SPAZIO REALE:DOTT.GIUSEPPE CIANCIMINO/FATTI INTERN

Per conoscere questo blog e chi è l'autore vai nella pagina Info.


FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 136 »

27 LUGLIO 2014:IMMIGRAZIONE

-NOTA 1:

Tutte le notizie di Rai News – ultime notizie in tempo reale – home page, logo rai news

CULTURA
Si svolgerà dal 1° al 5 ottobre
Lampedusa, nasce “Sabir”: il Festival delle culture mediterranee
Un evento per commemorare i 368 migranti morti nel naufragio del 3 ottobre 2013 e per far conoscere l’”altra” Lampedusa
CLICCA PER VEDERE VIDEO:

5 luglio 2014
Ascanio Celestini e Fiorella Mannoia insieme per presentare “Sabir”, il primo Festival diffuso delle culture mediterranee, che si terrà dal 1° al 5 ottobre a Lampedusa. Un evento promosso da Arci, Comitato 3 ottobre e Comune di Lampedusa, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Rai.
L’obiettivo
“L’obiettivo del Festival è restituire all’isola un’immagine diversa da quella che è stata costruita in questi anni. Ma anche affrontare il tema della gestione delle frontiere” spiega Filippo Miraglia, vicepresidente dell’Arci.
Il titolo dell’evento: Sabir
Un obiettivo che parte dal titolo dell’evento. Sabir era la lingua franca parlata nei porti del Mediterraneo dal Medioevo fino al XIX secolo. Un titolo che, dunque, allude alla vocazione storica dell’isola come luogo d’incontro e di scambio tra culture diverse.  “Noi pensiamo che il Mediterraneo debba essere uno spazio aperto dove non si muore, ma dove si dialoga e si costruisce insieme il futuro dei popoli che si affacciano su questo mare” spiega Miraglia.
Il programma del Festival
Nei 5 giorni del Festival si alterneranno dibattiti con ospiti internazionali, laboratori, spazi dedicati alla letteratura. Ma anche eventi teatrali e musicali, affidati rispettivamente alla direzione artistica di Ascanio Celestini e Fiorella Mannoia.
Fiorella Mannoia: “Mantenere le luci accese su Lampedusa”
“Ho deciso di partecipare all’organizzazione di questo Festival perché credo che Lampedusa meriti attenzione. Non devono spengersi le luci sul problema che l’isola sta affrontando”. Lo ha detto Fiorella Mannoia. “Noi artisti dobbiamo sostenere Lampedusa e sfruttare la nostra notorietà per non abbandonarla” ha aggiunto.
Ascanio Celestini: “Intervisteremo chi vive sull’isola per raccontare l’”altra” Lampedusa”
“Il lavoro più importante, per me, sarà quello dei 10 giorni precendenti il Festival quando, insieme alla compagnia di attori Cantieri Meticci, intervisteremo chi vive a Lampedusa” spiega Ascanio Celestini. “Quasi sempre l’isola viene raccontata attraverso il problema dell’immigrazione ma, in realtà, è tanto altro. Vogliamo dare voce al disagio che si vive a Lampedusa come periferia, come luogo di confine”.
Il sindaco di Lampedusa: “Affermare la centralità di Lampedusa e della questione Mediterraneo in Europa”
“Questo evento per me è molto importante non solo perché colma il vuoto lasciato da O’Scià (la kermesse musicale ideata da Claudio Baglioni, ndr), ma anche perché è un modo per fare di Lampedusa un focus aperto attraverso gli strumenti dell’arte, della musica e della cultura. Puntiamo a trasformare l’isola da periferia a centro” spiega il sindaco, Giusi Nicolini. “Il Festival è anche uno dei modi per affermare la centralità di Lampedusa e della questione Mediterraneo in Europa”. Nicolini ricorda inoltre che l’evento racchiude la commemorazione delle 368 vittime del naufragio del 3 ottobre 2013. Tragedie che, putroppo, continuano a ripetersi nel Mediterraneo.
La commemorazione delle vittime del naufragio del 3 ottobre
“Lanceremo 368 lanterne in aria, sfileremo in corteo, realizzeremo un flash mob e altre attività – spiega Tareke Bhrane del Comitato 3 ottobre, parlando delle iniziative in programma nel primo anniversario della tragedia – Vogliamo dedicare quel giorno ai familiari delle vittime”.”Il nostro Comitato chiede il riconoscimento del 3 ottobre come Giornata della Memoria e dell’Accoglienza per ricordare tutti coloro che sono morti nei viaggi migratori ma anche per porre l’attenzione sul tema dell’accoglienza  - spiega Bhrane – Chiediamo inoltre al governo italiano di far sì che le vittime del naufragio del 3 ottobre che sono ancora sepolte con un numero, possano finalmente avere un nome grazie all’esame del Dna”. -http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Lampedusa-nasce-Sabir-il-Festival-delle-culture-mediterranee-e5b5cf5f-0741-4905-b4dc-e48917bc01b9.html
.
REAZIONE:QUALCOSA DI MEGLIO CHE IL PROMESSO E POI MANCATO FUNERALE DI STATO ALLE VITTIME PER PARTE DI LETTA CON LA BENEDIZIONE DI PAPA FRANCESO,E’.
Immagine anteprima YouTube
.
-NOTA 2:SU LE MONDE,Blogs

6 juillet 2014
Obama essaie de stopper l’afflux de mineurs clandestins d’Amérique Centrale

Barack Obama a reçu le vendredi 25 juillet les présidents des trois pays d’Amérique centrale – Honduras, Salvador et Guatemala – pour tenter de trouver une solution à l’afflux croissant de mineurs non accompagnés qui fuient la misère et la violence de leur pays d’origine.

Depuis octobre, 57.000 mineurs non accompagnés ont été interpellés à la frontière avec le Mexique. Le gouvernement américain s’attend à un total de 90.000 d’ici à la fin septembre. M.Obama a averti que la majeure partie d’entre eux ne seraient pas autorisés à rester aux Etats-Unis.

ap364061237951

Pour le président du Honduras, Juan Orlando Hernandez, ce phénomène, qui a atteint une ampleur « sans précédent », est étroitement lié au trafic de drogue et la violence. Cependant, a-t-il ajouté lors d’un passage au Congrès, il est aussi lié « au manque de clarté qui est devenu la marque de fabrique des débats sur la réforme de l’immigration aux Etats-Unis ».

Le Honduras a demandé un « mini plan Marshall » pour permettre à l’Amérique Centrale de lutter contre la violence et le trafic de drogue qui poussent un nombre croissant de jeune à émigrer vers le Nord. « Nous avons besoin de l’aide des Etats-Unis et du Mexique car le problème concerne tout le monde ».

Pour la Maison Blanche, cette crise est le symptôme visible d’un système qui ne fonctionne plus et démontre de façon criante la nécessité d’une vaste réforme. Mais depuis un an, depuis l’adoption par le Sénat d’un texte prévoyant un renforcement drastique des contrôles aux frontières, une hausse des quotas de visas pour les travailleurs qualifiés et une perspective de régularisation pour 11 millions de sans-papiers, rien ne bouge.

Dans plusieurs villes des Etats-Unis, des rassemblements “anti-immigrants” ont été organisés. D’autres, au contraire, ont décidé d’accueillir les mineurs clandestins. Le gouverneur du Texas, le républicain Rick Perry, a annoncé pour sa part l’envoi de 1.000 réservistes de la Garde nationale afin de « sécuriser » la frontière.

Cette rencontre intervient alors que le président américain tente, en vain, d’obtenir du Congrès une enveloppe d’urgence de 3,7 milliards de dollars pour gérer cette crise humanitaire. Les démocrates ont finalement retenu le chiffre de 2,7 milliards. Les républicains évoquent désormais un chiffre plus proche de 1 milliard et affichent leur intention de voter la semaine prochaine à la Chambre, même si le calendrier exact n’a pas été fixé.

 http://latinosusa.blog.lemonde.fr/2014/07/26/obama-essaie-de-stopper-lafflux-de-mineurs-clandestins-damerique-centrale/

A propos d’Isabelle Piquer


Cela fait plus de quinze ans que je suis correspondante aux Etats-Unis pour diverses publications. Lorsque je suis arrivée à New York à la fin des années 90, je n’entendais presque pas parler espagnol dans la rue. Ce n’est plus le cas aujourd’hui: les Hispaniques sont fiers de leur identité et ne le cachent plus. Ils vont changer le visage des Etats-Unis. Première minorité du pays – 53 millions de personnes, 17% de la population – leur poids démographique ne cesse d’augmenter, une croissance qui va leur donner un pouvoir qu’aucune communauté d’immigrants n’a connu jusqu’ici.

-

REAZIONE:MI SEMBRA OLTRE CHE RIDUTTIVO IPOCRITA DARE TUTTE LE COLPE DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA,ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA.OPPORTUNISTI DEL TRAFICO DI PERSONE DISPOSTI A SFRUTTARE QUESTA IMMIGRAZIONE NON MANCANO CERTAMENTE MA LA CAUSA DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA SONO POLITICHE  E TANTO LE RESPONSABILITA COME LE SOLUZIONI VANNO CERCATI POLITICAMENTE E NON SOLO NELLA REPRESSIONE SIA DEGLI IMMIGRANTI CHE DELLA CRIMINALITA.QUESTA PRAXIS E’ STATA LA COSTANTE DELLA LEGA CHE VEDEVA NEGLI SBARCHI ORGANIZZATI DA TRAFICANTI DI ESSERI UMANI UN’OCCASIONE PER CONTINUARE A CRIMINALIZZARE L’INTERO SUD OLTRE CHE RICATTARE L’EUROPA IN CERCA DI FONDI,MA E’ RESPONSABILITA  DEI GOVERNI CENTRALI FAVORIRE O REPRIMERE QUESTA O QUELL’ALTRA IMMIGRAZIONE.IL TANDEM BERLUSCONI.BOSSI CON LA SUA CARICA DI RAZZISMO E XENOFOBIA REPRIMEVANO L’IMMIGRAZIONE AFRICANA E ROMENA ALLO STESSO TEMPO CHE,PER MOTIVI DI POLITICA INTERNAZIONALE E INTERNA(FONTI ENERGETICI,RIVALTA REGIONALI)RIDISEGNAVANO STRATEGIE REGIONALI E INTERNAZIONALI CO-LAVORANDO IN DETRIMENTO DELLA NOSTRA SOVRANITA CON GOVERNI REGIONALI(LIBIA)O RIDISEGNADO LEGGI (CITTADINANZA E IMMIGRATORIE)PER FAVORIRE L’IMMIGRAZIONE ISPANA SUDAMERICANA.

ALLO STESSO MODO NON E’ SEGRETO PER NESSUNO CHE IL FLUSSO ELETTORALE DEGLI ISPANICI E’ INDISPENSABILE PER IL MANTENIMENTO DEL POTERE DI OBAMA.

SOLO DOPO LE PRESSIONI INTERNI ITALIA HA CAMBIATO STRATEGIA ACETTANDO LA COLABORAZIONE DELLA FRANCIA NELLA CONTENZIONE DELL’IMMIGRAZIONE AFRICANA E CERCANDO DI DISEGNARE STRATEGIE DI CONTENZIONE COMUNI CON I PAESI AFRICANI COME DIMOSTRA LA RECENTE VISITA DI RENZI NELLE EX-COLONIE DEL SUBCONTINENTE.

ALLO STESSO MODO L’OPPOSIZIONE REPUBBLICANA SOLO DI RECENTE HA MOSSO OBAMA A RIMANDARE INDIETRO QUESTI BAMBINI-DELINQUENTI DI RITORNO IN SUDAMERICA.

-

27 LUGLIO 2014:IMPEACHMENT?

La Camera dei Democratici suggeriscono di fare cassa perche l’impeachment di Obama è imminente

Per Kellan Howell

Il Washington Times

Sabato 26 Luglio 2014

Il presidente Barack Obama fa una pausa mentre parlando della situazione in Ucraina, Venerdì 18 Luglio 2014, nella Brady Press Briefing Sala della Casa Bianca a Washington. Il presidente ha detto quello americano è stato ucciso sull'aereo l'Ucraina, e l'aereo fu abbattuto da un missile terra-aria in una zona controllata dai separatisti russi-backed. (AP Photo / J. Scott Applewhite)

l presidente Barack Obama fa una pausa mentre parlando della situazione in Ucraina, Venerdì, …

Nel tentativo di portare più denaro per la campagna,la Casa dei Democratici(camera diei diputati) ha inviato un appello ai donatori su più fondi per difendere il presidente Obama da un impeachment apparentemente imminente.In un avviso e-mail, il Democratic Congressional Campaign Committee ha sollecitato donazioni immediate citando una causa contro Obama per parte del House Speaker John Boehner causa.


FOTO: il più grande Casa Bianca di Obama ‘non riesce’


“La Casa Bianca ha annunciato ieri che Boehner  ‘potrebbe portare l’impeachment del presidente Obama, “l’e-mail di lettura.

“La causa di  Boehner ‘contro il Presidente è più di una bravata politica. Si tratta di un completo attacco all’agenda del presidente Obama, la sua legittimità, e il processo democratico che lo ha eletto due volte “.

Il DCCC ha chiesto ai donatori di raggiungere nelle loro tasche il superamento dell’obiettivo delle loro donazione di 100.000 dicendo: “Abbiamo avuto abbastanza.”

Le ultime limature di finanza per la campagna pubblica mostrano che la Camera dei Democratici sono già avanti dei repubblicani nel ciclo elettorale.

Il DCCC ha riferito donazioni di 10,9 milioni dollari nel mese di giugno, circa 5,6 milioni di dollari più della RCCC.

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=en&rurl=translate.google.com&tl=it&u=http://www.washingtontimes.com/news/2014/jul/26/dccc-raising-money-suggestion-obama-impeachment-im/&usg=ALkJrhj-Ih12pXcE069iDbnvPKRZZAjH_w
-
REAZIONE:MENTRE USA SI TROVA SERIAMENTE IMPEGNATO IN VARI FRONTI:MILITARMENTE IN UKRANIA E NELLA FRONTIERA SUD DEL RIO GRANDE NEL FRONTE INTERNO,E DIPLOMATICAMENTE NEL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE,OLTRE A SIRIA ED ALTRE,OBAMA NON TROVA MIGLIORE IDEA CHE “DIS-INTENDERSI” E ANDARSENE DI GITA PER VARI STATI USA ALLA RACCOLTA DI FONDI PER LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE DI MEZZO-TERMINE,ACCUSANO I REPUBBLICANI.
I DEMOCRATICI GIUSTIFICANO UNA TALE RACCOLTA DI FONDI CON QUESTA “NOTIZIA” DELL’IMMINENTE IMPEACHMENT,UNA VERA INDISCREZIONE MAI PRIMA FORMULATA SPLICITAMENTE.
DAL CANTO SUO OBAMA SI DIFFENDE ELITTICAMENTE SIA DEL FRONTE DI BATTAGLIA ESTERNO CHE INTERNO ACCUSANDO LE MULTINAZIONALI USA DI INVESTIRE E STABILIRSI ALL’ESTERO PER NON PAGARE LE TASSE IN USA,E LI ACCUSA DI CONDOTTA ANTIPATRIOTICA.(OBAMA EVIDENTEMENTE NON E’ UN GOVERNANTE “NUOVA ERA”,CONTINUA IGNORANDO  OLIMPICAMENTE LA GLOBALIZAZZIONE.APPLE QUALCOSA NE SA).
CI SARA IMPEACHMENT?:COMUNQUE VADA,LA PORTATA DI QUESTE SCONTRI POLITICI E TALMENTE INTENSA DA FARE PENSARE……..”QUANDO IL FIUME SUONA……..GUARDA CHE AQUA VIENE GIU”.
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
7 LUGLIO 2014:”PACE E FIORI” NON GUERRA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Papa Francesco contro tutte le guerre commosso: "Vi prego fermatevi"   video
Papa Francesco contro tutte le guerre commosso: “Vi prego fermatevi” video
“Tenacia nel dialogo in M.O., Ucraina e Iraq”
“Prima Guerra mondiale, mai più gli sbagli del passato”
Articoli correlati
-
 REAZIONE:FATE L’AMORE NON LA GUERRA.
Immagine anteprima YouTube
-
8 LUGLIO 2014:NON ERA SPARITA
-TITOLARE WASHINGTON TIMES:
Life
FILE - In this April 27, 2014 file photo, former Alaska Gov. Sarah Palin speaks during a campaign rally in West Des Moines, Iowa. Sarah Palin is starting her own subscription-based online network. The Sarah Palin Channel, which went live on Sunday, July 27, 2014, bills itself as a "direct connection" for the former Alaska governor and GOP vice presidential candidate with her supporters, bypassing media filters. (AP Photo/Charlie Neibergall, File)

Sarah Palin launches online subscription channel

By FRAZIER MOORE – Associated Press

Sarah Palin has started her own subscription-based online network.

TRADUZIONE:Sarah Palin lancia il canale online ad abbonamento
By FRAZIER MOORE – Associated Press
Sarah Palin è messa in proprio un network online su abbonamento

REAZIONE:LA NUOVA ERA E’ CONTRARIA AD OGNI TIPO DI TV A PAGAMENTO.E PREDICA CON L’ESSEMPIO:QUESTE PAGINE SONO SENZA FINE DI LUCRO.

Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

-APPENDICE:CAMPAGNA LANCIATA

"I've seen weekends when we've had as many as 40 officers held out of service on hospital details guarding prisoners," Chief Cathy L. Lanier said Monday at a D.C. Council hearing. (The Washington Times)
D.C. police chief orders officers not to arrest legal gun owners carrying weapons in publicBy Andrea Noble – The Washington TimesD.C. police officers were instructed late Sunday not to arrest people for carrying legally registered handguns on city streets in the wake of a judge’s ruling that determined the District’s ban on carrying handguns in public was unconstitutional.*D.C. seeks stay in order striking down ban on handguns in public*Federal judge rules D.C. ban on handguns in public is unconstitutional.
TRADUZIONE:Il capo della polizia D.C. da ordini ufficiali di non arrestare i possessori legali  di armi che esercitano le armi in pubblico
By Andrea Nobile – Il Washington Times
DC agenti di polizia sono stati istruiti in ritardo Domenica di non di arrestare le persone per portare pistole legalmente registrate sulle strade della città a seguito della sentenza di un giudice che ha determinato che il divieto del Distretto di trasportare pistole in pubblico era incostituzionale.
*DC chiede di stare alle ordini di fronte al  sorprendente divieto di portare  pistole in
pubblico
*Il Giudice federale dice che  divieto DC di portare pistole in pubblico è incostituzionale.
.
REAZIONE:QUESTO ARGOMENTO COME QUELLO DEI MEZZI SARANNO ARGOMENTI IMPORTANTI NELLA PROSSIMA CAMPAGNA:OCCHIO LA POLIZIA.
-
-28 LUGLIO 2014:”CAVI D’ARIA”,VIA LA FIBRA OTTICA
.
-SU LA REPUBBLICA:
Fibre ottiche, stop ai cavi: dati trasportati da canali d’aria

È l’idea di un gruppo di ricercatori dell’Università del Maryland e potrebbe rivoluzionare il mondo delle telecomunicazioni
Fibre ottiche, stop ai cavi: dati trasportati da canali d'aria
IMMAGINI E DATI saranno trasmessi istantaneamente in tutto il pianeta grazie ad “autostrade d’aria”. È la promessa pubblicata sulla rivista Optics dal gruppo dell’Università del Maryland coordinato dal fisico e ingegnere elettronico Howard Milchberg. Per realizzarla i ricercatori hanno utilizzato una “guida d’onda”, ossia una struttura lineare in grado di convogliare le onde elettromagnetiche all’interno di un percorso definito, per potenziare i segnali luminosi emessi da fonti distanti. Le applicazioni possibili sono numerose, come comunicazioni laser su grandi distanze, rilevamento di inquinanti nell’atmosfera, mappe ad alta risoluzione, fino ad armi laser.Incanalare i dati veicolati dalla luce all’interno di guide d’onda potrebbe avere una portata rivoluzionaria nelle telecomunicazioni. Permetterebbe infatti di superare il problema attuale della perdita di intensità dei segnali luminosi su lunghe distanze. Anche la qualità dei laser, per esempio, può essere compromessa dall’interazione con i gas presenti nell’atmosfera. Attualmente il problema viene risolto incanalando la luce nei cavi di fibre ottiche: efficaci nel confinare la luce ma non abbastanza resistenti da sostenere grandi potenze. I “cavi d’aria” proposti dal gruppo americano riescono invece a trasportare la luce su grandi distanze senza alcun problema. Consistono in una sorta di “muro” di aria a bassa densità che avvolge un nucleo di aria più densa. I primi test hanno dato buoni risultati: il segnale luminoso trasmesso sui “cavi d’aria” è arrivato a destinazione con un’intensità una volta e mezzo superiore rispetto a quello trasmesso senza guida d’onda. Un dato che, secondo i ricercatori, è apprezzabile soprattutto su grandi distanze.

http://www.repubblica.it/scienze/2014/07/24/news/fibra_ottica_stop_ai_cavi_dati_trasportati_da_canali_d_aria-92306257/?ref=HRLV-18

REAZIONE:NON E’ FANTASCIENZA,PRESTO I CAVI DI OGNI TIPO,COMPRESA LA FIBRA OTTICA SARANNO STORIA,CI SARANNO “CAVI D’ARIA”,SI CAVI FATTI CON LA PROPIA ARIA PER TRASMETTERE LA LUCE ALL’INTERNO E CON LEI DATI.

-

28 LUGLIO 2014:ALLERTA,CACCIA ALLE STRGHE NELLE TELECOMUNICAZIONI

-SU LA REPUBBLICA:

Smartphone, un’app per scoprire le radiazioni mentre si telefona

Lo studio effettuato dall’Arpa Piemonte ha anche accertato che l’auricolare riduce del 90% il rischio di esposizione alle onde elettromagnetiche. I bambini fino a dieci anni corrono più pericoli,di CARLOTTA ROCCI

Smartphone, un'app per scoprire le radiazioni mentre si telefona
Un app per capire quanto il nostro cellulare ci espone ai campi elettromagnetici. È l’ultima invenzione dell’Arpa Piemonte che da oggi ha lanciato l’applicazione  gratuita per android sul suo sito internet.Il programma monitora il livello di esposizione alle onde elettromagnetiche durante ogni telefonata, tiene il conto delle chiamate fatte usando vivavoce o auricolare e fa la media delle esposizioni sul lungo periodo. “Uno strumento utile per modificare le nostre cattive abitudini al cellulare – ha detto il direttore dell’Arpa Piemonte Angelo Robotto- Inoltre chi vuole darci una mano nella ricerca in questo campo può scaricare un versione dell’applicazione che ci permette di raccogliere i dati sull’uso del suo cellulare”.L’applicazione nasce da uno studio, finanziato dal Corecom piemontese, in cui l’Arpa ha studiato i livelli di esposizione ai campi elettromagnetici. Il dato che più sorprende è che basta allontanare il telefonino di 30 centimetri dalla testa per abbattere del 90 percento l’esposizione. In Italia però solo il 5 percento degli utenti usa l’auricolare, poco di più il vivavoce. Il 70 percento di chi ha un cellulare lo tiene bene attaccato all’orecchio.Un altro dato importante riguarda la ricezione: se il cellulare prende male (e succede soprattutto al chiuso e nei luoghi dove le antenne sono meno concentrate), il livello di esposizione cresce. Con una sola tacca si schizza da un’intensità di pochi decimi di milliwatt a 200 milliwatt.In Piemonte dal 2000 ad oggi le antenne telefiniche sono più che triplicate e di conseguenza è migliorata la ricezione dei telefonini che restano comunque i responsabili dell’esposizione ai campi elettromagnetici nel 99 percento dei casi.Lo studio rileva anche che il tasso di assorbimento delle onde da parte della testa di un bambino al di sotto dei 10 anni potrebbe essere superiore del 153% rispetto a quello degli adulti. Un dato evidenziato riguarda poi i miglioramenti tecnologici che hanno consentito di diminuire anche le radiazioni emesse.
Con il 3G la potenza, e quindi le emissioni, è più bassa dalle 10 alle 100 volte rispetto al 2G a parità di distanza dalla testa.”Il messaggio che deve passare – sottolinea il direttore dell’Arpa, Angelo Robotto – è che ci vuole un uso consapevole e responsabile del cellulare e una corretta informazione anche nelle scuole”.
.
http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/06/12/news/cellulare_l_uso_dell_auricolare_riduce_del_90_l_esposizione_alle_radiazioni-88754886/
-
REAZIONE:QUESTA NOTIZIA E’ UN VERO MACCARTISMO SULLA NUOVA ERA:SONO PASSATI LARGAMENTE 10 ANNI DEL LANCIO DEL PRIMO CELLULARE E NON CI SONO NESSUN TIPO DI  EVIDENZIA SCIENTIFICAMENTE COMPROVATA DI AFETTAZIONE ALLA SALUTE PER PARTE DEL COSIDETTO “SMOG ELETTROMAGNETICO”.QUESTA APPP SI TRATTA DI UNA ESSAGERAZIONE CONSUMISTICA CHE ALTRA COSA NON FA CHE CREARE ALLARMISMO E ALIMENTARE LA CACCIA ALLE STREGHE MEDIATICHE NELLA NUOVA ERA PER PARTE DELLE SOLITE FORZE DELL’OSCURANTISMO, NEMICI DELLA SCIENZA:LE ONDE ELETTROMAGNETICHE NON SONO STREGHE.
Immagine anteprima YouTube
-
-APPENDICE:LA FIBRA OTTICA
.
-SU LA REPUBBLICA:
Cavi a fibra ottica e tribunali segreti: così l’America controlla il mondo

Dal 2003 un team di avvocati condiziona le aziende telefoniche

dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI

NEW YORK  -  Operazione Upstream, Team Telecom: così i servizi segreti Usa si sono garantiti l’accesso alle fibre ottiche mondiali, anche se le aziende che le gestiscono sono straniere. Tutto ebbe inizio nel 2003, quando per la prima volta uno dei big delle fibre ottiche Usa venne venduto a un gruppo asiatico.

