SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 204 »

15 APRILE 2015:L’UNIONE EUROPEA ATTACA LA NUOVA ERA

Économie

Bruxelles accuse Google d’abus de position dominante

LE MONDE ECONOMIE | 15.04.2015 à 07h54 ,Mis à jour le 15.04.2015 à 16h26 | Par Cécile Ducourtieux (Bruxelles, bureau européen)

Aux Etats-Unis, la Federal and Trade Commission a blanchi Google d’abus de position dominante, en 2013.

Aux  Etats-Units la Federal and Trade commision a blanchi Google d’abus de position dominante en 2013.AP/MARCIO JOSE SANCHEZ

Pour Google, c’est un coup dur. Après près de cinq ans d’enquête sur un éventuel abus de position dominante, la Commission européenne a finalement décidé, mercredi 15 avril, d’envoyer au groupe Internet américain ce que l’on appelle dans le jargon bruxellois une « communication de griefs », c’est-à-dire un acte d’accusation en bonne et due forme. Est tout particulièrement visé le service « Google shopping » et le fait que Google privilégie systématiquement ce service par rapport aux autres services/comparateurs de prix en ligne

« Je crains que l’entreprise n’ait injustement avantagé son propre service de comparaison de prix, en violation des règles de l’Union européenne en matière d’ententes et d’abus de position dominante », a déclaré, mercredi à mi-journée, la commissaire européenne en charge de la concurrence, la Danoise Margrete Vestager.

La Commission craint que les utilisateurs de Google « ne voient pas nécessairement les résultats les plus pertinents en réponse à leurs requêtes ».

La direction de Google a déclaré qu’elle a « hâte de discuter avec la Commission européenne ».

Si cette décision ne préjuge pas d’une sanction ultérieure contre Google, c’est la première fois dans son histoire que le groupe américain est reconnu coupable d’avoir enfreint la loi antitrust. De quoi écorner un peu l’image de ce géant, fondé en 1998, dont la domination, sur la recherche en ligne, le mobile, le traitement des données personnelles de manière générale inquiète de plus en plus, surtout en Europe.

Aux Etats-Unis, la Federal Trade Commission (FTC), responsable des questions de concurrence et de protection du consommateur, avait finalement blanchi Google d’abus de position dominante, en 2013.

Lire aussi : Le Sénat américain va enquêter sur Google

Par ailleurs, Bruxelles a aussi annoncé, mercredi, avoir décidé de lancer une enquête formelle sur d’éventuelles infractions à la loi antitrust concernant Android, le système d’exploitation du groupe américain. Une enquête informelle était en cours depuis des dépôts de plainte, en 2013.

Deux mois pour se défendre

La trentaine de plaignants (dont Microsoft) qui accusent la multinationale de mettre davantage en avant ses services que les leurs dans les résultats de recherche des internautes sur son moteur et réclamaient depuis longtemps la « manière forte » contre Google se réjouit, logiquement, de cette décision.

« Cette notification des griefs représente un pas significatif pour faire stopper les pratiques anticoncurrentielles de Google, qui ont nui à l’innovation et au choix des consommateurs », avaient d’ailleurs réagi, par avance, mardi 14 avril, une des associations de plaignants, FairSearch Europe, dans l’attente de la confirmation de la décision de Bruxelles.

A dater de l’envoi de cette notification, Google dispose de deux mois (pouvant être prolongés d’un mois) pour préparer sa défense. Puis pourrait suivre une audition organisée par la Commission. Cette dernière ne rendra sa décision qu’à l’issue de ces étapes, c’est-à-dire au plus tôt fin 2015.

Un accord négocié n’est pas à exclure

Le géant de l’Internet risque une amende pouvant aller jusqu’à 10 % de son chiffre d’affaires mondial (soit plus de 6 milliards d’euros). Mais ce ne serait pas le pire pour un groupe aussi riche (66 milliards de dollars de chiffre d’affaires en 2014, soit 62 milliards d’euros, pour 14 milliards de dollars de profits).

La Commission pourrait surtout lui imposer des actions « correctives » de nature à transformer son modèle économique. « Peut-être une séparation radicale, dans le résultat des recherches, entre les liens sponsorisés et les autres résultats de recherche », suggère un bon connaisseur bruxellois du dossier.

Bruxelles ira-t-elle jusqu’à recommander un démantèlement du géant américain, comme l’ont demandé les eurodéputés, qui ont voté, symboliquement, en novembre 2014, en faveur d’une scission entre le moteur de recherche et les autres services commerciaux du groupe ? C’est très peu probable, estime une source proche du dossier.

Mais il n’est pas non plus exclu que, malgré l’envoi de la notification de griefs, Google et la Commission parviennent quand même à un accord négocié, dans les mois qui viennent, sans sanction ni imposition d’actions correctives, Google s’engageant à prendre des mesures de son propre chef. Le groupe américain étant très soucieux de préserver sa réputation en Europe, cette voie est tout à fait possible.

Lire aussi : Un nouveau front s’ouvre contre Google en France

David Wood, l’avocat d’Icomp, un syndicat de sociétés Web regroupant des plaignants contre Google (dont la britannique Foundem et Microsoft), reconnaît que cette option est plausible. Mais, estime-t-il, « le fait d’envoyer une notification de griefs à Google donne quand même à la Commission une bien meilleure position de négociation pour parvenir à un accord sur des mesures correctives ».

Rupture dans l’approche européenne

La décision prise par Mme Vestager et les services de la puissante « direction générale à la concurrence » de la Commission européenne marque une rupture complète avec la politique suivie ces quatre dernières années par Bruxelles vis-à-vis de Google.

Depuis l’ouverture formelle de l’enquête, en novembre 2010, à la suite de trois plaintes initiales de petites sociétés (l’allemande Ciao, la britannique Foundem et la française Ejustice.fr), Joaquin Almunia, le prédécesseur de Mme Vestager, n’a jamais voulu en arriver à un acte d’accusation et a cherché, par trois fois, la voie de la conciliation.

Mais il a fini par renoncer à cette stratégie, sous la pression des plaignants, de quelques politiques (notamment le ministre de l’économie allemand Sigmar Gabriel et son homologue français Arnaud Montebourg, montés en première ligne mi-2014) et d’autres commissaires au sein de la précédente Commission Manuel Barroso (dont l’allemand Gunther Oettinger, actuel commissaire chargé du numérique, très remonté alors contre Google).

Tous estimaient que les améliorations proposées par le géant de l’Internet à la Commission ne corrigeraient qu’à la marge, voire, au contraire, aggraveraient la situation dominante de son moteur sur le Web. Aujourd’hui, en Europe, plus de 80 % des recherches en ligne sont toujours effectuées en utilisant Google.

Lire aussi : Opération séduction de Google France

La décision de Bruxelles concernant Google est sans précédent, depuis les jugements européens concernant Microsoft, au début des années 2000, qui a dû au total verser plus de 2 milliards d’euros d’amendes. Cela va donner de l’eau au moulin de ceux qui disent que l’Europe « en veut » à Google et plus généralement au high-tech américain.

L’acte d’accusation de la Commission s’ajoute en effet à une série, ces dernières années, de réactions des Européens contre de nouveaux « modèles économiques » : interdiction d’Uber dans certains pays, instauration de taxes « anti-Google » en Allemagne et en Espagne, enquêtes européennes sur des aides d’Etat illégales qui auraient bénéficié à Apple (en Irlande) ou à Facebook (au Luxembourg)…

 Cécile Ducourtieux (Bruxelles, bureau européen) Correspondante à Bruxelles

http://www.lemonde.fr/economie/article/2015/04/15/bruxelles-accuse-google-d-abus-de-position-dominante_4615967_3234.html

REAZIONE:COSI COME AI TEMPI DI MONTI COMMISARIO ANTITRUST DELL’UNIONE EUROPEA LA NUOVA ERA NON HA APOGGIATO LE SANZIONI A MICROSOFT PERCHE ERA UN ATTACO ALLA NUOVA ERA PER SCOPI POLITICI,OGGI NON APOGGIA QUESTA AZIONE DELL’UNIONE EUROPEA.ECCEDE LA PUNIZIONE DEL MOTORE DI RICERCA E IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PRETENDENDO ANCHE PUNIRE GLI ASPETTI CONCETTUALI SCIENTIFICO-TECNICI E LA SUA VISIONE DEL MONDO PER LA QUALE  GOOGLE E’ AVANGUARDIA ,QUANDO SI RIFERISCE A ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE ANCHE “DEL MOBILE:”domination, sur la recherche en ligne, le mobile, le traitement des données personnelles de manière générale”
NO,SUL MOBILE GOOGLE E’ AVANGUARDIA E NON ABUSATORE DI UN BEL NIENTE.
OVVIAMENTE NELL’UE IL NEOLIBERALISMO NON POTEVA NON FARE SENTIRE LA SUA VOCE.
PER QUANTO RIGUARDA ALLE RICERCHE,LA PUBBLICITA E IL TRATAMENTO DEI DATI PERSONALI NON RIGUARDANO DIRETTAMENTE ALLA NUOVA ERA NEI SUOI ASPETTI CONCETTUALI MA ALLA PARTE AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA E HO GIA FATTO SAPERE LA MIA OPINIONE RIFIUTANDO LA RISOLUZIONE DELLA FTC USA NEL 2013 COSA CHE IL SENATO AMERICANO STA RIVEDENDO ATTUALMENTE ALLO STESSO MODO CHE IL PARLAMENTO FRANCESE.
ANCHE SULLE TASSE MI SONO ESPRESSO A LUNGO CONSIDERANDO IL SISTEMA IDEATO DAL SIGNOR SMITH CENTRALIZATO NELL’IRLANDA E BRUXELLES UNA DEVIAZIONE DEI PROFITI DELLA NUOVA ERA VERSO IL NEOLIBERALISMO.
CONDANNO ANCHE CON VEEMENZA E NON CONDIVIDO QUESTO APOGGIO DI MICROSOFT ALL’ATTACO DELL’UNIONE EUROPEA VERSO ANDROID:OLTRE A DIFENDERE IL SUO MOTORE  DI RICERCA BING,FINIREBBE PER FAVORIRE GLI USURPATORI DEL GOVERNO GOLPISTA ITALIANO DI RENZI E I SUOI TELEMACI CHE STANNO PORTANDO AVANTI CON L’AUSPIZIO DI MICROSOFT LE INIZIATIVE DEL “DIGITALVENEZIA” E ALTRE DEL GENERE.
.
-E COSI SU LA REPUBBLICA,TITOLARE:
L'antitrust Ue accusa Google   video   "Abuso di posizione dominante"
L’antitrust Ue accusa Google video “Abuso di posizione dominante”
E nel mirino c’è anche Android / Come funziona
L’azienda: siamo fortemente in disaccordo
Reptv Bonanni: “Intesa ancora possibile”
Dalla privacy alle tasse: tutti i fronti aperti in EuropaRischia multe per 6 miliardi di dollari di E. AVESANI e S. COSIMI

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 203 »

13 aprile 2015
0

-13 APRILE 2015:IL FARO ASSIATICO DELLA NUOVA ERA,”IL PONTE VIA UKRANIA EST” E LA CINA DI SHANGAI:L’ALTRO OCCIDENTE

-SU LE MONDE, Blogs:

← Ne nous réjouissons pas trop vite d’un euro faible. C’est le dollar qui est fort
(← Non dobbiamo essere compiacenti con un euro debole. È il dollaro che è forte)
6 avril 2015, par Georges Ugeux

La Chine secoue le monde des banques de développement et met les Etats-Unis en échec.


Shanghai, 31 mars 2015
La clôture de la liste des membres fondateurs de l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) aujourd’hui est une remarquable victoire pour son initiateur : la République Populaire de Chine. A travers le monde, les besoins d’infrastructure ne peuvent être couverts exclusivement par des capitaux nationaux ou des financements privés. L’objet et l’ambition de l’AIIB sont parfaitement légitimes et utiles.
La Chine ne se contentera pas d’un strapontin dans le développement de l’Asie.
Les institutions de Bretton Woods créées à la fin de la seconde guerre mondiale ont attribué aux pays occidentaux (l’Amérique du Nord et l’Europe occidentale) la part du lion et le contrôle sans mélange du Fonds Monétaire International et de la Banque Mondiale ainsi que des banques régionales de développement.
Les tentatives de la Chine et de l’Inde de voir leur importance économique reconnue par une augmentation de leurs quotas ont été accueillies avec la sympathie et un refus poli des grands occidentaux.
La nomination de Christine Lagarde à la tête du Fonds Monétaire International a été une démonstration de cette situation qui se justifie par le fait que ce sont les Occidentaux qui sont les bailleurs de fonds. Les pays émergents n’ont pas été capables de produire un candidat de consensus et la candidature du Gouverneur Agustin Carstens de la Banque centrale du Mexique n’a pas empêché l’Europe de conserver la direction générale qu’elle détient depuis 1946. Qui plus est, personne n’a osé s’opposer à la France, malgré le fait que cette succession était le résultat des errements de Dominique Strauss-Kahn.
La Chine aurait pu présenter un candidat, et ne l’a pas fait. Elle avait déjà conclu qu’il n’y a avait rien à espérer d’institutions dont la représentativité était à tout le moins anachronique. La seule manière pour elle était de tenter d’entrer en force dans le club des banques de développement.
L’Europe avait elle-même créé depuis longtemps sa banque de développement, la Banque Européenne d’Investissement à Luxembourg. Lorsqu’il s’était agi de la Banque Africaine de Développement à Abidjan, les pays occidentaux ont eu la part du lion en raison des besoins de capitaux qui les pays africains ne pouvaient pas rencontrer. La Présidence est africaine. La Banque Interaméricaine de Développement, même si elle est située à Washington, est présidée par le représentant d’un pays latino-américain.
L’Occident ne sera pas le fer de lance du développement de l’Asie.
Il existe une Banque Asiatique de Développement à Manille qui est, contrairement aux apparences, dominée par le Japon qui en assure la présidence.
La Chine, troisième économie mondiale a donc décidé de remettre les pendules à l’heure. Pour ceux qui l’auraient oublié, au Boao Forum de 2013, le Président Xi Liping a fait un discours sans ambiguïté. Nous sommes sortis de cette salle de conférence avec un message clair : la Chine entend assurer son leadership en Asie et a clairement fait savoir qu’elle n’accepterait pas que certains pays perturbent sa paix (il visait la Corée du Nord) et prendrait les moyens nécessaires pour établir ce leadership.
La Chine a mis sur pied en Asie une institution de développement qui sera son outil pour les financements asiatiques.
Les pays occidentaux en ordre dispersé et les Etats-Unis en déroute.
La réaction américaine a été aussi ridicule qu’impérialiste. Comment la Chine osait-elle mettre en question et faire sécession en créant sa propre banque internationale? Cette erreur diplomatique et économique des USA lui coute cher.
Non seulement, les Etats-Unis ont accueilli l’initiative chinoise avec une rhétorique hégémonique qui ignore le changement des économies mondiales, mais ses propres alliés les ont lâchés.
C’est par l’allié le plus proche, la Grande Bretagne que la première salve est venue. Le Royaume Uni n’était pas prêt à se laisser marginaliser par la Chine en Asie : « if you cannot beat them, join them », dit le dicton. Elle a annoncé la première sa candidature comme membre fondateur de l’AIIB. Plusieurs pays occidentaux ont suivi. La France et l’Allemagne se sont jointes du côté européen.
Face à cette réaction en ordre dispersé, 21 pays asiatiques avaient déjà signé un protocole en octobre 2014. Le Japon a préféré garder sa prééminence de la BAD. La « trahison » la plus douloureuse pour les Etats-Unis a été la décision de la Corée du Sud, qui doit son existence et sa défense aux USA : elle ne pas prendre le risque d’être marginalisée par la Chine, notamment face à la Corée du Nord. Le pire est cependant la demande de Taiwan, qui commerce abondamment avec la Chine, et ne doit son existence qu’aux Etats-Unis.
« Tu quoque fili mi » clame César à Brutus qui l’assassine. Les Etats-Unis doivent se sentir trahis mais c’est leur impérialisme qui les a aveuglés. Quant à l’Europe, elle a manqué une occasion historique de se positionner collectivement face à l’Asie comme un partenaire économique collectif. La Chine a réussi, comme elle le fait systématiquement, à traiter avec les pays européens en ordre dispersé.
Vu de Shanghai où je passe la semaine, Xi Liping sourit…Il a réussi à isoler les Etats-Unis même de ses plus proches alliés.

————————

A propos de l’auteur

La finance au-delà des mythes et des mystificateurs : le blog de Georges Ugeux, PDG de Galileo Global Advisors, une banque d’affaires internationale a New York. De 1996 a 2003, il a été Executive Vice President International du New York Stock Exchange. Il donne un séminaire à la Columbia Law School sur les systèmes bancaires et financiers européens. Il est également l’auteur de La trahison de la finance, chez Odile Jacob.
.

http://finance.blog.lemonde.fr/2015/04/06/la-chine-secoue-le-monde-des-banques-de-developpement-et-met-les-etats-unis-en-echec/

-
REAZIONE: DISSENTO IN PARTE SULLA VISIONE DI QUESTO ANALISI ,QUESTA CINA NON E’ LA CINA DEL COMUNISMO ORTODOSSO MA UNA NUOVA CINA CONVERTITA ALLA NUOVA ERA DOPO CHE HA ABANDONATO IL TRANSFORMISMO E ADOTTATO LE SUE LIBERALIZAZIONI E RIFORME.
DISSENTO CON L’AUTORE CHE OCCIDENTE SI SIA “SENTITO MARGINALIZATO DI QUESTO SVILUPPO ASIATICO VOLUTO DALLA CINA CON QUESTA BANCA AIIB,E LA PROVA E’ L’ADESIONE DI GB(1),FRANCIA,GERMANIA.E ANCHE IN CHIAVE OCCIDENTALE DOBBIAMO VEDERE L’ADESIONE DI COREA DEL SUD E TAIWAN.E LA MENZIONE ALLA “PAX-CINESE” C’ENTRA PIU TOSTO CON IL DIFFERENDO CON IL GIAPPONE E LE ISOLE CONTESE CHE LA COREA DEL NORD PIU ALINEATA CON LA RUSSIA CHE CON LEI.
ALLORA,ALTRA CINA E ANCHE “ALTRO OCCIDENTE”.
DA TEMPO INDIETRO IN QUESTE PAGINE PARLO DEL FARO OCCIDENTALE DELLA NUOVA ERA PUNTATO VERSO L’ASIA E IL “PONTE EUROASIATICO”,QUINDI MALGRADO QUESTO PONTE “FACCIA CAPO ALLA CINA”,SEMPRE PONTE E’.
DA TEMPO INDIETRO DI PROPOSITO DEL CONFLITTO UKRANIANO E LE TENSIONI FRA OCCIDENTE E LA RUSSIA PARLO DI EMARGINARE IL COLPO DI KIEV,RICONOSCERE LE RPEUBBLICHE DI DONESTK E LUGHANS DEMOCRATICAMENTE FORMATE,E LO FACCIO  CON QUESTO APELLO:”L’OCCIDENTE NON SIA IL FAR WEST”.(2)E BENE DAL MOMENTO DELLA FORMAZIONE DI QUESTA BANCA “SINO-OCCIDENTALE”,LO SVILUPPO DELL’ASIA  CAPEGIATO  DALL’OCCIDENTE DEGLI STATI UNITI DI OBAMA(UN “NON-NUOVA ERA” MA NEOLIBERALE),CIO’E’ IL FAR WEST DEL PACIFICO USA,DOVRA ESSERE “PENSIONATO” E CONDIVISO CON QUESTO “ALTRO OCCIDENTE”.
IL CAMMINO PIU CORTO FRA DUE PUNTI E LA LINEA RETTA:SE OCCIDENTE SENZA OBAMA FA PARTE DI QUESTA BANCA DI SVILUPPO PERCHE PARLARE DI UNA SUA ESCLUSIONE?NO,L’ESCLUSO E’ OBAMA E IL SUO FAR WEST CHE ORA DOVRA CONDIVIDERE L’EGEMONIA ECONOMICA IN ASIA E IL PACIFICO CON “ALTRO OCCIDENTE.O GB,FRANCIA E GERMANIA NON SONO OCCIDENTE?
E SE QUESTA BANCA,NATA NELLA SHANGAI DI QUELLA EXPO DI SUCCESSO,E’ UNA BANCA “SINO-OCCIDENTALE” PERCHE PARLARE DI UNA CINA CHE NON SI CONTENTA DI ESSERE UN “strapontin dans le développement de l’Asie.”MA NO,LO “STRAPONTIN”SI CHE C’E,LUI STESSO LO DELATA.QUESTO “STRAPONTIN”,PRIMA DEI SUCESSI DELL’UKRANIA DOVEVA PASSARE PROPIO DA LI,E LA CINA AVEVA AFITTATO UN VASTO TERRITORIO DOVE COSTRUIRE INFRASTRUTTURE PER LA PRODUZIONE INDUSTRIALE:PERCHE QUESTO “STRAPONTIN” ORA NON POTREBBE PASSARE DA “DONESTK E LUGHANS”?
ALLORA,OCCIDENTE C’E NELL’AIIB,E LO “STRAPONTIN” ANCHE,MAGARI CON UN FLUSSO DI CIRCOLAZIONE INVERSA,PERO TUTTAVIA “STRAPONTIN” E’.CHI NON C’E’ E’ OBAMA,E’ LUI LO SCONFITTO,NON USA.NON A CASO I REPUBBLICANI,GIA IN CAMPAGNA ELETTORALE PARLANO CON UN CERTO COMPIACIMENTO DI QUESTA SCONFITTA DI OBAMA,E NON A CASO LA CINA HA INVITATO ANCHE USA E GIAPPONE(CHE DOPO TUTTO HA DATO UNA “MEZZA ADESIONE” DAL POSTO DELLA SUA PRESIDENZA DELLA BANCA DELLO SVILUPPO ASIATICO,BAD)A FORMARNE PARTE:CHI SA SE DOPO LE PROSSIME ELEZIONI L’AMERICA NON VOGLIA ENTRARE,DOPO TUTTO NESSUNO DEVE DIMENTICARE CHE DOBBIAMO PROPIO A UN REPUBBLICANO USA L’APERTURA DI OCCIDENTE ALLA CINA,QUEL RICHARD NIXON COLPITO DAL WATERGATE DEMOCRATICO.
ANCORA,SE QUALCUNO PENSA CHE QUESTA BANCA SIA QUALCOSA DI NUOVO SBAGLIA:GIA AI TEMPI DI SARKOZY E’ NATO IL G20 PROPONENDOSI UN NUOVO ORDINE ECONOMICO MONDIALE CON L’ABBANDONO DEL NEOLIBERALISMO E L’INGRESSO DELLE ECONOMIE EMERGENTI FRA QUI LA PROPIA CINA.LUI STESSO ACENNA A QUESTO QUANDO CI DICE CHE OBAMA HA REAGITO CON “une rhétorique hégémonique qui ignore le changement des économies mondiales”.CHI SA QUESTA BANCA NON SIA LA LOGICA TERMINAZIONE DI QUEL PROCESSO DOPO CHE LE ISTITUZIONI BANCARIE GLOBALI CAPEGGIATI DALL’USA DEL NEOLIBERALE OBAMA,L’EUROPA E IL GIAPPONE HANNO NEGATO O OSTACOLATO L’INGRESSO IN POSTI DI DECISIONE PIU INFLUENTI DELLE ECONOMIE EMERGENTI.

INSOMMA,LA AIIB E’ LA VITORIA DELLA NUOVA ERA,DELLA SUA VISONE DEL MONDO E LA SUA PREDICA CONTRO IL NEOLIBERALISMO,ED E’ LA SCONFITTA DI QUESTO E ORA OBAMA NEL SUO FAR WEST OLTRE PACIFICO,IN ASIA DOVRA CONDIVIDERE L’EGEMONIA FINANZIARIA CON “L’ALTRO OCCIDENTE”.
HO LA SENZAZIONE CHE QUESTO ANALISI ZOPPICHI DELLA GAMBA SINISTRA E SENTIMENTI ANTI-AMERICANI E POCO C’ENTRI L’ANTI-IMPERIALISMO,IL “TRADIMENTO” E L’ISOLAMENTO USA(UNA NOSTALGICA RETORICA DA GUERRA FREDDA),MA PIU TOSTO LA SCONFITTA DEL NEOLIBERALISMO E LA VITTORIA DELL’EGEMONIA DELLA NUOVA ERA.
E MEGLIO SE IN QUESTO “ALTRO OCCIDENTE ” “NON C’E L’EUROPA DELL’UNIONE EUROPEA ANCORA TROPPO INFLUENZIATA DAL NEOLIBERALISMO COME SI STA VEDENDO NEI FATTI DELL’UKRANIA.NON OSTANTE OBAMA DOVRA PRENDERE NOTA E RISPETTARE L’EUROPA E…LA DEMOCRAZIA.
-
(1)COME ABBIAMO VISTO NELLO SCRITO DEL POST ANTERIORE “LA MALVINA NO ES ARGENTINA”(“IL MIO REGNO E’ DI QUESTO MONDO”),LA GRAN BRETAGNA HA BUONE RAGIONI PER DISSENTIRE CON OBAMA.

(2)L’ESPRESSIONE “FAR WEST”,CREDO NON CI SIA BISOGNO CHIARIRLO,HA IL DOPPIO SENSO FIGURATO E REALE:OBAMA DA QUASI 4 ANNI CONTINUA A GOVERNARE PER DECRETO O METTENDO VETI ALLE INIZIATIVE PARLAMENTARI,MERITANDOSI DUE PROCEDURE PER ABUSO DI POTERE NEL CONGRESSO.
IN QUESTI GIORNI SI HA LANCIATO LA CAMPAGNA ELETTORALE PER IL 2016.IL CANDIDATO PRESIDENZIALE DEL SUO PARTITO SOLO OGGI,E NON PRIMA,HA ANNUNCIATO LA SUA INTENZIONE DI FARE CORSA.
QUALCOSA DI SIMILE SUCCEDEVA CON CAMERON CHE E’ STATO ELETTO SENZA MAGGIORANZA PROLUNGANDOSI TUTTO IL PERIODO MA IN QUESTI GIORNI SONO IN CAMPAGNA PER MAGGIO.
DIVERSA E LA SITUAZIONE DELLA FRANCIA,IL SOLO PAESE OCCIDENTALE DOVE LA VOLONTA POPOLARE VIENE RISPETTATA ASSOLUTAMENTE.LA GERMANIA VOTA,LA MERCKEL HA PERSO PERO SI LA CAVA PER RICEVERE INCARICHI.

PERO,BISOGNA DIRLO,NESSUNA “FORZATURA”  DELLA COSTITUZIONE IN GERMANIA E GB.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-

*13 APRILE 2015:ACHILLE E LA TARTARUGA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Francia, media: “Marine Le Pen stoppa candidatura del padre”

…PARIGI -  È sempre più forte la crisi nel Front National, un dramma tanto politico che familiare. Dopo un ennesimo disaccordo, l’attuale leader Marine Le Pen ha bloccato la…

-TITOLARE 2:

Francia: Jean Marie Le Pen  rinuncia a candidatura  "Lascio, non voglio  danneggiare mia nipote"

Francia: Jean Marie Le Pen rinuncia a candidatura

“Lascio, non voglio danneggiare mia nipote”

REAZIONE:PARRICIDIO POLITICO

*13 APRILE 2015:IRAN,RUSSIA E PUTIN METTONO IN PERICOLO L’ACCORDO NUCLEARE

-TITOLARE THE WASHINGTON TIMES

Top News

Russia shields Iran from airstrikes, puts Obama nuclear deal in political peril

Israeli officials said the decision by Russian President Vladimir Putin to allow the sale was a clear sign that Tehran is already cashing in on a tentative nuclear deal with world powers, a deal that includes an easing of sanctions on the Iranian economy and faces a deadline of the end of June for a final deal. (Associated Press)
By Guy Taylor – The Washington Times 167 Shares

Russia on Monday gave the green light to a long-stalled $800 million deal to deliver an advanced anti-missile rocket system to Iran, bringing sharp criticism from the White House and Israel and new political peril for President Obama’s prospective nuclear deal with Tehran.

Related:
*Russia, China among countries lining up to cash in as Iran sanctions relief looms

TRADUZIONE:Top News
Russia protegge Iran da attacchi aerei, mette accordo nucleare di Obama in pericolo politico
funzionari israeliani hanno detto che la decisione del presidente russo Vladimir Putin di consentire la vendita è stata un chiaro segno che Teheran sta già incassando in su un affare nucleare sperimentale con le potenze mondiali, un accordo che prevede un alleggerimento delle sanzioni sull’economia iraniana e affronta una scadenza di fine giugno per un accordo finale. (Associated Press)
da Guy Taylor – The Washington Times
169 Azioni
Russia il Lunedi ha dato il via libera ad una lunga fase di stallo di un accordo di 800 milioni dollari per fornire un sistema avanzato di razzo anti-missile per . Iran, portando aspre critiche da parte della Casa Bianca e Israele e nuovo mettendo in pericolo politico l’accordo nucleare futuro del presidente Obama con Teheran
correlate:
Russia e la Cina tra i paesi allineati per incassare quando cada l sipario sulle sanzioni all’Iran.

Read more: http://www.washingtontimes.com/#ixzz3XGLYjflm
Follow us: @washtimes on Twitter
-ANESSO:TITOLARE TWT
Iran sanctions relief has Russia, China, Turkey lining up to cash in
.
REAZIONE:RUSSIA,PUTIN E IL TURCO INVITATI DI PIETRA”,”IL TERZO SCOMODO”:CHI LI  HA INVITATO A METTERE IL BECCO?
-

*14 APRILE 2015 :OMOSESSUALE,LA FRANCIA INSISTE
TITOLARE LA REPUBBLICA:
Parigi insiste su Stefanini "Aspettiamo risposta della  Santa Sede su ambasciatore Ha le qualità necessarie"

Parigi insiste su Stefanini,”Aspettiamo risposta della
Santa Sede su ambasciatore.
Ha le qualità necessarie”
“Respinto perché omosessuale”
-

*14 APRILE 2015:GOSSIP(MA NON TROPPO)
.
-TITOLARE THE WASHINGTON TIMES:

.
DRIVING MISS HILLARY
-
*14 APRILE 2014:GENOCIDIO ARMENIO E LA STORIA,FUMO NEGLI OCCHI
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
TENSIONE
Erdogan «condanna» il Papa sull’Armenia: non ripeta l’errore

il presidente turco: «Quando politici e religiosi fanno gli storici non dicono verità, ma stupidaggini»Il papa aveva detto: «Primo genocidio del XX secolo»Il genocidio degli armeni: 100 anni di silenzio su una tragedia

REAZIONE:FINALMENTE MI SENTO DIRE QUALCOSA DI INTELLIGENTE SULL’ARGOMENTO:HA RAGIONE ERDOGAN.LO SVENTOLAMENTO DEL GENOCIDIO ARMENIO E’ UNA CORTINA DI FUMO CHE GETTANO I VETERANI DELLA GUERRA FREDDA OGGI DENOMINATI NEO-NAZI PER MINIMIZZRE LE COLPE STORICHE DELLA SOHA.MA LA POSSIBILE INNOCENZA STORICA DI ERDOGAN NON LO SCAGIONA DELLE SUE IMPLICANZE E COLPE ATTUALI.LO STRANNO DEL CASO E’ CHE I SUPERSTITI STORICI DELLA SOHA NULLA DICONO SULL’ARGOMNENTO E OGGI PERFINO C’E’ FRA DI LORO  CHI ACETTA SPLICITAMENTE LE COLPE STORICHE DELLA TURCHIA E L’ISLAM NEL GENECIDIO ARMENIO .INSOMMA,NEONAZI(FRA CUI NON MANCANO PAPANATI CATTOLICI)E SIONISMO D’ACCORDO NEL METTERE LE COLPE STORICHE DELLA SOHA E IL GENOCIDIO ARMENIO SULLO STESSO PIANO MA FUORI ADDICENDO LE COLPE A QUALCUN ALTRO.E QUESTO SUCCEDE QUANDO POLITICI E RELIGIOSI FANNO DELLA STORIA UN PRESENTE.
Immagine anteprima YouTube
.
-APPENDICE:IL PASSATO CHE TORNA,MANI SPORCHE
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI UMANI
Mafia, Strasburgo su Contrada:«Non andava condannato»
E lui: «La mia vita devastata» foto
Contrada libero dai domiciliari per fine pena, nel 2012 (Fotogramma)
Contrada libero dai domiciliari per fine pena, nel 2012 (Fotogramma)

Contestato il concorso esterno in associazione mafiosa. Stabilito risarcimento di 10 mila euro . L’ex 007: ora l’Italia riconosca la mia condanna da innocente
Il legale di Contrada: «Concorso esterno è un reato che non esiste» Video

REAZIONE:UN ERRORE DEL PASSATO NEL PRESENTE CHE TORNA:COSA SUCCEDE QUANDO “IL CONCORSO ESTERNO” NON E’ MAFIOSO?

LE COLPE SONO DELLE MANI SPORCHE DEI PASADARAM DELLE MANI PULITE.

SI DEVE RISARCIRE COI SOLDI E COL TEMPO.

Immagine anteprima YouTube

-

*14 APRILE 2015:QUANDO IL TEMPO E’ GENTILUOMO,INNOCENTI MA NON TROPPO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA 1:

MAFIA

Strage Rapido 904, assolto Riina «Non è il mandante» Fotostoria

(Ansa)

(Ansa)

Il pm aveva chiesto l’ergastolo: «Con la sua autorizzazione fornito l’esplosivo a Calò» Guarda 23 dicembre 1984, ore 19.08: la strage IL VIDEO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA 2:

MILANO

Caso Mediaset, il tribunale: «Pena estinta per Berlusconi»

Via l’interdizione dai pubblici uffici, resta l’ineleggibilità. L’ex premier potrà riavere il passaporto. Intanto, torna a Cesano La visita da uomo libero

REAZIONE:ILTEMPO A VOLTE E’ GENTILUOMO,BERLUSCONI E RIINA SONO QUELLO CHE SONO E’ CI RESTANO,MA NON PIU DI QUESTO.E IL TEMPO E’ GENTILUOMO MA ANCHE UMANO:IO RIVEDREI IL 41 BIS,SI ALLA GIUSSTIZIA NON ALL’INQUISIIONE.NON FARE LEGNO DEGLI ALBERI CADUTI.E LA PREGO,NON FARE PIU CONFUSIONI FRA SICILIANO E MAFIOSO,AUTONMIA E MAFIA.E’ GRAVE FARLO.

-

*14 APRILE 2015:ONORE,L’ALBERO E IL BOSCO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Strage in tribunale, aperta la camera ardente     

Slide Show

(Fotogramma)

È stata aperta alle 16 di martedì la camera ardente per commemorare due delle tre vittime della strage a Palazzo di Giustizia: il giudice fallimentare Fernando Ciampi, 71 anni, e l’avvocato Lorenzo Claris Appiani, di 37, uccisi entrambi da Claudio Giardiello. Presenti la madre del legale ucciso, Alberta Brambilla Pisoni, anche lei avvocato, e la sorella Francesca Appiani, giudice, Le visite saranno allesse fino alle 19, per riprendere poi mercoledì, dalle 9 alle 14. Sempre mercoledì, i funerali di Stato in Duomo officiati dal cardinale Angelo Scola. Alla cerimonia parteciperanno il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso (Fotogramma)

-REAZIONE:L’ALBERO NON CI IMPEDISCA VEDERE IL BOSCO,QUESTA FUNERALE DI STTO  NON DIMINUISCA LE RESPONSABILITA DI BERLUSCONI,RENZI,MATTARELLA E LE LARGHE INTESE IN GENERE CHE CON I SUOI ATTACHI ALLA GIUSTIZIA,CON LA RICENTE RIFORMA APPROVATA E CON LE DICHIARAZIONI DI MATTARELLA NELL’ASSUMERE LA CARICA HANNO CREATO QUESTO CLIMA DI OSTILITA E LE CONDIZIONI PER FINIRE DI ISOLARLA.SPERIAMO CHE QUESTA NON SI INTIMIDISCA E NON MOLLI SULLE CAUSE DI CORRUZIONE DELLA CUPOLA,ECC,ECC.

Immagine anteprima YouTube

-

*15 APRILE 2015:IL “PAPA-LIFTING OFFENDE LA DIGNITA DEGLI ITALIANI

 :: martedì 14 aprile 2015

/04/2015
La Santa Sede all’Expo di Milano: «Non di solo pane»

Il padiglione della S. Sede all'Expo 2015

©Ansa) Il padiglione della S. Sede all’Expo 2015

Presentato il padiglione: tre milioni da Vaticano, Cei e diocesi di Milano. Ravasi: sobrietà in linea con papa Francesco. Sarà ospitato Nicolas Hulot

Iacopo Scaramuzzi
Città del Vaticano

All’esposizione universale del 1964 la Santa Sede, presente con un «immenso padiglione», inviò a New York addirittura la Pietà di Michelangelo. «È l’unica volta che l’opera migrò», racconta oggi il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e commissario vaticano per l’Expo 2015 di Milano. «Per motivi di sicurezza, fu scolpita una copia, una perfetta controfigura, e per il suo viaggio si comunicò che era la vera Pietà, mentre la vera, invece, era in un container anonimo per evitare qualsiasi pericolo». Sono passati molti anni da allora. E oggi, nel nome di papa Francesco, la partecipazione vaticana all’Expo, spiega Ravasi, sarà «sobria, per certi versi minimalista».

