanche. Son envoi a été décidé au lendemain du sommet européen du 23 avril, afin de limiter au maximum l’hécatombe qui endeuille la Méditerranée…

L’accès à la totalité de l’article est protégé http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/05/04/pres-de-6-000-migrants-secourus-en-mediterranee_4626813_3214.html

-

2-RENZI E ALFANO DEFFICENTI

-SU THE HUFFINGTON POST:

Su Mare Nostrum Tutti Contro Matteo Renzi: Dal Parlamento Ue a Jean Claude Juncker All’Onu: “Un Errore Smantellarlo”

Pubblicato: 29/04/2015 15:47 CEST Aggiornato: 29/04/2015 18:36 CEST

RENZI

All’epoca dello smantellamento di Mare Nostrum, nell’autunno 2014, l’allora commissaria europea agli Affari interni Cecilia Malmstrom lo ripeteva un giorno sì e l’altro pure: la decisione di rottamare la missione umanitaria è tutta italiana, non europea.

Quelle parole ora riecheggiano nel duro discorso del nuovo presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker: “È stato un grave errore aver interrotto Mare Nostrum, ha provocato gravi perdite di vite umane”. Il rimprovero di Juncker, espresso agli europarlamentari in plenaria a Strasburgo, non è diretto soltanto a Matteo Renzi ma anche ai leader europei che nei giorni successivi all’ultimo terribile naufragio si sono riuniti in fretta e furia per dare una risposta al dramma umanitario, una soluzione che ora il presidente della Commissione reputa “insufficiente”: “Triplicare Triton è stato un solo ritorno alla norma, anormale è stato lasciare sola l’Italia”.

Leggi anche:

La lettera della bambina del Gambia ai profughi: “Non partite, in mare c’è la morte”

Dopo il rimbrotto di Juncker, il Parlamento europeo ha votato una risoluzione che chiede – non alla sola Italia ma all’Europa – la costituzione di una missione sul modello di Mare Nostrum, “forte e permanente”: nel documento (approvato con 449 voti favorevoli, 130 contrari e 93 astensioni) si prevede anche la ripartizione dei rifugiati. La soluzione invocata dalla maggioranza degli europarlamentari europei invoca la collaborazione di tutti gli Stati, e non solo del governo italiano.

Si ritorna dunque all’eterno inghippo: la Commissione Ue non ha il potere di decidere sull’immigrazione, e può soltanto invocare la generosità dei singoli Stati. Aumentare in maniera consistente le risorse per Triton – missione coordinata da Frontex – non modifica infatti la questione del salvataggio in mare visto che i mezzi di Triton si fermano a 30 miglia da Lampedusa e non arrivano, come faceva Mare Nostrum, fino alle acque libiche.

(continua oltre la gallery)

Mare Nostrum

1 di 40

Juncker va oltre il salvataggio dei naufraghi e annuncia che il 13 maggio sarà presentata l’agenda della Commissione europea sulle migrazioni, che prevederà un sistema di quote per ripartire i rifugiati tra gli Stati membri. Ma il problema non verrà risolto, aggiunge il presidente della Commissione, se i governi europei non aumenteranno gli aiuti destinati alle zone dalle quali provengono i profughi.

Il fatto è che il rimprovero di Juncker su Mare Nostrum chiude il cerchio intorno a Matteo Renzi, isolandolo a livello internazionale. Il premier italiano, infatti, non ha mai mostrato segnali di un possibile ripristino della missione, e nelle ore successive al naufragio dei 900 ha voluto puntualizzare che la tragedia sarebbe avvenuta anche se il dispositivo della Marina militare italiana fosse ancora in vigore.

Anche il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon, ha espresso tra le righe la delusione per la mancanza di Mare Nostrum. Se è vero che Matteo Renzi dopo l’incontro la scorsa settimana con Ban Ki-Moon ha esultato dicendo che “l’Onu sta dalla parte dell’Italia”, è altrettanto certo che nelle ore seguenti il colloquio con il premier italiano il portavoce delle Nazioni Unite ha chiarito come la priorità rimanga quella del salvataggio delle vite umane in mare e la rimozione delle cause che fanno aumentare a dismisura il numero dei profughi.

L’Onu, così come Juncker e il Parlamento di Bruxelles, non sono convinti che la soluzione perseguita tenacemente dall’Italia e da Federica Mogherini – colpire gli scafisti – porti alla diminuzione dei richiedenti asilo o comunque a sgonfiare la crisi umanitaria. E cresce sul fronte interno – prima Enrico Letta, poi Romano Prodi – la richiesta al governo di ripensare la missione umanitaria che le stesse Nazioni Unite lodarono, insieme al Vaticano e a tutte le istituzioni europee. Certo, l’Italia non può finanziare da sola una nuova Mare Nostrum.

http://www.huffingtonpost.it/2015/04/29/mare-nostrum-matteo-renzi_n_7169676.html

REAZIONE:L’ERRORE E’ ALLO STESSO TEMPO CHE GROSSOLANO COSI MOSTRUOSO E GRAVE CHE SOLO LA MANCANZA DI VERGOGNA E UN COLPO DI STATO SPIEGA LA SUA MANCATA RINNUNIA O RIMOZIONE.IN UN PAESE CIVILE QUESTI DUE NON RIMARREBERO IN CARICA NE UN SOLO MINUTO IN PIU.

PERO I TRIBUNALI INTERNAZIONALI CI SONON E PRIMA O POI DOVRANNO ESSERE CHIAMATI A RESPONSABILITA PER QUELLA FOSSA COMUNE DEL MEDITERRANEO

-

6 MAGGIO 2015:LE PREFERENZE POLITICHE DELLA NUOVA ERA IN GB

-SU LA REPUBBLICA.

Elezioni Gb, si chiude la campagna elettorale più incerta della storia britannicaElezioni Gb, si chiude la campagna elettorale più incerta della storia britannica
Da sinistra: Nigel Farage,  partito populista anti-europeo Ukip. David Cameron,premier e leader dei tories. Nicola Sturgeon, partito nazionale scozzese. Ed Miliban, partito laburista. (afp)

Domani il voto. Testa a testa tra tories e laburisti nei sondaggi.  Anche l’allenza con i lib-dem potrebbe non bastare per raggiungere una maggioranza. La leader del partito scozzese potrebbe essere determinante. Possibile il ritorno alle urne tra qualche mese con nuovi leader a capo dei due partiti storici

dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

0
LinkedIn
0
Pinterest

LONDRA – David Cameron invita a puntare sulla stabilità e mette in guardia contro i salti nel buio. David Miliband promette un futuro migliore per tutti, non solo per i più ricchi. Nick Clegg si offre come partner all’uno e all’altro. E Nicola (Nicoletta in inglese) Sturgeon, leader del partito scozzese, si prepara a scendere da Edimburgo a Londra, come novella Braveheart, per dettare le condizioni dell’unica possibile maggioranza di governo, altrimenti il rischio di tornare alle urne fra qualche mese è forte.

SPECIALE La notte elettorale sarà in diretta su Repubblica.it

La campagna elettorale più incerta della storia britannica si conclude così oggi, con una maratona di comizi e messaggi di tutti i partiti da un capo all’altro del paese. Domani si vota, e alle 23 italiane di domani sera i primi exit poll diranno come è andata.

“Votate per la stabilità e per la competenza economica di chi ha rimesso in ordine i conti, l’opposizione rischia di riportarci nel caos e di cedere ai ricatti degli indipendentisti scozzesi”, ripete il premier conservatore Cameron in ogni intervista e apparizione pubblica. “Scegliete un partito che mette la gente al primo posto, che si batte per gli interessi di tutti e non solo di pochi privilegiati”, risponde il leader laburista Ed Miliband. Al primo con il suo programma di austerità destinato a continuare, e al secondo pronto a indebitare lo stato per proteggere il welfare, replica Nick Clegg, leader liberaldemocratico e attuale vicepremier nel governo guidato dai conservatori, ma disponibile a cambiare alleato: “Soltanto noi possiamo dare un po’ di cuore a un governo dei Tories e un po’ di cervello a un governo del Labour”, ammonisce.

GUIDA AL VOTO   /   LE MAPPE A CONFRONTO: COSÍ NEL 2010

Ma sommare i voti dei lib-dem ai conservatori o ai laburisti non produrrà, se i risultati confermeranno le previsioni dei sondaggi, la maggioranza assoluta necessaria per governare. Per arrivarci serve anche l’appoggio, magari dall’esterno, senza incarichi ministeriali, del partito indipendentista scozzese, avviato a diventare la terza forza del parlamento di Westminster. La cui leader, Nicoletta Sturgeon, vera star di questa campagna elettorale, dichiara: “Venerdì andrò a Londra, mi siederò dall’altra parte del tavolo di fronte a Miliband e negozieremo insieme come cacciare Cameron da Downing street”.

——————————–

{}

Il leader laburista ha finora smentito di essere pronto a una qualsiasi trattativa con il partito scozzese, ma è probabile che dopo il voto cambierà idea, affermando che non è un vero negoziato e che lui non farà concessioni, ma non può impedire ai deputati della Sturgeon di votare per il suo programma alla camera dei Comuni, se essi intendono farlo.

TABELLA Tutti i 650 collegi: ecco le sfide per Westminster

In lizza c’è anche l’Ukip, il partito populista anti-europeo di Nigel Farage che un anno fa vinse le elezioni europee in Gran Bretagna. Ma quelle erano elezioni con il sistema proporzionale e a cui partecipò una bassa percentuale di elettori. A queste l’affluenza sarà più alta e soprattutto si vota con un sistema maggioritario uninominale: significa che non conta quanti voti prendi a livello nazionale, ma in quanti collegi elettorali i tuoi candidati si piazzano al primo posto. Perciò, pur con il 14 per cento dei voti assegnatoli dai sondaggi, che ne farebbero percentualmente il terzo maggiore partito britannico, l’Ukip potrebbe conquistare soltanto da 1 a 3 deputati (mentre il partito scozzese, con il 4 per cento dei voti, ma tutti concentrati in Scozia, dovrebbe prenderne 50). Lo stesso Farage non è sicuro di essere eletto. Un paradosso che farà nascere richieste per una riforma elettorale. L’Ukip potrebbe uscirne ridimensionato.

Se i conservatori dovranno cedere il potere, la responsabilità verrà addossata in non piccola parte ai voti inutilmente portati via dal partito di Farage. Per questo uno slogan di Cameron è: “Se domani andate a letto con Farage, la mattina dopo vi risveglierete con accanto Miliband”, intendendo che ogni voto per l’Ukip è di fatto un voto tolto ai Tories e quindi a favore del Labour.

In assenza di un partito capace di vincere da solo la maggioranza assoluta, da venerdì cominceranno le trattative per formare un governo, di coalizione o di minoranza, in ogni caso controverso (Cameron sostiene che un’alleanza tra laburisti e scozzesi sarebbe “illegittima”) e fragile. A meno di sorprese, la prossima legislatura potrebbe essere breve, con la necessità di indire nuove elezioni entro l’autunno. Ma in quel caso è possibile che a guidare i maggiori partiti ci sarebbero altri leader, più efficaci, visto che quelli attuali non sono stati in grado di prevalere: il sindaco di Londra Boris Johnson al posto di Cameron e l’ex-ministro degli Esteri David Miliband al posto di suo fratello minore Ed.

.

http://www.repubblica.it/esteri/2015/05/06/news/elezioni_gb_si_chiude_la_campagna_elettorale_piu_incerta_della_storia_britannica-113667194/?ref=HREC1-14

.

REAZIONE:LA NUOVA ERA NON ESPRIME MAI INDICAZIONI DI VOTO E NON LO FA NE MENO ADESSO PERO A MODO DI ECCEZIONE VUOLE ESPREMIRE PREFERENZE:

-LA NUOVA ERA PREFERISCE ,TORY,LIBDEM,UKIP LABOUR,PARTITO SCOZZESE,A QUESTO ORDINE.

-ALLA NUOVA ERA PIACEREBBE UN PREMIER DEMOCRATICO-LIBERALE.

-ALLA NUOVA ERA NON PIACEREBBE JHONSON NE ED MILIBAND PREMIER

-SE CAMERON DIVENTA PREMIER DI NUOVO VOGLIAMO VEDERLO COMPIERE LA PROMESSA E INDIRE UN REFERENDUM PER USCIRE DELL’UNIONE EUROPEA

-IL GIORNO DOPO:HO VINTO,UN MIRACOLO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
.
LE ELEZIONI IN REGNO UNITO
Gran Bretagna, vince CameronVideo|foto
Crollo dei laburisti, Scozia ai nazionalisti

I conservatori del premier Cameron a un seggio dalla maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni. Male i laburisti di Miliband di M.Farina
Scozia, trionfo dei nazionalisti: 58 seggi su 59 Cavalera Sturgeon, la scozzese che fa tremare Londra Gandolfi
I leader al voto
Da Brexit a Nicola: vocabolario del voto

REAZIONE:MA CHI SI L’ASPETTAVA QUESTO RISULTATO?IO HO ESPRESSO LE MIE PREFERENZE PRIMA.E HO FATTO IL PIENONE.

MI HA SPINTO  APOGGIARE I TORY ANCHE UN CERTO CAMBIAMENTO DI CAMERON:

-IL SUO DECISO APOGGIO ALLA RIFORMA DEL SISTEMA INTERNAZIONALE DI TASSE CONTRO IL SIGNOR ERIC SMITH DI GOOGLE,UN AGENTE DELLA CONTRO-RIFORMA.

-LE SUE ULTIME MISURE SULL’IMMIGRAZIONE

-LA SUA DECISA ATTITUDINE NEL CONFLITTO DI GIBILTERRA,E IL MARE MEDITERRANEO IN GENERE

-E LA PROPIA PROMESSA DI FARE UN REFERENDUM PER USCIRE DELL’UE

-PERO HO APOGGIATO PRINCIPALMENTE I TORY PER LA SUA FERMA AZIONE CONTRO I PROGETTI NEOLIBERALI DEGLI IMPERI MEDIATICI DI RUPERT MURDOCH E BERLUSCONI:CONTRO IL PRIMO NELLA PROPIA GRAN BRETAGNA DOVE SPIAVA LA FAMIGLIA REALE,E CONTRO IL SECONDO IN FRANCIA DOVE ANCHE SPIAVA LA FAMIGLIA REALE,CONCRETAMENTE LA DUCHESSA DI CAMBRIDGE,KATERINA MIDDLETON,TRAMITE UNA SUA RIVISTA.OGGI ENTRAMBI “IMPERI” SONO DITRUTTI E ACCANTONATI ANCHE SE BERLUSCONI SPECULA ANCORA GRAZIE A RENZI E IL PD NEL GOVERNO DELLE LARGHE INTESE E IL PATTO DEL NAZZARENO.PERO QUESTE AZIONI DI SUCCESSO DEI TORY E LA CORONA PIU CHE VEDERE CAMERON COME VITTIMA LO ABBIAMO VISTO DALLA PARTE SBAGLIATA.ECCO PERCHE LE MIE RISERVE A CAMERON.RISERVE ANCHE PER LA SUA SBAGLIATA GESTIONE DEL CONFLITTO DELLE FAULKLAND DOVE LO VEDIAMO……NON ALLEATI MA “IN ALLENZA” CON IL NEOLIBERALISMO REGIONALE.

TUTTE MISURE IMPORTANTI PER LA NUOVA ERA.

GRAZIE BRITTANICI, GRAZIE AL REGNO UNITO  PER FARMI  CREDIBILE.

Immagine anteprima YouTube

APPENDICE:IL GIORNO DOPO

1-IL REFERENDUM SI FARA,E’ STATO ANNUNCIATO

2-NELLA SCOZIA NON E’ STATO ELETTO NESSUN RAPRESENTANTE INGLESE,QUINDI,UNA VERA E PROPIA INDIPENDENZA VIRTUALE PERO “ALL’INGLESA”:GOD SAVE THE QUEEN.

-

8 MAGGIO 2015:LA SICILIA NON DIPENDE PIU DA ALTRI

Sicilia

14/02/2015 12:29

‘Il Muos non s’ha da fare’: è pericoloso per la salute dei cittadini

La decisione del Tar di Palermo sul sistema satellitare della Marina Usa

'Il Muos non s'ha da fare': è pericoloso per la salute dei cittadini

Musumeci: ‘Ennesima occasione persa per il governo Crocetta, che non garantisce i siciliani’

Il Muos non s’ha da fare. E’ quanto ha stabilito il Tar di Palermo, che ha accolto il ricorso presentato dal comune di Niscemi contro la realizzazione del sistema di comunicazioni satellitari della Marina militare statunitense in contrada Ulmo.

Nella sentenza di annullamento dell’autorizzazione concessa dall’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente per l’installazione, i giudici amministrativi sottolineano tra l’altro che il nulla osta paesaggistico del 2008 è “irrimediabilmente scaduto”, come anche quello dell’Azienda Foreste demaniali. Oltre a questi, che risultano comunque elementi importanti ai fini sia procedurali sia sostanziali del procedimento di realizzazione del Muos, il pronunciamento del Tar evidenzia anche la mancanza di “indagini preliminari circa le interferenze rispetto alla navigazione aerea relativa all’aeroporto di Comiso” e “studi in materia di tutela della salute dalle esposizioni elettromagnetiche e di tutela ambientale”. Sembra quindi che secondo i magistrati del Tar il sistema satellitare potrebbe essere pericoloso per la salute.

Avevamo visto bene quando, fin dal primo giorno di questa legislatura, avevamo richiesto un intervento risolutivo da parte del governo della Regione con il quale si doveva impedire il completamento dei lavori e accertare se le emissioni fossero nocive. Adesso il Tar blocca i lavori del Muos perché il sistema sarebbe pericoloso per la salute dei cittadini”. Questo il commento di Nello Musumeci, Gino Ioppolo e Santi Formica (Lista Musumeci) sul recente pronunciamento dei magistrati amministrativi. “Ci troviamo di fronte ad un’altra occasione mancata per Crocetta e il suo governo – aggiungono – che aveva prima annunciato di voler revocare le autorizzazioni, per poi, come al solito, fare un passo indietro, senza preoccuparsi di interpretare il reale sentimento dei siciliani e di svolgere il ruolo di garante della loro salute”.

Clara Lupi

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cronaca/862576/-Il-Muos-non-s-ha.html

REAZIONE:CONTRARIAMENTE A COME QUALCHE MALE INFORMATO VA DICENDO IN GIRO LA SICILIA E’ AUTONOMA E NON DIPENDE DA ALTRI,E TANTO MENO DA CROCIETTA,MONTI E LA LOBY DI ROMA.QUESTA NOTIZIA E’ GIA STATA PUBBLICATA IN QUESTE PAGINE PERO SE DUBBI RESTANO ECCO UN’ALTRA FONTE INSOSPETTABBILE DI PARZIALITA.INFATTI QUESTO GIORNALE,CHE COSI TIRA AQUA VERSO IL SUO MOLINO,E’ DI “LA DESTRA” ALLEATO DEL PARTITO DI BERLUSCONI,QUINDI NON SONO SANTI DELLA DEVOZIONE DELLA NUOVA ERA.

E AL RIGUARDO C’E’ DA DIRE QUALCOSA CHE IN QUESTA NOTA RESTA NEL BUIO SUGLI “studi in materia di tutela della salute dalle esposizioni elettromagnetiche e di tutela ambientale”.

I DUBBI SULL’AFETTAZIONE DELLA SALUTE PER PARTE DELLE ESPOSIZIONI ELETROMAGNETICI RIGUARDANO SOLO IL SISTEMA RADAR CHE SI USA PER LE ADSL DEI PC FISI E CABLATI E NON PER GLI APPARECHI MOBILI.QUESTO L’HO GIA PREVISTO SIN DALL’INIZIO DELLA MIA OPERA E INOLTRE E’ STATO ABANDONATO QUESTA SISTEMA DI TRASMISSIONE DELLE ONDE ELETROMAGNETICI.QUINDI NULLA C’ENTRANO I MOBILI SENZA FIILI:CELLULARI,SMARTPHONE,TABLET,LAPTOP,ECC.

RIPETO I CELLULARI,SMARTPHONE,TABLET,LAPTOP,ECC DI USO COMUNE NON HANNO NESSUN RISCHIO PER LA SALUTE.HA GIA PASSATO LUNGAMENTE IL PERIODO DI 10 ANNI DELLA MESSA IN USO DEL PRIMO CELLULARE E NON SI SONO MAI ACERTTATI RISCHI CANCRO E ALTRE MALLATIE CONNESSE ALL’USO DI QUESTI APARECCHI.DIRE IL CONTRARIO E’ FALSO DI TUTTE LE FALSITA.E NON DIRE NIENTE E’ MALE INTENZIONATO.

E LA SICILIA NON DIPENDE DA ALTRI,E’ REGIONE AUTONOMA,E LO STATUTO DI REGIONE AUTONOMA E’ UNA NORMA COSTITUZIONALE AL DI SOPRA DELLA VOLONTA DI QUALSIASI GOVERNATORE DI TURNO.NE PIU NE MENO,CHIARO?