Team Telecom, una task force di avvocati della Homeland Security, del ministero di Giustizia e dell’Fbi, impose che l’acquirente asiatico mantenesse un gruppo di “cittadini americani approvati dal governo” in posizioni di comando per l’accesso alle comunicazioni. L’azienda era Global Crossing, il precedente fece scuola.

Spiega perché la capacità della National Security Agency di spiare le telecomunicazioni non conosce frontiere e non ha avuto intralci dalla globalizzazione. Neppure adesso che la capacità di trasmissione  -  email, dati Internet, video o telefonate  -  è più concentrata in Europa.

In qualsiasi multinazionale delle fibre ottiche che voglia fare business negli Stati Uniti, il top management deve abdicare a una fetta del proprio potere, e lasciare che agisca in seno all’azienda una “struttura parallela” che obbedisce al governo americano.

Lo scoop del Washington Postintegra le rivelazioni fatte da Edwards Snowden sul cyberspionaggio della National Security Agency. Il sistema Prism disvelato da Snowden è quello che consente all’intelligence Usa di sorvegliare email e altri dati attingendo ai grandi operatori Internet come Google, Microsoft, Facebook, Apple, Yahoo e Aol.

Si tratta di una raccolta che avviene, nella terminologia della Nsa, “Downstream” e cioè a valle, dove iflussi di comunicazioni arrivano e vengono smistati.

A questo si affianca un’operazione parallela, anch’essa in vigore da un decennio, che si concentra “Upstream” cioè a monte: quando i flussi delle comunicazioni sono in viaggio, nei cavi a fibre ottiche che traversano i fondali degli oceani.

Col tempo le fibre ottiche hanno soppiantato altre tecnologie di trasmissione, dai cavi di rame ai satelliti. Gli opedoporatori Internet si possono immaginare anche come dei “porti”, mentre le infrastrutture a banda larga sono i canali o rotte di navigazione transoceanica.

Dal settembre 2003, quando il Team Telecom entrò in azione per dettare le sue condizioni alla Global Crossing  -  colosso delle fibre ottiche che venne acquistato da un gruppo di Singapore  -  si è creata una regola. Ogni volta che ungruppo telecom deve chiedere delle licenze per i cavi alla Federal Communications Commission, quest’ultima fa entrare in azione il Team Telecom.

Ogni azienda telecom che voglia avere accesso al mercato Usa deve accettarne le condizioni: avere un Network Operations Center situato sul territorio americano, che possa essere “visitato da funzionari federali con un preavviso di 30 minuti”. Le informazioni che questa task force chiede all’operatore delle fibre ottiche, non possono essere comunicate “neppure al top management dell’azienda”.

Ogni multinazionale delle fibre ottiche  -  se vuole avere a che fare col più grosso mercato del mondo che è quello degli Stati Uniti  -  accetta che al suo interno ci sia una “cellula” separata che risponde agli ordini di Washington e non ai propridirigenti.

“Le telecom  -  conferma alWashington Post una ex-consigliera di Barack Obama, Susan Crawford  -  non hanno autonomia e non possono opporsi alle richieste di dati avanzate dal governo”. Questo è tanto più importante da quando le reti di fibre ottiche più potenti sono diventate quelle europee, Germania in testa: per avere accesso agli Usa devono anch’esse soggiacere a quei diktat.

IlNew York Times descrive inoltre l’enorme potere assunto dal Foreign Intelligence Surveillance Court, il tribunale segreto che autorizza lo spionaggio. Questo organo di “giustizia speciale” in 100 pagine di sentenze ha gettato le fondamenta della vasta operazione di cyberspionaggio rivelata da Snowden.

“Una Corte suprema parallela”, lo definisce il New York Times, per il potere che questo tribunale ha di interferire con i diritti costituzionali.(08 luglio 2013)

http://www.repubblica.it/dal-quotidiano/reportage/2013/07/08/news/cavi_a_fibra_ottica_e_tribunali_segreti_cos_l_america_controlla_il_mondo-62586945/
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 135 »

26 luglio 2014
0

26 LUGLIO 2014:ECONOMIA

-NOTA 1:SU GOOGLE NEWS:

Economia

La crisi ha bruciato al sud 47 miliardi di Pil e 600mila posti di lavoro

18:27 25 LUG 2014
(AGI) – Roma, 25 lug. – Pil in calo di 47,7 miliardi di euro; quasi 32mila imprese in meno; oltre 600mila posti di lavoro perduti; 114mila persone in cassa integrazione; quasi 2 giovani meridionali su 3 disoccupati: questa la fotografia della crisi dal 2007 ad oggi secondo il Check Up Mezzogiorno elaborato da Confindustria e Srm sullo stato di salute dell’economia meridionale. E i primi mesi del 2014 confermano purtroppo questa tendenza negativa: il saldo tra imprese iscritte e cessate e’ negativo per oltre 14mila unita’. Dall’inizio dell’anno hanno infatti cessato la propria attivita’ 573 imprese meridionali al giorno, con i fallimenti in crescita del 5,7% rispetto allo stesso periodo del 2013. L’Indice Sintetico del Checkup elaborato da Confindustria e Srm-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno (centro studi collegato al gruppo Intesa Sanpaolo) e’ sceso nel 2013 al di sotto del minimo registrato nel 2009. A deprimere l’Indice e’ soprattutto il dato degli investimenti pubblici e privati, diminuiti di quasi 28 miliardi tra il 2007 e il 2013: un calo di oltre il 34%, con punte di quasi il 47% nell’industria in senso stretto e del 34% nell’agricoltura e nella pesca, che pure sono settori in cui e’ forte la specificita’ del Mezzogiorno. In particolare, frenano gli investimenti pubblici: tra il 2009 e il 2013, infatti, la spesa in conto capitale nel Mezzogiorno si e’ ridotta di oltre 5 miliardi di euro, tornando ai valori del 1996, contribuendo alla riduzione del numero e del valore degli appalti pubblici.
In calo di numero, ma soprattutto di valore (da 8,6 miliardi a poco piu’ di 5) sono anche le gare di partenariato pubblico-private bandite nel Mezzogiorno. Si realizzano, dunque, sempre meno investimenti pubblici, sia che lo Stato li finanzi direttamente sia che li promuova indirettamente.E cio’, si legge nello studio, e’ paradossale, se si considerano le difficolta’ economiche che suggerirebbero l’opportunita’ di un’azione pubblica decisamente anticiclica. Segnali parzialmente in controtendenza vengono dalle esportazioni meridionali: l’export e’, infatti, l’unica variabile il cui valore al 2013 e’ superiore (+2,4%) a quello del 2007.
Tuttavia, tale recupero sembra essersi fermato nel 2013 e nei primi mesi del 2014, o meglio differenziato: scende l’export di idrocarburi, oscilla l’export di acciaio, si rafforzano settori come l’aeronautico/automotive, la meccanica, la gomma/plastica, l’agroalimentare. Cosi’ come si rafforza l’export dei principali poli produttivi e dei distretti meridionali. Non sono i soli segnali timidamente positivi: cresce il numero delle societa’ di capitali (+3,2% rispetto a un anno fa), delle imprese aderenti a contratti di rete (oltre 1.600), delle nuove imprese condotte da giovani (50mila nel solo 2013); tornano a crescere, in alcune regioni meridionali, i turisti stranieri.
Segnali contradditori vengono dalle dinamiche creditizie. Gli impieghi nel Mezzogiorno continuano a scendere (8,4 miliardi di euro in meno rispetto al 2012), mentre i crediti in sofferenza hanno ormai raggiunto i 35 miliardi di euro. Tuttavia, nei sondaggi piu’ recenti le imprese segnalano una lieve attenuazione della restrizione nelle condizioni di accesso al credito. Non si e’ ancora verificata un’inversione di tendenza nella dinamica dei prestiti, ma la riduzione sembra accennare a frenare. Secondo lo studio, “e’ necessario e urgente un robusto intervento per amplificare al massimo questi segnali positivi attraverso due azioni convergenti. E’ necessaria la decisa attuazione delle riforme istituzionali e strutturali (fisco, energia, semplificazione, riduzione strutturale dei tempi di pagamento della PA) di cui l’Italia, in particolare il Mezzogiorno ha estremo bisogno, non solo per i benefici effetti sulla competitivita’, ma anche perche’ la loro effettiva definizione e’ la strada obbligata per dimostrare l’affidabilita’ del nostro Paese a livello europeo. A queste riforme deve accompagnarsi una politica economica chiaramente orientata allo sviluppo”. (AGI)

https://www.agi.it/economia/notizie/la-crisi-ha-bruciato-al-sud-47-miliardi-di-pil-e-600mila-posti-di-lavorobr

.
-REAZIONE:LA PAROLA CRISI NON INDENTIFICA LE RESPONSABILITA DEL “KILLERAGGIO:SONO STATO 12 ANNI SENZA VISITARE LA SICILIA E L’HO TROVATA SENSIBILMENTE IMPOVERITA. MA QUESTO NON E’ STATO OPERA DELLO “SPIRITO SANTO”,E’ STATA L’AZIONE DELIBERATA,PUBBLICAMENTE DELIBERATA(SI SENTIVANO INVENCIBILI)DELLA POLITICA BERLUSCONI-BOSSI,CIO’E’ LA “FAMIGLIA LEGHISTA”.(NON DIMENTICHIAMO CHE LA MOGLIE DI BERLUSCONI DURANTE TUTTO QUESTO TEMPO SI CHIAMAVA APPUNTO “BOSSI” DI COGNOME)-E RENZI CON I SUOI PATTI SI STA FACENDO PASSIBILE DI ACUSA DELLO STESSO REATO.
.
-NOTA 2:SU GOOGLE NEWS:
ARGENTINA SULL’ORLO DEL DEFAULT
Notizie Radiocor – Economia
Notizie Radiocor
Argentina: accusa hedge fund di “estorsione legale” su debito

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – New York, 25 lug – Il governo argentino sostiene di essere vittima di un’”estorisione legale” da parte degli hedge fund americani che non sottoscrissero le ristrutturazioni del debito successive al default del 2001 e che hanno diritto – cosi’ come riconosciuto dalla Corte Suprema Usa – di ricevere 1,3 miliardi di dollari prima che Buenos Aires rispetti i propri impegni con i creditori che invece accettarono il concambio. Sfidando la pronuncia della Corte stessa, l’Argentina ha intenzione di procedere con i pagamenti sul debito ristrutturato. “Il giudizio [del giudice americano Thomas] Griesa e’ un’estorsione legale” ha dichiarato il ministro argentino delle Finanze Axel Kicillof a un incontro con i ministri delle Finanze della Union of South American Nations nella capitale argentina. “Dobbiamo parlare ma non accettiamo estorsioni”, ha aggiunto nel giorno in cui a New York il mediatore scelto da Griesa ha personalmente incontrato la delegazione argentina. Il conto alla rovescia per il default tecnico – che si verifichirebbe mercoledi’ prossimo – e’ iniziato.

A24-Spa

(RADIOCOR) 25-07-14 20:57:08 (0640) 5

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/economia/dettaglio/nRC_25072014_2057_640846796.html

.

REAZIONE:I DEBITI SI PAGANO.

.
-NOTA 3:SU GOOGLE NEWS
.
-CALA LA FIDUCIA DELLA GERMANIA

Tiscali Finanza
Delude l’Ifo, pesano le tensioni geopolitiche
5/07/2014 10.52

Peggiora il grado di fiducia delle aziende tedesche, le tensioni geopolitiche che pesano sull’economia. L’indice Ifo è sceso nel mese di luglio a 108 punti, dai 109,7 punti di giugno e a fronte dei 109,4 punti attesi dagli economisti e, nel dettaglio, l’indicatore relativo alle condizioni attuali è sceso da 114,8  a 112,9 punti (contro i 114,5 punti previsti) e quello sulle aspettative è arretrato da 104,8 a 103,4 punti (contro i 104,5 attesi).In particolare, le aspettative sull’export sono calate ai minimi da 1 anno. “Il dato Ifo è negativo ma non è una sorpresa visto che lo Zew ce lo aveva già indicato”, ha commentato a caldo uno strategist contattato dall’agenzia MF-DowJones. L’esperto ha poi sottolineato che le imprese tedesche continuano a soffrire e hanno difficoltà a dare vita a un recupero di lungo termine.”I dati buoni durano un paio di mesi e poi c’è sempre un peggioramento. La Germania è lo specchio dell’Europa, che non riesce più a crescere in maniera duratura. A questo va aggiunto che le tensioni geopolitiche fanno sì che gli investitori guardino ad altre aree del mondo”, ha concluso lo strategist.”L’indice ha mandato un ulteriore segnale preoccupante per la ripresa dell’Eurozona e l’esito è stato particolarmente deludente dopo i pmi di ieri”, ha aggiunto l’economista di Capital Economics, Jennifer McKeown, sottolineando che anche se il dato resta su livelli piuttosto alti, ora appare coerente con un lieve indebolimento della crescita annuale del pil dal +2,3% del primo trimestre.Dopo la debolezza del dato il Ftse Mib cede lo 0,11% a 21.232 punti e lo spread tra Btp e Bund cala a 153 punti base. Le altre borse europee proseguono contrastate: Francoforte cede lo 0,09% e Parigi lo 0,47%, mentre Londra sale dello 0,06% e Madrid dello 0,55%. L’euro è scivolato ai minimi di seduta e la moneta unica passa di mano per 1,3446 dollari e 136,98 yen.Tuttavia, secondo alcuni analisti, più che al calo superiore alle attese dell’indice Ifo gli investitori guardano alle numerose trimestrali diffuse oggi e Londra beneficia del balzo di Rbs (+11%), che ha triplicato gli utili nel primo semestre, mentre BskyB cede il 2,75% dopo l’acquisizione di Sky Italia e Sky Deutschland. Parigi, invece, è appesantita dal crollo di Lvmh (-6,55%) dopo il bilancio negativo e dall’accoglienza negativa anche per le trimestrali di Danone (-1,27%) e Lafarge (-0,18%).

http://finanza.tiscali.it/news/dettaglio_news.asp?id=201407251104503026&chkAgenzie=TMFI&tipoNews=CAL

REAZIONE:FIDUCIA FINITA(SE FOSSE VERO CHE C’E MAI STATA)DELLE AZIENDE DELLA GERMANIA.LA NUOVA ERA NON SI SENTE COINVOLTA,HO SEMPRE DETTO CHE PER IL GRANDE MERCATO EURO-ASIATICO NON AVEVA BISOGNO DEL PONTE UKRANIANO.E I MERCATI IMPIETOSAMENTE PUNISCONO.PERO CIO CHE E’ “MOROSO” PER LE AZIENDE DELLA GERMANIA  E’ UN BENE PER IL POPOLO:SALITI GLI STIPENDI E IL CONSUMO INTERNO.I TEDESCHI HANNO UNA “NUOVA GROSSE KOALITION”.

-NOTA 4:BBC

25 luglio 2014 Ultimo aggiornamento alle 10:20 ET

Ascesa a soprea del Tasso di interesse della Russia ‘per frenare l’inflazione’

Banca centrale della Russia, Mosca Il rialzo dei tassi arriverà dopo che le sanzioni occidentali per la crisi in Ucraina sono stati potenziati.

La banca centrale della Russia ha inaspettatamente alzato il tasso di interesse bancario per le preoccupazioni per l’inflazione e “tensioni geopolitiche”.

Il Consiglio di amministrazione della banca ha deciso di alzare il tasso di interesse di 50 punti base, o di mezzo punto percentuale, all’8% all’anno.

Gli analisti hanno detto che non avevano previsto la mossa.

Il rialzo dei tassi arriverà dopo che le sanzioni occidentali per la crisi in Ucraina sono stati potenziati.

I titoli nazionali e il rublo hanno caduto all’inizio di quest’anno dopo che le sanzioni sono state attuate.

La Banca Centrale della Russia ha detto il Venerdì che si alza il tasso di interesse da Lunedi per allentare la pressione inflazionistica.

“I rischi di inflazione sono aumentati a causa di una combinazione di fattori, tra cui, tra l’altro, l’aggravamento delle tensioni geopolitiche e il suo potenziale impatto sulla dinamica del tasso di cambio del rublo, nonché eventuali cambiamenti nella politica fiscale e tariffaria”, ha detto la banca.

Nel mese di giugno, l’inflazione core è cresciuto al 7,5%, ben al di sopra la previsione della banca che erano fino al 6,5% per l’anno.

“La ragione principale per l’accelerazione dell’inflazione è stato l’effetto del deprezzamento del rublo osservato sui prezzi di una vasta gamma di beni e servizi”, ha detto la banca.

Vulnerabile

Il tasso di crescita dei prezzi al consumo è aumentato al 7,8% nel mese di giugno. La banca ha detto che il suo aumento di tasso è stato per cercare di portare il tasso al 4%.

Le condizioni monetarie sono state stringendo da marzo a causa di “fattori geopolitici”, ha detto la banca.

La società di ricerca Capital Economics ha detto che il rialzo dei tassi aveva preso gli analisti di sorpresa, e potrebbe essere una mossa preventiva per cercare di limitare la quantità di denaro contante che lascia la Russia in vista di eventuali nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti e in Europa.

“La preoccupazione principale è che un altro salto di deflussi di capitale aggiungerebbe pressione al ribasso sul rublo, che a sua volta aggravara le pressioni inflazionistiche”, ha detto Neil Shearing,il capoeconomista su mercati emergenti della Capital Economics.

Se dovrebbe entrare in conflitto per l’escalation in Ucraina, il tasso di interesse chiave può salire fino al 10% o più, il signor Shearing ha detto.

“L’economia della Russia è più vulnerabile alle sanzioni (o anche la semplice minaccia di sanzioni)di cio che la maggior parte sembrano ancora credere”, ha aggiunto.

——————————————–

“Citazione

L’economia russa è più vulnerabile alle sanzioni (o anche la semplice minaccia di sanzioni)di cio che la maggior parte sembrano ancora credere “.

Sul Shearing Capital Economics

———————————————

linea

Analisi

Il corrispondente di economia della BBC, Andrew Walker

C’è una frase chiave utilizzata dalla Banca centrale russa: “l’aggravamento delle tensioni geopolitiche”.

L’abbattimento della compagnia aerea malese nell’Ucraina orientale sta avendo un impatto economico, indirettamente, sulla Russia.

Il collegamento avviene attraverso il valore del rublo. Gli investitori ansiosi stanno tirando i loro soldi e potrebbero colpire il tasso di cambio.

In realtà non si è mosso molto finora, ma la banca centrale è preoccupata per il potenziale impatto.

Un rublo più basso significherebbe importazioni più costose, e quindi l’aumento dei rischi di inflazione che e’ stato la ragione immediata per aumentare i tassi di interesse.

La situazione di crescita significa che questo non è un buon momento per prendere quei passi.

L’economia russa ha rallentato bruscamente.

La crescita può ben essere fermata. I tassi di interesse più elevati sono suscettibili di aggravare la debolezza.

linea

http://www.bbc.com/news/business-28483159

REAZIONE:LE STESE TENSIONI CHE AFETTANO L’ECONOMIA DELLA GERMANIA AGISCONO SU QUELLA DELLA RUSSIA.BHE IN FIN DEI CONTI SONO I DUE PRINCIPALI EPICENTRI DELLE SCOSSE TENSIONALI.

-NOTA 5;BBC

25 luglio 2014 Ultimo aggiornamento alle 09:42 ET

Economia britannica torna a livello pre-crisi

George Osborne: i dati del PIL “pietra miliare” nel piano economico

L’economia britannica è tornata a livelli pre-crisi ampliandosi dello 0,8% nel secondo trimestre di quest’anno.

Su base annua il prodotto interno lordo (PIL) è aumentato del 3,1%.

I dati mostrano che l’economia ora vale 0,2% in più di quanto non fosse al suo picco nel 2008, l’ Office for National Statistics (ONS) ha detto.

Il settore dei servizi è l’unica parte dell’economia che ha superato il suo precedente picco del 2008, anche se questo incide per quasi l’80% della produzione nel Regno Unito.

Altri settori chiave, tra cui la costruzione, la produzione industriale e manifatturiera, devono ancora superare i livelli raggiunti nel 2008.

L’economia del Regno Unito si prevede la più rapida crescita tra le nazioni sviluppati del G7 , secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Giovedi ‘, il FMI prevede che il Regno Unito dovrebbe espandersi del 3,2% quest’anno, contro una precedente previsione del 2,8%.

Produttività

Il Cancelliere George Osborne ha dichiarato: “Grazie al duro lavoro del popolo britannico, oggi si raggiunge una tappa importante nel nostro piano economico a lungo termine”.

PIL entro il trimestre

Ma il cancelliere ombra, Ed Balls, ha detto che le persone non si sentivano più felici: “Con un PIL pro capite che non è impostato a recuperare per altri tre anni e [con] la maggior parte delle persone che ancora vedono i loro standard di vita spremuto questo non è il momento per i crediti compiacenti su che l’economia è fissa. ”

‘Rovinato’

La produzione pro capite non dovrebbe raggiungere il suo livello pre-crisi fino al 2017, in parte perché la produttività da quelli del lavoro resta debole, insieme con il fatto che la popolazione nel suo complesso ha cresciuto.

Comparto grafico

La notizia è stata data un’accoglienza in sordina da Chris Williamson, capo economista di Markit: “Tutte le celebrazioni potranno naturalmente anche essere rovinati dal fatto che il traguardo ci ricorda che ci sono voluti circa sei anni perche il paese possa riconquistarsi economicamente al livello che aveva prima che la crisi finanziaria ha colpito. ”

Altri paesi hanno recuperato la perdita di produzione per la crisi molto prima rispetto al Regno Unito.La Germania ha riacquistato il suo picco nel 2010, con gli Stati Uniti e la Francia dopo un anno più tardi.

Si puo argoementare contro che sono cambiamenti dovuti da assegnare al modo in cui l’ONS calcola i propri dati, che saranno apportati in nel mese di settembre. Questi possono mostrare che l’economia era in realtà più forte nel 2008 di quanto si pensasse, e quindi il terreno gia era costituito prima.

————————————————————————–

Analisi: Anthony Reuben,capo delle statistiche BBC

Facciamo un pizzico di sale con queste cifre.

Prima di tutto, questa è la stima preliminare, quindi è un’ipotesi basata su circa il 40% dell’attività economica che andrà in stime successive.

Ma anche, in due mesi l’ONS rivedrà queste cifre che per anni,una volta in 15, ha modificato la metodologia.

Cambierà il trattamento dei dati sul PIL di cose come la spesa in ricerca e sviluppo da parte delle imprese e l’acquisto di armi del governo.

Quindi il trend è quasi certamente di destra, possiamo dire che c’era una notevole crescita dell’economia nel secondo trimestre ,ma 0,8% è improbabile che sia l’eventuale figura.

E può darsi che non abbiamo ancora raggiunto il picco del 2008, o addirittura quello che abbiamo fatto qualche tempo fa.

———————————————————-

CITAZIONE:

Il contributo degli acquirenti al recupero rimane immenso – e il commercio al dettaglio ha fatto il più grande contributo ai servizi all’ondata di l’ultimo trimestre “

immagine di Robert Peston Robert Peston editor di Economia
——————————–
VIDEO CANCELLATO:
Out of media player. Press enter to return or tab to continue.

Matthew Hall, Par Homes: i miglioramenti ancora non sono visti nel mid-Galles

http://www.bbc.com/news/business-28479902

REAZIONE:SEMBRA CHE LE TENSIONI DEL CONTINENTE NON PESANO SULL’ISOLA.UN MOTIVO IN PIU PER ALIMENTARE IL SECESSIONISMO EUROSCETTICO IN GRAN BRETAGNA.E LI LO SONO UN PO’ TUTTI.

IO CREDO A QUSTI DATI DEL FMI.CRISTINE LAGARDE HA DETTO ANCHE CHE “L’ITALIA DEVE FARE MEGLIO”.LA GRAN BRETAGNA LO HA FATTO E INIZIO LA CRESCITA,PRENDA NOTA RENZI.

PD:LE “VENDITE AL DETAGLIO”,PRINCIPALE FATTORE DELLA CRESICTA, IN BUON ROMANCE SONO LE VENDITE ONLINE:LA NUOVA ERA CENTRA.!E COME!.ALTRO CHE EXPO.

-

26 LUGLIO 2014:QUALE CENTRO-DESTRA?

-SU L STAMPA:Politica

6/07/2014
Alfano a Renzi: “Via l’articolo 18”
E a Berlusconi: chiarezza sull’Italicum
Il ministro all’assemblea di Ncd: introdurre le preferenze nella legge elettorale

LAPRESSE

Angelino Alfano con Gaetano Quagliariello, nuovo coordinatore di Ncd

Un avvertimento a Renzi («Via l’articolo 18») e un invito a Berlusconi («si ricostruirà un nuovo centrodestra, noi intanto iniziamo il cammino con i Popolari, l’Udc e un pezzo di Scelta Civica). Angelino Alfano ricompatta il Nuovo centrodestra e dall’assemblea del partito (che ha eletto Gaetano Quagliariello coordinatore nazionale) prova a muovere il timone nelle due direzioni: quella governativa e quella politica. Di certo, fa capire il ministro dell’Interno, indietro non si torna.