Il padiglione della Santa Sede è stato presentato oggi in una conferenza stampa in Vaticano. «Non di solo pane» è il tema, biblico ed evangelico, che verrà sviluppato. Un giardino da custodire, un cibo da condividere, un pasto che educa, un pane che rende presente Dio nel mondo sono i «capitoli» nei quali si organizza il percorso espositivo basato su diversi linguaggi artistici, dai più tradizionali a quelli innovativi. E il tema del cibo è occasione di riflessione ed educazione sulla fede, la giustizia, la pace, i rapporti tra i popoli, l’economia, l’ecologia. In un mondo, per dirla con Ravasi, diviso tra chi fa la «fame» e chi fa la «dieta» per eccesso di cibo male utilizzato.

Il padiglione è promosso, realizzato e gestito in collaborazione dal Pontificio Consiglio della Cultura, espressione della Santa Sede, dalla Conferenza episcopale italiana e dalla diocesi di Milano. «Sono tre enti paritari dal punto di vista economico», ha spiegato Ravasi, «ognuno ha dato un milione e i costi saranno all’interno dei 3 milioni» non ci saranno altre erogazioni, salvo il contributo mecenatistico della Cattolica Assicurazioni per l’allestimento delle due opere d’arte che verranno esposte, due ultime cene, una del Tintoretto e una di Rubens trasposta su arazzo. Oltre agli strumenti tecnici e tecnologici la risorsa principale è quella umana: ciascuno – ha sottolineato in conferenza stampa monsignor Luca Bressan, vicario per la Cultura dell’Arcidiocesi di Milano – sarà accolto personalmente e accompagnato lungo il percorso. Il padiglione è un blocco costituito da un unico materiale, quasi come fosse una pietra, alla cui soglia, elemento caratteristico, si trova una enorme vela gialla in tessuto che maschera l’ingresso, colora la luce e contribuisce a rendere la facciata simile alla bandiera Vaticana. Presenti nel padiglione una parete fotografica e un tavolo interattivo. Tra i numerosi eventi previsti, l’11 giugno 2015, il «Cortile dei Gentili», preceduto dal National Day Santa Sede, al quale interverrà anche Nicolas Hulot, rappresentante del presidente francese Francois Hollande per la XXI conferenza Onu sul clima che si svolgerà a Parigi a dicembre prossimo. La Santa Sede, ha spiegato Ravasi in risposta alle domande dei giornalisti, non ha subito particolari ritardi nella preparazione ad Expo né, tantomeno, è stata coinvolta in scandali finanziari, «siamo assolutamente nella linea dell’appello di papa Francesco contro la corruzione che io e i miei collaboratori condividiamo pienamente».

«La nostra – ha detto Ravasi – sarà una presenza di eccezione, non per la grandezza, ma perché anziché proporre una produzione o un prodotto, proporremo un messaggio». Attraverso il padiglione, la Santa Sede vuole concentrare l’attenzione dei visitatori sulla rilevanza simbolica del nutrire e sulle potenzialità di sviluppo antropologico che questa attività racchiude. Inoltre, il padiglione della Santa Sede chiederà un contributo ai visitatori che verrà destinato «per le attività di carità del Papa». Monsignor Domenico Pompili, sottosegretario della Cei, ha sottolineato che l’impegno della Chiesa italiana è dovuto al fatto che in questi anni «l’azione ecclesiale contro la fame è andata crescendo», con tanto di raddoppio degli interventi anti-crisi nelle diocesi italiane: «Oggi in Italia oltre 4 milioni di persone (di cui il 70% cittadini italiani) sono sotto la soglia della povertà alimentare e il numero degli indigenti alimentari in Italia è in continuo aumento. Queste persone vengono sostenute nei loro bisogni primari da quasi 15mila strutture caritative territoriali che attraverso i pacchi alimentari, le mense o altre forme di intervento più innovative offrono aiuto a chi ne ha bisogno». Alla conferenza stampa sono intervenuti anche monsignor Giovanni Pietro Dal Toso, segretario del Pontificio Consiglio Cor Unum, Mariella Enoc, presidente dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù, Pier Sandro Cocconcelli, direttore del Laboratorio Ucsc ExpoLAB dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, oltre all’architetto Michele Reginaldi che ha realizzato il padiglione. La Santa Sede ha aperto per l’evento sia un sito internet, expoholysee.org, che un profilo Twitter @expoholysee.

http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/expo-ravasi-40389/

.REAZIONE:BERGOGLIO INSISTE NEL FARSI UN LIFTING PER GIUSTIFICARE LA PRESENZA DI UN PAPA DEL TERZO MONDO NEL VATICANO.QUESTO LIFTING OFFENDE,O MEGLIO PRETENDE OFFENDERE LA DIGNITA DELI ITALIANI:

1-INSISTO CHE IN ITALIA NON HO MAI VISTO UN BARBONE O CLOCHARD COME LI CHIAMA LUI.

2-SE CI SONO O SI TROVANO SONO IMMIGRANTI NEI PRIMI TEMPI DELL’ARRIVO IN ITALIA E DI QUESTE NESSUNO FA LA FAME PERCHE COME BENE SPIEGA MONSEGNOR RAVASI LA CARITA FUNZIONA.IO LA HO VISTO SIA NEI MIEI CONNAZIONALI CHE NELLA CHIESA,IO HO CONDIVISO UNA MENSA FRANCESACANA DI MILANO CON GLI SFOLLATI DI BOSNIA E KOSSOVO.

3-NON CREDO AI NUMERI SOPRA MENZIONATI:

«Oggi in Italia oltre 4 milioni di persone (di cui il 70% cittadini italiani) sono sotto la soglia della povertà alimentare e il numero degli indigenti alimentari in Italia è in continuo aumento.

ALTRI NUMERI NON NE HO PERO A QUESTI NON CI CREDO,VEDIAMO :

PERCHE DIFFERENZIARE “POVERI DI ITALIA” DI “POVERI CON CITTADINANZA TALIANA”?OVVIO,PERCHE FRA QUESTI PRESUNTI 4 MILIONI DI “POVERI ALIMENTARI” CI SONO IMMIGRANTI. QUANTI SONO IMMIGRANTI E QUANTI ITALIANI?NESSUN ITALIANO,TUTTI IMMIGRANTI I 4 MILIONI PERCHE LA POSESSIONE DI UNA CITTADINANZA ITALIANA NON TOGLIE CHE SIANO IMMIGRANTI,ANZI ESSISTE UNA ENORME MASSA DI ITALIANI ALL’ESTERO CHE FANNO LA FAME E UN GIORNO RIESCONO A TORNARE.PERO AVERE UNA CITTADINANZA ITALIANA SIA ALL’ESTERO CHE IN ITALIA NON ASSICURA CHE SIA ITALIANO PERCHE DOVUTO ALLE NUOVE LEGGI DI CITTADINAZA SONO TANTISSIMI GLI STRANIERI CHE RIESCONO AD AVERLA.QUINDI,I NUMERI NON MENTONO PERO QUELLI CHE FANNO I NUMERI DICONO QUESTE BUGGIE PER ACCONTENATARE UN PAPA CHE LEDE LA DIGNITA DEGLI ITALIANI VERI.DI QUELLI ALL’ESTERO E MOLTO DI PIU A QUELLI DI ITALIA.E TUTTO PER GIUSTIFICARE LA PRESENZA DI UN PAPA INADEGUATO DENTRO DELLO STATO ITALIANO.

4-PERCHE IL CONTRIBUTO DEI VISITATORI DEVE ESSERE DESTINATO «per le attività di carità del Papa» E NON DELLA CHIESA?OVVIO PERCHE DI LIFTING SI TRATTA.MI PRIMA AVEVA SUCCESSO CHE LA CARITA DELLA CHIESA VENISSE DESTINATA A UN PAPA CHE AIUTERA AI “CLOCHARD ITALIANI”.ANZI LA CHIESA E’ FITTA DI ORGANIZAZIONI CARITATIVI PER L’AIUTO AI POVERI DEL TERZO MONDO E I NOSTRI GIOVANI SI ALTRUISCONO E SPENDONO LA LORO VITA IN QUESTA CARITA.ANCHE A QUESTA NOSTRA IDEALISTA GIOVENTU OFFENDE QUESTO ROZZO PAPA NON ALL’ALTEZZA DELLA CIVILTA EUROPEA.

5-IL PAPA NON COINVOLTO IN SCANDALI FINANZIRIE?E COME CHIAMEREBBEMO LA NOMINAZIONE DI BATTISTA RICCA ALLO IOR?

EPILOGO:NELL’ANTICO TESTAMENTO APPRENDIAMO LA STORIA DI GIUSEPPE,UN EBREO CON ALTRI 6 FRATELLI CHE PER MITIGARE LA FAME DELLA SUA FAMILA LO HANNO VENDUTO A DEI MERCANTI EGIZIANI.IN EGITTO GIUSEPPE EBBE IL FAVORE DEL FARAONE PER LE SUE DOTI INDOVINATORIE CHE SALVO IL POPOLO EGIZIANO DELLA FAME SPIEGANDO IL SOGNO DELL MUCCHE MAGRE E QUELLE GRASSE CHE SPINSE AI GOVERNANTI A PREVEDERE UN PERIODO DI SCARSA PRODUZIONE DI CIBO E PROCURARASI IN ANTICIPO L’ADEGUATO RISPARMIO.

COSI GIUSEPPE,PER I DONI INDOVINATORIE DEI SOGNI DEL SUO DIO DIVENTO IL GOVERNANTE MASSIMO DELL’EGITTO SECONDO SOLO AL FARAONE.UNA SPECIE DI “PAPA” DI QUELLI TEMPI.ARRIVATO A QUELLA CIMA GIUSEPPE PORTO IN EGITTO LA SUA FAMIGLIA E ALTRI EBREI.C’ERA LA FAME FRA IL POPLO EBREO E IN EGITTO PROSPERARONO NELL’ABONDANZA.GIUSEPPE SALVO IL POPOLO EGIZIANO DELLA FAME PERO EBBE L’UMILTA DI RICONOSCERE CHE LUI ERA UNA SCHIAVO AFFAMATO COME LA SUA FAMIGLIA E IL SUO POPOLO.TUTTI LO AMARONO:EBREI E EGIZIANI.NON E’ IL CASO DI QUESTO PAPA CHE VENUTO DALLA FAME,IL SOTTOSVILUPPO E L’IGNORANZA PRETENDE PRESENTARSI COME IL SALVATORE DI UNA FAME ITALIANA CHE NON C’E. E PENSO AI MIGLIAIA E MIGLIAIA DI ARGENTINI CHE VENGONO DI UN MODO E L’ALTRO VENDUTI COME SCHIAVI POSTMODERNI IN ITALIA.DA QUELLI PORTATE CON INGANNO A FARE LA PROSTITUZIONE AI LAVORATORI MESI IN NERO O A QUELLI CHE VAGEGGIANO DI ALBERGO IN ALBERGO SFRUTANDO IL NOSTRO WEALFARE,NESSUNO DI LORO SARA ORGOGLIOSO DI QUESTO SUPERBIO PAPA COME NON LO SIAMO NOI GLI ITALIANI VERI.

PER QUESTI MOTIVI FACCIO APELLO AGLI ITALIANI E SIMPATIZANTI DELLA NUOVA ERA A NON VISTARE QUESTO PADIGLIONE E NON  LASCIARE NESSUN CONTRIBUTO.

E,TRATTADOSI DI ALIMENTARI INVITO A MANTENERSI ALLERTI CHE I PROFITTI E BENEFICI DI QUESTO PADIGLIONE NELLA EXPO NON FINISCANO NELLE MANI DEGLI OLIGARCHI RIOPLATENSI(AGENTINI E URUGUAIANI)E ISPANOAMERICANI(OGGI ACCOMUNATI CON LE FORZE DI SINSTRA), ALLEVATORI ED ESPORTATORI DI BESTIAME A QUI IN ULTIMA RATIO PROMUOVE E PROPAGANDEA QUESTA AZIONE DI BERGOGLIO.

AL RIGUARDO VORREI CREDERE CHE LA GASTRONOMIA ITALIANA E SPECIALMENTE LA DIETA MEDITERRANEA SARANNO ADEGUATAMENTE DIFESE IN QUESTO PERIODO DELLA DURATA DELLA EXPO.VORREI RICORDARE ORA CHE LA DIETA MEDITERRANEA E’ RICONOSSCIUTA DA TUTTI,DALLA GASTRONOMIA ALLA SCIENZA COME LA MIGLIORE DI TUTTE E PIU ESTESA AL MONDO.

E’ EQUILIBRATA,PRODUCE MENO CONESEGUENZE TOSSICHE PER LA SALUTE E  PRODUCE ESSERE UMANI LONGEVI,OLTRE D ESSERE SQUISITAMENTE GUSTOSA.INVECE QUELLA DELLE CARNE ROSSE E’ LA PEGGIORE AL MONDO.E’ QUELLA CHE PIU INCIDENZA DI COLESTEROLLLO E MALATIE CONNESSI AL SITEMA CRDIOVASCOLARE PRODUCE.OLTRE AD ESSERE NOCIVA ANCHE PER IL SISTEMA DIGESTIVO CON DISPEPSIE DI TUTTI I GENERI,MALATTIE BILIARI E PERFINO IL CANCRO DI STOMACO.PER NON PARLARE DELLE MALATTIE INFETTIVE ENDEMICHE COME IL QUISTE IDATICO.OLTRE AD ESSERE POCO SAPORITA E DURA.

IO SONO MEDICO,HO STUDIATO E LAVORATO DA QUELLE PARTE E POSSO DIRLO CON PROPIETA.

SUCCEDE CHE QUESTA CARNE ROSSA PROLIFERA SOTTO VARIE SCUSE COME LA MANCANZA DI PROTEINE E IL SCIACALLAGIO.LA MANANZA DI PROTEINE ERA UN PROBLEMA DEI SECOLI SCORSI FINO ALLO SVILUPPO DELLA SCIENZA.OGGI IL MONDO DISPONE DI PROTEINE DI BUONA QUALITA IN ABBONDANZA PER NUTRIRE TUTTI E AVANZA.PERO QUESTI ALLEVATORI SONO CONSERVATORI E PRETENDONO CHE IL MONDO DI OGGI SIA COME NEL MEDIOEVO.PER QUANTO RIGUARDA AL SCICALLAGIO SI TRATTA DI CHE QUESTI ALLEVATORI SONO “SIGNORI DELLA GUERRA”(IL SUO MESTIERE) ED E’ IN SITUAZIONE DI CONFLITTI BELICI QUANDO,SICURAMENTE PIU PROSPERANO VENEDENDO I SUOI PRODOTTI AI BELIGERANTI,TIRIE E TROIANI INDISTINTAMENTE,CHE DISTORCIONO IN QUELLI MOMENTI L’INDUSTRIA E ALTRE FORME DI LAVORO VERSO LA PRODUZIONE BELICA.

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 202 »

10 aprile 2015
0

10 APRILE 2015: OMOSESSUALITA

-SUL CORRIERE DELLA SERA:LA NOSTRA IPOCRESIA DI OGNI GIORNO

esteri
Media francesi contro il Vaticano: “Negato l’ok all’ambasciatore gay”
Scoppia la bufera sulla nomina di Laurent Stefanini
(SECONDO IL CORRIERE DELLA SERA SI TRATTA DI UNA PROVOCAZIONE DELLA FRANCIA)

-E COSI SU LA REPUBBLICA:

Vaticano, media francesi: “Accredito negato al nuovo ambasciatore perché è omosessuale”

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 201 »

8 aprile 2015
0

8 APRILE 2015:PESANTE IPOTECA SULLA GOLPISTA GENERAZIONE TELEMACO

1-TITOLARE LA STAMPA:

-blog
La Corte dei conti europea lancia l’allarme: Garanzia giovani inefficace e costa troppo
walter passerini

-NOTA COMPLETA:
OPINIONI

Blog   Lavori in corso
La Corte dei conti europea lancia l’allarme: la Garanzia giovani costa troppo ed è inefficace
Il monito viene dall’audit realizzato su cinque paesi: Italia, Francia, Irlanda, Lituania e Portogallo
walter passerini
/04/2015

L’allarme lanciato dalla Corte dei conti europea sul possibile flop della Garanzia giovani è pesante. Ogni paese dovrà fare i compiti a casa e “fornire un quadro d’insieme chiaro e completo del costo di tutti gli interventi pianificati per contrastare la disoccupazione giovanile; promuovere un insieme di caratteristiche qualitative che i lavori, i tirocini e gli apprendistati devono possedere per godere del sostegno dell’Ue; porre in essere un sistema di monitoraggio completo del sistema di Garanzia per i giovani, comprendente sia le riforme strutturali sia le misure indirizzate ai singoli individui”. Il monitoraggio è stato eseguito su Francia, Irlanda, Italia, Lituania e Portogallo: speriamo che da noi qualcuno non affermi che “mal comune è mezzo gaudio”.

La Corte dei conti europea individua in particolare tre fattori che rischiano di ostacolare l’attuazione nell’Ue della Garanzia per i giovani, iniziativa dotata di 12,7 miliardi di euro di fondi Ue: l’adeguatezza del finanziamento complessivo, il modo in cui viene definita una “offerta qualitativamente valida” e il modo in cui la Commissione monitora i risultati del sistema e li comunica. “La disoccupazione giovanile è una sfida considerevole che impegna oggi la maggior parte dei paesi dell’Ue. L’Unione europea ha risposto istituendo un importante strumento (nominato “Garanzia per i giovani”), con il quale si intende ricondurre su un percorso virtuoso circa 7,5 milioni di giovani europei né occupati né impegnati in attività di studio o formazione, consentendo loro di fornire un contributo positivo alla società”. Lo ha dichiarato Iliana Ivanova, il membro della Corte responsabile della relazione, che prodegue. “Si tratta di un sistema oneroso da realizzare, ma l’alternativa è continuare a sostenere elevati costi socio-economici in termini di prestazioni di disoccupazione nonché di redditi e gettito fiscale non realizzati; secondo le stime dell’agenzia dell’Ue Eurofound, tali costi ammontano a 153 miliardi di euro l’anno, cioè oltre l‘1% del Pil dell’Ue. Ciò detto, il futuro successo della Garanzia per i giovani non è scontato, dal momento che restano senza risposta interrogativi importanti.

Nell’Ue-28 erano disoccupati quasi 5 milioni di giovani (di età inferiore ai 25 anni), di cui 3,3 milioni vivono nell’area dell’euro. Si tratta di un tasso di disoccupazione giovanile del 22 % nell’Ue, dove più di un giovane presente nel mercato del lavoro su cinque non riesce a trovare lavoro; in Grecia e Spagna l’incidenza percentuale è di uno su due. C’è una differenza di quasi 50 punti percentuali tra lo Stato membro con il tasso più basso (la Germania con il 7,8 % nel giugno 2014) e quello con il tasso più elevato di disoccupazione giovanile (la Spagna con il 53,4 % alla stessa data).

Nel 2013 il Consiglio dei ministri dell’Ue e il Consiglio europeo hanno adottato un sistema di Garanzia per i giovani. Secondo questo sistema, gli Stati membri dovrebbero far sì che, entro quattro mesi dall’uscita dal ciclo d’istruzione formale o dall’inizio della disoccupazione, i giovani di età inferiore ai 25 anni possano trovare un lavoro “qualitativamente valido” in linea con le loro conoscenze, competenze ed esperienza oppure possano acquisire le conoscenze, le competenze e l’esperienza per trovare in futuro un lavoro attraverso un apprendistato, un tirocinio o il proseguimento degli studi. Il sistema è finanziato dal bilancio dell’Ue e dai bilanci nazionali. Questi finanziamenti pubblici possono essere integrati da finanziamenti privati (quali investimenti di imprese in programmi di apprendistato oppure programmi di formazione finanziati da fondazioni private).

La relazione speciale (n. 3/2015) intitolata “La Garanzia per i giovani nell’Ue: i primi passi sono stati compiuti, ma si profilano rischi di attuazione” valuta se la Commissione abbia fornito un sostegno adeguato agli Stati membri nell’istituzione del sistema di Garanzia per i giovani ed esamina i rischi che potrebbero avere un impatto sull’attuazione del sistema. L’audit è stato incentrato sulla valutazione, da parte della Commissione, dei piani di attuazione della Garanzia per i giovani elaborati da un campione di cinque Stati membri: Francia, Irlanda, Italia, Lituania e Portogallo.

http://www.lastampa.it/2015/04/07/blogs/lavori-in-corso/la-corte-dei-conti-europea-lancia-lallarme-la-garanzia-giovani-costa-troppo-ed-inefficace-UumsQ3jO8E437MZojOz6lL/pagina.html

REAZONE:QUESTO ALLARME E’ DA VERO PESANTE.IL GOLPE DELLE LARGE INTESE E’ PARTITO ALL’INSEGNA DEI GIOVANI E IL LAVORO PER I GIOVANI,LO RICORDIAMO TUTTI NELLE PAROLE DI NAPOLITANO,DI BERLUSCONI,DI LETTA E ORA RENZI.ALL’INSEGNA DEI GIOVANI IL PATTO DEL NAZARENO E ALL’INSEGNA DEI GIOVANI LA BUFFONATA DELLA GENERAZIONE TELEMACO DI RENZI,SALVINI E COMPAGNIA BELLA.MA IL TEMPO PASSA LE COSE CAMBIANO E ARRIVANO QUESTI NOTIZIE DOVE APPRENDIAMO CHE IN REALTA I GIOVANI NE LAVORANO NE STUDIANO ANCORA,SEMPLICEMENTE SI SONO SOVRASTIMATI E SOLO CONTINUANO DISOCCUPATI SFRUTTANDO DEL NOSTRO WELFARE

DA VERO PESANTE QUESTO,E SECONDO ME E’ UNALTRA SEGNALE CHE PRESAGGIA LA FINE :I PIANI DI LETTA E RENZI HANNO FALLITO.

ANCHE IL GOVERNO BERLUSCONI E’ INIZIATO A CADERE DOPO QUALCHE SCOMUNICA  DELL’UNIONE EUROPEA.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

(E PERCHE NON SE NE VA?NON E’ MIA)

Immagine anteprima YouTube

-

-APPENDICE:

-SU LE MONDE,Europe:

édition abonné

Un scandale fragilise le gouvernement Renzi

LE MONDE | 18.03.2015 à 11h28,Mis à jour le 18.03.2015 à 11h31 | Par Philippe Ridet (Rome, correspondant)

Le ministre italien des transports, Maurizio Lupi (au centre), lors d'une séance à la chambre basse du Parlement à Rome, le 2 octobre 2013.

Les ministres italien des transports Maurizio Lupi(au centre)lors dìune seance a la chambre basse d parlement a Rome,le 2 octobre 2013.ANDREAS SOLARO/AFP

Après Milan (Exposition universelle 2015), Venise (construction de la digue géante), Rome (affaire Mafia capitale), le Giro d’Italie de la corruption a fait étape lundi 16 mars à Florence. Les limiers du parquet de Toscane ont fait arrêter ce jour-là Ercole Incalza, ex-responsable du département technique du ministère des transports qui, depuis les années 1990, a supervisé les grands travaux sous sept ministres différents, ainsi qu’un de ses amis entrepreneurs, Stefano Perotti, propriétaire d’une villa suffisamment sublime pour avoir servi de décor à une publicité de lingerie avec Julia Roberts…

Pendant deux décennies, Ercole Incalza, mis à la retraite le 1er janvier, a géré environ 25 milliards d’euros d’investissements en privilégiant l’entreprise de son ami et associé, lequel prélevait au passage sa dîme de 3 % du montant des travaux.

Complicités politiques ?

Comment Ercole Incalza a-t-il pu prospérer aussi longtemps sans être inquiété, alors que son nom est apparu dans 14 procédures judiciaires au cours de ces dernières années ? A-t-il bénéficié de complicités politiques ?

Les écoutes téléphoniques…

L’accès à la totalité de l’article est protégé

REAZIONE:NON SAPIAMO LA FINE DI QUESTO ARTICOLO PERO DA QUELLO CHE SE VEDE L’ELENCO DELLE CORRUZIONI,QUASI TUTTI RICONDUCIBILI ALLA LEGA NORD E BERLUSCONI,RESTA INCOMPLETA:METTA SUL CONTO IL VENETO(GIAN CARLO GALAN IN GALERA),PIEMONTE(L’AFFAIRE COTA),L’EMILIA ROMANIA(SPESE PAZZESCHE),FINMECCANICA,E COSI VIA.

-

*8 APRILE 2015:RAZZISTI

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

Salvini: "Campi rom? Li abbatterei"  Vaticano: "Frasi stupide e assurde"

Salvini: “Campi rom? Li abbatterei”

Vaticano: “Frasi stupide e assurde”

Nella giornata internazionale dei rom e sinti

M5s: li finanziò Maroni. Boldrini: inquietante

Vergognosi commenti di appoggio al leghista

Rapporto Nomadi tra odio, pregiudizi e baraccopoli

Articoli correlati

Portavoce rom: “Ci avete segregati, ora volete ruspe” Ass. 21 luglio: “No a linguaggio da guerra

-APPENDICE:TITOLARE SU LA STAMPA:
La Chiesa dei poveri di Francesco Ora i vescovi assistono i clochard
andrea tornielli
REAZIONE:DA RIFLETTERE
A ROMA E SAN MARINO CI SONO “CAMPI GESUITICI” DI EMARGINATI(CLOCHARD):”MISIONES  JESUITAS” LI CHIAMANO IN PARAGUAY,”VILLAS MISERIA” IN ARGENTINA, “CANTEGRIL” IN URUGUAY E “FAVELAS” IN BRASILE,PERCHE NON LI ABBATTE?QUELLO DEL TITOLO.
STESSI CAMPI CI SONO IN AMERICA(SOPRATUTTO BAMBINI)E IL CONGRESSO HA DISPOSTO,ANCHE SE OBAMA NON VOLEVA(PERCHE SONO I SUOI VOTANTI ISPANICI),BUTTARLI VIA DA DOVE SONO VENUTI,”MANUS MILITARIS”.
“NON CI SONO CAMPI ROM NEL RESTO DI EUROPA”,DICE SALVINI:NELL’AEROPORTO DI MADRID DOVE SONO STATO IN TRANSITO PROVENENTE DA MILANO VIA SUDAMERICA MIA MADRE E IO ABBIAMO SOFFERTO IL BULLISMO DI UNA BIONDA GRASSA SUDICIA RUMENA IMMIGRANTE NON ANCORA LEGALIZZATA DEFINITIVAMENTE, FUNZIONARIA AEROPORTUALE  CHE CI HA TOLTO LA MANCIA PER PORTARCI I BAGAGLI:PERCHE LA SPAGNA CONTRARIAMENTE A SALVINI INTEGRA QUESTI………?QUELLO DEL TITOLO.
-
*9 APRILE  2015:HILLARY CLINTON HA DISANGUATO IL SUO MARITO DOPO CHE HA SAPUTO DEL SUO RAPPORTO NASCOSTO CON MONICA LEWINSKY
-SU THE WASHINGTON TIMES:
Hillary insanguinato Bill Clinton, costringendolo a ottenere punti dopo aver appreso di Monica Lewinsky
Hillary e Bill Clinton (Associated Press)

Con Dave Boyer – The Washington Times – Lunedi, April 6, 2015

Proprio come Hillary Rodham Clinton si prepara a lanciare la sua campagna presidenziale, un nuovo libro dietro le quinte della vita alla Casa Bianca sta fornendo un sguardo nuovo le aspre lotte con il marito-presidente Bill Clinton per la vicenda di Monica Lewinsky, tra cui un scontro sanguinoso in camera da letto al primo della coppia.

“C’era sangue dappertutto il presidente e letto first lady”, scrive l’ex Casa Bianca giornalista Kate Anderson Brower . “Un membro del personale residence ricevuto una chiamata frenetica dalla cameriera che ha trovato il caos. Qualcuno doveva venire rapidamente e ispezionare il danno. Il sangue è stato Bill Clinton s ‘. Il presidente ha dovuto ottenere diversi punti di sutura alla testa. ”

“Il Residence: all’interno del mondo privato di The White House , “uscirà Martedì dalle editore Harper, ma estratti cominciato a fare il giro lunedì. Ms. Brower è un ex giornalista di Bloomberg News.

Storie diffuse dopo la lotta 1998 la Casa Bianca che Mrs. Clinton aveva brained il marito con una lampada in una furia sulle rivelazioni della sua relazione sessuale con la signorina Lewinsky, una Casa Bianca stagista. Ma secondo il libro, Casa Bianca personale ipotizzato che la signora Clinton ha colpito il marito con una delle decine di libri che teneva sul comodino.

Clinton “ha insistito che si sarebbe fatto male in esecuzione nella porta del bagno nel mezzo della notte,” Ms. Brower scrive. “Ma non tutti erano convinti. ‘Siamo abbastanza sicuri che lei lo cronometrato con un libro,’ ha detto un lavoratore. … L’incidente è avvenuto poco dopo relazione del presidente di una Casa Bianca stagista divenne di dominio pubblico … E c’erano almeno venti libri sul comodino … tra cui la Bibbia. ”

Un portavoce di Mrs. Clinton non ha risposto a una richiesta di commento.

In un altro passaggio del libro, Casa Bianca fiorista Ronn Payne ha ricordato la testimonianza di una discussione aspra tra la prima coppia.

“Stava arrivando l’ascensore di servizio … come i Clinton hanno sostenuto violentemente con l’altro. … [H] e udì la first lady soffietto ‘bastardo maledizione!’ al presidente – e poi sentì qualcuno lanciare un oggetto pesante attraverso la stanza, ” Ms. Brower ha scritto. “La voce tra il personale era che lei ha gettato una lampada. I maggiordomi, Payne ha detto, è stato detto di ripulire il pasticcio. In un’intervista con Barbara Walters, la signora Clinton fatta luce della storia … ‘Ho un buon braccio … Se avessi gettato una lampada a qualcuno, penso che avresti saputo.’ … ‘Hai sentito tanto turpiloquio’ nel Clinton Casa Bianca , [Payne] ha detto. … ”

La signora Clinton avrebbe consolarsi su relazione del marito ordinando Casa Bianca pasticcere Roland Mesnier per cuocere le torte moka preferiti.

La signorina Lewinsky ha detto che aveva rapporti sessuali con Mr. Clinton da novembre 1995 al marzo 1997. Ma la vicenda è stata una sorpresa per Casa Bianca personale, che ha visto il presidente da solo con la stagista così spesso che hanno cominciato a spettegolare quando avevano un “Lewinsky avvistamento.”

Clinton è stato punito dalla moglie in altri modi.

“Per tre o quattro mesi, nel 1998,” Ms. Brower scrive, “il presidente dormiva su un divano in uno studio privato collegato alla loro camera da letto al secondo piano. La maggior parte delle donne sul personale residence pensiero ha avuto quello che si meritava “.

E molto prima che la polemica su Mrs. Clinton server di posta elettronica privato s ‘durante il suo mandato come segretario di Stato, il libro dice che i Clinton erano ossessionati con la segretezza. I Clinton avevano la Casa Bianca circuiti del sistema telefonico riavvolto in modo che non avrebbe dovuto chiamare l’altro attraverso un centralino.

“‘Preoccupazione segreto reso i rapporti con il personale’ I Clinton caotica ‘per i loro interi otto anni di mandato, [in pensione Casa Bianca Usher Skip] Allen ha detto, ” Ms. Brower scrive. “Almeno un lavoratore residenza, Fioraio Wendy Elsasser, attribuisce loro ansia alle preoccupazioni dei genitori: ‘Penso proteggere il Chelsea può aver avuto molto a che fare con, in mancanza di un termine migliore, la loro standoffishness con il personale.’”

Nella ricerca il libro, la signora Brower ha intervistato più di 100 lavoratori della Casa Bianca residenza, così come aiutanti presidenziali e membri primi della famiglia.

La signora Clinton dovrebbe annunciare la sua candidatura presidenziale 2016 a fine mese. Lei è l’aggiunta al team di stampa per la campagna anticipata, selezionando Karen Finney per servire come consulente di comunicazione strategica e portavoce senior e Oren Shur come direttore dei media a pagamento, la CNN ha riferito Lunedi.

Ms. Finney servito come vice addetto stampa per la signora Clinton quando era first lady, e lavorò anche Mrs. Clinton campagna s ‘per il Senato nel 2000. E’ stata un host su MSNBC.

I Clinton non sono l’unico esaminato nel libro prima famiglia. Ms. Brower scrive di infedeltà note di John F. Kennedy alla Casa Bianca , tra cui il nuoto nudo in piscina con il personale femminile.

Tre figli adulti del presidente Jimmy Carter erano noti per fumare marijuana dal bong alla Casa Bianca . Il personale ha detto il signor Carter e la sua famiglia piangevano per due settimane subito dopo aver perso la sua offerta per la rielezione nel 1980.

Una Casa Bianca usciere, Nelson Pierce, ricorda testimoniando Nancy Reagan rimproverare il presidente Reagan mentre se ne stava nella loro camera perché era arrabbiato perché stava guardando il 23:00 notizia invece di andare a letto.

Il presidente George HW Bush e la first lady Barbara Bush sono ricordati dagli Casa Bianca dipendenti come prima coppia preferita. Membri dello staff ha detto che i Bush li ha trattati come familiari e li ha incoraggiati a andare a casa presto.

E Casa Bianca dipendenti dire il presidente Obama e la first lady Michelle Obama hanno avuto un rapporto relativamente lontana con il personale.

Usher Worthington Bianco ricorda portando documenti alla loro camera prima notte di Obama in carica, e sentendo lui nuovo presidente dice, “ho ottenuto questo, ho ottenuto questo. Ho avuto l’interno in questo momento. “Allora,” la musica prese, ed era Mary J. Blige. ”

Gli Obama – la first lady indossava pantaloni della tuta e una T-shirt – sono stati a ballare hit Blige, “Real Love”.

“‘Scommetto che non hai visto niente di simile in questa casa, vero?”, Ha detto Obama mentre ballavano.

“‘Posso dire onestamente che non ho mai sentito alcun Mary J. Blige si gioca su questo piano,’ rispose il signor Bianco”, secondo il libro.

http://www.washingtontimes.com/news/2015/apr/6/hillary-bill-clinton-fights-white-house-detailed-n/?

-REAZIONE:MA QUANTO E’ INGRASSATA!!!
-ILLUSTRAZIONE MUSICALE:PAPPO
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
*10 APRILE 2015:TERRORIFICO,COLPA DI MATTARELLA,RENZI,BERLUSCONI E LE LARGHE INTESE
-3 TITOLARE LA REPUBLICA:
.
-TITOLARE 1:
Tribunale Milano, imputato bancarotta fa strage foto videoracconto
Arrestato dopo fuga: “Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato” foto
Video esclusivo: fuga dal tribunaleuscita / Interattivo: la dinamica
Il killer ha ucciso giudice, avvocato e coimputato / Bruti: “Forse entrato con falso tesserino”
Chi sono l’omicida e le vittimefoto / Giardiello / video / Foto Soccorsi / Polizia in corridoio
di SANDRO DE RICCARDIS, ANDREA MONTANARI e MICHELA SCACCHIOLI con DAVIDE BANFO, ANNALISA CAMORANI, PIERO COLAPRICO e LUCIA TIRONI
REPORTAGE VIDEO di FRANCESCO GILIOLI, GIULIA COSTETTI, ALBERTO MARZOCCHI, TIZIANO SCOLARI, ELENA PERACCHI, interattivo di PAOLA CIPRIANI
Tribunale Milano, imputato bancarotta fa strage   foto     videoracconto    Arrestato dopo fuga: "Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato"   foto      Video esclusivo :  fuga dal tribunale   -   uscita  /   Interattivo:  la dinamica
,7mila condivisioni
2 commenti
.
-TITOLARE 2:
Mattarella: "Fare piena luce    video   basta discredito su magistrati" Polemiche sulla sicurezza 
Mattarella: “Fare piena luce  video
basta discredito su magistrati”
Polemiche sulla sicurezza
Renzi: “Falle evidenti nel sistema” video
Alfano: andava a uccidere altra personaVideo Testimone: “Nascosti sotto scrivanie
Rep tv L’inviato: “La gente urlava e scappava”
Articoli correlati

48 condivisioni
7 commenti
-TITOLARE 3:
Esclusivo  I guai finanziari di Giardiello     il  'Conte Tacchia':  fra soci e conti in nero
Giardiello dopo l’arresto
Esclusivo I guai finanziari di Giardiello il  ‘Conte Tacchia’: fra soci e conti in nero,di WALTER GALBIATI
Articoli correlati

16 condivisioni
.
-TITOLARE 4:
 
Rep tv Gherardo Colombo: “Ciampi ,un altro amico magistrato ucciso

Brutto clima, le toghe sono svalutate”
Così il giudice ucciso parlava dei suoi esordi,di LAURA PERTICI

-
REAZIONE:CHI HA GETTATO DISCREDITO SUI MAGISTRATI?A CHI IMPUTARE LE FALLE DEL SISTEMA?HO GIA MARCATO UNA CONSEGUENZA DELL’APROVAZIONE DELLA RIFORMA DELLA GIUSTIZZIA FATTA PER ACCONTENTARE BERLUSCONI E I SUOI ATTACHI ALLA GIUSTZIA QUANDO I POLIZZIOTTI COINVOLTI NELL’ARRESTO DI RIINA E LE TRATTATIVE STATO-MAFIA HANNO CHIESTO L’ASSOLUZIONE,E QUESTO ATTACCO TERRORIFICANTE EVIDENTE E’ UN’ALTRA DELLE CONSEGUENZE DEL CLIMA CHE HA ISTAURATO LE RIFORME DI RENZI E LE LARGHE INTESE.
L’ASSUNZIONE DI MATTARELLA HA COINCISO CON L’APPROVAZIONE DELLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA E LE SUE PRIME DICHIARAZIONI,SE NON LA PRIMA,E’ STATO UN ATTACO PROPIO ALLA GIUSTIZIA CHE EVIDENTEMENTO STA FACENDO PIAZZA PULITA SUI CORROTTI DELLE LERGHE INTESE(EXPO,MOSE,AUTOSTRADE,LA SANITA,FINMECCANICA,ECC),E ORA DOBBIAMO SOPPORTARE CHE LE NOSTRE ORECCHIE SI SENTANO DIRE QUESTE COSE DA MATTARELLA E RENZI:QUESTE PAROLE ALTRO NON SONO CHE AMMETTERE CHE HANNO SBAGLIATO.E’QUALCOSA IN PIU DI IPOCRISIA,HANNO SBAGLIATO.
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 200 »

1 aprile 2015
0
1 APRILE 2015:CARLO AMBIENTALISTA?FUMO NEGLI OCCHI
.
-SU GOOGLE NEWS:
La stampa britannica contro Carlo d’Inghilterra e il suo scarso rispetto dell’ambiente
di Redazione
In Gossip e Tv
31 marzo 2015
Commenti: 0
In un momento di grande tensione mediatica fra i tabloid e i reali d’Inghilterra, dopo un appello al rispetto dell’ambiente, il principe Carlo ha utilizzato un elicottero per uno spostamento di soli cento chilometri

Non si ferma la guerra tra la stampa britannica e il principe Carlo d’Inghilterra: il rapporto con i media negli ultimi tempi è stato particolarmente teso, e resta tale dopo i servizi pubblicati nella giornata di martedì e che puntano l’indice contro l’uso dei mezzi aerei che i reali, e Carlo in particolare, sono abituati ad avere.