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 208 »

27 aprile 2015
0

27 APRILE 2015:FIDUCIA E’ COLPIRE IL PARTITO ITALIA

-SU THE HUFFINGTON POST

Michele Esposito, Ansa
Pubblicato: 26/04/2015 21:38 CEST Aggiornato: 26/04/2015 21:38 CEST
RENZI

Lunedì, ore 10: lo scontro finale sull’Italicum va ‘ufficialmente’ in scena. Uno scontro che vede ai ferri corti la maggioranza di governo e tutto l’arco delle opposizioni e che continua a creare tensione anche nel Pd, dove l’eventualità di una fiducia sul testo – è l’avvertimento della minoranza Dem – rischia di acuire il logoramento interno al partito. E oggi, a dirlo, è Roberto Speranza, che dopo un lungo silenzio conferma il suo addio all’incarico di capogruppo e affonda: “la fiducia sarebbe una violenza vera e propria al Parlamento italiano”.

Un Parlamento che si prepara a giorni di fuoco. Lunedì inizierà la discussione generale sul testo (il voto finale non si terrà comunque questa settimana) e martedì ci sarà il primo snodo, quello delle pregiudiziali di costituzionalità e di merito (che saranno accorpate) già annunciate da FI. Il voto, salvo colpi di scena, dovrebbe tenersi martedì a scrutinio segreto mentre resta ancora in ‘stand by’ la decisione del premier Matteo Renzi di mettere la fiducia (superando così il voto segreto). Più probabile, invece, che la fiducia venga messa sugli articoli del ddl. Ed è su questo punto che la minoranza Pd alza le barricate.

“Io fino all’ultimo istante proverò a fare il possibile” perché la fiducia non venga messa, perché “creerebbe condizioni di vero logoramento al nostro interno”, rimarca a In Mezz’Ora su RaiTre l’ex capogruppo che, sulla scia di quanto affermato nei giorni scorsi da Pier Luigi Bersani, definisce “sbagliato”, da parte di Renzi, legare il destino del governo a quello dell’Italicum. Pronta la replica del renziano Ernesto Carbone: “Fermarsi ora perché la minoranza non vuole è irrispettoso nei confronti del partito”.

Ma il tema nel Pd di Renzi, osserva Speranza, va oltre la legge elettorale. “Sono dell’idea che non debba esserci un partito della Nazione in cui c’è dentro di tutto” e che, si allontana dal mondo del lavoro “imbarcando” pezzi di ceto politico del centrodestra, spiega, mettendo sul piatto un altro punto di attrito tra renziani e minoranza. Minoranza che, sulla scelta del voto, resta divisa tra le posizioni di chi, come Rosy Bindi (porre la fiducia significherebbe “tradire la nostra vita democratica”) o Alfredo D’Attorre che uscirà dall’Aula al momento della fiducia votando ‘no’ al testo, chi, come Ginefra o Damiano, la fiducia la voterà e chi, proprio come Speranza, al momento sceglie di non esporsi.

E mentre Ap prosegue nel tentativo di mediare proponendo ai gruppi di non chiedere il voto segreto e agli alleati di governo di non mettere la fiducia è invece netta la battaglia delle opposizioni. “Renzi fa delle pressioni inaccettabili, se cade il governo non finisce la legislatura”, tuona il capogruppo FI Renato Brunetta mentre ambienti azzurri si dicono non preoccupati del dissenso filo-renziano dei verdiniani. E mentre Sel definisce l’ipotesi fiducia “un’aberrazione” il M5S, con Alessandro Di Battista, si prepara ad “azioni extraparlamentari perché il Parlamento è totalmente esautorato”. L’aria, insomma, è quella dello scontro totale. Un muro contro muro che solo lo scenario di un voto senza fiducia potrebbe attenuare. Il governo “onestamente sta facendo di tutto e di più per evitare di arrivare alla fiducia”, è lo spiraglio del vicesegretario del Pd Debora Serracchiani. Alle prossime ore il difficile verdetto.

http://www.huffingtonpost.it/2015/04/26/italicum-rush-finale_n_7147384.html?1430077097

REAZIONE:”Sono dell’idea che non debba esserci un partito della Nazione in cui c’è dentro di tutto” e che, si allontana dal mondo del lavoro “imbarcando” pezzi di ceto politico del centrodestra, spiega, mettendo sul piatto un altro punto di attrito tra renziani e minoranza.”

ECCO QUI C’E’ LA CONFERMA DI TUTTO QUANTO VENGO DICENDO:

1-C’E’ UN “PARTITO NAZIONE”,E CIO’E’ UN PARTITO UNICO DI CARTTERE “SATLINISTOIDE”

2-”C’E’ DENTRO DI TUTTO”,”SI ALLONTANA DEL MONDO DEL LAVORO IMBARCANDO PEZZI DI CETO POLITICO DEL CENTRO-DESTRA”,E CIO’E’ LA POLITICA DI RENZI,TUTTA LA SU AZIONE GOVERNTIVA E’ FRUTTO DEL PATTO CON IL CENTRO-DESTRA ACCORDATO AI TEMPI DI NAPOLITANO.E CIO’E’ E’ LA POLITICA DI BERLUSCONI-LEGA:VENDETTA CONTRO I GIUDICI(LEGGE DI RESPONSBILITA),VENDETTA CONTRO IL SENATO(REO DI SFRATTARE BERLUSCONI),IMPOSIZIONE DEL PRESIDENZIALISMO(O AUTORITARISMO CHE E’ PIU O MENO LO STESSO,E CONVIENE ALLO STALINISMO),IMPOSIZIONE DEL FEDERALISMO(SOSTITUZIONE DEL SENATO DEMOCRATICO PER UNO NON ELETTIVO INTEGRATO DAI GOVERNATORI SENZA DISTINZIONE DI AUTONOMIE),LE MACROREGIONI(CHE STANNO PASSANDO IN SORDINA),AFFONDAMENTO DEI COMUNI,IMPOSIZIONE DEL NEOLIBERALISMO ECONOMICO,JOBS ACT,POLITICA  BANCARIA,SVENDITA DEL PAESE A CAPITALI NEOLIBERALI(TELEFONICA,ALITALIA),E PASSA:INSOMMA RENZI STA FACENDO IL LAVORO SPORCO DI FARE PSSARE QUELLO CHE NO E’ RIUSCITO A FARE BERLUSCONI-LEGA.POVERO DIAVOLETTO.

3-”la fiducia sarebbe una violenza vera e propria al Parlamento italiano”.,ALLORA RICONOSCIMENTO IMPLICITO DEL CARATTERE GOLPISTA DEL “GOVERNO” RENZI.

4-”Renzi fa delle pressioni inaccettabili, se cade il governo non finisce la legislatura”, tuona il capogruppo FI Renato Brunetta”.ALLORA BERLUSCONI MENTRE DICE DISCOSTARSI DEL PATTO DEL NAZZARENO E GIOCA ALL’OPOSIZIONE PER CONVENIENZE DI CIRCOSTANZA ELETTORALE LEGATO ALLE PROSSME REGIONALI,QUESTA E’ LA VERITA:BERLUSCONI E’ CADAVERE POLITICO,LO SA E NON VUOLE ELEZIONI TANTO COME NON LE VUOLE RENZI

5-LA SERRACHINI?QUANTA TRISTEZZA!!!!!GIOVANE PROMESSA POLITICA DI  COERENZA E ONESTA LOGORATA:DOPO CHE SI ERA SPESO PUBBLICAMENTE CONTRO BERLUSCONI E IL CENTRO-DESTRA HA RIENTRATO SOTTOMESSA ALLA DISCIPLINA STALINIANA DI NAPOLITANO-RENZI.NON E’ PIU NUOVA ERA.LEI E LA SUA VENEZIA NON VANNO INSIEME CON LA NUOVA ERA.NESSUNO SI CONFONDA,E’ FUORI.

EPILOGO:IL “PARTITO ITALIA” HA FIDUCIA,NE BENE E NEL MALE,DI QUELLA MAGGIORANZA CHE HA VOTATO DEMOCRATICA E LIBERRIMAMENTE E NON AD UNA “MAGGIORANZA” INTERNA DEL PARTITO UNICO(PD)CHE L’HA ABORTITO E STERILIZZATO.

LA MAGGIORANZA DEL PARTITO ITALIA E’ QUELLA VERA USCITA DALLE URNE E NON QUELLA DEL PARTITO-NAZIONE GOLPISTA DI RENZI.

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:IL GIORNO DOPO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

BAGARRE SULLA LEGGE ELETTORALE

Italicum, Renzi mette la fiducia Vota|Foto

Il Pd si spacca. Bersani: non la voto|videoRosi Bindi e Pierluigi Bersani alla Camera (Lapresse)Rosi Bindi e Pierluigi Bersani alla Camera (Lapresse)

La legge elettorale avanza, respinte le pregiudiziali di costituzionalità. Ma il premier non rischia e blinda il testo (Boschi dà l’annuncio). Civati, Fassina, Speranza e Letta: «Non la votiamo». Sel lancia crisantemi dai banchiVideo
Napolitano: è un garbugliovideo
Grillo: «Mattarella tace su scempio»
di Alessandro Sala
Insulti a Boldrini

REAZIONE:IN GIOCO LA DIGNITA DEL PD?NON C’E’ DIGNITA NEL MALE COSI COME NON C’E ONORE FRA DELINQUENTI.NESSUNO SI SENTA LEGATO A QUESTA FIDUCIA MA ALLA DEMOCRAZIA E L’ITALIA,LA NOSTRA BARCA COMUNE SENZA DI QUI NE TIRI NE TROIANI ESSISTIREBBERO.

E DOPO TUTTO QUESTA LEGGE NON FAVORIRA GLI INTERESSI DEL PARTITO DEMOCRATICO MA DEL CENTRO-DESTRA.GRAVISSIMO ERRORE SE PASSASI.

-

 28 APRILE 2015:NO ALLA PENA DI MORTE
.
-CORRIERE DELLA SERA:
.
LA STORIA

Indonesia, fucilati 8 stranieri condannati per droga|foto

Due australiani, quattro africani, un brasiliano
e un indonesiano accusati di traffico di stupefacenti
Nell’isola-prigione di Nusakambangan erano già arrivate
le ambulanze con le bare bianche vuote

REAZIONE:LA PENA DI MORTE E ‘ L’ESSEMPIO PIU COMPIUTO DELLA SCONFITTA DELL’UOMO.

Immagine anteprima YouTube

-

29 APRILE 2015:CORRUZIONE E NEPOTISMO IN LOMBARDIA

-TITOLARE SUL CORRIERE DELLA SERA:

CONSIGLIO REGIONALE

Spese pazze in Lombardia, Bossi jr e Minetti a giudizio Le foto

L’udienza preliminare: dei 64 ex consiglieri 56 a giudizio, tre prosciolti, tre condannati, un assolto. Processo
al via il 1° luglio Le spese pazze dei consiglieri, due milioni spesi a tavola
Bruxelles, Buonanno con l’ombrello in Aula attacca le banche

-LA NOTA COMPLETA:

udienza preliminare

Spese pazze Lombardia, rinviati a giudizio Bossi jr e Nicole Minetti

Dei 64 ex consiglieri 56 a giudizio, tre prosciolti, tre condannati, un assolto. Il processo comincerà il 1° luglio davanti ai giudici della X sezione penale

di Redazione Milano online

Renzo Bossi e Nicole Minetti nell’aula del consiglio regionale, 11 maggio 2010 (foto Angela Quattrone)
Renzo Bossi e Nicole Minetti nell’aula del consiglio regionale, 11 maggio 2010 (foto Angela Quattrone)
shadow

Il gup di Milano Fabrizio D’Arcangelo ha rinviato a giudizio 56 ex consiglieri lombardi accusati a vario titolo di peculato e truffa per le presunte spese «allegre» con i rimborsi regionali. Altri tre sono stati condannati in abbreviato a pene tra i 18 e i 24 mesi. Tre prosciolti e un assolto. Il processo inizierà il primo luglio. Per quella data, tra gli altri, dovranno affrontare il processo davanti ai giudici della decima sezione penale anche gli ex assessori della giunta Formigoni Romano Colozzi, Massimo Buscemi e Giulio Boscagli, l’ex presidente del consiglio regionale Davide Boni e l’ex consigliere Stefano Galli (entrambi in quota al Carroccio), tutti all’epoca dei fatti esponenti della maggioranza. Per le opposizioni sono stati rinviati a giudizio Chiara Cremonesi, Luca Gaffuri ed Elisabetta Fatuzzo. Dei quattro imputati che avevano scelto il rito abbreviato, il gup ha condannato a due anni di reclusione sia Carlo Spreafico (Pd) sia Alberto Bonetti Baroggi, eletto nelle liste del Pdl e che ha restituito alla Corte dei Conti la cifra contestata, e a un anno e mezzo di carcere Angelo Costanzo (Pd). Assolto invece per un vizio procedurale Guido Galperti, attuale deputato del Partito Democratico. Prosciolti sempre per vizio procedurale gli ex assessori Gianni Rossoni e Mario Scotti e l’ex capogruppo del Pd Carlo Porcari.

shadow carousel
Quei 2 milioni spesi a tavola dai consiglieri della Lombardia
Quei 2 milioni spesi a tavola dai consiglieri della LombardiaQuei 2 milioni spesi a tavola dai consiglieri della LombardiaQuei 2 milioni spesi a tavola dai consiglieri della Lombardia
Nicoli Cristiani

Stralciata invece la posizione dell’ex assessore Franco Nicoli Cristiani che ha chiesto di patteggiare una pena di oltre 2 anni in continuazione con la condanna già patteggiata per la vicenda della discarica di Cappella Cantone. La sua richiesta verrà valutata da un altro gup il prossimo 30 aprile. Il giudice D’Arcangelo depositerà le motivazioni degli abbreviati entro 15 giorni.

shadow carousel
Nicole Minetti consigliera e imputata
Nicole Minetti consigliera e imputata
Le accuse

Gli ex consiglieri – pochi sono ancora in carica – sono accusati di aver utilizzato, tra il 2008 e il 2012, i fondi pubblici assegnati ai singoli gruppi regionali per spese personali, tra le quali l’acquisto di torroni, gratta e vinci o cartucce da caccia, e per pagare cene a base di aragosta e sushi oppure merende con piadine e nutella. Il tutto per circa tre milioni di euro.

8 aprile 2015 | 13:56.© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_aprile_28/spese-pazze-lombardia-rinviati-giudizio-bossi-jr-nicole-minetti-9ce0bb1a-ed9c-11e4-91ba-05b8e1143468.shtml
.
-REAZIONE:ECCO UN CHIARO ESSMPIO DI NEPOTISMO E CORRUZIONE IN LOMBARDIA
-
-APPENDICE:Mme BOVARI

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

Nicole Minetti consigliera e imputata

 

NDR:IN PASSARELLA CON I  COLORI DELLA BANDIERA ARGENTINA SOTTO LA GIACCA.

(Ansa)

/ 7,Slide Show,Start

Nicole Minetti, 30 anni a marzo, igienista dentale, ex valletta tv, ex consigliera regionale per il PDL durante la XVI Legislatura (2010-2012) della Regione Lombardia eletta nel cosiddetto listino di Formigoni alle elezioni del 2010: è stata rinviata a giudizio con altri 55 ex consiglieri per peculato e truffa. Coinvolta nella vicenda Ruby, condannata in primo grado dal Tribunale di Milano nell’ambito del processo Ruby bis a 5 anni di reclusione e all’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni con l’accusa di favoreggiamento alla prostituzione (foto Ansa)

REAZIONE:EVIDENTEMENTE QUESTA “SCHIAVA POST-MODERNA”,COMPLICE IN PRIMO GRADO DI NEPOTISMO, DEVE ESSIBIRSI COME SIMBOLO DELL’ERA BERLUSCONI.QUESTA E’ UNA FIORENTINA PROVINCIANA CHE NON AVEVA NE LA “STOFFA” NE LA PREPARAZIONE PER ALTERNARE FRA I PESCI GROSSI DELLA POLITICA E QUESTA E’ LA FINE CHE HA FATTO:QUELLO DEL TITOLO.

CAPITA LO STESSO CON TANTI STAR DEL CALCIO CHE DELLA NOTTE AL MATTINO SI VEDONO CON FAMA E SOLDI MA CHE NON BENE ATTREZZATI ANIMICAMENTE,PSICOLOGICAMENTE,SOCIALMENTE E CULTURALMENTE FANNO UNA BRUTTA FINE.

MA SDRAMATIZIAMO,NIENTE INGENUITA,DUE ANEDOTTI AL RIGUARDO:

1-HO SENTITO DIRE CHE ARISTOTELE ONASI,L’ARMATORE NAVIERO GRECO, NON METTEVA MAI IL CAPOTTO QUANDO ANDAVA AL RESTAURANTE PERCHE AVREBBE DOVUTO DARE CENTO DOLLARI DI MANCIA AL COMESSO DELL’ABIGLIAMENTO CHE LO AIUTAVA A  TOGLIERSILO DI ADOSSO:EVIDENTEMENTE NON AVREBBE MAI PORTATO MINETTI A CENA.

2-QUANDO MI SONO LAUREATO HO CONOSCIUTO UNA GIOVANE PROVENIENTE DI UN PICCOLO PAESINO DI MONTAGNA CHE ERA ALL’INIZIO DEGLI STUDI.ERA ROZZA MA,OLTRE A CARINA,GRINTOSA E DESIDEROSA DI FARE CARRIERA.UN GIORNO HO DECISO TOGLIERLA DALLE OMBRE E PORTARLA A CENA CON DEI COLLEGHI.SIAMO ANDATI A MANGIARE SELVAGGINA IN UN LUSSUOSO RESTAURANTE NELLE MONTAGNE DEGLI INTORNI DI VICENZA.QUANDO SIAMO USICITI MI SONO SENTITO RIMPROVERARE,QUELLA RAGAZZINA CHE NON SAPEVA COMPORTARSI A TAVOLO MI HA FATTO FARE UNA BRUTTA FIGURACCIA.E “LASCIALA CHE NON E’ PER TE.)”

TEMPO DOPO HO DECISO LASCIARLA LIBERA PERCHE SI DEDICASSI IN CORPO E ANIMA AI SUOI STUDI SENZA “DISTRAZIONI MONDANE”:IN QUESTI OCCASIONI PREFERISCO UNA RELAZIONE “PLATONICA”  AD ALLIEVARE UNA MADAME BOVARY.HO SAPUTO CHE ERA RIUSCITA A LAUREARSI E SPOSARSI MA CHI SA SE AVRO AVUTO FORTUNA,NON L’HO PIU RIVISTA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-MADAME BOVARY?VEDETE UN PO’ PIU,PERDETE UN POCO DI TEMPO,NE VALE LA PENA

Immagine anteprima YouTube

MADAME BOVARY ERA UNA RAGAZZINA DI PROVINCIA E SOGNAVA CON LE LUCI DI PARIGGI CHE APPRENDEVA DELLE SUE LETTURE.E PER RIUSCIRE A SCAPPARE DELLA SUA TRISTE E GRIGGIA REALTA BUCCOLICA DI PROVINCIA PENSO AL MATRIMONIO CON UN MEDICO,CHARLES BOVARY.NON LO AMAVA E LE CONSEGUENZE SONO LE VICENDE DEL SUO MALANDATO MATRIMONIO.EMA BOVARY ERA UN PERSONAGGIO DELLA VITA REALE DOVE SI ISPIRO GUSTAVE FLAUBERT PER IL SUO ROMANZO.

QUEL ROMANZO SUGLI AMORI ADULTERI DI MADAME BOVARY RISULTO SCANDALOSO PER LA MORALE IMPERANTE ALL’EPOCA E FLAUBERT FU PERSEGUITATO E PORTATO A PROCESSO PER SCRIVERLO.

IL PROCESSO A GUSTAVE FLAUBERT E’ STATO,SECONDO GLI ESPERTI,IL  PROCESSO AL PRIMO LIBRO MODERNO ED E’ STATO CONDANNATO PER SCRIVERE ROMANZI CHE “PERVERTIVANO” LA MENTE DELLE FANCIULLE DI PROVINCIA.LUI,UN ARISTOCRATA PER NULLA VOLEVA ESSERE CONSIDERATO TRASGRESSORE E SI DIFESE ARGOMENTANDO CHE LO AVEVA SCRITTO PROPIO PER MOSTRARE E DIMOSTRARE A COSA SERVONO I ROMANZI MODERNI:A PRODURRERE DEI MADAME BOVARY.

EPPURE SENZA VOLERLO FALUBERT,UN ARISTOCRATA,RISULTO IL “RIVOLUZIOANARIO” INIZIATORE DI UN MEZZO DI COMUNICAZIONE MODERNO E DE UN GENERE LETTERARIO MODERNO:IL LIBRO E LA NOVELLA(ROMANZO IN ITALIANO).AVEVA SUCCESSO’ CHE AVEVANO CAMBIATO I TEMPI,UNA EPOCA MORIVA E UNA NUOVA ERA INIZIAVA.

.