Tornando poi sulla lettera per l’unificazione del centrodestra, che Silvio Berlusconi ha inviato agli alleati, Alfano ha aggiunto: «Leggendo i giornali questa mattina ci rendiamo conto che chi doveva capire ha capito il gesto di coraggio» e «ha scelto una strada del tutto diversa rispetto a quella che c’era il rischio potesse scegliere». «Siamo alternativi alla sinistra ma non vogliamo tornare a Canossa – ha aggiunto -. Oggi vogliamo cominciare questa ricostruzione, vogliamo rifondare il centrodestra», ricordando che «il vecchio centrodestra è morto e non esiste più; ora il centrodestra è del tutto diverso, e si avvia un grande patto». Alfano fa presente che «la casa dei moderati non si edifica sulle macerie del Pese ma sulla speranza di cambiamento» e invece «chi ci chiede di uscire dal governo e di mollare le riforme vuole edificare sulle macerie». Perché, sostiene Alfano, «Se non ci fossimo stati noi, il Paese sarebbe già nelle mani di Grillo». Altro messaggio a Berlusconi: «Gli risponderemo in poche righe, chiedendo una posizione chiara sulla legge elettorale. Questo è un punto dirimente che non è risolto oggi e me ne dolgo perché era una buona occasione. Sulle preferenze vogliamo capire se Forza Italia è contraria oppure no. Se il patto del Nazareno si traduce in un patto per portare altri nominati in Parlamento abbiamo un grande problema». Dal ministro dell’Interno anche un affondo verso la Lega, con cui continua il botta e risposta a distanza: «C’è un rischio deriva xenofoba razzista che Berlusconi aveva il merito di costituzionalizzare. Oggi, però, ho l’impressione che non sia più così».

Poi ha lanciato anche qualche “avvertimento” a Matteo Renzi: «Questo governo non è un monocolore Pd. Abbiamo il diritto e il dovere di fare le nostre battaglie, sulla famiglia, sulla rivoluzione burocratica, sull’articolo 18». E proprio su questo mette il paletto più grande: «Al governo e a Renzi diciamo chiaramente che sull’articolo 18 noi non scherziamo, non è uno slogan elettorale. Vogliamo che quel totem venga abbattuto: anche per Renzi significherebbe abbattere un vecchio totem della sinistra». Infine una battuta: «Il vero problema che abbiamo è che Renzi fa troppe cose di centrodestra e va a pescare in un bacino altro

http://lastampa.it/2014/07/26/italia/politica/alfano-a-renzi-via-larticolo-e-apre-allalleanza-con-forza-italia-VfJ6iVihd7ANMnixi2sZmM/pagina.html

-

REAZIONE:IL CENTRO-DESTRA NON ESSITE PIU,NE QUELLO CHE AVEVA FATTO LA TROICA(BERLUSCONI-BOSSI-FINI),NE QUELLO CHE HA TENTATO DOPO BERLUSCONI E LA LEGA,NE QUELLO DI CASINI A QUI ORA PROPONE  AGGIUNGERSI E LIDERARE ALFANO.CON QUALE CREDIBILITA DICE QUESTE COSE?ALFANO E’ UN POLITICO SENZA PROGRAMMA NE PRINCIPI NE UNA LINEA IDEOLOGICA DEFINITA.ORA CHE SI VEDE IN PERICOLO DI RESTARE FUORI ATTACA SULL’ITALICUM,PERO SOSTIENE LE RIFORME GOLPISTI E FASCISTI DI RENZI E LE LERHHE INTESE INSIEME AL SUO GOVERNO.

ALFANO INSOMMA SI MUOVE SUL “MENTRE TANTO”.TANTO PER DIRE CHE NON HA NESSUNA FERMEZZA POPLITICA MA SI MUOVE SULL’OCCASIONE.NON E’ CREDIBILE NON E’ FIDABILE E’ SOLO UN OPPORTUNISTA.

NON ESSISTONO PIU POLITICAMENTE NE BERLUSCONI NE LA LEGA NE CASINI NE FINI E PRONTAMENTE SE L’ITALICUM VA AVANTI NE PURE LUI.E QUESTO NUOVO CENTRODESTRA SI LO IMMAGINA:SOGNI FOLLI DI RAGAZZE TRISTI SONO.ALFANO PER IL POPOLO NON E’ NESSUNO E NON HA VOTI PROPI SOLO GALLEGGIA OSSEQUENTEMENTE IN FORMA AMMINISTRATIVA IN MEZZO A NOMINE SU LISTE,LISTINI,SIMBOLI E SEGNI DI TUTTI QUESTI OGGI MAMUT DELL’ESTINTO CENTRO-DESTRA,PERO AL PRIMO AFFACIARSI DEI COCODRILLI SCAPPA VERSO LA LEGA E BERLUSCONI COME HA INIZIALMENTE FATTO DOPO CHE SI HA SAPUTO IL RISULTATO DELLE EUROPEE CHE LO VEDEVANO FUORI CON L’ITALICUM.MA LA LEGA NON PUO,BERLUSCONI NON PUO NE VUOLE E RENZI LO SCARICHERA AL PIU PRESTO.

Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 134 »

19 luglio 2014
0

19 LUGLIO 2014:BERLUSCONI E POI………?:GIUSTIZIA POLITIZZATA

-SU LA STAMPA:Cronache
18/07/2014
Finmeccanica, i pm di Busto Arsizio:“Archiviare presunte tangenti Lega”
La Procura: «Indizi su provviste all’estero, ma non ci sono le prove»
AFP
Non è stata raggiunta, all’esito delle indagini, «la prova del reato di illecito finanziamento alla Lega». Per questo il pm di Busto Arsizio (Varese) Eugenio Fusco ha chiesto l’archiviazione del reato nell’ambito di uno dei tronconi dell’inchiesta che vede imputati per corruzione internazionale l’ex amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi e l’ex ad della controllata AgustaWestland Bruno Spagnolini per presunte tangenti pagate per la vendita di elicotteri all’India.
L’ipotesi investigativa, emersa dalle dichiarazioni dell’ex dirigente di Finmeccanica Lorenzo Borgogni, era quella di una mazzetta da 11 milioni di euro versata al Carroccio gonfiando i costi di mediazione nell’affaire indiano. Nella richiesta di archiviazione il pm spiega che sussistono «rilevanti indizi riguardo la costituzione di una provvista all’estero, prontamente utilizzabile per recessioni extra aziendali» ma «la presenza di un principio di prova documentale, in assenza di prova dichiarativa, non consente di sostenere l’accusa in dibattimento per il reato di illecito finanziamento». Tra gli indizi della creazione di provviste finanziarie oltreconfine il pm, nel provvedimento, cita quindi «l’incontro di Lugano risoltosi in un nulla di fatto» tra i due presunti mediatori delle tangenti, Guido Ralph Haschke e Christian Michel, e i vertici di Finmeccanica e di AgustaWestland Orsi e Spagnolini «e il dattiloscritto di Dubai, rinvenuto nella valigia di Haschke, cui ampio risalto si è dato in sede di requisitoria (nel processo con giudizio immediato all’ex ad di Finmeccanica Giuseppe Orsi e a quello di Augusta Westland, Bruno Spagnolini, ndr)». «In altri termini – si legge nella richiesta di archiviazione – la presenza di un principio di prova documentale, in assenza di prova dichiarativa, non consente di sostenere l’accusa in dibattimento per il reato di illecito finanziamento».

Il pm, ritenendo che «per tutti gli indagati» è «inconfigurabile qualsivoglia responsabilità rispetto alle fattispecie di reati ipotizzati e, comunque, gli elementi acquisiti agli atti non consentirebbero di sostenere l’accusa in dibattimento» chiede quindi l’archiviazione di questa “costola” del procedimento riguardante presunte tangenti pagate da Finmeccanica per ottenere l’aggiudicazione di una gara di appalto per 12 elicotteri dall’India.

http://www.lastampa.it/2014/07/18/italia/cronache/finmeccanica-i-pm-di-busto-arsizio-archiviare-presunte-tangenti-lega-6SC1mjx4kLU7NsYbZfFB2L/pagina.html

REAZIONE:IN QUESTA AZIONE GIUDIZIARIA NON VIENE SMENTITO IL REATO,NATURALMENTE NON E’ SMENTITO A LIVELLO INTERNAZIONALE E NE MENO NAZIONALE,SOLO CI DICE CHE MANCA UNA PARTE DELLE PROVE,QUELLE DICHIARATIVE.E QUESTA RICHIESTA DI ARCHIVIO NON SIGNIFICA NE MENO LA CADUTA DEL PROCESSO PER TANGENTI DESTINATI ALLA LEGA PER LA VENDITA DI VELIVOLI ALLA INDIA.SE POI ANALIZIAMO QUESTA RICHIESTA INSIEME ALLA SENTENZA ALLA “COSTOLA VENETA DELLA LEGA” PER TERRORISMO,E OVVIAMENTE L’ASSOLUZIONE DI BERLUSCONI PER FAVORIRE RENZI E LE SUE RIFORME ELETTORALI, RISULTA CHIARO CHE C’E’ UN DISEGNO DELLA GISUTIZIA DI NON COLPEVOLEZZARE,COME S E FOSSERO COSE DIVERSI,”LA PARTE POLITICA” DELLA LEGA E I FORCONI”.QUESTO SIGNIFICA CHE BERLUSCONI AVEVA RAGIONE:LA GIUSTIZIA E’ POLITIZZATA E LE LARGHE INTESE,COME HO DETTO PRIMA, FUNZIONANO ANCHE FRA LE TOGHE.

MAL SINTOMA PER UNA GIUSTIIA CHE DOVREBBE ESSERE INDIPENDENTE,MAL SINTOMA PER LA SEPARAZONE DI POTERI CONSACRATI NELLA COSTITUZONE.

-

19 LUGLIO 2014:LA LEGA PRENDE IN GIRO IL POPOLO

-SU LA STAMPA:Novara
19/07/2014 - contenzioso per presunte accuse di razzismo e xenofobia a castelletto ticino
Le Lega Nord querela il circolo. In tribunale si presenta l’avvocato Cota
L’ex presidente della Regione ha ripreso l’attività forense a Novara

Ex presidente della Regione Roberto Cota, novarese, della Lega
cinzia bovio
castelletto ticino
La Lega nord presenta querela per diffamazione e, in Procura, come avvocato, si presenta Roberto Cota. «Ho ripreso la mia professione a giugno – conferma l’ex presidente della Regione – e ho già avviato varie cause».

La questione riguarda il Circolo dei Ragni di Castelletto Ticino. A giugno la Commissione non ha concesso alla Lega di Castelletto la tensostruttura di via Beati richiesta dal partito a dicembre per la festa estiva: «Ci hanno negato uno spazio a uso pubblico accusandoci di razzismo e xenofobia» spiega la segretaria cittadina Barbara Bacchi.

La documentazione è stata depositata mercoledì in Procura a Novara. La Commissione aveva respinto la richiesta della Lega Nord, appellandosi all’articolo 1 del regolamento interno che vieta di assegnare l’area «a quelle forze politiche e/o associazioni che si ispirano al fascismo e al nazismo, al razzismo e alle forme di avversione indiscriminata nei confronti degli stranieri e dei diversi per etnia e sesso». È scoppiato un putiferio.

La Commissione del Circolo Ragni è formata da una rappresentante nominata dal Comune, Anna Migliarino, e da due della cooperativa Rinascita italiana, proprietaria di tutti gli immobili dell’area: Livio Magnani (presidente della commissione) e Luciano Montonati (presidente della cooperativa). «Non siamo preoccupati – replica Montonati – . Non accusiamo di razzismo nessuno, anche se sugli stranieri non condividiamo le stesse idee. Abbiamo solo applicato il regolamento». Per Bacchi, invece, la diffamazione è evidente: «Non siamo razzisti. Un esempio: l’unica scrutatrice di colore nelle ultime elezioni comunali è stata indicata da noi e ci aiuterà anche per la festa che allestiremo dall’uno al 3 agosto sulla statale del Sempione.  .Annunci PPN

http://lastampa.it/2014/07/19/edizioni/novara/le-lega-nord-querela-il-circolo-in-tribunale-si-presenta-lavvocato-cota-LA890yU0zefKSgqryUeezK/pagina.html

.

REAZIONE:CI PRENDE PER C……?LE PRESE IN GIRO ALLA MINISTRA NERA CHI LI HA FATTO?I ROM CHI GLI ATTACATO?DELLA STRAGE DI NEGRI SU LAMPEDUSA CHI E’ STATO RISPONSABILE?NON LI HA VOLUTO NE MENO LA LE PEN PER NON DARE RAGIONE AL SECESIONISTA INGLESE NEIL FARAGE CHE LA ACCUSA DI ANTI-SEMISTISMO.LA SOLA IMMIGRAZIONE CHE LI STA BENE ALLA LEGA E’ QUELLA DELLE MUCHE E ALLIEVATORI DI BESTIAME.QUELLO DEL TITOLO.

Immagine anteprima YouTube

.
*20 LUGLIO 2014:NO,RESPONSABILITA

-TITOLARE LA STAMPA:economia

L’Ue a Renzi: “Più flessibilità è possibile
Ma l’Italia ora deve pensare alle riforme”

Marco Zatterin, corrispondente da bruxelles
Katainen, nominato all’Economia: «Sosterremo il governo
di Roma. I problemi? Debito pubblico e bassa competitività».

.

REAZIONE:A KATAINEN LI E’ MANCATO PRONUNCIARE LA PAROLA REPONSABILITA.L’UE EUROPEA RESISTE I CAMBIAMENTI DEL VOTO.MENO MALE CHE QUESTO FINLANDESE DOVRA ANDARESENE IN AUTUNNO.(E MAGARI SOPRAVIVE A RENZI)

-

21 LUGLIO 2014:MALAYSIA

Lunedì 21 Luglio – agg.17:22
Sfoglia il nuovo giornale digitale

Messaggero logo

Aereo abbattuto, Mosca accusa Kiev:accanto a Boeing volava caccia ucraino

 

 

 

 

 

 

 

 

Il ministero della Difesa russo afferma che non è stato rilevato il lancio di alcun missile vicino la rotta del Boeing della Malaysia Airlines: era invece presente nelle vicinanze un caccia ucraino. Lo riferiscono i media internazionali.I satelliti russi, ha spiegato il ministero della Difesa, hanno rilevato un aereo da attacco Su-25 che volava in direzione del boeing malese che poi è precipitato. Inoltre, al momento del disastro, una batteria di missili ucraini Buk erano dispiegati verso Donetsk, in un’area dove i ribelli hanno il loro quartier generale, hanno aggiunto ancora le autorità russe, come riporta l’Interfax.La Russia ha inoltre smentito di aver fornito ai separatisti ucraini i missili Buk sospettati da Kiev e Washington di essere stati usati per abbattere il Boeing della Malysia Airlines. Mosca «non ha fornito agli insorti sistemi missilistici Buk o altro materiale militare», ha detto il generale Andrei Kartapolov dello stato maggiore russo.Il ministero della Difesa russo ha reso noto inoltre che al momento del disastro aereo satelliti americani sorvolavano la zona, ed ha chiesto a Washington di condividere eventuali immagini documentate. Lo riferisce l’Interfax.

Lunedì 21 Luglio 2014 – 16:54,Ultimo aggiornamento: 17:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
-

22 LUGLIO 2014:GUERRA ALL’IMMIGRAZIONE DEI MINORENNI ISPANI

BBC News USA e Canada
21 Luglio 2014 Ultimo aggiornamento alle 22:09 ET

Il governatore del Texas Rick Perry dispiega truppe di frontiera negli Stati Uniti

Il governatore Rick Perry (21 luglio 2014)

Perry ha detto che i texani avevano pagato “un prezzo troppo alto” per “fallimento” del governo federale nel proteggere il confine

Il governatore del Texas ha ordinato 1.000 soldati della Guardia Nazionale al confine degli Stati Uniti con il Messico per proteggere ciò che ha descritto come criminali, trafficanti di esseri umani e cartelli della droga.

Rick Perry, un repubblicano, ha detto che doveva agire perché il governo federale non era riuscito a fissare il confine.

Perry ha detto che le truppe sarebbero a lavorare a fianco delle forze dell’ordine.

La mossa arriva dopo l’impennata dei bambini dell’America centrale non accompagnati attraversando il confine illegalmente.

Più di 57.000 bambini, molti in fuga dalla violenza delle bande e la povertà estrema a casa, hanno attraversato il confine da ottobre.

In una conferenza stampa, il signor Perry ha detto che i criminali avrebbero visto l’afflusso di bambini come un’opportunità da sfruttare. E ha detto che più di 203.000 “stranieri criminali” erano statt prenotati in carceri del Texas dal 2008.

“Non ci può essere sicurezza nazionale senza sicurezza delle frontiere, e i texani hanno pagato un prezzo troppo alto per il fallimento del governo federale nel proteggere i nostri confini”, ha detto Perry, che ha funzionato senza successo per la nomination presidenziale repubblicana nel 2012 ed è stato nominato come possibile contendente nel 2016.

“L’azione d’ordino oggi sarà affrontare questa crisi a testa alta moltiplicando i nostri sforzi per combattere l’attività del cartello, trafficanti di esseri umani e individuali criminali che minacciano la sicurezza delle persone in Texas e in America.”

Il dispiegamento della Guardia Nazionale del Texas costerà allo stato del Texas fino a $ 12m di dollari(£ 7m) al mese.

‘Militarizzazione del confine’

Il presidente Barack Obama, un democratico, ha chiesto una riforma globale dell’immigrazione che avrebbe fornito qualche percorso di status giuridico per i milioni di immigrati clandestini che vivono negli Stati Uniti, così come rafforzare la sicurezza alla frontiera.

In risposta alla recente alluvione di bambini illegale-immigrati, Obama ha chiesto al Congresso $ 3,7 miliardi per assumere giudici supplementari in materia di immigrazione, per fornire drone di sorveglianza del confine, e finanziare servizi medici.I Repubblicani al Congresso hanno respinto la richiesta.

In Texas, un portavoce del Partito democratico del Texas ha accusato il signor Perry di “politica photo-op”, che ignoravano la necessità di una riforma globale dell’immigrazione.

“Local forze dell’ordine, funzionari eletti, e i leader della fede della comunità nella Valle del Rio Grande hanno espresso preoccupazione per la militarizzazione del confine, la necessità di creare una soluzione umanitaria a breve termine, e risolvere la necessità a lungo termine con una riforma globale dell’immigrazione,” Emmanuel Garcia ha detto.

“Oggi, il governatore Rick Perry ha ignorato quelle voci.”

Più su questa storia

Altri sviluppi

*Boehner invita a cambiare la legge migratoria,10 JULY 2014, USA e Canada

*Obama e Perry concordano sulla forza di frontiera,09 JULY 2014, USA e Canada

*Immigrati Bambino creano crisi di frontiera negli Stati Uniti,16 JUNE 2014, ECHO CHAMBERS

*’Clandestini’ e le Grapes of Wrath,11 JUNE 2014, USA e Canada

http://www.bbc.com/news/world-us-canada-28414189

Immagine anteprima YouTube

-

22 LUGLIO 2014:AMBIENTALISMO,NIENTE MUCHE

From BBC News

Beef cattle roam the brown-dirt fields on a ranch on the outskirts of Delano, in California's Central Valley

High steaks
The production of beef is about 10 times more damaging to the environment than any other form of livestock, a new study has found – and cutting down on beef can have a big environmental impact.
TRDUZIONE:Alti bistecche     La produzione di carne bovina è di circa 10 volte più dannoso per l’ambiente rispetto a qualsiasi altra forma di bestiame, un nuovo studio ha trovato – e tagliare sulla carne può avere un grande impatto ambientale.
.
REAZIONE:COME LI STAREBBE ALLA LEGA NORD SENZA MUCCHE E SENZA IMMIGRAZIONE ISPANA?
Immagine anteprima YouTube
-
22 LUGLIO 2014:L’ALLARME AMBIENTALISTA NOTRANO
-
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Camera: sì ad arresto Galan video
E lui: “Sono tanto incazzato” video
Dimesso dall’ospedale, tradotto in carcere
Fi: “Una barbarie”. Contro Ncd, Maie e Psi
Il deputato era assente per motivi di salute,video di NICOLA CESARO
.

REAZIONE:PARLAMENTO AMMIREVOLE(MA VA DISSOLTO)
-
24 LUGLIO 2014:NOTIZIE DELLA FINE DEL MONDO
Mercopress - South Atlantic News Agency
Martedì, luglio 22 2014 – 08:51 UTC
Spagna raddoppia sfida della controveria  sulle aque di Gibilterra : convocazione dell’ambasciatore del Regno Unito

LAA Spagna ha accusato la Gran Bretagna di “ingerenza inaccettabile” per il lancio di una protesta diplomatica sulle azioni di una nave marina spagnola al largo di Gibilterra.

UK primo convocato l'ambasciatore di Spagna dopo la Tagomago motovedetta ha cercato di reindirizzare navi mercantili diretti da e per il porto di Gibilterra

Il Regno Unito per primo ha convocato l’ambasciatore di Spagna dopo che la motovedetta Tagomago ha cercato di reindirizzare navi mercantili diretti da e per il porto di Gibilterra.

Ambasciatore Manley ha ribadito le preoccupazioni del Regno Unito su attività spagnole in mare e ha continuato ritardi alle frontiere durante la riunione presso il Palacio de Santa Cruz.

L’Ambasciatore Manley ha ribadito le preoccupazioni del Regno Unito su attività spagnole in mare e la continuazione dei ritardi alle frontiere durante la riunione presso il Palacio de Santa Cruz.

-

Giovedi ‘la Gran Bretagna ha convocato l’ambasciatore di Spagna dopo che la motovedetta Tagomago ha cercato di reindirizzare due navi mercantili diretti da e per il porto di Gibilterra, ma la Domenica la Spagna reagì chiamando a Simon Manley, l’ambasciatore britannico a Madrid.

Mr Manley via Twitter ha ribadito le preoccupazioni del Regno Unito circa l’attività spagnole in mare e la continuazione dei ritardi alle frontiere durante la riunione presso il Palacio de Santa Cruz. Ma in un comunicato il ministero degli Affari Esteri spagnolo ha preso una posizione forte contro la Gran Bretagna e in un  battibecco diplomatico ha detto che qusto aveva causato ‘profondo disagio’ a Madrid.

“La convocazione di ambasciatori è un grave passo che dovrebbe essere riservato solo ai casi più gravi”, ha detto il ministero, affermando che una tale mossa e’ ‘non appropriata’ tra nazioni alleate.

E ha aggiunto: “Questo ultimo incidente rappresenta un’ingerenza inaccettabile dal Regno Unito nelle attività di routine della Marina spagnola in acque spagnole, reso ancora più grave quando nessuna delle navi era di bandiera britannica.”

Il ministero spagnolo ha insistito che il Tagomago stava effettuando il monitoraggio di routine delle navi mercantili in “acque spagnole” tra tre e nove miglia al largo della parte orientale della roccia. Gran Bretagna sostiene tre chilometri di mare territoriale e dice che le acque sono internazionali al di là, ma la Spagna ha replicato che tutto, dalla rocca al limite delle 12 miglia è mare territoriale spagnola.

Nel comunicato, il Ministero degli Affari Esteri è stato fortemente critico dell’accusa del Regno Unito su che la Spagna aveva attuato in maniera provocatoria in violazione del diritto internazionale.
“Questo ministero ritiene tali accuse inaccettabili e afferma che essi sono assolutamente falsoi, ha detto il ministero.

Il governo spagnolo ha detto che il Tagomago aveva operato nel rispetto “squisito” di entrambe le leggi spagnole e internazionali, in particolare la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

Ha detto che il piano di sorveglianza marittima della Spagna richiede alle navi militari di prendere contatto con le navi mercantili che non seguivano percorsi di navigazione convenzionali e li “invitano a lasciare le acque territoriali”.

Il 16 luglio il Tagomago aveva contattato cinque navi mercantili che erano ancorate tra i sette ei nove miglia al largo della parte orientale della Roccia e ha chiesto loro di andarsene.

Madrid ha sostenuto che le navi violavano le regole di passaggio inoffensivo essendo ancorati in quella zona. La dichiarazione ha anche ribadito la posizione della Spagna, che con il trattato di Utrecht Gibilterra non ha acque territoriali diversi da quelli all’interno del porto.

“Il Governo spagnolo resterà fermo nella difesa delle posizioni spagnoli nella disputa Gibilterra”, dice la nota.

http://en.mercopress.com/2014/07/22/spain-doubles-challenge-on-gibraltar-waters-dispute-summons-uk-ambassador

-APPENDICE:

Giovedi, Luglio 24th 2014 – 05:43 UTC

Spagna congratula Hammond e chiede dialogo su “Gibilterra e dintorni”

Ministro spagnolo degli Esteri Jose Manuel Garcia-Margallo si è congratulato con il ministro degli Esteri Philip Hammond sulla sua recente nomina e insistito sul fatto che l’azione della Spagna a Gibilterra è semplicemente quello di chiedere il rispetto degli obblighi di legge, ma tuttavia ha chiesto il dialogo.

"Quello che il governo spagnolo ha detto è che la nostra linea di azione è il rispetto del diritto internazionale", ha detto García-Margallo

“Quello che il governo spagnolo ha detto è che la nostra linea di azione è il rispetto del diritto internazionale”, ha detto García-Margallo

L’incontro è avvenuto a margine della riunione del Consiglio dell’Unione europea per gli affari esteri questa settimana che si è concentrata sul Ucraina e Medio Oriente.

“Quello che il governo spagnolo ha detto è che la nostra linea di azione è il rispetto del diritto internazionale”, ha detto García-Margallo in una conferenza stampa. Ha citato le risoluzioni delle Nazioni Unite e il 1984 (Gibilterra) Accordo di Bruxelles come base per il dialogo. Ha anche detto che la Spagna aveva obblighi vicino a Gibilterra sotto le norme UE in materia di ambiente e delle frontiere.

“Per applicare tale diritto in Gibilterra e nei dintorni la formula migliore è il dialogo”, ha detto. “Per questo siamo perfettamente disposti ad accettare gruppi ad hoc di geometria variabile, di cui l’ex ministro degli esteri William Hague nel marzo 2012,” ha detto.