Ad alimentare la polemica, ci hanno pensato le ultime dichiarazioni di Carlo d’Inghilterra, che alla fine della settimana scorsa si è esposto in prima persona per chiedere di limitare l’emissione di agenti inquinanti ed anidride carbonica da parte di aerei, elicotteri ed altri mezzi volanti. Un appello che era stato lanciato in una conferenza internazionale in favore dell’ambiente, e nel corso della quale Carlo aveva sottolineato le problematiche riguardanti proprio i mezzi aerei e il danno procurato all’ecologia.

Una posizione valutata dalla stampa inglese come il tipico predicar bene e razzolare male, visto che i tabloid hanno sottolineato come, a sole ventiquattro ore di distanza dal sentito discorso durante la conferenza dell’ambiente, Carlo abbia pensato bene di utilizzare un elicottero per percorrere una distanza inferiore a cento chilometri. Uno spostamento che avrebbe prodotto circa una tonnellata e mezza di anidride carbonica, uno sproposito rispetto a quanto si sarebbe potuto produrre spostandosi semplicemente in automobile o, meglio ancora, in treno: in tal caso, si sarebbe risparmiata energia sufficiente per riscaldare un intero condominio per otto settimane.

E’ stato in particolare il conosciuto tabloid ‘The Sun’ a scagliarsi contro Carlo d’Inghilterra, sottolineando sia il frivolo motivo che avrebbe comportato lo spostamento in elicottero (una riunione di corse di cavalli ad Ascot), sia il fatto che la giustificazione arrivata dalla Casa Reale abbia parlato di ‘viaggio regolarmente autorizzato’. Peccato che secondo il ‘The Sun’ non era l’autorizzazione al viaggio ad essere in discussione, ma l’impatto sull’ambiente in termini di inquinamento, soprattutto dopo l’appello pro-ecologia lanciato ventiquattro ore prima dallo stesso Carlo.

Britain Royal Baby

http://www.befan.it/la-stampa-britannica-contro-carlo-dinghilterra-e-il-suo-scarso-rispetto-dellambiente/
REAZIONE:E A VOI  VI PARE CHE CARLO SIA AMBIENTALISTA?A ME LUI NON MI PARE,QUELLO DEL TITOLO
Immagine anteprima YouTube
-

APRILE 2015:MAGNACCI

-SU LA STAMPA:

Sigilli al residence del segretario leghista L’accusa: si prostituiscono ragazze romene

L’esponente del Carroccio indagato dalla Procura: “Non ne so nulla, è tutto in regola”

settimo tornese

Il nome è già tutto un programma «Residence dell’amore». Il proprietario è il segretario cittadino della Lega Nord. Il residence è stato chiuso perchè qui si sarebbero prostituite alcune ragazze romene. È bufera a Settimo Torinese, dove un’operazione congiunta di carabinieri e polizia ha portato alla chiusura della struttura ricettiva per una serie di irregolarità amministrative. «Non ne so nulla», commenta il proprietario, l’esponente del Carroccio Gianluigi Cernusco, 66 anni, che è stato denunciato alla Procura. «Per altro – aggiunge – io sarei pure favorevole all’apertura delle case chiuse».

Ospita anche la sede della Lega

I controlli che hanno portato alla chiusura del «Residence dell’amore», al numero 57 di via Torino, sono scattati su disposizione della procura di Ivrea, che ha coordinato l’inchiesta e ha disposto la sospensione dell’attività commerciale. «Cado dal pero – è la reazione del proprietario, che nel residence aveva pure la sede del partito -. Ricordo soltanto che a febbraio la polizia ha controllato tutte le stanze. Poi sono andati via senza dirmi nulla. So solo che abbiamo dovuto adeguare la struttura alla normativa sulla prevenzione antincendio, ma non mi risulta affatto che nel residence ci fossero delle prostitute».

http://www.lastampa.it/2015/04/03/cronaca/sigilli-al-residence-del-segretario-leghista-laccusa-si-prostituiscono-ragazze-romene-n1rKl44LRgy5jqMt9HVWaJ/pagina.html

-
-E COSI SUL CORRIERE DELLA SERA:
Settimo Torinese
Leghista anti-immigrati denunciato per favoreggiamento prostituzione: lucciole straniere nel suo albergo
Stanze a tempo nell’hotel di Gianluigi Cernusco, 66 anni, leader del Carroccio nel comune piemontese che si era candidato con lo slogan: «Prima gli italiani»

di Elisa Sola

Gianlugi Cernusco, 66 anni
Gianlugi Cernusco, 66 anni
shadow

La «lotta ai clandestini» è stato per anni il cavallo di battaglia della sua politica e propaganda elettorale. Nel 2014 ha scatenato una polemica nel centrodestra durante la campagna per le comunali a Settimo Torinese, presentandosi con una lista chiamata «Prima gli italiani, No privilegi a zingari e immigrati». Ma alla fine, è stato proprio per via dei suoi presunti legami con belle e giovani ragazze «straniere», che Gianluigi Cernusco, 66 anni, storico leader locale della Lega Nord di Settimo (è stato anche segretario della sezione cittadina), è finito nei guai. Dopo mesi di osservazioni e indagini i carabinieri di Settimo lo hanno denunciato per favoreggiamento della prostituzione. E la struttura di cui è proprietario, il residence Sogere di via Torino 57, uno stabile anni Sessanta di quattro piani, è stata chiusa.

Prostitute e clienti a qualsiasi ora del giorno e della notte

Cernusco è il titolare dell’albergo, che, almeno dallo scorso autunno, era frequentato da prostitute e clienti a qualsiasi ora del giorno e della notte. Gli incontri avvenivano nelle stanze pagate a seconda del tempo di utilizzo. In media le camere venivano affittate per un’ora, al massimo per due. Ma sul registro delle presenze non veniva segnalato alcun movimento relativo alla «attività ad ore». Nessun nome doveva comparire. Quando i carabinieri hanno effettuato il blitz nel residence, hanno trovato al lavoro una prostituta rumena di 24 anni. Anche lei fermata. Era arrivata al residence guidando una Smart e aveva fornito ai militari una patente falsa. L’auto è stata sottoposta a fermo amministrativo. A dare il via all’indagine, trasmessa alla procura di Ivrea, sono stati alcuni residenti del paese, che da mesi avevano notato un via vai sospetto nell’albergo del leghista. Fondamentali sono state le testimonianze delle stesse prostitute, quasi tutte rumene o di paesi dell’Est europeo, che hanno confermato come il So.ge.re fosse diventato la loro casa chiusa.

Il candidato-sindaco di centrodestra prese le distanze

La polizia (che ha fatto i controlli amministrativi) inoltre, dopo una serie di controlli, ha verificato come il residence non fosse a norma, dal punto di vista della sicurezza e della normativa antincendio. Con un’ordinanza la struttura è stata chiusa. Cernusco, incensurato, che sulla pagina Facebook posta foto e manifesti di Salvini – questo lo slogan: «in casa nostra decidiamo noi: la clandestinità è un reato» – Cernusco ha guidato la Lega di Settimo per molti anni. Nel 2014 aveva messo fortemente in imbarazzo la coalizione di centro destra che sosteneva il candidato sindaco Pino Palena perché si era presentato con una lista chiamata: «No agli zingari, no agli immigrati». Tanto che lo stesso Palena si era dissociato da alcune dichiarazioni di Cernusco, considerate razziste. Inoltre, le frequentazioni del leghista con esponenti di Forza nuova e l’estrema destra, avevano contribuito a «isolare» il politico dal centro-destra.

«Clandestino è reato», «Clandestino e delinquenti fuori»

La lista contro gli immigrati di Cernusco non ha avuto successo alle scorse amministrative e il leghista non è stato eletto. Ha continuato comunque la sua attività politica. In molte immagini è immortalato in piazza a Settimo davanti alle bandiere della Lega su cui campeggiano le scritte: «Clandestino è reato», «Clandestino e delinquenti fuori». Non basta. Il 24 marzo 2014 Cernusco, ignaro di quel che sarebbe accaduto, su Facebook scriveva: «Gli italiani in mezzo alla strada, i clandestini in albergo .Che schifo!!» riferendosi al fatto che alcuni degli immigrati sbarcati a Lampedusa e arrivati in Piemonte venivano ospitati in varie strutture torinesi tra cui un albergo di Settimo, in periferia, piuttosto fatiscente.3 aprile 2015 | 18:31,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.corriere.it/cronache/15_aprile_03/leghista-anti-immigrati-denunciato-favoreggiamento-prostituzione-5caa0088-da19-11e4-9d46-768ce82f7c45.shtml
-
REAZIONE:CLANDESTINO NON E’ PIU REATO.
CLANDESTINO NON E’ PIU DELINQUENTE.
LUI DELINQUENTE,PIU DEGLI “OSPITI” DELL’ALBERGO.
-
*4 APRILE 2015:EXPO,INNEFFICENZA E CORRUZIONE TUTTA MILANESE-LOMBARDA
.
-SU LA STAMPA:

Expo, il rischio di mostrare il peggio

01/04/2015
michele brambilla

Tra un mese esatto comincia l’Expo e a Milano ci si sta dando da fare affinché tutto sia pronto. O meglio, affinché tutto sembri pronto. Dire che siamo indietro, infatti, sarebbe poco. Il 74 per cento dei padiglioni è ancora in costruzione, altri sono in fase di collaudo o verifica amministrativa, solo il 9 per cento è ultimato.

Così, il 26 marzo scorso è stato chiuso l’appalto per il «camouflage», modo elegante per dire camuffamento. In pratica saranno costruiti dei pannelli mobili – che sempre in modo elegante vengono chiamati «exthernal exhibition elements» – i quali serviranno a non far vedere, ai visitatori, le opere ancora incompiute, i cantieri aperti, insomma il brutto del provvisorio. L’inaugurazione del primo maggio a qualcuno ricorderà probabilmente quella della casa «a comparti mobili» del decaduto conte Mascetti in «Amici miei», con il Necchi-Duilio Del Prete che dice «pare che non c’è nulla invece c’è tutto», e il Mascetti-Ugo Tognazzi che risponde amaro «pare che c’è tutto invece non c’è nulla».

Come si sia arrivati in dirittura d’arrivo in queste condizioni, è presto detto, anche se resta un mezzo mistero, vista la fama di efficienza che ha, o meglio che aveva, Milano. Il tempo per far meglio, sinceramente, non mancava. Dell’Expo s’era cominciato a parlare addirittura nel 2006. Un paio di anni più tardi il Comune di Milano se l’era aggiudicato formalmente, grazie all’impegno della giunta Moratti. Poi, qualcosa è successo e, come sempre in questi casi, un po’ di colpa è anche della sfortuna. Infatti a un certo punto è arrivata, imprevista, la grande crisi economica, e il governo – ministro Tremonti – ha cominciato a tagliare a Milano un certo numero di finanziamenti. Poi, ancora più imprevisto, è arrivato il terremoto de L’Aquila, e i fondi per la costruzione della quarta linea della metropolitana milanese sono stati dirottati in Abruzzo.

Ma la sfortuna, come sempre, non basta a spiegare. L’amara verità è che Milano ha commesso molti errori. A cominciare dal fatto che non ha saputo fare squadra. Ci sono stati litigi infiniti, e del gruppo dirigente iniziale è rimasta solo Diana Bracco, la presidente: gli altri sono cambiati tutti. Poi ci sono stati problemi per l’acquisizione delle aree. Poi ci sono stati gli episodi di corruzione, e le inchieste. E qua verrebbe da dire: è vero che la corruzione è un virus onnipresente, ma è anche vero che quando si è in ritardo, e si forzano le procedure per gli appalti per fare in fretta, il virus prende forza.

È mancata anche, come si usa dire, «una visione d’insieme». Beppe Grillo è Beppe Grillo, e quindi esagererà anche quando dice che ci si è limitati a far palazzi «nel luogo più brutto del mondo», fra Pero e Rho, cioè fra l’autostrada e le raffinerie. Però è innegabile che un Expo si fa per mostrare al mondo un Paese intero, non un quartiere. La cultura del cibo, in Italia, è ovunque, i visitatori avrebbero dovuto avere la possibilità di raggiungere facilmente ogni regione, invece saremo ancora qui, tanto per fare un esempio, con la vergogna della Milano-Torino a due corsie, per giunta piene di curve e di camion e delimitate da paratie mobili che quando fai un sorpasso raccomandi l’anima a Dio.

Questo giornale non è, e non è mai stato, «contro» l’Expo. Anzi. Abbiamo sempre pensato che sarebbe stata una grande opportunità per metterci in mostra e per ripartire. Ma per come siamo arrivati impreparati all’appuntamento, il timore è che in mostra metteremo, oltre gli «exthernal exhibition elements», il peggio dell’approssimazione italiana.

http://www.lastampa.it/2015/04/01/cultura/opinioni/editoriali/expo-il-rischio-di-mostrare-il-peggio-gWsyK43dQXNzE89GECbI6H/pagina.html

-

REAZIONE:ANCORA NON PIOVE PER C’E’ CHI APRE L’OMBRELLO.DESACRALIZIAMO:

-VIENE MINIMIZZATO IL RUOLO DELLA CORRUZIONE E/O AGGIUDICATA AD ALTRI MOTIVI:LA CORRUZIONE E’ STRUTTURALE E NON A CAUSA DELLA FRETTA .

LA CORRUZIONE ANCHE SE  E’ PRINCIPALMENTE LOMBARDO-VENETA C’E’ ANCHE UNA CUPOLA CHE FA CAPO A TUTTO IL GOVERNO DELLE LARGHE INTESE SENZA RISPAMIARE PARTITI.

LA CORRUZIONE ECCEDE LA SOLA EXPO(OLTRE A INFRASTRUTTUR LOMBARDE,MOSE,SANITA,AUTOSTRADE,FINMECCANIC,ECC,ECC).

LA CORRUZIONE SARA LA CAUSA PRINCIPALE DEL FALLIMENTO INSIEME  AL’INEFFICENZA DI CLAN MILANESI CHE L’HANNO ORGANIZZATO E NON LA CATTIVA FORTUNA DELLA CRISI(E CHI L’HA FATTO?)O IL DIROTTAMENTO DI SOLDI FUORI REGIONE A CAUSA DI MALI NATURALI.

UN MODO DI DIRE:A L’AQUILA GLI AIUTI,L’ELEMOSINA ESTERA(SI ASPETTAVA PRINCIPALMENTE QUELLA FRANCESE E AMERICANA)NON C’E’ STATA E QUINDI ABBIAMO DOVUTO DIROTTARE SOLDI MILANESI DELLA EXPO.IN REALTA NON VA DIMENTICATO CHE C’ERA LA CORRUZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE,LO SPRECO E IMPROVISAZIONE  DELLA “COMMEDIA DELLA MADALENA” CON IL G8 SPOSTATO ALL’AQUILA  ALL’ULTIMO MOMENTO E IL RIDICOLO SONTRO CON L’EFFICENZA DEGLI AIUTI NEL TERREMOTO DI HAITI.IN VERITA TUTTO POCO DIGNITOSO PER L’IMMAGINE DELL’ITALIA.

-ORA ALL’ULTIMO MOMENTO PREVEDENDO GIA IL FALLIMENTO SI PRETENDE TOGLIERE RESPONSABILITA ALL’ORGANIZAZZIONE MILANESE E LOMBARDE DELLE LARGHE INTESE DECENTRALIZZANDO L’EXPO A TUTTA L’ITALIA:NO,ANCHE SE IL GOVERNO CENTRALE SI HA PRESO LA RESPONSABILITA IN PRIMA PERSONA,NON E’ MAI STATA PRESENTATA COME UNA EXPO-PAESE MA UNA EXPO MILANESE-LOMBARDA,COMUNE E REGIONE.NON CERCARE ORA DI DISTRIBUIRE LE COLPE DEL FALLIMENTO:SE ANDAVA BENE I MERITI ERANO DI MILANO E LA LOMBARDIA,SE VA MALE LA COLPA E’ DI TUTTA L’ITALIA?

-LA CORRUZIONE E’ SOLO L’IMPLOSIONE DEL SISTEMA ORGANIZZATIVO,LA NUOVA ERA ANCORA NON HA ENTRATO IN CAMPO.DA QUESTE PAGINE HO FATTO APELLO AL BOICOTAGGIO PERO DEGLI OPERATORI NUOVA ERA FRA I QUALI QUELLE DELLA TELECOMUNICAZIONI,E QUESTI SI VEDRANNO DOPO L’INIZIO E ALL’ORA DI TIRARE LE SOMME.

-

*5 APRILE 2015:PATTO CHE NON  E’ NUOVA ERA

-SU LE MONDE:

Politique
Le FN embarrassé par une nouvelle affaire russe

Le Monde | 03.04.2015 à 11h22 ,Mis à jour le 03.04.2015 à 14h19

image: http://s2.lemde.fr/image/2015/04/03/534×0/4609165_3_a473_une-delegation-du-front-national-dont-marine_0b3e4471c725f5da6dced92e88fafa0eUne délégation du Front national, dont Marine Le Pen et Louis Aliot, à Moscou, le 19 juin 2013.

Le Front national a-t-il été financièrement remercié par le Kremlin pour ses positions pro-russes au moment du référendum de Crimée en mars 2014 ? La divulgation de milliers de SMS émanant d’un cadre de l’administration présidentielle de Vladimir Poutine, révélée par Mediapart jeudi 2 avril, jette un trouble sur les relations entre le parti d’extrême droite et le pouvoir russe.

Piratées par des hackers se réclamant d’« Anonymous International » sur un site russe –bloqué dans le pays par les autorités – 1 187 pages de messages privés ont été rendues publiques mardi 31 mars. La cible : Timour Prokopenko, alors adjoint du chef du département de politique intérieure au sein de l’administration présidentielle de Vladimir Poutine, dont plusieurs dizaines de milliers de textos, de 2011 à 2014, ont été publiés.

Noyés dans ce déballage de messages rarissime en Russie, plusieurs concernent la présidente du Front national, Marine Le Pen, via un « contact français » que les pirates identifient comme étant Konstantin Rykov – nommé ici par le diminutif de son prénom en russe, « Kostia ». Ce dernier, élu en 2007 député de la Douma (la chambre basse du Parlement) sous l’étiquette du parti au pouvoir Russie Unie, est un fervent partisan du chef de l’Etat dont il a soutenu les campagnes électorales par le biais de plusieurs sites Internet. Selon l’opposant Alexeï Navalny qui avait publié des documents en français à son sujet sur son site de lutte contre la corruption, Konstantin Rykov posséderait une villa à Mougins, dans les Alpes-Maritimes, achetée 2 millions d’euros,…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/04/03/92×61/4609165_7_6479_une-delegation-du-front-national-dont-marine_c68e1bbea30f29cdbdb3e5517814e257.jpgUne délégation du Front national, dont Marine Le Pen et Louis Aliot, à Moscou, le 19 juin 2013.

Le FN embarrassé par une nouvelle affaire russe

Il vous reste 80% de l’article à lire

Achetez cet article 2 € Abonnez-vous à partir de 1 € Découvrez l’édition abonnés

http://www.lemonde.fr/politique/article/2015/04/03/le-fn-embarrasse-par-une-nouvelle-affaire-russe_4609167_823448.html

REAZIONE:ANCHE LA LEGA,AFFINE AL FN DI LE PEN, HA PATTUITO CON PUTIN E SALVINI IN UN COMIZIO A GENOVA HA AMESSO ESSERSI RECATO IN RUSSIA E RICEVERE FINANZIAMENTI.NATURALMENTE QUESTO NON E’ NUOVA ERA,NE MENO IN CRIMEA.

BERLUSCONI PURE SI E’ ESPRESSO A FAVORE DI PUTIN E “CONTRO OCCIDENTE” NEL DIFFERENDO DELL’UKRANIA.NON HA DETTO SE ERA A FAVORE O CONTRO KIEV.NATURALMENTE NESSUNO DI QUESTI ATTORI SONO A FAVORE DELLE ZONE LIBERATE DELL’EST UKRANIANO.
-
*5 APRILE 2015:IO VITTIMA DI PRESSIONI PER PARTE DELLA PPUBBLICITA DI GOOGLE,PORTATO A PROCESSO IN FRANCIA E USA
.
INRODUZIONE:VEDI DI SEGUITO DUE NOTE STAMPA SU LE MONDE E DOPO IL MIO COMMENTO:
.
1-SU LE MONDE,Pixels
Un nouveau front s’ouvre contre Google en France

LE MONDE ECONOMIE | 04.04.2015 à 10h26, Mis à jour le 04.04.2015 à 10h28 | Par Anne Eveno

De l'autre côté de l'Atlantique, un sénateur américain a annoncé vouloir entendre l’agence fédérale américaine chargée de faire respecter le droit de la consommation  sur l’abandon d’une enquête pour anticoncurrence qui visait Google en 2012.

Les feux se concentrent sur Google. Cette fois, l’offensive part du Palais du Luxembourg. Plusieurs sénateurs ont déposé, jeudi 2 avril, un amendement au projet de loi Macron pour la croissance, l’activité et l’égalité des chances économiques, dont l’examen aura lieu la semaine prochaine. Les auteurs, tous élus de l’opposition – Catherine Morin-Desailly (UDI-UC, Seine-Maritime), Bruno Retailleau (UMP, Vendée), Jean Bizet (UMP, Manche), Jean-Claude Lenoir (UMP, Orne) et Chantal Jouanno (UDI-UC, Paris) –, estiment urgent de se donner les moyens d’encadrer les pratiques des moteurs de recherche : « Cet objectif passe par la mise en place d’une régulation ex ante [au préalable] », expliquent-ils dans l’exposé des motifs de l’amendement.

S’ils ne nomment pas Google explicitement dans le texte, c’est bien le géant américain qui est dans le collimateur des parlementaires. « Nous avons la conviction que Google favorise ses propres services et nous estimons qu’il faut réguler cette situation, sinon les autres entreprises ne peuvent se développer », explique au Monde Catherine Morin-Desailly.

L’initiative sénatoriale – qualifiée de « première mondiale » par ses promoteurs – intervient dans un moment particulier pour Google, qui détient sur le marché de la recherche sur Internet une part ultra-dominante, 77 % aux Etats-Unis et plus de 90 % en Europe. De l’autre côté de l’Atlantique, un sénateur américain a annoncé vouloir entendre l’agence fédérale américaine chargée de faire respecter le droit de la consommation…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/04/04/92×61/4609718_7_c72b_de-l-autre-cote-de-l-atlantique-un-senateur_c1bba49bc0ac76608bafd725d18d2e7b.jpgDe l'autre côté de l'Atlantique, un sénateur américain a annoncé vouloir entendre l’agence fédérale américaine chargée de faire respecter le droit de la consommation  sur l’abandon d’une enquête pour anticoncurrence qui visait Google en 2012.

Un nouveau front s’ouvre contre Google en France

Il vous reste 74% de l’article à lire

http://www.lemonde.fr/pixels/article/2015/04/04/un-nouveau-front-s-ouvre-pour-google_4609720_4408996.html

——-
-NOTA 2:
Économie
Le Sénat américain va enquêter sur Google

Le Monde.fr | 31.03.2015 à 08h21,Mis à jour le 31.03.2015 à 10h10 | Par Corine Lesnes (San Francisco, correspondante)

La commission sénatoriale veut en savoir plus sur les contacts entre Google et l’administration Obama pour établir si celle-ci a aidé la firme à éviter les sanctions en faisant pression sur la FTC, l’agence fédérale chargée de la défense des consommateurs.

Le Sénat américain va se pencher sur les pratiques de Google, et sur les conditions dans lesquelles le moteur de recherche a été blanchi, en 2013, des accusations d’abus de position dominante par la FTC, l’agence fédérale chargée de la défense des consommateurs.

Le 20 mars, le Wall Street Journal avait révélé que les commissaires de la FTC avaient décidé de classer le dossier, alors que les experts de sa division de la concurrence avaient recommandé d’engager des poursuites. Le quotidien avait eu accès à un rapport préliminaire, qui n’aurait pas dû être rendu public mais qu’il avait obtenu dans le cadre d’une requête invoquant la loi sur la liberté de l’information.

Lire aussi : Révélations sur les drôles de pratiques de Google

Ce rapport, daté de 2012, concluait que le géant de Mountain View favorisait ses propres services dans ses référencements, qu’il copiait les données de ses concurrents, comme Yelp ou Tripadvisor, et exerçait des pressions sur les annonceurs pour qu’ils choisissent sa propre régie publicitaire, AdWords.

Le sénateur républicain de l’Utah, Mike Lee, qui préside le comité anti-trust de la commission des lois du Sénat, a indiqué, lundi 30 mars, au National Journal, qu’il s’intéresse aux différents aspects du dossier : « Comment la FTC a-t-elle pu laisser filtrer un rapport confidentiel, et quelles conversations, le cas échéant, la FTC ou Google ont-ils eues avec la Maison Blanche sur les investigations en cours ? »

230 visites à la Maison Blanche

Il ne s’agit pas, dans l’immédiat, d’enquêter sur le fond de l’affaire elle-même, à savoir la plainte pour abus de position dominante portée par Microsoft et d’autres concurrents de Google, a précisé le sénateur. L’élu républicain souhaite en savoir plus sur les contacts entre Google et l’administration Obama pour établir si celle-ci a aidé la firme à éviter les sanctions en faisant pression sur la FTC, agence statutairement indépendante.

La semaine dernière, le Wall Street Journal a révélé que des employés de Google avaient été reçus quelque 230 fois à la Maison Blanche depuis l’élection de Barack Obama en 2008, soit une fois par semaine en moyenne. Le PDG de Google, Eric Schmidt a soutenu M. Obama depuis les débuts et il a joué le rôle de conseiller informel auprès du président.

Google a réagi au décompte du Wall Street Journal par la voix de sa vice-présidente pour les communications, Rachel Whetstone. Celle-ci a affirmé qu’il n’avait en aucun cas été question de la plainte portée devant la FTC dans les conversations des employés de la firme à la Maison Blanche.

 Corine Lesnes (San Francisco, correspondante)

Correspondante du Monde aux Etats-Unis basée à San Francisco

http://www.lemonde.fr/economie/article/2015/03/31/le-senat-americain-va-enqueter-sur-google_4606211_3234.html

COMMENTO:IO HO SUBITO UNA GRAVE PRESSIONE PER PARTE DI GOOGLE A SCOPO DI NON SMETTERE DI FARE PUBBLICITA IN ADSENSE E ADWORD.MI E’ STATO IMPEDITO DI CANCELLARE IL MIO ACCOUNT,INATTIVO INOLTRE DA MOLTI ANNI,MALGRADO LA PROCEDURA SIA PREVISTA NEL CONTRATTO AL MOMENTO DI APRIRE L’ACCOUNT.CONCRETAMENTE IL MIO ACOUNT E’ STATO APERTO IN URUGUAY,SUDAMERICA,DOPO NEL 2012 MI SONO TRANSFERITO IN ITALIA E AL MOMENTO DI CAMBIARE LA SEDE DELL’ACCOUNT MO E’ STATO IMPEDITO:COSA DOVEVO FARE,RITORNARE IN URUGUAY?SI,QUESTO HO DOVUTO FARE E PURTROPPO ANCORA NON MI E’ STATO CANCELLATO L’ACCOUNT.TALMENTE GRAVE E’ L’INFRAZIONE E VIOLAZIONE DI GOOGLE DELLE SUE PROPIE NORMATIVE.

DI SEGUITO VI FACCIO VEDERE LA DENUNCIA PUBBLICATA DAL 2012 IN UN DOCUMENTO PUBBLICO RIPORTATO IN UN LINK DI UN MIO BLOG:

A-CLICCA PER VEDERE IL BLOG:

http://cianciminotortorici.blogspot.com/?mkt=it-it

-DOPO CLICCA SUL LINK INTITOLATO:

EPILOGO:RIASSUNTO DI EBAY E MERCADO LIBRE(PIU ANEXO PUBBLICITA)

-O CLICCA QUI L’INDIRIZZO PER VEDERE DIRETTAMENTE IL DOCUMENTO PUBBLICO:

https://docs.google.com/document/d/1n-9GSBoNJyh-xNi34XdJNVNBVSMP1ECGvPyhaSYHA14/preview

VORREI DISTACCARE CHE L’ACCUSA NULLA TOGLIE ALL’AVANGUARDIA DI GOOGLE DELLA NUOVA ERA IN QUANTO E’ INDIRIZZATA AL MOTORE DI RICERCA DI QUI QUELLA NON FA PARTE.L’ACCUSA INSOMMA NON E’ ALLA PARTE TECNICA,SCIENTIFICA E CONCETTUALE DELLA NUOVA ERA ADOTATTA DA GOOGLE MA AL SUO MOTORE DI RICERCA E ALLA GESTIONE IMPRESARIALE ED ECONOMICA PRESIEDUTA DA ERIC SMITH.

-E COSI SU “LA STAMPA” DI ITALIA:
http://www.lastampa.it/common/img/lastampatop2.gif

tecnologia
Google e Antitrust Usa: tattiche monopoliste denunciate nel 2012, spunta il rapporto

Ma la Federal Trade Commission decise di non procedere. L’azienda: “Le speculazioni su potenziali danni a concorrenti e consumatori si sono rivelate totalmente sbagliate”
WASHINGTON
La Federal Trade Commission degli Stati Uniti aveva concluso nel 2012 che Google usava tattiche anticompetitive e abusava dei suo status di monopolio, ad esempio privilegiando nei risultati delle ricerche link e indicazioni che portassero ai suoi stessi servizi. È uno dei giudizi più duri finora espresso sul comportamento di Google, rivela il Wall Street Journal, sottolineando tuttavia che la Commissione decise all’unanimità di non procedere oltre dopo che Google aveva acconsentito a operare alcuni cambiamenti. L’indagine ha richiesto 19 mesi e analizzato 9 milioni di pagine di documenti, oltre a svariate ore di testimonianze.Si tratta comunque, scrive il giornale, di uno dei documenti più severi sull’argomento e che avrebbe potuto innescare un caso legale di alto profilo, paragonabile alla causa lanciata dal dipartimento di Giustizia contro Microsoft negli anni ’90.Dalla documentazione della FTC emergerebbe che il comportamento di Google era dannoso sia per gli utenti online, sia sul piano dell’innovazione per quanto riguarda i mercati della ricerca del marketing online.
Google replica così: ”Speculazioni su potenziali danni a concorrenti e consumatori si sono rivelate totalmente sbagliate. Da quando l’indagine si è conclusa due anni fa, le modalità in cui le persone accedono all’informazione online sono cresciute in maniera sostanziale, offrendo ai consumatori una possibilità di scelta più ampia che mai. E i nostri concorrenti stanno prosperando. Per esempio, Yelp si definisce il motore de facto per le ricerche locali e ha fatto registrare una crescita dei ricavi del 350% negli ultimi 4 anni. TripAdvisor dichiara di essere il più grande marchio travel del mondo web e ha quasi raddoppiato i suoi ricavi negli ultimi 4 anni”.http://www.lastampa.it/2015/03/25/tecnologia/google-e-antitrust-usa-tattiche-dannose-denunciate-nel-spunta-il-rapporto-voXbPZGNyu4ml3kJs9EksI/pagina.html——————————————————-

-ATTUALIZAZZIONI CHE COMPLETANO IL PANORAMA INFORMATIVO:

SULL’ARGOMENO OLTRE A USA E FRANCIA SI OCCUPA ANCHE  L’UNIONE EUROPEA.C’E’ MOLTISSIMA LETTERATURA GIORNALISTICA AL RIGUARDO.IO HO SCELTO ALCUNE NOTE SU “LA STAMPA”  SOLTANTO PERCHE SONO QUELLE CHE MI SONO CAPITATE PER PRIMA:
-NOTA A:
http://www.lastampa.it/common/img/lastampatop2.gif

tecnologia

“L’Antitrust Ue pronta ad aprire una procedura contro Google”
La notizia è stata pubblicata sul Wall Street Journal. Sulla questione era intervenuto anche il presidente americano Obama
francesco zaffarano
Tra poche settimane l’antitrust europea potrebbe aprire una procedura contro Google. È la notizia con cui questa mattina apre il Wall Street Journal, citando alcune fonti secondo le quali la Commissione europea avrebbe chiesto alle aziende che hanno denunciato Google il permesso di pubblicare alcune informazioni depositate inizialmente in via confidenziale.Il provvedimento contro Google sarebbe il più grosso da quello intentato ai danni di Microsoft, che enl 2012 ha pagato all’Unione Europea 1,7 miliardi di euro di multe.La notizia riportata dal Wall Street Journal, però, potrebbe diventare un caso anche a livello politico. Neanche un mese fa, infatti, il presidente americano Barack Obama era intervenuto sulla questione (su cui in Europa si dibatte da anni), accusando il vecchio continente di non saper stare alle regole del mercato: «Gli Stati Uniti hanno creato e perfezionato Internet – aveva detto Obama – mentre voi sapete solo tassare».http://www.lastampa.it/2015/04/02/tecnologia/lantitrust-ue-pronta-ad-aprire-una-procedura-contro-google-fMtfiZV70JfjW8DSVGnDbK/pagina.html

——————————————————–
-NOTA B:
http://www.lastampa.it/common/img/lastampatop2.gif

economia
L’Antitrust europea pronta a multare Google
La decisione il 15 aprile. Facebook nel mirino per violazioni della privacy

Mountain View (California), il quartier generale di Google

marco zatterin
corrispondente da bruxelles
Gli uomini dell’Antitrust europeo non commentano e non è una sorpresa. Davanti alla notizia rimbalzata dall’America secondo cui la Commissione Ue sarebbe entrata nell’ultima fase dell’inchiesta per abuso di posizione dominante contro Google, i portavoce rispondono che «l’indagine è in corso e non c’è nulla da dire». Il Wall Street Journal ha scritto che il contenzioso sarebbe sul punto di maturare e una decisione, con possibile multa annessa, sarebbe prossima. «È la foto attuale del caso», conferma una fonte Ue. Il collegio, aggiunge, potrebbe esaminare il dossier in aprile: «Forse già nella riunione del 15, ma dipende come procederanno i contatti nei prossimi giorni».La multinazionale di Mountain View rischia grosso. Tre anni fa Microsoft si è guadagnata una sanzione da 1,8 miliardi di dollari per non aver dato agli utenti di Windows una reale libertà di scelta sul browser per Internet. La presunta colpa che vede Google sotto inchiesta da 5 anni sarebbe in questo caso triplice: avrebbe utilizzato contenuti di aziende concorrenti e no spacciandoli per propri; avrebbe fatto apparire nelle ricerche le cose di casa rispetto alle altre; avrebbe tratto vantaggi sfruttando la sue posizione dominante. Gli interessati, naturalmente, negano. L’approssimarsi della fine, secondo le indiscrezioni, sarebbe segnalata dal fatto che la Commissione Ue avrebbe chiesto alle aziende che hanno denunciato Google il permesso di pubblicare le informazioni depositate, dati e prove che inizialmente avevano un carattere confidenziale. Secondo fonti industriali, alle società sarebbe stato domandato di rispondere «in qualche giorno», indice dell’urgenza con cui Bruxelles intenderebbe avanzare.Google ha un contenzioso aperto anche sul diritto all’oblio che una sentenza della Corte Ue del maggio scorso vuole sia garantito a chi lo desidera. Lo scorso novembre l’Europarlamento ha approvato un parere non vincolante secondo cui i motori di ricerca dovrebbero essere separati dall’industria dei servizi, il che comporterebbe lo spezzatino di Mountain View. «Per la questione Antitrust – spiegano comunque a Bruxelles -, la Commissione cercherà un accomodamento, prima di agire in modo punitivo». A metà mese la questione potrebbe essere chiarita.Nel frattempo, si scopre dal Financial Times che anche la Apple sarebbe finita sotto i riflettori dell’Ue che starebbe esaminando gli accordi di Cupertino con le case discografiche finalizzati alla diffusione dei brani sulla piattaforma iTunes: i colloqui avverrebbero nell’ambito dell’inchiesta dei servizi musicali in streaming.
Rischia pure Facebook, sospettata di violare la privacy degli utenti. Sei Paesi hanno lanciato un’inchiesta sulla regina dei social media, con Francia, Spagna e Italia che si sarebbero unite all’azione già avviata da Germania, Olanda e Belgio. Si vuole fare luce sulla gestione dei dati personali di oltre 300 milioni di utenti continentali che sarebbero intrecciati con quelli di Instagram e WhatsApp per affinare l’invio di pubblicità. Galeotto sarebbe il «like» che si decreta per le cose di proprio gusto. I garanti della Privacy pensano che possa non essere solo un click fine a se stesso.