-VEDI Mme MADAME BOVARY E LA SUA VERSIONE NELLA VITA REALE NEL GIUDIZIO A FLAUBERT IN UNA SERIE DELLA RAI(SEI PUNTATE)

-PRIMA PUNTATA:PRESENTAZIONE,GIUDIZIO,MATRIMONIO CON CHARLES BOVARY

Immagine anteprima YouTube

-SECONDA PUNTATA:LI NASCE UNA FIGLIA,CAMBIA PAESINO TRASLOCCANDO A YONVILLE(INIZIA L’ARRAMPICATA  VERSO LE LUCI DELLA GRANDE CITTA),SI INNAMORA DI LEON

Immagine anteprima YouTube

-TERZA PUNTATA:Mme BOVARY DIVENTA ADULTERA:LEON PARTE PER STUDI A PARIGGI,E DA PERMESSO A RODOLPHE PER ESSERE SEDOTTA

Immagine anteprima YouTube

-QUARTA PUNTATA:RODOLPHE NON L’AMAVA,SOLO UNA AVVENTURA.LA LASCIA E LEI SI AMMALA,FA UNA CRISI MISTICA DELLA QUALE ESCE QUANDO CHARLES,CHE TRATTA IN TUTTI I MODI DI CONFORTARLA,LA PORTA ALL’OPERA DI ROAN DOVE SI INCONTRA CON IL GIOVANE LEON CHE AVEVA FINITO GLI STUDI A PARIGI ED ERA TORNATO PER STABILIRSI NEL CAPOLUOGO PER FARE L’AIUTO NOTAIO.LEON SEMBRA INNMORATO DI LEI.INIZIA UNA RELAZIONE.UN CAMBISTA GLI AVVOLGE FRA I DEBITI FATTE PER PORTARE AVANTI UNA VITA AL DI SOPRA DELLE SUE POSSIBILITA ECONOMICHE.

C’E’ LA FAMOSA SCENA DELLA CARROZELLA CHE E’ UNA “PIECE” MAESTRA DELLA LETTERATURA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

QUINTA  PUNTATA:LE VICENDE DEL RAPPORTO CLANDESTINO CON LEON,PIU GIOVANE E PIU POVERO DI LEI.VIENE SOPRAFATTA DAI DEBITI E SPODERATA DALLA MAMMA DI CHARLES .

Immagine anteprima YouTube

SESTA PUNTATA:ACCOSATA DI DEBITI SI VEDE ABANDONATA DAL SUO CAMBISTA E DA LEON,DISPERATA CERCA AIUTO IN RODOLPHE E ALTRI MA FINALMENTE RIFIUTATA DA TUTTI LA SUA DEBOLE ANIMA CROLLA E  DECIDE AVVELENARSI.NON SENZA SCOPRIRE PRIMA CHE NE ANCHE LEI AVEVA AMATO I SUOI UOMINI MA SOLO UN FANTASMA USCITO DAI SUOI DESIDERI ALIMENTATI DALLE LETTURE DI ROMANZI.

L’AUTORE E IL SUO LIBRO VENGONO ASSOLTI DALL’ACCUSA DI OLTRAGGIO ALLA MORALE E LA RELIGIONE.RESTA IL MISTERO DELLE SUE CONTRADIZIONI:CHI FU VERAMENTE Mme BOVARY?.

Immagine anteprima YouTube

AH….”L’ERRORE PIU GRAVE E’ STATO PORTARE Mme BOVARY A QUESTA STANZA”:PIU GRAVE,MOLTO PIU GRAVE,FARE QUESTO GIUDIZIO CHE SCRIVERE IL LIBRO,I TEMPI CAMBIARONO E L’AUTORE CHE DIVENTA IL CRONISTA DI UNA EPOCA CHE MUORE E UNA NUOVA ERA CHE NASCE,NE DA TESTIMONIO.MA NON SENZA RAMMARICO,UN PO’ COME GIUSEPPE TOMASSI DI LAMPEDUSA NEL GATTOPARDO.DUE ARISTOCRATI DECADENTI CRONISTI DEL TEMPO IN CHE UNA CLASSE SOCIALE,QUELLA DELL’ARISTOCRAZIA BORBONICA,SPARIVA (1)E L’ASCESA DI UN’ALTRA.E LA BORGHESIA EBBE LA SUA LEGIONE DI ONORE.(IL FARMACISTA AVRA CHIESTO LA PRESCRIZIONE MEDICA?)

(1)QUELLA STESSA CHE OGGI SI RIPROPONE SOTTO LE VESTE DEL “LIBERALISMO” CHE PERO “LIBERALISMO” NON E’ MA “NEOLIBERALISMO” LIBERTICIDA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

NOTA AL MARGINE:MADAME BOVARY E ENRIETTE VOLAIRE,LA PROFESSORESSA DI PIANO FORTE,NON SI SONO MAI CONOSCIUTI

(QUESTO E’ IL VIDEO DI SOPRA CON LA SCENA CHE NON POTETE VEDERE PERCHE YOUTUBE LO HA CENSURATO DOPO LA MIA PUBBLICAZIONE.VEDETELO CUA CON ALTRA FORMTAZIONE.)

http://www.dailymotion.com/video/x2b4jl5 Immagine anteprima YouTube

E VISTO CHE CI SEI VEDE IL FILM COMPLETO CON QUESTA VERSIONE:

http://www.dailymotion.com/video/x2b5qte

-

30 APRILE 2015:STRAGE DEL MEDITERRANEO,AUSTRALIA E UNIONE EUROPEA MI DANNO RAGIONE

-TRE NOTE:

-NOTA 1:SU GOOGLE NEWS

.IT

Immigrati: premier Australia, l’Ue segua il nostro esempio

Immigrati premier Australia  l Ue segua il nostro esempio

07:59 21 APR 2015

(AGI/AFP) – Sydney, 21 apr. – Il premier australiano, Tony Abbott, ha invitato l’Unione europea a seguire il modello inaugurato dal suo governo per fermare l’arrivo dei barconi di migranti. “Abbiamo centinaia, forse migliaia di persone che annegano nel tentativo di arrivare dall’Africa all’Europa”, ha osservato il conservatore Abbott, “l’unico modo di fermare le morti e’ quello di fermare i barconi”.
L’Australia non ammette per principio sul suo territorio alcun migrante che arrivi via mare su barconi. E’ la politica “stop the boats”, che con l’ausilio della Marina militare in 18 mesi ha praticamente azzerato gli sbarchi che prima erano quotidiani. Chiunque si avvicini alle coste o sia sorpreso a sbarcare viene rispedito inderogabilmente nel Paese di origine oppure e’ deportato in campi attrezzati nella vicina Papua Nuova Guinea, separata dall’Australia dallo stretto di Torres, 153 chilometri d’ampiezza (il canale di Sicilia e’ largo circa 155 chilometri) o a Nauru o in Cambogia, tutti Paesi poveri della regione con cui l’Australia ha stretto accordi bilaterali. Per le organizzazioni per i diritti umani, pero’, in questo modo Canberra viene meno ai suoi obblighi internazionali in quanto vengono deportati anche quanti avrebbero titolo per ottenere l’asilo politico. “Dobbiamo risolvere questo terribile problema e l’unico modo per fermare le morti e’ quello di fermare i traffici di esseri umani”, ha dichiarato Abbott, “per questo e’ cosi’ urgente che i Paesi europei adottino politiche molto forti che metteranno fine ai traffici di esseri umani nel Mediterraneo”.
(AGI) .

http://www.agi.it/estero/notizie/immigrati_premier_australia_l_ue_segua_il_nostro_esempio-201504210759-est-rt10015

REAZIONE:QUALCUNO HA PENSATO CHE SCHERZAVO?I MIGRANTI RESTERANNO BLOCCATI IN ITALIA E QUESTO E’ QUELLO CHE SI DEVE FARE.QUESTO E’ CIO CHE IN SOSTANZA HA DECISO FARE L’UNIONE EUROPEA, E QUESTO E’ QUELLO CHE SI FARA:L’ITALIA DEVE PRENDERSI LE SUE RISPONSABILITA DELLE SUE EX-COLONIE.E COSI I BARCONI VANNO BLOCCATI E NON ENTRERANNO IN EUROPA FIN CHE NON SI DECIDA A METTERE FINE AL CAOS LIBICO ANNIENTANDO TRIPOLI,E ALLORA I BARCONI POTRANNO ESSERE DISTRUTTI O BLOCCATA LA LORO PARTENZA PER EUROPA SUL PROPIO TERRITORIO LIBICO.

IMPARINO RENZI E ALFANO DEFFICENTI.SI ANCHE ALFANO DEFFICENTE.IL PRIMO INSIEME A BERLUSCONI VOLEVANO FARE UN ATTACO INTERNAZIONALE SULLA LIBIA PER DISTRARRERE SUL GOLPISMO DELLE LARGHE INTESE,E IL SECONDO HA RESPINTO MARE NOSTRUM

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE 1:HA TORNATO MARE NOSTRUM,ALFANO DEFFICENTE

-TITOLARE SUL CORRIERE DELLA SERA:

Juncker: errore chiudere Mare Nostrum

Mogherini in Usa: “Lavorare con Libia”

Foto All’Europarlamento i simboli della tragedia

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 207 »

24 aprile 2015
0
24 APRILE 2015.A CHI PRETENDE INTIMIDIRE?
-TITOLARE SUL CORRIERE DELLA SERA:
IL PREMIER A “OTTO E MEZZO “
Renzi: “O Italicum passa o governo cade”
Poi lo schiaffo a Prodi su Gheddafi Foto

Il premier lancia un duro avvertimento alla minoranza sulla legge elettorale:
«Martedì decidiamo sulla fiducia. Non sono qui per tenere la poltrona attaccata alle terga»

Sull’ex premier: «Mediatore in Libia? Troppi rapporti con l’ex Raìs, l’Onu non lo voleva»

Attacco a Letta:
«Mi critica? Ha libro in uscita»

REAIONE:MEGLIO COSI.A CHI PRETENDE INTIMIDIRE?A PROPIE O ESTRANI?COL CAVOLO CHE IL PD CON LUI AVRA IL 40 PER CENTO,E’ PASSATO IL SUO QUARTO DI ORA DI LUNA DI MIELE CON L’ELETTORATO.LA FIDUCIA SAREBBE UNA CONFERMA PALESE DEL SUO CARATTERE GOLPISTA E IL POPOLO ITALIANO NON DESIDERA ALTRO CHE METTERE FINE A QUESTO GOVERNO E RESTITUIRE AD INTEGRUM LA VITTORIA ELETTORALE DEMOCRATICAMENTE AVUTA NELLE URNE ALLA NUOVA ERA:IO NON MI ACCORDO,AVANTI TUTTA, SI INVITA A NON FARE PASSARE QUESTO EVERSIVO E AUTORITARIO GOLPISMO SAREBBE COME AFFONDARE L’ITALIA STESSA.

SCHIAFFO A PRODI?E COSA FAREBBE A BERLUSCONI?

-

4 APRILE 2015:PILLOLE

-TITOLARI SU BBC:

-TERRORISTA,LO STATO ISLAMICO CON BOKO HARAM

Man claimed to be Boko Haram fighter

Come lo Stato Islamico rafforza i legami con Boko Haram

-
2:CON LE FOTO?

Amnesia

What’s it like to forget all your past?

Com’è dimenticare tutto il tuo passato?

3-”SPERO BENE NELL’ONU”
.
-TITOLARE SUL CORIERE DELLA SERA:
PALAZZO DI VETRO

Crisi in Siria, l’appello della Jolie:
«Ora l’Onu agisca unita» Foto

L’attrice, inviata Onu per i rifugiati, al Consiglio di Sicurezza: «Emergenza che mostra la nostra incapacità di trovare una soluzione diplomatica»

 

5 APRILE 2015:L’IMPORTANZA DELLA NUOVA ERA,IO MI ACCORDO

-SU ANSA.it:

10 marzo, 18:13 Mondo

Kate fa pace con nonno Carlo

Principe aveva lamentato di non vedere abbastanza il nipote

-VEDI VIDEO CUA:

http://spaziorealedottciancimino.over-blog.com/2015/04/faites-internes-1-continuation-331.html

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
.
REAZIONE:VEDIAMO:GRAN BRETAGNA HA “VIRTUALMENTE” DUE RE,ELIZABETTA REGINA D’INGHILTERRA  E IL PRINCIPE CARLO CHE E’ STATO NOMINATO DA SUA MADRE PRESIDENTE DELLA COMMON WEALTH.

PERO GRAN BRETAGNA HA ANCHE UN FUTURO RE CHE E’ IL PRINCIPE WILLIAMS,E,QUELLO HE IO CONSIDERO, UNA COPPIA “NUOVA ERA” DAL SUO MATRIMONIO CON LA DUCHESSA DI CAMBRIDGE,KATERINA MIDDLETON.GRAN BRETAGNA HA UNA NUOVA ERA.

BENE,LA COMMON WEALTH VA “MALUCCIA” A CAUSA DELLE INTRECCI DI DAVID CAMERON CON IL NEOLIBERALISMO,MOLTI DEI SUOI IMPORTANTI STATI SI SONO MESSI,SECONDO ME ANCOR, DALLA PARTE DELLA NUOVA ERA E L’HANNO,SE NON BOICOTTEATA,AL MENO “DELLUSA” IN GRANDE.(1)

PUO LA COMMON WEALTH FUNZIONARE SENZA LA NUOVA ERA?CERHIAMO DI NON ACCERTARLO MA FATTO E’ CHE KATE MIDDLETON(“REGINA” DELLA NUOVA ERA)VIENE IN SOCCORSO DI “RE CARLO” E QUINDI DELLA COMMON WEALTH.QUELLO DEL TITOLO,E IO MI ACCORDO.

(1)NIENTE PIU CHE L’INDIA E IL CANADA E ANCHE ALTRI HANNO DISERTATO GLI ULTIMI SUMMIT.L’USCITA DI QUESTE DUE IMPORTANTI MERCATI DA SOLI BASTEREBBERO,SE NON PER AFFONDARLA.AL MENO FARLA TREMARE.

-

5 APRILE 2015:E PERCHE NO?

-TITOLARE LA STAMPA:

cronache
I migranti resteranno bloccati in Italia: ecco perché il piano Ue non funzionerà
Marco Zatterin
ANSA

+  Altre 228 persone salvate dalla Guardia Costiera nel Canale di Sicilia

.REAZIONE:E PERCHE?CREDETE CHE L’ITALIA DI RENZI,BERLUSCONI,SALVINI,ALFANO,BERGOGLIO E COMPAGNIA BELLA SIA MEGLIO DI PAPUASIA(PAPUA,NUOVA GUINEA!!!) E CAMBOGGIA?

PENSAVATE MERITARE DALL’EUROPA,DOVE RISPEDITE LI SFOLLATI,UN ACCORDO MIGLIORE DI QUELLO DELL’AUSTRALIA CON PAPUASIA E CAMBOGGIA ?

MA CERTO,RENZI HA DETTO CHE VOLEVA CONQUISTARE ANCHE L’EUROPA DOPO IL VOTO ALLE EUROPEE.E’ UN BUON ALLIEVO DI BERLUSCONI:STESSA MEGALOMANIA,STESSE FANFARRONATE,FARA LA STESSA FINE.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

——————————————————————

Immagine anteprima YouTube

-

*27 APRILE 2015.PRIMA GUERA MONDIALE,COMMEMORAZIONE

Gallipoli centenario: In immagini

*25 aprile 2015

*Dalla sezione UK

Gallipoli cerimonie del centenario sono in corso nel Regno Unito, Australia, Turchia e Nuova Zelanda per segnare l’inizio della campagna di otto mesi sulla penisola di Gallipoli, 100 anni fa.

Famiglia Reale al Cenotafio

Il Duca di Edimburgo, la regina Elisabetta II e il duca di Cambridge partecipano alla Commemorazione Nazionale del centenario della campagna Gallipoli e Anzac Day al Cenotafio di Whitehall, Londra

David Cameron e australiano procuratore generale George Brandis dietro la Regina al Cenotafio

David Cameron e l’australiano procuratore generale George Brandis dietro la Regina al Cenotafio

Leader di partito politico Nick Clegg e Ed Miliband

Leader di partito politico Nick Clegg e Ed Miliband alla parata memoriale

Il principe Harry parla con il principe Carlo

Il principe Harry parla con il principe Carlo nel corso di una visita al Nek, una stretta striscia di crinale sul campo di battaglia Anzac sulla penisola di Gallipoli

Il primo ministro australiano Tony Abbott e il principe Carlo

Il primo ministro australiano Tony Abbott e il principe Carlo partecipno a una cerimonia a Anzac Cove, Gallipoli, Turchia

Servizio ANZAC Day Alba

Maggiore John Titley del Royal Australian Regiment 3 fuma la pipa mentre aspetta la mattina presto Servizio Anzac Day Alba

Hyde Park Corner memorial

membri del pubblico hanno partecipato il servizio di mattina presto al Wellington Arch a Londra, Hyde Park Corner.

Danzatori maori a Hyde Park Corner

Ballerini Maori hanno preso parte al servizio all’alba a Londra

*27 APRILE 2015:TESTIMONIO,LA SICILIA NON PUO MANTENERE PIU IMMIGRANTI

-SU LE MONDE:

La Sicile, terre d’immigration désemparée face à l’afflux des clandestins

Un faitout de sauce bolognaise bouillonne sur le coin du feu. Plus loin, des paquets de penne attendent d’être mis à cuire. Dans le réfectoire, une demi-douzaine de femmes tranchent, emplissent et emballent des paninis à la chaîne. Tout doit être prêt à 18 h 30, l’heure à laquelle le centre de Caritas ouvre ses portes. Dans ce modeste local situé face à la gare sont distribués chaque soir 400 repas chauds et 70 sandwiches aux sans-abri de Catane, mais aussi aux migrants, toujours plus nombreux à affluer dans cette ville de près de 300 000 habitants, sur la côte est de la Sicile, l’une des régions les plus pauvres d’Europe. « Les deux mondes se côtoient sans se parler. Ce sont les deux faces de la crise », explique Don Piero Galvano, président de l’association catholique Caritas Catane.

Les silhouettes frêles et sombres qui se pressaient devant la porte entrent par petits groupes, s’assoient sans ôter leur manteau ou leur bonnet et avalent leur repas sans traîner. « On les voit deux ou trois jours, une semaine au maximum. On leur donne aussi des vêtements chauds, mais ils ne demandent pas d’autre aide et ne veulent surtout pas donner leur nom, explique Valentina Cali, qui s’occupe du centre d’accueil. Ils affirment tous qu’ils sont majeurs, mais par exemple ces deux garçons, dehors, n’ont en fait que 16 et 17 ans. » S’ils sont identifiés comme mineurs, ils seront pris en charge par les pouvoirs publics dans des centres. Les adultes seront forcés de déposer une demande d’asile ici, en Italie. Or tous ont l’espoir d’atteindre les pays riches du nord de l’Europe – Grande-Bretagne, Allemagne ou Danemark.

« Nous n’avons pas les moyens de les aider »

Ces migrants au visage fermé ont déjà parcouru des milliers de kilomètres et traversé la Méditerranée sur des embarcations de fortune pour arriver ici. « Je perçois leur douleur et ça me met en colère. Ils sont marqués par ce qu’ils ont vécu, mais nous n’avons pas les moyens de les aider. Il leur faudrait des psychologues mais l’idée même de consulter leur est étrangère », déplore Valentina. Le père Don Piero est aussi partagé entre désarroi et indignation. « Nous avons ouvert le centre en 2006. On servait 30 repas par jour. Aujourd’hui, on peut aller jusqu’à 500. On a le projet de doubler la taille du réfectoire. Il y a toujours des bénévoles pour aider. La générosité des Catanesi est grande, mais l’aide des institutions manque. »

En attendant de prendre un train ou un car vers le nord, ils errent dans la ville, dorment dans la rue ou dans une usine désaffectée toute proche. Le bâtiment de brique, éventré, menace de s’écrouler. De vieux tissus étendus couvrent par endroits le sol jonché de débris et d’éclats de verre. « Ils sont environ 200 à y venir chaque nuit, toute l’année, explique Sebastiano Cavalli, qui tient une guérite juste en face. Surtout des Africains, de plus en plus jeunes. Je peux comprendre leur situation. Moi aussi, je suis parti d’ici quand j’avais 16 ans pour trouver du travail à Genève. » Carmelo, 32 ans, qui travaille devant la gare, voit passer de plus en plus de ces jeunes Africains taciturnes. « Quand on en arrête un ou deux, ils fuient, et on ne les revoit plus. Mais il n’y a pas de contrôle, ils peuvent propager des maladies », s’inquiète le jeune homme.