Ministero degli Esteri spagnolo ha informato i giornalisti il ​​risentimento della Spagna per il recente convocazione nella loro ambasciatore a Londra, Federico Trillo, e proprio studio di protesta del signor Hammond su un incidente in cui aveva cercato una nave della Marina spagnola per reindirizzare le due navi mercantili diretti da e per il porto di Gibilterra il Mercoledì (una settimana fa), perché ha detto che erano in «acque spagnole.

Gran Bretagna era chiaro che le navi erano in acque internazionali.

Spagna convocato l’ambasciatore britannico, Simon Manley, il Venerdì di lamentarsi gestione della Gran Bretagna dell’incidente, dopo la Gran Bretagna aveva convocato l’ambasciatore di Spagna il Giovedi.

http://en.mercopress.com/2014/07/24/spain-congratulates-hammond-and-calls-for-dialogue-on-gibraltar-and-surrounding-area

REAZIONE:CONTINUA IL PROLUNGATO CONFLITTO EUROPEO FRA GRAN BRETAGNA-SPAGNA SULLE AQUE E IL TERRITORIO DI GIBILTERRA SU QUI L’ITALIA NON E’ PREOCUPATA.

Immagine anteprima YouTube

-

24 LUGLIO 2014:VAI  BERSANI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Bologna, assolta la segretaria di Bersani

“Non lavorò per lui a spese della Regione”

L’ex leader: “Nel mirino perché lavorava con me”

1,6mila condivisioni
.
REAZIONE:SI ALLA DEMOCRAZIA.

-

25 LUGLIO 2014:SI,COLPO DI STATO LEGHISTA E’

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Riforme, scontro Pd-Grillo  Grasso: io imparziale   video

Riforme, scontro Pd-Grillo

Grasso: io imparziale video

Il capo 5S: “E’ un golpe”

Renzi: no, tuo colpo di sole

Foto: A colpi di tweet

Blog Povera carta di MARCO BRACCONI
RNews Liguori Dialogo impossibile / Casadio Gli spiragli
Il caso Il footing dell’ostruzionismo di FRANCESCO MERLO

Articoli correlati

698 condivisioni
910 commenti

REAZIONE:CERTO CHE E’ UN COLPO DI STATO:ABOLIRE IL SENATO PER SUSTITUIRLO PER UNA CAMERA NON ELETTIVA COMPOSTA DA NOMINATI DAI COMUNI E LE REGIONI ALTRO NON E’ CHE “FE-DE-RA-LIS-MO”,LO STESSO FEDERALISMO CHE ANNI FA HANNO PROPOSTO AL POPOLO BERLUSCONI E BOSSI. E IL POPOLO LO HA LARGAMENTE RESPINTO,SOLO CHE ADESSO LA SINISTRA SOTTO ALTRI VESTI,COMPRESO GRILLO E I 5 STELLE, HA CAMBIATO PARERE.

CERTO CHE E’ COLPO,DOPPIO COLPO:QUELLO DELLO STALINISTA  NAPOLITANO TIRANNO AUTOPERPETUATO PER UN COLPO DI PALAZZO,E QUESTO DELLA LEGA CHE FA ENTRARE DALLA FINESTRA CIO CHE NON HA POTUTO FARE ENTRARE DALLA PORTA.

LA RIFORMA E’ FEDERALISMO,UN FEDERALISMO GIA RIFIUTATO DAL POPOLO NELLE URNE.E NON OCCORRE FARE ALTRO REFERENDUM COME IPOCRITAMENTE ARGOMENTA LA BOSCHI:ATTENTI AL LUPO,NON PASSINO.

Immagine anteprima YouTube

-
25 LUGLIO 2014:EXPO,ALTRO LEGHISTA IN MANETTE

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

L’inchiesta da Busto a Milano

Il direttore generale Expo indagato per i contratti «suggeriti» da Maroni indagato per l’ipotesi di reato di «induzione indebita a dare o promettere utilità» anche il direttore generale di Expo 2015, Christian Malangone,di Luigi Ferrarella

Inchiesta Expo
Roberto Maroni (Ansa)
Roberto Maroni (Ansa)

Non trova pace giudiziaria il gruppo dirigente di Expo 2015. Dopo l’arresto del general manager Angelo Paris, di alcuni avvocati esterni per gli appalti truccati dei servizi legali, e di Antonio Rognoni in Infrastrutture Lombarde, ora è indagato per l’ipotesi di reato di «induzione indebita a dare o promettere utilità» anche il direttore generale di Expo 2015, Christian Malangone, il manager più operativo sotto il commissario Giuseppe Sala, quello con il quale il presidente dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantone si era appena rapportato per il «Padiglione Italia». Malangone, che con il sindaco Letizia Moratti era stato nel 2009 vicedirettore generale del Comune di Milano, è indagato nella medesima inchiesta della Procura di Busto Arsizio sul presidente leghista della Regione Roberto Maroni e sul capo della sua segreteria Giacomo Ciriello. Tandem che per i pubblici ministeri Eugenio Fusco e Pasquale Addesso avrebbe esercitato pressioni appunto su esponenti di «Expo 2015 spa» (al 20% della Regione) e di «Eupolis» (ente regionale per la ricerca e la statistica) affinché due collaboratrici di Maroni quand’era ministro dell’Interno, Mara Carluccio e Maria Grazia Paturzo, ottenessero indebite utilità economiche consistenti in due contratti di consulenza: 29.500 euro annui per Carluccio da «Eupolis», e 5.147 al mese per due anni per Paturzo da «Expo 2015 spa».

In quest’ultimo caso, il dirigente Expo «indotto» dalle pressioni di Maroni è ipotizzato dai pm appunto in Malangone sul complesso di iniziali intercettazioni, successive acquisizioni documentali, e deposizioni per le quali sono sfilati come testi anche Sala e la portavoce di Maroni, Isabella Votino. Finché esisteva la vecchia concussione che comprendeva sia quella per costrizione sia quella per induzione, chi subiva le pressioni concussive non era punibile. A fine 2012, però, la legge Severino ha distinto dalla «concussione per costrizione» il nuovo reato di «induzione indebita», che sulla scia di rilievi europei determina anche la punibilità dell’«indotto» che nel cedere alle pressioni ricavi comunque un qualche vantaggio: ed è questa la contestazione mossa al direttore generale di Expo. Nell’episodio Eupolis, invece, i pm hanno modificato la contestazione a Maroni e a Ciriello da «induzione indebita» a «turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente», indagando sia il direttore generale di «Eupolis» Alberto Brugnoli, sia la beneficiaria del contratto, Carluccio, nel 2008-2011 «consigliera» del ministro dell’Interno Maroni «per le politiche comunitarie».

25 luglio 2014 | 09:16

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_luglio_25/direttore-generale-expo-indagato-contratti-suggeriti-maroni-4d90499c-13ca-11e4-9950-e546b7448c47.shtml

REAZIONE:BENE,AVANTI COSI.LA LEGA VA DISSOLTA.

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 133 »

17 luglio 2014
0

-SU LA REPUBBLICA:

Repubblica.it

Inchiesta Maroni, nel mirino il tour per Expo a Tokyo: “Viaggio stile prima Repubblica”

Si arricchisce di nuovi dettagli l’inchiesta che a Busto Arsizio vede indagato il governatore della Lombardia per “induzione indebita”.La Regione: “Solo 4 delegati, costi inferiori ai 25mila euro”
-
Inchiesta Maroni, nel mirino il tour per Expo a Tokyo: "Viaggio stile prima Repubblica"

Il presidente della Regione Lombardia
.
Sono in corso accertamenti da parte della Procura di Busto Arsizio su alcuni viaggi del ‘World Expo Tour’, le missioni internazionali organizzate dalla Regione Lombardia per promuovere l’Esposizione universale in vista del 2015. Questo nuovo filone appartiene all’inchiesta che vede già indagati per induzione indebita sia il governatore Roberto Maroni che il capo della sua segreteria, Giacomo Ciriello.In particolare, l’attenzione degli inquirenti si starebbe concentrando sulle spese per un viaggio a Tokyo, fatto nel giugno di quest’anno, al quale ha partecipato anche il vicepresidente della Regione, Mario Mantovani. Nello stesso periodo Maroni si trovava a Berna, in Svizzera, per un’altra tappa della stessa iniziativa. Ma è quella nella capitale giapponese, la missione che ha richiamato l’attenzione degli investigatori che la definiscono un “viaggio fatto in stile prima Repubblica” parlando del numero di persone partecipanti.Sul punto la Regione precisa: “La delegazione era composta solo da quattro persone, compreso lo stesso Mantovani, e ha avuto un costo totale (tutto compreso) inferiore a 25 mila euro: numero di partecipanti e costi infinitamente inferiori a qualunque altra missione svoltasi durante la cosiddetta prima repubblica e anche negli anni più recenti”. Mentre Maroni scrive su Twitter: “Da quando ci sono io la Regione Lombardia ha ridotto oneri di gestione e costi di missioni istituzionali. Controllate pure”.A proposito della missione, invece, dagli uffici di Palazzo Lombardia precisano che “era coordinata dal ministero degli Esteri e si inseriva nelle iniziative per la festa del 2 giugno. Ha previsto missioni analoghe, ad esempio quella del sindaco di Milano Giuliano Pisapia a Dubai, quella del commissario Expo Giuseppe Sala a Tel Aviv, quella della presidente di Padiglione Italia Diana Bracco a Madrid e quelle di ministri e sottosegretari in decine di ambasciate italiane nel mondo”.

.
La Procura comunque sta verificando ogni dettagli di quella missione: oltre al numero, anche il ruolo istituzionale dei singoli partecipanti per verificare se fossero legittimati ad aggregarsi alla missione. Non solo Tokyo è sotto esame, gli investigatori stanno verificando le modalità di svolgimento delle altre missioni del ‘World Expo Tour’: Barcellona e Bruxelles (gennaio 2014), Parigi (febbraio e maggio), Berlino e Dublino (marzo).
.
In seguito a questi accertamenti, dunque potrebbe aprirsi un’altro filone dell’inchiesta coordinata dal procuratore Eugenio Fusco e dal pm Pasquale Addesso con al centro presunte pressioni per far ottenere contratti di collaborazione a due professioniste, Mara Carluccio e Maria Grazia Paturzo, che lavoravano per l’esponente della Lega quando era ministro dell’Interno. Paturzo, in particolare, aveva ottenuto un contratto di collaborazione con Expo 2015 da cinquemila euro al mese anche con il compito di seguire eventi come il World Expo Tour e il tour nelle province lombarde per promuovere l’Esposizione universale.
.
Le audizioni di funzionari dellaRegione e di Expo 2015 in corso negli uffici della Procura bustocca, a quanto si apprende, si starebbero concentrando proprio sui viaggi del World Expo Tour. E’ stata ascoltata, tra gli altri, la segretaria del giornalista Roberto Arditti, direttore comunicazione e relazioni esterne di Expo 2015.
.
http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/07/17/news/inchiesta_maroni_nel_mirino_dei_pm_il_tour_per_expo_a_tokyo_viaggio_
stile_prima_repubblica-91792221/?ref=HREC1-6
.
Articoli Correlati
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 132 »

13 luglio 2014
0

13 LUGLIO 2014:RENZI HA PROBLEMI DI COMMISARIAMENTO

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

PRIMO PIANO

L’INTERVISTA
Renzi: l’agenda dei mille giorni
‘Italia commissariata? Non esiste’

*Fitto a Berlusconi: ‘Sbagliamo, ipnotizzati da Renzi’

-APPENDICE:RENZI HA PROBLEMI DI POLIZIA

-SU LA STAMPA:Economia,14/06/2014

Salta la “fusione” delle Polizie

Addio questure e comandi provinciali

francesco grignetti
roma

Una rivoluzione è in arrivo, un’altra invece è rinviata a tempi migliori. Nonostante nella bozza della vigilia fosse previsto un riordino delle forze di polizia e l’accorpamento di Forestale e Penitenziaria con altri corpi, nulla di tutto ciò ha superato il vaglio del consiglio dei ministri. «Accorpamento? No», ha detto Matteo Renzi in conferenza stampa, visibilmente corrucciato.

Nel corso delle ore, in effetti, si erano moltiplicati i rumors. Un provvedimento così tranciante, messo a punto dalla Funzione pubblica, sia pure nel solco delle proposte avanzate a suo tempo dal commissario alla Spending Review Carlo Cottarelli, avrebbe incontrato le perplessità, per usare un eufemismo, degli altri ministri interessati. Da Alfano, Orlando e Martina insomma non è arrivato il via libera. E così la parte relativa alle polizie è stata stralciata dal decreto. «Comunque dovranno accorpare molte procedure per semplificare l’organizzazione e ridurre i costi», annuncia il ministro Marianna Madia.

Migliore fortuna, invece, ha avuto l’ipotesi di ridisegnare le prefetture. Cambieranno di nome. Diventeranno Uffici regionali di governo. E già in questa definizione c’è la nuova configurazione e la nuova mission: ce ne sarà una per capoluogo di regione, non più per capoluogo di provincia. Con il che si passerebbe da 103 a 20 sedi.

Sono però previste deroghe per le zone ad alta densità criminale. «Ci rendiamo conto che in alcune aree del Paese occorre essere più presenti», spiega il premier in conferenza stampa. E quindi ecco arrivare al tetto di circa 40 nuove prefetture di cui Renzi ha parlato spesso. Questo è l’obiettivo del governo. Ci si arriverà con una legge-delega che dovrà passare per il Parlamento.

Attenzione, però, alla portata del provvedimento. Con l’istituzione degli Uffici regionali di governo non sarebbero tanto 60 o 70 sedi di prefettura a scomparire, ma una miriade di uffici periferici dello Stato. «Deve essere chiaro che tutta l’articolazione periferica dello Stato seguirà la nuova geografia», ha scandito Renzi. Significa che dalle città «declassate» scomparirebbero questure, comandi dei vigili del fuoco, dei Carabinieri, della Finanza, le direzioni provinciali della amministrazione finanziaria dello Stato, provveditorati agli studi, provveditorati alle opere pubbliche, e così via. Un immenso scrollone all’impalcatura dello Stato come la conosciamo dal 1870 a oggi.

Nel mondo della sicurezza sono già atterriti dallo tsunami in arrivo. «Il governo – scrivono con nota congiunta i sindacati di polizia Siulp, Siap-Anfp, Silp-Cgil, Consap e Uil-polizia – sta per annientare ogni possibilità di difendere i cittadini e le Istituzioni dall’aggressione criminale». I sindacati annunciano battaglia e cominciano ritirando la firma dagli accordi sindacali che permettevano i doppi turni di servizio, «a cominciare dalle tutele ai politici». Deluso anche Gianni Tonelli, del Sap, che sperava almeno nell’accorpamento di Forestale e Penitenziaria: «I cittadini non possono più sopportare il carrozzone di sette forze di polizia».

http://www.lastampa.it/2014/06/14/economia/salta-la-fusione-delle-polizie-addio-questure-e-comandi-provinciali-UqulRMWfaeChwaED4M36aM/pagina.html

Immagine anteprima YouTube

-

14 LUGLIO 2014(FESTA DELLA LIBERTA,CADUTA DELLA BASTIGLIA):

EUROPA CAMPIONE DEL MONDO IN AMERICA

-TITOLARE LE MONDE:

Coupe du monde : quatrième sacre pour l’Allemagne

Les Allemands ont remporté un quatrième sacre mondial dimanche en finale face à l'Argentine. Première équipe européenne à soulever une Coupe du monde sur le sol américain, l’Allemagne s’est adjugé son quatrième titre en battant l’Argentine en finale (1-0, a.p.).*L’Allemagne est de retour*Quiz : êtes-vous incollables sur les finales Argentine-Allemagne ?*La finale Allemagne-Argentine… vue par les supporters Portfolio*Messi meilleur joueur, Pogba meilleur jeune
Mario Götze, le 13 juillet.
Mario Götze, ce héros
Argentina's coach Diego Maradona (L) looks dejected in front of Argentina's striker Lionel Messi after they lost the 2010 World Cup quarter-final football match Argentina vs. Germany on July 3, 2010 at Green Point stadium in Cape Town. Germany qualified for the semi-finals.  NO PUSH TO MOBILE / MOBILE USE SOLELY WITHIN EDITORIAL ARTICLE -    AFP PHOTO / DANIEL GARCIA
Seulement finaliste, Messi échoue à égaler Maradona Portfolio
L'Allemagne a remporté une quatrième Coupe du monde dimanche face à l'Argentine.
La recette gagnante de la Mannschaft
L’Argentine pleure son Mondial
Berlin explose de joie après le sacre de l’Allemagne
Philipp Lahm : « Nous avons eu une incroyable cohésion »
REAZIONE:HA FINITO IL MONDIALE DI CALCIO,UNA GRANDE FESTA CHE NON HA LASCIATO INDIFFERENTE A NESSUNO;DAI GOVERNANATI AI GOVERNATI,DA INTELLETUALI ALLA GENTE COMUNE,DALLE UOMINI ALLE DONNE,DAI BAMBINI AGLI ADULTI MAGGIORI,E NATURALMENTE NE MENO A ME CHE MI SONO RESISITITO FINO ALL’ULTIMO INUTILMENTE.UNA GRANDE FESTA CHE HANNO SEGUITO MILIONI E MILIONI DI ESSERI UMANI IN TUTTO IL MONDO,PERFINO IN QUELLI PAESI DOVE IL CALCIO NON E’ UNO SPORT POPOLARE COME GLI STATI UNITI.

UNA GRANDE FESTA DA QUI DOBBIAMO CONGRATULARCI PERCHE QUANDO NON CI SONO MONDIALI DI CALCIO C’E’ GUERRA MONDIALE.UNA FESTA DELLA PACE E LA CONFRATERNITA..

E DOBBIAMO LODARE IN PRIMO POSTO IL BRASILE PERCHE MALGRADO LE INNEFICENZE E I DUBBI INIZIALI HA DIMOSTRATO ESSERE IN GRADO  DI ORGANIZZARE UNA FESTA DI MASSA DI QUESTA PORTATA.

E DOBBIAMO LODARE LA FIFA PERCHE E’ STATO IN GRADO DI MOBILITARE,INCLUDERE SEMPRE DI PIU PAESI E ORGANIZZARE UNA MEGA FESTA COSI ESTESA.

E FINALMENTE DOBBIAMO LODARE LA GERMANIA CHE OGGI NELLA FINALE CON ARGENTINA CI HA RAPRESENTATO A TUTTI GLI EUROPEE, CHE PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DI QUESTA DISPUTA SONO STATI IN GRADO DI VINCERE IN TERRE AMERICANE.

A CHI HA SEGUITO QUESTE PUBBLICAZIONI SIN DALL’INIZIO DEVO DIRLI:OBIETTIVO RAGGIUNTO,EUROPA CAMPIONE IN AMERICA PER LA PRIMA  VOLTA NELLA STORIA.FACENDO COSI PROVARE A DOMICILIO DELLA PROPIA MEDICINA AL BRASILE,L’UNICO PAESE AMERICANO A VINCERE UN MONDIALE IN EUROPA(SVEZIA 1958).CI VOLEVA.

-

14 LUGLIO 2014:PAPA “SBUGGIARDATO”

“CHI FA DEL MALE A UNO DI QUESTI BIMBI  A ME LO FA,PIU LI VALDREBBE APPENDERSI UNA PIETRA AL COLLO E BUTTARSI AL FIUME”,DICE GESU

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Preti pedofili, la Chiesa con Francesco Ma dagli Usa la richiesta: "Ora i fatti"   Colloquio con il Papa : "Come Gesù userò il bastone contro i colpevoli degli abusi"
Preti pedofili, la Chiesa con Francesco
Ma dagli Usa la richiesta: “Ora i fatti”
Colloquio con il Papa: “Come Gesù userò il bastone contro i colpevoli degli abusi”
“Debole denuncia pubblica contro la mafia”
La precisazione di padre Lombardi,di EUGENIO SCALFARI e PAOLO RODARI
Articoli correlati

,5mila condivisioni

REAZIONE:I FATTI NON CI SONO MAI STATI E NON CI SARANNO MAI.IL SANTO PADRE LO SA E GIOCA CON FUOCO.

SE LUI PENSA CHE STA SVOLGENDO IL SUO PONTIFICATO NELLE PERIFERIE DEL MONDO CIVILIZZATO DOVE NON VIENE RISPETTATO  L’ESSERCIZIO PIENO DELLA DIGNITA UMANA E DOVE NON C’E’ IL CONTROLLO EFFICACE DELL’OPINIONE PUBBLICA ASSOGETTATA DAL SETTARISMO MONOPOLICO MEDIATICO ALLA VOLONTA ONNIPOTENTE DELLE OLIGARCHIE LOCALI STA SBAGLIANDO,L’EUROPA NON E’ IL CONO SUD.NON PUO DIRE CIO CHE LI PARE SENZA CONSEGUENZE.

-

14 LUGLIO 2014:14 JULLIET

-2 TITOLARI SU LE FIGARO:

-TITOLARE 1: 14 juillet : où le fêter à Paris ?

Feu d’artifice, défilé militaire, concert, bals des pompiers: le programme des célébrations autour de la fête nationale dans la capitale.

-

-TITOLARE 2: 14 Juillet

14 Juillet : les temps forts du défilé

INFOGRAPHIE – 80 nations, 3752 hommes, 54 avions, 36 hélicoptères, 285 véhicules motorisés et 241 chevaux, retrouvez tous les détails du défilé du 14 Juillet qui aura lieu ce lundi de 10 h 15 à 11 h 40 sur les Champs-Élysées.

-

14 LUGLIO 2014:E’ ARRIVATA L’ORA DI MARONI

-TITOLARE SU LA REPUBBLICA:

Expo, avviso di garanzia a Maroni:  "Presunte irregolarità nei contratti"
Expo, avviso di garanzia a Maroni: “Presunte irregolarità nei contratti”
Avrebbe sollecitato due assunzioni
Il Governatore: “Tutto regolare, sono sereno”
,4mila condivisioni
- LA NOTA COMPLETA:
Repubblica.it
Expo, indagato Maroni. I pm: “Fece pressioni per far assumere due conoscenti”
Contratti a termine in Expo2015 spa e in Eupolis. Una era sua collaboratrice al Viminale. La Procura di Busto Arsizio indaga anche il capo di gabinetto. Il governatore: “Sereno, ma sorpreso”
14 luglio 2014
Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, è indagato dalla Procura di Busto Arsizio per presunte irregolarità legate alla firma di due contratti a termine. Secondo i pm, avrebbe esercitato “pressioni” per far ottenere il posto a due persone a lui vicine: Mara Carluccio (sua ex collaboratrice al Viminale) in Eupolis – l’ente di Regione Lombardia per la ricerca, la statistica e la formazione – e Maria Grazia Paturzo in Expo2015 spa. Insieme al presidente, è indagato anche il capo di gabinetto, Giacomo Ciriello.”Sono assolutamente sereno – ha dichiarato Maroni – e, allo stesso tempo, molto sorpreso. Per quanto a mia conoscenza, è tutto assolutamente regolare, trasparente e legittimo”. La Procura, invece, lo accusa di aver richiesto e ottenuto, tramite Ciriello, un contratto di consulenza da 29.500 euro in Eupolis per la Carluccio e uno di due anni in Expo da 5.417 euro al mese per la Paturzo anche tramite la ‘Obiettivo Lavoro Temporary srl’. Nel decreto di perquisizione, firmato dal procuratore di Busto Arsizio, Eugenio Fusco, e dal pm Pasquale Addesso, si ipotizza che queste due assunzioni sarebbero arrivate in alternativa a un incarico in seno alla Regione, Dato che – è l’ipotesi – Maroni non è “riuscito a collocare le due donne nello staff del Presidente, perché la loro assunzione sarebbe stata soggetta ai controlli della Corte dei Conti”.Il governatore precisa ancora che si tratta “di due contratti a termine per persone che svolgono, con mansioni diverse, attività quotidiana di supporto della Regione dalla sede di Roma. La loro attività è finalizzata all’ottimizzazione e all’efficienza della macchina organizzativa in vista dell’evento Expo. In particolare, una figura professionale ha un preciso scopo di raccordo tra Regione e società Expo, mentre l’altra, di provata esperienza professionale, ha un ruolo di consulenza delle diverse tematiche organizzative legate a Expo. Sono, ribadisco, sereno e fiducioso che le cose verranno al più presto chiarite”.L’avviso di garanzia, notificato nel corso a Palazzo Lombardia dai carabinieri del Noe, riporta come ipotesi di reato, “l’induzione indebita a dare o promettere utilità”. Il presunto reato, che si sarebbe consumato appena dieci giorni fa, cioé il 4 luglio in territorio varesino, sarebbe emerso nelle indagini legate all’inchiesta della procura bustocca su Finmeccanica.Dopo che è esplosa la notizia della nuova inchiesta sull’Esposizione universale che si terrà a Milano nel 2015, la società Expo conferma che “l’assunzione di Paturzo è stata fatta su indicazione del gabinetto del presidente della Regione”. E precisa: “Poichè le attività connesse alla gestione delle relazioni con le istituzioni hanno per loro natura intrinseca carattere fiduciario, Expo 2015 ha accolto la segnalazione di Regione Lombardia che ha indicato in Mariagrazia Paturzo il profilo idoneo al ruolo da ricoprire”.E mentre la giunta e i capigruppo della maggioranza di centrodestra in Regione, “esprimono ampia solidarietà al presidente, Idv e M5S chiedono al governatore di far chiarezza. “Sono certo che saprà chiarire rapidamente la propria posizione, tuttavia – dichiara Carmelo Tindiglia, segretario regionale Idv – le dimissioni sarebbero un atto dovuto”. E Giampietro Maccabiani, portavocedei 5 Stelle: “Aspettiamo Maroni in consiglio. Se dovesse arrivare un rinvio a giudizio – continua – ci aspettiamo le dimissioni immediate”. In serata l’annuncio del presidene del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo che il governatore riferità domani in aula sulla vicenda.
.
http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/07/14/news/expo_avviso_di_garanzia_maroni_presunte_irregolarit_nei_contratti-91544213/?ref=HREC1-2
.
REAZIONE:3 COMMENTI
.
1-E’ ARRIVATA L’ORA DI CONSEGNARE ANCHE LA REGIONE LOMBARDA ALLA SUA PROPIETARIA NATURALE,LA SOVRANITA POPOLARE.
.
2-E ARRIVATA L’ORA DI ACCELLERARE LA DISOLUZIONE DELLA LEGA
.
3-E’ COSI CHE LE LARGHE INTESE DI RENZI HANNO PROVEDUTO A SANEARE LA CORRUZIONE DELLA  EXPO,MOSE E SANITA?ANCHE PER LORO L’ORA SI AVVICINA.NIENTE ASSEGNI IN BIANCO
.
Immagine anteprima YouTube
.
-14 LUGLIO 2014:L’ETERNO RITORNO DEL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Gaza, raid di Israele: 172 morti   video
Gaza, raid di Israele: 172 morti video
Tre esplosioni presso Tel Aviv  foto – videoAppello Unrwa: “Così potete aiutare i rifugiati”Video “Lasciate la casa, a minuti attacchiamo”Foto Gli israeliani guardano i bombardamentiRNews Scuto: “Gerusalemme, impossibile normalità”Articoli correlati
,2mila condivisioni