http://www.lastampa.it/2015/04/03/economia/lue-pronta-a-multare-google-pHwlThO70CxKqio8bcHx1I/pagina.html

————————————————————–
-NOTA C:
http://www.lastampa.it/common/img/lastampatop2.gif

tecnologiaObama e l’economia del web: “L’Europa ci combatte con le leggi perché non può competere sul mercato”
Il presidente americano attacca le proposte comunitarie su privacy e trasparenza fiscale, ma Bruxelles puntualizza: le regole sono uguali per tutte le imprese, sia nazionali che globali

Il presidente americano Barack Obama
marco zatterin
Corrispondente da Bruxelles
Barack Obama non crede alla buona fede dell’Antitrust a dodici stelle che, da anni, tiene sotto osservazione i giganti americani del pianeta Internet, Google, Facebook e Amazon. Bruxelles si muove per comprendere le dinamiche che sovrintendono alla gestione dei miliardi e miliardi di dati che i colossi della grande rete tengono nei loro computer. È uno duello intenso, senza esclusione di colpi. La casa di Mountain View si è persino rifiutata di dire alla Corte di Giustizia Ue dove sono situati fisicamente i centri in cui immagazzina numeri, indirizzi, gusti e ricerche. C’è chi dice che il coinvolgimento di Google, insieme con Amazon, nell’inchiesta sui possibili aiuti di stati ottenuti dal Fisco in Irlanda e Lussemburgo non sia casuale, ma solo l’ennesima battaglia nella grande quella per il controllo del web.Il presidente degli Stati Uniti ha qualche dubbio e non ha problemi ad ammetterlo. «Talvolta la risposta europea è guidata più da intenti commerciali che ad altro», ha affermato in una intervista concessa a Re/code , una delle principali testate tecnologiche del globo terracqueo. «Ci sono paesi come la Germania – ha spiegato – che alla luce del passato con la Stasi (la polizia segreta della Germania Est, ndr) sono molto sensibili alla questione della riservatezza». Tuttavia, ha insistito, «qualche volta le loro aziende che non riescono a competere con le nostre cercano semplicemente di alzare degli ostacoli per impedirci di essere ben presenti sul mercati».Un’azione ispirata dalla politica, dunque, una politica commerciale di contenimento, cosa che viene seccamente negata dai portavoce della Commissione. A Bruxelles si risponde che «l’idea che l’Ue cerchi di proteggere le sue aziende non riflette la realtà», perché l’Europa si batte per fare in modo che «tutti possano stare sul mercato con le medesime regole». Il tutto, non senza qualche evidente fastidio e difficoltà. Soprattutto per la dote straordinaria delle multinazionali di profittare i buchi nei sistemi fiscali e usare l’Europa quasi come fosse un paradiso fiscale. Colpa degli stati, certo. Perché le istituzioni, potendo, sarebbero liete di archiviare le anomalie.Il clima è cambiato. La «Google tax» antielusione da applicare sui maggiori protagonisti del web annunciata in dicembre nel Regno Unito lo conferma. Potrebbe essere un esempio per tutti. La Commissione europea investiga da anni la possibilità che Google usi e abusi della sua potenza per fare accordi di ricerca con le imprese. Ora il colosso si è impegnato a modificare alcuni meccanismi. E’ un passo avanti che, però, non ha ancora convinto del tutto i critici della motore di ricerca più amato. Il parlamento europeo ha anche approvato un testo non vincolante che suggerisce la possibilità che Google sia spacchettata, da un lato le ricerche e dall’altro i servizi. Agli americani non è piaciuto.Nel programma della nuova Commissione uscito prima di Natale si legge che l’Europa intende rinegoziare le regole secondo le quali le compagnie americane possono esportare i dati riservati e no dei cittadini europei, ipotesi che sembra essere molto gradita dai consumatori e clienti che vivono dalle nostre aperti. I governativi americani assicurano che non ci sono rischi di irregolarità, ma è un argomento che raccoglie relativi consensi. A Bruxelles si studia con metodo come e quando intervenire.Nel frattempo, si tende la mano. «Il nostro ruolo è quello di garantire che le imprese che lavorano nel nostro continente giochino con le stesse regole – ha spiegato un portavoce Ue -, non se ne può fare a meno se si intende tutelare gli interessi dei cittadini». Al contempo, si punta a incoraggiare le imprese a investire in un mercata da 500 milioni di consumatori, piuttosto che in ventotto paesi guidati da regole diverse. Insomma, è la teoria, si lavora perché tutti siano uguali come dice la Costituzione americana. Anche se, si scopre spesso, certe multinazionali sono più uguali di altre.
http://www.lastampa.it/2015/02/25/tecnologia/obama-e-leconomia-del-web-leuropa-ci-combatte-con-le-leggi-perch-non-pu-competere-sul-mercato-pg9DD31o9azF0f91K62lIL/pagina.html
—————————————————————
-NOTA D:
http://www.lastampa.it/common/img/lastampatop2.gif
tecnologia
Google ci fa credere di essere più intelligenti di quello che siamo
Gli strumenti di ricerca via web causano confusione “tra ciò che effettivamente si sa e ciò che si crede di sapere”. Lo afferma uno studio della Yale University

carlo lavalle
Google fa credere alle persone di essere più intelligenti di quanto non siano realmente. Sono le conclusioni cui giunge un’accurata indagine condotta da tre ricercatori in psicologia della Yale University, pubblicata sul Journal of Experimental Psychology.Avere a portata di mano Internet e i motori di ricerca può determinare negli individui un’errata percezione della propria conoscenza, sopravvalutando le proprie capacità – sostengono nel loro studio Matthew Fisher, Mariel K. Goddu, e Frank C. Keil che hanno sottoposto ad una serie di test con domande, diverse centinaia di adulti, divisi in gruppi.Di norma, il soggetto riesce a distinguere abbastanza chiaramente quando un’informazione è presa da una fonte esterna, come un libro e un esperto, o, invece, è frutto del suo sapere memorizzato.
Internet, che amplia in maniera potenzialmente infinita l’accesso alla conoscenza, tende però a causare un effetto sistematico di confusione “tra ciò che effettivamente si sa e ciò che si crede di sapere”.Nell’individuo, che si avvale di Google o Yahoo, si crea un’illusione di sapere che lo porta a non essere più in grado di rendersi conto di quanto il proprio conoscere derivi da sé stesso o dalla tecnologia online. D’altro canto, tra chi ricorre agli strumenti via web è stata anche riscontrata l’attitudine a pensare che i loro cervelli siano più attivi rispetto ad altri che utilizzano metodi differenti.La diffusione di smartphone e tablet può aggravare questo problema mettendo a disposizione, ovunque e continuamente, la connessione a Internet. A rischiare di più sono i bambini che crescono immersi in un ambiente in cui è sempre possibile reperire informazioni online.Ma, sovrastimare la propria conoscenza, secondo i ricercatori, può comportare pericoli anche in campo politico e, in generale, in quei settori dove si assumono decisioni ad alto livello. “In questi ambiti, – sottolinea Matthew Fisher – è importante essere consapevoli delle proprie conoscenze e non presumere di sapere qualcosa che non si sa. Internet implica grandi benefici ma può rendere ancora più difficile raggiungere l’obiettivo di una conoscenza personale”. Risultato già di per sé non facile da ottenere nella vita.http://www.lastampa.it/2015/04/06/tecnologia/lillusione-di-essere-pi-intelligenti-grazie-a-google-ZazTPZRBVxQwHyw8KR7Q3J/pagina.html
-
COMMENTO FINALE:IN PRINCIPIO IO HO VISTO LE PROCEDURE DELL’UNIONE EUROPEA CONTRO LE NUOVE TECNOLOGIE DELLE TELECOMUNICAZIONI COME UN ATTACO ALLA NUOVA ERA CHE NEL MEDESIMO TEMPO CERCAVA DI SFRUTTARE POLITICAMENTE A VANTAGGIO DI CERTE FIGURE POLITICHE E MI SONO NEGATO A DARE IL MIO CONSENSO A TALE PROCEDURE.COSI E’ STATO NEL CASO MICROSOFT NEI TEMPI CHE MONTI ERA IL COMMISARIO DELL’ANTITRUT EUROPEO,O NEL PROPIO CASO GOOGLE CON LO SPAGNOLO ALMUDIA AL SUO POSTO.
.
OGGI LA SITUAZIONE E’ CAMBIATA:DA UNA PARTE SONO VENUTI FUORI LE MANIPULAZIONI INTERNAZIONALI,E PARTICOLARMENTE IN EUROPA,DEL SISTEMA IMPOSTIVO CIO CHE EVIDENTEMENTE SIGNIFICA UNO SFRUTTAMENTO DEI BENEFICI ECONOMICI,E NON SOLO,A FAVORE DEL NEOLIBERALIMO PER PARTE DEL SIGNOR SMITH;DA UN’ALTRO CANTO CON IL PASSO DEL TEMPO E IL MUTAMENTO DELLE SITUAZIONI POLITICI IN DIVERSI STATI,A FAVORE DI CONTROLLARE QUESTA SITUAZIONE SI SONO SOMMATTO ALTRI PAESI E LA PROTESTA E DIVENTATA GENERALIZZATA IN EUROPA,E PER FINIRE PER ME LA COSA IMPORTANTE E’ STATA CHE NELLE INTENZIONI PUNITIVI DEI DIVERSI PAESI HA SPUNTATO LA SEPARAZIONE DELLA COSA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA DALLA PARTE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA,E IN QUESTO SENSO ANCORA MEGLIO,LA SEPARAZIONE DEL MOTORE DI RICERCA SU QUI LA NUOVA ERA NON HA PARTE,DAGLI ASPETTI SCIENTIFICO-TECNICI E CONCETTUALI(FRA QUI LA VISIONE DEL MONDO SENZA LA QUALE OGGI GLOBALMENTE NULLA SI CREA,SI FABRICA O SI VENDE),NON TOCCANDO ALLORA IL MIDOLLO DELLA NUOVA ERA PRESENTE NEI GIGANTI DELLE TELECOMUNICAZIONI.E ALLORA SI,PURE MANTENENDOMI SCETTICO SULLE PROCEDURE ANTITRUST DELL’UNIONE EUROPEA,E CONTRARIO AD UNO SCONTRO USA-EUROPA IN QUESTO SENSO(1)HO DECISO SOMMARMI ALLA PROTESTA.E CHIEDO RISPETTO E RICONOSCIMENTO PER L’EUROPA(NON MI RIFERISCO ADESSO ALL’UE):NON SI DIMENTICHI CHE IL WEB E’ UNA CREAZIONE INGLESE E CHE IL SUCCESSO DELLE GRANDI AZIENDE DELLE TELECOMUNICAZIONI E’ DOVUTO IN GRAN PARTE SE NON TUTTO,ALLA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA E I SUOI CONTRIBUTI SCIENTIFICI-TECNOLOGICI.LA NUOVA ERA NON VENGA SFRUTTTA NE POLITICAMENTE NE ECONOMICAMENTE DAI SUOI AVVERSARI SIA IN EUROPA CHE NEGLI STATI UNITI INSOMMA.
A MODO DI RIASSUNTO FINALE DIRO CHE NESSUNE DI QUESTE PROCEDURE CONTRO GOOGLE RIPORTATI SOPRA NUOCIONO NE L’ESSENZA DELLA NUOVA ERA NE LA AVANGUARDIA DI GOOGLE.(1)MI SONO NEGATO ANCHE SIA AD UNA LOTTA DI MERCATI USA-EUROPA CHE AI TRATTATI DI LIBERO SCAMBIO PERCHE CONSIDERO CHE ESSISTE GIA UNA COLABORAZIONE USA-EUROPA,E NON SOLO IN MATERIA DI TELECOMUNICAZIONI, E PER TENTO QUELLI ACCORDI SOLO AVREBBERO COME RISULTATO SNATURALIZZARE E MINIMIZZARE L’INCIDENZA DELLA NUOVA ERA SIA NELLA SUA ESSENZA CHE NEI SUOI BENEFICI.

-VEDI ANCHE CUA:

-

*5 APRILE 2015:BUONA GIORNATA DI PASQUA A TUTTI GLI ITALIANI,E MIGLIORE PASQUETTA ANCORA

NDR:LI IN ITALIA DOVE IO RISIEDO,CREBBIO PARROCHIA DI SAN ANTONIO IN LOMBARDIA,E’ GIA PASQUETTA.DA DOVE IO SCRIVO ORA  E’ ANCORA GIORNATA DI PASQUA(DOMENICA DI RISURREZIONE)MA LA PASQUETTA NON LA CONOSCONO.

Pasqua 2014  / La Redenzione  / Past. Antonella Lombardo

Immagine anteprima YouTube

-

*6 APRILE 2015:I TEMPI CAMBIANO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Fuga dalla clausura, la suora per la prima volta in scooter

REP TV / ROMA
Fuga dalla clausura, la suora per la prima volta in scooter
.
Immagine anteprima YouTube
-
*7 APRILE 2015:AUSTRALIANI IN DISGRAZIA
-
-SU LE MONDE,Asie-Pacifique:
L’Indonésie rejette le recours des Australiens condamnés à mort

Le Monde.fr avec AFP et Reuters | 06.04.2015 à 09h35 ,Mis à jour le 06.04.2015 à 10h22

Andrew Chan, à gauche, et Myuran Sukumaran, ont été jugés coupables de trafic d'héroïne en 2006.

Une cour indonésienne a rejeté, lundi 6 avril, un nouveau recours de deux Australiens condamnés à la peine de mort pour trafic de drogue, ouvrant la voie à leur exécution prochaine en Indonésie, où d’autres étrangers dans le même cas attendent des décisions de justice.

Le gouvernement australien et les avocats d’Andrew Chan et Myuran Sukumaran, condamnés à mort en 2006 pour avoir dirigé un réseau de trafiquants d’héroïne entre l’île de Bali et l’Australie, ont multiplié ces derniers mois les initiatives pour éviter leur exécution. Ils contestaient cette fois la décision du chef de l’Etat de leur refuser une grâce présidentielle. Mais la cour administrative de Jakarta a estimé lundi qu’il n’était pas de son ressort de se prononcer sur la grâce, qui est une prérogative du président de la République.

Lire aussi, en édition abonnés : Justice à géométrie variable à Djakarta

Un Français toujours dans l’attente

Le Français Serge Atlaoui, condamné à mort pour trafic de drogue, a également saisi la cour administrative de Jakarta pour contester la décision de rejet de grâce présidentielle. Parallèlement, il a saisi la Cour suprême pour demander un procès en révision, recours qui doit être examiné prochainement.

Serge Atlaoui, 51 ans, avait été arrêté en 2005 dans un laboratoire clandestin de production d’ecstasy dans la banlieue de Jakarta, et condamné en 2007 à la peine capitale pour trafic de drogue. Il s’est toujours défendu d’être un trafiquant de drogue, affirmant qu’il n’avait fait qu’installer des machines industrielles dans ce qu’il croyait être une usine d’acrylique.

Lire aussi : En Indonésie, un Français condamné à mort risque d’être exécuté

Un autre étranger dans le couloir de la mort, le Ghanéen Martin Anderson, attend lui aussi une décision de la Cour suprême après une demande de procès en révision.

Le gouvernement indonésien a promis d’attendre la fin de toutes les procédures en cours avant d’annoncer la date d’exécution et les noms des détenus sur la prochaine liste, après celle de janvier.

Arrivé au pouvoir en octobre dernier, le président Joko Widodo a promis d’être intransigeant avec le trafic de drogue et six personnes dont cinq étrangers ont été exécutées en janvier dernier pour des infractions liées aux stupéfiants. Les dix condamnés doivent être passés par les armes devant un peloton d’exécution.

http://www.lemonde.fr/asie-pacifique/article/2015/04/06/l-indonesie-rejette-le-recours-des-australiens-condamnes-a-mort_4610056_3216.html

REAZIONE:L’INDONESIA E’ UN IMPORTANTANTE PAESE DI DIFUSSIONE DELLA NUOVA ERA.

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:AUSTRALIANI GRAZIATI

Video:

Warm welcome for Prince Harry

Prince Harry, who has arrived in Australia for a four-week placement with the country’s defence forces, laid a wreath at the Tomb of the Unknown Australian Soldier in Canberra before officially reporting for duty.

TRDUZIONE:Accoglienza calorosa per il principe Harry
principe Harry, che è arrivato in Australia per uno stage di quattro settimane con le forze di difesa del paese, ha deposto una corona di fiori presso la Tomba del Milite Ignoto australiana a Canberra, prima  attivita ufficialmente segnalata in compimento del dovere(NDR:Militare)

-

*7 APRILE 2015:I CRISTIANI DEL PAKISTAN

-TITOLARE LE MONDE:

Les chrétiens du Pakistan ont célébré dimanche la fête de Pâques sous la protection des forces de sécurité dans un pays régulièrement ensanglanté par les violences communautaires, trois semaines après un double attentat taliban à Lahore.

Les chrétiens du Pakistan célèbrent Pâques sous haute sécurité

*7 APRILE 2015:L’ONU DEMANDA

-TITOLARE BBC:

UN demands access to Damascus camp

Yarmouk, 6 April

The UN demands humanitarian access to “desperate” Palestinian refugees in the Yarmouk camp in Damascus, amid an assault by Islamic State.

TRADUZIONE:L’ONU chiede l’accesso umanitario ai “disperati” rifugiati palestinesi nel campo di Yarmouk a Damasco, in mezzo a un assalto da parte dello Stato islamico.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 199 »

31 marzo 2015
0
29 MARZO 2015:”LE JOUR DE GLOIRE EST ARRIVE”,TORNATO
-
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Francia: trionfa Sarkozy, crolla Hollande a Ump quasi 70 dipartimenti su 101   foto
Francia: trionfa Sarkozy, crolla Hollande a Ump quasi 70 dipartimenti su 101 foto
Una trentina al PS, nessuno al Front national
Il premier Valls: “Ha vinto la destra”
Exit poll dei ballottaggi per amministrative

Blitz Femen contro la Le Pen: “Fasciste” video

93 condivisioni
-REAZIONE:NIENTE PIU DA AGGIUNGERE
.(ARRIVEDERCI MARINA LE PEN)
Immagine anteprima YouTube
-
*30 MARZO 2015:RIFORME E ITALICUM,DISCUSSIONE SUL NULLA
-TITOLARE LA STAMPA:
Pd, via alla resa dei conti sulla riforma elettorale Bersani: ora basta aut aut Renzi in direzione (Live tv)
scheda  Sbarramento, premio di maggioranza e preferenze: come funziona l’Italicum marco bresolin
-
REAZIONE:STANNO DISCUTTENDO SUL NULLA,POCHE DECIDERA IL POPOLO ITALIANO BERLUSCONI E LEGA NON LA FARANNO FRANCA:LA RIFORMA ELETTORALE,IL COSIDETTO DDL BOSCHI,SARA BOCCIATO DAL REFERENDUM E IN QUESTO SENSO QUESTE PAGINE DA ORA IN POI SI DICHIARANO IN CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE AL RIGUARDO,CHI VOTA RIFORMA  E’ FUORI DELLA NUOVA ERA E CORRERA LA STESSA FORTUNA DELLA EXPO,CHE GIA HA COSTATO LACRIME E SANGUE,ED E’ GIA FALLITA PRIMA DI NASCERE.
L’ITALICUM NON SARA APROVATO IN PARLAMENTO E RENZI HA GIA AMMESSO CHE SI ANDRA AL VOTO:SARA ANCHE IL WATERLOO DI RENZI.E LUI HA PROMESSO CHE SE NON PASSAVANO QUESTE RIFORME SE NE ANDAVA.
QUESTE RIFORME SONO QUELLI DI BERLUSCONI E DELLA LEGA,VENDETTA SUL SENATO E PRESIDENZIALISMO O AUTORITARISMO VUOLE IL PRIMO E FEDERALISMO L’ALTRA.L’AUTORITARISMO NELLE MANI DELLA SINISTRA TRAVESTITA DI PD DIVENTA UN MISTO FRA “NOSTALGIA STALINISTA”(NON A CASO NAPOLITANO E’ IL PADRE DI QUESTO ENGENDRO E IL PD SI COMPORTA COME UN PARTITO UNICO DAL MOMENTO CHE RENZI NON HA I VOTI E LA COSIDETTA MINORANZA PD E’ IN VERITA LA MAGGIORANZA VOLUTTA DEMOCRATICAMENTE DAL “PARTITO ITALIA”),E “CAUDILLISMO ISPANOAMERICANO”(DITTATURE INSOMMA);E LA VENDETTA SUL SENATO,REO DI CACCIARE BERLUSCONI,LO SOSTITOISCE  IN UN FEDERALISMO DI FATTO(PERCHE COS’ALTRO E’ UNA ASSAMBLEA DI GOVERNATORI REGIONALI SENZA DISTINZIONE DELLE AUTONOMIE?)TRANSFORMANDO INOLTRE UNA CARICA PRESSO A POCO CHE SIMBOLICA IN UN POTERE PRIVILEGIATO:ENTRAMBE COSE,PRESIDENZIALISMO E FEDERALISMO SONO EVERSIVE-SUBVERSIVE E NON PASSERANNO.
“L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO”,”L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA PARLAMENTARE”:QUESTE COSE LE DICE LA COSTITUZIONE:VOGLIAMO BUTTARE PIU DI 200 ANNI DI STORIA,VOGLIAMO SCHIANTARE L’ITALIA?CI PENSINO BENE,IL POPOLO NELLE URNE NON LO PERMETTERA MAI.
E FA PENA RENZI:POVERO BURATTINO,POVERO DIAVOLO CHE PER DUE SOLDI STA FACENDO IL LAVORO SPORCO DEL CENTRO-DESTRA E LEGA.
.
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
.
-APPENDICE:TITOLARE LA STAMPA:
cronache
Milano come Genova 2001
Allarme dei servizi segreti:“Apertura Expo a rischio”
fabio martini
-
APPENDICE 2:LE FOGLIE DI DALEMA CONTINUANO A VOLARE
-
-TITOLARE LA REPUBBLICA.
Arrestato il sindaco Pd di Ischia
Arrestato il sindaco Pd di Ischia
10 indagati. Pm: tangente da 330 mila euro
Un dirigente coop chiama in causa D’Alema
Che replica: nessun illecito o beneficio

Rep Tv Ferrandino voleva fare il grande salto
Poletti: chi ha sbagliato paghi. M5s: un Pd al giorno

di CONCHITA SANNINO e di PASQUALE RAICALDO

Articoli correlati

Quando il sindaco consegnò chiavi città al leader coop FOTO
VIDEO Nel 2013:”Io, paladino legalità”

-

E COSI SU GOOGLE NEWS:

Arresto sindaco Ischia, la coop finanziava D’Alema e gli comprava
Il Fatto Quotidiano  - ‎43 minuti fa‎
L’ex presidente dei Ds, non indagato, citato nell’inchiesta che ha portato in carcere il sindaco Pd di Ischia per i suoi rapporti con la coop rossa Cpl Concordia. Che finanziava – in modo legittimo – la fondazione Italiani europei. L’ex Psi Simone intercettato: …
Appalti e tangenti, spunta il nome dell’ex deputato del Pdl Vessa
Ischia, il sindaco Pd agli arresti per tangenti. D’Alema, tirato in ballo
Isola d’Ischia » Massimo D’Alema »

REAZIONE:VI LO RICORDATE QUANDO IL “RIFORMISTA” DALEMA PREMIER HA VOLUTO SFRUTTARE A SUO VANTAGGIO I BeNEFICI DELLA NUOVA ERA?HO SCRITTO DA QUALCHE PARTE:”LI SONO VOLATI I FOGLI(SCRITTI) DALLE MANI”.IO,HO SCRITTO!,QUANDO HA FALLITO.LO STESSO PRETENDE FARE OGGI RENZI CON I SUOI TELEMACI E L’XPO:”QUANDO VEAS LA BARBAS DE TU VECINO QUEMAR PON LAS TUYAS EN REMOJO”,DICE UN PROVERBIO SPAGNOLO.QUELLO DEL TITOLO.

-

*30 MARZO 2015:CONNESIONE PERICOLOSE

-TITOLARE LA STAMPA:

vatican insider
La clausura al tempo dei social network
GIACOMO GALEAZZI
.
REAZIONE:MA QUALE CLAUSURA?
-
*31 MARZO 2015:FRATELLI AL TELEFONO,MA…..ASCOLTARE NON PAGA
-SUL CORRIERE DELLA SERA:
Corriere della Sera
roma /
cronaca
la sentenza
Unipol, la Cassazione conferma la prescrizione per i Berlusconi
L’ex Cav e il fratello avevano chiesto il proscioglimento nel merito. Il pg: «Senza l’allora premier “Il Giornale” non avrebbe potuto pubblicare l’intercettazione di Fassino»,di Redazione Roma Online

ROMA – È definitiva la prescrizione per Silvio Berlusconi e per il fratello Paolo nel processo Unipol: la VI sezione della Cassazione ha respinto i ricorsi degli imputati, che avevano impugnato il verdetto d’appello puntando al proscioglimento nel merito. A chiedere di convalidare la sentenza di secondo grado erano stati, invece, sia il sostituto procuratore generale di piazza Cavour, Francesco Salzano, sia l’avvocato Carlo Federico Grosso, legale di Piero Fassino, parte civile nel processo, per il quale la Suprema Corte ha anche confermato il risarcimento di 80 mila euro già disposto dai giudici di Milano.

Confermato risarcimento a Fassino

Senza «l’apporto concorsuale» dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi «non ci sarebbe mai stata la pubblicazione su Il Giornale» dell’intercettazione telefonica sulla tentata scalata di Unipol a Bnl, a proposito della quale l’allora leader dei Ds Piero Fassino aveva pronunciato la frase «Abbiamo una banca». Una conversazione non ancora depositata dalla Procura e che, quindi, non poteva essere resa nota. È questa la ragione per cui il sostituto pg martedì mattina ha sollecitato il rigetto dei ricorsi presentati da Silvio e Paolo Berlusconi contro la sentenza della Corte d’appello di Milano che, il 31 marzo 2014, aveva preso atto della intervenuta prescrizione.

«Attendibili le dichiarazioni sfavorevoli agli imputati»

In primo grado i fratelli Berlusconi erano stati condannati per violazione di segreto d’ufficio e pubblicazione illecita dell’intercettazione Fassino-Consorte: a un anno l’ex premier e a due anni e tre mesi il fratello, come editore de Il Giornale. Il reato era stato contestato dal 1° settembre 2005 al 31 gennaio 2006: da qui l’intervenuta prescrizione pronunciata in secondo grado. Salzano, nella requisitoria, ha sottolineato come la Corte d’appello abbia «adeguatamente motivato» e «compiutamente esaminato tutte le criticità» della vicenda valutando in maniera «adeguata l’attendibilità delle dichiarazioni sfavorevoli nei confronti degli imputati».

La difesa di Fassino

«Si era alla vigilia di una rilevante tornata elettorale nella quale si ipotizzava la vittoria della coalizione politica guidata da Romano Prodi: era molto succosa» la notizia dell’intercettazione tra Fassino e l’allora ad di Unipol Giovanni Consorte. Così l’avvocato Grosso, che ha proseguito: «Chi può mai pensare che una notizia di tale rilevanza politica potesse essere pubblicata senza l’avallo di Silvio Berlusconi, che era la persona che avrebbe avuto vantaggio politico dall’esplosione di questa notizia, divulgata ampiamente anche dai media internazionali? Il risultato finale della pubblicazione di quella intercettazione – ha concluso il legale – è stato molto dannoso e questo determina la solidarietà del risarcimento» tra Silvio e Paolo Berlusconi.

31 marzo 2015 | 14:55,© RIPRODUZIONE RISERVATA
http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_marzo_31/unipol-pg-cassazione-confermare-prescrizione-silvioe-paolo-berlusconi-3dcd002a-d7a3-11e4-82ff-02a5d56630ca.shtml
REAZIONE:IL TRAMONTO DI UN’EPOCA
I FRATELLI FANNO GIOCO DI SQUADRA:BERLUSCONI E’ PREMIER,IL FRATELLO CERCA LAVORO E MONTA UNA IMPRESA DI ASCOLTI GIUDIZIARI.PER AVERLA HA BISOGNO DEL PERMESSO DELLA GIUSTIZIA:L’INFLUENZA DI SILVIO GLIELA CONSEGNA.IL FRATELLO SI CONNETTA TELEFONICAMENTE ALL’ASCOLTO MA NON C’E’ E NON SI ACCORDA CON LA GIUSTIZIA:HA DELLE INFORMAZIONI POLITICAMENTE RILEVANTI E INVECE DI CONSEGNARLE AI GIUDICI L CONSEGNA AL FRATELLO PREMIER CHE,USA UN’ALTRA VOLTA LE SUE INFLUENZE PER PORTARLA SUI GIORNALI E COSI SFRUTTARLA ELETTORALMENTE(LO STESSO HA FATTO DOPO CON I MONTI DI PASCHI DI SIENA).
L’EPILOGO E’ CHE IL FRATELLO FINISCE IN GALERA E LA SUA IMPRESA DI ASCOLTI GIUDIZIARIE LI E’ RIVOCATA.
PER UN’ALTRO AFFARE SUI MEZZI(MEDIASET)ANCHE BERLUSCONI FINISCE IN GALERA.
ORA BENE:BERLUSCONI DICE DI AVERE LE MANI PULITE E DI ESSERE VITTIMA DEI PM ROSSI E IMPUTA L’SCOLTO CHE FANNO DELLE SUE CONVERSAZIONI.BERLUSCONI DI QUALE PARTE STA?DENTRO O FUORI DELLA GIUSTIZIA?HA LE MANI PULITE O NO?
MORALE DELLA FAVOLA:
1-I FRATELLI BERLUSCONI DA ORA IN POI DOVRANNO PENSARLO PIU DI DUE VOLTE PRIMA DI FARE USO DI UN ASCOLTO TELEFONICO.
2-I FRATELLI BERLUSCONI SONO FINITI IN GALERA PER CRIMINI SUI MEZZI,ANZI,SUI VECCHI MEZZI:E’ LA FINE DI UNA EPOCA,QUELLA DELLA TELEPOLITICA.E DOVREBBE PENSARCI BENE ANCHE IL SUO TELE-MACO BURATTINO RENZI:QUELLO DEL TITOLO.
-
31 MARZO 2015:FUMO NEGLI OCCHI
-
-TITOLARE THE HUFFINGTON POST:

IL PATTO DEL 4 A 3

REGIONALI – Chiuso l’accordo fra Berlusconi e Salvini. Zaia in Veneto, Toti in Liguria e in Campania…(di A. De Angelis)

VEDI LA NOTA CUI:
http://www.huffingtonpost.it/2015/03/31/regionali-berlusconi-salvini_n_6977448.html?1427818082&utm_hp_ref=italy
.
REAZIONE:MA QUALE 4 A 3?IL CENTRODESTRA E’ POLITICAMENTE MORTO.LA LEGA E’ MORTA,BERLUSCONI E’ MORTO.
BERLUSCONI NON CONTA PIU ELETTORALMENTE.E MEN CHE MENO LA LEGA:3 PER CENTO A LIVELLO NAZIONALE.DI REGIONI NE HA PERSO….:FRIULI VENZIA GIULIA,TRENTINO,TORINO,LIGURIA,ECC.SOLO LI E’ RIMASTO,PER POCO TEMPO IL VENETO E LA LOMBARDIA PRESA PER UN SOFFIO.
CON QUALE CAPITALE POLITICO FANNO FINTA DI CONTARE?I VOTI ALLLE EUROPEE?IN CAMPANIA DE LUCA HA DIMOSTRATO CHE NON SERVONO.
E’ TUTTO SPECULAZIONE PROPAGANDISTICA STAMPA,VECCHI MEZZI, QUELLI DELLA TELEPOLITICA,OSSOLETO MODO FI FARE POLITICA.IL CENTRO DESTRA E’ MORTO,COMPRESO IL NCD.IL RESTO E’ SOLO FUMO NEGLI OCCHI.ILLUSIONI.
-
1 APRILE 2015:I NUMERI NON MENTONO,MA QUELLI CHE FANNO I NUMERI………..
-SU THE HUFFINGTON POST:
Jobs Act, i numeri di Istat e Ministero del Lavoro smontano la retorica renziana sui nuovi contratti
L’Huffington Post  |  Di Flavio Bini

Pubblicato: 31/03/2015 20:57 CEST Aggiornato: 31/03/2015 20:57 CES

MATTEO RENZI

“Le statistiche vengono spesso usate come gli ubriachi si servono dei lampioni. Non per illuminare, ma per stare in piedi”. La massima attribuita a George Bernard Shaw restituisce al meglio la furbizia con cui il governo si è mosso negli ultimi giorni sventolando i dati parziali sulle nuove assunzioni comunicati dal Ministero del Lavoro, salvo poi essere smentito dagli stessi dati – questa volta completi – di cui ha dato conto questa mattina Il Sole 24 ore. “Contratti, solo un effetto rimbalzo”, ha titolato questa mattina il quotidiano di Confindustria, ridimensionando parecchio gli entusiasmi diffusi da Palazzo Chigi negli ultimi giorni.

Una brutta giornata, quella di Palazzo Chigi. Prima la doccia gelata del giornale delle imprese, che in poche mosse ha smontato la propaganda governativa che la scorsa settimana aveva sbandierato con entusiasmo i 79mila contratti a tempo indeterminato registrati dal Ministero del Lavoro per i primi due mesi dell’anno. Accanto ai nuovi contratti – ha spiegato oggi il Sole – sono aumentati anche le cessazioni e in particolare quelle relative ai contratti a tempo determinato. Inoltre, guardando i dati relativi alla fine del 2014, si è registrata una netta flessione delle attivazioni dei nuovi contratti. Tradotto dalle parole ai fatti: i nuovi contratti sventolati dal governo ci sono, ed è una buona notizia, ma si tratta da un lato di trasformazioni di contratti a tempo determinato convertiti in stabili dovuti ai sostanziosi sgravi fiscali varati dal governo, dall’altro dal rallentamento registrato alla fine dell’anno nelle attivazioni. Sull’onda dell’approvazione del Jobs Act e degli sgravi contributivi introdotti nella legge di stabilità, molte imprese hanno cioè deciso di rinviare le assunzioni programmate alla fine dell’anno, posticipandole all’inizio del nuovo anno.

Di prima mattina sono arrivate anche le cattive notizie recapitate dall’Istat:-44mila occupati rispetto al mese precedente e il tasso di disoccupazione di nuovo in risalita al 12,7% dal 12,6% del mese precedente. L’efficientissima macchina della comunicazione renziana, si è affrettata a non soffermarsi sulla variazione mese su mese. Lo stesso portavoce del governo Filippo Sensi è sceso in campo su Twitter, mostrando come guardando le serie storiche, cioè le sequenze in valore assoluto dei nuovi occupati, segnino un incremento dei nuovi occupati.

Ma il dato che dovrebbe preoccupare il governo è un altro. Non i dati Istat, usati molto spesso in questi mesi in modo un po’ strumentale ad ogni timido sussulto positivo ma caratterizzati da una forte volatiiltà, quanto la “fetta mancante” dei numeri comunicati la scorsa settimana da Palazzo Chigi in modo un po’ irrituale, visto che normalmente gli stessi numeri vengono forniti trimestralmente, e che invece Il Sole 24 Ore ha pubblicato stamane. Sono quei dati, completi, ad avere disvelato il passo falso della propaganda governativa.

E a poco è servita, nel pomeriggio, la nota mensile dell’Istat che con un tempismo perfetto ha comunicato che “nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l’economia italiana, all’interno di un quadro ancora eterogeneo” -frase a tempo di record rilanciata su Twitter da Sensi –sottolineando però anche che Il mercato del lavoro italiano “presenta ancora segnali contrastanti, pur in presenza di un aumento delle ore lavorate nel quarto trimestre 2014″.