« Sans action en Libye, le flux ne s’interrompra pas »

Pour aider ces migrants en errance, des maraudes nocturnes sont organisées par la Croix-Rouge. Jusqu’à un millier de bénévoles se relaient pour tenir un standard téléphonique d’information pour les familles à la recherche d’un proche, et pour fournir une assistance sanitaire et psychologique lors des sauvetages en mer – 290 en Sicile pour l’année 2014,et déjà plus de 60 en 2015. Après le naufrage et la mort de 800 migrants au large de la Libye samedi, Francesco Rocco, directeur de la Croix-Rouge italienne, s’est déplacé à Catane pour lancer un cri d’alarme à l’attention des responsables politiques. « Il faudrait pacifier la Libye et engager un corridor humanitaire plus fort en Afrique. Sans action là-bas, nous ne pouvons pas croire que le flux s’interrompra. »

Francesco Rocco, directeur de la Croix-Rouge italienne

Depuis le début de l’année, 16 900 migrants ont débarqué en Italie, et 1 776 ont trouvé la mort. Mercredi 22 avril, à Augusta, à quelques encablures au sud de Catane, un navire militaire a débarqué 446 migrants, dont 95 femmes et 59 enfants. De son balcon, qui surplombe la baie, Giuseppe Scarpato, 70 ans, observe les vaisseaux de l’opération « Triton ». « La semaine dernière, il y a eu 422 arrivées, parfois ils sont des milliers… La plupart sont envoyés dans des centres. Les autres restent par ici. Ils ne créent pas de problème, à part quelques tensions entre les différentes communautés. Ils sont très tranquilles, n’embêtent pas les filles. Les gens leur donnent à manger. » A grands renfort de gestes, le retraité explique que les Siciliens ont « un cœur gros comme ça », parce qu’ils sont depuis longtemps une terre de passage et d’émigration. « Ici, nous avons eu les Sarrasins, les Austro-Hongrois, les Français, les Espagnols… énumère Giuseppe. Il y a aussi des Siciliens partout dans le monde : en Europe, au Brésil ou aux Etats-Unis – Al Capone par exemple ! On sait que les gens fuient la misère. »

Mais les navires de sauvetage arrivent parfois trop tard. Au fond du cimetière municipal d’Augusta, derrière des rangées d’imposants caveaux, un carré de pelouse rassemble de simples monticules de terre, surplombés de stèles blanches où sont gravés « Inconnu n°7 retrouvé le… » ou « Extracommunautaire inconnu n°12 ». « Leurs parents ne peuvent même pas savoir où ils sont morts », déplore Maria Bonafede, 75 ans, venue fleurir la tombe de son mari. « Nous sommes désolés pour ces gens, c’est triste, mais nous, ici, nous n’avons rien. Pas de travail, pas d’argent. Que pouvons-nous faire ? » La vieille dame aux cheveux courts se dit fatiguée de ces jeunes garçons ou de ces femmes avec des poussettes qui « envahissent » la ville et font la manche devant les supermarchés depuis le début du printemps. Elle dénonce aussi le système mis en place par l’Etat face au manque de structures d’accueil : 30 euros par jour et par migrant sont versés à des centres privés, souvent des hôtels ou résidences reconverties. Une manne qui engendre parfois détournements ou corruption. « Il n’y a pas de contrôle de cet argent, qui n’aide pas non plus les Siciliens. Ce n’est pas la bonne solution. »

La longue attente des migrants de Mineo

Si les établissements dédiés aux migrants se multiplient dans l’île, c’est parce que le centre d’accueil de demandeurs d’asile de Mineo, pourtant le plus grand d’Europe, ne suffit plus. L’ancienne base militaire américaine de Sigonella, reconvertie en 2011, héberge aujourd’hui 3 200 migrants de 35 nationalités. Les maisonnettes alignées se détachent en bandes ocre et roses dans le paysage agricole vallonné, à une heure de route de Catane. Autour du camp grillagé, des collines à perte de vue, des orangers, des oliviers, et un berger qui mène ses moutons le long des grilles, ignorant les militaires qui gardent l’entrée du centre, les journalistes qui accourent de toute l’Europe et les migrants qui bavardent pour tuer le temps. Ils sont libres de sortir dans la journée, mais pour aller où ? Difficile de rejoindre Catane, sauf à payer un chauffeur improvisé, qui entasse six personnes dans sa voiture pour 5 euros chacune. Faute d’argent, certains se contentent de parcourir à pied ou à vélo les 7 kilomètres qui les séparent du village de Mineo.

La route est longue et escarpée pour atteindre cette cité médiévale qui surplombe la vallée. « Ici, en haut, à Mineo, nous sommes quatre ou cinq mille habitants, autant qu’eux, en bas. S’ils venaient tous, ce serait un problème, expliquent Erica et Mirella, deux jeunes filles de 22 ans qui se promènent sur la place centrale. Mais ça va. Ils saluent, ils viennent au supermarché. A part une histoire de temps en temps, ils ne causent pas d’ennuis. » Certains commerçants y trouvent même leur compte, comme Andrea, 29 ans, gérant de Meneo Market. Dans sa supérette, en contrebas du centre historique, les migrants peuvent dépenser les bons d’achat distribués par le centre. « Les migrants sont une ressource économique pour moi, explique le jeune homme devant sa caisse automatique. Au niveau humain, je n’ai rien à en dire, je n’ai pas de relations avec eux. On ne peut pas les faire travailler, ils n’ont pas de papiers. De toute façon, il n’y a de travail pour personne ici. »

Lotissements du centre d’accueil de demandeurs d’asile de Mineo.
L’ancienne base militaire américaine de Sigonella, reconvertie en 2011, héberge 3 200 migrants de 35 nationalités.
sheeps
Photos et vidéos Karim El Hadj
Texte Anne-Aël Durand
http://www.lemonde.fr/europe/visuel/2015/04/24/la-sicile-terre-d-immigration-desemparee-face-a-l-afflux-des-clandestins_4619314_3214.html
REAZIONE:
I SICILIANI SENSIBILMENTE IMPOVERITI DOPO ANNI DI GOVERNO BERLUSCONI-LEGA NON POSSONO ACCOGLIERI PIU IMMIGRANTI.
IN OGNI MODO NON RESTANO,VANNO A FINIRE AI PAESI DEL NORD EUROPA.
LA SOLUZIONE E’ INTERVENIRE DENTRO LA LIBIA STESSA COME E’ SATATO FATTO CON LA “NO FLY ZONE”.
Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 206 »

22 aprile 2015
0

22 APRILE 2015:CORRUZIONE,EXPO INDAGATA,E MARONI

-SU LA REPUBBLICA:

Lombardia, anche la società Expo è indagata nell’inchiesta in cui è coinvolto Maroni

Il governatore è accusato di induzione indebita per un contratto di collaborazione con Expo ottenuto da una sua ex collaboratrice. E ha fatto nominare nel cda il suo avvocato difensore

22 aprile 2015

Lombardia, anche la società Expo è indagata nell'inchiesta in cui è coinvolto Maroni

Il governatore Roberto Maroni

Anche la società Expo 2015 spa è indagata nell’inchiesta della Procura di Milano in cui il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, è accusato fra le altre cose di induzione indebita per presunte pressioni in relazione a contratti affidati a due sue ex collaboratrici. Expo è indagata in base alla legge sulla responsabilità amministrativa degli enti. L’articolo 5 della legge 231 del 2001 stabilisce che “l’ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio” da persone “che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell’ente”. Sotto inchiesta, come è già emerso, è finito, il direttore generale di Expo, Christian Malangone.

Nell’inchiesta, coordinata dal pm milanese Eugenio Fusco e condotta dai carabinieri del Noe, Maroni è accusato di induzione indebita, assieme a Malangone e ad altre persone, in relazione a un contratto di collaborazione con Expo ottenuto in passato da Maria Grazia Paturzo, ex collaboratrice di Maroni al ministero dell’Interno. Maroni è difeso dall’avvocato Domenico Aiello, che lo stesso governatore ha fatto nominare nel consiglio di amministrazione di Expo.

Gli inquirenti hanno effettuato verifiche anche su presunte pressioni relative a un viaggio a Tokyo nell’ambito del ‘World Expo Tour’, tra fine maggio e i primi giorni dello scorso giugno. In quell’occasione la società Expo fece presente che non poteva pagare le spese del viaggio anche a Paturzo. Maroni decise all’ultimo momento di cambiare programma e di recarsi per un altro appuntamento istituzionale a Berna: al suo posto la Regione Lombardia venne rappresentata da una delegazione guidata da Mario Mantovani.

L’altra tranche dell’inchiesta riguarda un contratto di collaborazione con la società Eupolis che Maroni, attraverso il capo della sua segreteria Giacomo Ciriello (anche lui indagato), avrebbe fatto ottenere a un’altra sua ex collaboratrice: Mara Carluccio.

.
http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/04/22/news/lombardia_anche_la_societa_expo_e_indagata_nell_inchiesta_in_cui_e_coinvolto_maroni-112598659/?ref=HREC1-26
-

3 APRILE 2015:LETTURA WEB,”PILLOLE”
.
-TITOLARI SU LE MONDE:
.

-TITOLARE 1:NO,PERVERSA DEGENERAZIONE  DELLA NE,DEVONO PAGARE

image: http://s2.lemde.fr/image/2015/04/22/312×156/4620762_3_9537_la-commercialisation-de-l-apple-watch-la_6d14657af33a2f35cd1cee9e69e69fd9.jpg

La commercialisation de l'Apple Watch, la montre connectée d'Apple, débutera le 24 avril.

Apple Watch : de l’attente naît le plaisir, ou pas

A la veille de la commercialisation de la montre connectée, les fans n’ont qu’une inquiétude : seront-ils livrés vendredi ou devront-ils patienter ? Une « angoisse » palpable sur les réseaux sociaux.

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#kkB1hAlOwTuGPZTY.99

-REAZIONE:LO SMARTWATCH ALTRO NON E’ CHE UNA ESTENSIONE DEL MIO CONCETTO DI INTEGRAZIONE DELL’ESPRESSIONE TECNOLOGICA A DISTANZA(TEECOMUNICAIONE)DEGLI ORGANI DEI SENSI IN UN SOLO SUPPORTO PERSONALE E MOBILE.NON SONO LORO,IN QUESTO CASO APPLE,GLI INVENTORI,NON HANNO PROPIETA INTELLETUALE E PER TANTO DEVONO PAGARE LA PATENTE SCIENTIFICA(BREVETTO)PER POTERLI FABRICARE E VENDERLI.
E DOVREBBERO PAGARE DI PIU PERCHE E’ UN INTENTO DI PERVERTIRE LA NUOVA ERA:GRAZIE ALLA NUOVA ERA L’ORARIO E’ INTEGRATO IN TUTTI I SUOI ESPRESSIONE TECNOLOGICHE.VOI TROVATE L’ORARIO SULLO SMARTPHONE,SULLA TABLET,SU OGNI OGETTO CONNESSO E PERFINO NELLA SEGNALETICA STRADALE.OGGI NON C’E’ PIU BISOGNO DI COMPERARE UNO OROLOGGIO PER SAPERE IN QUALE ORA VIVETI,BASTA GUARDARE IL VOSTRO SMARTPHONE(O CELLULARE).PERO L’INDUSTRIA DELL’OROLOGIO,ORMAI UN OGETTO ELITTISTA DI STATUS DEMODE(IO GRAZIE ALLA NUOVA ERA ATTUALMENTE NON HO BISOGNO DI COMPRARMI UN PATEK-PHILIPS DI ORO),SULL’ORLO DEL FALLIMENTO ED ESTINZIONE NON HA AVUTO MIGLIORE TROVATA CHE USARE COME SUPPORTO UN OROLOGGIO E METTERE TUTTI I SERVIZI INTERNET MOBILI DELLA NUOVA ERA A LUI SOTTOMESSI.EVIDENTEMENTE UN TENTATIVO PERVERSO DI PLAGIO,DI COPIA:QUINDI DEVONO PAGARE PATENTE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA E INOLTRE MOLTIPLICATA ALL’ENNESIMA POTENZA IN QUANTO L’INDUSTRIA DELL’OROLOGERIA SI STA SALVANDO DELLA ESTINZIONE.AVETE CAPITO?:PATENTE GIGANTESCA DEVONO PAGARE.TANTA COME QUELLA DI APPLE PIU QUELLA DELL’INDUSTRIA DELL’OROLOGERIA SOMMATE.NIENTE ADDOLCIMENTI,NON PRENDERE IN GIRO LA NUOVA ERA.
.
-TITOLO 2:VERSO L’AGIUSTIZIAMENTO DEGLI “AUSTRALIANI”
image: http://s2.lemde.fr/image/2015/04/23/92×61/4621421_7_1a15_serge-atlaoui-a-vu-son-ultime-recours-rejete_1bc24af7eb0446b40a62db6a75f9888a.jpg
Serge Atlaoui a vu son ultime recours rejeté par la Cour suprême indonésienne.
Condamnés à mort en Indonésie : l’ordre a été donné de préparer les exécutions

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#kkB1hAlOwTuGPZTY.99

-
-TITOLARE 3:STRAGE MEDITERRANEA,AFFONDARE LA SALO LIBICA TRIPOLI SE NON VOLETE CHE PARTANO I BARCONI
.
image: http://s2.lemde.fr/image/2015/04/23/92×61/4620917_7_99f3_ill-4620917-7537-000par8155404_fda12d89506341321799b77484ad66bc.jpg
« Europe, sauve les vies », est-il inscrit sur cette feuille brandie lors d'une manifestation contre la politique migratoire de l'Europe à Athènes le 22 avril.
L’Europe face à la tragédie migratoire en Méditerranée

-TITOLARE 4:CORROTTA,LA LE PEN ALLA GIUSTIZIA ANCORA UNA VOLTA

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/03/29/92×61/4605119_7_13a7_au-siege-du-front-national-le-29-mars_148f9bb6149ed157b4b2d8ca600b5e4a.jpg

Au siège du Front national le 29 mars.

Nouvelle mise en examen dans l’affaire du financement des campagnes du Front national

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#qcGEj8x2dqZV7Jmo.99

-

24 APRILE 2015:LA STRAGE SUL MEDITERRANEO NELL’UE

.

-E FINALMENTE RENZI HA AVUTO IL SUO SUMMIT.VI RACCOMANDO LA SEGUENTE RACCOLTA DI NOTIZIE MA L’ESSITO SI POTREBBE SEMPLIFICARE IN POCHE PAROLE:

1-LA MARINA MILITARE IN TRITON NON AGIRA PIU DA SOLA,VENIAMO TANTE ALTRI CON I NOSTRI MEZZI.

2-VI DIAMO UN POCO DI SOLDI ANCORA MA….TRITON DEVE ANCHE SALVARE E ACCOGLIERE IMMIGRANTI

3-GLI IMMIGRANTI ACCOLTI VI LI DOVETE TENERE VOI(DDOVE ARRIVANO) A CASA VOSTRA,NIENTE INVIARLI FUORI DELL’ITALIA IN GIRO PER L’EUROPA(A CALAIS ARRIVANO).PER QUESTO,NOI EUROPEE, VI DIAMO I SOLDI COME L’AUSTRALIA GLIELI DA A PAPUASIA E CAMBOGIA.PIU O MENO E’ LO STESSO.(COME DICONO GLI SPAGNOLI:”PEREZ ANDA GIL CAMINA,TONTO ES EL QUE NO ADIVINA”)

4-NIENTE AFFONDARE I BARCONI IN PARTENZA.CI VUOLE UN MANDATO DELL’ONU E PUTIN CHI SA SE CI STA.

5-NIENTE INTERVENTO ARMATO INTERNAZIONALE IN LIBIA COME VUOLE LA MOGHERINI(E VOILA CHE INSISTE!.MA QUANTO TESTARDA E’.)

6-PRESO NOTA CHE LA CAUSA DEGLI SBARCHI E’ POLITICA E LEGATA AL “CAOS DELLA LIBIA” COME HA ESPRESSO OBAMA,LA SOLUZIONE MILITARE CHE DEVE ESSERE INTERNA E LA DOVRA DARE IL GOVERNO DI MISURTA,PUO IMPEDIRE L’AZIONE DEI BARCONI.C’E’ GIA STATO L’INTERVENTO MILITARE INTERNAZIONALE ALL’EPOCA DELLA “NO FLY ZONE”,NIENTE RIDARE LE CARTE COME PRETENDE  BERLUSCONI: INSOMMA NIENTE GOVERNO DI UNITA NAZIONALE.

EPILOGO:E RENZI(E LA MOGHERINI) HA AVUTO IL SUO SUMMIT UE.PER COSA?ORA,TI ACCORDI O……

AVANTI,LEGETTI:

-TITOLARI LA REPUBBLICA:

1-

Renzi: "Fondi triplicati per Triton"   video     Ue, No a distribuzione dei rifugiati   video

Renzi: “Fondi triplicati per Triton” video

Ue, No a distribuzione dei rifugiati video

Confermato piano attacchi armati contro scafisti

Francia accoglie 700 profughi siriani – documento

Migrante ucciso perché si era alzato in piedi sul gommone
Yossef: “Io prigioniero in Libia, vivo senza speranze”Audio

Articoli correlati

appello Aprite le frontiere, i flussi non crescono” di A. GINORI
Conversazioni fra i trafficanti Scheda Piano in 10 punti
Nave carica di bambini  Rep Tv Militare allatta neonato

-

2-

Vertice Ue, Renzi: Non possiamo obbligare Paesi ad accogliere migranti
Vertice Ue, Renzi: “Non possiamo obbligare Paesi ad accogliere migranti”

REAZIONE:QUESTO TITOLARE DEL PASQUINO LA REPUBBLICA MENTE:NON SI HA ACCORDATO NESSUN PIANO DI ATTACO A NESSUN SCAFISTA,COMMANDA L’ONU.VEDI DI SEGUITO:

-SU LE FIGARO:

Immigration : l’Europe envoie ses navires en Méditerranée

Home ACTUALITE International

Par Manon Malhère

Mis à jour le 24/04/2015 à 00:39

Publié le 24/04/2015 à 00:01

L'UE étudie la possibilité d'une opération militaire pour détruire les bateaux utilisés par les passeurs.

INFOGRAPHIE – Réunis jeudi soir à Bruxelles en sommet extraordinaire, les dirigeants européens ont annoncé qu’ils allaient tripler les moyens alloués à la recherche et au sauvetage en mer face à l’afflux de migrants.

En réponse au drame migratoire en mer Méditerranée de dimanche dernier qui a fait 800 morts, les dirigeants de l’Union européenne réunis à Bruxelles ont décidé jeudi soir de tripler – et non de doubler comme cela était initialement envisagé – les moyens financiers des opérations de surveillance maritime en Méditerranée «Triton » pour les côtés italiennes et maltaises, et «Poséidon» pour les côtes grecques. Des actions coordonnées par l’agence européenne de sécurité aux frontières (Frontex) pour accroître les possibilités de sauvetage en mer de migrants. Le budget alloué à la mission «Triton », qui proviendra du budget européen, devrait ainsi avoisiner les 9 millions d’euros par mois en 2015 et 2016. Soit le même montant que celui alloué à la mission italienne «Mare Nostrum » que Rome avait finalement interrompue l’année dernière.

Quant aux capacités matérielles de «Triton », qui sont extrêmement limités, quinze États dont la France, le Royaume-Uni, l’Allemagne et la Finlande se sont engagés à fournir bateaux, hélicoptères, navire ou encore officiers en soutien à cette mission. «Nous voulons agir vite », a déclaré la chancelière allemande, Angela Merkel.

La France va aller à l’ONU

L’objectif est «humanitaire » mais vise aussi à «dissuader un certain nombre de trafics », a insisté le président François Hollande. À cet égard, la haute représentante Federica Mogherini est appelée à étudier la possibilité d’une opération militaire dans le respect du droit international pour détruire les bateaux utilisés par les passeurs et autres trafiquants d’êtres humains, ce qui pose des questions tout autant juridiques que politiques. «Cela ne peut se faire que dans le cadre d’une résolution du Conseil de sécurité de l’ONU, et la France prendra une initiative », a fait savoir François Hollande, ajoutant que «le Royaume-Uni est également partie prenante de cette volonté ». Reste que le Conseil de sécurité comprend également la Russie comme membre permanent, et ses relations avec l’UE sont très tendues. «Si nous voulons avoir ce mandat, il faut être très clair sur l’objectif et les moyens de l’atteindre », a insisté le président français, qui a annoncé qu’il s’entretiendrait ce vendredi avec Vladimir Poutine sur ce sujet.

Cliquez ici pour agrandir l’infographie

Les dirigeants n’ont toutefois pas de quoi se féliciter. En matière d’accueil des migrants, aucun chiffre n’a finalement été fixé quant au nombre de réfugiés issus de pays tiers comme la Syrie que les pays européens seraient prêts à accueillir sur une base volontaire. L’accueil d’«au moins » 5000 réfugiés avait été avancé. Certains États veulent aller plus loin et espèrent l’engagement du plus grand nombre. La France serait prête à en accueillir entre 500 et 700.

Le «partage du fardeau » entre les États européens pour traiter les demandes d’asile reste quant à lui un sujet extrêmement sensible qui ne sera pas réglé demain. Pourtant, les pays situés en première ligne, à commencer par l’Italie, font face à l’afflux de milliers de personnes sur son territoire. Face à une situation qui devient de plus en plus intenable, les dirigeants peuvent difficilement continuer à fermer les yeux sur les limites du «règlement Dublin ». Celui-ci stipule que c’est l’État dans lequel un individu arrive qui doit traiter la demande d’asile.

Les gouvernements européens sont restés très prudents. Ils proposent de «considérer les options en vue d’un mécanisme de réinstallation d’urgence » entre les États européens «sur une base volontaire », selon le projet de déclaration finale.

La rédaction vous conseille :

*Les options militaires de la guerre contre les trafiquants d’êtres humains

*L’anarchique surveillance des côtes libyennes

*En Italie, les critiques fusent sur la mollesse de l’Europe

http://www.lefigaro.fr/international/2015/04/24/01003-20150424ARTFIG00001-immigration-l-europe-envoie-ses-navires-en-mediterranee.php

-VEDIAMO ANCHE I CONSIGLIATI:

A-Les options militaires de la guerre contre les trafiquants d’êtres humains

*Home ACTUALITE International

*Par Alain Barluet

*Mis à jour le 23/04/2015 à 22:54

*Publié le 23/04/2015 à 19:54

Des militaires français participant à l'opération «Atalante», modèle d'opération européenne conjointe, qui pourrait inspirer l'UE dans sa lutte contre les trafiquants d'êtres humains

L’Union européenne entend renforcer la surveillance en Méditerranée mais la mise en place d’opérations militaires s’annonce compliquée.