REAZIONE:NO COMMENT

Immagine anteprima YouTube
-
LUGLIO 2014:NO,QUESTA QUI NON HA IN REGOLA LA FEDE DEMOCRATICA
.
-TITOLARE LA REUBBLICA:
-Ue, ultimo scontro sulle nomine
Ue, ultimo scontro sulle nomineMerkel: “Forse decisione domani”. Pse chiede presidenza e la Mogherini agli Esteri. Alfano al Ppe: “No a veti sulla scelta italiana”
Articoli correlati
REAZIONE:UN GOVERNO GOLPISTA COME QUELLO DI RENZI NON HA NESSUN DIRITTO A PIAZZARE NESSUNA NOMINA.E NE ALFANO(MINISTRO DI PALAZZO) NE LA MERCKEL(SOPRAFATTA DALLA NUOVA GROSSE KOALITION),NE NATURALMENTE RENZI UN PREMIER NON ELETTO DAL VOTO, HANNO AUTOREVOLEZZA DEMOCATICA PER IMPORRERELA.LA NOMINA DI JUNKER E’ STATO UN TOUR DI FORCE FRA FEDERALISTI(CUPOLARI)COME CAMERON E GLI AVANZI DEMOCRATICI,ESPRESSIONE DELLE RESISTENZE DELLA VECCHIA UE:NON SI TORNI INDIETRO,MI RACCOMANDO.
Immagine anteprima YouTube
-
*16 LUGLIO 2014:”L’ORA DI MARONI”,AGGIORNAMENTI
.
-QUALCUNE DELLE NOTE STAMPA:
.
-SU LA REPUBBLICA:
Il cerchio magico di Maroni: ecco come il Governatore sistemava tutte le sue pedine
Dal Pirellone a Infrastrutture, il giro nelle nomine del segretario leghista alla guida della Regione Lombardia. In gioco pure quelle a Ferrovie Nord, Finlombarda e Ersafe,di ALBERTO STATERA
15 luglio 2014
Il cerchio magico di Maroni: ecco come il Governatore sistemava tutte le sue pedine
Roberto Maroni
Sono “indaghizzato”: viene su spontaneo ironizzare, a causa dell’effetto Crozza, dinanzi alla notizia del presidente della regione Lombardia Roberto Ernesto Maroni, detto universalmente Bobo, indagato a Busto Arsizio per “induzione indebita a dare o promettere utilità”. Ex impiegato dell’azienda di cosmetici Avon, fan di Bruce Springsteen e lui stesso musicista tuttora praticante, il governatore è stato sempre afflitto da una patologica timidezza, colta dal suo perfido imitatore e già raccontata da Guido Passalacqua nel suo libro sugli esordi della Lega. Ma l’antico dato caratteriale, dopo venticinque anni di politica anche in alti vertici come il ministero dell’Interno, non ha impedito che diventasse anche lui un campione del modello clientela&parentela o, se volete, dell’italico familismo amorale.Il cerchio magico delinquenziale del suo ex duce Umberto Bossi ha oscurato tutti gli altri cerchietti magici padani, ma anche Bobo ne ha da anni uno ben collaudato, diventato sempre più famelico dopo la sua assunzione al vertice della prima regione d’Italia. Per questo, con tutto il rispetto per i pm di Busto Arsizio e per lo stesso Maroni, che spesso ha lamentato che “quando bisogna immolarsi per la Lega tocca sempre a me”, leggere il decreto di perquisizione dei magistrati, da una parte sembra fornire nuovi spunti satirici, dall’altra fa riflettere sulle piccole frazioni di realtà che la magistratura riesce – quando riesce – a perseguire. Insomma, Maroni in questo caso è accusato di aver esercitato pressioni per fare ottenere un contratto a tempo determinato a due persone a lui vicine: Mara Carluccio, sua ex collaboratrice al Viminale, in Eupolis, l’ente della regione per la ricerca e la formazione, e Maria Grazia Paturzo in Expo 2015. Ma come ? È dal 18 marzo 2013, quando fu eletto presidente del Pirellone, che è aperto l’”ufficio di collocamento Bobo” per consanguinei, amanti, chitarristi, amici e amici degli amici, e adesso il governatore viene “indaghizzato” per un paio di segretarie o poco più ? Per carità, l’azione penale  -  vivaddio  -  è obbligatoria e i pm di Busto, che indagano sul più corposo scandalo Finmeccanica, fanno il loro mestiere. Ma è ormai da più di un anno che il governatore padano, ammaestrato dal suo immarcescibile predecessore Roberto Formigoni, calca le strade del maestro affetto dal contrario disturbo della personalità: l’arroganza.Tra i primi atti ci fu la nomina di Anna Maria Tavano da Catanzaro ai vertici delle infrastrutture della Lombardia, con uno stipendio di 186 mila euro più bonus. Questa signora sarà bravissima, ma è la moglie di Domenico Aiello, avvocato calabrese, una specie di Ghedini di Maroni, il quale tentò subito dopo di collocarla al vertice di Infrastrutture Lombarde, la società che gestisce i cinque miliardi d’investimenti per l’Expo, il cui direttore generale Antonio Rognoni è finito in manette per il noto scandalo degli appalti. Tavano e Aiello, vecchi amici di Isabella Votino, detta “la badante di Bobo” a perpetua memoria di Rosy Mauro, che ai bei tempi badava a Bossi, sono capisaldi del cerchietto magico. Come Maria Cristina Cantù, assessore regionale al Welfare, che ha appena assunto Giulia Martinelli, compagna del neo-segretario della Lega Matteo Salvini. L’assunzione deve essere stata complessa perché si trascina addirittura dallo scorso gennaio tra epiche liti anche all’interno della Lega, forse perché nel cerchietto magico di Bobo la Cantù sembra sfiorata dal cono d’ombra.Stupende le dichiarazioni del roccioso segretario Salvini a difesa della sua family: “Che male c’è ? Ha fatto una scelta di vita: lavorare nel pubblico avendo a che fare con malati di mente, autistici e quant’altro”. Poi il colpaccio: “La moglie di Renzi fa l’insegnante ? La mia fa la dipendente Asl… poi guadagnasse diecimila euro al mese…”. Magnifico materiale per la prossima stagione di Crozza.Tralasceremo Giovanni Daverio, in arte Johnny, e Giuseppe Rossi, in arte Gegè, musicisti del Distretto 51, la band di Bobo, approdati a tutt’altro che irrilevanti incarichi nella sanità regionale. O la vocalist Simona Paudice, “coadiutore amministrativo esperto” all’ospedale di Treviglio. La carriera di alcuni famigli padani, maroniani e non, era del resto cominciata già alla grande con il Celeste, che delle quote Cencelli dei soci di governo leghisti, da vecchio stra-democristiano, aveva sacro rispetto.Il cerchietto magico, come sempre, non è mai contento. Ora è in subbuglio per le nomine pesanti, come quelle alle Ferrovie Nord Milano, a Finlombarda, all’Ersaf. I famigli premono, mentre il blitz di Busto Arsizio rischia di mettere vieppiù in ansia Maroni, che peraltro Giuliano Pisapia, il quale di mestiere fa l’avvocato, aveva avvertito: “Ti consiglio di stare attento”.E Infrastrutture Lombarde ? Forse, dopo lo scandalo degli scandali, meglio proprio abolirla. Così magari si riesce persino a passare per moralizzatori. Tanto c’è sempre la sanità, dove per sbrogliare le clientele incrostate tra Forza Italia e Lega ci vorranno decenni. Del resto, la verità è uscita dalla bocca di Mariastella Gelmini: “Il modello lombardo non va stravolto”. Per carità, ci sono voluti vent’anni per perfezionare il modello appaltopoli-parentopoli.
a.statera@repubblica.it
http://www.repubblica.it/politica/2014/07/15/news/maroni_cerchio_magico-91593162/?ref=HREC1-5
-
-2:SU CORRIERE DELLA SERA:
Corriere della Sera ,milano,cronaca
L’INCHIESTA DELLA PROCURA DI BUSTO ARSIZIO
Maroni, «Pressioni nelle telefonate del suo collaboratore»,di Redazione Milano online
Roberto Maroni (Ansa)
Roberto Maroni
Tra le presunte prove che hanno portato all’iscrizione nel registro degli indagati della Procura di Busto Arsizio di Roberto Maroni con l’accusa di induzione indebita ci sarebbero numerose telefonate, fatte dal capo della sua segreteria Giacomo Ciriello, con presunte pressioni esercitate su funzionari di Expo 2015 Spa e di Eupolis, in relazione a due contratti e su mandato, secondo l’accusa, del governatore lombardo. Da quanto si è saputo, sono in corso anche verifiche sulla presunta natura fittizia dei contratti. Nell’inchiesta, condotta dai carabinieri del Noe e coordinata dai pm Eugenio Fusco e Pasquale Addesso, ci sarebbe una serie di conversazioni intercettate tra Ciriello e alcuni funzionari delle due società nelle quali lo stretto collaboratore di Maroni avrebbe pressato gli interlocutori per far assegnare i due contratti, agendo, secondo l’accusa, per conto e su mandato del governatore.

Verifiche sui contratti

Da quanto si è appreso, inoltre, il contratto di collaborazione con Expo assegnato a Maria Grazia Paturzo riporta come data di inizio il 21 novembre del 2013 (durata due anni). Più o meno nello stesso periodo un’altra ex collaboratrice di Maroni, Mara Carluccio, avrebbe ottenuto un contratto da parte di Eupolis. In relazione a quest’ultimo contratto, gli inquirenti avrebbero accertato anche un accordo tra più soggetti. Verifiche sono in corso da parte degli investigatori per capire se le due persone assunte effettivamente esercitassero le prestazioni indicate nei contratti. Gli inquirenti, dopo aver accertato lo scorso 4 luglio il presunto reato e aver iscritto Maroni e Ciriello nel registro degli indagati, hanno disposto due giorni fa perquisizioni a Roma e Milano e stanno procedendo alla convocazione di indagati e testimoni. Poi gli atti dell’inchiesta, nella quale si stanno valutando anche altri ipotesi di reato, potrebbero essere trasferiti per competenza territoriale una parte a Milano e una parte a Roma.

Convocazioni

Per il pomeriggio di mercoledì è stata convocata una delle due donne, Maria Grazia Paturzo, che , stando agli atti dell’indagine, avrebbe ottenuto indebitamente un contratto di collaborazione per 2 anni con Expo per un compenso di oltre 5mila euro al mese. Martedì, è stata sentita l’altra donna, Mara Carluccio, che ha ottenuto un contratto da Eupolis, ente di Regione Lombardia, per 1 anno e per un totale di 29.500 euro. Gi inquirenti hanno anche intenzione di convocare per l’interrogatorio Roberto Maroni, il quale, tramite il legale Domenico Aiello, ha depositato un’istanza per il trasferimento degli atti dell’indagine da Busto Arsizio per incompetenza territoriale. Giacomo Ciriello, capo della segreteria di Maroni, «non è atteso dai pm per mercoledì 16 luglio», comunica l’avvocato Aiello. Il legale ha spiegato che Ciriello «concorderà» con la Procura una possibile data nei prossimi giorni per l’interrogatorio. I pm Eugenio Fusco e Pasquale Addesso hanno mandato un invito a comparire a Ciriello, colui che secondo l’accusa avrebbe fatto pressioni su funzionari di Expo 2015 Spa e Eupolis per conto di Maroni.
.

luglio 2014 | 15:51,© RIPRODUZIONE RISERVATA

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_luglio_16/maroni-pressioni-telefonate-suo-collaboratore-6b86c1a8-0ced-11e4-b4c9-656e12985e4f.shtml

-
2-SU LA STAMPA:C’E ANCHE FINMECCANICA

Cronache,16/07/2014 - il caso
Quel filo tra Expo e Finmeccanica
Così i pm sono arrivati a Maroni
La vicenda delle “raccomandazioni” scoperta dai verbali dell’inchiesta sulle tangenti ai militari indiani. Il governatore: chiarirò ai magistrati

Il governatore della Lombardia, Roberto Maroni

paolo colonnello
milano

Sarà presto lo stesso Roberto Maroni ad andare alla Procura di Busto Arsizio per chiarire la storia delle due signore fatte assumere, «esercitando pressioni», all’Expo Spa e alla Eupolis, società interamente controllata dalla Regione Lombardia. Vicenda che gli è costata un’iscrizione sul registro degli indagati in un’inchiesta che in realtà parte da lontano e contempla perfino una tangente di 10 milioni di euro finita proprio alla Lega.

E’ indagando su questi fatti, scaturiti dai verbali di alcuni personaggi finiti nel gorgo dell’inchiesta Finmeccanica per le bustarelle pagate a militari indiani per la vendita di 12 elicotteri Agusta Westland, che a un certo punto i pm di Busto avrebbero “monitorato” in diretta l’intervento del presidente della Lombardia e del suo capo della segreteria, Giacomo Cirello per far assumere le due donne, ex collaboratrici di Maroni quando era ministro degli Interni, nelle società partecipate dalla Regione. Con dei bandi di gara che i pm Eugenio Fusco e Pasquale Addesso, ritengono truccati e fanno contestare anche il reato di turbativa. In particolare nella procedura pubblica che fissò il costo per la consulenza a 29.500 euro, cioè esattamente la cifra che «per motivi fiscali», la signora Mara Carluccio aveva richiesto su suggerimento del suo commercialista. Un bando di gara cui parteciparono altri tre candidati, uno dei quali laureato, scelti tra i consulenti iscritti a un albo della Regione e che vennero quindi “trombati” per far posto a una chiamata “fiduciaria”. La signora Carluccio è stata ascoltata ieri pomeriggio come persona informata sui fatti, mentre in mattinata davanti ai pm, nello stesso ruolo di testimone, è comparso anche l’Ad di Expo Spa, Giuseppe Sala, ascoltato per circa due ore. Nei prossimi giorni potrebbe toccare a Maria Grazia Paturzo, ex collaboratrice al Viminale della portavoce “storica” di Maroni, Isabella Votino, già sentita l’altro ieri.

L’episodio potrebbe rimanere circoscritto a questa vicenda di “raccomandazioni” pesanti se non fosse che per arrivare all’iscrizione di Maroni sul registro degli indagati, i magistrati hanno anche dovuto sentire l’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito e scavato nella vicenda dei presunti finanziamenti alla Lega. Contenuti in particolare nel provvedimento restrittivo che nel febbraio scorso è stato emesso nei confronti di Michel Christian James, “mediatore” inglese per Finmeccanica allo stato latitante attraverso il quale, ritiene l’accusa, sarebbero passati i soldi destinati alla Lega, tramite la retrocessione di 10 milioni di euro su un pagamento complessivo di 42 milioni di euro come bustarella per l’affare degli elicotteri Agusta Westland.

A parlarne in un verbale è l’ex capo delle relazioni esterne del gruppo Lorenzo Borgogni, già querelato dallo stesso Maroni per aver sostenuto in pratica che quei soldi finirono al Carroccio come ringraziamento da parte dell’ex presidente Giuseppe Orsi per la sua nomina ai vertici di Finmeccanica che sarebbe stato voluto da «Maroni, Giorgetti, Calderoli e Letta». Verbale riportato, insieme a diverse intercettazioni, nell’ordine di cattura firmato dal gip Luca Labianca per l’arresto del mediatore inglese, ritenuto, scrive il gip, «consulente imposto da Orsi nella vicenda per affiancare Hasche e Gerosa», gli altri due mediatori coinvolti nell’affare elicotteri.

Racconta Borgogni davanti ai pm di Napoli nel novembre 2011: «(I soldi) vanno ad Hasche e vanno a Michel e da Michel vanno a Orsi. E da Orsi ai partiti, in particolare la Lega…. Christian Michel era quello che Orsi ha messo lì per garantirgli…». Lo stesso “mediatore” Guido Hasche racconta di aver «raggiunto un accordo con Christian Michel nel corso di un incontro tenutosi a Dubai per una riduzione delle somme già concordate con Agusta, nel senso che quest’ultimo – scrive il gip – accettò di diminuire il suo compenso a 30 milioni di euro rispetto ai 42 inizialmente pattuiti con la Agusta Westland» per la vendita, con tangente ad alti ufficiali indiani, degli elicotteri militari. Un accordo di cui gli inquirenti hanno trovato riscontro anche in alcuni documenti sequestrati presso l’abitazione della madre di Hasche, in un appunto in particolare intitolato «A colui che può interessare». Eccolo: «…C’erano due accordi nel luogo con AW, (Agusta Westland) dove è sorta l’incomprensione. Un accordo era per euro 42 milioni con il team/la squadra (Christian Michel) e l’altro per 28 milioni di euro (non meno del 5% del valore del contratto) con la famiglia (Hasche). Il team ha concordato di ridurre i suoi 42 milioni a 30 milioni, riconoscendo nel frattempo il bisogno di rispettare pienamente l’accordo dei 28 milioni di euro con la famiglia». L’indagine non è ancora conclusa.

http://www.lastampa.it/2014/07/16/italia/cronache/quel-filo-tra-expo-e-finmeccanica-cos-i-pm-sono-arrivati-a-maroni-3fU23liIyysitP7SIQjWpI/pagina.html

-CONTINUA NEL PROSSIMO POST 133

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 131 »

12 luglio 2014
0

10 LUGLIO 2014:SUD E CENTROAMERICA,L’ALTRA IMMIGRAZIONE IN USA:

-SU THE WASHINGTON TIMES:

EDITORIALE:Che cosa nasconde Obama nei campi illegali-alieni di “rifugiati”?
E ‘l’ennesimo esempio della sua mancanza di trasparenza
SU THE WASHINGTON TIMES

Il senatore John McCain, R-Ariz., Legge le restrizioni per i visitatori di centri per immigrati nel corso di un'audizione al Senato Homeland Security e Affari Governativi commissione per Capitol Hill a Washington, Mercoledì, 9 luglio 2014. Funzionari dell'amministrazione Top Obama ha detto senatori sono lottando per tenere il passo con l'aumento degli immigrati alla frontiera meridionale. McCain era sconvolto dal fatto che le restrizioni impedito membri del Congresso di incontrare con i detenuti o portare nei telefoni cellulari. (AP Photo / Susan Walsh)

Mercoledì 9 Luglio 2014

“Il senatore John McCain, R-Ariz., Legge le restrizioni per i visitatori di centri per immigrati nel corso di un’audizione al Senato Homeland Security e Affari Governativi commissione di Capitol Hill a Washington, Mercoledì, 9 luglio 2014. Top funzionari dell’amministrazione Obama hanno detto che i senatori sono lottando di tenere il passo con l’aumento degli immigrati alla frontiera meridionale. McCain era sconvolto dal fatto che le restrizioni hanno impedito ai membri del Congresso di incontrare i detenuti o portarli dei telefoni cellulari. (AP Photo / Susan Walsh)”

La debolezza finale del presidente Obama può essere che egli ritiene il suo propio compiacimento Un anno fa, Obama si è vantato in un “caminetto” Web chat che la sua “è l’amministrazione più trasparente nella storia.” Non c’era la minima traccia di ironia. Si può effettivamente credere.Ma tre dozzine di organizzazioni che rappresentano i giornali e gli altri giornalisti, per lo più liberali, permettono di dissentire. In una lettera irritabile al presidente il Martedì, il gruppo ha denigrato le sue “chiazze non-risposte” e le spalle fredde che stanno ricevendo da parte dei rappresentanti di Obama, che hanno limitato l’accesso a ogni informazione che ritengono imbarazzante per l’amministrazione.”Il soffocamento della libertà di espressione”, hanno detto i firmatari, “sta accadendo, nonostante il suo impegno il primo giorno in ufficio per portare ‘una nuova era di apertura’ al governo federale – e per i successivi ordini esecutivi e direttive che avrebbero dovuto portare tale trasparenza in merito. “Il tentativo del governo di controllare quello che il pubblico è consentito di vedere e sentire non è mai stato più ham-handed – o più indifendibile – che nei primi tentativi di sbarrare la stampa ed i membri del Congresso dalle visite conoscitive ai servizi in Texas, Arizona, New Mexico e Oklahoma, che sono i campi profughi per le centinaia di migliaia di immigrati clandestini che sono stati brulicanti in  tutto il Rio Grande.Un osservatore distratto potrebbe pensare che il signor Obama, come un avvocato per le frontiere aperte e l’ amnistia  apprezzerebbe la copertura che sua amministrazione sta sopprimendo. Le fotografie e le scene video dei bambini denutriti e malvestiti dovrebbero tirare le corde del cuore di Ebenezer Scrooge. “Dobbiamo aiutare questi poveri ragazzi,” il presidente potrebbe dire. “Non possiamo rimandarli a casa.”

Sotto forti pressioni da legislatori, l’amministrazione malincuore ha detto che consentirebbe la stampa e le visite del Congresso, ma non ci sono fotografie o video permessi, nemmeno le macchine fotografiche del cellulare. Interviste con i clandestini, custodi o medici curanti ai nuovi arrivati ​​sono vietati.

Questo non piace al senatore John McCain, un sostenitore di amnistia. Nel corso di una audizione al Senato commissione Homeland Security e Affari Governativi Mercoledì, il repubblicano dell’Arizona ha aspramente criticato Gil Kerlikowske, il capo della US Customs and Border Protection, chiedendo che le restrizioni siano revocate. “Io voglio fare oggi”, ha abbaiato. “Capisci?”

Rep. Henry Cuellar del Texas, un democratico che in precedenza ha chiamato la crisi umanitaria uno tsunami di immigrazione che potrebbe diventare per Obama “momento Katrina”, ha detto che queste osservazioni hanno arrabbiato la Casa Bianca più trasparente della storia. Mr. Cuellar ha chiesto perché Obama non ha potuto risparmiare “30 minuti” per visitare il confine, ma ha trovato il tempo per andare in piscina e bere birra con Colorado Gov John Hickenlooper per le telecamere.

I giornalisti stufi con l’atteggiamento che stanno ottenendo dalla Casa Bianca possono solo sperare per il cambiamento, una persona con influenza per ascoltare le loro lamentele. “Questo andrà un lungo cammino”, hanno scritto, “per dissipare la frustrazione e il cinismo agli americani prima che questo avvelenila nostra democrazia ulteriormente.”

http://www.washingtontimes.com/news/2014/jul/9/editorial-through-obamas-glass-darkly/

REAZIONE:COOME IN ITALIA QUESTA IMMIGRAZIONE RESTA AVVOLTA NEL SILENZIO.
Immagine anteprima YouTube

-

10 LUGLIO 2014:VIVENDO IN UNA “BUBBLE”

TITOLARE BBC:

SULLA FUTURA POPOLAZIONE UMANA  IN ALTRE PIANETI
Future
Why Mars needs a bill of rights

Why Mars needs a bill of rightsThe right to life, liberty… and oxygen

*The strangest form of pain*Should we trust wisdom of crowds?TRADUZIONE:Perché Marte ha bisogno di un disegno di legge del diritto alla vita, alla libertà … e ossigeno* La forma più strana del dolore* Dovremmo fidarci ella saggezza delle folle?-

-

10 LUGLIO 2014:SUAREZ,FALSO PENTIMENTO

-SU LA REPUBBLICA:

Uruguay, niente sconti per Suarez: Fifa conferma squalifica

La Commissione d’appello ha respito il ricorso presentato dall’accante e dalla federcalcio del paese sudamericani:restano quind “nella sua interezza” lo stop per 9 gare e la sospensione per 4 mesi per il morso a Chiellini

Uruguay, niente sconti per Suarez: Fifa conferma squalifica

ZURIGO -Suarez,niente sconti.La Fifa ha respinto i ricorsi presentati dall’attaccante e dalla federcalcio uruguayana: è stata confermata quindi la squalifica di 9 gare e lo stop di 4 mesi per il ‘Pistolero’, sanzionato per il morso rifilato all’azzurro Giorgio Chiellini nel match Italia-Uruguay, valido per la terza giornata del Gruppo D dei Mondiali. La Commissione d’appello ha confermato “nella sua interezza” la squalifica. “I termini della decisione presa dal Comitato Fifa sono stati comunicati oggi al giocatore e alla Federcalcio uruguaiana”, si legge in una nota.