Palazzo Chigi per il momento incassa e anzi fa sapere di attendersi ancora altri segnali altalenanti. E anche il ministro del Lavoro Poletti, che ieri aveva rilanciato l’orizzonte del “milione” di contratti a tempo indeterminato, ha messo le mani avanti spiegando che “in coda ad una crisi le cose tendono a non essere stabilizzate ed è immaginabile che ad una fase positiva possa seguire una flessione”.
Infondati quindi gli entusiasmi degli ultimi giorni? È presto per dirlo. Il test decisivo arriverà con i dati diffusi a partire da marzo, quando cioè le nuove norme sui licenziamenti saranno in vigore. Solo a quel punto, e possibilmente considerando un orizzonte più lungo dei semplici dati mensili, si saprà se il doping messo a punto dal governo per far ripartire l’occupazione avrà prodotto effetti reali o se “la volta buona”, per l’occupazione, dovrà attendere ancora.

http://www.huffingtonpost.it/2015/03/31/occupazione-numeri-renzi_n_6978914.html?1427828291&utm_hp_ref=italy
REAZIONE:…..DANNO I NUMERI.
NON FATEVI ILLUSIONI SIGNORI,QUESTO E’ NEOLIBERALISMO,QUESTO E’ CONSERVADORISMO MEDIEVALE,CON QUESTA RIFORMA MISCONOSCE LE MODERNE CONQUISTE DEL LAVORO,E QUINDI LA SUA DIGNITA,HA GIA BUTTATO VIA UN PEZZO DI STORIA .
-
2 APRILE 2015:MOUS,GIUSTIZIA RESTITUISCE L’AUTONOMIA SICILIANA
-
-SU LA REPUBBLICA:
Repubblica.it
Muos, procura di Caltagirone sequestra l’impianto satellitare americano
Il Tar aveva accolto il ricorso presentato dai No Muos contro l’antenna Usa. Il provvedimento per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale, al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare
Muos, procura di Caltagirone sequestra l'impianto satellitare americano
No Muos, attivisti sulle antenne: “Persa una battaglia, non la guerra”Navigazione per la galleria fotografica

Condividi

“Anche la procura ci difende. E’ la notizia che aspettavamo, rende giustizia a chi ha lottato in questi anni per fermare il Muos, sono contento e anche i cittadini di Niscemi lo sono”, dice il sindaco di Niscemi, Franco La Rosa dopo il sequestro dell’impianto. “Abbiamo sempre riposto fiducia nella magistratura, un pò meno nella politica, a cui chiediamo di fare passi indietro, bloccare il Muos e trasferirlo in una zona senza abitanti. Al posto dell’impianto satellitare spero che venga realizzato un ecomuseo delle Scienze, che attragga turisti qui a Niscemi”. Poi riferendosi alla manifestazione nazionale il programma il 4 aprile a Niscemi, il sindaco dice: “Sarà una giornata di festa, passeggeremo nella Sughereta, respirando i profumi della natura”.

-VIDEO SOSPESO:Muos, le antenne in funzione dopo la sentenza e la rabbia degli attivisti

Sulla realizzazione del Muos e sul pericolo per ambiente e salute degli abitanti della Sicilia sud-orientale da anni sono in corso polemiche, con posizioni assolutamente contrastanti. Da Sigonella l’ufficio stampa stazione aeronavale della marina Usa fa sapere di “prendere atto della decisione della Procura” ribadendo che “ogni nostra azione avviene nel pieno rispetto della normativa italiana” e “augurando una rapida risoluzione del contenzioso per garantire un efficace sistema di comunicazione finalizzato alla difesa”. I militari statunitensi ribadiscono “la piena disponibilità alle autorità e al territorio per qualunque chiarimento” e ricordano come “ripetuti studi effettuati dalle autorità sanitarie italiane competenti hanno dimostrato l’assenza di rischi ambientali e alla salute collegati a questa installazione”.

Muos, no alle antenne: le donne “bruciano” Obama e Renzi

Navigazione per la galleria fotografica

Il sequestro della struttura è invece “la notizia che attendeva” il sindaco di Niscemi, perché, spiega, “rende giustizia a chi ha lottato in questi anni”. E lancia una proposta: “al posto dell’impianto satellitare venga realizzato un ecomuseo delle Scienze”. Il comitato ‘Mamme no Muos’ si dice “entusiasta” e invita “i politici che fino ad oggi sono scesi a compromessi a farsene una ragione: è pericoloso ed abusivo”. Per il sindaco di Caltagirone, Nicola Bonanno, il “provvedimento rende giustizia alle ragioni del territorio Il presidente della commissione Ambiente all’Ars, Giampiero Trizzino (M5s) sollecita Crocetta a “inchinarsi alla legge”. Secondo Erasmo Palazzotto (Sel), il sequestro del Muos “sancisce il fallimento della politica dei governi nazionali e regionali”. Per il leader dei Verdi, Angelo Bonelli, dimostra che “ancora una volta l’autorità giudiziaria fa quello che avrebbero dovuto fare il ministero dell’Ambiente e la Regione Siciliana”.
 http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/04/01/news/muos_procura_di_caltagirone_sequestra_l_impianto_satellitare_americano-110979625/?ref=HREC1-30
.

REAZIONE:LA GIUSTIZIA RESTITUISCE L’AUTORITA  ALL’AUTONOMIA SICILIANA CHE CROCIETTA AVEVA CALPESTATO SOTTOMETTENDOSI ALLA LOBY DI ROMA ALLORA GESTITA DAL PRO-LEGHISTA MONTI.NE PIU,NE MENO.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 198 »

24 marzo 2015
0

24 MARZO 2015:FAULKLAND,OCCHIO LA RUSSIA E L’ARGENTINA

Mercopress - South Atlantic News Agency

Martedì, Marzo 24 2015 – 04:55 UTC

Una recensione con una dichiarazione completa sulla difesa delle Falklands dal Segretario Fallon attesa a breve

Una dichiarazione del segretario della Difesa britannico Michael Fallon rispetto al presidio delle Isole Falkland “si prevede questa settimana, secondo quanto riportato dai media britannici.La capacità di risposta militare alle Falklands è stato oggetto di molte discussioni in corso tra gli analisti e gli ex ufficiali,mentre l’Argentina presumibilmente è coinvolto in un aumento delle spese militari.

UK MoD portavoce è stato citato dicendo che: "c'è una revisione di difesa e un annuncio sarà fatto su di esso. Ci sarà una dichiarazione completa di Michael Fallon ".

Ministro degli Esteri argentino Timerman sostiene gli isolani sono un "non-persone", mentre il presidente Cristina Fernandez si riferisce ai Islanders Falkland come "abusivi".

Ministro degli Esteri argentino Timerman sostiene gli isolani sono un “non-persone”, mentre il presidente Cristina Fernandez si riferisce ai Islanders Falkland come “abusivi”.

Un portavoce del ministero della Difesa è stato citato dicendo che: “c’è una revisione di difesa e un annuncio sarà fatto su di esso. Ci sarà una dichiarazione completa di Michael Fallon “.

Gli analisti militari hanno già sostenuto che senza una portaerei, Harrier jet salto o la possibilità di approntare una task force, le Falkland potrebbero essere visti come un facile bersaglio per l’Argentina.

Buenos Aires ha intensificato la sua affermazione da quando è iniziata l’esplorazione petrolifera. Nel 2011 il presidente Cristina Fernandez ha chiamato David Cameron “arrogante” per insistere che le isole rimarranno britannica finché i loro abitanti desiderano.

La Compagnia petrolifera britannica Rockhopper Exploration ha rivelato importanti scoperte di petrolio, che si dice sono abbastanza per fare delle Falkland un importante centro di produzione. In collaborazione con Premier Oil ha iniziato un altro giro di perforazione in mare aperto delle Isole.

Il governo britannico lo scorso anno ha respinto le richieste di sedersi con l’Argentina a negoziare la sovranità sulle isole.

In quello che è diventato un rito annuale, lo scorso giugno, il Comitato delle Nazioni Unite per la Decolonizzazione o C24 ha approvato una risoluzione che invita la Gran Bretagna e l’Argentina di negoziare una soluzione alla disputa sulle Falkland/Malvinas che essenzialmente favorisce la posizione di Argentina nella vecchia disputa di due secolo, data la composizione del comitato.

“La posizione del Regno Unito sul processo di decolonizzazione delle Nazioni Unite è ben noto. Ci dispiace che il Comitato per la Decolonizzazione delle Nazioni Unite prosegua con il suo approccio obsoleto “, ha detto un portavoce del Foreign Office al momento sottolineando che il Regno Unito sta con il diritto delle Faulklands alla autodeterminazione e di sviluppare le sue risorse.

Londra ha anche invitato l’Argentina per colloqui sempre e quando le isole Falkland sono presenti. Lo ha deciso in seguito al referendum 2013 in cui gli isolani massicciamente sono andati a votare in massa per rimanere come un territorio d’oltremare britannico.

Il ministro degli Esteri argentino Hector Timerman ha respinto di punto in bianco il suggerimento sostenendo gli isolani sono un “non-persone”, mentre il presidente Cristina Fernandez si riferisce ai Islanders Falkland come “abusivi”. Argentina sostiene ragioni storiche e di integrita territoriale.

Il Tabloid britannico The Sun, che per primo ha dato la menzione della notizia in prima pagina ha intitolato  “è aumentata la minaccia di invasione da Argentina”, sostenendo che Buenos Aires è stata sostenuta dalla Russia nei suoi sforzi per aumentare il suo potenziale militare.

“In una instabile Argentina si dice che sia al riarmo 33 anni dopo la guerra delle Falkland, aiutato dal russo Vladimir Putin,” rivendica il tabloid.

Tuttavia va detto che la notizia arriva appena un giorno dopo il capo della commissione affari esteri del Parlamento russo, Alexei Pushkov, per cui le il conflitto Falkland / Malvinas e’ una risposta alle critiche del Regno Unito per la vicenda Crimea.

“Attenzione London: Crimea ha molto più ragione di essere in Russia che le Falklands devono essere parte della Gran Bretagna,” il politico schietto ha scritto ieri sul suo account Twitter.

http://en.mercopress.com/2015/03/24/falklands-defense-review-full-statement-from-secretary-fallon-expected-soon

REAZIONE:RISULTA EVIDENTE L’OSTILITA DELL’ARGENTINA VERSO LE FAULKLAND.NON TANTO EVIDENTE RISULTA CHE CI SIA UN PUNTO DI COMPARAZIONE E UN IMMINENTE CONFLITTO PER L’AFFAIRE CRIMEA.SECONDO ME QUESTA COMPARAZIONE E’ UNA MANOVRA DEI NEOLIBERALI DELL’ATLANTICO SUD E DELLA FEDERAZIONE RUSSA.

COMUNQUE SIA COSI SI FINISCE PER CREARE TENSIONI FAVOREVOLI A KIEV.

PERO NON VA DIMENTICATICATO CHE IN CRIMEA A “FARLA DA PADRONE” E’ DIMITRIV MEVEDIEV SENZA IL QUALE FORSE NON CI SAREBBE STATA LA LIBERAZIONE.LUI E’ QUALCUNO CHE AVEVA ADERITO ALLA NUOVA ERA E FU SPODERATO DA PUTIN,MA NE MENO DIMENTICHIAMO CHE IL PROPIO PUTIN HA CAMBIATO POSIZIONE IN UNA REVISIONE STORICA DELLA RUSSIA IN CHIAVE “LIBERALE” ALLONTNADOSI DI ANTICHE POSZIONI E AMICIZIE NEOLIBERALI COME QUELLA DI BERLUSCONI.E DOPO TUTTO PUTIN ANCHE ALL’INTERNO HA OPOSIZIONE.

INSOMMA,LE FAULKLAND VANNO DIFESE MEGLIO,MA  QUESTE COMPARAZIONI SONO SOLO SPAURACCHI DEI NEOLIBERALI,SOPRATUTTO QUELLI DELL’ATLANTICO SUD.

-

 26 MARZO 2015:EUROPEI VOLANDO AD ALTO RISCHIO
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
.
PARIGI, LO SCHIANTO CONTRO UNA MONTAGNA IN PROVENZA:150 MORTI
Airbus, «pilota chiuso fuori dalla cabina»
Lo schianto minuto per minuto
Dai liceali agli sposini|I volti delle vittimeCandele e preghiere fuori dal liceo tedesco di Haltern am See: morti 16 studenti e due professori (Reuters)
Candele e preghiere fuori dal liceo tedesco di Haltern am See: morti 16 studenti e due professori (Reuters)

Secondo il New York Times uno dei piloti è rimasto chiuso fuori dalla cabina e ha cercato invano di farsi aprire dal collega L’aereo giù in pochi minuti L’Airbus A320I soccorritori: «Ci sono corpi ovunque. Roghi per allontanare i lupi» di Marco ImarisioI rottamiI resti sparsi in un raggio di 2 km, il nuovo video del ministero dell’interno francese
Conferenza stampa a tre Hollande-Merkel-RajoyLa simulazione del disastro dell’Airbus
Berlino: amichevole Germania-Australia, un minuto di silenzio per le vittime Guarda

-

APPENDICE:TITOLARE BBC

Image of plane crashing over bridge in Taiwan (4 Jan 2015 - image by @Missxoxo168)

Is flying more dangerous than ever before?

-VIDEO(TECNICAMENTE NON CONDICISIBILE)

After the latest in a spate of commercial plane crashes, BBC News looks at the numbers to see if flying is getting more dangerous.

TRADUZIONE:Dopo l’ultimo di una serie di incidenti aerei commerciali, BBC News esamina i numeri per vedere se volare è sempre più pericoloso.

REAZIONE:SE NON RICORDO MALE DOPO QUELLO DEL CONCORDE QUESTO E’ IL TERZO GRANDE ACCIDENTE AEREO IN TERRITORIO FRANCESE,ANCHE VOLARE IN EUROPA E’ UN ALTO RISCHIO…SI CHIARISCA SUBITO COSA SUCCESSO SENZA RISPARMIARE PER MOTIVI COMMERCIALI LA VERITA.PACE NELLA TOMBA DELLE VITTIME.

Immagine anteprima YouTube

-

-IL GIORNO DOPO,ANALISI DELLE SCATOLE NERE

-TITOLARE LE MONDE:

Selon l’enquête, le copilote a montré une « volonté de détruire » l’Airbus A320 162

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/03/26/644×322/4602387_3_64ac_les-secours-deployes-sur-le-site-du-crash-de_e15730c51c4b6760d5204944b0c2053a.jpgLes secours déployés sur le site du crash de l'A320.
Lufthansa, maison mère de la compagnie Germanwings, a expliqué qu’elle n’avait, pour l’heure, « pas le moindre indice » sur les motivations d’Andreas Lubitz.
image: http://s2.lemde.fr/image/2015/03/26/202×101/4602242_3_9d0f_le-copilote-de-l-a320-avait-deux-residences_d052ac38bc429f638f751901962d3403.jpg
Le copilote de l'A320 avait deux résidences. Sur cette photo, les policiers se tiennent devant la demeure familiale à Montabaur.
Que sait-on d’Andreas Lubitz, le copilote de l’A320 de Germanwings ? 133
image: http://s1.lemde.fr/image/2015/03/26/202×101/4601353_3_f39e_le-cockpit-d-un-a320_4190431f47c6650ae1eac27fefc3a82a.jpg
Le cockpit d'un A320.
Plusieurs compagnies changent leurs procédures de sécurité 25
image: http://s2.lemde.fr/image/2015/03/26/202×101/4602381_3_4c76_les-familles-des-victimes-a-le-vernet-le_aa7be33821a9d835e1d236668cdfe106.jpg
Les familles des victimes, à Le Vernet, le jeudi 26 mars, près du lieu du crash de l'Airbus A320, dans les Alpes-de-Haute-Provence.
Stupeur en Allemagne après les premiers éléments d’analyse du crash de l’A320

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/#o5WpwUXZA0jpVXcq.99

-
REAZIONE:TUTTO SI AVVIA A FARE PENSARE CHE QUESTO SARA UN’ALTRO ACCIDENTE AEREO IN CUI NON SAPREMMO MAI COSA LO HA PROVOCATO IN ULTIMA RATIO.
SULLO SFONDO RESTANO I DUBBI SULLA SICUREZZA DEI VOLI LOW COST:PERO QUESTO NON ERA UN VOLO LOW COST MA “DI BANDIERA A BUON MERCATO”,UNA SOLUZIONE CHE IN EUROPA BASICAMENTE LA GERMANIA COME LA FRANCIA HANNO PROMOSSO PER CONTRARESTARE QUELLI,SEMPRE PIU COMUNI IN EUROPA.
IN FRANCIA HA FALLITO PER LO SCIOPERO DEI PILOTI DELLA COMPAGNIA DI BANDIERA CHE NON HANNO ACETTATO UNA “COSTOLA”,”SORELLA GEMELLA”.
VA DETTO CHE QUESTI RIFLESSIONI CORRISPONDONO ALLA NUOVA ERA IN QUANTO I LOW COST SONO DELLE VERE E PROPIE “COMPAGNIE VIRTUALI” CHE TENTANO PARTECIPARE DELLA SUA ESSENZA POICHE SI GESTISCONO VIA WEB ASSOLUTAMENTE,DELLA A ALLA Z:DALL’AQUISTO DEI  BIGLIETTI FINO A QUANDO SCENDI DELL’AERO TU NON VEDI MAI UN RISPONSABILE DELLA TRANSAZIONE,TUTTO SI FA VIA INTERNET.NON E’ BUONO NE SICURO,SONO VOLI A BASSA QUALITA E ALTO RISCHIO.
-

7 MARZO 2015:IN NOME DELLA NUOVA ERA DIAMO UNA CHANCE ALLA “NON-BELIGERANZA”

.
-SU BBC,NEWS:
Anni tedeschi formazione di Vladimir Putin
Con Chris Bowlby BBC News, Dresda
*27 Mar 2015
*Dalla sezione Magazine
Vladimir Putin a Dresda nel 2006

Chiunque voglia capire Vladimir Putin oggi ha bisogno di conoscere la storia di quello che è successo a lui in una notte drammatica in Germania Est un quarto di secolo fa.Si trova a 5 dicembre 1989 a Dresda, poche settimane dopo il muro di Berlino è caduto. Germania Est comunismo sta morendo in piedi, gente potere sembra irresistibile.Folle assalto la sede di Dresda della Stasi, la polizia segreta tedesca dell’Est, che sembrano improvvisamente indifesi.Poi un piccolo gruppo di manifestanti decide di andare dall’altra parte della strada, di una grande casa che è la sede locale dei servizi segreti sovietici, il KGB.”La guardia sul cancello subito si affrettò a tornare in casa”, ricorda uno del gruppo, Siegfried Dannath. Ma poco dopo “un ufficiale è emerso – piuttosto piccola, agitato”.”Ha detto al nostro gruppo, ‘Non cercare di forzare il vostro senso in questa struttura. I miei compagni sono armati, e sono autorizzati ad utilizzare le armi in caso di emergenza.’”Che convincere il gruppo a ritirarsi.Ma il funzionario del KGB sapeva come pericolosa la situazione è rimasta. Ha descritto più tardi come suonò il quartier generale di un gruppo serbatoio Rossa per chiedere protezione.La risposta che ricevette fu un devastante, scossa cambia la vita.”Non possiamo fare nulla senza ordini da Mosca,” la voce all’altro capo rispose. “E Mosca tace.”Quella frase, “Mosca tace” ha perseguitato quest’uomo da allora. Defiant ancora impotente come la rivoluzione del 1989 spazzato su di lui, ora ha lui stesso diventato “Mosca” – il presidente della Russia, Vladimir Putin.

“Penso che sia la chiave per capire Putin”, dice il suo biografo tedesco, Boris Reitschuster. “Avremmo un’altra Putin e un’altra Russia senza il suo tempo nella Germania dell’Est.”

L’esperienza gli ha insegnato lezioni che non ha mai dimenticato, gli ha dato idee per un modello di società, e forma le sue ambizioni per una potente rete e ricchezza personale.

Soprattutto, lo ha lasciato con una grande ansia per la fragilità delle élite politiche, e la facilità con cui possono essere rovesciati dalla gente.

Putin era arrivato a Dresda a metà degli anni 1980 per il suo primo incarico all’estero come un agente del KGB.

La Repubblica democratica tedesca o GDR – uno stato comunista creato fuori della zona di occupazione sovietica della Germania post-nazista – è stato un avamposto altamente significativo del potere di Mosca, da vicino all’Europa occidentale, ricca di militari e spie sovietiche.

Putin aveva voluto aderire al KGB da quando era un adolescente, ispirato popolari storie sovietiche servizio segreto spavalderia nel quale, ha ricordato poi, “lo sforzo di un uomo potrebbe raggiungere ciò che interi eserciti non potevano. Una spia potrebbero decidere il destino di migliaia di persone “.

Inizialmente, però, gran parte del suo lavoro a Dresda era monotona.

Tra i documenti negli archivi della Stasi a Dresda è una lettera di Putin chiedendo aiuto dal boss Stasi con l’installazione di telefono di un informatore.

Richiesta di Putin per un telefono da fornire per un informatore

E ci sono i dettagli troppo di incontri tedeschi sovietico-Est infinite sociali Putin ha partecipato, per celebrare i legami tra i due paesi.

Ma se il lavoro di spionaggio non era eccitante, Putin e la sua giovane famiglia potrebbero almeno godere della Germania Est bella vita.

Poi la moglie di Putin, Ludmila, poi ha ricordato che la vita nella DDR era molto diverso dalla vita in URSS. “Le strade erano pulite. Avrebbero lavarsi le finestre una volta alla settimana”, ha detto in un’intervista pubblicata nel 2000, come parte di Prima Persona, un libro di interviste con nuovi e quindi poco noto presidente ad interim della Russia.

Vladimir Putin in KGB uniforme

Il Putin ha vissuto in un blocco speciale di appartamenti con KGB e Stasi famiglie per i vicini, anche se Ludmila invidiava il fatto che:. “Il popolo di sicurezza dello Stato della DDR si sono salari più alti rispetto ai nostri ragazzi, a giudicare da come i nostri vicini tedeschi vivevano Naturalmente abbiamo cercato di risparmiare e risparmiare abbastanza per comprare una macchina. ”

Putin in un caffè, Dresden 2006

Rivisitare vecchi ritrovi in visita a Dresda nel 2006

Germania Est goduto standard di vita più elevati rispetto l’Unione Sovietica e un ex collega del Kgb, Vladimir Usoltsev, descrive Putin passare ore sfogliando occidentali per corrispondenza cataloghi, per stare al passo con le mode e le tendenze.

Egli ha anche apprezzato la birra – garantire una speciale fornitura settimanale della birra locale, Radeberger – che lo ha lasciato in cerca un po ‘meno della cornice di lui nelle immagini sportivi torso nudo emessi da russo PR presidenziale oggi.

Germania Est differiva dall’URSS in un altro modo troppo – aveva un numero di partiti politici separati, anche se era ancora saldamente sotto il regime comunista, o sembrava essere.

“Gli piaceva molto questo piccolo paradiso per lui”, dice Boris Reitschuster. Germania Est, dice, “è il suo modello di politica particolare. Ha ricostruito una sorta di Germania dell’Est in Russia oggi.”

Ma in autunno 1989 questo paradiso è diventato una specie di inferno KGB. Per le strade di Dresda, Putin ha osservato la gente potenza emergente in modo straordinario.

Un documento Stasi pesantemente redatto riferimento a Vladimir Putin

Un documento Stasi pesantemente redatto riferimento a Vladimir Putin e poco altro

Ai primi di ottobre centinaia di tedeschi che avevano chiesto asilo politico presso l’ambasciata della Germania Ovest a Praga sono stati autorizzati a recarsi in Occidente in treni piombati. Mentre passavano attraverso Dresda, folle enormi hanno cercato di sfondare un cordone di sicurezza per cercare di salire sui treni, e rendere la propria fuga.

Wolfgang Berghofer, sindaco comunista di Dresda, al momento, dice che c’era il caos, come le forze di sicurezza hanno iniziato a prendere su quasi tutta la popolazione locale. Molti violenza assunto era inevitabile.

“Un esercito di carro armato sovietico era di stanza nella nostra città”, dice. “E i suoi generali mi disse chiaramente: ‘Se otteniamo l’ordine da Mosca, i serbatoi rotoleranno.’”

Dopo il muro di Berlino ha aperto, il 9 novembre, la folla è diventato più audace ovunque – avvicina le cittadelle della Stasi e KGB potere a Dresda.

L'ex hq KGB a Dresda

La prima sede del KGB a Dresda

Il blocco di appartamenti a Dresda, dove il vissuto Putin

Il blocco di appartamenti nelle vicinanze, dove il vissuto Putin

Vladimir Putin aveva senza dubbio assunto anche che questi alti ufficiali sovietici – uomini che aveva socializzato con regolarità – sarebbe davvero inviare nei serbatoi.

Ma no, Mosca sotto Mikhail Gorbachev “era silenziosa”. Non sarebbero stati utilizzati i carri armati dell’Armata Rossa. “Nessuno alzò un dito per proteggere noi.”

Lui ei suoi colleghi del KGB freneticamente bruciato prova del loro lavoro di intelligence.

“Ho bruciato personalmente una quantità enorme di materiale,” Putin ha ricordato in prima persona. “Abbiamo bruciato così tanta roba che lo scoppio del forno.”

Due settimane più tardi ci fu più un trauma per Putin come Germania Ovest cancelliere Helmut Kohl è arrivato in città. Ha fatto un discorso che ha lasciato la riunificazione tedesca in cerca inevitabile, e la Germania orientale condannato.

Helmut Kohl a Dresda dicembre 1989

Kohl ha elogiato Gorbaciov, l’uomo di Mosca che aveva rifiutato di mandare i carri armati, e ha usato la lingua patriottici – parole come Vaterland, o patria – che erano stati in gran parte tabù in Germania dopo la guerra. Ora richiesto una risposta estatica.

Non è noto se Putin è stato in quella folla – ma come un agente del KGB a Dresda aveva certamente conosciuto tutto.

L’implosione della Germania orientale nei mesi successivi ha segnato un enorme frattura nella sua vita e della sua famiglia.

“Abbiamo avuto la sensazione orribile che il paese che era quasi diventato la nostra casa non esisterebbe più”, ha detto la moglie Ludmila.

“Il mio vicino di casa, che era mio amico, ha pianto per una settimana è stato il crollo di ogni cosa -.. Le loro vite, le loro carriere”

Uno dei principali contatti Stasi di Putin, Maj Gen Horst Boehm – l’uomo che aveva aiutato a installare quella linea telefonica prezioso informatore – è stato umiliato dalla folla che dimostrano, e si suicidò all’inizio del 1990.

Questo avvertimento su ciò che può accadere quando la gente il potere diventa dominante era uno Putin potrebbe ora meditare sul lungo viaggio verso casa.

“I loro amici tedeschi dare loro un 20-year-old lavatrice e con questo si guida torna a Leningrado”, dice Putin biografo e critico Masha Gessen. “C’è un forte senso che stava servendo il suo paese e non aveva nulla da mostrare per esso.”

Vladimir Putin nel 1999

Putin ha lavorato per il sindaco di St Petersburg (1990-1996), poi si trasferisce a Mosca ed è aumentato rapidamente al top

Ha anche arrivato di nuovo ad un paese che era stato trasformato in Mikhail Gorbaciov e si era sull’orlo del collasso.

“Si trova in un paese che era cambiato in modo che lui non capiva e non voleva accettare”, come Gessen dice.

La sua città natale, Leningrado, stava diventando di nuovo St Petersburg. Cosa sarebbe Putin fare lì?

Si è parlato, per breve tempo, di un taxi-guida. Ma ben presto si rese conto che Putin aveva acquisito un bene molto più prezioso di una lavatrice di seconda mano.

A Dresda era stato parte di una rete di persone che potrebbero aver perso i loro ruoli sovietici, ma erano ben posizionata per prosperare personalmente e politicamente nella nuova Russia.

Negli archivi della Stasi a Dresda un quadro sopravvive di Putin durante i suoi anni di Dresda. Lui è in un gruppo di personalità di alto livello sovietico e tedesco-orientali militari e di sicurezza – una cifra relativamente minore, su un lato, ma già in rete tra l’elite.

Vladimir Putin con amici tedeschi e sovietici

Vladimir Putin è in piedi secondo da sinistra in prima fila

Prof Karen Dawisha della Miami University, autore di Putin cleptocrazia: Chi possiede Russia ?, dice che ci sono persone che incontrava in Dresden “che sono poi andati via … di far parte del suo nucleo interno”.

Essi comprendono Sergey Chemezov, che da anni a capo dell’agenzia esportazioni di armi della Russia e ora gestisce un programma statale tecnologia di supporto, e Nikolai Tokarev capo della compagnia statale gasdotto, Transneft.

E non è solo ex colleghi russi che hanno soggiornato vicino a Putin.

Prendere Matthias Warnig – un ex ufficiale della Stasi, che si ritiene sia trascorso del tempo a Dresda quando Putin era lì – che ora è amministratore delegato del Nordstream, il gasdotto prendendo gas direttamente dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico.

Questo gasdotto simboleggiava quanto visto, fino a poco tempo, come nuova relazione speciale della Germania con la Russia – anche se la crisi Ucraina ha almeno messo quel rapporto in attesa.

Putin-osservatori ritengono eventi come la rivolta sul Maidan piazza di Kiev, hanno fatto rivivere brutti ricordi – soprattutto, di quella notte a Dresda nel dicembre 1989.

“Ora, quando si hanno le folle a Kiev nel 2004, a Mosca nel 2011 o a Kiev nel 2013 e 2014, penso che ricorda questa volta a Dresda”, dice Boris Reitschuster. “E tutte queste vecchie paure venire dentro di lui.”

Putin a Dresda nel 2006

All’interno anche lui può essere un ricordo di come il cambiamento può essere modellato non solo con la forza, o per debolezza – ma anche dall’emozione. Nel 1989 vide a Dresda come sentimento patriottico, in combinazione con un anelito di democrazia, si è dimostrato molto più potente di ideologia comunista.

Così, quando chiedendo cosa Vladimir Putin sarà il prossimo passo, vale la pena ricordare quello che ha vissuto già.

Una cosa sembra certa. Mentre Vladimir Putin detiene il potere nel Cremlino, Mosca è improbabile che sia in silenzio.

Ascolta documentario di Chris Bowlby Il momento che ha fatto Putin su BBC Radio 4 questa Domenica alle 13:30 e poi sulla BBC iPlayer

Iscriviti alla newsletter di BBC News Magazine per ottenere articoli inviati alla tua casella di posta.

http://www.bbc.com/news/magazine-32066222

REAZIONE:ANCHE IO IN QUELLI ANNI DELLA CADUTA DEL MURO HO VIsSUTO NELLA LINEA DELLA CORTINA DI FERRO.DOPO 25 ANNI NEL CONO SUD DI AMERICA ISPANA ERO PARTITO PER STUDI POST-GRADUATORIE  A PADOVA UNA CITTA UNIVERITARIA NEL VENETO,ERA UNA SPECIE DI FRONTE EST  DELL’AVANZATA DELLA GUERRA FREDDA IN ITALIA:NELLA VICINA VICENZA C’ERANO I MISSILI NUCLEARI PUNTATI VERSO EST VISSIBILI PER I PASSANTI PER LA STRADA.

HO VISTO ANCHE IO LE MANIFESTAZIONE DI PATRIOTISMO COMBINATO CON EMOZIONI.MA HO VISTO ANCHE ATTORNO A ME LE PAURE DELLA GENTE E LE PROLIFERAZIONI DEI RIFUGI ANTIAEREI.

COME RISULTATO DI QUELLA ESPERIENZA E’ NATA LA NUOVA ERA CHE OGGI,EGEMONICAMENTE GLOBALE, PUNTA I SUOI FARI CULTURALI,NON PIU MISSIILI,VERSO L’EST EUROASSIATICO:SI,HA VOLTE UNA COMBINAZIONE DI FERVORE PATRIOTICO OCCIDENTALISTA POSSSONO PIU CHE LE IDEOLOGIE,ANCHE SU QUELLE NEOLIBERALI CHE OPPORTUNISTICAMENTE PUNTANO A CAPITALIZZARE A SUO VANTAGGIO IL CAOS NATO DALLA CADUTA DEL MURO.

OGGI IL MONDO HA CAMBIATO,LA NUOVA ERA HA CAMBIATO IL MONDO:OCCIDENTE(EUROPA E USA)HANNO ACCOLTO LA SUA VISIONE DEL MONDO.MA NON SOLO,ANCHE LA INDIA E LA CINA.

NON TANTO COSI LA RUSSIA CHE,COME IN UNGHERIA,QUESTA VOLTA PER METODI “PIU DEMOCRATICI” ADOPERATI DA PUTIN L’HA SOFFOCATO SUL NASCERE QUANDO DIMITRI MEDVEDIEV ERA PRESIDENTE. E PURTROPPO RESTO OTTIMISTA.POICHE IL MONDO HA CAMBIATO,SECONDO ME OGGI LA FRONTIERA,IL NUOVO MURO VIRTUALE LO RAPRESENTA IL NEOLIBERALISMO CHE E’ FORTE PROPIO DALLE PARTE DA DOVE IO VENIVO,LA FINE DEL MONDO.PERO IL NEOLIBERALISMO E’ DA TUTTE LE PARTI OVVIAMENTE,ANCHE IN EUROPA,USA,NELLA FEDERAZIONE RUSSA,E SENZA DUBBIO PROPIO NEL REGNO UNITO.NON HA UN RUOLO DI RILEVANZA DA NESSUNA PARTE,SOPRATUTTO DOPO IL DIFFONDERSI DELLA NUOVA ERA, PERO PUNTANO  A EMERGERE IN TUTTI I MODI E COSTI.E QUESTO ARTICOLO E’ STATO SCRITTO DAL FANATISMO NEOLIBERALE CHE ANNIDA ANCHE IN GRAN BRETAGNA E LE SUE ZONE DI INFLUENZA.

E POICHE IL MONDO HA CAMBIATO ANCHE PUTIN HA CAMBIATO,E NON MI RIFERISCO ALL’IMPATTO DELLE SUE ESPERIENZE DEI TEMPI NELLA STASSI DELLA GERMANIA EST,MA CAMBIAMENTI PIU ATTUALI DOVE PUTIN COSTRETTO A PRENDERE NOTA DELLA REALTA GLOBALE DELLA NUOVA ERA,CON ATTEGIAMENTO PRATTICO  HA FATTO UNA REVISIONE STORICA DELLA “GRANDE PATRIA RUSSA”(E’ VERO,ANCHE LUI VUOLE APPLICARE IN RUSSIA QUEL MISTO DI PATRIOTISMO E EMOZIONE GERMANICA CHE LO HA MARCATO NEL FRONTE OVEST DELL CORTINA AI TEMPI DELLA CADUTA DEL MURO),UN GIRO STORICO-IDEOLOGICO CHE PER QUANTO ECLETTICO SIA IMPOSTA UNA VISIONE MENO NEOLIBERALE,PIU LIBERALE( “TOUT COURT” )E DEMOCRATICA. E IO VI POSSO ASSICURARE CHE IN UKRANIA PUTIN “SI RIMARRA IN SILENZIO”,NON FARA MAI UN INTERVENTO ARMATO CONTRO UN POPOLO ESLAVO,PIU TOSTO I SUOI MUSCOLI VANNO PUNTATI ALL’INTERO OCCIDENTE.AL DI LA DELLE SPECULAZIONI PROPAGANDISTICI DEL FANATISMO NEOLIBERALE OCCIDENTALE E NON SOLO,LA RUSSIA DI PUTIN NON HA MAI AMMESSO DI INTERVENIRE O VOLERE INTERVENIRE MILITARMENTE IN UKRANIA:

SIAMO REALISTICI,PERCHE NON DOVREBBEMO CREDERCI?SECONDO LA PACE DEL DOPO GUERRA SANCITA NEI RAPPORTI DI FORZA DELL’ORDINE INTERNAZIONALE RAPRESENTATO ANCHE NELL’ONU,IN QUELLA REGIONE LO ASSISTE LA RAGIONE E BUONE MOTIVI NON LI MANCANO:KIEV HA FATTO UN COLPO DI STATO.LA RUSSIA HA I MEZZI PER L’USO DELLA FORZA E NON DOVREBBE CHIEDERE PERMESSO A NESSUNO.

E L’OCCIDENTE NON SIA IL “WILD WEST”,NON DIAMO RAGIONE AI NOSTALGICI  “SIGNORI DELLA GUERRA” CHE VORREBERO IN TUTTI I COSTI MANTENERE LO SPIRITO DELLA GUERRA FREDDA E DARE DA FARE ALLA SUA MANO D’OPERA DISSOPCCUPATA PER IMPORRERE LA SUA SPECULATIVA E NON DEMOCRATICA VISIONE DEL CAPITALISMO,QUELLO SELVAGGIO(1).

IN NOME DELLA NUOVA ERA DIAMO UNA CHANCE ALLA “NON BELIGERANZA”.

(1)L’OCCIDENTE ATTUALE RISPETTA POCO LA DEMOCRAZIA:IN ITALIA C’E’ IN ATTO UN COLPO DI PALAZZO CON UN PREMIER CHE GOVERNA SENZA IL VOTO POPOLARE,IN GRAN BRETAGNA CAMERON NON RIUSCI A SCONFIGGERE LA NUOVA ERA E OLTRE A CONDIVIDERE IL GOVERNO CON I LIBERALI SI HA PROLUNGATO PIU DI QUANTO CONSIGLIAVA IL BUON SENSO DEGLI EQUILIBRI DEMOCRATICI SECONDO I SUOI ULTIMI NUMERI ELETTORALI,IN GERMANIA LA MERCKEL,SCONFITTA ANCHE DALLA NUOVA ERA, NON HA NE ANCHE I NUMERI ELETTORALI PER GOVERNARE E PURTROPPO SI MANTIENE ALLA TESTA PER VIA DELLA “IDIOSINCRZIA TEDESCA” CHE LI LA VUOLE(LA SPD POTREBBE BENISSIMO FORMARE GOVERNO SENZA DI LEI),IN USA OBAMA E’ DA PIU DI DUE ANNI CHE GOVERNA PER DECRETO E HA UN PROCESSO IN CORSO AL CONGRESSO PER ABUSO DI POTERE,UKRANIA HA FATTO UN CHIARO COLPO DI STATO,E COSI VIA:TUTTI GOVERNI SCONFITTI DALLA NUOVA ERA” MA ABUSIVI” DELLA VOLONTA POPOLARE,A INIZIARE DA RENZI E IL SUO REGIME DELLE LARGHE INTESE.