La «guerre» déclarée aux trafiquants d’êtres humains par les dirigeants européens, jeudi à Bruxelles, aura-t-elle lieu? Cela supposerait la mise sur pied d’une opération militaire – une première dans la lutte contre l’immigration clandestine – dûment planifiée et dotée de moyens importants. Dans leur projet de déclaration finale, les Vingt-Huit s’engagent à tout faire «pour identifier, capturer et détruire les bateaux avant qu’ils ne soient utilisés par les trafiquants».

Si le renforcement de la surveillance en mer et l’augmentation des moyens de la mission «Triton» devraient se traduire rapidement en actes, il n’en va pas de même …

Cet article a été publié dans l’édition du Figaro du 23/04/2015 . 81% restent à lire.

http://www.lefigaro.fr/international/2015/04/23/01003-20150423ARTFIG00345-les-options-militaires-de-la-guerre-contre-les-trafiquants-d-etres-humains.php

-

B-L’anarchique surveillance des côtes libyennes

*Home ACTUALITE International

*Par Maryline Dumas

*Publié le 23/04/2015 à 19:03

Les garde-côtes libyens viennent secourir un bateau de migrants qui menaçait de couler au large des côtes

REPORTAGE – Faute de moyens, les garde-côtes libyens ne peuvent surveiller efficacement leur littoral et empêcher les migrants de tenter de rallier l’Europe

Alors qu’environ 1300 migrants seraient morts en Méditerranée en ce mois d’avril, la surveillance des côtes libyennes est à l’image du pays: anarchique et chaotique. On aurait pu imaginer les garde-côtes libyens sur le pied de guerre, au vu des derniers drames en Méditerranée. Il n’en est rien. Les abords du bureau de la Force de sécurité maritime de Tripoli, dans le port de la capitale, sont bien calmes.

Cette force est censée surveiller 200 kilomètres de côtes, de Zawyia, à l’ouest de la capitale, jusqu’à Khoms, à l’est. Constitué de 95 rebelles, ce groupe s’est formé après la révolution de 2011, explique son chef, Mohamed Baithi. En d’autres termes, il s’agit d’une brigade, placée sous les ordres du ministère de l’Intérieur, qui fait office de garde-côtes. «Il y a bien une autre unité de garde-côtes …

Cet article a été publié dans l’édition du Figaro du 23/04/2015 . 79% restent à lire

http://www.lefigaro.fr/international/2015/04/23/01003-20150423ARTFIG00302-l-anarchique-surveillance-des-cotes-libyennes.php?redirect_premium

REAZIONE:E’ OVVIO CHE E’ SU QUESTA “SALO” CHE SI DEVE AGIRE SE SI VUOLE NEUTRALIZZARE I BARCONI.

-

C-En Italie, les critiques fusent sur la mollesse de l’Europe

Home ACTUALITE International

*Par Richard Heuzé

*Mis à jour le 24/04/2015 à 00:03

*Publié le 23/04/2015 à 19:03

Président de la fondation Migrantes,Mgr Giancarlo Perego ne ménage pas ses critiques envers les dirigeants européens

La réaction de l’Union européenne face aux naufrages de migrants en Méditerrannée est jugée «trop faible» et inadaptée.

Budget inadéquat, mandat trop restrictif, stratégie incertaine: les critiques ne manquent pas en Italie contre les mesures soumises au Conseil européen extraordinaire sur l’immigration qui s’est tenu hier à Bruxelles, à l’initiative de Matteo Renzi.

Le censeur le plus sévère est l’Église. Mgr Giancarlo Perego, président de la fondation Migrantes, chargée des dossiers d’immigration de la Conférence épiscopale italienne, n’y va pas par quatre chemins. Il s’indigne que «l’Europe n’accueille dans l’ensemble de ses 28 pays que 650.000 immigrés …

Cet article a été publié dans l’édition du Figaro du 23/04/2015 . 79% restent à lire

http://www.lefigaro.fr/international/2015/04/23/01003-20150423ARTFIG00301-en-italie-les-critiques-fusent-sur-la-mollesse-de-l-europe.php?redirect_premium

-

TITOLARE SU LE MONDE:

image: http://s2.lemde.fr/image/2015/04/24/312×156/4621775_3_e866_reunie-en-sommet-extraordinaire-pour-repondre_5670153d16bf3a51c23130b9d4e70e2a.jpg

Réunie en sommet extraordinaire pour répondre à la tragédie migratoire en Méditerranée, l’Union s’est, comme souvent, contentée d’un compromis minimal.
L’UE se contente d’un compromis minimal en réponse à la dramatique crise migratoireL’accord auquel sont arrivés les Vingt-Huit jeudi pour faire face aux naufrages à répétition en Méditerranée manque d’ambition.
.
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#OszbZo7jwdTKZsU3.99
.
–E COSI LA NOTA COMPLETA:
.
-SU LE MONDE,Europe:RENZI DEFFICENTE
.
L’UE se contente d’un compromis minimal en réponse à la dramatique crise migratoireLe Monde | 24.04.2015 à 00h41,Mis à jour le 24.04.2015 à 04h37 | Par Jean-Pierre Stroobants (Bruxelles, bureau européen)

 Réunie en sommet extraordinaire pour répondre à la tragédie migratoire en Méditerranée, l’Union s’est, comme souvent, contentée d’un compromis minimal.

Un sommet « extraordinaire » ponctué par une formule de Jean-Claude Juncker, le président de la Commission européenne : « J’aurais voulu que nous soyons déjà plus ambitieux. » Juncker faisait allusion au manque de solidarité entre Européens, en partie confirmé au cours de cette rencontre tenue à Bruxelles et qui devait apporter une réponse forte aux drames survenus récemment en Méditerranée. L’Union s’est, comme souvent, contentée d’un compromis minimal.

Les Vingt-Huit s’en tirent au moins avec un résultat concret : le budget de l’opération Triton est triplé, passant de 2,9 à 9 millions d’euros mensuels. Soit un retour aux moyens consacrés antérieurement par l’Italie à Mare Nostrum, l’opération de sauvetage arrêtée en octobre 2014 parce qu’elle aurait, selon certaines capitales, facilité la tâche des passeurs en recueillant des milliers de personnes…

Lire : Naufrages en Méditerranée : Frontex et sa mission « Triton » mises en cause

Plus de ressources pour Frontex

Pour l’avenir, le Royaume-Uni, l’Allemagne, la Belgique et la France ont déjà annoncé une participation accrue aux opérations conduites par l’agence Frontex. Paris enverra un navire patrouilleur, un remorqueur en haute mer et doublera le nombre de ses experts engagés, a indiqué le président François Hollande. Jusqu’ici, la France avait mobilisé deux bateaux et un avion dans Triton. Le mandat de l’opération n’est pas modifié mais ses possibilités d’intervention dans les sauvetages se trouvent étendues, affirment les conclusions du sommet : il fallait fixer un objectif humanitaire sans offrir aux trafiquants la certitude que les occupants de leurs bateaux seraient à chaque fois sauvés. À noter que les navires du Royaume-Uni — qui n’est pas membre de Frontex — se déplaceront où ils l’entendent dans la zone entre les côtes libyennes et italiennes.

Un autre objectif proposé par la Commission européenne était la saisie et la destruction des embarcations utilisées par les réseaux criminels. Il se heurte, comme prévu, aux contraintes du droit international : les Européens veulent obtenir l’aval du Conseil de sécurité des Nations unies. François Hollande doit évoquer, ce vendredi, la question avec Vladimir Poutine — la Russie est l’un des membres permanents de ce Conseil — et semble convaincu qu’il peut le convaincre de ne pas opposer son veto, « à condition que nous soyons très clairs sur nos objectifs et les moyens utilisés ». Dans l’intervalle, la Haute représentante Federica Mogherini doit présenter les options pratiques d’une telle intervention.

Il reste le volet de la solidarité et, sur ce plan, on a assisté à un recul par rapport au projet de conclusions qui circulait avant le sommet. La réforme de « Dublin II », qui force l’Etat dans lequel arrive le migrant à traiter seul son dossier du début à la fin ? « Une perspective, nous allons y travailler », explique le président Hollande. Le « projet pilote » visant à accueillir 5 000 réfugiés syriens supplémentaires, répartis dans toute l’Union ? Le chiffre est oublié et une répartition ne se fera que sur une base volontaire, comme l’a exigé le premier ministre britannique David Cameron. Oubliée l’idée de « quotas » obligatoires, évoquée par l’Allemagne. François Hollande a indiqué jeudi que la France accueillerait entre « 500 à 700 » personnes.Le premier ministre italien Matteo Renzi, la chancelière allemande Angela Merkel, le président français François Hollande et le premier ministre britannique David Cameron à Bruxelles, le 23 avril.

Manque d’ambition

Le Parlement européen attendait, à l’évidence, une action plus ambitieuse. « J’ai été surpris, ce matin, par leur sentiment dominant lors d’une réunion des présidents de groupe. C’était celui de la colère », expliquait le président de l’assemblée, Martin Schulz. Habituellement modéré, le groupe conservateur du PPE lance : « Assez de mots, pas de simple séance photo, il faut des réponses concrètes. » Le groupe en appelle à une politique d’asile commune aux Vingt-Huit et à l’instauration d’un système de quotas contraignant pour répartir les réfugiés entre tous les pays.

« Ce qui se déroule aujourd’hui n’est rien d’autre que la conséquence de ce que l’Europe n’a pas voulu faire », enchaîne le chef du groupe libéral et démocrate, Guy Verhofstadt. À savoir, selon lui, « appuyer une mission onusienne de stabilisation en Libye, aider l’opposition démocratique syrienne, faire de Frontex une véritable agence de protection des frontières avec une contribution obligatoire des États, développer un système de visas humanitaires qui n’obligerait pas les gens à s’en remettre à des réseaux criminels ». L’ancien premier ministre belge conclut : « Comme l’Europe a refusé d’intervenir dans son voisinage, elle affronte aujourd’hui le problème du djihadisme et celui des réfugiés. Si elle persiste, elle devra affronter d’autres drames. »

Fallait-il, en réalité, convoquer ce sommet extraordinaire, sans être certain qu’il pourrait formuler une réponse qui soit vraiment à la hauteur de l’enjeu ? « La tenue du sommet ne pouvait être la réponse en soi. Nous attendons maintenant le plan pour l’immigration que la Commission annonce pour la mi-mai », explique M. Schulz.

Attendu à Strasbourg, mercredi 29 avril, le président du Conseil, Donald Tusk doit redouter un accueil peu chaleureux.

 Jean-Pierre Stroobants (Bruxelles, bureau européen)
Journaliste au Monde

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/04/24/l-ue-se-contente-d-un-compromis-minimal-en-reponse-a-la-dramatique-crise-migratoire_4621777_3214.html#

-REAZIONE:PER FARE COSA HA CONVOCATO RENZI QUESTO SUMMIT?QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube

-E PER FINIRE UNA OPINIONE SU LE FIGARO:

“NON E’ IN AUSTRALIA CHE VANNO”

L’Union européenne et la crise de l’immigration en Méditerranée : le bal des hypocrites

Home FIGARO VOX Vox Monde

Par Henri Labayle

*Mis à jour le 23/04/2015 à 08:33

*Publié le 22/04/2015 à 13:09

FIGAROVOX/ANALYSE – Henri Labayle dénonce le double langage et l’inconsistance de l’Union européenne face au drame de l’immigration.

Henri Labayle est professeur agrégé des facultés de droit françaises, en poste à la faculté de Bayonne, à l’université de Pau. Il dirige le CDRE, laboratoire de recherches spécialisé en matière européenne et notamment en matière de droits fondamentaux, d’immigration et de sécurité intérieure. Il est également membre du réseau Odysseus et directeur du GDR «Droit de l’espace de liberté, sécurité, justice».


Rien ne change. Les minutes de silence au sein des institutions européennes ne se comptent plus face à la litanie des morts et des disparus lancés en Méditerranée.

Comme il y a près de vingt ans à Douvres devant les cadavres de 54 clandestins chinois, les États membres et les institutions de l’Union promettent que cette fois-ci est la dernière, qu’enfin des mesures efficaces seront prises pour faire face à l’inacceptable: des centaines de morts en quelques semaines, des milliers à venir en quelques mois si l’indifférence persiste. Faute de reconnaître son échec, l’Europe est incapable de changer d’approche en affrontant autrement la réalité. Au bal des hypocrites, le carnet de chacun est donc bien rempli.

Le double langage des États membres

L’environnement de l’Union est devenu extrêmement dangereux, troublé par une multitude de conflits. Graves autant que nouveaux, ils engendrent des mouvements de personne quasiment impossibles à réguler, pour partie imputables d’ailleurs à l’imprudence des interventions militaires occidentales, en Irak ou en Libye.

Les populations persécutées par Daesch comme par Bachar El Assad appellent la protection autant que celles fuyant la guerre en Erythrée, lorsqu’elles se jettent dans l’exode. Quoi que les politiciens prétendent aux opinions publiques nationales, cette protection leur est due et l’Union européenne n’en est pas la cause. Nous l’avions décidée bien avant, inscrite dès 1946 dans notre constitution et dans la Convention de Genève comme nos voisins depuis 1951. Notre indifférence contemporaine à la misère humaine ne peut occulter un choix qui est partie intégrante de nos valeurs. Les dévoiements tout aussi indiscutables du droit d’asile ne peuvent le masquer. N’est pas australien qui veut.

Quelle est l’attitude individuelle comme collective des États européens devant ce constat? Une fuite devant leurs responsabilités et le refus de tirer les conséquences de leur impuissance matérielle et budgétaire à garantir isolément leurs frontières respectives. Ceux qui proclament le contraire en réclamant leur rétablissement ont-ils oublié l’échouage d’un cargo turc transportant des immigrants kurdes sur une plage corse et imaginent-ils ce qu’il adviendrait demain d’une vague semblable à celle de la Sicile?

Ce refus s’est traduit d’abord, en Méditerranée. Sous couvert de soulager l’Italie qui avait lancé à grands frais l’opération de sauvetage «Mare nostrum» après une première catastrophe, les États membres lui ont substitué l’opération conjointe «Triton». Elle a divisé les coûts par trois et couvert une zone moindre, aux seules fins de surveillance de la frontière commune. Les 4 avions et 21 bateaux alloués par une vingtaine d’États, dont certains ne sont pas membres de l’Union, illustre bien le peu d’enthousiasme étatique à défendre la frontière commune avec Frontex, noté d’ailleurs par le Sénat …

L’opération n’illustre d’ailleurs pas les clichés habituels. Si la Roumanie (tenue à l’écart de Schengen) ou la Slovénie et la Lettonie répondent présentes, tel n’est pas le cas de la Hongrie, pourtant consommatrice de crédits de l’Union dans ce registre, ou de l’Irlande et du Royaume Uni. Certes, le refus de ces derniers de participer à l’espace Schengen est connu mais on sait tout autant qu’une partie importante de ces demandeurs de protection se retrouvera en fin de compte à Calais, dans l’espoir d’un passage … En attendant, c’est un navire islandais, le Tyr, qui est au rendez vous du canal de Sicile.

Passé les mots de l’émotion, le cynisme l’emporte donc largement. L’opposition à Mare Nostrum était ouvertement menée au moyen d’un argument glaçant de réalisme: sécuriser le passage en sauvant les naufragés serait un appel d’air au commerce des passeurs…

Les attitudes individuelles ne sont guère plus glorieuses. Les envolées françaises sur le droit d’asile, tradition de notre pays, et les déclarations martiales du chef de l’État appelant à régler des «questions devenues insupportables» ne dissimulent pas le double langage.

Celui par exemple des résistances de la diplomatie française lorsqu’il fallut, en 2014, réglementer le cadre de la surveillance des frontières maritimes extérieures conformément aux grands principes. Pas davantage que n’est infirmé le bien fondé des remarques de la Cour des comptes et du Sénat sur le projet en discussion relatif au droit d’asile qui prétend faire mieux en n’octroyant aucun moyen nouveau.

D’autant que le couplet habituel sur une France «terre d’asile» appelle modestie: quatrième État européen à enregistrer des demandes d’asile (62.000), nous sommes devancés par l’Allemagne (plus de 200.000), la Suède et l’Italie, en 2014. Et pour ce qui est de leur acceptation, nous ne dépassons pas 15.000 dossiers … trois fois moins que l‘Allemagne, autant que les Pays Bas qui sont bien moins sollicités, 20% qui se situent largement au-dessous de la moyenne européenne.

C’est bien là que le bât blesse: comment l’Union européenne peut-elle sérieusement prétendre à une solidarité quelconque quand l’essentiel de la pression pèse sur un dixième de ses membres, 3 États seulement? Que font les autres?

L’inconsistance de l’Union européenne

Elle n’est que le prolongement de la volonté de ses maîtres, les États. Mais il ne faut pas se tromper de cible. Ce n’est pas l’Union qui transforme la Méditerranée en «vaste cimetière» comme le prétend le Haut Commissaire des Nations Unies aux droits de l’Homme. Ce sont les assassins de Daesch, les soldats syriens et les passeurs de toutes nationalités qui redonnent une actualité contemporaine au trafic d’esclaves.

L’Union européenne, ici, compose avec l’impuissance individuelle de ses membres et leur aveuglement à ne pas s’engager plus avant dans la gestion commune d’un défi majeur, bien au delà du pauvre mémorandum en 10 points établis par le Conseil des ministres. Doubler l’appui financier accordé à Frontex établira-t-il un barème morbide de l’action européenne, évaluée au cadavre? Combien en faudra-t-il encore pour aller de l’avant?

Agir au plan extérieur, d’abord, est impératif. En soutien financier évidemment des pays limitrophes des foyers de violence, à l’appui des pays de transit notamment et y compris au moyen de programmes de réinstallation de réfugiés vers les États membres de l’Union européenne. Tout ou quasiment reste à faire. Le coût budgétaire de l’immigration mal régulée, pour chaque État membre, ne justifie-t-il pas cet effort? Quand assimilera-t-on le fait qu’empêcher le départ, au besoin avec des incitations financières, est toujours plus simple que d’obtenir un retour hypothétique?

Agir aussi contre le crime, ceux des passeurs qui trouvent un théâtre d’opération dans une Libye désertée par son État et que Daesch menace désormais d’investir en lançant sur la mer des milliers de réfugiés. Comme hier au large de la Somalie à propos de la piraterie que l’opération Atalanta avait mis à mal, l’Union doit accepter ici de se vivre comme une puissance, ce que nombre de ses membres refusent encore. Si d’aventure, la France n’était pas intervenue au Mali et ne soutenait pas les efforts des pays africains contre Boko Haram, quelle serait la situation migratoire aujourd’hui, au Sud de la Méditerranée?

En l’espèce, bien loin d’une intervention en bonne et due forme, trop risquée, ou même d’un blocus des cotes libyennes, c’est sans doute de l’usage de la force contre les trafiquants qu’il sera question désormais, comme hier à propos de la piraterie. On le devine dans le mémorandum des ministres.

Au plan interne, remédier aux carences de la solidarité entre les États membres et faire face aux besoins des demandeurs de protection est maintenant une nécessité à laquelle il est douteux que les États se résolvent, malgré son évidence. La preuve est faite que l’attitude de fermeture prévalant jusqu’ici n’empêche rien et l’accueil des demandeurs de protection est un devoir pour l’Union, on l’a dit. Répartie sur l’ensemble des Etats, rapportée aux 500 millions d’habitants de l’UE, cette charge de quelques dizaines de milliers de demandeurs n’est pas insupportable si elle est gérée équitablement et rigoureusement de manière à éviter le fameux «appel d’air».

Étudier, comme l’Italie l’envisage, la possibilité d’employer ici la «protection à titre temporaire» en cas «d’afflux massif de personnes déplacées» que l’on a créée à la suite des guerres de Yougoslavie et du Kosovo mérite l’attention. Déjà évoquée à propos de la crise syrienne, le jeu de cette législation aurait pour principal mérite de soulager la pression qui s’exerce sur les pays limitrophes en ouvrant la voie à un partage de la charge au sein de l’Union.

Derrière en effet, un programme de réinstallation d’urgence devrait être envisagé malgré le blocage évident qu’il suscite chez les États. Il imposerait à l’immense majorité d’entre eux de s’impliquer. Une répartition des bénéficiaires identifiés entre les États membres contraindrait l’Union à donner enfin une réalité au principe de la répartition des charges et au principe de solidarité inscrit dans les traités. Mais en connaît-elle seulement le sens?