Suarez e la Federazione del suo Paese possono adesso presentare un ulteriore ricorso al Tribunale Arbitrale dello sport (Tas) di Losanna. La sanzione, così come è stata formulata dalla Commissione disciplinare, impedisce al centravanti di svolgere qualsiasi attività legata al calcio per i prossimi 4 mesi. Il giocatore, in sostanza, deve allenarsi da solo. La squalifica non ha però conseguenze sul mercato: Suarez è nel mirino del Barcellona ed è destinato a lasciare il Liverpool per una cifra superiore agli 80 milioni di euro.
http://www.repubblica.it/speciali/mondiali/brasile2014/uruguay/2014/07/10/news/fifa_respinge_ricorso_suarez-91216924/?ref=HRER3-1

-E COSI SU BBC:

Calcio
10 luglio 2014 Ultimo aggiornamento alle 15:01 GMT

Mondiali 2014: Uruguay in avanti Luis Suarez

L’appello di Luis Suarez contro il divieto morso respinto dalla Fifa

Fifa ha respinto l’Uruguay e l’appello dell’attaccante del Liverpool Luis Suarez contro il divieto di quattro mesi da ogni attività legata al calcio per mordere  Giorgio Chiellini dell’Italia.

Suarez è stato anche squalificato per nove partite internazionali dopo l’ incidente alla Coppa del Mondo in Brasile.

L’Uruguaiana FA(ndr:FOOTBOLLERS ASSOCIATI”,SINDACATO) aveva descritto la sentenza di Fifa come una “decisione eccessiva” per la quale “non vi erano prove sufficienti”.

Suarez può ora fare un ulteriore appello alla Corte Arbitrale dello Sport.

L’organo di governo mondiale del calcio anche ha inflitto una multa di 100.000 franchi svizzeri (65.000 £) su Suarez, che ha chiesto scusa per il suo comportamento.

Secondo i termini della sospensione, Suarez non può allenarsi con il suo club ed è vietato entrare nei confini di qualsiasi stadio, anche se il sindacato di giocatori FIFPro discute che i dettagli hanno “mancanza di chiarezza”.

In caso di Suarez e l’uruguaiano FA decide di ulteriore appello, ordinariamente la Corte di Arbitrato per lo Sport (CAS) si sedeva e sentire la materia, mentre il giocatore aderisce ai termini del suo divieto.

Tuttavia, come la Coppa del Mondo è ancora in corso, potrebbero applicare la divisione Cas ‘ad-hoc’, che esiste per tutta la durata del torneo e permette ascoltare questioni come questa.

La divisione ad hoc potrebbe sospendere le sanzioni in attesa di un’udienza completa nel corso dell’anno, permettendo Suarez di giocare e prendere parte ad “attività calcistiche legate” nel frattempo.
Luis Suarez sembra mordere Giorgio Chiellini

Compresa questa ultima punizione, Suarez avrà perso 32 partite in quattro divieti separati da quando è arrivato al Liverpool nel 2011

Dal momento che Suarez è stato sospeso, nel Liverpool ci sono stati  trattative di trasferimento con i giganti spagnoli di Barcellona, ​​che hanno deti al club di Anfield che sono disposto a incontrare una clausola di buy-out di £ 75m a firmare il 27enne.

L’uruguaiano è stato ora riconosciuto colpevole di mordere tre avversari nella sua carriera.

Suarez è stato squalificato per 10 partite per mordere il giocatore del Chelsea Branislav Ivanovic durante una partita di Premier League nel 2013 ed è stato anche sospeso per sette giochi per mordeil giocatore  del PSV Eindhoven Otman Bakkal mentre giocava per l’Ajax nel 2010.

Compresa questa ultima punizione, Suarez avrà perso 32 partite in quattro divieti separati da quando è arrivato al Liverpool nel 2011.

Questo divieto è il più grande nella storia della Coppa del Mondo, battendo le otto partite indicate per l’Italia di Mauro Tassotti per la gomitata al giocatore della Spagna Luis Enrique nel 1994.

Anche in relazione a questa storia

*Confusione Suarez divieto di calcio 9 lug 2014 Liverpool

*’Fair’, ‘spot-on’, ‘eccessivi’ – reazione al divieto Suarez 26 giugno 2014 Coppa del Mondo 2014

*Perché il divieto di Suarez potrebbe essere l’ultima goccia per il Liverpool 26 giugno 2014 Liverpool

*Get Inspired: CALCIO 19 luglio 2013 Get Inspired

REAZIONE:SUAREZ DOPO CHE HA MENTITO SU CHE NON AVEVA MORSO,E DOPO DI RETTIFICARE QUESTO A RICHIESTA DEL BARCELLONA CHE PRETENDE SALVARLO DELLA SCOMUNICA TENTANDO UN FANTOMATICO AQUISTO,HA CONTINUATO A “SASSOLARE I TETTI” CON DICHIARAZIONI CONTRO LA FIFA,CONTRO L’INGLITERRA,CONTRO L’ITALIA E COSI VIA:QUELLO DEL TITOLO.
INOLTRE ORMAI LA VICENDA SPORTIVA DI SUAREZ E’ DIVENTATA SOLO L’ICBERG DI UNA IRRAZZIONALE ED ESSALTATA REAZIONE NAZIONALE DI MASSA.E’ DIVENTATO IL SIMBOLO DELLA LOTTA CONTRO LO STRANIERO,L’EUROPEO E L’INVASIONE INGLESE DELLE FAULKLAND.SI INVOCA PERSINO IL SUO DIRITTO AL LAVORO VISTO CHE LA SANZIONE GLIELO IMPEDISCE PER 4 MESI COMPRESO L’AQUISTO PER UN ALTRO CLUB:INSOMMA,UN “GAUCHO RIVERO” ARGENTINO PERO ALL’URUGUAYANA.
NON E’ PSICOLOGICA NE CULTURALMENTE DOTATO PER TANTA RESPONSABILITA MA…….CORAGGIO,AL FATTO PETTO.
Immagine anteprima YouTube
-
*11 LUGLIO 2014:QUOTE LATTE,UE A RENZI,”TROPPE GRAZIE DON MATTEO”
.
-CORRIERE DELLA SERA:
.
l’ingiunzione è la seconda tappa della procedura d’infrazione aperta un anno fa
.
Quote latte: la Ue chiede all’Italia di recuperare multe per 1,39 miliardi
.
Le sanzioni dovute al superamento delle quote di produzione assegnate agli allevatori italiani tra il 1995 e il 2009.
Il ministro Martina: questione gestita male,di Redazione Online

L’annosa questione delle quote latte fa segnare una nuova svolta. La Commissione europea ingiunge formalmente all’Italia – con l’invio di un parere motivato – di recuperare presso i produttori di latte multe per 1,395 miliardi di euro dovute al superamento delle quote di produzione loro assegnate tra il 1995 e il 2009. Occorre ricordare che a lungo gli allevatori italiani non avevano rispettato il meccanismo delle quote (che in realtà è stato creato per tutelare gli allevatori mantenendo alto il prezzo del latte), ma che i vari governi succedutisi avevano fatto poco o nulla per far pagare le multe decise dall’Unione Europea.

La procedura

Quello odierno è il nuovo passo in avanti della procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia che la Commissione europea aveva aperto un anno fa, il 20 giugno 2013, con l’invio a Roma di una lettera di «messa in mora». Il parere motivato rappresenta la seconda tappa della procedura d’infrazione al trattato Ue, priva di un eventuale ricorso alla Corte di giustizia europea. Bruxelles giustifica l’iniziativa ricordando che rispetto ad «un ammontare globale di 2,265 miliardi di euro di multe accumulate tra il 1995 e il 2009 da produttori italiani, devono essere recuperati ancora 1,395 miliardi di euro. Questo dimostra – scrivono – «che le autorità italiane non hanno preso, o non hanno messo in opera, le misure sufficienti per assicurare il pagamento delle somme dovute».

Il ministro

«La questione delle quote latte è nota e vecchia e negli anni è stata gestita molto male. Nelle prossime settimane ci saranno passaggi organizzativi e procedure molto chiari — ha detto il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina commentando la multa Ue all’Italia —.Vogliamo fare rispettare la legge, e dare conto della massima tenuta sul versante delle regole».

Le distorsioni

La Commissione europea punta il dito poi sulle conseguenze del mancato recupero sia a livello europeo che sul bilancio nazionale. «L’incapacità dell’Italia – afferma la Commissione Ue – ad assicurare il recupero effettivo di queste multe compromette gli sforzi europei per stabilizzare il mercato dei prodotti lattieri, provocando distorsioni di concorrenza con gli altri produttori europei ed italiani, che hanno rispettato le quote di produzione o che hanno pagato le loro multe». Quanto alle conseguenze nazionali, «queste somme – dice con forza la Commissione – dovrebbero essere versate al bilancio dell’Italia affinché i contribuenti italiani non ne escano perdenti».

0 luglio 2014 | 12:58,© RIPRODUZIONE RISERVATA
-
http://www.corriere.it/economia/14_luglio_10/quote-latte-ue-chiede-all-italia-recuperare-multe-139-miliardi-2aba7d9e-081b-11e4-9d3c-e15131ae88f3.shtml
-
REAZIONE:BASTA MUNGERE PIU MUCCHE LOW COST.E LA LEGA SE NE STIA BUONA.
Immagine anteprima YouTube
Al termine dell’incontro Maroni si è messo a disposizione delle domande dei giornalisti. Sulle perquisizioni della guardia di finanza nelle sedi del Carroccio a Milano e Torino – effettuate nell’ambito di un’inchiesta sulle quote latte partita dopo il fallimento di una cooperativa in cui si ipotizzano reati di corruzione e bancarotta fraudolenta – Maroni si è detto tranquillo e ha tenuto a precisare che “la Lega Nord non c’entra nulla”. Ha anche precisato che per quanto lo riguarda non si tratta affatto “di un complotto”: “Io non ho mai parlato e non parlerò mai di complotto”.

ARTICOLO COMPLETO CUA:

http://www.quicomo.it/01/16/maroni-cernobbio-candidati-indagati.html

Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
*11 LUGLIO 2014:GIAN CARLO GALAN,TINTINEO DI MANETTE
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
Mose, sì all'arresto di Galan da Giunta autorizzazioni
Mose, sì all’arresto di Galan da Giunta autorizzazioni
La palla all’Aula della Camera seduta fissata per il 15 luglio
E lui si appella ai deputati
Articoli correlati
-
*12 LUGLIO 2014:FENOMENOLOGIA DI UNA TIRANNIDE,DI NAPOLIANO.
.
COME SI SALTA DELLA LIBERTA ALLA TIRANNIDE?NOTA DI NAPOLITANO
.
NAPOLITANO: Saltando dalla libertà alla tirannide
Il disprezzo della NSA per la Costituzione minaccia americani innocenti

Di Andrew P. Napolitano

Mercoledì 9 Luglio 2014

Illustrazione su attacchi NSA sulla libertà individuali di Alexander Hunter / The Washington Times

Illustrazione su attacchi della NSA sulle libertà individuali di Alexander Hunter / The Washington Times di più>

In quello che sembra essere una delle rivelazioni finali di Edward Snowden, l’ex agente CIA e NSA ha dimostrato definitivamente che la National Security Agency ha raccolto e analizzato i contenuti di e-mail, messaggi di testo e chiamate di telefonia mobile e fissa di nove americani per ogni persona straniera che ha preso di mira.Questo smentisce le affermazioni del governo che ha raccolto solo i metadati,identificare i marcatori quali numeri di telefono e indirizzi e-mail ,e non il contenuto da ignari e insospettabili americani. E smentisce le affermazioni del governo che ha accuratamente evitato indiscrezioni nella vita privata degli americani in cui essa non ha alcun interesse di intelligence relative o legale. Questo mette sotto luce anche la menzogna a quanto sostiene il governo e le opinioni dei giudici del segreto Foreign Intelligence Surveillance Court,su che lo spionaggio della NSA è in qualche modo lecito, costituzionale e disponibile.Ora sappiamo che il governo non è riuscito efficacemente a confutare la quanto sostiene Snowden su che essa ha raccolto e mantenuto per l’accesso futuro enormi quantità di materiali personali su quasi tutte le persone in America dal 2009. Ciò include i metadati e il contenuto di quasi ogni telefonata, email e messaggio di testo fatto, inviati o ricevuti negli Stati Uniti, così come quasi ogni carta di credito,fattura, bolletta ed estratto di conto mensile di quasi ogni persona nella nazione.Ciò è stato realizzato mediante l’emissione di mandato di perquisizione generali da parte del tribunale dei giudici FISA.I mandati di perquisizioni  generali non particolarmente descrivono il luogo da perquisire o la persona o la cosa da cogliere come la Costituzione richiede.I mandati di perquisizioni generali autorizzano al portatore di utilizzare il potere del governo per cercare dove vuole. L’utilizzo da parte delle truppe britanniche dei mandati di perquisizioni  generale era una motivazione principale durante la rivoluzione americana, e la scopo della formulazione letterale del quarto emendamento è stato quello di vietare e proibire loro.Ciononostante la loro brama di apparire costituzionalmente  muscolari nella nostra triste “Era post 11 di Settembre”, i politici di entrambi i maggiori partiti politici hanno sfidato il significato letterale e la storia universalmente accettata del diritto alla privacy e tornato a questi strumenti odiosi così condannati dai fondatori della nazione e autori della Costituzione.Le recenti rivelazioni di Snowden hanno mostrato che circa 900.000 innocenti americani – tra cui lo stesso presidente Obama – sono stati sottoposti a pesanti controllo dalla NSA. Ciò è stato fatto da agenti che sapevano che i soggetti del loro controllo non erano gli obiettivi della loro indagine.Come è potuto accadere? E ‘successo perché il tribunale FISA si riunisce in segreto, dove la NSA non ha alcuna opposizione e il giudice non ha alcuna trasparenza. Questo mix di volatilità ha portato tali giudici a concedere ben oltre il 99 per cento dellw applicazioni NSA, tra cui la regola “di salto” implicata nel controllo degli americani innocenti. Nel linguaggio della  NSA, un salto è un salto da una conversazione telefonica ad un altra utilizzando un telefono comune.In un ambiente assettico, isolato e segreto del tribunale FISA ,dove anche i giudici non possono tenere un registro delle loro decisioni,gli agenti della NSA e gli avvocati hanno convinto i giudici di consentire spiare le persone che sono a sei salti da un bersaglio. Così, a titolo di esempio, se A è un obiettivo e parla con B, la NSA può ascoltare tutte le conversazioni B ,anche quelli che non sono con A. Il passaggio da A a B è un salto, e la NSA ne ottiene sei, così si può ascoltare qualsiasi C che ha parlato con B, ogni D che ha parlato a qualsiasi C, qualunque E che ha parlato a qualsiasi D, ogni F che ha parlato a qualsiasi E e qualsiasi G che ha parlato a qualsiasi F.I 900.000 americani innocenti le cui vite private e personali sono stati sottoposti al controllo della NSA,compreso l’esame delle loro fotografie, intimo comportamento personale, le esigenze mediche e finanziarie,costituite da coloro che sono entro sei salti da un obiettivo; nella figura qui sopra sarebbe ogni B, C, D, E, F e G che la NSA riesce a trovare. Secondo il signor Snowden , non c’è sforzo fatto dalla NSA per ridurre al minimo il controllo di coloro che sono nella categoria B-G,anche se le probabilità che qualcuno di loro sono in combinazione con la A sono estremamente remote, soprattutto una volta che la NSA ottiene là B.Questa remota probabilita  non turba la NSA però, e neppure la Costituzione. Questa remota probabilita  è un grave problema costituzionale e pratico. Essa viola i diritti di innocenti conosciute perche  la NSA non ha alcuna autorità costituzionale o legale per spiare qualsiasi persona non retenuta un bersaglio(non-target), e la corte di giudic FISA non hanno alcun potere di autorizzare tale spionaggio. Si consuma anche il tempo e le risorse degli agenti della NSA, il cui compito è quello di trovare trame di terrorismo.C’è da meravigliarsi che gli attentatori della Boston Marathon hanno discusso i loro piani con gli amici utilizzando i loro telefoni cellulari e la NSA si lo ha perso? C’è da meravigliarsi se quando il generale Keith Alexander, che gestiva la NSA per cinque anni,li è stato chiesto sotto giuramento quanti appezzamenti suoi agenti avevano scoperto con il loro spiare tutti gli americani, ha risposto 57, e poi il giorno dopo ha cambiato tale risposta per solo tre e poi non ha potuto o voluto identificare i presunti tre? C’è da meravigliarsi che i due giudici della corte FISA non federali che scrutavano tutto questo abbiano scoperto che non hanno scoperto nessun complotti?Quando il governo vede o sente tutto, sa tutto. Quando il popolo tollera un governo che sa tutto, essi avranno ad avere paura di essere se stessi. La gioia di essere e di esprimersi è il motivo per cui abbiamo una Costituzione destinata a trattenere un governo.James Madison ha avvertito che la perdita della libertà raramente accade in un grande evento, ma piuttosto avviene gradualmente, nel corso del tempo, derivante dalle azioni di funzionari governativi che sostengono di volere fortificare la sicurezza. Ha praticamente predetto gli eventi di oggi. Le violazioni dei nostri diritti sono evidenti,innegabile. Ma cosa Madison probabilmente temeva di più, non la ha articolato: una volta persa  la libertà, è perduta per sempre.Andrew P. Napolitano, un ex giudice della Corte Superiore del New Jersey, è un analista per Fox News Channel. Ha scritto sette libri sulla Costituzione degli Stati Uniti.

http://www.washingtontimes.com/news/2014/jul/9/napolitano-hopping-from-liberty-to-tyranny/
REAZIONE:DUNQUE,IL SALTO DELLA LIBERTA ALLA TIRANNIDE SUCCEDE GRADUALMENTE NEL TEMPO ED E’ “I-RRE-VER.SI-BI-LE”,VITALIZIA.
SECONDO NAPOLITANO,SI CAPISCE.
PD: NAPOLITANO E’ CATTOLICO APOSTOLICO ROMANO OSSERVANTE E PRATTICANTE.
-
APPENDICE:SPIA USA ESPULSO DALLA GERMANIA

DAL MONDO

Espulso capo della Cia a Berlino. Merkel: spiare alleati spreco di energie

Alta tensione Germania-Usa

-E COSI SULLA BBC:Germany ‘right’ to expel CIA officia

TRADUZIONE:Germania ‘diritto’ di espellere ufficiale della CIA
.
REAZIONE:”TIRA E MOLLA”,KERRY VUOLE INCONTRARE LA MERCKEL
Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
-
2 LUGLIO 2014:CONCHITA IN PASSERELLA
.
-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:

SPETTACOLI

Vai alla sezione

PARIGI
Conchita Wurst in passerella Foto
E Gaultier è quasi in estasi Video
Immagine anteprima YouTube

12 LUGLIO 2014:NAPOLITANO E L’OFFENSIVA ISRAELI SU GAZZA

-TITOLARE LA STAMPA:
Intervista – L’allarme di Napolitano:
“Attenti ai focolai che ci circondano
Stop ai razzi su Israele, ma invadere avrebbe conseguenze imprevedibili”
Mario Calabresi

12 LUGLIO 2014:2 PAPI PRETENDONO UNA COPPA

-TITOLARE BBC:

2014 Fifa World Cup

“World Cup meme-ories”

Meme World Cup

World Cup meme-oriesMore people than ever are using social media to share World Cup memes and images. But which one is your favourite? BBC Trending takes a look.

TRADUZIONE:Coppa del Mondo FIFA 2014
FOTO
Memo(teorie) della  Coppa del Mondo
Più persone che mai stanno utilizzando i social media per condividere memi e immagini della Coppa del Mondo. Ma quale è il vostro preferito? BBC Trending dà un’occhiata.

REAZIONE:LA GENTE NON HA QUESTI GENERE DI ABITI PURTROPPO.

12 LUGLIO 2014:RIUNIONE PER LA PACE

-TITOLARE LA STAMPA:

Bagno di sangue a Gaza, uccisi tre bambini Domani vertice Usa-Gb-Francia-Germania
Retroscena – Israele prepara il blitz di terra
Foto – Tra le macerie della Striscia / Le truppe sul confine

maurizio molinari, corrispondente da gerusalemme
Le vittime sono già 127. Razzo sulla folla.
L’ex premier Haniyeh: 2 miei nipoti morti.
Fonti locali: colpito anche un orfanotrofio.
Domani il summit a quattro per una tregua
PREMIUM  Hamas, il movimento è diventato regime caridi
il forum a vatican insider   “Diplomazia e armi” galeazzi
commento  Le due mosse incomprensibili roberto toscano

liveblog  Il diario da Gerusalemme  /  timeline  L’escalation

REAZIONE:EGITTO AVVERTE ISRAELE SULLA SCALATION.

-APPENDICE:TITOLARE BBC

Top News story

UN calls for Israel-Gaza ceasefire
The UN Security Council calls for a ceasefire between Israel and the Palestinians in the Gaza Strip, as Palestinian deaths continue to mount.

TRADUZIONE:Onu chiede il cessate il fuoco tra Israele e Gaza
Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiede un cessate il fuoco tra Israele e i palestinesi nella Striscia di Gaza, dopo che i morti palestinesi continuano a montare.

-

13 LUGLIO 2014:NON SONO CREDIBILI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Il Papa: “Come Gesù userò il bastone contro i preti pedofili”
Il Papa: "Come Gesù userò il bastone contro i preti pedofili"

Colloquio con il Pontefice: “La pedofilia è una lebbra che c’è nella Chiesa e colpisce anche i vescovi e i cardinali”

di EUGENIO SCALFARI

13 luglio 2014

La pedofilia è una vera e propria “lebbra” da debellare perché “la corruzione del fanciullo è quanto di più terribile e immondo si possa immaginare”. Ma “come Gesù userò il bastone contro i preti pedofili, tra cui ci sono anche vescovi e cardinali”. E poi sulla mafia: “Certi sacerdoti sono ancora troppo tiepidi nel denunciare il fenomeno mafioso”. Sono solo alcune delle parole pronunciate da papa Francesco durante il colloquio con il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari che si è svolto, ancora una volta, a Santa Marta, residenza del papa.
L’integrale dell’articolo si può leggere su Repubblica oggi in edicola.

http://www.repubblica.it/cultura/2014/07/13/news/il_papa_come_ges_user_il_bastone_contro_i_preti_pedofili-91416624/?ref=HREA-1

REAZIONE:PECCATO CHE LA REPUBBLICA NON CI FACCIA LEGGERE AGLI ITALIANI ALL’ESTERO LA NOTA COMPLETA(FRA QUI IO,OGGI MOMENTANEAMENTE NEL CONO SUD AMERICANO),PERO NE SCALFARI NE IL PAPA SONO CREDIBILI:LO HA ANCHE MESSO DI RILIEVO L’ONU LA SUA MANCANZA DI COLLABORAZIONE NELL LOTTA ALLA PEDOFILIA CLERICALE.E LO MOSTRA LA SUA CONDOTTA STESSA QUANDO NEL PRIMO ATTO DI GOVERNO NEL VATICANO HA NOMINATO UN DEGENERATO COME RICCA(BENE CONOSCIUTO DA QUESTE PARTI)ALLA GUIDA DELLO IOR.

-APPENDICE:ODESSA

Esteri,05/05/2014
A Odessa, cosmopolita ed europea lo scontro più feroce fra Kiev e i filorussi
La città delle arti nuovo fronte della crisi. Yatseniuk: c’è un piano di Mosca per distruggerci
Un separatista filorusso festeggia dopo essere stato liberato da un comando di polizia a Odessa
anna zafesova

A Odessa comincia «l’attacco mortale contro l’Ucraina». Dopo la tragedia di venerdì che ha fatto 46 morti nel rogo della Casa dei sindacati, il premier Arseny Yatseniuk si precipita nella città sul Mar Nero a licenziare tutti i vertici della polizia e supplicare la popolazione di «salvare la pace e la sicurezza». Ma sembra troppo tardi: poche ore dopo una folla di filo-russi ha sfondato i cancelli del comando di polizia liberando una settantina di loro compagni fermati due giorni fa. Tra le migliaia di persone che scandivano «No ai fascisti!» e «Viva gli eroi!» c’erano anche numerosi militanti armati, e ci sono diversi feriti sia colpiti da proiettili sia picchiati selvaggiamente perché sospettati di essere filo-ucraini. Mentre Kiev e Mosca si affrontano a colpi di filmati che dovrebbero dimostrare come il fuoco nella Casa dei sindacati si propaga dall’interno – e quindi dalle molotov lanciate dai filo-russi asserragliati dentro – piuttosto che dalla piazza – e quindi dagli ultras filo-ucraini, l’unica cosa chiara della tragedia è la totale assenza della polizia, che prima non ha fermato l’assalto dei fan di Mosca al corteo ucraino e poi ha ignorato lo scontro che ha scatenato il rogo.

Il ministro dell’Interno di Kiev Avakov chiama gli arrestati «provocatori», i servizi segreti Sbu li accusano di essere infiltrati dai russi, ma intanto la magistratura e la polizia locale li rimettono in libertà, e Odessa torna a vivere uno dei suoi incubi storici, quello del pogrom. Che, come termine e fenomeno, sono stati brevettati proprio qui, dal primo massacro degli ebrei nel 1821. Il secondo fronte della guerra civile ucraina si apre lontano dalla operaia Donetsk, nella città più cosmopolita dell’ex impero, il porto franco degli zar fiero dei suoi commerci, della sua università, del teatro dell’opera, e di aver dato i natali a metà della letteratura russa del ’900. È la Marsiglia del Mar Nero, e le sue radici sono più mediterranee che russe, a cominciare dallo spagnolo-napoletano Jose de Ribas che la fondò sul sito di un’antica colonia greca su ordine di quel Potiomkin entrato nella storia per villaggi di cartapesta, ma che nella realtà aveva edificato decine di città in pietra e marmo. I locali hanno continuato caparbiamente a chiamare la via centrale Deribasovskaya anche quando i comunisti le imposero il nome di Lenin. Ma Odessa ha i propri eroi, e le vie eleganti portano i nomi dei padri fondatori, il duca di Richelieu, il conte di Langeron, l’architetto italiano Boffo. Pushkin, esiliato qui nel 1824, scriveva che «nell’aria si respira l’Europa, tutti parlano in francese e ci sono i giornali europei».