Immagine anteprima YouTube

-

28 MARZO 2015:LIBIA,NIENTE LARGHE INTESE

L’ONU affirme son soutien au gouvernement libyen contre l’EI

Le Monde.fr avec AFP Le 28.03.2015 à 02h54

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/03/28/768×0/4603120_6_347a_des-soldats-libyens-a-benghazi-le-25-mars_db0fa9749967840427e1ed790f1ff32f.jpDes soldats libyens à Benghazi, le 25 mars.

Le Conseil de sécurité de l’ONU a adopté vendredi 27 mars une résolution pour soutenir la lutte contre les djihadistes islamistes en Libye, sans toutefois lever l’embargo sur les armes qui frappe le pays comme le réclamait le gouvernement libyen.

Ce dernier, soutenu par l’Egypte, souhaite acheter beaucoup plus d’équipements militaires pour renforcer son armée et faire face à des groupes comme l’Etat islamique (EI) qui s’est implantée en Libye.

Lire (édition abonnés) : L’insaisissable menace de l’Etat islamique en Libye

De nombreux membres du Conseil craignent que les armes livrées ne tombent entre de mauvaises mains ou n’alimentent le trafic d’armes dont la Libye est le pivot. Ils souhaitent aussi que soit d’abord constitué un gouvernement d’union nationale. L’ambassadeur britannique Mark Lyall Grant a réitéré cette demande vendredi, estimant que « l’absence d’un gouvernement fort et uni en Libye renforce ceux qui veulent plonger le pays dans le chaos ».

« Ferme soutien au gouvernement libyen »

La résolution adoptée vendredi à l’unanimité se contente de recommander au comité de l’ONU qui gère l’embargo « d’examiner rapidement » les demandes d’exemption à l’embargo qu’un gouvernement libyen reconnu internationalement présenterait. Le Conseil « exprime son ferme soutien aux efforts du gouvernement libyen pour combattre l’EI » et les groupes qui lui sont liés ainsi qu’Al-Qaïda et ses affiliés.

Début mars, huit des 15 membres du Conseil avaient bloqué une demande d’exemption de la Libye portant sur des dizaines d’hélicoptères, d’avions de combat et de tanks, ainsi que sur des milliers de fusils d’assaut avec leurs munitions.

Lire aussi : La Libye demande à l’ONU de lever l’embargo sur les armes pour combattre l’EI

Le résolution exprime « la profonde inquiétude du Conseil » face à la présence croissante en Libye de combattants de l’EI et d’autres groupes qui lui ont prêté allégeance ainsi que d’Al-Qaïda. Le Conseil menace de sanctions les individus ou les groupes qui soutiendraient ces groupes extrémistes en les finançant, en recrutant pour eux ou en diffusant leur propagande sur internet.

Parallèlement, le Conseil a adopté vendredi une autre résolution qui prolonge jusqu’au 15 septembre le mandat de la Mission d’appui des Nations unies en Libye (Manul). Son chef, Bernardino Leon, mène une délicate médiation entre les factions libyennes pour tenter de constituer un gouvernement d’union nationale.

http://www.lemonde.fr/libye/article/2015/03/28/l-onu-affirme-son-soutien-au-gouvernement-libyen-contre-l-ei_4603119_1496980.html

-
REAZIONE:COME AVEVO RACCOMANDATO SOPRA IN LIBIA LA SOLUZIONE LA FORNIRA IL GOVERNO,CIO’E’ MISURATA E MALGRADO IL MANCATO SBLOCCO DELLE ARME,SARA MILITARE.AL RIGUARDO SI CONFERMA IL SOSTEGNO DELL’EGITTO,.
LE LARGHEE INTESE,SE CI SARANNO POSSONO ASPETTARE.
NON E’ STATA ACCOLTA LA SOLUZIONE VOLUTA DALLA MOGHERINI E RENZI:SGONFIATA LA MANOVRA DIVERSIVA.
-
*28 MARZO 2015:FEMMINISMO NELLA SILICON VALLEY,LA ELLEN PAO NON E’ STATA MIRACOLATA
.
BBCNEWS
Ellen Pao perde caso sessismo contro Silicon Valley azienda

8 marzo 2015

Dalla sezione USA e Canada
Una giuria della California ha scoperto che una società di venture capital non discriminare un partner di sesso femminile in un caso strettamente sorvegliati in Silicon Valley.Ellen Pao ha sostenuto che perso su promozioni a Kleiner Perkins Caufield e Byers a causa del suo genere.Ms Pao, ora un esecutivo con il sito web Reddit, dice che è stato respinto dopo aver accusato.L’azienda ha detto che le sue decisioni erano basate sulla sua performance.Il caso ha attirato l’attenzione di una mancanza di diversità di genere nel settore della tecnologia – soprattutto tra i suoi top manager.Società di venture capital sono una fonte principale di finanziamento per molte start-up della Silicon Valley. Kleiner Perkins – come è comunemente noto – ha investito in aziende tra cui Snapchat, Spotify, Uber, Twitter, e Google.Oltre ai danni punitivi, la signora Pao è stato anche cercando $ 16m (£ 10.7m) a titolo di risarcimento per la perdita del salario.Durante gli argomenti di chiusura, giurati sentito storie in conflitto di mandato della sig.ra Pao presso lo studio.
John Doerr, uno dei venture capitalist dell'impresa, sul palco con Steve Jobs di Apple nel 2008
John Doerr (a destra), uno dei venture capitalist dell’impresa, sul palco con Steve Jobs di Apple nel 2008

I suoi avvocati suo ritratto come un partner minore di successo che è stato discriminato perché la società giudica gli uomini e le donne in modo diverso.

L’avvocato della sig.ra Pao, Alan Exelrod, ha detto che due dei suoi colleghi maschi era stato promosso, nonostante il fatto che uno si chiamava conflittuale e l’altro è stato accusato di avere “gomiti appuntiti” – un apparente riferimento al suo atteggiamento verso gli altri lavoratori.

Team legale della società ha detto la sig.ra Pao è stato un investitore fallito e citato in giudizio per ottenere un grande vincita mentre veniva spinto fuori.

Dicevano che era una persona difficile con cui lavorare e aveva una storia di conflitti con i colleghi, i quali hanno contribuito alla decisione di licenziarla.

Uno studio dato come prova durante il processo, ha detto che le donne sono largamente sottorappresentate nelle migliori ruoli nel settore del venture capital.

Investitore e imprenditore californiano Eric Ries ha detto alla BBC il più ampio problema della discriminazione tra i sessi in Silicon Valley è ben documentato, ma può essere involontaria.

“Silicon Valley aspira ad essere una meritocrazia in modo da avere una cultura che valorizza outsider e le prospettive che ne derivano, e c’è questa idea che le buone idee possono provenire da qualsiasi parte … questa è la nostra aspirazione, ma la realtà è per molti versi cadiamo breve , “ha detto.

http://www.bbc.com/news/world-us-canada-32094337
-
-APPENDICE:RIVOLTA FEMMINISTA NEL GALLINARO HIGH TECH,FUOCO AMICO
.
-SU LE MONDE,Amériques:
Ellen Pao n’a pas été victime de discrimination sexuelle, selon le verdict des jurés

Le Monde.fr | 28.03.2015 à 06h01,Mis à jour le 28.03.2015 à 16h19 | Par Corine Lesnes

image: http://s2.lemde.fr/image/2015/03/28/534×0/4603127_6_5f7d_ellen-pao-et-son-avocate-therese-lawless-le-27_7e8895acca2682210eabd2b9fea37b1d.jEllen Pao et son avocate Therese Lawless, le 27 mars.

Après 24 jours d’audience, et une vingtaine d’heures de délibération les jurés de la Cour supérieure de San Francisco ont décidé qu’Ellen Pao, associée chez Kleiner Perkins Caufield and Byers, l’une des principales firmes américaines de capital-risque, n’avait pas été victime de discrimination sexuelle lorsqu’elle s’est vue refuser une promotion, puis a été licenciée en 2012.

Le verdict a représenté une déception pour les féministes, qui avaient fait du procès un emblème du sexisme de la Silicon Valley. Mais Ellen Pao qui, au fil des audiences, s’était posée en porte-drapeau de la cause des minorités dans la high-tech, a estimé que son histoire avait été entendue : « Si j’ai contribué à aplanir le terrain pour les femmes et les minorités dans le capital-risque, a-t-elle estimé, la bataille en valait la peine. »

Les jurés – six hommes et six femmes – n’ont pas adhéré à la lecture sexiste de la plainte de Mme Pao, 45 ans, la fille d’immigrants chinois, diplômée d’ingénierie et titulaire d’un MBA de Harvard. Celle-ci avait décrit comment, chez Kleiner Perkins, les femmes étaient reléguées en bout de table dans les réunions, exclues de certains événements avec les clients, et comment elle avait été ignorée au profit de collègues masculins lorsqu’il s’était agi de promotion.

Le jury ne s’est pas estimé comptable des préjugés sexistes. Il a considéré qu’Ellen Pao n’était elle-même pas exempte d’ambiguïtés. L’avocate de Kleiner Perkins, Lynne Hermle, a stigmatisé l’« esprit de vengeance » de l’ex-associée, notant qu’elle n’avait porté ses accusations qu’après avoir été écartée des promotions au poste de « senior partner ». Elle a affirmé que Mme Pao surestimait beaucoup ses capacités et que les femmes représentent 20 % chez Kleiner Perkins, soit trois fois plus que la moyenne dans le secteur du capital-risque. Un rattrapage qui ne trompe pas, a rétorqué l’avocate de la plaignante, Therese Lawless. Avant 2011, il n’y avait eu qu’une seule femme promue au rang de « partenaire senior » dans la compagnie en 42 ans d’existence.

Procès emblématique

Le procès a divisé la Silicon Valley. Certains, dont nombre de femmes, ont estimé que Mme Pao avait commis la faute numéro un dans sa position : sortir avec un de ses collègues, marié qui plus est. L’ex-associée, qui est aujourd’hui la PDG par interim du site participatif Reddit, n’a pas nié qu’elle avait eu une brève liaison avec ce cadre, qui, a-t-elle affirmé, lui avait annoncé avoir quitté son épouse (il a été ensuite congédié pour avoir poursuivi une autre employée).

Mme Pao s’est, elle, mariée ensuite à un manager de hedge fund new-yorkais, Buddy Fletcher, un Afro-Américain dont la personnalité – et la déroute financière – ont plané au-dessus des audiences. Fletcher n’a pas hésité en 2011 à poursuivre pour discrimination raciale la copropriété du Dakota, l’un des immeubles-symbole de New York (et ex-résidence de John Lennon), affirmant qu’elle lui avait refusé l’achat d’un appartement.

Ellen Pao semble en tout cas avoir fait école. Deux nouvelles plaintes ont été enregistrées contre des entreprises de la tech, impliquant deux autres femmes d’origine asiatique. Une ancienne manager de Facebook, Chia Hong, a porté plainte pour discrimination sexuelle et raciale. Mais c’est surtout le cas de l’ancienne ingénieur en logiciels de Twitter Tina Huang qui paraît prometteur aux féministes. Dans sa plainte, Mme Huang affirme que l’approche de la compagnie créée de fait « un plafond de verre » auquel se heurtent les femmes. En effet, il n’existe ni critères publics de promotion ni publicité autour des postes disponibles ou politique de recrutement interne explicite. Chez Twitter, seuls 10 % des postes techniques sont occupés par des femmes (contre une moyenne de 20 % dans les firmes technologiques). Selon la plainte, sept seulement des 164 ingénieurs de haut niveau étaient des femmes en 2014, lorsqu’elle a quitté l’entreprise après cinq ans. Twitter a démenti l’avoir licenciée lorsqu’elle s’est plainte au PDG Dick Costolo.

Une anecdote a montré la sensibilité qui entoure actuellement le sujet des femmes dans la tech. Intervenant mi-mars au forum South by Southwest d’Austin, en compagnie de Megan Smith, la responsable des technologies de l’administration Obama, le PDG de Google, Eric Schmidt, a été pris à partie par une femme qui se trouvait dans l’assistance. « Etant donné que les recherches sur les préjugés inconscients ont révélé que les femmes sont beaucoup plus souvent interrompues que les hommes, je me demande si vous êtes conscient du nombre de fois où vous avez interrompu Megan », a-t-elle lancé. Les applaudissements ont été nourris. Et la séquence a vite pris rang de morceau d’anthologie sur les réseaux sociaux quand l’identité de la redresseuse de torts a été connue. C’était Judith Williams, la responsable du programme de sensibilisation aux préjugés chez… Google.

 Corine Lesnes

Correspondante du Monde aux Etats-Unis basée à San Francisco

http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2015/03/28/ellen-pao-n-a-pas-ete-victime-de-discrimination-sexuelle-selon-le-verdict-des-jures_4603126_3222.html

.
REAZIONE:MA QUALE SESSISMO?SESSISMO CAMPATO PER ARIA.
POSIZIONI INCROCIATI,FUOCO AMICO:LA RINGRAZIO A JUDITH WILLIAMS PERO IO CREDO ALLA PARITA DI SESSO E NON ALLA DISCRIMINAZIONE POSITIVA.
-
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-

-APPENDICE:QUESTO NON E’ NUOVA ERA

.
-SU THE WASHINGTON TIMES:Lifting sulle coopertine di ‘Obamoogle’

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 197 »

22 marzo 2015
0

20 MARZO 2015:TUNISIA,QUA NON E’ SUCCESSO NULLA

-TITOLARE SU THE HUFFINGTON POST:

Tunisia, non un passo indietro! Confermato il Forum Sociale Mondiale a Tunisi la prossima settimana

Tunisia World Social Forum

Anche noi saremo a Tunisi la prossima settimana con un’ampia delegazione di 60 persone italiane, irachene, libanesi, marocchine. Persone con cui da anni lavoriamo per rafforzare il tessuto democratico dei loro paesi, e per “disarmare” la politica estera dell’Italia. Se “siamo Charlie” solo nelle piazze occidentali non risulteremo mai più credibili di fronte ad attivisti arabi che ogni giorno rischiano la pelle per respingere i fondamentalismi, dalla Siria all’Iraq, fino alla nuova Tunisia.

REAZIONE:BRAVO ITALIANI,NON ALLA MANOVRA DIVERSIVA DI RENZI-BERLUSCONI-LEGA.QUELLO DEL TITOLO.GRAZIE MILLE RAGAZZI:

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:QUA NON HA SUCCESSO NULLA

-SU LE MONDE,Idées:
Tunisie : le combat démocratique continue

LE MONDE | 20.03.2015 à 12h51 , Mis à jour le 20.03.2015 à 12h58

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/03/20/534×0/4598001_3_8ac1_l-attaque-dont-a-ete-victime-tunis-ne-doit_b3a51e5bc055e58b584aaf5089fd460e.jpgL’attaque dont a été victime Tunis ne doit pas détourner le pays de son projet démocratique - ici, une manifestation silencieuse le 19 mars contre le terrorisme à Tunis.

Choc, effroi et colère règnent en Tunisie après l’attaque du Musée national du Bardo qui a coûté la vie à au moins 20 personnes, dont 17 touristes.

Au-delà de l’horreur, il s’agit d’une véritable épreuve pour la transition démocratique. Le but est de faire régner la terreur et de détourner les Tunisiens de leurs objectifs de démocratie, liberté et pluralisme. Mais cela ne doit pas prendre, malgré la tentation d’une réponse tout sécuritaire.

Les Tunisiens ont appris à vivre avec les menaces régulières de déstabilisation qui se présentent aux frontières libyennes et algériennes. Depuis l’attaque de l’ambassade américaine en 2012, les meurtres, en 2013, de Chokri Belaid et Mohamed Brahmi, des policiers et des militaires ont été régulièrement la cible d’attaques dans la région du mont Chaambi et de Kasserine. En 2013 et 2014, plusieurs cellules terroristes étaient démantelées à Oued Ellil et Ouardia. C’est toutefois la première fois que la capitale tunisienne est visée et des civils pris pour cible.

Les mesures sécuritaires et la lutte antiterrorisme seront nécessaires pour relancer l’économie. Ces attaques sont un coup dur pour…

L’accès à la totalité de l’article est protégé

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/idees/article/2015/03/20/tunisie-le-combat-democratique-continue_4598003_3232.html#i7he7QjXqeiUmIB7.99

http://www.lemonde.fr/idees/article/2015/03/20/tunisie-le-combat-democratique-continue_4598003_3232.html

REAZIONE:LA PRIMAVERA ARABA,FIGLIA PREDILETTA DELLA VERSIONE DELLE NUOVE TECNOLOGIE CHE OBAMA HA IMPLEMENTATO E ATTUATA DAGLI ATTIVISTI DEL DIPARTIMENTO DI STATO,A QUI LA NUOVA ERA NON HA ADERITO,HA AVUTO DUE EFETTI SUL MONDO ARABO,SPECIALMENTE NEL AFRICA SOPRA-SAHARIANA:DA UNA PARTE HA PORTATO DEMOCRAZIA,E DALL’LATRA HA CERCATO RIMPIRE QUELLA DEMOCRAZIA CON UNA VISIONE IDEOLOGICA MEDIEVALE, ESPRESSAMENTE CONFESSATA DAL SUO IDEOLOGO,IL GOURU DELLE TELECOMUNICAZIONI MISTER ROSS FEDELISSIMO DI HILLARY CLINTON.IL RISULTATO E’ STATO DA UNA PARTE UNA DEMOCRAZIA CHE NON SI RIFA ALLA SUA VISIONE NEO-CLASSICA DELLA DEMOCRAZIA RAPRESENTATIVA GRECA CHE TUTTI CONOSCIAMO IN OCCIDENTE(E NATURALMENTE IN USA),NE,OVVIAMENTE A QUELLA LIBERTICIDA DELLE REPUBBLICHE SOCIALISTI DELL’EX-UNIONE SOVIETICA DAL PARTITO UNICO E IL VOTO A MANO ALZATA COL VISO SCOPERTO IL CUI PROTOTIPO E’ CUBA,MA UNA TERZA VISIONE ELLITISTA DELLE DINASTY AMERICANI DEL PROFONDO SUD(QUELLO SCONFITTO NELLA GUERRA DI INDIPENDENZA)DA QUI BILL CLINTON E’ GENUINO RAPRESENTANTE.

E L’ALTRO RISULTATO,FRUTTO DEL MEDIEVALISMO PROFONDO SUD AMERICANO E’ STATO UNA RELIGIOSITA CHE HA VISTO RINASCERE IL FONDAMENTALISMO ISLAMICO E IL TERRORISMO.

QUELLA PRIMAVERA HA FALLITO MISEAMENTE PER FATTORI,SECONDO ME, SOPRATUTTO INERENTI ALL’INTERNO DEGLI STATI UNITI DOVE OBAMA E IL CLAN CLINTON HANNO FINITO IN MEZZO AD ACCUSE DI CONNIVENZA CON IL TERRORISMO E ALTO TRADIENTO RISCHIANDO ANCHE L’IMPEACHMENT CHE TUTT’OGGI SORVOLA LA TESTA DI OBAMA(UN NEOLIBERALE PROMOSSO DAL CLAN DINASTY DEI KENNEDY),PERO LA DEMOCRAZIA,DOVEROSA IN QUELLI REGIONI,HA PORTATO IN QUELLI PAESI DOVE SI HA ATTUATO IL SEME DELLA LIBERTA E SONO STATI I PROPI POPOLI ARABI A CORREGERE QUELLA VISIONE MALANDATA DELLA DEMOCRAZIA DALLA PRIMAVERA ARABA,E A COMBATTERE IL TERRORISMO DEL RISORGIMENTO FONDAMENTLISTA ISLAMICO,TANTO MEDIEVALISTA COME IL PROPIO STATO ISLAMICO.

ECCO LA LOTTA ATTUALE DEI POPOLI ARABI LIBERATI.LA NUOVA ERA HA TRIONFATO PORTANDO SUGLI ALI DELLA DEMOCRAZIA, MODERNITA E LIBERTA.NON LI LASCIAMO SOLI MA NON PERMETTIAMO NE MENO PORTARE IN QUELLI POPOLI ALTRE VISONI NEOLIBERALI(MEDIEVALISTI OVVIO)COME PRETENDE FARE PER LA FORZA LA MANOVRA DIVERSIVA DI BERLUSCONI E IL SUO BURATTINO RENZI.

-

21 MARZO 2015:PAPA,IL MOROSO LIFTING E BILANCIO DEL SINCRETISMO DEL MALE
1-SU LE MONDE,Europe:
A Naples, le pape François fustige la corruption qui « pue comme un animal mort»
Le Monde.fr avec AFP | 21.03.2015 à 10h58,Mis à jour le 21.03.2015 à 12h48

Le pape François à Naples, le 21 mars 2015.
« La corruption pue, la société corrompue pue”, a lancé samedi 21 mars le pape François aux habitants du quartier défavorisé de Scampia à Naples, en avertissant que « tous, nous avons la possibilité d’être corrompus et de glisser vers la délinquance ».

Le pape a lancé cet appel très ferme, en évitant de parler directement de mafia dans ce quartier emblématique des grands problèmes sociaux de Naples :

« Ceux qui prennent la voie du mal volent un morceau d’espérance à eux-mêmes, à la société, à tant de gens honnêtes, à la bonne réputation de la ville, à son économie »

Lire aussi, en édition abonnés : Le pape François dans l’ex-enfer de Gomorra

Appel à se convertir « à l’amour et à la justice »

« Comme un animal mort pue, la corruption pue, la société corrompue pue, et un chrétien qui fait entrer en lui la corruption pue », a-t-il martelé sur la place Jean Paul II du quartier, où le pape polonais s’était rendu en 1990. « La vie à Naples n’a jamais été facile, mais elle n’est jamais triste, sa grande ressource est la joie », a tempéré François, chaleureusement applaudi par la foule.

Assis sur un podium au milieu de centaines d’enfants, le pape a fustigé « ceux qui prennent la voie du mal (et) volent un morceau d’espérance à eux-mêmes, à la société, à la bonne réputation de la ville, à son économie ».Le pape François a célébré une messe sur la place du Plebiscito à Naples, le 21 mars 2015.

Le pape a ensuite célébré une messe devant quelque 100 000 fidèles, sur la place du Plebiscito. Il a dénoncé le trafic de drogue et a appelé les mafieux de la Camorra, sans toutefois les citer, à « se convertir à l’amour et à la justice » :

« Il est toujours possible de retourner à une vie honnête. Ces sont des mères en larmes qui le demandent dans les églises de Naples. »

Il a exhorté Naples à vivre un nouveau « printemps » pour « un avenir meilleur », « sans se réfugier dans le passé ».

Les mesures de sécurité sont drastiques, d’autant que le pape devait circuler en voiture sur un total de 25 km. Selon la presse locale, 3 000 agents des forces de l’ordre, dont des tireurs d’élite sur les toits, sont déployés.

Le pape François

*Un scandale de pédophilie dans l’Eglise espagnole se dégonfle pour prescription des faits

*Pour le pape,les catholiques ne doivent pas se reproduire «comme des lapins »

*Avec son « jubilé de la miséricorde », le pape met Rome au défi

Édition abonnés Contenu exclusif

*Le pape François dans l’ex-enfer de Gomorra

*Le pape François réforme la curie à pas comptés

*Le pape froisse ses ouailles au Mexique et en Argentine

http://www.lemonde.fr/europe/article/2015/03/21/a-naples-le-pape-francois-fustige-la-corruption-qui-pue-comme-un-animal-mort_4598506_3214.html

-E COSI SU LA REPUBBLICA:
Napoli, abbraccio di Napoli al Papa   foto   "Corruzione 'spuzza', reagite a camorra"
Napoli, abbraccio di Napoli al Papa foto
“Corruzione ‘spuzza’, reagite a camorra”
video - diretta / Assalto suore di clausuravideo
Appello ai criminali: ‘Convertitevi’ / Pompei foto -
In 60 mila in piazza / Video Il saluto in napoletano
Fotoracconto / Foto I disegni bambini / Speciale

*Il sangue di San Gennaro si scioglie, ma solo a metàvideo

-E SUL CORRIERE DELLA SERA:

NAPOLI

E le suore di clausura «accerchiano»,il Papa foto|video

La battuta del cardinale Sepe:
«E meno male che sono di clausura, figuriamoci le altre» Francesco passa davanti al centro sociale Ska: «La suora comanda più del Papa» FOTO
E c’è chi consegna al volo al Papa una pizza margherita Guarda il video

-E SU LA REPUBBLICA:Tutti i video »

C'è il Papa, suore di clausura in delirio. Il cardinale: Sorelle, tenimmo che ffa'
C’è il Papa, suore di clausura in delirio. Il cardinale: “Sorelle, tenimmo che ffa’”

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:ORIGINE DELLA DROGA CHE INNONDA L’ITALIA

-SU LE MONDE:Amériques

Le pape froisse ses ouailles au Mexique et en Argentine
LE MONDE | 26.02.2015 à 11h11,Mis à jour le 26.02.2015 à 17h13 | Par Christine Legrand (Buenos-Aires, correspondante)

image: http://s1.lemde.fr/image/2015/02/26/534×0/4583629_3_0364_le-pape-parle-a-une-camera-reliee-a_33909a4796a85ac1bc85c0c7fa81aLe pape parle à une caméra reliée à l'Argentine, le 5 février au Vatican.

Le commentaire alarmant du pape François sur le danger d’une « mexicanisation » de l’Argentine, son pays natal, à cause de l’expansion du trafic de drogue, a suscité la polémique à Mexico et à Buenos Aires. En réponse aux protestations du président mexicain, Enrique Peña Nieto, le Vatican a assuré que le pape ne voulait pas offenser ses ouailles. Quant au gouvernement argentin, il a préféré minimiser la mise en garde. « La drogue est un problème mondial », a déclaré Jorge Capitanich, chef de cabinet de la présidente Cristina Kirchner.

C’est Gustavo Vera, un député argentin d’opposition, qui a rendu public, lundi 23 février, un courrier électronique que lui a adressé François. Le parlementaire avait écrit au pape pour l’informer qu’il allait prochainement présenter « une très grave accusation sur la production…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2015/02/26/le-pape-froisse-ses-ouailles-au-mexique-et-en-argentine_4583631_3222.html#ytVrORChkmT7Jq0f.99

http://www.lemonde.fr/ameriques/article/2015/02/26/le-pape-froisse-ses-ouailles-au-mexique-et-en-argentine_4583631_3222.html

.
REAZIONE:IL PAPA NEL VISITARE I QUARTIERI MALAVITOSI DI NAPOLI INSISTE NEL “LEGGITIMARSI” FACENDOSI UN PRETESO BILANCIO CHE FUNZIONI COME LIFTING DELLA INADEGUATEZZA RELIGIOSA,MORALE, MATERIALE ED ETNICA DELLA SUA PRESENZA NEL CUORE DELLA CIVILTA EUROPEA.FACCIA ANCHE QUESTI CONTI.
1-IL PAPA SA,NON PUO NON SAPERE,CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA,SE NON TUTTA,LA DROGA,LA PROSTITUZIONE E ALTRE FORME DI CRIMINALITA CHE ALIMENTA QUELLA MALAVITA NAPOLITANA,ITALIANA E EUROPEA PROVIENE DA DOVE LUI PROVIENE E CIO’E’ DAL SUDAMERICA,E NON PROPIO MENO DALL’ARGENTINA MALGRADO LUI PRETENDE MOSTRARLA UNA VITTIMA DEL MESSICO,ALTRO CHE!!!
2-SCUSATE LA SINCERITA,A NAPOLI CI SARA MALAVITA MA NON C’E’ NE LA POVERTA NE LA DISSOLUZIONE CULTURALE,SOCIALE ED ETNICA CHE C’E’ NELL’ARGENTINA,IL MERCOSUR E L’AMERICA ISPANA,LATINOAMERICA O INDOAMERICA,COME LA VOGLIATE CHIAMARE.
3-IL PAPA E’ UN TIPICO RAPRESENTATE NEOLIBERALE DEL CAPITALISMO SELVAGGIO DELLE CLASSI OLIGARCHICHE ACCOMODATI SUDAMERICANE E LA SUA PRESENZA A ROMA RAPRESENTA LO SFONDAMENTO DELLA FRONTIERA DELLA CIVILTA PER PARTE DEL SINCRETISMO DEL MALE.LA NUOVA ERA HA SCONFITTO PAPA BENDETTO E LA SUA ANTIMODERNA VISIONE SOCIORELIGIOSA E MORALE,PAPA BERGOGLIO FARA LA STESSA FINE.

Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
*23 MARZO 2015:I SINCRETISMI DEL MALE?
-SU THE TELEGRAPH:
Archeologi argentini trovano segreto covo nazista nella giungla
Strutture di pietra nella remota regione di Misiones si pensa siano i resti di una costruzione covo di nazisti necessario per fuggire dalla Germania i loro capi.
Harriet Alexander

Da Harriet Alexander , fonte video YouTube / WebTV40

18:51 GMT 22 Mar 2015

Un team di aecheologi argentini indagando una serie di rovine nella giungla vicino al confine con il Paraguay, credono di aver scoperto un covo segreto nazista.

Il covo di strutture in pietra, ora coperta da vigneti spessi e accessibile solo quando si utilizza un machete per tagliare attraverso il sottobosco, contengono nascondogli di monete tedesche dalle fine del 1930, frammenti di “Made in Germany” di porcellana, e simboli nazisti sulle pareti.

“Possiamo trovare altra spiegazione sul motivo per cui qualcuno dovrebbe costruire queste strutture, a così grande sforzo e spesa, in un luogo che in quel momento era totalmente inaccessibile, lontano dalla comunità locale, con il materiale che non è tipico dell’architettura regionale “, ha detto Daniel Schavelzon leader del team.

Mr Schavelzon, presso l’Università di Buenos Aires, ha passato mesi ad esplorare il sito nel parco provinciale Teyu Cuare nella regione di Misiones, nord dell’Argentina. La leggenda locale ha detto che una casa nel bosco apparteneva a Martin Bormann,mano destra di Hitler che si tolse la vita a Maggio 1945,ma il signor Schavelzon ha detto che non vi era alcuna prova a sostegno di quella che ha definito “una leggenda metropolitana”.

Invece, gli edifici sono stati progettati come rifugio per i capi del Terzo Reich, commissionati nel caso in cui avevano bisogno di fuggire in Germania.

“A quanto pare, a metà della seconda guerra mondiale, i nazisti avevano un progetto segreto di costruzione di rifugi per alti dirigenti in caso di sconfitta, siti inaccessibili, nel bel mezzo del deserto, in montagna, su una scogliera o al centro della giungla come questo “, Mr Schavelzon ha detto al quotidiano argentino Clarin . Ha detto che i suoi risultati non erano ancora definitivi, ma era convinto della loro veridicità.

“Questo sito ha anche il vantaggio di permettere agli abitanti di essere in Paraguay in meno di 10 minuti. E ‘un protetto luogo difendibile dove si poteva vivere tranquillamente.”

Alla fine, però, il nascondiglio non era necessario perché dopo la caduta del regime nazista i loro leader sono stati accolti in Argentina che gli ha permesso di vivere apertamente .

Migliaia di nazisti, fascisti ustascia croati e fascisti italiani sono arrivati ​​con la benedizione del presidente Juan Peron, che ha guidato la nazione 1946-1955 e di nuovo brevemente nel 1970. Una stima che 5.000 nazisti alla fine finirono in Argentina.

Nel 1960, i nazista Adolf Eichmann, che ha contribuito a organizzare l’Olocausto, è stato catturato a Buenos Aires da un commando israeliano e portato in Israele dove fu giustiziato. Josef Mengele, la cui grottesca esperimentazione sui prigionieri ad Auschwitz gli valse il titolo di “angelo della morte”, anche fuggì in Argentina.

“Quando la guerra era finita alcuni tedeschi utili ci hanno aiutato a costruire le nostre fabbriche e sfruttare al meglio di quello che abbiamo avuto”, ha detto Peron, morto nel 1974. “E nello stesso tempo sono stati in grado di aiutare anche loro stessi.”

Sponsored by Babbel

The fun and easy way to learn a new language

The fun and easy way to learn a new language

Stay curious and connected. When you can speak another language your world becomes bigger, richer and more inspiring. Learn with Babbel – it’s fun, easy and effective.

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/southamerica/argentina/11488776/Argentine-archaeologists-find-secret-Nazi-lair-in-jungle.html

-

*23 MARZO 2015:TERRORISMO,IL MACELLO SILENZIOSO DELL’URANIO IMPOVERITO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Tumore dopo 'bonifiche'  di uranio impoverito. Il Tar dà ragione al soldato:  "Male per causa di servizio"

Tumore dopo ‘bonifiche’ di uranio impoverito. Il Tar dà ragione al soldato:

“Male per causa di servizio”

Il ministero aveva negato il nesso con le missioni in Afghanistan,di OTTAVIA GIUSTETTI

REAZIONE.L’ITALIA DA RAGIONE AL SOLDATO ITALIANO.INDENNIZARE E RIPARARE SUBITO
Immagine anteprima YouTube
*22 MARZO 2015:BELLA,GIOVANE E UMANA

19 Marzo 2015 Ultimo aggiornamento alle 16:28 ET

Monica Lewinsky chiede un internet più compassionevole

Comments (184)

Con Jane Wakefield Tecnologia giornalista, Vancouver

Monica Lewinsky sulla scena Ted

Il discorso di Monica Lewnisky alla conferenza Ted è stato dato una standing ovation

Monica Lewinsky ha preso per il palco del Ted (Technology, Entertainment and Design) conferenza per chiamare per un internet più compassionevole.

Amore dell’ex stagista della Casa Bianca con il presidente Bill Clinton ha fatto notizia in tutto il mondo nel 1998.

Descrivendo se stessa come una delle prime vittime di cyberbullismo, ha detto Internet ha creato una cultura in cui la gente goduto la visione di altri vergogna linea.

Il suo discorso ha ricevuto una standing ovation.

E ‘solo la seconda volta che ha parlato pubblicamente dal scomparire dalla scena pubblica nel 2005. Nel mese di ottobre ha parlato a Forbes’ Under 30 Summit.

Ha iniziato il suo intervento scherzando lei era l’unica a 40 qualcosa che non ha voluto essere di nuovo 22.

“All’età di 22 anni, mi sono innamorato con il mio capo. All’età di 24, ho imparato le conseguenze devastanti.”

Bill Clinton
Lo scandalo Clinton-Lewinsky è stato uno dei primi grandi storie per rompere in linea

Internet, ha detto, aveva fatto la sua umiliazione personale di gran lunga peggiore.

“Nel 1998, dopo essere stato travolto da una storia d’amore improbabile, mi è stato poi travolto nell’occhio di un vortice politico, giuridico e media come non avevamo mai visto prima.”

E questo particolare scandalo è stato, ha detto, “ha portato a voi dalla rivoluzione digitale”.

“Quando la storia ha rotto si è rotto in linea. E ‘stata una delle prime volte che la notizia tradizionale era stato usurpato da internet per una grande notizia”, ​​ha detto al pubblico Ted.

Anche se non c’era social media nel 1998 come lo conosciamo oggi, le immagini di Lewinsky notoriamente indossa un berretto nero rapidamente andato virale on-line come ha fatto commenti inviati in risposta ad articoli on-line, mentre battute sulla base dei dettagli della sua relazione sono stati inviati via email in tutto il mondo .

“Sono andato da essere una figura privato ad essere un umiliato pubblicamente uno in tutto il mondo. Ci sono state folle di virtuali lanciatori di pietre.”

“Sono stato bollato come torta, un slut, una prostituta, un bimbo. Ho perso la mia reputazione e la mia dignità e ho quasi perso la mia vita.”

“Diciassette anni fa non c’era alcun nome per esso, ma ora noi chiamiamo bullismo o molestie on-line,” ha detto.

UK carità Childline ha registrato un aumento del 87% nelle chiamate relative al cyberbullismo scorso anno e, secondo la carità dei bambini NSPCC, un bambino su cinque è ora vittime di bullismo in linea.

L’anno scorso, uno studio condotto nei Paesi Bassi ha scoperto che cyberbullismo era più rischia di portare i giovani al suicidio del suo equivalente in linea.

linea
Affrontare con una lacrima Cyberbullismo è un problema crescente e può avere conseguenze devastanti

Che cos’è il cyberbullismo?

Esso può includere:

*Texting messaggi inquietanti o maleducato con il cellulare

*Invio foto spiacevoli con il cellulare

*Utilizzando bacheche online, chat o social network per inviare messaggi crudeli

*Cancellare il nome della vittima o ignorando i loro messaggi su gruppi o reti sociali

Cosa fare cyberbullismo

*Segnala ad altri, sia esso un familiare, insegnante o altro adulto di fiducia, se qualcosa ti sconvolge

*Non rispondere ai messaggi, ma salvare la prova

*Non prendere tutto a cuore; Conosci te stesso

*Non fornire informazioni personali il proprio o amici

*Fate attenzione a ciò che si scrive e pubblicare on-line

*Sapere come bloccare o segnalare persone

*Non aggiungere al problema simpatia o la condivisione di un’immagine poco gentile o un commento

linea

Lewinsky raccontò la storia di 18 anni, Tyler Clementi, che era uno studente presso la Rutgers University nel New Jersey, quando il suo compagno di stanza ha istituito una webcam e video acquisito di lui a letto con un altro uomo.