La rédaction vous conseille :

  • «L’Europe ne peut pas faire grand chose devant le raz-de-marée de clandestins»
  • Immigration en Méditerranée: que peut-on vraiment faire?
  • L’Europe sommée d’agir face à la tragédie des migrants en Méditerranée
  • Immigration: en Libye, les passeurs profitent du chaos général
  • Michèle Tribalat: «Les politiques sont désemparés face à l’immigration»
  • Naufrage de 800 migrants: le scénario de la catastrophe se dessine

http://www.lefigaro.fr/vox/monde/2015/04/22/31002-20150422ARTFIG00179-l-union-europeenne-et-la-crise-de-l-immigration-en-mediterranee-le-bal-des-hypocrites.php

REAZIONE:QUESTO ARTICOLO E’ STATO PUBBLICATO IL GIORNO PRIMA DEL SUMMIT.QUELLO DEL TITOLO IL GIORNO DOPO?:SE L’EUROPA FOSSE L’AUSTRALIA,DA ORA IN POI GLI SFOLLATI NO, NON ANDRANNO PIU IN EUROPA MA IN CAMBOGGIA E PAPUASIA(ITALIA).QUESTO SI,NON GRATIS,RENZI HA INCASSATO.STIA AGLI IMPEGNI UMANITARI E NON ALL’IPOCRESIA PERO.

-E VORREI FINIRE QUESTA RACCOLTA SULL’ARGOMENTO CON UN APELLO:I MORTI CI SON,ED E’ STRAGE,E CI SONO RISPONSABILI:MI PIACEREBBE SAPERE QUALE E’ LA “CONECTION” FRA GGLI SCAFISTI-KADAFY E BERLUSCONI(MARONI-BOSSI),ED EVENTUALMENTE PORTARLI SU UN TRIBUNALE INTERNAZIONALE O EUROPEO.INSISTO,BASTA IPOCRESIA L’ITALIA NON PUO CHIUDERE GLI OCCHI E SOSTRARSI ALLE SUE RISPONSABILITA STORICHE VERSO GLI EX-COLONIE.E NE MENO L’UNIONE EUROPEA,TUTTO HA UN LIMITE,VA BENE DIFFENDERE LE FRONTIERE COMUNI MA NON A QUESTO PREZZO.MOSTRUOSO IL PASSAGIO DI MARE NOSTRUM A TRITON FINO AD OGGI:NON ALLA STRAGE,NON AL RAZZISMO. E L’UE NON COPRA L’UE NON COPRA BERLUSCONI(FRATTINI,MARONI,BOSSI,DRAGHI,ALFANO,ECC).NON E’ MAI STATO DALLA PARTE DELLA SOLUZIONE MA  DEL PROBLEMA.SPERIAMO BENE DELL’ONU.

24 APRILE 2014:IL TEMPO PASSA

-1 TITOLARE SU LA REPUBBLICA:Blitz contro al-Qaeda: 18 arresti  "Indizi su attentato in Vaticano"

Blitz contro al-Qaeda: 18 arresti

“Indizi su attentato in Vaticano”

Padre Lombardi: non preoccupati, risale al 2010

Base in Sardegna, contatti diretti con Osama

Andavano in Pakistan per attentati e tornavano video

Fermati autori della strage di Peshawar nel 2009

di ALBERTO CUSTODERO e PAOLO GALLORI

Articoli correlati

ARCHIVIO Oltre cento morti a Peshawar

REAZIONE:NOTIZIE MOLTO AMBIGUE,CONFUSE E SENZA CONFERMA SU UN PRESUNTO ATTACO AL VATICANO,POI SMENTITO PROPIO DALLA CHIESA,E SUL COLLEGAMENTO DI QUESTI TERRORISTI CON  IL TRAFICO DI ESSERI UMANI E LO SBARCO IN SISCILIA.ALFANO,ETERNO OSSEQUENTE DI BERLUSCONI E LEGA CHE INOLTRE NON HA PIENO CONTROLLO DELLA POLIZIA, NON E’ CREDIBILE.QUESTO PARE UN COMUNICATO STAMPA CHE INSEGUE FINI POLITICI PER INCIDERE NELLA SITUAZIONE ATTUALE DELLE TRATTATIVE CON L’UE SULL’IMMIGRAZIONE.

CON COERENZIA,QUANDO CI SIANO PROVE CONCRETE CI LO FACCIA SAPERE LA POLIZIA.NEL FRATEMPO LA PISTA CHE SI DEVE INDAGARE E’ QUELLA CHE HA RIVELATO LA POLIZIA SICILIANA E PORTA IL TRAFICO DI ESSERI UMANI E GLI SBARCHI DA KAFAFY A BERLUSCONI E LEGA.SAPIAMO GIA CHE QUESTA ORGANIZAZZIONE POLITICO-PARAMILITARE HA UNA IMPRONTA TERRORISTA.

INOLTRE NON CI SONO PROVE NE DI UN PRESUNTO ATTACO DELL’IS A BERLUSCONI,NE DI UN PRESUNTO ATTACO DELL’IS AL PAPA O AL VATICANO,NE DI UN COINVOLGIMENTO DIRETTO DEGLI SBARCHI NEL MEDITERRANEO CON IL TERRORISMO,E CREDO PIU TOSTO CHE SI TRATTI DI “EFETTI FUMOGENI” PROPAGANDISTICI.VEDI BBC NEWS:

In Italia investigatori dicono che c’e’ collegamento fra Vaticano e arresti ‘al-Qaeda’

24 aprile 2015

Dalla sezione Europe

 Una visione d'insieme mostra Papa Francesco rivolgendosi alla folla dalla finestra del Palazzo apostolico si affaccia sulla piazza di San Pietro
La polizia ha detto di non avere prove, ma sospetto “forte”.C’era stato un complotto per colpire il VaticanoEstremisti sospetti oggetto di indagine in Italia di piu legami con al-Qaeda che potrebbe essere stato progettati attacchi in Vaticano nel 2010, dicono i Pubblici Ministeri.Un anello di militanti è stato trovato per essere operativo in Sardegna, e c’erano stati possibili piani di indirizzarli alla Santa Sede, secondo gli investigatori.Il Vaticano ha minimizzato l’importanza delle rivendicazioni.

Alcuni dei sospetti si ritiene di aver organizzato nel 2009 bombardamenti al mercato a Peshawar in Pakistan.

I media locali hanno detto che due degli uomini avevano previsto una protezione per l’ex leader di al-Qaeda Osama Bin Laden.

Intercettazioni

La polizia ha emesso 20 mandati e fatti nove arresti in raid il Venerdì.

Il Procuratore Mauro Mura ha detto in una conferenza stampa a Cagliari, in Sardegna, che intercettazioni indicano che le sospetti terroristi stavano progettando un attentato in Vaticano nel marzo 2010.

C’erano stati “segnali di una certa preparazione per un possibile attacco”, tra cui l’arrivo di un attentatore suicida a Roma, l’Associated Press ha citato al sig Mura come dicendo  questo.

“Non abbiamo prove, abbiamo il forte sospetto”, ha detto il capo della polizia Mario Carta.

Ma il portavoce vaticano Federico Lombardi ha rilasciato una dichiarazione dicendo: “Da quello che sembra, si tratta di un ipotesi che risale al 2010, che non si è verificato.

“Non si ha quindi alcuna rilevanza oggi e nessun particolare motivo di preoccupazione.”

La polizia ha detto che in precedenza gli arrestati provenivano da Pakistan e Afghanistan e l’operazione era in corso.

I sospetti sono stati accusati di mettere in scena gli attacchi contro il governo in Pakistan.

Più di 100 persone sono state uccise quando un enorme un’autobomba strappato attraverso un affollato mercato a Peshawar, in Pakistan, nel mese di ottobre 2009.

L’anello militante italiano è stato anche detto di essere impegnati nel traffico di immigrati clandestini dal Pakistan e Afghanistan per l’Europa, fornendo loro documenti falsi.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha elogiato l’operazione, iniziata nel 2009, dicendo che non aveva solo smantellato una “rete di trafficanti di esseri umani”, ma anche arrestato diverse persone accusate di aver cospirato con i “terroristi”.

“Il nostro sistema funziona”, ha detto.

http://www.bbc.com/news/world-europe-32447603

-2 NOTA SU LE MONDE,Blog:

1 avril 2015
La quasi totalité du gouvernement Aznar version 2002 inquiétée par la justice

C’est ce qu’on appelle un tir groupé. Depuis l’arrestation jeudi 16 avril de Rodrigo Rato, ministre de l’économie espagnol dans le gouvernement Aznar (2002-2003), la presse n’a pas manqué de faire cet étonnant calcul : sur les 14 ministres que comptait alors ce gouvernement conservateur, 11 sont aujourd’hui en prison ou dans le viseur de la justice.

Passons sur le cas de M. Rato, qui après son passage au gouvernement a été président de la banque Bankia et patron du FMI, et est soupçonné de fraude fiscale et de blanchiment de capitaux dans au moins trois affaires. Expulsé du Parti populaire (PP), il est actuellement en prison. Jaume Matas, ancien ministre de l’environnement dans le même gouvernement, a lui été reconnu coupable de trafic d’influence et se trouve derrière les barreaux depuis 2014.

L’ancien chef du gouvernement M. Aznar est lui-même soupçonné par la justice espagnole d’avoir bénéficié d’une caisse noire du parti entre 1990 et 1996 pour un montant de 782 695 euros. Huit autres ministres d’alors sont soupçonnés d’avoir fait de même :

- Federico Trillo (défense)

- Miguel Arias Cañete (agriculture, actuel commissaire européen au climat et à l’énergie),

- Ángel Acebes (justice)

- Ana de Palacio (affaires étrangères, actuelle avocate de Silvio Berlusconi)

- Javier Arenas (administrations publiques)

- Francisco Álvarez Cascos (équipement, vice-président)

- Cristobal Montoro (finances, occupe actuellement le même poste)

- Pilar del Castillo (éducation, actuellement députée européenne)

Sans oublier l’actuel premier ministre espagnol, Mariano Rajoy, qui a occupé divers ministères et la vice-présidence sous M. Aznar, et qui est soupçonné, lui, d’avoir empoché 1,58 million d’euros entre 1990 et 2001. Le site Publico a ressorti une photo de l’époque et s’est amusé avec un crayon rouge.

publico

L’accumulation de scandales et d’affaires explique, sûrement en partie, les mauvais sondages pour le PP avant les élections législatives de l’automne, après des résultats médiocres aux élections régionales andalouses du 22 mars. Elle explique, sans aucun doute, l’émergence de nouvelles formations politiques comme le nouveau parti de centre-droit, Ciudadanos (citoyens) ou Podemos.

Lire notre reportage interactif : En Espagne, Podemos à la croisée des chemins

4581922_6_d8f3_manifestation-de-podemos_034a1b5ef7fd52d2481c6e685c7be529

http://bigbrowser.blog.lemonde.fr/2015/04/21/78-de-lex-gouvernement-de-jose-maria-aznar-dans-le-viseur-de-la-justice/

REAZIONE:PIU O MENO COME QUELLO DI BERLUSCONI-LEGA,NELL’ALLEANZA ALL’EPOCA.E NON MIGLIORE FORTUNA POLITICA HANNO AVUTO  BLAIR E BUSH.IL TEMPO PASSA E LAVORA PER LA NUOVA ERA,NE PIU NE MENO.UNA NUOVA GENERAZIONE

https://docs.google.com/document/pub?id=1M9_V5kfyBpYZXV-Lw9X_PrTm4a58ffNAC6ysQ9TSt7U

Immagine anteprima YouTube
-APPENDICE:PAKISTAN,IL LEADER E 8 CACCIA SCORTA
.
-TITOLARE SUL CORIERE DELLA SERA:

Pakistan, la scorta in volo dei caccia militari per il leader cinese Guarda il video

24 aprile 2015

REAZIONE:ANCHE LA HILLARY CI ANDAVA E FACEVA AFFARI SUL CONTO DELLA NUOVA ERA INSIEME.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 205 »

17 aprile 2015
0

*15 APRILE 2015:VULNERABILE ANCHE LUI

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA

IL PRESIDENTE DELLA BCE

Grida e coriandoli, l’ex Femen «attacca» Draghi | Il video
«No alla dittatura Bce» | foto
Tutti gli «attacchi» ai leader

FotosequenzaDraghi scherza «Ricomincio positivo»

REAZIONE:POTEVA ESSERE PEGGIO

-

*16 APRILE 2015:MA QUALE TESORETTO?

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Def, tecnici Senato: a rischio  il pareggio di bilancio per l'uso del "tesoretto"  e le mancate riforme

Def, tecnici Senato: a rischio il pareggio di bilancio per l’uso del “tesoretto” e le mancate riforme

Articoli correlati

politica
Renzi in visita a Pompei: “Cultura anima dell’Italia”
E rassicura operai Indesit
REAZIONE:RENZI IN CAMPAGNA ELETTORALE.VA DICENDO IN GIRO CHE ALLE REGIONALI FARA IL PIENONE MA……….FINO AL MOMENTO,PUR NON AVENDO VOTI PROPIE E COPRENDO QUELLA CARICA DA GOLPISTA CON QUELLI DA SINDACO DI FIRENZE, HA STRAFOTTUTO I POLITICI,I PROPI DELLA COSIDETTA “MINORANZA” PD E AVVERSARI,CON  I NUMERI DEGLI EUROPEE.E FA IL CONTO SU UN 40PER CENTO CHE RITIENI SICURO.PURTROPPO I RISULTATI DELLA LE PEN IN FRANCIA(GRANDE SUCCESSO ALLE EUROPEE OGGI ASOLUTAMENTE NIENTE IN MANO ALLE AMMINISTATIVE,NE MENO UNA REGIONE),E QUELLI DI DE LUCA CHE SEVERINO O NON SEVERINO(“NON ME NE FREGA UN CACCHIO DI QUELLA LI”) NELLE INTERNE PD IN CAMPANIA VINCENTE SUL CANDIDATO(ANCHE PD) CHE AVEVA STRAVINTO ALLE EUROPEE,E CERTAMENTE FUTURO GOVERNTORE,SI TROVA CON AQUA NELLE MANI PURE LUI.ORA COME CONTINUARE A RASSICURARE A PROPIE E ETRANEE SULLA SOGLIA DELL’ITALUCUM ?40 PER CENTO?’COL CAVOLO,HA GIAPERSO UNA ELEZIONE E QUESTI RISULTATI  RISCHIANO DI BUTTARLI PER TERRA IL CASTELLO DI SABBIA COSTRUITO FIN ORA CON DELLE PROMESSE QUARENTESCHE.
E ALLORA VA IN CAMPANIA,NON PUO CREDERCI,HA CERCATO DI FARE BULLISMO SU DE LUCA PERCHE NON SI CANDIDASSI E NON RIUSCENDICI VUOLE STARE LI PURE LUI.INUTILE RAGAZZOTTO,LA NUOVA ERA,CHE SI E’ DICHIARATO IN CAMPAGNA ELETTORALE VERSO IL REFERENDUM DELLE RIFORME,COME A LETTA HA GIA COMMINCIATO A DERODERLI LA SUA POPOLARITA,LA SUA FINE E’ VICINA E …SI LA STA FACENDO SOTTO.POVERO DIAVOLO.
Immagine anteprima YouTube
-
-APPENDICE SU GOOGLE NEWS:
La notizia è giovane
VNews24

Renzi Mattarella Italicum

Matteo Renzi non torna indietro sull’Italicum e il Partito Democratico si spacca. Secondo il premier, la legge elettorale va approvata così com’è. Tuttavia, all’assemblea del gruppo i dissidenti non hanno partecipato al voto e Roberto Speranza si è dimesso dalla carica di capogruppo alla Camera. La nuova legge elettorale si trova al passaggio decisivo: dopo l’approvazione al Senato, manca solo il “sì” definitivo della Camera. Renzi non vuole apportare nessuna modifica al testo, che altrimenti dovrebbe essere nuovamente discusso ed approvato al Senato, dove il Partito Democratico non gode più di una maggioranza solida dopo la rottura con Silvio Berlusconi. Per questo motivo, il Presidente del Consiglio cerca di ricucire lo strappo e offre alla minoranza del Partito Democratico la possibilità di apporre modifiche alla Riforma del Senato. Categorico, invece, per quanto riguarda l’Italicum: “Nessuna modifica: questo governo è legato a questa legge elettorale nel bene e nel male”. Poi Renzi sottolinea: “La legge funziona, impedisce il consociativismo sul modello della Grande coalizione”.

Se la minoranza del Partito Democratico votasse contro l’Italicum, il rischio è quello di non raggiungere la maggioranza necessaria per approvare la legge elettorale. Così, il premier Renzi sta pensando di porre la questione di fiducia sul voto dell’Italicum. In questo modo, infatti, il Presidente del Consiglio compatterebbe il proprio partito perchè, nel caso in cui l’Italicum non fosse approvato, verrebbe meno anche il rapporto di fiducia tra Governo e Parlamento e Renzi sarebbe costituzionalmente obbligato a rassegnare le dimissioni, andando a elezioni senza una nuova legge elettorale. Proprio questa ipotesi, porta sul piede di guerra le opposizioni: i capigruppo di Forza Italia, Sel e Lega Nord hanno scritto una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiedendogli di intervenire nei lavori della Camera: “Il voto di fiducia sarebbe un vero e proprio golpe istituzionale“. Ma cosa può fare concretamente il Presidente della Repubblica? Respingere al mittente gli appelli delle opposizioni oppure rivolgersi al Presidente del Consiglio. In questo caso, sono due le strade percorribili: cercare di convincere Matteo Renzi a non porre la questione di fiducia o rivolgere un messaggio al Parlamento, ricordando l’esigenza di un’ampia convergenza sulla legge elettorale.

L’ex capogruppo del Pd Roberto Speranza

L'ex capogruppo del Pd Roberto Speranza
REAZIONE:PROBLEMI SOLO CON LA MINORANZA?E,FRA L’ALTRO, COME RASSICURERA IL RESTO DEL PD CHE SI OTTERRA LA MAGGIORANZA VOTANDO CON L’ITALICUM? QUESTO GOVERNO NON SI SOSTIENE PIU.

DALTRONDE NON CREDO ALLA ROTTURA DEL PATTO:QUESTO COINVOLGE NON SOLO L’ITALICUM MA TUTTA L’AZIONE DI GOVERNO E SE COSI FOSSE ALLORA RENZI DOVREBBE ANDARE AL VOTO SUBITO COSA CHE EVIDENTEMENTE NON VUOLE
.
*18 APRILE 2015:RENZI QUINTA COLONNA DELL’ITALIA BENESTANTE DEI COMUNI

-SU GOOGLE NEWS:
Sblocca Italia:sindaci,contro le comunità non si potrà agire

Documento dell’assemblea di Napoli. ‘Enti locali delegittimati
15:55 – 18/04/2015

(ANSA) – NAPOLI, 18 APR – “Contro le comunità non si potrà agire”. Questo il messaggio lanciato dai sindaci riuniti a Napoli nell’assemblea convocata dal primo cttadino del capoluogo campano, Luigi de Magistris, contro lo Sblocca Italia. Al termine della discussione, è stato redatto un documento in cui i sindaci si impegnano a convocare Consigli comunali aperti alla cittadinanza per recepire contributi, creare un coordinamento per definire le proposte da sottoporre al Governo e indire una manifestazione a Roma.

Nel testo, i sindaci evidenziano che lo Sblocca Italia “delegittima gli enti locali, le rappresentanze democratiche e le comunità imponendo scelte non condivise che hanno effetti devastanti sul paesaggio e sulle aree protette”. Gli amministratori locali denunciano che “con la previsione di varianti urbanistiche automatiche e l’attribuzione ai privati di un ruolo che va a detrimento del controllo dell’interesse pubblico, si escludono le amministrazioni dalla gestione, dalla tutela e dalla valorizzazione dei propri territori”.

Con la redazione del testo, i sindaci intendono “riaffermare con forza la volontà di decidere del futuro delle loro comunità” e ribadiscono il no alle scelte poste alla base dello Sblocca Italia che – si legge nel documento – “accentra le decisioni nelle mani di ministeri, commissari e soggetti attuatori”.

Concordi nel no alla legge del Governo Renzi anche i comitati del Nord e del Sud.

Sindaci e cittadini chiedono all’esecutivo di puntare su “uno sviluppo diverso che ha nella difesa del paesaggio e del patrimonio culturale le occasioni di crescita economica, per un turismo sostenibile, per un’imprenditoria giovanile diffusa alla quale offrire un lavoro che nasca dalla messa in rete delle tante realtà locali”. Secondo sindaci e comitati, lo Sblocca Italia propone un modello di sviluppo “inaccettabile”, mentre lo sviluppo auspicato ha come fondamento “uno scenario che punti alla decarbonizzazione e che accompagni il Paese verso un’economia basata su fonti rinnovabili ed efficienza delle reti esistenti”.