Oggi si parla un russo venato di ironia yiddish, e non ci si sente parte della Russia né dell’Ucraina, ma un mondo a parte, un porto di commerci, arti e idee, dove convivevano greci, armeni, tedeschi, moldavi, italiani, russi, francesi, ucraini e soprattutto ebrei. Il quartiere degli emigrati dall’Urss a New York porta il nome di Little Odessa, e l’eroe popolare è il bandito Benya Krik dei racconti di Isaak Babel, figlio francofono della borghesia commerciale ebrea. Odessa ha prodotto quasi tutta la comicità e la satira degli ultimi 100 anni, e il jazz made in Urss, ed è qui che si può scendere verso il mare per la scalinata della «Corazzata Potiomkin» di Eisenstein. È anche la patria storica della mafia, e al famoso mercato Privoz, dicevano fieramente i locali, si poteva comprare anche una bomba atomica di contrabbando. Con il suo senso di superiorità Odessa ha snobbato l’ingenuità del Maidan di Kiev, e le rivolte proletarie di Donetsk, lasciando poche migliaia di manifestanti sfilare ogni domenica con il vessillo giallo-azzurro ucraino e scherzando sulle poche centinaia di filo-russi che nella loro tendopoli ascoltavano via Skype da Mosca il «presidente» autoproclamato Kaurov. Fino a che una tragedia assurda non ha spinto gli odessiti in strada, a gridare «Morte ai fascisti» o a formare milizie di autodifesa contro i separatisti, pronti a scontrarsi lungo i boulevard.

http://www.lastampa.it/2014/05/05/esteri/a-odessa-cosmopolita-ed-europea-lo-scontro-pi-feroce-fra-kiev-e-i-filorussi-LlGo4aKgdE6w8vmiusHyxO/pagina.html

+  È battaglia a Donetsk Il Cremlino: milizie fuori controllo Michela A. G. Iaccarino

+  Ucraina, i ribelli: “Vittime tra i civili” Mosca: rischio catastrofe umanitaria

 REAZIONE:QUESTO SUCCEDE A ODESSA,E TUTTO QUESTO E’ ODESSA,MA E’ ANCHE IL NOME E IL POSTO DI PARTENZA DI QUELLA OPERAZIONE SEGRETA DELLA COMPAGNIA DI GESU CHE COPRI LE SPALLE E PORTO IN AMERICA,PARTICOLARMENTE NEL CONO SUD LATINOAMERICANO,E PIU PRECISAMENTE IN ARGENTINA ,CENTINNAIA DI CRIMINALI DI GUERRA NAZI CHE OGGI SOTTO LA VESTE DI NUOVI SINCRETISMI SEMPRE PIU PRESENTI ANCHE IN ITALIA COSTITUISCONO LA NUOVA FRONTIERA AUSTRALE DELLA BARBARIE.
-
-APPENDICE II:EBREI UKRAINI,VATICANO E PUTIN
-SU LA STAMPA:
 Vatican Insider,10/03/2014
Ucraina, il “J’accuse” ebraico a Putin
Una lettera aperta firmata da personalità e intellettuali ebrei punta il dito contro le “bugie” del presidente russo e le sue mire egemoniche

Lisa palmieri-billig (vatican insider)

“Signor Presidente! Siamo cittadini ebrei dell’Ucraina: uomini d’affari, dirigenti, figure pubbliche, scienziati e studiosi, artisti e musicisti”. Comincia così la “Lettera Aperta al Presidente della Federazione Russa Vladimir Vladimirovich Putin”.“Le scriviamo a nome del popolo dell’Ucraina, delle minoranze nazionali ucraine e a nome della comunita’ ebraica.”

La lettera, firmata da importanti personalità ebraiche ucraine e che sta ancora accumulando ulteriori firme, accusa Putin di “scegliere coscientemente le bugie e le calunnie dell’informazione sull’Ucraina” allo scopo di “delegittimare il nuovo governo ucraino, diffamare il movimento rivoluzionario per la  democrazia di Piazza Maidan e dividere il paese”.

Nella missiva si sostiene che i media russi pubblicano menzogne a proposito di presunte violazioni dei diritti civili dei cittadini ucraini russofoni, e di “divieti sull’utilizzo della lingua russa”, divieti che esisterebbero solo “nella mente di coloro che li hanno inventati”. La lettera fa notare inoltre che “storicamente, la maggioranza degli ebrei ucraini sono russofoni”.

Putin viene accusato inoltre di calunniare Kiev con accuse di “fascismo” e antisemitismo. “La Sua certezza della crescita dell’antisemitismo in Ucraina non corrisponde ai fatti. Forse Lei ha confuso l’Ucraina con la Russia”, afferma la lettera, “dove le organizzazioni ebraiche hanno notato una crescita di tendenze antisemite l’anno scorso”.

La lettera attacca duramente l’ipocrisia della Russia nell’attribuire l’estremismo a Kiev, mentre lo coltiva a casa propria. Vi si afferma che se è vero che i gruppi nazionalisti “fanno parte della opposizione politica e delle forze di protesta che hanno assicurato cambiamenti per il meglio… nemmeno i più marginali tra i gruppi nazionalistici osano mostrare comportamenti antisemiti o xenofobi. E noi siamo sicuri che i nostri pochi nazionalisti sono ben controllati dalla società civile e dal nuovo governo ucraino, il che è più di quanto si possa dire per i neonazisti russi, che sono incoraggiati dai Suoi servizi di sicurezza”.

Inoltre, “ci sono vari rappresentanti delle minoranze nazionali nel Consiglio dei Ministri: il Ministro degli Interni è armeno, il vice primo ministro è ebreo, due dei ministri sono russi. I nuovi governatori della regione Ucraina non sono esclusivamente ucraini”.

“Il pericolo alla stabilità del Paese viene dal governo russo, e in particolare proprio da Lei, Vladimir Vladimirovich”, scrivono i firmatari. “E’ la Sua politica di incitamento al separatismo e la Sua pressione sull’Ucraina, che minaccia noi e gli ucraini tutti, compresi quelli che vivono in Crimea e nel Sud-Est. Gli ucraini del sud-est se ne accorgeranno presto”, ammonisce la missiva.

La lettera conclude con ironia e con richieste chiare. “Vladimir Vladimirovich, apprezziamo molto la Sua preoccupazione per la sicurezza e i diritti delle minoranze ucraine. Ma noi non vogliamo essere ‘protetti’ tramite lo sconfinamento in Ucraina e l’annessione del suo territorio. Le chiediamo di non intervenire negli affari interni del Paese, di riportare le truppe russe ai loro alloggiamenti normali, e di smetterla di incoraggiare il separatismo pro-russo”.

Si stima che la popolazione ebraica in Ucraina si aggiri oggi tra le 70.000 e le 300.000 persone. Secondo Josef Zissels, Presidente dell’Associazione delle Comunità e Organizzazioni ebraiche di Ucraina (Vaad), che è il primo firmatario di questo documento, è la cifra più alta quella più credibile. A causa della loro esperienza storica di pogrom e massacri durante e tra le guerre, gli ebrei ucraini hanno paura di esternare la loro identità etnica e religiosa, per timore che questo possa portare a successive violenze. La popolazione stimata comprende sia gli ebrei religiosi che i laici ben integrati nella vita pubblica.

“La popolazione ebraica in Ucraina è di circa lo 0,7% del totale e almeno il 10% dei membri del parlamento ucraino hanno radici ebraiche – cioè fanno parte del totale dei 300.000 che contiamo nella comunità ebraica, anche se non pubblicizzano il loro ebraismo”, afferma Zissels.

Gli ebrei ucraini partecipano alle proteste secondo coscienza, non sono né incoraggiati né dissuasi dalla Comunità. “Ma io credo”, dice il presidente Vaad, “in primo luogo, che la gioventù ebraica partecipi più spesso rispetto ai più anziani, e, in secondo luogo, che, come in altre azioni volte a democratizzare la società, la partecipazione degli ebrei sia sproporzionatamente alta”. E conferma che lui stesso e alcuni tra i suoi familiari, amici e conoscenti ebrei si sono uniti alla protesta pubblica.

Tuttavia, in quanto persone che vivono in una democrazia, gli ebrei ucraini sono divisi politicamente: non tutti sostengono la rivoluzione. La piccola minoranza di ebrei in Crimea (che, per inciso, ospitò in passato aziende agricole collettiviste ebraiche, e che fu temporaneamente designata dalla Russia comunista a diventare una futura ‘patria ebraica’) mantiene un profilo più basso, circondati come sono da una maggioranza di nazionalisti russi e soggetti ora all’invasione degli uomini di Putin.

Un ulteriore sostegno a Piazza Maidan proviene da giovani ebrei israeliani di origine ucraina che sono ritornati al paese di origine in cerca delle proprie radici, e che ora hanno aderito al movimento di protesta.

Il 28 febbraio il quotidiano israeliano Haaretz ha pubblicato un’intervista della JTA con un ex-soldato israeliano noto come “Delta”, nato in Ucraina, immigrato in Israele nel 1990, che si è trasferito di nuovo in Ucraina diversi anni fa e che ha comandato, nella ancora incompiuta rivoluzione, i cosiddetti “Caschi Blu” – un manipolo di 35 uomini e donne non ebrei oltre a “vari colleghi israeliani veterani della IDF”.

Delta è un ebreo ortodosso ultra–trentenne “che partecipa regolarmente alle funzioni religiose della Sinagoga Brodsky del Rabbino Moshe Azman”. Anche se Svodoba, – il movimento politico di estrema destra – è parte del movimento di protesta, Delta sostiene di non aver “mai visto alcuna espressione di antisemitismo durante le proteste, e le affermazioni contrarie fanno parte delle motivazioni per cui ho aderito al movimento. Stiamo cercando di dimostrare che gli ebrei hanno a cuore la situazione”, ha detto. Delta afferma che il Cremlino sta giocando la carta fasulla dell’antisemitismo per delegittimare la rivoluzione ucraina, che allontanerebbe l’Ucraina dalla sfera di influenza della Russia”. Assieme al Rabbino Azman “stanno organizzando l’evacuazione aerea di alcuni manifestanti gravemente feriti – nessuno dei quali ebrei – per essere operati di urgenza in Israele”.

Tutti sperano che questa volta, a differenza del passato, gli ebrei ucraini non verranno cinicamente sacrificati in questo conflitto come capro espiatorio per le strategie politiche volte all’egemonia – da entrambe le parti.

Diverse sinagoghe sono state oggetto di attacchi incendiari nel sud-est del paese, creando uno stato di ansia per quanto riguarda gli sviluppi futuri.

http://www.lastampa.it/2014/03/10/esteri/vatican-insider/it/ucraina-il-jaccuse-ebraico-a-putin-1ZV9KMnRCYY8fysevBIkKM/pagina.html
REAZIONE:IN QUESTE TRE SCRITTI LA GRANDE ASSENTE E’ LA DEMOCRAZIA.
Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 130 »

7 luglio 2014
0

7 LUGLIO 2014:PAPA,NON BASTA

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

Pedofilia, mea culpa del Papa  "Dolore per abusi e suicidi   video   sono sulla coscienza della Chiesa"

Pedofilia, mea culpa del Papa

“Dolore per abusi e suicidi video

sono sulla coscienza della Chiesa”

Francesco accoglie vittime di abusi sessuali

Udienza privata: “Chiedo umilmente perdono”

Articoli correlati

LUGLIO 2014:NAPOLITANO TIRANNO IMPOSTORE
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITS INTERNES 1:CONTINUATION 129 »

3 luglio 2014
0

3 LUGLIO 2014:RENZI,CLAUDIO ALTRO CHE TELEMACO

-SU THE HUFFINGON POST:

Alessandro De Angelis
Diventa fan alessandro.de.angelis@huffingtonpost.it
Riforme, Berlusconi dà il via libera a Renzi. E dentro Forza Italia crescono i sospetti: “Ci ha venduti per tutelare Mediaset”
Pubblicato: 03/07/2014 16:04 CEST Aggiornato: 2 ore fa

Print Article

BERLUSCONI

È “resa” la parola che rimbalza nei capannelli della Camera, al termine dell’incontro tra Berlusconi e Renzi. Quando si capisce che l’ex premier è andato a palazzo Chigi per dare il via libera a un accordo che non contiene neanche una bandierina per Forza Italia. Non solo non c’è il presidenzialismo, o il semi, ma al posto dell’elezione diretta c’è una specie di “elezione di terzo grado”, come la chiamano i deputati azzurri che hanno dimestichezza con la materia: i cittadini scelgono i consiglieri regionali e i sindaci, i quali a loro volta indicano i senatori, che poi eleggono il capo dello Stato. E poi l’intero impianto del nuovo Senato risulta un rospo indigeribile per un partito come Forza Italia, considerata l’attuale geografia elettorale.

Ecco perché in parecchi accompagnano al sostantivo “resa” altre due paroline che rendono l’idea: “senza condizioni”. Ed è magra la consolazione che, di fronte a un caffè negli appartamenti presidenziali (nel senso di Renzi) il Cavaliere, accompagnato da Gianni Letta e Verdini sia riuscito a ottenere quale tecnicalità sulla cosiddetta proporzionalità del Senato. Ovvero, detta in modo grezzo, riuscendo a strappare qualche senatore in più in Lombardia e nel Nord (dove Forza Italia ancora non sparisce) e meno in Valle D’Aosta. O che sia riuscito a ottenere la rassicurazione che si farà la legge entro l’estate, già sapendo che il calendario del Senato è ingolfato.

Sempre di “resa” si tratta. Su cui è già nata una fronda. Oltre al direttorissimo Minzolini, al Senato è nell’ombra che cova l’insofferenza. I pugliesi promettono battaglia e lo stesso i cosentini ani. Un terzo del gruppo cioè è fuori controllo in vista del voto d’Aula. Un frondista, a microfoni spenti la mette così: “Se Forza Italia diventa una corrente di Renzi, come sta accadendo, allora liberi tutti”. Perché è questo il sospetto sul perché della resa che allarma il corpaccione di Forza Italia. Che Berlusconi abbia negoziato più in termini personali che politici. “Ci ha venduto a Renzi per tutelare se stesso e le aziende”: è questa la frase ripetuta a microfoni spenti da truppe mai tanto sconfortate.

Una vendita che ha certo a che fare con i guai giudiziari del Capo, convinto che l’Appello su Ruby confermerà il primo grado e che il regalo di Natale della Cassazione sia la perdita della libertà. Ma che ha a che fare soprattutto col quel partito Mediaset, diventato un grande supporter di Renzi. I telegiornali, per chi ricorda come venivano usati su Prodi, D’Alema, Fini, trattano il premier come se fosse un alleato. I talk non mordono. Gli house organ come il Giornale esaltano le virtù del Renzi anti-tedesco. Ma soprattutto sono i dirigenti dell’azienda ad essersi esposti con dichiarazioni pesantissime verso il governo “amico”. Piersilvio è stato solo l’ultimo. Poche settimane fa Ennio Doris, presentando il suo libro aveva già detto “io voto per Silvio ma tifo per Renzi”. Così come erano arrivate lodi da Confalonieri e da Dell’Utri (finché non è finito al gabbio). In fondo, dice chi sa davvero le cose, l’unico settore dove Renzi non ha asfaltato un bel niente è quello delle concessioni tv. E anche sulla Rai ha annunciato tagli più che riforme che possano stimolare Mediaset in un’ottica di concorrenza. Un business che vale un Senato, un po’ come una messa per Parigi.

http://www.huffingtonpost.it/2014/07/03/berlusconi-renzi-riforme_n_5554853.html?1404396957

REAZIONE:PATTO O NO PATTO PER MEDIASET CON BERLUSCONI NON SUCCEDERA NIENTE:

PRIMO: OGGI IL PROTAGONISMO MEDIATICO DELLA SCENA POLITICA LO HANNO I NUOVI MEZZI E NON MEDIASET.BERLUSCONI E LE SUE TV  SONO IL PASSATO.E NON PROPIO I NUOVI MEZZI CON L’USO CHE NE FA GRILLO:PROVA E’ CHE ANCHE LUI HA VISTO DIMEZZATA LA SUA INFLUENZA ELETTORALE E ANCHE LUI HA DECISO PARTECIPARE A QUESTO PATTO TENTANDO DI SALVARE RENZI E COSI SALVARSI LUI.

SECONDO:VISTO CHE RENZI PRETENDE CONTROBILANCIARE IL POPOLISMO DI BERLUSCONI,IL SUO SOCIO DI “CAINATO”(DOPO CAPIRETE)ESSIBENDO UNA RETORICA  COLTA CHE ATTINGE AL DRAMMA OMERICO DELL’ODISEA O ALLA SCOLASTICA,DEVE SAPERE CHE LUI E I SUOI NON SONO TELEMACO(1) MA CLAUDIO.PREFERISCO LA TRAGEDIA MODERNA,RIFORMISTA POST-MEDIEVALE AL DRAMMA CON LIETO FINE PER DIPINGERE QUESTO IMPOSTORE.SI COME IL CLAUDIO IMPOSTORE MACCHIATO DI SANGUE FRATERNA NELL’AMLETTO DI WILLIAM SHAKESPEARE,HA UCCISO COI SUOI VELENI POLITICI (HO MEGLIO TENTATO DI UCCIDERE VISTO CHE ANCORA VIVE)IL SUO “FRATELLO” DI PARTITO(BERSANI)E USURPANDO LA CORONA SI HA PROCLAMATO RE.MA AMLETTO VIVE,LO SPETTRO DEL VERO RE TORNA E RITORNA IRRIQUETO ED E’ VICINO IL TEMPO DELLA GIUSTIZIA:CI PENSERA IL PROPIO BERSANI E LA SUA OPOSIZIONE INTERNA DELLA MAL CHIAMATA MINORANZA,CI PENSERA L’EUROPA CHE NON LO MOLLA ESSIGENDOLI RESPONSABILITA(NDR:PARITA DEL BILANCIO E OLTRE),CI PENSERANNO I MERCATI,E SOPRATUTTO CI PENSERA LA NUOVA ERA E IL POPOLO ITALIANO CHE VUOLE VENGA RISPETTATA LA SUA OPINIONE ELETTORALE DEMOCRATICA E LIBERAMENTE ESPRESA.LA FINE DI RENZI E’ VICINA.E COME LETTA NON DURERA.SARA TRAGEDIA.

—————

-AMLETTO:   http://it.wikipedia.org/wiki/Amleto

-(1)TELEMACO.

-SU THE HUFFINGTON POST;

Matteo Renzi parla della generazione Telemaco: lo psicoanalista Massimo Recalcati ci spiega cos’è in un suo libro

L’Huffington Post

Pubblicato: 02/07/2014 16:18 CEST Aggiornato: 02/07/2014 16:20 CEST

MATTEO RENZI

“Qui non c’è un’Italia che chiede scorciatoie, ma un’Italia che con coraggio e orgoglio chiede di fare la propria parte. E c’è anche una generazione nuova. Una generazione Telemaco”. Sono queste le parole del premier Matteo Renzi nell’illustrare, davanti al Parlamento europeo, le linee guida del semestre presieduto dall’Italia. “La nostra generazione – ha aggiunto il primo ministro – ha il dovere di riscoprirsi Telemaco, ha il dovere di meritare l’eredità”.

La citazione di Renzi, oltre a ricordare il figlio di Ulisse e il poema di Omero, riporta anche a un recente libro pubblicato dallo psicoanalista Massimo Recalcati dal titolo “Il complesso di Telemaco”. Di cosa si tratta? Secondo Recalcati, Telemaco attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano non è qui il conflitto tra le generazioni (Edipo), né l’affermazione edonista e sterile di sé (Narciso), ma una domanda inedita di padre, una invocazione, una richiesta di testimonianza che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra.

Nel nostro tempo, si spiega nel saggio di Recalcati, nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge sull’isola devastata dal godimento mortale dei Proci. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra e la vita umana appare priva di senso. Eppure è ancora possibile, nell’epoca della evaporazione del padre, un’eredità autenticamente generativa: Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede

http://www.huffingtonpost.it/2014/07/02/matteo-renzi-cita-generazione-telemaco_n_5551227.html?1404310710&utm_hp_ref=italy

Immagine anteprima YouTube

.

- 4 LUGLIO 2014:GERMANIA VS ITALIA

-TITOLARE SU LA REPUBBLICA:

Scontro tra Italia e Germania  su rigore e crescita nella Ue
Scontro tra Italia e Germania su rigore e crescita nella Ue
Bundesbank contro Renzi: “Ci dice che fare”
La replica del governo: “Non ci fanno paura”

Napolitano: non temiamo paragoni Bonafè: Juncker dica come la pensa

Articoli correlati

aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 128 »

1 luglio 2014
0

1 LUGLIO 2014:SUD E CENTROAMERICA,L’ALTRA IMMIGRAZIONE

-VEDIAMO ALCUNE NOTIZIE:

-1-SU LA REPUBBLICA:

1 luglio 2014

Milano, la violenza dei latinos nella stazione del metrò

Immagine anteprima YouTube

Pestaggi di rivali, accoltellamenti e tentati omicidi. Sono alcune delle accuse mosse ai componenti della banda di latinos arrestati dagli uomini della squadra mobile di Milano. In manette sono finiti 12 dominicani e un salvadoregno (due sono minorenni) accusati di appartenere alla gang dei Trinitario, banda che si era dotata di una struttura, codici e riti di affiliazione. Alcune delle aggressioni sono state filmate dalle telecamere delle stazioni della metropolitana, come questa del 7 gennaio 2014 (erano le 23.30) alla fermata di Sesto Rondò: mentre il primo aggredito riesce a rifugiarsi gettandosi sui binari, gli altri due (peruviani vicini alla gang dei Commando) vengono pestati. Uno viene scaraventato giù, l’altro accoltellato all’addome (Massimo Pisa)

LEGGI SU REPUBBLICA IT

.

FOTO Le armi sequestrate

.

http://video.repubblica.it/edizione/milano/milano-la-violenza-dei-latinos-nella-stazione-del-metro/171024/169547

-

LA NOTA COMPLETA:

Milano, blitz all’alba contro gang di latinos: pestaggi, spaccio e due tentati omicidi

Nel mirino della squadra mobile 11 domenicani e un salvadoregno, tra i quali due minorenni, finiti in carcere con l’accusa di appartenere alla banda dei Trinitario. La banda è molto violenta e gerarchizzata

Milano, blitz all'alba contro gang di latinos: pestaggi, spaccio e due tentati omicidi

Alcune delle armi sequestrate (fotogramma)

Blitz della squadra mobile di Milano nei confronti di 11 domenicani e un salvadoregno, di cui due minorenni, finiti in carcere con l’accusa di appartenere alla banda dei Trinitario. Gli arrestati sono tutti accusati a vario titolo di associazione per delinquere, due tentati omicidi, lesioni personali, rapina aggravata, porto abusivo d’armi e spaccio di sostanze stupefacenti (quest’ultima è stata contestata a una donna arrestata in flagranza di reato durante il blitz perché trovata in possesso di 80 grammi di cocaina). Le misure sono state emesse dai gip Vincenzo Tutinelli per il tribunale ordinario e Marilena Chessa per il tribunale dei minori.

IL VIDEO

Gli arrestati sono accusati anche del pestaggio di due rivali avvenuto lo scorso 7 gennaio nella metropolitana di Sesto Rondò e dell’accoltellamento di altri due sudamericani avvenuto il 13 febbraio successivo nella metropolitana di piazza De Angelis, a Milano, oltre che del tentato omicidio di un marocchino per debiti di droga avvenuto a Pavia il 16 settembre di due anni fa. Una banda latinoamericana molto violenta e molto gerarchizzata di cui si è parlato una prima volta sui giornali nel gennaio 2011, quando in viale Fulvio Testi a Cinisello Balsamo un ragazzo di 22 anni riconducibile a questo gruppo era stato ucciso a accoltellate da decina di sudamericani.

Coltelli, mazze e scacciacani: le armi dei Trinitario

{}

{}

{}

L’inchiesta della squadra mobile, partita da questa vicenda e dalla denuncia di un sudamericano vicino al gruppo rivale dei Kommando pestato da tre componenti dei Trinitario, ha poi fatto luce sulla pandilla, composta a Milano da una trentina di persone per lo più della Repubblica Dominicana, facente capo fino al 2012 a Jonatahn La Rosa Paniagua e poi da Ogando Ramirez, detto Flaco, ancora oggi ‘prima suprema di Italia’, come gli indagati chiamano la guida suprema nazionale.

I componenti della pandilla erano soliti ritrovarsi e fare i loro incontri lungo corso Lodi e nel parco di Lampugnano. Qui gli investigatori hanno ricostruito che tra affiliati e simpatizzanti (alcuni residenti nell’hinterland del capoluogo lombardo e nelle provincie di Lecco e Pavia) la gang poteva contare su oltre una trentina di giovani e giovanissimi. Se i comando erano gli avversari più odiati, in questi anni di indagini gli investigatori non hanno registrato alleanze con altre bande di latinos. Nell’organigramma dei Trinitario, dopo la ‘prima suprema’ e la ‘seconda suprema’ c’erano la ‘terza suprema’ – Gabriel Hernandez, detto ‘Bolanta’ – e la ‘bandiera d’onore’ Ggonzalez Calderon. Sotto di loro erano definiti altri 18 ruoli, che andavano dal tesoriere all’armiere.

Un aiuto importante per gli investigatori per capire l’organizzazione è arrivato dal sequestro del codice di condotta fondato sull’obbedienza, la fedeltà e il silenzio, a cui ogni affiliato si deve scrupolosamente attenere. Si tratta del cosiddetto ‘norme’, che contiene i simboli, i colori, il giuramento e il dizionario dei codici numerici utilizzati dalla gang, trovato nello zainetto di un giovane dominicano residente in Spagna che era a Milano per partecipare a una riunione in qualità del suo ruolo di ‘prima suprema d’Europa’.