Le molestie on-line risultante ha portato il signor Clementi al suicidio, saltando dal George Washington Bridge.

“Tragico, la morte senza senso di Tyler è stato un punto di svolta per me,” ha detto la signora Lewinsky.

. “E ‘servito a ri-contestualizzare le mie esperienze ho cominciato a guardare il mondo di umiliazione e di bullismo intorno a me e vedere qualcosa di diverso â € | tutti i giorni on-line, le persone -soprattutto i giovani che non sono evolutivamente attrezzati per gestire questo – sono così maltrattati e umiliati che non possono immaginare di vivere al giorno successivo. E alcuni non lo fanno “.

Questo, ha detto, era inaccettabile. Ha esortato la gente di avvicinarsi ai loro comunicazione online con più compassione.

“Invia un commento positivo, immaginate camminare un miglio in titolo di qualcun altro”, ha detto.

Cultura della vergogna

Ragazzo con la testa fra le mani di fronte a un computer I giovani sono sempre più oggetto di sgradite e bulli

Tecnologia, ha detto, aveva esteso il “eco di imbarazzo”.

“E ‘utilizzato per estendere solo per quanto riguarda la vostra famiglia, la vostra scuola, il vostro paese, ma ora è a tutta la comunità online.

“La vergogna più, più clic e più scatti più dollari di pubblicità. Stiamo facendo i soldi fuori la parte posteriore della sofferenza.”

Indicò casi recenti, come la fuoriuscita di foto nude di celebrità come Jennifer Lawrence.

“Un sito web di gossip aveva cinque milioni di risultati per questo,” ha detto.

E quando la Sony Pictures è stato violato, le e-mail private tra i dirigenti e gli attori erano quelli che ha ottenuto il maggior interesse perché erano quelli che avrebbero portato a “l’umiliazione più pubblico”, ha detto.

Internet aveva fatto le persone insensibili alla sofferenza e l’umiliazione degli altri, ha concluso.

Lewinsky ha concluso il suo discorso con una nota personale, spiegando perché aveva deciso di parlare dopo un decennio di silenzio.

“Era il momento di smettere di punta di piedi intorno al mio passato, era giunto il momento di riprendere il mio racconto e far sapere agli altri che si può sopravvivere.”

http://www.bbc.com/news/technology-31976567

REAZIONE:ESSEMPLARE LEZIONE DI LA MONICA PERO VORREI DIRLI CHE NON POSSO ACCONTENTARLA CENTO PER CENTO:VEDI,MONICA E’ LA MIA ANTIEROINA PREFERITA,QUINDI VORREI TANTO RIVINDICARE LEI COME RELATIVIZZARE IL BULLISMO VIA WEB:

IO RESIDIEVO A MILANO CITTA QUANDO HA SCOPPIATO IL SEXIGATE,ALLORA NON ESSISTEVA IL WEB,L’HO SEGUITO PER TV.TANTO ANTI-EROINA CI E’ STATA PRESENTATA LA SUA FIGURA CHE,MALGRADO LA REALTA,ERA UNA CICCIOTTA TANTO CATTIVA COME BRUTTA,E INVECE IL TEMPO E QUESTA NOTA ONLINE(ORA C’E’ IL WEB)CI MOSTRANO UNA TANTO BELLISSIMA,ANCORA GIOVANE E ATTRATTIVA COME UMANA DONNA.IL TEMPO E’ GENTILUOMO,E LA VERITA SEMPRE VIENE A GALLA.

E IN QUESTO SENSO,PER QUANTO VERGOGNANTE POSSA ESSERE IL BULLISMO VIRTUALE LA REALTA PUO ESSERE MOLTO,MA MOLTISSIMO PIU UMILIANTE.OCCHIO,INUTILE ACCUSARE IL WEB QUANDO NON SI ADEGUA ALLA REALTA COMPLESSIVA.

Immagine anteprima YouTube

-

*23 MARZO 2015:HA TORNATO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

esteri
La Francia va a destra, Sarkozy argina Le Pen
Commento- Ma il male oscuro non è guarito
leonardo martinelli, cesare martinetti
AFP
L’Ump è il primo nelle elezioni amministrative. Flop dei socialisti.
+  La rivincita dell’ex presidente martinelli
+  Andalusia, irrompe Podemos fra. olivo

REAZIONE:UN’ALTRA DESTRA E’ POSSIBILE.NE PRENDA ATTO IL CENTRO-DESTRA ITALIANO

-

*23 MARZO 2015:LIBIA,PROBLEMA RISOLTO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Libia, inviato Onu ottimista

Libia, inviato Onu ottimista "Governo unità nazionale entro fine settimana"

“Governo unità nazionale entro fine settimana”

Il mediatore a Bruxellescon Mogherini per incontrare

i sindaci del Paese di VINCENZO NIGRO

condivisioni
REAZIONE:NO,LA SOLUZIONE ALLA LIBIA L’HA GIA DATA L’OTAN AI TEMPI DELLA “NO FLY ZONE” E NON ESSISTE NESSUN NUOVO PROBLEMA COSI RILEVANTE DA SCONVOLGERE QUELLO SCENARIO TRANNE CHE MOLTA PROPAGANDA DISTABILIZANTE.LA MINACCIA DEL TERRORISMO ISLAMICO NON E’ NE MENO COSI MONTANTE,ALLE MILIZIE NON ANCORA DISARMATI CI PENSA IL GOVERNO DI MISURATA,E A QUELLI TERRORISTI VENUTI DALL’ESTERO CI PENSA L’EGITTO.NON HA AVUTO SUCCESSO LA MANOVRA DIVERSIVA DI BERLUSCONI E OBAMA PENSI MEGLIO ALLA SICUREZZA DEI SUOI UOMINI SUL TERRENO,DUE PROBLEMI DA RISOLVERE “IN CASA”.
Immagine anteprima YouTube
-

*23 MARZO 2014:LA MELA DI NEWTON AL LUISS E IL CHIERICHETTO POST-MODERNO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Renzi: sulla scuola ci giochiamo il futuro – dir tv

“Chi parla di deriva autoritaria è solo pigro”

Alla Luiss. Ed esalta l’Europa “grande rivoluzione moderna”

-

Discorso di Renzi agli studenti della Luiss - La diretta
Discorso di Renzi agli studenti della Luiss – La diretta

REAZIONE:RENZI NON E’ MODERNO,NON FACCIAMO CONFUSIONE.

ECCO LA RIVOLUZIONE DEL TELE-MACO POST-MODERNO:

Immagine anteprima YouTube

STIA ATTENTO NON LI VOLINO LE FOGLIE COL VENTO COME A DALEMA:SECONDE PARTE MAI SONO STATE BUONE.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNE 1:CONTINUATION 196 »

0

18 MARZO 2015:LA SCHIZOFRENICA ECATOMBE MEDITERRANEA DELLA LEGA NORD

–SU THE HUFFINGTON POST:

Da Mare Nostrum al blocco navale, la schizofrenia che dimentica gli esseri umani

Pubblicato: 10/03/2015 11:05 CET Aggiornato: 10/03/2015 11:05 CET
MIGRANTI
Condividi 77

Tweet 29
Commento 7

Mi piacerebbe capire come si può giustificare il passaggio schizofrenico da un’operazione umanitaria come Mare Nostrum all’ipotesi molto concreta e lontana dal rispetto dell’essere umano, espressa dall’inviato Onu Bernardino Leon, del blocco navale in Libia. Come si possono salvare 170 mila vite umane in tutto il 2014 e arrendersi, appena due mesi dopo, all’idea che il blocco navale sia l’unica soluzione. Un’opzione peraltro che va contro alla stessa Dichiarazione Universale dei diritti umani del ’48 in cui è previsto per ogni individuo il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona. E allora sono io lo sciocco a pensare ancora che le Nazioni Unite siano deputate alla difesa dei diritti dell’uomo. Le stesse Nazioni Unite che, peraltro, nel 2009 condannarono l’Italia per i respingimenti dei migranti provenienti dalla Libia. Qualcuno mi spieghi che differenza c’è, a livello sostanziale, tra quella politica così contrastata dall’Onu perché considerata lesiva dei diritti umani e quella di oggi più che paventata dall’inviato Leon. Qualcuno mi spieghi perché in nome di una minaccia alla sicurezza nazionale e di tutta l’Europa debbano rimetterci sempre gli stessi. Gli ultimi, scudi umani in questo folle balletto di posizioni politiche su cui nessuno ha avuto il coraggio di prendere l’unica posizione che tuteli la vita umana, i corridoi umanitari. La fortezza Europa non è idonea a salvare vite e c’è una chiara responsabilità politica perché se è vero che da un lato c’è un problema libico, dall’altro c’è il tema di chi si trova in mezzo al mare e non può essere abbandonato a se stesso. Va ricordato, perché spesso la memoria in questi casi sembra labile, che si tratta di persone che scappano dalla guerra. Non possiamo pensare alla Nigeria, condannare la violenza di Boko Haram e dimenticarci poi delle vittime. Quando è caduto il regime di Gheddafi, l’Ue non è corsa in Libia e dal nuovo governo instauratosi per far firmare le convenzioni internazionali sui richiedenti asilo, ma c’è stata una vera e propria corsa all’oro per accaparrarsi i contratti sull’energia, sul petrolio e sul gas. Nessuno ha pensato al tema dei diritti umani e a come creare un canale umanitario. Il messaggio dato dall’Europa è rimasto legato a interessi economici. Segui Francesco Rocca su Twitter: www.twitter.com/Francescorocca http://www.huffingtonpost.it/francesco-rocca/mare-nostrum-blocco-navale-schizofrenia-dimentica-esseri-umani_b_6830960.html -

REAZIONE:QUESTA E’ LA CONSEGUENZA DEL CONTINUISMO DELLA POLITICA VERSO IL MARE NOSTRUM DELLA LEGA NORD-BERLUSCONI INIZIATO AI TEMPI DELLA SUA SECONDA PRESIDENZA.ABBIAMO VISTO ALLORA BERLUSCONI FARE UN ACCORDO CON KADAFY PER UN FASULLO RICONOSCIMENTO DI UN DEBITO STORICO PER COLONIALISMO(CON UNO STATO ALINEATO CON L’ITALIA NELLA SECONDA GUERRA?),ABBIAMO VISTO DARE IL COMMANDO DELLE NOSTRE MOTOVEDETTE NEL MEDITERRANEO A KADAFY PER EVITARE GLI SBARCHI IN SICILIA,E ABBIAMO VISTO LA NOMINA DI MARONI A MINISTRO DEL INTERNO.SEMBARVA LA SOLUZIONE IDEALE VERO?MA CHE!, SOLO ABBIAMO ASSISTITO ALLA BUFFONATA CON TANTO DI SCHERZOSA SCENEGGIATA DI BERLUSCONI SBARCANDO IN LIBIA DA PENTITO NEOCOLONIALISTA,DI MARONI SBARCANDO A PALERMO DA CESARE OCCUPANTE DELLE ISOLE ,E IN CONTROPARTITA ABBIAMO DOVUTO SOPPORTARE KADAFY RECITANDO IL COPPIONE DI SCIPIONE L’AFRICANO SBARCANDO A ROMA CON LA SUA CORTE DI TENDE ELEFANTI E PROSTITUTE A PER FARE SFILATE CON BERLUSCONI E LEGA AL MIGLIORE STILE CONQUISTA PUNICA,E ABBIAMO COSI ASSISTITO AL NASCERE DI UNA ALLEANZA PER RICATTARE L’EUROPA PER PIU SOLDI IN MEZZO ALLE MINACCIE DI BOSSI DI PASSARE IN FRANCIA E GERMANIA CON DOCUMENTI PROVISORI GLI SBARCATI E ALLORA FARE SALTARE LO SPAZIO SHENGHEN,E ANCHE ACCUSE RAZZISTE AI SICILIANI DI ORGANIZZARE A PAGAMENTO IL TRASLOCCO IN ITALIA DEI PROFUGHI,O LA PRESENZA DI TERRORISTI INFILTRATI TRA GLI SFOLLATI(I SOLITI SPAURACCI DELLA “SICUREZZA LEGHISTA-BERLUSCONIANA).QUESTO STATO DI COSE ERA TROPPO E DOVEVA SMETTERE,E’ STATO L’INTERVENTO IN LIBIA DELLA NATO A FARLO:HA CADUTO KADAFY,HA CADUTO BERLUSCONI,HA CADUTO MARONI,BOSSI FRATTINI ECC.

IO EBBE L’OCCASIONE DI VEDERE LO STATO DI POVERTA E DISOLUZIONE SOCIALE IN QUI HANNO LASCIATO LA SICILIA DELIBERATAMENTE QUANDO DOPO LA VITTORIA MI RECAI NELL’ISOLA NEL 2012.

POI SONO ARRIVATI I TEMPI DEL GOLPE DI PALAZZO DELLE LARGHE INTESE :LETTA E BERGOGLIO GRIDARONO ALLA COLPA DELLA LEGA E LE SUE LEGGI IMMIGRATORIE E CHIAMARONO ALLA PIETA DI QUELLE STRAGGI CON TANTO DI FUNERALI DI STATO E L’INIZIO DEL MARE NOSTRUM DOVE LA (LA MIA)MARINA CON COLLABORAZIONE DELLA FRANCIA AVREBBERO FATTO NEL MEDITERRANEO UN LAVORO UMANITARIO DI ACCOGLIENZA DI SFOLLATI.

TUTTO BENE?MA CHE!…. FUNERALI DI STATO NON SE NE FECERO E ARRIVATO RENZI AL GOVERNO ALFANO HA TORNATO IN DIETRO INSISTENDO CON LA VECCHIA COSA DELLA LEGA E BURLUSCONI(DA QUI E’ SEMPRE STATO FEDELE OSSEQUENTE)PER IL RICATTO ALL’EUROPA PER SOLDI.E COSI FINI MARE NOSTRUM,IL SOCCORSO UMANITARIO FU ARCHIVIATO ,E INIZIO TRITON,UNA OPERAZIONE SOLO DISSUASORIA RESPINGENDO GLI SBARCHI SENZA SOCCORSO NE RICEVIMENTO UMANITARIO.ALTRO CHE FUNERALI DI STATO.

MA NON E’ FINITA:TRITON FALLI(ALFANO DEFFICENTE, MALINTENZIONATO)E IL NUOVO GOVERNO LARGHE INTESE NON HA AVUTO MIGLIORE IDEA CHE INTERVENIRE DI NUOVO MILITARMENTE IN LIBIA CON LA SCUSA IPOCRITA DELLO SGOZZAMENTO DEI COPTI EGIZIANI,E IN MEZZO ALLA VECCHIA DISPUTA DI BERLUSCONI E LEGA CONTRO LA FRANCIA E GLI ALLEATI ACCUSANDOLI ORA DI SERVIRSENE DEL PETROLEO LIBICO SENZA BADARE A EVITARE LE FUGE DI SFOLLATI IN ITALIA.MA…E BERLUSCONI DOVE ERA?RICORDIAMO BENE CHE SUBITO L’INTERVENTO IN LIBIA DELLA NATO BERLUSCONI E FRATTINI FECERO VOLTA FACCIA A KADAFY E SI LANCIARONO A CONTRATTI E BENEFICI PETROLIFERE DELLA NUOVA SITUAZIONE UGUALMENTE A TUTTI.

ECCO LA GENESI DELL’ECATOMBE VOLUTA DA BERLUSCONI E LEGA ORA ATTUATA DAL SUO BURATTINO RENZI-ALFANO CHE DOVREBBE D’ALTRONDE SERVIRE PER DISTRARRE L’ATTENZIONE DEI SUOI PROBLEMI GOLPISTI INTERNI ED ESTERNI:DOVREBBERO ESSERE PORTATI AL TRIBUNALE DELL’AIA PER CRIMINI CONTRO L’UMANITA.QUALCUNO CI PENSI.

Immagine anteprima YouTube

-

*19 MARZO 2015:CON BARDOT IN MENTE

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Rabbia, felicità, tristezza: anche gli animali provano emozioni come noi
.
Rabbia, felicità, tristezza: anche gli animali provano emozioni come noiDI BRUNELLA GASPERINI, psicologa.
.
REAZIONE:NON POSSO MENO CHE PENSARE A BRIGITTE BARDOT E LA SUA LOTTA DI CIVILTA A DIFESA DEGLI ANIMALI.LOTTA TRIONFANTE CON DUE GRANDI ICONI CONCRRETE:L’ABOLIZIONE DELLE CORRIDAS DI TORO NELLA SPAGNA E LA PROIBIZIONE DI USARE ANIMALI NEI CIRCHI DI EUROPA.NO AL MACELLO E MALTRATTO DEGLI ANIMALI,DI TUTTI GLI ANIMALI.
-
NOTA AL MARGINE:LA BIBBIA PARLA DELLA TERRA PROMESSA COME QUELLA IN QUI “SORGE LATTE E MIELE”,DIO NON INCORAGGIA IL CONSUMO DI ESSERI VIVENTI,NE ANIMALI NE VEGETALI E PARTICOLARMENTE CARNE E SANGUE.

Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
PD:IO OGGI RISIEDO IN ITALIA(LOMBAARDIA)PERO SONO STATO TURISTA IN BRASILE ED HO POTUTO COSTATARE IL DIVISMO DELLA BARDOT IN QUEL PAESE.
EVIDENTEMENTE GLI ABITANTI DELLA MONGOLIA E LA GRANDE PRATERIA-ESTEPA EURO-ASIATICA,CIO’E’ IL “DESERTO VERDE” CONQUISTATO DA GENGIS KHAN(VEDI SOPRA VIDEO)NON LEGONO LA BIBBIA.E NON CONFONDERE GENGIS KHAN CON STRAUSS KHAN,UN FRANCESE DAL NOME AUSTRICO.
-
*20 MARZO 2015:SOS TERRORISMO,DOPO LIBIA TUNISIA
-TITOLARE GOOGLE NEWS:
Tunisia, strage al museo: 21 morti. L’Isis: “Solo la prima goccia di
TGCOM – ‎6 minuti fa‎

In giornata nove persone sono state arrestate. I terroristi che hanno organizzato l’attentato nella capitale avevano cinture esplosive. 23:20 – “E’ solo la prima goccia di pioggia”. A 24 ore dalla strage dei turisti al museo del Bardo di Tunisi, l’Isis ha rivendicato il ..

REAZIONE:NON FACCIAMO DI TUTTA L’ERBA UN FASCIO,LA TUNISIA NON E’ LA LIBIA.NEL TUNES C’E’ UN REGIME DEMOCRATICO PERFETTAMENTE STABILITO PERO ALL’INTOLLERNZA FONDAMENTALISTA NON PIACE IL LAICISMO CHE E’ CHI HA VINTO LE RECENTI ELEZIONI E HA DECISO COLPIRE OGNI PRESENZA STRANIERA COME MODO DI ISOLARE LA SUA DEMOCRAZIA.ED E’ IL SECONDO ATTACCO ALLA DEMOCRAZIA DOPO QUELLO DELLA FRANCIA.
-
*20 MARZO 2015:SOS TERRORISMO,DOPO LIBIA TUNISIA II
-TITOLARE GOOGLE NEWS:
Strage di Tunisi, l’Italia si difende: più navi e aerei nel Mediterraneo
TGCOM – ‎6 minuti fa‎
Parte l’operazione “Mare Sicuro”. Intelligence punta la lente sui grandi eventi che si svolgeranno nel nostro Paese. 08:08 – L’Italia innalza le sue difese guardando alla vicina polveriera nordafricana: dalla Libia in mano alle milizie, alla Tunisia dilaniata …
Tunisia: sul tavolo del vertice Ue strage di Tunisi e situazione Libia
«Isis pericolo per la democrazia»

Stato Islamico » Tunisia »

-
REAZIONE:SE LO SGOZZAMENTO DEI COPTI EGIZIANI LI HA SERVITO AL GOLPISMO ITALIANO PER FARSENE UNA RAGIONE,L’ATTACCO ALLA TUNISIA LI FORNISCE LA SCUSA PER UN INTERVENTO ARMATO.
SEMBRA CHE I TERRORISTI LAVORASSERO PER RENZI.AL MENO QUESTO E’ IL RISULTATO,PERO LA TUNISIA E’ UN REGIME DEMOCRATICO STABILE E L’ITALIA HA UN GOVERNO GOLPISTA.
QUESTA AZIONE IN SOLITARIO,ESSAGERATA,INGIUSTIFICATA,DIVERSIVA E’ UNO SPROPOSITO INSOMMA, CHE NON TROVA L’APPOGIO DELLA COMUNITA INTERNAZIONALE.
-APPENDICE
-SU THE HUFFINGTON POST.

L’attacco di Tunisi accelera l’intervento in Libia

Si dice Tunisia, oggi, ma si deve intendere Libia. Sullo sfondo dell’attacco terroristico in Tunisia si apre infatti lo scenario di un’ accellerazione di un intervento in Libia. È una conclusione intuitiva, un passo logico inevitabile – la vicinanza dei due paesi e l’allargarsi della operatività dell’Isis anche in quello che era il gioiello della corona della democrazia nata dalle primavere Arabe porta inevitabilmente all’urgenza di una iniziativa europea e nostra nel lacerato paese che fu di Gheddafi.

REAZIONE:L’HO GIA SPIEGATO CHE LA TUNISIA NON E’ LA LIBIA E QUINDI QUESTA “INTUIZIONE” E’ CAMPATA PER ARIA,E’ UNO “SPRO-PO-SI-TO” ALTRO CHE INTUIZIONE.NON C’E’ UNA CONCATENAZIONE CHE DIA NE MENO UNA PARVENZA DI LOGICITA ALL’INTUIZIONE TRANNE LA PRESENZA DELL’S.MA L’IS COME DIO E’ DA PER TUTTO,DALL’AUSTRALIA ALLA LOMBARDIA .
-TITOLARE ULTIMA ORA SU THE HUFFINGTON POST:
Dubbi sulla rivendicazione dell’Isis. Le autorità tunisine non hanno trovato legami tra attentatori e gruppi terroristici
-LA NOTA COMPLETA:Yassine Laabidi e Hatem Khachnaoui, attentatori di Tunisi, non avevano legami con gruppi terroristici noti. L’Isis rivendica, ma i dubbi restano
Redazione, l’Huffington Post
Pubblicato: 19/03/2015 16:58 CET Aggiornato: 19/03/2015 17:05 CET
ATTENTATORI TUNISIA

Sono molti ancora i punti interrogativi che gravitano attorno all’attentato del Museo del Bardo, a Tunisi. A cominciare dalle rivendicazioni. Secondo il sito di intelligence Site, l’attacco sarebbe stato rivendicato dall’Isis, che in un comunicato nomina i due attentatori come “Abu Zakarya al-Tunisi e Abu Anas al-Tunisi”. “Quello a cui avete assistito è solo la prima goccia di pioggia”, è la minaccia contenuta nel messaggio audio con cui l’Is rivendica l’attentato. “Noi diciamo agli apostati – recita ancora il post su Twitter – che sono in Tunisia che questa è solo prima goccia di pioggia e che non godranno di sicurezza né di pace”.

Le autorità tunisine, tuttavia, non hanno riscontrato alcun legame tra i due terroristi morti nell’attacco e qualsiasi grippo terroristico conosciuto, come scrive il New York Times. I due terroristi uccisi nel museo sono stati identificati come Yassine Laabidi, originario di Ibn Khaldoun, e Hatem Khachnaoui, originario di Kasserine, che da tre mesi era sparito da casa e aveva chiamato i genitori con una scheda telefonica irachena.

Il primo era già stato individuato dai servizi segreti, “ma per nulla di speciale”. In un’intervista alla radio francese RTL, il primo ministro tunisino Habib Essid ha spiegato che Laabidi era “noto” ai servizi di sicurezza, ma “non per cose molto speciali”.

Le autorità di Tunisi hanno riferito di aver arrestato “alcuni sospetti complici” dei due attentatori, senza specificare quanti. I media locali parlano di tre fermati, ma al momento non ci sono conferme ufficiali. Secondo una fonte della sicurezza, tra i fermati ci sarebbero il padre e la sorella di Khachnaoui. I due membri della famiglia del giovane sarebbero stato arrestati a Sbiba City. In queste ore gli inquirenti sono al lavoro per scoprire qualcosa di più sui percorsi e le motivazioni dei due attentatori.

La presunta rivendicazione dell’Isis. Nel messaggio audio diffuso tramite Twitter dopo l’attacco al Museo del Bardo, il sedicente Stato Islamico ha rivendicato “l’uccisione e il ferimento di decine di crociati e apostati”. “Le forze di sicurezza hanno avuto il coraggio di avvicinarsi a loro (agli attentatori, ndr) solo dopo che i nostri eroi avevano finito le loro munizioni”, si afferma nel comunicato intitolato ‘La rivendicazione dello Stato Islamico dell’operazione Museo del Bardo nella Tunisia dell’Islam”.

L’Is parla di una “battaglia benedetta da Dio” in cui “due cavalieri dello Stato Islamico, Abu Zakarya al-Tunisi e Abu Anas al-Tunisi, pesantemente armati hanno preso di mira il Museo del Bardo, che si trova nel quartiere di massima sicurezza del Parlamento tunisino”. “Gli infedeli sono stati terrorizzati dal Signore e i nostri fratelli sono stati in grado di asserragliare un gruppo di cittadini di paesi crociati”, prosegue il messaggio audio nel quale è riconoscibile la voce dello speaker che legge il notiziario della radio dell’Is ‘al-Bayan’, che trasmette da Mosul, roccaforte dei jihadisti nel nord dell’Iraq.

http://www.huffingtonpost.it/2015/03/19/yassine-laabidi-hatem-khachnaoui_n_6902712.html

-REAZIONE:DOPO TUTTO NON SONO COSI SBAGLITO.E ORA COME LA METTIAMO IN ITALIA?STAREMMO A VEDERE.

-
*20 MARZO 2015:L’EFETTO “RESPONSABILITA CIVILE” DI RENZI
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
CHIESTO L’INVIO DI ISPETTORI

Stato-mafia, imputati presentano esposto contro pm della trattativa

I legali degli ufficiali dei carabinieri Mori, Obinu e De Donno: «violazioni di legge e anomalie oggettive e soggettive nell’espletamento delle indagini»

LA NOTA COMPLETA CUI:

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/palermo/cronaca/15_marzo_19/stato-mafia-imputati-presentano-esposto-contro-pool-trattativa-64c7a0b2-ce5d-11e4-96b7-2cbc6edfe378.shtml

-

REAZIONE:ECCO L’IRRESPONSABILE PRIMO EFETTO DELL’OFFENSIVA DI RENZI CONTRO LA GIUSTIZIA CON LA LEGGE DI RESPONSABILTA CIVILE RECENTEMENTE APPROVATA..E UN’ALTRA VITTORIA DI BERLUSCONI E DELLA SUA AUTORIA INTELLETUALE DELL’AZIONE GOLPISTA DI GOVERNO DEL BURATTINO I PALAZZO,SI QUESTO INSIEME ALL’ASSOLUZIONE RUBY E’ UN VERO E PROPIO GOLPE:CHI LO DUBBITA?

*20 MARZO 2015:MONTESQUIEU VIVE E LOTTA(MALGRADO BERLUSCONI)

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA

Palermo

Ingroia e il caso Sicilia e-Servizi: “Indagato? La verità verrà a galla”

-

REAZIONE:ECCO COME FINISCONO QUELLI CHE NON RISPETTANO LA SEPARAZIONE DI POTERE E SE NE SERVONO DELLA CARRIERA GIUDIZIARIA PER SCOPI POLITICI PARTITISTICHE.PUO SEMBRARE UNA VITTORIA POLITICA DI BERLUSCONI MA E’ UN BOOMERANG E QUESTA E’ UNA VITTORIA DELLA COSTITUZIONE CHE MOLTO BENE LI FA ALLA SEPARAZIONE DI POTERI.UN PARADOSSO PER INGROIA.

-

*20 MARZO 2015:VITTORIA SU RENZI

-TITOLARE GOOGLE NEWS:

Lupi si dimette: «Governo più forte». Interim a Renzi. Ipotesi rimpasto
Il Messaggero – ‎51 minuti fa‎
​ Dopo quattro giorni di intercettazioni e pressioni, e l’ultimo decisivo vertice stamattina con Matteo Renzi, Maurizio Lupi getta la spugna. L’annuncio delle dimissioni arriva dal salotto di Porta a Porta, alla vigilia dell’informativa, domani in Aula alla Camera, …
Corruzione, Lupi: “Mi dimetto dopo l’informativa alla Camera”
Maurizio Lupi » Matteo Renzi »
-
REAZIONE:DIMISSIONE DOVEROSA.GOVERNO PIU FORTE?MA CHE!!!!,GOVERNO SUICIDA.SENZA L’NCD NON ESSISTE GOVERNO E QUESTA DEFEZIONE NON POTRA NON AVERE CONSEGUENZE ALL’INTERNO DELLE LARGHE INTESE.ED E’ LA PRIMA CREPE SERIA,VERA E PROPIA PER I GOLPISTI ALTRO CHE PIU FORTE.BENE LA GIUSTIZIA,ATTENTI AL LUPO.
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 195 »

18 marzo 2015
0

19 MARZO 2015:RENZI GLOBE TROTTER NEGLI USA

Renzi negli Usa: primo vertice con Obama alla Casa Bianca

Il premier volerà a Washington: il 17 aprile l’incontro con il presidente degli Stati Uniti. Discuteranno di Libia, terrorismo, crisi ucraina e misure per il rilancio dell’occupazione

Renzi negli Usa: primo vertice con Obama alla Casa Bianca

ROMA – Il 17 aprile Matteo Renzi sarà ricevuto a Washington da Barack Obama. All’ordine del giorno del vertice ci sono la crisi ucraina e l’intricata situazione in Libia, con le ripercussioni legate alla lotta al terrorismo internazionale. Il premier italiano e il presidente Usa discuteranno anche di sicurezza energetica e cambiamenti climatici. Sul tavolo, poi, in seguito ai colloqui avuti al G20 di Brisbane, anche le questioni dell’occupazione e della ripresa economica.

Per Matteo Renzi si tratta della prima volta alla Casa Bianca. Nel settembre scorso, il presidente del Consiglio era volato negli Stati Uniti per una visita che era partita dalla California, con una serie di incontri iniziati alla Stanford University e proseguiti nella Silicon Valley. L’incontro con Obama era avvenuto però a New York, al Waldorf Astoria Hotel, prima della tappa nella sede dell’Onu.

Renzi a New York: da Obama a Marchionne

{}
Il vertice di aprile è stato annunciato dalla Casa Bianca con un tweet. L’amministrazione americana ha definito l’Italia “un prezioso alleato in ambito Nato su un ampio spettro di sfide globali”

-.

http://www.repubblica.it/politica/2015/03/17/news/renzi_negli_usa_primo_vertice_con_obama_alla_casa_bianca-109752933/?ref=search

REAZIONE:RENZI DOPO IL SECCO NO DELLE POTENZE OCCIENTALI ALL’INTERVENTO MILITARE IN LIBIA  HA INIZIATO DA GLOBE TROTTER UN GIRO IN CIRCA DI PARRINI PER SALVARE LA FACCIA A BERLUSCONI E LA SUA MANOVRA DIVERSIVA, E ANCHE CON OBAMA CI PROVA.PRIMA LO HA FATTO CON PUTIN E KIEV.

-

19 MARZO 2015:MERCATI ASIATICI,IL FARO EST DELLA NUOVA ERA

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Obama umiliato quando i migliori alleati si affrettano a unirsi ala banca per lo sviluppo della Cina

Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia aderiscono a Pechino come  Australia, Corea del Sud

L'amministrazione Obama è stato scettico Infrastructure asiatica proposto Investment Bank dall'inizio, sostenendo che potrebbe rivelarsi superfluo e potrebbe minare gli standard di prestito su temi come tutela dei lavoratori e dell'ambiente. (Associated Press)

L’amministrazione Obama all’inizio è stato scettica verso la proposta dell’Infrastructure Asiatic Investment Bank sostenendo che potrebbe rivelarsi superfluo e potrebbe minare gli standard dei prestitI su temi come tutela dei lavoratori e dell’ambiente. (Associated Press) di più>

By David R. Sands – The Washington Times – Mercoledì 18 marzo 2015

La battaglia di volontà tra Pechino e Washington su una banca di sviluppo sponsorizzata dalla Cina per l’Asia si sta trasformando in una disfatta, e l’ amministrazione Obama si è trovata isolata e imbarazzata quando i suoi migliori alleati si sono sfilati questa settimana per partecipare al proposto Infrastructure Asiatic Investment Bank .

In quello che un analista ha soprannominato un “disastro diplomatico” per gli Stati Uniti, la Gran Bretagna divenne il primo grande alleato europeo a firmare come membro fondatore della banca d’investimento con sede a Shanghai, si è unito rapidamente la Francia, la Germania e l’Italia, che ha respinto pubblici e privati avvertimenti provenienti dagli Stati Uniti circa l’impatto potenziale della banca su standard dei prestito globali e la competizione che potrebbe fornire alle istituzioni esistenti come la Banca Mondiale dominata dagli Stati Uniti .

Lussemburgo, un importante centro finanziario globale, ha rivelato questa settimana che avrebbe firmato anche. La Cina inoltre sta anche corteggiando l’Australia e la Corea del Sud, due dei più stretti alleati asiatici dell’America,per aderire prima della scadenza 31 marzo. Un servizio stamp sudcoreano ha riferito Mercoledì che Seoul lo ha preso l’offerta “seriamente in considerazione”.

La ragione per la fuga precipitosa è chiaro:il mercato della Cina con il suo enorme tesoro di denaro da investire ha portato a ignorare eventuali preoccupazioni espresse dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e del Dipartimento di Stato su che Pechino sara proprietario della meta del capitale della banca.

“In poche parole, se voi parlate, si dispone di una quota,” Thomas Koenig, un analista di politica della Camera di commercio dell’Unione Europea ha detto al servizio di trasmissione tedesca Deutsche Welle.

Con 32 paesi a bordo e di più attesi nei prossimi giorni, i media statali cinesi hanno iniziato a gongolare per il fallimento della amministrazione Obama a raccolta anche ei suoi più stretti alleati e partner commerciali per evitare la Infrastructure Asian Investment Bank . Essi hanno rilevato che i funzionari degli Stati Uniti hanno a lungo tenuto conferenze in Cina, ora la seconda più grande economia del mondo,per prendere una “stakeholder” ruolo più attivo negli affari economici globali, ma poi ha cercato di minare la banca d’investimento quasi dal momento che presidente cinese Xi Jinping galleggiava l’idea di un fondo di sviluppo asiatico durante un viaggio in Indonesia nel mese di ottobre del 2013.

“Benvenuti Germania! Francia Benvenuti! Benvenuti l’Italia! “, Il funzionario cinese Xinhua News Agency ha scritto in un commento pubblicato Mercoledì.

“Nonostante una petulante e cinico Washington,”sempre più grandi paesi si stanno unendo, il commento ha osservato. “Tenendo uva acerba sul AIIB l’America sembra isolata e ipocrita.”

I funzionari cinesi hanno notato Mercoledì che l’Infracstrutture Asian Investment Bank sarà all’ordine del giorno del vertice diplomatico dei top cinese, giapponese e sudcoreano il Sabato a Seul. Il Ministro delle Finanze Cinese Shi Yaobin ha detto ai giornalisti a Pechino che gli Stati Uniti sarebbero ancora benvenuti come socio fondatore.

Dicendo che le esigenze di finanziamento delle infrastrutture in Asia,stimato pressa poco di $ 700 bilioni di dollari all’anno,non siano coperti da istituzioni come la Banca mondiale e la Banca asiatica di sviluppo, la Cina sta mettendo metà delle iniziali 50 miliardi dollari di finanziamento previsto nel lancio dell’ Infrastructure Asiatic Investment Bank . India, un altro alleato degli Stati Uniti, è il secondo più grande investitore,insieme ad un gruppo di paesi in via di sviluppo dell’Asia e del Medio Oriente,che hanno rapidamente firmato.

L’ amministrazione Obama è stato scettica dell’idea fin dall’inizio sostenendo che la banca proposta potrebbe rivelarsi superflua e potrebbe minare gli standard di prestito su temi come tutela dei lavoratori e dell’ambiente.La grande partecipazione della Cina ha anche sollevato bandiere rosse e i funzionari degli Stati Uniti hanno detto che la banca avrebbe favorito le priorità economiche e strategiche di Pechino.

Scontro sul peso

Alla base del dibattito pubblico è stato un chiaro scontro tra Washington e Pechino sul ruolo leader dell’infrastruttura finanziaria del mondo istituita in gran parte dagli Stati Uniti sulla scia della seconda guerra mondiale e ancora in gran parte dominato negli alti ranghi dagli Stati Uniti, Europa e funzionari giapponesi .

“Siamo cauti circa la tendenza verso l’acomodarsi costante di Cina , che non è il modo migliore per coinvolgere una potenza in ascesa”, ha detto un funzionario non identificato USA sul quotidiano Financial Times dopo la notizia che la Gran Bretagna si sarebbe unito alla banca.