Nel documento i sindaci affermano che “criminale non è chi lotta per i propri territori, ma chi attraverso leggi incostituzionali favorisce il dilagare di fenomeni corruttivi e le cricche del malaffare”.(ANSA)

http://www.regione.vda.it/notizieansa/details_i.asp?id=213421
REAZIONE:L’HO SCRITTO IN QUESTE PAGINE,IL VERO POTERE DELL’ITALIA RISIEDE NELLA STRUTTURA CAPILARE DEI COMUNI.ED E’ UN BENE CHE COSI SIA:SONO LORO CHI STANNO A CONTATTO COI CITTADINI E LA COMUNITA,COL POPOLO CHE CONTA,QUELLO CHE OGNI MATTINA VA A LAVORARE SENZA PROTESTARE.CONOSCONO I SUOI BISOGNI,LE SUE SODISFAZIONI,LE SUE GIOIE E LE SUE SOFFERENZE.I POLITICI DI PROFESSIONE LI VEDONO ALLA TV E ASSISTONO PASSIVI AI SUOI SPORCHI GIOCHI DA FINE IMPERO A ROMA.COSI ERA AL MENO FINO A QUANDO I POLITICI CENTRALI A ROMA HANNO DECISO METTERE FINE A QUESTO STATO DI COSE.CI HA PROVATO PRIMA CALDEROLI CON IL SUO ENGENDRO DEL MINISTERO DELLE SEMPLIFICAZIONI,DOPO MONTI CHE CON PRETESTI ECONOMICI HA VOLUTO FARE UN RIORDINAMENTO TERRITORIALE SOFFOCANDO FRA ALTRE DIVISIONI AMMINISTRATIVE I COMUNI.NON CI SONO RIUSCITI MA NON HANNO MOLLATO E ORA IL GOLPISMO DELLE LARGHE INTESE CON IL PATTO DEL NAZARENO DI SFONDO E RENZI,IL SINDACO QUINTA COLONNA DEI SINDACI E  COMUNI CHE STA FACENDO IL LAVORO SPORCO DEL CENTRO DESTRA(BERLUSCONI-LEGA),TORNA ALLA CARICA.E QUESTO CHE VEDETE SOPRA E’ IL RISULTATO.MI AUGURO CHE SIA LA VAL D’AOSTA A FARE QUESTA PUBBLICAZIONE:CONOSCO LA VAL D’AOSTA,CI SONO STATO UNA SETTIMANA MOLTI ANNI FA.E’ LA REGIONE BENESTANTE CON MIGLIORE QUALITA DI VITA DI TUTTA ITALIA,LIVELLI SVIZZERI DI CONVIVENZA.COSI ERA AL MENO PRIMA DELLA PIAGA DELL’ERA BERLUSCONI-PRODI CHE CONTINUA CON RENZI.ORA NON SO.
-

19 APRILE 2015:EUROPA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:

I burocrati di Bruxelles parlano tedesco: marginalizzati gli altri
EUROBAROMETRO
I burocrati di Bruxelles parlano tedesco: marginalizzati gli altri
-BBC:
Arcivescovo Welby in ‘visita di condoglianze’ per assassinati cristiani egiziani
*37 minutes ago
*Dalla sezione UK
Justin Welby

Arcivescovo di Canterbury Justin Welby si è recato in Egitto per una “visita di condoglianze” dopo gli omicidi di 21 cristiani copti egiziani in Libia.Il gruppo di lavoratori migranti sono stati rapiti e decapitati per Stato islamico (IS) militanti nel mese di febbraio.L’Arcivescovo incontrerà i leader religiosi e politici leader nella sua visita, tra cui la cristiana copta Papa e il Grand Imam.Egli ha chiesto maggiore sostegno per i cristiani che affrontano persecuzione.Egli è anche la speranza di incontrare il presidente egiziano Abdul-Fattah al-Sisi, dice a BBC affari religiosi il giornalista Alex Strangwayes-Booth.Mr Sisi ha pubblicamente sostenuto le comunità cristiane copte nel suo paese.Nel suo messaggio pasquale, l’arcivescovo ha sottolineato la persecuzione dei cristiani in Medio Oriente e Africa, tra cui le 148 vittime di un attacco all’università del Kenya all’inizio di questo mese.Ha detto che coloro che vivono in una società pacifica dovrebbero “stare come testimone” di ciò che stava accadendo ai cristiani altrove.BBC capo corrispondente internazionale Lyse Doucet ha detto l’Arcivescovo aveva avvertito che il trattamento dei cristiani è stato il peggiore dato dal 13 ° secolo.Aveva appoggiato l’azione militare contro i combattenti dello Stato Islamico in Iraq, ma anche messo in chiaro il loro appello ai giovani musulmani in molti luoghi, tra cui Gran Bretagna, doveva essere affrontato in altri modi, il nostro corrispondente ha aggiunto.Egitto ha dichiarato sette giorni di lutto nazionale dopo la decapitazione di 21 cristiani copti in Libia

Condividi questa storia

http://www.bbc.com/news/uk-32370699

-

20 APRILE 2015:LA FOSSA DEL MEDITERRANEO,CRIMINE CONTRO L’UMANIATA

-TITOLARE  LA STAMPA:

Strage di migranti, l’Ue pensa a più fondi per Triton
I superstiti: ci siamo aggrappati ai morti Foto/ Vid
grazia longo
Giovedì vertice europeo. Renzi: fermare gli scafisti. 900 vittime al largo della Libia
AFP
OPINIONI  Una politica comune in 3 mosse dassù  /  +  L’Italia pensa all’intervento Onu guido ruotolo
+  Così funziona la catena di montaggio dei trafficanti PACI  /  QUIRICO  Un popolo senza patria in fuga

PREMIUM  Intervista a Mogherini  /  timeline  I precedenti  /  grafico   /  medialab  Odissea in mare

-NOTA SUL CORRIERE DELLA SERA

IL BLITZ

Tratta immigrati, 24 in manette
Guadagni fino a 80mila euro a testa
Sgominata una rete che gestiva il traffico di esseri umani fra Italia, Eritrea, Sudan, Somalia e Libia: «Si occupavano di tutto, dalla partenza all’arrivo in Nord Europa»,di Felice Cavallaro
Foto di archivio di una barcone stipato di migranti (Ansa)
Foto di archivio di una barcone stipato di migranti (Ansa)
shadow

Una vera e propria «agenzia di viaggi» con trafficanti di braccia umane pronti a vantarsi di guadagnare «anche 80 mila euro a testa» per un barcone con duecento migranti stipati su carrette e gommoni spesso in avaria, col rischio di naufragi messi cinicamente nel conto. Come si capisce da agghiaccianti conversazioni intercettate dalla polizia che, su mandato della magistratura di Palermo, arresta all’alba 24 spregiudicati faccendieri al centro di una rete con basi a Milano, Roma, Bari, Catania e nei centri accoglienza di Mineo, vicino a Caltagirone, e di Siculiana, a due passi da Agrigento. Mediatori e «picciotti» di questa «associazione a delinquere transnazionale» si annidano infatti proprio ai margini dei centri attivati nel nome di una solidarietà di cui questa «agenzia» si fa beffa. Con relazioni e collegamenti diretti fra Italia, Eritrea, Sudan, Somalia e Libia.

Tariffe e guadagni

Nell’indagine avviata dopo lo sbarco del 3 ottobre 2013 davanti alle coste di Lampedusa, in cui persero la vita almeno 366 migranti. sono coinvolti anche due personaggi da tempo noti agli inquirenti: Ermias Ghermay, etiope, e Medhane Yehdego Redae, eritreo, ritenuti tra i più spregiudicati trafficanti di migranti impegnati sulla cosiddetta «rotta libica».
Sono i cardini dell’inchiesta «Glauco II», coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Maurizio Scalia, seguito di quella avviata nel giugno 2014. Allora era già emerso che una carretta del mare strapiena di migranti poteva fruttare all’organizzazione anche 1 milione di euro. Si è accertato infatti che ogni migrante paga infatti complessivamente fino a 3600 dollari per attraversare il Mediterraneo a questi «spedizionieri». Se ne parla durante una conferenza stampa convocata in Procura a Palermo, presenti magistrati e funzionari di polizia coordinati dal questore Guido Longo.

Inshallah per le vittime

Particolarmente inquietante la figura di Ghermay, l’etiope che di quella drammatica traversata del 2013 è ritenuto organizzatore e responsabile. Operativo fra Tripoli e Zuwarah, latitante dal luglio del 2014, quando nei suoi confronti fu emesso un provvedimento cautelare, esteso anche in campo internazionale, senza alcuno scrupolo e con glaciale determinazione di lui resta impressa una intercettazione eseguita subito dopo il naufragio dei 366 migranti. Solo un commento: «Inshallah! (Così sia per Allah!)».

Lo schiavista: «Lavoro bene, io li accontento»

Sono le parole e le risate di Mared Medhaine, uno degli schiavisti smascherati dagli uomini del capo della Mobile di Palermo Maurizio Calvino, a lasciare sgomenti: «Dicono di me che ne faccio salire sempre troppi sui barconi, ma sono loro che vogliono partire subito e io li accontento». Ha 34 anni e si fa chiamare «il generale»: «Sono forte, come Gheddafi». E si vanta del bilancio: «Ho lavorato bene quest’anno. Ne ho fatti partire 7 mila, forse 8 mila». Stessa stoffa di Ghermay che gli fa da spalla nel descrivere come comportarsi con i migranti: «Noi facciamo un lavoro sporco, non possiamo aiutare e ascoltare tutti. Vogliono partire e noi li facciamo partire».

Allarme per l’Europa

Sorprendente l’arroganza e la certezza dell’impunità ostentata da figuri pronti ad assicurare agli ospiti del Cara di Mineo o di un albergo-accoglienza di Siculiana i trasferimenti «soprattutto per Germania, Olanda, Svezia e Norvegia», come spiega uno dei sostituti procuratori di Palermo più impegnati nell’inchiesta, Geri Ferrara, appena rientrato in Sicilia da Bucarest per un’operazione legata al riciclaggio internazionale, deciso a insistere sulla proiezione del fenomeno nel Nord Europa: «Questi Paesi dovranno adesso capire che si conferma come gli arrivi dei migranti, dopo il primo spesso luttuoso impatto sulle nostre coste, riguarda più loro che noi».

Cinquanta trafficanti

Una rete che, oltre i 24 individui raggiunti dal provvedimento restrittivo, comprenderebbe altri 25 trafficanti in via di identificazione, tutti impegnati nel recupero del «cliente» che finisce per pagare tre volte questo esodo biblico. Prima, per raggiungere dal centro dell’Africa la Libia. Poi, per i trafficanti di Tripoli e dintorni, per il soggiorno in casermoni dove si attende la traversata. E, infine, arrivati in Sicilia, ecco venir fuori gli ultimi «agenti» che vendono il trasferimento a Milano o Roma per poi proseguire verso il Nord Europa. Con diverse tariffe. Crescenti, secondo la scelta del transfer: treno, pullman o auto, anche per passare il confine con la Germania.

Nove anni di carcere

Per la prima vola si contesta anche l’aspetto economico, come spiegano i magistrati del Procuratore Franco Lo Voi: «Abbiamo contestato l’associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina collegando ogni nome e ogni episodio al singolo sbarco…». E Geri Ferrara: «L’aspetto inedito è la ricostruzione dei flussi finanziari attraverso società di ‘transfer money’ che ci ha permesso di contestare la ‘raccolta abusiva del risparmio’, una forma di riciclaggio sanzionata dal testo unico bancario e dalla normativa antiriciclaggio, l’articolo 132 del decreto legislativo 386 del 1993 che prevede fino a 9 anni di carcere».

0 aprile 2015 | 06:31,© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://www.corriere.it/cronache/15_aprile_20/tratta-immigrati-24-arresti-guadagni-fino-80mila-euro-testa-c3913b2c-e6e4-11e4-aaf9-ce581604be76.shtml

REAZIONE:LA CAUSA DEGLI SBARCHI E’ POLITICA E LA SOLUZIONE DEVE ESSRERE POLITICA E DI FONDO

QUESTI SFOLLATI SONO TUTTI DI EX-COLONIE ITALIANI CHE,QUALSIASI SIA IL MOTIVO CHE LI SPINGE,PER AFFINITA SOCIO-CULTURALI E STORICHE CERCANO UN FUTURO MIGLIORE IN ITALIA,E L’ITALIA NON DEVE SOSTRARSENE ALLE SUE RISPONSABILITA.NON FINIRANNO GLI SBARCHI FIN CHE NON SI AGISCA SERIA E RISPONSABILMENTE ASSUMENDOSENE LE PROPIE RISPONSABILITA.

LA SOLUZIONE NON E’ TRITON,LA SOLUZIONE NON SONO PIU SOLDI,LA SOLUZIONE NON DEVE DARLA L’EUROPA LA RISPONSABILITA DELLE NOSTRE FRONTIERE E TUTTA NOSTRA.

BENE LA POLIZIA SICILIANA CHE FA IL SUO DOVERE MENTRE RENZI E IL PAPA IPOCRITAMENTE,COME NEL CASO DEI CRISTIANI COPTI SGOZZATI DALL’IS,CERCANO DI SFRUTTARE LA SITUAZIONE. CON UNA MANOVRA DIVERSIVA PER DISTRARRERE L’OPINIONE PUBBLICA DEI GUAI INTERNI E GRIDANDO ORA ALLA GUERRA AGLI SCAFFISTI IL PRIMO E SCOPRENDO L’ALTRO “LE NUOVE FORME DI SCHIAVITU”:E ORA SE NE ACCORGE?PENSI ALLA PROSTITUZIONE ARGENTINA PIU TOSTO.

ORA ACCERTARE SE QUESTA ORGANIZAZIONE DI SCAFFISTI CON BASE A MILANO E ROMA CHE SI RIFFA A KEDAFFY,ALLEATO CCON I SUOI CLANI TRIBALI AL CLAN BERLUSCONI-BOSSI,NON ABBIA LEGAMI CRIMINALI CON BERLUSCONI,MARONI(PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E MINISTRO DELL’INTERNO RISPETTIVAMENTE ALL’EPOCA)PER COSI RACATTARE L’EUROPA PER PIU SOLDI ED ALTRI VANTAGGI POLITICI.PIU O MENO COME CONTNUA A FARE ALFANO E QUESTO GOVERNO LARGHE INTESE.PORTARLI A TUTTE DUE ED EVENTUALMENTE GLI ALTRI(COMPRESO FRATTINI)SUL TRIBUNALE DELL’AIA PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA.

-APPENDICE:LA CASA BIANCA POCO DOPO

Casa Bianca: situazione preoccupante

Secondo la Casa Bianca “è chiaro che la situazione in Libia è sempre più insostenibile”, anche “con gravi riflessi umanitari”. A dirlo è il portavoce del governo americano, Josh Earnest, che parla di “preoccupazione” e ribadisce l’impegno che a livello Onu si sta portando avanti alla ricerca di una soluzione diplomatica.

Pm: “Non ci risultano coinvolgimenti della mafia”

“Non ci risulta che ci siano collegamenti con la mafia nel traffico di migranti, ma c’è l’ipotesi di reato sullo sfruttamento degli affari nella gestione dei centri accoglienza”. Lo ha detto il procuratore di Catania Giovanni Salvi, sottolineando che “non ci sono collegamenti tra l’inchiesta sul naufragi e quella della procura di Palermo che ha portato all’esecuzione di provvedimenti restrittivi al Cara di Mineo”.

LEGGI DIRETTAMENTE CUI:

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/sicilia/strage-dei-migranti-le-salme-a-malta-un-milione-sta-per-partire-dalla-libia-_2106899-201502a.shtml?refresh_cens

-APPENDICE:

-SU LE MONDE,Europe:

Le Monde.fr | 20.04.2015 à 18h19 , Mis à jour le 20.04.2015 à 20h23 | Par Jean-Pierre Stroobants (Luxembourg, envoyé spécial)

La chef de la diplomatie européenne, Federica Mogherini, s'entretient avec les ministres des affaires étrangères et de l’intérieur de l'UE, lundi 20 avril, à Luxembourg.

Un sommet extraordinaire des chefs d’Etat et de gouvernement aura lieu jeudi 23 avril, à Bruxelles, pour étudier une réponse aux drames à répétition qui se sont déroulés ces derniers jours en Méditerranée. Au moment de cette annonce, les ministres des affaires étrangères et de l’intérieur s’étaient réunis en urgence au Luxembourg pour débattre de ces tragédies et des éventuels moyens de les empêcher.

Face à une situation qui empire, avec 35 000 personnes qui ont traversé la Méditerranée depuis le début de l’année et au moins 1 600 victimes – selon le Haut-Commissariat aux réfugiés de l’ONU –, les responsables européens devraient mettre fin à dix ans de tergiversations. C’est un « devoir moral », a déclaré, lundi matin, la chef de la diplomatie européenne, Federica Mogherini. Elle évoquait la nécessité d’une plus grande présence des Européens en mer ainsi qu’un partage des responsabilités pour l’accueil des migrants et des réfugiés.

Lire aussi : En 2015, un migrant meurt toutes les deux heures en moyenne en Méditerranée

« Les événements nous ont dépassés »

Outre les éventuelles « actions ciblées » contre les trafiquants évoquées par les dirigeants italiens, les Vingt-Huit ont débattu lundi de diverses options. Elles devraient se retrouver, à des degrés divers, dans les conclusions du sommet de Bruxelles, qui ne pourra pas se conclure seulement sur l’affirmation d’un nouvel ensemble de bonnes intentions. Un plan en 10 points anticipe également la « stratégie » que devait présenter, à la mi-mai, la Commission de Bruxelles. « Les événements nous ont dépassés », a avoué le commissaire à l’immigration, Dimitris Avramopoulos.

Le renforcement de l’opération « Triton » de surveillance des frontières est à l’ordre du jour, avec un doublement des moyens alloués à l’agence Frontex et une possible extension de sa zone d’intervention.

Lire aussi : Qu’est-ce que l’opération « Triton » ?

La capture et la destruction des bateaux des trafiquants sont également évoquées, ainsi qu’un projet pilote avec la répartition, entre les Vingt-Huit agissant sur une base volontaire, de 5 000 réfugiés. Les responsables s’engageraient également à « renforcer les mécanismes de demandes d’asile » et à accélérer les renvois des personnes dont les demandes d’asile sont rejetées. Le renforcement de la coopération avec une série de pays, dont la Libye et le Niger, est également mentionné.

Une bonne partie de ces idées, avancées antérieurement par la Commission de Bruxelles, avaient reçu jusqu’ici un accueil glacial de la part d’une majorité de pays membres.

 Jean-Pierre Stroobants (Luxembourg, envoyé spécial) Journaliste au Monde

Suivre Aller sur la page de ce journaliste

Immigration
*Des survivants du naufrage en Méditerranée sont arrivés en Sicile, deux arrestations
*En 2015, un migrant meurt toutes les deux heures en moyenne en Méditerranée
*Il manque « un réel programme de sauvetage européen » Vidéo Édition abonnés Contenu exclusif
*La Libye, un ancien eldorado transformé en chaos
*Fermer les frontières « n’arrête pas un migrant prêt à risquer sa vie »
*Mer de civilisation ou cimetière marin ?
.

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/04/20/face-aux-naufrages-en-mediterranee-les-vingt-huit-convoquent-un-sommet-extraordinaire_4619467_3214.html

-
REAZIONE:GOVERNO DI UNITA NAZIONALE IN LIBIA?BLOCCO NAVALE?SCIOCHEZZE(1),NEUTRALIZZARE TRIPOLI,LA SALO LIBIO-ITALIANA IN ESSILIO.
Immagine anteprima YouTube
.
(1)SALVINI,AUTORE DELLA PROPOSTA DEL BLOCCO,INSIEME A BERLUSCONI,MARONI ,BOSSI,ABITANTI TUTTI DELLA REGIONE DELLE FRONTIERE SECCHE DELLA LOMBARDIA,E ANCHE RENZI E COMPAGNIA BELLA, IL SOLO POSTO DOVE POTREBBERO NAVIGARE,OLTRE AL GIRO D’ITALIA IN  CROCIERA DELLA CAMPAGNA DI BERLUSCONI,E’ NELLA VASCA DA BAGNO,EPPURE AFFONDEREBBERO.
PROVE AL CANTO:HANNO AVUTO OCCASIONE DI FARLO AI TEMPI DI BERLUSCONI PREMIER E MARONI ALL’INTERNI E LA SOLA COSA CHE SONO RIUSCITO A FARE E’ STATO DARE IL COMMANDO DELLE NOSTRE MOTOVEDETTE NEL MEDITERRANEO A KADAFY OLTRAGGIANDO LA NOSTRA SOVRANITA(LORO SI CHE SONO LUPI DI MARE MICA I SICILIANI)OLTRE A DARLI SOLDI PER UN COLONIALISMO STORICO FASSULLO IN QUANTO LIBIA ERA NAZIONE ALLINEATA A MUSSOLINI, E FARE GIOCO DI SQUADRA CON LUI PER RICATTARE EUROPA DANDO DOCUMENTI AGLI SBARCATI CON LA CONDIZIONE DI RISPEDIRLI IN FRANCIA E GERMANIA(NON IN AUSTRIA) E COSI FARE SALTARE LO SPAZIO SHENGHEN.E MENTRE KADAFY GRIDAVA AL RICATTO EUROPEO FRATTINI GIURAVA E STRAGIURAVA CHE MAI E POI MAI L’ITALIA SAREBBE ENTRATA IN GUERRA CON LA LIBIA.DA QUALE PARTE STANNO BUFFONI,DEFFICENTI?VADANO A FARE IL BLOCCO NEL LAGHETTO.
SONO CON EGITTO E LA FRANCIA,AFFONDARE TRIPOLI GIA.L’ONU E IL SUO MEDIATORE E’ STATO RESPINTO DAL GOVERNO LEGITTIMO E INTERNAZIONALMENTE RICONOSCIUTO DI MISURATA.RENZI E LA MOGHERINI NON INSISTANO CON L’UNITA NAZIONALE.
Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:CARA,INUMANA E INTRASCENDENTE

-SU LE MONDE,(QUELLI CHE SE NE INTENDONO):

Les décodeurs
L’Australie évite les naufrages de migrants, mais à quel prix ?
Le Monde.fr|21.04.2015 à 17h14,Mis à jour le 21.04.2015 à 18h14|

Un bateau transportant des demandeurs d'asiles sur la côte nord de l'Australie.