Nel corso delle perquisizioni nelle abitazioni degli indagati, gli agenti hanno sequestrato un machete, una spada giapponese, una mazza da baseball, un tirapugni, una scacciacani priva del tappo rosso e le collane e i braccialetti che a seconda dei colori e della composizione indicavano il ruolo gerarchico nell’organizzazione e che venivano indossate solo in occasioni delle riunioni. Come per altre pandilla, anche per entrare a far parte dei Trinitario gli aspiranti dovevano resistere per alcuni minuti a un violentissimo pestaggio da parte di diversi componenti della gang. A ogni affiliato veniva chiesto di versare periodicamente una quota in denaro per sostenere i  compagni incarcerati: denaro che veniva ottenuto anche attraverso lo spaccio e piccoli furti e rapine.

2-ALCUNI VIDEO SU YOU TUBE:

A-“Le gang latine che spaventano Milano” di mario caprara

Immagine anteprima YouTube

Pubblicato il 14/ott/2013

inchiesta sulle bande latino americane andata in onda su radio capital il 14 ottobre 2013

-

B-Milano – Arrestati 26 ‘baby latinos’ specializzati in rapine

Immagine anteprima YouTube
INFORMAZIONI

Caricato il 28/apr/2011

http://www.pupia.tv

.

- Milano – Arrestati 26 ‘baby latinos’ specializzati in rapine. Si erano specializzati in rapine soprattutto nella metropolitana milanese.

Due “gang” composte da 26 persone, tutte di origine sudamericana, tra cui 20 minorenni sono stati individuati ed arrestati, questa mattina, dagli uomini del commissariato Mecenate della questura di Milano.

Secondo quanto accertato dalle indagini della polizia i giovani appartengono alle bande dei Latin Dangerz e dei Los Brothers e si sarebbero resi responsabili di rapine eseguite con brutalità verso le vittime. Le due bande sono risultate essere collegate con le “storiche” bande “pandillas” note alla cronaca di qualche anno fa per una serie di omicidi, rapine e stupri. Una novità rispetto alle più note “pandillas” è la forte percentuale femminile riscontrata tra gli arrestati.

L’indagine della Polizia ha preso inizio dopo una violenta rapina, avvenuta lo scorso anno, ai danni di un giovane che si trovava sulla pensilina della metropolitana.

Indagini anche su Youtube

Gli investigatori hanno scavato anche nei social network e nei video di Youtube per cercare di ricostruire l’organigramma e i colpi della banda; entrambe le “gang”, infatti, avevano un proprio sito Internet dove inserivano i numerosi filmati relativi alle iniziazioni e alla propria appartenenza al gruppo.

La documentazione con video e immagini delle loro azioni permetteva, ai singoli componenti, di acquisire consensi tra i componenti “anziani” delle “pandillas”. (26.04.11)

 -

C-GANGS DE LATINOS EN MILANO CITY

Immagine anteprima YouTube

Pubblicato il 23/giu/2012

maxiblitz della polizia contro le gangs di milano city 25 arresti per tentato omicidio e risse ecc ecc

-

D-Prostitute violentate e rapinate: arrestati 6 sudamericani

Immagine anteprima YouTube

REAZIONE:SAREBBE UTILE SAPERE LA NAZIONALITA DI QUESTE 6

E-Gang sudamericane a Piacenza, risse tra bande

Immagine anteprima YouTube

-

F-Baby Gang e Bande Giovanili a Milano e Lombardia : 24 Arresta

Immagine anteprima YouTube

Pubblicato il 09/ott/2013

Operazione della Polizia di Stato di Milano contro bande giovanili o baby gang, nelle province di Milano, Brescia, Cremona, Novara, Pavia e Monza, ha eseguito 24 provvedimenti restrittivi nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, rapina, lesioni personali aggravate e porto illegale di armi da taglio.
Le indagini, avviate nel 2010, hanno consentito di raccogliere gravi elementi indiziari a carico dei componenti – prevalentemente giovani di origine latino-americana, 7 dei quali minorenni – di una “banda giovanile”, attiva nel capoluogo meneghino, che dovranno rispondere di reati di tipo predatorio ed aggressioni contro esponenti di bande rivali.
Video e comunicato della Polizia di Stato.

-

G-Latin Kings_eng.mov

Immagine anteprima YouTube

Caricato il 15/feb/2011
Le mani incrociate, cantando simboli liturgici di riconoscere ed identificarsi e farsi rispettare. Battaglia delle bande, la beffa di un simbolo, un apprezzamento della ragazza sbagliata, una mano rovesciata in segno di sfida sono un reato di tradimento, colpa da lavare – se necessario – anche con il sangue e il prezzo della vita. Questi sono i “Latin Kings”.
LLa “nazione dei re” o “Latin Kings” è arrivato in Italia nel 2001. Sul fatto di bambini sudamericani immigrati, se nati qui o arrivati ​​attraverso riunioni di famiglia e sradicato dalla sua infanzia. Sono cresciuti in un ambiente nuovo, frustrato dalla burocrazia dei permessi di soggiorno che non arrivano mai, delusi e arrabbiati con i media per la loro rappresentazione è stato fatto finora, discriminati rispetto ai loro pari età italiani, hanno lottato dcon le difficoltà economiche di i genitori spesso sottopagati:. è ai margini della società che solo il gruppo può ripristinare la loro identità perduta
Questo documentario è uno squarcio aperto nel buio di un mondo ancora troppo segreto che spaventa e intimidisce la società italiana
.

H-Latin King Italia A.L.K.Q.N.3gp

Immagine anteprima YouTube

Caricato il 05/mag/2011

I-LK sky tg24.mp4

Immagine anteprima YouTube

Caricato il 19/gen/2012

LATIN KINGS GENOVA

J-Da Papa Francesco il Presidente della Repubblica Dominicana

Immagine anteprima YouTube

Pubblicato il 13/giu/2014

venerdì Papa Francesco ha ricevuto il Presidente della

Repubblica Dominicana, Danilo Medina Sánchez. E’ stato espresso compiacimento per le buone relazioni tra la Repubblica Dominicana e la Santa Sede, evidenziando il prezioso contributo sociale che la Chiesa offre al Paese, specialmente nei settori dell’educazione, della sanità e della carità.

Si sono passate in rassegna alcune questioni di interesse nazionale e regionale, soffermandosi in particolare sui recenti provvedimenti che facilitano l’iter di naturalizzazione degli immigrati nel Paese

-

REAZIONE:QUESTA E’ L’ALTRA IMMIGRAZIONE,QUELLA SU CHI LA LEGA,CHE HA SEMINATO L’ODIO SUI ROM,NE LA CHIESA PARLANO.

PD:REPUBBLICA DOMINICA E’ IN UN ISOLA CENTROAMERICANA CHE CONDIVIDE CON HAITI L’EX COLONIA FRANCESE OGGI IN MANO AGLI AMERICANI E CASCHI BLU DELL’ONU,E NOTA PER IL RECENTE TERREMOTO.

-VI LO RICORDATE QUESTO FILM DI STANLEY KUBRIK?

Immagine anteprima YouTube

REAZIONE.UN INCUBO CHE CONTINUA, OGGI IN ITALIA.

SONO SEMPRE LI STESSI MA CON ALTRI SINCRETISMI,ALTRO CONO DI OMBRA,ALTRI VESTI……

-

3-SCORAGGIANDO LE ONDATE MIGRATORIE

Mercopress - South Atlantic News Agency

Sabato, Giugno 28 2014 – 10:43 UTC

Swire su una visita di cinque giorni di Costa Rica, Guatemala e Colombia

MINISTRO DEGLI ESTERI Ufficio Hugo Swire era su una visita di cinque giorni in Costa Rica, Guatemala e Colombia questa settimana, a seguito delle recenti elezioni in entrambi i paesi e con lo scopo di espandere le relazioni politiche e commerciali.

Ministro Hugo Swire

Ministro Hugo Swire

Swire ha incontrato la nuova amministrazione in Costa Rica e rinnovati legami con il governo rieletto presidente Juan Manuel Santos ‘in Colombia. Egli ha anche visitato il Guatemala, dove ha avuto colloqui con il presidente Otto Perez Molina.

Il Ministro ha incontrato i rappresentanti delle imprese britanniche in ogni paese, per sostenere i loro sforzi di investimento e di esportazione e di promuovere l’occupazione e la crescita di nuovo nel Regno Unito. Ha promosso esperienza britannica in settori dall’energia alla tecnologia agricola, e pressioni su importanti questioni di accesso al mercato. Ha inoltre discusso importanti sfide per la sicurezza condivisi, non da ultimo la nostra cooperazione con la Colombia nella lotta contro il traffico di droga illegale.

A seguito di hosting del Ministro degli Esteri del ‘Ending violenza sessuale nei conflitti’ di questo mese Summit, Mr. Swire ha visto in prima persona il progetto Ambasciata sostenuto “Never Again” in Guatemala, che lavora soprattutto con le comunità indigene per capire le cause e le conseguenze della violenza sessuale.

Ha visitato un popolo traffico di progetto in Costa Rica, e discusso i progressi della Colombia, sia sui diritti umani e il processo di pace.

“La mia visita in Costa Rica, Guatemala e Colombia fa parte di un più ampio sforzo del Regno Unito per ampliare e approfondire le nostre relazioni in tutto il Sud e Centro America”, ha detto il ministro Swire.

“Questi sono tutti i paesi con cui condividiamo ricchi legami storici. Ma abbiamo anche importanti interessi condivisi oggi – nello sviluppare il nostro commercio bilaterale, lavorando insieme sulla lotta contro stupefacenti illegali, e affrontare l’instabilità regionale.

“E ‘particolarmente importante per il Regno Unito che tanti paesi in tutto regione condividono il nostro impegno per la democrazia. Le recenti elezioni hanno evidenziato questo: mi ha fatto piacere incontrare il nuovo governo in Costa Rica, così come l’amministrazione neo rieletto in Colombia “.

E ci sono reali opportunità per il Regno Unito di rafforzare ulteriormente i legami commerciali. Nel 2013, Costa Rica è cresciuto del 3,5%, del 3,5% Guatemala e Colombia del 4,3%.

“Sono rimasto impressionato dal numero e la gamma di imprese del Regno Unito già nel mercato che mi ha parlato del potenziale della regione. Sono stato felice anche per promuovere le opportunità commerciali per le imprese latino-americana nelle Falklands “aggiunti Swire che è stato raggiunto per breve tempo Falklands MLA Dr. Barry Elsby.

Vi è ugualmente portata di espandere la nostra legami culturali, che è il motivo per cui ero particolarmente contento di incontrare nuovi studiosi Chevening in Costa Rica e Colombia, che verranno avviati gli studi nel Regno Unito entro la fine dell’anno. Il programma di borse di studio Chevening, che compie trent’anni quest’anno, è unico nella sua capacità di costruire amicizie durature tra il Regno Unito e futuri leader in tutto il mondo e spero di vedere la sua influenza crescere ancora di più nei prossimi anni.

Oltre a discutere le questioni regionali, tra cui la sicurezza, la difesa, la povertà ei diritti umani, il ministro Swire ha inoltre sollevato in Colombia la gamma di sfide internazionali affrontate oggi, compreso l’Iraq e la Siria.

REAZIONE:E’ COSI CHE SI SCORAGGIANO GLI “SBARCHI” E LE ONDATE MIGRATORIE.COSI DOVREBE FARE L’ITALIA CON LE SUE EX-COLONIE IN AFRICA E NON SOLO.NON E’ COSI CHE VUOLE SALVINI?SI PERO PECCATO CHE LE SUE PAROLE SIANO UN FACCIATOSTISMO SENZA LIMITI:LA LEGA CON MARONI HA AVUTO PER ANNI E ANNI LA LOTTA AGLI SBARCHI E LA SOLA COSA CHE HA FATTO SONO STRAGGI DI IMMIGRANTI,SVENDITA DELLA NOSTRA SOVRANITA CON KADAFFY E RICATTI ALL’EUROPA.E COSA DIRE DELL’IPOCRISIA DEL PAPA E LETTA?DOVE SONO ANDATI  A FINIRE I FUNERALI DI STATO?CUI CI VUOLE CRESPI.

-

3 LUGLIO 2014:L’INDIPENDECE DAY DI NAPOLITANO,PRESIDENTE TIRANNO

.

SU THE WASHINGTON TIMES:

NAPOLITANO: Da un tiranno ereditato a uno eletto

Celebrando il Giorno dell’Indipendenza nel modo in cui il presidente Obama dovrebbe

Con Andrew P. Napolitano,Mercoledì 2 luglio 201

Illustrazione su di Obama di mira opposizione politica di Linas Garsys / The Washington Times

llustrazione su di Obama visto dall’opposizione politica di Linas Garsys / The Washington Times

di più

Dopo una breve vacanza la settimana scorsa sono tornato a qualche lettura pesante, per gentile concessione del governo federale. Alcuni dei materiali che ho letto sono stati gratificante, e uno di loro era terrificante.In una settimana, la Corte Suprema ha detto alla polizia che se vogliono esaminare il contenuto dei nostri cellulari, sia a traffico si fermo o gravi scene del crimine, hanno bisogno di ottenere un mandato. Il giudice ha detto che i proprietari di piccole imprese non hanno bisogno di pagare le polizze assicurative della pubblica amministrazione che prevedono aborti per i propri dipendenti, perché il governo è senza facoltà di comandare loro di farlo. E ha detto al presidente che non può aspettare fino a Sabato mattina, quando il Senato non è in sessione, per nominare funzionari di alto livello le cui mansioni richiedono la conferma del Senato, e poi sostengono che non richiedono la conferma del Senato perché il Senato era in pausa. Essa ha anche detto ai genitori altruisti che rimangono a casa per prendersi cura dei loro figli disabili che il governo non può costringerli ad aderire alla sanità fei sindacati e pagare le quote sindacali contro la loro volontà.


FOTO: Obama il più grande fallo della Casa Bianca


Sepolto in questi pareri c’è stato un memorandum legale inviato al presidente il 16 luglio 2010, quasi quattro anni fa, e pubblicato la scorsa settimana, dopo due anni di contenzioso volto ad ottenerlo.

L’amministrazione Obama aveva resistito con successo gli sforzi di The New York Times e altri per indurre un giudice di ordinare il rilascio della nota, sostenendo che conteneva segreti di Stato. Il giudice che ha esaminato la nota ha concluso che era solo un parere giuridico, e tuttavia si riferiva a se stessa come “Alice in Wonderland”: Le leggi sono pubblici, nonché i pareri giudiziari che li interpretano sono pubblici, così come potrebbe un parere legale essere segreto? Nonostante il suo dilemma, ha accettato pretese assurde del governo, e The New York Times fece appello.

Poi il governo si zappa sui propie piedi quando surrettiziamente ha rilasciato una porzione del suo memorandum segreto alla NBC News. Questo fece infuriare il pannello di giudici d’appello federali udienza di appello The Times ‘, e ha ordinato l’intera nota rilasciata. O è segreto o non lo è, il giudice ha tuonato – e il governo, che è vincolato dalla trasparenza comandato dal Primo Emendamento, non può scegliere quali parti del suo lavoro rivelare ai suoi giornalisti preferiti e quali nascondere al resto di noi.

La scorsa settimana, l’amministrazione ha pubblicato il memo. Si compone di 40 pagine altamente oscurati, la cui conclusione è che il presidente può ordinare la CIA di uccidere americani che sono presenti in paesi stranieri e che, a giudizio di funzionari governativi di alto livello, rappresentano una minaccia per gli americani e può essere difficile da arrestare.

Il memorandum riconosce che non ha precedenti nella sua portata e questo romanzo nella sua conclusione, e richiede prevedere cosa deve fare il tribunali se vuole rivedere esso. Gli avvocati spesso prevedono per i loro clienti ciò che il tribunali farà, e quindi dalla loro previsioni, estrapolano consigli per i loro clienti. Tuttavia, la storia ha registrato alcuna nota prima di questo che ha consigliato un presidente per iscritto che egli è libero di uccidere un americano che non è impegnato nella violenza.

La logica del memorandum afferma che gli americani all’estero che si uniscono a organizzazioni che promuovono gli atti di terrorismo sono l’equivalente di soldati nemici in divisa in tempo di guerra. Ne consegue, la nota sostiene che, poiché il Congresso ha autorizzato il presidente di uccidere terroristi stranieri quando sono in terre straniere, può uccidere gli americani lì, pure.


VEDI ANCHE: Obama Giù le mani è il peggior presidente dalla seconda guerra mondiale: sondaggio


Opportunamente, la nota non menziona mai il famoso Quinto Emendamento della Costituzione, che comanda che se il governo vuole la vita, la libertà o la proprietà di qualsiasi persona, può farlo solo attraverso un giusto processo. Due processi richiede,un processo con giuria, con le sue protezioni costituzionali guardiani. Le eccezioni solo riconosciuti a tale obbligo sonoi lui, ei il diritto individuale e collettivo alla immediata autodifesa. Poiché briscola di diritti naturali tutto il diritto positivo, un poliziotto può uccidere un rapinatore di banche che sta girando su di lui e i soldati possono uccidere i soldati nemici che stanno per sparare contro di loro. Alla radice delle deroghe riconosciute alla richiesta del giusto processo è la violenza attiva del colpevole, così che il giusto processo è impossibile e tale che la minaccia alla vita è chiara, presente e immediato.

Le persone uccise a norma del presente memorandum segreto erano tutti americani. Uno, Anwar al-Awlaki, l’obiettivo dichiarato della nota, non è stato impegnato in combattimento o armato o su un campo di battaglia quando è stato ucciso. Egli non indossava l’uniforme di un esercito nemico, e non era impegnato nella violenza attiva al momento della sua uccisione. Era in macchina nel deserto in Yemen guidando per incontrare il suo 16enne  figlio americano. Era stato sotto sorveglianza continua da 12 americani e quattro agenti dell’intelligence yemenita per le 48 ore precedenti la sua uccisione da parte di un drone della CIA. Il drone che l’ha ucciso è stato presto seguito da altri droni che hanno ucciso suo figlio e altri due americani.

Questa settimana segna l’anniversario della nascita dell’America come nazione libera, quando abbiamo combattuto una guerra contro un tiranno e ci si separò dal suo regno. Pensavamo di aver bandito la tirannia dalle nostre coste. Pensavamo di aver ratificato una costituzione che costringe il governo a rispettare i nostri diritti naturali. Abbiamo pensato che avevamo stabilito una società basata sullo Stato di diritto.

Abbiamo sbagliato. Siamo passati da un tiranno ereditato in un0 eletto. Non ho mai sentito il presidente Obama dirlo, ma sembra logico che se lui pensa di poter legittimamente uccidere gli americani all’estero, pensa anche che ci può uccidere qui.

Buon quarto di luglio.

Andrew P. Napolitano, un ex giudice della Corte Superiore del New Jersey, è un analista per Fox News Channel. Ha scritto sette libri sulla Costituzione degli Stati Uniti.

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=en&rurl=translate.google.com&tl=it&u=http://www.washingtontimes.com/news/2014/jul/2/napolitano-from-an-inherited-tyrant-to-an-elected-/&usg=ALkJrhiqWPiNZ9IpsGYcPocL6PQXDZ_Isg
Immagine anteprima YouTube
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 127 »

26 giugno 2014
0

27 GIUNIO 2014:SUMMIT UNIONE EUROPEA

-SU LA STAMPA:Politica
27/06/2014 - retroscena
Renzi sfida la Merkel:“Non faremo come voi”

“Nel 2003 avete sforato, noi staremo nei parametri
LAPRESSE
Foto di gruppo I leader dell’Ue schierati sulla piazza principale di Ypres
fabio martini
inviato a ypres

Tra le stradine di Ypres, cittadina delle Fiandre rasa al suolo durante la prima guerra mondiale e da allora simbolo dell’ Europa fratricida, si è appena conclusa una struggente cerimonia con i leader dei ventotto Paesi dell’Unione che camminano tra due ali di folla, uno a fianco dell’altro. E’ con questa suggestione, poco dopo, i ventotto si mettono a tavola in una saletta del Museo della Grande Guerra, per parlare nella “nuova” Europa. Lo fanno tutti senza asprezze, anche Matteo Renzi, che però non rinuncia alla consueta franchezza.

Per accreditare la sua mission, quella di una Europa che rispettando le regole, allenti il rigore soffocante, ad un certo il capo del governo italiano dice: «L’ultima volta che l’Italia guidò il semestre di Presidenza europea, era il 2003 e allora due Paesi chiesero di sforare il 3 per cento e furono autorizzati: erano la Germania e la Francia…».

Angela Merkel e Francois Hollande, con la forchetta in mano, guardano Renzi e ascoltano con un filo d’ansia e non è difficile immaginare che pensino: dove vuole arrivare? Il presidente del Consiglio prosegue così: «Si può discutere sul tipo di riforme che abbiano fatto e certo la straordinaria stagione di riforme inaugurata in Germania, le ha consentito di affrontare la crisi, ma noi oggi, a differenza della Germania, noi non chiediamo di violare la regola del 3 per cento, ma chiediamo» una interpretazione più flessibile dei Trattati.

Certo, un numero giocato con garbo, ma la vocazione al protagonismo è innata in Matteo Renzi e anche ieri, nella prima giornata del Consiglio europeo, in trasferta a Ypres ma con conclusione oggi a Bruxelles, il presidente del Consiglio si è ritrovato al centro del “traffico” comunitario. La prima tappa alla riunione del Pse, che come il summit gemello del Ppe, anticipa sempre di qualche ora il Consiglio dei 28.

Nel corso della riunione il presidente del Consiglio italiano è stato incaricato in modo informale, assieme al Presidente francese Francois Hollande, di svolgere il ruolo di “front runner”, di trattare con la Merkel e con il Ppe, sia sulla questione del documento vincolante per il nuovo presidente della Commissione, sia sulla questione delle nomine. In altre parole, a pochi mesi dall’ingresso del Pd nel Pse, Renzi (che in vita sua non è mai stato né socialista né comunista) è stato subito riconosciuto come un “peso massimo” da partiti storici del socialismo europeo, dalla Spd tedesca al Psoe spagnolo, fino ai laburisti inglesi.

Al vertice europeo Matteo Renzi si è presentato con una doppia mission: impegnare il prossimo presidente della Commissione europea con un programma scritto, lessicalmente e indiscutibilmente indirizzato verso la crescita, ma anche provare a chiudere il pacchetto di nomine ai vertici delle istituzioni europee, evitando di trascinarselo ancora per qualche settimana, col rischio di “ingolfare” l’incipit semestre a presidenza italiana. Su questo punto, il meno signficativo, Renzi ha trovato il muro della Merkel, mentre sulla prima questione l’Italia è ad un passo dal successo.

Nelle settimane scorse Renzi si era impegnato a fondo, nei colloqui bilaterali, in particolare con la Merkel, per fare passare il suo metodo, mentre il lavoro politico-diplomatico sul testo era stato svolto con discrezione dal sottosegreterio Sandro Gozi, in missione nelle principali capitali europee. Su gran parte delle questioni (premi alle riforme, consolidamento dei bilanci da proseguire secondo modalità differenziate e che favoriscano la crescita) l’Italia ha avuto soddisfazione, mentre a fine cena restava fuori una questione che stava a cuore a palazzo Chigi: il co-finanziamento dei fondi Ue fuori dai vincoli di bilancio. A quel punto Renzi si è avvicinato alla Merkel, che continua ad avere una simpatia per lui, e le ha chiesto: «Stanotte potremmo convocare uno sherpa meeting per discutere della questione?». Angela ha annuito.

http://lastampa.it/2014/06/27/italia/politica/e-renzi-sfida-la-merkel-non-faremo-come-voi-pY7obK9OqlttQQzXv5Qe7O/pagina.html

ARTICOLI CORELATI.

+  Flessibilità e riforme, l’intesa è quasi fatta marco zatterin

REAZIONE:

1-GLI IMPEGNI ASSUNTI VANNO ONORATI,I DEBITI SI PAGANO.DIRE NO ALL’IRESPONSABILITA E’ QUESTIONE DI VITA O MORTE.I MERCATI VIGILANO.

LA GERMANIA PAGHI:QUESTA UNIONE EUROPEA RIUNITASI A YPRES HA MARCATO IL CAMMINO DA SEGUIRE:LA GERMANIA HA FINITO DI PAGARE ALLA FRANCIA GLI ONERI ASSUNTI ALLA FINE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE SOLO UN ANNO FA.PERO GLI HA PAGATO TUTTI,CENTIMO A CENTIMO.

2-LE CARICHE DEVONO ESSERE FATTE NEL RISPETTO DELLE REGOLE DEMOCRATICHE:NO ALLL’IMMOBILISMO CUPOLARE “ALLA CAMERON”.NO A PROTAGONISMI SENZA LEGITTIMITA DEMOCRATICA.MIGLIORARE LA DEMOCRAZIA,ORA PIU CHE MAI.QUESTO VALE TANTO PER BERSANI IN ITALIA COME PER JUNKER IN EUROPA,DUE CHENON SONO SANTI DELLA MIA DEVOZIONE.MA NON SI DEVE ESSERE CON LA DEMOCRAZIA QUANDO SI VINCE E “MANIPOLARLA” QUANDO SI PERDE.

3-QUESTA E’ PAROLA DELLA NUOVA ERA,PAROLA DELLA NUOVA EUROPA POST-VOTO CHE SI DEVE ATTUARE NON SOLO ALL’ESTERNO(NEGOZIATI FRA KIEV E MOSCA)MA ANCHE ALL’INTERNO.

-APPENDICE:

1-TITOLARE SU LA REPUBBLICA:

Saviano: Sarajevo i ragazzi che scatenarono la Grande Guerra

di ROBERTO SAVIANO
aggiunto a Senza Categoria da dottgiuseppeciancimino

Clicca qui per registrarti

... oppure lascia un commento con il tuo account Facebook

« Precedente Successivo »
Torna in alto