Le potenze in crescita come Cina,Brasile e India hanno espresso una montate frustrazione su una proposta di revisione del Fondo Monetario Internazionale per ripristinare i diritti di voto in modo da riflettere la nuova gerarchia mondiale bloccata perche l’ amministrazione Obama nel Congresso dominato dai repubblicani non e’ stata in grado di passarla.

Gli analisti dicono che i funzionari cinesi hanno abilmente cercato di venire incontro alle preoccupazioni su che i membri del Infrastructure Asian Investment Bank saranno disegnate in uno scontro di potere. Durante una visita in Australia, il mese scorso, Zhou Qiangwu,un uomo di punta gli sforzi di vendita di Pechino, ha osservato che l’Infrastruttura Asian Investment Bank sarà gestito da un segretariato multinazionale e utilizzERA la stessa struttura di gestione della Banca Asiatica di Sviluppo e la Banca Mondiale .

La banca proposta “seguira la prassi internazionale e dara massima attenzione alle questione dell’impatto ambientale e il reinsediamento” ha detto,e anche con forti garanzie contro la corruzione.

Il segretario al Tesoro Jacob Lew ha cercato di moderare la linea degli Stati Uniti contro l’Infrastructure Asian Investment Bank in una testimonianza a Capitol Hill questa settimana, insistendo sul fatto che l’obiettivo primario dell’amministrazione quello di garantire che la banca non ha di minare gli standard di prestito.

“Spero che prima che gli impegni definitivi sono fatti chi presta il proprio nome a questa organizzazione farà in modo che il governo sara appropriato”, ha detto Lew.

Ma la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato hanno detto questa settimana che è stata la “decisione sovrana” di ogni paese sull’opportunità di partecipareo meno alla banca.

Mr. Lew ha riconosciuto che il primato Occidentale di lunga data degli Stati Uniti nella sfera finanziaria globale è stata sfidata da Cina e altre potenze emergenti, che non possono condividere le priorita di Washington.

“I nuovi giocatori stanno sfidando la leadership degli Stati Uniti nel sistema multilaterale”, ha dichiarato Lew, implorando per il passaggio del pacchetto di riforma del FMI. “La nostra credibilità internazionale e l’influenza sono minacciati.”

Ma gli analisti privati ​​sostengono che la credibilità e l’influenza hanno preso grande successo dalla fretta per aderire all’Infrastructure Asian Investment Bank .

C. Fred Bergsten, membro senior presso la Peterson Institute for International Economics basata in Washington, ha scritto questa settimana che l’ amministrazione Obama ha fatto un errore enorme cercando di minare la banca, non solo non riuscendo a convincere gli alleati a stare fuori, ma anche rafforzando le voci di Pechino,che sostengono che gli Stati Uniti stanno cercando di mantenere la Cina verso il ribasso.

“L’ostilità degli Stati Uniti rafforza i cinesi che ritengono che la strategia degli Stati Uniti è quella di contenere e reprimere”, ha scritto, “in modo da aumentare, piuttosto che diminuire la prospettiva di un comportamento cinese non cooperativo.”

Sul Financial Times,Gideon Rachman ha detto questa settimana che la saga “si sta trasformando in una debacle diplomatica per gli Stati Uniti”

“Con la creazione e quindi con la perdita di una lotta di potere con la Cina “, ha detto,” Washington ha inviato un segnale non intenzionale sulla deriva del potere e l’influenza nel 21 ° secolo. ”

Copyright © 2015 Washington Times, LLC. Clicca qui per il permesso di ristampa .

Chi l’Autore

David R. Sands
David R. Sands

Cresciuto nel nord della Virginia, David R. Sands ha ricevuto una laurea presso l’Università della Virginia e un master presso la Scuola Fletcher di Diritto e diplomazia presso la Tufts University. Ha lavorato come giornalista per diverse pubblicazioni di Washington-area di lavoro prima di entrare al The Washington Times.

Ai tempi, il signor Sands ha coperto numerose argomenti, tra cui il commercio internazionale, banche, politica …

http://www.washingtontimes.com/news/2015/mar/18/obama-humiliated-as-allies-join-chinas-asian-infra/
.
REAZIONE:NON BISOGNA RICORDARLO,QUESTO NON E’ NEOLIBERALISMO,LA CINA E’ UN PAESE CHE SI HA CONVERTITO ALLA NUOVA ERA.ED E’ SIGNIFICTIVO CHE LA SEDE DI QUESTA BANCA SIA SHANGAI DOVE SI E’ SVOLTO QUELLA IMPORTANTE EXPO.
.
-APPENDICE:SU LA REPUBBLICA:
.
Ft: “L’Italia nell’Asian Infrastructure Investment Bank voluta da Pechino”
L’Italia aderisce all’Istituto fondato dalla Cina per attrarre investimenti in infrastrutture, in competizione con la Banca Mondiale di Washington e l’Asian Development Bank sponsorizzata dagli Usa. Il Tesoro: “Vogliamo diventare membri fondatori”

17 marzo 2015

Ft: "L'Italia nell'Asian Infrastructure Investment Bank voluta da Pechino"

L’incontro a Pechino per presentare l’AIIB, presente il presidente cinese Xi Jinping (reuters)

LONDRA - Dopo la Gran Bretagna, il cui passo ha irritato profondamente gli Stati Uniti, anche l’Italia ha accettato di entrare a far parte della Asian Infrastructure Investment Bank. Con lei la Fracia e la Germania. La AIIB è l’istituto finanziario promosso dalla Cina per costituire – secondo gli Usa – un’alternativa alla Banca Mondiale di Washington e all’Asian Development Bank, sponsorizzata dall’America.

La notizia è stata rivelata dal Financial Times e confermata poi da un comunicato ufficiale del Tesoro, secondo il quale Berlino, Roma e Parigi “vogliono diventare membri fondatori dell’AIIB”.

Nella ricostruzione del quotidiano della City, l’istituto, voluto con forza da Pechino, è visto come fumo negli occhi dagli Usa. Washington, scrive il Ft, ha fatto di tutto per evitare che nazioni occidentali entrassero nella Aiib. L’istituto, fondato a Pechino lo scorso anno, punta ad attrarre investimenti in infrastrutture in settori come trasporti, energia e telecomunicazioni in tutta l’Asia.

Tra i Paesi della regione, ma rimasti finora fuori dalla AIIB, si contano Giappone, Corea del Sud e Australia. A Canberra, però, il premier Tony Abbott ha fatto sapere che a breve farà una scelta finale.

Anche Seul potrebbe rivalutare il suo no all’ingresso nella AIIB, scrive il Financial Times. Mentre il Giappone, insieme agli Usa il maggior ‘azionista’ della Asian Development Bank, ne resterà fuori, anche per l’accesa rivalità storica con Pechino, alimentata negli ultimi anni dalla contesa sulle isole Senkaku (per Tokyo) Diaoyu (per Pechino).

La AIIB, scrive il Financial Times che cita fonti Ue, avrà a disposizione un bilancio di 50 miliardi di dollari. “La decisione dei Paesi Ue – sottolinea il Ft – rappresenta una significativa sconfitta per l’amministrazione Obama, secondo la quale i Paesi occidentali avrebbero avuto una maggiore influenza sulla nuova banca se tutti insieme ne fossero rimasti fuori”.

L’iniziativa dell’AIIB, “lanciata dal presidente (cinese) Xi Jinping è uno degli elementi di una “offensiva più ampia di Pechino per creare nuove istituzioni economiche e finanziarie che ne accresceranno l’influenza internazionale”.

Washington ha accolto con apparente neutralità la notizia, riferita dal Financial Times, che dopo la Gran Bretagna anche Italia, Francia e Germania hanno aderito alla ‘Asian Infrastructure Investment Bank’, l’istituto finanziario promosso dalla Cina per costituire un’alternativa alla Banca Mondiale di Washington e alla ‘Asian Development Bank’, sponsorizzata sempre dall’America.

Il responsabile del desk Asia-Pacifico del dipartimento di Stato,  Daniel Russel da Seul, ha chiarito che i dubbi Usa sulla AIIB restano ma, ha aggiunto, ogni singola nazione è libera di aderire al progetto: “Ogni governo può fare le proprie scelte (sul fatto che) il modo (migliore) per raggiungere i propri obiettivi sia quello di entrare a far parte (di AIIB) prima che i termini dell’accordo sia chiariti o se sia quello di aspettare per vedere quali saranno i risultati una volta che la banca avrà iniziato ad operare”.

Il riferimento è alla scadenza del 31 marzo, fissata da Pechino, per i Paesi che intendono aderire all’AIIB con la status privilegiato di membri fondatori e non di semplici componenti, in caso di ingresso dopo la fine del mese.

http://www.repubblica.it/economia/2015/03/17/news/ft_l_italia_nell_asian_infrastructure_investment_bank_voluta_da_pechino_-109693865/?ref=HREC1-3

-

-APPENDICE 2:ALTRE VISIONI DELL’ARGOMENTO SU

Mercopress - South Atlantic News Agency

-PRIMA NOTA:

Mercoledì, Marzo 18 2015 – 08:14 UTC

Principali economie dell’UE annunciano piani di aderire a  banca di sviluppo liderata dalla Cina, nonostante avvertimento degli USA

Francia, Germania e Italia il Martedì hanno annunciato l’intenzione di aderire al AIIB banca di sviluppo guidata da cinesi,il cui disegno porta preoccupazione a Washington che vede l’istituzione con scetticismo. I tre paesi europei vogliono “diventare membri fondatori della Asian Investment Bank Infrastructure (AIIB)”, hanno detto in una dichiarazione.

Ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha detto che il suo paese con l'Italia e la Francia "vuole portare la nostra lunga esperienza ... per aiutare la banca a costruire una solida reputazione".

Il 50 miliardi di dollari AIIB è stato sponsorizzato da Pechino come un modo di finanziare lo sviluppo regionale, ma è visto come un potenziale rivale alle istituzioni statunitensi, come la Banca mondiale.

I 50 miliardi di dollari è stato festeggiato dall’AIIB da Pechino come un modo di finanziare lo sviluppo regionale, ma è visto come un potenziale rivale alle istituzioni statunitensi, come la Banca Mondiale.

Washington, Tokyo e Seoul hanno rifiutato di diventare membri fondatori – ma entro una settimana,le quattro maggiori economie europee hanno segnalato l’intenzione di aderire. Gran Bretagna il Giovedi ha annunciato le sue ambizioni di essere il primo paese occidentale ad aderire alla banca, in una mossa per rafforzare le relazioni con la Cina

Rispondendo alle segnalazioni dell’interesse europeo per la banca, il portavoce cinese del ministero degli Esteri Hong Lei ha detto: “Accogliamo con favore i paesi ad aderire al AIIB come membri fondatori potenziali.”

“Il AIIB è un’istituzione di investimento multilaterale aperto e inclusivo”, ha detto il portavoce, aggiungendo che “la partecipazione dei paesi al di fuori della regione intensificherà l’ampia rappresentatività del AIIB.”

Cina e altri 20 paesi hanno firmato un memorandum d’intesa per stabilire la banca con sede a Pechino nel mese di ottobre.

In una conferenza stampa congiunta con il cinese il vice-premier Ma Kai il Martedì a Berlino, il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha detto che il suo paese con l’Italia e la Francia “vuole portare la nostra lunga esperienza … per aiutare la banca a costruire una solida reputazione”.

Vogliamo dare un contributo allo sviluppo positivo dell’economia asiatica, in cui le aziende tedesche partecipano attivamente”, ha detto.

Ma la mossa di Europa è stata accolta con un avvertimento di cautela dagli Stati Uniti.

Il segretario al Tesoro Jacob Lew ha detto che la preoccupazione principale di Washington era se la banca avrebbe di “aderire al tipo di standard elevati che le istituzioni finanziarie internazionali hanno sviluppato”.

“Sarà a  proteggere i diritti dei lavoratori, dell’ambiente e intende affrontare i problemi di corruzione in modo appropriato?

Il nostro punto a tutti insieme è che chiunque si una avra le esigenze di chiedere quelle domande in via preliminare e spero prima che gli impegni definitivi sono fatti perche chi presta il proprio nome a questa organizzazione farà in modo che il governo è appropriato”, ha detto Lew Congresso.

Gli europei ritengono che, essendo all’interno della AIIB essi saranno meglio in grado di garantire che gli standard di governance siano alti.

“La Germania vuole anche che il AIIB raggiunge gli elevati standard della Banca Mondiale e di altre istituzioni finanziarie regionali,” una fonte vicina al governo tedesco ha rivelato. “Stiamo agendo sul principio che possiamo farlo meglio con una cooperazione costruttiva nella elaborazione di tali norme”.

http://en.mercopress.com/2015/03/18/eu-main-economies-announce-plans-to-join-china-led-development-bank-despite-us-warning

—–

-SECONDA NOTA:

Mancata approvazione riforme FMI mette “la credibilità degli Stati Uniti a rischio” Lew avverte Congress

La credibilità degli Stati Uniti è a rischio se il Congresso non riesce ad approvare Fondo monetario internazionale di quote e di governance delle riforme, il segretario al Tesoro Jacob Lew ha avvertito il Martedì. Per più di due anni, il Congresso degli Stati Uniti ha impedito le riforme 2010 del FMI da entrata in vigore.

'La nostra continua incapacità di approvare le quote e della governance del FMI riforme sta causando altri paesi, tra cui alcuni dei nostri alleati, a mettere in discussione il nostro impegno per il Fondo monetario internazionale', ha detto Lew

“Criticamente, stiamo cercando l’approvazione del Congresso della quota FMI e riforma della governance”, ha detto Lew un’audizione della Camera dei rappresentanti del comitato dei servizi finanziari, secondo il testo preparato. “La nostra credibilità internazionale e l’influenza sono minacciati.”

Gli Stati Uniti sono l’unico paese membro con potere di veto sulle decisioni più importanti del FMI. Le riforme dovrebbero dare più peso ai poteri dei mercati emergenti, come la Cina, e di raddoppiare le risorse finanziarie permanenti del Fondo.

Questo impasse ha sollevato le ire della Cina e di altri paesi che potrebbero beneficiare di una struttura di potere più rappresentativo dell’economia globale attuale.

“Le riforme proposte metteranno finanze del FMI sulla base più stabile nel lungo termine, contribuire a modernizzare la struttura della governance del FMI, e conservare una forte leadership americana nel plasmare l’istituzione”, ha detto Lew.

“La nostra continua incapacità di approvare le quote e della governance del FMI riforme sta causando altri paesi, tra cui alcuni dei nostri alleati, a mettere in discussione il nostro impegno per il Fondo monetario internazionale e altre istituzioni multilaterali che abbiamo lavorato per creare e che avanzano importanti degli Stati Uniti e gli interessi economici e di sicurezza globali . ”

Lew ha osservato che il ritardo di riforma stava spingendo poteri dei mercati emergenti per creare le proprie istituzioni finanziarie multilaterali parallele. I BRICS – Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa – hanno annunciato la propria banca di sviluppo nel 2014, e la Cina recentemente ha portato al lancio di un’istituzione separata, Infrastructure Asian Investment Bank.

“Le riforme del FMI dovranno contribuire a convincere le economie emergenti a rimanere ancorati nel sistema multilaterale che gli Stati Uniti ha aiutato a progettare e continua a guidare”, ha detto Lew.

Il bilancio proposto dall’amministrazione Obama l’anno fiscale 2016 include l’aumento dell’impegno finanziario del FMI.

http://en.mercopress.com/2015/03/18/failure-to-approve-imf-reforms-puts-credibility-of-the-us-at-risk-lew-warns-congress

REAZIONE:GLI ADERENTI ALLA BANCA CINESE NON SONO POTENZE EMERGENTI MA DI PRIMO ORDINE E QUINDI LA MANCANZA DI CREDIBILITA NO RISULTA DELLE MANCATE RIFORME PER FARE IN MODO CHE  POTENZE EMERGENTI INCIDANO SUL FMI,MA DALLA CELERITA CON CHE QUESTI IMPORTANTI PAESI SI SONO INTEGRATI ALLA BANCA CINESE RICONOSCENDO COSI UNA NUOVA ERA DELL’ORDINE FINANZIERE MONDIALE.

-

-TERZA NOTA:NUOVA ERA MIRACOLATA

Lunedi, March 16 2015 – 10:25 UTC

Il Rego Unito visto dalla parte sbagliata in una disputa US/Pechino sopra una banca di sviluppo cinese

Gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per l’offerta del Regno Unito di diventare uno dei membri fondatori di una banca di sviluppo spallegiata dai cinesi. Il Regno Unito è la prima grande economia occidentale a presentare domanda di adesione della Asian Investment Bank Infrastructure (AIIB) nonostante il fatto che gli Stati Uniti hanno sollevato dubbi in merito all’impegno della banca agli standard internazionali in materia di governance.

"Ci saranno momenti in cui abbiamo un approccio diverso", un portavoce del primo ministro David Cameron ha detto circa il rimprovero rara dagli Stati Uniti.

Ci saranno momenti in cui abbiamo un approccio diverso”, un portavoce del primo ministro David Cameron ha detto circa il raro rimprovero dagli Stati Uniti.

Il AIIB, che è stato creato nel mese di ottobre da 21 paesi, guidati da Cina, finanzierà progetti di energia, dei trasporti e delle infrastrutture asiatici.

Il AIIB, che è stato creato nel mese di ottobre da 21 paesi, guidati da Cina, finanzierà progetti di energia, dei trasporti e delle infrastrutture asiatici.

Stati Uniti vedono lo sforzo cinese come uno stratagemma per diluire il controllo degli Stati Uniti del sistema bancario, e ha convinto alleati regionali come l'Australia, la Corea del Sud e Giappone di rimanere fuori della banca.

Stati Uniti vedono lo sforzo cinese come uno stratagemma per diluire il controllo degli Stati Uniti del sistema bancario, e ha convinto alleati regionali come l’Australia, la Corea del Sud e Giappone di rimanere fuori della banca.

“Ci saranno momenti in cui abbiamo un approccio diverso”, un portavoce del primo ministro David Cameron ha detto circa il raro rimprovero dagli Stati Uniti.

Il AIIB, che è stato creato nel mese di ottobre da 21 paesi guidati da Cina e finanzierà progetti di energia, dei trasporti e delle infrastrutture asiatici. Il Regno Unito ha insistito che avrebbe chiesto alla banca di aderire a severe procedure bancarie e di sorveglianza. “Pensiamo che sia nell’interesse nazionale del Regno Unito”, ha detto il portavoce del primo ministro Cameron.

Pippa Malmgren, ex consigliere economico del presidente Usa George W. Bush, ha detto alla BBC che il castigo pubblico dagli Stati Uniti alla mossa potrebbe essere una sorpresa.

“Non è normale per gli Stati Uniti di pubblicamente rimproverare gli inglesi”, ha detto, aggiungendo che l’attenzione degli Stati Uniti sulla politica interna in questo momento avrebbe potuto portare alla supervisione.

Tuttavia, il portavoce di Cameron ha detto che il cancelliere George Osborne ha discusso la misura con il suo omologo statunitense prima di annunciare la mossa.

In una dichiarazione che annuncia l’intenzione del Regno Unito di aderire alla banca, Osborne ha detto che l’adesione AIIB in fase di fondazione creerebbe “un’opportunità senza pari per il Regno Unito e l’Asia ad investire e crescere insieme”.

La speranza è che l’investimento nella banca darà alle società inglesi l’opportunità di investire in mercati in più rapida crescita al mondo.

Ma gli Stati Uniti vede lo sforzo cinese come uno stratagemma per diluire il controllo degli Stati Uniti del sistema bancario, e ha convinto alleati regionali come l’Australia, la Corea del Sud e Giappone di rimanere fuori della banca.

In risposta alla mossa il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti Patrick Ventrell, ha dichiarato: “Crediamo che qualsiasi nuova istituzione multilaterale dovrebbe incorporare gli elevati standard della Banca Mondiale e le banche regionali di sviluppo.”

“Sulla base di molte discussioni, abbiamo dubbi sul fatto che l’AIIB incontrerà questi standard elevati, in particolare relative alla governance, e la tutela ambientale e sociale”, ha aggiunto

I paesi membri fondatori della AIIB hanno concordato i parametri di base che determinano la struttura del capitale della nuova banca sarebbe relativo prodotto interno lordo.

Esperti bancari hanno stimato che, se preso alla lettera, questo darebbe alla Cina una partecipazione del 67% nella nuova banca.

Questo è significativamente diverso dal Development Bank in Asia, che ha una struttura simile alla Banca Mondiale ed è stato in esistenza dal 1966. Lì, le quote di maggioranza sono controllate dal Giappone e dagli Stati Uniti.

http://en.mercopress.com/2015/03/16/uk-caught-on-the-wrong-side-in-a-us-beijing-dispute-over-chinese-development-bank

REAZIONE:LA MANCATA ADESIONE DELL’AUSTRALIA,COREA DEL SUD E GIAPPONE NON SI HA CONCRETATO.

I DUBBI SULLA GOVERNANZE,SUGLI STANDARD DEI CREDITI DEL LAVORO E LA TUTELA AMBIENTALE SONO SOLO UNA BOUTADE DI OBAMA CAMPATI PER ARIA.MEGLIO E’ NON PRENDERLI SERIAMENTE IN CONSIDERAZIONE.

BENE IL REGNO UNITO:LA PREDICA CONTRO LE “DEVIAZIONI” NEOLIBERALI DI CAMERON CHE IN CINA LI HA PORTATO PIU DI UN MAL DI TESTA(INDUSTRIA CHIMICA TRA ALTRI)E GLI ULTIMI RIFIUTI ELETTORALI IN GB A VANTAGGIO DI CHI HA APOGGIATO LA NUOVA ERA,HANNO PRODOTTO QUESTE CORREZIONI:IN BUONA ORA.LA NUOVA ERA PUO FARE MIRACOLI.

Immagine anteprima YouTube

-

-QUARTA NOTA:

-SU THE WASHINGTON TIMES:

Australia, ultimo alleato degli Stati Uniti firma con la nuova banca di sviluppo cinese

Nonostante le preoccupazioni di Washington i sostenitori della banca continuano a crescere

LED IN: il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, a sinistra, stringe la mano con il presidente cinese Xi Jinping nel corso di una cerimonia di benvenuto per il vertice Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC) presso il Centro Congressi Internazionale di Yanqi Lake, Pechino, Cina Martedì 11 novembre, 2014. (AP Photo / Ng Han Guan) (Associated Press)
LED IN: il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, a sinistra, stringe la mano con il presidente cinese Xi Jinping nel corso di una cerimonia di benvenuto per il vertice Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC) presso il Centro Congressi Internazionale di Yanqi Lake, Pechino, Cina Martedì 11 novembre, 2014. (AP … continua>
By David R. Sands – The Washington Times – Martedì 24 marzo 2015

Australia,ha spostato un grande passo avanti per diventare l’ultimo alleato degli Stati Uniti a resistere l’amministrazione Obama e firmare come membro fondatore del proposto Infrastructure Asian Investment Bank della Cina, secondo la stampa.

Il Sydney Morning Herald ha riferito Martedì che l’australiano Gabinetto ha votato per invertire la sua precedente posizione e firmare un memorandum d’intesa per la fine del mese per partecipare alll’iniziativa di 100 billioni di dollari, la metà dei quali saranno finanziati con capitale iniziale fornito da Pechino .

Il AIIB , concepito per contribuire a finanziare le enormi esigenze di finanziamento delle infrastrutture di economie in espansione dell’Asia, ha provocato un braccio di ferro tagliente tra gli Stati Uniti e la Cina – che la Cina sembra essere vincente facilmente.


VEDI ANCHE: disastro diplomatico: Obama umiliato da corsa alleati ad unirsi nuova banca della Cina


Nonostante le riserve degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia e altre potenze europee annunciato la scorsa settimana che avevano accettato di diventare dei “soci fondatori” AIIB , con gli esperti dicendo che il richiamo della Cina con vaste riserve di capitale e di peso commerciale globale ha chiaramente superato le procupazioni di Washington.

Quasi tre dozzine di paesi, soprattutto in Asia e Medio Oriente,hanno previsto l’adesione alla AIIB come membri inaugurali, e molti analisti regionali sostengono che la Corea del Sud, un altro stretto alleato degli Stati Uniti asiatico, anche firmera prima della scadenza del 31 marzo.

Funzionari degli Stati Uniti hanno avvertito sia privatamente che pubblicamente che il AIIB potrebbe minare le organizzazioni internazionali occidentali finanziarie essistenti come la Banca mondiale e la Banca asiatica di sviluppo . Funzionari del Dipartimento del Tesoro hanno detto che ci sono dubbi sul nuovo AIIB , dominato dalla Cina , sull’osservanza degli stessi standard in materia di corruzione, del lavoro e delle norme ambientali come fanno gli organismi esistenti.

Una preoccupazione non detto per molti nel governo degli Stati Uniti è che la Cina potrebbe usare la sua influenza come ispiratore, paese ospitante e principale investitore nel AIIB per promuovere i suoi obiettivi politici e strategici nella regione.

Ma Pechino sostiene che il AIIB è necessario per soddisfare l’enorme bisogno di ponti, strade e altre infrastrutture che non vengono soddisfatte da istituzioni multilaterali esistenti. I funzionari cinesi dicono anche che il governo degli Stati Uniti è da tempo sollecitato Pechino a prendere un ruolo come parte interessata  più attivo nell’economia mondiale, ma ora sta cercando di bloccare gli sforzi della Cina per farlo.

Il supporto per la banca è arrivato insieme con una velocità sorprendente, dopo che il presidente cinese Xi Jinping lanciato l’idea per la prima volta durante un viaggio in Indonesia nel mese di ottobre del 2013.

Cina , India (un altro membro fondatore della banca) e altre economie emergenti anche dicono che la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale sottostimano il loro crescente potere, e che è il Congresso degli Stati Uniti che sta bloccando un pacchetto di riforma del FMI destinato a riequilibrare i rapporti di forza globale .

La Banca Mondiale è stato tradizionalmente gestita da un Americano, il FMI da un europeo e la Banca asiatica di sviluppo da un cittadino giapponese.

Anche alcuni analisti americani hanno detto che gli sforzi degli Stati Uniti per impedire la AIIB di decollare hanno dimostrato sia inefficace e controproducente. Sia per la Corea del Sud e l’Australia , la Cina negli ultimi anni è diventato il singolo più grande importatore e esportatore di mercato, il che rende difficile per i due paesi tenersi fuori dalla AIIB per tempo indeterminato.

E i funzionari della sede a Manila dell’Asian Development Bank ( ADB ) hanno segnalato questa settimana che non hanno visto l’iniziativa Cinese come una sfida per la missione dell’ADB.

Il Presidente dell’ADB Takehiko Nakao ha dichiarato all’Associated Press Martedì che la  banca Cinese potrebbe essere un potenziale partner piuttosto che un rivale, e che i funzionari delle due organizzazioni sono già in consulenza su come rendere la nuova banca più efficace.

“Penso che possiamo complementarci a vicenda”, ha detto Nakao sulla ADB e AIIB .

La Cina si dice che stia offrendo concessioni per aumentare il numero di paesi che aderiranno come soci fondatori, tra cui rinunciare a qualsiasi diritto di veto per le decisioni dell’AIIB. Pechino ha anche detto che la banca sarà disciplinata da un segretariato multinazionale.

Jin Liqun, segretario generale del comitato organizzatore della costituzione della banca in Cina, ha detto in un forum di Pechino durante il fine settimana che AIIB tenterà di prendere decisioni di investimento con il consenso unanime.

Anche se la Cina ha mantenuto l’invito aperto a Washington , negli Stati Uniti non si prevede di rispettare la scadenza del 31 marzo per diventare uno dei membri fondatori.Il Ministro delle finanze giapponese Taro Aso ha detto che Tokyo è stato anche “non pronto” a impegnarsi per l’adesione di questo mese, a seconda del servizio di stampa Reuters.

Ma c’erano segni freschi Martedì che un altro alleato degli Stati Uniti può essere per rompere fila: funzionari canadesi hanno confermato che stavano seriamente considerando di entrare, anche se David Barnabe, un portavoce del Dipartimento di Finanza in Ottawa, ha detto che i colloqui possano prendere “diversi mesi.”

Copyright © 2015 Washington Times, LLC. Clicca qui per il permesso di ristampa

http://www.washingtontimes.com/news/2015/mar/24/australia-latest-us-ally-sign-new-chinese-developm/
REAZIONE:QUESTO E’ NUOVA ERA,LA CINA SI HA CONVERTITO ABANDONANDO IL TRANSFORMISMO,ADOTTANDO LE LIBERALIZAZIONI E RIFIUTANDO IL NEOLIBERALISMO,ANCHE SE C”E’ ANCORA MOLTA STRADA DA PERCORRERE E RIFORME DA FARE.
LA CREDIBILITA DI OBAMA SERIAMENTE INDEBOLITA DENTRO E FUORI FRONTIERE.
L’EUROPA VA RISPETTATA.
PD:GIAPPONE IN SE NON HA ADERITO?CHERCHEZ LA FEMME(CHERCHEZ LE NEOLIBERALISME).MA IN QUANTO PAESE GUIDA DELLA ADB HA ESPRESSO PARERE CONCILIANTE CON LA BANCA CINESE.SONO COSE DIVERSE.
Immagine anteprima YouTube

-

-ILLUSTRAZIONE:L’INCONTRO DI DUE MONDI

1-I VIAGGI DI MARCO POLO

Immagine anteprima YouTube

2-GENGIS KHAN

Immagine anteprima YouTube

3-INCONTRO TRA MARCO POLO E KUBLAI KHAN

Immagine anteprima YouTube

-23 MARZO 2014:CON IL NOBEL IN MENTE

Blogs

Rustom Ghazaleh sanctionné pour son opposition au rôle des Iraniens en Syrie ?

2 mars 2015
L’administration américaine, meilleure amie de l’Etat Islamique et de l’Iran

Firas KONTAR
citoyen Franco-syrien

A quoi joue l’administration américaine ? Commet-elle des erreurs de jugement répétées concernant la situation en Syrie et en Irak ?

Firas Kontar

Firas Kontar

Après quatre années de massacres continus, surgissant de nulle part, le Secrétaire d’Etat américain John Kerry a abattu, il y a une semaine, une carte aussi inattendue que cynique : “Il faudra bien négocier avec Bachar al-Assad”. Cette déclaration surprenante nous rappelle la proposition faite par ce même John Kerry, au lendemain du massacre chimique de la Ghouta de Damas, le 21 août 2013. Il avait alors proposé, en échange du renoncement de la communauté internationale à sanctionner le régime de Bachar al-Assad, que la Syrie déclare et remette à l’Organisation pour l’Interdiction des Armes Chimiques (OTAC) la totalité de son arsenal chimique. Depuis lors, en dépit de ses engagements, le régime ne s’est privé d’utiliser ni son arsenal d’armes létales – missiles, bombes-barils, bombes à fragmentation… -, ni ses bombes au chlore, considérées elles aussi comme des armes chimiques, ni l’arme de la privation de nourriture imposée à toutes les localités qui refusent de se soumettre, et ce malgré une décision de l’ONU (Résolution 2139 du 22 février 2014) concernant l’entrée et la distribution de l’aide alimentaire.

Comment pouvons-nous expliquer dans ces conditions que la première puissance au monde souhaite négocier avec un petit dictateur couvert de sang ? Les Etats-Unis sont-ils vraiment contraint de négocier avec Bachar al-Assad, et qu’ont-ils à y gagner ?

La “faiblesse des éléments modérés de la rébellion” serait la principale cause de ce revirement. C’est oublier que cette faiblesse est la conséquence directe d’un soutien très limité de la part des “Amis du peuple syrien”, Américains en tête, qui n’ont quasiment rien fait depuis le début du conflit pour équiper et structurer l’Armée syrienne libre. Le manque de moyens a poussé à la radicalisation une partie de la rébellion. Un certain nombre de rebelles qui avaient pris les armes ont rejoint l’Etat Islamique, qui, lui, dispose de véritables moyens. Pour autant, devons-nous nous en remettre à Bachar al-Assad comme le propose l’administration américaine ? Contrairement aux idées reçues, la rébellion modérée continue d’avancer sur plusieurs fronts, notamment autour d’Alep, où les positions sont consolidées et où la rébellion grignote du terrain à l’Etat Islamique et au régime.

Autre point essentiel, Bachar al-Assad ne tient plus aujourd’hui que par le soutien des Iraniens. Il n’a jamais été aussi faible qu’à présent. Quatre années de guerre et de défections, y compris la fuite d’un premier ministre en exercice, ont considérablement affaibli son régime, son armée et ses services de renseignement. Il suffit de connaître un peu la situation sur le terrain pour savoir que, si al-Assad continue de contrôler aujourd’hui une partie – un peu moins de la moitié… – du territoire de son pays, il le doit uniquement à la présence de miliciens chiites irakiens, du Hezbollah libanais et des réfugiés afghans transférés en Syrie par l’Iran. Profitant de la misère des derniers, les mollahs iraniens les ont embauchés pour une bouchée de pain et ils les envoient participer à une guerre qui n’est pas la leur, uniquement pour soutenir leurs alliés syriens.

La majorité des frontières syriennes ne sont plus contrôlées par le régime. Penser que les services de renseignement occidentaux peuvent lutter contre le terrorisme en renouant avec les services de Bachar al-Assad, c’est se bercer d’illusions. Les règles du jeu ont changé depuis l’époque où le régime syrien collaborait – non sans réserve et au coup par coup – avec l’Occident après la guerre d’Irak. La porte d’entrée des réseaux djihadistes dans ce pays se trouvait alors en Syrie. Damas recrutait, formait et armait ces combattants. Elle les contrôlait et elle s’en servait comme monnaie d’échange. La libération par le régime de milliers de djihadistes, au début de la révolution, était destinée à effrayer l’Occident. Elle a contribué à renforcer leurs réseaux, loin du contrôle et de la surveillance du pouvoir en place. La perte du contrôle des frontières et les défections dans l’armée et les services de sécurité ne permettent plus à Bachar al-Assad de prétendre lutter contre le terrorisme islamiste, qu’il n’a d’ailleurs cessé de renforcer, non seulement à travers les libérations massives de djihadistes, mais également par ses bombardements qui ménagent l’Etat islamique pour se concentrer sur l’Armée libre et sur les zones civiles. Enfin, pouvons-nous sincèrement imaginer que Bachar al-Assad pourra gagner la guerre qu’il a déclarée à son peuple ? Toute une génération de Syriens a grandi, au cours des quatre années écoulées, avec le rêve de poursuivre et de conduire à son terme la confrontation dans laquelle le régime les a entraînés. La multiplication des victimes, qui se comptent aujourd’hui par centaines de milliers, n’a fait qu’apporter de nouveaux combattants aux rangs de la rébellion et des groupes djihadistes. Bachar al-Assad n’est plus un facteur de stabilité, si tant est qu’il l’ait jamais été. Il incarne le chaos qu’il avait promis dès le début du soulèvement.

Pourquoi, dès lors, remettre en selle un régime tyrannique à l’agonie ?

Il faut comprendre le changement de stratégie prôné par l’équipe d’Obama. Pour assurer, en 2011, dans des conditions de sécurité satisfaisante le retrait d’Irak de l’armée américaine, Washington a trouvé dans l’Iran un élément de stabilité régionale, les monarchies du Golf n’étant plus les alliés inconditionnels de l’administration américaine. A travers le premier ministre irakien, le chiite Nouri al-Maliki, l’Iran est devenu le véritable maître de l’Irak. La politique sectaire et fortement discriminatoire de leur protégé a jeté tout un pan de la société irakienne en direction de l’Etat islamique. Tout suggère que les Etats-Unis s’apprêtent à agir de la même façon en Syrie, où Bachar al-Assad n’est guère plus aujourd’hui que le “chargé d’affaires” des mollahs iraniens sur le territoire syrien. Ce n’est donc pas par hasard que, dans son rapport annuel remis récemment au Sénat américain, James Clapper, directeur du Renseignement national, a préconisé de retirer l’Iran et le Hezbollah de la liste des menaces terroristes. Les Américains espèrent ainsi faire d’une pierre deux coups : déléguer la lutte contre Da’ech à l’Iran et parvenir à un accord sur le nucléaire iranien. La zone d’influence iranienne s’étendrait donc de la Méditerranée à la frontière pakistanaise. Cette hégémonie et le contrôle des axes pétroliers et gaziers amèneraient l’Iran à renoncer à poursuivre  l’acquisition de la bombe nucléaire. La présence et la menace iranienne sur la région permettraient aux Américains de continuer à vendre massivement aux monarchies pétrolières du Golf les produits de leurs industries militaires…

Tout le monde le sait : faire de l’Iran le gendarme du Moyen-Orient ne réglera en rien les problèmes. L’administration Obama n’est pas stupide. Mais elle pense que, si le conflit risque de durer entre chiites et sunnites, les risques de le voir déborder et affecter les Etats-Unis restent minimes. Surtout en contrepartie des avantages attendus de cette situation : un prix du pétrole au plus bas, des ventes massives d’armes et matériels militaires, et un accord sur le nucléaire iranien.

La souffrance des peuples et leur droit à la liberté, à la dignité et à l’autodétermination n’intéressent pas Barack Obama. Ils n’intéressaient pas davantage son prédécesseur George Bush. Mais lui, au moins, n’avait pas à défendre une image de Prix Nobel de la Paix…

http://syrie.blog.lemonde.fr/2015/03/22/ladministration-americaine-meilleure-amie-de-letat-islamique-et-de-liran/

REAZIONE:CONNIVENZA CON IL TERRORISMO?

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente Successivo »
Torna in alto