L’Europe fait face à une série noire de naufrages d’embarcations de migrants en Méditerranée. De son côté, l’Australie est citée en exemple par certains : Canberra se vante qu’aucun migrant n’a péri en mer en 2014 et en 2015, attribuant ce changement au tour de vis migratoire adopté par le gouvernement conservateur de Tony Abbott.
Voir l'image sur Twitter

Euryanthe)) ن @Rede_Freiheit Suivre

#Méditerranée / #Australie :

Quelle solution est la plus humaine ? #Immigration cc @nicolasbayfn

0:11 – 15 Avr 2015

Peut-on pour autant s’inspirer de l’exemple australien ?

« Zéro mort » en mer depuis 15 mois

« Pas question, vous ne serez pas chez vous en Australie ». Le message imprimé en gros caractères rouges sur les affiches publiées par le gouvernement australien est destiné à décourager les candidats à l’immigration. Réfugié politique ou non, absolument aucun ne sera admis sur le territoire sans un visa.

Affiche du gouvernement australien destinée à décourager l'immigration illégale.

C’est le premier ministre, Tony Abbott, qui a mis en place cette opération appelée « Frontières souveraines » à son arrivée au pouvoir en septembre 2013. Plus aucun boat people, bateau portant à son bord des migrants – la plupart originaire du Sri Lanka, d’Iran, d’Irak, d’Afghanistan ou du Vietnam –, n’est désormais accepté dans les eaux territoriales. Une politique très stricte assurée par l’aide musclée de l’armée, que l’Australie revendique elle-même comme « la plus dure jamais mise en place en matière de protection des frontières ».

A méthode radicale, résultat radical : zéro arrivée maritime illégale enregistrée sur le sol australien ces derniers mois, selon les chiffres publiés par le gouvernement en janvier, février et mars 2015.

Après 18 mois d’application de cette politique, le ministre de l’immigration, Peter Dutton, compare son bilan avec celui des 18 derniers mois du gouvernement travailliste précédent : « Seul un boat people est arrivé en Australie, tous les autres ont échoué » alors que « 534 entrées illégales de bateaux avec à leur bord 35 000 arrivants » avaient été enregistrées précédemment.

Et, surtout, le ministre souligne qu’aucun mort en mer n’est à déplorer depuis 15 mois. A titre de comparaison, en juin 2013, le département de l’immigration australien du précédent gouvernement estimait qu’environ 1 000 personnes avaient trouvé la mort dans les eaux australiennes depuis 2001, soit environ deux morts par mois.

Mais ce qui se passe précisément dans ces eaux est difficilement vérifiable : Tony Abbott compare son combat contre les arrivées illégales à une situation de guerre et les informations concernant l’opération sont classées « secret défense ».

Zéro mort mais pas zéro migrant

Si aucun bateau n’a débarqué, cela ne veut pas dire qu’aucun ne l’a tenté. Toujours selon les statistiques publiées par le gouvernement, 908 bateaux ont été reconduits hors des frontières ces quinze derniers mois. Ces décomptes ne précisent pas combien de personnes étaient à leur bord à chaque fois.

Les migrants arrêtés en mer ont le choix entre retourner dans leur pays d’origine ou être transférés en centre de détention offshore, c’est-à-dire hors du territoire dans des pays partenaires. Là, ils sont retenus indéfiniment le temps que leur dossier de demande d’asile soit étudié. Mais même en cas d’autorisation, ils ne fouleront pas le sol australien. Ils seront au mieux autorisés à s’installer dans ce pays « partenaire ».

L’Australie a passé des accords avec différents territoires.

*L”île de Manus, en Papouasie-Nouvelle-Guinée, abrite un centre qui accueillait près de 1 000 migrants en mars 2015. Créé en 2001 sous un autre gouvernement conservateur, il a été rouvert en 2012 après avoir été fermé par les travaillistes en 2007.  Le premier ministre de Papouasie-Nouvelle-Guinée a expliqué avoir accepté cet arrangement moyennant l’octroi par l’Australie de centaines de millions de dollars destinés à des projets d’infrastructure.

*La petite île de Nauru a également accepté d’accueillir les migrants clandestins australiens en août 2013 en échange d’une contrepartie financière. Elle abrite depuis 2001 un centre de détention, qui a lui aussi rouvert en 2012, où on comptait 718 migrants en mars 2015.

*Après des mois de négociation, le Cambodge a accepté en 2014 que les réfugiés de l’île de Nauru puissent s’installer sur son territoire en échange d’une somme totale de 40 millions de dollars (30 millions d’euros). Les réfugiés volontaires pourraient notamment y profiter d’une allocation pendant douze mois. Cette décision a fait réagir les organisations humanitaires, qui estiment que le Cambodge, un des pays les plus pauvres d’Asie du Sud-Est, n’a pas les capacités nécessaires pour accueillir ce millier de réfugiés.

Le nombre de personnes recensées en centre de détention à Manus et Nauru permet de se faire une idée des vagues de migrants arrivant en Australie : ils étaient 1 627 au total en septembre 2013, 1 707 en mars 2015 avec un pic à 2 453 en mars 2014.

Des droits de l’homme bafoués

L’Australie est signataire de la convention des Nations unies sur le statut de réfugié de 1951. Pourtant, en refoulant les migrants à sa frontière, elle manque à ses obligations et décharge sa responsabilité sur d’autres, estime Amnesty International.

Fin 2013, Amnesty dénonce également les conditions « inhumaines » dans lesquelles sont détenus les migrants. Placés en détention illimitée « sans évaluation au cas par cas », seuls « 55 demandeurs d’asile sur plus d’un millier ont pu entamer des démarches pour demander le statut de réfugiés ». Les conditions de vie y sont « effroyables et humiliantes » : surpopulation, violences verbales et physiques, abus sexuels, services de santé et de communication insuffisants.

La protection des enfants n’est pas non plus assurée. Une fillette de 6 ans est devenue en septembre 2014 le visage de cet enfer des camps. « Ce système (…) vise délibérément à pousser les gens à repartir vers la situation désespérée qu’ils ont fuie », dénonce Claire Mallinson, directrice nationale d’Amnesty International Australie.

Dans un rapport qui doit être soumis au Conseil des droits de l’homme de l’ONU, le rapporteur spécial sur la torture des Nations unies a effectivement estimé que l’Australie violait la Convention contre la torture.

Face à ces attaques, Canberra réagit violemment et met en avant sa volonté de mettre fin au trafic des passeurs. L’opposition travailliste en revanche se fait plus silencieuse : alors qu’elle était encore au pouvoir en 2012, elle s’était elle-même résignée à rouvrir ces camps de détention utilisés entre 2001 et 2007 par le précédent gouvernement conservateur.

Des millions dépensés

L’absence d’information publique sur les ressources exactes déployées pour l’opération « Frontières souveraines » rend difficile l’estimation exacte de son coût financier, mais il s’agit dans tous les cas d’une entreprise coûteuse.

Un think tank australien estimait en juillet 2013, donc avant même que les opérations de protection des frontières s’intensifient, que la part du budget de la défense qui leur était attribuée s’élevait à 262 millions de dollars par an. Le budget des douanes, public lui, permet aussi de se faire une idée : 342 millions ont été alloués à la surveillance des frontières pour 2013-2014.

La campagne de communication assurée par le gouvernement pour décourager les migrants a explosé son budget : en octobre 2014, elle avait déjà coûté 20 millions de dollars en un an, soit le budget initialement prévu pour quatre ans.

Il faut ajouter à cela les accords avec les pays sous-traitants. En plus de l’accord à 40 millions de dollars signé avec le Cambodge, l’Australie s’est engagée en juillet 2013 à prendre en charge les coûts liés à la mise aux normes des centres de Papouasie et au déplacement des migrants.

 Une politique inapplicable à l’Union européenne

Coûteuse, vraisemblablement contraire aux droits de l’homme et finalement impuissante à apporter une réponse sur le long terme au flux de migrants qui se lancent au péril de leur vie dans la traversée des mers, la fermeture totale des frontières aux immigrations illégales est définitivement inapplicable à l’Union européenne.

En outre, aucun pays voisin à l’UE n’est prêt à accepter un accord impliquant de garder sur son territoire des migrants contre une aide financière, à l’image de la Papouasie ou du Cambodge.

Leila Marchand

Journaliste au Monde

CHI SONO LES DECODEURS( “QUELLI CHE SE NE INTENDONO”)?

Les décodeurs, mode d’emploi

Les décodeurs du Monde.fr vérifient déclarations, assertions et rumeurs en tous genres ; ils mettent l’information en forme et la remettent dans son contexte; ils répondent à vos questions.

http://www.lemonde.fr/les-decodeurs/article/2015/04/21/l-australie-evite-les-naufrages-de-migrants-a-coup-de-millions-et-de-camps-offshore_4620026_4355770.html

REAZIONE:

POLITICA CONTRARIA AI DIRITTI DELL’UOMO SI,MA COSA DIRE DELLA STRAGE MEDITERRANEA?

ORA UN PO’ DI UMORE:”IMMIGRATI,SARETI A CASA VOSTRA MEGLIO CHE IN AUSTRALIA”

VEDIAMO:CHE VE NE PARE  UN ACCORDO CON LA FRANCIA E LA GERMANIA PER L’ACCOGLIENZA CONTRO UN AIUTO FINANZIARIO ANZI CHE PASARE IL CAPELLO ALL’EUROPA?NO?BHE,EVIDENTEMENTE L’ITALIA NON E’ L’AUSTRALIA.

MA NIENTE RIDERE:PUO DARSI CHE NON SIAMO L’AUSTRALIA MA I NOSTRI FURBETTI DI QUARTIERI SI DANNO DA FARE PIU DI QUELLA:LA FRANCIA E LA GERMANIA NON SONO LA PAPUASIA E LA CAMBOGIA CERTAMENTE MA PER NOI SONO MOLTO MENO COSTOSI:NOI I BARCONI CON  EMIGRATI GLIELI RIESPEDIAMO GRATIS.ANCHE PIU AL NORD. E ANCHE IN GRAN BRETAGNA ARRIVANO(CAMERON NON NE VUOLE PIU SAPERE):QUELLO DEL TITOLO.VIENE DA GRIDARE “GOD SAVE THE QUEEN” VERO?

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 204 »

15 aprile 2015
0

15 APRILE 2015:L’UNIONE EUROPEA ATTACA LA NUOVA ERA

Économie

Bruxelles accuse Google d’abus de position dominante

LE MONDE ECONOMIE | 15.04.2015 à 07h54 ,Mis à jour le 15.04.2015 à 16h26 | Par Cécile Ducourtieux (Bruxelles, bureau européen)

Aux Etats-Unis, la Federal and Trade Commission a blanchi Google d’abus de position dominante, en 2013.

Aux  Etats-Units la Federal and Trade commision a blanchi Google d’abus de position dominante en 2013.AP/MARCIO JOSE SANCHEZ

Pour Google, c’est un coup dur. Après près de cinq ans d’enquête sur un éventuel abus de position dominante, la Commission européenne a finalement décidé, mercredi 15 avril, d’envoyer au groupe Internet américain ce que l’on appelle dans le jargon bruxellois une « communication de griefs », c’est-à-dire un acte d’accusation en bonne et due forme. Est tout particulièrement visé le service « Google shopping » et le fait que Google privilégie systématiquement ce service par rapport aux autres services/comparateurs de prix en ligne

« Je crains que l’entreprise n’ait injustement avantagé son propre service de comparaison de prix, en violation des règles de l’Union européenne en matière d’ententes et d’abus de position dominante », a déclaré, mercredi à mi-journée, la commissaire européenne en charge de la concurrence, la Danoise Margrete Vestager.

La Commission craint que les utilisateurs de Google « ne voient pas nécessairement les résultats les plus pertinents en réponse à leurs requêtes ».

La direction de Google a déclaré qu’elle a « hâte de discuter avec la Commission européenne ».

Si cette décision ne préjuge pas d’une sanction ultérieure contre Google, c’est la première fois dans son histoire que le groupe américain est reconnu coupable d’avoir enfreint la loi antitrust. De quoi écorner un peu l’image de ce géant, fondé en 1998, dont la domination, sur la recherche en ligne, le mobile, le traitement des données personnelles de manière générale inquiète de plus en plus, surtout en Europe.

Aux Etats-Unis, la Federal Trade Commission (FTC), responsable des questions de concurrence et de protection du consommateur, avait finalement blanchi Google d’abus de position dominante, en 2013.

Lire aussi : Le Sénat américain va enquêter sur Google

Par ailleurs, Bruxelles a aussi annoncé, mercredi, avoir décidé de lancer une enquête formelle sur d’éventuelles infractions à la loi antitrust concernant Android, le système d’exploitation du groupe américain. Une enquête informelle était en cours depuis des dépôts de plainte, en 2013.

Deux mois pour se défendre

La trentaine de plaignants (dont Microsoft) qui accusent la multinationale de mettre davantage en avant ses services que les leurs dans les résultats de recherche des internautes sur son moteur et réclamaient depuis longtemps la « manière forte » contre Google se réjouit, logiquement, de cette décision.

« Cette notification des griefs représente un pas significatif pour faire stopper les pratiques anticoncurrentielles de Google, qui ont nui à l’innovation et au choix des consommateurs », avaient d’ailleurs réagi, par avance, mardi 14 avril, une des associations de plaignants, FairSearch Europe, dans l’attente de la confirmation de la décision de Bruxelles.

A dater de l’envoi de cette notification, Google dispose de deux mois (pouvant être prolongés d’un mois) pour préparer sa défense. Puis pourrait suivre une audition organisée par la Commission. Cette dernière ne rendra sa décision qu’à l’issue de ces étapes, c’est-à-dire au plus tôt fin 2015.

Un accord négocié n’est pas à exclure

Le géant de l’Internet risque une amende pouvant aller jusqu’à 10 % de son chiffre d’affaires mondial (soit plus de 6 milliards d’euros). Mais ce ne serait pas le pire pour un groupe aussi riche (66 milliards de dollars de chiffre d’affaires en 2014, soit 62 milliards d’euros, pour 14 milliards de dollars de profits).

La Commission pourrait surtout lui imposer des actions « correctives » de nature à transformer son modèle économique. « Peut-être une séparation radicale, dans le résultat des recherches, entre les liens sponsorisés et les autres résultats de recherche », suggère un bon connaisseur bruxellois du dossier.

Bruxelles ira-t-elle jusqu’à recommander un démantèlement du géant américain, comme l’ont demandé les eurodéputés, qui ont voté, symboliquement, en novembre 2014, en faveur d’une scission entre le moteur de recherche et les autres services commerciaux du groupe ? C’est très peu probable, estime une source proche du dossier.

Mais il n’est pas non plus exclu que, malgré l’envoi de la notification de griefs, Google et la Commission parviennent quand même à un accord négocié, dans les mois qui viennent, sans sanction ni imposition d’actions correctives, Google s’engageant à prendre des mesures de son propre chef. Le groupe américain étant très soucieux de préserver sa réputation en Europe, cette voie est tout à fait possible.

Lire aussi : Un nouveau front s’ouvre contre Google en France

David Wood, l’avocat d’Icomp, un syndicat de sociétés Web regroupant des plaignants contre Google (dont la britannique Foundem et Microsoft), reconnaît que cette option est plausible. Mais, estime-t-il, « le fait d’envoyer une notification de griefs à Google donne quand même à la Commission une bien meilleure position de négociation pour parvenir à un accord sur des mesures correctives ».

Rupture dans l’approche européenne

La décision prise par Mme Vestager et les services de la puissante « direction générale à la concurrence » de la Commission européenne marque une rupture complète avec la politique suivie ces quatre dernières années par Bruxelles vis-à-vis de Google.

Depuis l’ouverture formelle de l’enquête, en novembre 2010, à la suite de trois plaintes initiales de petites sociétés (l’allemande Ciao, la britannique Foundem et la française Ejustice.fr), Joaquin Almunia, le prédécesseur de Mme Vestager, n’a jamais voulu en arriver à un acte d’accusation et a cherché, par trois fois, la voie de la conciliation.

Mais il a fini par renoncer à cette stratégie, sous la pression des plaignants, de quelques politiques (notamment le ministre de l’économie allemand Sigmar Gabriel et son homologue français Arnaud Montebourg, montés en première ligne mi-2014) et d’autres commissaires au sein de la précédente Commission Manuel Barroso (dont l’allemand Gunther Oettinger, actuel commissaire chargé du numérique, très remonté alors contre Google).

Tous estimaient que les améliorations proposées par le géant de l’Internet à la Commission ne corrigeraient qu’à la marge, voire, au contraire, aggraveraient la situation dominante de son moteur sur le Web. Aujourd’hui, en Europe, plus de 80 % des recherches en ligne sont toujours effectuées en utilisant Google.

Lire aussi : Opération séduction de Google France

La décision de Bruxelles concernant Google est sans précédent, depuis les jugements européens concernant Microsoft, au début des années 2000, qui a dû au total verser plus de 2 milliards d’euros d’amendes. Cela va donner de l’eau au moulin de ceux qui disent que l’Europe « en veut » à Google et plus généralement au high-tech américain.

L’acte d’accusation de la Commission s’ajoute en effet à une série, ces dernières années, de réactions des Européens contre de nouveaux « modèles économiques » : interdiction d’Uber dans certains pays, instauration de taxes « anti-Google » en Allemagne et en Espagne, enquêtes européennes sur des aides d’Etat illégales qui auraient bénéficié à Apple (en Irlande) ou à Facebook (au Luxembourg)…

 Cécile Ducourtieux (Bruxelles, bureau européen) Correspondante à Bruxelles

http://www.lemonde.fr/economie/article/2015/04/15/bruxelles-accuse-google-d-abus-de-position-dominante_4615967_3234.html

REAZIONE:COSI COME AI TEMPI DI MONTI COMMISARIO ANTITRUST DELL’UNIONE EUROPEA LA NUOVA ERA NON HA APOGGIATO LE SANZIONI A MICROSOFT PERCHE ERA UN ATTACO ALLA NUOVA ERA PER SCOPI POLITICI,OGGI NON APOGGIA QUESTA AZIONE DELL’UNIONE EUROPEA.ECCEDE LA PUNIZIONE DEL MOTORE DI RICERCA E IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PRETENDENDO ANCHE PUNIRE GLI ASPETTI CONCETTUALI SCIENTIFICO-TECNICI E LA SUA VISIONE DEL MONDO PER LA QUALE  GOOGLE E’ AVANGUARDIA ,QUANDO SI RIFERISCE A ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE ANCHE “DEL MOBILE:”domination, sur la recherche en ligne, le mobile, le traitement des données personnelles de manière générale”
NO,SUL MOBILE GOOGLE E’ AVANGUARDIA E NON ABUSATORE DI UN BEL NIENTE.
OVVIAMENTE NELL’UE IL NEOLIBERALISMO NON POTEVA NON FARE SENTIRE LA SUA VOCE.
PER QUANTO RIGUARDA ALLE RICERCHE,LA PUBBLICITA E IL TRATAMENTO DEI DATI PERSONALI NON RIGUARDANO DIRETTAMENTE ALLA NUOVA ERA NEI SUOI ASPETTI CONCETTUALI MA ALLA PARTE AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA E HO GIA FATTO SAPERE LA MIA OPINIONE RIFIUTANDO LA RISOLUZIONE DELLA FTC USA NEL 2013 COSA CHE IL SENATO AMERICANO STA RIVEDENDO ATTUALMENTE ALLO STESSO MODO CHE IL PARLAMENTO FRANCESE.
ANCHE SULLE TASSE MI SONO ESPRESSO A LUNGO CONSIDERANDO IL SISTEMA IDEATO DAL SIGNOR SMITH CENTRALIZATO NELL’IRLANDA E BRUXELLES UNA DEVIAZIONE DEI PROFITI DELLA NUOVA ERA VERSO IL NEOLIBERALISMO.
CONDANNO ANCHE CON VEEMENZA E NON CONDIVIDO QUESTO APOGGIO DI MICROSOFT ALL’ATTACO DELL’UNIONE EUROPEA VERSO ANDROID:OLTRE A DIFENDERE IL SUO MOTORE  DI RICERCA BING,FINIREBBE PER FAVORIRE GLI USURPATORI DEL GOVERNO GOLPISTA ITALIANO DI RENZI E I SUOI TELEMACI CHE STANNO PORTANDO AVANTI CON L’AUSPIZIO DI MICROSOFT LE INIZIATIVE DEL “DIGITALVENEZIA” E ALTRE DEL GENERE.
.
-E COSI SU LA REPUBBLICA,TITOLARE:
L'antitrust Ue accusa Google   video   "Abuso di posizione dominante"
L’antitrust Ue accusa Google video “Abuso di posizione dominante”
E nel mirino c’è anche Android / Come funziona
L’azienda: siamo fortemente in disaccordo
Reptv Bonanni: “Intesa ancora possibile”
Dalla privacy alle tasse: tutti i fronti aperti in EuropaRischia multe per 6 miliardi di dollari di E. AVESANI e S. COSIMI

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente Successivo »
Torna in alto